Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità"

Transcript

1 IL DIRETTORE GENERALE Davide Bergamini Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità Art. 1 Caratteristiche del Servizio e finalità 1. il Servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità rende disponibili al personale dell ateneo dispositivi e soluzioni per la comunicazione in grado di garantire maggior efficacia ed efficienza al lavoro in presenza di esigenze di mobilità. 2. Il servizio è finalizzato a fornire strumenti di comunicazione in grado di rispondere all interesse ed alle esigenze dell Ateneo, al miglioramento della qualità del lavoro e della produttività, in un quadro di economia ed efficienza. 3. Si definiscono dispositivi di comunicazione mobile, salvo diversa specificazione, lo smartphone, la SIM CARD, la SIM DATI, i router mobili WIFI o il tablet utilizzabili per comunicazioni di telefonia e per traffico dati tramite rete telefonica mobile. 4. La tipologia di dispositivi e soluzioni di comunicazione mobile fornibili alle utenze viene descritta nell Allegato 1 - Elenco servizi disponibili che riporta anche i relativi livelli di servizio. 5. L uso del dispositivo di comunicazione mobile è previsto dalla norma nei casi in cui il personale debba assicurare, per esigenze di servizio, pronta e costante reperibilità e limitatamente al periodo necessario allo svolgimento delle particolari attività che ne richiedono l'uso. Pertanto la concessione deve rispettare uno o più dei seguenti criteri: a) esigenze non sporadiche di reperibilità e di servizio fuori sede; b) frequenti spostamenti tra sedi diverse anche nella stessa giornata; c) particolari esigenze tecniche di comunicazione di altra natura, tra le quali servizi che non possono essere altrimenti soddisfatti con impianti di telefonia fissa e/o altri strumenti di comunicazione quali la posta elettronica da postazione fissa.

2 6. Tali criteri sono applicabili per la durata dell incarico e il permanere delle esigenze di mobilità al personale che ricopre ruoli, incarichi e funzioni organizzative così definiti: a) titolari di ruoli e incarichi istituzionali (es. Rettore, Prorettore, Vice Rettori, Delegati del Rettore, Direttori di Dipartimenti, Direttore Generale); b) responsabili dell Amministrazione (es., dirigenti, responsabili. di Area, responsabili. di Servizio, responsabili gestionali di dipartimento); c) personale cui si applicano modalità di lavoro in reperibilità quali assistenza agli impianti e sistemi di Ateneo; d) telelavoro; e) personale che necessita di essere contattato per esigenze di ufficio (es. resp. di Ufficio) e personale che per esigenze di attività tecniche necessita di impiegare dispositivi di comunicazione mobile (p.es. sviluppo software di servizi per smartphone, test e supporto utenti, sistemi automatici di gestione messaggi SMS, remotizzazione di allarmi ecc.) 7. I ruoli, incarichi e funzioni organizzative di cui ai punti a) e b) precedenti sono dettagliati in Allegato Esigenze di ricerca scientifica: l uso di dispositivi di comunicazione mobile (ad uso fonia/dati) viene concesso anche per esigenze di ricerca scientifica al personale che garantisce il rimborso sui propri fondi dei relativi costi. Art. 2 Gestore del Servizio 1. Competente per la gestione e fornitura del servizio è L Area Information Technology (Area IT). Art. 3 Uso individuale per esigenze di servizio 1. I dispositivi di comunicazione mobile di servizio sono di norma forniti individualmente alla persona utilizzatrice che assume il ruolo di consegnatario. 2. La fornitura di accessori per i dispositivi è limitata agli auricolari e alimentatore, qualora richiesti. Art. 4 Uso condiviso per esigenze di servizio 1. Sono denominati jolly i dispositivi di comunicazione mobile di servizio forniti ed assegnati ad una struttura, servizio, ufficio o funzione ed utilizzabili da più utenti a turno/rotazione. 2

3 2. L utilizzo di dispositivi jolly permette di ottimizzare il servizio di comunicazione mobile in presenza di particolari esigenze e di razionalizzarne i costi. 3. I dispositivi jolly non possono essere inseriti in contratti di dual billing e quindi utilizzati per comunicazioni private. Art. 5 Uso a fini privati 1. L'uso ai fini privati dei dispositivi di comunicazione mobile è previsto e può avvenire, in aggiunta ai fini di servizio, solo in caso di contratto di dual billing (doppia fatturazione), introducendo il codice che permette al Provider di TLC di addebitare i costi per l'uso privato direttamente su conto corrente personale o altra forma diretta di pagamento come comunicato dal consegnatario, fatto salvo l art. 4, c L uso a fini privati dei dispositivi è previsto per i servizi fonìa. Il traffico dati, qualora abilitato, è di norma a esclusivo uso di servizio, fatta salva, per gli utenti con contratto di dual billing, la possibilità di optare per l utilizzo a fini privati con addebito di una quota percentuale nella misura indicata dall interessato e corrispondente, in via forfettaria, all utilizzo personale presunto. 3. I consegnatari di dispositivi di comunicazione mobile che richiedono l abilitazione all uso per fini privati del servizio sono tenuti ad attivare il contratto di dual billing. Art. 6 Responsabilità del consegnatario 1. Il consegnatario di dispositivi di comunicazione mobile di servizio è responsabile del suo corretto utilizzo dal momento della firma del documento di prima assegnazione fino alla revoca e restituzione. 2. Il consegnatario di dispositivi di comunicazione mobile adotta tutti gli accorgimenti per un uso che privilegi il contenimento delle spese di telefonia e di traffico dati. 3. Il consegnatario prende espressamente atto, secondo le modalità previste dal gestore, di: Tariffe, indicazioni per il contenimento dei costi e profili di accesso ai servizi riportati nella Guida alla Convenzione Consip (Allegato. 3), reperibile sulla sezione telefonia mobile di 4. Nel caso in cui un dispositivo di comunicazione mobile sia concesso in uso a più utilizzatori (dispositivo jolly), il consegnatario è individuato nel Responsabile della Struttura. In tal caso la Struttura dovrà tenere il registro degli effettivi utilizzatori per tutta la durata della concessione. 3

4 5. I Consegnatari di dispositivi per uso individuale e i Responsabili di Strutture consegnatari di dispositivi jolly possono verificare dati di utilizzo e traffico attraverso il portale on-line messo a disposizione dal provider di telefonia mobile 6. Ogni variazione delle norme di concessione e uso rispetto a quelle in vigore al momento della consegna, sarà direttamente segnalata dal Gestore agli utenti. Art. 7 Obblighi del consegnatario 1. Il dispositivo dato in utilizzo deve risultare attivo e raggiungibile - anche attraverso servizi di segreteria telefonica - secondo la seguente disponibilità: a) per il personale di cui all art. 1.6 punti c) e d) (esigenze di reperibilità e telelavoro) nell orario individuale di lavoro e in particolare, nel caso si sia intestatari di un telefono interno fisso, in tutti i momenti di assenza per esigenze di lavoro dal proprio ufficio; b) per il personale di cui all art. 1.6 punti a) e b) secondo le necessità o le responsabilità dell incarico/ruolo, in accordo con l eventuale responsabile della Struttura di appartenenza. 2. Il consegnatario che usufruisce del servizio fonia e/o dati per esigenze di ricerca scientifica (art. 1.8) deve garantire il rimborso dei costi su propri fondi salvo diverso accordo con la Struttura di appartenenza. 3. Il consegnatario è tenuto, in caso di verifiche da parte della Direzione Generale, a dichiarare i destinatari delle chiamate di servizio effettuate e a motivare l eventuale traffico dati che ecceda dalla tariffa flat prevista in dotazione. 4. Il consegnatario è tenuto alla tempestiva riconsegna al Gestore delle dotazioni allo scadere dell autorizzazione (per utenze con ruoli e incarichi istituzionali) o alla revoca della stessa (per cessazione esigenze di reperibilità). Art. 8 Richieste e autorizzazioni 1. Le richieste di utilizzo di dispositivi di comunicazione mobile devono essere inoltrate al Gestore del Servizio. 2. I titolari di ruoli, incarichi e funzioni organizzative definiti in Allegato 2 possono fare richiesta diretta al Gestore che provvederà ad autorizzarla d ufficio e attivare la fornitura dei dispositivi. Il Gestore procede periodicamente a comunicare le quote relative ai costi fissi (canoni) e ai costi variabili (consumi) al Responsabile della 4

5 struttura di appartenenza, se definito; in tutti gli altri casi al Direttore Generale. Il Docente che richiede di poter utilizzare i dispositivi di telefonia mobile forniti dall Ateneo in qualità di Ex-Rettore può ottenere quanto richiesto, a patto che sia una risorsa attiva (non in congedo) e che, se posto in aspettativa, non sia titolare di incarichi subordinati con altri Enti. 3. I sostituti dei titolari di ruoli, incarichi e funzioni organizzative definiti in Allegato 2, ufficialmente nominati, hanno diritto a inoltrare al Gestore richiesta diretta di dispositivi di comunicazione mobile: il Gestore provvederà ad autorizzarla d ufficio e ad attivare la fornitura dei dispositivi. 4. Il restante personale deve far richiesta motivata attraverso il responsabile della Struttura di appartenenza (Dipartimento, Area, ecc.) che ha funzione di Centro di responsabilità ed al quale il Gestore procede periodicamente a comunicare le quote relativamente ai costi fissi (canoni) e ai costi variabili (consumi), anche al fine di eventuali operazioni di gestione dei budget di competenza. Il Gestore autorizza d ufficio le richieste per esigenze di ricerca scientifica (art. 1.8) provenienti dalle strutture e debitamente sottoscritte dal Direttore di dipartimento. 5. Eventuali esigenze in deroga ai criteri, ai ruoli e incarichi previsti dalla direttiva, possono essere segnalate al Rettore. Il Rettore, sentito il Direttore Generale, valuta l autorizzazione delle richieste sulla base delle motivazioni esposte circa l effettiva necessità od opportunità d'uso del servizio, della impossibilità di utilizzare mezzi alternativi, degli eventuali disservizi o maggiori costi conseguenti al mancato uso del dispositivo di comunicazione mobile. 5

6 Art. 9 Revoca delle autorizzazioni 1. Le autorizzazioni relative ai titolari di ruoli, incarichi e funzioni organizzative definite in Allegato 2, vengono revocate alla data di cessazione. Per questa tipologia di utenze il Gestore del Servizio provvede ad inoltrare tempestivamente agli utenti interessati, richiesta di restituzione delle dotazioni. 2. Le autorizzazioni relative ai sostituti dei titolari di ruoli, incarichi e funzioni organizzative definite in Allegato 2, vengono revocate alla data di cessazione del periodo di sostituzione. 3. Al fine di garantire la continuità di servizio in casi di transizione tra ruoli e incarichi, il gestore mantiene attiva l utenza per un periodo transitorio di sessanta giorni dalla data di cessazione, in modo che il consegnatario possa provvedere ad ottenere eventuale nuova autorizzazione, da richiedere secondo quanto previsto dalla Direttiva. 4. Le autorizzazioni concesse per esigenze di reperibilità, sia di tipo individuale che jolly, devono essere revocate da parte del responsabile della Struttura di appartenenza al cessare della necessità e comunque nei casi di trasferimento del consegnatario ad altra Struttura o della sua cessazione. Art. 9 Tariffe 1. Il Gestore del servizio è tenuto a rendere tempestivamente e facilmente disponibile alle utenze il piano tariffario in vigore (Guida alla Convenzione Consip, Allegato 3). 2. Il Gestore del servizio è tenuto a fornire alle utenze informazioni aggiornate e suggerimenti utili per un uso economico del servizio, anche in relazione ad altre alternative disponibili (servizio di telefonia fissa, card prepagate all estero, ecc.). 3. Il Gestore applica il piano tariffario agli stessi prezzi di acquisto (IVA inclusa) previsti dal contratto/convenzione con il provider di TLC. Solo in caso di impossibilità ad individuare una tariffa diretta, il Gestore applicherà un prezzo stimato. Art. 10 Gestione contabile e ribaltamento dei costi del servizio 1. La copertura dei costi della telefonia mobile dell Ateneo sarà garantita da apposita voce di budget allocata interamente presso il Gestore del servizio che provvederà direttamente alla liquidazione delle fatture del provider di TLC. 2. Il Gestore del servizio provvede periodicamente a contabilizzare gli addebiti per 6

7 canoni e traffico fonìa/dati, richiedendo alle strutture responsabili dei dispositivi di comunicazione mobile il ribaltamento dei costi sostenuti attraverso opportune modalità dei gestione dei budget a consuntivo (giroconti di costo e giroconti di provento). Le strutture dell Amministrazione centrale dovranno pertanto prevedere apposite voci di budget a supporto di tale copertura a consuntivo. 3. Per quanto concerne i rimborsi il Gestore si rapporta esclusivamente con le strutture responsabili e non interviene nelle eventuali prassi esistenti mirate al ribaltamento di costi su unità organizzative interne alla singola struttura. In particolare il Gestore non si rapporta direttamente con gli utilizzatori di cui all art (ricerca scientifica) 4. L Amministrazione Centrale provvede a comunicare al Gestore i rimborsi riscossi dalle strutture e ad effettuare gli eventuali solleciti di rimborsi addebitati pregressi non ancora riscossi. 5. Il traffico effettuato per fini privati viene direttamente addebitato dal Provider di TLC sulla bolletta personale dell utente e inviata come previsto dal contratto di dual billing sottoscritto dal consegnatario. Art. 11 Monitoraggio mercato TLC 1. Il Politecnico procede, attraverso il Gestore del servizio, ad una attenta e periodica valutazione tecnico-economica delle offerte di servizi di telecomunicazione mobile disponibili sul mercato, provvedendo conseguentemente all adeguamento di contratti e convenzioni con i provider di TLC. 2. In particolare vengono periodicamente confrontati: a) gli obiettivi generali per i quali è stato istituito il servizio; b) le effettive modalità di utilizzo da parte delle utenze; c) i relativi costi e benefici ottenuti. Art. 12 Monitoraggio dell utilizzo del Servizio 1. Le strutture dell Ateneo, come definite all Art.8, sono responsabili del controllo sul corretto uso del servizio da parte del proprio personale e ne monitorano l utilizzo sia sulla base delle comunicazioni periodiche ricevute dal Gestore del servizio (segnalazioni di traffico anomalo, consuntivazione consumi) sia utilizzando i sistemi on-line eventualmente disponibili. 2. La Direzione Generale, tramite il Gestore, può effettuare verifiche a campione sugli 7

8 utenti consegnatari e sui numeri chiamati al fine di accertare il corretto uso del dispositivo per fini di servizio. 3. I controlli sono svolti mediante sorteggio degli utenti consegnatari con sistema informatico; le giustificazioni fornite dagli utenti controllati avvengono mediante autocertificazione nella quale dichiarare i destinatari delle chiamate. 4. Il controllo viene in ogni caso effettuato quando dall esame dei volumi di traffico si rileva uno scostamento significativo dalla media dei consumi. 5. Ogni anno viene inviata al Direttore Generale un analisi aggregata circa l utilizzo e i relativi costi del servizio. Art. 13 Informazione all utenza 1. Il Gestore è tenuto ad attuare tutte le azioni utili ad informare i consegnatari sulle modalità di utilizzo efficace ed economico del servizio. 2. Per la massima diffusione delle informazioni all utenza, il Gestore è tenuto a pubblicarne i contenuti su specifica area del portale web di ateneo. 3. I dati di traffico e di costo utili al monitoraggio sono forniti alle strutture con tempistiche dipendenti dalla disponibilità dei dati e delle fatturazioni da parte del Provider di TLC. Art. 14 Responsabilità e disposizioni finali 1. In conformità con le previsione del Codice Etico e del Codice di Comportamento del Politecnico di Torino, il possesso di dispositivi di comunicazione mobile dà luogo alle responsabilità derivanti dall uso improprio delle risorse materiali messe a disposizione del personale, pertanto il consegnatario manleva il Politecnico da eventuali danni sui dispositivi in uso o derivanti da un uso improprio dei dispositivi stessi. 2. A seguito dell entrata in vigore della presente direttiva il Gestore è tenuto a provvedere tempestivamente alla regolarizzazione / adeguamento delle autorizzazioni preesistenti secondo quanto previsto dalla stessa. 3. La presente direttiva sostituisce integralmente le precedenti direttive del Direttore Generale e del Direttore Amministrativo in materia 8

COMUNE DI VITTORIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE 1 REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI VITTORIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE 1 REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE COMUNE DI VITTORIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE 1 REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE Allegato alla Delibera di Giunta Municipale n. 529 del 16/07/2009 Art. 1 Il

Dettagli

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 109 del 12/05/2009, modificato con Delibera di Giunta Comunale n. 156 del 09/07/2009 1 SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO

COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE UTENZE SIM E DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE DI PROPRIETÀ COMUNALE Approvato con atto di G.C. n 415

Dettagli

CITTA' DI BUCCHIANICO

CITTA' DI BUCCHIANICO CITTA' DI BUCCHIANICO Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'USO DELLE UTENZE SIM E DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE DI PROPRIETÀ COMUNALE Approvato con atto della Giunta Comunale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL'INSUBRIA Emanato con D.R. 17 maggio 2011, n.

Dettagli

1. L uso del telefono cellulare di servizio e di strumenti per la connettività IP da rete mobile,

1. L uso del telefono cellulare di servizio e di strumenti per la connettività IP da rete mobile, All. a) alla deliberazione della G.E. nr. 90 del 29/8/2011 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI TELEFONIA MOBILE DELLA COMUNITÀ MONTANA VALLI DEL VERBANO Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente

Dettagli

COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 6 OPZIONE PER TELEFONATE DIVERSE DA QUELLE DI SERVIZIO

COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 6 OPZIONE PER TELEFONATE DIVERSE DA QUELLE DI SERVIZIO COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA ART. 3 SOGGETTI AUTORIZZATI ART. 4 UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 5 GRUPPI DI UTENTI UTILIZZATORI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE UNIVERSITÀ PER STRANIERI DANTE ALIGHIERI Reggio Calabria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE MEDAlics Centro di Ricerca per le Relazioni

Dettagli

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA TELEFONIA MOBILE COMUNALE Approvato con atto di G.C. n 9 del 13.04.2011 1 INDICE GENERALE Art.1 Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008)

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

Regolamento per l assegnazione e l uso di apparecchiature di telefonia mobile. Adottato con delibera di G. C. n. 132 del 10.3.2005

Regolamento per l assegnazione e l uso di apparecchiature di telefonia mobile. Adottato con delibera di G. C. n. 132 del 10.3.2005 Regolamento per l assegnazione e l uso di apparecchiature di telefonia mobile Adottato con delibera di G. C. n. 132 del 10.3.2005 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE AL PERSONALE DELL ATENEO Emanato con D.R. Rep. n. 631/ prot. n. 9892 del 17/05/. In vigore dall 01/06/.

Dettagli

Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile

Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile Estratto da "http://areatlc.uniroma3.it/" - Ultima modifica: 1 gennaio 2011. Indice 1 Obiettivo e ambito di applicazione 2 ACCESSO E UTILIZZO

Dettagli

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI REGIONE LAZIO REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

C O M U N E D I L E I N I

C O M U N E D I L E I N I Regolamento per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi di telefonia mobile dell Ente Indice Titolo 1 Definizioni...2 Articolo 1 Finalità...2 Articolo 2 Definizioni...2 Articolo 3 Suddivisione degli

Dettagli

COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo

COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo Cod. Fisc e Part. IVA 00238480560 - Piazza Europa 32 - Tel.0763/72681 - Fax 0763/7268221 REGOLAMENTO DELL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari COMUNE DI CERESETO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 in data 21/11/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

2. Analisi e verifica delle misure attuate dall Ateneo in materia di telefonia mobile per il conseguimento del contenimento dei relativi costi

2. Analisi e verifica delle misure attuate dall Ateneo in materia di telefonia mobile per il conseguimento del contenimento dei relativi costi Al Direttore Amministrativo SEDE Oggetto: Estratto dalla Relazione relativa all incarico conferito con D. D. n. 1365 dell 8.10.2008 in ordine all applicazione dell articolo 2, comma 597, della legge n.

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE INDICE: Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Norme di riferimento Articolo 3 Ambito di applicazione e finalità Articolo 4 Soggetti autorizzati Articolo 5

Dettagli

Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale REVISIONE DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 1.0. Data ultima modifica:

Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale REVISIONE DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 1.0. Data ultima modifica: REGOLAMENTO AZIIENDALE PER L UTIILIIZZO DELLA TELEFONIIA MOBIILE REVISIONE 1.0 Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 Data ultima modifica: REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Protocollo/Segreteria: 0171.925240 fax 0171.925249 Via Roma, 32 CAP 12015 Provincia di Cuneo P.IVA 00461550048 C.F.80003770049 http://www.limonepiemonte.it Comune Certificato

Dettagli

COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLA TELEFONIA CELLULARE

COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLA TELEFONIA CELLULARE COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLA TELEFONIA CELLULARE ~ 2 ~ Sommario Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Suddivisione dei cellulari... 3 Articolo 3 Cellulari ad uso esclusivo...

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo nella seduta del 14 aprile 2015 INDICE: Articolo

Dettagli

CONSORZIO 4 - BASSOVALDARNO via San Martino n.60 56125 PISA. Delibera n. 8 dell Assemblea consortile seduta del 13 marzo 2015

CONSORZIO 4 - BASSOVALDARNO via San Martino n.60 56125 PISA. Delibera n. 8 dell Assemblea consortile seduta del 13 marzo 2015 Delibera n. 8 dell Assemblea consortile seduta del 13 marzo 2015 OGGETTO:Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari della rete mobile consortile Approvazione - L annoduemilaquindici,

Dettagli

COMUNE DI SAVIANO Provincia di Napoli

COMUNE DI SAVIANO Provincia di Napoli Pag. 1 di 6 COMUNE DI SAVIANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE Il presente regolamento è stato approvato con delibera del Commissario

Dettagli

Allegato 3. ommarioo. ver. 2.1 1. 2. 3. 4.

Allegato 3. ommarioo. ver. 2.1 1. 2. 3. 4. AreaIT Unità Amministrazio ne, Budget e Segreteria Te elefonia Mobilee Direttiva del servizio di telefonia mobile e di d supporto alle comunicazioni in mobilità Allegato 3 Guida alla Convenzione Consip

Dettagli

NOTA INFORMATIVA - SERVIZI DI BASE per l adesione alla Convenzione di telefonia mobile del DAP-EAP

NOTA INFORMATIVA - SERVIZI DI BASE per l adesione alla Convenzione di telefonia mobile del DAP-EAP NOTA INFORMATIVA - SERVIZI DI BASE per l adesione alla Convenzione di telefonia mobile del DAP-EAP Per aderire al servizio di telefonia mobile, si può accedere al portale dedicato, raggiungibile al seguente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 215/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013

Dettagli

Città di Nichelino Provincia di Torino REGOLAMENTO TELEFONIA MOBILE

Città di Nichelino Provincia di Torino REGOLAMENTO TELEFONIA MOBILE Città di Nichelino Provincia di Torino REGOLAMENTO TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 59 del 28.6.2011 ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA ART. 3 SOGGETTI AUTORIZZATI ART. 4

Dettagli

Adeguamento tariffario dei servizi di telefonia mobile di rintracciabilità per il personale dell Amministrazione Penitenziaria- Informativa

Adeguamento tariffario dei servizi di telefonia mobile di rintracciabilità per il personale dell Amministrazione Penitenziaria- Informativa Ente di Assistenza per il personale dell Amministrazione Penitenziaria ALLEGATO A Adeguamento tariffario dei servizi di telefonia mobile di rintracciabilità per il personale dell Amministrazione Penitenziaria-

Dettagli

Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO

Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO 1 INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità Art. 2 Principi di assegnazione e di utilizzo

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell'utilizzo dei telefoni cellulari INDICE

Regolamento per la disciplina dell'utilizzo dei telefoni cellulari INDICE Via Garibal, 1 APPOVATO CON DELIBEA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 33 del 28 aprile 2016 Regolamento per la sciplina dell'utilizzo dei telefoni cellulari INDICE Articolo 1 Oggetto del Regolamento Articolo 2

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile

Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile COMUNE DI ARNAD REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 75

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE AZIENDALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO - Art. 2 NORME DI RIFERIMENTO - Art.

Dettagli

Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati

Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati Emissione Verifica Approvazione Nomi Servizio Informatico e Telecomunicazioni Dirigente Servizio Informatico e Telecomunicazioni

Dettagli

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE.

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE. DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE. Approvata con Deliberazione del Direttore Generale n. 762 del 31.12.2010 pubblicata in data 10.01.2011. (Vers. 1.0) 1 Indice

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER ATTIVAZIONE SIM CARD

NOTA INFORMATIVA PER ATTIVAZIONE SIM CARD NOTA INFORMATIVA PER ATTIVAZIONE SIM CARD Per aderire al servizio di telefonia mobile si può accedere al portale dedicato, raggiungibile al seguente indirizzo: https://77.238.29.17, dove sono presenti

Dettagli

SPECIFICA TECNICA INDICE DELLA SPECIFICA. Servizio: Gestione utenze

SPECIFICA TECNICA INDICE DELLA SPECIFICA. Servizio: Gestione utenze Pagina 1 di 5 INDICE DELLA 1 SCOPO 2 APPLICABILITÀ 3 RIFERIMENTI 4 RESPONSABILITÀ 5 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 6 CRITICITA, INDICATORI ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO 7 ALLEGATI REVISIONI Data 14/01/2004 26/07/2005

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011)

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011) COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011) Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP SAX Progetto ISP REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERNET SOCIAL POINT DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI PRIVE DI FINALITA LUCRATIVE OPERANTI NELLA REGIONE BASILICATA Il presente regolamento definisce

Dettagli

provinciadisalerno REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO

provinciadisalerno REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO provinciadisalerno REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO Approvato con delibera di Giunta N. 74 del 14 marzo 2012 ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITÀ ART. 3 PROFILI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE REGIONE VENETO AZIENDA U.L.S.S. 16 PADOVA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina le modalità per l assegnazione

Dettagli

Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037)

Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037) Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE

Dettagli

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Allegato al Regolamento per l ordinamento degli Uffici e dei Servizi COMUNE DI PARMA DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvata con deliberazione della Giunta

Dettagli

Progetto Internet Social Point della Regione Basilicata

Progetto Internet Social Point della Regione Basilicata SAX Progetto Internet Social Point della REGOLAMENTO DI PROSECUZIONE DELLE ATTIVITA DEGLI INTERNET SOCIAL POINT REALIZZATI CON IL FINANZIAMENTO DELLA REGIONE BASILICATA Il progetto Internet Social Point

Dettagli

CONSORZIO 4 BASSO VALDARNO Sede legale: VIA SAN MARTINO, 60 56125 PISA Consorzio di Bonifica ai sensi della L. R. 79/2012 (ente pubblico economico)

CONSORZIO 4 BASSO VALDARNO Sede legale: VIA SAN MARTINO, 60 56125 PISA Consorzio di Bonifica ai sensi della L. R. 79/2012 (ente pubblico economico) SEDE DI Ponte a Egola STRUTTURA PROPONENTE: Area Tecnica Area Manutenzione e Servizi Tecnici PROPOSTA NOTA DI SERVIZIO DETERMINA DEL DIRETTORE AREA MANUTENZIONE E SERVIZI TECNICI N. 43 DEL 10/07/2015 OGGETTO:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Comune di Neive Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale, delle informazioni concernenti ogni aspetto

Dettagli

COMUNE DI ROMANENGO Provincia di Cremona. Regolamento per la disciplina dell'utilizzo degli apparecchi cellulari

COMUNE DI ROMANENGO Provincia di Cremona. Regolamento per la disciplina dell'utilizzo degli apparecchi cellulari COMUNE DI ROMANENGO Provincia di Cremona Regolamento per la disciplina dell'utilizzo degli apparecchi cellulari * Adottato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 18 del 11.02.2011 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO DISCIPLINARE PER L ASSEGNAZIONE E L USO DEI TELEFONI CELLULARI Approvato con Deliberazione di G. M. n. 311 del 30.07.2008 1 ART. 1 ART. 2 OGGETTO FINALITÀ ART.3 AMBITO DI

Dettagli

regolamento aziendale utilizzo telefoni cellulari

regolamento aziendale utilizzo telefoni cellulari regolamento aziendale utilizzo telefoni cellulari Regolamento aziendale per l utilizzo dei telefoni cellulari Società Dolce Finalità... 4 Campo di applicazione... 4 Responsabilità... 5 Modalità operative...

Dettagli

DIPARTIMENTO INTERAZ. ICT OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO AZIENDALE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DI UTENZE DELLA TELEFONIA MOBILE

DIPARTIMENTO INTERAZ. ICT OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO AZIENDALE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DI UTENZE DELLA TELEFONIA MOBILE DIPARTIMENTO INTERAZ. ICT DATA: 19/07/2012 DELIBERA N. 210 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO AZIENDALE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DI UTENZE DELLA TELEFONIA MOBILE IL DIRETTORE GENERALE Vista la

Dettagli

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Convegno Standard per i musei della Regione Piemonte GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Adriano Da Re Torino, 3 Dicembre 2007 Agenda La Fondazione Torino Musei

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Ufficio del Capo del Dipartimento

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Ufficio del Capo del Dipartimento Prot. n. LETTERA CIRCOLARE Roma, XI - 2-* GDAP-0423759-2012 PU-GDAP-iaOO-27/71/2012-0423759-2012 All' - Ufficio dell'organizzazione e delle relazioni - Ufficio rapporti con le regioni - Ufficio studi,

Dettagli

UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE INDICE Art. 1 - Oggetto e contenuto Art. 2 - Organizzazione e gestione della cassa economale Art. 3 - Fondi di anticipazione a favore del cassiere

Dettagli

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK TELEPASS (di seguito TLP) offre ai propri Clienti che abbiano sottoscritto il contratto TELEPASS collegato ad un contratto VIACARD di conto corrente (di seguito

Dettagli

3. Rendicontazione finale

3. Rendicontazione finale BANDO GALILEO 2012-2013 REGOLAMENTO 1. Accettazione del contributo Il conferimento del contributo è subordinato alla ricezione da parte del Segretariato italiano dell della seguente documentazione, che

Dettagli

CONVENZIONE TELECOM NUOVO PIANO TARIFFARIO

CONVENZIONE TELECOM NUOVO PIANO TARIFFARIO CONVENZIONE TELECOM NUOVO PIANO TARIFFARIO 1. La Società Telecom, in riferimento alla Convenzione Quadro stipulata con il Ministero dell Interno, ha presentato il nuovo piano tariffario per i servizi di

Dettagli

Ufficio di Staff Provveditorato - Economato ********* DETERMINAZIONE

Ufficio di Staff Provveditorato - Economato ********* DETERMINAZIONE P R OVI N C I A DI PIACE N ZA FIN. Ufficio di Staff Provveditorato - Economato ********* DETERMINAZIONE Proposta n. UEC2009/6 Determ. n. 436 del 12/03/2009 Oggetto: SERVIZIO DI TELEFONIA MOBILE, DI NOLEGGIO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI TERNI Adunanza del giorno 458 29.09.2005 N. OGGETTO: Attivazione di utenze telefoniche mobili per l interoperatività e la reperibilità dei Consiglieri Comunali. Wind Telecomunicazioni s.p.a.

Dettagli

COMUNE DI URBINO. Segreteria Generale REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI URBINO * * * APPROVATO

COMUNE DI URBINO. Segreteria Generale REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI URBINO * * * APPROVATO COMUNE DI URBINO Segreteria Generale REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI URBINO * * * APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 25

Dettagli

DELIBERAZIONE n 574 del 18.04.2013

DELIBERAZIONE n 574 del 18.04.2013 DELIBERAZIONE n del 18.04.2013 OGGETTO: Riorganizzazione Rete Aziendale Mobile (RAM). Attivazione piano tariffario RAM LIBERA MEPA offerto dal Gestore Vodafone Omnitel N.V. all interno del Mercato Elettronico

Dettagli

mobili. Prot. n. 8626 Titolo: III - Classe 1 IL RETTORE

mobili. Prot. n. 8626 Titolo: III - Classe 1 IL RETTORE Decreto n. 379 Regolamento di Ateneo per l acquisto e la gestione di apparecchi telefonici mobili. Prot. n. 8626 Titolo: III - Classe 1 IL RETTORE VISTO l art. 9 dello Statuto dell Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:.

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. Al fine di chiarire l applicazione amministrativa dello Statuto vigente ed in ossequio allo stesso ed alle norme vigenti, nella seduta del

Dettagli

Regolamento dei criteri per la concessione di contributi

Regolamento dei criteri per la concessione di contributi Regolamento dei criteri per la concessione di contributi Determinazione dei criteri e delle modalità per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l'attribuzione di vantaggi

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA Prot. n. 1226 IL RETTORE VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; VISTO il decreto rettorale n. 987 del 26 gennaio 2012; VISTA la delibera del Senato

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011

LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011 LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011 PREMESSA 2bite adotta questa Carta dei Servizi in osservanza dei principi stabiliti dalla direttiva sulla qualità e carta dei servizi di telecomunicazione stabiliti

Dettagli

Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato.

Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato. Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato. PREMESSA Con riferimento all art.4, contenuto nella Deliberazione n.204/99

Dettagli

PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO

PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINAI-ITÀ ART. 3 PROFILI DI ABILITAZIONE ART. 4 SOGGETTI AUTORIZZATI ALL'ASSEGNAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

servizi di assistenza sistemistica a tariffe agevolate

servizi di assistenza sistemistica a tariffe agevolate TARIFFE AGEVOLATE servizi di assistenza sistemistica a tariffe agevolate Con la sottoscrizione del contratto di assistenza, il Cliente gode di prezzi scontati rispetto al listino standard e molti altri

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO. Art. 5 - Pagamenti di spese sostenute dal personale: inviato in missione.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO. Art. 5 - Pagamenti di spese sostenute dal personale: inviato in missione. REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO INDICE: Art. l - Oggetto del regolamento Art. 2 -Tipologie di spese Art. 3 - Acquisto di beni e servizi Art. 4 - Iscrizione a corsi di formazione, seminari

Dettagli

Condizioni Generali del Servizio TGCOM Traffic

Condizioni Generali del Servizio TGCOM Traffic Condizioni Generali del Servizio TGCOM Traffic Art. 1) Definizioni Ambito di applicazione delle Condizioni Generali 1.1 Si intende per: - Cliente: il soggetto intestatario del numero di telefono per il

Dettagli

Servizio Idrico Integrato

Servizio Idrico Integrato Servizio Idrico Integrato Regolamento fondo fughe acqua Giugno 2014 Indice Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione... 3 Art. 2 - Validità del Regolamento... 3 Art. 3 - Costituzione del fondo e modalità

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

Per ulteriori informazioni e consigli

Per ulteriori informazioni e consigli Per ulteriori informazioni e consigli Alcuni siti presso i quali è possibile visionare e scaricare consigli utili a risparmiare energia sia nell uso quotidiano sia nel corretto acquisto di determinati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009)

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA STRUTTURA PER L INTEGRAZIONE DEGLI STUDENTI DISABILI CARTA DEI SERVIZI (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) Art.1 - Principi e finalità

Dettagli

SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI

SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI Prot. n. Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008) Relazione sulle misure per il contenimento delle

Dettagli

Modulo richiesta assistenza tecnica (autorizzazione al rientro del materiale)

Modulo richiesta assistenza tecnica (autorizzazione al rientro del materiale) Modulo richiesta assistenza tecnica (autorizzazione al rientro del materiale) Questo modulo è utile per la richiesta di assistenza tecnica sui prodotti forniti da, sia per la richiesta d intervento di

Dettagli

Modulo di richiesta del servizio di Portabilità per Aziende

Modulo di richiesta del servizio di Portabilità per Aziende Modulo di richiesta del servizio di Portabilità per Aziende Capitale Sociale 2.305.099.887,30 i.v. Di seguito potrà trovare tutte le indicazioni per la compilazione del Modulo di richiesta del Servizio

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

1. PREMESSA. La somma stanziata per l erogazione dei contributi ammonta a 150.000,00 euro ed è così ripartita:

1. PREMESSA. La somma stanziata per l erogazione dei contributi ammonta a 150.000,00 euro ed è così ripartita: Contributi alle MPMI della provincia di Varese per l banda larga (allegato alla determinazione n. 304 del 9 luglio 2014) 1. PREMESSA Nell ambito dell Accordo di Programma tra il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di BUCINE Provincia di Arezzo REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Allegato alla delib. C.C. n. 13 del 14.03.2006. Art. 1 OGGETTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Pubblicata su questo Sito in data 18/04/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.99 del 30 aprile 2007

Pubblicata su questo Sito in data 18/04/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.99 del 30 aprile 2007 Delibera n. 126/07/CONS Misure a tutela dell utenza per facilitare la comprensione delle condizioni economiche dei servizi telefonici e la scelta tra le diverse offerte presenti sul mercato ai sensi dell

Dettagli

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE.

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Premesso che: - la Legge 24/02/1992, n. 225, istitutiva del servizio nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELL ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELL ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELL ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI Premessa Questo Regolamento, nell ambito dell autonomia gestionale,

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE

DISCIPLINARE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Decreto n.944 del.lj.~ 20\~ DISCIPLINARE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE Art. 1 - Oggetto del disciplinare Il presente atto disciplina le modalità

Dettagli

Il 6 dicembre 2011 tra Telecom Italia Spa e le Organizzazioni sindacali Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil unitamente alle RSU Staff

Il 6 dicembre 2011 tra Telecom Italia Spa e le Organizzazioni sindacali Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil unitamente alle RSU Staff Tipologia: Accordo telelavoro Data firma: 6 dicembre 2011 Parti : Telecom Italia e Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil e RSU Staff Settori: Servizi, TLC, Telecom Italia Fonte: SLC-CGIL Sommario: Premessa

Dettagli

Andamento della spesa per le utenze di telefonia fissa e mobile voce

Andamento della spesa per le utenze di telefonia fissa e mobile voce Dipartimento Innovazione Tecnologica Direzione Sistemi Informatici e Telematici Unità Organizzativa Gestione e Sviluppo delle Infrastrutture e dei Servizi di Telecomunicazione Andamento della spesa per

Dettagli

COMUNE DI TRECASE MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL'UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO

COMUNE DI TRECASE MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL'UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO COMUNE DI TRECASE Provincia di Napoli MISURE FINALIZZATE ALLA DELL'UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO PIANO TRIENNALE 2014/2016 La legge 24 dicembre 2007, n. 244 avente

Dettagli

SI-GTS Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di Spesa. Istruzioni tecniche per l avvio all Esercizio Sperimentale

SI-GTS Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di Spesa. Istruzioni tecniche per l avvio all Esercizio Sperimentale SI-GTS Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di Spesa Istruzioni tecniche per l avvio all Esercizio Sperimentale 1 Contesto di riferimento Il Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di

Dettagli

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art.

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art. Istituto Comprensivo Rovereto Nord REGOLAMENTO VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE E ATTIVITA DIDATTICHE E FORMATIVE SVOLTE IN AMBIENTE EXTRA-SCOLASTICO Art.1 Finalità e tipologia 1. Tutte le iniziative

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CUSTODIA DEGLI EDIFICI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CUSTODIA DEGLI EDIFICI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CUSTODIA DEGLI EDIFICI Art. 1 Finalità 1. Il presente atto ha lo scopo di regolamentare le modalità operative per la custodia degli edifici in uso a vario titolo all Università

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli