Le Linee Guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici ed il DPR 59/09

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Linee Guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici ed il DPR 59/09"

Transcript

1 Auditorium Stella Polare Centro Servizi FIERA MILANO RHO 4 Febbraio 2010 Convegno: Le Linee Guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici ed il Piano Casa Le Linee Guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici ed il DPR 59/09 Ing. Alberto Lodi Responsabile Certificazione Sistema Edificio

2 Il DPR 59/09

3 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 Regolamento di attuazione dell art. 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n.192, concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia Il decreto che sostituisce le disposizioni transitorie dell Allegato I ( Regime transitorio per la prestazione energetica degli edifici ) del DLgs 192/05 per l attuazione della dir. 2002/91/CE In vigore dal 25 giugno 2009

4 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 La Comunità Europea indica la strada da percorrere ai Paesi membri attraverso le direttive 2002/91/CE Rendimento energetico nell edilizia e la 2006/32/CE Efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici L Italia interviene a piu riprese pubblicando diversi decreti legislativi, per ultimi il DPR 59/09 e le Linee Guida nazionali

5 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 L Italia recepisce la direttiva 2002/91/CE con il DLgs 192/2005, entrato in vigore l 8 ottobre 2005, poi modificato e integrato dal DLgs 311/06 Disposizioni correttive e integrative al decreto legislativo 19/8/05 n. 192, entrato in vigore il 2 Febbraio 2007 L attuazione completa del DLgs192/05 prevede la pubblicazione di ulteriori decreti attuativi che, in base al suo art.4, vanno a completare il quadro sui temi: 1- criteri di calcolo e requisiti minimi per gli impianti; 2- criteri generali di prestazione energetica per l edilizia convenzionata, pubblica e privata; 3- requisiti professionali e di accreditamento per la certificazione.

6 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 Il DPR 59/09 introduce nuove disposizioni obbligatorie, entrate in vigore il 25 Giugno 2009, che sostituiscono le indicazioni transitorie dell Allegato I del DLgs311/06 il DLgs 115/08, in vigore dal 30 maggio 2008, recepisce la direttiva 2006/32/CE e introduce novità, in particolare in materia di bonus volumetrici, normativa tecnica e abilitazione alla certificazione energetica

7 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 AMBITO D INTERVENTO E FINALITÀ (art. 1) - I Promuove applicazione omogenea, coordinata ed operativa delle norme per l efficienza energetica sul territorio nazionale Definisce metodologie, criteri e requisiti minimi di edifici e impianti relativamente a: - climatizzazione invernale (mantenuta l impostazione del DLgs 192/05) - preparazione ACS (anche se non si chiarisce il ruolo dell obbligo delle fonti rinnovabili) - climatizzazione estiva (novità rispetto al DLgs 192/05) - illuminazione artificiale di edifici del terziario (anche se poi nel testo del decreto non se ne parla)

8 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 AMBITO D INTERVENTO E FINALITÀ (art. 1) - II A riguardo degli ambiti d applicazione, il quadro del DLgs 192/05 non viene modificato, gli unici casi esclusi sono: a) edifici di particolare interesse storico o artistico nei casi in cui il rispetto delle prescrizioni implicherebbe un alterazione delle loro caratteristiche b) fabbricati industriali, artigianali e agricoli riscaldati solo da processi per le proprie esigenze produttive c) fabbricati isolati con superficie utile < 50 m2 d) impianti installati ai fini del processo produttivo realizzato nell edificio, anche se utilizzati, in parte non preponderante, per gli usi tipici del settore civile

9 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 Per tutti gli altri casi sono previsti requisiti minimi da rispettare In base al tipo di intervento esistono 3 differenti livelli d applicazione: a) applicazione integrale a tutto l edificio b) applicazione integrale, ma limitata al solo intervento di ampliamento c) applicazione limitata al rispetto di parametri solo per alcuni elementi nel caso di interventi su edifici esistenti

10 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 DEFINIZIONI (Art. 2) Si mantengono quelle riportate nel DLgs 192/05 e nel DLgs 311/06, aggiungendone altre: Sistemi filtranti: pellicole polimeriche autoadesive applicabili su vetri, su lato interno o esterno, in grado di modificare uno o piu delle seguenti caratteristiche della superficie vetrata: trasmissione dell'energia solare, trasmissione ultravioletti, trasmissione infrarossi, trasmissione luce visibile Trasmittanza termica periodica Y IE (W/m 2 K): parametro che valuta la capacita di una parete opaca di sfasare ed attenuare il flusso termico che la attraversa nell'arco delle 24 ore, definita e determinata secondo la norma UNI EN ISO 13786:2008 e successivi aggiornamenti

11 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 Coperture a verde: le coperture continue dotate di un sistema che utilizza specie vegetali in grado di adattarsi e svilupparsi nelle condizioni ambientali caratteristiche della copertura di un edificio. Tali coperture sono realizzate tramite un sistema strutturale che prevede in particolare uno strato colturale opportuno sul quale radificano associazioni di specie vegetali, con minimi interventi di manutenzione, coperture a verde estensivo, o con interventi di manutenzione media e alta, coperture a verde intensivo.

12 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 METODOLOGIE E SOFTWARE DI CALCOLO (Artt. 3,4 e 7) - I Si adottano le norme tecniche nazionali ad oggi disponibili (Art.3 comma 1): a) UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 1: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell'edificio per la climatizzazione estiva ed invernale; b) UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria L utilizzo di altri metodi e procedure è disciplinato dal comma 27 dell articolo 4.

13 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 METODOLOGIE E SOFTWARE DI CALCOLO (Artt. 3,4 e 7) - II I software applicativi in commercio, riguardanti le metodologie descritte dalle UNI/TS devono garantire uno scostamento massimo + o - del 5% rispetto ai corrispondenti parametri determinati con l'applicazione dello strumento nazionale di riferimento predisposto dal Comitato Termotecnico Italiano (CTI) La garanzia è fornita attraverso una verifica ed una dichiarazione da parte del CTI o dell'uni

14 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 METODOLOGIE E SOFTWARE DI CALCOLO (Artt. 3,4 e 7) III Le software house che hanno attivato una procedura di verifica per i propri strumenti di calcolo presso CTI o UNI, in attesa della loro validazione ufficiale, possono sostituire la dichiarazione di conformità con un autodichiarazione che riporti il riferimento della verifica richiesta

15 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 SIMULAZIONE DINAMICA (Art. 4, comma 27, punto o) Per gli edifici di nuova costruzione del settore terziario con volumetria maggiore di m3, è ribadito (rispetto al DLgs 192/05) l obbligo d adozione di opportuni modelli di simulazione che tengano conto dell'influenza dei fenomeni dinamici L obbligo decade nel caso si possa dimostrare la scarsa rilevanza dei fenomeni dinamici

16 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 ESERCIZIO E MANUTENZIONE IMPIANTI (Art. 5) Criteri generali e requisiti per l esercizio, manutenzione ed ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale seguono le indicazioni del DLgs 192/05 Si ricorda che i soggetti responsabili del controllo e della manutenzione degli impianti sono il proprietario, il conduttore, l amministratore o un terzo per essi e che l elenco delle prescrizioni da rispettare sono elencate nell Allegato L del DLgs 192/05 e s.m.

17 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 FUNZIONE DELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME (Art. 6) I Allo scopo di promuovere un applicazione omogenea della norma sull'intero territorio nazionale, le regioni e le province autonome, nel rispetto dell'ordinamento comunitario e della direttiva 2002/91/CE, possono: a) definire metodologie di calcolo della prestazione energetica degli edifici, diverse da quelle di cui al comma 1 dell'articolo 3 ma che trovino in queste stesse metodologie indirizzo e riferimento;

18 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 FUNZIONE DELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME (Art. 6) II b) fissare requisiti minimi di efficienza energetica più rigorosi attraverso la definizione di valori prestazionali e prescrittivi minimi inferiori a quelli di cui all'articolo 4, tenendo conto delle valutazioni tecnico-economiche concernenti i costi di costruzione e di gestione dell'edificio, delle problematiche ambientali e dei costi posti a carico dei cittadini con le misure adottate, con particolare attenzione alle ristrutturazioni e al contesto socio-economico territoriale

19 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 IMPIANTI CENTRALIZZATI (Art. 4, comma 9) Preferibile i l mantenimento di impianti termici centralizzati, laddove esistenti, nel caso di: - edifici esistenti con un numero di unita abitative superiore a 4 - edifici appartenenti alle categorie E1 ed E2 (vd. tabella DPR 412/93 riportata di seguito) con potenze nominali del generatore di calore dell'impianto centralizzato maggiore o uguale a 100 kw Eventuali cause tecniche o di forza maggiore, per ricorrere ad eventuali interventi finalizzati alla trasformazione degli impianti termici centralizzati ad impianti con generazione di calore separata per singola unita abitativa, devono essere dichiarate nella relazione tecnica

20 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 RELAZIONE TECNICA (Art. 4, comma 25) Il DPR 59/09 non modifica quanto predisposto dal DLgs 192/05, la Relazione Tecnica da depositare in Comune in doppia copia, e contestualmente alla denuncia di inizio dei lavori, continua a seguire le indicazioni dell Allegato E LIMITI E REQUISITI MINIMI (Art.4) vedi anche capitoli 4 e 5 Restano in vigore i limiti descritti dall Allegato C del DLgs 192/05 e s.m.i. relativamente a trasmittanze termica, indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale e rendimento globale medio stagionale Il DPR 59/09 introduce nuovi limiti di legge per quanto riguarda: - prestazione energetica per il raffrescamento dell edificio; - la trasmittanza termica periodica per il controllo dell inerzia dell involucro opaco

21 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 PROGETTAZIONE E CONTROLLI (DLgs 192/05. Art.8) Non viene modificata la documentazione da predisporre e consegnare in Comune contestualmente alla dichiarazione di fine lavori, resta l obbligo di consegnare: - l attestato di qualificazione energetica asseverato dal Direttore dei Lavori; - l asseverazione del Direttore dei Lavori della conformita delle opere rispetto alla relazione tecnica (relazione L.10/91), al progetto e alle sue eventuali varianti in corso d opera

22 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 Il Comune: - Dichiara irricevibile una dichiarazione di fine lavori se la stessa non accompagnata dalla documentazione sopra elencata - Definisce le modalità di controllo, accertamenti e ispezioni in corso d opera (entro 5 anni dalla data di fine lavori dichiarata dal committente), volte a verificare la conformità alla documentazione progettuale - Effettua le operazioni di controllo e verifica anche su richiesta del committente, dell acquirente o del conduttore dell immobile. Il costo degli accertamenti e ispezioni e a carico dei richiedenti

23 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 ELENCO DELLE VERIFICHE (Art.4, DPR 59/09) Tra le verifiche contemplate, la maggior parte è già presente nel DLgs 192/05. Alcune di queste vengono modificate, altre, come la verifica EP e, invol EP e, invol limite costituisce invece una novità del DPR 59/09 Altre novità introdotte riguardano: - limiti di trasmittanza in caso di installazione di impianti a biomasse combustibili (comma 13) - impianti a biomasse assimilati ad energie rinnovabili (comma 12), se rispettano requisiti di rendimento minimo e limiti di emissioni inquinanti - nuove prescrizioni di pretrattamento acque (comma 14) per impianti produzione ACS

24 Il DPR 2 Aprile 2009, n. 59 REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI Nessuna variazione è introdotta (rispetto all All. C del DLgs 192/05) per quanto riguarda gli indici di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ed i limiti di trasmittanza CERTIFICAZIONE ENERGETICA Nessuna variazione sostanziale da DPR 59/09 e da DLgs 115/08 In essi si rimanda alla pubblicazione delle Linee Guida nazionali per quanto riguarda le metodologie di calcolo della prestazione energetica

25 Il DLgs 115/08 IL CERTIFICATORE ENERGETICO - I Sono abilitati ai fini della certificazione energetica, tecnici operanti in veste di: - dipendente di enti ed organismi pubblici; - dipendente di societa di servizi pubbliche o private; - professionista libero od associato, iscritti ai relativi ordini e collegi professionali, ed abilitati allo esercitazione della professione relativa alla progettazione di edifici e d impianti Ove il tecnico non sia competente nei campi sopra citati (o nel caso che alcuni di essi esulino dal proprio ambito di competenza), egli deve operare in collaborazione con altro tecnico abilitato in modo che il gruppo costituito copra tutti gli ambiti professionali su cui è richiesta la competenza

26 Il DLgs 115/08 IL CERTIFICATORE ENERGETICO II Ai soli fini della certificazione energetica, sono tecnici abilitati anche i soggetti in possesso di titoli di studio tecnico scientifici, individuati in ambito territoriale da regioni e province autonome, e abilitati dalle predette amministrazioni a seguito di specifici corsi di formazione per la certificazione energetica degli edifici con superamento di esami finale Indipendenza ed imparzialità del Certificatore Ai fini di assicurare indipendenza ed imparzialità di giudizio dei soggetti certificatori, i tecnici abilitati, all'atto di sottoscrizione dell'attestato di certificazione energetica, dichiarano assenza di conflitto di interessi

27 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali

28 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 luglio 2009 il DM 26/06/2009 sancisce la piena attuazione della Direttiva 2002/91/CE- art. 7 e del DLgs 192/05 - art. 4 comma 1 con riferimento alla certificazione energetica degli edifici Entrato in vigore il 25 luglio 2009 Si compone di 8 articoli e di 2 allegati: le Linee Guida Nazionali per la certificazione energetica sono contenute nell Allegato A (e sono suddivise a loro volta in 7 allegati), mentre nell Allegato B sono elencate e aggiornate le norme tecniche di riferimento

29 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali Per le Regioni e Province autonome che si sono dotate di una legislazione di attuazione della direttiva europea 2002/91/CE, la procedura di Certificazione Energetica in vigore è quella locale; fermo restando il fatto che le eventuali differenze con la regolamentazione nazionale dovranno avvicinarsi gradualmente a quelle presenti nel DM 26/06/2009 Le Regioni e Province autonome che hanno legiferato o legifereranno in materia dovranno tenere conto degli elementi essenziali riportati nell art. 4 del DM

30 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali Gli elementi essenziali di cui devono tener conto le legislazioni locali: a. l attestato di certificazione dovrà contenere l efficienza energetica dell edificio, i valori a norma di legge, di riferimento e le classi prestazionali nonchè suggerimenti per interventi migliorativi economicamente convenienti b. si dovrà tenere conto delle norme tecniche vigenti; c. presentare metodologie di calcolo anche semplificate finalizzate a minimizzare gli oneri a carico dell utente, che tengano però conto delle norme di riferimento d. i requisiti professionali ed i criteri di qualificazione e indipendenza dei soggetti certificatori; e. la validità temporale f. l aggiornamento obbligatorio dell attestato di certificazione energetica

31 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali L art. 6 definisce la validità dell attestato di certificazione in 10 anni purchè siano rispettate le prescrizioni normative vigenti e le operazioni di controllo di efficienza energetica, compresi i controlli sull impianto di climatizzazione. In caso di mancato rispetto, l attestato perde efficacia il 31 dicembre dell anno successivo a quello in cui è prevista la prima scadenza non rispettata per le operazioni di controllo I libretti d impianto o di centrale (art. 11 del DPR 412/93) sono allegati all attestato di certificazione energetica L attestato è aggiornato ad ogni intervento di ristrutturazione che modifichi la prestazione energetica dell edificio L art. 7 stabilisce che l allegato B del DLgs 192/05 viene integralmente sostituito dall allegato B del DM 26/6/09

32 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali FINALITA Fornire informazioni sulla qualità energetica e strumenti di chiara comprensione per - La valutazione della convenienza economica a riqualificare in senso energetico - Acquisti e locazioni di immobili, che tengano conto delle loro prestazioni - Contribuire ad una applicazione omogenea della 2002/91/CE e del DLgs 192/05 e s.m.i. Le regioni e province autonome provvedono affinchè sia assicurata la coerenza dei loro provvedimenti con gli elementi essenziali di cui alle lettere da a) a f)

33 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali CAMPO DI APPLICAZIONE - Tutti gli edifici (categorie art. 3 DPR 412/93), dotati o meno di impianti tecnici dedicati ai servizi energetici (con esclusione di: box, cantine, autorimesse, parcheggi multipiano, depositi, strutture stagionali copertura impianti sportivi etc., se non le parti uffici, se scorporabili agli effetti dell isolamento termico) - Per gli edifici esistenti con porzioni adibite ad usi diversi, in caso di impossibilità a trattare separatemente le varie zone termiche, l edificio viene valutato e classificato per la destinazione d uso prevalente (in termini di volume riscaldato)

34 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali PRESTAZIONE ENERGETICA Indice di prestazione energetica globale, in termini di energia primaria: EPgl = EPi + EPacs + EPe + EPill Nella fase di avvio vengono considerati tuttavia i soli contributi EPi ed EPacs, per la EPe è prevista una valutazione qualitativa dell involucro (par. 6). Con atti successivi si procederà ad estendere la certificazione a tutti i servizi energetici dell edificio e ad integrare eventualmente i metodi di valutazione con metodi a consuntivo o con valutazioni di esercizio

35 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali METODOLOGIE DETERMINAZIONE PRESTAZIONI 1. METODO CALCOLATO DI PROGETTO (edifici nuovi o ristrutt.) Valutazione delle prestazioni a partire dai dati di ingresso del progetto energetico dell edificio, così come costruito e dei sistemi impiantistici a servizio dell edificio 2. METODO DI CALCOLO DA RILIEVO SULL EDIFICIO O STANDARD (edifici esistenti) Valutazione della prestazione energetica a partire dai dati di ingresso ricavati da indagini svolte direttamente sull edificio esistente

36 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali METODI DI CALCOLO DI RIFERIMENTO NAZIONALE Gli strumenti di calcolo applicativi (software commerciali) devono garantire che i valori degli indici di prestazione energetica abbiano uno scostamento max di +/- il 5% rispetto ai corrispondenti parametri determinati con l applicazione dei riferimenti nazionali Metodologie di calcolo: 1. METODO DI CALCOLO DI PROGETTO (ed. nuovi ed esistenti) 2. METODO DI CALCOLO DA RILIEVO SULL EDIFICIO (ed. esistenti)

37 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali

38 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE 1. Diagnosi o verifica di progetto finalizzata alla determinazione della prestazione energetica dell immobile 2. Classificazione dell edificio in funzione degli indici di prestazione energetica 3. Rilascio dell Attestato di Certificazione Energetica

39 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali I SOGGETTI CERTIFICATORI A tutt oggi siamo in attesa del terzo decreto di attuazione del D. Lgs. 192/05 che definisce requisiti professionali e di accreditamento dei soggetti a cui affidare la certificazione energetica degli edifici. Pertanto, laddove non ci siano specifiche indicazioni regionali, si applica la normativa nazionale vigente (D. Lgs. 115/08)

40 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali Le Linee Guida riportano anche i nuovi modelli nazionali degli AQE e ACE con la rappresentazione a cruscotto delle classi energetiche

41 Il DM 26/6/09 e le Linee Guida nazionali Dal 25 luglio 2009 l Attestato di Qualificazione Energetica (AQE) è definitivamente dismesso come documento di certificazione energetica in favore dell Attestato di Certificazione Energetica (ACE) Gli Attestati di Qualificazione Energetica fino ad ora utilizzati perderanno la loro efficacia trascorsi dodici mesi dall'emanazione delle Linee Guida nazionali Pertanto, dal 26 giugno 2010 la certificazione energetica degli edifici sarà affidata esclusivamente ai modelli di ACE

42 AQE

43 AQE

44 AQE

45 ACE

46 ACE

47 Grazie per l attenzione!

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 luglio 2009 il DM 26/06/2009 sancisce la piena attuazione della Direttiva 2002/91/CE- art. 7 e del Dlgs. 192/05-

Dettagli

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Prof.Gianfranco Cellai Università di Firenze Laboratorio di Fisica Ambientale per

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici

La certificazione energetica degli edifici Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici Firenze 22

Dettagli

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità D.Lgs. n.192/05 Lineamenti essenziali e novità Parleremo di Sintesi dei contenuti Adempimenti sanzionati Norme transitorie Non entreremo nel merito degli aspetti inerenti l esercizio e manutenzione degli

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Certificazione Energetica degli Edifici Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Bozza DM sulle Linee Guida Nazionali LINEE GUIDA NAZIONALI Bozza DM sulle Linee

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti IL MINISTRO DELLA SALUTE (per

Dettagli

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Associazione Nazionale Costruttori di Impianti Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Relatore: Vincenzo Corrado www.assistal.it

Dettagli

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI è un Organismo di Certificazione Ispezione e di Verifica, accreditato da SINCERT, con Certificati

Dettagli

TABELLA LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

TABELLA LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI TABELLA LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Entrata in vigore 25 luglio 2009 Finalità Definire un sistema di certificazione energetica degli edifici che possa essere un chiaro e

Dettagli

Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici

Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici ALLEGATO A (articolo 3, comma 1) Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici 11 1. Finalità Le presenti Linee guida definiscono un sistema di certificazione energetica degli edifici

Dettagli

Norme in materia di dimensionamento energetico

Norme in materia di dimensionamento energetico Norme in materia di dimensionamento energetico Evoluzione della normativa europea La situazione italiana Le detrazioni fiscali Certificazione e classificazione energetica degli edifici L Attestato e la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI Elaborato redatto ai sensi dell art. 123, comma 1, lettera d) del Regolamento Edilizio

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 10 febbraio 2010, n. 10. Regolamento per la certificazione energetica degli edifici ai sensi del D.Lgs.19 agosto 2005 n. 192.

REGOLAMENTO REGIONALE 10 febbraio 2010, n. 10. Regolamento per la certificazione energetica degli edifici ai sensi del D.Lgs.19 agosto 2005 n. 192. 30 REGOLAMENTO REGIONALE 10 febbraio 2010, n. 10 Regolamento per la certificazione energetica degli edifici ai sensi del D.Lgs.19 agosto 2005 n. 192. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l art. 121

Dettagli

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica Regolamento recante le procedure per la di sostenibilità energetico ambientale degli edifici, di cui all articolo 6 bis, della legge regionale 18 agosto 2005 n. 23, "Disposizioni in materia di edilizia

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PANORAMA EUROPEO E NAZIONALE ARCHITETTO BRUNO SALSEDO

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PANORAMA EUROPEO E NAZIONALE ARCHITETTO BRUNO SALSEDO LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PANORAMA EUROPEO E NAZIONALE ARCHITETTO BRUNO SALSEDO OBIETTIVI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Fornire degli indicatori di prestazione energetica che

Dettagli

Certificatori CENED di Edifici, 16 ore

Certificatori CENED di Edifici, 16 ore Corso di aggiornamento-perfezionamento per Certificatori CENED di Edifici, 16 ore Direttore del Corso: Attilio Carotti 1 Andrea Alessi - Quadro normativo di riferimento : ultimi aggiornamenti - Fasi operative

Dettagli

Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale

Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale Ubicazione Proprietà Tipologia edilizia Riferimenti catastali Codice attestato San Casciano Val Di Pesa, via Decimo 14, 50026 San Casciano

Dettagli

Prestazione energetica degli edifici

Prestazione energetica degli edifici Prestazione energetica degli edifici Perugia 31/03/11 Park Hotel, Ponte San Giovanni Ing. Alessandro Canalicchio Valutazione energetica Sono previsti due modi per la valutazione energetica secondo la EN

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici

La certificazione energetica degli edifici Nota di approfondimento La certificazione energetica degli edifici Dal 27 dicembre 2012 sarà in vigore il nuovo quadro normativo riguardante la certificazione energetica degli edifici. Con il D.M. 22 novembre

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ALLEGATO Schema di DPR di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modifiche e integrazioni, concernente Attuazione della direttiva

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * LR n. 13 del 28 maggio 2007 * DGR n. 35-9702 del 30 settembre 2008 (Disposizioni attuative della LR 13/2007) approvazione delle

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica

Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA I principali contenuti delle Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica e il modulo dell APE Arch. Luca Raimondo USO CONVENZIONALE L ATTESTATO DI PRESTAZIONE

Dettagli

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI In Italia, il 19 agosto 2005 è sstato disposto il Decreto Legislativo n. 192 in attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia,

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

Efficienza energetica

Efficienza energetica Efficienza energetica negli edifici i La certificazione energetica degli edifici M. De Carli Leggi italiane ai fini del risparmio energetico Legge 373/76 Legge 10/91 DPR 412/93 D.Lgs. 192/2005 D.Lgs. 311/2006

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7. INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.2015 1. Obbligo di dotazione e allegazione dell Attestato di Prestazione

Dettagli

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Recepimento Direttiva 31/2010/UE

Dettagli

rendimento energetico nell'edilizia

rendimento energetico nell'edilizia Efficienza.. La Direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell'edilizia L'energia impiegata nel settore residenziale e terziario... rappresenta oltre il 40 % del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici

La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici Deliberazione di Giunta Regionale N. VIII/8745 del 22 dicembre 20082 Alice Tura REGIONE LOMBARDIA DG Reti, Servizi di Pubblica Utilità

Dettagli

SULL EFFICIENZA ENERGETICA DA INSERIRE NEI REGOLAMENTI. Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino

SULL EFFICIENZA ENERGETICA DA INSERIRE NEI REGOLAMENTI. Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino LE NUOVE DISPOSIZIONI REGIONALI SULL EFFICIENZA ENERGETICA DA INSERIRE NEI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI prof. ing. Vincenzo Corrado Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino vincenzo.corrado@polito.it

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI

CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI DOCUMENTI LEGISLATIVI DI RIFERIMENTO DLGS 192/05 "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia." così come modificato

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA CERTIFICAZIONE ENERGETICA La certificazione energetica è un processo finalizzato a far conoscere al cittadino le caratteristiche energetiche del sistema edificio-impianto che sta per acquistare o per affittare.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici 2 Linee guida per l efficienza energetica degli edifici n Premessa Le linee guida per l efficienza energetica degli edifici in attuazione del decreto di modifica del D.Lgs. 192 del 2005 sono in corso

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 Determinazioni in merito alle disposizioni per l'efficienza energetica in edilizia e per la certificazione energetica degli edifici in vigore

Dettagli

ASPESI -Milano 20.05.2008

ASPESI -Milano 20.05.2008 ASPESI -Milano 20.05.2008 LA CERTIFICAZIONE DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI IN REGIONE LOMBARDIA n.24/2006 B.U.R.L. VIII/5773 Relatore : ing. NEVIO ROMELLI Presidente di : S.I.C.I.V. srl Società

Dettagli

MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI IL MINISTRO DELLA SALUTE

MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI IL MINISTRO DELLA SALUTE DECRETO 26 giugno 2015: Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici. (15A05198) (Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti Per. ind. Fabio Bonalumi -consigliere Collegio Periti Industriali delle province di Milano

Dettagli

U.P. Energia - Regione del Veneto F.A.Q. Certificazione Energetica ultimo aggiornamento: 01 agosto 2013 SOMMARIO

U.P. Energia - Regione del Veneto F.A.Q. Certificazione Energetica ultimo aggiornamento: 01 agosto 2013 SOMMARIO SOMMARIO CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI... 2 Normativa, obblighi e campo di applicazione... 2 Soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici... 3 Modalità di invio... 4 Quesiti

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il presente Schema è stato redatto in conformità alle Norme : UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2004

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 17/12/2013 Riferimenti catastali Particella 2174 - Sub. 36 edificio via Rossini, 92-80027

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Il Ministro delle Infrastrutture

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Il Ministro delle Infrastrutture Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e Il Ministro delle Infrastrutture Visti i Principi generali di cui al Titolo I,

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Settore Strumenti per la Valutazione e per lo Sviluppo Sostenibile Arch.. Pietro Novelli Le competenze degli EELL in merito alle autorizzazioni

Dettagli

Certificazione energetica degli edifici

Certificazione energetica degli edifici degli edifici Restructura 2010 Lingotto Fiere 25 novembre 2010 Ing. Franco Cavallo Concetti generali Elenco dei certificatori Corsi di formazione e verifica finale SICEE Classificazione degli edifici Attestato

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 05/02/2014 Riferimenti catastali VICENZA Sez.: Foglio: Part.: Sub.: Indirizzo edificio

Dettagli

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Ing. Enrico Piano Commissione Energia Cagliari, 17 Giugno 2010 Il mercato del solare termico in Italia nel 2009 Nel solo 2009 in Italia sono stati

Dettagli

Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise

Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise L Attestato di Prestazione Energetica (APE) Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise Giacomo Iannandrea - Ricercatore ENEA Convegno GLOBAL ENERGY

Dettagli

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE Dal 1 ottobre 2015 entrano in vigore i nuovi decreti attuativi in materia di prestazione e certificazione energetica. Cosa cambia concretamente?

Dettagli

DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI

DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI Ing. Laurent SOCAL 19/06/2007 Ing. SOCAL - Certificazione energetica 1 Allegato I Nuovi edifici Nuovo edificio applicazione integrale Ristrutturazione

Dettagli

WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI

WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Edificio di classe: E

Edificio di classe: E ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 03/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 6 Particella: 1430 Subalterno: 1 edificio

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 20/09/2023 Riferimenti catastali Indirizzo edificio Nuova costruzione X Passaggio di proprietà

Dettagli

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari ORDINE INGEGNERI BARI CORSO TECNICO FORMATIVO EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA : EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE

Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE software certificato CTI per le UNI-TS 11300 1-2-4 include anche la UNI-TS 11300 parte 3 Semplice da usare, esegue la verifica di nuove costruzioni, ristrutturazioni,

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. Modulo I

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. Modulo I CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Modulo I La figura del Certificatore Energetico Dlgs. 192/2005 art. 4, comma 1, lettera c) introduce la figura professionale e demanda a successivo decreto la definizione

Dettagli

I nuovi requisiti di prestazione energetica

I nuovi requisiti di prestazione energetica Milano, 30 giugno 2015 LA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI: EDIFICIO DI NUOVA COSTRUZIONE: è un edificio il cui titolo abilitativo sia stato richiesto dopo l entrata in vigore del presente provvedimento. Sono

Dettagli

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 47 del 2 aprile 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 53 del 8 maggio 2012 1 Regolamento

Dettagli

ALLEGATO I. (Articolo 11)

ALLEGATO I. (Articolo 11) ALLEGATO I. (Articolo 11) REGIME TRANSITORIO PER LA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 1. Per tutte le categorie di edifici, così come classificati in base alla destinazione d uso all articolo 3 del

Dettagli

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico FIERA NUOVA BERGAMO Alta efficienza e basso consumo: analisi economiche e soluzioni intelligenti Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico D.Lgs n.

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

Nuovo DPR 59/09 Nuovo DM 26/06/09. COSA PREVEDE LA LEGGE IN MATERIA ENERGETICA (nuove costruzioni di edifici industriali_artigianali_commerciali)

Nuovo DPR 59/09 Nuovo DM 26/06/09. COSA PREVEDE LA LEGGE IN MATERIA ENERGETICA (nuove costruzioni di edifici industriali_artigianali_commerciali) Nuovo DPR 59/09 Nuovo DM 26/06/09 COSA PREVEDE LA LEGGE IN MATERIA ENERGETICA (nuove costruzioni di edifici industriali_artigianali_commerciali) DPR 59/09 1. Nella documentazione da allegare al momento

Dettagli

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Bologna, 19 novembre 2014 Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Risparmio energetico? Benvenuto nel Club! DPR 74/2013 (1) Regolamento recante definizione dei

Dettagli

REQUISITI MINIMI DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE, CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI E RELATIVA METODOLOGIA DI CALCOLO IN PROVINCIA DI TRENTO

REQUISITI MINIMI DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE, CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI E RELATIVA METODOLOGIA DI CALCOLO IN PROVINCIA DI TRENTO Allegato parte integrante Allegato A ALLEGATO A REQUISITI MINIMI DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE, CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI E RELATIVA METODOLOGIA DI CALCOLO IN PROVINCIA DI TRENTO Pag. 1 di 6 All. 002

Dettagli

ENERGIA INTELLIGENTE PER LE GENERAZIONI FUTURE

ENERGIA INTELLIGENTE PER LE GENERAZIONI FUTURE ENERGIA INTELLIGENTE PER LE GENERAZIONI FUTURE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------- CERTIFICAZIONE

Dettagli

ECOBULDING CLUB CERTIFICAZIONE ENERGETICA IL QUADRO NAZIONALE

ECOBULDING CLUB CERTIFICAZIONE ENERGETICA IL QUADRO NAZIONALE ECOBULDING CLUB CERTIFICAZIONE ENERGETICA IL QUADRO NAZIONALE arch. Gaetano Fasano Roma 2009 Consumo lordo di energia (1 725 Mtep) nel 2005 (UE-25) Perdite di trasformazione ecc. 29 % Uso domestico 17%

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LA NORMATIVA Legge 373/76 Prima legge sul risparmio energetico Legge 10/91 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia,

Dettagli

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 Regolamento sul controllo e la manutenzione degli Assessorato ai Lavori Pubblici ed all Energia Segreteria

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI PREMESSE A breve tempo, le indicazioni emerse dagli studi statistici compiuti, hanno evidenziato che la dipendenza energetica dell UE dalle fonti energetiche

Dettagli

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014 Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014 del decreto 10 febbraio 2014, riportante in allegato i modelli del Libretto di impianto

Dettagli

L'energia impiegata nel settore residenziale e terziario... rappresenta oltre il 40 % del consumo finale di energia della Comunità

L'energia impiegata nel settore residenziale e terziario... rappresenta oltre il 40 % del consumo finale di energia della Comunità L efficienza energetica in edilizia. I motivi L'energia impiegata nel settore residenziale e terziario... rappresenta oltre il 40 % del consumo finale di energia della Comunità La Direttiva 2002/91/CE

Dettagli

Le linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici

Le linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Le linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Roberto MONETA DE Segreteria tecnica 1 Strategia per l efficienza energetica Definizione obiettivi: piano azione efficienza energetica

Dettagli

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE ALLEGATO ENERGETICO 1 0. Premessa... 3 1. Campo di applicazione... 5 2. Categoria A... 6 3. Categoria B... 8 4. Categoria C... 10 5. Categoria D... 10

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

Efficienza e Certificazione energetica in Emilia-Romagna. Mirandola, 15 luglio 2008 Fabrizio Ragazzi AESS

Efficienza e Certificazione energetica in Emilia-Romagna. Mirandola, 15 luglio 2008 Fabrizio Ragazzi AESS Efficienza e Certificazione energetica in Emilia-Romagna Mirandola, 15 luglio 2008 Fabrizio Ragazzi AESS IL DECRETO LEGISLATIVO 311/2006 Il 2 febbraio 2007 è entrato in vigore il decreto legislativo n.

Dettagli

METODI DI CALCOLO PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA

METODI DI CALCOLO PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA LE PROCEDURE DELLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Prof. Ing. Costanzo Di Perna Confronto teorico tra metodi di calcolo DOCET, UNITS 11300 e metodi semplificati sabato 29 maggio 2010 ore 11:45 Dipartimento di

Dettagli

DPR 59/09 Attuazione del DLgs 192/05

DPR 59/09 Attuazione del DLgs 192/05 DPR 59/09 Attuazione del DLgs 192/05 Sintesi del decreto che sostituisce le disposizioni transitorie dell Allegato I del DLgs 192/05 per l attuazione della dir. 2002/91/CE 1. QUADRO TEMPORALE In materia

Dettagli

Certificazione energetica in Regione Lombardia

Certificazione energetica in Regione Lombardia Milano 18 dicembre 2008 Certificazione energetica in Regione Lombardia IEE-Project: Tools and Methods for Linking EPBD and Continuous Commissioning (EPBD-cx) The sole responsibility for the content of

Dettagli

IL RUOLO DELL ENEA NEL DPR 16 APRILE 2013, N. 74. WORKSHOP LE NOVITA SUGLI IMPIANTI TERMICI E LE CANNE FUMARIE Napoli 18 Dicembre 2013

IL RUOLO DELL ENEA NEL DPR 16 APRILE 2013, N. 74. WORKSHOP LE NOVITA SUGLI IMPIANTI TERMICI E LE CANNE FUMARIE Napoli 18 Dicembre 2013 IL RUOLO DELL ENEA NEL DPR 16 APRILE 2013, N. 74 WORKSHOP LE NOVITA SUGLI IMPIANTI TERMICI E LE CANNE FUMARIE Napoli 18 Dicembre 2013 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Rossano Basili Ufficio Territoriale

Dettagli

Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it

Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA COMMISSIONE GIOVANI PRINCIPI BASILARI PER LA PROGETTAZIONE Problematiche energetiche del sistema Edificio-Impianto Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 01/08/2014 Riferimenti catastali Indirizzo edificio Via Piccinni Nuova costruzione

Dettagli

G 3. GRAFICO DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE GLOBALE E PARZIALI (2)

G 3. GRAFICO DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE GLOBALE E PARZIALI (2) ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Poliambulatorio_SI Validità 10 anni Riferimenti catastali Foglio 52, Particella 249 Indirizzo

Dettagli

Il cammino del D.Lgs. 192/05

Il cammino del D.Lgs. 192/05 Convegno Il mercato dell efficienza efficienza energetica: evoluzione, orientamenti ed opportunità legate all incontro fra gli attori Il cammino del D.Lgs. 192/05 Ing. Sandro Picchiolutto Il cammino del

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SPECIALE AFFITTI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SPECIALE AFFITTI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SPECIALE AFFITTI VADEMECUM D.Lgs 19 Agosto 2005 n. 192 e s.m.i. Realizzato in collaborazione con ECOMAG Le novità relative alla Certificazione Energetica degli

Dettagli

arch. Carlo Romeo 2 Workshop Progetto Europeo "Eco-Building Club

arch. Carlo Romeo 2 Workshop Progetto Europeo Eco-Building Club 2 Workshop Progetto Europeo "Eco-Building Club" Collaborazione ITC-CNR / ENEA Sviluppo di un approccio metodologico e di calcolo semplificato per la certificazione energetica degli Edifici Residenziali

Dettagli

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 I principali contenuti del Decreto Requisiti Minimi e la nuova Relazione Tecnica Guglielmina Mutani DENERG - Politecnico di Torino

Dettagli

ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (PIANO PRIMO) LICEO SCIENTIFICO STATALE via Alcide De Gasperi, Acri 1. INFORMAZIONI GENERALI

ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (PIANO PRIMO) LICEO SCIENTIFICO STATALE via Alcide De Gasperi, Acri 1. INFORMAZIONI GENERALI ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (PIANO PRIMO) LICEO SCIENTIFICO STATALE via Alcide De Gasperi, Acri 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice certificato Validità Riferimenti catastali edificio Comune di

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE NORME TRANSITORIE DI CUI AL D.LGS. N.192 DEL 19 AGOSTO 2005 E AL D.LGS. N.311 DEL 29 DICEMBRE 2006 INTRODUZIONE Allegato al Regolamento

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 01/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 000 Particella: 000 Subalterno: 000 edificio

Dettagli

Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013

Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013 1/5 Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013 Il decreto legge D.L. 63/2013 varato dal Governo Letta e pubblicato in Gazzetta Ufficiale numero 130 del 5 Giugno 2013, attua

Dettagli

Aggiornamento delle procedure per la certificazione energetica degli edifici in attuazione della l.r. n. 23/2012

Aggiornamento delle procedure per la certificazione energetica degli edifici in attuazione della l.r. n. 23/2012 Aggiornamento delle procedure per la certificazione energetica degli edifici in attuazione della l.r. n. 23/2012 Regione Liguria Via Fieschi 15, sala A Genova 5 ottobre 2012 Normativa regionale GIA PUBBLICATE:

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B TI PRESTAZIONI ENERGETICHE PARZIALI ALLEGATO 7 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali Codice Certificato 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità Riferimenti

Dettagli

Download. Informazioni F.A.Q. Link. 1 di 5 27/12/2014 21.13. Lo strumento DOCET

Download. Informazioni F.A.Q. Link. 1 di 5 27/12/2014 21.13. Lo strumento DOCET 1 di 5 27/12/2014 21.13 Sito aggiornato il 30/10/2014 IVA: 02118311006 Download Lo strumento DOCET DOCET è uno strumento di simulazione a bilanci mensili per la certificazione energetica degli edifici

Dettagli

Edificio di classe: E

Edificio di classe: E ALLEGATO 5 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI RESIDENZIALI Codice Certificato Riferimenti catastali edificio - GENOVA (GENOVA) 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità

Dettagli

Le nuove disposizioni di legge per l efficienza energetica degli impianti ed esempi di calcolo per la progettazione di edifici a energia quasi zero

Le nuove disposizioni di legge per l efficienza energetica degli impianti ed esempi di calcolo per la progettazione di edifici a energia quasi zero 1 Le nuove disposizioni di legge per l efficienza energetica degli impianti ed esempi di calcolo per la progettazione di edifici a energia quasi zero Dott. Stefano Silvera Technical support Edilclima 2

Dettagli