CAPITOLO 9 Materiali metallici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 9 Materiali metallici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione"

Transcript

1 CAPITOLO 9 Materiali metallici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 9.1 (a) La ghisa grezza è tipicamente estratta da minerali di ossido di ferro in un altoforno in cui il coke (ottenuto da carbone) è usato come agente riducente degli ossidi di ferro. La ghisa grezza contiene circa 4% C. (b) La tipica reazione chimica è: Nel processo con ossigeno, la ghisa grezza viene convertita in acciaio mediante ossidazione in un convertitore di forma cilindrica con rivestimento refrattario. La lancia di ossigeno fornisce ossigeno puro al bagno di ghisa fusa e rottami di acciaio. L ossido di ferro formato reagisce con il carbonio nell acciaio per formare monossido di carbonio:. (c) 9.2 (a) Il diagramma di stato Fe-Fe 3 C è un diagramma di stato metastabile piuttosto che un vero diagramma di stato in equilibrio perché il composto carburo di ferro (Fe 3 C) formato, la cementite, non è una fase in equilibrio. Mentre la cementite è tipicamente molto stabile, può decomporsi in ferro e carbonio sotto determinate condizioni. (b) (I) austenite, soluzione solida interstiziale di carbonio in ferro γ, ha una struttura cristallina CFC e una solubilità solida di carbonio massima relativamente alta (2.08%) (II) una soluzione solida interstiziale di carbonio nel reticolo cristallino di ferro CCC, ferrite-α ha una massima solubilità solida di carbonio pari a 0.02% (III) cementite, Fe 3 C, è un composto intermetallico duro e fragile con un contenuto di carbonio pari a 6.67% (IV) una soluzione solida interstiziale nel ferro δ, ferrite δ ha una struttura cristallina CCC ed una massima solubilità solida del carbonio pari a 0.09%. (c) Le tre reazioni invarianti che avvengono nel diagramma di stato Fe-Fe 3 C sono una reazione peritettica, una reazione eutettica e una reazione eutettoidica. Peritettica: Eutettica: Eutetettoidica: 9.3 (a) Una martensite Fe 3 C è un acciaio al solo carbonio la cui struttura è formata da rapido raffreddamento della condizione austenitica ed è costituita da una soluzione solida interstiziale supersatura di carbonio in ferro CCC o ferro tetragonale a corpo centrato. Questo stato trasformato è una fase metastabile. 1

2 (b) (I) martensite lamellare si forma negli acciai al solo carbonio contenenti meno di circa 0.6% di carbonio. La sua struttura è costituita da domini di lamelle che sono fortemente distorti e contengono regioni con alta densità di grovigli di dislocazioni. (II) martensite a placchette, si forma negli acciai al carbonio che hanno un contenuto di carbonio maggiore di 0.6%. Per le martensiti con % di C, la microstruttura è formata da martensite a lamelle e piana, mentre gli acciai che contengono più di 1.0% C è costituita interamente da placchette che variano in dimensione, hanno una struttura fine di geminati paralleli e spesso sono circondate da austenite non trasformata. (c) (I) la trasformazione è considerata essere senza diffusione perché la diffusione avviene molto rapidamente; (II) non c è evidenza di barriera di attivazione termica per prevenire la formazione di martensite; (III) le posizioni relative degli atomi di carbonio, rispetto agli atomi di ferro, nella martensite, sono gli stessi dell austenite; (IV) nella martensite in Fe-C con meno di circa 0.2% C, l austenite si trasforma in ferrite α con struttura di reticolo CCC. Mentre la martensite contiene più di 0.2% C si sviluppa una struttura tetragonale nella struttura CCC che porta alla struttura tetragonale a corpo centrato. (d) Quando il contenuto di carbonio della martensite Fe-C supera circa 0.2%, si sviluppa la tetragonalità come risultato del fatto che gli atomi di carbonio distorcono la cella unitaria CCC lungo il suo asse c; gli atomi di carbonio con diametro pari a nm sono più grandi rispetto al vuoto interstiziale più grande nel reticolo CCC del ferro α che misura circa nm di diametro. Per confronto, la cella unitaria CFC del ferro γ ha vuoti interstiziali che misurano fino a nm in diametro. (e) L alta durezza e resistenza meccanica della martensite Fe-C con alto contenuto di carbonio sono attribuite a due effetti: l aumento della soluzione solida interstiziale di atomi di carbonio nel reticolo CCC del ferro e le numerose interfacce di geminati che agiscono come barriere alle dislocazioni nella martensite a placchette. 9.4 Per un carbonio al solo carbonio, il processo di trattamento termico di completa ricottura consiste in: riscaldamento dell acciaio nella regione di austenite, approssimativamente 40 C sopra la linea di separazione tra austenite e ferrite; mantenimento a elevata temperatura per il tempo necessario; raffreddamento lento dell acciaio a temperatura ambiente. Gli acciai ipereutettoidici sono tipicamente autenitizzati nella regione bifasica di austenite più cementite, circa 40 C sopra la temperatura eutettoidica. (a) La completa ricottura di un acciaio eutettoide porta ad una struttura di sola perlite. (b) La completa ricottura di un acciaio ipoeutettoide produce una microstruttura composta da ferrite proeutettoidica e perlite. 9.5 La normalizzazione è un trattamento termico per gli acciai in cui l acciaio viene riscaldato nella regione austenitica e poi raffreddato in aria calma. Alcuni degli obiettivi del trattamento di normalizzazione sono: 1. affinare la struttura del grano; 2. aumentare la resistenza meccanica dell acciaio (rispetto agli acciai ricotti); 3. ridurre la segregazione composizionale nei getti o nei pezzi forgiati e quindi ottenere una struttura più uniforme. 9.6 Il rinvenimento di un acciaio al carbonio viene prima austenitizzato e quindi raffreddato velocemente per ottenere una struttura completamente martensitica. Successivamente, l acciaio viene riscaldato nuovamente ad una temperatura inferiore a quella eutettoidica per diminuire la durezza della martensite; 2

3 la martensite viene trasformata in una struttura composta da particelle di carburo di ferro in una matrice ferritica. 9.7 (a) La tempra martensitica differita per un acciaio al carbonio produce una microstruttura martensitica e consiste in: (1) austenitizzazione dell acciaio; (2) tempra in olio caldo o sali fusi ad una temperatura appena sopra la temperatura M s ; (3) permanenza dell acciaio nel mezzo di tempra per un periodo di tempo sufficiente per ottenere l equilibrio termico dell acciaio con il mezzo, senza causare l inizio della trasformazione dell austenite in bainite; (4) raffreddamento dell acciaio con una velocità moderata a temperatura ambiente. (b) Uno schema della curva di raffreddamento del trattamento di tempra martensitica differita per un acciaio al carbonio eutettoide austenitizzato è mostrato nel diagramma TTT qui sotto. (c) I vantaggi della tempra martensitica differita sono la minimizzazione della distorsione e delle cricche nel pezzo. (d) Dopo la tempra, l acciaio sottoposto a tempra martensitica differita ha una microstruttura di tipo martensite rinvenuta che fornisce maggiore energia di impatto. 9.8 (a) Nel processo di tempra bainitica completa, l acciaio è austenitizzato, temprato in un bagno di sali fusi a temperatura appena superiore alla temperatura M s dell acciaio, mantenuto a questa temperatura per permettere la trasformazione dell austenite in bainite e quindi raffreddato in aria fino a temperatura ambiente. La curva di raffreddamento per la tempra bainitica completa di un acciaio al carbonio eutettoide è riportata in Fig (b) La struttura finale di un acciaio al carbonio eutettoidico sottoposto a tempra bainitica completa è costituita da bainite. (c) Non è necessario perché questo processo porta a valori di durezza, distorsione e energia di impatto confrontabili o migliori di quelli associati ad un acciaio temprato e rivenuto. (d) I vantaggi della tempra bainitica completa sono: valori di duttilità e di tenacità maggiori ai valori ottenuti con tempra e rinvenimento; diminuzione delle deformazioni dell acciaio temprato. (e) Gli svantaggi sono la necessità di avere un bagno di sali fusi e l applicabilità limitata ad acciai specifici. 3

4 Fig Curve di raffreddamento di una tempra bainitica completa di un acciaio al carbonio eutettoidico. 9.9 (a) Le limitazioni degli acciaio al carbonio sono: 1. il carico di rottura degli acciai al carbonio non può superare 690 MPa senza che si abbia una considerevole perdita di duttilità e resistenza all impatto; 2. non possono essere prodotti pezzi con sezioni di elevato spessore con struttura interna martensitica; ciò in quanto gli acciai al carbonio non possono essere temprati in profondità; 3. gli acciai al carbonio hanno una bassa resistenza alla corrosione e all ossidazione; 4. gli acciai con un tenore di carbonio medio devono essere temprati velocemente per ottenere una struttura interamente martensitica; ciò può essere causa di deformazione e formazione di cricche di tempra; 5. gli acciai al carbonio hanno una bassa resilienza a bassa temperatura. (b) Gli acciai basso-legati sono formati aggiungendo uno o più dei cinque elementi principali di lega (manganese, molibdeno, cromo, nichel e silicio) in modo che il contenuto di carbonio è ridotto da uno a quattro %. (c) Nichel, silicio e magnesio dissolvono principalmente nella ferrite α degli acciai al carbonio. (d) La tendenza di formazione di carburi, in ordine crescente, è: cromo, molibdeno, tungsteno, vanadio e titanio (a) La temprabilità di un acciaio è una proprietà che determina la profondità e la distribuzione della durezza introdotta dalla tempra a partire da una struttura austenitica. È generalmente misurata attraverso la prova Jominy. (b) La durezza di un acciaio è la misura della resistenza del metallo alla deformazione plastica, misurata solitamente mediante prove di indentazione. (c) Nella prova di temprabilità Jominy, si utilizza un provino cilindrico di diametro 25 mm e lunghezza 100 mm con una flangia a un capo. Il provino viene austenitizzato, appoggiato su un apposito appoggio e velocemente raffreddato a un estremità mediante getto d acqua. Dopo il raffreddamento, vengono rettificate due superfici parallele sui lati opposti della barra di prova e vengono effettuate misure di durezza Rockwell C lungo queste superfici piane. (d) I dati per diagrammare la curva di temprabilità Jominy sono ottenuti prendendo una serie di misure di durezza Rockwell C, partendo dall estremità temprata e muovendosi lungo le superfici piane lungo una distanza di 63.5 mm. La curva viene poi costruita diagrammando la durezza vs la distanza dall estremità temprata. (e) Le curve di temprabilità Jominy sono uno strumento importante di selezione dei materiali; le curve forniscono un mezzo di confronto veloce dei valori di durezza di differenti acciai basso-legati. 4

5 9.11 (a) Nell invecchiamento naturale, la lega viene invecchiata a temperatura ambiente, mentre l invecchiamento artificiale viene eseguito ad elevate temperature. (b) La driving force per la decomposizione di una soluzione solida supersatura in fasi metastabili e di equilibrio è l abbassamento dell energia di sistema quando si formano queste fasi. (c) Il primo prodotto di decomposizione è la formazione di precipitato o di zone GP. (d) Le zone GP sono addensamenti di atomi segregati all interno della matrice di solvente Le quattro strutture di decomposizione che possono essere sviluppate sono le seguenti: 1. Le zone GP1 sono composte da regioni di addensamenti a forma di dischi dello spessore di pochi atomi ( nm) e del diametro di circa 8-10 nm. Si formano sui piani cubici {100}, deformando il reticolo in forma tetragonale, e sono coerenti con la matrice. 2. Le zone GP2 vanno da circa 1 a 4 nm di spessore e da 10 a 100 nm di diametro. Queste zone sono coerenti con i piani {100} della matrice e hanno una struttura tetragonale. 3. La fase θ enuclea in modo eterogeneo ed è incoerente con la matrice. Questa fase ha una struttura tetragonale con uno spessore che va da 10 a 150 nm. 4. La fase θ è una fase di equilibrio incoerente che ha la composizione CuAl 2. Questa fase, che si forma da θ o direttamente dalla matrice, ha una struttura TCC (a) I tre principali processi per la colata delle leghe di alluminio sono fusione in sabbia, fusione in conchiglia e pressofusione. 1. Nella fusione in sabbia, il processo più semplice, il metallo di lega di alluminio fiso viene versato in stampi fatti in sabbia per gravità. 2. Nella fusione in conchiglia, il metallo fuso viene versato in uno stampo metallico permanente (conchiglia) per gravità, per bassa pressione o mediante forza centrifuga. Confrontato con la fusione in sabbia, la fusione in conchiglia determina una struttura a grani più fine, resistenza meccanica più elevata e minore ritiro e porosità, ma è difficile ottenere pezzi complessi. 3. Nella pressofusione, due semistampi in metallo sono chiusi saldamente e il metallo fuso viene forzato nelle cavità degli stampi con elevata pressione. Quando il metallo si è solidificato, gli stampi vengono sbloccati e il getto caldo viene estratto. I principali vantaggi della pressofusione sono produzione ad elevate velocità, tolleranze dimensionali mantenute strette, ottenimento di superfici lisce, struttura a grano fine e possibilità di automatizzare il processo. (b) Le leghe colate di alluminio sono classificate dal sistema della Associazione dell Alluminio in termini dei maggiori elementi di lega che contengono. Il sistema a quattro cifre, descritto in Tabella 9.9, utilizza un trattino per separare le ultime due cifre. (c) Il silicio è il più importante elemento di lega per le leghe di alluminio colate perché aumenta la fluidità del metallo fuso e la resistenza meccanica della lega solidificata (a) Le proprietà del rame non legato, che sono importanti per applicazioni industriali, comprendono alta conducibilità termica ed elettrica, buona resistenza a corrosione, facilità di lavorazione, media resistenza meccanica a trazione, proprietà di ricottura controllabili e buone caratteristiche di saldabilità e di giunzione in generale. (b) Il rame è estratto da minerale di solfuro di rame mediante concentrazione di solfuro di rame in un forno a riverbero per produrre una metallina, che è un insieme di solfuri di rame e di ferro. Questa metallina viene quindi convertita chimicamente in rame grezzo per mezzo di aria insufflata. In seguito, la maggior parte delle impurezze presenti nel rame grezzo sono rimosse in un forno di raffinazione ed eliminate come scoria. Questo prodotto è di solito raffinato per via elettrolitica per ottenere un rame raffinato elettrolitico (ETP). 5

6 (c) Negli Stati Uniti, le leghe di rame sono classificate dal sistema della Copper Development Association che utilizza i numeri che vanno da C10100 a C79900 per designare le leghe per deformazione plastica e i numeri che vanno da C80000 a C99900 per le leghe per fusione. Ci si riferisca alla Tabella 9.10 e 9.11 per i dettagli dei gruppi specifici e le proprietà delle leghe selezionate ) l ossigeno può reagire con il fosforo in P 2 O 5, lega C12200; 2) l ossigeno può essere eliminato da Cu mediante lavorazione di ETP in atmosfera controllata per formare OFHC, lega C (a) La curva gamma nel diagramma di stato Fe-Cr è una soluzione solida di Fe-Cr monofase con struttura cristallina CFC che esiste tra 0 e circa 1207% Cr per temperature che vanno da 800 a 1400 C. (b) Il cromo è un elemento ferrite-stabilizzante per il ferro; come la ferrite, ha struttura CCC o ferritica e quindi allarga la regione della fase ferritica (α) e conseguentemente restringe la regione austenitica (γ) (a) Gli acciai inossidabili martensitici sono di base composti da ferro con 12-17% di cromo e % di carbonio. (b) Questi acciai sono trattabili termicamente perché il contenuto di carbonio è sufficiente per la formazione di una struttura martensitica mediante processi di austenizzazione e tempra. (c) Gli acciai inossidabili martensitici hanno minore resistenza a corrosione, ma maggiore resistenza meccanica e quindi vengono utilizzati in applicazioni come parti di macchine, alberi di pompe, bulloni e boccole, dispositivi per la chirurgia (a) Nella ghisa grigia, il contenuto di carbonio e silicio è compreso, rispettivamente, nell intervallo % e %. (b) Il contenuto di silicio relativamente elevato è necessario per favorire la formazione di grafite. (c) Le condizioni di lavorazione per colata che favoriscono la formazione di ghisa grigia sono velocità di raffreddamento moderate per la formazione di matrice perlitica e velocità di raffreddamento lente per la formazione di matrice ferritica Una matrice completamente ferritica può essere prodotta in una ghisa grigia colata mediante ricottura del ferro dopo che è stato colato; il trattamento termico permette al carbonio residuo nella matrice di precipitare sulle lamelle di grafite I livelli di fosforo e zolfo sono ridotti significativamente rispetto alla ghisa grigia (a) Come materiali per applicazioni tecnologiche, i principali vantaggi delle leghe di magnesio sono la loro leggerezza; il magnesio ha un basso valore di densità pari a 1.74 g/cm 3. (b) Le leghe di magnesio sono designate usando due lettere maiuscole seguite da due o tre numeri. Le lettere indicano i due più importanti elementi di lega, in ordine di concentrazione decrescente. Il primo e il secondo numero che seguono le lettere indicano, rispettivamente, la percentuale in peso dell elemento della prima lettera e dell elemento della seconda lettera. Se ci fosse una terza lettera che segue i numeri, questa indica una modifica della lega. (c) L alluminio e lo zinco vengono, di solito, aggiunti al magnesio per il rafforzamento per soluzione solida. (d) È difficile lavorare a freddo le leghe di magnesio perché hanno una struttura cristallina EC che ha un sistema di scorrimento molto ristretto. 6

7 (e) Torio e zirconio, che formano precipitati nel magnesio, vengono aggiunti al metallo per ottenere migliore resistenza meccanica ad alta temperatura (a) Le leghe Monel sono leghe di nichel che contengono circa 30 35% di rame. (b) Queste leghe possiedono eccellente resistenza a corrosione e sono quindi utilizzati per applicazioni soggette ad ambienti corrosivi come impianti chimici e per la lavorazione del petrolio, impianti marini, valvole, pompe e molle. (c) Ni 3 Al e Ni 3 Ti sono precipitati usati per rafforzare la lega Monel K (a) I composti intermetallici sono composti di due metalli generalmente stechiometrici. La stechiometria può essere persa quando avvengono alcune sostituzioni. Esempi, tra gli altri, sono Ni3Al, Ti3Al e NiTi. (b) Alcune applicazioni strutturali sono pistoni, parti di aereomobili, parti di fornaci, applicazioni magnetiche, applicazioni biomediche (stent cardiaci). (c) Le densità dei composti intermetallici sono basse a confronto di altri materiali ad alta temperatura. (d) Il principale svantaggio è la fragilità. (e) L alluminio può aiutare a proteggere la lega dalla corrosione (a) I metalli amorfi hanno una struttura non cristallina o vetrosa. (b) Sono prodotti mediante rapido raffreddamento/solidificazione di metalli fusi (non c è il tempo per permettere la cristallizzazione) (c) Molto duri, alta stabilità dimensionale durante la solidificazione (basso o nullo ritiro), elevato limite di deformazione elastica. Sono impiegati per applicazioni nell attrezzatura sportiva. (d) Lo svantaggio con i metalli è che sono metastabili (ritorno a cristallini se la temperatura aumenta sufficientemente). Problemi di applicazioni e analisi 9.25 I valori di durezza per l acciaio 1.2% in peso C in condizioni sferoidale, perlitica e martensitica sono circa pari a 9 HRC, 27 HRC e HRC, rispettivamente. Chiaramente, la struttura martensitica porta all acciaio pià duro seguito dall acciaio perlitico e da quello sferoidale. Per capire la ragione di queste differenze nella durezza, si confronti la microstruttura sferoidale (Figura 9.31), perlitica (Figura 9.12) e martensitica (Figura 9.14). Le dislocazioni possono muoversi più liberamente nella struttura sferoidale, quindi questa è la lega più deformabile. La martensite ha i microcostituenti maggiormente orientate in modo casuale e resiste ai movimenti delle dislocazioni, quindi è il metallo più duro. La perlite resiste al movimento delle dislocazioni meno che la martensite, ma più della sferoidale L esame di Figura 9.25 mostra che non importa come si raffredda rapidamente l acciaio ipoeutettoide, il percorso di raffreddamento attraversa una regione in cui si produrranno ferrite e cementite. Si confronti Figura 9.25 con Figura 9.23 e si noterà che la curva ad S in Figura 9.25 si è spostata a sinistra. Questo indica che anche sotto rapido raffreddamento, alcune porzioni di austenite si trasformano in ferrite e cementite. 7

8 9.27 Si può raggiungere un raffinamento dei grani senza significativa perdita di duttilità riscaldando il componente nella regione austenitica e poi raffreddandolo in aria ferma. Questo processo è detto normalizzazione Quando si forma martensite, gli atomi di carbonio vengono intrappolati nella struttura atomica del ferro (TCC). Quando la martensite è rinvenuta, molti degli atomi di carbonio intrappolati lasciano il reticolo del ferro e formano una seconda fase (Fe 3 C). Questo indebolirà la martensite. Quando la temperatura di rinvenimento aumenta, una porzione maggiore di questi atomi di carbonio lasciano la struttura TCC per formare Fe 3 C e quindi il metallo diventa più debole Se ci vuole molto tempo perché l austenite si decomponga in ferrite e bainite, questo significa che la curva S si sposta verso destra (vedi sotto). Questo permette velocità di raffreddamento minori per formare la martensite nell acciaio Si confrontino le pendenze delle due linee tratteggiate. curva S per acciaio al carbonio eutettoide curva S per 4340 velocità di raffreddamento per formare martensite nell acciaio al carbonio B+A F+B+A velocità di raffreddamento per formare martensite nell acciaio 4340 Problemi di sintesi e di valutazione 9.30 I componenti per le sospensioni delle automobili devono essere prodotti con materiali che siano resistenti, tenaci e resistenti a fatica. Il materiale deve anche avere buone caratteristiche di colata dal momento che i componenti delle sospensioni sono per la maggior parte prodotti utilizzando la colata. La ghisa duttile è resistente (827 MPa UTS), tenace, induribili e duttile ( 2%). Comunque, la sua alta densità e la limitata duttilità potrebbe sollevare uno svantaggio per questa applicazione. Parti complesse possono essere prodotte facilmente da questo metallo utilizzando il processo di colata. La lega di alluminio 7075 T6 è anche resistente (503 MPa), ma non come la ghisa (Q&T). Ha migliore duttilità ( 8&) ed eccellente resistenza a fatica. È anche più leggera (minore densità) della ghisa Entrambe queste leghe di alluminio sono trattabili termicamente ad alti valori di resistenza meccanica ( MPa UTS; MPa UTS). Entrambe hanno eccellente resistenza a fatica che è cruciale per applicazioni nella struttura di aerei. Le leghe (leghe Al) sono leggere, altra caratteristica cruciale. È molto facile produrre lastre di differenti spessori da queste leghe utilizzando processi di laminazione. 8

9 L unico svantaggio è che queste leghe sono suscettibili di corrosione in un ambiente nel quale è presente sale (NaCl). Quindi, devono essere fatti regolari controlli per la corrosione A più basse temperature (per invecchiamento), solamente piccole quantità di energia di attivazione sono disponibili. Sotto queste condizioni, la decomposizione spontanea della soluzione solida supersatura non avviene. Invece, le zone di precipitazione si formeranno. Sono richieste temperature di invecchiamento maggiori per produrre il precipitato di equilibrio (a) NiAl è un composto intermetallico (vedi Capitolo 8 per il diagramma di stato). Si noti in figura che l intermetallo non è rappresentato da una linea verticale (non è stechiometrico), ma da un ampia regione tra 64 e 76% in peso di Ni. Questo indica che avvengono alcune sostituzioni tra Ni e Al. Ci si aspetta che il legame tra Al e Ni sia misto tra metallico e covalente. (b) Riferendosi ai valori di elettronegatività per Al e Ni (Capitolo 2), si noti che sono molto vicini: 1.5 e 1.8, rispettivamente. Questo supporta il fatto che ci sarà un legame covalente I bulloni e le vite devono essere realizzati con materiali che hanno elevata resistenza meccanica (per evitare il fallimento), elevato modulo di elasticità (per permettere alti pre-carichi senza snervamento), resistere a fatica (specialmente in applicazioni che coinvolgono carico e scarico) anche in presenza di filettatura, essere economici, facili da produrre. Gli acciai soddisfano tutti questi requisiti. Per evitare la corrosione, può essere applicato un rivestimento di protezione Ruote di automobile diminuire il peso (da acciaio a alluminio) Scocca di automobile diminuire il peso e migliorare l estetica (da acciaio a alluminio) Blocco del motore diminuire il peso, proteggere contro la corrosione (da ghisa a alluminio) Biciclette diminuire il peso e proteggere contro la corrosione (da acciaio a alluminio) Pistoni di automobile diminuire il peso e proteggere contro la corrosione (da acciaio a alluminio) Scambiatori di calore proteggere contro la corrosione Il maggiore svantaggio con le leghe di alluminio rispetto all acciaio è la poca saldabilità. La bassa saldabilità è dovuta all alta conducibilità termica e alla bassa temperatura di fusione (a) durezza 66 HRC: temprare il componente a velocità molto rapida (raffreddare da 900 C a 100 C in meno di un secondo). Questo permetterà la formazione di una microstruttura completamente martensitica con durezza 66 RC. (b) durezza 44 HRC: raffreddare a 400 C e mantenere questa temperatura per secondi. Raffreddare a temperatura ambiente. Il risultato è una struttura bainitica. (c) durezza 5 HRC: raffreddare a 700 C e mantenere questa temperatura per un ora. Raffreddare a temperatura ambiente. Il risultato è una microstruttura perlitica grossolana. 9

Trattamenti termici dei metalli

Trattamenti termici dei metalli Trattamenti termici dei metalli TRATTAMENTI TERMICI Trasformazioni di fase: termodinamica vs cinetica Trattamenti che portano le leghe verso le condizioni di equilibrio (es: ricottura) Trattamenti che

Dettagli

NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione

NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione Indice : 1. INTRODUZIONE p. 1 2. FASI e COSTITUENTI STRUTTURALI p. 3 3. PUNTI CRITICI p. 4 4. TRATTAMENTI TERMICI MASSIVI p. 5 0

Dettagli

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Manuele Dabalà Dip. Ingegneria Industriale Università di Padova Introduzione Cos è l acciaio? Norma UNI EN 10020/01 Materiale il cui tenore

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

Materiali per alte temperature

Materiali per alte temperature Materiali per alte temperature Prof. Barbara Rivolta Dipartimento di Meccanica Politecnico di Milano 14 Novembre 2013, Lecco Fenomeni metallurgici ad alta temperatura 2 Fenomeni meccanici: sovrasollecitazioni

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino. Diagrammi di stato

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino. Diagrammi di stato Diagrammi di stato Introduzione Fase: regione in un materiale che è diversa per struttura e funzione da altre regioni. Diagramma di stato: rappresenta le fasi presenti nel metallo in diverse condizioni

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI 1. TEMPRA La tempra diretta: TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI - Aumenta la durezza degli acciai - Conferisce agli acciai la struttura denominata MARTENSITE (soluzione solida interstiziale sovrassatura

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

Mtll Metallurgia Acciai e ghise

Mtll Metallurgia Acciai e ghise Acciai e ghise Mtll Metallurgia Acciai e ghise Prof. Studio: piano terra Facoltà di Ingegneria, stanza 25 Orario di ricevimento: i Mercoledì 14.00-16.00 Tel. 07762993681 E-mail: iacoviello@unicas.itit

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE

TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE Tenendo conto che le ghise hanno le stesse strutture degli acciai (perlite, cementite, ferrite), anche su di esse é possibile effettuare trattamenti termici. In particolare

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

3.6 DIAGRAMMI DI TRASFORMAZIONE CON RAFFREDDAMENTO CONTINUO

3.6 DIAGRAMMI DI TRASFORMAZIONE CON RAFFREDDAMENTO CONTINUO 3.6 DIAGRAMMI DI TRASFORMAZIONE CON RAFFREDDAMENTO CONTINUO I trattamenti termici isotermi non sono i più pratici da effettuare, infatti essi prevedono che una lega debba essere raffreddata rapidamente

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

Indice. 1.1 Introduzione 3 1.2 Sistema Internazionale delle unità di misura 4

Indice. 1.1 Introduzione 3 1.2 Sistema Internazionale delle unità di misura 4 Indice Prefazione alla terza edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice dei simboli Indice delle abbreviazioni Tavola periodica degli elementi XI XIII XV XVII XXI XXII

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Leghe non ferrose Chimica Applicata Prof. Cristiano Nicolella Leghe non ferrose Minerali di alluminio L alluminio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta

Dettagli

Classificazione acciai

Classificazione acciai Leghe ferrose Classificazione acciai Acciai al Carbonio: Fe + C (%C da 0,06% a 2,06 %) High Strengh Low Alloy (HSLA): contengono 0.2% di C, 1.5% Mn e piccoli tenori di Si, Cu, V, Nb), sono prodotti con

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO TRATTAMENTI TERMICI IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE DELLE SUE CARATTERISTICHE MECCANICHE: RESISTENZA DEFORMABILITA

Dettagli

Gli Acciai Inossidabili

Gli Acciai Inossidabili Gli Acciai Inossidabili Bibliografia: Metals Handbook, vol. 1, IX ed. Gli acciai inossidabili G. Di Caprio Bib. Tec. Hoepli UNI-Euronorm Inossidabile? La resistenza alla corrosione degli acciai è funzione

Dettagli

Acciai inossidabili e corrosione

Acciai inossidabili e corrosione Acciai inossidabili e corrosione (terza parte - versione novembre 2003) Appunti ad esclusivo uso interno ITIS VARESE - specializzazione meccanici. Bibliografia W. Nicodemi - METALLURGIA MASSON ITALIA EDITORI

Dettagli

Alluminio e sue leghe

Alluminio e sue leghe Alluminio e sue leghe Proprietà dell alluminio puro Basso peso specifico Elevata conducibilità eletrica Buona resistenza alla corrosione Scarse caratteristiche meccaniche L alligazione dell alluminio ne

Dettagli

CURVE DI BAIN. Curve di Bain TTT per un acciaio eutettoide

CURVE DI BAIN. Curve di Bain TTT per un acciaio eutettoide CURVE DI BAIN Le strutture che appaiono nel diagramma Fe-C sono ottenute in seguito a raffreddamenti molto lenti. Quando i raffreddamenti sono di tipo diverso, si ottengono via via strutture non previste

Dettagli

Effetto di elementi alliganti in Fe-C

Effetto di elementi alliganti in Fe-C Effetto di elementi alliganti in Fe-C A: austenitizzanti (gammogeni), Ni, Co, Mn, C, N B: ferritizzanti (alfogeni), Cr, Mo, V, W, Ta, Si, P, La solubilità può essere limitata (B, P, S, Cu, Pb,,..) Effetto

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

ACCIAI. Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche

ACCIAI. Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche ACCIAI m4 Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche CLASSIFICAZIONI LEGHE FERROSE NORMAZIONE SCOPO : STABILIRE LE CONDIZIONI TECNICHE PER LO SCAMBIO DI PRODOTTI E DI SERVIZI

Dettagli

Trattamenti termici degli acciai al carbonio

Trattamenti termici degli acciai al carbonio Trattamenti termici Il trattamento termico è una lavorazione attuata mediante un ciclo termico, su un metallo o una sua lega, allo stato solido, al fine di variarne le proprietà e renderle adatte alla

Dettagli

METALLI - Acciai e Ghise. Metalli

METALLI - Acciai e Ghise. Metalli METALLI - Acciai e Ghise 1 Metalli 2 Metalli Da W.F. Smith Sscienza e tecnologia dei materiali, McGraw-Hill. 3 Leghe Metalliche 4 Leghe Metalliche 5 Leghe Metalliche 6 Leghe Metalliche 7 Leghe Metalliche

Dettagli

Lezione 11 Trattamenti termici

Lezione 11 Trattamenti termici Lezione 11 Gerardus Janszen Dipartimento di Tel 02 2399 8366 janszen@aero.polimi.it . IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE

Dettagli

Il Ferro puro. Densità ρ (20 C): 7870 kg/m 3 R m = 180-290 MPa R e = 100-170 MPa A% = 40-50% Z = 80-95% HB = 45-55 E = 210 GPa

Il Ferro puro. Densità ρ (20 C): 7870 kg/m 3 R m = 180-290 MPa R e = 100-170 MPa A% = 40-50% Z = 80-95% HB = 45-55 E = 210 GPa Il Ferro puro Densità ρ (20 C): 7870 kg/m 3 R m = 180-290 MPa R e = 100-170 MPa A% = 40-50% Z = 80-95% HB = 45-55 E = 210 GPa Oltre alla fusione, il ferro presenta due trasformazioni di fase allo stato

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

4 TRATTAMENTI TERMICI DEI MATERIALI FERROSI

4 TRATTAMENTI TERMICI DEI MATERIALI FERROSI 4 TRATTAMENTI TERMICI DEI MATERIALI FERROSI 4.2 Curve di raffreddamento 4.2.1 Curve TTT (temperatura, tempo, trasformazione) I cicli termici Il diagramma TTT relativo a un generico acciaio ipoeutettoide

Dettagli

Capitolo quinto ACCIAI DA BONIFICA

Capitolo quinto ACCIAI DA BONIFICA Capitolo quinto ACCIAI DA BONIFICA Il termine italiano bonifica trova corrispondenza soltanto nella lingua tedesca nel termine vergütun, mentre nella lingua anglosassone e francese corrisponde rispettivamente

Dettagli

Trattamenti di miglioramento

Trattamenti di miglioramento Trattamenti di miglioramento Trattamenti a freddo Martellamento Laminazione Trattamenti a caldo Tempra Rinvenimento Bonifica Ricottura Normalizzazione Carbocementazione Nitrurazione Trattamenti termici

Dettagli

DEFINIZIONE Leghe ferro-cromo o ferro-cromo-nichel la cui caratteristica principale è la resistenza alla corrosione, dovuta alla proprietà di passivarsi in condizioni ossidanti. 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

Lezione 21 Materiali di impiego aeronautico e loro trattamenti

Lezione 21 Materiali di impiego aeronautico e loro trattamenti di impiego aeronautico e loro trattamenti Giuseppe Quaranta giuseppe.quaranta@polimi.it Forze che agiscono sul velivolo Portanza Trazione Resistenza Ambiente Operativo Peso Argomenti del corso Aerodinamica

Dettagli

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe TCNGA e DSGN Modulo C Unità 2 Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe 1 Modulo C Unità 2 RRTÀ CARATTRSTC D MATRA 2 a tecnologia è la scienza che studia i materiali, la composizione, le caratteristiche,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI

MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI - Durezza a freddo (elementi di lega, trattamenti termici ) - Durezza a caldo (alte velocità di taglio) - Tenacità (frese, taglio interrotto ) - Resistenza

Dettagli

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI ferrosi Ghise/acciai metalli pesanti non ferrosi leggeri ultraleggeri I materiali metallici MATERIALI METALLICI FERROSI

Dettagli

Processi di fusione e colata, parte III. Stampi permanenti Trattamenti termici

Processi di fusione e colata, parte III. Stampi permanenti Trattamenti termici Processi di fusione e colata, parte III Stampi permanenti Trattamenti termici Colata in stampi permanenti: generalità Gli stampi permanenti sono progettati in modo che il pezzo venga estratto facilmente

Dettagli

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 1.3 BACCHETTE CASTOTIG 1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 45507W Ø 1.0-1.2-1.6-2.0 Bacchetta TIG per riparazione e ricarica di acciai, unione di acciai dissimili,

Dettagli

Proprietà meccaniche. Prove meccaniche. prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep

Proprietà meccaniche. Prove meccaniche. prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep Proprietà meccaniche Prove meccaniche prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep Prova di trazione provini di dimensione standard deformazione

Dettagli

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI DAI PROVINI AI COMPONENTI Vi sono molti fattori che influenzano la resistenza a fatica; fra i fattori che riguardano il componente hanno particolare importanza: le dimensioni (C S ) la presenza di intagli

Dettagli

- - - - - - - - - - RISPOSTE BREVI 2 QUADRIMESTRE - - - - - - - - -

- - - - - - - - - - RISPOSTE BREVI 2 QUADRIMESTRE - - - - - - - - - 1 di 8 05/03/2014 15:40 - - - - - - - - - - RISPOSTE BREVI 2 QUADRIMESTRE - - - - - - - - - T3. Tempra martensitica + tempra differita martensitica e tempra bainitica T4. Rinvenimento e bonifica T5. Carbocementazione

Dettagli

GLOSSARIO DI METALLURGIA

GLOSSARIO DI METALLURGIA GLOSSARIO DI METALLURGIA ACCIAIO AL CARBONIO. Acciaio costituito essenzialmente da ferro e carbonio senza altri elementi intenzionalmente aggiunti. ADDOLCIMENTO PER INVECCHIAMENTO. Spontanea diminuzione

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2343 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare

Dettagli

SVILUPPI DEI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DI DIFFUSIONE DA FASE GAS MEDIANTE CARATTERIZZAZIONE SUPERFICIALE GDOES

SVILUPPI DEI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DI DIFFUSIONE DA FASE GAS MEDIANTE CARATTERIZZAZIONE SUPERFICIALE GDOES SVILUPPI DEI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DI DIFFUSIONE DA FASE GAS MEDIANTE CARATTERIZZAZIONE SUPERFICIALE GDOES Salsomaggiore Terme 6 Maggio 2009 20 Convegno Nazionale dei Trattamenti Termici Gianluca Mancuso

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 4

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 4 TECNOLOGIA MECCANICA Parte 4 Stru%ura dei materiali metallici Il legame metallico Il legame metallico Stru%ura dei materiali metallici Il legame metallico Legame ad elettroni delocalizzati Stru%ura Cristallina

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2329 è un acciaio legato progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare a temperature elevate. I

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DI CEMENTAZIONE E TEMPRA

TRATTAMENTI TERMICI DI CEMENTAZIONE E TEMPRA POLITECNICO DI TORINO Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica TESI DI LAUREA TRATTAMENTI TERMICI DI CEMENTAZIONE E TEMPRA Relatore: prof. Mario Rosso Candidato: Fabrizio Milanolo,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

CAPITOLO 6 GLI ACCIAI. Sinossi N

CAPITOLO 6 GLI ACCIAI. Sinossi N CAPITOLO 6 GLI ACCIAI Sinossi N el Capitolo 4 è stato presentato il diagramma di fase del sistema Fe-Fe 3 C, rappresentativo degli acciai al carbonio (Fig.4.23 e 4.25); nello stesso capitolo sono stati

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Mtll Metallurgia Trattamenti termici

Mtll Metallurgia Trattamenti termici Trattamenti termici Mtll Metallurgia Trattamenti termici Prof. Studio: piano terra Facoltà di Ingegneria, stanza 25 Orario di ricevimento: i Mercoledì 14.00-16.00 Tel. fax 07762993681 E-mail: iacoviello@unicas.itit

Dettagli

Analisi dell'acciaio. Contenuto di carbonio. Contenuto di elementi di lega. Quantità di carburi. Finezza e omogeneità dei carburi

Analisi dell'acciaio. Contenuto di carbonio. Contenuto di elementi di lega. Quantità di carburi. Finezza e omogeneità dei carburi GENERALITÀ Per ottenere le caratteristiche meccaniche su un acciaio dato, con un buon compromesso tra la resistenza e la tenacità, è indispensabile ottimizzare la sua struttura metallurgica così come la

Dettagli

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA ITST J.F. KENNEDY - PN Disciplina: TECNOLOGIA MECCANICA Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA A cura di Prof. Antonio Screti LA COSTITUZIONE DELLA MATERIA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI METALLICI Le caratteristiche

Dettagli

STRUTTURA DEI METALLI

STRUTTURA DEI METALLI STRUTTURA DEI METALLI Durante la solidificazione di un metallo liquido si formano progressivamente in tutta la massa i grani cristallini affiancati. GRANI CRISTALLINI I grani sono visibili con un microscopio

Dettagli

Die-casting Steel Solution

Die-casting Steel Solution Die-casting Steel Solution for Corrado Patriarchi 1 Acciai da utensili destinati alla deformazione a caldo di metalli e le loro leghe mediante procedimenti di stampaggio, estrusione, pressofusione. Vengono

Dettagli

Gli acciai inossidabili

Gli acciai inossidabili Gli acciai inossidabili Gli acciai inossidabili sono delle leghe a base di ferro, di cromo e di carbonio ed anche di altri elementi quali il nichel, il molibdeno, il silicio, il titanio, che li rendono

Dettagli

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio Materiali delle punte elicoidali Processi produttivi delle punte elicoidali Standard normativi Tipologia di affilatura Rivestimenti superficiali degli utensili Durezze Rockwell e Vickers Classificazione

Dettagli

DIAGRAMMI STATO E MATERIALI (PAG 61 DEL LIBRO DI TESTO)

DIAGRAMMI STATO E MATERIALI (PAG 61 DEL LIBRO DI TESTO) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. MARCONI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI CLASSE 3ACH DIAGRAMMI STATO E MATERIALI (PAG 61 DEL LIBRO DI TESTO) Prof. Roberto Riguzzi 1 DEFINIZIONI: Sistema: porzione di materia

Dettagli

Studio dei trattamenti termici per acciai speciali

Studio dei trattamenti termici per acciai speciali Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in ingegneria dei materiali Studio dei trattamenti termici per acciai speciali Relatore: Ing. Marcello Gelfi Correlatore: Ing. Annalisa

Dettagli

Leghe Ferro-Carbonio Acciaio e Ghisa

Leghe Ferro-Carbonio Acciaio e Ghisa Istituto Istruzione Superiore G. Boris Giuliano" Via Carducci, 13-94015 Piazza Armerina (En) Corso di Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Anno scolastico 2015-2016 Docente: Leghe Ferro-Carbonio Acciaio

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

CAPITOLO 14 Corrosione e protezione dei materiali ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 14 Corrosione e protezione dei materiali ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 14 Corrosione e protezione dei materiali ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 14.1 Un potenziale standard di ossidoriduzione è il potenziale elettrico (tensione)

Dettagli

CURVE TRATTAMENTI TERMICI

CURVE TRATTAMENTI TERMICI CURVE TRATTAMENTI TERMICI GENERALITÀ - Per conferire all'acciaio determinate caratteristiche in funzione del suo utilizzo finale si ricorre ai trattamenti termici. Di seguito trovate alcune note sui trattamenti

Dettagli

ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1

ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1 asdf ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 11 November 2011 Con questo articolo proviamo ad effettuare un breve excursus nel "mondo" dell'alluminio, analizzandone alcuni degli aspetti

Dettagli

Metalli. Punti di ebollizione e di fusione molto alti. Alta densità. Non solubilità. Legami non direzionati. Malleabile. Opacità e lucentezza

Metalli. Punti di ebollizione e di fusione molto alti. Alta densità. Non solubilità. Legami non direzionati. Malleabile. Opacità e lucentezza Metalli Il legame metallico può essere rappresentato da un reticolo di ioni positivi immersi in elettroni delocalizzati liberi di muoversi all interno del reticolo Gli elettroni, carichi negativamente,

Dettagli

Acciai inossidabili. Trattamenti termici:

Acciai inossidabili. Trattamenti termici: Acciai inossidabili L aggiunta di Cromo in percentuale superiore all 11% rende l acciaio non più ossidabile. Praticamente non si scende al di sotto del 12-13% per gli acciai di corrente impiego. L inossidabilità

Dettagli

I CRITERI DI SCELTA E DI TRATTAMENTO DEGLI ACCIAI DA COSTRUZIONE E DA UTENSILI di Cibaldi Dr. Cesare

I CRITERI DI SCELTA E DI TRATTAMENTO DEGLI ACCIAI DA COSTRUZIONE E DA UTENSILI di Cibaldi Dr. Cesare di Cibaldi Dr. Cesare METALLURGIA DI BASE Volume I edito da AQM SRL Volume II (Parte Prima) Il primo volume della nuova collana I criteri di scelta e di trattamenti degli acciai da costruzione e da utensili.

Dettagli

Processi di fusione e colata, parte I

Processi di fusione e colata, parte I Processi di fusione e colata, parte I Solidificazione dei metalli Strutture da solidificazione Calore e flussi Pratica della fusione e forni Leghe da getto Processi di colata (metalli) Il processo di colata

Dettagli

Argomenti trattati. Acciai per uso strutturale:

Argomenti trattati. Acciai per uso strutturale: Argomenti trattati Acciai per uso strutturale: Tipologie di acciai utilizzati in edilizia Processi produttivi Caratterizzazione degli acciai da costruzione Controlli di accettazione in cantiere Tipi di

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7 TECNOLOGIA MECCANICA Parte 7 La principale differenza è legata alle forme che sono generalmente faae in leghe metalliche (acciai legac) in modo da essere uclizzate per un numero elevato di geg. Si uclizzano

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

RAME: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1

RAME: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1 asdf RAME: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 17 November 2011 Proprietà e caratteristiche generali Il rame è innanzitutto un metallo, dal colore marrone - rossastro. Ha trovato un impiego

Dettagli

TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE

TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE Le trasformazioni termodinamiche sono le modificazioni della materia di natura chimica o fisica, reversibili o irreversibili, prodotte da una variazione di temperatura. Le

Dettagli

Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro)

Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro) Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro) E dipendente dalla temperatura:capacità di riposizionamento di difetti ed atomi (diffusione

Dettagli

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro Materiali, Sviluppo, Soluzioni Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro H.C. Starck, Molibdeno Materiali come il molibdeno e il tungsteno, sono vitali per le applicazioni di fusione, omogeneizzazione

Dettagli

Gli acciai inossidabili:

Gli acciai inossidabili: XVII corso di Tecnologia per Tecnici Cartari edizione 2009/2010 Gli acciai inossidabili: tipologie, caratteristiche ed impieghi di Ghibellini Michele Scuola Interregionale di tecnologia per tecnici Cartari

Dettagli

Designazione alfanumerica. (GRUPPO 1) Acciai designati in base al loro impiego ed alle loro caratteristiche meccaniche o fisiche

Designazione alfanumerica. (GRUPPO 1) Acciai designati in base al loro impiego ed alle loro caratteristiche meccaniche o fisiche DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI SECONDO UNI EN 10027 La tabella UNI EN 10027 1 (sostituisce la UNI EU 27) definisce la designazione alfanumerica degli acciai. La tabella UNI EN 10027 2 definisce la designazione

Dettagli

FABBRICAZIONE DEGLI ACCIAI

FABBRICAZIONE DEGLI ACCIAI FABBRICAZIONE DEGLI ACCIAI La ghisa madre prodotta con l Alto Forno è la materia base di partenza per la fabbricazione dell acciaio. Utilizzando particolari forni (detti convertitori ) si determina di

Dettagli

L acciaio ESR per lavorazione a caldo

L acciaio ESR per lavorazione a caldo L acciaio ESR per lavorazione a caldo Generalità EskyLos 2367 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono

Dettagli

TEMPRA IPER DRASTICA IN ACQUA DI ACCIAI LEGATI SENZA ROTTURE E DEFORMAZIONI. Gianotti Elio. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti Rivoli (Torino).

TEMPRA IPER DRASTICA IN ACQUA DI ACCIAI LEGATI SENZA ROTTURE E DEFORMAZIONI. Gianotti Elio. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti Rivoli (Torino). TEMPRA IPER DRASTICA IN ACQUA DI ACCIAI LEGATI SENZA ROTTURE E DEFORMAZIONI Gianotti Elio. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti Rivoli (Torino). Introduzione Nell ormai lontano 1930, Bain mise a punto

Dettagli

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Funzioni PROGETTAZIONE Specifiche Materie prime / Componenti PRODUZIONE Prodotto DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Progettazione del componente: materiale macro geometria micro geometria

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

Il giunto saldato: microstruttura e principali difetti. G.M. La Vecchia Università di Brescia Dipartimento di Ingegneria Meccanica

Il giunto saldato: microstruttura e principali difetti. G.M. La Vecchia Università di Brescia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Il giunto saldato: microstruttura e principali difetti G.M. La Vecchia Università di Brescia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Definizione di saldatura e di saldabilità Saldatura: Unione permanente

Dettagli

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale).

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale). I FORNI FUSORI La fusione avviene in appositi forni fusori che hanno la funzione di fornire alla carica la quantità di calore necessaria per fonderlo e surriscaldarlo (cioè portarlo ad una temperatura

Dettagli

Norma di riferimento EN 10297-1 Tubi in acciaio. tolleranze ristrette per impieghi meccanici

Norma di riferimento EN 10297-1 Tubi in acciaio. tolleranze ristrette per impieghi meccanici TAM Plus TAM Plus Norma di riferimento EN 10297-1 Tubi in acciaio senza saldatura ad elevata lavorabilità (HL) e tolleranze ristrette per impieghi meccanici TAM Plus è la gamma di tubi meccanici laminati

Dettagli

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo diverse metodologie. 1 La tempra termica (o fisica) si basa

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

--- durezza --- trazione -- resilienza

--- durezza --- trazione -- resilienza Proprietà meccaniche Necessità di conoscere il comportamento meccanico di un certo componente di una certa forma in una certa applicazione prove di laboratorio analisi del comportamento del componente

Dettagli

L acciaio inossidabile per lo stampaggio della plastica

L acciaio inossidabile per lo stampaggio della plastica L acciaio inossidabile per lo stampaggio della plastica Generalità KeyLos 2316 è un acciaio inossidabile martensitico, resistente alla corrosione, prodotto secondo la tecnologia "super clean" che assicura

Dettagli

1.2436 (X210CrW12) 1.2436

1.2436 (X210CrW12) 1.2436 G1 AISI D6 Acciaio da utensili per lavorazioni a freddo adatto alla realizzazioni di utensili di taglio, piegatura, pressatura e incisione, punzoni, barre piegatrici e lame. Il 1.2436 è un acciaio ledeburitico

Dettagli

FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA

FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA 2 FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA TRATTAMENTO TERMICO LAVORAZIONI MECCANICHE LAMINAZIONE VERNICIATURA PRODUZIONE ACCIAIO MAGAZZINO L unione tra Esti e Acciaierie Venete ha dato luogo ad una nuova realtà, unica

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. NATTA - G.V. DEAMBROSIS LICEO SCIENTIFICO : OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO Settore Tecnologico: INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - INDIRIZZO MECCANICA,

Dettagli