STUDIO LEGALE SUTTI CONVEGNO ASSET MANAGEMENT FORUM 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO LEGALE SUTTI CONVEGNO ASSET MANAGEMENT FORUM 2006"

Transcript

1 CONVEGNO ASSET MANAGEMENT FORUM 2006 Regole di condotta e ruolo del promotore finanziario dopo la recente Riforma del Risparmio: nuova fiscalità e impatto dell'odierno contesto normativo. 1. I servizi finanziari: nuove figure professionali Il Sistema Bancario Italiano è ormai con tendenza consolidata negli ultimi anni sulla via del rapido cambiamento, in relazione, soprattutto, al pur se lento, processo di apoliticizzazione. Il mercato nazionale, europeo e chiaramente mondiale del sistema bancario è in continua evoluzione, non tanto per i sistemi di ramificazione dell offerta del prodotto finanziario in genere, o alla presenza sul territorio, ormai capillare, quanto invece alla necessità di creare pochi gruppi che detengono il potere del credito. Ormai le fusioni, le O.p.a. e le scalate in genere sono all ordine del giorno, dando così il via a quello che dovrebbe essere il progressivo adeguamento alle rigide regole, del mercato, dettate dalla globalizzazione. Il luogo comune del posto in banca, dopo essere stato per anni una delle sistemazioni lavorative più - 1 -

2 ambite ed invidiate, cede il passo anche nelle banche al lavoro interinale e quindi al lavoro flessibile, con quella brutale mannaia rappresentata dalla scadenza del contratto che non sempre diventerà a tempo indeterminato. Cambiano così le logiche di mercato nel sistema finanziario e di conseguenza sorgono e si sviluppano figure professionali diverse che operano nel mondo bancario. Per quanto concerne nello specifico l'oggetto dell'intervento odierno, la figura più conosciuta è verosimilmente quella del promotore finanziario che volendone tracciare per sommi capi l'identikit legato da mandato, lavora per la banca offrendo al pubblico i vari prodotti della stessa. Figura professionale sotto il controllo CONSOB ed esercitabile da chi supera l esame per l iscrizione all albo o da chi avendo determinati requisiti può iscriversi di diritto ai sensi del D.M. 472/98 ART. 4, LETT. B), C) E D), il promotore come già anticipato ha un mandato da parte degli intermediari autorizzati (banche, SIM etc) e viene da questi utilizzato per vendere servizi di consulenza al cliente. Formalmente non esiste alcun rapporto tra il promotore ed il cliente; il contratto, infatti, viene stipulato tra la banca/sim ed il cliente. Il promotore opera per conto dell'intermediario senza - 2 -

3 però avere potere di rappresentanza. Il promotore non è in alcun modo autorizzato a consegnare al cliente documenti che non siano elaborati dalla società. E' opportuno, prima di tracciare il quadro sulla figura del promotore finanziario, fare brevi cenni ad altre tre figure professionali che negli ultimi tempi hanno trovato uno sviluppo significativo: il consulente finanziario, l introducing broker e il mediatore creditizio. La prima di queste tre nuove figure professionali si distingue da quella del promotore finanziario innanzi tutto per la sua indipendenza; il consulente finanziario infatti trova la propria collocazione normativa nel contratto d opera ex art del Codice Civile, ed in particolare si inquadra nella categoria dei prestatori d'opera intellettuale,così come disciplinati dagli articoli 2229 e seguenti del Codice Civile. Non si tratta quindi di un agente monomandatario che opera per conto di un intermediario e la retribuzione è a carico del cliente con onorario e non con una commissione e/o provvigione. Questo permette al consulente finanziario di non essere legato alla collocazione di un determinato prodotto, ma, essenzialmente, di inquadrare le esigenze del cliente e non di collocare, di consigliare quindi l investimento migliore, fermo restando che il - 3 -

4 consulente finanziario può svolgere attività di consulenza sugli investimenti senza però superare il limite stabilito con riguardo ai servizi d investimento che la legge prevede per gli intermediari autorizzati, come: raccolta ordini, negoziazione titoli, mediazione, sollecitazione al pubblico risparmio etc. (riferimenti normativi : Direttiva 93/22/CE del 10 maggio 1993 relativa ai servizi di investimento in valori mobiliari, meglio nota come Eurosim; D.Lgs. 23 luglio 1996 n. 415 c.d. decreto Eurosim e concluso con l'entrata in vigore del T.U.I.F. - Testo Unico della Finanza ossia D.Lgs. n.58/1998). La CONSOB stessa si è espressa in merito all'attività di consulenza in materia di investimenti in strumenti finanziari ribadendo il limite che la legge impone, come precedentemente spiegato, nonché ribadendo il concetto che tale attività consiste nel fornire al cliente indicazioni utili per effettuare scelte di investimento e nel consigliare le operazioni più adeguate, in relazione alla situazione economica ed agli obiettivi del cliente stesso, mantenendo la posizione di indipendenza del consulente rispetto agli investimenti consigliati e che l unica remunerazione è quella che il cliente riconosce al consulente per il servizio prestato, nell unico interesse del cliente stesso. Ergo, può svolgere attività di consulenza finanziaria, per rendere al - 4 -

5 pubblico degli investitori nei modi e nelle forme che più riterrà opportuni, sempre e comunque nel rispetto dei limiti che la legge (decreto Eurosim) impone, chiunque persona fisica o giuridica, Sim o non Sim. Altra figura invece non molto conosciuta ma con un potenziale elevato è quella dell introducing broker, innanzitutto non è indipendente e potrebbe anch essa avere problemi in relazione ad un conflitto di interesse con chi remunera tale attività di segnalazione. L introducing broker è colui che per conto di un intermediario autorizzato banca, sim, promotore e così via, pur non essendo iscritto all albo dei promotori finanziari svolge attività di segnalazione e viene per questo remunerato. Figura alquanto antica forse nel mondo del commercio, ma non molto usata ancora nel sistema bancario italiano, infatti l attività dell introducing broker viene meglio esaminata e regolamentata a mezzo della Comunicazione n. DIN/ del della CONSOB. La CONSOB infatti spiega, precisa e avverte che tale figura può essere utilizzata dagli intermediari autorizzati ma sempre con l occhio vigile degli stessi, tant è che nella comunicazione su riportata vieta al produttore qualsiasi tipo di attività che sia - 5 -

6 diversa da quella di mera segnalazione. Infatti ribadisce e avverte gli intermediari autorizzati di vigilare sempre sull attività dei segnalatori soprattutto quando tale attività è remunerata in base a delle provvigioni e non ad un compenso fisso. Da ultimo, si ritiene opportuno fare brevi cenni alla figura del mediatore creditizio. L'art. 2 del D.P.R. n. 287 del definisce Mediatore creditizio colui che, professionalmente, anche se non a titolo esclusivo, ovvero abitualmente, mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari con la potenziale clientela, al fine di concedere finanziamenti sotto qualsiasi forma, senza essere legato ad alcuna delle parti da rapporti di collaborazione, dipendenza o rappresentanza. Pertanto, finalità principale del Mediatore è quella di mettere in contatto due parti potenzialmente interessate alla conclusione di un determinato "affare", mantenendo rispetto alle stesse una posizione di indipendenza, analogamente alla nozione di Mediatore contenuta nel Codice Civile all'art I Mediatori creditizi, rispetto agli altri mediatori che svolgono la propria attività in ambiti diversi da quello finanziario e creditizio, sono soggetti ad un particolare divieto previsto dalla normativa di settore che consiste nell'impossibilità di concludere contratti, - 6 -

7 nonché di effettuare qualsiasi forma di pagamento o finanziamento per conto dei soggetti (banche o intermediari finanziari) a favore dei quali essi svolgono l'attività di mediazione. Per quanto riguarda i requisiti e gli obblighi di iscrizione in un apposito Albo, l'attività di Mediatore creditizio è riservata alle persone fisiche che siano iscritte in un apposito Albo istituito presso l'ufficio Italiano Cambi (U.I.C.), sotto l'alta vigilanza del Ministro dell'economia e delle Finanze. Il D.P.R. n. 287/2000 stabilisce che qualora l'attività di mediazione creditizia sia svolta da persone giuridiche, la stessa dovrà essere esercitata per il tramite di persone fisiche che, a loro volta dovranno essere iscritte nell'apposito Albo. 2. La figura del promotore finanziario prima della L. 262/ Articoli 30 e 31 del T.U.I.F. La figura professionale del promotore finanziario è stata introdotta dal Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria (meglio conosciuto come T.U.I.F. - D.Lgs. n. 58/1998). Essa non costituisce una vera e propria novità nel mercato dell'offerta dei suddetti servizi al pubblico; possiamo infatti menzionare una precedente legge (77/1983), intitolata Vendita porta a porta di valori mobiliari, che aveva - 7 -

8 configurato anche se in modo embrionale - l'istituto in discorso. Vero è che, nel corso degli anni, ed in particolare con l adozione del c.d. Decreto Eurosim (D.Lgs 415 del 23 luglio 1996) prima, e col T.U.I.F. poi, l istituto si è venuto caratterizzando ed arricchendo di elementi nuovi. In particolare, l'articolo 31 secondo comma definisce promotore finanziario la persona fisica che, in qualità di dipendente, agente o mandatario, esercita professionalmente l'offerta fuori sede ; viene sancito il principio del c.d. monomandato, prevedendo che il promotore possa svolgere la propria attività esclusivamente nell'interesse di un solo soggetto. Sulla base di considerazioni che a suo tempo vennero svolte dalla prevalente dottrina, la figura professionale così delineata presentava tre fondamentali caratteristiche: in primis, vi era la necessità che si trattasse di persona fisica; in secundis, il requisito attinente alla necessaria professionalità nell'esercizio dell'attività medesima, che andava desunta sulla base dei criteri adottati con riferimento all'imprenditore nel sistema del diritto commerciale, ossia la stabilità, la continuità, la sistematicità dell'esercizio di una determinata attività e la sua non occasionalità. Da ultimo, l'esistenza di un contratto di agenzia o di mandato con un unico intermediario abilitato fuori sede, - 8 -

9 comunemente noto come vincolo del monomandato (peraltro, si è sempre ritenuto tale vincolo essenziale per la tutela dei conflitti di interesse e la trasparenza nei confronti della clientela). Inoltre, condizione necessaria per l'esercizio dell'attività di promotore finanziario è l'iscrizione presso l'apposito albo tenuto dalla CONSOB ai sensi dell'art. 31 quarto comma del già citato T.U.I.F. L'iscrizione è peraltro subordinata alla presenza dei requisiti di onorabilità e professionalità individuati con decreto del Ministro del Tesoro dell'11 Novembre 1998, n In tal senso, per quanto concerne il requisito della onorabilità, possono essere ricordate le ipotesi sulla base delle quali vi è perdita della onorabilità. Per sommi capi: 1) qualora si sia sottoposti a misure di prevenzione ai sensi della normativa antimafia; 2) qualora si sia condannati con sentenza irrevocabile, salvi gli effetti della riabilitazione, a a) pena detentiva per uno dei reati previsti dalle norme che disciplinano l'attività bancaria, finanziaria, mobiliare, assicurativa e dalle norme in materia di mercati e valori mobiliari, di strumenti di pagamento; b) reclusione per uno dei reati previsti dalle norme relative ai reati societari; c) reclusione per un tempo non inferiore ad un anno per - 9 -

10 un delitto contro la pubblica amministrazione, contro la fede pubblica, contro il patrimonio, contro l'ordine pubblico, contro l'economia pubblica ovvero per un delitto in materia tributaria; d) reclusione per un tempo non inferiore a due anni per un qualunque delitto non colposo; 3) qualora si sia condannati a seguito di sentenza derivante da patteggiamento per una delle pene indicate al precedente punto. Per quanto riguarda invece il requisito della professionalità, questo si risolve nella necessità che colui che intende iscriversi all'albo dei promotori finanziari tenuto dalla CONSOB abbia conseguito un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, nonché abbia superato opportuna prova valutativa indetta dalla CONSOB medesima. La verifica della professionalità non è peraltro richiesta per alcune categorie di soggetti, quali i funzionari di banca o di imprese di investimento o gli agenti di cambio. Prima che intervenisse la recente Riforma del Risparmio - L. 262/2005, di cui più diffusamente in seguito il promotore finanziario era considerato in definitiva alla stregua di una particolare modalità di esplicazione del servizio di collocamento di strumenti finanziari e servizi di investimento, la cui peculiarità era ed è ancora rappresentata dal potenziale pericolo per

11 l investitore, che viene colto di sorpresa dal promotore finanziario (figura di cui, ai sensi dell art. 31 del T.U.I.F., è obbligato a servirsi qualsiasi intermediario che intenda offrire fuori sede strumenti finanziari e servizi di investimento); il quale potenziale investitore, proprio per questo motivo, è ritenuto meritevole di particolare attenzione e tutela. E' di fatto ampio lo spettro di attività dei promotori finanziari: è riservata loro l'offerta fuori sede di strumenti finanziari e servizi di investimento, nonché la distribuzione di prodotti bancari e finanziari. Proprio l esigenza di particolare tutela nei confronti degli ignari potenziali investitori, ha indotto a suo tempo il legislatore del Testo Unico ad introdurre, nell ambito della disciplina dell offerta fuori sede, il principio del c.d. ius poenitendi. Con tale espressione si era soliti indicare il diritto, riconosciuto all investitore, di recedere, entro un termine stabilito, dal contratto concluso con l intermediario, per mezzo del promotore finanziario. L inclusione esplicita di tale diritto all interno della norma dedicata all offerta fuori sede di fatto risultava essere una novità rispetto alla normativa previgente, ivi incluso il decreto Eurosim (D. Lgs. n. 415/ 96). Per completezza, si segnala che lo

12 ius poenitendi era previsto dai commi 6, 7 e 8 dell'art. 30 del T.U.I.F. La terminologia utilizzata dal legislatore del 98 sembra limitare il diritto di recesso ai soli contratti conclusi effettivamente fuori sede. Tale interpretazione è peraltro supportata dall estensione del diritto di recesso anche ai contratti collocati a distanza ai sensi dell art. 32 T.U.I.F.. Ciò sulla base del rinvio, contenuto nell art. 32 medesimo, alle norme dettate dall art. 30 in quanto compatibili. Un altro elemento dimostrante l unificazione delle ipotesi di recesso è rappresentato dal comma settimo dell art. 30, che dispone la sanzione civilistica della nullità relativa per il caso di omessa menzione (da parte del promotore finanziario) della facoltà di recesso nei moduli o formulari sottoposti all attenzione del cliente; nullità relativa peraltro eccepibile da parte del solo investitore. Una seconda novità consiste poi nell aver allungato da cinque a sette giorni il termine per l esercizio del diritto; tale allungamento risulta in linea con le disposizioni del D. Lgs. n. 50/ 92, attuativo della direttiva 85/577/CE, riguardanti i contratti negoziati al di fuori dei locali commerciali

13 Tuttavia, le previsioni non apparivano in grado di risolvere la lunga questione, risalente già alla sopra menzionata legge n. 77/ 83, circa il momento dell effettiva conclusione del contratto, se coincidente con la sottoscrizione dell investitore o rinviato al momento di avvenuta conoscenza da parte del proponente dell avvenuta sottoscrizione. Dal momento però che la sottoscrizione rilevante per la decorrenza del termine è quella dell investitore, sembrerebbe in prima battuta preferibile riportare la conclusione del contratto a tale sottoscrizione. Successivamente, è apparso interessante osservare come il diritto di recesso, il cui termine si ribadisce inizia a decorrere dalla data della sottoscrizione del cliente, vada applicato sia alla sottoscrizione di un contratto, che quindi con essa può ritenersi concluso, sia alla sottoscrizione di una mera proposta contrattuale; comunque sia, in attesa del decorso del termine per l esercizio del diritto, dovrà comunque parlarsi di sospensione dell efficacia del contratto medesimo. Quest ultima previsione rafforza naturalmente la tutela a favore dell investitore. Peraltro, la disciplina in discorso non trova applicazione nel caso di successive operazioni costituenti esecuzione del contratto

14 originario, quali ad esempio l incremento dell investimento iniziale ovvero il passaggio dell investimento da un fondo ad un altro gestito dalla medesima Sgr. Stanti le peculiarità inerenti alla figura professionale del promotore finanziario, il legislatore del 1998 e quello successivo del 2005, che non ha stravolto in tal senso la precedente normativa ha strutturato un regime di controlli svolti dalla CONSOB ben definito. Questo regime di controlli trova la propria esplicazione normativa nell'art. 31 settimo comma del T.U.I.F., che attribuisce alla CONSOB medesima il potere di chiedere ai promotori e ai soggetti che si avvalgono di promotori la comunicazione di dati e notizie nonché la trasmissione di atti e documenti, oltre al fatto di avere la facoltà di effettuare ispezioni per la richiesta di esibizione di documenti e il compimento di atti che siano ritenuti necessari. Oltre a ciò, è utile menzionare gli articoli 55 e 196 T.U.I.F. Con la prima disposizione si concede facoltà in capo alla CONSOB di disporre in caso di necessità e di urgenza la sospensione in via cautelare del promotore dall'esercizio dell'attività per periodi variabili in funzione di gravi violazioni

15 presunte ovvero di sottoposizione del promotore a misure cautelari o a procedimento penale per un'ampia gamma di reati. Inoltre, la seconda disposizione (art. 196 del T.U.I.F.) indica le sanzioni che la CONSOB può applicare a tali operatori: seguendo un criterio di progressiva intensità di intervento, esse possono consistere nel richiamo scritto, nell'applicazione di sanzioni amministrazione pecuniarie, nella sospensione dall'albo e nella radiazione dallo stesso. Sempre per quanto riguarda il regime di controlli predisposti dal T.U.I.F. per l'attività del promotore finanziario, è bene trattare infine della previsione di responsabilità solidale in capo ai soggetti intermediari abilitati per l'attività dei promotori medesimi. Peraltro, una esposizione completa delle problematiche in oggetto non può e non deve dimenticare di focalizzare l attenzione sui rivolti pratici dell attività del promotore finanziario, in particolare quando l attività di quest ultimo sia svolta contra legem. Passando all analisi di alcune sentenze della Corte di Cassazione sul tema, ricordiamo anzitutto la decisione della Suprema Corte in data 2 aprile 2003 (n. 627) ha definito in modo chiaro i limiti dell attività del promotore finanziario il quale, in caso di

16 violazione per effetto dell art. 166 del D.Lgs. 58/1998 (T.U.F.), incorre nella pena della reclusione da sei mesi a quattro anni oltre che in quella di una multa variabile da 2066 a La fattispecie cui si è dedicata la Cassazione riguardava un soggetto, regolarmente iscritto nell albo dei promotori finanziari, il quale aveva iniziato progressivamente ad operare in proprio effettuando attività di raccolta di ingenti somme presso vari clienti risparmiatori promettendo loro investimenti con prospettive d interessi o profitti di rilevante entità. A seguito del successivo, mancato rinvenimento delle somme consegnate al promotore, i giudici del merito avevano ravvisato nel contesto il delitto di truffa aggravata. In sostanza, l autore non avrebbe svolto atti di gestione, ma soltanto di appropriazione delle ingenti somme versategli dai clienti. La sentenza emessa dai giudici della Suprema Corte afferma innanzitutto che il promotore finanziario è indicato dalla legge come la persona fisica che in qualità di dipendente, agente o mandatario esercita professionalmente l offerta fuori sede, esclusivamente nell interesse di un solo soggetto abilitato ad effettuare investimenti (banca o S.I.M.), con la conseguenza che non può agire da operatore indipendente e che eventuali attività

17 di promozione finanziaria da lui effettuate nell interesse di altri soggetti, debbono essere considerati provenienti da persona non iscritta nell albo istituito presso la CONSOB, per cui tutta l attività svolta dal promotore finanziario al di fuori o indipendentemente dal suo rapporto di monomandato deve essere considerata abusiva. Ma la particolarità dell argomento di cui all oggetto ci suggerisce di approfondire anche il tema relativo alla responsabilità solidale delle società d intermediazione immobiliare per quanto concerne i danni cagionati ai terzi dall attività illecita nel promotore finanziario. Secondo il disposto dell articolo 31 comma terzo del medesimo T.U.F. Il soggetto che conferisce l incarico è responsabile in solido dei danni arrecati a terzi dal promotore finanziario anche se tali danni siano conseguenti a responsabilità accertata in sede penale. La Corte di Cassazione ha avuto modo di occuparsi del tema con sentenza della 1 Sez. Civ. del 29 aprile 1999 n. 4299, con la quale ha identificato il fondamento della responsabilità solidale della SIM o della banca nel principio dell apparenza del diritto, riconducibile a quello più generale della tutela dell affidamento incolpevole, il quale può essere invocato in

18 tema di rappresentanza, nei confronti dell apparente rappresentato, dal terzo che abbia in buona fede contratto con persona sfornita di procura, allorché l apparente rappresentato abbia tenuto un comportamento colposo, tale da giustificare nel terzo la ragionevole convinzione che il potere di rappresentanza sia stato effettivamente e validamente conferito al rappresentante apparente. Alla teoria dell apparenza, che implica una censura a titolo di colpa sotto il profilo di avere per negligenza o imperizia contribuito a creare l apparenza di una situazione sulla cui veridicità il terzo ha incolpevolmente riposto affidamento, si contrappone quella che coglie nel suddetto art. 31 comma terzo un ipotesi di responsabilità oggettiva per il rischio di impresa (ovvero responsabilità oggettiva per fatto altrui: in tal senso cfr. Tribunale di Verona 01/03/2001), per cui gli elementi costitutivi della responsabilità dell intermediario andrebbero esclusivamente identificati nell esistenza del rapporto di preposizione non necessariamente di lavoro subordinato e nel conseguente affidamento di un incarico al promotore. Il discorso sulla responsabilità solidale della SIM o della banca è stato peraltro ripreso da una recente sentenza della Suprema Corte (1 Sez. Civ. 7 aprile 2006 n. 8229), che ha affrontato la

19 classica fattispecie classica nel senso di spesso ricorrente in tale ambito del privato che si sia rivolto ad un promotore finanziario investendo i propri risparmi e non ne abbia tratto alcun profitto per dolo di quest ultimo (nella fattispecie, appunto, il promotore, ricevute le somme, le aveva incassate senza renderne conto e volatilizzandole). La Suprema Corte, nel caso di specie, ha statuito che la responsabilità dell intermediario preponente (ossia della banca o della SIM), la quale pur sempre presuppone che il fatto illecito del promotore sia legato da un nesso di occasionalità necessaria all esercizio delle incombenze a lui facenti capo, trova la sua ragion d essere, per un verso, nel fatto che l agire del promotore è uno degli strumenti dei quali l intermediario si avvale nell organizzazione della propria impresa, traendone benefici cui è ragionevole far corrispondere i rischi; per altro verso ancora, nell esigenza di offrire una più adeguata garanzia ai destinatari delle offerte fuori sede loro rivolte dall intermediario per il tramite del promotore giacché, appunto per le caratteristiche di questo genere di offerte, più facilmente la buona fede dei clienti può essere sorpresa. Proprio tale garanzia il legislatore ha inteso rafforzare con la previsione della solidarietà ex art. 31 comma terzo del T.U.F., con un meccanismo normativo volto a

20 responsabilizzare l intermediario nei riguardi dei comportamenti di soggetti quali sono i promotori che l intermediario medesimo sceglie, nel cui interesse imprenditoriale essi operano e sui quali nessuno meglio dell intermediario è concretamente in grado di esercitare efficaci forme di controllo. Ancora: sullo stesso tema la Corte di Cassazione, con sentenza della III Sez. Civ. 22 ottobre 2004 n , ha affermato che, ai fini della sussistenza della responsabilità della società di intermediazione mobiliare per i danni arrecati a terzi dai promotori finanziari nello svolgimento delle incombenze loro affidate, è sufficiente un rapporto di necessaria occasionalità tra fatto illecito del preposto ed esercizio delle mansioni affidategli, a nulla rilevando che il comportamento del promotore abbia esorbitato il limite fissato dalla società, come si desume peraltro dallo stesso articolo 2049 del Codice Civile. - Codice di Vigilanza approvato da Assoreti (associazione nazionale delle società di collocamento di prodotti finanziari e di investimento) Ai sensi dell art. 95 delibera Consob 11522/98, di cui si dirà a breve, i promotori finanziari devono rispettare i codici di

21 autodisciplina relativi alla propria attività e a quella della categoria del soggetto abilitato per conto del quale operano. Tale previsione si combina con l art. 58 delibera Consob 11522/98, secondo il quale i codici interni di autodisciplina adottati dagli intermediari autorizzati, dalle società di gestione del risparmio e dalle SICAV, in linea con quanto previsto dal D.Lgs. 58/98, definiscono le regole di comportamento dei componenti gli organi amministrativi e di controllo, dei dipendenti, dei promotori finanziari e dei collaboratori con riferimento, tra l altro, alle procedure concernenti i rapporti con gli investitori che intendano avvalersi di procuratori o incaricati ai fini della stipulazione dei contratti o dell effettuazione di operazioni, se questi sono amministratori, sindaci, dipendenti, collaboratori e promotori finanziari degli intermediari stessi. Al fine di agevolare gli intermediari associati nell adempimento dei compiti di regolamentazione interna, previsti dalla normativa di settore, Assoreti ha redatto un codice che fornisce le "linee guida" per la stesura del codice interno di comportamento. In materia di conferimenti di incarichi e procure da parte della clientela l art. 3, co. 1, codice Assoreti prevede per i promotori finanziari, i componenti gli organi amministrativi e di controllo, i dipendenti e i collaboratori dell intermediario aderente, la

22 possibilità di accettare dai clienti procure od incarichi, anche di domiciliazione, nel rispetto delle procedure adottate per iscritto dall intermediario. L'approvazione da parte di Assoreti del sopra menzionato codice ha inoltre focalizzato l'attenzione sulla individuazione degli indicatori di possibili anomalie attrezzandosi con particolari strumenti di intervento. Una prima categoria di indicatori sono quelli che possono far presumere un'attività che non tutela gli interessi del cliente: la scelta di investimenti in cui non ci sia coerenza tra la situazione del cliente e la natura dell'operazione; la prevalenza di strumenti, prodotti o servizi che consentono livelli di provvigione elevati al Promotore; le scelte di investimenti ad alto rischio da parte di clienti che si avvalgono tutti dello stesso promotore finanziario. Inoltre, un indicatore di un'attività poco chiara sono le richieste di recesso o di riduzione concernenti polizze sulla vita, che possono far presumere una errata informazione sui contenuti dell'investimento. Una seconda categoria di segnali è quella che può far presumere, invece, comportamenti non corretti: il trasferimento di mezzi di pagamento a favore di soggetti diversi dagli intestatari del contratto; l'invio di mezzi di pagamento in caso di disinvestimento parziale o totale, a indirizzi o piazze diversi da

23 quelli indicati nel contratto; l'indicazione di indirizzi che possano far presumere che la corrispondenza non viene regolarmente ricevuta dal cliente. A questi si aggiungono l'inserimento del promotore finanziario tra gli intestatari di un contratto, anche nei casi in cui è consentito dalle norme regolamentari; la ricorrenza di uno stesso nominativo come cointestatario di più contratti con intestatari diversi; l'andamento anomalo delle commissioni percepite; la stipula di nuovi piani di investimento senza aver completato quelli precedentemente sottoscritti dagli stessi clienti. Esiste poi una serie di strumenti che possono garantire una migliore tutela del cliente a livello generale. Tra questi l'uso di interviste o sondaggi per registrare il grado di soddisfazione del risparmiatore, l'esistenza di un numero verde a disposizione del cliente e la comunicazione della situazione contabile. Volendo concludere sul punto, il Codice di comportamento dell'assoreti si propone di applicare i principi di correttezza e buona fede a tutela sia della reputazione dei singoli soggetti che offrono servizi d'investimento fuori sede, sia della loro clientela. Si noti tuttavia come esso non conferisca di per sé diritti alla clientela stessa sulla base dell'articolo 2, ultimo comma ( Il presente Codice di natura meramente deontologica disciplina i rapporti fra le Associate e fra queste e i Promotori

24 Finanziari e non interferisce in alcun modo nei rapporti intercorrenti fra le Associate e la loro clientela. Pertanto, nessun diritto o pretesa della clientela può essere fondata sulla inosservanza di una norma del presente Codice ). Il Codice dell'assoreti mira a stimolare un controllo efficace da parte delle imprese associate sull'operato dei promotori finanziari, configurando, oltre ad un obbligo di vigilanza sui promotori di cui all'art. 11 ( Fermo quanto previsto nella Sezione II e nella presente Sezione del Codice, le Associate esercitano un potere di vigilanza e controllo sui Promotori Finanziari al fine di prevenire la violazione degli obblighi di condotta previsti dal Codice, senza con ciò incidere nella sfera di autonomia professionale dei medesimi ), anche una corresponsabilità delle prime, nei confronti dell'associazione, per l'operato dei promotori che abbiano violato il Codice stesso, ogni qualvolta l'impresa associata si sia obiettivamente e consapevolmente avvantaggiata, anche se non in termini di immediato beneficio economico, dalla condotta del suo promotore o del terzo che abbia collaborato con il promotore (art. 4). Sotto questo aspetto il Codice approvato da Assoreti trova rispondenza nel codice deontologico di autodisciplina dell'anasf (Associazione

settembre 2005 Cenni normativi sulla figura dell Introducing broker

settembre 2005 Cenni normativi sulla figura dell Introducing broker settembre 2005 Cenni normativi sulla figura dell Introducing broker,anche in relazione a quelle del promotore finanziario e del consulente finanziario indipendente, di Onofrio Musco - Studio Legale Campanale

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni D.L.vo 1 agosto 2003, n.274.attuazione della direttiva 2001/107/CE e 2001/108/CE, che modificano la direttiva 85/611/CEE in materia di coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001 1. Premessa La realtà del settore finanziario ha registrato, in particolare negli ultimi anni, una chiara trasformazione della figura del promotore finanziario. Questi infatti, superando l originario ruolo

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA L esercizio dei servizi di investimento: riserva di attività e regole generali di comportamento dei soggetti abilitati 1 Riserva di attività (art.

Dettagli

ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa

ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa MARCA DA BOLLO 14,62 ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa Alla Sezione territoriale c/o Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

VERIFICA DEI REQUISITI DEGLI ESPONENTI AZIENDALI. 1) Documentazione relativa alla verifica dei requisiti di onorabilità degli esponenti aziendali

VERIFICA DEI REQUISITI DEGLI ESPONENTI AZIENDALI. 1) Documentazione relativa alla verifica dei requisiti di onorabilità degli esponenti aziendali VERIFICA DEI REQUISITI DEGLI ESPONENTI AZIENDALI Allegato n. 4 1) Documentazione relativa alla verifica dei requisiti di onorabilità degli esponenti aziendali A) Soggetti italiani o aventi cittadinanza

Dettagli

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141.

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato il D.Lgs. 141/2010, che ha modificato significativamente il Testo Unico Bancario

Dettagli

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers La distribuzione del prodotto assicurativo 105 Subagente, coagenzia e procacciatore d affari Il subagente è un soggetto il quale viene incaricato da un agente, verso corrispettivo, di promuovere la conclusione

Dettagli

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio Di Maurizio Arena La gestione di fondi comuni di investimento, oggetto dell attività delle società di gestione

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA. Codice di Autodisciplina

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA. Codice di Autodisciplina ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Codice di Autodisciplina RELAZIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA 1. Il presente si compone di quattro parti. La prima concerne i comportamenti degli esponenti aziendali, dei

Dettagli

UDL. L intermediazione assicurativa

UDL. L intermediazione assicurativa L intermediazione assicurativa Norme sull intermediazione assicurativa il codice delle assicurazioni e il regolamento ISVAP n. 5 del 16/10/2006: l attuazione delle direttive UE e la regolamentazione degli

Dettagli

L offerta fuori sede e le tecniche di comunicazione a distanza, nell ambito della disciplina dei servizi di investimento

L offerta fuori sede e le tecniche di comunicazione a distanza, nell ambito della disciplina dei servizi di investimento FILIPPO ANNUNZIATA L offerta fuori sede e le tecniche di comunicazione a distanza, nell ambito della disciplina dei servizi di investimento (Traccia della relazione tenuta all incontro di studio sul tema

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi

Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi per l'iscrizione nell'elenco dei mediatori creditizi.

Dettagli

Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori commercialisti e esperti contabili di Trieste Ordine degli avvocati di Trieste

Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori commercialisti e esperti contabili di Trieste Ordine degli avvocati di Trieste Incontro di studio su Gli strumenti finanziari derivati: profili di tutela tra aspetti economici e questioni giuridiche Trieste, 14 maggio 2010 Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Art. 18 TUF 1. L'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei servizi e delle attività di investimento è riservato alle imprese

Dettagli

REVISIONE LEGALE NOVITÀ dei DD.MM. 20.6.2012, nn. 144 e 145 e del D.M. 25.6.2012, n. 146

REVISIONE LEGALE NOVITÀ dei DD.MM. 20.6.2012, nn. 144 e 145 e del D.M. 25.6.2012, n. 146 Circolare informativa per la clientela n. 29/2012 dell'11 ottobre 2012 REVISIONE LEGALE NOVITÀ dei DD.MM. 20.6.2012, nn. 144 e 145 e del D.M. 25.6.2012, n. 146 In questa Circolare 1. Quadro normativo di

Dettagli

PARTE IV ATTIVITA DEI PROMOTORI FINANZIARI Art. 104 (Ambito di attività)

PARTE IV ATTIVITA DEI PROMOTORI FINANZIARI Art. 104 (Ambito di attività) Regolamento recante norme di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 in materia di intermediari (adottato con dalla Consob con delibera n. 16190 del 29 ottobre 2007) PARTE IV ATTIVITA

Dettagli

ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO

ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO . ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO PROMOTORE FINANZIARIO La figura del promotore finanziario è regolata dal Dlgs 24 febbraio 1998, n. 58, che all art.31, comma 2, definisce

Dettagli

La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato.

La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato. La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato. Il codice civile distingue tra associazioni riconosciute come persone giuridiche

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le indicazioni contenute nel Provvedimento del 29 Aprile 2005 dell'uic, nella Deliberazione del CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento della Banca d Italia del 25 luglio

Dettagli

Agosto 2014. Dott. Giuseppe Roddi, docente e consulente di Compliance bancaria - finanziaria

Agosto 2014. Dott. Giuseppe Roddi, docente e consulente di Compliance bancaria - finanziaria Agosto 2014 I controlli di conformità dei mediatori creditizi Dott. Giuseppe Roddi, docente e consulente di Compliance bancaria - finanziaria Premesse In base a quanto dispone il decreto del MEF del 22.1.14

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Regolamento di disciplina dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali per l iscrizione all albo delle persone fisiche consulenti finanziari. IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE con possesso di specifica esperienza professionale

ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE con possesso di specifica esperienza professionale MARCA DA BOLLO 14,62 ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE con possesso di specifica esperienza professionale Alla Sezione territoriale c/o Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 1 1. PREMESSA Il presente documento costituisce il Modello di Organizzazione e di Gestione ex D.Lgs. n. 231/2001, che sarà adottato dal CORISA- CONSORZIO DI RICERCA

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO L incarico ha per oggetto l affidamento di consulenza e

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione RELAZIONE CONTENENTE LE OSSERVAZIONI ALLO SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA DI CUI AL TITOLO IX (INTERMEDIARI DI ASSICURAZIONE

Dettagli

I commenti di seguito formulati sono suddivisi in osservazioni di carattere prioritario e osservazioni relative alle specifiche disposizioni proposte.

I commenti di seguito formulati sono suddivisi in osservazioni di carattere prioritario e osservazioni relative alle specifiche disposizioni proposte. OSSERVAZIONI ALLO SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ DI RACCOLTA DELLE ADESIONI ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI In via preliminare, si esprime apprezzamento per il lavoro svolto dalla Commissione

Dettagli

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2.2. Brevi cenni sulla nuova trasparenza per banche e 1 intermediari finanziari GLOSSARIO 7 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 2.2

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI CIRCOLARE n. 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

1. L ATTIVITÀ PROFESSIONALE DEL PROMOTORE FINANZIARIO

1. L ATTIVITÀ PROFESSIONALE DEL PROMOTORE FINANZIARIO Capitolo Primo L albo unico dei promotori finanziari 1. L ATTIVITÀ PROFESSIONALE DEL PROMOTORE FINANZIARIO Secondo l art. 5 della L. 1/91, la qualifica di promotore finanziario (o, in base alla vecchia

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

Mediazione creditizia: schema negoziale di crescente successo

Mediazione creditizia: schema negoziale di crescente successo Mediazione creditizia: schema negoziale di crescente successo Luca Bonito Sommario: 1. Origini e funzione economica 2. Attuale disciplina giuridica 3. Adempimenti concernenti gli aspetti istituzionali:

Dettagli

Art. 1: Oggetto dell appalto

Art. 1: Oggetto dell appalto Art. 1: Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo, ed in particolare: o il servizio di assistenza, consulenza e gestione del programma

Dettagli

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo:

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo: DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 1371/2007, RELATIVO AI DIRITTI E AGLI OBBLIGHI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO FERROVIARIO.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI. 11 ottobre 2010

REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI. 11 ottobre 2010 REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 11 ottobre 2010 Le osservazioni al presente documento di consultazione

Dettagli

novembre 2002 I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE

novembre 2002 I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE novembre 2002 Riflessioni sul sistema finanziario italiano nel nuovo testo unico finanziario e nel compendio delle norme di attuazione, di Marcello G. Pastrengo I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA D.M. 30 dicembre 1998, n. 516. Regolamento recante norme per la determinazione dei requisiti di professionalità e di onorabilità dei soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo

Dettagli

Il Consiglio Nazionale dei Geometri con

Il Consiglio Nazionale dei Geometri con NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DEI GEOMETRI Il Consiglio Nazionale dei Geometri con delibera del 22.11.2006 ha approvato il nuovo codice di deontologia professionale dei geometri, successivamente pubblicato

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI

LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI 4/12 Newsletter - 15 marzo 2012 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2. L'articolazione della riforma... 3 3. Agente in attività finanziaria...

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Sommario Z 1. I controlli amministrativi. - 2. La Commissione nazionale per le società

Dettagli

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO. ALCUNE NOZIONI. 1. LA NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E QUELLA PER CONTO TERZI. CONTINUITÀ E NOVITÀ RISPETTO AL REGIME VIGENTE. 1.1 IL

Dettagli

Relatori: Fausto Fasciani

Relatori: Fausto Fasciani Relatori: Fausto Fasciani GLI ALBORI DELLA PROMOZIONE E DELLA CONSULENZA FINANZIARIA Alla fine degli anni 60 nascono i cosiddetti fondi atipici ed i Lussemburghesi storici Attività svolta da consulenti

Dettagli

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI SOCIETA TRA PROFESSIONISTI La Società tra professionisti STP è stata introdotta e riconosciuta da poco nel nostro ordinamento come società mono o multi disciplinare regolamentata dal D.M. 8 febbraio 2013

Dettagli

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 Parte I - Disposizioni di carattere generale Art. 2 - (Definizioni)

Dettagli

FNOMCeO Consiglio di Stato: nessun obbligo di assicurazione professionale fino al decreto (art. 3 del D.L. 158/12)

FNOMCeO Consiglio di Stato: nessun obbligo di assicurazione professionale fino al decreto (art. 3 del D.L. 158/12) FNOMCeO Consiglio di Stato: nessun obbligo di assicurazione professionale fino al decreto (art. 3 del D.L. 158/12) Consiglio di Stato: nessun obbligo degli esercenti le professioni sanitarie di dotarsi

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE APPROVATO DAL CDA SOLINFO IL 21/05/15 Rev. 1 del 01/04/2015 Pag. 1 di 10 Indice 1. SEZIONE I - PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Destinatari...

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. DECRETO 23 dicembre 2003 (G.U. n. 53 del 3.3.2004)

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. DECRETO 23 dicembre 2003 (G.U. n. 53 del 3.3.2004) MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 23 dicembre 2003 (G.U. n. 53 del 3.3.2004) Modalità di presentazione delle richieste di autorizzazione per l'iscrizione all'albo delle agenzie per

Dettagli

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 1 LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 2 Sistema distributivo ante CdA Agenzie in economia: produzione diretta Agente in gestione libera: (art. 2, 1 comma ANA 2003 e L.

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.1. Premessa 1 GLOSSARIO 6 NORMATIVA 8 1.1 PREMESSA Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere gli obiettivi perseguiti dalle disposizioni

Dettagli

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm..

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm.. Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio IV Roma, All ORGANISMO DEGLI AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI Via Zanardelli n. 20 00186 ROMA

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NELLA SEDUTA DEL 22 GIUGNO 2009 INDICE PARTE

Dettagli

Gazzetta Ufficiale 9 febbraio 1989, n. 33. [Preambolo] [Applicazione] [Ruolo degli agenti di affari in mediazione]

Gazzetta Ufficiale 9 febbraio 1989, n. 33. [Preambolo] [Applicazione] [Ruolo degli agenti di affari in mediazione] www.sistema24immobili.ilsole24ore.com Legge 3 febbraio 1989, n. 39 Gazzetta Ufficiale 9 febbraio 1989, n. 33 Modifiche ed integrazioni alla legge 21 marzo 1958, n. 253, concernente la disciplina della

Dettagli

Consiglio di Stato. OGGETTO: Ministero della Salute, Ufficio Legislativo.

Consiglio di Stato. OGGETTO: Ministero della Salute, Ufficio Legislativo. Numero 00486/2015 e data 19/02/2015 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 02471/2014 OGGETTO: Ministero della Salute,

Dettagli

Garante per la protezione dei dati personali

Garante per la protezione dei dati personali Garante per la protezione dei dati personali IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, con la partecipazione del prof. Stefano Rodotà, presidente, del prof. Giuseppe Santaniello,

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO

LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO . LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO Gorizia, 21 novembre 2014 Monica Damian mdamian@bancafideuram.it Albo PF n. 375088 1 QUADRO NORMATIVO DIRETTIVA MIFID 2004/39/CE D.lgs. 24-2-1998 n.58 Testo

Dettagli

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 INDICE 1. PREMESSA... - 3-2. L ATTIVITÀ SVOLTA DALLA FONDAZIONE INGM... - 4-3. INDIVIDUAZIONE DELLE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI PRESSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CODICE DI DEONTOLOGIA PROFESSIONALE DEI GEOMETRI Approvato con Delibera del 7 giugno 2005 SOMMARIO Introduzione Pagina 3 Titolo I Dei principi

Dettagli

Procedimento Commissione Contratti

Procedimento Commissione Contratti Procedimento Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONTRATTI DI MEDIAZIONE IMMOBILIARE Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, sono state riscontrate le seguenti

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE CONTRATTI BANCARI INTEREST RATE SWAP NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE PREMESSA Numerosi enti locali negli ultimi dieci anni hanno sottoscritto i tanto discussi contratti derivati I.R.S., c.d.

Dettagli

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Vigilanza bancaria e finanziaria Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI DA PARTE DI SOCIETÀ VEICOLO PER LA CARTOLARIZZAZIONE EX LEGGE 130/1999 Il presente

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

[CONFERIMENTO DI INCARICO]

[CONFERIMENTO DI INCARICO] Scrittura Privata Tra La Società Gruppo Fibass S.r.l., con Sede in Torino in Corso F. Turati, 13/d, partita IVA 09285800018 rappresentata dal Sig. In qualità di Nato a Il (in seguito: Società) il/la Sig./Sig.ra

Dettagli

14 2009. IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

14 2009. IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 24 dicembre 2008, n. 206: Regolamento di disciplina dei requisiti di professionalita', onorabilita', indipendenza e patrimoniali per l'iscrizione all'albo delle persone fisiche consulenti finanziari.

Dettagli

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Disposizioni concernenti gli obblighi di comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti da parte dei soggetti abilitati e degli agenti di cambio.

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA Adozione con delibera Consiglio

Dettagli

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha RELAZIONE SULLE MODIFICHE APPORTATE AL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE IN APPLICAZIONE DEL D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248. A distanza di poco più

Dettagli

1.1. LIMITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DELL ARCHITETTO

1.1. LIMITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DELL ARCHITETTO Pratica professionale dell architetto 349 1.1. LIMITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DELL ARCHITETTO N.B. Le modifiche apportate dal d.p.r. 328/2001 agli ordini professionali, in precedenza indicate, non cambiano

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE ADOTTATO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

SISTEMA DISCIPLINARE ADOTTATO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ADOTTATO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 1 Documento: Procedura Sanzionatoria File: Procedura Sanzionatoria.doc Approvazione: Consiglio di Amministrazione Revisione:

Dettagli

Indagini finanziarie: l ambito applicativo

Indagini finanziarie: l ambito applicativo Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 83 14.03.2013 Indagini finanziarie: l ambito applicativo Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Indagini finanziarie In tema di

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

La vendita dei Prodotti Assicurativi

La vendita dei Prodotti Assicurativi La vendita dei Prodotti Assicurativi I prodotti assicurativi formano sempre di più oggetto di campagne di vendita. Vogliamo fornire ai colleghi una breve nota che riepiloghi i punti essenziali della normativa

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

c) risiedere nella circoscrizione della camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura nel cui ruolo intendono iscriversi;

c) risiedere nella circoscrizione della camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura nel cui ruolo intendono iscriversi; L. 3 febbraio 1989, n. 39 (1). Modifiche ed integrazioni alla L. 21 marzo 1958, n. 253, concernente la disciplina della professione di mediatore. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 9 febbraio 1989, n. 33.

Dettagli

Mid Industry Capital S.p.A.

Mid Industry Capital S.p.A. Mid Industry Capital S.p.A. *********** Codice di comportamento per la gestione, il trattamento e la comunicazione delle informazioni relative a operazioni sulle azioni o altri strumenti finanziari ad

Dettagli

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N.

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 Parte I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO Presentazione di Ernesto Ghidinelli Milano,

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

Pagina 1 di 6 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Pagina 1 di 6 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Pagina 1 di 6 DECRETO 14 ottobre 2005, n.256 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Modifiche al regolamento emanato con decreto ministeriale 24 maggio 1999, n. 228, attuativo dell'articolo 37 del TUF,

Dettagli

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE ---------------------------------------------- 3 2 L INGRESSO IN ITALIA DI BANCHE COMUNITARIE

Dettagli

Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145.

Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145. Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145. Regolamento in applicazione degli articoli 2, commi 2, 3, 4 e 7 e 7, comma 7, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39,

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016 PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2014-2016 1 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre

Dettagli

CONSULENZA E PROMOZIONE Cos è veramente scritto nella normativa

CONSULENZA E PROMOZIONE Cos è veramente scritto nella normativa CONSULENZA E PROMOZIONE Cos è veramente scritto nella normativa settembre 2009 A cura del Gruppo Giuridico The National Association of Fee Only Planners www.nafop.org info@nafop.org CONSULENTI INDIPENDENTI

Dettagli

AVV. NATALIA BANCHELLI - AVV. MASSIMO ERRANTE 23 SETTEMBRE 2010 CORSO ACCREDITATO PRESSO L ORDINE DEGLI AVVOCATI DI AREZZO FONDAZIONE FORENSE

AVV. NATALIA BANCHELLI - AVV. MASSIMO ERRANTE 23 SETTEMBRE 2010 CORSO ACCREDITATO PRESSO L ORDINE DEGLI AVVOCATI DI AREZZO FONDAZIONE FORENSE SISTEMA DEONTOLOGICO FORENSE E CODICI DI AUTODISCIPLINA E DI CONDOTTA NEL SETTORE BANCARIO-FINANZIARIO A CONFRONTO: PROFILI E/O ELEMENTI DI CONTATTO, SANZIONI E RESPONSABILITÀ AVV. NATALIA BANCHELLI -

Dettagli

COLLABORAZIONE TRA INTERMEDIARI ASSICURATIVI: PROSPETTIVE DI SVILUPPI E PUNTI DI ATTENZIONE

COLLABORAZIONE TRA INTERMEDIARI ASSICURATIVI: PROSPETTIVE DI SVILUPPI E PUNTI DI ATTENZIONE COLLABORAZIONE TRA INTERMEDIARI ASSICURATIVI: PROSPETTIVE DI SVILUPPI E PUNTI DI ATTENZIONE 1 LE PREVISIONI INTRODOTTE DAL DECRETO CRESCITA BIS Con le nuove previsioni, introdotte dall art. 22 commi 10-12

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli