ANCORA SULLE LUCERNE BIZANTINE CON ISCRIZIONI. S. Loffreda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANCORA SULLE LUCERNE BIZANTINE CON ISCRIZIONI. S. Loffreda"

Transcript

1 ANCORA SULLE LUCERNE BIZANTINE CON ISCRIZIONI S. Loffreda Da quando pubblicai una monografia dal titolo Lucerne bizantine in Terra Santa con iscrizioni in greco, Jerusalem 1989 (Abbreviazione: Lucerne), ho continuato a interessarmi dei nuovi tipi di iscrizioni. Già nel 1990 scrissi un primo articolo in merito ( Nuovi tipi di iscrizioni su lucerne bizantine, LA 40 [1990] ) ed ora aggiungo queste brevi note per illustrare altre iscrizioni di cui tredici (lychn ) sono nuove e le rimanenti (lychn ) sono ancora rarissime. Aggiungo anche un iscrizione che purtroppo non riesco ancora a decifrare e colgo l occasione per rivedere la lettura di alcune iscrizioni già edite alla luce dei nuovi esemplari. A. Tipi inediti di iscrizioni 1. Lychn FwS ZwH fw'" zwhv Luce vita La lucernetta è stata regalata dall ambasciatore italiano di Amman al Museo del nostro Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme (SF 7744). È di impasto rosso scialbo verso il marrone e misura cm 8,6 di lunghezza per 5,6 di larghezza per 3,2 di altezza. La base è ad anelletto circolare semplice. L esecuzione è accurata. Fra l infundibolo e il beccuccio è rappresentata la palmetta a tre rametti per lato e con due trattini orizzontali in basso che formano una specie di base alla medesima, mentre alle spalle sono riprodotti segmenti che generalmente sono interpretati come raggi. Al posto del manichetto compaiono cinque lettere greche di esecuzione nitida e in buon rilievo, ad eccezione della lettera in basso (il sigma) che è stata parzialmente erasa quando, prima della cottura, fu pareggiata la sutura fra le due parti della lucerna. La lettura è chiara e non presenta alcuna diffi- LA 42 (1992)

2 314 S. LOFFREDA coltà, purché si tenga presente che le lettere sono state eseguite al negativo. Dall alto in basso abbiamo una phi chiusa, una omega e un sigma che si apre verso sinistra e di cui si è preservata la parte alta fino alla curvatura compresa: abbiamo la parola FWS-luce. In senso orizzontale, iniziando dalla destra, si legge una zeta (anch essa al negativo come il sigma), seguita dall omega centrale (lettera in comune con la scritta precedente) e finalmente dalla eta. Ne vien fuori la parola ZWH-vita. Questa combinazione delle due parole disposte a croce con l omega centrale in comune, è ben nota nei mosaici e nei piccoli oggetti del periodo bizantino e riproduce un tema che è fondamentale anche nelle scritte delle lucerne di quel periodo (Lucerne, p ). L esemplare qui pubblicato è un prezioso complemento alla nostra raccolta sistematica. Non ci sono ovviamente argomenti apodittici per fissarne la cronologia. Personalmente non vi scorgo nessun elemento di tardività e suggerirei una datazione verso il quinto secolo d. C. o non molto più tardi. 2. Lychn H FwS H (Creistov") fw'" Cristo (è) luce La lucerna misura cm 9,1 per 6,6 per 2,9. Ha un impasto sul marroncino e una cottura non forte. La base molto ampia (diametro di cm 3,4) è ad anello circolare basso. Manichetto vestigiale, da cui parte in forma simmetrica una ghirlanda terminante a cerchietto. Presso il beccuccio è rappresentata una palmetta con due trattini per lato. Questi potrebbero essere la rappresentazione incompleta della lettera sacra H (eta) che presso i Padri indicava Cristo-Creistov", ma su questo punto non posso andare oltre una semplice ipotesi. Nella parte inferiore della lucerna, fra la carenatura e il bordo della base ad anello, sono riprodotti sul lato sinistro di chi tiene la lucerna con il beccuccio verso l alto, sei segni, di cui soltanto quattro sono riconoscibili come lettere alfabetiche. I segni sono molto leggeri, come spesso capita in questo tipo di lucerna. Inizio la lettura dagli ultimi tre segni che sono chiari. Abbiamo una phi chiusa con due trattini verticali (e non uno soltanto com è di norma); segue un omega e finalmente un sigma piuttosto evanescente ma ancora leg-

3 LUCERNE BIZANTINE CON ISCRIZIONI 315 gibile. Si tratta della solita parola fw'"-luce, quanto mai comune nel contesto delle lucernette bizantine. Passando ai primi tre segni, la scritta inizia con il simbolo della scala, che caratterizza soprattutto le scritte della classe B (Lucerne, p ), ma che qualche volta fa capolino anche in altre scritte, come ad esempio nel tipo D (Lucerne, p. 145s), e D 3.3 (Lucerne, p. 155). Il secondo segno è una eta. Il terzo segno potrebbe essere scambiato a prima vista per una omega aperta. Senonchè nelle lucerne bizantine questa lettera non ha la codina in basso come nel nostro segno (Lucerne, fig. 22: 22). Ritengo che questo segno non sia una lettera alfabetica ma una palmetta stilizzata, che in realtà si incontra in altri casi, come per esempio nelle scritte A 6.4 (Lucerne, p. 106) vicino all abbreviazione chi-sigma per Cristo, in C 6.6 e specialmente in C 6.7 (Lucerne, p. 135), in D 1.5 (Lucerne, p. 147); D 5.8 (Lucerne, tav. 18:3). Che senso si ottiene da H FWS? La eta non può essere presa per l articolo determinativo femminile perché non può attribuirsi a fw'" che è neutro. Oltre tutto nelle lucerne questo sostantivo non è mai preceduto dall articolo. La eta iniziale, con valore numerale 8, era una lettera sacra per indicare C(reistov") (Testa E., Il Simbolismo dei Giudeo-Cristiani, Gerusalemme 1962, p. 410). Il senso che ne deriva è del tutto plausibile: Cristo (è) luce. È la frase che troviamo esplicitamente nel tipo A 6.4 citato sopra (Lucerne, p. 106) dove si ha CS FOS (Cristo è luce). Le scritte nella parte inferiore della lucerna sono molto rare. La nostra si avvicina sotto molti aspetti a C 8.1 (Lucerne, p. 142s) sia come tipo di lucerna, sia per le lettere molto sottili e quasi evanescenti, sia per la posizione dei segni in un lato soltanto della lucerna. Tipologicamente questo lychnarion può essere forse datato verso il quinto secolo. 3. Lychn F-CK- - wnu-fn f(w'") C(ristou') K(urivou hjm)w'n U f(aiv)n(ei) La luce di Cristo nostro Signore brilla La lucerna, acquistata nel mercato di Gerusalemme e appartenente al Museo dello SBF della Flagellazione, misura cm 9,2 per 5,5 per 3,1 ed ha un

4 316 S. LOFFREDA impasto marrone e cottura sostenuta. Manico a testa di cavallo con crocetta alla base. Raggiera alle spalle e linee ondulate attorno all infundibolo. Presso il beccuccio vi leggo in senso bidirezionale divergente il nome di Gesù con una iota centrale e sigma su ambedue i lati. La base è a cuore (cm 6,8 per 2,9) con al centro una palmetta a numerosissime ramificazioni. Su ambedue i fianchi della palmetta mi sembra di scorgere la probabile raffigurazione di diversi serpentelli. L associazione del serpente con l albero o con la croce (che è la stessa cosa, in quanto anche la croce è l albero della vita) è stata da me segnalata nel lychn. 554 (Lucerne, p. 154). Fra la carenatura della lucerna e l inizio del bordo per la base a cuore c è una lunga scritta, danneggiata in vari punti quando ad impasto ancora soffice si vollero modellare meglio il beccuccio, il manico e la carenatura della lucernetta. La scritta va letta da sinistra verso destra con la lucerna capovolta. Il primo segno è un cerchietto (la parte sinistra è un po danneggiata) con dentro tre trattini orizzontali paralleli. La stessa lettera si ritrova nel penultimo segno della scritta e in ambedue i casi il senso della frase stereotipata porta facilmente alla lettura di una phi. Segue una stella a sette punte, che ricompare per simmetria nella parte opposta della lucerna. In ambedue i casi la stella fiancheggia la lettera phi. Il terzo segno è una chi seguita da un kappa la cui grafia richiama da vicino il tipo 45 e 206 di Lucerne, fig. 21:9. Poi presso il beccuccio, date le sbavature, non si possono più individuare le lettere che pur esistevano e di cui si intravvede la parte alta per oltre tre centimetri. La prossima lettera leggibile è un omega, seguita da una ny e da un segno a forma di ypsilon. Di nuovo è riprodotta una stella. Finalmente si ha un cerchietto con al centro un rettangolino e finalmente una grossa ny. Abbiamo una scritta con sostanziali abbreviazioni, ma la lettura non mi sembra difficile. Vi ho letto la frase comunissima nelle lucerne bizantine cristiane: f(w'") C(ristou') K(urivou hjm)w'n U f(aiv)n(ei). Per tutte queste abbreviazioni si potranno trovare buoni paralleli nel glossario di Lucerne, p Che cosa sta a indicare il segno a forma di ypsilon prima del verbo f(aiv)n(ei)? In Lucerne, p. 174 suggerivo: La ypsilon in alcuni lychnaria sembra riferirsi a Cristo. Cfr. A 1.4, A 4.5, C 6.5, D 7.1, D 7.2, D 7.3. Il tipo di lucerna con manichetto zoomorfo, che si crede proveniente da Gerash in Giordania, sembra comparire verso la fine del sesto secolo. D altra parte, la base a cuore del nostro esemplare suggerisce una datazione ancor più tardiva. Per citare un parallelo, il lychn. 822 (Lucerne, p. 130s) con simile base, porta la data dell anno 211, equivalente all anno 826 dell era cristiana.

5 LUCERNE BIZANTINE CON ISCRIZIONI Lychn FCO F(w'") C(ristov"). F(w'") C(ristov") Cristo (è) luce. Cristo (è) luce Lucerna a palmetta di impasto color rosa (cm 10,6 per 6,6 per 3,4). Orlo raddoppiato presso l infundibolo. Base ad anelletto circolare (cm 2,4 all interno). Al posto del manichetto c è un disegno a rete composto di quattro segmenti verticali e di tre orizzontali. Su ambedue i lati delle spalle, a partire dalla parte del beccuccio, sono riprodotte simmetricamente una semilunetta con borchia al centro e una seconda semilunetta con all interno due trattini che si incrociano a diagonale. A questo punto iniziano le lettere vere e proprie, cioè una phi per lato e una chi centrale. È chiaro dall insieme che ci troviamo di fronte ad una iscrizione bidirezionale convergente facente capo alla chi centrale. La phi di destra è ben preservata, mentre in quella di sinistra è quasi del tutto svanito il trattino verticale interno, per modo che il segno assomiglia ad un omicron. Tenendo presente lo schema bidirezionale convergente, che mi sembra il più probabile, vedo nei tre segni le iniziali per la frase F(w'") C(ristov") ripetuta due volte. Si potrebbe anche leggere F(w'") C(ristou') f(aivnei) ma allora bisogna supporre una scritta unidirezionale. Questa seconda lettura però mi sembra meno probabile, anche se ovviamente dà un senso ineccepibile. La lucerna è stata da noi trovata negli scavi del monastero bizantino a Magdala. La datazione potrebbe portarci al settimo secolo. È risaputo che in Galilea queste lucerne a palmetta e con iscrizioni sono estremamente rare e quindi il nostro esemplare è doppiamente interessante (Lucerne, p. 225s). 5. Lychn FwN-Mw Fwv(tisov)n me (Lucerna) illuminami La lucernetta, acquistata dagli antiquari di Gerusalemme, è di impasto color carne-rosa e misura cm 8,9 di lunghezza per 6,5 di larghezza per

6 318 S. LOFFREDA 3,8 di altezza. Ha un infundibolo con apertura di cm 2.4, mentre la base ad anello circolare doppio ha un diametro esterno di cm 4,2. È un esemplare a canaletto, ed appartiene ad una fase intermedia fra il tipo L 16 ed L 18 (Lucerne, p. 8). In comune con il tipo L 16 ha la rappresentazione vestigiale della palmetta ai fianchi del canaletto fra infundibolo e foro per lo stoppino (tre rametti per lato), mentre si accosta al tipo L 18 per la presenza del manichetto a zeppa. Come decorazione la lucerna ha anche tre borchie per lato nella zona fra i rametti della palmetta stilizzata e la scritta. Finalmente sul lato sinistro del manichetto è riprodotta una seconda palmetta stilizzata che abbiamo già incontrato nel lychn e che ricorre anche in altre lucerne. Tipologicamente la lucerna è tardiva e potrebbe esser datata dal settimo secolo in poi, cioè nella prima fase del periodo arabo in Palestina. A prescindere dagli elementi puramente decorativi, la lucerna contiene una scritta composta di quattro segni, di cui però due sono, come subito mostrerò, segni doppi, almeno secondo il mio tentativo di lettura. La scritta va letta da destra verso sinistra. Premetto che la lettura è possibile soltanto se uno conosce scritte dello stesso tipo riprodotte per intero o quasi, mentre nel nostro caso la frase è con sostanziali abbreviazioni e contiene due legature quanto mai infelici e fantasiose, tanto che la mia prima impressione (erronea) era che la scritta o non esistesse per niente o, nel migliore dei casi, fosse illeggibile. Da destra verso sinistra vi ho letto una phi aperta e rovesciata, comunissima nelle scritte delle lucerne (Lucerne, p. 176) sotto le voci WN per FN = faivnei, oppure WOS per fo'" = fw'", oppure WWS per FWS, ecc. Segue un segno doppio, vale a dire una ny normale, con l aggiunta però di un trattino verticale che letto insieme ai primi due segmenti della ny, vogliono indicare la lettera omega. Questa abbreviazione, secondo la mia lettura, sta per il verbo fw(vtiso)n all imperativo con il significato di illumina. Tale verbo nelle lucerne compare per intero nel tipo C 7.3 (FWTHSON al posto di fwvtison) (Lucerne, p. 138), ma viene abbreviato in FWTH(son) nei tipi C 7.1, C 7.2 (Lucerne, p ) o addirittura in FN nel tipo C 7.2a (ibidem, p. 137). Il nostro esemplare si inserisce fra il tipo C 7.1s e C 7.2a. Nei paralleli or ora indicati il verbo è sempre seguito dall accusativo singolare ME (illuminami) e in un solo caso da un accusativo al plurale HMAS (Lucerne, p ). Nel nostro esemplare inedito il ME finale è scritto con la omega roteata di 90 gradi, e questo fatto corrisponde esattamente agli esemplari già noti. Senonchè la lettera è talmente legata e in parte sovrapposta alla my precedente, che

7 LUCERNE BIZANTINE CON ISCRIZIONI 319 le due lettere danno a prima vista l idea di un segno puramente fantasioso e arbitrario. Va precisato che nella presente lucerna non si ha semplicemente una legatura di lettere (Lucerne, fig. 23), ma una vera e propria sovrapposizione dei segni: è questo un fenomeno che non avevo finora riscontrato in nessun altro esemplare e che quindi va sottolineato. Ritengo abbastanza probabile questa mia lettura, ma insisto che bisogna avere sotto gli occhi le scritte meno abbreviate e meno contorte per arrivare alla lettura qui proposta, che altrimenti potrebbe sembrare campata completamente in aria. Ci si può chiedere se una scritta del genere sia dovuta all ignoranza dei figulini e fino a che punto poteva essere letta dai destinatari. Io ritengo che l espressione Illuminami come altre affini erano talmente comuni, che erano afferrate anche attraverso sostanziali abbreviazioni, come pure attraverso legature o sovrapposizione parziale dei segni. Mi piace anche ricordare come quest uso poetico di apostrofare la lucerna stessa, ricorre abbastanza frequentemente soprattutto negli esemplari del periodo arabo. 6. Lychn FMO F(wvtisovn) m(e) F(wvtisovn) m(e) ( Lucerna) illuminami. (Lucerna) illuminami Lucerna di color rosso mattone con chiazze scure. Cottura buona. Misura cm 9,5 per 6,5 per 3,4. La palmetta è a due soli rametti per lato. Base ad anello doppio con diametro interno di cm 2,5. Manichetto del tutto vestigiale a forma di trattino orizzontale. Alle spalle, attorno all infundibolo sono riprodotte tre lunette doppie per lato. La scritta a forte rilievo occupa la parte centrale delle spalle sul lato opposto al foro per lo stoppino. La lettura va fatta secondo lo schema bidirezionale convergente SD 8 (Lucerne, p. 4): sono leggibili senza difficoltà le lettere phi, my, e una omicron, la quale, essendo in parallelismo con la phi, va presa anch essa per una phi scritta difettivamente, come spesso capita nelle lucerne (Lucerne, p. 172). Si tratta ovviamente di una iscrizione abbreviata. Suggerisco la frase: F(wvtisovn) m(e) ripetuta due volte.

8 320 S. LOFFREDA 7. Lychn ONCS ONCS F(aiv)n(ei) C(ristov)". F(aiv)n(ei) C(ristov)" Cristo risplende. Cristo risplende La lucernetta misura cm 9.4 per 6,5 per 3,5 ed è del tipo del lychn sopra descritto. Ha un impasto carnicino verso il rosso. Sia l orificio dell infundibolo che l anello circolare della base sono a scanalatura. La scritta va letta in senso bidirezionale divergente SD 10, a partire dal segno a forma di cerchietto presso il manico a zeppa. Abbiamo su ambedue i lati una omicron (che può essere anche anche una phi difettiva), una ny, la legatura chi-sigma e finalmente un segno a V che in questo caso mi sembra puramente decorativo. Suggerisco la lettura F(aiv)n(ei) C(ristov)". F(aiv)n(ei) C(ristov)" con il senso di Cristo risplende, Cristo risplende. Si potrebbe obiettare che in alcuni casi interpreto l abbreviazione FN per f(wvtison) e altre volte per f(aiv)n(ei). Credo che sia il contesto a suggerire la prima o la seconda scelta, per il semplice fatto che il verbo fwtivzein è transitivo attivo e richiede un complemento oggetto, mentre il verbo faivnein è intransitivo e regge un complemento indiretto o può anche essere usato in senso assoluto. Per lo stesso motivo il segno a V presso il beccuccio, che qui ho interpretato come puramente decorativo, altre volte può essere una ypsilon oppure una ny corsiva. Nel nostro contesto queste due ultime letture non darebbero nessun senso. Semmai ci si può chiedere se non si tratti davvero di una ypsilon con valore di iota come abbreviazione del nome sacro di Gesù. Questa soluzione sarebbe possibile. Avremmo il senso F(aiv)n(ei) C(ristov)" jihsouv". È un fatto che in alcuni lychnaria la ypsilon, come ho già sottolineato, sembra riferirsi a Cristo (Lucerne, p. 174). 8. Lychn FCUFeNPAAAN f(w'") C(risto)u' faivn(ei) pa'(si)n La luce di Cristo illumina tutti

9 LUCERNE BIZANTINE CON ISCRIZIONI 321 La lucerna misura cm 9,1 per 6,1 per 2,9. La scritta, eseguita con caratteri marcati, fa parte del gruppo B, essendo contraddistinta dal doppio simbolo della scala presso il beccuccio. È un tipo di scritta non registrato nella mia monografia sulle lucerne. In questo gruppo è normale che la prima parola della formula fw'" Cristou' faivnei pa'sin inizi su un lato del beccuccio (lettera phi) e poi continui (con le lettere omega-sigma) sul lato opposto, rimanendo così fisicamente divisa dai due simboli della scala. Nel nostro caso invece il parola fw'" non viene scissa, essendo espressa soltanto attraverso la prima consonante phi. La mancata scissione dello stesso sostantivo fu registrato nel tipo B 3.6 (Lucerne, p. 117), ma in quel caso il termine, espresso dalla phi aperta e dalla terminazione sigma del nominativo era scritto interamente sul lato destro del beccuccio. Nel nostro caso invece la scritta inizia con la phi sulla destra del beccuccio e poi continua sulla sinistra. La terminazione paaan al posto di pa'sin non è nuova e ricorre anche nelle numerose scritte B 3.2 (Lucerne, p. 115s). 9. Lychn FCUFeNPAAAN f(w'") C(risto)u' faivn(ei) pa'(si)n La luce di Cristo illumina tutti Lucerna di impasto giallastro (cm 9,4 per 6,2 per 3,1). È una replica del lychn. precedente, a parte la grafia che non proviene dallo stesso stampo. La lucerna proviene certamente dalla Giordania ed è ora conservata nel nostro museo della Flagellazione a Gerusalemme (SF 7745). Un altro esemplare è stato da me visto presso un antiquario di Gerusalemme nell aprile del 1993, ma non è stato acquistato perché too expensive. In conclusione abbiamo ora tre esemplari di questo nuovo tipo di scritta. 10. Lychn EwSCUQeNP Fw'" C(risto)u' faivn(ei) p(a'sin) La luce di Cristo illumina tutti

10 322 S. LOFFREDA Lucernetta di impasto color carne. Cottura non molto forte. Pareti facilmente sfaldabili. Proporzioni: cm 8,5 per 5,8 per 2,6. Le lettere non sono molto marcate e per giunta la preservazione non è fra le migliori. In un certo senso questo esemplare è una replica del tipo B 2.4 (Lucerne, p. 113). La differenza fondamentale è nello schema direzionale diverso. Infatti la presente scritta va letta secondo lo schema direzionale SD 2, cioè in senso antiorario, con la base delle lettere verso la periferia del lychnarion (Lucerne, p. 2), mentre nel lychn. 702 già pubblicato si ha il senso direzionale SD 1, la scritta cioè va letta in senso orario con la base delle lettere verso il centro del lychnarion (Lucerne, p. 2). La parola f w'", normalmente scissa dopo la phi iniziale e con in mezzo i due simboli della scala, ha una grafia che già conosciamo dal tipo B 2.4, cioè inizia con una phi aperta roteata di novanta gradi (da qui la sua forma di epsilon) seguita da una omega normale e da un sigma legato al chi seguente. Nel nostro esemplare c è un dettaglio che non risultava chiaro nel lychn. 702: subito dopo la prima lettera della scritta è stata tracciato un trattino verticale. Questo trattino si ritrova anche in altre scritte (Lucerne, p. 107s) e non va confuso con una iota. 11. Lychn waawscu- - NPA AA Fw'" C(risto)u' (faiv)n(ei) pa'(sin) AA La luce di Cristo illumina tutti Lucerna a palmetta (con tre rametti per lato). È di color nocciola. Misura cm 10,1 per 6,7 per 3,3. L orificio dell infundibolo e la base ad anello hanno una scanalatura. Le lettere sono marcate, ma due di esse sono ridotte a due borchie informi e illeggibili. Anche questo è un nuovo tipo. La novità consiste anzitutto nel fatto che al posto della doppia scala è riprodotta ai lati del beccuccio la lettera alpha maiuscola. Nonostante ciò, viene rispettata la norma di scindere la prima parola f w'" come nelle scritte della classe B. Anche la forma della pi nell abbreviazione pa per pa'sin (da non confondere con una chi) è apparentata alle scritte della classe B. I due segni illeggibili dopo il nome C(risto)u' potrebbero stare per una phi chiusa e per una epsilon. Seguite da una ny corsiva, potrebbero essere la normale abbreviazione fen al posto di faivnei. In ogni modo c è da attendere qualche altro esemplare meglio preservato per giungere ad una conclusione si-

11 LUCERNE BIZANTINE CON ISCRIZIONI 323 cura. Per la doppia alpha come iniziale del titolo cristologico di ajrchv-principio si veda Lucerne, p Lychn FwCSU-Pw Fw'" C(risto)u' (faivnei) pa'(sin) La luce di Cristo illumina tutti Lucernetta di impasto color nocciola. Misura cm 9,4 per 6,1 per 3,4. Orificio dell infundibolo e anello della base a scanalatura. La lucerna è del tipo tardivo a canaletto ma con ancora ai lati tre rametti che ricordano il vecchio simbolo della palmetta, cioè dell albero della vita (Lucerne, p.8, tipo L 16). Al posto del manichetto c è un cerchietto con una borchia al centro, che in questo caso potrebbe essere la mimetizzazione della lettera phi, come del resto richiede il senso della scritta. La legatura sigma-chi è stata riprodotta al negativo, per modo che ne vien fuori nella lettura una metatesi. Ricordo ancora una volta di non confondere la pi a croce di Sant Andrea con una chi. Di peculiare c è pw (con l omega) per pa (con l alpha) come abbreviazione di pa'sin. Questo fenomeno era già presente (sotto altra forma) nelle scritte A 5.5 (Lucerne, p. 100s) ed A 6.6s (Lucerne, p. 107s). 13. Lychn KAw--wAK K(uvrio") A W K(uvrio") A W Il Signore (è) il principio e la fine La lucernetta appartiene alla collezione del signor Cesare Colombo (Italia) che l ha acquistata nel 1992 a Gerusalemme. È di impasto color carne con calcinello affiorante in superficie e misura cm 12 per 6,6 per 3,2. Bordo dell infundibolo e della base ad anello con scanalatura. Palmetta a due rammetti per lato. La scritta abbreviata è a schema direzionale convergente. Vi ho letto una kappa come iniziale di K(u'rio"), seguita dal titolo cristologico

12 324 S. LOFFREDA alpha-omega, cioè principio e fine. La stessa frase, sia pure con varianti, è riprodotta con schema direzionale divergente nel tipo D 4.5 (Lucerne, p. 157). B. Tipi ancora rari di iscrizioni Aggiungo a questo punto nuovi lychnaria con scritte già analizzate nella mia monografia sulle lucerne, ma che sono ancora molto rare e mal documentate. 14. Lychn FwSCUFeNPOON Fw'" C(risto)u' faivn(ei) p(a'si)n La luce di Cristo illumina tutti La lucernetta con impasto marrone verso il grigio misura cm 8,7 per 5,8 per 3,2 e appartiene al tipo con palmetta. Le lettere sono in buon rilievo. La scritta appartiene al tipo B 2.1 (Lucerne, p. 111) che finora era illustrato da un unico esemplare completo (lychn. 180) di cui però non potevo offrire una fotografia, e da un frammento (lychn. 522). 15. Lychn LUCNwSOwTHMw Luvcno" fwvtisovn me Lucerna, illuminami La lucerna di color nocciola misura cm 10,1 per 6,7 per 3,8. La palmetta è ridotta ad un solo rametto per lato. La scritta è ben preservata ed è accompagnata da un rigo in rilievo alla base delle lettere. Appartiene al tipo C 7.1s (Lucerne, p. 136s) che finora era conosciuto attraverso due esemplari soltanto, di cui il lychn. 606 era incompeto e il lychn. 752 era stato trascritto soltanto approssimativamente, dato che era conservato in vetrina nel

13 LUCERNE BIZANTINE CON ISCRIZIONI 325 Museo archeologico dei Greci Ortodossi di Gerusalemme. Quello che qui pubblico è ben preservato. Soltanto la lettera chi è un tantino disturbata nella parte bassa a causa dell incrocio con il rigo. 16. Lychn LUCNwSOwTHMw Luvcno" fwvtisovn me Lucerna, illuminami Scritta C 7.1 come l esemplare precedente. In questo esemplare la lettera chi è ben preservata e non esiste la legatura sigma-phi. Di questo stesso tipo possiedo un terzo esemplare, acquistato anch esso nel mercato di Gerusalemme. 17. Lychn wwscfnapa Fw'" C(ristou' f(aiv)n(ei) pa'(sin) La luce di Cristo illumina tutti Di colore sul marrone e di esecuzione un po rozza. Misura cm 9,2 per 6 per 3,5. La palmetta ha un solo rametto sul lato destro e due sulla sinistra. Base ad anello ampio (cm 3,8 all esterno). Appartiene al tipo B 4.1 con metatesi APA per PA(SIN). Era finora conosciuto per un solo esemplare da me acquistato a Gerusalemme (Lucerne, p. 118). 18. Lychn FSCUFNFN F(w')" C(risto)u' f(aiv)n(ei) f(ai)vn(ei) La luce di Cristo brilla, brilla

14 326 S. LOFFREDA La lucerna, di impasto color carne, misura cm 9,4 per 6,4 per 3,00. Anche questo tipo di scritta B 3.5 con reduplicazione del verbo, era finora conosciuto attraverso un solo esemplare (Lucerne, p. 117). Le lettere e la loro disposizione sono le stesse, ma la grafia è diversa. Debbo segnalare un dettaglio. Il simbolo della scala è normalmente rappresentato da due aste per lungo e da due aste di traverso. In questo tipo di scritta invece la scala è a forma di eta. È un dettaglio che avevo osservato anche nel lychn. 3 pubblicato da Aharoni, ma al quale non detti peso perché non avevo sotto mano l originale. Ora, in base a questo nuovo esemplare ben preservato e con lettere a forte rilievo, risulta chiaro che si tratta davvero della lettera eta scritta simmetricamente ai fianchi della palmetta. Già in questo articolo ho mostrato il lychn dove il simbolo della scala è sostituito dalla lettera sacra alpha. Niente vieta quindi che anche nell esemplare 1025 venga rappresentata la lettera sacra eta la quale, come si è visto sopra per il lychn. 1009, sta ad indicare il titolo Creistov". In base a questi casi che mi sembrano convincenti, credo sia necessario riprendere in esame la scritta B 3.1 (Lucerne, p. 115). In quella scritta c era un fatto strano: presso il beccuccio era presente costantemente un solo simbolo della scala (sulla destra). Sul lato di sinistra invece, al posto del simbolo della scala, c era una omega. Pubblicai questa scritta come un esempio di reduplicazione: FWWS al posto di FWS. Al presente ritengo più probabile che l omega al posto del secondo simbolo mancante della scala, sia una lettera sacra con valore cristologico: come l alfa indica principio, così l omega indica fine e in varie lucerne esse ricorrono anche insieme, e si riferiscono a Cristo principio e fine. C è un altro caso non meno interessante che debbo riprendere in esame: è il lychn. 111 di Gezer (Lucerne, p. 112). In quell esemplare il simbolo della scala è riprodotto una sola volta, cioè sulla sinistra del beccuccio, mentre sul lato destro si ha una sola asta. Analizzando i segni più attentamente, risulta che anche qui la scala è semplicemente a forma di eta. Non mi sembra azzardato concludere che in quella scritta del tipo B 2.3 il doppio simbolo della scala sia stato sostituito dalle lettere sacre iota-eta, che sono le iniziali del nome Ih(sou'"). 19. Lychn FSCUFNFN F(w')" C(risto)u' f(aiv)n(ei) f(ai)vn(ei) La luce di Cristo brilla, brilla

15 LUCERNE BIZANTINE CON ISCRIZIONI 327 È un altro esemplare acquistato a Gerusalemme che si aggiunge al tipo B Lychn wuscnfnwpan FS CU FN FN PAN F(w')" C(risto)u' f(aiv)n(ei) f(aiv)n(ei) pa'(sin) La luce di Cristo illumina illumina tutti Lucerna di impasto rosso scialbo e di buona cottura. Misure: cm 9,00 per 6,00 per 3,2. Infundibolo ad orlo doppio. Palmette con due soli rametti per lato. Base circolare ad anello doppio. Di questo tipo B 4.3 (Lucerne, p. 119s) si conosceva finora soltanto un esemplare (lychn. 150a). Le lettere sono marcate. Come grafia noto, rispetto al tipo già pubblicato, alcune leggere differenze nella forma della ypsilon nella parola CU, che ha il peduncolo, e nella legatura alpha-ny dell ultima parola pa'(si)n. Inoltre in questo nuovo esemplare le singole lettere sono più vistose che nel lychn. 150a. 21. Lychn AKwNFNwKA FN K wa FN K wa F(aiv)n(ei) K(uvrio") WA F(aiv)n(ei) K(uvrio") WA Risplende il Signore, alfa e omega La lucerna di impasto color carne rosa misura cm 9,4 per 7 per 3,4. È del tipo a palmetta con tre rametti per lato. La base è ad anello cosi ribassato che sembra piatta. Il tipo di scritta mi era noto soltanto attraverso un esemplare che non potei analizzare accuratamente perché visto soltanto attraverso una vetrina in un museo di Gerusalemme. Lo catalogai come tipo D 4.8 (Lucerne, p. 158). In base al nuovo esemplare che ho per mano risulta ora chiaro che il terzo segno sulla sinistra non è una phi chiusa,

16 328 S. LOFFREDA come erroneamente credetti di vedere, ma un segno aperto che a seconda dei casi può indicare nelle lucerne una epsilon, una phi aperta oppure (e questa è dal contesto la lettura che mi sembra giusta) una omega. In base a questa nuova lettura, la scritta mi sembra avere uno schema direzionale divergente SD 9 (Lucerne, p. 4) a partire dalla lettera diametralmente opposta al beccuccio. Con questo schema direzionale la lettura che offro è un tantino meno contorta, anche se il senso rimane lo stesso. Vi ho letto in senso simmetrico la frase FN K WA come abbreviazione per la frase F(aiv)n(ei) K(uvrio") WA. La posizione invertita delle due lettere omegaalpha al posto del normale alpha-omega è attestato in alcune scritte bizantine (Guarducci M., Epigrafia Greca, IV, Roma 1978, p. 319ss e fig. 88). La Guarducci ne dà la seguente spiegazione: È degna di nota, infine, l inversione delle lettere apocalittiche alpha-omega in omega-alpha. Come altrove ho spiegato diffusamente, la formula alpha-omega, che nell apocalisse giovannea esprime Dio (o Cristo) signore dell universo, diviene, invertita e applicata al cristiano, simbolo del passaggio dalla fine (morte) al principio, cioè alla vita eterna, che può anche identificarsi con Cristo (ibidem, p. 321). Almeno nel caso della nostra lucerna omegaalpha si riferiscono direttamente a Kuvrio" e quindi la spiegazione della Guarducci per l inversione delle lettere apocalittiche non mi sembra convincente. C. Scritta non ancora identificata 22. Lychn Il 13 gennaio 1993 ho avuto per mano per breve tempo una lucerna contenente nella parte inferiore una lunga scritta in greco. La lucerna è del tipo samaritano e misura cm 9,7 per 5,4 (non ho preso l altezza). Lo schema direzionale più probabile mi sembra SD 3: avremmo una scritta in senso antiorario con base delle lettere verso il centro del lychnarion (Lucerne, p. 2). Offro due possibili letture dato che il segno a forma di ypsilon può indicare indifferentemente una ypsilon o una lambda e dato che nella seconda parte della scritta ci sono due segni che possono essere

17 LUCERNE BIZANTINE CON ISCRIZIONI 329 dei semplici cerchietti e un segno che potrebbe essere un semplice trattino: BOUÇINAÇLOICNONINe BOLÇINAÇU.ICN.N.Ne Non riesco per il momento a dare alcun senso a questa scritta. Stanislao Loffreda, ofm Studium Biblicum Franciscanum, Jerusalem

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2007 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2007 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria Testi_07.qxp 16-04-2007 12:02 Pagina 5 Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2007 Categoria Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria I quesiti dal N. 1 al N. 8 valgono 3 punti ciascuno 1. Osserva

Dettagli

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Risposta A). Il triangolo ABC ha la stessa altezza del triangolo AOB ma base di lunghezza doppia (il diametro

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

IMPARO A... ...collocare nel tempo

IMPARO A... ...collocare nel tempo AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 17 AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 1 IMPARO A......collocare nel tempo ordine cronologico Immagina che il tuo album di fotografie sia caduto a terra e che le foto

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi Tra i molteplici interessi scientifici di Leonardo non dobbiamo dimenticare la matematica.

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA...

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... 15 febbraio 010 - Soluzione esame di geometria - 1 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 009-010 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

IMSV 0.8. (In Media Stat Virtus) Manuale Utente

IMSV 0.8. (In Media Stat Virtus) Manuale Utente Introduzione IMSV 0.8 (In Media Stat Virtus) Manuale Utente IMSV è una applicazione che calcola che voti può'prendere uno studente negli esami che gli mancano per ottenere la media che desidera. Importante:

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

QUOTATURA. Introduzione

QUOTATURA. Introduzione QUOTATURA 182 Introduzione Per quotatura si intende l insieme delle norme che permettono l indicazione esplicita delle dimensioni(lineari ed angolari) dell oggetto rappresentato. Poiché a ciascun disegno

Dettagli

DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (2010/C 106/09)

DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (2010/C 106/09) C 106/26 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.4.2010 DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (Testo rilevante ai fini del SEE e dell'accordo CE/Svizzera)

Dettagli

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011)

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) D1. Nella tabella che vedi sono riportati i dati relativi alla distribuzione di alunni e insegnanti nella scuola secondaria di primo grado

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA E SPERIMENTAZIONI DELLE CORRENTI DI GRAVITA CHE INTERAGISCONO CON FORME DI FONDO

MODELLAZIONE NUMERICA E SPERIMENTAZIONI DELLE CORRENTI DI GRAVITA CHE INTERAGISCONO CON FORME DI FONDO MODELLAZIONE NUMERICA E SPERIMENTAZIONI DELLE CORRENTI DI GRAVITA CHE INTERAGISCONO CON FORME DI FONDO Relazione di tirocinio di Flavio Consolo matricola 281865 Corso ingegneria civile per la protezione

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA ATTIVITÀ DI ANALISI QUESITI INVALSI GRUPPO DI LAVORO DI PARMA Coordinamento prof. P. VIGHI ANALISI QUESITI RELATIVI A: FASCICOLO somministrato nella 2^ classe PRIMARIA a.s. 2013-2014 FASCICOLO somministrato

Dettagli

L 276/4 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea DECISIONE N. 190. del 18 giugno 2003

L 276/4 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea DECISIONE N. 190. del 18 giugno 2003 L 276/4 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea DECISIONE N. 190 del 18 giugno 2003 concernente le caratteristiche tecniche della tessera europea di assicurazione malattia (Testo rilevante ai fini del

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 CODICI MONOALFABETICI E ANALISI DELLE FREQUENZE (organizzata da Francesca Visentin) Riprendiamo

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani LEMS- Laboratorio Elettronico per la Musica Sperimentale Conservatorio di Musica G. Rossini- Pesaro,QWURGX]LRQH Tutti i FDOFRODWRUL HOHWWURQLFL

Dettagli

La visione della matematica nei ragazzi della scuola media

La visione della matematica nei ragazzi della scuola media Relazione primo Laboratorio La visione della matematica nei ragazzi della scuola media Alessandro Burroni Salima Bartalena E stata svolta un indagine su un campione di alunni della scuola media delle province

Dettagli

LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE

LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE Supponiamo di dover pavimentare delle superfici molto estese e vogliamo evitare le classiche composizioni quadrate, rettangolari o a spina di pesce, per rendere meno banale

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE DIVISE DA GIUOCO

REGOLAMENTO DELLE DIVISE DA GIUOCO LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI COMUNICATO UFFICIALE N. 16 DEL 6 agosto 2008 REGOLAMENTO DELLE DIVISE DA GIUOCO ART. 1 - Ambito di applicazione e criterio generale 1. Il presente Regolamento si applica alle

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE DIVISE DA GIUOCO

REGOLAMENTO DELLE DIVISE DA GIUOCO LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI COMUNICATO STAMPA N. 18 DELL 8 agosto 2007 REGOLAMENTO DELLE DIVISE DA GIUOCO ART. 1 - Ambito di applicazione e criterio generale 1. Il presente Regolamento si applica alle

Dettagli

Sommario. 1 Realizzazione del STG. Introduzione. 1 traduzione delle specifiche informali in specifiche formali (STG o

Sommario. 1 Realizzazione del STG. Introduzione. 1 traduzione delle specifiche informali in specifiche formali (STG o Sommario Sintesi di macchine a stati finiti 1 Realizzazione del ST M. avalli 2 utoma minimo di SM completamente specificate 6th June 2007 3 Ottimizzazione di SM non completamente specificate Sommario ()

Dettagli

Può succedere che il bambino utilizzi le lettere dell alfabeto scritte correttamente, ma ancora come semplice imitazione dell atto di scrivere degli

Può succedere che il bambino utilizzi le lettere dell alfabeto scritte correttamente, ma ancora come semplice imitazione dell atto di scrivere degli LA PAROLA SCRITTA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Francesco Nota Capita con una certa frequenza di incontrare bambini che sanno leggere e scrivere già alla scuola dell infanzia, scuola che finora si è per

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità Valutare un test 9 Quando si sottopone una popolazione ad una procedura diagnostica, non tutti i soggetti malati risulteranno positivi al test, così come non tutti i soggetti sani risulteranno negativi.

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

PERCORSO RETTIFICATO

PERCORSO RETTIFICATO Il percorso rettificato serve per effettuare un rilievo topografico di una zona rapidamente, basandosi su un disegno schematico da tracciarsi man mano si cammina, ciò consiste, come dice il nome, nel raddrizzare

Dettagli

Codice: AD 402. Formato: cm 21,6 X 15,4 aperto e cm 11 X 15,4 chiuso. Didascalia:

Codice: AD 402. Formato: cm 21,6 X 15,4 aperto e cm 11 X 15,4 chiuso. Didascalia: Vi offriamo una selezione del vasto catalogo del Monastero delle Trappiste di Vitorchiano di immagini e biglietti sul tema della Prima Comunione: i biglietti normalmente sono predisposti per una stampa

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OPENLAB - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Elementi di Statistica descrittiva Parte I

Elementi di Statistica descrittiva Parte I Elementi di Statistica descrittiva Parte I Che cos è la statistica Metodo di studio di caratteri variabili, rilevabili su collettività. La statistica si occupa di caratteri (ossia aspetti osservabili)

Dettagli

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE Introduzione Il modello geometrico della luce, vale a dire il modello di raggio che si propaga in linea retta, permette di descrivere un ampia gamma

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Ogni primino sa che...

Ogni primino sa che... Ogni primino sa che... A cura della équipe di matematica 25 giugno 2015 Competenze in ingresso Tradizionalmente, nei primi giorni di scuola, gli studenti delle classi prime del Pascal sostengono una prova

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO Angela intervista Laura chi compie l azione azione compiuta oggetto su cui passa l azione NELLA FORMA PASSIVA, INVECE, IL SOGGETTO SUBISCE

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

ah potresti anche dirmi come faccio per avere dei finestrini " realistici " ovvero sporchi o macchiati?"

ah potresti anche dirmi come faccio per avere dei finestrini  realistici  ovvero sporchi o macchiati? Ieri ho ricevuto da un giovane appassionato questa richiesta; forse un tantino male espressa, ma comprensibile: "ciao! volevo sapere come faccio ad avere dei vetri trasparenti in train simulator. Quando

Dettagli

Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia

Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia ULTERIORI RILIEVI PERSONALI SULLA FEDERA DEL CUSCINO RITROVATO SOTTO IL CADAVERE Prof. Francesco Vinci docente di Medicina Legale, Patologia Forense, Indagini

Dettagli

MISURAZIONI E MISURE

MISURAZIONI E MISURE MISURAZIONI E MISURE Nel momento in cui studiamo una proprietà di un corpo materiale, vediamo se questa risponde in modo positivo o negativo alla nostra considerazione. Possiamo includerlo o escluderlo

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Minicorso Regole di Disegno Meccanico

Minicorso Regole di Disegno Meccanico Parte 3 Minicorso Regole di Disegno Meccanico di Andrea Saviano Tolleranze dimensionali di lavorazione Accoppiamenti mobili, stabili e incerti Giochi e interferenze Posizione della zona di tolleranza e

Dettagli

Guida pratica all identificazione delle classi di età del Cervo tramite esame dello stadio di usura dei denti permanenti differenziata per sesso e

Guida pratica all identificazione delle classi di età del Cervo tramite esame dello stadio di usura dei denti permanenti differenziata per sesso e Guida pratica all identificazione delle classi di età del Cervo tramite esame dello stadio di usura dei denti permanenti differenziata per sesso e ambiente Ambbi ieennttee aal lppi innoo Ambbi ieennttee

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

GIOCHI A SQUADRE 2013

GIOCHI A SQUADRE 2013 GIOCHI A SQUADRE 2013 1. Trovate il più piccolo intero naturale che, diviso per 3, dà come resto 1; diviso per 4, dà il resto di 2, diviso per 5, dà il resto di 3 e, diviso per 6, dà il resto di 4. 58

Dettagli

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Il punto di riferimento della musica tonale è la scala, in quanto essa è la sintesi di tutte le note che appartengono ad una data tonalità. Inoltre,

Dettagli

Perché leggere i classici? Perché illustrare i classici?

Perché leggere i classici? Perché illustrare i classici? Foglio:1/5 Perché leggere i classici? Perché illustrare i classici? Nell ultimo numero della rivista Liber Roberto Denti dedica un lungo articolo alla recente tendenza dell editoria italiana di ripubblicare,

Dettagli

Quale numero riportato sulla piantina identifica il Partenone? A. 19 B. 17 C. 14 D. 1

Quale numero riportato sulla piantina identifica il Partenone? A. 19 B. 17 C. 14 D. 1 E1. L immagine qui sotto è una ricostruzione dell Acropoli di Atene. L edificio indicato con P è il Partenone, tempio dedicato alla dea Atena. Osserva ora questa piantina dell Acropoli: Quale numero riportato

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto.

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto. «Possiamo conoscere qualcosa dell'oggetto di cui stiamo parlando solo se possiamo eseguirvi misurazioni, per descriverlo mediante numeri; altrimenti la nostra conoscenza è scarsa e insoddisfacente.» (Lord

Dettagli

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Dispensa lezione 4 Contabilità Il bilancio d esercizio 4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Abbiamo visto che la gestione di un impresa si compie tramite una serie di operazioni tra loro coordinate.

Dettagli

1.300 2.500 10.000 5.000

1.300 2.500 10.000 5.000 ORDINE DEI PREZZI RITAGLIA I CARTELLINI DEI PREZZI E INCOLLALI NEL QUADERNO METTENDO I NUMERI IN ORDINE DAL PIÙ PICCOLO AL PIÙ GRANDE. SPIEGA COME HAI FATTO A DECIDERE QUALE NUMERO ANDAVA PRIMA E QUALE

Dettagli

Introduzione alla lingua cinese moderna

Introduzione alla lingua cinese moderna Introduzione alla lingua cinese moderna Per lingua cinese moderna si intende la lingua ufficiale, parlata e scritta, nella Repubblica Popolare Cinese, lingua definita dal 1956 Ptnghuà 普 通 话 (letter.: lingua

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Scheda n. 10: PCA - parte seconda

Scheda n. 10: PCA - parte seconda Scheda n. 10: PCA - parte seconda November 25, 2008 1 Il piano principale Con il comando: > biplot(pca) si ottiene un immagine del piano principale, con la proiezione dei dati e dei vecchi assi (le vecchie

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI Il Sistema di Numerazione Decimale Il sistema decimale o sistema di numerazione a base dieci usa dieci cifre, dette cifre decimali, da O a 9. Il sistema decimale è un sistema

Dettagli

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 Rapporto tecnico sulle caratteristiche delle prove INVALSI 2011 Scuola secondaria di secondo grado classe II MATEMATICA Domanda D1 item a D1. Nella tabella che

Dettagli

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 LEZIONE MONITORARE UN PROGETTO FORMATIVO. UNA TABELLA PROF. NICOLA PAPARELLA Indice 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3 2 di 6 1 Il

Dettagli

Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano

Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano 04_09_CIL79_Aldo Rossi 26-01-2001 15:21 Pagina 4 Progetti Cecilia Bolognesi Le prime volte saremo destinati a cercarlo a lungo, sfrecciando sulla tangenziale che lo lambisce a sud di Milano, con lo sguardo

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Br 58 1836, INSIDER 2013, I Parte - Märklin art. 37589

Br 58 1836, INSIDER 2013, I Parte - Märklin art. 37589 Capitolo 085 (terminato nel novembre 2013) Br 58 1836, INSIDER 2013, I Parte - Märklin art. 37589 Una novità assoluta del 2013 Modello Insider di nuova concezione sia come modello in H0 che nella realtà

Dettagli

Notazione Assiale. per body-percussion. Sergio Ghivelder

Notazione Assiale. per body-percussion. Sergio Ghivelder Notazione Assiale per body-percussion Sergio Ghivelder Introduzione La Notazione Assiale è un modo semplice di scrivere colpi di body-percussion. Il suo obbiettivo è quello di incorporare l informazione

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO

UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO 1 UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO Ad opera di: Waldir Cury Stenografo-revisore in pensione dell Assemblea Legislativa dello Stato di Rio de Janeiro Professore di Stenografia

Dettagli

Strana Italia in rete

Strana Italia in rete Strana Italia in rete Giancarlo Livraghi aprile 2007 Questa è la prima parte del numero 80 della rubrica Il mercante in rete http://gandalf.it/mercante/merca80.htm Tutte le statistiche sono sempre discutibili.

Dettagli

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Pagina 1 di 16 SUITE BY11250 (1.0.0.1) Editor Parametri e Configurazione (1.0.0.0) IMPORTANTE Pagina 2 di 16 Le immagini riportate nel presente manuale fanno riferimento

Dettagli

STEREOISOMERIA carbonio ibridizzato sp3 è legato a quattro atomi o gruppi tutti diversi fra loro

STEREOISOMERIA carbonio ibridizzato sp3 è legato a quattro atomi o gruppi tutti diversi fra loro STEREOISOMERIA i sono oggetti che sono sovrapponibili alla loro immagine speculare: tutti gli oggetti di forma piana, ad esempio. osì, se prendo un alchene e lo confronto con la sua immagine allo specchio:

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

EVOLUZIONE DEL MICROSCOPIO

EVOLUZIONE DEL MICROSCOPIO EVOLUZIONE DEL MICROSCOPIO A cura di Cester Annagiulia 2I 2222-0303-2014 Obiettivi: Analizzare nalizzare l evoluzione tecnologica del microscopio partendo da uno rudimentale fino ad arrivare a uno digitale.

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

01 Introduzione CONTENUTI. 01 Introduzione. 02 Costruzione del Logo. 03 Disegno tecnico e area di rispetto. 04 Riduzione/Ingrandimento del Logo

01 Introduzione CONTENUTI. 01 Introduzione. 02 Costruzione del Logo. 03 Disegno tecnico e area di rispetto. 04 Riduzione/Ingrandimento del Logo Brand book 01 Introduzione Questo brand book nasce con l intento di fornire tutte le informazioni necessarie all uso corretto del logo ufficiale del bicentenario verdiano e di quello di Busseto terra di

Dettagli