Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna"

Transcript

1 Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna

2 INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA Esame delle disposizioni di Vigilanza in materia di controlli della rete di vendita esterna Individuazione dei soggetti terzi Selezione dei soggetti terzi STIPULA DELLE CONVENZIONI CON I SOGGETTI TERZI Clausole contrattuali MODELLO ORGANIZZATIVO DELLA SOCIETÀ Attribuzione dei processi aziendali ai soggetti terzi CONTROLLI SULLA RETE DI VENDITA Controlli di linea (controlli di primo livello) Controlli sulla gestione dei rischi (controlli di secondo livello) Attività di Revisione Interna (controlli di terzo livello)

3 Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna Il presente regolamento disciplina i criteri per la gestione dei rischi ovvero gli aspetti delle singole fasi del processo nonché le attività da svolgere per l applicazione dei citati criteri. Le procedure da utilizzare a supporto delle attività complesse sono disciplinate in apposite disposizioni interne. Il ruolo e le responsabilità delle unità organizzative deputate allo svolgimento delle attività e all utilizzo delle procedure sono disciplinate in un apposito regolamento. 1. Pianificazione della rete di vendita esterna Di seguito vengono indicati gli aspetti da considerare secondo le normative esterne e le relative attività da svolgere per la pianificazione della rete di vendita. 1.1 Esame delle disposizioni di Vigilanza in materia di controlli della rete di vendita esterna La società, secondo le disposizioni di Vigilanza, deve porre la massima cura nel verificare, anche nel corso del rapporto, che i soggetti terzi dei quali si avvalgono per l'operatività fuori sede posseggano adeguate caratteristiche di professionalità e di affidabilità. In particolare, la Società intrattiene relazioni con mediatori creditizi, agenti in attività finanziaria ed intermediari iscritti negli appositi Albi/Elenchi. Pertanto la Società è tenuta a: - svolgere un approfondita analisi delle implicazioni che le modalità distributive adottate possono comportare sui sistemi aziendali di valutazione e di controllo dei rischi; - considerare attentamente le capacità professionali e i presidi operativi dei soggetti incaricati, anche per evitare l eventuale insorgenza di conflitti di interesse; - prevenire i rischi insiti nella separazione tra responsabilità delle società e svolgimento dei servizi di distribuzione da parte dei soggetti incaricati. In particolare, è necessario che gli incarichi, formalizzati per iscritto, definiscano condizioni, contenuti e limiti dell attività con specifico riguardo ai livelli qualiquantitativi dei servizi, ai sistemi di reporting, agli obblighi di trasparenza e riservatezza, all attribuzione dei rischi connessi con l esecuzione delle operazioni. I contratti devono chiaramente delimitare la portata degli incarichi conformemente alle nozioni di promozione e di collocamento dei prodotti e devono esplicitare che la valutazione del merito creditizio degli affidati resta di esclusiva competenza del confidi; 3

4 - porre in essere modalità operative in grado di assicurare condizioni di efficiente e corretto svolgimento delle relazioni con l utenza (la clientela, in particolare, deve poter individuare in maniera univoca la controparte confidi con cui viene in contatto); - adottare ogni precauzione per garantire il rispetto delle disposizioni che regolano la distribuzione di prodotti e servizi, tra cui le normative in materia di trasparenza delle condizioni contrattuali, di contrasto al riciclaggio e di tutela del consumatore; - accertarsi che l attività svolta per conto della Società non contrasti con la specifica disciplina che regola i mediatori creditizi e gli agenti in attività finanziaria. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. analisi delle modalità distributive dei prodotti e dei relativi rischi; b. esame delle capacità professionali dei soggetti terzi e dei relativi presidi operativi; c. formalizzazione dei diritti, doveri ed obblighi dei soggetti con riguardo agli incarichi agli stessi conferiti; d. formalizzazione degli obblighi rivenienti dalle disposizioni di legge e di Vigilanza relativi ai soggetti terzi. 1.2 Individuazione dei soggetti terzi Per la promozione, il collocamento e la conclusione dei contratti fuori dalla sede della società relativi ai prodotti e ai servizi finanziari di cui all art. 106 del TUB può avvalersi di persone fisiche e giuridiche iscritti in appositi Albi/Elenchi tenuti presso la Banca d Italia. In particolare la Società, per l offerta fuori sede dei propri prodotti e servizi riconducibili all esercizio delle attività finanziarie previste dall art.106 del TUB, può avvalersi: - dei mediatori creditizi iscritti in un apposito albo tenuto dalla Banca d Italia i quali possono svolgere un attività di mediazione o di consulenza nella concessione di finanziamenti da parte della Società e/o tramite la stessa Società da parte delle banche o di altri intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale ex art.107 TUB che conferiscono apposito mandato alla medesima Società. In sintesi, i mediatori creditizi possono svolgere in vista della concessione o nella concessione di finanziamenti da parte della Società e/o delle banche mandanti - attività di mediazione o di consulenza e di collocamento che si sostanziano nella raccolta delle proposte contrattuali firmate dai clienti, in una prima eventuale istruttoria e nel successivo inoltro della domanda stessa alla Società. I predetti mediatori non possono svolgere l attività di promozione di prodotti e servizi bancari, intesa come pubblicizzazione e consulenza nei confronti di potenziale clientela. Infatti, il mediatore creditizio non è legato alla Società da rapporti di collaborazione, dipendenza o rappresentanza. Ad essi è vietato 4

5 concludere contratti ed effettuare, per conto della Società, l erogazione di finanziamenti e ogni forma di pagamento o di incasso di denaro contante, di altri mezzi di pagamento o di titoli di credito. Pertanto l attività di mediazione deve essere svolta sulla base di apposite convenzioni fra il mediatore e la Società il cui contenuto deve essere tale da non compromettere il requisito di neutralità e indipendenza del mediatore stesso evitando in particolare clausole che impongano al mediatore di operare in via esclusiva con la Società; - degli agenti in attività finanziaria per la promozione, il collocamento e la conclusione dei contratti riconducibili all esercizio delle attività finanziarie previste dall art. 106 del TUB. Pertanto l esercizio di tali attività deve essere disciplinato da apposite convenzioni stipulate fra la Società e gli agenti in attività finanziarie. Tali convenzioni devono limitare l operatività degli agenti finanziari a prodotti standardizzati i cui schemi contrattuali siano predefiniti dalla Società o dalle banche ed altri intermediari mandanti e non modificabili. I contratti si perfezionano solo con il successivo consenso della Società o delle banche e degli altri intermediari mandanti, ai quali resta riservata la valutazione del merito dell operazione. Gli agenti costituiti sotto forma di società possono svolgere gli incarichi ad essi conferiti anche attraverso propri dipendenti e collaboratori. In tali casi i dipendenti e i collaboratori devono essere a loro volta iscritti nell elenco degli agenti in attività finanziaria. Pertanto l agente non può avvalersi di mediatori creditizi. L agente in attività finanziaria può operare con uno o più intermediari iscritti nell Elenco generale o speciale quindi può essere anche plurimandatario. E possibile conferire agli agenti i poteri di firma per la sottoscrizione dei contratti. Agli agenti comunque non è consentito, per conto della Società, effettuare l erogazione di finanziamenti, pagamenti o incassi di denaro contante, di altri mezzi di pagamento o i titoli di credito; - degli intermediari finanziari iscritti nell elenco generale ex art. 106 del TUB per la promozione, il collocamento e la conclusione dei contratti riconducibili all esercizio delle attività finanziarie previste dall art. 106 del TUB. Pertanto l esercizio di tali attività deve essere disciplinato da apposite convenzioni stipulate fra la Società e gli intermediari finanziari. Tali convenzioni devono limitare l operatività degli agenti finanziari a prodotti standardizzati i cui schemi contrattuali siano predefiniti dalla Società o dalle banche ed altri intermediari mandanti e non modificabili. I contratti si perfezionano solo con il successivo consenso della Società o delle banche e degli altri intermediari mandanti, ai quali resta riservata la valutazione del merito dell operazione. A loro volta, gli intermediari finanziari possono avvalersi di mediatori/agenti iscritti nei rispettivi Albi/Elenchi per le attività di loro competenza. E possibile conferire agli intermediari finanziari i poteri di firma per la sottoscrizione dei contratti. Agli intermediari è consentito, su delega e per conto della Società, effettuare l erogazione di finanziamenti, pagamenti o incassi di denaro contante, di altri mezzi di pagamento o i titoli di credito. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: 5

6 a. verifica dei requisiti previsti dalle disposizioni per svolgere l offerta fuori sede; b. individuazione dei soggetti terzi da avvalersi per l offerta dei servizi fuori sede; c. definizione delle attività esercitabili dai mediatori creditizi; d. definizione delle attività esercitabili dagli agenti finanziari; e. definizione delle attività esercitabili dagli intermediari finanziari. 1.3 Selezione dei soggetti terzi I mediatori, gli agenti finanziari e gli intermediari finanziari devono essere selezionati consultando gli Elenchi e gli Albi dove i predetti intermediari devono essere obbligatoriamente iscritti per un eventuale successivo conferimento agli stessi dell incarico di promuovere, collocare e concludere, fuori sede, contratti di finanziamento in nome e per conto della Società ovvero in nome e per conto di banche o altri intermediari finanziari che hanno conferito mandato alla stessa Società. In tale contesto, occorre tenere presente che: a) l acquisizione di clientela per il tramite di mediatori piuttosto che attraverso agenti e intermediari finanziari si caratterizza per maggiori livelli di rischiosità e per minore incisività dei controlli, b) l acquisizione della clientela può avvenire anche con il ricorso alla stipula di convenzioni, senza clausola di esclusiva, con i datori di lavoro e gli Enti previdenziali al fine di intrattenere rapporti diretti con le Amministrazioni terze cedute, anche tramite appositi collegamenti informatici. In sintesi, per la selezione dei soggetti terzi è preceduta dall accertamento dei requisiti che devono possedere gli stessi soggetti terzi e dei loro dipendenti e collaboratori sulla base anche delle dichiarazioni fornite dai medesimi soggetti e valide ai fini di legge. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. verifica dell iscrizione negli appositi Albi/Elenchi dei soggetti terzi; b. verifica dei requisiti di onorabilità e professionalità dei soggetti terzi; c. indicazione da parte dei soggetti terzi dei propri collaboratori e dipendenti; d. verifica dell iscrizione negli appositi Albi/Elenchi dei collaboratori e dei dipendenti dei soggetti terzi; e. verifica dei requisiti di onorabilità e professionalità dei collaboratori e dei dipendenti dei soggetti terzi; f. acquisizione di informazioni da altri intermediari in merito all attività svolta in precedenza dai soggetti terzi e dai propri dipendenti e collaboratori; g. selezione dei soggetti terzi ai quali affidare l incarico di promozione, collocamento e conclusione dei contratti riconducibili all esercizio delle attività finanziarie. 2. Stipula delle convenzioni con i soggetti terzi Di seguito vengono indicati gli aspetti da considerare secondo le normative esterne e le relative attività da svolgere per la stipula delle convenzioni con i soggetti terzi. 6

7 2.1 Clausole contrattuali Il ruolo, i compiti e le responsabilità dei singoli soggetti selezionati per l offerta fuori sede sono disciplinati da apposite convenzioni. Le stesse convenzioni devono prevedere: - il conferimento dell incarico ai mediatori per l attività di mediazione o di consulenza nonché di collocamento dei prodotti in vista della concessione dei crediti da parte della Società; - il conferimento dell incarico agli agenti in attività finanziaria e agli intermediari finanziari ex art. 106 del TUB per l attività di promozione, collocamento e conclusione dei contratti di finanziamento; - il compenso per i predetti incarichi da corrispondere ai citati soggetti da parte della clientela distinto da quello da corrispondere eventualmente agli stessi da parte della Società. In tale contesto non devono essere previsti compensi o premi di produzione (c.d. rappel), le predette commissioni devono prevedere un massimo in caso di acquisizione di nuova clientela ed un minimo di semplici rinnovi di operazioni già in essere presso la Società o altri intermediari; - il divieto, da parte dei mediatori e degli agenti, di concedere anticipi in nome e per conto della Società nonché in nome proprio essendo tale attività riservata alle banche e agli intermediari finanziari. - il divieto per i mediatori creditizi, di sottoscrivere i contratti, di incasso di denaro contante, di altri mezzi di pagamento e di titoli di credito. - l obbligo da parte dei predetti soggetti di svolgere i processi della Società, per la parte di loro competenza, secondo i regolamenti dei processi stessi predisposti dalla Società ed allegati alle stesse convenzioni. - l obbligo da parte dei predetti soggetti di informare il cliente in merito alla confidi erogante la garanzia richiesta al fine di consentire che il cliente finanziato possa essere messo nella condizione di apprendere subito il nome della Società che sottoscriverà poi il contratto di finanziamento; - il divieto da parte dei predetti soggetti di assumere obblighi o impegni verso la clientela che vincolano la Società mandanti, neppure in via preliminare e/o di trattativa; - il divieto da parte dei predetti soggetti di assumere condotte tali da far insorgere nei terzi l apparenza di un loro potere di rappresentanza o comunque l erroneo convincimento di un loro potere di 7

8 assumere impegni per conto della Società o della Banca finanziatrice o di rendere comunicazioni in nome della stessa Banca o Società; - il divieto da parte dei predetti soggetti di commercializzare prodotti non adeguati rispetto alle esigenze finanziarie dei clienti. Tale divieto deve essere accompagnato dal diritto della Società di ridurre la commissione riconosciuta dalla Società stessa e dalla possibile risoluzione della convenzione a seguito di una valutazione negativa del comportamento tenuto dai soggetti terzi nella predetta attività di commercializzazione; - l obbligo da parte degli intermediari finanziari ex art. 106 del TUB e degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi costituiti in forma di società, di dotarsi di efficienti sistemi di monitoraggio e controllo dei dipendenti e dei collaboratori nonché dei mediatori creditizi e di agenti in attività finanziaria utilizzati per l attività di mediazione, promozione, collocamento e conclusione dei contratti; - l obbligo da parte dei predetti soggetti di segnalare l eventuale perdita dei loro requisiti di onorabilità e di professionalità e degli eventuali decreti di rinvio a giudizio o di sentenza di condanne non definitive pronunciate nei loro confronti per uno dei delitti il cui accertamento con sentenza irrevocabile comporta la perdita dei predetti requisiti di onorabilità, nonché l applicazione nei confronti dei predetti soggetti, con provvedimento non definitivo di misure di prevenzione; - l obbligo da parte dei predetti soggetti di segnalare i propri dipendenti e collaboratori nonché i mediatori e/o gli agenti in attività finanziaria di cui si avvalgono per promuovere, collocare e concludere i contratti finanziari. Tale segnalazione deve essere accompagnata da una documentazione al fine di dimostrare i requisiti di onorabilità e professionalità dei predetti soggetti e la loro iscrizione negli Albi/Elenchi al riguardo previsti; - il divieto da parte dei predetti soggetti di non avvalersi dei propri collaboratori e dipendenti nonché dei mediatori e/o degli agenti in attività finanziaria senza il preventivo consenso della Società. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. conferimento dell incarico ai soggetti terzi (mediazione, collocamento, promozione e conclusione dei contratti); b. definizione del compenso relativo agli incarichi di pertinenza del soggetto richiedente il prestito; c. definizione del compenso relativo agli incarichi di pertinenza della Società; d. divieto di concedere anticipi da parte dei mediatori e degli agenti; 8

9 e. divieto di sottoscrivere da parte di mediatori e agenti i contratti, incassare denaro in contanti o altri mezzi di pagamento; f. obbligo di svolgere i processi di competenza dei soggetti terzi secondo le disposizioni impartite dalla Società; g. obbligo da parte dei soggetti terzi di informare il cliente in merito alla Società la garanzia; h. divieto da parte dei soggetti terzi di assumere obblighi o impegni che vincolano la Società o le Banche; i. divieto da parte dei soggetti terzi di commercializzare prodotti non adeguati rispetto alle capacità finanziarie dei clienti; j. obbligo da parte dei soggetti terzi di dotarsi di efficienti sistemi di controllo; k. obbligo da parte dei soggetti terzi di segnalare l eventuale perdita dei requisiti di onorabilità e professionalità; l. obbligo da parte dei soggetti terzi di segnalare i propri dipendenti e collaboratori nonché i mediatori creditizi, gli agenti in attività finanziaria di cui si avvalgono; m. divieto da parte dei soggetti terzi di non avvalersi di collaboratori e dipendenti ed altri intermediari senza il preventivo consenso della Società. 3. Modello organizzativo della Società Di seguito vengono indicati gli aspetti da considerare secondo le normative esterne e le relative attività da svolgere per la predisposizione del modello organizzativo della società. 3.1 Attribuzione dei processi aziendali ai soggetti terzi Il modello organizzativo della Società è costituito dall insieme di processi le cui regole recepiscono le disposizioni di legge e di Vigilanza. Ogni processo è strutturato in fasi e per ogni fase sono definiti gli aspetti da considerare. Per ogni aspetto sono definiti i criteri da seguire e le attività da svolgere per applicare i criteri stessi. Il regolamento del processo è deliberato dal Consiglio di Amministrazione della Società. I regolamenti dei processi di pertinenza dei soggetti terzi devono essere allegati alle convenzioni stipulate con gli stessi soggetti. Pertanto, la verifica della conformità operativa dei predetti processi viene svolta confrontando le attività disciplinate nel regolamento del singolo processo con quelle effettivamente svolte dai soggetti terzi. In particolare, alle predette convenzioni vanno allegati i regolamenti del processo di trasparenza delle operazioni, del processo di antiriciclaggio, del processo della privacy, del processo di sicurezza sul luogo del lavoro, per quanto di competenza dei soggetti terzi. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. attribuzione ai soggetti terzi del processo di trasparenza delle operazioni; 9

10 b. attribuzione ai soggetti terzi del processo antiriciclaggio; c. attribuzione ai soggetti terzi del processo creditizio; d. attribuzione ai soggetti terzi del processo della privacy; e. attribuzione ai soggetti terzi del processo della sicurezza sui luoghi di lavoro. 4. Controlli sulla rete di vendita Di seguito vengono indicati gli aspetti da considerare secondo le normative esterne e le relative attività da svolgere per i controlli sulla rete di vendita. 4.1 Controlli di linea (controlli di primo livello) I controlli di linea ovvero di primo livello devono essere svolti secondo quanto a riguardo previsto dal Regolamento del processo di controllo di linea approvato dal Consiglio di Amministrazione della Società. In particolare, tali controlli devono essere svolti dalle stesse unità della Società responsabili dei processi di pertinenza dei soggetti terzi. Le predette unità verificano sulla base delle indicazioni, della documentazione e delle informazioni fornite dai soggetti terzi per ogni processo di loro pertinenza, le attività svolte negli stessi processi rispetto a quelle previste dai relativi regolamenti allegati alle convenzioni. In particolare, le unità organizzative della Società responsabili dei processi di pertinenza dei soggetti terzi, devono: - indicare le attività concretamente svolte nei processi e quelle non svolte nei medesimi processi; - indicare le ragioni per le quali tali attività non vengono svolte; - proporre gli interventi da assumere per consentire lo svolgimento delle complessive attività previste nei processi; - trasferire alle altre unità della Società deputate allo svolgimento dei controlli di secondo livello (controllo rischi e di conformità) e di terzo livello (revisione interna), i risultati delle predette verifiche unitamente alle proposte degli interventi da assumere. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. rilevazione delle attività non svolte nei singoli processi; b. indicazione delle motivazioni per le quali le attività dei processi non sono state svolte; c. formulazione della proposta degli interventi da assumere per singola attività non svolta nei processi; 10

11 d. comunicazioni delle attività svolte e non svolte alle unità di controllo (conformità, controllo rischi, revisione interna); e. comunicazione delle motivazioni riguardanti le attività non svolte all unita di supporto (organizzazione); f. comunicazione delle proposte in merito agli interventi da assumere relativi alle attività non svolte alle unità di supporto e di controllo. 4.2 Controlli sulla gestione dei rischi (controlli di secondo livello) I controlli sulla gestione del rischio ovvero di secondo livello devono essere svolti secondo quanto a riguardo previsto dal Regolamento del processo di controllo sulla gestione dei rischi approvato dal Consiglio di Amministrazione della Società. In tale prospettiva, l unità della Società deputata al controllo dei rischi provvede a classificare - sulla base dei dati e delle informazioni fornite dalla unità deputate al monitoraggio delle esposizioni ovvero alla verifica del loro andamento - le garanzie rilasciate che presentano, a seguito del predetto monitoraggio, un andamento tecnico anomalo nelle categorie di rischio previste dalle Istruzioni di Vigilanza (sofferenze, incagli, ristrutturare, sconfinanti). In particolare: - nella categoria delle sofferenze vanno rilevate le esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, ecc) nei confronti di un soggetto in stato di insolvenza (anche non accertato giudizialmente) o in situazioni sostanzialmente equiparabili, indipendentemente dalle eventuali previsioni di perdita formulate dall azienda. Si prescinde, pertanto, dall esistenza di eventuali garanzie (reali o personali) poste a presidio delle esposizioni; - nella categoria degli incagli vanno rilevate le esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, ecc.) nei confronti di soggetti in temporanea situazione di obiettiva difficoltà, che sia prevedibile possa essere rimossa in un congruo periodo di tempo. Si prescinde dall esistenza di eventuali garanzie (personali o reali) poste a presidio delle esposizioni; - nella categoria delle ristrutturate vanno rilevate le esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, ecc.) perle quali un intermediario (o un pool di intermediari e/o banche), a causa del deterioramento delle condizioni economico-finanziarie del debitore, acconsente a modifiche delle originarie condizioni contrattuali (ad esempio, riscadenza mento dei termini, riduzione del debito e/o degli interessi) che diano luogo ad una perdita; - nella categoria delle scadute e/o sconfinanti vanno rilevate le esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, ecc.) verso quei debitori (diversi da quelli segnalati a sofferenza, incaglio o fra le esposizioni ristrutturate) che, alla data di riferimento della segnalazione, sono scadute, sconfinanti da oltre 90 giorni. 11

12 Sulle predette categorie la citata unità provvede, eventualmente in concorso con altre unità, a determinare le previsioni di perdita secondo i criteri e le attività disciplinate nel regolamento del processo contabile. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. esame dell andamento dei crediti in un definito periodo; b. rilevazione dei crediti in sofferenza; c. rilevazione dei crediti incagliati; d. rilevazione dei crediti ristrutturati; e. rilevazione dei crediti scaduti e sconfinanti; f. determinazione delle previsioni di perdita sui crediti deteriorati; g. comunicazione dei risultati dei controlli e degli interventi proposti alla Revisione Interna. 4.3 Attività di Revisione Interna (controlli di terzo livello) L attività di revisione interna è volta a verificare: - a distanza, sulla base delle informazioni fornite dall unità deputate al controllo di primo e di secondo livello, l effettivo svolgimento dei predetti controlli nonché a verificare il concreto svolgimento dei processi di pertinenza dei soggetti terzi; - in loco è cioè presso i soggetti terzi l adeguatezza dei processi svolti dagli stessi soggetti rispetto a quanto previsto nei relativi regolamenti allegati alla convenzione. La verifica dell adeguatezza è svolta a campione cioè per ogni processo vengono esaminati un numero di operazioni che sia espressivo di quelle complessivamente svolte dal soggetto terzo. Per l effettuazione dei predetti controlli occorre che l unità di revisione interna pianifichi in particolare i controlli in loco tenendo conto anche dei risultati dei controlli di linea e dei controlli di secondo livello svolti sui processi di propria competenza nonché degli eventuali rilievi formulati dall Organo di Vigilanza i. Una volta definito il piano dei controlli, lo stesso deve essere sottoposto all esame dell Alta Direzione e, quindi, all approvazione del Consiglio di Amministrazione, sentito il Collegio Sindacale. Con riferimento al piano degli accertamenti approvato dal Consiglio di Amministrazione, l Unità di revisione provvede a dare esecuzione agli accertamenti stessi presso i soggetti terzi, previa comunicazione dell inizio e della fine degli stessi all Alta Direzione ed al Collegio Sindacale. I risultati degli accertamenti devono essere comunicati agli Organi aziendale con un apposta relazione. Unitamente ai risultati la Revisione interna deve indicare gli interventi da assumere per eliminare eventuali carenze e disfunzioni emerse nel corso dei controlli in loco e dei controlli a distanza svolti dalle altre unità deputate ai controlli di primo e di secondo livello, tenendo conto anche degli interventi proposti da quest ultime. L unità Revisione Interna deve verificare nel continuo che gli 12

13 interventi proposti e deliberati dal Consiglio di amministrazione vengano effettivamente realizzati nei tempi previsti ovvero esaminare le ragioni che hanno comportato ritardi nei tempi ed informare al riguardo gli Organi aziendali. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. esame dei rilievi formulati dagli Organi di Vigilanza; b. esame dei risultati degli ultimi accertamenti svolti dall unità Revisione Interna; c. pianificazione dei controlli in loco; d. esame delle attività svolte nei processi di pertinenza dei soggetti terzi; e. rilevazione delle attività non svolte nei processi di pertinenza dei soggetti terzi; f. formulazione del giudizio di adeguatezza dei processi di pertinenza dei soggetti terzi; g. informativa agli Organi aziendali in merito ai risultati dei controlli; h. proposte degli interventi da assumere per eliminare le carenze e le disfunzioni emerse (attività non svolte nei processi); i. verifica degli interventi precedentemente proposti; j. monitoraggio degli interventi; k. rilevazione dei termini dell intervento proposto; l. rilevazione della data di realizzazione dell intervento; m. individuazione degli interventi non realizzati; n. esame delle ragioni del mancato realizzo degli interventi; o. informativa da fornire agli Organi aziendali in merito alla mancata realizzazione degli interventi. 13

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

UDL. L intermediazione assicurativa

UDL. L intermediazione assicurativa L intermediazione assicurativa Norme sull intermediazione assicurativa il codice delle assicurazioni e il regolamento ISVAP n. 5 del 16/10/2006: l attuazione delle direttive UE e la regolamentazione degli

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA RELATIVE ALLA MEDIAZIONE CREDITIZIA ATTIVITÀ ED OBBLIGHI DEL MEDIATORE CREDITIZIO

AVVISO ALLA CLIENTELA PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA RELATIVE ALLA MEDIAZIONE CREDITIZIA ATTIVITÀ ED OBBLIGHI DEL MEDIATORE CREDITIZIO Soluzioni Innovative S.r.l. Via Antonio Stoppani, 10/C - 24121 Bergamo Iscritta all Elenco dei Mediatori Creditizi presso OAM n. M25, in data 22/01/2013 Numero R.E.A.: BG 393625 Numero di iscrizione nel

Dettagli

Regolamento del processo per

Regolamento del processo per Regolamento del processo per la gestione del Personale. INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO PER LA GESTIONE DEL PERSONALE... 3 1. PIANIFICAZIONE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE... 3 1.1 Definizione degli organici...

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI Allegato 1 MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI A) CODICE DEONTOLOGICO DEI MEDIATORI CREDITIZI INVESTITI DI INCARICHI DI MEDIAZIONE E CONSULENZA

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Guida pratica antiriciclaggio

Guida pratica antiriciclaggio Guida pratica antiriciclaggio UFFICIO STUDI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO per le Agenzie Immobiliari e i Mediatori Creditizi Ufficio Studi FIAIP a cura di Armando Barsotti Dal 22 Aprile 2006 sono in vigore

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le indicazioni contenute nel Provvedimento del 29 Aprile 2005 dell'uic, nella Deliberazione del CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento della Banca d Italia del 25 luglio

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela.

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. Provvedimento 1 luglio 1998 (II) Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

Dettagli

Regolamento Asconfidi Lombardia

Regolamento Asconfidi Lombardia Regolamento Asconfidi Lombardia Il presente Regolamento ha lo scopo di disciplinare i rapporti tra la società Asconfidi Lombardia - in breve Società - ed i Confidi soci in breve Soci - al fine di dare

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SEZIONE I INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO. Iscritta al Registro delle Imprese C.C.I.A.A. di Milano, R.E.A. n.

FOGLIO INFORMATIVO SEZIONE I INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO. Iscritta al Registro delle Imprese C.C.I.A.A. di Milano, R.E.A. n. FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del titolo VI e VI bis del T.U.B., della delibera CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento di attuazione della Banca d Italia del 25 luglio 2003 e del provvedimento

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015 COME PREVENIRE LE SOFFERENZE PER IL SISTEMA BANCARIO 1 LE FASI DI VITA DELLE IMPRESE DALL ANALISI SI POSSONO INDIVIDUARE PER UNA

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI CIRCOLARE n. 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi LINEE GUIDA CONCERNENTI IL CONTENUTO DEI REQUISITI ORGANIZZATIVI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI

Dettagli

- Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana

- Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana Parte Prima - Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana L art 6 comma 3 d.lg. 231 stabilisce che i Modelli di organizzazione, gestione e controllo possono essere adottati sulla base di Codici

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI Allegato 2 MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI A) CODICE DEONTOLOGICO DEI MEDIATORI CREDITIZI CHE SVOLGONO L ATTIVITÀ DI CONSULENZA E COLLOCAMENTO

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI Allegato 1 MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI A) CODICE DEONTOLOGICO DEI MEDIATORI CREDITIZI INVESTITI DI INCARICHI DI MEDIAZIONE E CONSULENZA

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.5. Obblighi e adempimenti 1 GLOSSARIO 4 NORMATIVA 6 1.5 OBBLIGHI E ADEMPIMENTI Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere la differenza

Dettagli

Informazioni sul Confidi

Informazioni sul Confidi Foglio Informativo n. 1/e Per finanziamenti a medio lungo termine con garanzia al 100%, ai sensi della L. 108/96 con fondo Antiusura Ministeriale o Regionale Informazioni sul Confidi COFIDI PUGLIA S.C.

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

Foglio Informativo Per finanziamenti a medio lungo termine con garanzia al 100%, ai sensi della L. 108/96 con fondo Antiusura Ministeriale o Regionale

Foglio Informativo Per finanziamenti a medio lungo termine con garanzia al 100%, ai sensi della L. 108/96 con fondo Antiusura Ministeriale o Regionale Foglio informativo n 1/E Aggiornamento n 005 data ultima aggiornamento 14.11.2014 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. Informazioni

Dettagli

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 Parte I - Disposizioni di carattere generale Art. 2 - (Definizioni)

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141.

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato il D.Lgs. 141/2010, che ha modificato significativamente il Testo Unico Bancario

Dettagli

Indirizzo Comune Provincia CAP ABI CAB Paese estero di residenza. Documento di riconoscimento N. Documento Rilasciato da

Indirizzo Comune Provincia CAP ABI CAB Paese estero di residenza. Documento di riconoscimento N. Documento Rilasciato da La presente Proposta è stata depositata in CONSOB il 25 ottobre 2013 ed è valida dal 28 ottobre 2013 al 13 dicembre 2013 PLANET INDEX ALHENA Agenzia Filiale Produttore Codice Agenzia Codice Filiale Codice

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI.

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

20 gennaio 2016. a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente

20 gennaio 2016. a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 1001 TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUI «CREDITI DETERIORATI» DELLE BANCHE ITALIANE E NESSUNO VI HA MAI DETTO 20 gennaio 2016 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-08-2015 Messaggio n. 5301 Allegati n.2 OGGETTO: Finanziamenti estinguibili dietro cessione del quinto della pensione

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 23 luglio 2015 rev.2 settembre 2015 Indice Art. 1 Oggetto e

Dettagli

Aprile 2016. Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici

Aprile 2016. Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici Aprile 2016 Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici Giuseppe Roddi Premessa Da circa 85 anni il recupero crediti è disciplinato dalla legge e sottoposto al controllo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-08-2015 Messaggio n. 5301 Allegati n.2 OGGETTO: Finanziamenti estinguibili dietro cessione del quinto della pensione

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI IL SISTEMA FINANZIARIO E L'INTERMEDIAZIONE DEL CREDITO I soggetti operanti nell intermediazione creditizia: gli intermediari

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Cash Flow srl

FOGLIO INFORMATIVO. Cash Flow srl FOGLIO INFORMATIVO Cash Flow srl SEZIONE 1. INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO Cashflow srl Via G. Porzio Centro Direzionale Isola A/3- Palazzo Le Gemme 80143 Napoli Tel. +39 081 787 57 62 Fax. +39

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA DOCUMENTO DI SINTESI PROVVIGIONE A FAVORE DEL MEDIATORE % ( percento) dell importo del finanziamento deliberato dalla banca o intermediario finanziario, a seguito della

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

MODIFICHE ALLA CIRCOLARE 139/91 CENTRALE DEI RISCHI. ISTRUZIONI PER GLI INTERMEDIARI CREDITIZI

MODIFICHE ALLA CIRCOLARE 139/91 CENTRALE DEI RISCHI. ISTRUZIONI PER GLI INTERMEDIARI CREDITIZI Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche MODIFICHE ALLA CIRCOLARE 139/91 CENTRALE DEI RISCHI. ISTRUZIONI PER GLI INTERMEDIARI CREDITIZI Eventuali osservazioni, commenti e proposte possono essere

Dettagli

ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO

ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO . ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO PROMOTORE FINANZIARIO La figura del promotore finanziario è regolata dal Dlgs 24 febbraio 1998, n. 58, che all art.31, comma 2, definisce

Dettagli

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF...

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF... AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo per le esigenze dell Agenzia Nazionale per la Sicurezza

Dettagli

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm..

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm.. Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio IV Roma, All ORGANISMO DEGLI AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI Via Zanardelli n. 20 00186 ROMA

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

Nozioni sulla Centrale Rischi di Banca d Italia

Nozioni sulla Centrale Rischi di Banca d Italia Nozioni sulla Centrale Rischi di Banca d Italia Definizione La Centrale Rischi è un sistema informativo sull indebitamento della clientela di banche e società finanziarie vigilata dalla Banca d Italia.

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO, LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DEL NUOVO ALBO DEGLI ESPERTI E DEI COLLABORATORI DI AGENAS E PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI. DISPOSIZIONI

Dettagli

Comunicazione del 20 aprile 2010. Credito revolving concesso con carte di credito: cautele e indirizzi per gli operatori.

Comunicazione del 20 aprile 2010. Credito revolving concesso con carte di credito: cautele e indirizzi per gli operatori. Comunicazione del 20 aprile 2010. Credito revolving concesso con carte di credito: cautele e indirizzi per gli operatori. Nell ambito dell attività di vigilanza la Banca d Italia ha svolto approfondimenti

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA FOGLIO INFORMATIVO

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA & FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA Tra SERFINA S.r.l. con sede legale in Bologna (BO) Viale Aldo Moro n 22,,, - Capitale Sociale 150.000,00 i.v.,

Dettagli

Oggetto: richiesta di collaborazione

Oggetto: richiesta di collaborazione , / / (luogo e data) Spett.le AUXILIA FINANCE S.r.l. Via Alessandro Farnese, 12 00192 ROMA RM Oggetto: richiesta di collaborazione Il/la Sig./sig.ra Nato/a (prov. ) il Residente in (prov. ) Via Sede operativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio Giugno 2011 www.iusletter.com Milano Roma Torino

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

PROCEDURE INTERNE. AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012. Commissione Istruttoria Veloce (SAS) Approvate con delibera del CdA n.

PROCEDURE INTERNE. AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012. Commissione Istruttoria Veloce (SAS) Approvate con delibera del CdA n. Allegato 1 PROCEDURE INTERNE AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 Commissione Istruttoria Veloce (SAS) Approvate con delibera del CdA n. 15 del 19/07/2012 Pagina 1 di 8 Sommario 1. Premessa... 3 2. Riferimenti

Dettagli

Foglio Informativo Mutuon Srl

Foglio Informativo Mutuon Srl Foglio Informativo Mutuon Srl Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art.16 della legge 108/1996, del titolo VI-bis del T.U. Bancario e successive

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo al servizio di CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND BY INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento ASSOCONSULENZA Associazione Italiana Consulenti d Investimento Formazione Mediatore Creditizio La mediazione creditizia è un attività professionale con la quale si mette in relazione, anche attraverso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA 1 INDICE Art. 1 Scopo del Regolamento Art. 2 Compiti e attribuzione delle funzioni Art. 3

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.1. Premessa 1 GLOSSARIO 6 NORMATIVA 8 1.1 PREMESSA Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere gli obiettivi perseguiti dalle disposizioni

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

AUXILIA FINANCE - FOGLIO INFORMATIVO

AUXILIA FINANCE - FOGLIO INFORMATIVO Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art. 16 della legge 108/1996, del titolo VI-bis del T.U. Bancario e successive modifiche, della Delibera

Dettagli

L.R. 52/2009 Prestito sociale d onore - Aggiornamento al 12 gennaio 2015 1

L.R. 52/2009 Prestito sociale d onore - Aggiornamento al 12 gennaio 2015 1 PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge Regione Valle d Aosta 23 dicembre 2009, n. 52 Interventi regionali per l'accesso al credito sociale INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Finanziaria Regionale Valle d Aosta -

Dettagli

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del CONVENZIONE TRA L INAIL E L INPS PER L EROGAZIONE DELLA INDENNITA PER INABILITA TEMPORANEA ASSOLUTA DA INFORTUNIO SUL LAVORO, DA MALATTIA PROFESSIONALE E DA MALATTIA COMUNE NEI CASI DI DUBBIA COMPETENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO APPROVATO DAL CONSIGLIO GENERALE NELL ADUNANZA DEL 28/06/2013 Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI

Dettagli

Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI

Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121

Dettagli

Relazione sui reclami anno 2014

Relazione sui reclami anno 2014 Relazione sui reclami anno 2014 La presente relazione viene redatta ai sensi delle nuove disposizioni impartite dalla Banca D Italia agli Intermediari ed aventi ad oggetto la trasparenza delle operazioni

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance. La Centrale dei Rischi Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.eu Obiettivi della Centrale dei Rischi La Centrale dei Rischi

Dettagli

AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI: SI CAMBIA ANCORA!

AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI: SI CAMBIA ANCORA! regolazione AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI: SI CAMBIA ANCORA! Maddalena Marchesi * L attuazione della Direttiva 2014/17/UE, nota come Direttiva MCD (Mortage Credit Directive), è l

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Copia originale per UNICREDIT INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 1. identità e contatti del finanziatore/intermediario DEL CREDITO Finanziatore UniCredit S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 - Ambito di applicazione del Regolamento Art. 2 - Segreteria Art. 3 - Responsabile Art. 4 - Mediatori Art. 5 - Avvio della Procedura di Mediazione Art. 6 - Luogo della

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Circolare N.157 del 9 Novembre 2012 Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA INTESTATARIO 1 (persona fisica) Nome Cognome Codice fiscale Residenza (via e n civico) CAP Località Prov. Telefono fisso fax Tel. Cellulare E-mail documento (Tipo) Num.

Dettagli

L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi

L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi Sommario Sistema creditizio L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi (Avv. Edoardo Arbasino) Indice degli argomenti I. Riferimenti normativi e funzione della Centrale Rischi II. Posizione a sofferenza

Dettagli

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO 1. Definizioni Nell ambito delle presenti Condizioni di Finanziamento, ciascuno dei seguenti termini, quando viene scritto con l iniziale maiuscola, sia al singolare che al

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 giugno 2015 1/50

REGOLAMENTO INTERNO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 giugno 2015 1/50 REGOLAMENTO INTERNO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 giugno 2015 1/50 REGOLAMENTO INTERNO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI Come cambiano le norme e quali sono gli impatti sull operatività legata al rapporto con il cliente BROCHURE INFORMATIVA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI CONVENZIONATI, AGENTI

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE C I TT A D i G E R A C E 1. Oggetto del Piano PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE 1. Il piano di prevenzione della corruzione: a) fornisce il diverso livello di esposizione degli

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione Azioni di propria emissione Marzo 2016 SOMMARIO Premessa... 5 Regole interne per la negoziazione di Azioni BPC... 5 Strategia di esecuzione... 5 Soggetti ammessi alla negoziazione... 6 Modalità di conferimento

Dettagli