Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna"

Transcript

1 Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna

2 INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA Esame delle disposizioni di Vigilanza in materia di controlli della rete di vendita esterna Individuazione dei soggetti terzi Selezione dei soggetti terzi STIPULA DELLE CONVENZIONI CON I SOGGETTI TERZI Clausole contrattuali MODELLO ORGANIZZATIVO DELLA SOCIETÀ Attribuzione dei processi aziendali ai soggetti terzi CONTROLLI SULLA RETE DI VENDITA Controlli di linea (controlli di primo livello) Controlli sulla gestione dei rischi (controlli di secondo livello) Attività di Revisione Interna (controlli di terzo livello)

3 Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna Il presente regolamento disciplina i criteri per la gestione dei rischi ovvero gli aspetti delle singole fasi del processo nonché le attività da svolgere per l applicazione dei citati criteri. Le procedure da utilizzare a supporto delle attività complesse sono disciplinate in apposite disposizioni interne. Il ruolo e le responsabilità delle unità organizzative deputate allo svolgimento delle attività e all utilizzo delle procedure sono disciplinate in un apposito regolamento. 1. Pianificazione della rete di vendita esterna Di seguito vengono indicati gli aspetti da considerare secondo le normative esterne e le relative attività da svolgere per la pianificazione della rete di vendita. 1.1 Esame delle disposizioni di Vigilanza in materia di controlli della rete di vendita esterna La società, secondo le disposizioni di Vigilanza, deve porre la massima cura nel verificare, anche nel corso del rapporto, che i soggetti terzi dei quali si avvalgono per l'operatività fuori sede posseggano adeguate caratteristiche di professionalità e di affidabilità. In particolare, la Società intrattiene relazioni con mediatori creditizi, agenti in attività finanziaria ed intermediari iscritti negli appositi Albi/Elenchi. Pertanto la Società è tenuta a: - svolgere un approfondita analisi delle implicazioni che le modalità distributive adottate possono comportare sui sistemi aziendali di valutazione e di controllo dei rischi; - considerare attentamente le capacità professionali e i presidi operativi dei soggetti incaricati, anche per evitare l eventuale insorgenza di conflitti di interesse; - prevenire i rischi insiti nella separazione tra responsabilità delle società e svolgimento dei servizi di distribuzione da parte dei soggetti incaricati. In particolare, è necessario che gli incarichi, formalizzati per iscritto, definiscano condizioni, contenuti e limiti dell attività con specifico riguardo ai livelli qualiquantitativi dei servizi, ai sistemi di reporting, agli obblighi di trasparenza e riservatezza, all attribuzione dei rischi connessi con l esecuzione delle operazioni. I contratti devono chiaramente delimitare la portata degli incarichi conformemente alle nozioni di promozione e di collocamento dei prodotti e devono esplicitare che la valutazione del merito creditizio degli affidati resta di esclusiva competenza del confidi; 3

4 - porre in essere modalità operative in grado di assicurare condizioni di efficiente e corretto svolgimento delle relazioni con l utenza (la clientela, in particolare, deve poter individuare in maniera univoca la controparte confidi con cui viene in contatto); - adottare ogni precauzione per garantire il rispetto delle disposizioni che regolano la distribuzione di prodotti e servizi, tra cui le normative in materia di trasparenza delle condizioni contrattuali, di contrasto al riciclaggio e di tutela del consumatore; - accertarsi che l attività svolta per conto della Società non contrasti con la specifica disciplina che regola i mediatori creditizi e gli agenti in attività finanziaria. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. analisi delle modalità distributive dei prodotti e dei relativi rischi; b. esame delle capacità professionali dei soggetti terzi e dei relativi presidi operativi; c. formalizzazione dei diritti, doveri ed obblighi dei soggetti con riguardo agli incarichi agli stessi conferiti; d. formalizzazione degli obblighi rivenienti dalle disposizioni di legge e di Vigilanza relativi ai soggetti terzi. 1.2 Individuazione dei soggetti terzi Per la promozione, il collocamento e la conclusione dei contratti fuori dalla sede della società relativi ai prodotti e ai servizi finanziari di cui all art. 106 del TUB può avvalersi di persone fisiche e giuridiche iscritti in appositi Albi/Elenchi tenuti presso la Banca d Italia. In particolare la Società, per l offerta fuori sede dei propri prodotti e servizi riconducibili all esercizio delle attività finanziarie previste dall art.106 del TUB, può avvalersi: - dei mediatori creditizi iscritti in un apposito albo tenuto dalla Banca d Italia i quali possono svolgere un attività di mediazione o di consulenza nella concessione di finanziamenti da parte della Società e/o tramite la stessa Società da parte delle banche o di altri intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale ex art.107 TUB che conferiscono apposito mandato alla medesima Società. In sintesi, i mediatori creditizi possono svolgere in vista della concessione o nella concessione di finanziamenti da parte della Società e/o delle banche mandanti - attività di mediazione o di consulenza e di collocamento che si sostanziano nella raccolta delle proposte contrattuali firmate dai clienti, in una prima eventuale istruttoria e nel successivo inoltro della domanda stessa alla Società. I predetti mediatori non possono svolgere l attività di promozione di prodotti e servizi bancari, intesa come pubblicizzazione e consulenza nei confronti di potenziale clientela. Infatti, il mediatore creditizio non è legato alla Società da rapporti di collaborazione, dipendenza o rappresentanza. Ad essi è vietato 4

5 concludere contratti ed effettuare, per conto della Società, l erogazione di finanziamenti e ogni forma di pagamento o di incasso di denaro contante, di altri mezzi di pagamento o di titoli di credito. Pertanto l attività di mediazione deve essere svolta sulla base di apposite convenzioni fra il mediatore e la Società il cui contenuto deve essere tale da non compromettere il requisito di neutralità e indipendenza del mediatore stesso evitando in particolare clausole che impongano al mediatore di operare in via esclusiva con la Società; - degli agenti in attività finanziaria per la promozione, il collocamento e la conclusione dei contratti riconducibili all esercizio delle attività finanziarie previste dall art. 106 del TUB. Pertanto l esercizio di tali attività deve essere disciplinato da apposite convenzioni stipulate fra la Società e gli agenti in attività finanziarie. Tali convenzioni devono limitare l operatività degli agenti finanziari a prodotti standardizzati i cui schemi contrattuali siano predefiniti dalla Società o dalle banche ed altri intermediari mandanti e non modificabili. I contratti si perfezionano solo con il successivo consenso della Società o delle banche e degli altri intermediari mandanti, ai quali resta riservata la valutazione del merito dell operazione. Gli agenti costituiti sotto forma di società possono svolgere gli incarichi ad essi conferiti anche attraverso propri dipendenti e collaboratori. In tali casi i dipendenti e i collaboratori devono essere a loro volta iscritti nell elenco degli agenti in attività finanziaria. Pertanto l agente non può avvalersi di mediatori creditizi. L agente in attività finanziaria può operare con uno o più intermediari iscritti nell Elenco generale o speciale quindi può essere anche plurimandatario. E possibile conferire agli agenti i poteri di firma per la sottoscrizione dei contratti. Agli agenti comunque non è consentito, per conto della Società, effettuare l erogazione di finanziamenti, pagamenti o incassi di denaro contante, di altri mezzi di pagamento o i titoli di credito; - degli intermediari finanziari iscritti nell elenco generale ex art. 106 del TUB per la promozione, il collocamento e la conclusione dei contratti riconducibili all esercizio delle attività finanziarie previste dall art. 106 del TUB. Pertanto l esercizio di tali attività deve essere disciplinato da apposite convenzioni stipulate fra la Società e gli intermediari finanziari. Tali convenzioni devono limitare l operatività degli agenti finanziari a prodotti standardizzati i cui schemi contrattuali siano predefiniti dalla Società o dalle banche ed altri intermediari mandanti e non modificabili. I contratti si perfezionano solo con il successivo consenso della Società o delle banche e degli altri intermediari mandanti, ai quali resta riservata la valutazione del merito dell operazione. A loro volta, gli intermediari finanziari possono avvalersi di mediatori/agenti iscritti nei rispettivi Albi/Elenchi per le attività di loro competenza. E possibile conferire agli intermediari finanziari i poteri di firma per la sottoscrizione dei contratti. Agli intermediari è consentito, su delega e per conto della Società, effettuare l erogazione di finanziamenti, pagamenti o incassi di denaro contante, di altri mezzi di pagamento o i titoli di credito. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: 5

6 a. verifica dei requisiti previsti dalle disposizioni per svolgere l offerta fuori sede; b. individuazione dei soggetti terzi da avvalersi per l offerta dei servizi fuori sede; c. definizione delle attività esercitabili dai mediatori creditizi; d. definizione delle attività esercitabili dagli agenti finanziari; e. definizione delle attività esercitabili dagli intermediari finanziari. 1.3 Selezione dei soggetti terzi I mediatori, gli agenti finanziari e gli intermediari finanziari devono essere selezionati consultando gli Elenchi e gli Albi dove i predetti intermediari devono essere obbligatoriamente iscritti per un eventuale successivo conferimento agli stessi dell incarico di promuovere, collocare e concludere, fuori sede, contratti di finanziamento in nome e per conto della Società ovvero in nome e per conto di banche o altri intermediari finanziari che hanno conferito mandato alla stessa Società. In tale contesto, occorre tenere presente che: a) l acquisizione di clientela per il tramite di mediatori piuttosto che attraverso agenti e intermediari finanziari si caratterizza per maggiori livelli di rischiosità e per minore incisività dei controlli, b) l acquisizione della clientela può avvenire anche con il ricorso alla stipula di convenzioni, senza clausola di esclusiva, con i datori di lavoro e gli Enti previdenziali al fine di intrattenere rapporti diretti con le Amministrazioni terze cedute, anche tramite appositi collegamenti informatici. In sintesi, per la selezione dei soggetti terzi è preceduta dall accertamento dei requisiti che devono possedere gli stessi soggetti terzi e dei loro dipendenti e collaboratori sulla base anche delle dichiarazioni fornite dai medesimi soggetti e valide ai fini di legge. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. verifica dell iscrizione negli appositi Albi/Elenchi dei soggetti terzi; b. verifica dei requisiti di onorabilità e professionalità dei soggetti terzi; c. indicazione da parte dei soggetti terzi dei propri collaboratori e dipendenti; d. verifica dell iscrizione negli appositi Albi/Elenchi dei collaboratori e dei dipendenti dei soggetti terzi; e. verifica dei requisiti di onorabilità e professionalità dei collaboratori e dei dipendenti dei soggetti terzi; f. acquisizione di informazioni da altri intermediari in merito all attività svolta in precedenza dai soggetti terzi e dai propri dipendenti e collaboratori; g. selezione dei soggetti terzi ai quali affidare l incarico di promozione, collocamento e conclusione dei contratti riconducibili all esercizio delle attività finanziarie. 2. Stipula delle convenzioni con i soggetti terzi Di seguito vengono indicati gli aspetti da considerare secondo le normative esterne e le relative attività da svolgere per la stipula delle convenzioni con i soggetti terzi. 6

7 2.1 Clausole contrattuali Il ruolo, i compiti e le responsabilità dei singoli soggetti selezionati per l offerta fuori sede sono disciplinati da apposite convenzioni. Le stesse convenzioni devono prevedere: - il conferimento dell incarico ai mediatori per l attività di mediazione o di consulenza nonché di collocamento dei prodotti in vista della concessione dei crediti da parte della Società; - il conferimento dell incarico agli agenti in attività finanziaria e agli intermediari finanziari ex art. 106 del TUB per l attività di promozione, collocamento e conclusione dei contratti di finanziamento; - il compenso per i predetti incarichi da corrispondere ai citati soggetti da parte della clientela distinto da quello da corrispondere eventualmente agli stessi da parte della Società. In tale contesto non devono essere previsti compensi o premi di produzione (c.d. rappel), le predette commissioni devono prevedere un massimo in caso di acquisizione di nuova clientela ed un minimo di semplici rinnovi di operazioni già in essere presso la Società o altri intermediari; - il divieto, da parte dei mediatori e degli agenti, di concedere anticipi in nome e per conto della Società nonché in nome proprio essendo tale attività riservata alle banche e agli intermediari finanziari. - il divieto per i mediatori creditizi, di sottoscrivere i contratti, di incasso di denaro contante, di altri mezzi di pagamento e di titoli di credito. - l obbligo da parte dei predetti soggetti di svolgere i processi della Società, per la parte di loro competenza, secondo i regolamenti dei processi stessi predisposti dalla Società ed allegati alle stesse convenzioni. - l obbligo da parte dei predetti soggetti di informare il cliente in merito alla confidi erogante la garanzia richiesta al fine di consentire che il cliente finanziato possa essere messo nella condizione di apprendere subito il nome della Società che sottoscriverà poi il contratto di finanziamento; - il divieto da parte dei predetti soggetti di assumere obblighi o impegni verso la clientela che vincolano la Società mandanti, neppure in via preliminare e/o di trattativa; - il divieto da parte dei predetti soggetti di assumere condotte tali da far insorgere nei terzi l apparenza di un loro potere di rappresentanza o comunque l erroneo convincimento di un loro potere di 7

8 assumere impegni per conto della Società o della Banca finanziatrice o di rendere comunicazioni in nome della stessa Banca o Società; - il divieto da parte dei predetti soggetti di commercializzare prodotti non adeguati rispetto alle esigenze finanziarie dei clienti. Tale divieto deve essere accompagnato dal diritto della Società di ridurre la commissione riconosciuta dalla Società stessa e dalla possibile risoluzione della convenzione a seguito di una valutazione negativa del comportamento tenuto dai soggetti terzi nella predetta attività di commercializzazione; - l obbligo da parte degli intermediari finanziari ex art. 106 del TUB e degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi costituiti in forma di società, di dotarsi di efficienti sistemi di monitoraggio e controllo dei dipendenti e dei collaboratori nonché dei mediatori creditizi e di agenti in attività finanziaria utilizzati per l attività di mediazione, promozione, collocamento e conclusione dei contratti; - l obbligo da parte dei predetti soggetti di segnalare l eventuale perdita dei loro requisiti di onorabilità e di professionalità e degli eventuali decreti di rinvio a giudizio o di sentenza di condanne non definitive pronunciate nei loro confronti per uno dei delitti il cui accertamento con sentenza irrevocabile comporta la perdita dei predetti requisiti di onorabilità, nonché l applicazione nei confronti dei predetti soggetti, con provvedimento non definitivo di misure di prevenzione; - l obbligo da parte dei predetti soggetti di segnalare i propri dipendenti e collaboratori nonché i mediatori e/o gli agenti in attività finanziaria di cui si avvalgono per promuovere, collocare e concludere i contratti finanziari. Tale segnalazione deve essere accompagnata da una documentazione al fine di dimostrare i requisiti di onorabilità e professionalità dei predetti soggetti e la loro iscrizione negli Albi/Elenchi al riguardo previsti; - il divieto da parte dei predetti soggetti di non avvalersi dei propri collaboratori e dipendenti nonché dei mediatori e/o degli agenti in attività finanziaria senza il preventivo consenso della Società. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. conferimento dell incarico ai soggetti terzi (mediazione, collocamento, promozione e conclusione dei contratti); b. definizione del compenso relativo agli incarichi di pertinenza del soggetto richiedente il prestito; c. definizione del compenso relativo agli incarichi di pertinenza della Società; d. divieto di concedere anticipi da parte dei mediatori e degli agenti; 8

9 e. divieto di sottoscrivere da parte di mediatori e agenti i contratti, incassare denaro in contanti o altri mezzi di pagamento; f. obbligo di svolgere i processi di competenza dei soggetti terzi secondo le disposizioni impartite dalla Società; g. obbligo da parte dei soggetti terzi di informare il cliente in merito alla Società la garanzia; h. divieto da parte dei soggetti terzi di assumere obblighi o impegni che vincolano la Società o le Banche; i. divieto da parte dei soggetti terzi di commercializzare prodotti non adeguati rispetto alle capacità finanziarie dei clienti; j. obbligo da parte dei soggetti terzi di dotarsi di efficienti sistemi di controllo; k. obbligo da parte dei soggetti terzi di segnalare l eventuale perdita dei requisiti di onorabilità e professionalità; l. obbligo da parte dei soggetti terzi di segnalare i propri dipendenti e collaboratori nonché i mediatori creditizi, gli agenti in attività finanziaria di cui si avvalgono; m. divieto da parte dei soggetti terzi di non avvalersi di collaboratori e dipendenti ed altri intermediari senza il preventivo consenso della Società. 3. Modello organizzativo della Società Di seguito vengono indicati gli aspetti da considerare secondo le normative esterne e le relative attività da svolgere per la predisposizione del modello organizzativo della società. 3.1 Attribuzione dei processi aziendali ai soggetti terzi Il modello organizzativo della Società è costituito dall insieme di processi le cui regole recepiscono le disposizioni di legge e di Vigilanza. Ogni processo è strutturato in fasi e per ogni fase sono definiti gli aspetti da considerare. Per ogni aspetto sono definiti i criteri da seguire e le attività da svolgere per applicare i criteri stessi. Il regolamento del processo è deliberato dal Consiglio di Amministrazione della Società. I regolamenti dei processi di pertinenza dei soggetti terzi devono essere allegati alle convenzioni stipulate con gli stessi soggetti. Pertanto, la verifica della conformità operativa dei predetti processi viene svolta confrontando le attività disciplinate nel regolamento del singolo processo con quelle effettivamente svolte dai soggetti terzi. In particolare, alle predette convenzioni vanno allegati i regolamenti del processo di trasparenza delle operazioni, del processo di antiriciclaggio, del processo della privacy, del processo di sicurezza sul luogo del lavoro, per quanto di competenza dei soggetti terzi. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. attribuzione ai soggetti terzi del processo di trasparenza delle operazioni; 9

10 b. attribuzione ai soggetti terzi del processo antiriciclaggio; c. attribuzione ai soggetti terzi del processo creditizio; d. attribuzione ai soggetti terzi del processo della privacy; e. attribuzione ai soggetti terzi del processo della sicurezza sui luoghi di lavoro. 4. Controlli sulla rete di vendita Di seguito vengono indicati gli aspetti da considerare secondo le normative esterne e le relative attività da svolgere per i controlli sulla rete di vendita. 4.1 Controlli di linea (controlli di primo livello) I controlli di linea ovvero di primo livello devono essere svolti secondo quanto a riguardo previsto dal Regolamento del processo di controllo di linea approvato dal Consiglio di Amministrazione della Società. In particolare, tali controlli devono essere svolti dalle stesse unità della Società responsabili dei processi di pertinenza dei soggetti terzi. Le predette unità verificano sulla base delle indicazioni, della documentazione e delle informazioni fornite dai soggetti terzi per ogni processo di loro pertinenza, le attività svolte negli stessi processi rispetto a quelle previste dai relativi regolamenti allegati alle convenzioni. In particolare, le unità organizzative della Società responsabili dei processi di pertinenza dei soggetti terzi, devono: - indicare le attività concretamente svolte nei processi e quelle non svolte nei medesimi processi; - indicare le ragioni per le quali tali attività non vengono svolte; - proporre gli interventi da assumere per consentire lo svolgimento delle complessive attività previste nei processi; - trasferire alle altre unità della Società deputate allo svolgimento dei controlli di secondo livello (controllo rischi e di conformità) e di terzo livello (revisione interna), i risultati delle predette verifiche unitamente alle proposte degli interventi da assumere. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. rilevazione delle attività non svolte nei singoli processi; b. indicazione delle motivazioni per le quali le attività dei processi non sono state svolte; c. formulazione della proposta degli interventi da assumere per singola attività non svolta nei processi; 10

11 d. comunicazioni delle attività svolte e non svolte alle unità di controllo (conformità, controllo rischi, revisione interna); e. comunicazione delle motivazioni riguardanti le attività non svolte all unita di supporto (organizzazione); f. comunicazione delle proposte in merito agli interventi da assumere relativi alle attività non svolte alle unità di supporto e di controllo. 4.2 Controlli sulla gestione dei rischi (controlli di secondo livello) I controlli sulla gestione del rischio ovvero di secondo livello devono essere svolti secondo quanto a riguardo previsto dal Regolamento del processo di controllo sulla gestione dei rischi approvato dal Consiglio di Amministrazione della Società. In tale prospettiva, l unità della Società deputata al controllo dei rischi provvede a classificare - sulla base dei dati e delle informazioni fornite dalla unità deputate al monitoraggio delle esposizioni ovvero alla verifica del loro andamento - le garanzie rilasciate che presentano, a seguito del predetto monitoraggio, un andamento tecnico anomalo nelle categorie di rischio previste dalle Istruzioni di Vigilanza (sofferenze, incagli, ristrutturare, sconfinanti). In particolare: - nella categoria delle sofferenze vanno rilevate le esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, ecc) nei confronti di un soggetto in stato di insolvenza (anche non accertato giudizialmente) o in situazioni sostanzialmente equiparabili, indipendentemente dalle eventuali previsioni di perdita formulate dall azienda. Si prescinde, pertanto, dall esistenza di eventuali garanzie (reali o personali) poste a presidio delle esposizioni; - nella categoria degli incagli vanno rilevate le esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, ecc.) nei confronti di soggetti in temporanea situazione di obiettiva difficoltà, che sia prevedibile possa essere rimossa in un congruo periodo di tempo. Si prescinde dall esistenza di eventuali garanzie (personali o reali) poste a presidio delle esposizioni; - nella categoria delle ristrutturate vanno rilevate le esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, ecc.) perle quali un intermediario (o un pool di intermediari e/o banche), a causa del deterioramento delle condizioni economico-finanziarie del debitore, acconsente a modifiche delle originarie condizioni contrattuali (ad esempio, riscadenza mento dei termini, riduzione del debito e/o degli interessi) che diano luogo ad una perdita; - nella categoria delle scadute e/o sconfinanti vanno rilevate le esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, ecc.) verso quei debitori (diversi da quelli segnalati a sofferenza, incaglio o fra le esposizioni ristrutturate) che, alla data di riferimento della segnalazione, sono scadute, sconfinanti da oltre 90 giorni. 11

12 Sulle predette categorie la citata unità provvede, eventualmente in concorso con altre unità, a determinare le previsioni di perdita secondo i criteri e le attività disciplinate nel regolamento del processo contabile. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. esame dell andamento dei crediti in un definito periodo; b. rilevazione dei crediti in sofferenza; c. rilevazione dei crediti incagliati; d. rilevazione dei crediti ristrutturati; e. rilevazione dei crediti scaduti e sconfinanti; f. determinazione delle previsioni di perdita sui crediti deteriorati; g. comunicazione dei risultati dei controlli e degli interventi proposti alla Revisione Interna. 4.3 Attività di Revisione Interna (controlli di terzo livello) L attività di revisione interna è volta a verificare: - a distanza, sulla base delle informazioni fornite dall unità deputate al controllo di primo e di secondo livello, l effettivo svolgimento dei predetti controlli nonché a verificare il concreto svolgimento dei processi di pertinenza dei soggetti terzi; - in loco è cioè presso i soggetti terzi l adeguatezza dei processi svolti dagli stessi soggetti rispetto a quanto previsto nei relativi regolamenti allegati alla convenzione. La verifica dell adeguatezza è svolta a campione cioè per ogni processo vengono esaminati un numero di operazioni che sia espressivo di quelle complessivamente svolte dal soggetto terzo. Per l effettuazione dei predetti controlli occorre che l unità di revisione interna pianifichi in particolare i controlli in loco tenendo conto anche dei risultati dei controlli di linea e dei controlli di secondo livello svolti sui processi di propria competenza nonché degli eventuali rilievi formulati dall Organo di Vigilanza i. Una volta definito il piano dei controlli, lo stesso deve essere sottoposto all esame dell Alta Direzione e, quindi, all approvazione del Consiglio di Amministrazione, sentito il Collegio Sindacale. Con riferimento al piano degli accertamenti approvato dal Consiglio di Amministrazione, l Unità di revisione provvede a dare esecuzione agli accertamenti stessi presso i soggetti terzi, previa comunicazione dell inizio e della fine degli stessi all Alta Direzione ed al Collegio Sindacale. I risultati degli accertamenti devono essere comunicati agli Organi aziendale con un apposta relazione. Unitamente ai risultati la Revisione interna deve indicare gli interventi da assumere per eliminare eventuali carenze e disfunzioni emerse nel corso dei controlli in loco e dei controlli a distanza svolti dalle altre unità deputate ai controlli di primo e di secondo livello, tenendo conto anche degli interventi proposti da quest ultime. L unità Revisione Interna deve verificare nel continuo che gli 12

13 interventi proposti e deliberati dal Consiglio di amministrazione vengano effettivamente realizzati nei tempi previsti ovvero esaminare le ragioni che hanno comportato ritardi nei tempi ed informare al riguardo gli Organi aziendali. In sintesi, per l applicazione dei predetti criteri occorre svolgere le seguenti attività: a. esame dei rilievi formulati dagli Organi di Vigilanza; b. esame dei risultati degli ultimi accertamenti svolti dall unità Revisione Interna; c. pianificazione dei controlli in loco; d. esame delle attività svolte nei processi di pertinenza dei soggetti terzi; e. rilevazione delle attività non svolte nei processi di pertinenza dei soggetti terzi; f. formulazione del giudizio di adeguatezza dei processi di pertinenza dei soggetti terzi; g. informativa agli Organi aziendali in merito ai risultati dei controlli; h. proposte degli interventi da assumere per eliminare le carenze e le disfunzioni emerse (attività non svolte nei processi); i. verifica degli interventi precedentemente proposti; j. monitoraggio degli interventi; k. rilevazione dei termini dell intervento proposto; l. rilevazione della data di realizzazione dell intervento; m. individuazione degli interventi non realizzati; n. esame delle ragioni del mancato realizzo degli interventi; o. informativa da fornire agli Organi aziendali in merito alla mancata realizzazione degli interventi. 13

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE PROMOZIONE ED

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE 2015 Milano - Via Caldera, 21 - Telefono 02 7212.1 - Fax 02 7212.74 - www.compass.it - Capitale euro 0086450159; Iscritta all Albo degli Intermediari Finanziari e all Albo degli Istituti di Moneta Elettronica

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli