Organizzazione degli studi professionali e certificazione di Qualità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Organizzazione degli studi professionali e certificazione di Qualità"

Transcript

1 Commisone informatica Ordine dei Dottori Commercialisti di Milano Organizzazione degli studi profesonali e certificazione di Qualità Relatori: Dott. Mauro Coazzoli - Dott. Carlo Corbella - Dott. Gianluca De Vecchi - Dott.ssa Daniela Marino Dott, Luca Pierini Rag. Laura Restelli

2 Indice Introduzione: l organizzazione di studio verso una certificazione di qualità Identificazione proces operativi di studio Identificazione regole di base Mappatura delle regole sui proces operativi Guida alla selezione di un software di gestione e anali comparativa di alcuni prodotti sw Certificazione di qualità

3 Indice Introduzione: l organizzazione di studio verso una certificazione di qualità Identificazione proces operativi di studio Identificazione regole di base Mappatura delle regole sui proces operativi Guida alla selezione di un software di gestione e anali comparativa di alcuni prodotti sw Certificazione di qualità

4 Organizzazione degli studi profesonali e certificazione di qualità Strutturar per migliorare Comprender per migliorare Metaregole per migliorare Informatica per migliorare Verso una certificazione di qualità

5 Organizzazione degli studi profesonali e certificazione di qualità Strutturar per migliorare Perchè? Elementi Esogeni Elementi Endogeni Complestà ambientale Elevata concorrenza stema sanzionatorio Impozione degli Enti Pubblici Complestà procedurale Difendibilità del turnover del personale Creazione di una cultura di studio Stress

6 Organizzazione degli studi profesonali e certificazione di qualità Strutturar per migliorare La strutturazione procedurale permette di gestire gli eventi con meno incertezze sul piano del risultato, permettendo una progresva crescita incrementale in termini di profesonalità e cura del cliente, mantenendo al contempo sotto controllo ogni conflittualità esterna. La stematicità permette di lavorare meglio ed in modo più sereno Ovviamente la stematicità non è una panacea ed è applicabile ad una parte delle molteplici attività che vengono svolte in uno studio.

7 Organizzazione degli studi profesonali e certificazione di qualità Comprender per migliorare Per poter strutturare, e quindi migliorare, bisogna per prima cosa comprendere se stes, il proprio studio ed il proprio metodo di lavoro La scompozione della complestà operativa quotidiana in proces operativi minori permette la codifica, l anali metodologica, l identificazione di ngoli sottoinemi che una volta ridotti ad unità elementari possono essere riassemblate in un percorso codificato nei tempi, nei modi e nelle persone che permette di individuare eventuali aree di miglioramento posbili, anche in modo incrementale o per tentativi succesvi.

8 Organizzazione degli studi profesonali e certificazione di qualità Metaregole per migliorare Identificando delle regole base, da noi definite metaregole, con cui strutturare la gestione delle attività dello studio, è posbile compiere un deciso passo avanti nella strutturazione delle attività e dei proces dello Studio tratta di un metodo di anali dei proces che ne permette, infine, una ripetibilità ed una comparazione

9 Organizzazione degli studi profesonali e certificazione di qualità Informatica per migliorare Quale migliore strumento per strutturar dell utilizzo di stemi informativi? tratta di elementi già presenti e spesso indispensabili per il nostro lavoro Il loro padroneggiamento è oramai diffuso ma sovente in correlazione inversa con l età delle persone tratta di una via senza via di ritorno Alcune aziende che creano software ci hanno già pensato ed estono prodotti validi, seppure con alcuni limiti

10 Organizzazione degli studi profesonali e certificazione di qualità Verso una certificazione di qualità Una semplice conderazione: il frutto di tutto quanto esposto rende posbile con pochi ulteriori passaggi il raggiungimento di una certificazione di qualità, obiettivo da interpretare come bollino di fregio da spendere in termini di marketing con i propri clienti, ma anche come raggiungimento di un livello elevato del proprio lavoro

11 Indice Introduzione: l organizzazione di studio verso una certificazione di qualità Identificazione proces operativi di studio Identificazione regole di base Mappatura delle regole sui proces operativi Guida alla selezione di un software di gestione e anali comparativa di alcuni prodotti sw Certificazione di qualità

12 I Proces Operativi In un mercato globale i servizi offerti dagli studi profesonali diventano sempre più specialistici e richiedono quindi modelli organizzativi adeguati. Abbiamo cercato in questa trattazione di identificare i proces operativi che svolgono in uno studio profesonale al fine di impostare un modello organizzativo efficiente. Un processo operativo è un ineme di operazioni elementari (o regole) e di attività organizzate per il raggiungimento di un obiettivo.

13 La clasficazione delle attività di di studio Per comprendere i proces operativi, dobbiamo analizzare le attività dello studio. Continuative Cicliche Stagionali

14 Identificazione dei proces operativi La mappatura dei proces operativi Confronto Confronto tra tra processo processo ideale ideale e realtà realtà I I proces proces primari primari e di di supporto supporto I I proces proces critici critici e prioritari prioritari PROCESSI OPERATIVI I I proces proces senza senza o con con poco poco valore valore aggiunto aggiunto Gli Gli interventi interventi operativi operativi

15 Identificazione dei proces operativi I fattori che condizionano i Proces Operativi Cliente/Mandato Cliente/Mandato Organizzazione Organizzazione Pratiche Pratiche Agenda Agenda Rendiconti/parcellazione PROCESSI OPERATIVI Archivi Archivi di di studio studio Contabilità Contabilitàdi di studio studio Certificazione Certificazione di di qualità qualità

16

17

18

19

20 I Proces di determinazione del margine dell attività profesonale La determinazione del margine riferito all attività profesonale richiede la scompozione della struttura profesonale in centri di attività che, tenendo conto delle competenze tecniche e profesonali e dell integrazione studio-cliente, possano essere sufficientemente omogenee da tradur in risultati di margine gnificativi e comparabili.

21

22

23 Indice Introduzione: l organizzazione di studio verso una certificazione di qualità Identificazione proces operativi di studio Identificazione regole di base Mappatura delle regole sui proces operativi Guida alla selezione di un software di gestione e anali comparativa di alcuni prodotti sw Certificazione di qualità

24 Identificazione regole di base Avere un stema di qualità deontologia profesonale perizia che tende all eccellenza etica profesonale formazione ed aggiornamento continui fare qualità senza saperlo Formalizzare un stema di qualità organizzazione che garantisce l affidabilità e la continuità delle prestazioni

25 Identificazione regole di base Norme I.S.O. ISPIRAZIONE ISOLARE CONTENUTI GESTIONE RISORSE E CONTROLLI PIU TEMPO A DISPOSIZIONE

26 Identificazione regole di base Qualità Grado in cui un ineme di caratteristiche soddisfa i requiti Approccio per proces Attuare, gestire e migliorare l efficacia dei proces Orientamento ai risultati Attenzione rivolta al cliente

27 Identificazione regole di base Evidenziare il flusso delle principali attività di una organizzazione individuando gli elementi in ingresso curandone la loro trasformazione in elementi in uscita mediante l applicazione di attività Responsabilità della Direzione Gestione delle risorse Misure e miglioramento Requiti del Cliente Realizzazione del Prodotto Soddisfazione del cliente

28 Identificazione regole di base Le azioni che un organizzazione deve porre in essere al fine di realizzare un approccio per proces sono le seguenti: IDENTIFICAZIONE dei proces suoi propri INDIVIDUAZIONE sequenze e interazioni tra i proces PIANIFICAZIONE dei proces in funzione dei requiti RACCOLTA della documentazione di supporto MISURAZIONE dei proces mediante indicatori MONITORAGGIO e ANALISI dei proces MIGLIORAMENTO dei proces in termini di efficacia

29 Identificazione regole di base 1. Mandato (richiesta del cliente verbale o scritta) 2. Scelta del profesonista responsabile 3. Raccolta documenti e esame pratica (sesoni con il cliente, il responsabile e l addetto o praticante) 4. Studio pratica da parte dell addetto 4 bis. Controllo da parte del responsabile 5. Redazione prodotto 5 bis. Controllo da parte del titolare 6. (nei ca più comples) invio bozza al cliente 7. (nei ca più comples) ritorno bozza dal cliente

30 Identificazione regole di base 8. (nei ca più comples) richiesta ulteriori informazioni 9. (nei ca più comples) ulteriori approfondimenti 10. (nei ca più comples) Elaborazione finale prodotto 10 bis. (nei ca più comples) Controllo del Titolare 11. Chiusura pratica 12. Parcellazione 13. Archiviazione

31 Indice Introduzione: l organizzazione di studio verso una certificazione di qualità Identificazione proces operativi di studio Identificazione regole di base Mappatura delle regole sui proces operativi Guida alla selezione di un software di gestione e anali comparativa di alcuni prodotti sw Certificazione di qualità

32 Mappatura delle regole sui proces operativi Riprendiamo il quadro di ineme dei Proces Operativi: Cliente/Mandato Cliente/Mandato Organizzazione Organizzazione Archivi Archivi di di studio studio Pratiche Pratiche Agenda Agenda Rendiconti/parcellazione Contabilità Contabilitàdi di studio studio Certificazione Certificazione di di qualità qualità

33 Mappatura delle regole sui proces operativi

34 Mappatura delle regole sui proces operativi

35 Mappatura delle regole sui proces operativi

36 Mappatura delle regole sui proces operativi

37 Mappatura delle regole sui proces operativi

38 Mappatura delle regole sui proces operativi

39 Mappatura delle regole sui proces operativi

40 Mappatura delle regole sui proces operativi

41 Mappatura delle regole sui proces operativi

42 Mappatura delle regole sui proces operativi

43 Mappatura delle regole sui proces operativi

44 Mappatura delle regole sui proces operativi

45 Mappatura delle regole sui proces operativi

46 Mappatura delle regole sui proces operativi

47 Mappatura delle regole sui proces operativi

48 Mappatura delle regole sui proces operativi

49 Indice Introduzione: l organizzazione di studio verso una certificazione di qualità Identificazione proces operativi di studio Identificazione regole di base Mappatura delle regole sui proces operativi Guida alla selezione di un software di gestione e anali comparativa di alcuni prodotti sw Certificazione di qualità

50 Guida alla selezione di un software Perchè valutare un software per la gestione dello studio tuazione tuazione nella nella quale quale possono possono trovar trovar studi studi profesonali profesonali anche anche di di grandi grandi dimenoni dimenoni e e con con attività attività diverisficate diverisficate (alcuni (alcuni esempi) esempi) Proces manuali parzialmente coperti da software di gestione, differenti software supportano differenti proces tra loro strettamente e necessariamente legati Limitati e costo link tra I stemi e di conseguenza limitato e costoso reperimento e integrazione delle informazioni gnificativi ritardi nell accumulo dei dati Gestione pratiche tuazione tuazione auspicata auspicata dopo dopo l adozione l adozione di di un un software software a a supporto supporto della della gestione gestione I proces di studio sono più integrati e controllati Le informazioni non sono più isolate e permettono la delega controllata delle attività Più semplice gestire le procedure che permettono di collegare I proces off-line (vale a dire quelli non direttamente gestiti attraverso un software) Anagrafiche clienti Gestione pratiche Anagrafiche clienti INFO SYSTEM INFO SYSTEM Contabilità di studio Archivio Contabilità di studio Arcgivi

51 Guida alla selezione di un software costruisce la torta dell efficienza fetta a fetta... Parcellazione Anagrafica clienti EFFICIENZA Gestione delle pratiche Il software di gestione è soprattutto il mezzo con cui effettuare l integrazione delle fette come richiesto/ necessario allo studio I/S Parcellazione Pratiche Agenda...

52 Guida alla selezione di un software La TECNOLOGIA: utile ed efficace strumento di ORGANIZZAZIONE interna La TECNOLOGIA: strumento di relazione con i clienti La TECNOLOGIA: leva per introdurre, favorire, assecondare il CAMBIAMENTO verso lo STUDIO VIRTUALE L ORGANIZZAZIONE e le PERSONE Le COMPETENZE e le REGOLE PROFESSIONALI La QUALITA

53 Guida alla selezione di un software Abbiamo pensato di diproporre una unaguida guidaragionata alla alla conoscenza dei deisoftware di digestione principali sul sulmercato per per indirizzare l anali delle delleegenze del del proprio studio studio Necestà di mantenere un approccio di tipo analitico nell evidenziare i fabbisogni di studio, i vincoli portati dai software e misurare i vantaggi nella strutturazione delle informazioni Opportunità di effettuare una anali preventiva della copertura funzionale dei software disponibili sul mercato Ottenimento di maggiori garanzie di adeguatezza della scelta Verifica più semplice della rispondenza della scelta del software e completamento dell architettura applicativa con eventuali soluzioni satelliti specializzate La scelta non è mai completamente oggettiva in quanto è effettuata ponderando secondo parametri necessariamente arbitrari l importanza dei diver criteri di confronto

54 Guida alla selezione di un software Cenni sulle fa progettuali per l implementazione di un stema gestionale Anali di fattibilità Copertura funzionale Anali costi/benefici Disegno Innovazione tecnologica Formazione utenti Ri organizzazione Disegno dei proces di studio Implementazione Utilizzo del stema Miglioramenti continui Gestione

55 Guida alla selezione di un software La conduzione del programma Trasformare/ Migliorare il modello di funzionamento Con un giusto e controllato dispendio di tempo e di attenzione.. SOFTWARE SCREENING E ANALISI DI FATTIBILITA Stabilmente e controllando i rischi di percorso.. con il supporto di un Partner esterno affidabile

56 Guida alla selezione di un software Aree di impatto ed elementi che devono essere tenuti in conderazione per l anali del sofware più adatto PROCESSI PERSONE INFRASTRUTTURA TECNICA

57 Anali comparativa Mappatura dei Proces Operativi sul software di gestione QUESTIONARIO INFORMATIVO ANALISI COMPARATIVA SISTEMI STUDIO: OSRA: ZUCCHETTI: DATEV XXXX XXXX XXXX Gestione cliente mandato Dati anagrafici. (indirizzo, PIVA, Riferimenti contatto, modalità di pagamento, ) Tracciabilità incontri/contatti col cliente Gestione stato del cliente (attivo, non attivo, in contenzioso,..) Integrazione con altre procedure Posbilità di importare dati Acquizione storico del cliente Mandato di consulenza Estenza di schemi e modelli di gestione del mandato e generazione procedure conseguenti. Posbilità di report vari circa attività da svolgere e svolta. Modulistica privacy Organizzazione Identificazione aree critiche. Gestione pratiche Gestione rendiconti e parcellazione Identificazione della gerarchia e dei responsabili di funzione Definizione dei rapporti interni allo studio Estenza di schemi e modelli di gestione delle manoni e generazione procedure conseguenti. Generazione di un processo di feed back Anali degli errori ed identificazione delle procedure per evitarli Archivio del personale Timesheet per calendario attività di studio e gestione ferie Distribuzione carichi di lavoro Archiviazione ottica pratiche Fax in rete Gestione posta elettronica: indirizzi E mail Portale internet Gestione iter delle pratiche ordinarie e straordinarie Gestione preventiva e consuntiva delle pratiche Attività di scheduling Gestione della consuntivazione dei tempi e delle attività Posbilità di anali del project planning rapportato alle deadlines Flesbilità nella definizione di rapporti di varia natura fra attività svolte, addetti e clienti. Estenza di schemi e modelli di gestione della pratica e generazione procedure conseguenti. Posbilità di report vari circa attività da svolgere e svolta. Protocollazione pratica Distribuzione interna pratiche Generazione automatica di rendiconti dell attività svolta. Valorizzazione automatica/ manuale dei rendiconti Gestione anticipazioni cliente Definizione tariffari profesonali e fatturazione forfettaria Anali redditività attività svolta generale e per addetto. Generazione e gestione automatica parcella e incas conseguenti Gestione solleciti Report di nte per cliente Report di nte per tipologia diattività Produzione report per liquidazione parcelle e invio a commisone parcelle Gestione dei flus finanziari dello studio gestione budget di cassa Gestione agenda Scadenzario attività Agenda per ngolo utente Agenda di studio e di gruppo Attività di formazione/ formaz. Profesonale continua Gestione Contab. di studio Collegamento con parcellazione Generazione solleciti mulazione menli reddito/imposte per profesonisti Gestione incas/tesoreria studio Gestione dei flus finanziari dello studio gestione budget di cassa Gestione report per attività e per profesonista Gestione archivi di studio Per il cliente Libri sociali Clienti Documenti sociali Per lo studio Gestione biblioteca Testi e riviste fotocopiati (ritagliato, fotocopiato, perso ) Certificazione di qualità Identificzione proces Organizzazione documenti operativi Indicazione procedure Individuazione non conformità Aiuto nella generazione del manuale della qualità Aiuto nelle verifiche periodiche Caratteristiche del fornitore Dimenoni N. Installazioni Servizi di Help Desk Costo indicativo installazione (escludendo il n di utenti) Erogazione servizi di supporto all installazione/training pre e post go-live Caratteristiche tecniche Tipo architettura stema Operativo Dimenonamento hardware Numero masmo utenti Modulabilità (posbilità di attivare una sola o più aree) Collegamenti con web Integrazione con procedure Semplicità di installazione Difficoltà e tempi per la messa a regime del software Disponibilità manuale operativo

58 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità ZUCCHETTI ZUCCHETTI Xbook Xbook Il Il Sole Sole ore VLGS ore VLGS Ala Data System Ala Data System CRM CRM Gestione Cliente/Mandato Dati anagrafici (indirizzo, PIVA, Riferimenti contatto, modalità di pagamento, ) Tracciabilità incontri/contatti col cliente Gestione stato del cliente (attivo, non attivo, in contenzioso,..) Integrazione con altre procedure Posbilità di importare dati Acquizione storico del cliente Mandato di consulenza Estenza di schemi e modelli di gestione del mandato e generazione procedure conseguenti. Posbilità di report vari circa attività da svolgere e svolta. Modulistica privacy Non impostatata in xbook, ma nel sw privacy No ( veda anche il sw VL Privacy) da valutare in base al formato No 1a

59 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità DATEV- DATEV- Koinos Koinos OSRA OSRA Gestione Cliente/Mandato Dati anagrafici (indirizzo, PIVA, Riferimenti contatto, modalità di pagamento, ) Tracciabilità incontri/contatti col cliente Gestione stato del cliente (attivo, non attivo, in contenzioso,..) Integrazione con altre procedure Posbilità di importare dati Acquizione storico del cliente Mandato di consulenza Estenza di schemi e modelli di gestione del mandato e generazione procedure conseguenti. Posbilità di report vari circa attività da svolgere e svolta. Modulistica privacy SI SI SI Datev + MS Office SI SI SI SI SI 1b

60 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità ZUCCHETTI ZUCCHETTI Il XBook Il Sole Sole XBook ore VLGS ore VLGS Ala Data System Ala Data System CRM CRM Gestione Organizzazione Identificazione aree critiche. Identificazione della gerarchia e dei responsabili di funzione Definizione dei rapporti interni allo studio Estenza di schemi e modelli di gestione delle manoni e generazione procedure conseguenti. Generazione di un processo di feed back Anali degli errori ed identificazione delle procedure per evitarli Archivio del personale Timesheet per calendario attività di studio e gestione ferie Distribuzione carichi di lavoro Strumenti : Archiviazione ottica pratiche Fax in rete Gestione posta elettronica: indirizzi E mail Portale internet no no no no no no no No No No No No No No No No No 2a

61 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità DATEV - DATEV - Koinos Koinos OSRA OSRA Gestione Organizzazione Identificazione aree critiche. Identificazione della gerarchia e dei responsabili di funzione Definizione dei rapporti interni allo studio Estenza di schemi e modelli di gestione delle manoni e generazione procedure conseguenti. Generazione di un processo di feed back Anali degli errori ed identificazione delle procedure per evitarli Archivio del personale Timesheet per calendario attività di studio e gestione ferie Distribuzione carichi di lavoro Strumenti : Archiviazione ottica pratiche Fax in rete Gestione posta elettronica: indirizzi E mail Portale internet SI SI SI SI SI SI SI SI SI NO SI SI colleg. Zetafax SI SI 2b

62 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità ZUCCHETTI ZUCCHETTI XBook XBook Il Il Sole Sole ore VLGS ore VLGS Ala Data System Ala Data System CRM CRM Gestione Pratiche Gestione iter delle pratiche ordinarie e straordinarie Gestione preventiva e consuntiva delle pratiche Attività di scheduling Gestione della consuntivazione dei tempi e delle attività Posbilità di anali del project planning rapportato alle deadlines Flesbilità nella definizione di rapporti di varia natura fra attività svolte, addetti e clienti. Estenza di schemi e modelli di gestione della pratica e generazione procedure conseguenti. Posbilità di report vari circa attività da svolgere e svolta. Protocollazione pratica Distribuzione interna pratiche parziale parziale parziale parziale No No parziale parziale No No No 3a

63 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità DATEV - DATEV - Koinos Koinos OSRA OSRA Gestione Pratiche Gestione iter delle pratiche ordinarie e straordinarie Gestione preventiva e consuntiva delle pratiche Attività di scheduling Gestione della consuntivazione dei tempi e delle attività Posbilità di anali del project planning rapportato alle deadlines Flesbilità nella definizione di rapporti di varia natura fra attività svolte, addetti e clienti. Estenza di schemi e modelli di gestione della pratica e generazione procedure conseguenti. Posbilità di report vari circa attività da svolgere e svolta. Protocollazione pratica Distribuzione interna pratiche SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI 3b

64 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità ZUCCHETTI ZUCCHETTI Xbook Xbook Il Il Sole Sole ore VLGS ore VLGS Ala Data System Ala Data System CRM CRM Gestione Rendiconti e Parcellazione Generazione automatica di rendiconti dell attività svolta. Valorizzazione automatica/ manuale dei rendiconti Gestione anticipazioni cliente Definizione tariffari profesonali e fatturazione forfettaria Anali redditività attività svolta generale e per addetto. Generazione e gestione automatica parcella e incas conseguenti Gestione solleciti Report di nte per cliente Report di nte per tipologia di attività Produzione report per liquidazione parcelle e invio a commisone parcelle Gestione dei flus finanziari dello studio gestione budget di cassa con altra applic. Integr. con altra applic. Integr. con altra applic. Integr. no No No No 4a

65 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità DATEV- DATEV- Koinos Koinos OSRA OSRA Gestione Rendiconti e Parcellazione Generazione automatica di rendiconti dell attività svolta. Valorizzazione automatica/ manuale dei rendiconti Gestione anticipazioni cliente Definizione tariffari profesonali e fatturazione forfettaria Anali redditività attività svolta generale e per addetto. Generazione e gestione automatica parcella e incas conseguenti Gestione solleciti Report di nte per cliente Report di nte per tipologia di attività Produzione report per liquidazione parcelle e invio a commisone parcelle Gestione dei flus finanziari dello studio gestione budget di cassa SI SI SI SI SI SI NO SI SI NO NOI NO SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI (produzione report) SI (gestione cassa anticip.) NO 4b

66 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità ZUCCHETTI ZUCCHETTI Xbook Xbook Il Il Sole Sole ore VLGS ore VLGS Ala Data System Ala Data System CRM CRM Gestione Agenda Scadenzario attività Agenda per ngolo utente Agenda di studio e di gruppo Attività di formazione/ formaz. Profesonale continua no OK OK OK No 5a

67 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità DATEV- DATEV- Koinos Koinos OSRA OSRA Gestione Agenda Scadenzario attività Agenda per ngolo utente Agenda di studio e di gruppo Attività di formazione/ formaz. Profesonale continua Integr. MS Office Integr. MS Office Integr. MS Office NO 5b

68 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità ZUCCHETTI ZUCCHETTI Xbook Xbook Il Il Sole Sole ore VLGS ore VLGS Ala Data System Ala Data System CRM CRM Gestione Contabilità di Studio Collegamento con parcellazione Generazione solleciti con altra applic. Integr., collegato con VLGestione Contabile No mulazione menli reddito/imposte per profesonisti Gestione incas/tesoreria studio Gestione dei flus finanziari dello studio gestione budget di cassa Gestione report per attività e per profesonista no con altra applic. Integr. con altra applic. Integr. no, veda VLGestione Contabile No No No 6a

69 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità DATEV - DATEV - Koinos Koinos OSRA OSRA Gestione Contabilità di Studio Collegamento con parcellazione Generazione solleciti No mulazione menli reddito/imposte per profesonisti Gestione incas/tesoreria studio Gestione dei flus finanziari dello studio gestione budget di cassa Gestione report per attività e per profesonista No No No No (gest.cassa antic.) No 6b

70 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità ZUCCHETTI ZUCCHETTI Xbook Xbook Il Il Sole Sole ore VLGS ore VLGS Ala Data System Ala Data System CRM CRM Gestione Archivi di Studio Per il cliente Libri sociali Clienti Documenti sociali solo movimentazio ne Per lo studio Gestione biblioteca Testi e riviste fotocopiati (ritagliato, fotocopiato, perso ) 7a

71 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità DATEV - DATEV - Koinos Koinos OSRA OSRA Gestione Archivi di Studio Per il cliente Libri sociali Clienti Documenti sociali Per lo studio Gestione biblioteca Testi e riviste fotocopiati (ritagliato, fotocopiato, perso ) No No No No No No No 7b

72 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità ZUCCHETTI ZUCCHETTI Xbook Xbook Il Il Sole Sole ore VLGS ore VLGS Ala Data System Ala Data System CRM CRM Strumenti hardware e software di aiuto per la gestione dello studio Centralini telefonici intelligenti Fax in rete Posta elettronica Portale internet Archiviaizone ottica no con altre applic. Integr. NO integrabili se accesbili via ODBC Software : Presentazione software houses 8a

73 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità DATEV - DATEV - Koinos Koinos OSRA OSRA Strumenti hardware e software di aiuto per la gestione dello studio Centralini telefonici intelligenti No Fax in rete Posta elettronica Portale internet Archiviaizone ottica No No No (con Zfax) Software : Presentazione software houses 8b

74 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità ZUCCHETTI ZUCCHETTI Xbook Xbook Il Il Sole Sole ore VLGS ore VLGS Ala Data System Ala Data System CRM CRM Certificazione di qualità Identificzione proces Organizzazione documenti operativi Indicazione procedure Individuazione non conformità Aiuto nella generazione del manuale della qualità Aiuto nelle verifiche periodiche no No No No No No No No No No 9a

75 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità DATEV - DATEV - Koinos Koinos OSRA OSRA Certificazione di qualità Identificzione proces Organizzazione documenti operativi Indicazione procedure Individuazione non conformità Aiuto nella generazione del manuale della qualità Aiuto nelle verifiche periodiche No 9b

76 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità ZUCCHETTI ZUCCHETTI Xbook Xbook Il Il Sole Sole ore VLGS ore VLGS Ala Data System Ala Data System CRM CRM Caratteristiche tecniche Tipo architettura stema Operativo Dimenonamento hardware Numero masmo utenti Modulabilità (posbilità di attivare una sola o più aree) Collegamenti con web Integrazione con procedure Semplicità di installazione Difficoltà e tempi per la messa a regime del software Windows 64 bit no Da definire in relazione agli obiettivi VB/Acce ss Windows 32 bit No limite SI SI SI SI No Relazionale / Documentale Tutti ambiente Windows Da analizzare Ogni volta o Modalità ASP 1.000, nativa Dipende dai Moduli Disponibilità manuale operativo No 10a

77 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità DATEV DATEV OSRA OSRA Caratteristiche tecniche Tipo architettura stema Operativo Dimenonamento hardware Numero masmo utenti Modulabilità (posbilità di attivare una sola o più aree) Collegamenti con web Integrazione con procedure Semplicità di installazione Difficoltà e tempi per la messa a regime del software Client Server Medio NO SI SI SI Media Media Client Server WIN / UNIX / LINUX Dipende da posti di lavoro Illimitato Media Bassa (2-3 giorni) Disponibilità manuale operativo SI 10b

78 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità ZUCCHETTI ZUCCHETTI Xbook Xbook Il Il Sole Sole ore VLGS ore VLGS Ala Data System Ala Data System CRM CRM Caratteristiche fornitore Dimenoni N. Installazioni Servizi di Help Desk SI Circa 50 addetti Circa un migliaio, anche in Teleasstenza Costo indicativo installazione (escludendo il n di utenti) Erogazione servizi di supporto all installazione/training pre e post go-live 1000 (escluso avviamento) 300 Euro No Da In base ai moduli E agli utenti, sempre 11a

79 Anali comparativa Check List Gestione studio/ stemi di qualità DATEV - DATEV - Koinos Koinos OSRA OSRA Caratteristiche fornitore Dimenoni N. Installazioni Servizi di Help Desk Costo indicativo installazione (escludendo il n di utenti) Erogazione servizi di supporto all installazione/training pre e post go-live Diffuone nazionale / asstenza locale b

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA data: 20-07-08 Pagina 1 di 12 Sez. 4 PER LA QUALITA Redazione e Revisione Data Modifiche verifica 0 03-04-03 RGQ - Prof. M.L.Bianchi 1 16-04-03 Tabelle a) e b) 2 29-05-03 Tabella b) e 4.2.3 3 12-07-04

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

commercialista, consulente del lavoro XBOOK la soluzione per l'organizzazione dello studio professionale

commercialista, consulente del lavoro XBOOK la soluzione per l'organizzazione dello studio professionale commercialista, consulente del lavoro XBOOK la soluzione per l'organizzazione dello studio professionale XBOOK, valido supporto all attività quotidiana del professionista e dei collaboratori dello studio,

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI Pagina 1 di 9 INDICE: 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ 3. CONFORMITÀ 4. RESPONSABILITA 5. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 6 ACRONIMI UTILIZZATI NELLA PROCEDURA 7. DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA 8. MODULISTICA 9 ALLEGATI

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE Pag.: 1/7 REDAZIONE A CURA DI Francesca Valvo RSGQ DOCUMENTO APPROVATO DA Gabriella Ianni Direzione SEA Abruzzo Emissione AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica 01 2011-10-10 Prima Emissione RSGQ

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Manuale della qualità 1 INTRODUZIONE 3 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4 4.1 Requisiti generali 4 4.2 Requisiti

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

Responsabile del processo di Direzione. Dott. Alberto Soccodato

Responsabile del processo di Direzione. Dott. Alberto Soccodato ORGANIGRAMMA ISTITUTI PARITARI I.S.A.S. OTTOBRE 2008 del processo di Direzione Dott. Alberto Soccodato Gestione Sistema di Qualità Prof. Massimo Vincenzo Di Fazio dei processi di gestione economico amministrativo

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PIETRO REMONTI 1 2 APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI UN RISULTATO DESIDERATO È OTTENUTO IN MODO PIÙ EFFICACE SE RISORSE E ATTIVITÀ

Dettagli

4.1 Requisiti generali

4.1 Requisiti generali P a g. 1 / 6 4.1 Requisiti generali Il Sistema di Gestione (SGQ) è strutturato al fine di migliorarne l efficacia e l efficienza dei processi dell Istituto attraverso la pianificazione di criteri, procedure

Dettagli

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori.

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori. ORGANIGRAMMA Collegio dei Revisori Assemblea dei Soci Cda - Presidenza Direzione Generale Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione Risorse Umane, Organizzazione e Qualità Appalti e Forniture Sistemi

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO PROFESSIONALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità Pag. 1 Data di applicazione 07/04/2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 21/03/08 Dirigente QA Dirigente QA Dott.ssa A.M. Priori Dott.ssa M. Medri 31/03/08 Direttore QA Dott. E.

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

GESTIONE DELLE NON CONFORMITÀ E RECLAMI

GESTIONE DELLE NON CONFORMITÀ E RECLAMI Pagina 1 di 6 Procedura Rev. Data Descrizione modifica Approvazione 3 27.04.2003 Revisione generale (unificate NC e Reclami) C.V. 4 03.09.2007 Specificazione NC a carattere ambientale C.V. 5 07.03.2008

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ DI

MANUALE DELLA QUALITÀ DI MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 13 MANUALE DELLA QUALITÀ DI Copia master Copia in emissione controllata (il destinatario di questo documento ha l obbligo di conservarlo e di restituirlo, su richiesta della

Dettagli

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG)

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG) PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Redazione (referente di processo) Approvazione Andrea Marchesi Responsabile Sistema Qualità (RSG) Silvio Braini

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 ISTITUTO PROFESSIONALE per i SERVIZI ALBERGHIERI e della RISTORAZIONE Gestione della documentazione del Sistema Qualità PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 Documento preparato da Responsabile Sistema

Dettagli

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività:

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività: Pag. 1 /6 8 Misurazione analisi e 8.1 Generalità L Istituto pianifica ed attua attività di monitoraggio, misura, analisi e (PO 7.6) che consentono di: dimostrare la conformità del servizio ai requisiti

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

Procedura Gestione delle Risorse Umane

Procedura Gestione delle Risorse Umane Pag. 1 di 7 Procedura Gestione delle Risorse Umane Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 7 del 23.09.2015 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RESPONSABILITÀ...2 4. PROCESSO

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Definire le modalità e le responsabilità per la gestione

Dettagli

CSQ È UN SISTEMA DI CERTIFICAZIONE DELL IMQ, GESTITO IN COLLABORAZIONE CON CESI E ISCTI. Via Don Calabria 2 Milano

CSQ È UN SISTEMA DI CERTIFICAZIONE DELL IMQ, GESTITO IN COLLABORAZIONE CON CESI E ISCTI. Via Don Calabria 2 Milano RAGIONE SOCIALE Istituto d Istruzione Superiore J. C. Maxwell PERSONA CONTATTATA INDIRIZZO Via Don Calabria 2 Milano UNITÀ VERIFICATA AZIENDA Lorenzo Torta CAMPO DI APPLICAZIONE c.s. + sede staccata di

Dettagli

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione Pag. 1 di 9 SISTEMA DI GESTIONE QUALITA del LABORATORIO VOLANTE S.R.L. 01 12.12.2008 Seconda emissione 00 28/08/02 Prima emissione Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ Approvazione D.G. Pagina

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ PROCEDURA SGQ PRO-AUD Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE... 2

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA

MANUALE DELLA QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA Pagina 1/ 5 SISTEMA DI GESTIONE PER LA 4.0 GENERALITÀ E RIFERIMENTI 4.1 REQUISITI GENERALI 4.2 REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE 4.0 GENERALITÀ E RIFERIMENTI La presente sezione del manuale definisce

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A.

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. Capitolato tecnico per Affidamento del servizio di consulenza per la progettazione, implementazione e certificazione di un Sistema di Gestione Integrato per la Qualità

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE Data: Spett.le Società vi informiamo che (inserire nome azienda) ha attivato un sistema di valutazione, qualificazione e monitoraggio dei propri fornitori. Nell ambito del nostro Sistema di Gestione della

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E DELLE INFRASTRUTTURE. REVISIONI Descrizione

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E DELLE INFRASTRUTTURE. REVISIONI Descrizione Rev. 3 Pag. 1 di 11 n. revisione 0 1 2 3 3 Data Emissione Redatto 04.04.05 06.02.06 10.12.07 27.08.09 27.08.09 Firma Resp. REVISIONI Descrizione Prima emissione Introdotte indicazioni per la ripetizione

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

Gestione Iter Manuale Sistemista. Gestione Iter Manuale Sistemista

Gestione Iter Manuale Sistemista. Gestione Iter Manuale Sistemista Gestione Iter Manuale Sistemista Paragrafo-Pagina di Pagine 1-1 di 8 Versione 3 del 24/02/2010 SOMMARIO 1 A Chi è destinato... 1-3 2 Pre requisiti... 2-3 3 Obiettivi... 3-3 4 Durata della formazione...

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA SEGRETERIA - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

AREZZO MULTISERVIZI S.R.L.

AREZZO MULTISERVIZI S.R.L. Approvato e Verificato Presidente Elaborato: Resp. Personale [Data]: 18/02/14 [Data]: 18/02/14 [Firma]: [Firma]: 1. Generalità La documentazione del Sistema o è così strutturata: l Analisi Iniziale: è

Dettagli

Organizzazione dello studio professionale e controllo di gestione

Organizzazione dello studio professionale e controllo di gestione Organizzazione dello studio professionale e controllo di gestione Relatore Danilo Vaselli incaricato OPEN Dot Com Programma Modelli di organizzazione aziendale e gestione del Modello adottato con l ausilio

Dettagli

GESTIONE DEI DOCUMENTI E DEI DATI

GESTIONE DEI DOCUMENTI E DEI DATI I.T.C.S. ERASMO DA ROTTERDAM Via Varalli, 24-20021 BOLLATE (Mi) Tel. 023506460/75 Fax 0233300549 MITD450009 C.F. 97068290150 PROCEDURE GENERALI PER LA GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 10 GESTIONE DEI DOCUMENTI

Dettagli

Funzione Data Firma Data Firma

Funzione Data Firma Data Firma Pagina 1 di 8 DATA FUNZIONE FIRMA Progettato 31/01/2012 Dr. Dario Macchioni Redatto 01/03/2012 Dr. Dario Macchioni Verificato 06/03/2012 Dr. Luigi Rubens Curia Approvato In vigore GESTORE: Funzione Dott.

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3 03-10-05 Pagina 1 di 9 Copia on line controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto dell I.P.S.S.C.T. P. Verri MODIFICHE AL DOCUMENTO

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona LA CERTIFICAZIONE Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000/00) Requisito Esigenza

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Codice MGQ 4 Pag. 1 / 16 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Indice: 4.0 - Oggetto 4.1 - Generalità 4.2 Requisiti relativi alla documentazione 4.3 - Controllo delle registrazioni

Dettagli

RELAZIONE TRASPARENZA. Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39

RELAZIONE TRASPARENZA. Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39 RELAZIONE DI TRASPARENZA Per l esercizio al 31 dicembre 2014 Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39 INDICE 1. Forma giuridica, struttura proprietaria e di governo 2. Rete di

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Titolo del pag. 1 di 6 Titolo del I N D I C E 1. SCOPO 2. GENERALITÀ 3. CAMPO DI APPLICAZIONE 4. LISTA DI DISTRIBUZIONE 5. DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO 6. SELEZIONE DEL PERSONALE 7. ITER DI INSERIMENTO

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014 D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni M. Mengoli 5 giugno 2014 Il D. Lgs. 231/01 introduce una nuova fattispecie di responsabilità da reato Reato nell organizzazione è imputabile

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4 1. REQUISITI GENERALI L Azienda DSU Toscana si è dotata di un Sistema di gestione per la qualità disegnato in accordo con la normativa UNI EN ISO 9001:2008. Tutto il personale del DSU Toscana è impegnato

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI SOMMARIO INTRODUZIONE. 1. PRINCIPI GENERALI 2. REGOLE GENERALI

Dettagli

Sistema di gestione per la qualità

Sistema di gestione per la qualità Revisione 04 Pag. 1 di 10 INDICE 1 OBIETTIVO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ... 2 3 PRINCIPI E STRUTTURA DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ E PER L ACCREDITAMENTO...

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q.

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH09 Pag. 1 di 4 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Procedura SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E MIGLIORAMENTO CONTINUO

Procedura SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E MIGLIORAMENTO CONTINUO PSM04 I.S. Pag 1di 5 Procedura SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E MIGLIORAMENTO CONTINUO INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. TERMINI E DEFINIZIONI 5. RESPONSABILITÀ 6. MODALITÀ OPERATIVE

Dettagli