CAMPIONATO ESORDIENTI A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMPIONATO ESORDIENTI A"

Transcript

1 CAMPIONATO ESORDIENTI A Per tale categoria sono previsti 2 campionati: 1) CAMPIONATO ITALIANO INVERNALE Composto da: 1-Programmi Tecnici (Duo, Trio e Squadra) 2-Obbligatori a) Hanno diritto a partecipare tutte gli atleti/e iscritti, che abbiano preso parte ad un Campionato Regionale, Interregionale o Regionale Open di ammissione della stagione in corso. b) Per il numero di esercizi da poter iscrivere vale la norma Partecipazione ai Campionati punto 2 paragrafo a ELEMENTI OBBLIGATI PER GLI/LE ESORDIENTI A DUO Tempo ) Coprire una distanza minima di 35 mt. (una vasca da 25mt + 10mt. indipendentemente dal percorso). 2) Gamba di balletto singola destra o sinistra 3) Boost un uscita veloce con il busto, e la maggior parte del corpo fuori dall acqua. Entrambe le braccia devono essere sollevate sulla superficie mentre il corpo raggiunge la massima altezza 4) Kipnus l intera figura 5) Posizione carpiata in avanti, posizione di Gru, verticale gamba flessa, spaccata e passo di uscita in avanti 6) Barracuda 7) Tre movimenti diversi di braccia in posizione verticale di cui una a due braccia. E consentito un aggancio o una spinta. NB: L esercizio va eseguito in modo sincrono con gli atleti che effettuano contemporaneamente gli stessi movimenti; non sono consentiti movimenti a specchio tranne nell aggancio o la spinta. TRIO Tempo ) Coprire una distanza minima di 35 mt. (una vasca da 25mt + 10 mt. indipendentemente dal percorso). 2) Combinazione di almeno tre (3) posizioni di gamba di balletto in movimento (gamba di balletto sinistra, destra, doppia e fenicottero-destro e sinistro) 3) Marsuino con apertura alla max altezza in spaccata chiusa in verticale alle caviglie.

2 4) Boost un uscita veloce con il busto, e la maggior parte del corpo fuori dall acqua. Entrambe le braccia devono essere sollevate sulla superficie mentre il corpo raggiunge la massima altezza 5) Kip con spaccata e passo di uscita in avanti 6) Tre movimenti diversi di braccia in posizione verticale di cui una a due braccia. E consentito un aggancio o una spinta. N.B.: L esercizio va eseguito in modo sincrono con gli atleti che effettuano contemporaneamente gli stessi movimenti, tranne nell aggancio o nella spinta. SQUADRA Tempo ) Coprire una distanza minima di 40 mt. (una vasca da 25mt + 15mt. indipendentemente dal percorso) più uno spostamento laterale minimo di 5 mt (due corsie da 2.50 mt). 2) Combinazione di almeno tre (3) posizioni di gamba di balletto in movimento (gamba di balletto sinistra, destra, doppia e fenicottero destro e sinistro) 3) Marsuino 4) Passo di uscita in avanti 5) Barracuda gamba flessa 6) Comporre minimo 5 formazioni diverse, una di queste deve essere su una linea retta. E consentita una spinta NB: L esercizio va eseguito in modo sincrono con gli atleti che compiono simultaneamente gli stessi movimenti, tranne nella spinta. Negli spostamenti gli atleti possono muoversi in direzioni diverse, eseguendo la stessa figura contemporaneamente (o tutte in superficie o tutte in immersione) tranne nella spinta. Non sono ammessi movimenti alternati 2 a 2, 3 a 3, 4 a 4. 2) CAMPIONATO ITALIANO ESTIVO Composto da: 1- PROGRAMMI LIBERI (Duo, Trio, Squadra) con valenza 50% 2- OBBLIGATORI con valenza 50% 3- Esercizio Libero Combinato con valenza 100% 4- FINALI con valenza 100% Hanno diritto a partecipare: a) I primi ventiquattro (24) Duo, primi ventiquattro (24) Trio e le prime quindici (15) Squadre classificatesi al Campionato Italiano Invernale b) Tutte le Società, anche le non classificate al Campionato Invernale nel Duo, Trio e Squadra, avranno diritto a partecipare con l Esercizio Libero Combinato. c) Tutti gli atleti/e partecipanti al Duo e al Trio e alla Squadra eseguiranno gli esercizi Obbligatori. 2

3 d) Tra gli atleti/e delle Società partecipanti con il solo Esercizio Libero Combinato, verranno sorteggiati il 50% dei nominativi degli iscritti/e e tali atleti/e prenderanno parte agli esercizi Obbligatori. Il sorteggio in questione verrà effettuato al termine dell ultima sessione prima degli Obbligatori. e) Dalla classifica ottenuta sommando i punteggi delle prove: Programmi Liberi e Obbligatori, si avranno i dodici (12) esercizi di Duo, di Trio e di Squadra che prenderanno parte alle Finali. f) Per l Esercizio Libero Combinato è prevista la finale solo nel caso in cui le Società iscritte siano in numero superiore a quindici (15) e gli esercizi finalisti saranno otto (8) CAMPIONATO CATEGORIA RAGAZZI/E Per tale categoria sono previsti due campionati: CAMPIONATO ITALIANO INVERNALE: Composto da: 1- Programmi Tecnici (Solo, Duo e Squadra) 2- Obbligatori a) Hanno diritto a partecipare tutti gli atleti/e iscritti, che abbiano preso parte ad un Campionato regionale, Interregionale o Regionale Open di ammissione nella stagione in corso. b) Per il numero di esercizi da poter iscrivere vale la norma Partecipazione ai Campionati punto 2 paragrafo b c) Ogni Società ha diritto ad iscrivere due atleti/e della categoria inferiore come da norma esposta al capitolo Iscrizioni punto 6 lettera g. ELEMENTI OBBLIGATI PER LA CATEGORIA RAGAZZE SOLO tempo Coprire una distanza minima di 30mt. (una vasca da 25 mt. più 5 mt. indipendentemente dal percorso). 2- Marsuino avv Boost un uscita veloce con il busto, e la maggior parte del corpo fuori dell acqua. Entrambe le braccia devono essere sollevate dalla superficie mentre il corpo raggiunge la massima altezza. 4- Ariana. 5- Barracuda con piroetta. 6- Kipswirl 7- Tre movimenti di braccia in posizione orizzontale o di fianco con il movimento delle gambe solo a stile libero o dorso. 8- Tre movimenti di braccia diversi in posizione verticale di cui uno a due braccia. 3

4 DUO: tempo 2'00 1- Coprire una distanza minima di 40 mt. (una vasca da 25 mt.più 15 mt. indipendentemente dal percorso). 2- Passo di uscita indietro fino alla posizione carpiata, si flettono le gambe effettuando una mezza torsione, si assume la posizione di Tuck, quindi si assume la posizione di Cavaliere e abbassando la gamba verticale si termina con un passo di uscita in avanti 3- Boost un uscita veloce con il busto e la maggior parte del corpo fuori dell acqua. Entrambe le braccia devono essere sollevate dalla superficie mentre il corpo raggiunge la massima altezza. 4- Marsuino avv. ascendente Combinazione di almeno tre gambe di balletto in movimento (gamba di balletto destra, sinistra, doppia, fenicottero destro e sinistro). 6- Barracuda gamba flessa con piroetta. 7- Quattro movimenti diversi a due braccia in posizione verticale di cui uno a due braccia. 8- E consentito un aggancio o una spinta. N.B.: L esercizio va eseguito in modo sincrono, gli atleti devono effettuare contemporaneamente gli stessi movimenti, non sono consentiti movimenti a specchio, tranne nell aggancio o la spinta. SQUADRA: Tempo Coprire una distanza minima di 45 mt. (una vasca da 25 mt.+20 mt, indipendentemente dal percorso più due spostamenti laterali di 5 mt in direzioni diverse). 2- Dalla posizione di Coda di pesce sollevare la gamba fino alla verticale, seguita da una piroetta e terminata con una discesa in verticale. 3- Boost di braccia, un uscita veloce con il busto e la maggior parte del corpo fuori dell acqua. Entrambe le braccia devono essere sollevate dalla superficie mentre il corpo raggiunge la massima altezza. 4- Combinazione di almeno tre gambe di balletto in movimento (gamba di balletto destra, sinistra, doppia, fenicottero destro e sinistro). 5- Un azione in sequenza, (movimento/i identici eseguiti in sequenza da ciascun atleta. Se si esegue più di una sequenza queste devono essere consecutive e non intervallate da altri movimenti). 6)Rocket split. 7) Thrust 8) Kipnus ½ Torsione 9) Comporre un minimo di otto (8) formazioni di cui una su una linea retta e un cerchio. 8- E consentita una spinta. N.B.: L esercizio va eseguito in modo sincrono, gli atleti devono effettuare contemporaneamente gli stessi movimenti, tranne nell azione in sequenza, non sono consentiti movimenti a specchio, tranne nell aggancio o nella spinta e nel cerchio. 4

5 2) CAMPIONATO ITALIANO ESTIVO Composto da: 1- Programmi Liberi (Solo, Duo, Squadra) con valenza 50% 2- Obbligatori con valenza 50% 3- Esercizio Libero Combinato con valenza 100% 4- Finali con valenza 100% Hanno diritto a partecipare: a) I primi ventiquattro (24) Solo (non è ammessa l iscrizione della riserva) i primi ventiquattro (24) Duo e le prime quindici (15) Squadre classificatisi al Campionato Italiano Invernale. b) Tutte le Società, anche le non classificate al Campionato Invernale, nel Solo, Duo e Squadra avranno diritto a partecipare con l Esercizio Libero Combinato. c) Tra gli atleti/e delle Società partecipanti con il solo Esercizio Libero Combinato, verranno sorteggiati il 50% dei nominativi degli iscritti/e e tali atleti/e prenderanno parte agli esercizi Obbligatori. Il sorteggio in questione verrà effettuato al termine dell ultima sessione prima degli Obbligatori. d) Dalla classifica ottenuta sommando i punteggi delle prove: Programmi Liberi e Obbligatori, si avranno i dodici (12) esercizi di Solo, Duo e di Squadra che prenderanno parte alle FINALI. CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI Per tale categoria sono previsti 4 (quattro) campionati: CAMPIONATI INVERNALI ED ESTIVI SERIE A1e SERIE A2 1- Il Campionato di serie A1 è riservato alle prime 9 Società delle Serie A 1, più le prime 3 Società della serie A 2 tenendo in considerazione la classifica del 2005 ottenuta sommando i risultati conseguiti nei rispettivi campionati Invernali ed Estivi. a) Nel caso in cui una o più Società di serie A1 cessino l attività, o non abbiano i requisiti per partecipare al suddetto Campionato, si procederà nel seguente modo: 1 Società= retrocesse le ultime due classificate, promosse le prime tre classificate della serie B 2 Società= retrocessa l ultima classificata, promosse le prime tre classificate della serie B 3 Società= nessuna retrocessione, promosse le prime tre della serie B 5

6 b) Nel caso in cui una delle Società di serie B promosse in serie A1 cessi l attività, o non abbia i requisiti necessari per partecipare, solo due (2) Società di Serie B verranno promosse e solo le ultime due (2) Società classificate nella serie A verranno retrocesse. c) Le Società aventi diritto alla serie A1 dovranno confermare, per iscritto, entro e non oltre il 20 Dicembre 2005, di essere in possesso dei requisiti necessari alla partecipazione. d) Le Società di serie A1 che dichiarino, dopo i termini consentiti e dopo aver inviato le iscrizioni, di non avere i requisiti per partecipare al Campionato in oggetto, non avranno il diritto di partecipare per la stagione in corso al Campionato di Serie A2. Tale Società conseguirà il punteggio solo del Campionato di Serie A1 a cui avrà preso parte e) Il Campionato di Serie A2 è aperto a tutte le Società che per la stagione 2005/2006 non partecipano al campionato di Serie A1. ELEMENTI OBBLIGATI PER I CAMPIONATI ASSOLUTI 1- Gli elementi obbligati previsti sono da eseguire in ordine prestabilito REQUISITI GENERALI 1-Si potranno aggiungere elementi supplementari; la loro collocazione sarà libera. 2- Gli elementi obbligati dovranno essere eseguiti con i requisiti esposti nelle norme descritte nell Appendice II-IV della FINA. Tranne i casi diversamente specificati nelle descrizioni, tutti gli elementi dovranno essere eseguiti alti e controllati, con movimento uniforme, con ogni sezione chiaramente definita e in posizione stazionaria. SOLO (tempo 2 ) Gli elementi da 1 a 7 devono essere eseguiti nell ordine prestabilito 1- Torsione completa, si esegue un altra rotazione nella direzione opposta mentre le gambe si divaricano simmetricamente fino a raggiungere la posizione di spaccata. Nella stessa direzione della torsione completa, le gambe vengono richiuse simmetricamente fino alla posizione verticale durante un rapido avvitamento di almeno 720 che continua anche nell immersione. 2- Boost un uscita rapida con la testa con il corpo che raggiunge la massima altezza possibile sulla superficie. Alla massima altezza ambedue le braccia devono essere sollevate dalla superficie. Si esegue una discesa fino alla totale scomparsa. 3- Si esegue una sequenza di movimenti di braccia in gambe bicicletta, subito dopo il boost,spostandosi in avanti e /o lateralmente, la sequenza deve includere movimenti a due braccia contemporaneamente sollevate dalla superficie. 6

7 4- Rocket-split- si esegue un thrust seguito da una rapida apertura in spaccata; seguita da una posizione verticale gamba flessa raggiunta flettendo la gamba frontale e sollevando in verticale quella posteriore. Si effettua una piroetta mentre la gamba flessa si distende per raggiungere la gamba verticale, per terminare si esegue una verticale discendente. Non è necessario che le gambe siano perpendicolari alla superficie nella posizione carpiata indietro prima del thrust Cavaliere con spostamento in direzione della testa mentre si assume la posizione di gamba di balletto. 6- Avvitamento combinato. 7- Un Thrust seguito da un avvitamento rapido di almeno 360 che continua anche dopo l immersione. DUO (2 20 ) Gli elementi da 1 a 9 devono essere eseguiti nell ordine prestabilito 1- Mezza torsione, seguita da una piroetta nell altra direzione;completata da un avvitamento continuo nella stessa direzione della Mezza torsione iniziale.tutti i movimenti vanno eseguiti in posizione verticale. 2- Rocket split- si esegue un thrust seguito da due rapidi scambi in spaccata,le gambe si richiudono in alto alla massima altezza. Non è necessario che le gambe siano perpendicolari alla superficie nella posizione carpiata indietro prima del thrust. 3- Boost un uscita rapida con la testa con il corpo che raggiunge la massima elevazione possibile sulla superficie. Alla massima altezza ambedue le braccia devono essere sollevate dalla superficie. Si esegue una discesa fino alla totale scomparsa. 4- Si esegue una sequenza di movimenti di braccia in gambe bicicletta, subito dopo il boost,spostandosi in avanti e /o lateralmente, la sequenza deve includere movimenti a due braccia contemporaneamente sollevate dalla superficie Pesce spada gamba estesa. 6- Posizione verticale gamba flessa, seguita da un avvitamento combinato con la gamba flessa che si distende durante la discesa e si flette di nuovo nella risalita per tornare nella posizione iniziale verticale gamba flessa; tale posizione si mantiene durante la discesa in verticale. 7- Combinazione di gambe di balletto in movimento, la prima posizione di gamba di balletto si deve assumere sollevando la gamba in estensione. La combinazione deve includere al minimo altre due posizioni di gamba di balletto in superficie in qualsiasi ordine tra gamba di balletto doppia, fenicottero gamba destra, fenicottero gamba sinistra. 8- Dalla posizione verticale in immersione, mentre le punte dei piedi rompono la superficie si inizia una rotazione di 360 durante la quale una gamba si muove alla superficie per raggiungere la posizione di cavaliere; il corpo ruota di 180 nella stessa direzione fino ad assumere la posizione di coda di pesce; si solleva la gamba alla superficie in un arco di 180 per tornare alla posizione di cavaliere. 7

8 La gamba in verticale si abbassa fino a raggiungere la posizione di arco in superficie. Si esegue l arco di uscita in superficie. 9- Thrust seguito da un rapido avvitamento di Con l eccezione dei movimenti sul bordo vasca e il tuffo, tutti gli elementi-obbligati o no- devono essere eseguiti simultaneamente e con il viso rivolto nella stessa direzione. Non sono ammessi movimenti a specchio. Squadra (2 50 ) Gli elementi da 1 a 10 devono essere eseguiti nell ordine prestabilito. 1- Azione in sequenza, movimento/i identico/i eseguiti in sequenza una per una da tutte le atlete. Quando più di una sequenza viene eseguita, queste devono essere consecutive e non separate da altri elementi obbligati o liberi. 2- Thrust seguito da una piroetta e completato da una verticale discendente in posizione verticale passeggiata in avanti fino al raggiungimento della posizione d spaccata, le gambe vengono sollevate e chiuse simmetricamente fino alla posizione verticale. Si esegue una mezza torsione.le gambe simmetricamente si divaricano di nuovo durante un ulteriore rotazione di 180 effettuata nella stessa direzione fino alla posizione di spaccata. Si esegue un passo di uscita frontale. 4- Boost un uscita rapida con la testa con il corpo che raggiunge la massima elevazione possibile sulla superficie. Alla massima altezza ambedue le braccia devono essere sollevate dalla superficie. Si esegue una discesa fino alla totale scomparsa. 5- Si esegue una sequenza di movimenti di braccia in gambe bicicletta, subito dopo il boost,spostandosi in avanti e /o lateralmente, la sequenza deve includere movimenti a due braccia contemporaneamente sollevate dalla superficie Marsuino fino alla posizione verticale, si flette una gamba per assumere la posizione verticale gamba flessa, la gamba flessa si distende per arrivare alla verticale mentre la gamba verticale si abbassa per assumere la posizione di gru. 7- Combinazione di gambe di balletto in movimento, la prima posizione di gamba di balletto si deve assumere sollevando la gamba in estensione. La combinazione deve includere al minimo altre due posizioni di gamba di balletto in superficie in qualsiasi ordine tra gamba di balletto doppia, fenicottero gamba destra, fenicottero gamba sinistra Nova fino alla posizione di arco in superficie gamba flessa; le gambe si sollevano simultaneamente fino alla posizione verticale, distendendo la gamba flessa; si esegue una torsione completa seguita da un avvitamento continuo. 9- Rocket split- un thrust seguito da una rapida spaccata richiusa in verticale alla massima altezza, completata da un rapido avvitamento di 180.Non è necessario che le gambe siano perpendicolari alla superficie nella posizione carpiata indietro prima del thrust. 10-MOVIMENTI ACROBATICI- UNA PIATTAFORMA TORRI O SALTI Requisiti per la piattaforma: Una persona sollevata alla o sopra la superficie 8

9 Le posizioni subacquee sono libere ma tutte le atlete devono essere coinvolte L atleta che sale deve rimanere sempre in contatto con la piat taforma sia nella salita che nella discesa. La testa dell atleta sollevata deve rompere per prima la superficie. Requisiti per le torri: Si devono eseguire due torri. Un atleta viene sollevata su ciascuna torre e la testa deve rompere per prima la superficie Le posizioni subacquee sono libere ma tutte le atlete devono essere coinvolte. Ciascuna delle due torri deve compiere gli stessi movimenti e guardando nella stessa direzione. Ciascuna torre deve salire e scendere una sola volta. Requisiti per i salti: I primi quattro punti come le torri. Le atlete devono saltare quando le atlete che le supportano raggiungono la massima altezza sulla superficie. 11-Le formazioni devono includere una linea retta e un cerchio 12- Con l eccezione dell azione in sequenza, la partenza e il tuffo, tutti gli elementi obbligati o no- devono essere effettuati simultaneamente e guardando nella stessa direzione da tutte le atlete eccetto durante la formazione in cerchio e la piattaforma. Variazioni negli spostamenti e la direzione del viso possono cambiare solo durante i cambi di formazione. Non sono consentite azioni a specchio. 9

10 ESERCIZI OBBLIGATORI FINA FISSI CATEGORIA SENIORES 150 CAVALIERE KIP APERTA A GRUPPO 1 435e NOVA AVVITAMENTO h FENICOTTERO GAMBA FLESSA AVVITAMENTO ASCENDENTE GRUPPO GAVIATA APERTA A f IBIS AVVITAMENTO CONTINUO 2.8 GRUPPO SUBILARC c ALBATROSS CON PIROETTA 2.7 GRUPPO 4 330c AURORA CON PIROETTA c BARRACUDA CARPIATO INDIETRO CON PIROETTA 2.8 CATEGORIA JUNIORES FISSI 355f MARSUINO AVVITAMENTO CONTINUO MARCIA EIFFEL 2.8 GRUPPO1 301c BARRACUDA CON PIROETTA d AURORA AVVVITAMENTO GRUPPO KIP CON SPACCATA SUBALINA 2.3 GRUPPO ELICOTTERO e AIRONE AVVITAMENTO GRUPPO4 435c NOVA CON PIROETTA BELUGA

11 FISSI FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO CATEGORIA RAGAZZE 346 CODA DI PESCE LATERALE CON SPACCATA FENICOTTERO GAMBA FLESSA 2.4 GRUPPO CATALINA ROVESCIATA c KIP CON PIROETTA 2.3 GRUPPO 2 306d BARRACUDA GAMBA FLESSA AVVITAMENTO ARIANA 2.2 GRUPPO PESCE SPADA e MARSUINO AVVITAMENTO CATEGORIA ESORDIENTI A FISSI 360 PASSEGGIATA IN AVANTI BARRACUDA 2.0 GRUPPO MARSUINO GAMBA DI BALLETTO 1.6 GRUPPO PESCE SPADA NETTUNO 1.8 GRUPPO KIP BALLERINA

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO REGOLAMENTO NUOTO SINCRONIZZATO - ANNO SPORTIVO 2012 - ANNO OLIMPICO SOMMARIO CALENDARIO ATTIVITA NAZIONALE....3 CATEGORIE ATLETE...4 NORME DI CARATTERE GENERALE.5 1. MANIFESTAZIONI....6

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

REGOLE PER IL NUOTO SINCRONIZZATO. SS 1 Tutte le manifestazioni internazionali di nuoto Sincronizzato si svolgeranno secondo le norme della FINA

REGOLE PER IL NUOTO SINCRONIZZATO. SS 1 Tutte le manifestazioni internazionali di nuoto Sincronizzato si svolgeranno secondo le norme della FINA REGOLE PER IL NUOTO SINCRONIZZATO SS 1 Tutte le manifestazioni internazionali di nuoto Sincronizzato si svolgeranno secondo le norme della FINA SS 2 Le gare nelle manifestazioni di Nuoto Sincronizzato

Dettagli

ESERCIZI OBBLIGATORI FINA CATEGORIA JUNIOR - SENIOR

ESERCIZI OBBLIGATORI FINA CATEGORIA JUNIOR - SENIOR ESERCIZI OBBLIGATORI FINA 2013-2017 CATEGORIA JUNIOR - SENIOR FISSI 1-308 Barracuda spaccata sollevata 2.8 2-355g Marsuino torsione ed avvitamento 2.6 GRUPPO 1 3-330c Aurora con piroetta 3.0 4 154 London

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT ORGANIZZAZIONE TECNICA : Responsabile generale = Sig. Colicchia Sebastiano = Tel. 328 7273766,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO REGOLAMENTO NUOTO SINCRONIZZATO - ANNO SPORTIVO 2014-2015 -

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO REGOLAMENTO NUOTO SINCRONIZZATO - ANNO SPORTIVO 2014-2015 - FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO REGOLAMENTO NUOTO SINCRONIZZATO - ANNO SPORTIVO 2014-2015 - Approvato con delibera n.287 del Consiglio Federale del 17.11.2014 SOMMARIO CALENDARIO ATTIVITA NAZIONALE....3 CATEGORIE

Dettagli

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero ORGANIZZA

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero ORGANIZZA Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero ORGANIZZA L altra piscina in acqua a tutte le età Campionato Regionale Estivo di Nuoto Sincronizzato Categorie Es. C Es. B Es. A

Dettagli

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE REGOLAMENTO: BIG TEAM - Programma rivolto a ginnaste/i principianti o che frequentano corsi di avviamento allo sport. - Questo programma di competizioni

Dettagli

Campionato Nazionale Cup 2016 a squadre e individuale

Campionato Nazionale Cup 2016 a squadre e individuale Campionato Nazionale Cup 2016 a squadre e individuale A cura di Cinzia Pennesi Ilenia Oberni Alice Grecchi Monia Melis Ginevra Civiletti Sonia Frasca Componenti Commissione Tecnica Nazionale Aggiornato

Dettagli

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014 PROGRAMMA Trofeo Laudense 2013-2014 1 REGOLAMENTO TROFEO LAUDENSE 1. Il 1 livello potrà esser eseguito esclusivamente dai bambini frequentanti la scuola dell infanzia. 2. La classifica sarà divisa in livelli

Dettagli

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 Programma del corso INTRODUZIONE ALLA PALLANUOTO (nella scuola nuoto, regolamenti generali, le categorie giovanili) I FONDAMENTALI NELLA PALLANUOTO

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE PUGLIESE PROGRAMMA E CALENDARIO NUOTO SINCRONIZZATO Anno Sportivo 2016/2017 CATEGORIE Esordienti C 2008 2009 eventuali 2010 Esordienti B 2007 Esordienti A

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO SINCRONIZZATO

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO SINCRONIZZATO STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 REGOLAMENTO TECNICO SINCRONIZZATO Approvato con delibera n. 132 del Consiglio Federale del 14.07.2015. Premessa Tutte le iniziative del Settore Propaganda e Scuole Nuoto Federali

Dettagli

Oggetto: Trofeo di Sincronizzato Propaganda Tutti in piscina - Primaverile

Oggetto: Trofeo di Sincronizzato Propaganda Tutti in piscina - Primaverile FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE SICILIA Prot. SP/645/ga Palermo li, 23/03/2012 Alle Società interessate Al GUG Regionale Alla Direzione della Piscina Giovanni Paolo II Loro sedi Oggetto:

Dettagli

RASSEGNA. RASSEGNA individuale

RASSEGNA. RASSEGNA individuale Programmi tecnici RASSEGNA e RASSEGNA individuale STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 REGOLAMENTO GENERALE Fasce d età per le gare di squadra: CATEGORIA PULCINI solo asilo (la distinzione A/B è prevista solo in

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO NUOTO SINCRONIZZATO SISTEMA DELLE STELLE 1 SOMMARIO SISTEMA DELLE STELLE...3 BREVETTI...3 ORGANIZZAZIONE DELLE PROVE...4 Regole Generali Prove...5 APPLICAZIONE...6 Stelle e Regole

Dettagli

Alle Società e Associazioni Sportive Dilettantistiche Sezione Nuoto Sincronizzato

Alle Società e Associazioni Sportive Dilettantistiche Sezione Nuoto Sincronizzato Prot. n. 1276 Roma, 03 dicembre 2014 Alle Società e Associazioni Sportive Dilettantistiche Sezione Nuoto Sincronizzato LL.SS. Oggetto: Manifestazione Nazionale di Nuoto Sincronizzato L altra piscina in

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO NUOTO SINCRONIZZATO 2016/2017 FIN UMBRIA

REGOLAMENTO TECNICO NUOTO SINCRONIZZATO 2016/2017 FIN UMBRIA CATEGORIE REGOLAMENTO TECNICO NUOTO SINCRONIZZATO 2016/2017 FIN UMBRIA Giovanissimi/e 2008-2009 eventuali 2010 Esordienti B2007 Esordienti A2005-2006 Ragazzi/e2002-2003 - 2004 Juniores1999-2000 - 2001

Dettagli

ANALISI DEGLI ESERCIZI OBBLIGATORI E DEGLI ELEMENTI OBBLIGATI NEL PROGRAMMA TECNICO

ANALISI DEGLI ESERCIZI OBBLIGATORI E DEGLI ELEMENTI OBBLIGATI NEL PROGRAMMA TECNICO NUOTO SINCRONIZZATO A N A L I S I D E G L I E S E R C I Z I O B B L I G A T O R I E D E G L I E L E M E N T I O B B L I G A T I N E L P R O G R A M M A T E C N I C O F I N A 2 0 0 9-2 0 1 3 NUOTO SINCRONIZZATO

Dettagli

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca.

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. Level 1 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. 2 Respirazione e orientamento: espirazione visibile sott acqua per tre

Dettagli

Comitato Regionale Lombardo Milano - Via Piranesi 46 Tel 02/ Fax 02/

Comitato Regionale Lombardo Milano - Via Piranesi 46 Tel 02/ Fax 02/ Comitato Regionale Lombardo www.finlombardia.org e-mail crlombardia@federnuoto.it 20137 Milano - Via Piranesi 46 Tel 02/7577571 Fax 02/70127900 Milano 29 ottobre 2013 Ns. Prot. 13-92 Alle Ai Al Ai Al Alle

Dettagli

NUOTO SINCRONIZZATO Regolamento Tecnico FINA

NUOTO SINCRONIZZATO Regolamento Tecnico FINA NUOTO SINCRONIZZATO Regolamento Tecnico FINA I N D I C E Norme generali Pag. 2 Norme per le categorie Pag. 16 Appendice V obbligatori Pag. 18 Appendice VI elementi obbligati Pag. 21 programma tecnico Categorie

Dettagli

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Il Trofeo Gym Prime Gare, a carattere regionale, è rivolto a tutte le ginnaste alle prime esperienze di gara e pertanto è riservato a coloro che non partecipano

Dettagli

Nuoto Sincronizzato - Calendario Regionale 2015/2016

Nuoto Sincronizzato - Calendario Regionale 2015/2016 Comitato Regionale Lombardo 20137 Milano Via Piranesi 46 Tel. 02/7577571 Fax 02/70127900 www.finlombardia.org e-mail: crlombardia@federnuoto.it pec: lombardia@pec.federnuoto.it Milano 03 novembre 2015

Dettagli

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE MMM COMITATO REGIONALE TOSCANA DIREZIONE TECNIA REGIONALE SEZIONE ARTISTICA MASCHILE TEST REGIONALE Categoria Esordienti PROGRAMMA TECNICO Ginnastica di base Anno sportivo 2010 2 A cura del Tecn. Michele

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA Si ricorda ai candidati che, per l espletamento delle seguenti prove pratiche, sono tenuti a presentarsi con abbigliamento

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B SERIE B 1. Il Campionato è riservato alle ginnaste più esperte. Sono escluse le ginnaste partecipanti al Campionati di Serie A; 2. La competizione è individuale; 3. E prevista una classifica assoluta determinata

Dettagli

I. H. P A. C. S. I. PATTINAGGIO ARTISTICO

I. H. P A. C. S. I. PATTINAGGIO ARTISTICO Lo Skating Club Gioni di Trieste ha il piacere di invitarvi Al F. I. H. P A. C. S. I. PATTINAGGIO ARTISTICO Liberi maschili e femminili e Solo Dance. Le gare di Libero maschile e femminile e Solo Dance

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO SINCRONIZZATO MASTERS. Anno 2011

REGOLAMENTO TECNICO SINCRONIZZATO MASTERS. Anno 2011 REGOLAMENTO TECNICO SINCRONIZZATO MASTERS Anno 2011 Regole Generali Il programma Master deve promuovere il benessere, l amicizia, la comprensione e la competizione fra atleti che abbiano almeno 20 anni

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento. (edizione novembre 2011)

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento. (edizione novembre 2011) Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

X. Campionato Nazionale Assoluto Roma, 1-2 Agosto 2014, Stadio del Nuoto, 50m

X. Campionato Nazionale Assoluto Roma, 1-2 Agosto 2014, Stadio del Nuoto, 50m X. Campionato Nazionale Assoluto Roma, 1-2 Agosto 2014, Stadio del Nuoto, 50m Gare in programma e svolgimento Il programma dei Campionati avrà svolgimento a serie, in due giornate e quattro turni di gara

Dettagli

CHIARIMENTI E FAQ CAMPIONATI NAZIONALI 2015

CHIARIMENTI E FAQ CAMPIONATI NAZIONALI 2015 CHIARIMENTI E FAQ CAMPIONATI NAZIONALI 2015 Agg. 01/01/15 Post riunione Giuria Nazionale di sabato 06 e domenica 07 dicembre 2014 CODICE DEI PUNTEGGI Elementi artistici 1. Salto del Montone: c è scritto

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

ANALISI DELLE SINGOLE VOCI NEL PROGRAMMA LIBERO

ANALISI DELLE SINGOLE VOCI NEL PROGRAMMA LIBERO ANALISI DELLE SINGOLE VOCI NEL PROGRAMMA LIBERO a cura di Simonetta Antonaroli Pierangela Lupi PROGRAMMA LIBERO Valutazione delle fasce di voto Negli esercizi liberi si possono ottenere voti da 0 a 10

Dettagli

Comitato Regionale Toscano

Comitato Regionale Toscano Comitato Regionale Toscano Calendario e Regolamento stagione invernale 2015/2016 CATEGORIA CAMPIONATI ASSOLUTI REGIONALI INVERNALI 5/6 Dicembre 2015 Livorno (piscina La Bastia) Sabato 5/12 pomeriggio 200SL

Dettagli

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO CLASSI DI ETA - GRADO Samurai 5-6-7 anni Da gialla a marrone Bambini 8-9 anni Da gialla a marrone Ragazzi 10-11 anni Da gialla a marrone ASPETTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 Le categorie Free sono le categorie in cui sono suddivisi gli atleti che non hanno raggiunto lo score e gli eventuali

Dettagli

PATTINAGGIO ARTISTICO VARIAZIONE NORME ATTIVITA 2015

PATTINAGGIO ARTISTICO VARIAZIONE NORME ATTIVITA 2015 FEDERAZIONE ITALIANA HOCKEY E PATTINAGGIO COMMISSIONE DI SETTORE ARTISTICO 00196 ROMA - VIALE TIZIANO, 74 - Tel.06-91684011 - www.fihp.org / e-mail - artistico@fihp.org COMUNICATO UFFICIALE N.66/2014 Roma,

Dettagli

Test di nuoto 1 8. Distintivi d incoraggiamento. I test svizzeri negli sport acquatici

Test di nuoto 1 8. Distintivi d incoraggiamento. I test svizzeri negli sport acquatici Test di nuoto 1 8 Distintivi d incoraggiamento I test svizzeri negli sport acquatici Test 1 Balena Crawl con movimento delle anche Bracciata crawl. Nel momento dell immersione della mano le anche si sollevano.

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B Il Campionato Nazionale Serie B è riservato a tutte le ginnaste tesserate alla Confsport Italia A.S.D. ad esclusione di coloro che partecipano

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Wushu Union of Italy PERCORSO DRAGONE. Ideato e realizzato dal Wushu Union of Italy - Dicembre 2012 - Tutti i diritti sono riservati

Wushu Union of Italy PERCORSO DRAGONE. Ideato e realizzato dal Wushu Union of Italy - Dicembre 2012 - Tutti i diritti sono riservati Wushu Union of Italy PERCORSO DRAGONE 1 Il cavallo selvaggio galoppa nella foresta 2 La tigre irrompe nel tempio 3 Il monaco chiude la porta 4 La tigre attraversa il fiume impetuoso 5 Il vento muove i

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE

ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE IN CONTATTO CON I PIEDI IN CONTATTO CON LE MANI IN CONTATTO CON MANI E PIEDI (andature quadrupediche) IN ACQUA Parte 2d (Disegni di elementi di slancio) p.

Dettagli

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA Fig. 1 Fig. 2 Fig.3 Fig. 4 Fig. 5 Fig. 6 SEQUENZA FOTOGRAFICA DELLO STRAPPO RECORD DI 180 KG. EFFETTUATO DA ASEN ZLATEV,

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

Nuoto Sincronizzato - Calendario Regionale 2014/2015

Nuoto Sincronizzato - Calendario Regionale 2014/2015 Comitato Regionale Lombardo 20137 Milano Via Piranesi 46 Tel. 02/7577571 Fax 02/70127900 www.finlombardia.org e-mail: crlombardia@federnuoto.it pec: lombardia@pec.federnuoto.it Milano 03 novembre 2014

Dettagli

S E T T O R E PROPAGANDA

S E T T O R E PROPAGANDA S E T T O R E PROPAGANDA 2014 2015 ATTIVITÀ PROPAGANDA 2014-2015 REGOLAMENTO TECNICO-ORGANIZZATIVO FIN MARCHE Tratto dalla premessa del programma nazionale Tutte le iniziative del Settore Propaganda e

Dettagli

Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE

Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE ANNO SPORTIVO 2012/2013 GIOVANISSIME: 2006-2005-2004 ALLIEVE: 2003-2002-2001 JUNIOR:

Dettagli

NUOTO SINCRONIZZATO REGOLAMENTO 2007/2008

NUOTO SINCRONIZZATO REGOLAMENTO 2007/2008 NUOTO SINCRONIZZATO REGOLAMENTO 2007/2008 INDICE CALENDARIO GENERALE ATTIVITA AGONISTICA ANNO 2008...4 CATEGORIE ATLETE...5 TEMPI LIMITE PER I PROGRAMMI TECNICI E LIBERI...6 ESORDIENTI A... 6 RAGAZZE...

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

GINNASTICA RITMICA A.S. 2013-2014

GINNASTICA RITMICA A.S. 2013-2014 GINNASTICA RITMICA A.S. 2013-2014 CATEGORIE Supermini dal 2007 al 2006 Esordienti 2005 Mini dal 2004 al 2003 Propaganda dal 2002 al 2001 Under 15 dal 2000 al 1999 Libera 1998 e precedenti (questa categoria

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE DI CORSA CAMPESTE CIRCUITO REGIONALE C.U. N. 1

CAMPIONATO REGIONALE DI CORSA CAMPESTE CIRCUITO REGIONALE C.U. N. 1 CAMPIONATO REGIONALE DI CORSA CAMPESTE CIRCUITO REGIONALE C.U. N. 1 1 TAPPA 13 DICEMBRE 2014 Pontedera - Pisa 2 TAPPA 18 GENNAIO 2015 Santonuovo Pistoia 3 TAPPA 25 GENNAIO 2015 Galceti Prato 4 TAPPA 8

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA TAEKWONDO

FEDERAZIONE ITALIANA TAEKWONDO MEMORIAL CAVALLI Competizione per Squadre Regionali FEDERAZIONE ITALIANA TAEKWONDO REGOLAMENTO TECNICO E ORGANIGRAMMA DELLA GARA MEMORIAL CAVALLI A cura del Settore Tecnico FITA MODULO DI GARA per le prove

Dettagli

PROGRAMMA PROMOZIONALE GR UISP 2014/2015

PROGRAMMA PROMOZIONALE GR UISP 2014/2015 PROGRAMMA PROMOZIONALE GR UISP 2014/2015 a cura della referente regionale M. Porreca Il programma promozionale GR 2014-2015 prevede: 1. INDIVIDUALE: per categorie di età, con 3 livelli tecnici. -Pag. 2-2.

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

Corso Istruttori Attività Natatorie

Corso Istruttori Attività Natatorie Corso Istruttori Attività Natatorie Preganziol (Treviso), 02-10 Febbraio 2013 Tecnica e didattica del Nuoto Pinnato 2^ parte La Didattica Fabio Paon Staff Tecnico Nazionale La storia del Nuoto Pinnato

Dettagli

PARALLELE CAMPIONATO GOLD Nome Ginnasta: Categoria Società

PARALLELE CAMPIONATO GOLD Nome Ginnasta: Categoria Società USCITE STAGGIO GIRI/SLANCI ENTRATE PARALLELE CAMPIONATO GOLD Saltare all'appoggio ritto frontale Kippe infilata con 1 gamba: infilata in presa poplitea Capovolta dietro all appoggio ritto frontale (partenza

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITÀ FISICA ADATTATA PER SINDROMI ALGICHE DA IPOMOBILITÀ

PROGRAMMA DI ATTIVITÀ FISICA ADATTATA PER SINDROMI ALGICHE DA IPOMOBILITÀ PROGRAMMA DI ATTIVITÀ FISICA ADATTATA PER SINDROMI ALGICHE DA IPOMOBILITÀ Sono definite Sindromi algiche da ipomobilità le condizioni di artrosi con disturbo algofunzionale e di altre artropatie non specificate

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

NUOTO SINCRONIZZATO REGOLAMENTO 2008/2009

NUOTO SINCRONIZZATO REGOLAMENTO 2008/2009 NUOTO SINCRONIZZATO REGOLAMENTO 2008/2009 INDICE CALENDARIO GENERALE ATTIVITA AGONISTICA ANNO 2009...4 CATEGORIE ATLETE...5 TEMPI LIMITE PER I PROGRAMMI TECNICI E LIBERI...6 ESORDIENTI A... 6 RAGAZZE...

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

REGOLAMENTI E PROGRAMMI NUOTO ASSOLUTI 2014/2015

REGOLAMENTI E PROGRAMMI NUOTO ASSOLUTI 2014/2015 REGOLAMENTI E PROGRAMMI NUOTO ASSOLUTI 2014/2015 2014 Comitato Regionale Sardo COME DA CIRCOLARE NORMATIVA NAZIONALE 2014/2015, IL RITARDO NELLA PRESENTAZIONE DELLE ISCRIZIONI E SANZIONATO CON UN AMMENDA

Dettagli

XI MEETING ROMANA CALLIGARIS 2015 XI MEMORIAL ROMANA CALLIGARIS 2015 IV MEMORIAL BIANCA LOKAR 2015

XI MEETING ROMANA CALLIGARIS 2015 XI MEMORIAL ROMANA CALLIGARIS 2015 IV MEMORIAL BIANCA LOKAR 2015 XI MEETING ROMANA CALLIGARIS 2015 XI MEMORIAL ROMANA CALLIGARIS 2015 IV MEMORIAL BIANCA LOKAR 2015 Trieste, 9-10 maggio 2015 Regolamento L A. S. D. Unione Sportiva Triestina Nuoto in collaborazione con

Dettagli

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE La prova motorio-attitudinale è suddivisa in quattro moduli il cui ordine verrà stabilito dalla commissione esaminatrice, in relazione alle esigenze organizzative. Per ciascuno

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

III MEETING TEAM NUOTO. Centro Sportivo Comunale Al Bione

III MEETING TEAM NUOTO. Centro Sportivo Comunale Al Bione III MEETING CITTÀ DI LECCO TEAM NUOTO Centro Sportivo Comunale Al Bione SABATO 16 E DOMENICA 17 MARZO 2013 Manifestazione Interregionale di Nuoto riservata alle categorie Esordienti B e A - Ragazzi - Assoluti

Dettagli

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato)

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato) ATLETA: SPORT di INTERESSE: Paolo Rossi Triathlon Riccardo Monzoni Dottore in Scienze Motorie rm1989@hotmail.it 3406479850 DATI SOCIO richiedente: NOME: Paolo COGNOME: Rossi ETA : 34 PESO (Kg): 78 ALTEZZA

Dettagli

ESTRATTO DALLE REGOLE SPORTIVE Special Olympics International

ESTRATTO DALLE REGOLE SPORTIVE Special Olympics International Aggiornamento Giugno 2009 INDICE Art.1 Estratto Regolamento Internazionale pag. 3 Regolamento Tecnico di Nuoto pag. 4 Categorie di età pag. 4 Regola dello Sforzo Onesto pag. 4 Eventi pag. 6 Scelta della

Dettagli

Regolamento Campionato Provinciale Ginnastica Artistica 2014-2015. Consiglio Provinciale Varese REGOLAMENTO

Regolamento Campionato Provinciale Ginnastica Artistica 2014-2015. Consiglio Provinciale Varese REGOLAMENTO Consiglio Provinciale Varese REGOLAMENTO Ginnastica Artistica Regolamento 1 Consiglio Provinciale Varese CAMPIONATO NAZIONALE FASE PROVINCIALE Ginnastica Artistica Regolamento La manifestazione è aperta

Dettagli

Novara Calcio TRAINING GUIDE - 2003-2004 JSS COACH: Enrico Mordillo Age range: 2003-2004 N 1 Date: 3-9-2012 N Players: Where: Novarello Project: Goals: g 1) 2) 3) 4) 5) Coordinative program 1-2 speed ladder

Dettagli

Livelli ed obiettivi didattici

Livelli ed obiettivi didattici I Corsi di nuoto per bambini si svolgono tutto l'anno e sono finalizzati all'apprendimento graduale e personalizzato dei quattro stili canonici. L'insegnamento è impartito da istruttori qualificati, brevettati

Dettagli

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione.

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione. Percorso staz. Percorso staz. 0PA0 0pa000cl 0pa00 Percorso 0 staz. 0PA 0 0pa000cl 0pa000 0pa000 0pa00 0pa00 0pa00 0pa000 0pa000 Si tratta di un insieme armonico di stazioni per esercizi fisici, studiati

Dettagli

GRAND PRIX GIOVANILE RAGAZZI SU PISTA 2014

GRAND PRIX GIOVANILE RAGAZZI SU PISTA 2014 GRAND PRIX GIOVANILE RAGAZZI SU PISTA 2014 Il Comitato Fidal Trentino propone per la stagione 2014 una nuova versione del Grand Prix Giovanile su Pista. Per la categoria Ragazzi/e valgono tutte le gare

Dettagli

DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013.

DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013. DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013. Qui di seguito si riporta la normativa definitiva che disciplina l organizzazione della gare di Play-Off e di Play-Out Il Consiglio Direttivo

Dettagli

PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 2015. COPPA DEI GIOVANI - TROFEO CHALLENGE BRUNO SCOLARI 23-24 maggio 2015

PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 2015. COPPA DEI GIOVANI - TROFEO CHALLENGE BRUNO SCOLARI 23-24 maggio 2015 PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 2015 COPPA DEI GIOVANI - TROFEO CHALLENGE BRUNO SCOLARI 23-24 maggio 2015 La categoria prevede due classifiche, una a Squadre e una Individuale e un ulteriore classifica

Dettagli

11 GRAN PREMIO REGIONALE DI CORSA CAMPESTE C.U. N. 1

11 GRAN PREMIO REGIONALE DI CORSA CAMPESTE C.U. N. 1 11 GRAN PREMIO REGIONALE DI CORSA CAMPESTE CIRCUITO REGIONALE C.U. N. 1 1 TAPPA 9 GENNAIO 2011 S. Ippolito di Galciana Prato 2 TAPPA 16 GENNAIO 2011 Lago del Santonuovo Pistoia 3 TAPPA 30 GENNAIO 2011

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

Comitato Chiara Giavi. In ricordo di Chiara atleta indimenticabile. 17 MEMORIAL INTERNAZIONALE DI NUOTO CHIARA GIAVI MONTEBELLUNA 4-5 Gennaio 2014

Comitato Chiara Giavi. In ricordo di Chiara atleta indimenticabile. 17 MEMORIAL INTERNAZIONALE DI NUOTO CHIARA GIAVI MONTEBELLUNA 4-5 Gennaio 2014 1 Comitato Chiara Giavi In ricordo di Chiara atleta indimenticabile 17 MEMORIAL INTERNAZIONALE DI NUOTO CHIARA GIAVI MONTEBELLUNA 4-5 Gennaio 2014 Organizzazione: Montenuoto s.s.d. a r.l. Montebelluna

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

CONSIGLI DI ALLENAMENTO PER. T.T. CESENATICO RUNNING / NUOTO Periodo Invernale (Gennaio Febbraio - Marzo)

CONSIGLI DI ALLENAMENTO PER. T.T. CESENATICO RUNNING / NUOTO Periodo Invernale (Gennaio Febbraio - Marzo) CONSIGLI DI ALLENAMENTO PER T.T. CESENATICO RUNNING / NUOTO Periodo Invernale (Gennaio Febbraio - Marzo) marinitraining.com Pagine: 1/5 File: Consigli_Generali_TT_CESENATICO_20130123.doc A cura di: Riccardo

Dettagli

Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica

Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2 maschile... 4 Articolo

Dettagli

ESECUZIONE REQUISITO MINIMO Buono=3 SUFF=2 INS=1. Data: Firma Giudice

ESECUZIONE REQUISITO MINIMO Buono=3 SUFF=2 INS=1. Data: Firma Giudice STELLINA 1 ( anni) Anno 7 PRONA Il corpo in estensione con la testa, il dorso i glutei ed I talloni in. Il viso può indifferentemente essere fuori o dentro l acqua. Remata stazionaria ELABORAZIONE GUG

Dettagli

LEGA NUOTO UISP BOZZA REGOLAMENTO REGIONALE LAZIO NUOTO SINCRONIZZATO STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

LEGA NUOTO UISP BOZZA REGOLAMENTO REGIONALE LAZIO NUOTO SINCRONIZZATO STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 LEGA NUOTO UISP BOZZA REGOLAMENTO REGIONALE LAZIO NUOTO SINCRONIZZATO STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 CATEGORIE ATLETE : Esordienti C 2007 e seguenti Esordienti B 2006 Esordienti A 2004/2005 Ragazze 2001/2002/2003

Dettagli

STELLA 1 ESORDIENTI B 1* ANNO 9 anni nel 2014, per le nate nel 2005 Cognome Nome Anno di nascita Società TRANSIZIONI E POSIZIONI DI BASE

STELLA 1 ESORDIENTI B 1* ANNO 9 anni nel 2014, per le nate nel 2005 Cognome Nome Anno di nascita Società TRANSIZIONI E POSIZIONI DI BASE STELLA 1 ESORDIENTI B 1* ANNO 9 anni nel 2014, per le nate nel 2005 Cognome Nome Anno di nascita Società STELLA 1 TRANSIZIONI E POSIZIONI DI BASE DESCRIZIONE ESECUZIONE REQUISITO MINIMO 1) POSIZIONE PRONA

Dettagli

b) i cartellini gara, saranno compilati meccanicamente dal Comitato Regionale, salvo comunicazioni diverse;

b) i cartellini gara, saranno compilati meccanicamente dal Comitato Regionale, salvo comunicazioni diverse; NORME DI CARATTERE GENERALE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA REGOLAMENTI E PROGRAMMI DELL ATTIVITA NATATORIA REGIONALE STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 Fase invernale

Dettagli

COMITATO REGIONALE LAZIO Settore Nuoto REGOLAMENTO

COMITATO REGIONALE LAZIO Settore Nuoto REGOLAMENTO COMITATO REGIONALE LAZIO Settore Nuoto REGOLAMENTO Estate 2013 0 INDICE: pag.2 pag. 3-6 pag. 7-8 pag.9-10 pag.11-12 pag.13-15 pag.16-18 CALENDARIO REGIONALE NUOTO NORME DI CARATTERE GENERALE CAMPIONATO

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

PROGRAMMI TECNICI

PROGRAMMI TECNICI PROGRAMMI TECNICI 2012-2013 In convenzione con A.S.I. Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI Coppa delle Regioni La Coppa delle Regioni è riservata a tutte le atlete tesserate alla Confsport

Dettagli