Corso di studio in Ingegneria Gestionale. Il Business Game. 26 gennaio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di studio in Ingegneria Gestionale. Il Business Game. 26 gennaio 2015"

Transcript

1 Il Business Game 26 gennaio 2015 Evila Piva Delegata del CCS Gestionale per il Business Game

2 A chi è rivolto Ing. Gestionale Bovisa Percorso Propedeutico alla Laurea Magistrale La prova finale consiste nella partecipazione ad un business game (la prova finale per gli studenti del percorso Applicativo è collegata al tirocinio) Sono ammessi al Business Game gli studenti che: 1. hanno inserito nel piano degli studi la prova finale (3 cfu) e 2. hanno superato 2 esami su 3 fra: Economia e Organizzazione Aziendale, Gestione dei sistemi logistici e produttivi, Gestione Aziendale. Ing. Gestionale Cremona Percorso Propedeutico alla Laurea Magistrale Per gli studenti del percorso Propedeutico alla Laurea Magistrale la prova finale consiste nella realizzazione di una tesina o nella partecipazione ad un Business Game Sono ammessi al Business Game gli studenti che: 1. hanno inserito nel piano degli studi la prova finale (3 cfu) e 2. hanno superato 2 esami su 3 fra: Economia e Organizzazione Aziendale, Gestione dei sistemi logistici e produttivi, Gestione Aziendale. Ing. Produzione Ind. Percorsi Propedeutici alla Laurea Magistrale (Lecco) La prova finale consiste [omissis], per gli studenti con piano di studio preventivamente approvato propedeutico-gestionale, nella partecipazione ad un business game

3 A chi è rivolto - Vincoli di accesso Ing. Gestionale Bovisa Ing. Gestionale Cremona Ing. Prod. Ind. Lecco A quali allievi è rivolto Vincoli di accesso Percorso Propedeutico alla Laurea Magistrale Percorso Propedeutico alla Laurea Magistrale Sono ammessi al Business Game gli studenti che: hanno inserito nel piano degli studi la prova finale (3 cfu) e hanno superato 2 esami su 3 fra: Economia e Organizzazione Aziendale, Gestione dei sistemi logistici e produttivi, Gestione Aziendale Percorso Propedeutico alla Laurea Magistrale, con piano di studio preventivamente approvato propedeuticogestionale NO Unica modalità di laurea? Sì No, tesina o Business Game Sì

4 Caratteristiche dell attività Simulazione di business Una sfida tra squadre di studenti che gareggiano gestendo un'azienda virtuale attraverso un sofisticato software di Business Simulation sviluppato dalla società The Business Game, con l'obiettivo di massimizzare il risultato economico e finanziario dell azienda Organizzazione Board aziendale virtuale costituito da 3 membri, rappresentativi delle diverse funzioni aziendali (marketing, produzione, risorse umane, acquisti, finanza)

5 Obiettivi didattici Simulazione della competizione tra aziende all interno di un contesto economico Applicazione virtuale dei principali strumenti di management appresi durante il triennio apprendimento ESPERIENZA LAVORATIVA BUSINESS SIMULATION role-playing gruppo di lavoro Decisioni relative a più funzioni organizzative nell ambito di un team (coordinamento e integrazione) relazione scritta formazione in aula lettura coinvolgimento

6 Business Game: l impresa Vertice Strategico Marketing Produzione e Logistica Acquisti Risorse Umane Finanza e Controllo Pubblicità Prodotto Prezzo Promozioni Capacità produttiva Qualità Manutenzione Trasporto Materie prime Componenti Assunzioni Straordinari Contratti Turni Debiti Crediti Finanziamenti Contabilità Alcune decisioni della funzione aziendale

7 Business Game: la supply chain FORNITORI Materie prime Produzione Interna MAGAZZINO Prodotti Finiti INTERNO Componenti Outsourcing Prodotti Finiti ESTERNO (costo affitto) Se non sufficiente Lavatrici Asciugabiancheria Clienti Europei

8 Business Game: l impresa e il contesto competitivo business strategy functional strategy corporate strategy impresa i Vision 2 Business Unit Produzione, Marketing, Risorse Umane, Finanza e Controllo Preferenze dei clienti Intensità della concorrenza impresa j impresa k impresa l

9 Business Game: le attività Board meeting Descrizione mercato, Capitale sociale Pianificazione strategica Analisi dei risultati e del mercato 5 Relazione sulla gestione Implementazione della strategia Simulazione del mercato

10 Business Game: esempio di gara Successo competitivo Successo reddituale Successo competitivo: quota di mercato complessiva Successo reddituale: Indicatori di ROS, ROA, OCF

11 Business Game: implementazione della strategia PLAN(discussione sulla strategia) DO(inserimento leve operative) CHECK(analisi del BUDGET) ACT(avvio delle azioni correttive) ACT CHECK PLAN DO La competizione e il tempo ridotto portano a non seguire sempre tutti questi passaggi!

12 Il Manuale

13 Parametri di gioco

14 La pagina web delle decisioni (esempio)

15 Pagine di approfondimento

16 Le attività previste Iscrizione al game Lezione introduttiva Avvio del gioco e analisi della situazione aziendale iniziale Definizione strategia aziendale Simulazione del business in 5 round Stesura di una relazione Presentazione finale

17 Le attività previste Iscrizione al game Si partecipa al game esclusivamente in squadre di tre studenti: i tre studenti possono appartenere ad orientamenti o scaglioni differenti Per iscriversi al game ogni componente del gruppo deve: registrarsi al sito compilare tutti i campi della form, specificando, tra gli altri dati: Indirizzo (quello più utilizzato, non necessariamente polimi) Cellulare Campo corso di laurea : specificare l indirizzo Gestionale-Bovisa, Gestionale-Cremona o IPI-Lecco Studente universitario: Sì In possesso di laurea specialistica: No abilitare il proprio account seguendo le istruzioni della mail ricevuta dopo la compilazione della form una volta abilitato l account, inserire il codice corso PoliMi2015 per entrare nell area dedicata al Business Game del Politecnico. Scadenza iscrizioni: 9 marzo 2015

18 Le attività previste Inserire il codice corso Inserire il codice di abilitazione: PoliMi2015

19 Le attività previste Definizione della squadra Dopo che i componenti della squadra di sono iscritti, il caposquadra registra la squadra: nell area PoliMI2015, il caposquadra crea un team e invita gli altri due componenti I componenti accettano entro e non oltre il 9 marzo Scadenza definizione squadra: 9 marzo 2015 Al termine della finestra di iscrizione, gli account non aggregati in squadre (studenti senza squadra) verranno accorpati d ufficio. Essi riceveranno una di notifica entro il 12 marzo 2015

20 Le attività previste Lezione introduttiva Gli allievi parteciperanno ad un lezione introduttiva della durata di mezza giornata circa Allievi di Milano: Parteciperanno alla lezione così scaglionati: 5 marzo mattina : iniziale cognome A-Co 5 marzo pomeriggio : iniziale cognome Cr-K 6 marzo mattina : iniziale cognome L-Po 6 marzo pomeriggio : iniziale cognome Pr-Z La lezione si terrà in aula BL il giorno 5 (per i primi due scaglioni) L.0.1 il giorno 6 (per i successivi scaglioni) Allievi di Cremona e Lecco: Parteciperanno alla lezione in videoconferenza il 6 marzo pomeriggio ( ) La lezione si terrà in aula B.2.9 a Cremona B.0.6 a Lecco

21 Le attività previste Lezione introduttiva La lezione verterà sui seguenti argomenti: Introduzione al Business Game Descrizione dell ambiente competitivo simulato Descrizione della piattaforma di gioco con analisi dettagliata di tutte le leve presenti nel gioco Approfondimento delle principali strategie d impresa Suggeriamo agli studenti di presentarsi alla lezione introduttiva avendo già letto il manuale e provato il gioco nella versione Demo in modo tale da avere dimestichezza con gli argomenti trattati. Per accedere alla versione Demo occorre: fare login, selezionare crea una partita andare sul menu gioca

22 Le attività previste Avvio del gioco 13 Marzo 2015: AVVIO DEL GIOCO Dal giorno 13 Marzo, sarà possibile accedere alla piattaforma di gioco ufficiale (non versione Demo) per: analizzare la situazione iniziale dell azienda Definire la strategia aziendale e i piani delle aree aziendali Per accedere al gioco ufficiale occorre fare login, entrare nell area «Tesi Triennale PoliMi», cliccare su accedi

23 Le attività previste Avvio del gioco Nota bene: Ai fini della comprensione della simulazione, è fondamentale la preventiva lettura del manuale, disponibile in download sul sito del business game una volta fatto il login, inserito il codice corso ed entrati nell area «Tesi Triennale PoliMi» La situazione di partenza è la medesima per tutte le squadre Durante il gioco ufficiale, la squadra ha la possibilità di simulare la generazione di un budget che mostra l effetto delle proprie decisioni. Fintanto che la giocata non viene salvata, si rimane in ambiente di simulazione. Nel momento in cui viene premuto il tasto salva, le decisioni diventano irreversibili Sebbene facciano riferimento al medesimo contesto aziendale, la versione Demo e il gioco ufficiale sono molto diversi in quanto: 1. cambiano i parametri gestionali 2. nel caso Demo si gioca contro il computer

24 Le attività previste Simulazione Il gioco si articola nelle seguenti fasi: 1. Definizione della strategia corporate e dei piani delle aree aziendali interessate dal gioco (marketing, vendite, acquisti, produzione, HR, R&S, ) 2. Le 5 giocate: In ogni giocata la squadra è chiamata a formulare molteplici decisioni relative alle aree aziendali interessate dal gioco. La squadra compila le form con le proprie decisioni sul sito È possibile generare un budget che determina i risultati previsti che si basano sulle proprie previsioni di vendita. Il tasto «Salva» potrà invece essere premuto una sola volta per inviare le proprie decisioni in modo irreversibile A valle di ogni giocata la squadra visualizza nella piattaforma l aggiornamento del suo stato (es. pezzi venduti, personale, fatturato) Le informazioni raccolte in ogni giocata consentono alla squadra di ripensare, se necessario, alla strategia e alle scelte di pianificazione, in vista della giocata successiva 3. Analisi finale delle performance di gioco Definizione della strategia e dei piani funzionali e formulazione del 1 set di decisioni Eventuale revisione di strategia e piani e formulazione 2 set di decisioni Eventuale revisione di strategia e piani e formulazione 3 set di decisioni Eventuale revisione di strategia e piani e formulazione 4 set di decisioni Eventuale revisione di strategia e piani e formulazione 5 set di decisioni Analisi finale tempo

25 Le attività previste Simulazione Le cinque giocate avranno luogo entro e non oltre le seguenti date: 25 marzo, ore aprile, ore aprile, ore aprile, ore aprile, ore Non sarà possibile in alcun modo ovviare al mancato inserimento, si consiglia pertanto di tenersi un margine di sicurezza In caso di mancato inserimento, il sistema inserirà dei valori di default. La squadra rimarrà in gara ma in sede di valutazione finale se ne terrà conto

26 Le attività previste Simulazione Durante la simulazione, ogni squadra potrà avvalersi di un supporto tecnico fornito da The Business Game tramite FAQ pagina Facebook (link sul sito)

27 Le attività previste Stesura di una relazione Parallelamente alla simulazione, ogni squadra preparerà una relazione pdf composta da due parti: REL1: Analisi iniziale Analisi della situazione iniziale Definizione della strategia aziendale (strategia corporate, di business unit, di area funzionale) REL2: Analisi finale: Analisi critica dei risultati ottenuti alla luce della strategia iniziale e sue eventuali modifiche Commento finale. Ciascuna parte della relazione avrà una lunghezza massima di 22 pagine (font: Times New Roman 12, interlinea :1.5, margini: normali) e sarà redatta in lingua inglese. Le due parti dovranno essere coerenti fra loro e andranno consegnate in formato elettronico entro le seguenti scadenze REL1: 8 aprile 2015, ore REL2: 27 maggio 2015, ore Entro la scadenza le squadre faranno upload delle relazioni sul sito del business game Attenzione: le relazioni vanno nominate come segue: REL1: IdSquadra_CognomePrimoComponente_REL1.pdf REL2: IdSquadra_CognomePrimoComponente_REL2.pdf

28 Le attività previste Presentazione finale Sono previsti due momenti alternativi per la presentazione finale: luglio settembre Ogni squadra sceglie se presentarsi a luglio o a settembre L iscrizione è di squadra: tutti i componenti della squadra presenteranno nello stesso giorno, indipendentemente dalla data in cui si laureeranno L iscrizione ad una delle due presentazioni è obbligatoria

29 Le attività previste Presentazione finale Nel giorno prescelto, la squadra presenterà il lavoro svolto in presenza di una commissione di valutazione composta da docenti e dottorandi/assegnisti di ricerca del Politecnico Oggetto della presentazione è la sintesi dei contenuti di REL1 e REL2 Ogni squadra avrà a sua disposizione minuti per la presentazione, cui seguirà una sessione di domande La presentazione si svolgerà in Italiano e sarà supportata da slide redatte in lingua inglese Ogni squadra consegnerà alla commissione prima dell inizio della presentazione: Copia cartacea di REL1 e REL2 File power point

30 La valutazione La valutazione sarà espressa sulla base di: Relazione: Capacità del gruppo di identificare e applicare i modelli gestionali e decisionali più appropriati al contesto della simulazione Capacità del gruppo di interpretare i risultati delle proprie decisioni anche alla luce del comportamento delle altre imprese all interno del settore Approccio decisionale di tipo ingegneristico-quantitativo Presentazione: Coerenza con la relazione consegnata Chiarezza espositiva della presentazione Rispetto dei tempi Performance di gioco: Performance assoluta di gioco nel girone Competitività del girone di appartenenza

31 La valutazione L incremento massimo è 7/110 (in casi eccezionali 8/110) Il voto che si ottiene non fa media ma viene utilizzato come incremento per ottenere il voto di laurea I crediti conseguiti con il Business Game vengono attribuiti d ufficio allo studente all atto della sua iscrizione all appello di laurea Lo studente non leggerà nella sua carriera i crediti fino a quel momento! Il voto conseguito con il Business Game non ha scadenza

32 La Laurea Per potersi laureare, lo studente che ha terminato gli esami previsti dal triennio deve: Iscriversi ad un appello di laurea, indicando: Relatore: Marika Arena (da confermare! Verificare su sito business game) Titolo della tesi: Business Game Iscrizione SENZA COAUTORI Presentarsi in commissione il giorno della laurea per la verbalizzazione del voto di laurea (OBBLIGATORIO)

33 Spunti di riflessione Applicazione di nozioni e modelli appresi durante il corso di studi: Strategia (Analisi di settore, analisi interna, definizione della strategia di business e delle strategie funzionali, ) Marketing (segmentazione di mercato, posizionamento, previsione della domanda, leve di marketing, ) Contabilità e Finanza (contabilità esterna ed interna, analisi economico-finanziaria, valutazione investimenti, gestione delle risorse finanziarie, ) Organizzazione (struttura organizzativa, scomposizione del lavoro e coordinamento, gestione delle risorse umane, ) Produzione (pianificazione della capacità produttiva, programmazione della produzione, controllo qualità, politiche di manutenzione, gestione delle scorte, ) Logistica (politiche di distribuzione, dimensionamento magazzini, ) I modelli appresi vanno adattati alla specifica situazione del game o, in qualche caso, andranno sviluppati ex novo

34 Spunti di riflessione Sviluppo di modelli decisionali e di interpretazione: I modelli vanno formulati in sede di definizione della strategia di gioco (prima dell inizio del game) I modelli vanno eventualmente ritarati durante il game qualora si osservasse che la performance osservata si è discostata da quella attesa Organizzazione del lavoro Ruoli e responsabilità, scomposizione e programmazione delle attività all interno del gruppo

35 Informazioni organizzative Regolamento, comunicazioni, materiale e informazioni sono scaricabili dal sito del business game: Si dà per scontata la conoscenza del Regolamento da parte di tutti i partecipanti Per domande tecniche sul funzionamento e sulle regole del game, richiedere iscrizione alla pagina facebook dedicata (link in ogni pagina del sito si accederà così alla bacheca in cui porre domande o leggere le risposte a domande poste da altri studenti in gara Per le domande che non trovano risposta nel Regolamento pubblicato sul sito contattare:

36 FAQ D. Siamo due compagni di studio, possiamo formare una squadra da due? Non ho trovato un gruppo cui aggregarmi, posso comunque iscrivermi al Business Game? R. No, il game si gioca tassativamente in squadre da 3. Qualora non si sia trovata una squadra da 3, iscriversi comunque alla piattaforma perché gli account spaiati (e le squadre da due) verranno riaggregati d ufficio D. Quando verranno verificati i requisiti di accesso al Business Game? R. I requisiti verranno verificati alla fine di marzo, per consentire la registrazione in carriera degli esami sostenuti nella sessione invernale D. Cosa succede se mi iscrivo al Business Game senza aver maturato i requisiti necessari? R. Lo studente che non ha maturato i requisiti verrà espulso d ufficio dal gioco. Questa eventualità penalizzerà i suoi colleghi di squadra, che si ritroveranno a dover proseguire il gioco in due. D. Il prossimo semestre sarò all estero per un programma di scambio. Posso sostenere comunque il Business Game? R. Sì, è possibile. Lei sosterrà il game "a distanza" coordinandosi con gli altri membri del suo gruppo via skype, messenger o strumenti similari.

Corso di studio in Ingegneria Gestionale. Il Business Game. 27 gennaio 2014

Corso di studio in Ingegneria Gestionale. Il Business Game. 27 gennaio 2014 Il Business Game 27 gennaio 2014 Maria Caridi (Maria.Caridi@polimi.it) Delegata del CCS Gestionale per il Business Game A chi è rivolto Ing. Gestionale Bovisa Percorso Propedeutico alla Laurea Magistrale

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese seconda parte Business Game

Economia e Gestione delle Imprese seconda parte Business Game Economia e Gestione delle Imprese seconda parte Business Game Alfio Cariola, Maurizio La Rocca e Gaetano Miceli www.egiunical.org Per maggiori info: m.larocca@unial.it Business Game online Cos è il General

Dettagli

MEET Project: Management E-learning Experience for Training secondary school's students

MEET Project: Management E-learning Experience for Training secondary school's students MEET Project: Management E-learning Experience for Training secondary school's students Code: LLP-LDV-TOI-10-IT-560 Lifelong Learning Programme (2007-2013) Leonardo da Vinci Programme Multilateral projects

Dettagli

Il Business Game

Il Business Game Il Business Game www.dig.polimi.it/business-game 21 gennaio 2013 Maria Caridi (Maria.Caridi@polimi.it) Delegata del CCS Gestionale per il Business Game A chi è rivolto Ing. Gestionale Bovisa Percorso Propedeutico

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA CARATTERISTICHE DELLA PROVA FINALE La prova finale dei corsi di laurea triennali è in forma

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

ISTRUZIONI. PASSO 1. Registrazione ad Almalaurea e Presentazione domanda di laurea on line

ISTRUZIONI. PASSO 1. Registrazione ad Almalaurea e Presentazione domanda di laurea on line ISTRUZIONI PASSO 1. Registrazione ad Almalaurea e Presentazione domanda di laurea on line Per compilare online la domanda di laurea (entro i 30 gg precedenti l inizio della seduta) occorre accedere alla

Dettagli

GUIDA STUDENTI ALLA PRENOTAZIONE DEGLI APPELLI D ESAME ONLINE

GUIDA STUDENTI ALLA PRENOTAZIONE DEGLI APPELLI D ESAME ONLINE GUIDA STUDENTI ALLA PRENOTAZIONE DEGLI APPELLI D ESAME ONLINE Versione aggiornata al 06/05/2013 SSF Rebaudengo p.zza Conti di Rebaudengo, 22-10155 Torino Tel. +39 011 2340083 - Fax +39 011 2304044 www.rebaudengo.it

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

OFFERTE DI TU/STAGE E MODALITA DI ACCESSO Consultando il sito http://www.polimi.it/stage si potranno avere tutte le informazioni.

OFFERTE DI TU/STAGE E MODALITA DI ACCESSO Consultando il sito http://www.polimi.it/stage si potranno avere tutte le informazioni. TIROCINIO UNIVERSITARIO (TU) Il TU fa parte del curriculum didattico e comporta l acquisizione di un predeterminato numero di crediti. Per il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica, AA. 2006/7, i crediti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

II anno di Corso gli studenti saranno chiamati a scegliere il CURRICULUM/PERCORSO tra..

II anno di Corso gli studenti saranno chiamati a scegliere il CURRICULUM/PERCORSO tra.. I anno di corso è COMUNE II anno di Corso gli studenti saranno chiamati a scegliere il CURRICULUM/PERCORSO tra.. Impresa e Mercati Internazionali (classe LM-56) Management dei Servizi pubblici ed Economia

Dettagli

Crea la tua impresa. Business Game dell Università Cattaneo. VII Edizione, 2010

Crea la tua impresa. Business Game dell Università Cattaneo. VII Edizione, 2010 Crea la tua impresa Business Game dell Università Cattaneo VII Edizione, 2010 Progetto di learning by doing rivolto agli studenti delle classi quarta e quinta degli istituti secondari superiori Presentazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE Guida alla domanda di laurea online

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE Guida alla domanda di laurea online UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE Guida alla domanda di laurea online 1 In questa Guida alla domanda di laurea online troverai le indicazioni per inserire la tua domanda conseguimento titolo.

Dettagli

Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate

Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate Regolamento per la prova finale dei corsi di studio in Culture delle Lingue moderne e del Turismo (L-11) e Comunicazione linguistica

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA PER LA SICUREZZA DEL LAVORO E DELL AMBIENTE (ISLA F74 E F001)

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA PER LA SICUREZZA DEL LAVORO E DELL AMBIENTE (ISLA F74 E F001) REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA PER LA SICUREZZA DEL LAVORO E DELL AMBIENTE (ISLA F74 E F001) Dicembre 2013 Il presente regolamento è redatto secondo quanto disposto

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CORSO DI STUDIO DI ECONOMIA E SUI SERVIZI DI ATENEO. Anno Accademico 2012-2013

INFORMAZIONI SUL CORSO DI STUDIO DI ECONOMIA E SUI SERVIZI DI ATENEO. Anno Accademico 2012-2013 INFORMAZIONI SUL CORSO DI STUDIO DI ECONOMIA E SUI SERVIZI DI ATENEO Anno Accademico 2012-2013 Argomenti Calendario accademico e orario delle lezioni Insegnamenti e docenti Manifesto degli studi Posta

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT PERCORSI EXECUTIVE SUPPLY CHAIN MANAGEMENT Gestione Strategica degli Acquisti / Logistica Distributiva 11 EDIZIONE NOVEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 PERCORSI EXECUTIVE

Dettagli

Modelli per FAQ da pubblicare sui siti dei corsi di studio ottobre 2012

Modelli per FAQ da pubblicare sui siti dei corsi di studio ottobre 2012 Modelli per FAQ da pubblicare sui siti dei corsi di studio ottobre 2012 Premessa e legenda: Le differenze intrinseche nell organizzazione dei corsi di laurea e dei servizi amministrativi correlati rendono

Dettagli

Crea la tua impresa. Business Game dell Università Cattaneo - LIUC. IX Edizione, 2012

Crea la tua impresa. Business Game dell Università Cattaneo - LIUC. IX Edizione, 2012 Crea la tua impresa Business Game dell Università Cattaneo - LIUC IX Edizione, 2012 Progetto di learning by doing rivolto agli studenti delle classi quarta e quinta degli istituti secondari superiori Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale L -18 Scienze dell economia e della gestione aziendale COORTE 2015-2016 approvato dal Senato Accademico nella seduta del 27 ottobre 2015 1. DATI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI. BANDO DI CONCORSO PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA a.a. 2014/2015 PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA 2014/2015 1

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI. BANDO DI CONCORSO PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA a.a. 2014/2015 PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA 2014/2015 1 UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI BANDO DI CONCORSO PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA a.a. 2014/2015 PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA 2014/2015 1 1. Modalità di partecipazione al concorso. Gli studenti interessati

Dettagli

ESSE3-Verbalizzazione Online. Guida Docenti alla gestione degli Appelli e alla Verbalizzazione degli esami online

ESSE3-Verbalizzazione Online. Guida Docenti alla gestione degli Appelli e alla Verbalizzazione degli esami online ESSE3-Verbalizzazione Online Guida Docenti alla gestione degli Appelli e alla Verbalizzazione degli esami online Redatto da: Rosaria NISI Giuseppe MANNINO Antonio CURCURUTO Distribuito da:.ale CECUM A.

Dettagli

Gestione Appelli e Verbalizzazione degli esami online. Manuale Docenti per la gestione degli Appelli e per la Verbalizzazione degli esami online

Gestione Appelli e Verbalizzazione degli esami online. Manuale Docenti per la gestione degli Appelli e per la Verbalizzazione degli esami online Gestione Appelli e Verbalizzazione degli Manuale Docenti per la gestione degli Appelli e per la Verbalizzazione degli Redatto da: Giorgio Gagliardi (KION Spa) Mariangela Lotito (KION Spa) Verificato da:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Ingegneria industriale afferisce alla Classe

Dettagli

ESAME SCRITTO NON VERBALIZZANTE + ORALE VERBALIZZANTE

ESAME SCRITTO NON VERBALIZZANTE + ORALE VERBALIZZANTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO MANUALE PER I DOCENTI: GESTIONE APPELLI E VERBALIZZAZIONE ESAMI ONLINE ESAME SCRITTO NON VERBALIZZANTE + ORALE VERBALIZZANTE SOMMARIO ACCESSO ALLA MYUNITO DOCENTE.... p.

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Learning Agreement Uniweb Erasmus+ STUDIO

Learning Agreement Uniweb Erasmus+ STUDIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL LEARNING AGREEMENT ERASMUS+ STUDIO IN UNIWEB dal 16 al 30 giugno 2015 (primo semestre) PRIMA DI PROCEDERE CON LA COMPILAZIONE DEL LEARNING AGREEMENT IN UNIWEB È OPPORTUNO

Dettagli

Guida per la compilazione on line del. modulo di assegnazione dell elaborato finale

Guida per la compilazione on line del. modulo di assegnazione dell elaborato finale Guida per la compilazione on line del modulo di assegnazione dell elaborato finale 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. INSERIMENTO MODULO ASSEGNAZIONE ELABORATO FINALE / TESI... 4 2. FAQ...13 2 INTRODUZIONE

Dettagli

LINGUA INGLESE LIVELLO B2

LINGUA INGLESE LIVELLO B2 GUIDA ALLA PROVA DI CONOSCENZA LINGUISTICA INFORMATIZZATA LINGUA INGLESE LIVELLO B2 Anno accademico 2015/16 DIPARTIMENTI/CENTRI Facoltà di Giurisprudenza Civile, Ambientale e Meccanica e Scienza dell Informazione

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato DEMAND PLANNING AREA Production Planning Modulo Avanzato DEMAND PLANNING Il corso Demand Planning ha l obiettivo di fornire un quadro completo degli elementi che concorrono alla definizione di un corretto

Dettagli

Aspetti tecnico-amministrativi della Laurea Magistrale in EMM

Aspetti tecnico-amministrativi della Laurea Magistrale in EMM Incontro di orientamento per gli studenti del I anno della LM Aspetti tecnico-amministrativi della Laurea Magistrale in EMM 5 settembre 2012 Tratteremo di. Scelta della classe e del percorso; Piano degli

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO STUDI

GUIDA PRATICA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO STUDI GUIDA PRATICA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO STUDI Della Segreteria studenti di Economia Di seguito è presentato un esempio di compilazione del piano di studio per il corso di laurea triennale in Economia

Dettagli

GUIDA ALLA PROVA DI CONOSCENZA LINGUISTICA INFORMATIZZATA - PROVA DI LINGUA INGLESE LIVELLO B1 - Anno accademico 2014/15

GUIDA ALLA PROVA DI CONOSCENZA LINGUISTICA INFORMATIZZATA - PROVA DI LINGUA INGLESE LIVELLO B1 - Anno accademico 2014/15 GUIDA ALLA PROVA DI CONOSCENZA LINGUISTICA INFORMATIZZATA - PROVA DI LINGUA INGLESE LIVELLO B1 - Anno accademico 2014/15 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. PROVA DI CONOSCENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 1 LIVELLO Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale (Scuola ICAT - CdP 14-4-2011)

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 1 LIVELLO Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale (Scuola ICAT - CdP 14-4-2011) REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 1 LIVELLO Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale (Scuola ICAT - CdP 14-4-2011) Cap. 1 Commissioni di Laurea Art. 1 Membri delle Commissioni di Laurea.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

OPPORTUNITA IN ROSA PARTECIPAZIONE GRATUITA

OPPORTUNITA IN ROSA PARTECIPAZIONE GRATUITA OPPORTUNITA IN ROSA CHECK UP ECONOMICO FINANZIARIO DELLE IMPRESE FEMMINILI PARTECIPAZIONE GRATUITA La Camera di Commercio Industria e Artigianato di Verona, in collaborazione con il Comitato per la Promozione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DEGLI STUDI ON LINE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DEGLI STUDI ON LINE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DEGLI STUDI ON LINE A decorrere dall anno accademico 2015/2016 è attivata, in via sperimentale, la compilazione dei piani degli studi on-line. La sperimentazione riguarda

Dettagli

CONSULENZA E FORMAZIONE

CONSULENZA E FORMAZIONE Cos è l EBC*L La European Business Competence Licence (EBC*L), nata dalla collaborazione di alcuni docenti universitari di Austria e Germania, è una certificazione, riconosciuta in ambito europeo, relativa

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

Il piano di studi va presentato dal 15 OTTOBRE al 25 NOVEMBRE 2015 e dal 16 al 31 MARZO 2016. STUDENTI IN CORSO

Il piano di studi va presentato dal 15 OTTOBRE al 25 NOVEMBRE 2015 e dal 16 al 31 MARZO 2016. STUDENTI IN CORSO ISTRUZIONI COMPILAZIONE PIANI DI STUDIO, DEFINIZIONE DELLE ATTIVITÀ A SCELTA LIBERA, MODIFICA DEI PIANI DI STUDIO, RICHIESTA ESAMI IN ESUBERO A.A. 2015/2016 CORSI DI LAUREA Il piano di studi va presentato

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Art. 1 Principi generali di riferimento

Dettagli

Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese

Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese 1 1 Cos è un business game?!"!#$%&%'( )*(+,-./0(!"!#$%&%'(/.(1.23-,4.0*5(/5--,(+.6,(/.(.27851,( 9%'$'( )*( 9%'$'(.*( :3,*60( 785+5/5( -;51.165*4,(

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Linee guida Corsi a scelta dello studente - anno accademico 2015/16 - (approvate dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia nella seduta del 09 novembre 2011) Corso di laurea specialistica in Medicina e Chirurgia

Dettagli

6 - LAUREANDI. 2. Quali sono le scadenze entro le quali devo presentare la documentazione per l ammissione all esame di laurea?

6 - LAUREANDI. 2. Quali sono le scadenze entro le quali devo presentare la documentazione per l ammissione all esame di laurea? 6 - LAUREANDI 1. Quali sono le sessioni previste per l esame di laurea? Le sessioni sono quattro; quella estiva che si svolge nel mese di Luglio, la 1^ autunnale con sedute nel mese di Ottobre, la 2^ autunnale

Dettagli

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MASTER DI PRIMO LIVELLO IN: SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN. - VARESE Anno accademico 2010-2011 Varese, settembre 2010 PREMESSA Il progresso civile, sociale

Dettagli

GUIDA PER LA PROPOSTA DI TIROCINI O STAGES DA PARTE DI SOGGETTI OSPITANTI

GUIDA PER LA PROPOSTA DI TIROCINI O STAGES DA PARTE DI SOGGETTI OSPITANTI GUIDA PER LA PROPOSTA DI TIROCINI O STAGES DA PARTE DI SOGGETTI OSPITANTI Per poter proporre tirocini formativi o stages post-laurea occorre aver stipulato una apposita CONVENZIONE con l Università di

Dettagli

Corso di laurea specialistico in Marketing e Comunicazione

Corso di laurea specialistico in Marketing e Comunicazione Corso di laurea specialistico in Marketing e Comunicazione Classe di appartenenza: 84/S - Classe delle lauree specialistiche in Scienze economicoaziendali. Requisiti di ammissione: Laurea triennale o quadriennale

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA

LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04 (link alla versione con confronto LS-509) a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse A.A. 2009/10 TEMPISTICA I L/270 II L/509 III

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2012-2013

FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2012-2013 FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2012-2013 Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA

Dettagli

Università Europea degli Studi di Roma Ufficio Relazioni Internazionali

Università Europea degli Studi di Roma Ufficio Relazioni Internazionali Università Europea degli Studi di Roma Ufficio Relazioni Internazionali BANDO PER PROGRAMMA DI SCAMBI INTERNAZIONALI A. A. 2012-2013 CON PAESI EUROPEI ED EXTRA-EUROPEI Nel quadro della cooperazione universitaria

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Relazioni internazionali

Dettagli

LINGUA INGLESE LIVELLO B1

LINGUA INGLESE LIVELLO B1 GUIDA ALLA PROVA DI CONOSCENZA LINGUISTICA INFORMATIZZATA LINGUA INGLESE LIVELLO B1 Anno accademico 2015/16 DIPARTIMENTI/CENTRI Facoltà di Giurisprudenza Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica (immatricolati

Dettagli

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Master di II livello Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Obiettivi formativi Il Master si propone come un percorso altamente specializzato, finalizzato a formare professionisti

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Ingegneria meccanica afferisce

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Economia aziendale e management

Dettagli

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S)

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

ISTRUZIONI. PASSO 1. Presentazione domanda di laurea on line

ISTRUZIONI. PASSO 1. Presentazione domanda di laurea on line ISTRUZIONI PASSO 1. Presentazione domanda di laurea on line Per compilare online la domanda di laurea (entro i 30 gg precedenti l inizio della seduta) occorre accedere alla propria area riservata da https://webstudenti.unica.it/esse3/home.do

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA

LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04 (link alla versione con confronto LS-509) a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse A.A. 2009/10 TEMPISTICA I L/270 II L/509 III

Dettagli

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (FIRST LEVEL DEGREE IN INDUSTRIAL AND MANAGEMENT ENGINEERING) Denominazione e classe di

Dettagli

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale a ciclo Unico in Giurisprudenza ( Classe LMG /01 ) Anno Accademico di istituzione: 2006/2007 Art. 1. Organizzazione del corso di studio 1. È istituito presso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Economia

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento e la valutazione della Tesi di Laurea o Tirocinio + Prova Finale

Regolamento per lo svolgimento e la valutazione della Tesi di Laurea o Tirocinio + Prova Finale Regolamento per lo svolgimento e la valutazione della Tesi di Laurea o Tirocinio + Prova Finale Il presente regolamento è stato redatto tenendo conto del regolamento del corso di Laurea in Ingegneria Biomedica

Dettagli

CALL PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI D ONORE AGLI STUDENTI DEL POLITECNICO DI TORINO

CALL PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI D ONORE AGLI STUDENTI DEL POLITECNICO DI TORINO CALL PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI D ONORE AGLI STUDENTI DEL POLITECNICO DI TORINO a valere sulla Convezione stipulata tra Fondazione Giovanni Agnelli, Banca Sella SpA e Politecnico di Torino Disponibile

Dettagli

FAQ. Master in Finanza Avanzata 2015 (aggiornate a giugno 2014)

FAQ. Master in Finanza Avanzata 2015 (aggiornate a giugno 2014) FAQ Master in Finanza Avanzata 2015 (aggiornate a giugno 2014) SELEZIONI E AMMISSIONI 1. Qual è la data di scadenza del bando? La scadenza per la presentazione della domanda è giovedì 23 ottobre 2014 alle

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

PORTALE DELLA DIDATTICA Verbalizzazione on-line degli esami

PORTALE DELLA DIDATTICA Verbalizzazione on-line degli esami PORTALE DELLA DIDATTICA Verbalizzazione on-line degli esami Manuale utente Redatto da: Ing. Roberto Barbiera Data di redazione: Gennaio 2013 Ing. Vincenzo Mulia Approvato da: Dott.sa Maria Cristina Lorenzini

Dettagli

MEET Project: Management E-learning Experience for Training secondary school's students

MEET Project: Management E-learning Experience for Training secondary school's students MEET Project: Management E-learning Experience for Training secondary school's students Code: LLP-LDV-TOI-10-IT-560 Lifelong Learning Programme (2007-2013) Leonardo da Vinci Programme Multilateral projects

Dettagli

MANUALE PER I DOCENTI: GESTIONE APPELLI E VERBALIZZAZIONE ESAMI ONLINE ESAMI SCRITTI

MANUALE PER I DOCENTI: GESTIONE APPELLI E VERBALIZZAZIONE ESAMI ONLINE ESAMI SCRITTI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO MANUALE PER I DOCENTI: GESTIONE APPELLI E VERBALIZZAZIONE ESAMI ONLINE ESAMI SCRITTI 1 SOMMARIO ACCESSO ALLA MYUNITO DOCENTE...3 GESTIONE LISTA ISCRITTI...4 INSERIMENTO

Dettagli

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Le opinioni degli studenti raccolte tramite i gruppi Facebook Sondaggio promosso dai Rappresentati degli Studenti nel

Dettagli

GUIDA AL TEST DI ACCESSO E ALLA PROVA DI CONOSCENZA LINGUISTICA INFORMATIZZATA

GUIDA AL TEST DI ACCESSO E ALLA PROVA DI CONOSCENZA LINGUISTICA INFORMATIZZATA GUIDA AL TEST DI ACCESSO E ALLA PROVA DI CONOSCENZA LINGUISTICA INFORMATIZZATA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT Anno accademico 2015/16 VECCHIO REGOLAMENTO (per gli studenti immatricolati fino all

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE 1. Modalità di svolgimento dell esame di Laurea Magistrale Ai sensi dell art.29, comma 2 del Regolamento Didattico di Ateneo, lo

Dettagli

La struttura di IFSNetwork

La struttura di IFSNetwork COS È IFSNETWORK? La struttura di IFSNetwork Sensibilizzazione e orientamento Attivazione Gestione dell impresa Funzioni di servizio per i docenti IFSNetwork è l'ambiente unico on line per lo sviluppo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

CORSI DI LAUREA MAGISTRALE: REQUISITI E PROCEDURE DI AMMISSIONE A.A. 2015/16

CORSI DI LAUREA MAGISTRALE: REQUISITI E PROCEDURE DI AMMISSIONE A.A. 2015/16 REQUISITI DI AMMISSIONE Titolo di studio laurea o diploma universitario triennale conseguito da non oltre 10 anni o da conseguire entro il 30 aprile 2016 Lingua straniera Curriculum lingua inglese livello

Dettagli

LA FORMAZIONE A DISTANZA (FAD)

LA FORMAZIONE A DISTANZA (FAD) 82 LA FORMAZIONE A DISTANZA (FAD) Presentazione La Fad (Formazione a Distanza) è un'alternativa moderna, efficiente e flessibile a forme tradizionali di apprendimento. In alcuni casi - grazie alle sue

Dettagli

Presentazione delle Classi di laurea L-18 e L-33 e dell offerta formativa a.a. 2012/2013

Presentazione delle Classi di laurea L-18 e L-33 e dell offerta formativa a.a. 2012/2013 Incontro di orientamento rivolto agli studenti del II anno di Economia Presentazione delle Classi di laurea L-18 e L-33 e dell offerta formativa a.a. 2012/2013 5 settembre 2012 Tratteremo di. Terzo anno

Dettagli

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI BANDO DI CONCORSO PROGETTO PRIME A.A. 2014/2015

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI BANDO DI CONCORSO PROGETTO PRIME A.A. 2014/2015 UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI BANDO DI CONCORSO PROGETTO PRIME A.A. 2014/2015 NORME PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO DI CONCORSO PROGETTO PRIME Gli studenti sono invitati a leggere attentamente le informazioni

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

MASTER IN GESTIONE AZIENDALE E FINANZIARIA TRENTO, 20-27 NOVEMBRE 4-11-18 DICEMBRE 2015 c/o CENTRO FORMAZIONE SEAC CEFOR SRL Via Solteri, 56

MASTER IN GESTIONE AZIENDALE E FINANZIARIA TRENTO, 20-27 NOVEMBRE 4-11-18 DICEMBRE 2015 c/o CENTRO FORMAZIONE SEAC CEFOR SRL Via Solteri, 56 PRIMA GIORNATA 20 NOVEMBRE 2015 SECONDA GIORNATA 27 NOVEMBRE 2015 TERZA GIORNATA 4 DICEMBRE 2015 QUARTA GIORNATA 11 DICEMBRE 2015 QUINTA GIORNATA 18 DICEMBRE 2015 MASTER IN GESTIONE AZIENDALE E FINANZIARIA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT E DIRITTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN INNOVAZIONE E MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE (Gestione Strategica, Valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studio che rilascia la

Dettagli

La commissione di Inglese della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria

La commissione di Inglese della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria La commissione di Inglese della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria D1: In cosa consiste l esame di Inglese B1 per le lauree triennali della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria? R1: L inglese

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli