Noise Studio ver 7.0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Noise Studio ver 7.0"

Transcript

1 Noise Studio ver 7.0 NoiseStudio e il software DeltaOhm per la gestione dei dati provenienti da: Fonometri HD2010UC-UC/A - HD2110L Vibrometri HD2030 HD2070 Permette di configurare i parametri dello strumento, scaricare i dati e visualizzarli. Il software inoltre offre 5 moduli applicativi per effettuare analisi specifiche: 1. Protezione Lavoratori (rumore e vibrazioni) 2. Clima Acustico 3. Rumore Ambientale 4. Isolamento Acustico 5. Monitor Questi moduli sono attivabili singolarmente come opzioni e funzionano con chiave hardware USB. I vari moduli sono sempre attivi in modalità demo. In questa modalità tutte le funzioni del software sono disponibili ma si possono usare solo i dati forniti nei file di esempio installati con il programma.

2 Modulo Base avvio e arresto memorizzazione impostare i parametri di configurazione scaricare i dati contenuti nella memoria dello strumento visualizzarli in forma tabellare o grafica eseguire mascheramenti di eventi nelle time history visualizzare e salvare su file le misure acquisite dallo strumento in tempo reale stampare i dati ed esportarli in formato Excel o in formato testo copiare e incollare in un'altra applicazione come grafico o come testo aggiornare il firmware dello strumento

3 Modulo Base: gestione Connessioni pc USB RS232 GESTIONE BASE DELLO STRUMENTO Connettere/disconnetere lo strumento Impostare i parametri di configurazione della connessione Configurare i parametri dello strumento Scaricare i dati dalla memoria interna dello strumento. Visualizzare lo stato corrente dello strumento Cancellare la memoria interna dello strumento. Attivare le opzioni avanzate FUNZIONI DI GESTIONE AVANZATE Aggiornamento firmware dello strumento Attivazione sul fonometro del programma per la misura del T60 Attivazione della procedura di sostituzione microfono Formattazione della memory card Attivazione controlli diagnostici sullo strumento

4 Visualizzazione impostazioni correnti dello strumento Modulo Base : setup

5 Modulo Base : setup Creazione di setup Invio setup allo strumento

6 Modulo Base : setup Data/ora Ingresso/Uscita Misura Calibrazione

7 Modulo Base : setup Setup strumento SLM Profilo Statistica

8 Modulo Base : setup Analisi spettrale CPB 1/1 e 1/3 FFT

9 Modulo Base: setup Memorizzazione Misure Rapporti Eventi

10 Modulo Base: VISUALIZZAZIONI Spettro CPB 1/3 ottava Spettro CPB 1/1 ottava Time history profilo

11 Modulo Base: VISUALIZZAZIONI Spectral time history

12 Modulo Base: VISUALIZZAZIONI Sonogramma CPB Waterfall Isofoniche ( )

13 Modulo Base: VISUALIZZAZIONI FFT vs Time Sonogramma

14 Modulo Base: VISUALIZZAZIONI

15 Modulo Base: SLM - Profilo

16 Modulo Base: MARKER

17 Modulo Base: Ricalcolo Ricalcolo su parametri e intervalli definibili da utente

18 Modulo Base: EXPORT Esport in formato Excel Copia/incolla di grafici e valori numerici

19 Modulo Base: EXPORT PDF Stampa in pdf Grafici Tabelle

20 Protezione Lavoratori (NS1) Modulo Protezione Lavoratori Il modulo Protezione Lavoratori viene utilizzato per raccogliere ed elaborare i rilievi di rumore e di vibrazioni effettuati negli ambienti di lavoro. Verifica dell esposizione al rumore dei lavoratori secondo D.Lgs 81/2008 (oppure 277/91), UNI 9432/2011, UNI EN ISO 9612/2011. valutazione secondo la norma UNI EN 458 del tipo di dispositivo di protezione individuale (DPI) calcolo dell indice di impulsivita delle macchine in conformità alla norma UNI 9432/2011 Verifica dell esposizione alle vibrazioni dei lavoratori secondo il D. Lgs 81/2008 e le norme ISO : 2001 (Mano-Braccio) e ISO :1997 (Corpo Intero) Il modulo permette di effettuare un analisi simultanea del rumore e delle vibrazioni emesse da ogni singola macchina con gestione delle incertezze associate alle varie misure in conformità alla norma UNI 9432/2011. Analisi Rumore Analisi Vibrazioni

21 Protezione Lavoratori (NS1) Il programma gestisce le varie sorgenti di rumore mediante Fogli Macchina dove vengono raggruppate tutte le informazioni sulle emissioni di rumore (livelli e spettro) Livelli equivalenti ponderati A e C livello di picco ponderato C tempo di misura Indicazione della eventuale misura dello spettro medio (per banda d ottava) Modello del Dispositivo di Protezione Individuale selezionato Attenuazione introdotta dal DPI e Livello equivalente corretto per la presenza del dispositivo di protezione In presenza di rumore di tipo impulsivo viene inserito il tipo di impulsività secondo la norma UNI EN 458:2004 Indicazione della presenza di sostanze ototossiche, Indicazione della presenza di vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio, Indicazione della presenza di vibrazioni trasmesse al corpo intero Indicazione della presenza di allarmi sonori

22 Protezione Lavoratori (NS1) Per rumori costanti (LASmax LASmin < 3 db), il programma consente di elaborare i dati provenienti dalla registrazione del profilo temporale dei livelli sonori. Il programma permette di mascherare porzioni del tracciato e di calcolare livelli sonori sulla parte di profilo registrato contenente le sorgenti sonore.

23 Protezione Lavoratori (NS1) Per rumori ciclici dalla registrazione del profilo temporale dei livelli sonori è possibile, conoscendo per esempio i cicli giornalieri di lavoro di una macchina, calcolare i livelli di esposizione complessivi.

24 Protezione Lavoratori (NS1) Per rumori impulsivi dalla registrazione del profilo temporale dei livelli sonori è possibile verificare automaticamente la presenza ed il numero di impulsi. E possibile quindi calcolare l indice di impulsività della misura secondo UNI 9432/11

25 Protezione Lavoratori (NS1) Il programma elabora i livelli di esposizione mediante Fogli Lavoratore dove vengono raggruppate tutte le informazioni sulle esposizioni Leq: livelli equivalenti ponderati A e C LAIeq: livello equivalente impulse LCpkmax: Livello di picco massimo ponderato C Te: Tempo di esposizione per sorgente LEx,8h:Livello di esposizione per sorgente Spettro: indica se è stata effettuata anche la misura dello spettro per bande d ottava DPI: modello Individuale. del Dispositivo di Protezione Percentuale del tempo di esposizione in cui è stato utilizzato il DPI Atten. (db): Attenuazione introdotta dal DPI LAeq corr.: Livello equivalente corretto in base all attenuazione del DPI LEx,8h corr: Livello di esposizione corretto riferito alla sorgente specificata Incidenza: Incidenza percentuale della sorgente specificata rispetto al livello di esposizione totale del lavoratore Nel caso la sorgente emetta rumori impulsivi viene indicato il tipo di impulsività secondo la norma UNI EN 458:2004 Indicazione presenza di sostanze ototossiche, allarmi sonori e vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio e/o al corpo intero

26 Protezione Lavoratori (NS1) E possibile selezionare la normativa di riferimento D.Lgs 81/08 o D.Lgs 277/91 E possibile selezionare i DPI da un database personalizzabile Si puo inserire un coefficiente α di efficienza del dispositivo, per tenere conto delle condizioni di utilizzo reali. Si puo di scegliere la copertura statistica del DPI e la sua percentuale di utilizzo. Viene calcolata l attenuazione efficace fornita dal DPI ed i livelli LAeq ed LCpk corretti Viene gestito il doppio DPI e l attenuazione in presenza di rumori impulsivi. Viene data indicazione della qualità delle protezioni (secondo la norma UNI EN 458)

27 Protezione Lavoratori (NS1) Per ogni lavoratore viene fornito un RIEPILOGO delle esposizioni nei vari giorni della settimana, I dati dell Azienda, I dati del Lavoratore, Il tempo di esposizione per ogni giorno lavorativo della settimana, I livelli LEP,d ed LEP,w (e le eventuali classi di appartenenza) Il livello di picco

28 Protezione Lavoratori (NS1) Viene fornito un riepilogo delle esposizioni dei vari lavoratori nei vari giorni della settimana con e senza DPI. Viene inoltre fornito un riepilogo dei DPI utilizzati

29 Protezione Lavoratori (NS1) Il programma prevede la possibilità di creare un Progetto per gestire contemporaneamente i rilievi fonometrici, le sorgenti di rumore, tutti i lavoratori e tutta la documentazione aggiuntiva che puo essere utile ad una relazione.

30 Protezione Lavoratori (NS1) Il programma permette di gestire le incertezze associate ai vari tipi di misure in conformità alla norma UNI 9432/2011

31 Protezione Lavoratori (NS1) Nel caso di rumore fluttuante con misure a campionamento, il programma calcola la media delle misure effettuate e l incertezza composta.

32 Protezione Lavoratori (NS1) Le incertezze estese associate alle varie misure vengono riportate sul foglio macchine dove è possibile scegliere il fattore di copertura (di norma il 95%).

33 Protezione Lavoratori (NS1) Modulo Protezione Lavoratori Analisi Vibrazioni Gestione integrata VIBRAZIONI RUMORE Database ditte e lavoratori integrato Il modulo Protezione Lavoratori viene utilizzato per raccogliere ed elaborare le misure di vibrazioni effettuate negli ambienti di lavoro. Permette di verificare l esposizione alle vibrazioni dei lavoratori secondo il D. Lgs 81/2008 e le norme ISO :2001 (Mano-Braccio) e ISO :1997 (Corpo Intero) Permette la gestione delle incertezze associate alle varie misure. Permette la verifica di fenomeni di DC Shift nelle misure. Permette di collegarsi alla banca dati vibrazioni dell ISPESL e scaricare le schede sulle vibrazioni emesse da varie macchine.

34 Protezione Lavoratori (NS1) Gestione INCERTEZZE Gestione secondo NORME DI RIFERIMENTO

35 Protezione Lavoratori (NS1) Gestione delle sorgenti di vibrazione Il programma permette di gestire le varie sorgenti di vibrazioni mediante Fogli Macchina dove vengono raggruppate tutte le informazioni sulle emissioni delle varie macchine in esame.

36 Protezione Lavoratori (NS1) Ciascuna sorgente è caratterizzata dalle seguenti informazioni presenti nel Foglio macchina : MISURA MANO BRACCIO (differenziata SX ed DX) Acc. equivalente Aw lungo gli assi X,Y,Z Acc. equivalente del vettore somma Aw sum Acc.max breve periodo Tempo di misura Tipo di vibrazione (Cost.Flutt.Cicl.Imp.) Tipo/num.misure Tipo di analisi (parziale, tutto il periodo, +gravosa) Indice di impulsività DPI eventualmente utilizzati MISURA CORPO INTERO Acc.equivalente Aw lungo gli assi X,Y,Z Vettore Acc.equivalente massima dei 3 assi Acc.max breve periodo Tempo di misura Tipo di vibrazione (Cost.Flutt.Cicl.Imp.) Tipo/num.misure Tipo di analisi (parziale, tutto il periodo, +gravosa) Indice di impulsività Presenza di rumore

37 Protezione Lavoratori (NS1) Il programma consente di elaborare i dati provenienti dalla registrazione del profilo temporale dei livelli di vibrazione. Permette di mascherare porzioni del tracciato e di ricalcolare livelli di vibrazioni solo sulla parte interessante del profilo registrato.

38 Protezione Lavoratori (NS1) MASCHERAMENTO DEI PROFILI Tipo di analisi Elaborazione automatica del massimo livello di vibrazione dopo il mascheramento degli eventi a prescindere dall asse in cui si manifesta (Corpo intero)

39 Protezione Lavoratori (NS1) UNIONE DI PIU SORGENTI Utile quando si esegue la misura sia sul braccio DX che sul braccio SX

40 Protezione Lavoratori (NS1) MEDIA SU PIU MISURE Calcolo inclusa incertezza

41 BREVE PERIODO Calcolo dell accelerazione di Breve Periodo con estrazione del livello massimo L accelerazione di breve periodo è il valore di accelerazione che non può essere superato anche se per periodi di tempo brevi (l intervallo temporale non è definito nelle normative). Noise studio permette di definire un intervallo di tempo utente per poter valutare tale parametro correttamente e a seconda delle esigenze. Aeq Breve Periodo Aeq Breve Periodo Valore Valore Max Max accelerazione accelerazione di di BP BP Intervallo Intervallo per per il il calcolo calcolo Aeq Aeq BP BP

42 Protezione Lavoratori (NS1) CALCOLO ESPOSIZIONE Selezione lavoratore TASK LAVORATORE TEMPO ESPOSIZIONE NUMERO DI CICLI NUMERO DI IMPULSI EVENTUALE ESTENSIONE AI RESTANTI GIORNI DELLA SETTIMANA

43 Protezione Lavoratori (NS1) SINTESI DELL ESPOSIZIONE PERSONALE Giornaliera Settimanale Per Per ogni ogni lavoratore lavoratore viene viene fornito fornito un un RIEPILOGO RIEPILOGO delle esposizioni nei vari giorni della settimana delle esposizioni nei vari giorni della settimana I dati dell Azienda, I dati dell Azienda, I I dati dati del del Lavoratore, Lavoratore, Il tempo di esposizione per ogni giorno Il tempo di esposizione per ogni giorno lavorativo lavorativo della della settimana, settimana, I livelli A8 ed Max Aw I livelli A8 ed Max Aw

44 Protezione Lavoratori (NS1) SINTESI ESPOSIZIONI LAVORATORI Viene Viene fornito fornito un un riepilogo riepilogo delle delle esposizioni esposizioni dei dei lavoratori lavoratori nei nei giorni giorni della della settimana. settimana. LAVORATORI Esposiz.HA Esposiz.WB

45 Protezione Lavoratori (NS1) STAMPA DEI REPORT SORGENTI VIBRAZIONI SORGENTI RUMORE

46 Protezione Lavoratori (NS1) STAMPA DEI REPORT SORGENTE ASSOCIATA AL LAVORATORE SINTESI SETTIMANALE

47 Protezione Lavoratori (NS1) Il Il software software permette permette di di collegarsi collegarsi alla alla banca banca dati dati vibrazioni vibrazioni ISPESL ISPESL e e salvare salvare le le schede schede delle delle vibrazioni vibrazioni emesse emesse dalle dalle varie varie macchine. macchine.

48 Protezione Lavoratori (NS1) ANALISI DC SHIFT Il programma e in grado di rilevare eventuali fenomeni di DC shift a partire dai campioni ADC della misura effettuata.

49 Inquinamento acustico (NS2A) Modulo Inquinamento Acustico Il modulo Inquinamento Acustico viene utilizzato per misure ed analisi in conformità alla Legge quadro n.447/1995 e successive modificazioni. Il programma valuta il disturbo arrecato alla popolazione da parte di sorgenti specifiche di rumore come installazioni industriali, porti, strade, autostrade, ferrovie ed aeroporti. L analisi dei livelli di rumore viene effettuata in conformità al Decreto Ministeriale del 16/03/1998. L' analisi del clima acustico a scopo di mappatura del territorio viene effettuata su base giornaliera, settimanale ed annuale in conformità al D.L. 194 del 19/08/2005.

50 Inquinamento acustico (NS2A) Modulo Inquinamento Acustico: Analisi di Clima Acustico L analisi di clima acustico viene utilizzata per la mappatura dei livelli di rumore cui è sottoposta la popolazione causati da installazioni industriali, porti, strade, autostrade, ferrovie ed aeroporti. L' analisi viene effettuata su base giornaliera, settimanale ed annuale con risoluzione massima pari ad 1 minuto, in conformità al D.L. 194 del 19/08/2005. Le funzioni principali del programma sono: Analisi di profili di livello sonoro acquisiti con fonometri HD2010- HD2110 sia direttamente che mediante il modulo Monitor. Flessibilità ed efficienza nella composizione del tracciato a partire da profili misurati con la possibilità di inserire maschere. Calcolo dei descrittori Lday, Levening, Lnight, Lden Calcoli statistici globali, parziali e ad intervalli. Identificazione di eventi sonori e calcolo di parametri caratteristici (durata, SEL, LAeq, LF max, statistica)

51 Inquinamento acustico (NS2A) Il programma è articolato in 3 fasi di analisi Analisi Giornaliera: La misura si articola in 24 ore con una risoluzione pari ad 1 secondo. In questa fase vengono elaborati profili di livello sonoro oppure spettri con risoluzioni da 1/8s ad 1s. L analisi comprende la ricerca di eventi sonori in genere ed il calcolo dei livelli statistici. Il programma calcola i descrittori del rumore considerando eventuali maschere. Analisi Settimanale: La misura si articola in 7 giorni dal lunedì alle ore 00:00:00 alla domenica alle ore 23:59:59 con risoluzioni pari ad 1 minuto ed 1 ora. In questa fase si possono analizzare profili di livelli sonori oppure spettri con risoluzione pari ad 1 secondo che siano stati elaborati nella fase precedente oppure misurati direttamente. L analisi comprende la ricerca di eventi sonori ed il calcolo dei livelli statistici. Analisi Annuale:La misura si articola in 365 giorni con giorno di inizio 1 gennaio e risoluzione pari ad 1 ora. In questa fase si analizzano i profili elaborati nella fase di analisi settimanale.

52 Inquinamento acustico (NS2A) Analisi Giornaliera Viene visualizzato il profilo del rumore suddiviso nelle zone diurno, serale, notturno Vengono calcolati i descrittori Lday, Levening, Lnight e il livello Leq 24h Viene fornita la statistica globale, parziale (periodi diurno, serale, notturno) statistica oraria, o su un intervallo definibile dall utente

53 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile ricercare automaticamente eventi rumorosi con l indicazione dei livelli LAE, Leq, Lmax, 4 percentili L5, L10, L90, L95 e la statistica completa

54 Inquinamento acustico (NS2A) L elaborazione del profilo giornaliero con risoluzione 1 minuto o 1 ora include 6 percentili a scelta

55 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile effettuare una ricerca automatica di impulsi su profili dei parametri LIp e LCpk Nel caso di profili registrati con audio associato (Modulo Monitor), e possibile ascoltare la registrazione sonora sincronizzata con il profilo del livello sonoro.

56 Inquinamento acustico (NS2A) Il profilo dello spettro viene visualizzato in un grafico bidimensionale a mappa di colore.

57 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile visualizzare il profilo della statistica associata allo spettro, calcolata ad intervalli prefissati, in un grafico a mappa di colore.

58 Inquinamento acustico (NS2A) Analisi Settimanale: rumore stradale grafico del profilo suddiviso nelle zone diurno, serale, notturno livelli equivalenti nei periodi giorno,sera, notte (e il livello equivalente sulla settimana. statistica globale, parziale (periodi diurno, serale, notturno) oppure al minuto, o su un intervallo definibile dall utente

59 Inquinamento acustico (NS2A) Sul profilo e' possibile visualizzare i parametri Lmax, Running Leq, Lday, Levening, Lnight e l andamento di 6 percentili a scelta.

60 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile calcolare i profili statistici dei livelli assunti da una singola banda selezionabile.

61 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile elaborare i profili statistici delle bande dello spettro ad un certo istante.

62 Inquinamento acustico (NS2A) RUMORE STRADALE: Livelli orari (intera settimana) Livelli giornalieri Day/Evening/Night Diurno/Notturno Custom Grafici dei livelli con risoluzioni personalizzabili

63 Inquinamento acustico (NS2A) RUMORE STRADALE: ANALISI STATISTICHE Grafico 1: decorso temporale del LAeq per il periodo settimanale in intervalli orari (grafico superiore). rappresentazione a colori della distribuzione di probabilità dei livelli. Tale rappresentazione sintetizza efficacemente dove si posiziona la popolazione dei livelli sonori. distribuzione relativa ad un determinato orario (quello relativo alla posizione del cursore per esempio): dal grafico si evince che nell intervallo compreso tra le ore e le del 12/02/2008 la maggior parte dei livelli sonori si aggira attorno ai 62dB. Grafico 2: rappresentazione a colori della distribuzione cumulativa dei livelli sonori. distribuzione cumulativa ad un determinato orario (quello relativo alla posizione del cursore per esempio): dal grafico si evince che nell intervallo compreso tra le ore e le del 12/02/2008 il livello 55dB è stato superato per il 96.7% del tempo.

64 Inquinamento acustico (NS2A) RUMORE STRADALE: ANALISI STATISTICHE Grafico 3: rappresentazione a colori della distribuzione dei livelli sonori percentili LN (percentilogramma). Tale rappresentazione ci dice come i livelli sonori percentili si posizionano nel tempo e in ampiezza. Nella finestra a sinistra è possibile per esempio vedere per una determinata fascia oraria che il livello L50 ha un valore di 60.2dB. Tutti gli altri livelli sono visibili spostando il cursore.

65 Inquinamento acustico (NS2A) Analisi Annuale Il programma visualizza il grafico con il profilo annuale dei livelli. Il programma calcola i descrittori nei periodi giorno,sera notte in conformità alla legislazione vigente. Il programma elabora la statistica globale e parziale, sia per i periodi diurno, serale e notturno che su un intervallo definibile dall utente.

66 Inquinamento acustico (NS2A) Sul profilo dei livelli e' possibile effettuare elaborazioni aggiuntive come ricerca di eventi, mascheramento intervalli, elaborazioni statistiche. E' possibile modificare la risoluzione temporale del tracciato visualizzato scegliendo tra ora, giorno, settimana e mese

67 Inquinamento acustico (NS2A) Sul profilo dei livelli e' possibile inserire i parametri Lmax, Running Leq, Lday, Levening, Lnignt e l andamento di 6 percentili a scelta.

68 Inquinamento acustico (NS2A) Si possono elaborare il profilo dello spettro medio, massimo oppure minimo.

69 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile inoltre elaborare i profili statistici delle bande dello spettro ad un certo istante.

70 Inquinamento acustico (NS2A) Analisi Traffico Ferroviario Permette valutare il rumore da traffico ferroviario, in conformità al decreto 16/03/98, D.P.C.M. 459 del 18/11/98, D.Lgs. 194 del 19/08/2005 ed alla direttiva comunitaria 2002/49/CE. Analizza profili di livello sonoro acquisiti con fonometri HD2010- HD2110 sia direttamente che mediante il modulo Monitor. Il programma identifica automaticamente gli eventi sul tracciato, calcola i parametri di ogni evento (durata, SEL, LAeq, LFmax) e fornisce i descrittori Leq,TR diurno Leq,TR serale Leq,TR notturno Leq,TR globale.

71 Inquinamento acustico (NS2A) Traffico ferroviario: identificazione automatica eventi sonori

72 Inquinamento acustico (NS2A) Traffico ferroviario: modifica eventi

73 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile aggiungere manualmente eventi al tracciato Traffico ferroviario: inserimento e modifica manuale

74 Inquinamento acustico (NS2A) Traffico ferroviario: export e stampa dati Report automatico Stampa pdf Copia/incolla Export txt e immagine

75 Inquinamento acustico (NS2A) Per verificare che l evento sia effettivamente attribuibile ad un convoglio ferroviario può rivelarsi utile l analisi spettrale eseguita in modalità multispettro. Se, assieme al profilo del livello sonoro LAF, viene memorizzato il profilo dello spettro per bande di terzo d ottava, il programma visualizzerà, oltre al tracciato del livello sonoro, il sonogramma a colori.

76 Inquinamento acustico (NS2A) Traffico ferroviario: analisi statistica Distribuzione di probabilità Distribuzione cumulativa Livelli percentili

77 Modulo Monitor (NS4) MODULO MONITOR: ACQUISIZIONE DIGITALE SU PC acquisizione del profilo Acquisizione eventi Audio Record a soglia Monitoraggi lunga durata

78 Modulo Monitor (NS4) Selezionando un evento dalla lista e premendo il tasto play e possibile MODULO ascoltare MONITOR: l audio ACQUISIZIONE dell evento mentre DIGITALE un indicatore SU PC sul grafico del profilo indicherà il livello sonoro corrispondente all istante di ascolto. Riascolto tracce audio per identificazione eventi sonori

79 Rumore Ambientale (NS5) Ricerca Tonali ed Impulsi Viene utilizzata per le valutazioni di inquinamento acustico e del disturbo arrecato alla popolazione da parte di sorgenti specifiche di rumore in conformità al D.M. del 16/03/1998. In particolare identifica automaticamente componenti tonali ed impulsive del rumore, e semplifica la valutazione della loro stazionarieta' e ripetitivita'. L analisi viene effettuata su base giornaliera in conformità al D.M. 16 marzo Analizza profili di livello sonoro acquisiti con fonometri HD2010- HD2110 sia direttamente che mediante il modulo Monitor. Il programma permette di mascherare una o piu parti del tracciato. Il software calcola Leq Lmax, Lmin del tracciato con e senza mascheramenti e fornisce informazioni statistiche globali e parziali.

80 Rumore Ambientale (NS5) Ricerca Tonali Si utilizza un profilo di spettri con risoluzione adeguata ad isolare la sorgente disturbante dal rumore casuale residuo. Il profilo del canale a banda larga ponderato A, associato alla misura di spettro, viene utilizzato per calcolare il Leq sul tempo di misura e per l analisi di spettro minimo richiesta dal D.M. 16/03/1998. Il programma visualizza il profilo del canale a banda larga ed il profilo dello spettro per bande di terzo d ottava in un grafico a mappa di colore.

81 Modulo Monitor (NS5) Il programma individua le componenti tonali penalizzanti secondo il criterio definito nel D.M. 16/03/1998. L udibilità della componente spettrale individuata viene stabilita automaticamente confrontando l isofonica associata alla CT con le altre bande dello spettro. Per considerare l incertezza di misura l utilizzatrore può modificare i parametri di identificazione delle componenti tonali.

82 Rumore Ambientale (NS5) Il programma fornisce una tabella riassuntiva delle componenti tonali individuate. La stazionarietà della componente tonale, requisito essenziale per poterla considerare disturbante secondo il D.M. del 16/03/1998, è facilmente valutabile esaminando il profilo di persistenza della componente elaborato dal programma. Una soglia impostabile permette di fissare automaticamente la stazionarietà.

83 Rumore Ambientale (NS5) Noise Studio visualizza: il profilo temporale delle componenti tonali in un grafico a mappa di colore dove sono riportati i valori in phon la persistenza delle eventuali componenti tonali identificate dal programma, indicata come percentuale sul tempo di misura.

84 Rumore Ambientale (NS5) Ricerca Impulsi La ricerca delle componenti impulsive si effettua sul profilo temporale dei parametri LAF, LAS ed LAI in conformità al D.M. del 16/03/1998.

85 Rumore Ambientale (NS5) Il programma individua le componenti impulsive in base a: durata dell'impulso a -10 db da LAFmax dell impulso differenza tra LAI e LAS in corrispondenza dell impulso Media oraria degli impulsi nel periodo diurno e notturno

86 Rumore Ambientale (NS5) Il programma visualizza gli impulsi sul profilo temporale.

87 Rumore Ambientale (NS5) Il programma visualizza la distribuzione oraria degli impulsi e le soglie definite nel D.M. del 16/03/1998 Vengono calcolati: Il numero di impulsi e la media oraria sul tracciato Il numero di impulsi totale, il numero di impulsi in ciascuna ora e la media oraria nel periodo diurno Il numero di impulsi totale, il numero di impulsi in ciascuna ora e la media oraria nel periodo notturno

88 Rumore Ambientale (NS5) Il programma visualizza il numero di impulsi ogni ora e le soglie definite nel D.M. del 16/03/1998. Il programma compila una tabella con l elenco degli impulsi rilevati. Per ciascun impulso viene riportata data di inizio, durata, LAFmax e LAImax-LASmax.

89 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Modulo Isolamento Acustico Il modulo Isolamento Acustico viene utilizzato per il calcolo dei parametri acustici degli edifici in conformità alle norme ISO 140 e per la valutazione dei requisiti acustici passivi degli edifici secondo il D.P.C.M. del 05/12/1997. In particolare gestisce le misure e il calcolo di: tempo medio di riverberazione ed area di assorbimento equivalente (ISO 3382) coefficiente di assorbimento sonoro (ISO 354) isolamento per via aerea tra due stanze: indici R, R, Rw, R w, DnT,w (ISO 140-3, ISO ed ISO 717-1) isolamento di facciate ed elementi di facciata: indici Rtheta e D2m,nT,w (ISO ed ISO 717-1). isolamento dei solai dal rumore da impatto: indici Ln,w, D, L'n,w, LnT,w (ISO 140-6, ISO 140-7, ISO ed ISO 717-2). Il modulo comprende un database di pareti e solai con relativi indici e attenuazioni in frequenza.

90 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Selezione della valutazione da effettuare Il programma, dopo avere scelto il tipo di valutazione da effettuare, permette di creare un progetto dove salvare tutte le informazioni e le elaborazioni.

91 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Tempo di Riverbero Medio Area di Assorbimento Equivalente A partire da una serie di misure, acquisite dal fonometro con la misura del tempo di riverbero, il programma calcola il valore medio di uno dei parametri EDT, T10, T20 o T30. Inserendo il volume della stanza il programma calcola l area di assorbimento equivalente.

92 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Viene fornito il tempo di riverbero medio (EDT, T10, T20, T30 ) ed eventualmente l Area di Assorbimento Equivalente della stanza in esame.

93 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Coefficiente di Assorbimento Sonoro misura in laboratorio (ISO 354) Viene calcolato il coefficiente di assorbimento sonoro dell'oggetto in base ai tempi di riverbero medi di una stanza di prova in assenza dell'oggetto in esame e poi con l'oggetto presente. Vengono tenute in considerazione anche le caratteristiche della stanza in cui si esegue la misura

94 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Vengono riportati i valori del coefficiente di assorbimento sonoro ed i tempi di riverbero medi relativi alla stanza vuota (Te) ed alla stanza in presenza dell'elemento sotto test (Ts).

95 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Potere Fonoisolante ed indici di riduzione sonora misure in laboratorio e sul campo R, R, DnT (ISO ed ISO 140-4) Il calcolo si effettua confrontando lo spettro sonoro medio nella stanza sorgente e nella stanza ricevente (dopo aver considerato gli effetti del rumore di fondo). Come fattore di correzione dei calcoli si utilizza l'area di assorbimento equivalente della stanza ricevente.

96 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Dopo avere calcolato gli spettri medi nella stanza sorgente e nella stanza ricevente e l'area di assorbimento equivalente della stanza ricevente, il programma calcola l'indice di riduzione sonora R (R per misure sul campo) secondo la norma ISO (ISO per misure sul campo). Per misure effettuate sul campo il programma calcola inoltre l isolamento acustico standardizzato DnT secondo la norma ISO Vengono anche calcolati l'indice di valutazione globale Rw (R w e DnT,w per misure sul campo) con i coefficienti di adattamento allo spettro C e Ctr definiti nella norma ISO 717-1:1997.

97 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Indici di valutazione globale E possibile visualizzare in dettaglio la determinazione degli indici di valutazione globali mediante il confronto con la curva ISO di riferimento secondo la ISO

98 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Indici di valutazione globale Viene anche fornita una tabella di confronto con i limiti di legge (Dpcm 5/12/98) per le varie tipologie di ambienti abitativi

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

HEADQUARTERS: DK-2850

HEADQUARTERS: DK-2850 Il rumore ambientale Contenuti Informazioni sull opuscolo... 3 Introduzione... 4 Cos è il suono?... 7 Tipi di rumore... 14 Propagazione del rumore nell ambiente... 16 Identificazione delle sorgenti di

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

F.Gerola; L. Mattevi INTRODUZIONE

F.Gerola; L. Mattevi INTRODUZIONE Misurazioni fonometriche del rumore prodotto dal traffico stradale e dai veicoli F.Gerola; L. Mattevi Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente - Provincia autonoma di Trento INTRODUZIONE Il

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico VenereBeautySPA Ver. 3.5 Gestione Parrucchieri e Centro Estetico Gestione completa per il tuo salone Gestione clienti e servizi Tel./Fax. 095 7164280 Cell. 329 2741068 Email: info@il-software.it - Web:

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

La legge quadro sull inquinamento acustico

La legge quadro sull inquinamento acustico La legge quadro sull inquinamento acustico MASSIMO DONZELLINI** - FRANCESCO FERRARI *** - VALERIO MANZONI*** MARIO NOVO* 1. INTRODUZIONE L inquinamento da rumore, dovuto alle varie attività umane, traffico

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 (Fonte Ministero Dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) Linee guida, relative alla definizione delle modalità con cui gli operatori

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

TOPVIEW Rel. 1.00 06/02/14

TOPVIEW Rel. 1.00 06/02/14 Windows software per strumenti di verifica Pag 1 of 16 1. GENERALITA SOFTWARE TOPVIEW Il software professionale TopView è stato progettato per la gestione di dati relativi a strumenti di verifica multifunzione

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Acustica: La qualità del suono. Tempo di riverberazione

Acustica: La qualità del suono. Tempo di riverberazione Rita D Ostuni matr. 13918, Anastasia Porcu matr. 03410 Lezione del 1/05/014 ora 09:30-1:30 Acustica: La qualità del suono INDICE della lezione del 1/05/014 - Tempo di riverberazione 1 - La risposta all

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE INDICE GENERALE INDICE GENERALE... 1 1.0 PREMESSA... 2 1.1 Il QUADRO NORMATIVO... 4 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE... 7 1.3 QUADRO CONOSCITIVO PRELIMINARE... 13

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE Il POLITECNICO di BARI Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura promuove ed organizza IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE (istituito ai sensi

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI

SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI Quaderno Tecnico SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO Quaderno Tecnico SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI www.mapei.com ADESIVI SIGILLANTI PRODOTTI CHIMICI PER L

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

User guide Conference phone Konftel 100

User guide Conference phone Konftel 100 User guide Conference phone Konftel 100 Dansk I Deutsch I English I Español I Français I Norsk Suomi I Svenska Conference phones for every situation Sommario Descrizione Connessioni, accessoires, ricambi

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Manuale operativo

METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Manuale operativo METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO PRESENTAZIONE Le malattie professionali e in particolare le ipoacusie, che costituiscono in Italia ancora una delle

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli