Noise Studio ver 7.0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Noise Studio ver 7.0"

Transcript

1 Noise Studio ver 7.0 NoiseStudio e il software DeltaOhm per la gestione dei dati provenienti da: Fonometri HD2010UC-UC/A - HD2110L Vibrometri HD2030 HD2070 Permette di configurare i parametri dello strumento, scaricare i dati e visualizzarli. Il software inoltre offre 5 moduli applicativi per effettuare analisi specifiche: 1. Protezione Lavoratori (rumore e vibrazioni) 2. Clima Acustico 3. Rumore Ambientale 4. Isolamento Acustico 5. Monitor Questi moduli sono attivabili singolarmente come opzioni e funzionano con chiave hardware USB. I vari moduli sono sempre attivi in modalità demo. In questa modalità tutte le funzioni del software sono disponibili ma si possono usare solo i dati forniti nei file di esempio installati con il programma.

2 Modulo Base avvio e arresto memorizzazione impostare i parametri di configurazione scaricare i dati contenuti nella memoria dello strumento visualizzarli in forma tabellare o grafica eseguire mascheramenti di eventi nelle time history visualizzare e salvare su file le misure acquisite dallo strumento in tempo reale stampare i dati ed esportarli in formato Excel o in formato testo copiare e incollare in un'altra applicazione come grafico o come testo aggiornare il firmware dello strumento

3 Modulo Base: gestione Connessioni pc USB RS232 GESTIONE BASE DELLO STRUMENTO Connettere/disconnetere lo strumento Impostare i parametri di configurazione della connessione Configurare i parametri dello strumento Scaricare i dati dalla memoria interna dello strumento. Visualizzare lo stato corrente dello strumento Cancellare la memoria interna dello strumento. Attivare le opzioni avanzate FUNZIONI DI GESTIONE AVANZATE Aggiornamento firmware dello strumento Attivazione sul fonometro del programma per la misura del T60 Attivazione della procedura di sostituzione microfono Formattazione della memory card Attivazione controlli diagnostici sullo strumento

4 Visualizzazione impostazioni correnti dello strumento Modulo Base : setup

5 Modulo Base : setup Creazione di setup Invio setup allo strumento

6 Modulo Base : setup Data/ora Ingresso/Uscita Misura Calibrazione

7 Modulo Base : setup Setup strumento SLM Profilo Statistica

8 Modulo Base : setup Analisi spettrale CPB 1/1 e 1/3 FFT

9 Modulo Base: setup Memorizzazione Misure Rapporti Eventi

10 Modulo Base: VISUALIZZAZIONI Spettro CPB 1/3 ottava Spettro CPB 1/1 ottava Time history profilo

11 Modulo Base: VISUALIZZAZIONI Spectral time history

12 Modulo Base: VISUALIZZAZIONI Sonogramma CPB Waterfall Isofoniche ( )

13 Modulo Base: VISUALIZZAZIONI FFT vs Time Sonogramma

14 Modulo Base: VISUALIZZAZIONI

15 Modulo Base: SLM - Profilo

16 Modulo Base: MARKER

17 Modulo Base: Ricalcolo Ricalcolo su parametri e intervalli definibili da utente

18 Modulo Base: EXPORT Esport in formato Excel Copia/incolla di grafici e valori numerici

19 Modulo Base: EXPORT PDF Stampa in pdf Grafici Tabelle

20 Protezione Lavoratori (NS1) Modulo Protezione Lavoratori Il modulo Protezione Lavoratori viene utilizzato per raccogliere ed elaborare i rilievi di rumore e di vibrazioni effettuati negli ambienti di lavoro. Verifica dell esposizione al rumore dei lavoratori secondo D.Lgs 81/2008 (oppure 277/91), UNI 9432/2011, UNI EN ISO 9612/2011. valutazione secondo la norma UNI EN 458 del tipo di dispositivo di protezione individuale (DPI) calcolo dell indice di impulsivita delle macchine in conformità alla norma UNI 9432/2011 Verifica dell esposizione alle vibrazioni dei lavoratori secondo il D. Lgs 81/2008 e le norme ISO : 2001 (Mano-Braccio) e ISO :1997 (Corpo Intero) Il modulo permette di effettuare un analisi simultanea del rumore e delle vibrazioni emesse da ogni singola macchina con gestione delle incertezze associate alle varie misure in conformità alla norma UNI 9432/2011. Analisi Rumore Analisi Vibrazioni

21 Protezione Lavoratori (NS1) Il programma gestisce le varie sorgenti di rumore mediante Fogli Macchina dove vengono raggruppate tutte le informazioni sulle emissioni di rumore (livelli e spettro) Livelli equivalenti ponderati A e C livello di picco ponderato C tempo di misura Indicazione della eventuale misura dello spettro medio (per banda d ottava) Modello del Dispositivo di Protezione Individuale selezionato Attenuazione introdotta dal DPI e Livello equivalente corretto per la presenza del dispositivo di protezione In presenza di rumore di tipo impulsivo viene inserito il tipo di impulsività secondo la norma UNI EN 458:2004 Indicazione della presenza di sostanze ototossiche, Indicazione della presenza di vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio, Indicazione della presenza di vibrazioni trasmesse al corpo intero Indicazione della presenza di allarmi sonori

22 Protezione Lavoratori (NS1) Per rumori costanti (LASmax LASmin < 3 db), il programma consente di elaborare i dati provenienti dalla registrazione del profilo temporale dei livelli sonori. Il programma permette di mascherare porzioni del tracciato e di calcolare livelli sonori sulla parte di profilo registrato contenente le sorgenti sonore.

23 Protezione Lavoratori (NS1) Per rumori ciclici dalla registrazione del profilo temporale dei livelli sonori è possibile, conoscendo per esempio i cicli giornalieri di lavoro di una macchina, calcolare i livelli di esposizione complessivi.

24 Protezione Lavoratori (NS1) Per rumori impulsivi dalla registrazione del profilo temporale dei livelli sonori è possibile verificare automaticamente la presenza ed il numero di impulsi. E possibile quindi calcolare l indice di impulsività della misura secondo UNI 9432/11

25 Protezione Lavoratori (NS1) Il programma elabora i livelli di esposizione mediante Fogli Lavoratore dove vengono raggruppate tutte le informazioni sulle esposizioni Leq: livelli equivalenti ponderati A e C LAIeq: livello equivalente impulse LCpkmax: Livello di picco massimo ponderato C Te: Tempo di esposizione per sorgente LEx,8h:Livello di esposizione per sorgente Spettro: indica se è stata effettuata anche la misura dello spettro per bande d ottava DPI: modello Individuale. del Dispositivo di Protezione Percentuale del tempo di esposizione in cui è stato utilizzato il DPI Atten. (db): Attenuazione introdotta dal DPI LAeq corr.: Livello equivalente corretto in base all attenuazione del DPI LEx,8h corr: Livello di esposizione corretto riferito alla sorgente specificata Incidenza: Incidenza percentuale della sorgente specificata rispetto al livello di esposizione totale del lavoratore Nel caso la sorgente emetta rumori impulsivi viene indicato il tipo di impulsività secondo la norma UNI EN 458:2004 Indicazione presenza di sostanze ototossiche, allarmi sonori e vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio e/o al corpo intero

26 Protezione Lavoratori (NS1) E possibile selezionare la normativa di riferimento D.Lgs 81/08 o D.Lgs 277/91 E possibile selezionare i DPI da un database personalizzabile Si puo inserire un coefficiente α di efficienza del dispositivo, per tenere conto delle condizioni di utilizzo reali. Si puo di scegliere la copertura statistica del DPI e la sua percentuale di utilizzo. Viene calcolata l attenuazione efficace fornita dal DPI ed i livelli LAeq ed LCpk corretti Viene gestito il doppio DPI e l attenuazione in presenza di rumori impulsivi. Viene data indicazione della qualità delle protezioni (secondo la norma UNI EN 458)

27 Protezione Lavoratori (NS1) Per ogni lavoratore viene fornito un RIEPILOGO delle esposizioni nei vari giorni della settimana, I dati dell Azienda, I dati del Lavoratore, Il tempo di esposizione per ogni giorno lavorativo della settimana, I livelli LEP,d ed LEP,w (e le eventuali classi di appartenenza) Il livello di picco

28 Protezione Lavoratori (NS1) Viene fornito un riepilogo delle esposizioni dei vari lavoratori nei vari giorni della settimana con e senza DPI. Viene inoltre fornito un riepilogo dei DPI utilizzati

29 Protezione Lavoratori (NS1) Il programma prevede la possibilità di creare un Progetto per gestire contemporaneamente i rilievi fonometrici, le sorgenti di rumore, tutti i lavoratori e tutta la documentazione aggiuntiva che puo essere utile ad una relazione.

30 Protezione Lavoratori (NS1) Il programma permette di gestire le incertezze associate ai vari tipi di misure in conformità alla norma UNI 9432/2011

31 Protezione Lavoratori (NS1) Nel caso di rumore fluttuante con misure a campionamento, il programma calcola la media delle misure effettuate e l incertezza composta.

32 Protezione Lavoratori (NS1) Le incertezze estese associate alle varie misure vengono riportate sul foglio macchine dove è possibile scegliere il fattore di copertura (di norma il 95%).

33 Protezione Lavoratori (NS1) Modulo Protezione Lavoratori Analisi Vibrazioni Gestione integrata VIBRAZIONI RUMORE Database ditte e lavoratori integrato Il modulo Protezione Lavoratori viene utilizzato per raccogliere ed elaborare le misure di vibrazioni effettuate negli ambienti di lavoro. Permette di verificare l esposizione alle vibrazioni dei lavoratori secondo il D. Lgs 81/2008 e le norme ISO :2001 (Mano-Braccio) e ISO :1997 (Corpo Intero) Permette la gestione delle incertezze associate alle varie misure. Permette la verifica di fenomeni di DC Shift nelle misure. Permette di collegarsi alla banca dati vibrazioni dell ISPESL e scaricare le schede sulle vibrazioni emesse da varie macchine.

34 Protezione Lavoratori (NS1) Gestione INCERTEZZE Gestione secondo NORME DI RIFERIMENTO

35 Protezione Lavoratori (NS1) Gestione delle sorgenti di vibrazione Il programma permette di gestire le varie sorgenti di vibrazioni mediante Fogli Macchina dove vengono raggruppate tutte le informazioni sulle emissioni delle varie macchine in esame.

36 Protezione Lavoratori (NS1) Ciascuna sorgente è caratterizzata dalle seguenti informazioni presenti nel Foglio macchina : MISURA MANO BRACCIO (differenziata SX ed DX) Acc. equivalente Aw lungo gli assi X,Y,Z Acc. equivalente del vettore somma Aw sum Acc.max breve periodo Tempo di misura Tipo di vibrazione (Cost.Flutt.Cicl.Imp.) Tipo/num.misure Tipo di analisi (parziale, tutto il periodo, +gravosa) Indice di impulsività DPI eventualmente utilizzati MISURA CORPO INTERO Acc.equivalente Aw lungo gli assi X,Y,Z Vettore Acc.equivalente massima dei 3 assi Acc.max breve periodo Tempo di misura Tipo di vibrazione (Cost.Flutt.Cicl.Imp.) Tipo/num.misure Tipo di analisi (parziale, tutto il periodo, +gravosa) Indice di impulsività Presenza di rumore

37 Protezione Lavoratori (NS1) Il programma consente di elaborare i dati provenienti dalla registrazione del profilo temporale dei livelli di vibrazione. Permette di mascherare porzioni del tracciato e di ricalcolare livelli di vibrazioni solo sulla parte interessante del profilo registrato.

38 Protezione Lavoratori (NS1) MASCHERAMENTO DEI PROFILI Tipo di analisi Elaborazione automatica del massimo livello di vibrazione dopo il mascheramento degli eventi a prescindere dall asse in cui si manifesta (Corpo intero)

39 Protezione Lavoratori (NS1) UNIONE DI PIU SORGENTI Utile quando si esegue la misura sia sul braccio DX che sul braccio SX

40 Protezione Lavoratori (NS1) MEDIA SU PIU MISURE Calcolo inclusa incertezza

41 BREVE PERIODO Calcolo dell accelerazione di Breve Periodo con estrazione del livello massimo L accelerazione di breve periodo è il valore di accelerazione che non può essere superato anche se per periodi di tempo brevi (l intervallo temporale non è definito nelle normative). Noise studio permette di definire un intervallo di tempo utente per poter valutare tale parametro correttamente e a seconda delle esigenze. Aeq Breve Periodo Aeq Breve Periodo Valore Valore Max Max accelerazione accelerazione di di BP BP Intervallo Intervallo per per il il calcolo calcolo Aeq Aeq BP BP

42 Protezione Lavoratori (NS1) CALCOLO ESPOSIZIONE Selezione lavoratore TASK LAVORATORE TEMPO ESPOSIZIONE NUMERO DI CICLI NUMERO DI IMPULSI EVENTUALE ESTENSIONE AI RESTANTI GIORNI DELLA SETTIMANA

43 Protezione Lavoratori (NS1) SINTESI DELL ESPOSIZIONE PERSONALE Giornaliera Settimanale Per Per ogni ogni lavoratore lavoratore viene viene fornito fornito un un RIEPILOGO RIEPILOGO delle esposizioni nei vari giorni della settimana delle esposizioni nei vari giorni della settimana I dati dell Azienda, I dati dell Azienda, I I dati dati del del Lavoratore, Lavoratore, Il tempo di esposizione per ogni giorno Il tempo di esposizione per ogni giorno lavorativo lavorativo della della settimana, settimana, I livelli A8 ed Max Aw I livelli A8 ed Max Aw

44 Protezione Lavoratori (NS1) SINTESI ESPOSIZIONI LAVORATORI Viene Viene fornito fornito un un riepilogo riepilogo delle delle esposizioni esposizioni dei dei lavoratori lavoratori nei nei giorni giorni della della settimana. settimana. LAVORATORI Esposiz.HA Esposiz.WB

45 Protezione Lavoratori (NS1) STAMPA DEI REPORT SORGENTI VIBRAZIONI SORGENTI RUMORE

46 Protezione Lavoratori (NS1) STAMPA DEI REPORT SORGENTE ASSOCIATA AL LAVORATORE SINTESI SETTIMANALE

47 Protezione Lavoratori (NS1) Il Il software software permette permette di di collegarsi collegarsi alla alla banca banca dati dati vibrazioni vibrazioni ISPESL ISPESL e e salvare salvare le le schede schede delle delle vibrazioni vibrazioni emesse emesse dalle dalle varie varie macchine. macchine.

48 Protezione Lavoratori (NS1) ANALISI DC SHIFT Il programma e in grado di rilevare eventuali fenomeni di DC shift a partire dai campioni ADC della misura effettuata.

49 Inquinamento acustico (NS2A) Modulo Inquinamento Acustico Il modulo Inquinamento Acustico viene utilizzato per misure ed analisi in conformità alla Legge quadro n.447/1995 e successive modificazioni. Il programma valuta il disturbo arrecato alla popolazione da parte di sorgenti specifiche di rumore come installazioni industriali, porti, strade, autostrade, ferrovie ed aeroporti. L analisi dei livelli di rumore viene effettuata in conformità al Decreto Ministeriale del 16/03/1998. L' analisi del clima acustico a scopo di mappatura del territorio viene effettuata su base giornaliera, settimanale ed annuale in conformità al D.L. 194 del 19/08/2005.

50 Inquinamento acustico (NS2A) Modulo Inquinamento Acustico: Analisi di Clima Acustico L analisi di clima acustico viene utilizzata per la mappatura dei livelli di rumore cui è sottoposta la popolazione causati da installazioni industriali, porti, strade, autostrade, ferrovie ed aeroporti. L' analisi viene effettuata su base giornaliera, settimanale ed annuale con risoluzione massima pari ad 1 minuto, in conformità al D.L. 194 del 19/08/2005. Le funzioni principali del programma sono: Analisi di profili di livello sonoro acquisiti con fonometri HD2010- HD2110 sia direttamente che mediante il modulo Monitor. Flessibilità ed efficienza nella composizione del tracciato a partire da profili misurati con la possibilità di inserire maschere. Calcolo dei descrittori Lday, Levening, Lnight, Lden Calcoli statistici globali, parziali e ad intervalli. Identificazione di eventi sonori e calcolo di parametri caratteristici (durata, SEL, LAeq, LF max, statistica)

51 Inquinamento acustico (NS2A) Il programma è articolato in 3 fasi di analisi Analisi Giornaliera: La misura si articola in 24 ore con una risoluzione pari ad 1 secondo. In questa fase vengono elaborati profili di livello sonoro oppure spettri con risoluzioni da 1/8s ad 1s. L analisi comprende la ricerca di eventi sonori in genere ed il calcolo dei livelli statistici. Il programma calcola i descrittori del rumore considerando eventuali maschere. Analisi Settimanale: La misura si articola in 7 giorni dal lunedì alle ore 00:00:00 alla domenica alle ore 23:59:59 con risoluzioni pari ad 1 minuto ed 1 ora. In questa fase si possono analizzare profili di livelli sonori oppure spettri con risoluzione pari ad 1 secondo che siano stati elaborati nella fase precedente oppure misurati direttamente. L analisi comprende la ricerca di eventi sonori ed il calcolo dei livelli statistici. Analisi Annuale:La misura si articola in 365 giorni con giorno di inizio 1 gennaio e risoluzione pari ad 1 ora. In questa fase si analizzano i profili elaborati nella fase di analisi settimanale.

52 Inquinamento acustico (NS2A) Analisi Giornaliera Viene visualizzato il profilo del rumore suddiviso nelle zone diurno, serale, notturno Vengono calcolati i descrittori Lday, Levening, Lnight e il livello Leq 24h Viene fornita la statistica globale, parziale (periodi diurno, serale, notturno) statistica oraria, o su un intervallo definibile dall utente

53 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile ricercare automaticamente eventi rumorosi con l indicazione dei livelli LAE, Leq, Lmax, 4 percentili L5, L10, L90, L95 e la statistica completa

54 Inquinamento acustico (NS2A) L elaborazione del profilo giornaliero con risoluzione 1 minuto o 1 ora include 6 percentili a scelta

55 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile effettuare una ricerca automatica di impulsi su profili dei parametri LIp e LCpk Nel caso di profili registrati con audio associato (Modulo Monitor), e possibile ascoltare la registrazione sonora sincronizzata con il profilo del livello sonoro.

56 Inquinamento acustico (NS2A) Il profilo dello spettro viene visualizzato in un grafico bidimensionale a mappa di colore.

57 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile visualizzare il profilo della statistica associata allo spettro, calcolata ad intervalli prefissati, in un grafico a mappa di colore.

58 Inquinamento acustico (NS2A) Analisi Settimanale: rumore stradale grafico del profilo suddiviso nelle zone diurno, serale, notturno livelli equivalenti nei periodi giorno,sera, notte (e il livello equivalente sulla settimana. statistica globale, parziale (periodi diurno, serale, notturno) oppure al minuto, o su un intervallo definibile dall utente

59 Inquinamento acustico (NS2A) Sul profilo e' possibile visualizzare i parametri Lmax, Running Leq, Lday, Levening, Lnight e l andamento di 6 percentili a scelta.

60 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile calcolare i profili statistici dei livelli assunti da una singola banda selezionabile.

61 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile elaborare i profili statistici delle bande dello spettro ad un certo istante.

62 Inquinamento acustico (NS2A) RUMORE STRADALE: Livelli orari (intera settimana) Livelli giornalieri Day/Evening/Night Diurno/Notturno Custom Grafici dei livelli con risoluzioni personalizzabili

63 Inquinamento acustico (NS2A) RUMORE STRADALE: ANALISI STATISTICHE Grafico 1: decorso temporale del LAeq per il periodo settimanale in intervalli orari (grafico superiore). rappresentazione a colori della distribuzione di probabilità dei livelli. Tale rappresentazione sintetizza efficacemente dove si posiziona la popolazione dei livelli sonori. distribuzione relativa ad un determinato orario (quello relativo alla posizione del cursore per esempio): dal grafico si evince che nell intervallo compreso tra le ore e le del 12/02/2008 la maggior parte dei livelli sonori si aggira attorno ai 62dB. Grafico 2: rappresentazione a colori della distribuzione cumulativa dei livelli sonori. distribuzione cumulativa ad un determinato orario (quello relativo alla posizione del cursore per esempio): dal grafico si evince che nell intervallo compreso tra le ore e le del 12/02/2008 il livello 55dB è stato superato per il 96.7% del tempo.

64 Inquinamento acustico (NS2A) RUMORE STRADALE: ANALISI STATISTICHE Grafico 3: rappresentazione a colori della distribuzione dei livelli sonori percentili LN (percentilogramma). Tale rappresentazione ci dice come i livelli sonori percentili si posizionano nel tempo e in ampiezza. Nella finestra a sinistra è possibile per esempio vedere per una determinata fascia oraria che il livello L50 ha un valore di 60.2dB. Tutti gli altri livelli sono visibili spostando il cursore.

65 Inquinamento acustico (NS2A) Analisi Annuale Il programma visualizza il grafico con il profilo annuale dei livelli. Il programma calcola i descrittori nei periodi giorno,sera notte in conformità alla legislazione vigente. Il programma elabora la statistica globale e parziale, sia per i periodi diurno, serale e notturno che su un intervallo definibile dall utente.

66 Inquinamento acustico (NS2A) Sul profilo dei livelli e' possibile effettuare elaborazioni aggiuntive come ricerca di eventi, mascheramento intervalli, elaborazioni statistiche. E' possibile modificare la risoluzione temporale del tracciato visualizzato scegliendo tra ora, giorno, settimana e mese

67 Inquinamento acustico (NS2A) Sul profilo dei livelli e' possibile inserire i parametri Lmax, Running Leq, Lday, Levening, Lnignt e l andamento di 6 percentili a scelta.

68 Inquinamento acustico (NS2A) Si possono elaborare il profilo dello spettro medio, massimo oppure minimo.

69 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile inoltre elaborare i profili statistici delle bande dello spettro ad un certo istante.

70 Inquinamento acustico (NS2A) Analisi Traffico Ferroviario Permette valutare il rumore da traffico ferroviario, in conformità al decreto 16/03/98, D.P.C.M. 459 del 18/11/98, D.Lgs. 194 del 19/08/2005 ed alla direttiva comunitaria 2002/49/CE. Analizza profili di livello sonoro acquisiti con fonometri HD2010- HD2110 sia direttamente che mediante il modulo Monitor. Il programma identifica automaticamente gli eventi sul tracciato, calcola i parametri di ogni evento (durata, SEL, LAeq, LFmax) e fornisce i descrittori Leq,TR diurno Leq,TR serale Leq,TR notturno Leq,TR globale.

71 Inquinamento acustico (NS2A) Traffico ferroviario: identificazione automatica eventi sonori

72 Inquinamento acustico (NS2A) Traffico ferroviario: modifica eventi

73 Inquinamento acustico (NS2A) E possibile aggiungere manualmente eventi al tracciato Traffico ferroviario: inserimento e modifica manuale

74 Inquinamento acustico (NS2A) Traffico ferroviario: export e stampa dati Report automatico Stampa pdf Copia/incolla Export txt e immagine

75 Inquinamento acustico (NS2A) Per verificare che l evento sia effettivamente attribuibile ad un convoglio ferroviario può rivelarsi utile l analisi spettrale eseguita in modalità multispettro. Se, assieme al profilo del livello sonoro LAF, viene memorizzato il profilo dello spettro per bande di terzo d ottava, il programma visualizzerà, oltre al tracciato del livello sonoro, il sonogramma a colori.

76 Inquinamento acustico (NS2A) Traffico ferroviario: analisi statistica Distribuzione di probabilità Distribuzione cumulativa Livelli percentili

77 Modulo Monitor (NS4) MODULO MONITOR: ACQUISIZIONE DIGITALE SU PC acquisizione del profilo Acquisizione eventi Audio Record a soglia Monitoraggi lunga durata

78 Modulo Monitor (NS4) Selezionando un evento dalla lista e premendo il tasto play e possibile MODULO ascoltare MONITOR: l audio ACQUISIZIONE dell evento mentre DIGITALE un indicatore SU PC sul grafico del profilo indicherà il livello sonoro corrispondente all istante di ascolto. Riascolto tracce audio per identificazione eventi sonori

79 Rumore Ambientale (NS5) Ricerca Tonali ed Impulsi Viene utilizzata per le valutazioni di inquinamento acustico e del disturbo arrecato alla popolazione da parte di sorgenti specifiche di rumore in conformità al D.M. del 16/03/1998. In particolare identifica automaticamente componenti tonali ed impulsive del rumore, e semplifica la valutazione della loro stazionarieta' e ripetitivita'. L analisi viene effettuata su base giornaliera in conformità al D.M. 16 marzo Analizza profili di livello sonoro acquisiti con fonometri HD2010- HD2110 sia direttamente che mediante il modulo Monitor. Il programma permette di mascherare una o piu parti del tracciato. Il software calcola Leq Lmax, Lmin del tracciato con e senza mascheramenti e fornisce informazioni statistiche globali e parziali.

80 Rumore Ambientale (NS5) Ricerca Tonali Si utilizza un profilo di spettri con risoluzione adeguata ad isolare la sorgente disturbante dal rumore casuale residuo. Il profilo del canale a banda larga ponderato A, associato alla misura di spettro, viene utilizzato per calcolare il Leq sul tempo di misura e per l analisi di spettro minimo richiesta dal D.M. 16/03/1998. Il programma visualizza il profilo del canale a banda larga ed il profilo dello spettro per bande di terzo d ottava in un grafico a mappa di colore.

81 Modulo Monitor (NS5) Il programma individua le componenti tonali penalizzanti secondo il criterio definito nel D.M. 16/03/1998. L udibilità della componente spettrale individuata viene stabilita automaticamente confrontando l isofonica associata alla CT con le altre bande dello spettro. Per considerare l incertezza di misura l utilizzatrore può modificare i parametri di identificazione delle componenti tonali.

82 Rumore Ambientale (NS5) Il programma fornisce una tabella riassuntiva delle componenti tonali individuate. La stazionarietà della componente tonale, requisito essenziale per poterla considerare disturbante secondo il D.M. del 16/03/1998, è facilmente valutabile esaminando il profilo di persistenza della componente elaborato dal programma. Una soglia impostabile permette di fissare automaticamente la stazionarietà.

83 Rumore Ambientale (NS5) Noise Studio visualizza: il profilo temporale delle componenti tonali in un grafico a mappa di colore dove sono riportati i valori in phon la persistenza delle eventuali componenti tonali identificate dal programma, indicata come percentuale sul tempo di misura.

84 Rumore Ambientale (NS5) Ricerca Impulsi La ricerca delle componenti impulsive si effettua sul profilo temporale dei parametri LAF, LAS ed LAI in conformità al D.M. del 16/03/1998.

85 Rumore Ambientale (NS5) Il programma individua le componenti impulsive in base a: durata dell'impulso a -10 db da LAFmax dell impulso differenza tra LAI e LAS in corrispondenza dell impulso Media oraria degli impulsi nel periodo diurno e notturno

86 Rumore Ambientale (NS5) Il programma visualizza gli impulsi sul profilo temporale.

87 Rumore Ambientale (NS5) Il programma visualizza la distribuzione oraria degli impulsi e le soglie definite nel D.M. del 16/03/1998 Vengono calcolati: Il numero di impulsi e la media oraria sul tracciato Il numero di impulsi totale, il numero di impulsi in ciascuna ora e la media oraria nel periodo diurno Il numero di impulsi totale, il numero di impulsi in ciascuna ora e la media oraria nel periodo notturno

88 Rumore Ambientale (NS5) Il programma visualizza il numero di impulsi ogni ora e le soglie definite nel D.M. del 16/03/1998. Il programma compila una tabella con l elenco degli impulsi rilevati. Per ciascun impulso viene riportata data di inizio, durata, LAFmax e LAImax-LASmax.

89 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Modulo Isolamento Acustico Il modulo Isolamento Acustico viene utilizzato per il calcolo dei parametri acustici degli edifici in conformità alle norme ISO 140 e per la valutazione dei requisiti acustici passivi degli edifici secondo il D.P.C.M. del 05/12/1997. In particolare gestisce le misure e il calcolo di: tempo medio di riverberazione ed area di assorbimento equivalente (ISO 3382) coefficiente di assorbimento sonoro (ISO 354) isolamento per via aerea tra due stanze: indici R, R, Rw, R w, DnT,w (ISO 140-3, ISO ed ISO 717-1) isolamento di facciate ed elementi di facciata: indici Rtheta e D2m,nT,w (ISO ed ISO 717-1). isolamento dei solai dal rumore da impatto: indici Ln,w, D, L'n,w, LnT,w (ISO 140-6, ISO 140-7, ISO ed ISO 717-2). Il modulo comprende un database di pareti e solai con relativi indici e attenuazioni in frequenza.

90 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Selezione della valutazione da effettuare Il programma, dopo avere scelto il tipo di valutazione da effettuare, permette di creare un progetto dove salvare tutte le informazioni e le elaborazioni.

91 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Tempo di Riverbero Medio Area di Assorbimento Equivalente A partire da una serie di misure, acquisite dal fonometro con la misura del tempo di riverbero, il programma calcola il valore medio di uno dei parametri EDT, T10, T20 o T30. Inserendo il volume della stanza il programma calcola l area di assorbimento equivalente.

92 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Viene fornito il tempo di riverbero medio (EDT, T10, T20, T30 ) ed eventualmente l Area di Assorbimento Equivalente della stanza in esame.

93 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Coefficiente di Assorbimento Sonoro misura in laboratorio (ISO 354) Viene calcolato il coefficiente di assorbimento sonoro dell'oggetto in base ai tempi di riverbero medi di una stanza di prova in assenza dell'oggetto in esame e poi con l'oggetto presente. Vengono tenute in considerazione anche le caratteristiche della stanza in cui si esegue la misura

94 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Vengono riportati i valori del coefficiente di assorbimento sonoro ed i tempi di riverbero medi relativi alla stanza vuota (Te) ed alla stanza in presenza dell'elemento sotto test (Ts).

95 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Potere Fonoisolante ed indici di riduzione sonora misure in laboratorio e sul campo R, R, DnT (ISO ed ISO 140-4) Il calcolo si effettua confrontando lo spettro sonoro medio nella stanza sorgente e nella stanza ricevente (dopo aver considerato gli effetti del rumore di fondo). Come fattore di correzione dei calcoli si utilizza l'area di assorbimento equivalente della stanza ricevente.

96 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Dopo avere calcolato gli spettri medi nella stanza sorgente e nella stanza ricevente e l'area di assorbimento equivalente della stanza ricevente, il programma calcola l'indice di riduzione sonora R (R per misure sul campo) secondo la norma ISO (ISO per misure sul campo). Per misure effettuate sul campo il programma calcola inoltre l isolamento acustico standardizzato DnT secondo la norma ISO Vengono anche calcolati l'indice di valutazione globale Rw (R w e DnT,w per misure sul campo) con i coefficienti di adattamento allo spettro C e Ctr definiti nella norma ISO 717-1:1997.

97 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Indici di valutazione globale E possibile visualizzare in dettaglio la determinazione degli indici di valutazione globali mediante il confronto con la curva ISO di riferimento secondo la ISO

98 Isolamento Acustico (NS3) V.6.9 Indici di valutazione globale Viene anche fornita una tabella di confronto con i limiti di legge (Dpcm 5/12/98) per le varie tipologie di ambienti abitativi

NoiseStudio e il software DeltaOhm per la gestione dei dati provenienti da:

NoiseStudio e il software DeltaOhm per la gestione dei dati provenienti da: NoiseStudio ver 6.0 NoiseStudio e il software DeltaOhm per la gestione dei dati provenienti da: Fonometri HD2010 - HD2110 Vibrometri HD2030 Permette di configurare i parametri dello strumento, scaricare

Dettagli

Caratteristiche principali del software

Caratteristiche principali del software Caratteristiche principali del software Introduzione Il software DeltaLog5Edilizia è stato progettato per la determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici secondo il D.P.C.M. del 05/12/1997.

Dettagli

HD2010 UC/A [ I ] Fonometro integratore Analizzatore portatile. Schermata base. Profilo temporale. Spettro per bande d ottava.

HD2010 UC/A [ I ] Fonometro integratore Analizzatore portatile. Schermata base. Profilo temporale. Spettro per bande d ottava. [ I ] HD2010 UC/A Fonometro integratore Analizzatore portatile Schermata base. Profilo temporale. Spettro per bande d ottava. Spettro per bande di terzo d ottava (opzione "terzo d'ottava"). Analisi statistica:

Dettagli

LA PUBBLICAZIONE IN TEMPO REALE DEI DATI DI MONITORAGGIO ACUSTICO

LA PUBBLICAZIONE IN TEMPO REALE DEI DATI DI MONITORAGGIO ACUSTICO LA PUBBLICAZIONE IN TEMPO REALE DEI DATI DI MONITORAGGIO ACUSTICO Cerniglia, A 01dB Italia, Via R. Sanzio 5, 20090 Cesano Boscone (MI), cerniglia@01db.it Amadasi, G. SCS, via Antoniana 278, 35011 Campodarsego

Dettagli

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI ai sensi della Legge Quadro n 447/95: verifica degli adempimenti di cui al D.P.C.M. del 05/12/97 CERTIFICAZIONE MEDIANTE MISURE SPERIMENTALI DEI REQUISITI ACUSTICI

Dettagli

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE Andrea Cerniglia (1), Giovanni Brambilla (2), Patrizio Verardi (2) 1) 01 db Italia, Milano 2) Istituto di Acustica

Dettagli

HD2110 [ I ] Fonometro integratore Analizzatore portatile. Schermata base. Profilo temporale. Spettro per bande d ottava.

HD2110 [ I ] Fonometro integratore Analizzatore portatile. Schermata base. Profilo temporale. Spettro per bande d ottava. [ I ] HD2110 Fonometro integratore Analizzatore portatile Schermata base. Profilo temporale. Spettro per bande d ottava. Spettro per bande di terzo d ottava. Analisi spettrale per banda fine (opzione FFT).

Dettagli

Tecniche di rilevamento e di misurazione dell'inquinamento acustico

Tecniche di rilevamento e di misurazione dell'inquinamento acustico DECRETO 16 Marzo 1998. Tecniche di rilevamento e di misurazione dell'inquinamento acustico IL MINISTRO DELL'AMBIENTE DI CONCERTO CON I MINISTRI DELLA SANITA', DEI LAVORI PUBBLICI, DEI TRTASPORTI E DELLA

Dettagli

Modulo 1: Fondamenti di Acustica Applicata. DATA E ORARIO Argomento Descrizione Ore sede corso

Modulo 1: Fondamenti di Acustica Applicata. DATA E ORARIO Argomento Descrizione Ore sede corso Associazione CONGENIA OSFIN - Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna - Anno 2012/2013 Corso di alta formazione per "TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA" Programma e calendario del corso Modulo 1: Fondamenti

Dettagli

MONITORAGGIO ACUSTICO CONTINUO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

MONITORAGGIO ACUSTICO CONTINUO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO MONITORAGGIO ACUSTICO CONTINUO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO A. Cerniglia (1), G.Amadasi (2) (1) 01dB Italia S.r.l. - Cesano Boscone, cerniglia@01db.it (2) SCS Controlli e Sistemi - Campodarsego Grazie all'impiego

Dettagli

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 IL COMMITTENTE: Benessere Acustico Sr.l. IL TECNICO: Andrea Cerniglia

Dettagli

PROVA FONOMETRICA RELATIVA ALLA VALUTAZIONE

PROVA FONOMETRICA RELATIVA ALLA VALUTAZIONE RELAZIONE TECNICA DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELLA LEGGE 447/95 E NEL RISPETTO DEI DPCM 01/3/91, DPCM 14/11/97, DM 16/3/98, DPCM N 215 DEL 16/4/99 E L.R. 18/2001 (REGIONE LAZIO) PROVA FONOMETRICA RELATIVA

Dettagli

Monitoraggio acustico in tempo reale

Monitoraggio acustico in tempo reale Monitoraggio acustico in tempo reale Andrea Cerniglia (Estratto da Eubios n. 18 dicembre 2006) Negli ultimi anni il monitoraggio acustico ambientale è stato oggetto di un crescente interesse da più parti,

Dettagli

CERTIFICATO DI MISURA DI RUMORE IN AMBIENTE DI LAVORO

CERTIFICATO DI MISURA DI RUMORE IN AMBIENTE DI LAVORO Certificato di misura CERTIFICATO DI MISURA DI RUMORE IN AMBIENTE DI LAVORO Misura eseguita con fonometro integratore di classe 1 secondo le modalità delle norme UNI e ISO, e del D.Lgs. 81/2008 Titolo

Dettagli

Misurazioni e rilievi fonometrici

Misurazioni e rilievi fonometrici Misurazioni e rilievi fonometrici Angelo Farina Dip. Ing. Industriale, Università di Parma Via delle Scienze, 43100 PARMA HTTP://pcfarina.eng.unipr.it 1. Introduzione Le metodiche di rilevamento della

Dettagli

LE VERIFICHE IN LABORATORIO E IN OPERA. Centro di Informazione sul Pvc

LE VERIFICHE IN LABORATORIO E IN OPERA. Centro di Informazione sul Pvc LE VERIFICHE IN LABORATORIO E IN OPERA Centro di Informazione sul Pvc Grandezze pertinenti agli edifici e ai prodotti ed elementi edili: indici di valutazione Sono grandezze indipendenti dalla frequenza

Dettagli

SINTESI DEL DPCM 5/12/1997 E DELLA NORMA UNI 11367

SINTESI DEL DPCM 5/12/1997 E DELLA NORMA UNI 11367 SINTESI DEL DPCM 5/12/1997 E DELLA NORMA UNI 11367 Requisiti acustici passivi degli edifici e classificazione acustica delle unità immobiliari 1. PREMESSA Di seguito si riporta una sintesi dei contenuti

Dettagli

ALLEGATO A SCHEDE DI RILIEVO FONOMETRICO

ALLEGATO A SCHEDE DI RILIEVO FONOMETRICO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PIANO COMUNALE DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ALLEGATO A SCHEDE DI RILIEVO FONOMETRICO Redatto da: viale Verona 1 38 Trento tel 461 391632 fax 461 92 ingegneria@quasar.to www.quasar.to

Dettagli

Noise & Vibration Works Software for Acoustic & Vibration Measurement and Reports

Noise & Vibration Works Software for Acoustic & Vibration Measurement and Reports Noise & Vibration Works Software for Acoustic & Vibration Measurement and Reports UN SOLO SOFTWARE PER OGNI ESIGENZA NEL SETTORE DELLE MISURE DI RUMORE E VIBRAZIONI Supporto real-time dei fonometri Larson

Dettagli

DeltaLog5 - ShortForm Introduzione

DeltaLog5 - ShortForm Introduzione DeltaLog5 - ShortForm Introduzione Il programma DeltaLog5 permette di gestire dal proprio PC il fonometro HD2110 in modo semplice e intuitivo: è possibile avviare ed arrestare la memorizzazione, impostare

Dettagli

NOISE TUTOR : MONITORAGGIO DEL RUMORE SU PORTALE WEB E POSTA ELETTRONICA

NOISE TUTOR : MONITORAGGIO DEL RUMORE SU PORTALE WEB E POSTA ELETTRONICA 2 Seminario Nazionale Ancona, 7 Settembre 2012 NOISE TUTOR : MONITORAGGIO DEL RUMORE SU PORTALE WEB E POSTA ELETTRONICA Alberto Armani(1), Gianpaolo Poletti (2) 1) Spectra, Arcore 2) Lake-View Software,

Dettagli

DeltaLog5. Visualizzazione dei dati La finestra di DeltaLog5 appare come segue:

DeltaLog5. Visualizzazione dei dati La finestra di DeltaLog5 appare come segue: DeltaLog5 Il programma DeltaLog5 permette di gestire dal proprio PC i fonometri Delta Ohm in modo semplice e intuitivo: è possibile avviare ed arrestare la memorizzazione, impostare i parametri di configurazione,

Dettagli

Fonometro Integratore ed Analizzatore Real Time a 2/4 Canali. per misure, analisi e monitoraggio di rumore e vibrazioni

Fonometro Integratore ed Analizzatore Real Time a 2/4 Canali. per misure, analisi e monitoraggio di rumore e vibrazioni NOVITA 2004 Fonometro Integratore ed Analizzatore Real Time a 2/4 Canali. per misure, analisi e monitoraggio di rumore e vibrazioni Un nuovo concetto Hardware e Software ed una nuova filosofia di acquisizione

Dettagli

Quali novità? Aspetto più moderno e dimensioni minori. Schermo grafico ad alta leggibilità. Maggiore semplicità e facilità d uso

Quali novità? Aspetto più moderno e dimensioni minori. Schermo grafico ad alta leggibilità. Maggiore semplicità e facilità d uso Quali novità? Aspetto più moderno e dimensioni minori Schermo grafico ad alta leggibilità Maggiore semplicità e facilità d uso Tutti i valori fonometrici in parallelo incluse le analisi in frequenza in

Dettagli

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011 CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011 1/15 Sezione Provinciale di Modena PREMESSA Al fine di verificare i livelli di rumorosità provocati

Dettagli

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO Roberto Malatesta. William Marcone Ufficio Tecnico (giugno 2008) LA PROTEZIONE DAL RUMORE DEGLI EDIFICI, LA NORMATIVA NAZIONALE La maggior sensibilità delle persone

Dettagli

Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona

Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona Mirti Lombardi, Stefania Barletti, Daniela Giuliani ARPA Marche D.G.R. n. 3157 del 28/12/2001 Approvazione

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

Definizione di Suono

Definizione di Suono Definizione di Suono Il suono è una variazione di pressione che si propaga in un mezzo fisico quale aria, acqua o materiali solidi che l orecchio umano riesce a rilevare. I fenomeni acustici Il suono si

Dettagli

bianchi_acusticaok.qxp 13-07-2007 16:15 Pagina V Indice

bianchi_acusticaok.qxp 13-07-2007 16:15 Pagina V Indice bianchi_acusticaok.qxp 13-07-2007 16:15 Pagina V 3 CAPITOLO 1 Storia dell acustica architettonica 3 1.1 Definizione 3 1.2 Gli inizi 4 1.3 I Greci 9 1.4 I Romani 1.4.1 La geometria, p. 10 1.4.2 L orecchio,

Dettagli

OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO

OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO STRUTTURA COMPLESSA - Dipartimento Provinciale di Cuneo - OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO ACUSTICO n 5102/CN Funzione: Collaboratore Tecnico Professionale (tecnico competente

Dettagli

In allegato sono riportate 4 schede che rendono conto dei rilievi fonometrici eseguiti durante la campagna di misure.

In allegato sono riportate 4 schede che rendono conto dei rilievi fonometrici eseguiti durante la campagna di misure. 2..2 Schede di rilevamento In allegato sono riportate 4 schede che rendono conto dei rilievi fonometrici eseguiti durante la campagna di misure. Ciascuna scheda settimanale riporta le seguenti informazioni:

Dettagli

METODOLOGIA PER LA VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI AI SENSI DEL D.P.C.M. 5/12/97

METODOLOGIA PER LA VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI AI SENSI DEL D.P.C.M. 5/12/97 PROGETTO OBIETTIVO 2005 METODOLOGIA PER LA VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI AI SENSI DEL D.P.C.M. 5/12/97 Responsabile U.O. Sistemi Ambientali: dott. geol. Madela Torretta Responsabile

Dettagli

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE IL SUONO Propagarsi di onde meccaniche in un mezzo. Le onde fanno vibrare la membrana del timpano dando la sensazione sonora. La frequenza del suono è data dal numero

Dettagli

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico 5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico Conformemente a quanto riportato nella proposta di Direttiva Europea sulla valutazione e gestione del rumore ambientale, il rumore ambientale

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

IUAV - MASTER IN PROGETTAZIONE ACUSTICA A.A.

IUAV - MASTER IN PROGETTAZIONE ACUSTICA A.A. IUAV - MASTER IN PROGETTAZIONE ACUSTICA A.A. 004/005 Lezione del 8 ottobre 004 Titolo: Previsione di clima acustico mediante composizione di livelli sonori Docente: Arch. Antonio Carbonari. L Il livello

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Scuola di Acustica

Università degli Studi di Ferrara Scuola di Acustica Università degli Studi di Ferrara Scuola di Acustica Problematiche nell applicazione dei fattori correttivi del rumore Andrea TOMBOLATO Studio di Acustica Padova www.acusticapd.it Ferrara 11 novembre 2010

Dettagli

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia Sola Ing. Pierfranco TERMOTECNICO CERTIFICATORE ENERGETICO REGIONE PIEMONTE TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA REGIONE PIEMONTE PROFESSIONISTA ANTINCENDIO ISCRITTO NEGLI ELENCHI MINISTERO INTERNI Via A. Savoia

Dettagli

A.1 RIFERIMENTI LEGISLATIVI... 3 C RILIEVI FONOMETRICI EFFETTUATI... D CONSIDERAZIONI FINALI... 15

A.1 RIFERIMENTI LEGISLATIVI... 3 C RILIEVI FONOMETRICI EFFETTUATI... D CONSIDERAZIONI FINALI... 15 SOMMARIO A PREMESSA... 3 A.1 RIFERIMENTI LEGISLATIVI... 3 A.2 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA... 4 A.3 LIMITI DI ZONA... 5 B SORGENTI SONORE... 6 B.1 DESCRIZIONE DELLE SORGENTI SONORE... 6 B.2 DESCRIZIONE DEI

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO Legge 26 Ottobre 1995 n 447 Legge Regionale 10 Agosto 2001 n 13 OMAL S.r.l. COSTRUZIONE EDIFICIO PRODUTTIVO Via Virgilio - Cantù - INDICE Premessa 2 1. Dati

Dettagli

NORME. Acustica UNI 10343:1994. Acustica. Valutazione delle prestazioni acustiche di cabinati e cabine mediante l'indice unico di valutazione.

NORME. Acustica UNI 10343:1994. Acustica. Valutazione delle prestazioni acustiche di cabinati e cabine mediante l'indice unico di valutazione. NORME Acustica UNI 10343:1994 Acustica. Valutazione delle prestazioni acustiche di cabinati e cabine mediante l'indice unico di valutazione. UNI 10844:1999 Acustica - Determinazione della capacità di fonoassorbimento

Dettagli

Modulo software HD2010MCTC DIR Versione MCTC-Net 100

Modulo software HD2010MCTC DIR Versione MCTC-Net 100 Modulo software HD2010MCTC DIR Versione MCTC-Net 100 Revisione 1.4 del 2014/07/24 INDICE PREMESSA... 4 1 - Requisiti di sistema... 5 1.1 Requisiti Hardware... 5 1.2 Requisiti Software... 5 1.3 Connettività...

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Disposizioni in materia di classificazione dei requisiti acustici degli edifici in attuazione della delega al Governo per il riordino della disciplina in materia di inquinamento acustico di cui all articolo

Dettagli

Indice 1. PREMESSA... 3 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 5. DETERMINAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO... 7 5.1 RISULTATI... 7

Indice 1. PREMESSA... 3 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 5. DETERMINAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO... 7 5.1 RISULTATI... 7 Pag. 2 di 10 Indice 1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 4 3.1 INQUADRAMENTO GENERALE... 4 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 4. LIMITI DI RUMOROSITÀ... 6 5.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 marzo 1991.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 marzo 1991. DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 marzo 1991. Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO

DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO L. 26/10/1995, n.447 DGR 02/02/2004, n. 9-11616 SETTEMBRE 2013 ing. Mauro Montrucchio Tecnico competente in Acustica Ambientale DGR Piemonte n.40-12447 30/9/96 File:

Dettagli

Il vetro e l isolamento acustico

Il vetro e l isolamento acustico Proprietà e funzioni del vetro 31 Principi generali Intensità, pressioni e livelli sonori La "potenza" di un rumore può essere data dalla sua intensità I o dalla sua pressione P (misurate rispettivamente

Dettagli

Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A

Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A Via Amendola 26, 57023 Cecina (LI) Tel e Fax 0586/630474, Cell. 347/73045 e-mail: ipernucleo@interfree.it;

Dettagli

Acustica. Misurazione del rumore ad alta frequenza emesso dalle apparecchiature informatiche e per ufficio.

Acustica. Misurazione del rumore ad alta frequenza emesso dalle apparecchiature informatiche e per ufficio. NORMATIVE RUMORE UNI EN 27574-4:1991 Acustica. Metodi statistici per la determinazione ed il controllo dei valori dichiarati di emissione acustica delle macchine e delle apparecchiature. Metodi per valori

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace

Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace e-mail: gino.iannace@unina2.it prof. ing. Gino IANNACE 1 Il suono è un "rumore sgradevole", "un suono fastidioso, non desiderato". Dal punto di vista fisico, il

Dettagli

Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi

Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi P. Cicoira a, P. Miori b, P. Simonetti c a Libero professionista - Trento b Comune di Trento c Provincia autonoma di Trento Fra gli interventi di

Dettagli

COMUNE DI FANO. CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (L.R. 28/2001 - D.G.R.M. n. 896 del 24.06.2003)

COMUNE DI FANO. CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (L.R. 28/2001 - D.G.R.M. n. 896 del 24.06.2003) COMUNE DI FANO CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (L.R. 28/2001 - D.G.R.M. n. 896 del 24.06.2003) PIANO DI RECUPERO DI UN FABBRICATO SITO IN VIA VECCHIA, 20 committente: BALDRATI MAURO TAVOLA E Dott. Geol.

Dettagli

Parte 1: Isolamento dal rumore per via aerea tra ambienti 3

Parte 1: Isolamento dal rumore per via aerea tra ambienti 3 LA PROGETTAZIONE ACUSTICA DEGLI EDIFICI: l isolamento acustico delle facciate 1) Premessa 2) Gli obblighi di legge 3) La normativa vigente 4) La legislazione italiana ed europea 5) Progettazione e verifica

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009. ing. A. Comi - Corso di Trasporti e Ambiente

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009. ing. A. Comi - Corso di Trasporti e Ambiente Corso di Trasporti e Ambiente http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009 Inquinamento acustico da traffico 1 Introduzione Il funzionamento di un sistema di trasporto produce

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO Sede Legale: Via Papa Giovanni XXIII, 8-22070 Capiago Intimiano (CO) Sede Operativa: Via Livescia, 1 22073 Fino Mornasco (CO) Tel.: 031 88 919 51 - Fax: 031 72 93 11 92 e-mail: info@studiotecnicobl.it

Dettagli

MISURA E VALUTAZIONE DEL RUMORE GENERATO DA IMPIANTI A FUNZIONAMENTO CONTINUO

MISURA E VALUTAZIONE DEL RUMORE GENERATO DA IMPIANTI A FUNZIONAMENTO CONTINUO MISURA E VALUTAZIONE DEL RUMORE GENERATO DA IMPIANTI A FUNZIONAMENTO CONTINUO Massimo Donzellini Iscritto presso l elenco dei Consulenti Tecnici e Periti del Tribunale Civile e Penale di Verona La presente

Dettagli

NUOVO CANILE COMUNALE VALUTAZIONE D IMPATTO ACUSTICO

NUOVO CANILE COMUNALE VALUTAZIONE D IMPATTO ACUSTICO COMUNE DI MONZA NUOVO CANILE COMUNALE VALUTAZIONE D IMPATTO ACUSTICO Dicembre 2009 1 SOMMARIO 1. OGGETTO E FINALITÀ... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE... 3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 4 4. CLASSIFICAZIONE ACUSTICA

Dettagli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2 Prof. Ing. Umberto Crisalli Modelli per la simulazione dell inquinamento acustico da traffico Introduzione Il funzionamento di un sistema di trasporto produce

Dettagli

Misura & controllo. Monitoraggio di breve periodo (da 1 giorno ad 1 settimana)

Misura & controllo. Monitoraggio di breve periodo (da 1 giorno ad 1 settimana) Misura e controllo del rumore, progetto di bonifica e qualifica dei materiali. Un mondo di applicazioni 01dB Italia S.r.l. Padova Misura & controllo Il DM 16/3/98 descrive le modalità di misura del rumore

Dettagli

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI Simulare conviene! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione SESSIONE RUMORE D.ssa Barbieri Cinzia,

Dettagli

SoundPLAN Speciale Aprile / 2012

SoundPLAN Speciale Aprile / 2012 Se non siete utenti di SoundPLAN e volete vedere le caratteristiche della mappa in facciata per vedere come è facile ottenere i risultati della mappatura secondo la direttiva europea scaricate la versione

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano SCHEDA 8 INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano 1. L inquinamento acustico Tra i problemi che riguardano la salubrità degli spazi confinati e

Dettagli

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni it 2 Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale contiene importanti informazioni sulle caratteristiche e sull impiego

Dettagli

Acustica Ambientale. (6 crediti)

Acustica Ambientale. (6 crediti) Corso di Acustica Ambientale (6 crediti) Obiettivi del corso Rumore in ambiente esterno Rumore in ambiente interno Analisi acustica Approccio metodologico Analisi del problema Modellizzazione Misurazione

Dettagli

Il primo analizzatore fonometrico multicanale portatile su piattaforma multimediale.

Il primo analizzatore fonometrico multicanale portatile su piattaforma multimediale. Fonometro Integratore ed Analizzatore Real Time a 2 / 4 / 8 Canali. per misure, analisi e monitoraggio di rumore e vibrazioni Il primo analizzatore fonometrico multicanale portatile su piattaforma multimediale.

Dettagli

Analizzatore Larson-Davis

Analizzatore Larson-Davis Analizzatore Larson-Davis System 824 MANUALE di RIFERIMENTO Versione 1.22 Pagina lasciata vuota intenzionalmente Indice Introduzione 2 Gestione dei Setup 3 Aprire un Setup 3 Salvare un Setup 3 Lettura

Dettagli

L innovazione Brüel & Kjær

L innovazione Brüel & Kjær L innovazione Brüel & Kjær l'analizzatore 2250 UN COLPO D ACCELERATORE Con oltre 60 anni di esperienza come leader nel mondo del suono e delle vibrazioni, Brüel & Kjær presenta la sua 4ª generazione innovativa

Dettagli

Valutazione Previsionale Clima Acustico

Valutazione Previsionale Clima Acustico Cooperativa Artigiani di Gossolengo Lottizzazione Ambito ANS_R_01 F Via della Fornace - Gossolengo (PC) Valutazione Previsionale Clima Acustico Art. 8 L. 477/95 ABO L R Marzo 2014 Medicina e Sicurezza

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA Chiara Scrosati ITC-CNR Istituto per le Tecnologie della Costruzione del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

RUMORE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca. Delucis LSP Lucca

RUMORE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca. Delucis LSP Lucca RUMORE Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca Cos è il suono Si consideri un qualunque mezzo fisico.. Si supponga che, per un qualunque processo, una particella del mezzo cominci ad oscillare attorno alla sua posizione

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ISCRIZIONE ALL ELENCO PROVINCIALE DEI TECNICI COMPETENTI IN ACUSTICA AMBIENTALE DOTT. ING. SETARO... 30

COMUNICAZIONE DI ISCRIZIONE ALL ELENCO PROVINCIALE DEI TECNICI COMPETENTI IN ACUSTICA AMBIENTALE DOTT. ING. SETARO... 30 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 3. STRUMENTAZIONE USATA... 4 4. DATI IDENTIFICATIVI DEL PROFESSIONISTA CHE HA ESEGUITO L'ANALISI... 5 5. IDENTIFICAZIONE DEL COMMITTENTE... 5 6. DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI MESSINA Dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità Servizio di Monitoraggio Ambientale

COMUNE DI MESSINA Dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità Servizio di Monitoraggio Ambientale COMUNE DI MESSINA Dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità Servizio di Monitoraggio Ambientale Il Dirigente: Ingegner Mario Pizzino RETE DI MONITORAGGIO CONTINUO DEL RUMORE DERIVANTE DAL TRAFFICO VEICOLARE

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO Via E. Zanasi, 30 41051 Castelnuovo Rangone (MO) Tel. 059/53.87.08 - Fax 059/53.31.663 Cell. 339/.66.458 www.technoambiente.it - info@technoambiente.it P.IVA - C.F. e Nr. Iscr. Reg. Imprese Modena 03265530364

Dettagli

RISCHIO RUMORE IL QUADRO LEGISLATIVO E NORMATIVO. Omar Nicolini - Az.USL di Modena (o.nicolini@ausl.mo.it)

RISCHIO RUMORE IL QUADRO LEGISLATIVO E NORMATIVO. Omar Nicolini - Az.USL di Modena (o.nicolini@ausl.mo.it) RISCHIO RUMORE IL QUADRO LEGISLATIVO E NORMATIVO Omar Nicolini - Az.USL di Modena (o.nicolini@ausl.mo.it) 1 Testo Unico-DLgs.81/08* * integrato e corretto dal DLgs.106/2009 pubblicato sul supplemento ordinario

Dettagli

COMUNE DI PENNA SANT ANDREA

COMUNE DI PENNA SANT ANDREA REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI TERAMO COMUNE DI PENNA SANT ANDREA Committente: CONGLOMERATI BITUMINOSI VOMANO di Di Sabatino Oscar & C Srl Sede operativa: Loc. val Vomano Via Cesi PENNA SANT ANDREA (TE)

Dettagli

DATI TECNICI. Evaluator 7820 Evaluator Light 7821

DATI TECNICI. Evaluator 7820 Evaluator Light 7821 DATI TECNICI Evaluator 7820 Evaluator Light 7821 Evaluator 7820 ed Evaluator Light 7821 sono software applicativi basati su Windows necessari per l analisi dei dati raccolti da una serie di fonometri/analizzatori

Dettagli

ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N.

ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N. ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N. 89/98 A.1 PREMESSA Nel presente documento sono definiti, ai sensi dell

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO Via S. Zita, 1/10 sc. Sin. 16129 GENOVA Tel/fax 010.561786 mobile 338.2883343 e-mail: lomonaco.crl@gmail.com EUROCOLORS S.a.s. di CICALA Simone e CICALA Matteo & C. SEDE LEGALE: VIA PIACENZA 84 ROSSO -

Dettagli

APPLICAZIONI ACUSTICA

APPLICAZIONI ACUSTICA METODI E STRUMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLA POTENZA SONORA INTRODUZIONE Quanto rumore fa questa macchina? A questa domanda spesso in passato non si ricevevano delle risposte complete e di facile interpretazione.

Dettagli

DATI TECNICI. Measurement Partner Suite BZ-5503 dalla versione software 4.5. Utilizzo, caratteristiche e vantaggi

DATI TECNICI. Measurement Partner Suite BZ-5503 dalla versione software 4.5. Utilizzo, caratteristiche e vantaggi DATI TECNICI Measurement Partner Suite BZ-5503 dalla versione software 4.5 Modulare e ottimizzata per la post-elaborazione di dati di misurazione, la Measurement Partner Suite offre strumenti essenziali

Dettagli

Consulenza per la qualificazione acustica degli edifici

Consulenza per la qualificazione acustica degli edifici Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E16 Edilizia, urbanistica e ambiente Consulenza per la qualificazione acustica degli edifici Sommario

Dettagli

14 INQUINAMENTO ACUSTICO

14 INQUINAMENTO ACUSTICO 14 INQUINAMENTO ACUSTICO 14.1 Premessa Come evidenziato nel Libro Verde della Commissione Europea (1996) sulle politiche future in materia di inquinamento acustico, il rumore nell ambiente di vita è la

Dettagli

RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE LINGUISTICA

RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE LINGUISTICA RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE LINGUISTICA SOFTWARE Ver. 6.0 Pagina 1 Software di rete didattica Con opzione di laboratorio linguistico digitale A.A.C. La soluzione proposta permette di realizzare, partendo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Siciliana CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Gara pubblica per la fornitura di strumentazione di misura per la rete di monitoraggio regionale del rumore di cui alla misura 1.01 az. b2 del P.O.R. 2000-2006

Dettagli

Nota Tecnica n.36 del C.R.A.(e CIVES) Un locale esemplificativo, in Roma: I risultati dell intervento di fonoisolamento

Nota Tecnica n.36 del C.R.A.(e CIVES) Un locale esemplificativo, in Roma: I risultati dell intervento di fonoisolamento X Dipartimento del COMUNE DI ROMA via Cola di Rienzo 23 00192 ROMA da Fabrizio Calabrese Consigliere Tecnico del C.R.A. Comitato Romano Antirumore e del Comitato Verde e Mare di Ostia, Consigliere Tecnico

Dettagli

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI Anno 2012 Inquadramento del tema L inquinamento acustico nelle aree urbane rappresenta una delle principali

Dettagli

SCELTA DEI DPI UDITIVI

SCELTA DEI DPI UDITIVI SCELTA DEI DPI UDITIVI SEZIONE 1 Criteri di selezione dell otoprotettore 1.1 Marcatura di certificazione Occorre scegliere solo DPI dotati di marcatura di certificazione di conformità (marcatura CE). 1.2

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII, Capo II

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII, Capo II DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII, Capo II ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AI RISCHI DERIVANTI DAGLI AGENTI FISICI (RUMORE) DITTA: Fratelli Cancian snc LUOGO DELLE MISURE: Via C. Esterle 23, Milano Relazione

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA

PROVINCIA DI VENEZIA PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI DOLO NUOVA REALIZZAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE - COMMERCIALE via Vittorio Veneto Dolo (VE) Documento di Valutazione Previsionale di Clima ed Impatto Acustico ai sensi

Dettagli

2 Alcune semplici relazioni di previsione degli indici di valutazione dell'isolamento acustico al rumore aereo

2 Alcune semplici relazioni di previsione degli indici di valutazione dell'isolamento acustico al rumore aereo ISOLAMENTO ACUSTICO DI DIVISORI IN LATERIZIO Roberto Pompoli, Patrizio Fausti Istituto di Ingegneria - Università di Ferrara - Via G. Saragat - 44100 Ferrara 1 - INTRODUZIONE Negli anni 1991-1992 l'andil

Dettagli

Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo

Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale Oggetto: Committente: Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo nuovo progetto di variante anno 2012 Consorzio Via I. Eolie Via Fabio

Dettagli

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Inquinamento Acustico

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Inquinamento Acustico Inquadramento del tema Inquinamento acustico, secondo la legge italiana, è l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale da provocare fastidio o disturbo al riposo ed alle

Dettagli

COMUNE DI CASTANO PRIMO

COMUNE DI CASTANO PRIMO COMUNE DI CASTANO PRIMO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL PIANO COMUNALE DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA AI SENSI DELL'ART. 2 DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 MARZO 1991

Dettagli

IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO. Monitoraggio acustico ante operam

IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO. Monitoraggio acustico ante operam IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO Monitoraggio acustico ante operam Relazione tecnica Relazione n. del Pasquale Piombo ESECUZIONE RILIEVI Giovanni Pirollo ANALISI DATI

Dettagli

CATASTO DELLE FONTI DI PRESSIONE ACUSTICHE DA INFRASTRUTTURE EXTRAURBANE DI TRASPORTO NELLA REGIONE DEL VENETO

CATASTO DELLE FONTI DI PRESSIONE ACUSTICHE DA INFRASTRUTTURE EXTRAURBANE DI TRASPORTO NELLA REGIONE DEL VENETO CATASTO DELLE FONTI DI PRESSIONE ACUSTICHE DA INFRASTRUTTURE EXTRAURBANE DI TRASPORTO NELLA REGIONE DEL VENETO A cura di A.R.P.A.V. Direzione Area Tecnico-Scientifica OSSERVATORIO AGENTI FISICI ANNO 2002

Dettagli

Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli

Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli Edilizia 2007 Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli A cura di BibLus-net: Alfredo Mennonna Prima edizione - ottobre 2006 ACCA ACCA software S.p.A. Via Michelangelo Cianciulli 83048 MONTELLA (AV)

Dettagli