Gli Approfondimenti della Fondazione Studi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli Approfondimenti della Fondazione Studi"

Transcript

1 ANNO 2015 Gli Approfondimenti della Fondazione Studi Approfondimento del SVILUPPO DEI SISTEMI INFORMATIVI E DELL' ICT NEGLI STUDI PROFESSIONALI PREMESSA Lo Studio di Consulenza del Lavoro sta conoscendo un evoluzione che lo vede sempre più connesso con le aziende clienti, da un lato e la pubblica amministrazione dall'altro. E definitivamente conclusa l'era dello studio stand-alone, per introdurre quella di un sistema complesso che comprende un variegato ventaglio di attori socioeconomici, fra loro interagenti: i Professionisti, le Imprese, la Pubblica amministrazione, il Sistema Camerale, il Sistema Creditizio, le OO. SS. con le relative emanazioni; all'interno di questo scenario va considerata l'evoluzione attuale e futura dello Studio e del suo sistema informativo. L EVOLUZIONE DEL CONSULENTE DEL LAVORO GRAZIE ALL ICT DIPARTIMENTO SCIENTIFICO della FONDAZIONE STUDI Viale del Caravaggio Roma (RM) Lungi dall'essere un mero intermediario, il Consulente del Lavoro ed il suo studio svolgono una funzione essenziale e strategica, facilitando e talvolta addirittura rendendo possibile il dialogo e l'interfaccia virtuosa e fisiologica fra Imprese e Stato.

2 PAGINA 2 APPROFONDIMENTO Soprattutto nei confronti di micro e piccole aziende, i Consulenti del Lavoro non si limitano all'offerta di consulenza e servizi, ma entrano in presa diretta nel sistema-impresa e nella condivisione dei passaggi più significativi della gestione imprenditoriale, costruendo stabili rapporti fiduciari con l'imprenditore. Non sono più dei semplici Fornitori, ma diventano parte integrante dell attività imprenditoriale. La fiducia di cui questi Professionisti godono presso gli Imprenditori può essere anche un utile strumento per stimolare le imprese a evolvere verso modelli gestionali più efficienti, nei quali la tecnologia può giocare un ruolo chiave. Negli ultimi anni le tecnologie informatiche e della comunicazione (ICT) hanno assunto un ruolo sempre più ampio sia all'interno, che nella gestione dei flussi di dati e di informazioni da e verso l'esterno. Una parte della competitività dello Studio e del Sistema Ordinistico nel suo complesso si gioca anche sulla capacità di interpretare appieno i profondi cambiamenti che stanno caratterizzando questa fase della vita economica del Paese e che vedono le tecnologie ICT al centro di una rapida e capillare diffusione che andrà a modificare nel profondo, non solo i metodi di lavoro, ma l'essenza stessa dell'attività di uffici e professionisti.

3 PAGINA 3 CIRCOLARE / PARERE Attualmente l'approccio degli studi professionali all'investimento tecnologico risulta limitato (circa euro/annui) e rivolto all'aggiornamento dell'esistente, più che all'introduzione di novità hardware e software (26%); risulta inoltre prevalentemente law driven, ciò determinato dagli obblighi normativi. Dato interessante comunque il 26% di risorse destinate all'innovazione, posto che le PMI destinano una percentuale inferiore (18%); ciò significa che gli Studi professionali possono esercitare nei loro confronti uno stimolo positivo, grazie alla sintonia ed alla fiducia sulla base delle quali si sviluppa la collaborazione. Al riguardo va parimenti rilevata l'esistenza di una buona disponibilità da parte delle imprese nell'investire in ICT, con la finalità di migliorare gli scambi informativi e le interazioni reciproche. Questa indicazione rappresenta un fattore da considerare attentamente ed a cui dare una rapida e concreta risposta, sia per migliorare la soddisfazione del cliente sia per rafforzare il posizionamento nel mercato dei servizi alle imprese. A completamento va ribadito, come nell'indagine realizzata dall'osservatorio ICT & Professionisti POLIMI 2015 emerga, che la maggior parte delle aziende clienti (81%) si dichiari soddisfatta dei servizi offerti dai professionisti, ma apprezzerebbe poter affiancare consulenze rivolte all'area strategica e

4 PAGINA 4 APPROFONDIMENTO gestionale, ai tradizionali servizi in ambito amministrativo; questa indicazione è sostanzialmente analoga a quanto rilevato nel 2014 nell'ambito dell'indagine promossa dal CNO dei Consulenti del Lavoro in materia dei fabbisogni delle imprese. Il sistema informativo di un moderno studio professionale costituisce una fedele rappresentazione del suo impianto organizzativo e dell'assetto delle relazioni che stabilmente intercorrono con gli interlocutori esterni. Il suo sviluppo e miglioramento offre inoltre un'opportunità per migliorare l'efficienza dei servizi interni e il grado di soddisfazione del sistema-cliente. L'innegabile calo di redditività che ha colpito molti Studi potrebbe essere limitato e gestito anche grazie ad un più esteso e puntuale ricorso all'ict, che favorisca la generazione di valore, l'aumento della produttività e lo sviluppo di nuove aree di business. GLI INVESTIMENTI IN INFORMATION TECNOLOGY Secondo recenti rilevazioni statistiche, gli investimenti in hardware per l'ufficio vedono in declino l'acquisto di fax e stampanti, in lieve contrazione le stampanti multifunzione, mentre si mantengono i numeri di acquisto degli scanner, presumibilmente in previsione dell'introduzione di procedure e sistemi dedicati alla dematerializzazione dei documenti ed alla digitalizzazione dei processi.

5 PAGINA 5 CIRCOLARE / PARERE Le ICT su cui gli Studi professionali stanno concentrando la propria attenzione ora e nel biennio a venire sono soprattutto la fatturazione elettronica verso la PA e la conservazione digitale secondo norma dei documenti; si tratta evidentemente di innovazioni legate a specifici obblighi di legge e connesse al core business tradizionale. Nell'ottica di incidere positivamente su quelle che attualmente rappresentano spesso aree di debolezza dello Studio professionale, va posta attenzione sull'esigenza di adottare anche tecnologie più tipiche della dimensione organizzativa e gestionale dello studio professionale, volte a favorire incrementi di produttività o generare nuove aree di attività, anche attraverso un miglioramento nei flussi di informazioni a livello intranet. Inoltre, per contribuire al miglioramento dell'efficienza ed allo sviluppo di effettive politiche di mercato e di prezzo, conviene disporre di un cruscotto di studio che registri e rendiconti i costi gestionali e contribuisca a valorizzare la redditività di servizi e clienti.

6 PAGINA 6 APPROFONDIMENTO COME MIGLIORARE L EFFICIENZA DELLO STUDIO Di seguito alcuni spunti che inquadrano le fondamentali aree di investimento in ICT per un moderno Studio professionale: sistemi e software per la programmazione e controllo avanzamento dei processi operativi, per il monitoraggio e la gestione delle scadenze, per l'effettuazione dei controlli di qualità; sistemi e software per il controllo di gestione e la valutazione della redditività di servizi e clienti. Le indagini evidenziano come attualmente solo una ridotta percentuale di Studi attui con regolarità la rilevazione ed il controllo dei tempi e dei carichi di lavoro o predisponga un budget annuale e se ne serva per orientare la gestione ed attribuire obiettivi individuali o di team; portali o spazi WEB per la trasmissione di informazioni (ad esempio la rilegazione delle presenze) e documenti (ad esempio la messa a disposizione degli elaborati quali cedolini paga ed altre documentazioni inerenti i rapporti di lavoro) o la condivisione di attività con clienti e studi collegati in rete territoriale. Al riguardo va evidenziato come gli Studi di Consulenza del lavoro che hanno adottato procedure automatiche di acquisizione delle presenze da parte delle aziende clienti segnalano una

7 PAGINA 7 CIRCOLARE / PARERE riduzione dei tempi legata a questa fase lavorativa oscillante fra il 30 ed il 50%. Sempre in vista di un rafforzamento dell'attenzione dedicata dagli Studi professionali alla comunicazione verso l'esterno ed alla relazione con i clienti ed il mercato, si sottolinea l'importanza di prendere in considerazione le opportunità offerte dai cosiddetti CRM (sistemi per la gestione della relazione con il cliente), che possono indubbiamente concorrere alla valorizzazione del servizio offerto e a rendere più semplice ed attraente per il cliente l'interlocuzione con lo Studio. Investire in ICT nello studio professionale significa decidere di affrontare un convinto cambiamento circa il modo di vedere ed interpretare l'assetto dello studio professionale e l'impianto delle competenze professionali del professionista e dei collaboratori, in una logica organizzativa sempre più a dimensione sistemica con il mondo delle imprese e della PA. Significa dunque avere piena coscienza del fatto che all'evoluzione costante della figura del Consulente del Lavoro deve fare riscontro un parallelo e progressivo sviluppo delle strutture e degli strumenti che possano consentire al Consulente del Lavoro di operare nel rispetto della normativa e nella valorizzazione della Professione e della Categoria.

8 PAGINA 8 APPROFONDIMENTO Per il sistema delle imprese italiano è ormai radicata consuetudine fare ricorso quotidiano ai servizi ed alla consulenza offerta dai Professionisti, per integrare stabilmente le competenze necessarie al funzionamento dei processi ed allo sviluppo aziendale, non diversamente acquisibili da parte di micro e piccole realtà. In questo modo i Professionisti diventano parte integrante dell impresa, e lo sviluppo delle ICT nell'ambito dello studio potrà ulteriormente contribuire a rinsaldare, migliorandolo, questo stretto rapporto, anche attraverso una contaminazione positiva delle imprese nei confronti dell'attenzione ad investire nelle nuove tecnologie 1. 1 Fonti dati ed informazioni: Indagine sui Fabbisogni delle Piccole e Medie imprese CNO Consulenti del lavoro 2014; Indagine Osservatorio ICT & Professionisti POLIMI 2015, rivolta ad avvocati, commercialisti e consulenti del lavoro.

La scadenza del 6 giugno 2014: siamo pronti?

La scadenza del 6 giugno 2014: siamo pronti? S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La scadenza del 6 giugno 2014: siamo pronti? ICT, dematerializzazione, Professionisti e Imprese: ruoli, sinergie e nuove prospettive per una rivisitazione

Dettagli

Il Sistema di Aziende ICT di Unindustria Bologna. Roberto Vecchione Presidente Settore ITC, Unindustria Bologna

Il Sistema di Aziende ICT di Unindustria Bologna. Roberto Vecchione Presidente Settore ITC, Unindustria Bologna Il Sistema di Aziende ICT di Unindustria Bologna Roberto Vecchione Presidente Settore ITC, Unindustria Bologna Agenda A. Caratteristiche del settore ICT della provincia di Bologna B. Criticita e punti

Dettagli

SERVIZIMPRESA SRL. BUSINESS LINK www.bi-link.it segreteria@bi-link.it

SERVIZIMPRESA SRL. BUSINESS LINK www.bi-link.it segreteria@bi-link.it SERVIZIMPRESA SRL SERVIZIMPRESA SRL LA SOCIETÀ Servizimpresa srl nasce nel 1998 per iniziativa di alcuni imprenditori torinesi, con l obiettivo di fornire servizi amministrativi, contabili e gestionali

Dettagli

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl PMI Center -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl 1 La tecnologia ha rimodulato i rapporti fra PMI e sistema Bancario a) anno 1987 - scambio telematico flussi informativi e dispositivi monobanca b) anno

Dettagli

Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo)

Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo) Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo) TIPOLOGIA DELLE PROPOSTE PROGETTUALI La misura di agevolazione promuove e ammette tipologie

Dettagli

La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a:

La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a: La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a: 1. Premessa ; 2. Supporto normativo; 3. Sezione programmatica: attività di pianificazione, definizione

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ LICEO CLASSICO STATALE SAN CARLO Corso Cavour n.17 41100 Modena Tel. 059/222726 Fax 059/210503 e-mail :segreteria@liceosancarlo.it sito internet: www.liceosancarlo.it; codice fiscale: 80009890361; codice

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado GALILEO GALILEI (Associato alla rete delle scuole UNESCO) Via Venezia, 1566020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) Telefoni:

Dettagli

AVVOCATI, COMMERCIALISTI E CONSULENTI DEL LAVORO: QUALE STUDIO PER IL FUTURO?

AVVOCATI, COMMERCIALISTI E CONSULENTI DEL LAVORO: QUALE STUDIO PER IL FUTURO? BUSINESS SCENARIO Osservatorio ICT & Professionisti AVVOCATI, COMMERCIALISTI E CONSULENTI DEL LAVORO: QUALE STUDIO PER IL FUTURO? Ricerca 2014-2015 Rapporto I nuovi Rapporti sono stati progettati per offrire

Dettagli

Il Fondo Mutualistico di Legacoop

Il Fondo Mutualistico di Legacoop LA FINANZA E IL CREDITO IN COOPERAZIONE Il Fondo Mutualistico di Legacoop Aldo Soldi Direttore Generale Coopfond Parma, 6 marzo 2014 1 1 - Coopfond Coopfond è il Fondo mutualistico di Legacoop. E una S.p.A.

Dettagli

INTERATTIVA PARTNER'S MEETING. Rimini, 29 30 Marzo 2012

INTERATTIVA PARTNER'S MEETING. Rimini, 29 30 Marzo 2012 INTERATTIVA PARTNER'S MEETING Rimini, 29 30 Marzo 2012 Rimini, 29-30 Marzo 2012 Telecom Italia Canale VAR ITIS 1 !!! tutto gira intorno a questa parola. Perche abbinandola al concetto di nasce un'idea.

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Stefano Mainetti mainetti@fondazionepolitecnico.it Tavola rotonda di Zerouno Milano, 12 giugno 2008 Agenda Ecosistema

Dettagli

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi.

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi. Criteri per la predisposizione del bando INNOVA RETAIL 3 Premessa La DG Commercio, Turismo e Servizi ha supportato le imprese lombarde nelle nuove sfide del mercato globalizzato, sia puntando sulle sinergie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOI Autonomia n 156- Codice SA5Y1-cod. min. SAIC8AQ00L SCUOLA INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO Via L. Salati,18-84056 GIOI (SA)- tel. - fax 0974-991194 e-mail SAIC8AQ00L@ISTRUZIONE.IT-c.f.84003600651

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

1 Titolo del progetto Startup Impresa - Running back. 2 Obiettivi del progetto

1 Titolo del progetto Startup Impresa - Running back. 2 Obiettivi del progetto PROGETTO PARTECIPANTE AL BANDO CCIAA PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE ECONOMICA A FAVORE DELLE MPMI DELLA PROVINCIA DI MANTOVA ATTRAVERSO LE RAPPRESENTANZE

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE Cron./P.M./ nr.93/14 CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE DATA 23.09.2014 ATTO N 1978 Oggetto: Acquisto mediante CONSIP - MePA di macchine e attrezzature

Dettagli

Guadagnare con il Cloud. Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti.

Guadagnare con il Cloud. Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti. Guida al Cloud Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti. La situazione del mercato Le esigenze delle Piccole e Medie Imprese I vantaggi per dealer, ISV e integratori I vantaggi per

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014 CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali Milano, 13 Novembre 2014 Gentilissimi tutti e Gentilissimo Dott. Lamborghini, mi spiace molto non

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI Siamo ancora in tempo Questo è l anno in cui lo scenario competitivo nel quale si muovono le PMI italiane è difficile come non mai in passato. L affiancamento di un Partner qualificato qual è implica per

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

L innovazione è intrinseca, si mette in atto attraverso gesti e comportamenti, non serve parlarne e descriverla.

L innovazione è intrinseca, si mette in atto attraverso gesti e comportamenti, non serve parlarne e descriverla. STRATEGIA, INNOVAZIONE e PROGETTAZIONE tre percorsi per una meta: rendere l impresa più competitiva L innovazione è intrinseca, si mette in atto attraverso gesti e comportamenti, non serve parlarne e descriverla.

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

3 luglio 2015 Fatturazione Elettronica: dalla Pubblica Amministrazione al B2B. Un percorso dove il controllo di gestione fa la differenza.

3 luglio 2015 Fatturazione Elettronica: dalla Pubblica Amministrazione al B2B. Un percorso dove il controllo di gestione fa la differenza. 3 luglio 2015 Fatturazione Elettronica: dalla Pubblica Amministrazione al B2B. Un percorso dove il controllo di gestione fa la differenza. Aspetti tecnici e di compliance, esperienze e case history, incentivi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2014-2015 - 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2014-2015 - 2016 DIREZIONE DIDATTICA 38 CIRCOLO GIUSEPPE QUARATI NAPOLI Prot.n. 523/A19 Napoli 24 gennaio 2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2014-2015 - 2016 Delibera n. 1 del Consiglio di Circolo

Dettagli

DeltaDator S.p.A. Piccola e media impresa Banche e Assicurazioni Pubblica Amministrazione

DeltaDator S.p.A. Piccola e media impresa Banche e Assicurazioni Pubblica Amministrazione DeltaDator S.p.A. DeltaDator S.p.A., la più importante realtà nel mercato IT (Information Technology) del Trentino Alto Adige, si è costituita nel dicembre del 2001. DeltaDator è il risultato della fusione

Dettagli

In quattro per un nuovo modello distributivo

In quattro per un nuovo modello distributivo In quattro per un nuovo modello distributivo Forte propensione al marketing, alla formazione e uno studio costante del settore consentono a questo gruppo, nato nel Lazio nel 2004, di attraversare la crisi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE) Il seguente Programma Triennale della Trasparenza e Integrità si struttura attraverso le seguenti sezioni: 1) Premessa

Dettagli

la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione

la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione L esperienza e la competenza maturate in oltre trent anni di attività, nonché il continuo confronto con i propri clienti, ha permesso a Zucchetti

Dettagli

Premio Innovazione ICT Smau Business Roma. Roma, 24 marzo

Premio Innovazione ICT Smau Business Roma. Roma, 24 marzo Premio Innovazione ICT Smau Business Roma 1 Pierantonio Macola Amministratore Delegato Smau 2 Il nuovo ruolo di Smau In due giorni tutta l innovazione di cui hanno bisogno le imprese e le Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO VENOSA II Piazza Don Bosco - 85029 VENOSA (PZ) -TEL. 0972/35254 - FAX 0972/35254 Cod.Mecc. PZIC88900E - C.F. 93024800760 Sito

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Progetto realizzato con il contributo della Regione Veneto DDSE n. 1 del 29.12.2005 - Direzione Sviluppo Economico, Ricerca e Innovazione L.R.

Progetto realizzato con il contributo della Regione Veneto DDSE n. 1 del 29.12.2005 - Direzione Sviluppo Economico, Ricerca e Innovazione L.R. Progetto realizzato con il contributo della Regione Veneto DDSE n. 1 del 29.12.2005 - Direzione Sviluppo Economico, Ricerca e Innovazione L.R. 4 aprile 2003 n. 8 Disciplina dei Distretti Produttivi ed

Dettagli

L integrazione delle politiche e degli strumenti per la formazione continua 1

L integrazione delle politiche e degli strumenti per la formazione continua 1 L integrazione delle politiche e degli strumenti per la formazione continua 1 1 A cura di Davide Premutico e Pierluigi Richini, Struttura Sistemi e Servizi Formativi dell ISFOL 1 L integrazione delle politiche

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

MHT presenta a SMAU le soluzioni ERP basate su Microsoft Dynamics NAV

MHT presenta a SMAU le soluzioni ERP basate su Microsoft Dynamics NAV 9 Aprile 2013 MHT presenta a SMAU le soluzioni ERP basate su Microsoft Dynamics NAV Grazie alle potenzialità del cloud ERP e CRM Microsoft, le nuove soluzioni gestionali di MHT garantiscono il supporto

Dettagli

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione integrata della produzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione e il controllo della produzione J-Mit di Revorg è la soluzione gestionale flessibile

Dettagli

la soluzione che dà valore alla tua professione

la soluzione che dà valore alla tua professione commercialista consulente del lavoro la soluzione che dà valore alla tua professione L esperienza e la competenza maturate in oltre trent anni di attività, nonché il continuo confronto con i propri clienti,

Dettagli

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Move Your Future Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Progetto corso sperimentale indirizzo imprenditorialità L attuale situazione di mercato pone la

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea Come le politiche industriali di innovazione dei servizi possono contribuire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30.

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30. ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30.93 Fax 011.985.35.50 Presidenza 011.985.07.37 Cod. fis 94544320016

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CREAZIONE DI UN GRUPPO TERRITORIALE

LINEE GUIDA PER LA CREAZIONE DI UN GRUPPO TERRITORIALE DI UN GRUPPO TERRITORIALE Associazione a sostegno dell'economia del Bene Comune Questa guida deve servire come aiuto iniziale alle persone, che vogliono costruire un gruppo territoriale nella propria regione.

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA IMPRESA STA CAMBIANDO?

IL RAPPORTO BANCA IMPRESA STA CAMBIANDO? http://www.sinedi.com ARTICOLO 15 SETTEMBRE 2007 IL RAPPORTO BANCA IMPRESA STA CAMBIANDO? Fin dal passato il rapporto tra banca e soggetti economici non è mai stato stabile e lineare e questo dipende in

Dettagli

CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa

CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa da CIO Survey 2013 NetConsulting 2013 1 CIO Survey 2013: Executive Summary Tanti gli spunti che emergono dall edizione 2013 della CIO Survey, realizzata

Dettagli

Informatizzazione degli studi legali di Firenze Presentazione dei risultati della rilevazione

Informatizzazione degli studi legali di Firenze Presentazione dei risultati della rilevazione Informatizzazione degli studi legali di Firenze Presentazione dei risultati della rilevazione Ricerca sullo stato di informatizzazione degli studi legali di Firenze nella prospettiva dell obbligatorietà

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP AVVISO START MILANO DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP 1 INDICE 1. FINALITA DELL INTERVENTO 2. AMBITI DI INTERVENTO 3 DOTAZIONE FINANZIARIA 4. MISURA : SUPPORTO ALLA CREAZIONE

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Leon Battista Alberti

Liceo Scientifico Statale Leon Battista Alberti Liceo Scientifico Statale Leon Battista Alberti Viale Colombo, 37 09125 CAGLIARI Tel. 070.668805 070.664817; fax 070.655325; web: www.liceoalberti.it; e-mail: caps02000b@istruzione.it PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Gestione documentale open-source. La centralità dell informazione nella realtà aziendale

Gestione documentale open-source. La centralità dell informazione nella realtà aziendale Gestione documentale open-source La centralità dell informazione nella realtà aziendale 1/13 SOMMARIO 1.1 Dematerializzare i documenti... 3 1.2 Principali software per la gestione documentale... 5 1.3

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

Viene utilizzato in pratica anche per accompagnare e supportare adeguatamente le richieste di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto.

Viene utilizzato in pratica anche per accompagnare e supportare adeguatamente le richieste di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto. BUSINESS PLAN Un business plan o (piano di business, o progetto d'impresa) è una rappresentazione degli obiettivi e del modello di business di un'attività d'impresa. Viene utilizzato sia per la pianificazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ (Art. 11 Decreto. Lgs N. 150 del 27/10/209 e Art. 10 Decreto Lgs N. 33 del 14 Marzo 2013)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ (Art. 11 Decreto. Lgs N. 150 del 27/10/209 e Art. 10 Decreto Lgs N. 33 del 14 Marzo 2013) LICEO STATALE GIULIANO DELLA ROVERE Via Monturbano, 8 17100 SAVONA tel. 019/850424 fax 019/814926 e-mail : segreteria@liceodellarovere.it Prot. n. 249 /A19 Savona, 23 Gennaio 2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER

Dettagli

PIANIFICAZIONE TURNI WEB

PIANIFICAZIONE TURNI WEB I N F I N I T Y P R O J E C T PIANIFICAZIONE TURNI WEB Nel corso degli anni i settori di attività nei quali si utilizzano i turni di lavoro sono costantemente aumentati e, nello stesso tempo, sono aumentate

Dettagli

Il network per la finanza d impresa

Il network per la finanza d impresa Il network per la finanza d impresa La nostra mission é affiancare la famiglia imprenditoriale nell attività gestionale (ottimizzazione organizzativa, finanziaria, amministrativa, legale, fiscale) e nelle

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

NON CHIAMATELO COLLOCAMENTO

NON CHIAMATELO COLLOCAMENTO NON CHIAMATELO COLLOCAMENTO ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI UTENTI DEI SERVIZI PUBBLICI PER IL LAVORO A PARTIRE DALL ANALISI DELLE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE Abstract A cosa servono i servizi pubblici per il

Dettagli

L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori.

L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori. GIULIANO SOLDI

Dettagli

innovare, semplicemente

innovare, semplicemente innovare, semplicemente dalla ricerca al cambiamento, il nuovo partner della PA amica http://www.easygov.it 1 Nasce dall esperienza di un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Ingegneria Gestionale

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta: opportunità e sfide in un momento di crisi Mariano Corso School of Management Politecnico di Milano Milano, 23 ottobre 2009 Ricerca ALCUNI

Dettagli

APPUNTI DIGITALI. Progetti, project management e strumenti

APPUNTI DIGITALI. Progetti, project management e strumenti 16 12 aprile 2012 APPUNTI DIGITALI Quaderni Idea Management & Project Management: connubio dell innovazione Contenuti: Progetti, project maagement e strumenti Ma i progetti da dove nascono? L importanza

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

Questa terza ed ultima fase prevede la realizzazione di una serie di interventi di seguito descritti:

Questa terza ed ultima fase prevede la realizzazione di una serie di interventi di seguito descritti: Introduzione La Regione del Veneto guarda con ottimismo alle sue risorse più preziose - le risorse umane - per garantire uno sviluppo economico, sociale e occupazionale efficace e duraturo per il futuro

Dettagli

PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014

PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014 PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014 Legge n.150/2000 D.P.R. 21-9-2001 n. 422 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 19 del 25/02/2014 1/9 PREMESSA L'evoluzione che caratterizza l'attuale scenario

Dettagli

Comunicazione pubblica multicanale: informazione e servizi nell esperienza INPS

Comunicazione pubblica multicanale: informazione e servizi nell esperienza INPS Comunicazione pubblica multicanale: informazione e servizi nell esperienza INPS Guido Ceccarelli - Direzione Sistemi Informativi e tecnologici Forum PA 29 maggio 2014 Il portale INPS La trasparenza degli

Dettagli

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo Abstract Il presente documento intende illustrare la strategia e l approccio adottati da CSP nell ambito del progetto DIADI 2000 (progetto 2003-2006), iniziativa

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2013 2014 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2013 2014 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "Guido Guinizelli" Via Risorgimento, 58-41013 - CASTELFRANCO EMILIA MODENA Tel. 059-926517 / 059-921576 - Fax 059-920927 - cod. mecc. :MOIC809003 indirizzo internet : www.icsguinizelli-castelfrancoemilia.it

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Sportello Appalti Imprese

Sportello Appalti Imprese Sportello Appalti Imprese Bilancio del secondo anno di attività e prossimi traguardi Cagliari, 18 novembre 2014 Vincenzo Francesco Perra Sportello Appalti Imprese Indice A Obiettivi del progetto B Attività

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione

Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione Bruno Salomoni Direzione Sistema Informatico Via Pacinotti, 4 Marghera (Ve) 0412792202 Elvio Tasso Direzione

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

marketing 19/36 Un filo diretto, utente per utente

marketing 19/36 Un filo diretto, utente per utente direct marketing Un filo diretto, utente per utente implementazione data base gestione data base aziendale riqualificazione data base newsletter dem telemarketing gestione numero verde 19/36 Un DB aziendale

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Tecnologie per la crescita dell impresa software, hardware e servizi

Tecnologie per la crescita dell impresa software, hardware e servizi Tecnologie per la crescita dell impresa software, hardware e servizi www.centrosoftware.com la società Centro Software è stata fondata nel 1988 con un obiettivo ambizioso: fornire alle Piccole e Medie

Dettagli

La giusta direzione per dare forza alla tua impresa.

La giusta direzione per dare forza alla tua impresa. La giusta direzione per dare forza alla tua impresa. CHI SIAMO Assofermet è l Associazione Nazionale delle imprese del commercio, della distribuzione e della prelavorazione di prodotti siderurgici, dei

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA. Fatturazione elettronica

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA. Fatturazione elettronica COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Fatturazione elettronica Roma, 3 dicembre 2014 (ore 20:30) Palazzo San Macuto, via del

Dettagli

Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa

Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa In un mercato con i principali parametri della crescita bloccati, o addirittura con segno negativo, il franchising ha saputo sostanzialmente tenere

Dettagli

Ministero dell industria

Ministero dell industria PRINCIPI Principi di base per il Commercio Elettronico Legislazione leggera e minimo intervento di regolazione Regole chiare e semplici Sviluppo guidato dal mercato Linee guida coordinate a livello europeo.

Dettagli

7. I costi delle ICT negli enti locali e le aspettative in relazione ai servizi

7. I costi delle ICT negli enti locali e le aspettative in relazione ai servizi 7. I costi delle ICT negli enti locali e le aspettative in relazione ai servizi Il capitolo approfondisce il tema della valutazione dei costi e delle aspettative degli Enti locali piemontesi rispetto ai

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

Visita di Studio sul tema dell economia sociale. Dossier di approfondimento della tematica

Visita di Studio sul tema dell economia sociale. Dossier di approfondimento della tematica Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli