Ministero della Salute. Vito Piazzolla. Servizio Integrazione Ospedale-Territorio e Integrazione Socio- Sanitaria.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero della Salute. Vito Piazzolla. Servizio Integrazione Ospedale-Territorio e Integrazione Socio- Sanitaria. v.piazzolla@arespuglia."

Transcript

1 Ministero della Salute I processi di trasformazione dei sistemi socio-sanitari sanitari nelle regioni italiane Sistemi di assistenza primaria e innovazione in sanità La centralità del sistema delle cure primarie: esperienze a confronto Servizio Integrazione Ospedale-Territorio e Integrazione Socio- Sanitaria Direttore: Vito Piazzolla Relazione Programma Care Puglia: L impatto del modello proattivo innovativo implementato a livello regionale per l assistenza alle persone affette da patologie croniche : Venezia

2 Progetto Salute Il Distretto e i nuovi Luoghi della Salute Perché lo facciamo? 2

3 Sistema Salute della Regione Puglia Progetto Salute I nuovi Luoghi di Salute Le scelte. Storia - Contesto - Situazione di partenza Piano di rientro, riconversione delle strutture ospedaliere e qualche provocazione

4 La costruzione della Rete ha impattato il senso di frustrazione indotto dal Piano di Rientro: contrazione delle risorse disponibili e difficoltà a riconvertire quelle esistenti. Avevamo due possibilità: 1. rincorrere il principio economicistico dei tagli e delle chiusure; 2. oppure traghettare il processo di rientro governandolo e portandolo dentro l alveo di un cambiamento sostenibile del Sistema Sanitario Regionale. 4

5 49 DSS che fanno capo alle sei Aziende Sanitarie Locali, Risultato dell'accorpamento provinciale avvenuto Un territorio che contava al 2010: 102 H di cui: 68 H pubblici di cui: 2 Aziende H 2 IRCCS 34 H Privati Le Puglie Un Modello Etico di Azienda Pubblica 258 Comuni

6 La popolazione in Puglia Fasce Età Maschi Femmine Totale > Totale

7 Progetto Salute Il Distretto e i nuovi Luoghi della Salute Per chi lo facciamo? 7

8 Progetto Salute in Puglia Studiare i Bisogni A garanzia dei LEA Ospedalieri e Distrettuali

9

10 Fabbisogno (?)

11 Progetto Salute in Puglia Gli Scenari Possibili Gli operatori sanitari e il caso badanti nella Regione Lombardia

12 Fabbisogno al 2013: Badanti = Fabbisogno Operatori sanitari = Fabbisogno +??????

13 Italia: Una vera emergenza sanitaria il 38,8% dei residenti in Italia dichiara di essere affetto da almeno una delle principali patologie croniche (ISTAT, Indicatori demografici 2009) il 57,2% dei residenti tra i 55 ed i 59 anni e l 86,9% degli over 75 soffre di almeno una malattia cronico degenerativa (IX rapporto sulle politiche per la cronicità, 2010) il 20,3% ha almeno due patologie e tra gli over 75 la percentuale tocca il 68,2 % dei grandi vecchi (IX rapporto sulle politiche per la cronicità, 2010) Per la disabilità, sono 2 milioni e 600 mila le persone con disabilità di sei anni e più che vivono in famiglia, pari al 4,8% della popolazione italiana L. Bugliari D. Bellentani, 2011) (ISTAT, La disabilità in Italia, Anni ) 13

14 Puglia e Mezzogiorno: Una vera emergenza sanitaria In Puglia la speranza di vita alla nascita è di 79,7 anni per i maschi e 84,4 per le donne. Le donne, tuttavia, sono più svantaggiate in qualità della sopravvivenza: un terzo della vita è vissuto in non buona salute in condizioni più invalidanti. In Puglia la speranza di vita in buona salute è di 58,1 anni per i maschi e 52,1 anni per le donne. La non buona salute per le donne è di oltre 30 a.. Nel Mezzogiorno: una vita media più breve e un numero di anni più basso vissuti in buona salute. Crescono i decessi per demenza senile e malattie del sistema nervoso: in Puglia il tasso di mortalità è pari a 24,7 per anziani over 65 (naz. 25,8). Riduzione progressiva della ricchezza privata: minore possibilità di vicariare l intervento pubblico (diagnostica banti/caregiver) Fattori di deprivazione influenzano i tassi di morbilità per patologie croniche (Diabete, MCV e BPCO) che in Puglia sono tra i più elevati. Comunque, Mezzogiorno e persone di estrazione sociale più bassa continuano ad essere le più penalizzate in tutte le dimensioni considerate. Copertura del welfare oggi insufficiente: lo pensa il 71% dei residenti nel sud rispetto al 51,1% del nord-ovest e al 57,1 del nord-est. (Rapporto Benessere Equo e Sostenibile 2013 e Rapporto Censis La crisi sociale del Mezzogiorno del marzo 2013) 14

15 Stratificazione per classi di rischio - DATO AMMINISTRATIVO Il Progetto Ares Mario Negri Sud Indice di Comorbilità di Charlson Per tutti 258 comuni della Puglia

16 Agenzia Regionale Sanitaria Puglia 0 = Assenza di Patologie Coesistenti 1,2,3.. Punteggio crescente proporzionale al rischio di decesso nei 12 mesi successivi Bari, novembre 2010 Patologie e popolazioni

17 Tabella 11. Distribuzione della spesa farmaceutica ed ospedaliera (valori assoluti) per classi di ICCh. -Fonte dati: SDO 2010 Classi ICCh 2010 N. Assistiti Spesa ospedaliera in euro Spesa farmaceutic a in euro Spesa totale in euro N. Assistiti Spesa Osp. % Spesa Farm. % Spesa Tot. % ICCh 0 ICCh (87.1%) (6.5%) (21.3%) (33.0%) (76.2%) (10.2%) (42.5%) (1+2) (24.2%) (93.6%) (1+2) (51,3%) (1+2) (86.4%) (1+2) (66.7%) ICCh 3-4 ICCh >= (3.9%) (2.4%) (24.1%) (21.6%) (7.4%) (6.2%) (17.6%) (3+4) (15.7%) (6.3%) (3+4) (25.7%) (3+4) (13.6%) (3+4) (33.3%) Totali % 100% 100% 100% Nell attuale analisi trasversale, pur utilizzando il solo anno 2010 (il piùrecente attualmente disponibile) si evidenzia, ancora una volta, come alcrescere dell indice di Comorbilità di Charlson cresce proporzionalmente l impegno delle risorse sanitarie

18 Tabella 11. Distribuzione della spesa farmaceutica ed ospedaliera (valori assoluti) per classi di ICCh. -Fonte dati: SDO 2010 Classi ICCh 2010 N. Assistiti Spesa ospedaliera in euro Spesa farmaceutica in euro Spesa ProC. euro %. Assistiti ICCh (21.3%) (76.2%) 922 (87.1%) ICCh 1-2 ICCh 3-4 ICCh >= (6.5%) (3.9%) (2.4%) (33.0%) (24.1%) (21.6%) (10.2%) (7.4%) (6.2%) Totali (12,9) Nell attuale analisi trasversale, pur utilizzando il solo anno 2010 (il piùrecente attualmente disponibile) si evidenzia, ancora una volta, come alcrescere dell indice di Comorbilità di Charlson cresce proporzionalmente l impegno delle risorse sanitarie

19 Ripensare i luoghi sanitari I luoghi sanitari H DSS rappresentano due Monadi (che (che non non leggono leggono l universo l universo che che è intorno) intorno) Le proiezioni: A breve gli ultra 75enni impegneranno il il 75% delle risorse sanitarie In Puglia: 1% della Popolazione impegna il il 25% delle risorse sanitarie 19

20 Cure Domiciliari Obiettivo di Servizio S.06 e e fabbisogno ADI in personale, per ASL N ASL Obiettivo di Servizio S.06 ( 3,5 % anziani in ADI) - Anziani da prendere in carico in ADI Fabbisogno * hh OSS (60' per accesso) Fabbisogno hh Infermieri (30' per accesso) Fabbisogno hh Terapisti (45' per accesso) Fabbisog no hh Medico (30' per accesso) Fabbiso gno**un ità OSS (60' per a.esso) OSS ( 15,00 per h.) Fabbis ogno unità Inferm ieri (30' per acces so) INFERMIERI ( 23,00 per h.) Fabbis ogno unità Terapi sti (45' per acces so) TERAPISTI ( 23,00 per h.) Fabbis ogno unità Medico (30' per access o) Fabbiso gno unità Medico (30' per access) 1 ASL BA ASL BAT ASL BR ASL FG ASL LE ASL TA REGIONE PUGLIA (n ) (n ) (n ) AReS - Servizio Integrazione Ospedale -Territorio e Integrazione Socio -Sanitaria Strategie per la sostenibilità del sistema salute in Puglia 20

21 Decisori Regionali Equità e Sostenibilità Quanto costa vivere più a lungo a livello mondiale

22 Progetto Salute Come lo facciamo? Studiare l Offertal Offerta A garanzia dei LEA Ospedalieri e Distrettuali 22

23 Progetto Salute in Puglia (Sono arrivati gli inglesi) Il riordino Ospedaliero prima e seconda fase Chiudiamo gli Ospedali! in rapporto al Riordino Territoriale Coordinando Domanda e Offerta Complessiva

24 N. ASL Ospedali da riconvertire Residenti 1 BA BITONTO BA GIOIA DEL COLLE BA GRUMO APPULA BA NOCI BA RUTIGLIANO BA RUVO DI PUGLIA BA SANTERAMO IN COLLE BT MINERVINO MURGE BT SPINAZZOLA BR CEGLIE MESSAPICA BR CISTERNINO BR POGGIARDO FG MONTE SANT'ANGELO FG SAN MARCO IN LAMIS FG TORREMAGGIORE LE GAGLIANO DEL CAPO LE MAGLIE LE CAMPI SALENTINA TA MASSAFRA TA MOTTOLA Al Tot BA CONVERSANO LE NARDO Al Tot Prima fase nel corso del Ospedali disattivati Riconvertiti., in parte, in funzioni assistenziali a più basso consumo di risorse Seconda Fase disattivazione di 800 P.L. del S.S.R., E.E., IRCCS e Case di Cura private accreditate Riconversione, entro il 31/12/ Ospedali pubblici La sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale

25 Non sono Professore Ho preso il Piccio! Modo di dire, dialettale : Mi gira il chiccherone (Lazio) Avere il berrettìn inverso (Liguria, versione edulcorata di qualcos altro..;) Avere l uovo storto (Sicilia) Sono incocciato; Sono inculìto (Toscana) Tengo la susta; Ho i picci; Sto piccioso (Puglia). 25

26 Racconto domanda di salute e offerta distrettuale: 1. in presenza o meno di ospedali; 2. N. ab. e assistenza specialistica 3. Indice di carico assistenziale (Charlson Comorbidity Index) e n. infermieri e/o setting assistenziali coerenti, ecc; Alla ricerca delle correlazioni coerenti tra domanda di salute e offerta di assistenza?! O, almeno, di un senso. Puglia 258 Comuni 6 AA.UU.SS.LL. 49 DD.SS.SS. AReS - Servizio Integrazione Ospedale -Territorio e Integrazione Socio -Sanitaria Strategie per la sostenibilità del sistema salute in Puglia

27 I Distretti SocioSanitari in Puglia ASL N. DSS N. ab. N. Comuni Bari BT Brindisi Foggia Lecce Taranto Totali

28 Dei 49 Distretti SocioSanitari: 10 non hanno strutture di ricovero; 15 dove non vi sono PL per la non acuzie

29 La maggiore disponibilità di posti letto sembra condizionare il ricorso all ospedalizzazione: il tasso standardizzato per età (rif. popolazione Puglia , fonte ISTAT) risulta infatti più elevato nelle provincie di Foggia e di Bari: Due AA.SS.LL Foggia e Bari sono peraltro le stesse a superare lo standard nazionale di 180 per 1000 abitanti

30 Sistema AREA EMERGENZA-URGENZA Emergenza- Urgenza Riconversion e Ospedali Accorpament o dei Distretti

31 Tempo di percorrenza in Min. dal Pronto Soccorso più vicino Con approssimazione al centro urbano più vicino

32 Distanza in Km dal Pronto Soccorso più vicino Con approssimazione al centro urbano più vicino

33 ASL LE (Ab. / n. Comuni / Ospedali / Spec. Amb. Territoriale) N. DSS DSS N. ab. N. Comuni Ospedali Ospedali Riconvertiti N. Ore Specialistica 1 LECCE NARDO CAMPI SALENTINA GALLIPOLI CASARANO GALATINA MARTANO MAGLIE POGGIARDO GALLIANO DEL C Totali

34 La media delle ore di Specialistica amb. Territoriale per DSS è 434 h. Regione Puglia (Ab. / n. Comuni / Spec. Amb. Territoriale) DSS N. DSS N. ab. N. Comuni Ospedali Pubblici Ospedali Riconvertiti N. Ore Specialistica Bari BT Brindisi Foggia Lecce Taranto TOTALI N. Totale Abitanti N. Tot DSS Popolazione Media per DSS N. Tot. Comuni N. Tot. Ore Specialistica Media X DSS N. h. pec. Indice h. Spec./ 1000ab ,20

35 Progetto Salute Il Distretto e i nuovi Luoghi della Salute Con chi lo facciamo? 35

36 Regione Puglia - AReS e Mission La Cultura del Dato Metodo e Risorse Pianificare e Programmare l acquisizione di Risorse Per quante persone e a cosa serve quella Risorsa? Questa è la Domanda!

37 ASL LE (Ab. / n. Comuni ASL LE / Dotazione R.U.) N. DSS DSS N. ab. N. Comuni N. Dir. N. Inf.ri N. Comp. Tot 1 LECCE NARDO CAMPI SALENTINA GALLIPOLI CASARANO GALATINA MARTANO Lecce, Arnesano, San Cesario, Cavallino, Lizzanello, Lequile, Monteroni, S. Donato, S. Pietro in Lama, Surbo Campi Salentina, Squinzano, Trepuzzi, Novoli, Guagnano, Salice Salentino, Carmiano, Veglie Casarano, Taurisano, Collepasso, Supersano, Parabita, Matino, Ruffano Gagliano del Capo, Presicce, Ugento, Acquarica del Capo, Tricase, Morciano di Leuca, Alessano, Corsano, Salve, Patù, Castrignano del Capo, Miggiano, Specchia, Tiggiano, Montesano Salentino Galatina, Aradeo, Cutrofiano, Soleto, Neviano, Sogliano Cavour Gallipoli, Alezio, Sannicola, Tuglie, Taviano, Alliste, Melissano, Racale Maglie, Corigliano d'otranto, Castrignano de Greci, Cannole, Bagnolo del Salento, Palmariggi, Giurdignano, Otranto, Muro Leccese, Scorrano, Melpignano, Cursi MAGLIE Martano, Calimera, Melendugno, Vernole, Caprarica, Carpignano, Castrì, Martignano, Sternatia, Zollino POGGIARDO Nardò, Galatone, Seclì, Copertino, Leverano, Porto Cesareo GALLIANO DEL CAPO Poggiardo, Spongano, Uggiano La Chiesa, Minervino, Andrano, Castro, Nociglia, Santa Cesarea Terme, Giuggianello, Botrugno, Surano, S. Cassiano, Diso, Ortelle, Sanarica Totali

38 ASL LE Regione Puglia (Ab. / n. Comuni / Dotazione R.U.) N. DSS ASL N. ab. N. Comuni N. Dir.ti N. Comparto di cui Infermieri Indice Inf.ri/ 1000ab. Tot. Operatori Indice Op./ 1000ab. 14 Bari , ,09 5 BT , ,82 4 Brindisi , ,78 9 Foggia , ,82 10 Lecce , ,74 7 Taranto , ,71 49 Totali , ,87

39 Le dotazioni organiche Per almeno tre lustri le dotazioni organiche dei Distretti SS sono state costruite su un principio ormai consolidato e già condiviso dall intera comunità scientifica, detto a Muzzo. Non sono Professore

40 Il Il Direttore Risorsa Critica (Motivazionale --Relazionale) Il Il Bello del Distretto

41 Progetto Salute Il Distretto e i nuovi Luoghi della Salute Come vogliamo farlo meglio! Con chi vogliamo farlo meglio! 41

42 Sistema Salute della Regione Puglia Progetto Salute I nuovi Luoghi della Salute Pianificare e Progettare un nuovo Sistema Regionale da Leonardo, il Progetto Nardino Programma Care Puglia 2011 Interazione - Integrazione - Coordinamento 42

43 Comuni - Popolazione Residente - Ricoveri Totali Dep. Ricoveri Resid. nell Ospedale dello stesso Comune N. Ospedali Residenti ( ) 09 Ricoveri Totali ( ) 09 Ricoveri in Puglia Q.Ta R.U. Ricoveri Residenti % Su totale Ricoveri medici Ricoveri Ch. ORD DH ORD DH 1 BA BITONTO ,6% BA GIOIA DEL COLLE ,9% BA GRUMO APPULA ,1% BA NOCI ,6% BA RUTIGLIANO ,7% BA RUVO DI PUGLIA ,4% BA SANTERAMO IN COLLE ,5% BT MINERVINO MURGE ,8% BT SPINAZZOLA ,7% BR CEGLIE MESSAPICA ,6% BR CISTERNINO ,5% BR POGGIARDO ,8% FG MONTE SANT'ANGELO ,8% FG SAN MARCO IN LAMIS ,7% FG TORREMAGGIORE ,8% LE GAGLIANO DEL CAPO ,0% LE MAGLIE ,1% LE CAMPI SALENTINA %15,60 19 TA MASSAFRA ,9% TA MOTTOLA ,8% Totali e Medie (11% ) (9,5% ) ,1%

44 Il Progetto Care Puglia ( I ) Descrizione del progetto: modello assistenziale basato sulla presa in carico del paziente cronico, nell ambito delle Cure Primarie (Chronic Care Model), con approccio sistemico, (multidisciplinare ed Evidence-based); 44 44

45 Obiettivi del Progetto Care Puglia 1. Superare il paradigma dell offerta di prestazioni a favore della continuità dell assistenza e della presa in carico anche degli autosufficienti 2. Identificare e stratificare la popolazione anziana e le patologie croniche ed invalidanti 3. Misurare l efficacia l e l efficienza l della Presa il carico 4. Registro delle cronicità 5. Evitare o allontanare, il più possibile, il ricorso a setting assistenziali ad elevata intensità e/o la non autosufficienza (team cure)

46 Care Team Care Manager Specialista/ ospedale Paziente Profilo di cure GP 46

47 Le 8 priorità del modello centrato sul paziente 1 Sapere come e quando consultare il medico 5 Sapere come mantenere la malattia sotto controllo 2 Conoscere la malattia e fissare gli obiettivi 6 Modificare gli stili di vita per ridurre i rischi 3 Assumere correttamente i farmaci 7 Far leva sui punti di forza per superare gli ostacoli 4 Effettuare gli esami e le visite raccomandati 8 Effettuare le visite mediche specialistiche e il follow-up 47

48 La Medicina Generale in Puglia Ass.ne Semplice Gruppo Super Gruppo Rete Super Rete CPT Forme N. Medici N. Infermieri 454 (ASL di Lecce n. 90) 48

49 Le fasi del programma Care Puglia 1. Reclutamento del paziente 2. La valutazione iniziale (V.M.) 3. Profilo del Paziente 4. Profilo di cure 5. Consulenze specialistiche 6. Follow up 49

50 Progetto Salute in Puglia Il Distretto e i nuovi Luoghi della Salute Care Puglia I Primi Risultati

51 Care Puglia: I Primi Risultati Pazienti presi in carico n. Femmine Maschi 890 Totale Pazienti presi in carico per fasce d età Anni n. % < , , , ,17 > ,04 Totale %

52 Care Puglia: I Primi Risultati Pazienti presi in carico per Patologie Patologia n. % Diabete tipo I 86 4,521 Diabete tipo II ,47 Rischio MCV ,85 Scompenso cardiaco 25 1,314 Rischio Diabetico 30 1,577 BPCO 144 7,570 MCV conclamata ,24 Totale %

53 Care Puglia: I Primi Risultati Pazienti presi in carico per Patologia Patologia n. % Diabete tipo I 84 4,802 Diabete tipo II ,28 Rischio MCV ,47 Scompenso cardiaco 24 1,372 Rischio Diabetico 28 1,600 BPCO 121 6,918 MCV conclamata ,03 N.B.: Il numero complessivo dei pazienti arruolati è inferiore al numero totale delle patologie, trattandosi di procedure in atto in fase di chiusura. 53

54 Care Puglia: I Primi Risultati MMG che hanno aderito Personale coinvolto Specialisti Ambul.ri Infermieri AReS Infermieri ASL

55 Progetto Salute in Puglia I I punti di forza del progetto! I I punti critici del progetto?

56 I meccanismi innovativi del Progetto Care Puglia Il Care Manager; Il software dedicato alla gestione integrata del paziente; La Telemedicina: Telecardiologia Holter ECG 56 56

57 Il Care Manager educazione e la responsabilizzazione del paziente I meccanismi innovativi del Progetto Care Puglia collaborazione con i MMG, e specialisti, Per migliorare l aderenza ai percorsi di cura e al trattamento, con una forte attenzione agli stili di vita salutari, per ottenere migliori outcome clinici

58 La sperimentazione ci sopravanza e le tecnologie sono già disponibili: software dedicato alla gestione integrata del paziente, per l intero processo assistenziale dalla fase iniziale di presa in carico globale della persona autosufficiente e non. Concepito in modo da interfacciarsi con il Nuovo Sistema Informativo Sanitario Regionale EDOTTO. 35 Appl.vo La Rotta I risultati evidenziano che i pazienti cronici ricevono assistenza guidata e personalizzata e questo ci consente di ritenere alcune esperienze Distrettuali già mature per adottare il Care Puglia come Modello ordinario di Gestione dei Protocolli Diagnostico- Terapeutici e Assistenziali (PDTA) delle cronicità AReS - Servizio Integrazione Ospedale -Territorio e Integrazione Socio -Sanitaria Strategie per la sostenibilità del sistema salute in Puglia 58

59 La sperimentazione ci sopravanza e le tecnologie sono già disponibili La Rotta DR. WILLIAM A. HASELTINE Global Health President, Haseltine Foundation Haseltine Foundation for Medical Sciences and the Arts

60 La Telecardiologia ASL Distretto ECG Holter Eseguiti Patologici Eseguiti Patologici BT Minervino Murge Lecce Maglie Lecce Campi Salentina Totali

61 Progetto Salute in Puglia La valutazione e il monitoraggio del programma Care Puglia

62 Valutazione degli esiti Griglia di valutazione degli indicatori d esito 1. Adesione ai Protocolli ed alle Procedure di autogestione 2. Cambiamento degli stili di vita e della percezione relativa al proprio stato di salute 3. Miglioramento dei parametri clinici 4. Impatto organizzativo sui servizi e sui tempi d attesa 5. Gradimento ed opinioni degli attori coinvolti nel processo 62

63 Le scale di valutazione degli assistiti (estratte e valutate automaticamente dal software di gestione) 1. Indice di Charlson (per la comorbilità); 2. Hamilton (per la depressione); 3. Morisky (per la compliance alla terapia); 4. Attività fisica e stili di vita; 5. Relazioni sociali. 63

64 Le scale di valutazione degli assistiti CHARLSON SCORE Frequency Percent ,50% ,60% ,60% ,10% ,80% 5 4 0,20% 6 2 0,10% Total ,00% 64 CHARLSON PROBABILITY (10 year survival) Frequency Percent 100% ,50% 96% 151 8,60% 91% 116 6,60% 78% 20 1,10% 54% 14 0,80% 22% 4 0,20% 3% 2 0,10% Total ,00%

65 Le scale di valutazione degli assistiti VALORE Frequency Percent AUTOSUFFICIENZA ,20% in assenza di disturbi o segni di patologia ,80% con segni o sintomi minori di patologia ,50% con fatica e segni evidenti di patologia ,20% incapace di lavorare ma autosufficiente ,30% richiede assistenza occasionale Total ,00% REDDITO Frequency Percent Cum Percent fra e anno ,00% 39,00% fra e anno 62 6,90% 45,80% maggiore di anno 5 0,60% 46,40% meno di anno ,60% 100,00% Total ,00% 100,00% 65

66 Progetto Salute Il Distretto e i nuovi Luoghi della Salute Dove lo facciamo? 66

67 Progetto Salute Il Distretto e i nuovi Luoghi di Salute PTA e Legge n. 189/2012 disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute. L esperienza di Ceglie Messapica (BR)

68 Azienda Sanitaria Locale Locale BR BR DSS DSS Francavilla F. F. Riconversione ex ex P.O. P.O. di di Ceglie Ceglie Messapica Presidio Presidio Territoriale Territoriale di di Assistenza Assistenza (PTA) (PTA) Dipartimenti Territoriali Distretto SocioSanitario Igiene Igiene e e Prevenzione Prevenzione (Uff. (Uff. Vaccinazioni Vaccinazioni Med. Legale) Med. Legale) Area Area Emergenza Emergenza Territoriale Territoriale (P.P.I. (P.P.I. 118) 118) PACC PACC --Diabete Diabete CUP CUP - - Ticket Ticket Anagrafe Sanitaria Anagrafe Sanitaria Ass. Ass. Protesica Protesica Ass. Special.ca Ass. Special.ca Ambulatoriale Ambulatoriale Continuità Continuità Assistenziale Assistenziale Amb. Inferm. Di Amb. Inferm. Di Care Care Management Management Ospedale di Ospedale di Comunità Comunità PACC PACC -- Ipertensione Day Day Service Service Ufficio Ufficio Cure Domiciliari Cure Domiciliari PAC PAC Tunnel Tunnel Carpale Carpale PUA PUA UVM UVM 68

69 Progetto Salute in Puglia La Rete di protezione Sanitaria e SocioSanitaria (Di cosa parliamo e Quanto costa?)

70 Al Distretto il coordinamento delle cure La Rete di Protezione Sanitaria e Socio Sanitaria Paziente a casa Servizi medici Provider(s) Settings assistenziali Tecnologia Giovanni Matihieu 70

71 Al Distretto il coordinamento della continuità delle cure Lungodegenza riabilitativa INPS CDI Paziente a casa Uff. invalidi civili Protesi e Ausili Patronati ADI Prefettura RSA La Rete di Protezione Sanitaria e Socio Sanitaria SAD Vicini Amici Infermiere privato 118 Guardia medica COLF Trasporto assistito Provider(s) Farmacista ASA Paziente complesso e suo nucleo familiare Parenti Volontariato domiciliare Parroco UVG Ospedale Poliambulatorio USSL Servizi CD medici Religiosi Operatori extracomunitari Medico di famiglia Assistente sociale comunale Assistente sociale ospedaliera Cooperative sociali Giunco 2002 Giudice Registro USSL Casa Alb. Posta Specialisti privati Settings riabilitazione assistenziali CUP Catasto Terapista della Specialisti pubblici Uff. del Notaio Banca tutelare registro Tecnologia Giunco Giovanni Matihieu 71

72 Il Pescatore solitario Rete Lancio 72

73 Progetto Salute in Puglia Noi e gli altri

74 La Regione Puglia è stata chiamata a descrivere questo Progetto in diverse sedi istituzionali nazionali : 1. AgeNaS - Progetto di Ricerca Autofinanziata valutare qualità ed equità dell assistenza sanitaria territoriale erogata ai cronici ed effettuare analisi organizzativa dei vari modelli delle regioni coinvolte (Emilia Romagna - Lombardia - Marche - Puglia - Sicilia - Toscana - Veneto). 2. AgeNaS - Progetto di Ricerca : L impatto dei modelli proattivi innovativi implementati a livello regionale per l assistenza alle persone affette da patologie croniche per valutare l impatto dell assistenza sanitaria territoriale erogata ai cronici attraverso la validazione di un set di indicatori per monitorare l attività. (Emilia Romagna - Lombardia - Marche - Puglia - Sicilia - Toscana Veneto). 3. AgeNaS - Progetto di Ricerca Autofinanziata dal titolo Sviluppo e validazione di un set di indicatori per monitorare la Long Term Care degli anziani non autosufficienti, che prevede la partecipazione della Regione Puglia, accanto a Lombardia, Toscana, Veneto e Emilia-Romagna.

75 Progetto Salute Il Distretto e i nuovi Luoghi della Salute Le domande: Perché lo facciamo? Per chi lo facciamo? Come lo facciamo? Con chi lo facciamo? Dove lo facciamo? 75

76 Progetto Salute Il Distretto e i nuovi Luoghi della Salute Quinto Punto Perché non lo facciamo?!?!?! Questa è la domanda!!! 76

77 e qualche provocazione Non dite mai questo è il libro dei sogni Perché il Servizio sanitario ci sopravvivrà e se la resistenza al cambiamento sarete voi qualcuno farà il tifo perché ciò avvenga prima possibile ViP Servizio Integrazione Ospedale -Territorio e Integrazione Socio -Sanitaria Servizio Integrazione Ospedale -Territorio e Integrazione Socio -Sanitaria CONVEGNO Il Distretto Socio Sanitario: una identità incompiuta? Esperienze a confronto Bisceglie Disabilità

78 Una sfida importante Servizio Integrazione Ospedale -Territorio e Integrazione Socio -Sanitaria CONVEGNO AReS - Servizio Il Integrazione Distretto Socio Ospedale Sanitario: -Territorio una identità e Integrazione incompiuta? Socio Esperienze -Sanitaria a confronto Strategie per la sostenibilità del sistema salute in Puglia

79 UN MODELLO ETICO DI AZIENDA PUBBLICA Servizio Integrazione Ospedale -Territorio e Integrazione Socio -Sanitaria CONVEGNO AReS - Servizio Il Integrazione Distretto Socio Ospedale Sanitario: -Territorio una identità e Integrazione incompiuta? Socio Esperienze -Sanitaria a confronto Strategie per la sostenibilità del sistema salute in Puglia

80 Rete Integrata dei servizi Sanitari e SocioSanitari Sistema Salute della Regione Puglia Progetto Salute I nuovi Luoghi di Salute Prima Ti Ignorano; Poi Ti Deridono; Poi Ti Combattono; Poi Vinci. M.G. AReS - Servizio Integrazione Ospedale -Territorio e Integrazione Socio -Sanitaria Strategie per la sostenibilità del sistema salute in Puglia

81 GRAZIE, PER L ATTENZIONEL AReS - Servizio Integrazione Ospedale -Territorio e Integrazione Socio -Sanitaria Strategie per la sostenibilità del sistema salute in Puglia 81

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2011

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2011 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 PIANURA DI COPERTINO Comuni di: ARNESANO, CAMPI SALENTINA, CARMIANO, COPERTINO, GUAGNANO, LEVERANO, MONTERONI DI LECCE, NOVOLI, SALICE SALENTINO, SAN PIETRO

Dettagli

In crescita i protesti nel 2012: + 10,8% per un valore di oltre 52 milioni di euro

In crescita i protesti nel 2012: + 10,8% per un valore di oltre 52 milioni di euro In crescita i protesti nel 2012: + 10,8% per un valore di oltre 52 milioni di euro Sono 30.350 i titoli protestati nel 2012 nella provincia di Lecce per un valore di oltre 52 milioni di euro, protesti

Dettagli

COMUNI. progetti in partnership con altri enti al fine di migliorare la comunicazione e la qualità dei servizi resi

COMUNI. progetti in partnership con altri enti al fine di migliorare la comunicazione e la qualità dei servizi resi MONITORAGGIO SULLA QUALITA' DEI SERVIZI RESI AL CITTADI E SULLA EFFICIENZA ED EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE COMUNI DELLA PROVINCIA DI LECCE INDAGINE COSCITIVA DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Attività poste

Dettagli

Titolo Data Località Sant'Antonio Abate e la fòcara. Festa patronale a Novoli. Morciano Di Leuca (LE) Villa Convento - Novoli (LE)

Titolo Data Località Sant'Antonio Abate e la fòcara. Festa patronale a Novoli. Morciano Di Leuca (LE) Villa Convento - Novoli (LE) Sant'Antonio Abate e la fòcara. Festa patronale a Novoli. Sant'Ippazio. Festa patronale a Tiggiano San Vincenzo di Saragozza. Festa patronale ad Ugento. San Vincenzo di Saragozza. Festa patronale a Miggiano.

Dettagli

Tecnologia di accesso. Fibra ottica: 0 xdsl: 1 Wireless: 3. Fibra ottica: 0 xdsl: 1 Wireless: 3. Fibra ottica: 0 xdsl: 1 Wireless: 1

Tecnologia di accesso. Fibra ottica: 0 xdsl: 1 Wireless: 3. Fibra ottica: 0 xdsl: 1 Wireless: 3. Fibra ottica: 0 xdsl: 1 Wireless: 1 STATO COPERTURA AL 31/12/2010 Numero Provincia Comune Denominazione Copertura in Fibra Ottica (backhaul) nel Tecnologia di accesso di accesso Banda di backhaul in Mbps disponibile per di backhaul 1 BA

Dettagli

Sant'Antonio Abate e la fòcara. Festa patronale a Novoli. dal 06/01/2016 al 18/01/2016 Novoli (LE)

Sant'Antonio Abate e la fòcara. Festa patronale a Novoli. dal 06/01/2016 al 18/01/2016 Novoli (LE) Sant'Antonio Abate e la fòcara. Festa patronale a Novoli. dal 06/01/2016 al 18/01/2016 Novoli (LE) Sant'Ippazio. Festa patronale a Tiggiano dal 18/01/2016 al 19/01/2016 Tiggiano (LE) San Vincenzo di Saragozza.

Dettagli

INFORMASALUTE. I Servizi Sanitari di LECCE. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i Cittadini stranieri

INFORMASALUTE. I Servizi Sanitari di LECCE. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i Cittadini stranieri Progetto co-finanziato dall Unione Europea Istituto Nazionale Salute, Migrazioni e Povertà Ministero della Salute Dipartimento della Prevenzione e Comunicazione Ministero dell Interno Dipartimento per

Dettagli

ATO PROVINCIA LECCE GESTIONE RIFIUTI

ATO PROVINCIA LECCE GESTIONE RIFIUTI ATO PROVINCIA LECCE GESTIONE RIFIUTI ASSEMBLEA DEI SINDACI ASSEMBLEA DEI SINDACI COPIA Deliberazione n. 4 del 14/07/2014 OGGETTO: Approvazione piani finanziari per la determinazione delle tariffe TARI

Dettagli

Art. 3 Il Servizio Foreste dell Area politiche per lo sviluppo rurale è incaricato della esecuzione del presente

Art. 3 Il Servizio Foreste dell Area politiche per lo sviluppo rurale è incaricato della esecuzione del presente 3247 VISTO il decreto del Presidente della Giunta regionale n.20 del 23/01/2013 con il quale, ai sensi comma 1 dell art. 36 della legge regionale n. 45 del 28/12/2012, è stato prorogato, fino a tutto il

Dettagli

ATO PROVINCIA LECCE GESTIONE RIFIUTI ASSEMBLEA DEI SINDACI. COPIA Deliberazione n. 3 del 13/02/2015

ATO PROVINCIA LECCE GESTIONE RIFIUTI ASSEMBLEA DEI SINDACI. COPIA Deliberazione n. 3 del 13/02/2015 ATO PROVINCIA LECCE GESTIONE RIFIUTI ASSEMBLEA DEI SINDACI ASSEMBLEA DEI SINDACI COPIA Deliberazione n. 3 del 13/02/2015 OGGETTO: Approvazione Piano Finanziario Comune di Lecce per la determinazione delle

Dettagli

Regione Puglia Grafica e stampa: GUITAR Lecce - Giugno 2012

Regione Puglia Grafica e stampa: GUITAR Lecce - Giugno 2012 Regione Puglia Grafica e stampa: GUITAR Lecce - Giugno 2012 INDICE ESENZIONE TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE Per età e per particolari condizioni con correlati limiti di reddito...4 Per patologia...6

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LEGGE REGIONALE 12 agosto 2005, n. 11 "Modifiche alla legge regionale 14 giugno 1994, n. 18 (Norme per l'istituzione degli ambiti territoriali delle Unità sanitarie locali)" IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

Riepilogo Preferenze per Circoscrizione

Riepilogo Preferenze per Circoscrizione ELEZIONI REGIONALI DATA DI STAMPA // : Lista avente il contrassegno OLTRE CON FITTO Circoscrizione di BARI NUMERO ORDINE CANDIDATO ZULLO Ignazio (data di nascita //) LATERZA Nicola (data di nascita //)

Dettagli

Programma operativo 2013-2015

Programma operativo 2013-2015 R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Allegato IV Programma operativo 2013-2015 Il presente sub allegato si compone di n. 48 (quarantotto) pagine, inclusa la presente

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. MEUCCI 73042 CASARANO (LE)

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. MEUCCI 73042 CASARANO (LE) ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. MEUCCI 73042 CASARANO (LE) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Informatica e Telecomunicazioni Elettronica e Elettrotecnica Meccanica Meccatronica ed Energia Sito web: www.iismeucci.gov.it

Dettagli

Bando per lo sviluppo delle Rete a Banda UltraLarga in Regione Puglia Novembre 2014

Bando per lo sviluppo delle Rete a Banda UltraLarga in Regione Puglia Novembre 2014 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Bando per lo sviluppo delle Rete a Banda UltraLarga in Regione Puglia Novembre 2014 Inquadramento dell intervento nell aiuto di stato BUL Il Progetto Strategico del MISE

Dettagli

BANDO DI ACCESSO INCENTIVI ECONOMICI AI PROPRIETARI O CONDUTTORI DI FONDI RUSTICI PER INTERVENTI MIGLIORAMENTO AMBIENTALE A FINI FAUNISTICI

BANDO DI ACCESSO INCENTIVI ECONOMICI AI PROPRIETARI O CONDUTTORI DI FONDI RUSTICI PER INTERVENTI MIGLIORAMENTO AMBIENTALE A FINI FAUNISTICI A.T.C. P r o v i n c i a d i L e c c e Ambito Territoriale di Caccia - Comitato di Gestione [SEDE LEGALE: Viale dei Pini nr.5-73049 RUFFANO (LE)] [SPORTELLO: c/o Sala Esami Caccia della Provincia di Lecce-73100

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE CICLO RIFIUTI E BONIFICA 17 dicembre 2015, n. 642

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE CICLO RIFIUTI E BONIFICA 17 dicembre 2015, n. 642 52467 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE CICLO RIFIUTI E BONIFICA 17 dicembre 2015, n. 642 Tributo speciale per il conferimento in discarica dei rifiuti solidi urbani dovuto per l anno 2015 per i Comuni

Dettagli

Valle d'itria totalmente compresa nella nuova banda ultra larga lanciata da Telecom e Regione Puglia

Valle d'itria totalmente compresa nella nuova banda ultra larga lanciata da Telecom e Regione Puglia Valle d'itria totalmente compresa nella nuova banda ultra larga lanciata da Telecom e Regione Puglia Parte in Puglia il programma per la realizzazione della rete di nuova generazione in fibra ottica, che

Dettagli

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO COMUNE DI CASTRIGNANO DEL PROVINCIA DI LECCE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 51 Del 19-12-2007 Oggetto: CONDIVISIONE DELLA PROPOSTA DI RIORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' SANITARIE DI RIABILITAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA CONSIGLI COMUNALI DEI RAGAZZI (CCR), COMITATO UNICEF ITALIA, PROVINCIA DI LECCE E SINDACI

PROTOCOLLO D INTESA CONSIGLI COMUNALI DEI RAGAZZI (CCR), COMITATO UNICEF ITALIA, PROVINCIA DI LECCE E SINDACI Provincia di Lecce PROTOCOLLO D INTESA CONSIGLI COMUNALI DEI RAGAZZI (CCR), COMITATO UNICEF ITALIA, PROVINCIA DI LECCE E SINDACI Vista la Convenzione ONU sui diritti dell infanzia e dell adolescenza (Convention

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO CICLO DEI RIFIUTI E BONIFICA 1 marzo 2013, n. 30

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO CICLO DEI RIFIUTI E BONIFICA 1 marzo 2013, n. 30 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO CICLO DEI RIFIUTI E BONIFICA 1 marzo 2013, n. 30 L.R. 38/2011. Utilizzazione fondi ecotassa. Deliberazione della G.R. n. 2077/2012, come modificata con D.G.R n.

Dettagli

Le sfide di un utenza in continua evoluzione

Le sfide di un utenza in continua evoluzione SENIORnet Le sfide di un utenza in continua evoluzione Venezia Mestre 8/4/2014 Dott.sa Emma Nardin Coordinatore tecnico Servizio Adulti Anziani GLI SCENARI DEMOGRAFICI LE FAMIGLIE DEGLI ANZIANI LE DOMANDE

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO TURISMO 9 dicembre 2013, n. 114

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO TURISMO 9 dicembre 2013, n. 114 40982 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 164 del 12-12-2013 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO TURISMO 9 dicembre 2013, n. 114 Legge regionale 11.05.1990, n. 27 - Art. 3 - Albo Regionale

Dettagli

OLIMPIADI DELL AMICIZIA 2014 3^ Edizione

OLIMPIADI DELL AMICIZIA 2014 3^ Edizione Comitato Provinciale Lecce Provincia di Lecce Alliste Bagnolo del Salento Copertino Corsano Cutrofiano Lecce Leverano Matino OLIMPIADI DELL AMICIZIA 2014 3^ Edizione BANDO DI PARTECIPAZIONE Soggetti Promotori

Dettagli

Anno XXXII BARI, 19 APRILE 2001 N. 60 suppl.

Anno XXXII BARI, 19 APRILE 2001 N. 60 suppl. Sped. in abb. Postale, Art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 - Aut. DC/215/03/01/01 - Potenza Anno XXXII BARI, 19 APRILE 2001 N. 60 suppl. Il Bollettino Ufficiale della Regione Puglia si pubblica con frequenza

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SET- TORE COMMERCIO 5 aprile 2005, n. 115

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SET- TORE COMMERCIO 5 aprile 2005, n. 115 6284 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 55 del 14-4-2005 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SET- TORE COMMERCIO 5 aprile 2005, n. 115 L.R. 24/07/2001, n. 18 Elenco dei mercati su aree pubbliche dei

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

I risultati presentati di seguito consentono anche di fare una stima della consistenza di tale tipologia di offerta ricettiva.

I risultati presentati di seguito consentono anche di fare una stima della consistenza di tale tipologia di offerta ricettiva. Home Analisi offerta Il fenomeno degli affitti per vacanza Il fenomeno degli affitti turistici è molto diffuso sul territorio provinciale, ma in parte esce dai canali di rilevazione ufficiale dei dati

Dettagli

ARCHIVIO DI STATO DI LECCE

ARCHIVIO DI STATO DI LECCE ARCHIVIO DI STATO DI LECCE Via A. Sozy Carafa, 15 (cod. Post. 73100); tel. 0832/46788. Consistenza totale: bb., filze, pacchi, fasce., regg. e voli. 111.OOO ca.; pergg. 872. Biblioteca: ~011, 3.000, opuscoli

Dettagli

Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Puglia Cittadini stranieri L ingresso in Italia: come ottenere il permesso di soggiorno pag. 2 Il permesso di soggiorno pag. 4 Notizie in breve pag. 5 Assistenza

Dettagli

OLIMPIADI AMICIZIA 2014

OLIMPIADI AMICIZIA 2014 ALLISTE MUSICA 28 MARZO 2014 VENERDI LUOGO SVOLGIMENTO EVENTO: PIAZZA S. QUINTINO N. COMUNE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA 1 ALLISTE ISTITUTO 2 UGGIANO LA CHIESA ISTITUTO 3 MATINO ISTITUTO 4 TRICASE ISTITUTO

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Società Scientifiche

Società Scientifiche Milano, 7 giugno 2006 Un iniziativa sostenuta da Pfizer Società Scientifiche Intervento del Prof. Roberto Bernabei 2006 Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Questo documento è stato ideato e preparato

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Dato atto alla Regione Puglia di aver effettuato i necessari accertamenti dai quali risulta che gli eventi di cui alla presente richiesta di declaratoria hanno assunto il carattere di eccezionalità di

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 La Medicina di iniziativa L esperienza fiorentina Alessandro Del Re CHRONIC CARE MODEL SANITA D INIZIATIVA Dalla medicina di attesa Alla sanità

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Epidemiologia regionale della malattia diabetica San Bonifacio, 17 maggio settembre 2014

Epidemiologia regionale della malattia diabetica San Bonifacio, 17 maggio settembre 2014 Epidemiologia regionale della malattia diabetica San Bonifacio, 17 maggio settembre 2014 Sistema Epidemiologico Regionale-SER http://www.ser-veneto.it Fonti informative per la prevalenza del Diabete Mellito

Dettagli

POAT SALUTE 2007 2013 LINEA DI ATTIVITA TRASVERSALE 1. Supporto allo svolgimento delle diverse fasi che accompagnano il ciclo della programmazione

POAT SALUTE 2007 2013 LINEA DI ATTIVITA TRASVERSALE 1. Supporto allo svolgimento delle diverse fasi che accompagnano il ciclo della programmazione UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro per la Coesione Territoriale Ministero della Salute Dipartimento della programmazione e dell ordinamento

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

a cura della Commissione paritetica istituita con convenzione tra l Ufficio ed il Collegio dei Geometri della Provincia di Lecce

a cura della Commissione paritetica istituita con convenzione tra l Ufficio ed il Collegio dei Geometri della Provincia di Lecce LA PROCEDURA DOC.FA. E IL CATASTO FABBRICATI MANUALE OPERATIVO a cura della Commissione paritetica istituita con convenzione tra l Ufficio ed il Collegio dei Geometri della Provincia di Lecce ing. Paladini

Dettagli

La rete ospedaliera in Puglia, prima e dopo il riordino. Nel 2010. 102 stabilimenti ospedalieri (1 ospedale ogni 2,5 comuni), 16.

La rete ospedaliera in Puglia, prima e dopo il riordino. Nel 2010. 102 stabilimenti ospedalieri (1 ospedale ogni 2,5 comuni), 16. La rete ospedaliera in Puglia, prima e dopo il riordino Nel 2010 102 stabilimenti ospedalieri (1 ospedale ogni 2,5 comuni), 16.000 posti letto 4 posti letto per 1000 ab Tasso di ospedalizzazione totale:

Dettagli

ATTRIBUZIONE DELLA CATEGORIA E CLASSE ALLE U.I.U. DESTINAZIONE ORDINARIA

ATTRIBUZIONE DELLA CATEGORIA E CLASSE ALLE U.I.U. DESTINAZIONE ORDINARIA ATTRIBUZIONE DELLA CATEGORIA E CLASSE ALLE U.I.U. A DESTINAZIONE ORDINARIA 2 UNITÀ IMMOBILIARI CENSIBILI NEL GRUPPO "A" QUADRO GENERALE DELLE CATEGORIE 3 CATEGORIA A/1 (Abitazioni Signorili) Unità immobiliari

Dettagli

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari;

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari; Curriculum Vitae Informazioni Personali Nome e Cognome ANNA MARIA CARRERA Data di nascita 22/06/53 Qualifica DIRIGENTE MEDICO Amministrazione ASL LE - LECCE Incarico attuale DIRIGENTE MEDICO Telefono Ufficio

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

La Newsletter di BOLLENTI SPIRITI Programma Regionale per le Politiche Giovanili

La Newsletter di BOLLENTI SPIRITI Programma Regionale per le Politiche Giovanili La Newsletter di BOLLENTI SPIRITI Programma Regionale per le Politiche Giovanili Anno I, numero 0 REGIONE PUGLIA Assessorato alle Politiche Giovanili, Trasparenza e Cittadinanza Attiva Ora costruiamo una

Dettagli

Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo

Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo Premessa Il PSR 2008-2010 prevede lo sviluppo della sanità d iniziativa, intesa come nuovo approccio organizzativo

Dettagli

Provincia Comune sede della Onlus. Codice Fiscale. Settore Attività D.Lgs.460/97. Decorrenza Onlus. Denominazione. aggiornato al 15.05.

Provincia Comune sede della Onlus. Codice Fiscale. Settore Attività D.Lgs.460/97. Decorrenza Onlus. Denominazione. aggiornato al 15.05. 15.05.2008 Provincia Comune sede della Onlus Denominazione Codice Fiscale Settore Attività D.Lgs.460/97 Decorrenza Onlus Alessano ASSOCIAZIONE INSIEME PER I DISABILI 90019320754 01/06/2001 Alezio 0.S.P.I.T.E.-OSSERVATORIO

Dettagli

Ufficio Politiche del Farmaco e dell'emergenza/urgenza

Ufficio Politiche del Farmaco e dell'emergenza/urgenza SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA AOO_152 / B~i?) J.. PROTOCOLLO USCITA l1 n l61ll2q\5 Trasmissione a mezzo fax e posta elettronica ai sensi dell'art.az del D. Lgs n. 82/2005 Alla cortese attenzione:

Dettagli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione,

Dettagli

SISTEMA PUGLIA TESSILE, ABBIGLIAMENTO E CALZATURE

SISTEMA PUGLIA TESSILE, ABBIGLIAMENTO E CALZATURE SISTEMA PUGLIA TESSILE, ABBIGLIAMENTO E CALZATURE La produzione di prodotti tessili e abbigliamento e la manifattura di calzature sono attività radicate nella tradizione pugliese. Le imprese di questi

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

OSSERVATORIO PROVINCIALE SUL LAVORO COMMERCIO-TURISMO-SERVIZI

OSSERVATORIO PROVINCIALE SUL LAVORO COMMERCIO-TURISMO-SERVIZI OSSERVATORIO PROVINCIALE SUL LAVORO COMMERCIO-TURISMO-SERVIZI Indice INTRODUZIONE... 5 Oggetto e obiettivi dell Osservatorio... 5 Commercio, Turismo e Servizi sulla base della codificazione Ateco... 7

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

Governo clinico e sviluppo organizzativo delle cure. primarie. Drssa Silvia Lopiccoli Direttore Dipartimento Cure Primarie

Governo clinico e sviluppo organizzativo delle cure. primarie. Drssa Silvia Lopiccoli Direttore Dipartimento Cure Primarie Governo clinico e sviluppo organizzativo delle cure Drssa Silvia Lopiccoli Direttore Dipartimento Cure Primarie primarie Drssa Clara Vazzoler Resp UO Progettualità e governo clinico SASP 550 Medici Medicina

Dettagli

cüxyxààâüt hyy v É gxüü àéü täx wxä ZÉäxÜÇÉ w _xvvx

cüxyxààâüt hyy v É gxüü àéü täx wxä ZÉäxÜÇÉ w _xvvx PROTOCOLLO D INTESA LA RETE DEI RESPONSABILI DELLA LEGALITA NEGLI APPALTI PUBBLICI Soggetti sottoscrittori: La Prefettura-UTG di Lecce, Le Stazioni Appaltanti della Provincia di Lecce, Le Associazioni

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA ELENCO BENEFICIARI POSIZIONI ECONOMICHE

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA ELENCO BENEFICIARI POSIZIONI ECONOMICHE ELENCO BENEFICIARI POSIZIONI ECONOMICHE PROVINCIA LECCE PROFILO COLLABORATORE SCOLASTICO 0001) ARSENI SALVATORA NATA IL 05/06/1962 A DISO CODICE FISCALE: RSNSVT62H45D305L SEDE DI TITOLARITA': LEIS02100Q

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

ACQUARICA DEL CAPO 1 LECCE 3 LECCE ALEZIO ALEZIO

ACQUARICA DEL CAPO 1 LECCE 3 LECCE ALEZIO ALEZIO Primarie coalizione di centro sinistra. Comitato Puglia cittadini residenti nel provincia comune Ufficio elettorale luogo Indirizzo n altre informazioni 1 LECCE ACQUARICA DEL CAPO ACQUARICA DEL CAPO SEDE

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 6 del 12-1-2006

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 6 del 12-1-2006 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 6 del 12-1-2006 449 progetti presentati dagli enti pubblici della provincia di Bari 1 Comune di Sannicandro di Bari I viaggi di Ulisse 122 2 Comune di Bari

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ e RICERCA Incarico attuale

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ e RICERCA Incarico attuale CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Bottazzo Maria Rosaria Data di nascita 30/10/1956 Qualifica Dirigente scolastico Amministrazione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ e RICERCA Incarico attuale

Dettagli

Palazzo Adorno Via Umberto I, 30 73100 Lecce E-mail: ufficiostampa@provincia.le.it Fax: 0832/683260

Palazzo Adorno Via Umberto I, 30 73100 Lecce E-mail: ufficiostampa@provincia.le.it Fax: 0832/683260 LA POLIZIA PROVINCIALE RENDE NOTO IL PIANO DI PREVENZIONE CON AUTOVELOX, TELELASER E POSTAZIONI FISSE: I CALENDARI DEL MESE DI MAGGIO Sono disponibili i calendari dei controlli sulle strade provinciali

Dettagli

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul BURP ai sensi dell art. 6, lettera H della legge regionale n. 13 del 12.4.1994.

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul BURP ai sensi dell art. 6, lettera H della legge regionale n. 13 del 12.4.1994. 438 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 6 del 12-1-2006 Via La Sorte (lato nord-ovest): da via Piemonte a Viale Gramsci (lato ovest): da via La Sorte a via Cantore; Via Cantore (lato sud-est):

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

CURE INTEGRATE: EVIDENZE TITOLO SULL EFFICACIA DEI DIVERSI

CURE INTEGRATE: EVIDENZE TITOLO SULL EFFICACIA DEI DIVERSI CURE INTEGRATE: EVIDENZE TITOLO SULL EFFICACIA DEI DIVERSI Eventuale STRUMENTI sottotitolo Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Trento, 7.02.2014 AGENDA Attuale baseline

Dettagli

* Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione Invecchiamento - Padova.

* Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione Invecchiamento - Padova. Indicatori per la valutazione degli esiti dell assistenza Gallina P*, Benetollo PP**, Saugo M, Maggi S * Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione

Dettagli

ASSESSORATO ALLA SOLIDARIETA DOSSIER TEMATICO N.1. a cura di Settore PROGRAMMAZIONE SOCIALE E INTEGRAZIONE Ufficio IMMIGRAZIONE

ASSESSORATO ALLA SOLIDARIETA DOSSIER TEMATICO N.1. a cura di Settore PROGRAMMAZIONE SOCIALE E INTEGRAZIONE Ufficio IMMIGRAZIONE R E G I O N E P U G L I A ASSESSORATO ALLA SOLIDARIETA DOSSIER TEMATICO N.1 POLITICHE PER L IMMIGRAZIONE IN PUGLIA a cura di Settore PROGRAMMAZIONE SOCIALE E INTEGRAZIONE Ufficio IMMIGRAZIONE Indice del

Dettagli

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste Osservatorio Incidenza, CV Provincia esiti, e processo di Trieste di (2009-2015) cura dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Data base Eco/ECG/(CGF) Ricoveri ospedalieri (SDO) Cartella clinica elettronica

Dettagli

ATTRIBUZIONE DELLA CATEGORIA E CLASSE ALLE U.I.U. DESTINAZIONE ORDINARIA

ATTRIBUZIONE DELLA CATEGORIA E CLASSE ALLE U.I.U. DESTINAZIONE ORDINARIA ATTRIBUZIONE DELLA CATEGORIA E CLASSE ALLE U.I.U. A DESTINAZIONE ORDINARIA 2 UNITÀ IMMOBILIARI CENSIBILI NEL GRUPPO "A" 3 QUADRO GENERALE DELLE CATEGORIE CATEGORIA A/1 (Abitazioni Signorili) Unità immobiliari

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 ASL To5 310.000 cittadini 60.000 > 65 enni 1.000 ricoverati in RSA in convenzione 6.000 progetti UVG in 10 anni,

Dettagli

IL PIANO SOCIO SANITARIO DEL DISTRETTO IL DISTRETTO SOCIO SANITARIO : PROBLEMI E PROPOSTE

IL PIANO SOCIO SANITARIO DEL DISTRETTO IL DISTRETTO SOCIO SANITARIO : PROBLEMI E PROPOSTE IL DISTRETTO SOCIO SANITARIO : PROBLEMI E PROPOSTE Dott. Valerio Del Ministro Dirigente settore assistenza sanitaria CONTINUITA URGENZA CRONICITA RIDEFINIZIONE BISOGNI e CONCETTI Multidimensionalità FRAGILITA

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO

CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO Venerdì, 12 giugno 2015 Aula Magna di Pediatria O.I.R.M. S. Anna, AOU Città della Salute Torino 9.30 13.30 CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO GLI INFERMIERI DI FAMIGLIA E DI COMUNITÀ

Dettagli

Il modello di servizio @ccura

Il modello di servizio @ccura Il modello di servizio @ccura la cura con una @ in più Elisa Mattavelli Luca M. Munari @ccura Srl Chi è @ccura? @ccura è una disease management company costituita allo scopo di progettare, sviluppare e

Dettagli

Workshop Assistenti familiari, lavoro di cura e welfare locale a cura di Istituto per la Ricerca Sociale e Qualificare.info

Workshop Assistenti familiari, lavoro di cura e welfare locale a cura di Istituto per la Ricerca Sociale e Qualificare.info Workshop Assistenti familiari, lavoro di cura e welfare locale a cura di Istituto per la Ricerca Sociale e Qualificare.info Il percorso per il potenziamento della rete delle cure domiciliari nella Regione

Dettagli

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro Davide Lauri, MMG Scuola di Formazione e Ricerca in Medicina di Famiglia Presidente Coop Medici Milano Citta H. Niguarda, Milano 23 Gennaio 2012 ADI

Dettagli

Dott. Geol. Michele Grecolini

Dott. Geol. Michele Grecolini Curriculum Vitae inerente i maggiori incarichi nel campo dei rifiuti e della progettazione di impianti tecnologici, relativo agli ultimi 10 anni di attività professionale 1 - INCARICHI DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Maria Chiara Corti Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Strutture di ricovero intermedie e integrazione socio-sanitaria Le malattie,

Dettagli

Regione Puglia PIANO DIMENSIONAMENTO RETE SCOLASTICA A.S. 2015/2016 - SCUOLE ISTRUZIONE DI 1 CICLO

Regione Puglia PIANO DIMENSIONAMENTO RETE SCOLASTICA A.S. 2015/2016 - SCUOLE ISTRUZIONE DI 1 CICLO Regione Puglia Area Politiche per la Promozione del Territorio, dei Saperi e dei Talenti Servizio Scuola Università e Ricerca PIAN DIMENSINAMENT RETE SCLASTICA A.S. 2015/2016 - SCULE ISTRUZINE DI 1 CICL

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2011/2012 COMUNICATO UFFICIALE n. 17 del 27/10/2011

STAGIONE SPORTIVA 2011/2012 COMUNICATO UFFICIALE n. 17 del 27/10/2011 Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DELEGAZIONE PROVINCIALE di LECCE Via Emanuele Maria BUCCARELLI, 16 73100 LECCE TEL- 0832 / 396007 FAX 0832.312319 PRONTO AIA CASARANO 348/7396421

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

STRUMENTI INNOVATIVI PER IL GOVERNO DELLE FUNZIONI SUL TERRITORIO: IL GIS PER LA SANITA DELLA PUGLIA

STRUMENTI INNOVATIVI PER IL GOVERNO DELLE FUNZIONI SUL TERRITORIO: IL GIS PER LA SANITA DELLA PUGLIA XXV CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI STRUMENTI INNOVATIVI PER IL GOVERNO DELLE FUNZIONI SUL TERRITORIO: IL GIS PER LA SANITA DELLA PUGLIA Romano FISTOLA 1 e Mariateresa GATTULLO 2 1 LIGhTT - Dipartimento

Dettagli

Un altro sguardo sulla medicina generale

Un altro sguardo sulla medicina generale ASSESSORATO ALLE POLITCHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19maggio, 5 giugno 2006 Un altro sguardo sulla mecina generale Fabrizio Valcanover Fabrizio Valcanover 1

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE STRUMENTI PER L INNOVAZIONE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE COMUNE DI MAGLIE FORMEZ DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA partner delle Amministrazioni Pubbliche

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli