parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi" name="description"> parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi">

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html"

Transcript

1 RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi sugli oggetti presenti nella scena. Impostando un valore uguale ad 1 permettiamo alla fonte luminosa di raggiungere unicamente gli oggetti illuminati. Impostando un valore uguale a 2 permettiamo alla fonte luminosa di riflettersi una sola volta alla ricerca di altri target da illuminare. Utilizzando Radiosity, troviamo due tipologie di risorse luminose. Una è la fonte illuminante; l'altra è la superficie riflettente che è direttamente colpita dalla precedente. Di seguito sono riportati gli effetti della Profondità Diffusione, nei suoi valori possibili (da 1 a 5), che producono su una scena. Profondità Diffusione uguale 1: La fonte luminosa raggiunge unicamente gli oggetti illuminati direttamente, in questo caso i primi poligoni della stanza campione che essa incontra. Soltanto le parti della stanza che sono in linea di vista della fonte luminosa sono illuminate. Questa è la prima zona illuminata. Profondità Diffusione uguale 2: Con questa regolazione il raggio rimbalzerà una volta alla ricerca di altre superfici. Di conseguenza, tutti i corpi nella linea di vista diretta della lampadina, più tutto nella linea di riflessione del raggio. I poligoni seguenti saranno illuminati dal rimbalzo della fonte luminosa.

2 Pag 2 Profondità Diffusione uguale 3: Con questa regolazione il raggio rimbalzerà due volte alla ricerca di altre superfici. Di conseguenza, tutti i corpi nella linea di vista diretta della lampadina, più tutto nella linea della prima e della seconda riflessione. I poligoni addizionali illuminati di secondo rimbalzo rifletteranno per la terza volta. Questa intuitivo ragionamento è corretto e naturale. In realtà, i raggi provenienti da qualsiasi punto viaggiano esternamente con una angolazione determinata casualmente. Quando colpiscono un poligono, si riflettono da esso secondo l'angolazione d'incidenza con cui vengono colpiti proseguendo. Ad una Profondità di Diffusione impostata a 3, rimbalza due volte. Se trova una fonte di luce (o le fonti) all'interno dei rimbalzi assegnati, quel punto sarà illuminato dal Radiosity. Profondità Diffusione uguale 4: Questa regolazione significa che il raggio di luce rimbalzerà tre volte alla ricerca di atri oggetti. Di conseguenza, tutti i corpi nella linea di vista diretta della lampadina, più tutto nella linea della prima, della seconda e della terza riflessione. A questo punto la scena ha abbastanza rimbalzi, ogni rimbalzo trova la sua fonte luminosa. La scena, come potete vedere, ha così assunto un aspetto piacevole e naturale. Profondità Diffusione uguale 5: Con ogni rimbalzo supplementare otterrete un risultato un po'più fisicamente esatto ma al costo di periodi di render significativamente più elevati. Resta a voi decidere quando risulta soddisfacente. Una Profondità di Diffusione impostata ad 1 non può ovviamente essere sufficiente per illuminare indirettamente una scena. Se sostituiste la prima superficie riflessa con una serie di luci standard, trovereste di aver bisogno di un rimbalzo in meno; ciò è perché la fonte di luce (allo scopo il radiosity) non è la luce standard, ma gli elementi che direttamente sono illuminati da essa.

3 Pag 3 Questa pagina esaminerà il rapporto fra i campioni stocastici e le risoluzioni minime e massime. I campioni stocastici sono il numero di raggi inviati da un campione alla ricerca di una fonte di luce. La risoluzione minima è il numero di campioni rilevati in una zona piana. La risoluzione massima è il numero di campioni rilevati in una zona angolata. Sono inoltre generati campioni supplementari negli angoli. Da non confondere i campioni stocastici (numero di raggi che ogni campione ha) con i campioni. I campioni sono il numero di zone campionate in un area, essi sono determinati dalle risoluzioni minime e massime. Il valore stocastico del campione determina la qualità del campione stesso, mentre la risoluzione determina il numero di campioni. Sono di seguito riportati i tempi di calcolo su un pc Athlon 1800 con WinXP In questo esempio, la stanza in primo piano è illuminata da un singolo punto luce omni (con ombra morbida) senza radiosity. Tempo: 00:01 Successivamente è stato attivato il radiosity con le regolazioni indicate a sinistra. E stata regolata l intensità a 200% per la luminosità. L immagine mostra alcuni particolari negli angoli della stanza a destra. Tempo: 00:07

4 Pag 4 Questo è un primo piano dei particolari di cui sopra. È difficile sapere se essi sono il risultato del ridotto numero di campioni o il ridotto numero di campioni stocastici. Tempo: Aumentando il campioni stocastici ad 800 il risultato non migliora di molto. Dunque in questo caso non è la qualità dei campioni ma il numero di essi. Tempo: Aumentando la risoluzione minima a 200 il risultato migliora. Perché? Perché gli angoli sono un po'più scuri della metà della parete, alcuni dei campioni non sono allineati in una linea ideale in prossimità dell angolo. Con pochi campioni, alcuni saranno vicino all angolo mentre altri non saranno presenti. Le aree lungo l angolo della parete che hanno un punto del campione più vicino saranno scure, invece le aree dove non sono presenti campioni saranno più chiare. Questo genera lo splotchiness. L'aumento della qualità dei campioni non aiuterà perché in quelle zone neppure l aumento dei campioni è abbastanza.

5 Pag 5 Tempo: 00:37 Invece di aumentare la risoluzione minima, è possibile aumentare la risoluzione massima. Questo aggiungerà più campioni in corrispondenza del limite dell area. Poiché è questa la porzione più problematica, aumentando la risoluzione massima avremo più punti dove necessario. Il tempo di render migliora sensibilmente. Ora i campioni sono più densi soltanto nelle zone d'angolo. Tempo: 00:04 Possiamo diminuire la risoluzione minima ancor di più ottenendo risultati più realistici. Potete vedere che negli angoli sono presenti molti campioni mentre al centro delle pareti no. Guardate il tempo di render. Questo è quasi raddoppiato senza alcun risultato, questo accade perché C4D tende a frammentare i pochi campioni disponibili per le superfici piane (Risol. min) favorendo le aree adiacenti agli angoli e riducendo la presenza di essi al centro delle pareti. A causa di questo in alcuni casi, non tutti, usando pochi campioni otterrete un risultato più uniforme. Il problema è che queste frammentazioni occupano tempo e correte il rischio aumentare i tempi di render ottenendo la stessa risoluzione o addirittura una inferiore.

6 Pag 6 Tempo: 00:07 Con l utilizzo di pochi campioni c è un altro problema. Le ombre del Radiosity non saranno abbastanza morbide. In questa immagine è stato aggiunto un uomo alla scena per illustrare il problema. Tempo: 00:16 Poiché stiamo usando una luce riflessa, in questo caso abbiamo aumentato i campioni stocastici a 200 ed abbiamo aumentato la profondità di diffusione. I rimbalzi supplementari aumentano l'illuminazione generale, così è stata diminuita la resistenza l intensità al 100%. Le ombre in Radiosity non sono come le ombre morbide. Compaiono quando i raggi rimbalzati dalle zone riflesse non trovano una sorgente luminosa. Abbiamo detto che quando ci sono pochi campioni presenti (Risol. min.), essi vengono frammentati; ciò può provocare poca intensità o ombre mal definite. Osservando gli oggetti nella vostra scena, il problema vi sarà più chiaro. La regolazione della risoluzione massima ha aggiunto alcuni punti supplementari sulla parete intorno alla figura, il risultato è accettabile, ma non è buono come il render successivo.

7 Pag 7 Tempo: 06:40 In questa render la risoluzione minima è stata maggiorata per aumentare i campioni sulla parete. Ora le ombre sono più definite e scure grazie all aggiunta dei campioni supplementari frammenati; il render inoltre è stato calcolato in un terzo del tempo Tempo: 02:07 È facile osservare la differenza di qualità fra i due render. Il render con le ombre più chiare risulta tre volte più lento. Notare l alto valore stocastico utilizzato, questo è settaggio ridurrà frammentazione dei campioni. Determinare i settagli migliori per la risoluzione minima, non troppo e non troppo poco, richiede esperienza. In generale, più alto è il valore stacastico usato meno campioni posso essere utilizzati contemporaneamente perché i rendering con fonti luminose molto intense aumentano i tempi di calcolo.

8 Pag 8 Possiamo eseguire il render ancor più velocemente, riducendo di quasi la metà i tempi di calcolo, diminuendo la risoluzione massima (che impostiamo a 50). L'ombra non è buona quanto il render da 2:07 ma è quasi buona quanto il render da 6:40, il tutto in una frazione del tempo. Utilizzando le regolazioni massime e minime della risoluzione non si otterrà alcun effetto. Tempo: 01:09 Valori bassi per i campioni stocastici sono determinanti per la realizzazione di render veloci e qualitativamente migliori, con un valore più basso per la risoluzione minima il tempo di render aumenta, necessariamente lo dovrai abbassare. L'aumento della risoluzione massima aggiungerà i campioni agli angoli ed alle curve. L'esigenza di valori alti per la risoluzione massima diminuisce mentre il valore della risoluzione minima aumenta. Conoscere ogni settaggio può aiutare o meno a trovare il giusto compromesso che è la chiave di un buon radiosity.

9 Pag 9 Questa pagina esaminerà ulteriormente l'utilizzo dei campioni stocastici e dello splotchiness, nonché l esatta impostazione della Precisione. I tempi indicati stati calcolati con un pc Athlon Dopo aver spento la luce omni guardiamo la scena con una singola luce spot. Vediamo lo splotchiness principale e non ancora negli angoli. Anche se il numero di campioni è relativamente basso, il problema principale è la qualità dei campioni. Il valore dei campioni stocastici è troppo basso. Lo splotchiness nelle spazi aperti risulta uguale alla metà della parete quindi saranno necessari più campioni stocastici, mentre lo splotchiness negli angoli e nelle curve indica che potete avere bisogno di più campioni in quei punti. Tempo: 00:05 Più grande è il contrasto e più piccolo è il punto di illuminazione, e quindi deve essere più alto è il valore campioni stocastici. Perchè? Supponiamo di inviare tra raggi casuali in una zona. La probabilità che uno di questi raggi colpisca il punto bianco sul pavimento è ridotta. Se uno o più dei tre raggi colpisce il punto, allora quella zona del campione sarà luminosa o estremamente luminosa. Se nessuno colpisce allora sarà nera. Se avete campioni adiacenti di cui uno colpito e l altro no allora non avete ottenuto gli splotchiness. Aumentando il valore dei campioni stocastici a 800 sicuramente i raggi colpiranno il punto bianco è la percentuale di essi sarà la migliore. Tempo: 00:28

10 Pag 10 Nell immagine a lato sono stati aumentati il numero dei campioni ma la qualità degli stessi non è migliorata. Questo spiega perché il radiosity può essere frustrante per i nuovi utenti. L'aumento dei valori precedentemente impostati può sostanzialmente aumentare il tempo di render senza alcun beneficio di qualità. Di seguito verrà analizzato un ulteriore esempio riguardo all impostazione della precisione. Tempo: 00:30 Utilizzando ancora una luce spot; è visualizzato un particolare della stanza sulla destra. E stata aumentata l intensità 2000 in modo vedere meglio perché l'effetto da quel punto su questa zona sarebbe normalmente molto debole. Inoltre è stata aumentata la profondità di diffusione a 3 perché una coppia dei rimbalzi è necessaria per la maggior parte delle zone del pavimento che sono lontane. Tempo: 00:08 Poiché la luce spot è piccola e molto lontana, abbiamo bisogno di un campione stocastico dal valore alto. Aumentando il valore dei campioni stocastici a 1600 si ottiene un risultato accettabile.

11 Pag 11 Tempo: 02:47 Aumentando il valore dei campioni stocastici a 3200 il risultato migliorerà ulteriormente, ma non potrebbe valere l aumento di tempo del render. Tempo: 07:00 In questo caso il valore dei campioni stocastici è impostato nuovamente ad 800 e la risoluzione minima è stata alzata a 100. Malgrado l aumento di tempo necessario al render, il risultato e decisamente scadente. La qualità dei campioni, cioè il valore dei campioni stocastici, è il numero di raggi da ogni campione; in questo caso la qualità dei campioni è molto più importante che il numero totale di campioni stessi. Tempo: 21:26

12 Pag 12 Pensare che con regolazioni alte si ottengano rese migliori è un tranello in cui il render GI può farvi cadere. Il settaggio della Precisione ha solo effetti sul numero dei campioni (valore dei campioni stocastici). In questo caso aumentando la Precisione da 70 a 95 il tempo di calcolo aumenta da otto secondi (vedere 4 render sopra) a quasi 6 minuti con una resa peggiore o al massimo equivalente. Ricorda: La Precisione riguarda unicamente il numero di campioni. L'aumento della Precisione in questo caso vi sarà d aiuto, dove aumentare i campioni è utile. In caso in cui sono richiesti valori alti per i campioni stocaistici, aumentare la Precisione non servirà affatto! Tempo: 05:43 In questo render è stata ridotta la Precisione al 40% ma è stata compensata con l incremento della risoluzione minima. L aumento di qualità è dovuto unicamente all elevata impostazione dei campioni stocastici. Notare i setup del render, permette di impostare la Precisione per ogni oggetto base, così da interessare il numero di campioni per oggetto, questo non sarà utile se occorrono campioni stocastici sugli oggetti base, nonostante questo il risultato è mperfetto. Attualmente non è possibile cambiare i campioni stocastici nelle impostazioni del render. Tempo: 06:08 Il strada migliore per completare una scena complessa in radiosity è impostare i valori ottimali per ogni luce; il tipo, l intensità, la posizione, ecc. Provate a cambiare i settagli per una luce alla volta. Appena trovato il setup migliore per ogni fonte di luce saranno più chiare le necessità dell intera scena. Generalmente si cerca di avere campioni sufficienti in modo da interessare tutta la scena. Il valore necessario dei campioni stocastici dipenderà, in generale, dal contrasto della scena. La profondità di diffusione necessaria dipenderà dal numero e dal

13 Pag 13 formato degli ostacoli interposti fra i campioni e le fonti di luce. Illuminare gli oggetti richiede una maggiore profondità di diffusione piuttosto che le luci standard. Tempo: 05:31 In sintesi, in questo tutorial si spera di aver illustrato correttamente le basi del radiosity. Molto ancora rimarrebbe da dire, questo tutorial sarà implementato e/o modificato secondo le necessità. In conclusione dovete solo provare, e molto. Non sprecate il vostro tempo effettuando tentativi con molte luci prima di aver esaminato i settagli principali con oggetti semplici; impostate poi una luce ed un tipo di luce alla volta.

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Le luci. L'illuminazione diretta. Informatica Grafica per le arti. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta

Le luci. L'illuminazione diretta. Informatica Grafica per le arti. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta Informatica Grafica per le arti Per poter produrre delle immagini che diano il senso della tridimensionalita', i programmi di grafica 3D si servono di tecniche per simulare l'illuminazione degli oggetti

Dettagli

LE CURVE FOTOMETRICHE

LE CURVE FOTOMETRICHE LE CURVE FOTOMETRICHE E' noto che l' intensità luminosa è una grandezza che deve essere associata ad una direzione. Non avrebbe molto significato parlare della intensità di un corpo illuminante in una

Dettagli

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Autore: Vitali Shkaruba Traduzione in italiano: Enrico De Santis Nota: prima di affrontare questo articolo sarebbe opportuno conoscere

Dettagli

Illuminare il Progetto del Logo 3D

Illuminare il Progetto del Logo 3D ILLUMINAZIONE ILLUMINAZIONE 301 Illuminare il Progetto del Logo 3D Questa scena utilizza la luce di base e la filosofia delle luci di riempimento. Per accentuare le zone di massima luce degli oggetti metallici,

Dettagli

In figura. Funzioni aggiuntive HDRI della 8.1

In figura. Funzioni aggiuntive HDRI della 8.1 Con la nuova release di Cinema4D 8.1, è possibile finalmente accedere alla tanto richiesta tecnica di HDRI (High Dynamic Range Image), capace di potenziare illuminazione e fotorealismo nelle proprie scene

Dettagli

ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001

ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001 ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001 AVVERTENZA: QUESTA GUIDA SINTETICA D'INSTALLAZIONE È DESTINATA AI TECNICI ESPERTI. A COLORO CHE NON HANNO ESPERIENZA A RIGUARDO, SI RACCOMANDA

Dettagli

Illuminazione avanzata

Illuminazione avanzata Informatica Grafica per le arti Illuminazione avanzata E' possibile applicare una bitmap ad una luce. Una luce a cui e' applicata una bitmap proietta l'immagine associata nello spazio. Marco Gribaudo marcog@di.unito.it

Dettagli

Interazione luce - materia

Interazione luce - materia Interazione luce - materia 1 Modelli di illuminazione Il modello di illuminazione descrive l interazione tra la luce e gli oggetti della scena Descrive i fattori che determinano il colore di un punto della

Dettagli

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi 2008 Esperimento Esperimento Albedo Albedo Massimo Massimo Bosetti Bosetti Referente Museo scientifico Tridentino di Scienze Museo Tridentino di Scienze Naturali, Naturali Laboratorio di Laboratorio di

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Francesco Zizola, Iraq

Francesco Zizola, Iraq LA LUCE SCRITTURA DI LUCE La luce è la base della fotografia. Il fotografo sa che senza luce non si fotografa, ma sa anche che la luce non è sempre uguale. Può essere poca o tanta, calda o fredda, dura

Dettagli

LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE

LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE Supponiamo di dover pavimentare delle superfici molto estese e vogliamo evitare le classiche composizioni quadrate, rettangolari o a spina di pesce, per rendere meno banale

Dettagli

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto LE MASCHERE DI LIVELLO Provo a buttare giù un piccolo tutorial sulle maschere di livello, in quanto molti di voi mi hanno chiesto di poter avere qualche appunto scritto su di esse. Innanzitutto, cosa sono

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

Come masterizzare dischi con Nero 11

Come masterizzare dischi con Nero 11 Come masterizzare dischi con Nero 11 Non c è dubbio che Nero è diventato un sinonimo di masterizzatore di dischi, data la lunga esperienza sul mercato. Molte persone pensano in questo programma nel momento

Dettagli

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Il rendering fotorealistico Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Rendering fotorealistico Gli oggetti sottoposti a rendering devono essere facce 3D o essere tridimensionali.

Dettagli

Partiamo dalla creazione di un semplice testo in 3d, poi aggiungeremo una luce, una camera, un materiale e degli effetti video post.

Partiamo dalla creazione di un semplice testo in 3d, poi aggiungeremo una luce, una camera, un materiale e degli effetti video post. Basi di modellazione by Joyrayd Creazione di un testo 3D Partiamo dalla creazione di un semplice testo in 3d, poi aggiungeremo una luce, una camera, un materiale e degli effetti video post. Andate sul

Dettagli

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 I CODICI 1 IL CODICE BCD 1 Somma in BCD 2 Sottrazione BCD 5 IL CODICE ECCESSO 3 20 La trasmissione delle informazioni Quarta Parte I codici Il codice BCD

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

risulta (x) = 1 se x < 0.

risulta (x) = 1 se x < 0. Questo file si pone come obiettivo quello di mostrarvi come lo studio di una funzione reale di una variabile reale, nella cui espressione compare un qualche valore assoluto, possa essere svolto senza necessariamente

Dettagli

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA 2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA www.rifredimmagine.it ESPOSIZIONE : TEMPI E DIAFRAMMI Marco Fantechi Tempi e diaframmi L esposizione è la quantità di luce necessaria a registrare un immagine sulla pellicola

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

QUALE TV LED LED MIGLIORE???

QUALE TV LED LED MIGLIORE??? QUALE TV LED LED MIGLIORE??? L altra caratteristica che i pannelli Full Led possono avere oltre al Local Dimming è il LED RGB. Alcune aziende infatti usano un singolo led bianco per retro illuminare il

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

CISCO. Workshop Closeup Studio 24-25 gennaio 2015

CISCO. Workshop Closeup Studio 24-25 gennaio 2015 CISCO Workshop Closeup Studio 24-25 gennaio 2015 SCHEMA LUCE BASIC 1 beauty dish posto lateralmente alla modella con altezza di circa 2m 1 pannello dal lato opposto rispetto al beauty dish faretto con

Dettagli

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 Scuola primaria «Calvino» - Moncalieri - Laboratorio "LUCE E VISIONE" con Rosanna Petiti 1 1^ incontro Scoprire quali sono

Dettagli

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 INTRODUZIONE 1.0 PREVENZIONE CONTRO INDIVIDUAZIONE. L'approccio tradizionale nella fabbricazione dei prodotti consiste nel controllo

Dettagli

Copyright 2007 Maticad s.r.l.

Copyright 2007 Maticad s.r.l. Tutorial Rendering 1 2 Copyright 2007 Maticad s.r.l. Tutti i diritti riservati Maticad s.r.l. si riserva il diritto di apportare modifiche o miglioramenti ai propri prodotti quando ritenuto opportuno.

Dettagli

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Premessa Le telecamere MOBOTIX non hanno a bordo un software in grado di effettuare la lettura dei caratteri della targa (OCR Optical Character Recognition) ma possono

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Analisi video intelligente

Analisi video intelligente Analisi video intelligente (versione 1.4) pag. 1 di 17 INDICE 1. PRESENTAZIONE ANALISI VIDEO... 3 2. PROSPETTIVA... 4 3. AREE DI INTERESSE... 6 4. PARAMETRI BASE... 7 5. PEOPLE DETECTOR... 10 6. PERCORSI...

Dettagli

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti UNA SEMPLICE CONVERSIONE IN BIANCO E NERO con Capture NX a cura di Mauro Minetti GIUGNO 2007 INDICE PREMESSA IMPOSTAZIONI SOFTWARE EFFETTI FOTO LUMINOSITA CONTRASTO - alte luci (bianco) CONTRASTO - basse

Dettagli

Usando 64 segmenti e 48 sides, in modo da renderlo più smussato, scalatelo lungo l asse Z, in modo da ottenere l anello.

Usando 64 segmenti e 48 sides, in modo da renderlo più smussato, scalatelo lungo l asse Z, in modo da ottenere l anello. Motori rendering alternativi fotorealistici by Joyrayd Brazil/Mental Ray e illuminazione HDRI Giusto per prendere la mano a Brazil, creiamo un anello. Apriamo Max e facciamo un bel toroide(torus) Usando

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

Lampade per illuminazione esterna: Lampade a Induzione Lampade al Sodio Alta Pressione Lampade a Led

Lampade per illuminazione esterna: Lampade a Induzione Lampade al Sodio Alta Pressione Lampade a Led Lampade per illuminazione esterna: Confronto tecnico Scopo di questo articolo è quello di analizzare tecnicamente (ma non solo) le caratteristiche, i vantaggi e gli svantaggi di almeno tre sistemi diversi

Dettagli

Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale. Tecniche di rendering (3DS max) parte 1

Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale. Tecniche di rendering (3DS max) parte 1 Tecniche di rendering (3DS max) parte 1 Premessa Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale La restituzione fotografica (rendering) di un modello/scenario in 3ds richiede

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

TUTORIAL uso della camera INDIGO & 3D STUDIO MAX Realizzato da Filippo rotatori filipporotatori@hotmail.com ultimo aggiornamento gennaio 2007.

TUTORIAL uso della camera INDIGO & 3D STUDIO MAX Realizzato da Filippo rotatori filipporotatori@hotmail.com ultimo aggiornamento gennaio 2007. TUTORIAL uso della camera INDIGO & 3D STUDIO MAX Realizzato da Filippo rotatori filipporotatori@hotmail.com ultimo aggiornamento gennaio 2007 Parte 2 Render realizzaco con Indigo 0.6 da Filippo Rotatori

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Assicurazione e contratto assicurativo

Assicurazione e contratto assicurativo Teoria dei giochi, A.A. 2002/03 c Fioravante Patrone 1 Assicurazione e contratto assicurativo Consideriamo il problema di assicurarsi contro un sinistro. Vediamo le ragioni per cui può verificarsi il fatto

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

www.otticasanmarco.it

www.otticasanmarco.it Guida alla collimazione con oculare Cheshire 1 Introduzione Di seguito, prima della descrizione della procedura con la collimazione tramite il cheshire avanzato, verranno illustrate le procedure per l

Dettagli

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite Questo breve file è dedicato alle questioni di derivabilità di funzioni reali di variabile reale. Particolare attenzione viene posta alla classificazione dei punti di non derivabilità delle funzioni definite

Dettagli

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Capita a tutti di ritrovarci con una foto dai colori irreali. Cosa è andato storto? Semplice, ci siamo dimenticati di impostare il corretto bilanciamento

Dettagli

IR(3): Illuminazione Globale

IR(3): Illuminazione Globale IR(3): Illuminazione Globale Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 21 Dicembre 2011 IR(3): Illuminazione Globale Illuminazione e Rendering: Principi di Illuminazione Rendering Real-Time

Dettagli

I ricavi ed i costi di produzione

I ricavi ed i costi di produzione I ricavi ed i costi di produzione Supponiamo che le imprese cerchino di operare secondo comportamenti efficienti, cioè comportamenti che raggiungono i fini desiderati con mezzi minimi (o, che è la stessa

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA Lezione quinta parte Dott.ssa Annamaria Fiarè Gli oggetti che si osservano al MICROSCOPIO OTTICO sono generalmente trasparenti

Dettagli

Fondav. I costi: alti e bassi

Fondav. I costi: alti e bassi Fondav Il volo della pensione Per gli assistenti di volo vi è il fondo pensione chiuso Fondav. Dopo la nostra analisi si è rivelato un fondo con pochi alti e molti bassi sia nei costi, sia, soprattutto,

Dettagli

Cos è questo oggetto?

Cos è questo oggetto? 1 Cos è questo oggetto? 2 Il Paraluce. 3 1) A non rompere l obiettivo 2) Ad impedire alla luce parassita di togliere contrasto alle nostre foto 4 Senza il paraluce, la luce parassita (quella rossa) ossia

Dettagli

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI 3.1 CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI OSSERVATE E DISTRIBUZIONI TEORICHE OD ATTESE. Nella teoria statistica e nella pratica sperimentale, è frequente la necessità di

Dettagli

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI L uso di lampade ad avanzata tecnologia ed elevata efficienza luminosa costituisce un ulteriore criterio tecnico imposto dalla normativa regionale, affinchè

Dettagli

Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini

Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini Nozioni fondamentali sulla verifica della leggibilità dei codici a barre per una maggiore affidabilità

Dettagli

La preparazione per le gare brevi

La preparazione per le gare brevi I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare brevi La maggior parte delle competizioni su cui si cimentano i podisti, sono le gare su strada, le cui lunghezze solitamente sono intorno

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL 1 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Per l analisi dati con Excel si fa riferimento alla versione 2007 di Office, le versioni successive non differiscono

Dettagli

Come è fatta una reflex

Come è fatta una reflex Come è fatta una reflex Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e

Dettagli

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA UNA GUIDA ALL ACQUISTO PER OTTENERE IL MASSIME PRESTAZIONE E AFFIDABILITÀ CON IL CAD/CAM SOMMARIO Considerazioni sulle prestazioni... 2 1. CPU... 3 2. GPU... 3 3. RAM...

Dettagli

Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. dell'illuminazione Civile ed industriale.

Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. dell'illuminazione Civile ed industriale. Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. LED Le lampade che Rappresentano il futuro dell'illuminazione Civile ed industriale. Con la recente

Dettagli

Operazioni Preliminari

Operazioni Preliminari Per una coda perfetta (2) Qui di seguito, senza nessuna pretesa elencherò, aggiungendo alcune foto, il procedimento da me utilizzato per regolare la coda di un elicottero RC che monta un Giroscopio FUTABA

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Dieci zone per una foto

Dieci zone per una foto Page 1 of 7 Dieci zone per una foto [page 1 of 1] Il Sistema Zonale propagandato da Ansel Adams risale agli anni Quaranta, ma anche gli appassionati del tutto digitale dovrebbero sperimentarlo creativamente

Dettagli

Come creare il test di Yasso tramite l applicazione Training Center

Come creare il test di Yasso tramite l applicazione Training Center Come creare il test di Yasso tramite l applicazione Training Center A differenza degli altri test pubblicati da Garmin, il test di Yasso necessita di un approfondimento. Il test di Yasso è un test molto

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Consigli per l acquisto del primo strumento

Consigli per l acquisto del primo strumento Consigli per l acquisto del primo strumento 1. CONOSCIAMO IL CIELO E POI ACQUISTIAMO Sembra ovvio ma spesso non si ci pensa. Il telescopio, come anche il binocolo, è un potente mezzo di osservazione, che

Dettagli

Progetto PRO.VA.RE. Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo

Progetto PRO.VA.RE. Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo Progetto PRO.VA.RE PROgettare per VAlutaRE in Scienze Istituto Capofila: I.C. di Trescore

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Passaggio a Nord-Ovest

Passaggio a Nord-Ovest Passaggio a Nord-Ovest di Edoardo E. Macallè 16 settembre 2013 NIKKAIA Strategie 1 Breve, Brevissimo, Medio, Lungo: parole che un tempo qualificavano anche coloro che giusto su tali basi operative lavoravano

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio2_dati.xls.

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Modo d impiego CONTROL TV 100. Vi ringraziamo per aver scelto un telecomando Meliconi. UTILIZZO TASTI E FUNZIONI

Modo d impiego CONTROL TV 100. Vi ringraziamo per aver scelto un telecomando Meliconi. UTILIZZO TASTI E FUNZIONI I Modo d impiego CONTROL TV 100 Vi ringraziamo per aver scelto un telecomando Meliconi. Il telecomando di ricambio CONTROL TV 100 è stato studiato per comandare un televisore. Grazie alla sua ampia banca

Dettagli

Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce

Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce Esperimento 1: Dispersione della luce Materiali e strumenti: Occhiali speciali, luce Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce

Dettagli

GESTIONE DEI COMPONENTI MULTIMEDIALI IN POWERPOINT 2007

GESTIONE DEI COMPONENTI MULTIMEDIALI IN POWERPOINT 2007 GESTIONE DEI COMPONENTI MULTIMEDIALI IN POWERPOINT 2007 Inserire un grafico di Excel in una diapositiva Per iniziare la gestione di componenti multimediali in una presentazione PowerPoint, cominciamo con

Dettagli

Rendering con le HDRI con Vray...

Rendering con le HDRI con Vray... Rendering con le HDRI con Vray... In questo tutorial tratteremo il rendering con Vray con le immagini HDRI (high dynamic range imaging). C'è da dire che non è proprio un mio Tutorial, s'inspira ad uno

Dettagli

SPC e distribuzione normale con Access

SPC e distribuzione normale con Access SPC e distribuzione normale con Access In questo articolo esamineremo una applicazione Access per il calcolo e la rappresentazione grafica della distribuzione normale, collegata con tabelle di Clienti,

Dettagli

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI.

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI. Teoria del colore La teoria dei colori Gli oggetti e gli ambienti che ci circondano sono in gran parte colorati. Ciò dipende dal fatto che la luce si diffonde attraverso onde di diversa lunghezza: ad ogni

Dettagli

SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA

SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA L ottica nei Massimi Sistemi Nella prima giornata del Dialogo sui massimi sistemi c è una lunga discussione dedicata al confronto tra l aspetto apparente della

Dettagli

Una raccolta di foto di esempio SB-900

Una raccolta di foto di esempio SB-900 Una raccolta di foto di esempio SB-900 Questo opuscolo presenta tecniche, foto di esempio e una panoramica delle funzioni di ripresa flash possibili quando si utilizza un SB-900. It Scelta dello schema

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

Vademecum studio funzione

Vademecum studio funzione Vademecum studio funzione Campo di Esistenza di una funzione o dominio: Studiare una funzione significa determinare gli elementi caratteristici che ci permettono di disegnarne il grafico, a partire dalla

Dettagli

LA RISPOSTA ALL INSULINA NON E UGUALE PER TUTTI NOTA BENE: DOPO QUESTO ARTICOLO VI DARO IL MENU DI PAOLINO.

LA RISPOSTA ALL INSULINA NON E UGUALE PER TUTTI NOTA BENE: DOPO QUESTO ARTICOLO VI DARO IL MENU DI PAOLINO. LA RISPOSTA ALL INSULINA NON E UGUALE PER TUTTI NOTA BENE: DOPO QUESTO ARTICOLO VI DARO IL MENU DI PAOLINO.. MA SE AVRETE LETTO QUANTO SCRITTO FINORA, CAPIRETE ANCHE PERCHE PAOLINO MANGIA COSI. Ma soprattutto

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ In questa Appendice mostreremo come trovare la tariffa in due parti che massimizza i profitti di Clearvoice,

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

Che cosa si impara nel capitolo 2

Che cosa si impara nel capitolo 2 Che cosa si impara nel capitolo 2 Si può valutare e confrontare il contenuto, ad esempio di tre diversi settimanali, riducendo gli aspetti qualitativi a valori numerici: quante pagine sono dedicate alla

Dettagli

Descrizione Sistemi Fotovoltaici a Concentrazione

Descrizione Sistemi Fotovoltaici a Concentrazione Descrizione Sistemi Fotovoltaici a Concentrazione Sommario Le energie rinnovabili ed il fotovoltaico I sistemi fotovoltaici a concentrazione e la loro potenziale convenienza Struttura di un sistema a concentrazione

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli