Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta."

Transcript

1 C4. MEMORIA SECONDARIA Nel seguito verranno analizzati, oltre alla struttura dei dispositivi di memorizzazione, anche gli algoritmi di scheduling delle unità a disco, la formattazione dei dischi, la gestione dei blocchi d avviamento e l area di avvicendamento dei processi. Struttura dei dispositivi di memorizzazione Dischi magnetici I dischi magnetici sono il mezzo fondamentale di memoria secondaria dei moderni sistemi di calcolo. La struttura interna è riportata in figura: l informazione è memorizzata su piatti di forma piana e rotonda, ricoperti di materiale ferromagnetico. Sulla superficie di ciascuno di essi è sospesa una testina di lettura e scrittura, attaccate al braccio del disco che le muove in blocco. Un piatto è logicamente diviso in tracce circolari, a loro volta suddivise in settori. L insieme delle tracce corrispondenti a una certa posizione del braccio costituisce un cilindro. Dovrebbe essere dunque chiaro che le tracce periferiche sono più lunghe delle tracce centrali: sarebbe dunque possibile fare tracce a densità variabile, ma questa soluzione implicherebbe la progettazione di testine tecnologicamente all avanguardia. Durante il suo funzionamento, un disco ruota a circa rotazioni per minuto. La sua efficienza è misurata da due valori: velocità di trasferimento, cioè la velocità con cui i dati fluiscono dal disco al calcolatore tempo di posizionamento o tempo di accesso (diretto), cioè la somma del tempo per spostare il braccio sul cilindro desiderato (seek time) tempo affinché il settore si porti sotto la testina (latenza di rotazione) Siccome le testine sono sospese su un cuscino d aria, c è il rischio che la testina urti la superficie del disco. Questa situazione è nota come crollo della testina e comporta la sostituzione dell intera unità disco. Un unità disco è connessa a un calcolatore attraverso un insieme di fili, detto bus di I/O: esistono diversi tipi di tale bus, tra cui EIDE, ATA, Serial ATA, USB, ecc. Il trasferimento dei dati in un bus è eseguito da speciali unità di elaborazione, dette controllori. Gli adattatori sono i controllori posti all estremità relativa al calcolatore, mentre i controllori dei dischi sono incorporati in ciascuna unità disco. L esecuzione di operazioni di I/O è possibile mediante scrittura di appositi comandi nell adattatore, generalmente mediante porte di I/O mappate in memoria. Solid state I dischi a stato solido sono basati su transistor e il funzionamento è una via di mezzo tra quello delle ROM e quello delle RAM. Sono più affidabili perché non sono basati su rotazione, ma possono durare di meno per invecchiamento : ogni bit ha infatti un numero limitato di riscritture. Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta.

2 Nastri magnetici I nastri magnetici, pur potendo memorizzare un enorme quantità di dati, sono caratterizzati da un tempo d accesso molto elevato. Questo perché il tempo di accesso diretto, essendo basato su ricerca sequenziale, è migliaia di volte maggiore di quello dei dischi magnetici. Struttura dei dischi I moderni dischi sono considerati come grandi array monodimensionali di blocchi logici. Un blocco logico è la minima unità di trasferimento ed è solitamente grande 512 B, sebbene alcuni dischi si possano formattare a basso livello per ottenere una diversa dimensione dei blocchi logici. L array monodimensionale dei blocchi logici corrisponde in modo sequenziale ai settori del disco: il settore 0 è il primo settore della prima traccia sul cilindro più esterno, e così via di cilindro in cilindro dall esterno verso l interno. Con questa corrispondenza sarebbe possibile trasformare il numero di un blocco logico in un corrispondente indirizzo fisico di vecchio tipo, ma in pratica l operazione è difficile perché i settori difettosi sono sostituiti con altri settori sparsi in giro per il disco e in alcune unità il numero di settori per traccia non è costante. Connessione dei dischi I calcolatori accedono alla memoria secondaria in due modi: il più comune è attraverso le porte di I/O (memoria secondaria connessa alla macchina), ma esiste anche la possibilità di un collegamento remoto per mezzo di un file system distribuito (memoria secondaria connessa alla rete). Memoria secondaria connessa alla macchina Quando la memoria secondaria è connessa alla macchina, l accesso è fatto con le porte locali di I/O. I comuni PC impiegano architetture IDE o ATA per il bus, mentre le stazioni di lavoro di fascia alta ricorrono ad architetture più raffinate, come SCSI o FC. SCSI, in particolare, consente di avere sul bus fino a 16 dispositivi e consente di accedere fino a 8 unità logiche (vedi RAID). FC, invece, è alla base delle reti di memoria secondaria. Memoria secondaria connessa alla rete Un dispositivo di memoria secondaria connesso alla rete è uno speciale sistema di memoria al quale si accede in modo remoto per mezzo di una rete di trasmissione dati. Le chiamate di procedura remota sono realizzate per mezzo dei protocolli TCP/IP: il più recente protocollo di gestione è iscsi, che sfrutta IP per veicolare comandi SCSI. Un sistema di questo genere tende a essere meno efficiente e con prestazioni inferiori rispetto a sistemi che prevedono la connessione diretta alla memoria secondaria.

3 Reti di memoria secondaria Siccome i sistemi di memoria secondaria impegnano banda della rete aumentandone la latenza sono state proposte soluzioni basate su reti di memoria secondaria (storage area network, SAN) tra i server e le unità di memoria secondarie, separate dalla LAN/WAN. Impiega protocolli specifici ed è per questo più difficile (e più costosa). Scheduling del disco Il sistema operativo ha la responsabilità di utilizzare le risorse fisiche in maniera efficiente. Nel caso delle unità a disco, questa responsabilità si declina nella garanzia di tempi di accesso contenuti e ampiezze di banda elevate. Per mezzo della gestione dell ordine delle richieste di I/O il criterio cronologico non è garantito ottimale contenute nella coda del disco di un sistema multiprogrammato (sistema operativo / processi di sistema / processi utente) è possibile ottimizzare questi parametri. Ogni richiesta contiene diverse informazioni: l operazione è di immissione o emissione dati? qual è l indirizzo coinvolto del disco? qual è l indirizzo coinvolto della memoria? quanti byte devo trasferire? Scheduling in ordine di arrivo La forma di scheduling più semplice è quella secondo l ordine di arrivo (FCFS, FIFO). Algoritmo equo, ma non garantisce la massima velocità del servizio. Supponendo che la coda di richieste coinvolga blocchi sui cilindri 98, 183, 37, 122, 14, 124, 65 e 67 e che la testina sia inizialmente sul cilindro 53 si ha una sequenza del genere Come si può notare, il salto da 122 a 14 e da 14 a 124 non è il massimo dell efficienza.

4 Scheduling per brevità Nell algoritmo di servizio secondo il più breve tempo di ricerca (shortest seek time first, SSTF) si sceglie ogni volta la richiesta che dà il minimo tempo di ricerca rispetto alla posizione corrente della testina. Supponendo che la coda di richieste coinvolga blocchi sui cilindri 98, 183, 37, 122, 14, 124, 65 e 67 e che la testina sia inizialmente sul cilindro 53, si parte dal cilindro 65 perché è il più vicino (in valore assoluto) al 53, e così via. Costituisce un miglioramento notevole rispetto all algoritmo FCFS, ma non è una strategia ottima perché come nell esempio si va avanti, indietro e poi nuovamente avanti (anche se a intervalli più regolari). Scheduling per scansione Con lo scheduling per scansione basato sull algoritmo SCAN, il braccio dell unità a disco parte da un punto e si sposta verso un estremo, per poi invertire la marcia e giungere all estremo opposto. E anche detto algoritmo dell ascensore perché il braccio serve prima tutte le richieste in salita e poi quelle in discesa. Supponendo che la coda di richieste coinvolga blocchi sui cilindri 98, 183, 37, 122, 14, 124, 65 e 67 e che la testina sia inizialmente sul cilindro 53, si decide di andare verso il cilindro 0 e si servono prima le richieste per i cilindri 37 e 14 per poi invertire il senso di marcia e servire tutti gli altri a partire dal cilindro 67 fino al 183. Se arriva una nuova richiesta per uno dei cilindri posto davanti alla testina verrà soddisfatta immediatamente. Se invece la richiesta è per un cilindro già superato, bisognerà attendere l inversione della direzione del moto. Per questo, il tempo di attesa è molto variabile.

5 Scheduling per scansione circolare L algoritmo scan circolare, o C-SCAN, garantisce un tempo di attesa meno variabile. Quando la testina giunge a un estremo del disco, ritorna all altro senza servire richieste nel viaggio. Il disco è quindi trattato come se fosse una lista circolare, dove il primo e l ultimo segmento sono adiacenti. Supponendo che la coda di richieste coinvolga blocchi sui cilindri 98, 183, 37, 122, 14, 124, 65 e 67 e che la testina sia inizialmente sul cilindro 53, si decide di andare verso il cilindro 199 e si servono le richieste per i cilindri 65, 67, 98,, 183 prima di tornare al cilindro 0 e servire le richieste per i cilindri 14 e 37. Scheduling LOOK Sia SCAN che C-SCAN tornano a un estremo del disco. Nella pratica, però, si interrompe il viaggio non appena non ci sono più richieste da servire in quella direzione. Queste particolari versione di SCAN e C-SCAN sono dette LOOK e C-LOOK. Nell esempio è riportato uno scheduling C-LOCK. Scelta di un algoritmo di scheduling Nella scelta dell algoritmo di scheduling bisogna tenere conto di diversi fattori, tra cui la posizione delle directory e dei blocchi indice: se un elemento directory risiede nel primo cilindro e i dati del file nell ultimo, la testina deve percorrere l intera superficie del disco. Questa e altre complicanze portano ad affermare che sarebbe meglio che l algoritmo di scheduling del disco costituisca un modulo a sé stante del sistema operativo, in modo da essere sostituito quando necessario. E ragionevole scegliere SSTF o LOOK come algoritmo di partenza e, se ci si accorge di avere carichi elevati, passare a SCAN o C- SCAN.

6 Gestione dell unità a disco Come vengono piazzate le informazioni sul disco? Formattazione del disco Prima che sia possibile la memorizzazione dei dati, un disco dev essere diviso in settori leggibili o scrivibili dal controllore. Questo processo è definito formattazione a basso livello e riempie il disco con una speciale struttura dati per ogni settore, consistente di un intestazione un area dati, solitamente di 512 B una coda Intestazione e coda contengono informazioni usate dal controllore del disco, come il numero di settore e un codice per la correzione degli errori che contiene sufficienti informazioni affinché il controllore possa ripristinare il corretto valore dei bit. Per usare un disco come contenitore di informazioni, il sistema operativo deve registrare le proprie strutture dati nel disco. Questo processo è fatto in due passi: 1. partizionamento, che suddivide il disco in uno o più gruppi di cilindri in modo che il sistema operativo possa trattare ogni gruppo come se fosse un unità disco a sé stante 2. formattazione logica, che crea un file system Molti file system accorpano i blocchi in gruppi, detti cluster. L I/O del disco continua a procedere per blocchi, ma siccome dopo aver letto il blocco 5 è ragionevole supporre che vengano letti i blocchi successivi quello del sistema operativo è per cluster in modo che l I/O mutui più caratteristiche dell accesso sequenziale. Alcuni sistemi operativi danno l opportunità a certi programmi speciali di impiegare una partizione del disco come un grande array sequenziale di blocchi logici, senza alcuna struttura dati relativa al file system. Questa partizione è trattata come un disco a basso livello (raw disk). Blocco di avviamento La memorizzazione del programma di avviamento può essere fatta utilizzando una memoria ROM. Questo sistema presenta alcuni inconvenienti, uno su tutti il dover sostituire la ROM se si vuole cambiare il programma. Molti sistemi memorizzano nella ROM solo un caricatore d avviamento (bootstrap loader), il cui solo compito è quello di caricare da disco il programma di avviamento completo. Windows 2000, ad esempio, colloca il proprio codice di avviamento nel primo settore del disco rigido denominato Master Boot Record MBR. Gestione dell area di avvicendamento Gestire l area di avvicendamento è un compito di basso livello del sistema operativo. La memoria virtuale usa lo spazio dei dischi come estensione della memoria centrale: siccome l accesso ai dischi è più lento, le prestazioni del sistema ne risentono a meno di non progettare tutto a regola d arte. Alcune scelte intelligenti prevedono il sovradimensionamento dell area di avvicendamento, evitando di utilizzare un grande file all interno del file system (semplice ma inef-

7 ficiente) ma preferendo un apposita partizione del disco non formattata. Proprio perché ci può non essere il supporto da parte del file system, ogni area di avvicendamento ha una sua mappa di avvicendamento associata, che è un array di contatori, ciascuno dei quali corrispondente a uno slot nell area di avvicendamento. Se un contatore segna il valore 0, la pagina che gli corrisponde è disponibile. Valori superiori a 0 indicano il numero di processi a cui è associata la pagina. Strutture RAID RAID è l acronimo di Redundant Array of Independent (Inexpensive) Disks, e si pone lo scopo di affrontare i problemi di prestazioni e affidabilità sulla memoria secondaria. Miglioramento dell affidabilità tramite la ridondanza Il metodo più semplice per aumentare l affidabilità è la copiatura speculare (mirroring, shadowing): ogni disco logico è composto da due dischi fisici e le scritture si effettuano su entrambi i dischi, in modo da poter leggere i dati dall altro disco in caso di guasto. I dati vengono persi solo se entrambi i dischi si guastano, ma supponendo che i guasti siano indipendenti tra i dischi anche se nella realtà non è proprio così la probabilità che il secondo disco si guasti prima della sostituzione del primo è molto bassa. Miglioramento dell affidabilità tramite il parallelismo Attraverso l uso di più dischi è inoltre possibile migliorare la capacità di trasferimento distribuendo i dati in sezioni su più dischi. Questa distribuzione, chiamata sezionamento dei dati (data striping), consiste nel distribuire i bit di ciascun byte oppure i blocchi di ciascun file su più dischi. Livelli RAID Livello Descrizione Rappresentazione RAID 0 RAID 1 RAID 2 RAID 3 RAID 4 RAID 5 Sezionamento senza ridondanza. Copiatura speculare. Codici per la correzione degli errori. Bit di parità intercalati. Riduco quantità di informazione per la correzione degli errori. Blocchi di parità intercalati. Organizzazione con blocchi intercalati a parità distribuita. RAID 6 Schema di ridondanza P + Q. Nei livelli RAID 5 e RAID 6 ogni disco contiene informazioni utili più ridondanza. Sono poi possibili varianti che combinano striping e mirroring secondo diverse strategie. ***

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dello spazio di swap La struttura RAID Affidabilità dei dischi Connessione dei dischi 14.1 Memoria secondaria

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1 GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Memoria secondaria. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione dell unità a disco. Affidabilità dei dischi: RAID

Memoria secondaria. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione dell unità a disco. Affidabilità dei dischi: RAID Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Affidabilità dei dischi: RAID Sistemi Operativi 13.1 Struttura del disco I dischi vengono indirizzati come grandi

Dettagli

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Impossibile visualizzare l'immagine. Nastro magnetico Gestione della memoria di massa Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria. Dischi magnetici. Nastri magnetici

Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria. Dischi magnetici. Nastri magnetici Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Corso di Laurea in Informatica Dischi magnetici Proprietà principali e parametri - Velocità di rotazione

Dettagli

Struttura dei dischi

Struttura dei dischi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

La memoria secondaria

La memoria secondaria La memoria secondaria La memoria secondaria Struttura dei dispositivi di memoria Struttura dei dischi Connessione dei dischi Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dell area di swap

Dettagli

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico 26/5/25 RAID Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks Disco magnetico Costituito da un insieme di piatti rotanti (da a 5) Piatti rivestiti di una superficie magnetica Esiste una testina (bobina)

Dettagli

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie Memoria Esterna (secondaria) Dischi magnetici RAID Rimovibili Ottica CD-ROM CD-Recordable (CD-R) CD-R/W DVD Nastri magnetici Dischi Magnetici Disco rivestito con materiale magnetico (ossido di ferro) Materiale

Dettagli

Capitolo 12 -- Silberschatz

Capitolo 12 -- Silberschatz Gestione della memoria di massa Capitolo 12 -- Silberschatz Nastro magnetico Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente usato per

Dettagli

Gestione della memoria secondaria. Marco Cesati. Schema della lezione. File system annotati. Il disco magnetico. Prestazioni dei dischi

Gestione della memoria secondaria. Marco Cesati. Schema della lezione. File system annotati. Il disco magnetico. Prestazioni dei dischi Di cosa parliamo in questa lezione? Lezione 13 La gestione della Sistemi operativi 1 I file system annotati 2 Tecnologia e prestazioni del magnetico 3 Algoritmi di schedulazione del 26 maggio 2015 4 I

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Fondamenti dei Sistemi Operativi Device Manager Dispositivi di I/O Interfaccia (o controller) e software di pilotaggio (driver) di un dispositivo Schedulazione dei dischi: i parametri Schedulazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni

Dettagli

Memoria Secondaria e Terziaria

Memoria Secondaria e Terziaria Memoria Secondaria e Terziaria Memoria secondaria e terziaria Struttura dei dispositivi di memoria Struttura dei dischi Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dell area di swap Struttura

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA. Meccanica di un hard disk

SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA. Meccanica di un hard disk SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA Meccanica di un hard disk 2 Stru:ura di un disco 3 Dischi magne>ci» Velocità di rotazione fra i 60 e i 200 giri al secondo» La velocità di trasferimento

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Complementi: Buffer I/O Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Gestione della memoria di massa

Gestione della memoria di massa Contenuti Gestione della memoria di massa Memoria di massa Struttura del disco Collegamento dei dischi Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Strutture RAID Implementazione

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici Dispositivi di I/O Francesco Lo Presti Rielaborate da Salvatore Tucci Organizzazione di un Calcolatore I/O 1 Dispositivi di I/O!! Un dispositivo di I/O è costituito da due componenti:!!

Dettagli

Sistemi RAID tutti i dati che contiene RAID

Sistemi RAID tutti i dati che contiene RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Dischi RAID. high-performance high-reliability. G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32

Dischi RAID. high-performance high-reliability. G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32 Dischi RAID high-performance high-reliability 15/03 03/04 G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32 indice caratteristiche generali dei dischi parallelismo ed alte prestazioni affidabilità

Dettagli

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio 1. Una macchina ha uno spazio degli indirizzi a 32 bit e una pagina di 8 KB. La tabella delle pagine è completamente nell hardware, con una parola a 32 bit per voce. Quando parte un processo, la tabella

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio RAM disco La RAM è basata su dispositivi elettronici, che funzionano con tempi molto rapidi, ma che necessitano di alimentazione

Dettagli

Struttura dei dischi. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Struttura dei dischi. Schema funzionale di un disco. Scheduling del disco

Struttura dei dischi. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Struttura dei dischi. Schema funzionale di un disco. Scheduling del disco Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe Memoria Secondaria e Terziaria Struttura dei dischi Il file system si può considerare composto da tre parti Interfaccia Strutture dati usate dal SO per realizzare l

Dettagli

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004 Calcolatori Elettronici Esercitazione n 2 Ing Giovanni Costa Sommario: Codici a correzione di errori Dispositivi per: Memorizzazione Output Input

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Dischi RAID (Redundant Array of Inexpensive Disks)

Dischi RAID (Redundant Array of Inexpensive Disks) Dischi RAID (Redundant Array of Inexpensive Disks) Corso: Architetture degli Elaboratori Docenti: F. Barbanera, G. Bella UNIVERSITA DI CATANIA Dip. di Matematica e Informatica Un divario prestazionale

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica L hard disk Introduzione alla memoria virtuale Scendiamo di un altro livello CPU Banco Cache Memoria principale Memoria secondaria Dimensioni < 1KB < 1 MB

Dettagli

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi:

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: 1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: compile time, load time, execution time. Quale delle modalità precedenti necessita di un supporto hardware per poter essere

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Lez. 6 Memorie Secondarie Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Dott. Pasquale De Michele Dott. Raffaele Farina Dipartimento di Matematica e Applicazioni Università di Napoli

Dettagli

Unità Periferiche. Rete Di Controllo

Unità Periferiche. Rete Di Controllo MODELLO LOGICO-FUNZIONALE DI UN ELABORATORE Centrale di canale Periferiche CPU Memoria centrale ALU CU Memoria Locale ALU = Aritmetic Logic Unit CU = Registri CU ISTRUZIONE Decodificatore Rete Di Controllo

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 4 - parte II La memoria 1 La memoriaparametri di caratterizzazione Un dato dispositivo di memoria è caratterizzato da : velocità di accesso,

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

PARALLELISMO NELLE MEMORIE PERMANENTI

PARALLELISMO NELLE MEMORIE PERMANENTI PARALLELISMO NELLE MEMORIE PERMANENTI Struttura di un data server CPU memoria centrale memorie permanenti (dischi) rete PC server altre reti memorie permanenti 2 Qualità di un data server velocità della

Dettagli

Lez. 5 Memorie Secondarie

Lez. 5 Memorie Secondarie Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it +39-081-676137

Dettagli

* Continuo incremento delle prestazioni della tecnologia dei semiconduttori ( > 50 % / anno )

* Continuo incremento delle prestazioni della tecnologia dei semiconduttori ( > 50 % / anno ) * Continuo incremento delle prestazioni della tecnologia dei semiconduttori ( > 50 % / anno ) * Grandi quantita di memoria primaria -> richiede grandi quantita di memoria secondaria * Le applicazioni richiedono

Dettagli

14 Struttura della memoria secondaria Struttura del disco Struttura del disco

14 Struttura della memoria secondaria Struttura del disco Struttura del disco 14 Struttura della memoria secondaria 1 Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Affidabilità 2 14.1 Struttura del disco 3 14.1 Struttura del disco I dischi

Dettagli

Memoria secondaria. Fabio Buttussi HCI Lab Dept. of Math and Computer Science University of Udine ITALY

Memoria secondaria. Fabio Buttussi HCI Lab Dept. of Math and Computer Science University of Udine ITALY Memoria secondaria Fabio Buttussi HCI Lab Dept. of Math and Computer Science University of Udine ITALY www.dimi.uniud.it/buttussi Struttura di un disco Da un punto di vista logico, rappresenta il livello

Dettagli

Assemblare un pc Lezione n. 14. Introduzione

Assemblare un pc Lezione n. 14. Introduzione HARD DISK Parte 2 Introduzione Dopo aver effettuato una panoramica generale sugli hard disk, imparato a riconoscere le interfacce, i loro elementi principali ed i vari connettori e cavi a disposizione,

Dettagli

Input Output. Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi

Input Output. Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi Principi dell hardware di I/O L'hardware di I/O può essere descritto a vari livelli Ingegneri

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Architettura dei calcolatori II parte Memorie

Architettura dei calcolatori II parte Memorie Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica ed Elementi di Statistica 3 c.f.u. Anno Accademico 2010/2011 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable Sommario Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi Dispositivi di I/O Organizzazione delle funzioni di I/O Problematiche di Progettazione I/O Buffering Disk Scheduling Categorie di Dispositivi di I/O Area

Dettagli

Memoria secondaria. Contenuti della lezione di oggi 21 Maggio Strutture dei dispositivi di memorizzazione. Collegamento dei dischi

Memoria secondaria. Contenuti della lezione di oggi 21 Maggio Strutture dei dispositivi di memorizzazione. Collegamento dei dischi Contenuti della lezione di oggi 21 Maggio 2009 Memoria secondaria Strutture dei dispositivi di memorizzazione Collegamento dei dischi Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap

Dettagli

Memorie secondarie. Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi

Memorie secondarie. Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Memorie secondarie Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi 1 I dispositivi di memoria dei calcolatori sono organizzati secondo una gerarchia, dove al livello più alto ci sono memorie di piccola dimensione,

Dettagli

Sistemi Operativi A.A. 2011/2012

Sistemi Operativi A.A. 2011/2012 Sistemi Operativi A.A. 2011/2012 Esercitazione 13 Dicembre 2011 Esercizio 1 - Scheduling dei processi Data la seguente sequenza di processi Processo Istante Arrivo Durata Priorità P 1 0 6 3 P 2 2 5 2 P

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O)

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Possono essere i piu svariati: mouse, tastiera, monitor, altoparlanti, stampanti, ecc. Tra essi rivestono un importanza particolare i dispositivi di memorizzazione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 16 Martedì 3-12-2013 1 La tecnica di gestione di un dispositivo a interruzione

Dettagli

Esempio di Motherboard (Scheda Madre)

Esempio di Motherboard (Scheda Madre) 1:ISA slot 2:PCI slot 3:AGP slot 4:ATX power connector 5:Chipset 6:CPU socket 7:RAM slot 8:IDE connector 9:Floppy disk connector 10:Batteria 11:BIOS chip Esempio di Motherboard (Scheda Madre) La memoria

Dettagli

I dischi magnetici floppy disk

I dischi magnetici floppy disk I dischi magnetici floppy disk I floppy disk (dischetti flessibili) sono supporti rimovibili Ogni elaboratore è dotato di almeno una unità di lettura-scrittura detta drive, all'interno della quale l'utente

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

Appunti di Enterprise Digital Infrastructures

Appunti di Enterprise Digital Infrastructures Appunti di Enterprise Digital Infrastructures Matteo Gianello 30 settembre 2013 1 Indice 1 Hard Disk 3 1.1 Caratteristiche base....................... 3 1.1.1 Hard Disk: componenti e caratteristiche........

Dettagli

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU Scheduling della CPU Concetti fondamentali Criteri di scheduling Algoritmi di scheduling Concetti fondamentali L obiettivo della multiprogrammazione è di avere processi sempre in esecuzione al fine di

Dettagli

SCHEDULING DEI PROCESSI

SCHEDULING DEI PROCESSI SCHEDULING DEI PROCESSI FIFO o FCFS (First-In-First-Out) Primo arrivato primo servito. Si utilizza nei processi non-preemptive. RR (Round-Robin) I processi sono attivati in modalità FIFO ma viene loro

Dettagli

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria)

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) Dispositivi per la memorizzazione di grandi masse di dati. I dati memorizzati su questo tipo di memoria sopravvivono all esecuzione dei programmi

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3)

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Architettura di NTFS 1 NTFS file system adottato

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID 1. Guida all installazione degli Hard Disk SATA...2 1.1 Installazione di Hard disk Serial ATA (SATA)...2 2. Guida alla configurazione

Dettagli

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi Software relazione Hardware Software di base Software applicativo Bios Sistema operativo Programmi applicativi Software di base Sistema operativo Bios Utility di sistema software Software applicativo Programmi

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

Gestione della memoria di massa. Capitolo Silberschatz

Gestione della memoria di massa. Capitolo Silberschatz Gestione della memoria di massa Capitolo 12 -- Silberschatz Nastro magnetico Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente usato per

Dettagli

01/05/2014. Dalla precedente lezione. Ruolo dei sistemi operativi. Esecuzione dei programmi

01/05/2014. Dalla precedente lezione. Ruolo dei sistemi operativi. Esecuzione dei programmi Marco Lapegna Laboratorio di Programmazione Dalla precedente lezione 6. I sistemi operativi LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE Corso di laurea in matematica I Sistemi Operativi Il linguaggi di programmazione

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Memorie secondarie o di massa Le memorie secondarie

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS Esercitatore: Fabio Palopoli IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware). Il S.O.

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 File System a strati Metadati (i FCB) + protezione e sicurezza

Dettagli

Sistemi RAID. Corso di Calcolatori Elettronici. Feragotto Elena

Sistemi RAID. Corso di Calcolatori Elettronici. Feragotto Elena Sistemi RAID Corso di Calcolatori Elettronici Feragotto Elena Cos è RAID Nato all Università di Berkeley nel 1968, RAID significa: Redundant Array of Inexpensive Disk L idea era quella di sostituire un

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Capitolo 14: Struttura delle memorie di massa

Capitolo 14: Struttura delle memorie di massa Capitolo 14: Struttura delle memorie di massa Struttura dei dischi. Schedulazione degli accessi al disco. Amministrazione del disco. Gestione dello spazio di swap. 14.1 Struttura dei dischi I dischi rigidi

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Dispositivi di memorizzazione

Dispositivi di memorizzazione Dispositivi di memorizzazione Corso di Calcolatori Elettronici I Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II Necessità della memoria di massa La memoria RAM»

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE E MEMORIA VIRTUALE 7.1 Gestione della memoria Segmentazione Segmentazione con paginazione Memoria Virtuale Paginazione su richiesta Sostituzione delle pagine Trashing Esempi:

Dettagli

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base)

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base) Sistema Operativo (Software di base) Il Sistema Operativo Il sistema operativo è un insieme di programmi che opera sul livello macchina e offre funzionalità di alto livello Es.organizzazione dei dati attraverso

Dettagli

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Introduzione La memorizzazione dei dati è un aspetto molto importante dell informatica Oggi, mediante i computer, è possibile memorizzare e modificare

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Varie tipologie di memoria

Varie tipologie di memoria Varie tipologie di memoria velocita` capacita` registri CPU memoria cache memoria secondaria (Hard Disk) Gestione della memoria Una parte della viene riservata per il SO I programmi per poter essere eseguiti

Dettagli