Aggiornamento clinico e gestionale nella pratica dello studio odontoiatrico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aggiornamento clinico e gestionale nella pratica dello studio odontoiatrico"

Transcript

1 50 CREDITI E C M PER L ANNO 2013 Aggiornamento clinico e gestionale nella pratica dello studio odontoiatrico evento n RESPONSABILE SCIENTIFICO DEL CORSO: Prof. Enrico Gherlone Ordinario di Clinica Odontoiatrica, Università Vita-Salute San Raffaele, Milano. DURATA: inizio corso 1 marzo 2013, fine corso 31 dicembre STRUTTURA DEL CORSO: 8 Moduli didattici in formato testuale e iconografico pubblicati all interno di Doctor Os. Per la lettura e lo studio dei 8 Moduli didattici che compongono il corso è previsto un impegno di 33 ore. CORSO PER: odontoiatri PROVIDER ECM Provider accreditato ECM FAD nazionale (accreditamento n. 12 del 10/06/2010) a fornire programmi di formazione continua per tutte le professioni. ISCRIZIONE AL CORSO Il corso FAD, a pagamento, è riservato agli abbonati della rivista Doctor Os L abbonamento alla rivista Doctor Os corso FAD da 50 crediti ECM è offerto a 145,00 anziché 210,00 ed è acquistabile sul sito: IMPORTANTE Per gli odontoiatri che hanno sottoscritto l abbonamento a Doctor Os nel 2012 con scadenza nel 2013 l acquisto del corso FAD da 50 crediti è offerto in promozione a 130 euro invece di 154 euro. Questi abbonati per acquistare e svolgere il corso ECM online devono collegarsi al sito e seguire la procedura indicata. ISTRUZIONI PER L ACQUISTO E LO SVOLGIMENTO DEL CORSO ECM ONLINE 1. Collegarsi al sito Internet: 2. Registrarsi, inserendo (username) e password a propria scelta più i dati anagrafici completi 3. Confermare la registrazione tramite l ricevuta al proprio indirizzo 4. Effettuare l accesso tramite username e password precedentemente scelti 5. Andare alla sezione catalogo corsi e selezionare il corso Aggiornamento clinico e gestionale nella pratica dello studio odontoiatrico cliccando sul tasto Iscriviti 6. Perfezionare il pagamento seguendo le istruzioni a video (Carta di credito, Bonifico bancario o Bollettino postale) 7. Svolgere il corso durante l anno e - al termine dell ultimo Modulo didattico stampato a ottobre stampare/salvare l attestato di partecipazione e l attestato ECM PER OTTENERE I CREDITI È NECESSARIO Rispondere online ai questionari a risposta multipla proposti (pubblicati mensilmente anche sulla rivista, alla fine di ogni Modulo didattico). Per il superamento di ogni test è necessario rispondere correttamente all 75% delle domande proposte Al termine del corso compilare il questionario di gradimento (obbligatorio) Scaricare l attestato ECM (stampare e/o salvare sul proprio PC) L erogazione dei crediti ECM avverrà dopo il completamento di tutto il percorso formativo, la compilazione del questionario di gradimento e dopo aver scaricato l attestato ECM. REQUISITI TECNICI PER LA FRUIZIONE DEL CORSO ONLINE PC con connessione attiva a Internet Software di navigazione (browser es. Internet Explorer 8.0 o successivi) Stampante per stampa attestato ECM (opzionale). Sanitanova è accreditato dalla Commissione Nazionale ECM (accreditamento n. 12 del 10/06/2010) a fornire programmi di formazione continua per tutte le professioni. Sanitanova si assume la responsabilità per i contenuti, la qualità e la correttezza etica di questa attività. 584 GIUGNO 2013XXIV (6)

2 50 CREDITI E C M PER L ANNO 2013 Aggiornamento clinico e gestionale nella pratica dello studio odontoiatrico evento n MODULO DIDATTICO 6 Comunicazione odontoiatrica: un approccio completo AUTORI Elisabetta Altamura*, Mauro Belluz** * Educational Manager per Sanitanova Srl, ** Università degli Studi di Milano, Azienda Ospedaliera S. Paolo Reparto di Odontoiatria Conservativa ed Endodonzia, Dental Building DMCO DISPONIBILE ONLINE 1 marzo 2013 INDICE DEL CORSO GENNAIO - MODULO 1 La tecnica bidimensionale: diagnosi biomeccanica APRILE - MODULO 4 Attualità nelle riabilitazioni implantoprotesiche del mascellare atrofi co. Prima parte SETTEMBRE - MODULO 7 Protesi fi ssa su dente naturale: dalla diagnosi alla gestione del provvisorio FEBBRAIO - MODULO 2 MARZO - MODULO 3 Protocolli clinici e terapeutici di igiene orale in pazienti affetti da malattie sistemiche MAGGIO - MODULO 5 Attualità nelle riabilitazioni implantoprotesiche del mascellare atrofi co. Seconda e terza parte OTTOBRE - MODULO 8 Viti a diametro ridotto: caratteristiche e indicazioni d uso Diagnostica per immagini in odontostomatologia: ultimi aggiornamenti GIUGNO - MODULO 6 Comunicazione odontoiatrica: un approccio completo OBIETTIVI DIDATTICI DEL SESTO MODULO Il modulo svilupperà alcuni aspetti inerenti la comunicazione nello studio odontoiatrico. I principali argomenti trattati saranno: principi, modelli di comunicazione nella pratica clinica; il processo di accoglienza del paziente in studio: elaborazione del percorso più efficace; l incidenza della comunicazione non verbale; il colloquio di motivazione al paziente; la comunicazione e la motivazione nel bambino e nell adulto; la presentazione del piano di cura e del trattamento; principi, modalità e migliore gestione di proposizione: dal preventivo al piano di cura. Al termine del modulo didattico, il lettore dovrebbe essere in grado di comprendere l importanza dei diversi canali della comunicazione e di conoscere i livelli comunicativi nei rapporti in ambito odontoiatrico. MODULO 6 XXIV (6) GIUGNO

3 Comunicazione odontoiatrica: un approccio completo Elisabetta Altamura* Mauro Belluz** * Educational Manager per Sanitanova Srl ** Università degli Studi di Milano, Azienda Ospedaliera S. Paolo Reparto di Odontoiatria Conservativa ed Endodonzia, Dental Building DMCO IntroduzIone na delle più interessanti u ricerche sui positivi effetti della buona comunicazione tra medico e paziente fu pubblicata su Lancet nell agosto Il suo autore, Zeev E. Neuwirth, la denominò Physician empathy-should we care?, una formula accattivante per continuare a introdurre gli effetti della comunicazione efficace in medicina. La stessa ricerca si applica ancora oggi a tutti gli ambiti sanitari, incluso quello odontoiatrico, andando a scandagliare gli effetti produttivi, sia sulla compliance clinica che sulla fiducia, valutando come una buona empatia con il medico ed una efficace comunicazione aumenti la soddisfazione dei pazienti e rafforzi la capacità dei medici di diagnosticare e trattare efficacemente. Sempre in questa importante ricerca si evidenzia come i medici che mostrano comportamenti empatici hanno un rischio significativamente ridotto di contenzioso legato alla malpractice. CoMunICAtorI In odontoiatria Un aspetto fondamentale della ricerca pubblicata su Lancet riguarda come il professionista sanitario, nella prima fase di conoscenza del paziente, parta subito a caccia della diagnosi e della terapia corrette, indipendentemente dal desiderio del paziente di comunicare con lui. Gli studi effettuati dimostrano che il medico interrompe il paziente con una domanda chiusa dopo soli 18 secondi dall inizio della visita, quando è invece vero che, per raccogliere in modo esaustivo le informazioni sui problemi del paziente, il medico avrebbe bisogno di almeno 2 minuti. Ma cosa sarebbe accaduto se il medico non avesse interrotto il paziente? Il 90% dei pazienti avrebbe comunque concluso spontaneamente il resoconto entro 92 secondi e comunque entro i 2 minuti. La figura 1 riassume gli aspetti fondamentali perché un processo di comunicazione funzioni e sia efficace. Ma come assicurarsi che nel rapporto con il proprio paziente tutti questi aspetti siano correttamente presenti? Immaginando di essere in studio e di accogliere il nostro paziente, cosa è importante valutare? In primis che vi sia credibilità nel rapporto: cioè che ciò che viene detto e raccontato sia ritenuto credibile dall interlocutore. Perché il professionista sia credibile, deve avere una storia di credibilità, di ripetute affermazioni ritenute affidabili, possedere uno status tale e fare in modo che la storia di odontoiatra sia credibile. Credibilità Quali caratteri vengono attribuiti alla personalità credibile? Già Aristotele nella Retorica individuava nell onestà, nella coerenza e nell affidabilità le qualità della persona credibile. L integrità, la serietà, la coerenza, l affidabilità sono un insieme di atteggiamenti che convergono in un comportamento che si può definire come l essere fedeli alla parola data. La credibilità, infatti, è qualcosa che viene riconosciuto dagli altri. In realtà, negli studi sociologici, la credibilità si configura come una relazione tra chi vuole essere credibile e colui che deve credere, e quindi colui che deve avere fiducia. È come se implicitamente noi dicessimo: «Io ti riconosco credibile, io ti credo, io ti do la mia fiducia». In ogni relazione comunicativa le persone si attribuiscono reciprocamente una qualche credibilità che costituisce l accordo non scritto su cui regge la relazione. Significativi sono gli studi sulla fiducia 586 GIUGNO 2013 XXIV (6)

4 CORSO FAD Fig. 1 Le otto C nella comunicazione. del sociologo Niklas Luhmann: credibile sostanzialmente è chi resta coerente con l idea di sé che ha dato agli altri anche in assenza di una prova pubblica a questi altri. La fiducia interpersonale si basa sull aspettativa che il soggetto emittente non manipolerà la comunicazione per fornire un immagine distorta della propria identità. In tal senso la fiducia può essere definita come l aspettativa di regolarità e continuità comportamentale di ruolo ed identità degli attori sociali, modulata anche da aspetti affettivi ed emozionali. Al mantenimento della promessa si affiancano infatti altre caratteristiche del soggetto che vuole essere credibile, quali la benevolenza intesa come apertura verso l altro, il disinteresse e l indipendenza, la spontaneità (modalità di comunicazione non artificiosa), la simpatia, il feeling che riesce a suscitare. Contesto Il contesto è il secondo aspetto fondamentale: se riceviamo una comunicazione ufficiale al bar, in un contesto, appunto, non ufficiale, tale comunicazione perde una parte della sua ufficialità. Se la stessa comunicazione viene ricevuta in un contesto ritenuto comunemente ufficiale (la scrivania del medico, la poltrona odontoiatrica eccetera), essa risulta coerente con il contesto. Scegliere il dove comunicare è importante e non è secondario: devo quindi poter scegliere dove attuare il mio processo di comunicazione con il paziente, affinché il contenuto della mia comunicazione venga rinforzato dall ambiente entro cui sto comunicando con il mio interlocutore. Il fattore contesto afferisce a quell aspetto di comunicazione che viene chiamato comunicazione non verbale. Avremo modo di approfondire questo aspetto quando affronteremo il tema del percorso del paziente nello studio odontoiatrico. Contenuto Se il messaggio deve avere un significato ben preciso per il destinatario, bisogna scegliere parole che siano comprensibili all interlocutore. Un esempio su tutti: in odontoiatria si sono affermate terminologie e tecniche che hanno un lessico anglosassaone, spesso conosciuto e comune all odontoiatra e al suo team, ma di difficile comprensione per il paziente. Pensiamo al termine debridement oppure al più comune modeling : comprensibili e comuni per gli addetti ai lavori, ma di contenuto sicuramente oscuro al paziente anche colto. L odontoiatra potrà quindi scegliere se avventurarsi nella scelta di contenuti fuori dalla portata del paziente, obbligandosi poi a dover fare una traduzione appropriata del termine utilizzato o, meglio, sforzarsi di utilizzare nell atto comunicativo contenuti condivisi tra sé e il paziente. Questo sforzo di adattamento verso l interlocutore è uno dei primi fattori verso il successo comunicativo. Chiarezza È utile che il messaggio espresso sia semplice e sottoposto ad una verifica (feedback) da parte di chi lo sta ricevendo. Come è possibile attuare un processo di verifica? Utilizzando domande semplici ed efficaci a verifica del contenuto: Cosa pensa di ciò che ho detto? Qual è il dosaggio migliore per questo farmaco? Quali sarebbero i benefici di un intervento di questo tipo?. Continuità Il concetto di continuità introduce il principio di cura intesa come mi prendo cura di te, nel tempo, mi preoccupo che tu stia bene, mi interesso del tuo stato di salute, tesso un filo rosso che ci tiene in contatto. Perché una comunicazione sia efficace, è importante che non sia sporadica, a singhiozzo, ma che venga costruita in un percorso di continuità. In gergo tecnico si parla in questo caso di Customer care (marketing della fidelizzazione), intendendo la capacità di aver cura dei pazienti nel tempo e non solo nel qui ed ora. In sanità e, sempre di più, in odontoiatria è importante che lo studio sia dotato di un sistema di comunicazione continua verso il paziente, attraverso un piano di richiami periodici, comunicazioni elettroniche e non eccetera. Canali Il canale è strettamente legato al messaggio che s intende comunicare e al tipo di interlocutore. Se si vuole comunicare ad un bambino il concetto di prevenzione, si potrà utilizzare per esempio un cartone animato, che però difficilmente funzionerà se il destinatario del messaggio è un adulto. Il canale, pertanto, è il mezzo attraverso cui diffondiamo il nostro messaggio: il video trasmesso in sala d attesa ha come canale un filmato televisivo, che funziona nella diffusione dei contenuti istituzionali dello studio dentistico, ma potrebbe non essere adeguato alla presentazione di un piano di cura personalizzato che prevede appunto un grado di personalizzazione maggiore rispetto a chi ho di fronte in quel momento. Il sito Internet dello studio odontoiatrico è un canale di comunicazione, studiato per raggiungere il numero più alto di fruitori, adatto a fare promozione e far conoscere il professionista, rispettando il codice di deontologia medica e i XXIV (6) GIUGNO

5 corso fad vincoli delle Linee guida di pubblicità e informazione sanitaria dell OmCeo nazionale. Capacità ricettiva del pubblico Tale principio richiama la nostra attenzione a tenere conto del livello culturale e di specializzazione e ad adattare il messaggio all interlocutore. Creatività Caratterizzare, personalizzare, avere un proprio stile che si differenzia dagli altri. Tutto questo è creatività nella comunicazione. L accento non è posto sul cosa dico, ma sul come decido di dirlo. Un esempio: se si decide di promuovere la conoscenza del team di studio odontoiatrico, possiamo farlo cominciando da cartellini personalizzati da apporre sul camice del personale, utilizzando colori specifici sulle divise del team, ideando un logo dello studio o impostando una linea coordinata di comunicazione con colori che identificano il nostro studio. Essere unici consente di identificarci nel mare magnum dell offerta odontoiatrica. PrInCIPI e ModellI di CoMunICAzIone nella PrAtICA ClInICA la definizione La comunicazione è un processo di scambio tra persone all interno di un certo contesto (famiglia, scuola, lavoro ). La comunicazione è anche lo strumento mediante il quale si instaurano e si sviluppano le relazioni in ogni ambito della vita umana e in ogni gruppo sociale. Si attua attraverso l uso di un canale verbale e di un canale non verbale ed è possibile nella misura in cui le persone hanno in comune e condividono un linguaggio. Quando la comunicazione può dirsi efficace? La comunicazione è efficace quando ciò che si vuole comunicare e si comunica coincide con quello che arriva e quindi viene compreso. I cinque assiomi della comunicazione Watzlawick, uno dei più importanti studiosi dei processi di comunicazione, ha definito i principi della comunicazione, definendoli assiomi: il primo assioma ci insegna che non si può non comunicare: qualunque comportamento comunica qualcosa, qualunque cosa si fa o si dice, qualunque scelta (dai vestiti all automobile, da ciò che viene letto allo sport che si pratica) comunica qualcosa agli altri e a noi stessi; il secondo assioma chiarisce che all interno di ogni comunicazione vanno distinti due livelli: il primo è il livello del contenuto, che dice che cosa stiamo comunicando; il secondo è quello della relazione, che dice che tipo di relazione vogliamo instaurare con quella comunicazione. Per fare un esempio molto semplice ma pratico, la frase chiudi la porta esprime un contenuto (la richiesta di chiudere la porta) e può essere detta con tono pacato o aggressivo, stabilendo due tipi diversi di relazione con l interlocutore; il terzo assioma spiega che il modo di interpretare una comunicazione dipende da come viene punteggiata la sequenza delle comunicazioni fatte; per esempio, di fronte a un uomo che si chiude in se stesso nei confronti della moglie che brontola, il primo potrebbe dire che il suo atteggiamento dipende dal brontolio della moglie, la seconda potrebbe ribattere che brontola perché il marito si chiude: a seconda della punteggiatura usata cambia il significato dato alla comunicazione e alla relazione; il quarto assioma differenzia due tipi di comunicazione: quella analogica e quella numerica (o digitale): la comunicazione analogica si basa sulla somiglianza (analogia) tra la comunicazione e l oggetto della comunicazione: rientra in essa tutta la comunicazione non verbale e l uso di immagini; la comunicazione numerica riguarda invece l uso delle parole e in generale di segni arbitrari organizzati da una sintassi logica, cioè di segni usati convenzionalmente per designare qualcosa; il quinto e ultimo assioma della comunicazione umana spiega che tutte le interazioni tra comunicanti possono essere di due tipi: simmetriche o complementari: si ha un interazione simmetrica quando gli interlocutori, rispetto a quella comunicazione, si considerano di pari livello, sullo stesso piano; l interazione complementare si ha invece quando gli interlocutori non si considerano sullo stesso piano, bensì risulta evidente dalla comunicazione che uno dei due ha una posizione superiore (one-up) e l altro subordinata (one-down), per esempio la relazione medico-paziente, insegnante-studente eccetera. La comunicazione efficace è detta anche comunicazione assertiva. Come competenza è considerata trasversale tra le trasversali: una corretta relazione interpersonale favorisce la capacità di diagnosticare e di affrontare (fronteggiare). I principali linguaggi della comunicazione (interpersonale) La comunicazione utilizza diversi linguaggi: verbale: comunicare attraverso le parole; para-verbale: comunicare oltre le parole/senza le parole; non verbale: comunicare attraverso il corpo; scritto: comunicare attraverso la scrittura. La principale responsabilità per la riuscita del processo di comunicazione è dell emittente, che sceglie canale e codice e deve usare il linguaggio più appropriato in considerazione della tipologia di ricevente, dell obiettivo della comunicazione e del contenuto. l ascolto attivo L ascolto è parte fondamentale del processo di comunicazione, determinante per l efficacia. Il ricevente ha nella decodifica e quindi nell ascolto un compito unico e fondamentale. L ascolto, per essere assertivo deve essere almeno attivo o empatico quindi nel pieno rispetto e senza preconcetti rispetto all emittente. Ascoltare in modo attivo significa mostrare interesse verso chi parla mantenendosi in sintonia con lui attraverso domande specifiche. L empatia è proprio la capacità di porsi dentro (come indica il prefisso greco en ) la situazione cognitiva ed emotiva del proprio interlocutore. Saper ascoltare significa effettuare continue verifiche per: assicurarsi di avere ben compreso; confermare all interlocutore che si sta ascoltando; far capire che si ha capito. Le componenti dell ascolto attivo sono: capire e circostanziare; verificare; coinvolgere razionalmente su problemi; coinvolgere emotivamente; stimolare la partecipazione; riassumere. L ideogramma cinese (fig. 2) che rappresenta il concetto di ascolto riassume bene in sé tutte le componenti che caratterizzano l atto di ascoltare attivamente. 588 GIUGNo 2013 XXIV (6)

6 CORSO FAD termine; cercare di essere simpatico ed accettato da tutti; non proporsi, non cercare di migliorare; non essere in grado di dire no anche a richieste fuori luogo; lasciare che vengano violati i propri diritti e che gli altri ne traggano vantaggio. Fig. 2 L ideogramma cinese che rappresenta il concetto di ascolto. Lo stile comportamentale aggressivo Lo stile comportamentale aggressivo può essere così descritto: violare i diritti altrui per trarne vantaggio; privilegiare il conflitto rispetto al confronto; raggiungere i propri obiettivi a spese degli altri; stare sulla difensiva e attaccare l altro; intromettersi nelle scelte altrui. Fig. 3 Gli stili comportamentali. Fig. 4 Gli aspetti della comunicazione, A. Mehrabian L ascolto attivo è un formidabile strumento della comunicazione e rappresenta il presupposto fondamentale per porsi nella migliore condizione quando ci si accinge a entrare in comunicazione con il paziente. Assertività Il termine assertività deriva dal verbo latino asserere che vuol dire sostenere con forza. È una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro ed efficace le proprie emozioni e opinioni. È pertanto un approccio che ci mette in condizione di gestire in modo positivo e costruttivo i rapporti interpersonali. Per definire correttamente il modello di assertività, dobbiamo partire dal concetto di ansia sociale (stato di disagio per effetto di una relazione interpersonale asimmetrica). Lo stato ansioso invalida in varia misura l efficacia relazionale e la capacità di governo su di sé e sull ambiente. Incide negativamente sul rendimento individuale. L ansia sociale determina negli individui una reazione automatica che può avere due esiti nella relazione interpersonale: la passività e l aggressività (fig. 3). Lo stile comportamentale passivo Lo stile comportamentale passivo può essere così descritto: lasciare che gli altri pensino e decidano per noi; non raggiungere i propri obiettivi; evitare di porsi obiettivi a medio e lungo Lo stile comportamentale assertivo Una modalità non automatica, ma volontaria e consapevole, per superare comportamenti passivi o aggressivi è rappresentata dallo stile comportamentale assertivo, che è la capacità di: esprimere i propri sentimenti; scegliere come comportarsi in un dato contesto; difendere i propri diritti quando necessario; esprimere serenamente un opinione in disaccordo quando lo si ritiene opportuno; portare avanti i propri piani senza prevaricare gli altri; chiedere agli altri di modificare i loro comportamenti quando vengono percepiti come offensivi o fuori luogo, in modo propositivo, costruttivo e positivo. La comunicazione assertiva può essere appresa e con la pratica diviene una capacità che può essere migliorata. Sviluppare uno stile comportamentale assertivo richiede, oltre che caratteristiche personali, sociali e culturali di una certa tipologia e livello, una solida base di partenza o comunque un obiettivo al quale tendere, una sana dose di sicurezza in sé e la giusta autostima. Comunicazione verbale e non verbale La Comunicazione Non Verbale (CNV) riveste un ruolo fondamentale nel più ampio concetto di comunicazione. I magici numeri cosa rappresentano? Vengono citati per la prima volta in uno studio condotto nel 1972 da Albert Mehrabian che dimostra come ciò che XXIV (6) GIUGNO

7 corso fad Fig. 5 Coerenza tra verbale e non verbale che scegliamo di adottare con i nostri pazienti. Ogni ambiente dello studio odontoiatrico può essere più o meno indicato a svolgere un tipo di relazione con i pazienti: c è un luogo in cui ricevere e mostrare attenzione, un altro in cui svolgere la prima visita e discutere dell anamnesi e delle aspettative del paziente, un altro dove presentare il piano di cura. Qualcuno starà pensando ad uno studio di 150 mq: ebbene, non è necessario molto spazio, ma è sicuramente importante strutturare gli ambienti, anche se di piccole dimensioni, in modo da far sentire accolto il nostro paziente. La nostra attenzione è quindi utile che sia rivolta a valutare se il messaggio che proponiamo a chi entra nel nostro studio è coerente con ciò che noi intendiamo comunicare. Fig. 6 Aspetti della comunicazione verbale e non verbale. viene percepito in un messaggio vocale dipenda (fig. 4): per il 7% da parole (aspetto verbale); per il 38% dall intonazione della voce (ritmo, volume, prosodia eccetera); per il 55% dal linguaggio del corpo (in particolare dalle espressioni facciali). La coerenza tra comunicazione verbale e non verbale Il rapporto fra CV e CNV si manifesta nel momento in cui tra le due modalità non vi è congruenza. Quando non sussiste coerenza fra il contenuto del messaggio e la forma adottata nella relazione interpersonale, si verifica un effettivo problema di comunicazione (fig. 5). La presenza di segnali non verbali coerenti con la comunicazione verbale determina invece il presupposto della comunicazione persuasiva, perché ciò che dico viene rinforzato dal come lo dico (fig. 6). Il ProCesso di ACCoglIenzA del PAzIente In studio La comunicazione con il paziente si rileva quindi anche in ciò che non diciamo ma che comunichiamo, anche e soprattutto attraverso il canale non verbale. Comunicazione è anche il colore con cui vengono tinteggiate le pareti del nostro studio, il tipo di colori (o non colori) che indossano i nostri collaboratori, i cartelli o i quadri che vengono affissi nella sala d attesa, il colore degli arredi della sala d attesa e le riviste che vengono rese disponibili, il sorriso con cui si accoglie il paziente, la cura con cui si risponde alle richieste. Ed ancora Comunicazione sono i tempi di attesa prima di essere visitati, i toni che utilizziamo al telefono o che permettiamo che utilizzino i nostri collaboratori, i richiami che impostiamo o decidiamo di non impostare nei confronti nei pazienti, i gadget in occasione per esempio del Natale, i piani di cura stampati e consegnati ai pazienti, le immagini che scegliamo per il nostro sito Internet. L elenco potrebbe essere molto più lungo, ma il messaggio che vogliamo condividere è: al di là della nostra competenza clinica, che è l assunto di base e forte su cui si basa la relazione con il paziente, la valutazione della nostra professionalità, intesa in senso ampio e pieno, viene rafforzata e riempita dagli aspetti soft del nostro modo di essere e passa sempre attraverso la comunicazione Sala d attesa e primo contatto Aspetti di comunicazione a cui prestare attenzione: disposizione e tipi di riviste; tono della risposta al telefono e accoglienza della segreteria; sguardo sui pazienti; colori della sala d attesa; seduta comoda/scomoda; quadri e stampe esposti; igiene, polvere, odori; musica; televisione, filmati, cartoni animati; comunicazione istituzionale/bacheca informativa; carta dei servizi. Ambienti clinici, sale operative Senza una comunicazione efficace anche nel momento dell intervento clinico alla poltrona, il grado di soddisfazione - a parità di efficacia di intervento clinico - è destinato ad essere basso, la qualità della relazione modesta, la fiducia e l attaccamento del paziente al proprio terapeuta rimane debole. Le richieste di risarcimento sono pressoché certe quando il modesto risultato terapeutico è accompagnato da una cattiva comunicazione sia dell odontoiatra che dei suoi collaboratori. Il 90% delle lamentele in ambito clinico odontoiatrico sono collegate ad una cattiva comunicazione tra terapeuta e paziente. Studio privato dell odontoiatria Nello studio privato dell odontoiatra si svolgono: discussione del piano di cura dopo la visita; prima visita d anamnesi e commento cartella clinica; 590 GIUGNo 2013 XXIV (6)

8 CORSO FAD Fig. 7 La piramide dei bisogni di Maslow, Fig. 8 Formula matematica sulla motivazione. commento e discussione dell anamnesi; gestione del feedback; colloqui riservati; colloqui con supporti audio-video. Segreteria amministrativa La segreteria amministrativa si occupa di: gestione amministrativa del paziente; scelta delle modalità di pagamento; pagamento e fatturazione; sollecito dei pagamenti. Il colloquio di motivazione Abraham Maslow afferma che i bisogni e le motivazioni, che per lui coincidono, si strutturano in maniera gerarchica e consecutiva. La soddisfazione di bisogni superiori è possibile soltanto quando quelli di livello inferiore vengono soddisfatti. Tale idea dà forma alla cosiddetta Piramide di Maslow (fig. 7). I desideri dell uomo non sono isolati e a sé stanti, ma tendono a disporsi in una gerarchia di dominanza e di importanza. In questa scala, al livello della base, ci sono tutti i bisogni fisiologici, essenziali per la nostra sopravvivenza fisica nell ambiente. Prima di soddisfare i bisogni più alti nella scala, l individuo tende a soddisfare quelli più bassi, ovvero quelli più importanti per la sua sopravvivenza. Per quello che riguarda i bisogni più alti, gli individui tendono a variare molto nel tempo. Ogni persona compie un suo percorso di maturazione e sviluppo motivazionale all interno del quale le mete e gli obiettivi di livello alto possono subire grandi modificazioni. Inoltre un successo tende spesso a essere dimenticato e il vecchio obiettivo tende a essere sostituito da uno più grande e ambizioso. Mentre i bisogni fondamentali per la sopravvivenza una volta soddisfatti tendono a non ripresentarsi, almeno per un periodo di tempo, i bisogni sociali e relazionali tendono a innescare nuove e più ambiziose mete da raggiungere. I nostri pazienti entrano nel nostro studio con molteplici bisogni: da quello più elementare legato al bisogno fisico di liberarsi dal dolore, sino a quelli più legati all autorealizzazione e alla voglia di apparire migliori (estetica). Come muoversi quindi per orientare il nostro processo di comunicazione alla motivazione del paziente? In primis, sarebbe utile identificare a quale livello della scala gerarchica si colloca il bisogno del paziente, utilizzando domande aperte e domande chiuse per verificare cosa spinge il paziente a rivolgersi a noi, quali sono le sue aspettative. Sarebbe utile conoscere perché è venuto proprio da noi, se conosce qualche paziente o se vi sono altre motivazioni. Tutte queste informazioni andrebbero salvate in cartella clinica, così da essere sottoposte mensilmente ad una rielaborazione che ci permetterà di conoscere meglio chi sono i nostri pazienti e che tipo di bisogni hanno. Bisogna fare attenzione al fatto che i bisogni cambiano nel tempo, si evolvono, si modificano e si adattano alla vita del paziente. Sarebbe quindi utile riservare del tempo utile, nel passare dei mesi, a sondare come cambiano, al fine di evitare interpretazioni scorrette e pericolose nella gestione del paziente e delle sue aspettative. Il concetto di fondo è: mai dare nulla per scontato! Che cosa è la motivazione? Proviamo a darne una definizione. La motivazione è un processo attraverso il quale l individuo indirizza le proprie energie verso un obiettivo per soddisfare dei bisogni, ottenendo dei risultati. Può rappresentarsi con una formula matematica che evidenzia al meglio la forza insita nella motivazione di un essere umano (fig. 8). Il bambino, la motivazione e la paura del dentista Pochi sono gli studi sulla motivazione nel bambino e sulla odontofobia, ma tutti convergono verso l idea che la maggior parte delle cause dell odontofobia siano legate a traumi psicologici di origine odontoiatrica avvenuti in età infantile. Alcune elementi propri dell odontofobia: paura degli strumenti; paura del sangue; paura di sentire dolore durante la seduta; paura del contagio o di possibili rea- XXIV (6) GIUGNO

9 corso fad Fig. 9 Processo di acquisto e motivazione. zioni allergiche; paura di svenire, di perdere il controllo o di un attacco di panico; paura di fare una brutta figura o di essere ridicolizzati in relazione allo stato dei propri denti; paura degli imprevisti durante la seduta; paura di vedere violata la propria privacy (alcune persone non amano sottoporsi a esami invasivi o essere toccate da persone estranee). Molti studi internazionali (Milgrom e collaboratori, 1988; Eijkman, 2007) evidenziano che nel mondo occidentale la presenza dell ansia dentale si attesta attorno a valori tra il 5 e il 20% della popolazione considerata, di cui il 5-7% oppone un assoluto rifiuto verso i trattamenti, fino al punto di incorrere in gravi disfunzioni e patologie che possono estendersi al di là del cavo orale. La situazione ansiogena causa uno stato di alta attivazione che a livello fisiologico si esprime, ad esempio, con contrazioni muscolari, aumento di frequenza del battito cardiaco, della pressione sanguigna e del respiro, e a livello mentale con la focalizzazione dei meccanismi di vigilanza sull evento in corso, fino ad escludere ogni invito alla ragione o ad ogni altro pensiero che non sia quello di fuggire. Appare in età prescolare e le ricerche attribuiscono proprio ai maschi una maggior vulnerabilità al comportamento odontofobico, giocando questa volta a loro sfavore i condizionamenti sociali tesi a modellare condotte coraggiose a cui, però, alcuni di essi non sanno corrispondere. È importante osservare anche il comportamento del genitore: se e come interviene in merito alla condotta del figlio, quanto è disposto a giustificare la sua reazione, se cerca alleanza nel rapporto con il professionista o piuttosto complicità con il figlio, alimentandone in tal caso la sensazione di paura e di inaffidabilità verso il medico. Il colloquio con il paziente bambino Il bambino, a differenza dell adulto, vive calato nelle emozioni proprie e di chi lo circonda. Il bambino è tranquillo se chi è accanto a lui è tranquillo, non quando sembra tranquillo e fa di tutto per sembrare di esserlo. Quindi le sue paure sono spesso quelle di chi vive insieme a lui l esperienza del dentista. Nel mondo infantile gli elementi di realtà coesistono con quelli immaginativi e spesso questi ultimi assumono contorni dotati di fisicità tanto da diventare vere e proprie presenze concrete. La reazione del bambino sarà tanto più intensa quanto più avrà colto in coloro che gli stanno vicini ansia, preoccupazione o biasimo per la sua condotta recalcitrante. Uno studio condotto da Quartieri, Bollani, Fenino, Strohmenger (2005), nel sottolineare la scarsità dei lavori riguardanti gli aspetti relazionali in ambito pedodontico, ha messo in evidenza come nell interazione col paziente l odontoiatra utilizzi la maggior parte dello spazio comunicativo (72% vs 28%, valore questo ottenuto dalla somma degli interventi effettuati dal minore e dai genitori). tecniche A supporto Il modeling Scopo del modeling in genere è indurre nell osservatore (il giovane paziente) un comportamento imitativo/emulativo adeguato alla situazione: assistere a sedute in cui coetanei accettano e collaborano all azione del medico aiuta a contenere la paura e ad attivare le risorse personali. distrazione di attenzione La distrazione dell attenzione, come sottolineano gli studi nell ambito delle neuroscienze e delle metodiche di neuroimmagine, si presenta come un efficace strategia nei confronti delle situazioni critiche. Lo spostamento dell attenzione da stimoli nocicettivi ad altri caratterizzati da piacevolezza/benessere riduce, infatti, l attivazione di alcune aree cerebrali corrispondenti alla via laterale e mediale di elaborazione del dolore, col conseguente effetto di contenere l intensità dell esperienza dolorosa e dello stress ad essa collegato. È utile proiettare cartoni animati o avere videogiochi in sala d attesa e far giocare il bambino in aree dedicate. Alcuni studi specializzati in pedodonzia prevedono la presenza in sala d attesa di animatori, opportunamente preparati ad intrattenere i giovani pazienti nell attività di giochi di ruolo. In questo modo si ottengono risultati pienamente soddisfacenti. Non solo i bambini si mostrano più collaborativi durante la visita, ma anche i genitori, percependo un clima più disteso, riescono a controllare le loro preoccupazioni, facilitando così il trattamento. A qualsiasi costo è bene evitare di iniziare la terapia di un bambino al primo appuntamento (ad esclusione delle urgenze). Se possibile, anche se abbiamo tempo per curarlo in quel momento, bisogna fissare un altro appuntamento dopo la prima visita. I bambini hanno un importante peso nelle scelte familiari. Per questo tutti i genitori che indicano nel foglio iniziale che hanno dei figli andrebbero invitati a portare i bambini per una visita gratuita fino a 14 anni. Si può offrire questo servizio come parte del Programma di Prevenzione Dentale dello studio. È infatti molto più semplice visitare i bambini asintomatici che durante le urgenze. la PresentAzIone del PIAno di CurA e del trattamento odontoiatrico Bene fiducia Il servizio odontoiatrico è un bene fiducia e, come tutti i beni fiducia, non può essere comunicato attraverso la pubblicità. 592 GIUGNo 2013 XXIV (6)

10 CORSO FAD Fig. 10 Le fasi del preventivo. I beni fiducia sono: formazione, assistenza legale, consulenza aziendale e cura medica. Che cosa hanno in comune? Sono difficili da valutare prima di averli acquistati e sperimentati, attivano un processo di scelta coinvolgente e sono servizi professionali. La comunicazione e il marketing per il servizio odontoiatrico sono volti a generare relazioni di fiducia e reputazione. Sono molto lontani dalla promozione pubblicitaria per massimizzare le vendite nel breve periodo. Il processo di acquisto di un servizio sanitario La teoria della motivazione vede come unità motivante di base la tensione. Gli impulsi si innestano su stati di disequilibrio percepito, che creano spinta alla risoluzione del problema. L impulso diviene movente di acquisto nel momento in cui si crea un collegamento mentale: la percezione che un prodotto/servizio sia lo strumento risolutivo del problema (fig. 9). Il preventivo Le fasi della gestione del preventivo possono essere riassunte in sette momenti (fig. 10). In prima battuta e durante il primo colloquio va compreso il bisogno del paziente: perché è qui nel mio studio? Cosa si aspetta dal trattamento che mi appresto a proporre? È più concentrato sugli aspetti estetici o su quelli funzionali? Che peso ha per il paziente l investimento previsto? Qual è il budget mentale che ha reso disponibile per l intervento? I budget mentali possono essere considerati i meccanismi di pensiero con i quali i pazienti designano la ripartizione delle proprie risorse. Esistono evidenze che spingono a sostenere che il paziente sia tanto meno sensibile al prezzo quanto più alta è la funzione del servizio posizionata nella scala di Maslow. Accade cioè che servizi con valenza autorealizzativa o di immagine (trattamenti a ricaduta estetica) vengono valutati in modo meno analitico rispetto al costo. In occidente normalmente la psicologia di acquisto è molto analitica quando si tratta di acquisti funzionali e necessari; diviene molto meno razionale e poco attenta al fattore economico quando l atto di spesa riguarda la propria immagine o l autogratificazione. Se il trattamento risponderà quindi al mero bisogno funzionale, avrà una valutazione attenta al fattore costo; qualora il servizio odontoiatrico dovesse rispondere a più bisogni, tra cui anche quelli che afferiscono alla propria immagine e alla propria realizzazione sociale, gli aspetti economici riceveranno una minore attenzione e una più ampia disponibilità di budget mentale a disposizione. Compresa la motivazione per cui il paziente è lì di fronte a noi, può essere utile seguire la fase di presentazione del piano di cura attraverso l ausilio di un supporto multimediale che, affiancandosi alle spiegazioni cliniche, si ancori nella memoria e stimoli alla discussione e alla aderenza al piano terapeutico. Perché usare le immagini? La visione è un aspetto fondamentale sia sotto il profilo biologico che sotto quello socioculturale. Il senso della vista è la nostra principale fonte di informazioni sul mondo circostante, come attestato da riscontri di natura anatomo-fisiologica: gran parte della corteccia cerebrale è infatti coinvolta nella visione degli oggetti (forma, colore) e nel controllo visivo del movimento; il nervo ottico inoltre può contare su oltre un milione di fibre, mentre il nervo acustico ne contiene meno di Gli esseri umani hanno usato da sempre le immagini per trasmettere informazioni, un aspetto ulteriormente accentuato dalle nuove tecnologie. La vista è uno dei principali canali attraverso il quale siamo in grado di apprendere e, per alcuni aspetti, un apprendimento di tipo visivo è superiore ad apprendimenti che facciano uso di altri canali. In particolare, la ricerca in questo ambito dimostra come l uso di materiale visivo favorisca l apprendimento agevolando i processi mnemonici dal momento che la memoria delle immagini è molto più persistente rispetto a quella di stimoli di tipo acustico. Quindi, se associamo l immagine (non cruenta) che spiega il nostro lavoro e le possibili strade da percorrere nel piano di cura, andiamo a rafforzare la motivazione del paziente e lo spingiamo ad una più profonda comprensione e aderenza (compliance) al trattamento. L immagine o il filmato non dovrà mai sostituire una nostra presentazione clinica: la competenza, professionalità e capacità clinica vedono nella presentazione del piano di cura il vero momento della verità con il paziente. È in questo momento che il paziente sceglie e sceglie solo ed esclusivamente noi. È in questa fase che il dialogo a due diviene fondamentale e finalizzato a cogliere la predisposizione all acquisto del servizio odontoiatrico. Il coinvolgimento del paziente è alto sia nella gestione dell anamnesi che nella presentazione del piano di cura. Diversamente da quanto abitualmente si osserva nella presentazione del trattamento, questo momento è un dialogo a più voci, in cui non è l odontoiatria a presentare. L odontoiatra ha in questo momento il ruolo di conduttore e facilitatore, guida il paziente attraverso la sua scienza e la storia a scegliere il trattamento più indicatorispetto ad un analisi dei suo bisogni a 360. Una ulteriore attenzione va prestata nel caso in cui le strade da percorrere possano essere più di una. Come è meglio comportarsi? Quale preventivo presento per primo tra quelli presenti? La risposta è legata anche in questo caso a posizionare l asticella del valore, attestandosi sul più alto. In genere un piano di cura più intenso richiede più tempo e maggiori risorse economiche: è XXIV (6) GIUGNO

11 corso fad Fig. 11 Modalità di pagamento. da questo che è utile partire per presentare le soluzioni al paziente. A seguire, in modo scalare, verranno presentate le successive soluzioni meno impegnative. Al paziente, con il supporto delle analisi di tutti i pro e tutti i contro clinici evidenziati dal clinico, rimane la possibilità di scegliere anche in base alla reali disponibilità economiche, temporali e di impatto sulla salute. Concordare il piano contabile Il paziente deve poter scegliere liberamente la forma di credito. In basso, nel preventivo, il paziente scrive di suo pugno quale forma di pagamento scegliere. La firma del preventivo è un impegno fondamentale, finalizzato a prendere un impegno rispetto al piano terapeutico scelto. Al fine di prevenire eventuali evenienze di recupero crediti o per diminuire la frequenza di pazienti disattenti nei pagamenti, si può impostare un sistema che ci aiuti (fig. 11): pagamento anticipato: sconto 10% e preventivo vincolato; pagamento a rate (con finanziaria esterna, pagata per questo); tre rate: 40% iniziale, 30% durante, 30% penultimo appuntamento. Un sistema di questo tipo ci mette al riparo da eventuali insolventi. Infatti per lo studio odontoiatrico due soluzioni su tre sono un pagamento anticipato. Solo nella terza soluzione la segreteria dovrà stare un po più attenta e seguire il paziente. Invece per il paziente due soluzioni su tre sono rateali, mentre nella prima sono invogliati a pagare in anticipo tramite uno sconto e la sicurezza di non avere variazioni nel preventivo. Dopo la discussione e l accettazione del piano di trattamento e del preventivo è bene allegare in cartella un foglio appuntamenti o piano d azione in cui sono descritte tutte le sedute e i tempi, andando ad evidenziare gli appuntamenti strategici e sottolineando tale importanza al paziente. Questo aspetto è importante per la segreteria nel caso di cancellazioni o mancati appuntamenti. Quando iniziare il trattamento Dopo la spiegazione del piano di trattamento è bene cercare di dare il primo appuntamento in tempi brevi. Infatti più tempo aspettiamo prima di iniziare il lavoro e ricevere il primo acconto, più tempo ha il paziente a disposizione per cambiare idea in base ai consigli (spesso fuorvianti, perché non comparativi) di amici e familiari. Cercare di iniziare entro 5-10 giorni ci mette al riparo da telefonate del tipo: Vorrei annullare l appuntamento. Ci ho ripensato e poi ho altre spese. BIBlIogrAfIA 1) Pease A. Leggere il linguaggio del corpo. Milano: Oscar Mondadori. 2) D Ambra M. Le nuove tecniche di comunicazione. Milano: De Vecchi Editore. 3) Pacori M. Come interpretare i messaggi del corpo. Milano: De Vecchi Editore. 4) Birkenbihl VF. Segnali del corpo. Milano: Franco Angeli Editore. 5) Argyle M. Il corpo e il suo linguaggio. Bologna: Zanichelli Editore. 6) Watzlawick P. Pragmatica della comunicazione umana. Roma: Casa Editrice Astrolabio. 7) Birkenbihl VF. La Tecnica delle Domande. Milano: Franco Angeli Editore. 8) Lazzari C, Costigliola P. Guida alla comunicazione medico paziente. Bologna: Pitagora Editrice. 9) Borrella V. Il rapporto medico-paziente. Milano: Franco Angeli Editore. 10) Goleman D. L intelligenza Emotiva. Milano: BUR Saggi. 11) Trevisani D. Psicologia di Marketing e Comunicazione. Milano: Franco Angeli Editore. 12) Gordon T. Leader Efficaci. Molfetta (BA): Edizioni La Meridiana. 13) Guastamacchia C, Tosolin F. Gestione della pratica professionale odontoiatrica: comunicazione, management, ergonomia, marketing. Milano: Masson. 14) Cantoni L, Di Blas N, Rubinelli S, Tardini S. Pensare e comunicare. Milano: Edizioni Apogeo. 15) Pelliccia A. Marketing Odontoiatrico. Viterbo: Edizioni ACME. 16) Guglielmi A. Il linguaggio segreto del corpo. Milano: Edizioni Piemme. 17) Miceli R. La credibilità nella relazione comunicativa. La Stampa 16/03/ GIUGNo 2013 XXIV (6)

12 CORSO FAD test di apprendimento 1) La comunicazione verbale si effettua con a. il gesto b. il tono c. il tono ed il gesto d. la parola ed il tono 2) Seconodo gli studi di Mehrabian (1972), in quale percentuale influiscono rispettivamente parola, tono e linguaggio del corpo in un processo di comunicazione efficace? a. 30% - 50% - 20% b. 7% - 38% - 55% c. 20% - 40% - 40% d. 33,3% - 33,3% - 33,3% 3) L assertività può essere così definita: a. saper gestire la burocrazia b. saper gestire eventi imprevedibili c. saper condurre trattative d. saper manipolare a fin di bene 4) Il paziente è a. colui che ha necessità di un servizio b. colui che deve avere pazienza c. colui che patisce per un malattia d. colui che ha problemi di ticket con l ASL 5) Qual è la percentuale di importanza del tono nella comunicazione a due vie? a. 38% b. 33% c. 50% d. 25% 6) Qual è la percentuale di importanza del linguaggio del corpo nella comunicazione a due vie? a. 50% b. 55% c. 25% d. 40% 7) Una corretta accoglienza del paziente da parte del personale di studio odontoiatrico è a. la conoscenza delle regole b. un diritto del paziente e un elemento di fidelizzazione c. un aspetto della qualità d. un informazione opzionale 8) L ansia nell operatore odontoiatrico a. peggiora la prestazione sanitaria b. migliora la prestazione sanitaria c. aiuta il clima ad essere più frizzante d. genera un rapporto equilibrato tra team odontoiatrico e paziente 9) Cosa accade quando il messaggio non verbale non è coerente con quello verbale? a. prevale il messaggio verbale b. prevale il messaggio non verbale c. hanno valore entrambi d. si annullano l un l altro 10) La paura nel bambino odontofobico a. si vince con la forza b. si supera con trattamenti graduali c. si rinforza con la dolcezza d. non si può mai superare 11) Tra le strategie per far superare la paura al bambino, è annoverata a. la conoscenza delle persone che operano nello studio b. il parlare telefonicamente con gli operatori di studio c. l inversione di ruolo e la conoscenza dello strumentario d. non esistono strategie valide XXIV (6) GIUGNO

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

PERCORSO DI MANAGEMENT DI STUDIO ODONTOIATRICO

PERCORSO DI MANAGEMENT DI STUDIO ODONTOIATRICO PERCORSO FORMATIVO PERCORSO DI MANAGEMENT DI STUDIO ODONTOIATRICO RIVOLTO ALL ODONTOIATRA, ALL IGIENISTA E AL TEAM DI STUDIO IN 4 GIORNATE (32 ORE) Con il patrocinio di Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri

Dettagli

La PNL nel settore assicurativo

La PNL nel settore assicurativo La PNL nel settore assicurativo I Principi della Programmazione Neuro Linguistica pagina 1 Cosa è la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) La programmazione neuro linguistica è una metodologia formativa

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici Anselmo Cro LA COMUNICAZIONE I Principi NON SI PUO NON COMUNICARE OGNI COMUNICAZIONE E COMPORTAMENTO OGNI COMPORTAMENTO E COMUNICAZIONE IL SIGNIFICATO

Dettagli

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione un catalogo di offerta formativa multimediale MiFORMOeLAVORO è il progetto, lanciato da Adversus in collaborazione con Skilla, che ha l obiettivo

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI PRESENTAZIONE DELL AZIENDA GRUEMP nasce nel 1993 come conseguenza di un percorso di formazione personale e professionale dei titolari e ispiratori del progetto, Claudio e Damiano Frasson, che hanno saputo

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Istituto Magistrale Statale di Rieti Elena Principessa di Napoli Liceo delle Scienze Sociali Liceo Sociopsicopedagogico Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Modulo: Aspetti generali

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE Progetto 1: Gestire il tempo Durata complessiva: 28 di cui 16 di aula (4 incontri da 4 ore), 6 di e-learning e 6 di project work Numero partecipanti previsto: 14 Quota iscrizione 30 Modulo 1 La gestione

Dettagli

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza.

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. Per definizione la Prosocialità è l insieme di quei comportamenti che, senza la ricerca di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

La pragmatica della comunicazione secondo la Scuola di Palo Alto

La pragmatica della comunicazione secondo la Scuola di Palo Alto La pragmatica della comunicazione secondo la Scuola di Palo Alto 1. La pragmatica della comunicazione e i suoi assiomi Un enorme contributo alla spiegazione dei complessi meccanismi di interazione degli

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick

Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick Premessa Lo studio della comunicazione umana si articola in tre settori di indagine: 1. quello della sintassi, che

Dettagli

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA Capire i meccanismi comunicativi per relazionarsi meglio Sistemi sensoriali e comunicazione Che cosa è la comunicazione verbale è uno scambio di informazioni tra più persone

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

IL COACHING IN FARMACIA

IL COACHING IN FARMACIA Titolo del programma formativo: IL COACHING IN FARMACIA di formazione per fornire al farmacista gli strumenti per diventare un costante punto di riferimento per il cittadino e fornire un servizio appropriato

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies Corso MODULO C Il sistema delle relazioni e la comunicazione 2013 Programma Ruolo dell RSPP Competenze relazionali Competenze comunicative Chi sono? Perché mi occupo di sicurezza? Perché sono qui oggi?

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

ASL 2 SAVONESE L INFERMIERE CASE MANAGER NEL TEAM MULTIPROFESSIONALE: LEADERSHIP EFFICACE E GESTIONE DEL CONFLITTO (A CURA DI G

ASL 2 SAVONESE L INFERMIERE CASE MANAGER NEL TEAM MULTIPROFESSIONALE: LEADERSHIP EFFICACE E GESTIONE DEL CONFLITTO (A CURA DI G ASL 2 SAVONESE L INFERMIERE CASE MANAGER NEL TEAM MULTIPROFESSIONALE: LEADERSHIP EFFICACE E GESTIONE DEL CONFLITTO (A CURA DI G.PRATO PREVIDE) SAVONA, 6-7 OTTOBRE 2011 DECATHLON CONSULTING human qualities

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

IL COUNSELING PER LE PROFESSIONI SANITARIE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web

IL COUNSELING PER LE PROFESSIONI SANITARIE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web IL COUNSELING PER LE PROFESSIONI SANITARIE Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web Obiettivo formativo: aspetti relazionali (comunicazione interna, esterna, con paziente)

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress

I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress Chi si Forma non si ferma! www.snapform.it info@snapform.it Corsi LIFE IN PROGRESS Il counseling per la vita di tutti i giorni

Dettagli

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze Allegato 2 - Borgosatollo ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO VIA ROMA 42 25010 BORGOSATOLLO (BS) TEL. 030/2501557 fax 030/2508868 email : icborgosatollo@provincia.brescia.it Compito di prestazione e

Dettagli

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE 2014 Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE Vers. 18 marzo 2014 Pag. 1 2014 INDICE INDICE... 2 INFORMAZIONI GENERALI... 3 Interaziendale... 3 Corso CO1... 4 COMUNICAZIONE

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali Catalogo Humanform 2015 Area Sviluppo competenze manageriali PROFILO AZIENDALE Humanform, società di formazione soggetta all attività di direzione e coordinamento di Humangest S.p.A., nata nel 2005, è

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO Dopo uno studio e una sperimentazione sul campo durata più di 4 anni, abbiamo realizzato un applicazione per tablet (inizialmente per ipad, ma con progetti futuri di sviluppo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE BREVE DESCRIZIONE PREREQUISITI Operatore socio-sanitario Sanitario, sociale, socio-sanitario Finalità: L attività dell operatore

Dettagli

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE DOCENTE: CLASSE: Prof.ssa COLLINO Elena 3 A OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI TRASVERSALI

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

Il sistema delle relazioni e della comunicazione. 2007 mannelli 1/122

Il sistema delle relazioni e della comunicazione. 2007 mannelli 1/122 Il sistema delle relazioni e della comunicazione 2007 mannelli 1/122 Soggetti in relazione con il RSPP Datore di lavoro Dirigenti e Preposti Enti pubblici M.C. R.L.S. Lavoratori R.S.P.P. ASPP Fornitori

Dettagli

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Progetto Co.r.re.l.a.re I servizi per l infanzia come luogo di integrazione L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Lodi 8 aprile 2013 Gabriella Lessana Cosa fare all inizio? Per

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

Corso di Formazione. Introduzione al counseling

Corso di Formazione. Introduzione al counseling Corso di Formazione L infermiere e la Psicologia dell Emergenza. Le reazioni dei soccorritori negli eventi critici: fattori di rischio e protezione Introduzione al counseling Dott.ssa Concetta Crisanti

Dettagli

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte Pagine di soluzioni Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte 1 1. Introduzione Negli ultimi anni si è molto parlato della crisi economica che si è abbattuta sul mondo aziendale,

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta La comunicazione interpersonale Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta Comunicazione interpersonale Quella che avviene tra due persone o all interno di un gruppo definito. E immediata e prevede la

Dettagli

TEAM DEVELOPMENT GUIDARE E SVILUPPARE UN GRUPPO DI LAVORO

TEAM DEVELOPMENT GUIDARE E SVILUPPARE UN GRUPPO DI LAVORO TEAM DEVELOPMENT GUIDARE E SVILUPPARE UN GRUPPO DI LAVORO "Non posso cambiare la direzione del vento ma posso aggiustare le vele per raggiungere sempre la mia destinazione" E. SHAFAK Capacità di guidare,

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE Capitolo 4 LE COMPETENZE La qualità principale che l osteopata professionista deve possedere e applicare nell approccio terapeutico è la competenza, caratteristica fondamentale dell iter formativo, dell

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO 1- Presso il Servizio in cui operi e previsto un progetto analogo? La maggior parte dei partecipanti ha risposto in maniera negativa. Al momento, solo presso il nostro Servizio

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO

IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO MEDICO DI FAMIGLIA Molte persone si rivolgono al medico di base (o medico di famiglia ) come ad un medico che compila e fornisce ricette per farmaci

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO

SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO INSEGNANTI: BUSSO M.Teresa VIZIO Loredana (sez. A) BERRONE Rosella RAVIOLA Elvira (sez. B) La

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

La comunicazione del rischio nelle legionellosi. Mauro Palazzi Dip. Sanità Pubblica AUSL di Cesena

La comunicazione del rischio nelle legionellosi. Mauro Palazzi Dip. Sanità Pubblica AUSL di Cesena La comunicazione del rischio nelle legionellosi Mauro Palazzi Dip. Sanità Pubblica AUSL di Cesena la comunicazione del rischio è lo scambio di informazioni e di valutazioni sul rischio tra gli esperti,

Dettagli

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE SCHEDA TECNICA Campagne mirate di e-mail marketing. L e-mail marketing è un mezzo che consente di ottenere in modo continuo nuovi flussi di contatti commerciali qualificati e mirati (ovvero

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

PROGETTO SCUOLA IN OSPEDALE E A DOMICILIO

PROGETTO SCUOLA IN OSPEDALE E A DOMICILIO PROGETTO SCUOLA IN OSPEDALE E A DOMICILIO Da ragazzo spiare i ragazzi giocare al ritmo balordo del cuore malato e ti viene la voglia di uscire e provare che cosa ti manca per correre al prato, e ti tieni

Dettagli

Management & Marketing. Edizioni e Consulenze per le Strategie di Impresa e per la Gestione Strategica delle Risorse Umane

Management & Marketing. Edizioni e Consulenze per le Strategie di Impresa e per la Gestione Strategica delle Risorse Umane Corso Pratico Annuale (CPA) Corso Annuale di Marketing e di Management. XII edizione Anno 2014-2015 Organizzazione, marketing ed economia aziendale dello studio odontoiatrico Dal passaparola al Web 2.0.

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CONSIGLIO di CLASSE E GENITORI dell

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

Rischio Psicosociale. Prima parte:

Rischio Psicosociale. Prima parte: Rischio Psicosociale Prima parte: 1. La salute in ambito lavorativo: un bene individuale e collettivo irrinunciabile 2. Il rischio da stress e la nuova normativa Accordo Europeo del 8-10- 2004; D.Lgs 9-4-2008

Dettagli

GENITORI ALLE PRESE CON I DSA. EMOZIONI IN GIOCO. Dott.ssa Michela R. Vaerini Cooperativa Città del Sole

GENITORI ALLE PRESE CON I DSA. EMOZIONI IN GIOCO. Dott.ssa Michela R. Vaerini Cooperativa Città del Sole GENITORI ALLE PRESE CON I DSA. EMOZIONI IN GIOCO Dott.ssa Michela R. Vaerini Cooperativa Città del Sole 什 麼 我 們 今 天 談 的? 難 點 及 學 習 障 礙 DI COSA PARLIAMO OGGI? DI DIFFICOLTA' E DI DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE Riferito al Piano dell'offerta Formativa al Curricolo Verticale d'istituto al Curricolo delle Competenze Trasversali anno scolastico 2015/2016

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La Comunicazione Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La comunicazione è. Dimensione psicologica costitutiva di ogni

Dettagli

Il comportamento di consumo

Il comportamento di consumo Il comportamento di consumo Obiettivi della lezione Comprendere ed identificare le determinanti del comportamento di consumo Definire il concetto di bisogno Definire le caratteristiche ed i tratti psicologici,

Dettagli