Novità software Unico 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Novità software Unico 2015"

Transcript

1 Novità software Unico 2015 Elenco argomenti : Trasferimento valori contabili Alcune precisazioni operative Gestioni IVS Gestione Cooperative Gestione ZFU Ricalcolo rate non stampate Gestione manuale quadro A e B Irap Incremento base occupazionale Irap Credito imposta ACE Visto di Conformità Stabilimenti di produzione in Sicilia Gestione IMU / TASI 1

2 Trasferimento valori contabili Studi Settore Per i nuovi Studi attivi dal 2014 è stato eliminato il rigo F15 (spese di produzione servizi) ed è stato unificato con il rigo F14 Trasferimento valori contabili Studi Settore I conti che confluivano nel rigo F15 li troveremo trasferiti nel rigo F14 2

3 Trasferimento valori contabili Studi Settore Nuovo modello di personalizzazione SE per la gestione degli studi evoluti. Le modifiche fatte al modello SE aggiornano ST e viceversa Trasferimento valori contabili Studi Settore Nulla è cambiato per gli studi antecedenti al

4 Trasferimento valori contabili Studi Settore All interno del quadro T degli elementi extracontabili degli studi di settore è prevista la funzione di importazioni valori dagli anni precedenti Trasferimento valori contabili Quadro F I ricavi delle società di persone e di capitali che esercitano attività di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili sono tassabili al 25% 4

5 Trasferimento valori contabili Quadro F Dal dettaglio conti possiamo verificare l imponibilità al 25%. Si ricorda che anche i ricavi di attività di agriturismo seguono lo stesso criterio Trasferimento valori contabili Quadro F I ricavi lordi li troveremo nelle variazioni in diminuzione 5

6 Trasferimento valori contabili Quadro F L automatismo viene attivato con il collegamento del conto (58/05/185 Ricavi energia Fotovoltaica), al nuovo codice di personalizzazione 707 Trasferimento valori contabili Quadro G In contabilità semplificata, nel quadro G rigo 2 si espone il ricavo lordo 6

7 Trasferimento valori contabili Quadro G La rettifica del ricavo sarà poi effettuata nel rigo 22 Trasferimento valori contabili - Parametri Nei parametri nel rigo P23 viene riportato il ricavo lordo 7

8 Trasferimento valori contabili - Parametri Nelle altre componenti negative P42 saranno abbattuti i ricavi Trasferimento valori contabili - IRAP Da quest anno ritornano le deduzioni per gli incrementi occupazionali in aggiunta alle deduzioni art. 11 e a quelle per apprendisti, disabili, ricerca e sviluppo o 1850 euro fino ad un massimo di 5 dipendenti 8

9 Trasferimento valori contabili - IRAP Per tutti coloro che utilizzano le paghe, preventivamente l operazione di trasferimento (TRA7XX), dovrà essere eseguito il comando STIRAP così da riportare i dati in automatico Trasferimento valori contabili - IRAP Per agevolare la gestione del rigo IS5 è stato introdotto un prospetto per il calcolo. Il prospetto non viene compilato dal trasferimento dei dati dalle Paghe 9

10 Alcune precisazioni operative Nuovo Forfait Nuovo Regime Forfettario Legge 190/2014 (No IVA, No Studi, No Parametri, No Spesometro, No Black list) Coefficiente forfettario di redditività (40-86%) Imposta sostitutiva del 15% Alcune precisazioni operative Nuovo Forfait Nella situazione contabile MSITS abbiamo già predisposto il calcolo dell utile fiscale 10

11 Alcune precisazioni operative Tremonti quater Ai fini della gestione della Tremonti quater, si ricorda di attivare l apposito indicatore Alcune precisazioni operative Tremonti quater Per agevolare e velocizzare la modifica del flag «Legge art.18 DL 91/2014» è possibile richiamare l utility UPCESP 11

12 Alcune precisazioni operative Tremonti quater Per questo periodo d imposta devono essere presi in considerazione i beni che vanno dal 1/6/2014 al 31/12/2014 e poi confrontati con la media degli anni Il credito di imposta da dividere in tre quote annuali, si potrà utilizzare dal primo gennaio 2016 ovvero dal secondo periodo di imposta successivo a quello di riferimento. Gestione IVS Utilizzo crediti Fino alla gestione Unico 2014 i crediti venivano chiusi con un utilizzo esterno in fase di CONRED 12

13 Gestione IVS Utilizzo crediti Fino alla gestione Unico 2014, di conseguenza, l utilizzo effettivo veniva riportato all interno del quadro RM Gestione IVS Utilizzo crediti Dal Modello Unico 2015 i crediti possono essere utilizzati anche dopo aver eseguito il programma di conversione 13

14 Gestione IVS Utilizzo crediti In unico 2015, in ogni caso pur non avendo congelato l utilizzo del credito in F24, viene comunque riportato il valore nel relativo rigo RM9 Gestione IVS Utilizzo crediti Tramite il Tasto F2 è possibile verificare il dettaglio degli utilizzi effettuati. 14

15 Gestione IVS Utilizzo crediti Eventuali altri utilizzi del credito nel corso dell anno 2015 successivi alla conversione verranno presi automaticamente in considerazione dall Unico 2015 Gestione IVS Utilizzo crediti Il rigo RM9 rimane invariato in quanto il valore confluirà nell Unico 2016; nel dettaglio è comunque visibile l utilizzo del credito effettuato 15

16 Gestione IVS Utilizzo crediti Tramite la nuova funzione Crediti Ivs presente nella gestione prospetti / Crediti già utilizzati, è possibile visualizzare il dettaglio Gestione IVS Utilizzo crediti Impresa fam. In caso di impresa familiare in presenza di un credito titolare \ collaboratore troveremo i due righi 16

17 Gestione IVS Utilizzo crediti Impresa fam. Anche per l impresa familiare eventuali altri utilizzi del credito nel corso dell anno 2015 successivi alla conversione verranno presi automaticamente in considerazione dall Unico 2015 Gestione IVS Utilizzo crediti Impresa fam. Alla conferma del quadro N del titolare dell impresa familiare, viene aggiornato il quadro RM del collaboratore. Qualora la dichiarazione del collaboratore fosse già chiusa, il programma segnala il mancato aggiornamento 17

18 Gestione IVS Cambio composiz. Imp. Fam. Nel caso in Unico 2015 cambi la composizione dell impresa familiare ad esempio annullando un collaboratore, il programma sarà comunque in grado di aggiornare correttamente gli utilizzi nel quadro RM, verificando la composizione nell Unico 2014 Gestione IVS Cambio composiz. Imp. Fam. Anche nel caso di cambio composizione dell impresa familiare nell Unico 2015 eventuali altri utilizzi del credito nel corso dell anno 2015 successivi alla conversione verranno presi automaticamente in considerazione dall Unico 2015 in relazione alla composizione originale dell impresa presente in Unico

19 Gestione IVS Cambio composiz. Imp. Fam. Pur se il collaboratore è stato eliminato nell anno 2015, il quadro RM viene comunque aggiornato nella fase di compilazione del quadro N del titolare, come si può verificare dalla funzione di dettaglio Gestione IVS Iscrizione / Cancellazione All interno della gestione anagrafica sono stati inseriti i nuovi campi riferiti alla data iscrizione/cancellazione della posizione INPS 19

20 Gestione IVS Iscrizione / Cancellazione Come nell esempio la data di iscrizione nel 2014, ha automaticamente aggiornato il prospetto dei contributi previdenziali in considerazione del periodo effettivo Gestione IVS Iscrizione / Cancellazione Nel caso di iscrizione avvenuta nel corso del 2015 il programma di generazione delle rate fisse (IVSRATE) ne terrà conto ai fini del relativo calcolo 20

21 Gestione IVS Iscrizione / Cancellazione In fase di generazione (IVSRATE) possiamo verificare il calcolo effettuato per il periodo effettivo Gestione IVS Iscrizione / Cancellazione Anche nel caso di iscrizione nel 2015 del collaboratore, sarà gestito in automatico il calcolo IVSRATE come nel caso del titolare 21

22 Gestione IVS Iscrizione / Cancellazione E necessario gestire il flag «collaboratore anno successivo» per inibire i calcoli dell impresa familiare nell anno (In fase di CONRED UNICO 2016 il flag verrà eliminato automaticamente) Gestione IVS Iscrizione / Cancellazione In fase di generazione (IVSRATE) possiamo verificare il calcolo effettuato includendo anche la quota del collaboratore iscritto nel

23 Gestione IVS Iscrizione / Cancellazione In caso di cancellazione nell anno 2014, il programma ne terrà conto ai fini del calcolo IVS Gestione IVS Iscrizione / Cancellazione Nell esempio viene calcolato un periodo ridotto e non vengono generati acconti 23

24 Gestione IVS Iscrizione / Cancellazione Nel caso di cancellazione nell anno 2015 il programma ne terrà conto ai fini della generazione degli acconti per l anno 2015 Gestione IVS Iscrizione / Cancellazione All interno della gestione prospetti IVS è possibile verificare il calcolo ragguagliato dell acconto. Anche il programma IVS rate effettuerà lo stesso calcolo ragguagliato 24

25 Gestione IVS Cambio posizione 2014 La 2 posizione per artigiani e commercianti si attiva solo in presenza di una data di cancellazione Gestione IVS Cambio posizione 2014 La presenza delle due posizione attiva le due Sezioni all interno del quadro R 25

26 Gestione IVS Cambio posizione 2014 La posizione cancellata, verrà calcolata in relazione al periodo effettivo, senza calcolo degli acconti Gestione IVS Cambio posizione 2014 La nuova posizione INPS verrà calcolata in base alla data di iscrizione e di conseguenza si calcolerà anche l acconto 26

27 Gestione IVS Cambio posizione 2014 Il reddito riportato all interno delle sezioni è sempre totale. Il valore deve essere manualmente scomputato fra le due posizioni (artigiano/commercianti) dall utente Gestione IVS Cambio posizione 2014 In ogni caso alla chiusura del Quadro N il programma ne darà segnalazione 27

28 Gestione IVS Cambio posizione 2015 Nel caso di cambio di posizione nel corso dell anno 2015, indicando le opportune informazioni in anagrafica, verrà gestito automaticamente il calcolo delle rate fisse Gestione IVS Cambio posizione 2015 Nel quadro R dell unico 2015 si verifica che il calcolo degli acconti per la posizione cessata viene ragguagliata al periodo 28

29 Gestione IVS Cambio posizione 2015 Nella fase di calcolo del quadro N, il programma segnala la doppia posizione e chiede di verificare il calcolo dell acconto generato. Gestione IVS Cambio posizione 2015 Il programma IVSRATE provvede a generare gli importi in base ai nuovi dati di iscrizione 29

30 Gestione IVS Cambio sede INPS Se il contribuente cambia sede INPS nel corso dell anno 2014 è bene sempre gestire la data di iscrizione e cancellazione Gestione IVS Cambio sede INPS All interno del quadro R si attivano due sezioni che identificano le due sedi nei due diversi periodi 30

31 Gestione IVS Cambio sede INPS Nella sezione artigiani abbiamo i dati riferiti alla prima sede e non sono previsti i calcoli per gli acconti Gestione IVS Cambio sede INPS Nella sezione commercianti si ha invece l esposizione dei dati della seconda sede, con il relativo calcolo degli acconti 31

32 Gestione IVS Passaggio collaboratore/titolare nel 2014 Anche nel caso di passaggio da collaboratore a titolare, possiamo automatizzare il tutto operando opportunamente nei dati delle due posizioni in gestione anagrafica Gestione IVS Passaggio collaboratore/titolare nel 2014 Di conseguenza nel collaboratore viene compilato il prospetto IVS proporzionalmente al periodo di competenza 32

33 Gestione IVS Passaggio collaboratore/titolare nel 2014 Il calcolo degli acconti viene effettuato per l intero periodo Gestione IVS Passaggio collaboratore/titolare nel 2014 Nella sezione del collaboratore, all interno del dichiarazione del Titolare, viene riportato il reddito ed il periodo utile al calcolo per competenza e non verranno calcolati acconti 33

34 Gestione IVS Passaggio collaboratore/titolare nel 2015 Qualora il passaggio da collaboratore a titolare avviene nell anno 2015, possiamo comunque automatizzare il tutto operando sempre nei dati delle due posizioni in gestione anagrafica Gestione IVS Passaggio collaboratore/titolare nel 2015 Il calcolo del prospetto IVS del collaboratore nella dichiarazione del titolare, ai fini del saldo avviene per l intero anno. 34

35 Gestione IVS Passaggio collaboratore/titolare nel 2015 L acconto viene invece ragguagliato al periodo effettivo Gestione IVS Passaggio collaboratore/titolare nel 2015 Il calcolo dell IVSRATE verrà gestito con il cambio da collaboratore a titolare verranno quindi generate due posizione INPS 35

36 Gestione IVS - Farmacisti Per la gestione automatica dei Farmacisti iscritti all ENPAF, è stato inserito un nuovo flag in anagrafica dichiarante. Se barrato verrà effettuato il calcolo dei contributi relativi alla sezione commercianti solo per i collaboratori, inibendo la gestione del prospetto IVS per il titolare Gestione IVS Forfettari Legge 190/2014 Ai fini della gestione del nuovo regime forfettario, legge 190/2014, il nuovo flag «Forfettari 2015» permette di evitare il calcolo dei contributi IVS sul minimale escludendo quindi la funzione di calcolo in IVSRATE 36

37 Gestione IVS Nuove funzioni di dettaglio Per una migliore esposizione dei crediti è stata completamente rivista la maschera degli altri utilizzi Gestione IVS Nuove funzioni di dettaglio Anche il prospetto di dettaglio delle rate fisse è stato rivisto ai fini di una migliore esposizione del dato 37

38 Gestione Cooperative Ai fini di rendere automatico il calcolo della tassazione e del riporto delle perdite, è stato introdotto un apposito flag in anagrafica dichiarante Gestione Cooperative Indicando in anagrafica che trattasi di cooperativa, nel quadro d impresa, relativamente ai righi RF4 e RF5 viene visualizzato un doppio campo ad uso interno che espone il risultato ANTE- IMPOSTE 38

39 Gestione Cooperative In base al calcolo automatico effettuato dal programma sulla base dei valori del quadro F, nel prospetto Coop-IRES viene determinate l imposta da stanziare in Bilancio. Per rendere effettivo il conteggio l operatore dovrà bloccare il prospetto così che l IRES calcolata confluirà nel rigo RF16 Gestione Cooperative Dopo aver bloccato il prospetto Coop-IRES, viene visualizzato l utile netto e l imposta dovrà essere registrata in contabilità dall operatore senza necessita di rieseguire il trasferimento dei dati contabili (TRA760) 39

40 Gestione Cooperative Successivamente tramite la gestione del prospetto «Coop Variazioni» vengono rilevate le variazioni in diminuzione che saranno riportate direttamente nel quadro d impresa con il blocco del prospetto da parte dell operatore. Gestione Cooperative La variazione viene poi verificata nel rigo RF55 codice 19 «Variazioni in diminuzioni per ristorni» 40

41 Gestione Cooperative Nel caso in cui si sia provveduto già al calcolo IRES e quindi il risultato indicato nel rigo RF4/5 sia già comprensivo delle imposte, può essere bypassata la compilazione del primo prospetto barrando il campo Ires stanziata, il prospetto Ires non sarà gestibile mentre sarà attivo il prospetto variazioni e la compilazione sarà la stessa dell esempio precedente. Gestione Cooperative La gestione del prospetto Coop-Ires, in questo caso, viene disabilitata. 41

42 Gestione Cooperative Nel caso le imposte son o state già determinate e si è barrata la casella Ires stanziata nella testata del quadro d impresa, nella gestione del prospetto Coop-Variazione è indispensabile indicare manualmente l utile lordo. Anche in questo caso il prospetto va bloccato per rendere definitive le variazioni Gestione Cooperative Prospetto perdite I soggetti che fruiscono di un regime di esenzione dell utile possono riportare le perdite soltanto in misura pari all ammontare che eccede l utile che non ha concorso alla formazione del reddito negli esercizi precedenti fino al A tal fine all interno del prospetto perdite è stata prevista una gestione particolare riservata alle cooperative, che si attiva selezionando la funzione prospetto coop. 42

43 Gestione Cooperative Prospetto perdite Il prospetto Coop risulta compilato solo per l anno Sarà necessario inserire manualmente le annualità precedenti Gestione Cooperative Prospetto perdite Il prospetto delle perdite cooperative viene compilato automaticamente a partire dall anno 2014; per la compilazione manuale degli anni precedenti è necessario indicare le prime tre colonne : utile netto/perdita fiscale/utile det. anno 43

44 Gestione Cooperative Ricordiamo che il prospetto generale delle perdite viene riportato dalla conversione (CONRED) se inserito negli anni precedenti Gestione ZFU Si ricorda la compilazione manuale del reddito ZFU per singola zona 44

45 Gestione ZFU Nel caso in cui il reddito sia inferiore al reddito esente ZFU, nel quadro N verrà comunque riportato quest ultimo. Gestione ZFU La differenza per il maggior reddito esente da ZFU, verrà riportata come perdita trasferibile ai soci 45

46 Gestione ZFU Nella fase di chiusura del quadro N è possibile verificare il dettag del reddito esente ZFU per singolo socio Gestione ZFU All interno del quadro H del socio è stato aggiunto il prospetto di dettaglio del reddito esente da ZFU 46

47 Gestione ZFU Il prospetto ZFU nel quadro RS del socio verrà di conseguenza aggiornato in automatico Gestione ZFU Alla conferma del quadro N del socio la maggiore agevolazione viene riportata come eccedenza di versamento nel quadro X 47

48 Gestione ZFU All interno del prospetto versamenti è stata aggiunta la nuova funzione di dettaglio «crediti ZFU» Gestione ZFU All interno del prospetto versamenti troveremo solo l eccedenza 48

49 Gestione ZFU L eccedenza viene riportata come un normale credito in F24 Ricalcolo rate non stampate Maggior debito E stata aggiunta la funzione ricalcolo rate anche in Unico PF 49

50 Ricalcolo rate non stampate Maggior debito Nel caso di maggior reddito vengono determinati gli importi da ravvedere, visualizzabili nell apposito prospetto di dettaglio Ricalcolo rate non stampate Maggior debito Alla chiusura della dichiarazione verranno automaticamente generati i tributi da ravvedere con l apposita funzione in F24 50

51 Ricalcolo rate non stampate Maggior credito Nel caso di eccedenza di versamento, il programma ne darà opportuna segnalazione Ricalcolo rate non stampate Maggior credito L eccedenza di versamento viene riportata automaticamente nell apposita colonna del quadro RX 51

52 Ricalcolo rate non stampate Maggior credito Dal riepilogo versamenti è possibile verificare la differenza in eccesso per singolo tributo Ricalcolo rate non stampate Maggior credito Eccedenze di versamento che possiamo poi recuperare in F24 52

53 Gestione manuale Quadro A e B Per impostare la gestione manuale del Quadro A e B su tutte le dichiarazioni, è possibile attivare l apposito flag in tabella generale. Si consiglia di lasciare questo parametro ad «S» (gestione quadro A e B collegato al GESIMM) e utilizzare nell eventualità il parametro previsto in anagrafica dichiarante Gestione manuale Quadro A e B Ai fini della gestione manuale del quadro A e B scollegata da GESIMM, è possibile impostare il nuovo parametro previsto in anagrafica 53

54 Gestione manuale Quadro A e B Scorrendo sui singoli campi del modello, saranno attive, a seconda dei casi, funzioni aggiuntive come nel caso dei canoni Gestione manuale Quadro A e B Con la funzione di Riparto Affitto è possibile procedere al calcolo di ripartizione del canone di locazione fra gli immobili locati con unico contratto 54

55 Irap Deduzione incremento occupazionale Nel quadro IS, prospetto incremento base occupazionale, è possibile accedere alla funzione di dettaglio del singolo dipendente. Il prospetto è automatico nel caso si gestiscono le paghe (comando STIRAP) Irap Credito Imposta ACE Nel caso si voglia trasformare l eccedenza riportabile ai fini ACE come credito IRAP, l operatore dovrà indicarne manualmente l importo 55

56 Irap Credito Imposta ACE Il credito effettivo calcolato sulla base dell eccedenza trasformata in credito IRAP, viene riportata nel quadro IS Irap Credito Imposta ACE Il credito, recuperabile in 5 anni, viene riportato nel quadro IR ad abbattimento dell imposta di periodo 56

57 Irap Credito Imposta ACE Nel caso in cui il credito sia superiore all imposta, il residuo verrà visualizzato nel quadro IS e riportato nella dichiarazione successiva Visto di Conformità Come da modello, in anagrafica sono state previste le diverse tipologie di «Visto». 57

58 Visto di Conformità Lo stesso parametro è previsto all interno della gestione «Collegio Sindacale» Visto di Conformità Come succedeva anche nelle precedenti dichiarazioni, nel caso non sia stato apposto il visto in F24 ne troveremo traccia nella storia del credito. 58

59 Visto di Conformità Nel caso di apposizione tardiva del visto è possibile barrare l apposita nuova casella in anagrafica dichiarante Visto di Conformità L attivazione del parametro «visto tardivo Unico» farà si che alla successiva chiusura della dichiarazione verrà aggiornato il credito in F24 ai fini della modalità di utilizzo 59

60 Stabilimenti di produzione in Sicilia Aggiunto il nuovo flag in anagrafica dichiarante Stabilimenti di produzione in Sicilia Se in anagrafica è stato barrato il flag «Stabilimenti produzione Sicilia», l operatore dovrà indicare la relativa % di reddito. 60

61 Stabilimenti di produzione in Sicilia Alla conferma della quadro di riepilogo, verranno evidenziati eventuali tributi regione Sicilia Stabilimenti di produzione in Sicilia Nella gestione versamenti è possibile visualizzare i nuovi tributi per la regione Sicilia che verranno conseguentemente trasferiti in F24 61

62 Gestione IMU / TASI Nella gestione delle aliquote IMU/TASI è stato aggiunto il nuovo parametro per il calcolo degli acconti Gestione IMU / TASI Nella gestione IMU è stata aggiunta la tabella delle aliquote parametriche che già veniva utilizzata per la TASI 62

63 Gestione IMU / TASI Tramite l indicazione del nuovo parametro «F» è possibile specificare l applicazione della detrazione unicamente per i figli Gestione IMU / TASI Nuovo flag per la definizione «ex Comune Montani» 63

64 Gestione IMU / TASI Collina Svantaggiata All interno della gestione anagrafica viene riportata la dicitura «Collina Svantaggiata» nei comuni sui quali abbiamo attivato il flag «zona collinare svantaggiata» Gestione IMU / TASI Coll. Svant. CD/IAP Se il dichiarante è un CD/IAP, per le zone «Colline svantaggiati» viene applicata la detrazione di 200 in relazione alla % di conduzione 64

65 Gestione IMU / TASI Cambio residenza All interno della gestione Familiari ai fini Tasi, è stata aggiunta la possibilità di gestire il cambio del comune residenza in corso d anno, per detrazioni figli differenti Gestione IMU / TASI Detrazioni manuali Tramite la sezione «Detraz. Manuali» è possibile rettificare l importo calcolato 65

66 Gestione IMU / TASI Singoli tributi in F24 Possibilità di aggiornare i tributi per singolo Comune Grazie per l attenzione! 05/05/

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Dicembre 2013 I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Con l approssimarsi della fine dell anno abbiamo ritenuto opportuno predisporre, a supporto degli Utenti, una specifica circolare riepilogativa sugli aspetti

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 16 15.05.2014 Unico in caso di trasformazione Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Scadenze Ai sensi dell art. 5-bis, comma 1, del D.P.R.

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa GUIDA ALL IMPRENDITORIA Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa A cura di Tiziana Zagni Provincia di Ferrara Indice Le forme giuridiche dell impresa pag. 3 L Impresa individuale pag. 4 L Impresa

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli