LA MIGLIORE GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA FARMACIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MIGLIORE GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA FARMACIA"

Transcript

1 LE SLIDE DEL CORSO SU LA MIGLIORE GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA FARMACIA (Roma, 12 dicembre 2013 / 24 marzo 2014 c/o Federfarma Roma) a cura dello BACIGALUPO ROMA P.ZZA PITAGORA N. 9/a TEL. 06/ FAX 06/ C.F./P.IVA

2 IL CONTO ECONOMICO DELLA FARMACIA Il bilancio del 2012 di una farmacia media evidenzia i seguenti valori: Vendite ,00 % Costo della merce venduta ,70 % Utile lordo ,30 % Altri acquisti ,20 % Servizi ,20 % Godimento beni terzi ,38 % Personale % Oneri diversi di gestione ,93 % Ammortamenti ,60 % Saldo area finanziaria ,72 % Utile netto ante imposte ,17 % Imposte ,91 % Guadagno del titolare/soci ,26 % 2

3 COSTO DELLA MERCE VENDUTA Rimanenze iniziali al 1 1 gennaio Merce acquistata nell anno Rimanenze finali al 31 dicembre Costo della merce venduta = 3

4 = LA ROTAZIONE DELLA MERCE Rim. Iniziali+Rim.. Finali = scorte medie = (scorte medie) 2 Costo del venduto = indice di rotazione merce Scorte medie = 7,30 (indice di rotazione merce) giorni 365 =50 giorni di giacenza. Indice di rotazione 7,30 4

5 CALCOLO IMPOSTE Ire (ex Irpef) da 0 a % da a % da a % da a % da a % Totale Ire

6 CALCOLO IMPOSTE Addizionale Regionale ,73% Addizionale Comunale ,9% Irap Base imponibile Aliquota Irap 4,32%

7 CALCOLO IMPOSTE Ire Addizionale regionale Addizionale comunale Irap Totale imposte

8 COEFFICIENTE DI RICARICO I costi di gestione, le imposte ed il guadagno rappresentano il 28,3% dei ricavi. Dobbiamo trasformare l incidenza l del 28,3% sui ricavi in coefficiente di ricarico da applicare sul prezzo di acquisto dei prodotti. 100:X= X=(100-28,3):28,3 Coefficiente di ricarico = 39,47% 8

9 RICARICO E IVA Iva 10% Prezzo di acquisto (netto iva ) 100,00 Ricarico 39,47% 39,47 Totale 139,47 Più Iva 10% 13,95 Prezzo al pubblico 153,42 Pari ad un ricarico iva compresa del 53,42% 9

10 RICARICO E IVA Iva 22% Prezzo di acquisto (netto iva ) 100,00 Ricarico 39,47% 39,47 Totale 139,47 Più Iva 22% 30,68 Prezzo al pubblico 170,15 Pari ad un ricarico iva compresa del 70,15% 10

11 RICARICO E IVA Iva 4% Prezzo di acquisto (netto iva ) 100,00 Ricarico 39,47% 39,47 Totale 139,47 Più Iva 4% 5,58 Prezzo al pubblico 145,05 Pari ad un ricarico iva compresa del 45,05% 11

12 MARGINE DI UTILE EFFETTIVO Prodotto cosmetico Prezzo suggerito di vendita 100,00 (+iva( +iva) Sconto 40% fornitore 40,00 Prezzo di acquisto 60,00 (+iva( +iva) Sconto alla cassa 10% (di 100) 10,00 Prezzo di vendita effettivo 90,00 (+iva( +iva) Margine effettivo 30,00 100:X=90:30 X=33,33% 12

13 MARGINE DI UTILE EFFETTIVO Prodotto cosmetico Prezzo suggerito di vendita 100,00 (+iva( +iva) Sconto 40% fornitore 40,00 Prezzo di acquisto 60,00 (+iva( +iva) Sconto alla cassa 20% (di 100) 20,00 Prezzo di vendita effettivo 80,00 (+iva( +iva) Margine effettivo 20,00 100:X=80:20 X=25% 13

14 MARGINE DI UTILE EFFETTIVO Prodotto cosmetico Prezzo suggerito di vendita 100,00 (+iva( +iva) Sconto 40% (su 100) +5% (su 60) 43,00 Prezzo di acquisto 57,00 (+iva( +iva) Sconto alla cassa 20% (di 100) 20,00 Prezzo di vendita effettivo 80,00 (+iva( +iva) Margine effettivo 23,00 100:X=80:23 X=28,75% 14

15 MAGGIORE APERTURA AL PUBBLICO DELLA FARMACIA COSTO DEL PERSONALE DIPENDENTE Qualifica Costo orario Farmacista senza anzianità 17,54 Farmacista con due anni di anzianità 18,47 Farmacista con 12 anni di anzianità 18,76 Magazziniere 4 4 livello 13,75 15

16 PUNTO DI PAREGGIO ORARIO Costo medio farmacista 18,50 Spese generali 2,00 Totale costi 20,50 Margine utile 28,3% pari a ricavi 72,44 Iva media 11% 7,97 Fatturato orario 80,41 16

17 PUNTO DI PAREGGIO ORARIO Per ogni ora di apertura la farmacia deve conseguire almeno il punto di pareggio corrispondente a un fatturato di: - 80 con un farmacista con due farmacisti 17

18 PUNTO DI PAREGGIO ORARIO Valore dello scontrino medio 14,00 pari a 6 scontrini/ora per raggiungere il punto di pareggio con un dipendente pari a 11 scontrini/ora per raggiungere il punto di pareggio con due dipendenti 18

19 PUNTO DI PAREGGIO ADDETTA VENDITA COSMETICI Costo globale annuo dipendente Margine di utile del 30% pari a ricavi di Iva 22% Totale vendite annue Totale vendite mensili Totale vendite giornaliere

20 CASH FLOW Utile di esercizio Ammortamenti Imposte Contributi Enpaf Totale Cash Flow potenziale

21 CASH FLOW Flussi finanziari correnti Increm./decrem. Scorte Increm./decrem. Crediti clienti 0 Increm./decrem. Debiti fornitori 0 Totale Flussi finanziari correnti

22 CASH FLOW Flussi finanziari straordinari Prelievo di utile 5.000/mese Investimenti beni strumentali Totale Flussi finanziari straordinari

23 CASH FLOW Cash Flow potenziale Flussi finanziari correnti Flussi finanziari straordinari Disponibilità finanziaria netta

24 CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI Rimanenze iniziali Vendite Acquisti di merce Altri ricavi e proventi Altri acquisti Servizi Godimento beni terzi Personale Oneri div. di gestione Ammortamenti Oneri finanziari Totale costi Utile Proventi finanziari Proventi straordinari Rimanenze finali Totale ricavi Perdita 24

25 SCHEMA DI STATO PATRIMONIALE ATTIVO Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Attivo circolante Rimanenze Crediti Dispon. liquide Ratei e risconti attivi Totale attivo PASSIVO Patrimonio netto Utile Prel. titolare/soci Fondi per rischi e oneri Tratt. di fine rapp Debiti Debiti fornitori Altri debiti Ratei e risconti passivi Totale passivo

26 CICLO FINANZIARIO A) Giorni medi di giacenza di magazzino Scorte medie x 365 : costo del venduto x 365 : = 50 gg. Questo valore indica i giorni in cui le rimanenze si trasformano in ricavo. 26

27 CICLO FINANZIARIO B) Giorni medi incasso dai clienti Crediti vs/clienti x 365 : ricavi delle vendite x 365 : = 43 gg. Questo valore rappresenta il tempo in cui il ricavo si tramuta in flusso finanziario in entrata 27

28 CICLO FINANZIARIO C) Giorni medi pagamento fornitori Debito vs/fornitori x 365 : merce acquistata x 365 : = 90 gg. Questo valore rappresenta il tempo di dilazione per il pagamento delle forniture 28

29 CICLO FINANZIARIO La durata del ciclo finanziario è rappresentata dalla somma algebrica dei tre valori e cioè: A) Giorni medi di giacenze in magazzino 50 gg. + B) Giorni medi di incasso dei clienti 43 gg. + C) Giorni medi di pagamento dei fornitori 90 gg. - Risultato 3 gg. Se il risultato (A+B-C) è positivo significa che il pagamento dei fornitori avviene prima della riscossione dai clienti Se il risultato (A+B-C) è negativo significa che il pagamento dei fornitori avviene dopo la riscossione dai clienti Valore ottimale = 0 29

30 INDICATORE SINTETICO DI COSTO DEL DENARO Tasso di interesse nominale annuo TAN 6% Indicatore sintetico di costo ISC ISC = Totale addebito trimestrale x Numeri debitori Il totale addebito trimestrale è dato dagli interessi passivi più la commissione disponibilità fondi più le eventuali spese di pratica affidamento ( ) x = 8,61% ISC

31 CENTRALE RISCHI BANCA D ITALIA La Centrale Rischi della Banca d Italia fornisce una serie di informazioni ai soggetti che devono far credito ad un azienda (farmacia). Le banche, le finanziarie, i fornitori e gli enti previdenziali comunicano mensilmente alla Banca d Italia il totale dei crediti verso i propri clienti di importo pari o superiore a , mentre i crediti in sofferenza per qualsiasi importo. 31

32 CENTRALE RISCHI BANCA D ITALIA La Centrale Rischi ha come obiettivo di individuare la stabilità del debitore e favorire l accesso l al credito per la sola clientela meritevole. 32

33 SCHEMA DI STATO PATRIMONIALE ATTIVO Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Attivo circolante Rimanenze Crediti Dispon. liquide Ratei e risconti attivi Totale attivo PASSIVO Patrimonio netto Utile Prel. titolare/soci Fondi per rischi e oneri Tratt. di fine rapp Debiti Debiti fornitori Altri debiti Ratei e risconti passivi Totale passivo

34 CENTRALE RISCHI BANCA D ITALIA Gli indici più importanti della Centrale Rischi, che spesso nega alle farmacie l accesso al credito, sono tre: 1. Il quoziente di disponibilità 2. Grado di indebitamento 3. Grado di elasticità degli impieghi 34

35 CENTRALE RISCHI BANCA D ITALIA Il quoziente di disponibilità È il rapporto tra l attivo circolante e le passività a breve. Nel nostro esempio: Attivo circolante Passività a breve Risultato positivo Quoziente di disponibilità pari a 1,21, considerato soddisfacente perché > 1 35

36 CENTRALE RISCHI BANCA D ITALIA Il quoziente di disponibilità Se le passività a breve, invece di essere di , fossero di , il risultato sarebbe il seguente: Attivo circolante Passività a breve Differenza negativa Quoziente di disponibilità pari a 0,71 La richiesta di finanziamento viene respinta Necessità di adeguare la gestione della farmacia secondo le formule del ciclo finanziario. 36

37 CICLO FINANZIARIO A) Giorni medi di giacenza di magazzino Scorte medie x 365 : costo del venduto x 365 : = 50 gg. Questo valore indica i giorni in cui le rimanenze si trasformano in ricavo. 37

38 CICLO FINANZIARIO B) Giorni medi incasso dai clienti Crediti vs/clienti x 365 : ricavi delle vendite x 365 : = 43 gg. Questo valore rappresenta il tempo in cui il ricavo si tramuta in flusso finanziario in entrata. 38

39 CICLO FINANZIARIO C) Giorni medi pagamento fornitori Debito vs/fornitori x 365 : merce acquistata x 365 : = 90 gg. Questo valore rappresenta il tempo di dilazione per il pagamento delle forniture. 39

40 CENTRALE RISCHI BANCA D ITALIA Grado di indebitamento È il rapporto tra le passività a breve e il totale delle passività. Nel nostro esempio: Passività a breve Totale passività Grado di indebitamento pari a 0,84 abbastanza elevato perché > a 0,5 40

41 CENTRALE RISCHI BANCA D ITALIA Grado di elasticità degli impieghi È il rapporto tra il capitale circolante e il totale attività. Nel nostro esempio: Capitale circolante Totale attività Grado di elasticità degli impieghi pari a 0,83 considerato ottimo perché > a 0,6 41

42 CRITERI DI VALUTAZIONE DEL VALORE DI AVVIAMENTO DI UNA FARMACIA Per tradizione e consuetudine, il valore di avviamento di una farmacia veniva calcolato facendo riferimento al volume delle vendite. Per tutte le altre attività, invece, il valore di avviamento viene calcolato in funzione della redditività aziendale realizzabile in un arco di tempo certo attualizzata al tasso di interesse del 7%. 42

43 CRITERI DI VALUTAZIONE DEL VALORE DI AVVIAMENTO DI UNA FARMACIA Perché il tasso del 7%? Il tasso del 7% è quello tipico degli investimenti legati al rischio d impresa, d ed è composto da tre voci: 1.Remunerazione dell attivit attività dell imprenditore 3% 2.Remunerazione del capitale investito in altre forme alternative 1% 3.Remunerazione del rischio d impresa, d perché in caso di fallimento il patrimonio personale del titolare viene coinvolto 3% 43

44 CRITERI DI VALUTAZIONE DEL VALORE DI AVVIAMENTO DI UNA FARMACIA Durata della redditività Occorre individuare un periodo di tempo in cui la situazione sociale, politica, economica consentirà alla farmacia una situazione similare a quella finora ottenuta, sia pure a grandi linee. Un orizzonte temporale di 15 anni sembra quello più aderente alla realtà attuale delle politiche che interessano le farmacie che infatti hanno subito mutamenti con intervalli superiori a venti anni. 44

45 CRITERI DI VALUTAZIONE DEL VALORE DI AVVIAMENTO DI UNA FARMACIA Determinazione del valore di avviamento Occorre trovare il valore ad oggi, cioè il valore attuale, di una rendita futura della durata di 15 anni al tasso del 7%. Se dal conto economico emerge una redditività di , al 7% per 15 anni le tavole di matematica finanziaria individuano il valore di avviamento nella misura di , poco al di sotto del volume d affari, d che nell esempio esempio era pari ad

46 INVESTIMENTI A COSTO ZERO Acquisto attrezzature a costo zero Vendite annue dal conto economico di cui: SSN Contanti TOTALE

47 INVESTIMENTI A COSTO ZERO Composizione delle vendite per contante Vendite per contante di cui ticket DIFFERENZA Incremento vendite 10% % Media 15%

48 INVESTIMENTI A COSTO ZERO Utile contenuto nelle maggiori vendite Maggiori vendite ipotizzate di cui: Costo della merce Utile lordo 30%

49 INVESTIMENTI A COSTO ZERO Investimento nelle attrezzature Maggiore utile per il coefficiente per il coefficiente L investimento nelle attrezzature deve essere compreso tra e e viene spesato con l utile conseguito sulle maggiori vendite realizzate nei prossimi 3-4 anni. 49

50 INVESTIMENTI A COSTO ZERO Finanziamenti agevolati Interventi della Sabatini bis con finanziamenti ad opera delle banche con la Cassa Depositi e Prestiti per la durata di 5 anni al tasso del 2,75%. I beni acquisti sono anche ammortizzabili con il conseguente recupero fiscale. 50

51 COSA VUOL DIRE VENDERE 3X2? Prezzo di acquisto netto iva 10 Prezzo di vendita iva compresa 20 Determinazione del margine di utile (sconto): 1) Vendita normale: il cliente paga 1 pezzo e ne ritira 1 Ricavo netto iva 22% = 20,00 : 1,22 = 16,39 Costo netto iva = 10 Guadagno 6,39 Margine di utile 6,39 x 100 : 16,39 = 39% 2) Vendita promozionale: il cliente paga 2 pezzi e ne ritira 3 Ricavo due pezzi netto iva 22% = 40,00 : 1,22 = 32,79 Costo tre pezzi netto iva = 30 Guadagno 2,79 Margine di utile 2,79 x 100 : 32,79 = 8,5% 51

52 COSA VUOL DIRE ACQUISTARE 1+1? Prezzo di acquisto netto iva 10 Prezzo di vendita iva compresa 20 Determinazione del margine di utile (sconto): 1) Acquisto normale: la farmacia paga 1 pezzo e ne ritira 1 Ricavo netto iva 22% = 20,00 : 1,22 = 16,39 Costo netto iva = 10 Guadagno 6,39 Margine di utile 6,39 x 100 : 16,39 = 39% 2) Acquisto promozionale: la farmacia paga 1 pezzo e ne ritira 2 Ricavo due pezzi netto iva 22% = 40,00 : 1,22 = 32,79 Costo un pezzo netto iva = 10 Guadagno 22,79 Margine di utile 22,79 x 100 : 32,79 = 69,50% 52

53 PROGETTO FATTIBILITÀ APERTURA DI UNA PARAFARMACIA Rilevazione costi annuali di gestione a. Affitto b. Farmacista c. Spese gestione d. Investimento attrezzature per rata di leasing e. Investimento delle scorte un terzo delle scorte TOTALE COSTI

54 PROGETTO FATTIBILITÀ APERTURA DI UNA PARAFARMACIA Incasso minimo per il punto di pareggio Costi di gestione Incassi da realizzare (Utile medio 30%) Incassi lordo iva (aliq. media 18%) Incasso mensile (11,5 mesi) Incasso giornaliero (25 giorni) Valore scontrino medio 18 Numero scontrini annui Numero scontrini mensili Numero scontrini giornalieri 73 Numero scontrini per ogni ora 9 54

55 CRITERI DI VALUTAZIONE DEL VALORE DI AVVIAMENTO DI UNA FARMACIA Per tradizione e consuetudine il valore di avviamento di una farmacia veniva calcolato facendo riferimento al volume delle vendite. Per tutte le altre attività il valore di avviamento viene calcolato in funzione della redditività aziendale realizzabile in un arco di tempo certo attualizzata al tasso di interesse del 7%. 55

56 CRITERI DI VALUTAZIONE DEL VALORE DI AVVIAMENTO DI UNA FARMACIA Perché il tasso del 7%? Il tasso del 7% è quello tipico degli investimenti legati al rischio d impresa, d ed è composto da tre voci: 1.Remunerazione dell attivit attività dell imprenditore 3% 2.Remunerazione del capitale investito in forme alternative 1% 3.Remunerazione del rischio d impresa, d perché in caso di fallimento il patrimonio personale del titolare viene coinvolto 3% 56

57 CRITERI DI VALUTAZIONE DEL VALORE DI AVVIAMENTO DI UNA FARMACIA Durata della redditività Occorre individuare un periodo di tempo in cui la situazione sociale, politica, economica consentirà alla farmacia una situazione similare a quella finora ottenuta. Un orizzonte temporale di 15 anni sembra quello più aderente alla realtà attuale per le politiche che interessano le farmacie, che infatti hanno subito mutamenti con intervalli superiori a venti anni. 57

58 CRITERI DI VALUTAZIONE DEL VALORE DI AVVIAMENTO DI UNA FARMACIA Determinazione del valore di avviamento Occorre trovare il valore ad oggi, cioè il valore attuale, di una rendita futura della durata di 15 anni al tasso del 7%. Se dal conto economico emerge una redditività di , al 7% per 15 anni il valore di avviamento è pari ad , poco al di sotto del volume d affari, d che nell esempio esempio era pari ad

59 TASSAZIONE VENDITA FARMACIA Se la farmacia è posseduta da almeno 5 anni, il valore di avviamento è soggetto alla c.d. tassazione separata, con un aliquota pari alla media del biennio precedente. Ad esempio se il cedente ha dichiarato per il biennio precedente, , 2013, un reddito di , l IRPEF l corrispondente è di , con un aliquota media del 38%. Pertanto, il netto che resta nelle tasche del cedente è ( ( ). 59

60 VANTAGGI PER L ACQUIRENTE L DELLA FARMACIA (DITTA INDIVIDUALE) Avviamento pagato Ammortamento in 18 anni Risparmio fiscale annuo Deduzione degli interessi passivi per i mutui e per i finanziamenti ottenuti per l acquisto l della farmacia. 60

61 SVANTAGGI PER IL CEDENTE DI UNA DITTA INDIVIDUALE La somma riscossa per la cessione è al netto dei debiti dell azienda di cui il compratore se ne deve fare carico. L imponibile fiscale non è la somma riscossa ma l importo convenuto a titolo di avviamento. 61

62 CESSIONE DI QUOTE DI FARMACIA Tassazione con capital gain: - partecipazione > al 25% del capitale sociale: imponibile pari al 49,72% della somma riscossa; - Socio con una partecipazione < al 25% del capitale sociale: tassazione fissa del 20% della somma riscossa. Cessione quote farmacia così suddivise: - Per il socio A al 80% ; - Per il socio B al 20% Socio A: 49,72% di con imponibile pari a imposte di circa; - Socio B: imponibile di con imposte di Totale delle imposte rispetto alla tassazione di in caso di cessione di impresa individuale. Praticamente quasi la metà. 62

63 SVANTAGGI E VANTAGGI PER L ACQUIRENTE - Non è possibile dedurre il costo delle quote dall utile della farmacia; - Non è possibile dedurre gli interessi passivi per eventuali mutui contratti per l acquisto delle quote; - Subentro in tutte le posizione attive e passive della società; - Tassazione sul prezzo pagato, che è corrispondete alla differenza tra il valore di avviamento e le eventuali passività superiori alle attività. 63

64 PROVVEDIMENTI PARLAMENTARI DIRETTI AD INCENTIVARE LA CESSIONE DELLE QUOTE Società esistenti al Perizia giurata entro il contenente il valore delle singole quote; Versamento imposta sostitutiva del 4% del valore di perizia, ridotto al 2% per le partecipazione fino al 25% del capitale sociale, con possibilità di rateizzare in tre anni; Nessuna imposta per le cessioni di quote ad un valore pari o inferiore di quello periziato. 64

65 QUANTO COSTA TRASFORMARE UNA DITTA INDIVIDUALE IN SOCIETÀ Le imposte per il conferimento di una ditta individuale in una società sono pari ad 200. Neutralità d imposta per i conferimenti a valori omogenei. 65

66 DECRETO DEL FARE FINANZIAMENTI AGEVOLATI Finanziamento del Ministero Sviluppo Economico per l acquisto di nuove attrezzature Importo tra e ; Restituzione in cinque anni al tasso del 2,75%; Domanda a partire dal 31/03/2014; Erogazione tramite banche convenzionate con la Cassa Depositi e Prestiti; Riguarda anche acquisti di beni in leasing sempre per la durata di almeno cinque anni al 2,75% di interesse; Interessi deducibili dal reddito e quindi con un costo effettivo dell 1,57%. 66

67 SPESE PER RISPARMIO ENERGETICO Le spese sostenute dalla farmacia per risparmio energetico (condizionatori, infissi, ecc.) godono di una duplice detrazione: - Detrazione del 65% quale spesa per il risparmio energetico; - Detrazione IVA e deduzione del costo con ammortamento come tutti i beni strumentali. Questo genere di spese sostenute nel 2014 è a costo zero 67

68 PROGETTO FATTIBILITÀ APERTURA NUOVA FARMACIA Indici da tenere presente: - un cittadino italiano spende in farmacia tra ricette SSN e acquisti di prodotti di ogni genere 300 euro; - ogni addetto che lavora in farmacia deve garantire una produttività di almeno euro di fatturato netto iva tra vendite SSN e vendite contanti; - un medico massimalista con studio vicino alla farmacia produce vendite annue intorno a euro, - le ricette SSN nell anno 2012 rilasciate dai medici di base sono state pari a 9,6 ricette per ogni cittadino italiano. 68

69 PROGETTO FATTIBILITÀ APERTURA NUOVA FARMACIA Abitanti della zona Clientela possibile Volume d affari d presunto x 300 spesa individuale = Costo della merce Margine operativo lordo Altri acquisti Servizi Affitto locale Leasing Personale dipendente Oneri diversi di gestione Interessi passivi Enpaf Totale costi Utile

70 PROGETTO FATTIBILITÀ APERTURA NUOVA FARMACIA Abitanti della zona Clientela possibile Volume d affari d presunto x 300 spesa individuale = Costo della merce Margine operativo lordo Altri acquisti Servizi Affitto locale Leasing Personale dipendente Oneri diversi di gestione Interessi passivi Enpaf Totale costi Utile

71 PROGETTO FATTIBILITÀ APERTURA NUOVA FARMACIA Abitanti della zona clientela possibile Volume d affari d x 300 spesa individuale = Costo della merce Margine operativo lordo Altri acquisti Servizi Affitto locale Leasing Personale dipendente Oneri diversi di gestione Interessi passivi Enpaf Totale costi Utile

72 FINANZA CREATIVA - CONGUAGLIO TRA CARTELLE DI EQUITALIA E CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E consentito conguagliare i crediti verso la pubblica amministrazione ad esempio fatture in assistenza diretta con i debiti tributari risultanti da cartelle Equitalia. Il credito deve essere certificato e il conguaglio deve essere richiesto tramite un particolare modello F24. il credito però deve essere superiore o pari al debito per imposte. 72

73 CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI Rimanenze iniziali Vendite Acquisti di merce Altri ricavi e proventi Altri acquisti Proventi finanziari Servizi Proventi straordinari Godimento beni terzi Rimanenze finali Personale Oneri div. di gestione Ammortamenti Oneri finanziari Totale costi Totale ricavi Utile Perdita 73

74 METODO SEMPLIFICATO PER CALCOLARE IL PAGAMENTO OTTIMALE DEI FORNITORI Acquisto annuo di prodotti Acquisto giornaliero :365= Giacenza media prodotti: : = giorni 52 74

75 = ROTAZIONE DELLA MERCE Rim. Iniziali+Rim.. Finali = scorte medie = (scorte medie) 2 Costo del venduto = indice di rotazione merce Scorte medie = 7,30 (indice di rotazione merce) giorni 365 =50 giorni di giacenza. Indice di rotazione 7,30 75

76 COEFFICIENTE DI RICARICO I costi di gestione, le imposte ed il guadagno rappresentano il 28,3% dei ricavi. Dobbiamo trasformare l incidenza l del 28,3% sui ricavi in coefficiente di ricarico da applicare sul prezzo di acquisto dei prodotti. 100:X= X=(100-28,3):28,3 Coefficiente di ricarico = 39,47% 76

77 RICARICO E IVA Iva 10% Prezzo di acquisto (netto iva ) 100,00 Ricarico 39,47% 39,47 Totale 139,47 Più Iva 10% 13,95 Prezzo al pubblico 153,42 Pari ad un ricarico iva compresa del 53,42% 77

78 RICARICO E IVA Iva 22% Prezzo di acquisto (netto iva ) 100,00 Ricarico 39,47% 39,47 Totale 139,47 Più Iva 22% 30,68 Prezzo al pubblico 170,15 Pari ad un ricarico iva compresa del 70,15% 78

79 RICARICO E IVA Iva 4% Prezzo di acquisto (netto iva ) 100,00 Ricarico 39,47% 39,47 Totale 139,47 Più Iva 4% 5,58 Prezzo al pubblico 145,05 Pari ad un ricarico iva compresa del 45,05% 79

80 EFFETTI DELLA ROTAZIONE SUL RICARICO E più produttivo acquistare direttamente i prodotti ma facendo lievitare le scorte oppure acquistare i prodotti dalle aziende grossiste magari in rete ricorrendo ai T.O. (transfer order), ottenendo una maggiore rotazione delle merci? 80

81 ROTAZIONE MERCE E RICARICO Merce con rotazione 2 giacenza media 182 giorni Maggior utile conseguito per acquisto diretto 3% Acquisto ricorrendo a finanziamenti bancari costo dell indicatore sintetico di costo 6% annuo pari al 3% a semestre. Vantaggi a nessuno Acquisto da aziende grossiste in rete maggior utile conseguito 1,5% risparmio dell interesse del 3%. Vantaggio pari ad 1,5%. Minore taccheggio. Migliore controllo delle scorte Minori scaduti 81

82 FRINGE BENEFIT I fringe benefit sono i compensi in natura che il datore di lavoro concede al lavoratore dipendente e che godono di particolari vantaggi fiscali: deducibilità per la farmacia non imponibilità per il dipendente 82

83 FRINGE BENEFIT 1. Omaggi aziendali Gli omaggi non devono essere in denaro, ma in beni e servizi, anche mediante buoni spesa, con tetto massimo di 258,23 annui per dipendente. Su questi omaggi non sono previste ritenute a carico dei dipendenti ne contributi a carico del datore di lavoro. 83

84 FRINGE BENEFIT 2. Auto aziendali Ai dipendenti può essere assegnata una vettura intestata alla farmacia. Deduzione delle spese nella misura del 70% del costo, recupera l IVA l nella misura del 40%. Nella busta paga del dipendente deve risultare un compenso in natura da assoggettare a ritenute fiscali e previdenziali: Fiat ,13 : 12 mesi = 151,76 84

85 FRINGE BENEFIT 3. Fabbricati Assegnazione a un dipendente di un immobile di proprietà del titolare della farmacia. In busta paga la differenza tra la rendita catastale e quanto corrisposto dal dipendente. Se il dipendente non versa nulla in busta paga va inserita la rendita catastale. Esempio rendita catastale in busta paga 150 al mese ( ( : 12) sul quale il datore di lavoro paga contributi inps e il lavoratore le ritenute fiscali e previdenziali. 85

86 FRINGE BENEFIT 4. Buoni pasto Valore giornaliero fino a 5,29 e vanno inseriti in busta paga. 5,29 per 26 giorni = 136,76 Sul buono pasto non sono previste ritenute a carico del dipendente ne contributi a carico del datore di lavoro. 86

87 FRINGE BENEFIT 5. Somme erogate dal datore di lavoro per asilo nido, colonie, borse di studio a favore dei familiari dei dipendenti. Queste somme non sono soggette a ritenute e neanche a contributi inps. 87

88 AUTOVETTURA INTESTATA ALLA FARMACIA A partire dal 2013 la deducibilità dei costi dell autovettura è corrispondente al 20% di un tetto massimo di Per cui se la vettura costa la deducibilità del costo è di diviso in 5 anni. Se la vettura è acquistata con un contratto di noleggio a lungo termine il tetto massimo di deducibilità del canone è di ( x 20%). L iva è deducibile nella misura del 40% dell importo risultante dalla fattura. 88

89 SUGGERIMENTI PER IL CONTENIMENTO DEGLI ONERI TRIBUTARI E prevista la riduzione della tassazione dei contratti di affitto a canone convenzionato in cedolare secca al 10% in luogo del 15%. Nel caso di acquisti di mobili o attrezzature, quelli di costo unitario inferiore a 516,45, sono deducibili immediatamente in luogo dell ammortamento in più anni. 89

90 SUGGERIMENTI PER IL CONTENIMENTO DEGLI ONERI TRIBUTARI Le spese di manutenzione sono deducibili nell anno fino al 5% del valore delle attrezzature e la parte eccedente si ammortizza nei 5 anni successivi. Se nel nostro esempio il valore delle attrezzature è di , al lordo degli ammortamenti, le spese di manutenzione non devono superare Possibile fatturazione una parte nel 2014 e una parte nel

91 SUGGERIMENTI PER IL CONTENIMENTO DEGLI ONERI TRIBUTARI Spese di rappresentanza: sono deducibili fino all 1,3% dei ricavi. Se il fatturato è 1 milione netto iva, le spese di rappresentanza deducibili sono al massimo pari a , con fatture intestate alla farmacia. 91

92 SUGGERIMENTI PER IL CONTENIMENTO DEGLI ONERI TRIBUTARI Spese automobile: Ricordarsi sempre di compilare la carta carburante mensile o trimestrale, o in alternativa pagare con carta di credito della farmacia. Le spese dell auto vanno tutte fatturate e inserite in contabilità. E opportuno non acquistare le auto di cilindrata superiore a cc. perché vengono immediatamente segnalate dall Agenzia delle Entrate. Le banconote da 500 euro vanno versati in banca e non cambiate. 92

93 REDDITOMETRO Il redditometro rappresenta il criterio di determinazione sintetica del reddito delle persone fisiche, fondato su elementi indicativi di capacità contributiva. E uno strumento di accertamento basato sul confronto tra la capacità di spesa del contribuente e del suo nucleo familiare con il reddito dichiarato. 93

94 SUDDIVISIONE DEI CONTRIBUENTI I contribuenti vengono divisi per: 1. Età 2. Numero dei componenti del nucleo familiare 3. Collocazione geografica (nord, centro, sud) 94

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

Contabilità e bilancio

Contabilità e bilancio Contabilità e bilancio di Paolo Montinari IMPORTANTE PDF Il volume è disponibile anche in versione pdf Le istruzioni per scaricare il file sono a pag. 493 N.B.: Nelle versioni elettroniche del volume tutti

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

COME M E F U F NZI Z ONA A I L L «NUOVO» REDDITOMETRO

COME M E F U F NZI Z ONA A I L L «NUOVO» REDDITOMETRO COME FUNZIONA IL COME FUNZIONA IL «NUOVO» REDDITOMETRO PERCHE REDDITOMETRO OGGI BUDGET SU ACCERTAMENTI INVIO DELLE LISTE AGLI UFFICI Circolare 18/E/2012 Avvio controlli DA COSA PARTIAMO NORMA BASE DM 24

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

L imposta sul reddito delle persone fisiche

L imposta sul reddito delle persone fisiche L imposta sul reddito delle persone fisiche IRPEF 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Irpef 1 Schema di determinazione dell Irpef Reddito complessivo= Somma delle singole categorie

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Via Antonio Angiolini 23 59100 Prato Tel 0574 603765 fax 0574 603765

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Via Antonio Angiolini 23 59100 Prato Tel 0574 603765 fax 0574 603765 ALLA GENTILE CLIENTELA CIRCOLARE DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANNO 2012 OGGETTO: Richiesta documenti per Unico 2013 - Modello 730/2013 anno d imposta 2012 Con l approssimarsi della prossima scadenza per la

Dettagli

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA'

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Le principali novità contenute nel modello 730/2015 sono le seguenti: - il CUD è stato sostituito dalla Certificazione

Dettagli

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 Esercizio 1 Si consideri un imposta sul reddito personale con aliquota marginale t costante del 20% e detrazione, f, pari a 1.000 dall imposta dovuta. Nel

Dettagli

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio Gli aspetti fiscali del welfare aziendale Studio Associato Specchio Scopo: esistono soluzioni per aumentare il reddito netto percepito dal dipendente riducendo il costo aziendale derivante da un tale aumento?

Dettagli

NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2008. Valori espressi in unità di Euro

NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2008. Valori espressi in unità di Euro NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 28 Valori espressi in unità di Euro Premesse Ai sensi degli artt. 1 e 4 dello Statuto l Istituto Italiano della Donazione ( di seguito denominato Istituto

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

DOCUMENTI NECESSARI PER DETERMINARE IL TUO REDDITO 2014

DOCUMENTI NECESSARI PER DETERMINARE IL TUO REDDITO 2014 DOCUMENTI NECESSARI PER DETERMINARE IL TUO REDDITO 2014 DOCUMENTI Dichiarazione dei redditi modello 730 o Unico presentati nel 2014 per i redditi 2013 Pagamenti IMU 2014 Codice fiscale del dichiarante,

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

- DIRITTO DEL LAVORO E LEGISLAZIONE SOCIALE

- DIRITTO DEL LAVORO E LEGISLAZIONE SOCIALE ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO ANNO 2005 LA TUTELA FISICA ED ECONOMICA DELLA MATERNITÀ NEL RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO. IL CANDIDATO DOPO

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO Dott. Fabrizio SCOSSA LODOVICO Modena, 10 maggio 2013 FONTI NORMATIVE Articolo 22 Decreto Legge 78/2010 Articolo 38 D.P.R. 600/73 (come modificato dal D.L. 78/2010) D.M. 24 dicembre

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO. CIRCOLARE n.

Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO. CIRCOLARE n. S.U.S.O. Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO CIRCOLARE n. 1/2014 La presente per informare i signori Associati sulle

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea)

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Gli esercizi servono per verificare se avete capito la logica, la struttura di un imposta. Pertanto, quando fate il compito

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XVII PARTE PRIMA TASSAZIONE DEI REDDITI CAPITOLO 1 I REDDITI DELLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione... 3 2. I soggetti passivi residenti in Italia: nozione di residenza delle

Dettagli

Modello 730/2015 novità

Modello 730/2015 novità Modello 730/2015 novità Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 24/03/2015 1 Principali riferimenti normativi Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015. a cura di Celeste Vivenzi. Premessa generale

NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015. a cura di Celeste Vivenzi. Premessa generale NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto con il DM del 07-11-2014 è stato approvato il nuovo modello di Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) necessario

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente MAP Legge di Stabilità: nuove agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente A cura di Cecilia Rabagliati Dottore Commercialista e Revisore contabile in Cuneo La

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

Centro di raccolta. Mod. 730 - Depliant. Presentare il Mod. 730 ecco sei buoni motivi per rivolgervi ai nostri centri di raccolta CAF!

Centro di raccolta. Mod. 730 - Depliant. Presentare il Mod. 730 ecco sei buoni motivi per rivolgervi ai nostri centri di raccolta CAF! Mod. 730 - Depliant Presentare il Mod. 730 ecco sei buoni motivi per rivolgervi ai nostri centri di raccolta CAF! 1) L attività di assistenza fiscale è completamente gratuita se consegni ai nostri centri

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA

SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA Redditometro 2012 Premessa La rettifica delle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche segue le regole dell

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI)

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) Si rilevino le seguenti scritture di rettifica di fine anno sul bilancio della società ABC Srl qui allegato. 1) Rilevazione delle seguenti quote di ammortamento:

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012

IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012 IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012 TORINO 4-5 FEBBRAIO 2013 DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSULENTI DEL LAVORO TORINO CORSO MATTEOTTI 44 TEL. 011 5623588 (3 LINEE R.A.) fax 011

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

SCADENZE NOVEMBRE 2014

SCADENZE NOVEMBRE 2014 SCADENZE NOVEMBRE 2014 LUNEDì 17 NOVEMBRE RAVVEDIMENTO OPEROSO BREVE Scade il termine per regolarizzare gli adempimenti (omessi, tardivi o insufficienti versamenti di imposte o ritenute) non effettuati

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009 PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCIA N. 1 I SESSIONE 2009 I P R O V A S C R I T T A Illustri il candidato la funzione di controllo contabile es art. 2409 ter, c.c., soffermandosi

Dettagli

Dichiarazione dei redditi - Modello 730/2015

Dichiarazione dei redditi - Modello 730/2015 Dichiarazione dei redditi - Modello 730/2015 Cosa portare al Caf per la compilazione > Modello CUD 2015 redditi 2014 che il datore di lavoro o l Ente pensionistico consegnerà entro il 28 febbraio 2015.

Dettagli

Circolare. Oggetto: Dichiarazioni dei redditi Mod. UNICO 2016 e 730/2016

Circolare. Oggetto: Dichiarazioni dei redditi Mod. UNICO 2016 e 730/2016 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Como, aprile 2016 Circolare Oggetto: Dichiarazioni dei redditi Mod. UNICO 2016 e 730/2016 Con l approvazione e la pubblicazione dei nuovi modelli di dichiarazione e delle relative

Dettagli

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle ! Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Francesco Chiaravalle 1 Legge n. 147 del 23 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014! Misure previste! Riallineamento dei valori fiscali ai maggiori

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 Esercizio 1 Il sig. A, senza figli e sposato con la signora B la quale non percepisce alcun tipo

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE Milano, 19 gennaio 2015 CIRCOLARE CLIENTI N. 5/2015 LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE La Legge n. 190/2014 (la cd Legge di Stabilità 2015 ) ha previsto diverse misure fiscali di interesse

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

Il Modello UNICO per persone fisiche

Il Modello UNICO per persone fisiche Immacolata Di Rienzo (Commercialista in Caserta) Il Modello UNICO per persone fisiche Persone fisiche non esercenti attività di lavoro autonomo Persone fisiche esercenti attività di impresa o di arti e

Dettagli

Bilancio 2000 Check List

Bilancio 2000 Check List Bilancio 2000 Check List AREE DI BILANCIO ELENCO VERIFICHE E CONTROLLI CREDITI VERSO SOCI PER DECIMI RESIDUI VERIFICARE IMPORTO DEI CREDITI CHE LA SOCIETÀ VANTA VERSO SOCI PER VERSAMENTI DI CAPITALE SOCIALE

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ Gli oneri Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ 10.5 LA RATEIZZAZIONE DELLE SPESE 10.6 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI ONERI GLI ONERI

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

I chiarimenti del Fisco. Circolare 10/E del 14/05/2014

I chiarimenti del Fisco. Circolare 10/E del 14/05/2014 Fiscal Flash La notizia in breve N. 92 15.05.2014 I chiarimenti del Fisco Circolare 10/E del 14/05/2014 Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2014 Come di consueto l Agenzia delle Entrate, dopo aver fornito

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO 2 CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore - MCC per la presentazione delle

Dettagli

ALLEGATO 10 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013

ALLEGATO 10 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 ALLEGATO 10 CIRCOLANTE - Pag. 1 di 16 ALLEGATO 10 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 DGR Basilicata n. 353 del 04.04.2013 DGR Basilicata n. 965

Dettagli

Bologna, 25 marzo 2014. A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi

Bologna, 25 marzo 2014. A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Bologna, 25 marzo 2014 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Oggetto CIRCOLARE N. 5 DOCUMENTAZIONE PER IL MODELLO 730/2014 E MODELLO UNICO 2014. RICHIESTA DEL CUD ALL INPS A decorrere da quest anno,

Dettagli

Redditi da dichiarare. Oneri detraibili e deducibili

Redditi da dichiarare. Oneri detraibili e deducibili MEMORANDUM SINTETICO SULLA DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE Per maggiori informazioni contattare direttamente lo Studio Il contribuente deve sempre esibire la documentazione necessaria per permettere ai professionisti

Dettagli

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 01/2008

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 01/2008 Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 01/2008 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ACQUISTO E VENDITA: In data 1/7 la società X paga fitti passivi per euro 6000, con denaro in cassa. In data 3/7la società riscuote, in contanti, fitti attivi per euro

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Esercizi sull Irpef Esercizio 1 Nel corso del 2007, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Premessa Il caso dell impresa ALFA S.R.L.

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 1070 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Giugno 2015) - 1 - Le note che seguono sono una libera e parziale sintesi NON SOSTITUTIVA

Dettagli

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO IGEA Anno 2000 Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare

Dettagli

Il regime della cedolare

Il regime della cedolare STUDIO Russo commercialisti Ai Clienti dello Studio RUSSO Il regime della cedolare secca Il calcolo della tassazione agevolata e le modalità di opzione alla luce dei chiarimenti di prassi in materia. Il

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

PIANO DEI CONTI natura conto

PIANO DEI CONTI natura conto STATO PATRIMONIALE - ATTIVITA' - PIANO DEI CONTI natura conto CONTO RIEPILOGATIVO CONTO DI MASTRO MASTRINO DI SOTTOCONTO 01 CASSA 02 BANCHE 03 TITOLI 0101 Cassa contanti 0102 Cassa assegni 0103 Cassa corsi

Dettagli

Iscrizioni servizi scolastici comunali. Anno scolastico 2015/2016

Iscrizioni servizi scolastici comunali. Anno scolastico 2015/2016 Iscrizioni servizi scolastici comunali Anno scolastico 2015/2016 Quando si aprono le iscrizioni ai servizi scolastici? Le iscrizioni ai servizi scolastici sono aperte da lunedì 13 Aprile a venerdì 15 maggio

Dettagli

Studio Professionale di DIRITTO TRIBUTARIO E SOCIETARIO CORPORATE TAX AND ACCOUNTING ADVISORS

Studio Professionale di DIRITTO TRIBUTARIO E SOCIETARIO CORPORATE TAX AND ACCOUNTING ADVISORS 1 website: www.quickmanager.it - e-mail: info@quickmanager.it (Marchio registrato Registered Trade Mark) Il sistema di gestione qualità adottato dallo Studio è certificato IMQ/CSQ a norma UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2013

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2013 Marco Ansaldi - Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO SEGUICI SU www.marcoansaldicommercialista.it www.antonellabolla.it 12.03.2013 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2013 IL MODELLO 730/2013

Dettagli

STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile

STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile Gentile cliente, Le richiamo l'attenzione su alcune novità previste in particolare dalla Finanziaria 2007, trattati in forma

Dettagli

Bologna, 20 marzo 2015. A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi

Bologna, 20 marzo 2015. A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Bologna, 20 marzo 2015 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Oggetto CIRCOLARE N. 4 DOCUMENTAZIONE PER IL MODELLO 730/2015 E MODELLO UNICO PF 2015 DA CONSEGNARE ENTRO L 8 APRILE P.V. RICHIESTA DELLA

Dettagli

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A.

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. 2009-2010 DATI ANAGRAFICI Indicare il proprio nome, cognome e,

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE 1 Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio- lungo termine Operazioni di prestito bancario Operazioni di smobilizzo 2 Definizione

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving 26-06-2012, Camera di Commercio di Pisa Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving relatore: Dott. MASSIMO ANTONINI Dottore commercialista - Revisore contabile Membro

Dettagli

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 01/2010

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 01/2010 Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 01/2010 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli