Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali"

Transcript

1 Minister delle plitiche agricle alimentari e frestali P I A N O D E L S E T T O R E C A S T A N I C O L O / D O C U M E N T O DI S I N T E S I

2 I N D I C E 1 PREMESSA IL TAVOLO DI FILIERA LA CASTANICOLTURA PER LA PRODUZIONE DI FRUTTI I numeri del settre frutticl La prduzine mndiale Il cmmerci internazinale dell Italia La filiera della castanicltura da frutt Analisi SWOT della filiera castanicla da frutt Criticita LA CASTANICOLTURA PER LA PRODUZIONE LEGNOSA I numeri del settre legn La filiera della castanicltura da legn Criticita ANALISI SWOT DELLE FILIERE FRUTTO E LEGNO DEL SETTORE LA POLITICA NAZIONALE ED EUROPEA PER IL SETTORE La castanicltura da frutt nelle plitiche eurpee dei mercati e di sstegn al reddit del I pilastr della PAC Chestnut (Castanea sativa Mill.): a multipurpse eurpean tree Le plitiche per il settre frestale La castanicltura nella plitica eurpea per l svilupp rurale La plitica eurpea pst OBIETTIVO GENERALE, OBIETTIVI STRATEGICI ED AZIONI CHIAVE DEL PIANO DI SETTORE Obiettiv generale Obiettivi strategici Strumenti LA STRATEGIA DEL PIANO DI SETTORE L apprcci integrat e partecipat Principali fasi di adzine dell'apprcci di filiera previst dal pian di settre GLI OBIETTIVI SPECIFICI Castanicltura per la prduzine di frutti Marketing territriale Valrizzazine - Multifunzinalità Tecniche di prduzine - Pst-racclta - Fnti rinnvabili - Ricerca - Sicurezza Tecniche clturali - miglirament genetic - scelte varietali Difesa ed avversità Meccanizzazine - Pst-racclta - Fnti rinnvabili - Sicurezza Castanicltura per la prduzine di legname - Valrizzazine Multifunzinalità - Ricerca APPLICAZIONE E OPERATIVITÀ DEL PIANO CASTANICOLO LE RISORSE ORGANIZZATIVE LE RISORSE FINANZIARIE

3 1 PREMESSA L Italia è tra i principali prduttri ed esprtatri mndiali di castagne (Castanea sativa Miller). In particlare, è il prim esprtatre mndiale per valre degli scambi e il secnd per quantità scambiate, dp la Cina. Tuttavia, la sua imprtanza sui mercati esteri è sempre più minacciata dalla cncrrenza asiatica. Sul mercat intern, la deblezza strutturale della prduzine, caratterizzata da piccle aziende lcalizzate prevalentemente in mntagna e cllina, i mutati cnsumi alimentari e la crescente cncrrenza asiatica minaccian la spravvivenza di un settre che può garantire un imprtante fnte di reddit e la tutela ambientale e paesaggistica dei territri. Il castagn ha assunt in passat ed assume ancra ggi un rul preminente tra le frmazini frestali italiane, nn sl per l elevata prduttività, la qualità e la varietà degli assrtimenti legnsi, ma sprattutt per la cnsistente presenza sul territri nazinale. Nei 10,5 milini di ettari ccupati da bschi, la frazine investita a castagn rappresenta il 7,53% di quella frestale, per un ttale di circa ha. Si tratta di un patrimni frestale, in gran parte di rigine antrpica, la cui ubicazine si cncentra in diverse Regini. Le estensini del Piemnte, Tscana e Liguria sn pari ad ltre il 50% del patrimni nazinale; includend quelle che hann un patrimni superire a ha (Lmbardia, Calabria, Campania, Emilia Rmagna e Lazi) si giunge al 90%. Le stazini su cui insistn i castagneti sn classificabili di alta-cllina e/ media mntagna, ubicandsi nella zna media dei versanti. La fascia altitudinale è cmpresa tra i m s.l.m. e più in dettagli tra m s.l.m., dve sn spitati rispettivamente il 66,56% e 43,43%, mentre frazini percentualmente minri sn nelle fasce inferiri. L utilizz della bimassa, insieme alle altre fnti energetiche rinnvabili, sta ricevend in questi ultimi anni una sempre maggire attenzine in ambit eurpe e nazinale sprattutt a seguit degli impegni presi cn la ratifica del prtcll di Kyt e cn i successivi accrdi internazinali da quest ispirati. L interesse vers le bimasse agr-frestali nn è sl a livell plitic (Unine eurpea, Stati e Regini), ma anche e sprattutt da parte del mnd ecnmic-prduttiv del settre agricl e di quell tecnlgic-industriale (impiantistica, macchine agricle e frestali, ecc.). La filiera energetica può quindi divenire un pprtunità per le ecnmie lcali, a patt però che sia inserita in una crretta strategia di sfruttament della risrsa legn. I castagneti sn minacciati da emergenze fitsanitarie. L estensine delle infestazini del cinipide alla quasi ttalità del territri italian, richiede di mdificare la nrmativa vigente, cn l biettiv di adeguarla alle esigenze della castanicltura, sia per quant riguarda la prduzine dei frutti, sia riguard la mvimentazine del materiale di prpagazine del castagn. Il castagn svlge diverse funzini: prduttive, prtettive, naturalistiche, paesaggistiche, ricreative, didattiche. Tenut cnt del frte legame tra il castagn e l identità territriale, la valrizzazine delle prduzini nn può prescindere dal cnsiderare i diversi aspetti della multifunzinalità e una efficace azine di marketing territriale deve partire da questa base. 2

4 2 IL TAVOLO DI FILIERA La cstituzine di un specific Tavl di filiera è nata dall esigenza di affrntare i prblemi del settre castanicl italian, resi più evidenti sul mercat intern dalle emergenze fitsanitarie e, sui mercati esteri, dalle difficltà rispett alla cncrrenza asiatica, cn enrmi ripercussini ecnmiche sui prduttri, sugli peratri della filiera e sui territri. In tale ttica il MiPAAF, su sllecitazine dell Assciazine Nazinale Città del Castagn, ha prmss un prim incntr tra tecnici del settre, ricercatri, rappresentanti del mnd castanicl, Amministrazini pubbliche a livell centrale, reginale e lcale, cn l scp di prmuvere un Tavl Nazinale di Crdinament della Filiera castanicla al fine di cncertare un Pian di Settre per il rilanci del cmpart. Il crdinament è stat affidat all Uffici SAQ VI della Direzine Generale dell Svilupp Agralimentare e della Qualità - Dipartiment delle Plitiche Cmpetitive del Mnd Rurale e della Qualità. In data 7 ttbre 2010 la Cnferenza Permanente per i rapprti tra l Stat le Regini e le Prvincie Autnme di Trent e Blzan ha dat parere favrevle sull schema di decret per l istituzine del Tavl di filiera della frutta in gusci cmprendente una specifica sezine per la castanicltura. Il prgramma di lavr ha vist la cstituzine di quattr Gruppi di lavr e di un Steering Cmmittee, cn funzini di crdinament, cmpst dai crdinatri dei Gruppi e dai rappresentanti delle Regini, del Minister dell Ambiente e del Minister della Salute. Le tematiche specifiche affrntate dai singli Gruppi sn state raggruppate in due settri: la castanicltura per la prduzine di frutti, che, per la frte e differenziata valenza dei fattri crrelati alla sua multifunzinalità territriale, ha richiest maggir spazi di trattazine, e la castanicltura per la prduzine legnsa, che ha cnntazini e prblematiche specifiche. Per la castanicltura da frutt sn stati analizzati i seguenti aspetti del settre, crrispndenti ai singli Gruppi e sttgruppi di lavr: 1. Plitiche di settre. Prduzine, trasfrmazine, cmmercializzazine. Prblematiche cmunitarie. 2. Marketing territriale, valrizzazine e Multifunzinalità. 3. Tecniche di prduzine e ricerca suddivis in tre sttgruppi: 3.1 tecniche clturali, miglirament genetic, scelte varietali; 3.2 difesa e avversità; 3.3 meccanizzazine. Pst-racclta. Fnti rinnvabili. Per la castanicltura da legn è stat cstituit un specific Grupp di lavr che ha analizzat il tema relativ a: 4. Valrizzazine della prduzine legnsa e sua multifunzinalità. Scp del presente Dcument di sintesi è di evidenziare i più imprtanti risultati emersi dai lavri dei Gruppi vver i punti di frza e di deblezza, le minacce e le pprtunità del settre castanicl italian, nnché la strategia, gli biettivi e le azini chiave, da cndividere cn tutti i sggetti istituzinali (Gvern, Amministrazini centrali, Regini, Amministrazini lcali) ed ecnmici interessati alle prblematiche del settre. Questi, nel cndividere il presente dcument, 3

5 si impegnan a prre in essere tutte le iniziative e le attività di prpria cmpetenza nnché a sttscrivere gli accrdi che scaturirann dall apprvazine del presente Pian. Oltre al presente Dcument di sintesi il Pian di settre è cmpst dai seguenti tre ulteriri dcumenti: il dcument 2. riguarda i Riferimenti tecnici di attuazine della Ltta bilgica al cinipide rientale del castagn cn Trymus sinensis, stilat dal Prf. A. Alma (DIVAPRA dell Università di Trin), imprtante dcument cnscitiv che frnisce ai tecnici le linee guida, i pssibili materiali nnché i metdi applicativi impiegati cn success in Piemnte per cmbattere il pericls parassita galligen, rmai diffus in tutta Italia; il dcument 3. riguarda l Elabrat dei Gruppi di lavr che presenta in maniera cmpleta ed esaustiva il lavr dei singli Gruppi; il dcument 4. riguarda l Elabrat delle Regini sulla castanicltura territriale che frnisce i dati cnscitivi sull stat e le prblematiche di alcune aree castanicle italiane. 4

6 3 LA CASTANICOLTURA PER LA PRODUZIONE DI FRUTTI 3.1 I numeri del settre frutticl La prduzine mndiale La prduzine mndiale di castagne si cncentra in due grandi macraree, l Asia e l Eurpa, che rappresentan rispettivamente l 80% e il 16% della prduzine mndiale (Fa, 2008). 1 Va sttlineat che la prduzine asiatica è ttenuta da specie di castagn (Castanea crenata Siebld e Zucc. - castagn giappnese, Castanea mllissima Blume - castagn cinese, e lr ibridi) diverse da quella eurpea (Castanea sativa Miller) e dtate di caratteristiche rganlettiche differenti e spess inferiri. In Eurpa (dalla Turchia al Prtgall) la prduzine è basata sstanzialmente sul castagn eurpe (Castanea sativa Miller) ma in pche aree, cme il sud-vest della Francia, sn cltivati ibridi eurgiappnesi che presentan castagne di maggir pezzatura ma qualità inferire. La prduzine mndiale di castagne è cresciuta a partire dal 1990 dp un trentenni in cui è rimasta relativamente stabile. Tale crescita è da attribuirsi esclusivamente alla prduzine cinese che tra il 1990 e il 2008 è più che triplicata. La perfrmance della Cina è da attribuirsi sia ad apprfndimenti dai censimenti svlti nel Paese, sia ad una maggire superficie investita nella cltura sia ad un miglirament delle rese. La prduzine italiana si aggira tra le 50 mila e le 70 mila tnnellate. La quta sulla prduzine mndiale è passata dall 11% al 4% a causa dell aument della prduzine cinese. La prduzine eurpea, dp una drastica diminuzine negli anni sessanta e settanta, si è cnslidata intrn a 170 mila tnnellate. La superficie investita a castagn da frutt in Eurpa è rimasta invece sstanzialmente stabile. I principali prduttri eurpei sn l Italia, la Turchia e il Prtgall che rappresentan rispettivamente il 30%, il 29% e il 15% della prduzine eurpea di castagne; segun la Grecia, la Francia e la Spagna cn percentuali tra il 5% e il 9%. La prduzine castanicla dei nuvi Paesi aderenti all UE è invece trascurabile Il cmmerci internazinale dell Italia Secnd i dati Fa del 2007, l Italia, la Cina e la Crea sn i principali esprtatri di castagne cn percentuali differenti sulle esprtazini mndiali a secnda che si guardi alle quantità ppure al valre. L Italia è il principale esprtatre di castagne per valre degli scambi ( $ cntr $ delle esprtazini delle castagne della Cina), mentre ccupa la secnda psizine per quantità scambiate ( tnnellate cntr le tnnellate delle castagne della Cina). Il prezz all esprtazine delle castagne italiane è, infatti, superire al prezz delle castagne prvenienti dai Paesi asiatici (3.843 $/T cntr $/T del prezz all esprtazine delle castagne cinesi). Le principali aree d imprtazine sn Eurpa, Giappne e Cina. Per quant riguarda l Eurpa, la Francia è sempre stat il maggire imprtatre di castagne. Tuttavia, l Italia negli ultimi venti anni ha aumentat la sua quta di imprtazini superand negli ultimi anni la Francia. L esprtazine italiane di castagne, pur risentend dell andament prduttiv, cstituisce un punt di frza del settre castanicl italian. Cnvglia mediamente il 35-40% del prdtt e cnsegue prezzi crescenti, pari a circa il dppi di quelli alla prduzine. Le principali regini esprtatrici sn Campania e Piemnte che rappresentan, rispettivamente, il 65% e il 12% delle quantità di castagne e marrni esprtate dall Italia e il 21 % e il 51% delle esprtazini di puree e paste di marrni. Secnd i dati Istat, nel 2008, le esprtazini sn dirette per circa il 75% nell UE e per il restante circa 18% nei Paesi extra-ue. I principali Paesi eurpei imprtatri di castagne italiane sn la Francia che assrbe il 30% delle nstre esprtazini; segun a distanza la Svizzera (14%), 1 Nella prduzine eurpea includiam anche la prduzine turca perché per tip di cltivazine e varietà delle castagne prdtte è più simile alla prduzine eurpea che a quella asiatica. 5

7 l Austria (11%), la Germania (11%) e l Ungheria (14%). Il più imprtante paese imprtatre extra UE sn gli USA che assrbn il 9% delle esprtazini italiane di castagne; la dmanda statunitense è alimentata dalle cmunità di rigine italiana e mediterranea disseminate sulla csta atlantica. segun Canada (4,6%) e Giappne (2,8%). Tuttavia, i dati sull evluzine delle esprtazini mstran una lenta e cstante diminuzine delle quantità esprtate dall Italia in un cntest di aument delle quantità scambiate a livell mndiale. Nel 1980 l Italia rappresentava il 26% delle esprtazini mndiali, nel 2007 la sua quta è scesa al 17%. I dati sull andament delle qute di mercat in quantità e in valre dell Italia sui mercati eurpei ed extra-eurpei rispecchian questa situazine. Una drastica diminuzine della quta di mercat in quantità si è avuta sul mercat statunitense sul quale si è passati dall 80% del 1997 al 40% del Valri simili si registran se si cnsidera il valre delle esprtazini italiane sul mercat USA. Nell stess perid, la quta di mercat in quantità della Cina è passata dal 2% al 30%, mentre quella della Crea del Sud dal 10% al 30%. Le perfrmances dell Italia sul mercat american nn sn da attribuirsi esclusivamente alla differenza di prezz perché anche negli anni in cui i prezzi delle castagne italiane sul mercat american hann registrat un prezz inferire di quelle cinesi, l Italia ha cntinuat a perdere qute di mercat. Sul mercat tedesc, la quta di mercat in quantità e valre dell Italia è passata da pc più del 50% del 1997 a circa il 40% del 2009, a vantaggi della Francia e della Cina; quest ultima, negli ultimi sli tre anni, ha cnquistat una quta di mercat di circa il 10%. Sul mercat francese, l Italia riduce del 10% la sua quta di mercat sulle quantità esprtate, passand da circa il 40% al 30%, mentre mantiene la sua quta di mercat sul valre delle esprtazini. I principali cncrrenti sul mercat francese sn Spagna e Prtgall che hann un livell dei prezzi delle castagne sensibilmente inferire, ma cn un livell qualitativ ugualmente adeguat ai requisiti richiesti dai cnsumatri e dall industria di trasfrmazine. Anche sul mercat spagnl, negli ultimi cinque anni è entrata la cncrrenza cinese, cn qute che mstran una frte variabilità annuale. Per quant riguarda le imprtazini, il principale frnitre dell Italia è la Spagna che rappresenta il 40% delle quantità imprtate, seguita da Prtgall (21%) e Albania (16%). Nell elenc dei frnitri cmpain anche Cina e Cile. Le quantità imprtate da questi Paesi sn aumentate sl negli ultimi anni, nn figurand tra i tradizinali frnitri dell Italia. 3.2 La filiera della castanicltura da frutt I dati sull evluzine del numer delle aziende agricle e della superficie investita dal 1970 al 2007 mstran una drastica diminuzine di entrambe le variabili. Tra il 1970 e 2000 le aziende si riducn del 75% e la superficie investita a castagnet da frutt del 62%. In particlare, tra il 2000 e il 2003 si registra un fenmen di ristrutturazine dei castagneti cltivati che prta ad un riduzine del 50% del numer delle aziende e del 30% delle superfici. Nnstante la frte cntrazine rimane un zccl dur di castanicltri che secnd i dati relativi al 2007 è intrn alle 34 mila unità. I dati ISTAT del 2007 evidenzian che la superficie cltivata a castagneti è cncentrata principalmente nelle regini centr-meridinali; particlarmente in Campania (13,3 mila ettari), Calabria (10,7 mila ettari), Tscana (7,8 mila ettari) e Lazi (5,2 mila ettari); nel Nrd la regine più interessata è il Piemnte (5,4 mila ettari), seguita a distanza dall Emilia-Rmagna (2,2 mila ettari). Le aziende castanicle sn aziende di piccla-media dimensine. Infatti, in media, l 80% delle aziende e il 40% della superficie è ricmpresa nella classe di SAU 0-5 ettari, mentre la superficie media investita a castagnet da frutt è di circa 1 ettar. La crescente senilizzazine e il bass livell di istruzine dei cnduttri delle aziende castanicle cmpletan il quadr dei vincli strutturali ad un svilupp cmpetitiv del settre. Le single regini hann pesi diversi sulla prduzine nazinale a secnda che si cnsideri la prduzine in quantità ppure in valre. La differenza nell andament del prezz tra le diverse regini dipende da diversi fattri, fra cui: 6

8 il maggir valre unitari dei marrni, prdtti esclusivamente nel centr-nrd la pratica, spess seguita nel centr-nrd, di raccgliere sl le castagne migliri l esistenza di una più efficiente rete di racclta, lavrazine e distribuzine del prdtt. Nei castagneti delle aree interne tradizinali l fferta è mlt frazinata e differenziata sia per varietà, sia per qualità (pezzatura, frma dei frutt). L industria invece chiede partite grsse, mgenee in md da nn dver mdificare le linee di lavrazine. I mediatri spperiscn a questa deblezza strutturale della prduzine. Pertant, essi sn diffusamente presenti nelle aree arretrate per impianti e assciazinism (sprattutt le aree interne), e l sn sempre men quant più ci si spsta vers aree a imprenditria castanicla più evluta e dve c è stat un svilupp dell integrazine tra le fasi della filiera (es. Campania, e nn sl). L Italia è industrialmente ptente. La Campania è la regine in cui si cncentran tra le più imprtanti industrie della filiera castanicla italiana ed eurpea. Segun il Piemnte e l Emilia Rmagna anche se interessanti realtà si stann affermand in altre regini. La surgelazine era prergativa italiana, ra surgelan anche Spagna e Prtgall. Le recenti dispsizini cmunitarie e nazinali cnsentn di rilevare anche la presenza delle castagne fra i prdtti agralimentari di qualità. Cmplessivamente si riscntran 17 prdtti, fra DOP e IGP, che smmati ai 101 prdtti tradizinali raggruppan ben 118 prdtti di qualità a base di castagne. A quest grande patrimni, tuttavia, nn crrispnde un prezz adeguat a remunerare il castanicltre. 3.3 Analisi SWOT della filiera castanicla da frutt La tabella seguente sintetizza i punti di frza e di deblezza delle filiere della castanicltura da frutt di alcune Regini italiane risultanti dai dcumenti predispsti dal Grupp di lavr Plitiche di settre. Si tratta di quelle Regini che hann partecipat alle elabrazini delle analisi reginali di filiera attravers prpri rappresentanti reginali che, in alcuni casi, sn stati crdinatri di sttgruppi appsitamente cstituiti. I dcumenti predispsti relativi a queste filiere rappresentan perciò una srta di psitin paper reginale per il settre castanicl. Negli elabrati tecnici sn cntenute tutte le analisi di filiera pervenute al Tavl. 7

9 REGIONI - ANALISI SWOT Calabria Campania Lazi Tscana Liguria Trentin Piemnte Punti di frza/deblezza Valrizzazine paesaggi tipic Tutela e salvaguardia ambiente Assciazinism tra prduttri Integrazine di filiera / Distrett castanicl Cmpetizine sui mercati internazinali Dimensine aziendale Cnfrmità ai requisiti richiesti sui mercati esteri dei prdtti trasfrmati (prtclli pst-racclta) Prduttri nn prfessinali/part-time / / / / / / / Filiera crta senza intermediari tra prduzine trasfrmazine - cnsum Plitiche pubbliche per il settre Ubicazine castagneti in lughi particlarmente difficili Elevat cst mandpera per perazini clturali e racclta Valrizzazine cmmerciale del prdtt fresc Pregi/qualità/tipicità del prdtt Areali vcati Presenza industrie di trasfrmazine Prduzini eccmpatibili Tracciabilità Avanzament tecnlgic della prduzine Adeguatezza/presenza degli impianti di cndizinament/stccaggi Nrme cmmerciali della GDO Opprtunità/Minacce / / / 8

10 Abbandn aree interne Marketing territriale Crescente interesse per prduzine bilgica Multifunzinalità attività agricla Recuper castagneti abbandnati Fitpatie Cncrrenza estera Cncrrenza ibridi Presenza IGP/DOP Diversificazine dei prdtti a base di castagne Strett legame cn valri tradizinali Perdita cnscenza della castagna sativa Imprtazine prdtti cn nuvi gusti rganlettici 9

11 3.3 Criticita La filiera castanicla italiana da frutt è cstituita da pchi peratri che trasfrman e cmmercializzan il prdtt sui mercati nazinali e esteri, da un fferta frammentata cstituita da aziende di piccle dimensini e dalla presenza di numersi intermediari. Tale struttura si riflette sia sul prezz alla prduzine (pc remunerativ) che su quell al cnsum (trpp elevat), mentre pregiudica la cstanza degli apprvviginamenti, in qualità e quantità, e la lavrabilità del prdtt fresc. A tal fine gli peratri cmmerciali imprtan prdtt ester al fine di stabilizzare la capacità d fferta sia dal punt di vista quantitativ che qualitativ. E necessaria pertant la creazine di una filiera castanicla nazinale maggirmente efficiente che prti alla diminuzine del prezz al cnsum e ad una più equa redistribuzine del valre aggiunt tra gli peratri della filiera. A tal fine è necessari prmuvere plitiche di sstegn all assciazinism dei prduttri anche attravers efficaci azini di animazine e divulgazine e accrescere il valre aggiunt percepit dai prduttri. La presenza di numersi prdtti di qualità va valrizzata. Dal lat del cnsum, i cnsumatri nn distingun le varietà, che hann csti di prduzine e qualità ben differenti. Le attuali nrme per la cmmercializzazine delle castagne sul mercat del fresc permettn di cmmercializzare anche le pezzature piccle, che quindi nn devn essere più destinate bbligatriamente a sl us industriale. Ne deriva che la GDO, per vendere a prezzi bassi, acquista e cmmercializza miscele di pezzature piccle, lasciand invendute le medie che vann in eccedenza e restan nei magazzini di prduttri e industrie. La crescente difficltà dell Italia sui mercati esteri richiede un plitica che aiuti il settre castanicl a cmpetere sui mercati internazinali. Innanzitutt, è necessaria una plitica di carattere generale che prmuva il cnsum della Castanea sativa sui mercati. Il success di questa plitica dipenderà dalla capacità dell Italia di cinvlgere nella sua prgrammazine e attuazine le istituzini eurpee. Essa richiede azini che mirin alla rieducazine al gust della castagna eurpea e che prmuvan la cnscenza delle differenze tra le castagne fferte sul mercat. L svilupp di efficaci azini di marketing da parte delle imprese presuppne una cnscenza apprfndita dei mercati di sbcc che permetta di cnscere i cmprtamenti dei cncrrenti, l evluzine della dmanda e dell fferta. 10

12 4 LA CASTANICOLTURA PER LA PRODUZIONE LEGNOSA 4.1 I numeri del settre legn Nel panrama nazinale, in cui dei 30 milini di ettari della superficie territriale ben 10,5 milini di ettari sn ccupati da bschi, la frazine investita a castagn, pur essend inferire a quella di varie altre specie, assume un rul di tutt riliev rappresentand nel cmpless ca. il 2,62% dell intera superficie territriale italiana ed il 7,53% di quella frestale. Le frmazini di castagn per la prduzine di legname sn presenti in tutte le Regini d Italia. Si tratta di sprassuli la cui estensine varia da pche centinaia di ettari fin a ltre ha, cncentrandsi in pche Regini; infatti le estensini del Piemnte, Tscana e Liguria sn pari ad ltre il 50% del patrimni nazinale. Cmprendend le Regini che hann un patrimni superire a ha (Lmbardia, Calabria, Campania, Emilia Rmagna e Lazi), si giunge al 90% dell intera superficie nazinale, ne deriva che ltre il 50% delle Regini hann superfici castanicle mlt mdeste. Le stazini su cui insistn i castagneti sn classificabili di alta-cllina e/ media mntagna, ubicandsi nella zna media dei versanti. I castagneti sn interessati da varie infrastrutture di cui quella viaria è la più diffusa. Malgrad ciò ltre i ¾ del patrimni castanicl nazinale è priv di infrastrutture, valre che riflette un carente quadr che accmuna tutte le Regini. La lr assenza purtrpp rende difficile l attività gestinale, appesantend ntevlmente i bilanci delle utilizzazini frestali riducend e/ talvlta rendend negativ il valre di macchiatic degli interventi selviclturali. Dai dati dell INFC si può rilevare che, data anche la dimensine prevalentemente cntenuta delle aziende per la prduzine da legn, le stesse si caratterizzan per spitare un sprassul cetane (aziende particellari). La frma di gvern nettamente prevalente è quella del bsc cedu (75,25%), trattat sprattutt a ras cn rilasci di matricine. La capacità prduttiva del castagn è ntriamente elevata. Gli ecsistemi di castagn si caratterizzan per una spiccata sensibilità vers i prcessi di degrad. Dall analisi dei dati emerge che i parassiti sn gli agenti più devastanti, che pssn interessare tutta la superficie castanicla. 4.2 La filiera della castanicltura da legn L rganizzazine del prim segment della filiera fresta-legn, ivi cmpres quell del settre del legn di castagn, si caratterizza per la presenza di due realtà imprenditriali quali l impresa di prduzine frestale, nta anche cme Azienda Frestale prprietà frestale (di seguit AF), nnché l Impresa di Utilizzazine e Prima Trasfrmazine nta anche cme ditta impresa frestale (di seguit IU&PT), strutturazine spiegabile sprattutt all esiguità delle estensini dei singli patrimni aziendali nnché alla lunghezza pluriennale dei turni. L AF rappresenta il cntest territriale in cui si svlge l attività di prduzine, mentre l IU&PT è quella realtà, strumentale alla prima, che cnsente la valrizzazine del prdtt sul mercat. Si tratta di due entità nrmalmente distinte ed indipendenti, cn biettivi ecnmici diametralmente ppsti ma cmplementari per quel che riguarda i capitali. L AF si caratterizza per la netta prevalenza del capitale fndiari e legns. Le decisini imprenditriali più rilevanti riguardan l pprtunità e il mment per effettuare interventi selviclturali intercalari e di fine turn al sprassul, nnché a quale IU&PT è pprtun affidarli. La secnda, invece, ha la sua specificità nel pssess del capitale di esercizi, di quell uman nnché dell esiguità del capitale fndiari finalizzat per il ricver degli strumenti. Essa utilizza il sprassul in relazine alla tiplgia degli assrtimenti mercelgicamente apprezzati dal mercat, perand all intern del mercat dei servizi (appalt per l esecuzine dell abbattiment della massa legnsa) dei beni (acquist della massa legnsa in piedi). 11

13 Nel ttale, ltre il 75% dei castagneti è destinat alla prduzine di legn. Dai castagneti da frutt, che ammntan a ha, di cui però nn si cnsce l stat di abbandn l intensità di cltivazine, la prduzine legnsa viene impiegata sprattutt per legna ad us energetic da parte dei prprietari stessi. I castagneti sn per la quasi ttalità di prprietà privata ( ltre il 90%), rimanend pubblica una frazine piuttst esigua (9%). Tra la prprietà privata dmina in frma prepnderante, quella individuale (85%), mentre dal lat pubblic i Cmuni e le Prvince pssiedn ltre i ¾ della prprietà pubblica. Quest assett fndiari ha evidenti ricadute sulle scelte imprenditriali, piché le piccle aziende hann la tendenza a mnetizzare cn maggir frequenza pssibile il reddit peridic che deriva dalla vendita del sprassul, a prescindere dalle lr ptenziali capacità prduttive e di mercat. Per la massimizzazine del reddit peridic si ricrre prevalentemente ad una gestine cnsuetudinaria. Atteggiament ben divers ptrebbe caratterizzare le grandi aziende. Tra esse, quelle che ptrebber megli sfruttare le pprtunità di mercat sn le pche grandi di prprietà privata, che si mstran più sensibili alle indicazini del mercat. 4.3 Criticita Le criticità che si evincn dall esame dei caratteri generali delle aziende per la prduzine di legn di castagn sn di seguit riprtate: a) carenza di infrmazini relative sia alla struttura delle aziende castanicle che alla lr pssibilità prduttiva in termini di massa legnsa; b) eccessiva frammentazine fndiaria che impedisce l attivazine di una gestine capace di valrizzare al megli le ptenzialità prduttive e le pssibilità di impieg del legname; c) bass tass di imprenditrialità nella gestine frestale che tende a salvaguardare il reddit integrativ che esse assicuran, attravers i mdelli gestinali cnsuetudinari. Nell ambit di questa ultima tematica è necessari valrizzare le ptenzialità ecnmiche della specie attravers la diversificazine ed il miglirament della qualità degli assrtimenti. E indispensabile tra l altr puntare alla valrizzazine del prdtt legn, qualificandl attravers l tteniment di marchi che attestin che i prcessi prduttivi, vver il trattament selviclturale applicat, sian cnfrmi agli standard di gestine sstenibile in termini eclgici, sciali ed ecnmici (eccertificazine) E imprtante che il prdtt sia caratterizzat da particlari specificità (marchi di qualità) e quindi dvrebber trvare spazi azini pubbliche di spnsrizzazine public prcurement che pssan accrdare la preferenza all impieg di legn di castagn per la realizzazine di pere finanziate anche cn sstegn pubblic (ristrutturazini di immbili rurali, arredament di parchi pubblici, barriere fnassrbenti, pere di biingegneria, ecc.). Tale scelta dvrebbe essere frtemente mtivata dal fatt che il castagn assicura bune caratteristiche tecnlgiche e in particlare nn necessita, data la naturale durabilità, di trattamenti chimici preservanti che hann impatti negativi sull ambiente. Il camp di applicazine interessa quei cntesti stazinali, strutturali e sciali che permettn di utilizzare in pien le specifiche caratteristiche bilgiche (rapidità di accresciment, prnta ristrutturazine sciale) e la prduzine di legname di qualità. Impegn nn indifferente cinvlge il recuper di pplamenti irreglari abbandnati da interventi selviclturali, ma ptenzialmente atti ad elevate prduzini legnse. 12

Scheda informativa sul programma di sviluppo rurale 2014-2020 per la Toscana

Scheda informativa sul programma di sviluppo rurale 2014-2020 per la Toscana Scheda infrmativa sul prgramma di svilupp rurale 2014-2020 per la Tscana Il prgramma di svilupp rurale (PSR) per la Tscana che è stat frmalmente adttat dalla Cmmissine eurpea il 26 maggi 2015, delinea

Dettagli

Scheda informativa sul programma di sviluppo rurale 2014-2020 per la Provincia di Bolzano

Scheda informativa sul programma di sviluppo rurale 2014-2020 per la Provincia di Bolzano Scheda infrmativa sul prgramma di svilupp rurale 2014-2020 per la Prvincia di Blzan Il prgramma di svilupp rurale (PSR) della Prvincia autnma di Blzan è stat ufficialmente adttat dalla Cmmissine eurpea

Dettagli

Scheda informativa sul Programma di sviluppo rurale 2014-2020 per l Emilia Romagna

Scheda informativa sul Programma di sviluppo rurale 2014-2020 per l Emilia Romagna Scheda infrmativa sul Prgramma di svilupp rurale 2014-2020 per l Emilia Rmagna Il Prgramma di svilupp rurale (PSR) dell Emilia Rmagna, che delinea le prirità della Regine per l utilizz di circa 1,19 miliardi

Dettagli

Scheda informativa sul programma di sviluppo rurale 2014-2020 per la Regione Lombardia

Scheda informativa sul programma di sviluppo rurale 2014-2020 per la Regione Lombardia Scheda infrmativa sul prgramma di svilupp rurale 2014-2020 per la Regine Lmbardia Il prgramma di svilupp rurale (PSR) per la Regine Lmbardia, che è stat frmalmente adttat dalla Cmmissine eurpea il 15 lugli

Dettagli

Scheda tecnica sul Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione Calabria

Scheda tecnica sul Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione Calabria Scheda tecnica sul Prgramma di svilupp rurale 2014-2020 della Regine Calabria Il prgramma di svilupp rurale (PSR) della Calabria, frmalmente adttat dalla Cmmissine eurpea il 20 nvembre 2015, delinea le

Dettagli

Scheda tecnica sul programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione Valle d'aosta

Scheda tecnica sul programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione Valle d'aosta Scheda tecnica sul prgramma di svilupp rurale 2014-2020 della Regine Valle d'asta Il prgramma di svilupp rurale della Regine Valle d'asta è stat frmalmente adttat dalla Cmmissine eurpea l 11 nvembre 2015,

Dettagli

Scheda informativa sul programma di sviluppo rurale 2014-2020 per la Regione Piemonte

Scheda informativa sul programma di sviluppo rurale 2014-2020 per la Regione Piemonte Scheda infrmativa sul prgramma di svilupp rurale 2014-2020 per la Regine Piemnte Il prgramma di svilupp rurale (PSR) per la Regine Piemnte, che è stat frmalmente adttat dalla Cmmissine eurpea il 28 ttbre

Dettagli

Istruzione e formazione all imprenditorialità

Istruzione e formazione all imprenditorialità Istruzine e frmazine all imprenditrialità L istruzine e la frmazine all imprenditrialità è il punt di partenza per sviluppare ed espandere l attività dei prfessinisti, miglirand la lr cnscenza e le lr

Dettagli

PROGRAMMI DESTINATI ALL AGRICOLTURA, ALLO SPAZIO RURALE E ALLA PESCA

PROGRAMMI DESTINATI ALL AGRICOLTURA, ALLO SPAZIO RURALE E ALLA PESCA PROGRAMMI DESTINATI ALL AGRICOLTURA, ALLO SPAZIO RURALE E ALLA PESCA PROGRAMMA NAZIONALE DI SVILUPPO RURALE (PNSR) Prgramma Nazinale di Svilupp Rurale (PNSR) e un prgramma di svilupp dell spazi rurale

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO

IL MODELLO DI RIFERIMENTO allegat 1 Alternanza Scula Lavr Il Prgett Rete telematica delle Imprese Frmative Simulate-IFSper la diffusine dell innvazine metdlgica ed rganizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sit Web: www.ifsitalia.net

Dettagli

Turismo. Chi è? Cosa studia? Biennio. Triennio. Le lingue straniere

Turismo. Chi è? Cosa studia? Biennio. Triennio. Le lingue straniere ITS S. Bandini Siena Indirizz Turism pag. 1/5 Turism Chi è? Eredita il vecchi crs per Perit Turistic Il Diplmat nel Turism ha cmpetenze specifiche nel cmpart delle imprese del settre turistic e cmpetenze

Dettagli

Business Plan On Line - RRN

Business Plan On Line - RRN Business Plan On Line - RRN Servizi n line per la cstruzine, l elabrazine e la valutazine dei business plan delle imprese Rbert D Auria bpl.assistenza@ismea.it Udine, 21 gennai 2016 Intrduzine Nel perid

Dettagli

Il Business Plan, documento essenziale per lo sviluppo e la crescita dell impresa. Sintesi del nostro punto di vista

Il Business Plan, documento essenziale per lo sviluppo e la crescita dell impresa. Sintesi del nostro punto di vista Il Business Plan, dcument essenziale per l svilupp e la crescita dell impresa Sintesi del nstr punt di vista Settembre 2014 Preparare il Business Plan Sintesi del nstr punt di vista La preparazine del

Dettagli

Politiche Comunitarie. Sintesi dell esistente e progettualità future

Politiche Comunitarie. Sintesi dell esistente e progettualità future Plitiche Cmunitarie Sintesi dell esistente e prgettualità future 1. La Cmmissine Eurpa: analisi e prpste di lavr Nel mandat 2005 2009 la Cmmissine UPI Eurpa e Plitiche Internazinali ha raggiunt i seguenti

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE FRA CENTRO REGIONALE DI COMPETENZA "ANALISI E MONITORAGGIO DEL RISCHIO AMBIENTALE" E D APPOLONIA s.p.a.

ACCORDO DI COLLABORAZIONE FRA CENTRO REGIONALE DI COMPETENZA ANALISI E MONITORAGGIO DEL RISCHIO AMBIENTALE E D APPOLONIA s.p.a. ACCORDO DI COLLABORAZIONE FRA CENTRO REGIONALE DI COMPETENZA "ANALISI E MONITORAGGIO DEL RISCHIO AMBIENTALE" E D APPOLONIA s.p.a. PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA E PROGETTI PER LO SVILUPPO E LA DIFFUSIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Il Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza, nella

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Il Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza, nella PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Cllegi Gemetri e Gemetri Laureati di Mnza e Brianza, nella persna di Cesare Galbiati, in qualità di Presidente del Cllegi e L Istitut di Istruzine Superire Ezi Vanni di Vimercate,

Dettagli

Studio sulla vendita diretta con il coinvolgimento delle imprese agricole delle Marche ed attraverso il monitoraggio del progetto pilota VDO

Studio sulla vendita diretta con il coinvolgimento delle imprese agricole delle Marche ed attraverso il monitoraggio del progetto pilota VDO REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Studi sulla vendita diretta cn il cinvlgiment delle imprese agricle delle Marche ed attravers il mnitraggi del prgett pilta VDO Relazine di mnitraggi Rma, 31 gennai 2012

Dettagli

Informativa relativa all attuazione. attuazione del Programma. Patto per lo Sviluppo Milano, 27 ottobre 2008 MOTORE DI SVILUPPO

Informativa relativa all attuazione. attuazione del Programma. Patto per lo Sviluppo Milano, 27 ottobre 2008 MOTORE DI SVILUPPO Infrmativa relativa all attuazine attuazine del Prgramma Patt per l Svilupp Milan, 27 ttbre 2008 Stat attuazine del POR Cmpetitività 2007-2013 2013 Sistema Gestine e Cntrll Allegat XII POR Cmpetitività

Dettagli

2007-2013. Programma Interreg IV Italia - Austria 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera

2007-2013. Programma Interreg IV Italia - Austria 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera 2007-2013 Prgramma Interreg IV Italia - Austria 2007 2013 Cperazine transfrntaliera Base giuridica La Cmmissine eurpea ha apprvat il 18 settembre 2007 il prgramma eurpe di cperazine territriale per la

Dettagli

Nuove Tecnologie per il Made in Italy nel settore dei servizi alle imprese. Tecnico superiore per il marketing, l internazionalizzazione delle imprese

Nuove Tecnologie per il Made in Italy nel settore dei servizi alle imprese. Tecnico superiore per il marketing, l internazionalizzazione delle imprese Allegat A Tecnic superire per il marketing, l internazinalizzazine delle imprese 2011 Prgett didattic frmativ Nuve Tecnlgie per il Made in Italy nel settre dei servizi alle imprese ITS SERVIZI ALLE IMPRESE

Dettagli

Groundbreaking Innovative Financing of Training. in a European Dimension. D2.1 MODELLO GIFTED Novembre 2012

Groundbreaking Innovative Financing of Training. in a European Dimension. D2.1 MODELLO GIFTED Novembre 2012 Grundbreaking Innvative Financing f Training in a Eurpean Dimensin D2.1 MODELLO GIFTED Nvembre 2012 N di riferiment del 517624-LLP-1-2011-1-AT-GRUNDTVIG-GMP prgett N del pian WP 2 Mdelling retributiv Deliverable

Dettagli

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità Servizi di pulizia ed altri servizi per le - Criteri di sstenibilità 1. Oggett dell iniziativa La Cnvenzine prevede la frnitura del servizi di pulizia ed altri servizi tesi al manteniment del decr e della

Dettagli

Bando per la concessione di agevolazioni alle imprese per favorire la registrazione di marchi comunitari e internazionali Nazionale

Bando per la concessione di agevolazioni alle imprese per favorire la registrazione di marchi comunitari e internazionali Nazionale Scheda 1. Band per la cncessine di agevlazini alle imprese per favrire la registrazine di marchi cmunitari e internazinali Nazinale Tempistiche e scadenze del band Le dmande ptrann essere presentate dal

Dettagli

POLITICA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

POLITICA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Manuale e dcumenti Dcumenti per la sicurezza Prcedure Gestinali Mdulistica Gestinali DISTRIBUZIONE CONTROLLATA Revisine Data Funzini e nminativi R-SGSL RSPP MC RLS PREP 00 20/10/14 Beltramelli Marc Campini

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA Direzine Generale UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO 1- SINTESI DELL INCONTRO DEL 19

Dettagli

LA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

LA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA LA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA STRUTTURA GENERALE DEI CORSI DI LAUREA E SISTEMA DEI "CREDITI" In base alla rifrma universitaria (D.M. 3.11.99 n. 509) l impegn dell studente (frequenza dei crsi e studi individuale)

Dettagli

SCHEDA TECNICA PIANO EXPORT

SCHEDA TECNICA PIANO EXPORT ALLEGATO B2 SCHEDA TECNICA PIANO EXPORT Situazine di partenza Frnire infrmazini sulle strategie adttate le mdalità rganizzative cn le quali vengn attualmente serviti i mercati esteri cn l indicazine degli

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI IL DIRIGENTE SCOLASTICO

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI IL DIRIGENTE SCOLASTICO Unine Eurpea Repubblica Italiana Regine Sicilia Istitut Cmprensiv «Santi Bivna» REGIONE SICILIANA-DISTRETTO SCOLASTICO N. 65 ISTITUTO COMPRENSIVO «SANTI BIVONA» Cntrada Sccrs s. n. c. - 92013 Menfi - (AG)

Dettagli

Convenzione tra la Provincia di Campobasso e il Comune di per l adesione alla RETE TELEMATICA DELLE ISTITUZIONI DELLA PROVINCIA DI CAMPOBASSO

Convenzione tra la Provincia di Campobasso e il Comune di per l adesione alla RETE TELEMATICA DELLE ISTITUZIONI DELLA PROVINCIA DI CAMPOBASSO Cnvenzine tra la Prvincia di Campbass e il Cmune di per l adesine alla RETE TELEMATICA DELLE ISTITUZIONI DELLA PROVINCIA DI CAMPOBASSO Oggi, nella sede della Prvincia di Campbass, si sn cstituiti i Sigg.,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA PROGRAMMA LIFE + NATURA & BIODIVERSITÀ. Allegato 2. Protocollo d intesa. tra. la Regione Puglia. (beneficiario coordinatore)

COMMISSIONE EUROPEA PROGRAMMA LIFE + NATURA & BIODIVERSITÀ. Allegato 2. Protocollo d intesa. tra. la Regione Puglia. (beneficiario coordinatore) COMMISSIONE EUROPEA PROGRAMMA LIFE + NATURA & BIODIVERSITÀ Allegat 2 Prtcll d intesa tra la Regine Puglia (beneficiari crdinatre) il Minister dell'ambiente DG per la Prtezine della Natura (autrità cmpetente

Dettagli

CARTA DEI PRINCIPI del costituendo DISTRETTO di ECONOMIA SOLIDALE del TERRITORIO BOLOGNESE D E S BOLOGNA * * * CHI SIAMO

CARTA DEI PRINCIPI del costituendo DISTRETTO di ECONOMIA SOLIDALE del TERRITORIO BOLOGNESE D E S BOLOGNA * * * CHI SIAMO CARTA DEI PRINCIPI del cstituend DISTRETTO di ECONOMIA SOLIDALE del TERRITORIO BOLOGNESE D E S BOLOGNA * * * CHI SIAMO Prmtre del percrs vers la cstituzine del Distrett di Ecnmia Slidale del territri blgnese

Dettagli

Il sistema pensionistico e la previdenza complementare

Il sistema pensionistico e la previdenza complementare LaReS Labratri Relazini Sindacali Il sistema pensinistic e la previdenza cmplementare a cura di Matte Zendrn, Pensplan Centrum spa A partire dagli anni 90, gverni e maggiranze di divers rientament plitic

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LE IMPRESE MADE IN ITALY: ECCELLENZE IN DIGITALE

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LE IMPRESE MADE IN ITALY: ECCELLENZE IN DIGITALE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LE IMPRESE MADE IN ITALY: ECCELLENZE IN DIGITALE La Camera di Cmmerci di Ragusa in attuazine del Prtcll di intesa per l svilupp delle cmpetenze digitali nei sistemi prduttivi

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nme Marc GARGIULO Data di nascita 20 ttbre 1962 Qualifica Categria D Amministrazine Giunta Reginale della Campania - AGC Turism e Beni Culturali Settre

Dettagli

La tecnica FMEA di prodotto

La tecnica FMEA di prodotto ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ dispensa data mdifica del livell Q-052 01.01.1996 0 01.01.1996 BLU La tecnica FMEA di prdtt MANUALE DI UTILIZZO ISI La tecnica FMEA di prdtt pagina 2 di 10 1.0 Intrduzine

Dettagli

Dal 2013 sono Presidente di ADACI, Emilia Romagna e Marche. Associazione nazionale di Manager Uffici Acquisti e Supply Chain. PROGRAMMA DI PRESIDENZA

Dal 2013 sono Presidente di ADACI, Emilia Romagna e Marche. Associazione nazionale di Manager Uffici Acquisti e Supply Chain. PROGRAMMA DI PRESIDENZA Carpi, nvembre 2014 Cari Amici, Sn Marc Arletti, nat il 18 nvembre 1977, spsat cn Teresa e abbiam 2 figli Francesc di 8 anni e Maria Vittria di 4. Sn Amministratre Delegat di CHIMAR SPA, azienda che pera

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA

SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA BENEFICIARI SCADENZA RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI BANDO SCHEDA SINTESI BANDO MIUR PER CLUSTER CENTRO NORD 2012 AVVISO PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DI CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI Fndi FAR cmplessivi

Dettagli

Agevolazioni previste

Agevolazioni previste Le agevlazini per l autimpieg di cui al Dgls 185/2000. Svilupp Italia Abruzz spa gestisce in Abruzz per cnt di Invitalia spa e del Minister del Lavr le Misure inerenti gli incentivi all Autimpieg di cui

Dettagli

SALUTE GLOBALE ED EQUITA' IN SALUTE

SALUTE GLOBALE ED EQUITA' IN SALUTE SALUTE GLOBALE ED EQUITA' IN SALUTE GLI STRUMENTI DELL'OPERATORE SANITARIO PER LA TUTELA DELLA SALUTE, DI TUTTI Nel 2008 l OMS ha presentat i lavri cnclusivi della Cmmissine sui Determinanti Sciali di

Dettagli

Oggetto: presentazione candidature Funzioni Strumentali al Piano dell Offerta Formativa

Oggetto: presentazione candidature Funzioni Strumentali al Piano dell Offerta Formativa MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VIA COPERNICO VIA COPERNICO 1 00040 POMEZIA (ROMA) TEL. 06 121127550 FAX 0667666356 CODICE

Dettagli

Le figure del sistema di Prevenzione aziendale secondo il D.Lgs.81/08

Le figure del sistema di Prevenzione aziendale secondo il D.Lgs.81/08 Le figure del sistema di Prevenzine aziendale secnd il D.Lgs.81/08 Le figure del sistema SICUREZZA Rappresentante dei lavratri per la sicurezza (RLS). Datre di lavr (DL), prepsti e dirigenti. Respnsabile

Dettagli

PROGETTO I - CAST Integrazione delle ICT nella catena del valore delle imprese del sistema Tessile Abbigliamento AVVISO

PROGETTO I - CAST Integrazione delle ICT nella catena del valore delle imprese del sistema Tessile Abbigliamento AVVISO PROGETTO I - CAST Integrazine delle ICT nella catena del valre delle imprese del sistema Tessile Abbigliament AVVISO Dispnibilità della piattafrma tecnlgica di scambi dcumentale Pagina 1 di 7 1. PREMESSA

Dettagli

CTRH - Centro Risorse Territoriale per l Handicap ACCORDO DI RETE

CTRH - Centro Risorse Territoriale per l Handicap ACCORDO DI RETE AMBITO TERRITORIALE: MILANO CENTRO-SUD ZONE 1-4-5 ACCORDO DI RETE RETE TERRITORIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNI SCOLASTICI 2012/2013 2013/2014 2014/2015 AMBITO TERRITORIALE:

Dettagli

QUANDO E DOVE. Segreteria organizzativa: info@nuoviscenarisrl.eu, tel. 342 0946344 e 393 1501613 W W W. N U O V I S C E N A R I S R L.

QUANDO E DOVE. Segreteria organizzativa: info@nuoviscenarisrl.eu, tel. 342 0946344 e 393 1501613 W W W. N U O V I S C E N A R I S R L. UNIVERSITÀ DIFFUSA PROGETTO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PERMANENTE in cllabrazine cn QUANDO E DOVE I Edizine della Summer Schl di Eurprgettazine per l ecnmia sciale, dal 16 al 20 settembre 2013, nell

Dettagli

Progetto di Istituto LEGALITA

Progetto di Istituto LEGALITA Prgett di Istitut LEGALITA Il seguente prgett investe tutti e tre gli rdini sclastici (infanzia, primaria e secndaria di I grad),in quant l Istitut, pne al centr del Pian dell Offerta Frmativa l educazine

Dettagli

MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania

MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania L'Assessra Plitiche Sciali, Plitiche Givanili, Pari pprtunità. Prblemi dell Immigrazine, Demani e Patrimni e l Area Generale Di Crdinament - 17 Istruzine, Musei, Plitiche Givanili, Lavr, Frmazine Prfessinale,

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PERO E L ASSOCIAZIONE FOTOCLUB 82 PERO ANNO 2013-2016 RICHIAMATI

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PERO E L ASSOCIAZIONE FOTOCLUB 82 PERO ANNO 2013-2016 RICHIAMATI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PERO E L ASSOCIAZIONE FOTOCLUB 82 PERO ANNO 2013-2016 RICHIAMATI 1. la delibera di Cnsigli cmunale n. 45 del 25/07/2012 di apprvazine delle linee prgrammatiche 2012-2017, che

Dettagli

Premessa Gli ISA (International Standard of Auditing)

Premessa Gli ISA (International Standard of Auditing) Revisine dei cnti apprcci al rischi. Di Angel Firi Premessa Gli ISA (Internatinal Standard f Auditing) Gli ISA (Internatinal Standard f Auditing) sn ggi un autrevle quadr di riferiment per l svlgiment

Dettagli

Scuola secondaria di 1 grado F. Malaguti Valsamoggia Anno scolastico 2014/2015 Programmazione per competenze Curricolo classi prime -tecnologia

Scuola secondaria di 1 grado F. Malaguti Valsamoggia Anno scolastico 2014/2015 Programmazione per competenze Curricolo classi prime -tecnologia Scula secndaria di 1 grad F. Malaguti Valsamggia Ann sclastic 2014/2015 Prgrammazine per cmpetenze Curricl classi prime -tecnlgia Traguardi per l svilupp delle cmpetenze al termine della scula secndaria

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la Carta dei Servizi al Lavoro

INDICE. 1. Cos è la Carta dei Servizi al Lavoro Carta dei Servizi al Lavr della scietà pubblica Zna Ovest di Trin srl INDICE 1. Cs è la Carta dei Servizi al Lavr 2. Presentazine della scietà pubblica Zna Ovest di Trin srl Missine e Finalità Attività

Dettagli

ALOT - Agenzia della Lombardia Orientale per i Trasporti e la Logistica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO PUBBLICO

ALOT - Agenzia della Lombardia Orientale per i Trasporti e la Logistica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO PUBBLICO ALOT - Agenzia della Lmbardia Orientale per i Trasprti e la Lgistica Scietà Cnsrtile a Respnsabilità Limitata AVVISO PUBBLICO ALOT - Agenzia della Lmbardia Orientale per i Trasprti e la Lgistica è una

Dettagli

Fondo di investimento nel capitale di rischio

Fondo di investimento nel capitale di rischio Fnd di investiment nel capitale di rischi Finalità e Obiettivi Supprtare gli investimenti delle Piccle e Medie Imprese (PMI), peranti nel settre agricl, agralimentare di prima trasfrmazine, della pesca

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LE IMPRESE MADE IN ITALY: ECCELLENZE IN DIGITALE

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LE IMPRESE MADE IN ITALY: ECCELLENZE IN DIGITALE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LE IMPRESE MADE IN ITALY: ECCELLENZE IN DIGITALE La Camera di Cmmerci di Rvig in attuazine del Prtcll di intesa per l svilupp delle cmpetenze digitali nei sistemi prduttivi

Dettagli

Curriculum dell Ente al 27-10-2010

Curriculum dell Ente al 27-10-2010 Via Dum 214, 80138 Napli, Piazza Filibert 39, 80049 Smma Vesuviana E-mail inf@finetica.net, Web www.finetica.net, CF 94183600637 Curriculum dell Ente al 27-10-2010 FINETICA viene cstituita da un grupp

Dettagli

Testo unico dell apprendistato (D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167)

Testo unico dell apprendistato (D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167) Test unic dell apprendistat (D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167) Cntratti cllettivi nazinali del lavr (CCNL) Accrd del 23 aprile 2012 tra Regine del Venet e Parti Sciali per la frmazine degli apprendisti

Dettagli

Codice di autodisciplina e regolamentazione per l adesione al Progetto Qualità dei servizi turistici della Provincia di Palermo. Agriturismo.

Codice di autodisciplina e regolamentazione per l adesione al Progetto Qualità dei servizi turistici della Provincia di Palermo. Agriturismo. Cdice di autdisciplina e reglamentazine per l adesine al Prgett Qualità dei servizi turistici della Prvincia di Palerm Agriturism Premess Che l A.A.P.I.T di Palerm in cllabrazine cn l Università di Palerm,

Dettagli

* Laurea in Architettura conseguita presso l Istituto Universitario di Architettura di Venezia nel 1989

* Laurea in Architettura conseguita presso l Istituto Universitario di Architettura di Venezia nel 1989 Nme e Cgnme: Lides Canaia Data di nascita: 5 Marz 1961 Funzine attuale: Direttre Area Gestinale Istruzine: * Laurea in Architettura cnseguita press l Istitut Universitari di Architettura di Venezia nel

Dettagli

Protocollo per la Responsabilità Sociale. Centrale del Latte di Firenze, Pistoia e Livorno S.p.A Mukki

Protocollo per la Responsabilità Sociale. Centrale del Latte di Firenze, Pistoia e Livorno S.p.A Mukki Prtcll per la Respnsabilità Sciale Centrale del Latte di Firenze, Pistia e Livrn S.p.A Mukki Firenze, 8 Aprile 2015 1. SCOPO Il Prtcll per la Respnsabilità Sciale (Prtcll) e la Carta degli Impegni (Carta)

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA

PROVINCIA DI BOLOGNA 1 I.P. 3213/2009 Tit./Fasc./Ann 14.1.2.0.0.0/5/2009 PROVINCIA DI BOLOGNA Prt. n 245512/2009 del 03/07/2009 SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' DETERMINAZIONE SENZA IMPEGNO DI SPESA N. 17/2009

Dettagli

I nuovi incentivi per l energia termica da biomasse legnose: opportunità per gli investitori pubblici e privati Marino Berton - Aiel

I nuovi incentivi per l energia termica da biomasse legnose: opportunità per gli investitori pubblici e privati Marino Berton - Aiel I nuvi incentivi per l energia termica da bimasse legnse: pprtunità per gli investitri pubblici e privati Marin Bertn - Aiel Quant cntan le bienergie IN ITALIA nel quadr cmplessiv delle FER secnd le previsini

Dettagli

Linee guida per la determinazione dell ammontare dei crediti

Linee guida per la determinazione dell ammontare dei crediti Linee guida per la determinazine dell ammntare dei crediti edilizi Nta di lavr Antnella Faggiani, Mesa srl Venezia, 15 ttbre 2008 L biettiv della nta è di illustrare i criteri per determinare l ammntare

Dettagli

Perché e per chi. Perché Lyra News? Sistema di Gestione Offerte e Organizzazione dell Attività Commerciale. In questo numero...

Perché e per chi. Perché Lyra News? Sistema di Gestione Offerte e Organizzazione dell Attività Commerciale. In questo numero... Sistema di Gestine Offerte e Organizzazine dell Attività Cmmerciale Perché e per chi. Il prcess di interazine cliente azienda che prta alla predispsizine dell fferta di un mezz di prduzine è mlt cmplicat

Dettagli

OUTSOURCING LOGISTICO E GESTIONE DEL CAMBIAMENTO

OUTSOURCING LOGISTICO E GESTIONE DEL CAMBIAMENTO OUTSOURCING LOGISTICO E GESTIONE DEL CAMBIAMENTO OUTSOURCING LOGISTICO E GESTIONE DEL CAMBIAMENTO La scelta strategica di un azienda di gestire cn una prpria rganizzazine la Supply Chain di affidarla,

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Prvincia di Csenza REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Settembre 2003 ART. 1 Istituzine e sede 1. E istituita, press la Prvincia di Csenza, la Cnsulta

Dettagli

INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI NELLE AZIENDE DEL SETTORE METALMECCANICO DELLE PROVINCE DI LUCCA, PISTOIA, MASSA CARRARA E PISA

INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI NELLE AZIENDE DEL SETTORE METALMECCANICO DELLE PROVINCE DI LUCCA, PISTOIA, MASSA CARRARA E PISA INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI NELLE AZIENDE DEL SETTORE METALMECCANICO DELLE PROVINCE DI LUCCA, PISTOIA, MASSA CARRARA E PISA 20 APRILE 2015 Quest dcument è di prprietà di ALFA CONSULT S.r.l. cn sede

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazine energetica e Acustica in edilizia Cncetti e spunti applicativi Relatre: Davide Stefan Guerra La Gestine Energetica cme mderna risrsa ambientale, ecnmica e lavrativa Gestine dell

Dettagli

Piero Pelizzaro Responsabile Cooperazione Internazionale Kyoto Club Unità Politiche di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Piero Pelizzaro Responsabile Cooperazione Internazionale Kyoto Club Unità Politiche di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Rma, 22 Nvembre 2012 Vers la Strategia Nazinale di Adattament. Respnsabilità di Gvern e cmpetenze dei territri. Vers la Strategia Nazinale di Adattament Respnsabilità di Gvern e cmpetenze dei territri.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379 www.abba-ballini.it email: inf@abba-ballini.it DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Attività

Dettagli

Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020 Regione Lombardia. Ex. Art. 116 Reg.

Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020 Regione Lombardia. Ex. Art. 116 Reg. Strategia di Cmunicazine Prgramma Operativ Reginale Fnd Eurpe di Svilupp Reginale 2014-2020 Regine Lmbardia. Ex. Art. 116 Reg. (UE) n.1303/2013 Allegat 2 Casi di studi delle attività di infrmazine e cmunicazine

Dettagli

Il Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015

Il Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 Il Cmmissari Unic delegat del Gvern per Exp Milan 2015 Milan, 15 maggi 2015 Prt. N. 74/U/2015 Ordinanza n. 2 del 15 maggi 2015 Oggett: Organizzazini di vlntariat di prtezine civile nelle attività cnnesse

Dettagli

Prevenzione del disagio scolastico

Prevenzione del disagio scolastico AREA 2 BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E PROCESSI INCLUSIVI DA ATTUARE Prevenzine del disagi sclastic Finalità Intervenire preccemente sulle difficltà, i disturbi dell apprendiment e del cmprtament. Obiettivi

Dettagli

SALUTE MENTALE/ DIPENDENZE IN ITALIA

SALUTE MENTALE/ DIPENDENZE IN ITALIA Sn circa 450 milini le persne che in tutt il mnd sffrn di disturbi neurlgici, mentali e cmprtamentali. Persne che sn spess sggette a islament sciale, bassa qualità della vita e alta mrtalità. I disturbi

Dettagli

COMUNITÁ MONTANA - COMMUNAUTÉ DE MONTAGNE GRAND COMBIN

COMUNITÁ MONTANA - COMMUNAUTÉ DE MONTAGNE GRAND COMBIN Lc. Chez Rncz, 29/i - 11010 GIGNOD (Valle d Asta) Tel. 0165/25.66.11 - Fax. 0165/ 25.66.36 - E.mail: inf@cm-grand cmbin.vda.it AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO (d. LGS. N. 163/2006) PROPEDEUTICA ALL INDIVIDUAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Seduta del 3/05/2011

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Seduta del 3/05/2011 Deliberazine n. 56 del 3/05/2011 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Seduta del 3/05/2011 OGGETTO: RICHIESTA ALLA REGIONE LOMBARDIA DI ATTIVAZIONE DI MISURE AGRO AMBIENTALI

Dettagli

LE PREVISIONI MACROECONOMICHE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA

LE PREVISIONI MACROECONOMICHE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA Rapprti e Sintesi rilascia delle sintesi relative ai temi presidiati dal Centr Studi nella sua attività di mnitraggi dell andament ecnmic LE PREVISIONI MACROECONOMICHE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA Rma,

Dettagli

Lezione Le Strategie e le Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Strategie e le Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Rma Tr Vergata Facltà di Lettere e Filsfia Lezine Le Strategie e le Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prf.ssa Claudia M. Glinelli Imprese alberghiere Mn-Unit/Multi-Unit Lcalizzazine

Dettagli

FORMAZIONE IN HOUSE : Acquisti, Logistica, Trasporti, Commercio Internazionale

FORMAZIONE IN HOUSE : Acquisti, Logistica, Trasporti, Commercio Internazionale FORMAZIONE IN HOUSE : Acquisti, Lgistica, Trasprti, Cmmerci Internazinale La frmazine rganizzata dal nstr netwrk mira a sddisfare la necessità d apprfndiment dei temi relativi ai temi di Acquisti,Lgistica

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano LEVA CIVICA VOLONTARIA BANDO PER LA SELEZIONE DI 3 VOLONTARI NELL AREA AMBIENTE

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano LEVA CIVICA VOLONTARIA BANDO PER LA SELEZIONE DI 3 VOLONTARI NELL AREA AMBIENTE COMUNE DI CISLIANO Prvincia di Milan LEVA CIVICA VOLONTARIA BANDO PER LA SELEZIONE DI 3 VOLONTARI NELL AREA AMBIENTE PREMESSA La crisi che sta investend il mnd del lavr determina l aument della fascia

Dettagli

ITC MASTER PLURIDISCIPLINARE. (Innovation Transfer Consultant) Master Pluridisciplinare per Innovation Transfer Consultant. Pag. 1

ITC MASTER PLURIDISCIPLINARE. (Innovation Transfer Consultant) Master Pluridisciplinare per Innovation Transfer Consultant. Pag. 1 Via Vicinale Viscnti, 77 80147 Napli Tel/Fax (+39) 081-341.84.49 Mb (+39) 340.763.29.62 e.mail: inf@leverup.it - web: http://www.leverup.it Via A. Tari, 22-80138 Napli e.mail inf@chimicinline.it - web:

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PERO E L ASSOCIAZIONE TANTIQUANTI ANNI 2013-2016 RICHIAMATI

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PERO E L ASSOCIAZIONE TANTIQUANTI ANNI 2013-2016 RICHIAMATI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PERO E L ASSOCIAZIONE TANTIQUANTI ANNI 2013-2016 RICHIAMATI 1. la delibera di Cnsigli cmunale n. 45 del 25/07/2012 di apprvazine delle linee prgrammatiche 2012-2017, che riprtan

Dettagli

Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza sul Lavoro

Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza sul Lavoro Sistema di Gestine della Salute e della Sicurezza sul Lavr versine 1.0 - settembre 2009 1 REVISIONE Prima stesura Versine 1.0 DATA REVISIONE REDAZIONE APPROVAZIONE DATA APPROVAZIONE Revisine 1 2 PREMESSA

Dettagli

Marisa Fabietti. Curriculum Vitae Marisa Fabietti INFORMAZIONI PERSONALI. +390718063808 marisa.fabietti@regione.marche.it

Marisa Fabietti. Curriculum Vitae Marisa Fabietti INFORMAZIONI PERSONALI. +390718063808 marisa.fabietti@regione.marche.it INFORMAZIONI PERSONALI Marisa Fabietti +390718063808 marisa.fabietti@regine.marche.it Nata a Jesi (An) il 12/10/1964 POSIZIONE PER LA QUALE SI CONCORRE POSIZIONE RICOPERTA Servizi Attività prduttive, lavr,

Dettagli

Gli interventi dell AUSL in integrazione con i Servizi Sociali in materia di tutela dei minori e degli adolescenti

Gli interventi dell AUSL in integrazione con i Servizi Sociali in materia di tutela dei minori e degli adolescenti PROMOZIONE E PROTEZIONE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Incntr cn il Garante dell Emilia-Rmagna Reggi Emilia e Mdena Mdena 11 giugn 2015 Gli interventi dell AUSL in integrazine cn i Servizi

Dettagli

Sfide e soluzioni per il GPP

Sfide e soluzioni per il GPP Event di Netwrking Nazinale GPP2020 Sfide e sluzini per il GPP 1 ttbre 2014, Rma L 1 ttbre 2014 press l Acquari Rman-Casa dell Architettura, nell ambit del Frum Internazinale degli acquisti verdi, CmpraVerde-BuyGreen,

Dettagli

Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Patrizia Tettamanzi

Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Patrizia Tettamanzi Amministrazine e Bilanci Dcente di riferiment: Patrizia Tettamanzi Il prim macr-mdul ha l biettiv di permettere ai partecipanti di apprfndire la cnscenza degli strumenti fndamentali per una crretta applicazine

Dettagli

Dichiarazioni del concorrente

Dichiarazioni del concorrente ALLEGATO C: Mdell C2 per l attribuzine del punteggi relativ al criteri della cnscenza pregressa della realtà ambientale e frestale della ZPS IT 6030005 Cmprensri Tllfetan Cerite Manziate (un mdell per

Dettagli

Esempio di Business Plan

Esempio di Business Plan Esempi di Business Plan Presentiam un esempi di business plan relativ ad un pian industriale nel settre della plastica. Stria dell azienda E stata da pc cstituita la scietà PLASTICA spa. Il settre nel

Dettagli

InfoCenter Product a PLM Product

InfoCenter Product a PLM Product InfCenter Prduct a PLM Prduct Inf Center Prduct Cmpnenti di Inf Center Prduct La gestine dcumenti Definizine e ggett Acquisizine di un ggett Funzini sugli ggetti L integrazine prgettazine e gestinali Le

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA C.A.T. CONFCOMMERCIO COSENZA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA C.A.T. CONFCOMMERCIO COSENZA RELAZIONE ILLUSTRATIVA C.A.T. CONFCOMMERCIO COSENZA Scpi, biettivi ed rganizzazine Premessa: L'art. 23 del D. Lgs. 114/98 ha previst la cstituzine dei C.A.T. (Centri di Assistenza Tecnica) per accmpagnare

Dettagli

REQUISITI PRINCIPALI: Regolamento definitivo sui controlli preventivi dei prodotti alimentari destinati al consumo umano Punti chiave

REQUISITI PRINCIPALI: Regolamento definitivo sui controlli preventivi dei prodotti alimentari destinati al consumo umano Punti chiave La Fd and Drug Administratin ffre questa traduzine cme un servizi per un vast pubblic internazinale. Ci auguriam che Lei trvi questa traduzine utile. Anche se l'ente ha cercat di ttenere una traduzine

Dettagli

PROGETTO LAVORO&SVILUPPO 4

PROGETTO LAVORO&SVILUPPO 4 Prvincia di Csenza Settre Mercat del Lavr PROGETTO LAVORO&SVILUPPO 4 OBIETTIVI E FINALITA Scp del prgett è favrire la frmazine di sggetti inccupati/disccupati residenti nelle Regini dell biettiv Cnvergenza

Dettagli

Fondazione Patrimonio Comune. Le più rilevanti novità normative. sul tema delle PPP e della valorizzazione e. dismissione degli immobili pubblici

Fondazione Patrimonio Comune. Le più rilevanti novità normative. sul tema delle PPP e della valorizzazione e. dismissione degli immobili pubblici Le più rilevanti nvità nrmative sul tema delle PPP e della valrizzazine e dismissine degli immbili pubblici Aggirnat al 4 lugli 2012 Fndazine Patrimni Cmune Assciazine Nazinale dei Cmuni Italiani - Via

Dettagli

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo PROGETTO FORMATIVO COMUNICAZIONE EFFICACE E GESTIONE DEL CONFLITTO NEL FRONT-OFFICE PREMESSA L rientament al cliente è una prergativa indispensabile per la crescita e la cmpetitività di un rganizzazine

Dettagli

Tutti a scuola almeno fino a 16 anni

Tutti a scuola almeno fino a 16 anni Tutti a scula almen fin a 16 anni LE BUONE PRATICHE: BIENNIO UNITARIO SUBITO L Esperienza dell ITIS Cbianchi di Verbania raccntata da Guid Bschini Nell ann 1886 venne fndata a Intra cittadina del Lag Maggire

Dettagli

www.garanziagiovani.gov.it Guida utente Cittadino - Operatore - Regione

www.garanziagiovani.gov.it Guida utente Cittadino - Operatore - Regione www.garanziagivani.gv.it Guida utente Cittadin - Operatre - Regine Intrduzine Garanzia Givani, Yuth Guarantee, è un prgett prmss dall Unine Eurpea, cme sluzine per cntrastare la disccupazine givanile nei

Dettagli

PIANO D AZIONE DELLA RISERVA REGIONALE LECCETA DI TORINO DI SANGRO (Approvato con Delibera della Giunta Comunale n 16 del 26.02.

PIANO D AZIONE DELLA RISERVA REGIONALE LECCETA DI TORINO DI SANGRO (Approvato con Delibera della Giunta Comunale n 16 del 26.02. PIANO D AZIONE DELLA RISERVA REGIONALE (Apprvat cn Delibera della Giunta Cmunale n 16 del 26.02.2009) Premessa L idea di elabrare il presente Pian nasce dalla necessità di presentare e cncrdare cn l Amministrazine

Dettagli

Corrado Passera Ministro dello Sviluppo Economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti

Corrado Passera Ministro dello Sviluppo Economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti Intervent di Crrad Passera Ministr dell Svilupp Ecnmic, delle Infrastrutture e dei Trasprti Presentazine Pian Exprt Rma, 16 gennai 2013 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003

Dettagli

FRANCHISING. Il Franchising è la formula imprenditoriale che consente di realizzare accordi di collaborazione per la creazione di reti di imprese.

FRANCHISING. Il Franchising è la formula imprenditoriale che consente di realizzare accordi di collaborazione per la creazione di reti di imprese. AUTOIMPIEGO: decret legislativ n. 185/2000 Titl II FRANCHISING Il Franchising è misura prevista dal Titl II del Decret 185/2000 indicata per chi vule avviare una nuva impresa ma nn vule partire da zer,

Dettagli