Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali"

Transcript

1 Minister delle plitiche agricle alimentari e frestali P I A N O D E L S E T T O R E C A S T A N I C O L O / D O C U M E N T O DI S I N T E S I

2 I N D I C E 1 PREMESSA IL TAVOLO DI FILIERA LA CASTANICOLTURA PER LA PRODUZIONE DI FRUTTI I numeri del settre frutticl La prduzine mndiale Il cmmerci internazinale dell Italia La filiera della castanicltura da frutt Analisi SWOT della filiera castanicla da frutt Criticita LA CASTANICOLTURA PER LA PRODUZIONE LEGNOSA I numeri del settre legn La filiera della castanicltura da legn Criticita ANALISI SWOT DELLE FILIERE FRUTTO E LEGNO DEL SETTORE LA POLITICA NAZIONALE ED EUROPEA PER IL SETTORE La castanicltura da frutt nelle plitiche eurpee dei mercati e di sstegn al reddit del I pilastr della PAC Chestnut (Castanea sativa Mill.): a multipurpse eurpean tree Le plitiche per il settre frestale La castanicltura nella plitica eurpea per l svilupp rurale La plitica eurpea pst OBIETTIVO GENERALE, OBIETTIVI STRATEGICI ED AZIONI CHIAVE DEL PIANO DI SETTORE Obiettiv generale Obiettivi strategici Strumenti LA STRATEGIA DEL PIANO DI SETTORE L apprcci integrat e partecipat Principali fasi di adzine dell'apprcci di filiera previst dal pian di settre GLI OBIETTIVI SPECIFICI Castanicltura per la prduzine di frutti Marketing territriale Valrizzazine - Multifunzinalità Tecniche di prduzine - Pst-racclta - Fnti rinnvabili - Ricerca - Sicurezza Tecniche clturali - miglirament genetic - scelte varietali Difesa ed avversità Meccanizzazine - Pst-racclta - Fnti rinnvabili - Sicurezza Castanicltura per la prduzine di legname - Valrizzazine Multifunzinalità - Ricerca APPLICAZIONE E OPERATIVITÀ DEL PIANO CASTANICOLO LE RISORSE ORGANIZZATIVE LE RISORSE FINANZIARIE

3 1 PREMESSA L Italia è tra i principali prduttri ed esprtatri mndiali di castagne (Castanea sativa Miller). In particlare, è il prim esprtatre mndiale per valre degli scambi e il secnd per quantità scambiate, dp la Cina. Tuttavia, la sua imprtanza sui mercati esteri è sempre più minacciata dalla cncrrenza asiatica. Sul mercat intern, la deblezza strutturale della prduzine, caratterizzata da piccle aziende lcalizzate prevalentemente in mntagna e cllina, i mutati cnsumi alimentari e la crescente cncrrenza asiatica minaccian la spravvivenza di un settre che può garantire un imprtante fnte di reddit e la tutela ambientale e paesaggistica dei territri. Il castagn ha assunt in passat ed assume ancra ggi un rul preminente tra le frmazini frestali italiane, nn sl per l elevata prduttività, la qualità e la varietà degli assrtimenti legnsi, ma sprattutt per la cnsistente presenza sul territri nazinale. Nei 10,5 milini di ettari ccupati da bschi, la frazine investita a castagn rappresenta il 7,53% di quella frestale, per un ttale di circa ha. Si tratta di un patrimni frestale, in gran parte di rigine antrpica, la cui ubicazine si cncentra in diverse Regini. Le estensini del Piemnte, Tscana e Liguria sn pari ad ltre il 50% del patrimni nazinale; includend quelle che hann un patrimni superire a ha (Lmbardia, Calabria, Campania, Emilia Rmagna e Lazi) si giunge al 90%. Le stazini su cui insistn i castagneti sn classificabili di alta-cllina e/ media mntagna, ubicandsi nella zna media dei versanti. La fascia altitudinale è cmpresa tra i m s.l.m. e più in dettagli tra m s.l.m., dve sn spitati rispettivamente il 66,56% e 43,43%, mentre frazini percentualmente minri sn nelle fasce inferiri. L utilizz della bimassa, insieme alle altre fnti energetiche rinnvabili, sta ricevend in questi ultimi anni una sempre maggire attenzine in ambit eurpe e nazinale sprattutt a seguit degli impegni presi cn la ratifica del prtcll di Kyt e cn i successivi accrdi internazinali da quest ispirati. L interesse vers le bimasse agr-frestali nn è sl a livell plitic (Unine eurpea, Stati e Regini), ma anche e sprattutt da parte del mnd ecnmic-prduttiv del settre agricl e di quell tecnlgic-industriale (impiantistica, macchine agricle e frestali, ecc.). La filiera energetica può quindi divenire un pprtunità per le ecnmie lcali, a patt però che sia inserita in una crretta strategia di sfruttament della risrsa legn. I castagneti sn minacciati da emergenze fitsanitarie. L estensine delle infestazini del cinipide alla quasi ttalità del territri italian, richiede di mdificare la nrmativa vigente, cn l biettiv di adeguarla alle esigenze della castanicltura, sia per quant riguarda la prduzine dei frutti, sia riguard la mvimentazine del materiale di prpagazine del castagn. Il castagn svlge diverse funzini: prduttive, prtettive, naturalistiche, paesaggistiche, ricreative, didattiche. Tenut cnt del frte legame tra il castagn e l identità territriale, la valrizzazine delle prduzini nn può prescindere dal cnsiderare i diversi aspetti della multifunzinalità e una efficace azine di marketing territriale deve partire da questa base. 2

4 2 IL TAVOLO DI FILIERA La cstituzine di un specific Tavl di filiera è nata dall esigenza di affrntare i prblemi del settre castanicl italian, resi più evidenti sul mercat intern dalle emergenze fitsanitarie e, sui mercati esteri, dalle difficltà rispett alla cncrrenza asiatica, cn enrmi ripercussini ecnmiche sui prduttri, sugli peratri della filiera e sui territri. In tale ttica il MiPAAF, su sllecitazine dell Assciazine Nazinale Città del Castagn, ha prmss un prim incntr tra tecnici del settre, ricercatri, rappresentanti del mnd castanicl, Amministrazini pubbliche a livell centrale, reginale e lcale, cn l scp di prmuvere un Tavl Nazinale di Crdinament della Filiera castanicla al fine di cncertare un Pian di Settre per il rilanci del cmpart. Il crdinament è stat affidat all Uffici SAQ VI della Direzine Generale dell Svilupp Agralimentare e della Qualità - Dipartiment delle Plitiche Cmpetitive del Mnd Rurale e della Qualità. In data 7 ttbre 2010 la Cnferenza Permanente per i rapprti tra l Stat le Regini e le Prvincie Autnme di Trent e Blzan ha dat parere favrevle sull schema di decret per l istituzine del Tavl di filiera della frutta in gusci cmprendente una specifica sezine per la castanicltura. Il prgramma di lavr ha vist la cstituzine di quattr Gruppi di lavr e di un Steering Cmmittee, cn funzini di crdinament, cmpst dai crdinatri dei Gruppi e dai rappresentanti delle Regini, del Minister dell Ambiente e del Minister della Salute. Le tematiche specifiche affrntate dai singli Gruppi sn state raggruppate in due settri: la castanicltura per la prduzine di frutti, che, per la frte e differenziata valenza dei fattri crrelati alla sua multifunzinalità territriale, ha richiest maggir spazi di trattazine, e la castanicltura per la prduzine legnsa, che ha cnntazini e prblematiche specifiche. Per la castanicltura da frutt sn stati analizzati i seguenti aspetti del settre, crrispndenti ai singli Gruppi e sttgruppi di lavr: 1. Plitiche di settre. Prduzine, trasfrmazine, cmmercializzazine. Prblematiche cmunitarie. 2. Marketing territriale, valrizzazine e Multifunzinalità. 3. Tecniche di prduzine e ricerca suddivis in tre sttgruppi: 3.1 tecniche clturali, miglirament genetic, scelte varietali; 3.2 difesa e avversità; 3.3 meccanizzazine. Pst-racclta. Fnti rinnvabili. Per la castanicltura da legn è stat cstituit un specific Grupp di lavr che ha analizzat il tema relativ a: 4. Valrizzazine della prduzine legnsa e sua multifunzinalità. Scp del presente Dcument di sintesi è di evidenziare i più imprtanti risultati emersi dai lavri dei Gruppi vver i punti di frza e di deblezza, le minacce e le pprtunità del settre castanicl italian, nnché la strategia, gli biettivi e le azini chiave, da cndividere cn tutti i sggetti istituzinali (Gvern, Amministrazini centrali, Regini, Amministrazini lcali) ed ecnmici interessati alle prblematiche del settre. Questi, nel cndividere il presente dcument, 3

5 si impegnan a prre in essere tutte le iniziative e le attività di prpria cmpetenza nnché a sttscrivere gli accrdi che scaturirann dall apprvazine del presente Pian. Oltre al presente Dcument di sintesi il Pian di settre è cmpst dai seguenti tre ulteriri dcumenti: il dcument 2. riguarda i Riferimenti tecnici di attuazine della Ltta bilgica al cinipide rientale del castagn cn Trymus sinensis, stilat dal Prf. A. Alma (DIVAPRA dell Università di Trin), imprtante dcument cnscitiv che frnisce ai tecnici le linee guida, i pssibili materiali nnché i metdi applicativi impiegati cn success in Piemnte per cmbattere il pericls parassita galligen, rmai diffus in tutta Italia; il dcument 3. riguarda l Elabrat dei Gruppi di lavr che presenta in maniera cmpleta ed esaustiva il lavr dei singli Gruppi; il dcument 4. riguarda l Elabrat delle Regini sulla castanicltura territriale che frnisce i dati cnscitivi sull stat e le prblematiche di alcune aree castanicle italiane. 4

6 3 LA CASTANICOLTURA PER LA PRODUZIONE DI FRUTTI 3.1 I numeri del settre frutticl La prduzine mndiale La prduzine mndiale di castagne si cncentra in due grandi macraree, l Asia e l Eurpa, che rappresentan rispettivamente l 80% e il 16% della prduzine mndiale (Fa, 2008). 1 Va sttlineat che la prduzine asiatica è ttenuta da specie di castagn (Castanea crenata Siebld e Zucc. - castagn giappnese, Castanea mllissima Blume - castagn cinese, e lr ibridi) diverse da quella eurpea (Castanea sativa Miller) e dtate di caratteristiche rganlettiche differenti e spess inferiri. In Eurpa (dalla Turchia al Prtgall) la prduzine è basata sstanzialmente sul castagn eurpe (Castanea sativa Miller) ma in pche aree, cme il sud-vest della Francia, sn cltivati ibridi eurgiappnesi che presentan castagne di maggir pezzatura ma qualità inferire. La prduzine mndiale di castagne è cresciuta a partire dal 1990 dp un trentenni in cui è rimasta relativamente stabile. Tale crescita è da attribuirsi esclusivamente alla prduzine cinese che tra il 1990 e il 2008 è più che triplicata. La perfrmance della Cina è da attribuirsi sia ad apprfndimenti dai censimenti svlti nel Paese, sia ad una maggire superficie investita nella cltura sia ad un miglirament delle rese. La prduzine italiana si aggira tra le 50 mila e le 70 mila tnnellate. La quta sulla prduzine mndiale è passata dall 11% al 4% a causa dell aument della prduzine cinese. La prduzine eurpea, dp una drastica diminuzine negli anni sessanta e settanta, si è cnslidata intrn a 170 mila tnnellate. La superficie investita a castagn da frutt in Eurpa è rimasta invece sstanzialmente stabile. I principali prduttri eurpei sn l Italia, la Turchia e il Prtgall che rappresentan rispettivamente il 30%, il 29% e il 15% della prduzine eurpea di castagne; segun la Grecia, la Francia e la Spagna cn percentuali tra il 5% e il 9%. La prduzine castanicla dei nuvi Paesi aderenti all UE è invece trascurabile Il cmmerci internazinale dell Italia Secnd i dati Fa del 2007, l Italia, la Cina e la Crea sn i principali esprtatri di castagne cn percentuali differenti sulle esprtazini mndiali a secnda che si guardi alle quantità ppure al valre. L Italia è il principale esprtatre di castagne per valre degli scambi ( $ cntr $ delle esprtazini delle castagne della Cina), mentre ccupa la secnda psizine per quantità scambiate ( tnnellate cntr le tnnellate delle castagne della Cina). Il prezz all esprtazine delle castagne italiane è, infatti, superire al prezz delle castagne prvenienti dai Paesi asiatici (3.843 $/T cntr $/T del prezz all esprtazine delle castagne cinesi). Le principali aree d imprtazine sn Eurpa, Giappne e Cina. Per quant riguarda l Eurpa, la Francia è sempre stat il maggire imprtatre di castagne. Tuttavia, l Italia negli ultimi venti anni ha aumentat la sua quta di imprtazini superand negli ultimi anni la Francia. L esprtazine italiane di castagne, pur risentend dell andament prduttiv, cstituisce un punt di frza del settre castanicl italian. Cnvglia mediamente il 35-40% del prdtt e cnsegue prezzi crescenti, pari a circa il dppi di quelli alla prduzine. Le principali regini esprtatrici sn Campania e Piemnte che rappresentan, rispettivamente, il 65% e il 12% delle quantità di castagne e marrni esprtate dall Italia e il 21 % e il 51% delle esprtazini di puree e paste di marrni. Secnd i dati Istat, nel 2008, le esprtazini sn dirette per circa il 75% nell UE e per il restante circa 18% nei Paesi extra-ue. I principali Paesi eurpei imprtatri di castagne italiane sn la Francia che assrbe il 30% delle nstre esprtazini; segun a distanza la Svizzera (14%), 1 Nella prduzine eurpea includiam anche la prduzine turca perché per tip di cltivazine e varietà delle castagne prdtte è più simile alla prduzine eurpea che a quella asiatica. 5

7 l Austria (11%), la Germania (11%) e l Ungheria (14%). Il più imprtante paese imprtatre extra UE sn gli USA che assrbn il 9% delle esprtazini italiane di castagne; la dmanda statunitense è alimentata dalle cmunità di rigine italiana e mediterranea disseminate sulla csta atlantica. segun Canada (4,6%) e Giappne (2,8%). Tuttavia, i dati sull evluzine delle esprtazini mstran una lenta e cstante diminuzine delle quantità esprtate dall Italia in un cntest di aument delle quantità scambiate a livell mndiale. Nel 1980 l Italia rappresentava il 26% delle esprtazini mndiali, nel 2007 la sua quta è scesa al 17%. I dati sull andament delle qute di mercat in quantità e in valre dell Italia sui mercati eurpei ed extra-eurpei rispecchian questa situazine. Una drastica diminuzine della quta di mercat in quantità si è avuta sul mercat statunitense sul quale si è passati dall 80% del 1997 al 40% del Valri simili si registran se si cnsidera il valre delle esprtazini italiane sul mercat USA. Nell stess perid, la quta di mercat in quantità della Cina è passata dal 2% al 30%, mentre quella della Crea del Sud dal 10% al 30%. Le perfrmances dell Italia sul mercat american nn sn da attribuirsi esclusivamente alla differenza di prezz perché anche negli anni in cui i prezzi delle castagne italiane sul mercat american hann registrat un prezz inferire di quelle cinesi, l Italia ha cntinuat a perdere qute di mercat. Sul mercat tedesc, la quta di mercat in quantità e valre dell Italia è passata da pc più del 50% del 1997 a circa il 40% del 2009, a vantaggi della Francia e della Cina; quest ultima, negli ultimi sli tre anni, ha cnquistat una quta di mercat di circa il 10%. Sul mercat francese, l Italia riduce del 10% la sua quta di mercat sulle quantità esprtate, passand da circa il 40% al 30%, mentre mantiene la sua quta di mercat sul valre delle esprtazini. I principali cncrrenti sul mercat francese sn Spagna e Prtgall che hann un livell dei prezzi delle castagne sensibilmente inferire, ma cn un livell qualitativ ugualmente adeguat ai requisiti richiesti dai cnsumatri e dall industria di trasfrmazine. Anche sul mercat spagnl, negli ultimi cinque anni è entrata la cncrrenza cinese, cn qute che mstran una frte variabilità annuale. Per quant riguarda le imprtazini, il principale frnitre dell Italia è la Spagna che rappresenta il 40% delle quantità imprtate, seguita da Prtgall (21%) e Albania (16%). Nell elenc dei frnitri cmpain anche Cina e Cile. Le quantità imprtate da questi Paesi sn aumentate sl negli ultimi anni, nn figurand tra i tradizinali frnitri dell Italia. 3.2 La filiera della castanicltura da frutt I dati sull evluzine del numer delle aziende agricle e della superficie investita dal 1970 al 2007 mstran una drastica diminuzine di entrambe le variabili. Tra il 1970 e 2000 le aziende si riducn del 75% e la superficie investita a castagnet da frutt del 62%. In particlare, tra il 2000 e il 2003 si registra un fenmen di ristrutturazine dei castagneti cltivati che prta ad un riduzine del 50% del numer delle aziende e del 30% delle superfici. Nnstante la frte cntrazine rimane un zccl dur di castanicltri che secnd i dati relativi al 2007 è intrn alle 34 mila unità. I dati ISTAT del 2007 evidenzian che la superficie cltivata a castagneti è cncentrata principalmente nelle regini centr-meridinali; particlarmente in Campania (13,3 mila ettari), Calabria (10,7 mila ettari), Tscana (7,8 mila ettari) e Lazi (5,2 mila ettari); nel Nrd la regine più interessata è il Piemnte (5,4 mila ettari), seguita a distanza dall Emilia-Rmagna (2,2 mila ettari). Le aziende castanicle sn aziende di piccla-media dimensine. Infatti, in media, l 80% delle aziende e il 40% della superficie è ricmpresa nella classe di SAU 0-5 ettari, mentre la superficie media investita a castagnet da frutt è di circa 1 ettar. La crescente senilizzazine e il bass livell di istruzine dei cnduttri delle aziende castanicle cmpletan il quadr dei vincli strutturali ad un svilupp cmpetitiv del settre. Le single regini hann pesi diversi sulla prduzine nazinale a secnda che si cnsideri la prduzine in quantità ppure in valre. La differenza nell andament del prezz tra le diverse regini dipende da diversi fattri, fra cui: 6

8 il maggir valre unitari dei marrni, prdtti esclusivamente nel centr-nrd la pratica, spess seguita nel centr-nrd, di raccgliere sl le castagne migliri l esistenza di una più efficiente rete di racclta, lavrazine e distribuzine del prdtt. Nei castagneti delle aree interne tradizinali l fferta è mlt frazinata e differenziata sia per varietà, sia per qualità (pezzatura, frma dei frutt). L industria invece chiede partite grsse, mgenee in md da nn dver mdificare le linee di lavrazine. I mediatri spperiscn a questa deblezza strutturale della prduzine. Pertant, essi sn diffusamente presenti nelle aree arretrate per impianti e assciazinism (sprattutt le aree interne), e l sn sempre men quant più ci si spsta vers aree a imprenditria castanicla più evluta e dve c è stat un svilupp dell integrazine tra le fasi della filiera (es. Campania, e nn sl). L Italia è industrialmente ptente. La Campania è la regine in cui si cncentran tra le più imprtanti industrie della filiera castanicla italiana ed eurpea. Segun il Piemnte e l Emilia Rmagna anche se interessanti realtà si stann affermand in altre regini. La surgelazine era prergativa italiana, ra surgelan anche Spagna e Prtgall. Le recenti dispsizini cmunitarie e nazinali cnsentn di rilevare anche la presenza delle castagne fra i prdtti agralimentari di qualità. Cmplessivamente si riscntran 17 prdtti, fra DOP e IGP, che smmati ai 101 prdtti tradizinali raggruppan ben 118 prdtti di qualità a base di castagne. A quest grande patrimni, tuttavia, nn crrispnde un prezz adeguat a remunerare il castanicltre. 3.3 Analisi SWOT della filiera castanicla da frutt La tabella seguente sintetizza i punti di frza e di deblezza delle filiere della castanicltura da frutt di alcune Regini italiane risultanti dai dcumenti predispsti dal Grupp di lavr Plitiche di settre. Si tratta di quelle Regini che hann partecipat alle elabrazini delle analisi reginali di filiera attravers prpri rappresentanti reginali che, in alcuni casi, sn stati crdinatri di sttgruppi appsitamente cstituiti. I dcumenti predispsti relativi a queste filiere rappresentan perciò una srta di psitin paper reginale per il settre castanicl. Negli elabrati tecnici sn cntenute tutte le analisi di filiera pervenute al Tavl. 7

9 REGIONI - ANALISI SWOT Calabria Campania Lazi Tscana Liguria Trentin Piemnte Punti di frza/deblezza Valrizzazine paesaggi tipic Tutela e salvaguardia ambiente Assciazinism tra prduttri Integrazine di filiera / Distrett castanicl Cmpetizine sui mercati internazinali Dimensine aziendale Cnfrmità ai requisiti richiesti sui mercati esteri dei prdtti trasfrmati (prtclli pst-racclta) Prduttri nn prfessinali/part-time / / / / / / / Filiera crta senza intermediari tra prduzine trasfrmazine - cnsum Plitiche pubbliche per il settre Ubicazine castagneti in lughi particlarmente difficili Elevat cst mandpera per perazini clturali e racclta Valrizzazine cmmerciale del prdtt fresc Pregi/qualità/tipicità del prdtt Areali vcati Presenza industrie di trasfrmazine Prduzini eccmpatibili Tracciabilità Avanzament tecnlgic della prduzine Adeguatezza/presenza degli impianti di cndizinament/stccaggi Nrme cmmerciali della GDO Opprtunità/Minacce / / / 8

10 Abbandn aree interne Marketing territriale Crescente interesse per prduzine bilgica Multifunzinalità attività agricla Recuper castagneti abbandnati Fitpatie Cncrrenza estera Cncrrenza ibridi Presenza IGP/DOP Diversificazine dei prdtti a base di castagne Strett legame cn valri tradizinali Perdita cnscenza della castagna sativa Imprtazine prdtti cn nuvi gusti rganlettici 9

11 3.3 Criticita La filiera castanicla italiana da frutt è cstituita da pchi peratri che trasfrman e cmmercializzan il prdtt sui mercati nazinali e esteri, da un fferta frammentata cstituita da aziende di piccle dimensini e dalla presenza di numersi intermediari. Tale struttura si riflette sia sul prezz alla prduzine (pc remunerativ) che su quell al cnsum (trpp elevat), mentre pregiudica la cstanza degli apprvviginamenti, in qualità e quantità, e la lavrabilità del prdtt fresc. A tal fine gli peratri cmmerciali imprtan prdtt ester al fine di stabilizzare la capacità d fferta sia dal punt di vista quantitativ che qualitativ. E necessaria pertant la creazine di una filiera castanicla nazinale maggirmente efficiente che prti alla diminuzine del prezz al cnsum e ad una più equa redistribuzine del valre aggiunt tra gli peratri della filiera. A tal fine è necessari prmuvere plitiche di sstegn all assciazinism dei prduttri anche attravers efficaci azini di animazine e divulgazine e accrescere il valre aggiunt percepit dai prduttri. La presenza di numersi prdtti di qualità va valrizzata. Dal lat del cnsum, i cnsumatri nn distingun le varietà, che hann csti di prduzine e qualità ben differenti. Le attuali nrme per la cmmercializzazine delle castagne sul mercat del fresc permettn di cmmercializzare anche le pezzature piccle, che quindi nn devn essere più destinate bbligatriamente a sl us industriale. Ne deriva che la GDO, per vendere a prezzi bassi, acquista e cmmercializza miscele di pezzature piccle, lasciand invendute le medie che vann in eccedenza e restan nei magazzini di prduttri e industrie. La crescente difficltà dell Italia sui mercati esteri richiede un plitica che aiuti il settre castanicl a cmpetere sui mercati internazinali. Innanzitutt, è necessaria una plitica di carattere generale che prmuva il cnsum della Castanea sativa sui mercati. Il success di questa plitica dipenderà dalla capacità dell Italia di cinvlgere nella sua prgrammazine e attuazine le istituzini eurpee. Essa richiede azini che mirin alla rieducazine al gust della castagna eurpea e che prmuvan la cnscenza delle differenze tra le castagne fferte sul mercat. L svilupp di efficaci azini di marketing da parte delle imprese presuppne una cnscenza apprfndita dei mercati di sbcc che permetta di cnscere i cmprtamenti dei cncrrenti, l evluzine della dmanda e dell fferta. 10

12 4 LA CASTANICOLTURA PER LA PRODUZIONE LEGNOSA 4.1 I numeri del settre legn Nel panrama nazinale, in cui dei 30 milini di ettari della superficie territriale ben 10,5 milini di ettari sn ccupati da bschi, la frazine investita a castagn, pur essend inferire a quella di varie altre specie, assume un rul di tutt riliev rappresentand nel cmpless ca. il 2,62% dell intera superficie territriale italiana ed il 7,53% di quella frestale. Le frmazini di castagn per la prduzine di legname sn presenti in tutte le Regini d Italia. Si tratta di sprassuli la cui estensine varia da pche centinaia di ettari fin a ltre ha, cncentrandsi in pche Regini; infatti le estensini del Piemnte, Tscana e Liguria sn pari ad ltre il 50% del patrimni nazinale. Cmprendend le Regini che hann un patrimni superire a ha (Lmbardia, Calabria, Campania, Emilia Rmagna e Lazi), si giunge al 90% dell intera superficie nazinale, ne deriva che ltre il 50% delle Regini hann superfici castanicle mlt mdeste. Le stazini su cui insistn i castagneti sn classificabili di alta-cllina e/ media mntagna, ubicandsi nella zna media dei versanti. I castagneti sn interessati da varie infrastrutture di cui quella viaria è la più diffusa. Malgrad ciò ltre i ¾ del patrimni castanicl nazinale è priv di infrastrutture, valre che riflette un carente quadr che accmuna tutte le Regini. La lr assenza purtrpp rende difficile l attività gestinale, appesantend ntevlmente i bilanci delle utilizzazini frestali riducend e/ talvlta rendend negativ il valre di macchiatic degli interventi selviclturali. Dai dati dell INFC si può rilevare che, data anche la dimensine prevalentemente cntenuta delle aziende per la prduzine da legn, le stesse si caratterizzan per spitare un sprassul cetane (aziende particellari). La frma di gvern nettamente prevalente è quella del bsc cedu (75,25%), trattat sprattutt a ras cn rilasci di matricine. La capacità prduttiva del castagn è ntriamente elevata. Gli ecsistemi di castagn si caratterizzan per una spiccata sensibilità vers i prcessi di degrad. Dall analisi dei dati emerge che i parassiti sn gli agenti più devastanti, che pssn interessare tutta la superficie castanicla. 4.2 La filiera della castanicltura da legn L rganizzazine del prim segment della filiera fresta-legn, ivi cmpres quell del settre del legn di castagn, si caratterizza per la presenza di due realtà imprenditriali quali l impresa di prduzine frestale, nta anche cme Azienda Frestale prprietà frestale (di seguit AF), nnché l Impresa di Utilizzazine e Prima Trasfrmazine nta anche cme ditta impresa frestale (di seguit IU&PT), strutturazine spiegabile sprattutt all esiguità delle estensini dei singli patrimni aziendali nnché alla lunghezza pluriennale dei turni. L AF rappresenta il cntest territriale in cui si svlge l attività di prduzine, mentre l IU&PT è quella realtà, strumentale alla prima, che cnsente la valrizzazine del prdtt sul mercat. Si tratta di due entità nrmalmente distinte ed indipendenti, cn biettivi ecnmici diametralmente ppsti ma cmplementari per quel che riguarda i capitali. L AF si caratterizza per la netta prevalenza del capitale fndiari e legns. Le decisini imprenditriali più rilevanti riguardan l pprtunità e il mment per effettuare interventi selviclturali intercalari e di fine turn al sprassul, nnché a quale IU&PT è pprtun affidarli. La secnda, invece, ha la sua specificità nel pssess del capitale di esercizi, di quell uman nnché dell esiguità del capitale fndiari finalizzat per il ricver degli strumenti. Essa utilizza il sprassul in relazine alla tiplgia degli assrtimenti mercelgicamente apprezzati dal mercat, perand all intern del mercat dei servizi (appalt per l esecuzine dell abbattiment della massa legnsa) dei beni (acquist della massa legnsa in piedi). 11

13 Nel ttale, ltre il 75% dei castagneti è destinat alla prduzine di legn. Dai castagneti da frutt, che ammntan a ha, di cui però nn si cnsce l stat di abbandn l intensità di cltivazine, la prduzine legnsa viene impiegata sprattutt per legna ad us energetic da parte dei prprietari stessi. I castagneti sn per la quasi ttalità di prprietà privata ( ltre il 90%), rimanend pubblica una frazine piuttst esigua (9%). Tra la prprietà privata dmina in frma prepnderante, quella individuale (85%), mentre dal lat pubblic i Cmuni e le Prvince pssiedn ltre i ¾ della prprietà pubblica. Quest assett fndiari ha evidenti ricadute sulle scelte imprenditriali, piché le piccle aziende hann la tendenza a mnetizzare cn maggir frequenza pssibile il reddit peridic che deriva dalla vendita del sprassul, a prescindere dalle lr ptenziali capacità prduttive e di mercat. Per la massimizzazine del reddit peridic si ricrre prevalentemente ad una gestine cnsuetudinaria. Atteggiament ben divers ptrebbe caratterizzare le grandi aziende. Tra esse, quelle che ptrebber megli sfruttare le pprtunità di mercat sn le pche grandi di prprietà privata, che si mstran più sensibili alle indicazini del mercat. 4.3 Criticita Le criticità che si evincn dall esame dei caratteri generali delle aziende per la prduzine di legn di castagn sn di seguit riprtate: a) carenza di infrmazini relative sia alla struttura delle aziende castanicle che alla lr pssibilità prduttiva in termini di massa legnsa; b) eccessiva frammentazine fndiaria che impedisce l attivazine di una gestine capace di valrizzare al megli le ptenzialità prduttive e le pssibilità di impieg del legname; c) bass tass di imprenditrialità nella gestine frestale che tende a salvaguardare il reddit integrativ che esse assicuran, attravers i mdelli gestinali cnsuetudinari. Nell ambit di questa ultima tematica è necessari valrizzare le ptenzialità ecnmiche della specie attravers la diversificazine ed il miglirament della qualità degli assrtimenti. E indispensabile tra l altr puntare alla valrizzazine del prdtt legn, qualificandl attravers l tteniment di marchi che attestin che i prcessi prduttivi, vver il trattament selviclturale applicat, sian cnfrmi agli standard di gestine sstenibile in termini eclgici, sciali ed ecnmici (eccertificazine) E imprtante che il prdtt sia caratterizzat da particlari specificità (marchi di qualità) e quindi dvrebber trvare spazi azini pubbliche di spnsrizzazine public prcurement che pssan accrdare la preferenza all impieg di legn di castagn per la realizzazine di pere finanziate anche cn sstegn pubblic (ristrutturazini di immbili rurali, arredament di parchi pubblici, barriere fnassrbenti, pere di biingegneria, ecc.). Tale scelta dvrebbe essere frtemente mtivata dal fatt che il castagn assicura bune caratteristiche tecnlgiche e in particlare nn necessita, data la naturale durabilità, di trattamenti chimici preservanti che hann impatti negativi sull ambiente. Il camp di applicazine interessa quei cntesti stazinali, strutturali e sciali che permettn di utilizzare in pien le specifiche caratteristiche bilgiche (rapidità di accresciment, prnta ristrutturazine sciale) e la prduzine di legname di qualità. Impegn nn indifferente cinvlge il recuper di pplamenti irreglari abbandnati da interventi selviclturali, ma ptenzialmente atti ad elevate prduzini legnse. 12

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA La nuva Strategia Energetica Nazinale per un energia più cmpetitiva e sstenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA Settembre 2012 La Nuva Strategia Energetica Nazinale Premessa Il cntest nazinale e

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Strategia Energetica Nazinale: per un energia più cmpetitiva e sstenibile Marz 2013 Premessa Il cntest nazinale e internazinale di questi anni è difficile ed incert. La crisi ecnmica ha investit tutte

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE,

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, CHIAVE PER LA CRESCITA BLU COM & CAP MARINA-MED #5 SEMINARIO DI CAPITALIZZAZIONE 12 &13 Maggi, 2015 Firenze (Regines Tscana- Italia) Luca Girdan Hall, Palazz Medici

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili Mercati energetici e metdi quantitativi: un pnte tra Università e Aziende 22-23 Maggi, Padva Apprcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestine rischi asset rinnvabili Manuele Mnti, Ph.D.

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO Avvis pubblic per la cncessine di cntributi ecnmici a sstegn di prgetti da attuare nelle Scule del Lazi - Presentazine n demand delle prpste prgettuali ALLEGATO A - Prgetti Esclusi - Scadenza 27 febbrai

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014 Deliberazine G.C. nr. 14 dd. 23.01.2014 Pubblicata all'alb cmunale il 31.01.2014 OGGETTO: Adzine pian triennale di prevenzine della crruzine (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. Deliberazin

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni Grilamid Pliammide 12 Tecnplimer per le massime prestazini Indice 3 Intrduzine 4 Cnfrnt cn altre pliammidi 5 Nmenclatura Grilamid 6 Esempi di impieghi 8 Caratteristiche tipi Grilamid 10 Prprietà 20 Dati

Dettagli

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE ER IMIEGHI SECIALI FINO A 1000 VOL ROGRAMMA Giraviti VDE inze VDE Cricchetti VDE Assrtimenti VDE 1 2 UENSILI GEDORE VDE utti gli utensili i sicurezza GEDORE mlgati VDE in plastica mrbia sn tati i islament

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Becomingossola.com. Politica della riservatezza

Becomingossola.com. Politica della riservatezza Becmingssla.cm Plitica della riservatezza Infrmativa per prentazini Aurive scietà cperatva sciale, sede legale Crs Cavallt 26/B Nvara, P.IVA 02101050033 Numer REA: NO 215498, e-mail inf@becmingssla.cm,

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata Gli acciai inssidabili resistenti all'urt alle basse temperature, impiegati nella cstruzine di caldareria saldata dr. ing- Gabriele DI CAPRIO dirìgente del servizi tecnic del Centr Inx O Le applicazini

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Il primo documento internazionale per la definizione della sensibilitá al glutine

Il primo documento internazionale per la definizione della sensibilitá al glutine Il prim dcument internazinale per la definizine della sensibilitá al glutine Cnsensus Cnference n Gluten Sensitivity, Lndn 11/12 Februar 2011 Prfessr Alessi Fasan, M.D., Prfessr f Pediatrics, Medicine

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Consigli per la risoluzione dei problemi

Consigli per la risoluzione dei problemi Cnsigli per la risluzine dei prblei Una parte fndaentale di gni crs di Fisica è la risluzine di prblei. Rislvere prblei spinge a raginare su idee e cncetti e a cprenderli egli attravers la lr applicazine.

Dettagli

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM Istituto Nazionale di Economia Agraria IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM a cura di Roberta Sardone Edizioni Scientifiche Italiane ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA IL COMPARTO

Dettagli

tropologia Violenza F;su Achille Mbembe Roberto Beneduce hilippe Bourgoi Romain Bertrand Johan Pottier Cristina Vargas Loic Wacquant

tropologia Violenza F;su Achille Mbembe Roberto Beneduce hilippe Bourgoi Romain Bertrand Johan Pottier Cristina Vargas Loic Wacquant trplgia Ann 8 numer 9-10 ta da Ug abietti...,;tt't' '',:lt: t,, ::i Vilena Rbert Beneduce Rmain Bertrand hilippe Burgi Achille Mbembe Jhan Pttier Cristina Vargas Lic Wacquant E ;su Antrplgia Annuari dirett

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14 FSC Italia TOUR # 6 Matera, 25 giugno 2014 Contenuti della presentazione Introduzione al Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) EUTR e certificazione forestale EUTR e certificazione FSC Alcune premesse Il Regolamento

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli