COMIG COMMISSIONE INGEGNERIA GESTIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMIG COMMISSIONE INGEGNERIA GESTIONALE"

Transcript

1 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI COMIG COMMISSIONE INGEGNERIA GESTIONALE CONVEGNO L INGEGNERE GESTIONALE: ANALISI E POSIZIONAMENTO DEL PROFILO PROFESSIONALE E PROSPETTIVE DI SVILUPPO LUNEDÌ 13 DICEMBRE 2010, ORE CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI, VIA SANT ASPRENO, 2B - NAPOLI

2

3 COMIG COMMISSIONE INGEGNERIA GESTIONALE ANALISI E POSIZIONAMENTO DEL PROFILO PROFESSIONALE DELL INGEGNERE GESTIONALE Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli - Commissione Ingegneria Gestionale - Napoli novembre 2010

4 INDICE documento Premessa e finalità... 3 Alcuni dati statistici sui laureati in Ingegneria... 4 La figura dell Ingegnere Gestionale... 6 Il posizionamento sul mercato... 9 La domanda del mercato La sistematizzazione dell offerta per prodotti/servizi Conclusioni Riconoscimenti Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 2/22

5 Premessa e finalità L ingegnere gestionale, nato come vedremo nel prosieguo del presente documento, per rispondere a reali esigenze di mercato, è stato da sempre considerato come un ibrido nel panorama delle figure professionali di alto profilo che dovevano cimentarsi con le sfide globali (tecnologiche e competitive) caratteristiche degli ultimi due decenni. Alle indubbie competenze e capacità che l ingegnere gestionale poteva mettere in campo in settori ed applicazioni molto diversificate, si è associata sin dal suo ingresso in scena, una incapacità spesso diffusa sia tra gli stessi cugini ingegneri tradizionali laureati in corsi di laurea differenti, sia fatto ancora più penalizzante da parte del mercato del lavoro, a comprenderne fino in fondo le specificità, le potenzialità, le aree di impiego, in definitiva la cifra distintiva ed il ruolo in cui esso poteva esprimere al meglio le sue qualità. Con questa premessa, il presente documento vuole cercare di fornire alcuni spunti di razionalizzazione e sistematizzazione degli aspetti del problema, approfondendo criticamente alcuni temi legati sia alla professionalità espressa e potenziale dell ingegnere gestionale, sia - e forse con maggior attenzione alla percezione che dell ingegnere gestionale hanno alcuni settori di mercato a cui egli si rivolge o vuole proporsi. Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 3/22

6 Alcuni dati statistici sui laureati in Ingegneria Ad oggi, le lauree in Ingegneria sono ancora quelle che garantiscono l accesso al mondo del lavoro in tempi piuttosto rapidi. E quanto ribadisce ancora una volta, ad esempio, l indagine Almalaurea La percentuale di occupati, ad un anno dal conseguimento della laurea in Ingegneria, è infatti pari al 77,8%, la più alta (se escludiamo le professioni sanitarie) tra tutte le altre tipologie di lauree. Le attività lavorative vengono espletate facendo ricorso a tutte le varie tipologie contrattuali (lavoro autonomo, lavoro a tempo indeterminato, formazione lavoro, lavoro a tempo determinato e consulenza) con una prevalenza comunque dei contratti di lavoro a tempo indeterminato ( 36,7%). Un altro aspetto interessante evidenziato nello studio, è la mobilità territoriale, in particolare tra Sud e Centro-Nord, degli studenti e degli occupati. Spicca un totale di 17,8% di giovani che hanno studiato al Sud e che per trovare lavoro si spostano al Centro-Nord e un 6% che hanno anche studiato al Nord. In totale quindi circa il 24% di giovani laureandi del Sud si sposta per motivo di studio e/o alla ricerca della prima occupazione, dalle regioni meridionali di origine, fenomeno che ancora una volta evidenzia la scarsa domanda di alte professionalità che caratterizza il Sud nel suo complesso. In ogni caso il fenomeno della mobilità riguarda anche altri contesti territoriali e sociali, se in tutta l Italia ben il 41,3% di studenti non riesce a trovare lavoro nella propria città di residenza. Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 4/22

7 Anche la situazione occupazionale generale, spacchettata per area geografica, indica la situazione di disagio in cui opera il Sud, che presenta il valore percentuale più basso, pari al 54,3%, a confronto del 63% per il Centro e il 68% del Nord. Nell ambito di questi dati, l Ingegneria Gestionale risulta comunque la laurea che, tra tutte quelle in ingegneria, detiene il primato dell occupazione: ben il 93,3% di laureati trova lavoro dopo un anno dalla laurea (dati Istat 2007). I numeri esposti in assoluto sembrano confortanti, ma è necessario esaminare più in dettaglio la situazione per capire come si articolano tali livelli occupazionali e quale aderenza esiste tra il profilo di competenze dell ingegnere gestionale e la domanda espressa dal mercato. Sono questi gli aspetti che si vogliono approfondire nel presente studio effettuato dalla Commissione di Ingegneria Gestionale dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 5/22

8 La figura dell Ingegnere Gestionale La nascita della figura dell Ingegnere Gestionale è stata favorita dalla necessità di collaborazione sempre crescente tra ingegneria, economia ed impresa. Tale esigenza nasce negli anni 80, nella gestione di grandi progetti di ingegneria e di costruzioni, dove l ingegnere (spesso con il corso di laurea in Meccanica), a poco a poco ha avuto le necessità di arricchire le proprie competenze con elementi di Project Management, di economia, di budgeting e giuridici- contrattuali, ecc. Nacque così la cosi il concetto di ingegneria economica orientata inizialmente proprio all analisi, approfondimento ed utilizzo delle metodologie e delle tecniche del Project Management e del Cost Management. Da queste esigenze nasce quindi la figura dell ingegnere gestionale che persegue quindi l integrazione tra temi di ingegneria, economia, finanza, statistica, ricerca operativa, diritto (aspetti contrattuali), organizzazione, pianificazione, programmazione e controllo (tecnico, economico, finanziario). Sulla base di queste spinte la nuova figura ha sviluppato negli anni, ulteriori competenze e capacità al passo con l evoluzione del contesto tecnologico e competitivo della società e del mercato. In particolare: ha perseguito: o o o la trasposizione delle metodiche ingegneristiche dai progetti ai processi; la progettazione e realizzazione dei processi in un contesto di team, gruppi di lavoro, necessariamente interfunzionali; la gestione in ottica ingegneristica (cioè metodologica), di tematiche quali autorità, potere, responsabilità, leadership. ha approfondito le metodiche per la gestione dell innovazione. Questo ultimo è un aspetto centrale e di notevole importanza, che in questi anni ha segnato sempre di più il confine tra successo e sviluppo, sopravvivenza e declino di una azienda. A causa dei continui cambiamenti nell ambiente esterno, si è infatti ridotto il ciclo di vita dei prodotti e dei servizi ed è aumentato a dismisura il numero di tecnologie che competono sul mercato. Tutto ciò lo si può definire innovazione. E l innovazione pone notevoli sfide per chi deve assumere decisioni di tipo ingegneristiche ed in generale tecnologiche, ma anche effettuare scelte di tipo organizzativo e strutturale, tutte con importanti, e spesso vitali, conseguenze economiche. L Ingegnere Gestionale, per le sue competenze e capacità può, da un lato, individuare ed esprimere in maniera corretta le esigenze e le necessità di innovazione, focalizzandole e concretizzandole in progetti, dall altro garantirne l attuazione con costanti azioni di controllo ed eventuale ridefinizione degli obiettivi, assumendo quindi a tutti gli effetti il ruolo di owner di tutto il processo di innovazione. Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 6/22

9 La gestione dell innovazione prevede, infatti, un modello che richiede: o scaffali di competenze e di tecnologie; o capacità di assorbimento rapido ed integrazione delle competenze; o capacità di operare in un network aperto e dinamico; o competenze gestionali ad ampio spettro e visione globale dei problemi; o strategia chiara e ben declinata in specifici progetti. E chiaro anche che i processi di innovazione, proprio in quanto figli delle spinte di riposizionamento competitivo sul mercato, devono costantemente confrontarsi con esso e generare azioni di feed-back all interno dell azienda, garantendo il time-to-market richiesto. Quindi un altro aspetto molto importante nel processo di innovazione (gate-keeping elaborazione nuove tecnologie/processi nuovi prodotti/servizi, risposta al mercato), che può essere garantito dall Ingegnere Gestionale, è l azione di cerniera tra azienda e contesto esterno. L ingegneria gestionale si presenta quindi come quella disciplina ingegneristica che ha approfondito le tradizionali capacità dell ingegnere di individuare soluzioni tecnicamente fattibili ed economicamente valide, e vi ha aggiunto la capacità di progettare, sviluppare, reingegnerizzare i processi, e quindi i beni ed i servizi, integrando e coordinando in logica sistemica, tecnologie innovative immateriali e materiali, utilizzando metodi quantitativi, e tecnologie trasversali ed innovative rispetto ai vari ambiti, integrando con visione unitaria e focalizzata agli obiettivi di business (e quindi al reddito di impresa) le diversificate esigenze tecniche, economiche, finanziarie, gestionali, giuridico-normative espresse dal contesto in cui il sistema produttivo e di servizio è inserito. Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 7/22

10 Intendiamo quindi per gestionale non tanto la capacità di utilizzare strumenti economici, amministrativi, giuridici, quanto la capacità di guidare l azienda verso le best practice e gli obiettivi di business e governare la dinamica e l ottimizzazione, step by step dei sui processi. Riassumendo quindi, tra le caratteristiche specifiche e gli obiettivi più importanti dell ingegnere gestionale, possiamo evidenziare: La gestione dell innovazione (organizzativa e tecnica); L analisi ed il controllo dei processi aziendali; L analisi, la progettazione e pianificazione del business; Il controllo ed il bilanciamento dell efficienza interna e dell efficacia sul mercato; Il perseguimento dei risultati di impresa. Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 8/22

11 Il posizionamento sul mercato Dopo aver analizzato gli obiettivi ed in generale le competenze che caratterizzano l ingegnere gestionale, è utile ora analizzare anche come tali competenze si compongono nell ambito della laurea triennale e specialistica (in particolare per quello che riguarda l offerta formativa delle Università napoletane) e vadano a formare il profilo professionale, e come tale profilo si rapporta con il mercato, nel confronto con eventuali competitors (altre lauree, altre figure professionali, ecc), così come verso i possibili clienti (aziende, enti, ecc.). Nello schema che segue si sono posizionate le vari lauree rispetto alle capacità e competenze possedute: Competenze di tipo scientifico/tecnologico e competenze umanistiche/sociali, Capacità analitiche/processive e gestionali/manageriali. In questa ottica, l ingegneria ed in particolare l ingegneria gestionale si posiziona nel quadrante in alto a destra, cioè in quello caratterizzato da alte competenze scientifiche/tecnologiche ed alte capacità processive/manageriali. Il percorso formativo di laurea più vicino è quello di Economia Aziendale, che nella logica dell analisi che si sta esponendo, si può considerare il competitor più aggressivo, in particolare verso determinati profili di domanda espressi dal mercato e che andremo ad analizzare nel seguito del presente documento. Per quanto riguarda un analisi più approfondita delle competenze acquisite nel percorso di Laurea in Ingegneria Gestionale, si è fatto riferimento al tipo di percorsi formativi previsti dai corsi della Federico II e della Università Parthenope. Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 9/22

12 Lauree triennali Ingegneria Gestionale dei Progetti e delle Infrastrutture (Federico II) Ingegneria Gestionale delle Reti di Servizi e Ingegneria Industriale (Parthenope) Ingegneria Gestionale della Logistica e Produzione(Federico II) Indirizzi Lauree specialistiche Gestione dei processi Gestione energia Gestione dei servizi di pubblica utilità Gestione e controllo dei processi industriali Economia ed organizzazione. In funzione del numero di crediti formativi associati a ciascun corso, possiamo affermare sinteticamente e qualitativamente che il profilo della professionalità dell ingegnere gestionale si compone di competenze: Scientifiche/tecnologiche e relative a processi industriali (circa il 60%); relative alla progettazione e gestione di infrastrutture e servizi (dal 10 al 30% in funzione del tipo di indirizzo specialistico scelto); economiche-finanziarie (dal 10 al 30% in funzione del tipo di indirizzo specialistico scelto). Con questi presupposti cerchiamo ora di mettere a confronto questa offerta di professionalità, con le caratteristiche del mercato ( e la sua evoluzione nel tempo) che possiamo considerare target potenziale per l ingegnere gestionale e con la domanda espressa da tale mercato. Da quanto fino ad ora esposto possiamo dire che le competenze dell ingegnere gestionale si propongono sul mercato per soddisfare esigenze piuttosto diversificate (vedi schema seguente), con un focus verso la gestione di progetti di innovazione e processi produttivi, logistici ed infrastrutturali. Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 10/22

13 Posizionamento Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli Commissione di Ingegneria Gestionale Ingegnere Gestionale Competenze Metodologie e strumenti economici,finanziari, contrattuali Competenze Progettazione/ Gestione Infrastrutture e Servizi Competenze Tecnologia e Processi Industriali Caratteristiche del mercato potenziale Focus dell offerta Analisi Finanziaria/Economica Analisi Strategica Marketing e Strategie di Business Gestione aziendale Analisi Organizzativa Analisi Processi Analisi Sistemi Informativi innovazione Gestione e governo dei progetti e dei processi: Logistici Produttivi Infrastrutturali e dei servizi 21 Bisogna anche considerare che nell arco di tempo dai primi anni 80 (nascita dell ingegneria gestionale) ad oggi, la domanda da parte del mercato, di professionalità coerenti con il profilo dell ingegnere gestionale è mutata, in relazione alle opportunità generate dai vari comparti (industry, servizi, P.A., etc..) ed alle condizioni generali dell economia, dello sviluppo del business e della globalizzazione. Analizzando i cicli di vita del mercato (che poi corrispondono anche alla evoluzione della domanda) dai primi anni 80 ad oggi, possiamo individuare tre fasi: 1. prima fase corrisponde agli anni in cui nasceva il concetto di ingegnere economico o gestionale, spesso bottom-up dalle esperienze e capacità acquisite dall ingegnere meccanico, nella gestione di grandi progetti industriali e/o di infrastrutture; 2. seconda fase questa fase ha il suo picco di mturazione nel periodo di sviluppo della così detta bolla tecnologica in cui c è stata una grossa spinta, basata sull innovazione tecnologica, verso le soluzioni informatica-telematiche orientate alla efficentazione dei processi produttivi e verso la progettazione dei servizi; in questa fase la figura dell ingegnere gestionale si consolida, orientandosi spesso nello sviluppo di sistemi informativi e nell utilizzo di metodologie di programmazioen strutturata e di sistemi integrati (ERP); 3. terza fase è la fase attuale, in cui entrano in gioco massicciamente la globalizzazione, la ricerca di soluzioni efficienti oltre che efficaci, la revisione critica di processi in un ottica di Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 11/22

14 cooperazione ed apertura verso l esterno; nasce sempre più forte quindi l esigenza di un approccio sistemico e creativo nella ricerca di soluzioni competitive, ma sempre supportato dall utilizzo di solidi e rigorosi strumenti metodologici. Questi andamenti del ciclo di vita del mercato sono confermati e confortati anche dalla domanda di accesso alle università in Ingegneria Gestionale dagli anni 80 agli inizi del 2000, sintomo dei segnali inviati dal mercato e recepiti dagli studenti. Ad esempio iil diagramma che segue e che rappresenta il numero di iscritti ad Ingegneria Gestionale al Politecnico di Milano nel periodo , presenta un andamento identico all inviluppo delle curve relative ai cicli di vita prospettati in precedenza. Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 12/22

15 La domanda del mercato Analizziamo ora come la domanda espressa dal mercato, da parte di differenti settori, percepisce la professionalità dell ingegnere gestionale. Quello che interessa ora quindi non è tanto la visione interna che disegna, in termini di mix competenze distintive, il profilo dell ingegnere gestionale, quanto come tali competenze sono percepite dai possibili utilizzatori. La domanda può essere segmentata in tre macro aree in funzione dei bisogni (prevalenti): area gestionale: strategie, economia e finanza, marketing; area processiva: organizzazione, processi, sistemi informativi; area industriale: processi produttivi, infrastrutture, servizi. Ovviamente tale segmentazione non è da considerarsi rigida così come non sono rigidi i profili percepiti. Quindi in questo modello a ciascuna area di domanda possono corrispondere uno o più profili professionali, come si evince dalla figura. In altri termini, ad esempio, una esigenza di razionalizzazione della struttura aziendale in funzione di un cambio di strategia sul mercato (area gestionale ed analisi organizzativa), identifica l ingegnere gestionale come portatore di competenze di tipo economico/gestionale (Profilo Economico/gestionale). Mentre una azienda che sviluppa sistemi informativi, cerca ingegneri gestionali per le loro competenze e capacità di analisi sistemica (Profilo processivo/sistemico). Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 13/22

16 Per ciascun profilo esterno cerchiamo di individuare alcune caratteristiche di posizionamento, rispetto alla percezione della domanda ed ai punti di forza/debolezza del profilo stesso. Profilo: orientamento Gestionale: domanda piuttosto differenziata (richieste di top management, consulenti, dipendenti aree Amministrative e di Controllo Gestione, Energy management, city manager, ecc) ma affollato da lauree concorrenti con brand più visibile e riconosciuto (in particolare Economia Aziendale); debolezze del profilo associate sia al contenuto (sembrano esserci riconosciute carenze su questo tipo di competenze da parte degli stessi neo-laureati) che alla comunicazione delle competenze (competenze comunque diverse da Economia aziendale); Competenze processive, sistemiche e di innovazione; questo è di fatto un punto di forza rispetto ai competitors, ma anche qui c è carenza nella comunicazione verso il mercato dei potenziali utilizzatori; Capacità di leggere l azienda ed i processi produttivi dal punto di vista economico (contabilità industriale); anche questo è un punto di forza, ma non ancora molto percepito. Profilo: orientamento Processivo: la domanda ancora quantitativamente significativa si riferisce alla ricerca di laureati in materie tecnico-scientifiche da parte di società di consulenza manageriale, system integrator, società di informatica; questa può essere senz altro una opportunità; tale mercato è però già maturo da diversi anni e quindi in fase di leggero declino e sovra affollato da lauree concorrenti e da diplomi; il profilo percepito dal suddetto mercato non è aderente alle aspettative del laureato (spesso il neo-laureato si trova ad essere di fatto manodopera intellettuale, con carichi di lavoro notevoli e scarsa remunerazione). Profilo: orientamento Tecnologico: posizione di vantaggio rispetto alle altre lauree concorrenziali, in quanto a forte connotazione anche tecnica (punto di forza); posizioni sul mercato del lavoro spesso ricoperte da personale interno cresciuto bottom-up per competenza sui processi di riferimento (per esempio Quadri aziendali che provengono dalla vecchia area tempi e metodi o ingegneri di altro corso di laurea); mercato ancora in fase di sviluppo, in particolare nel settore dei servizi e dell energia (opportunità). Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 14/22

17 In relazione alle caratteristiche dei profili esaminati, si possono individuare alcuni obiettivi/attività in cui l ingegnere gestionale può essere impiegato, sia come dipendente, sia come professionista autonomo. Le due tabelle che seguono si riferiscono al mercato delle grandi aziende ed a quello delle PMI. Posizionamento/opportunità sul mercato delle grandi aziende Posizionamento/opportunità sul mercato delle PMI Concentrandoci sul mercato delle PMI, maggiormente presenti sul territorio Campano ed in generale al Sud (ma anche come sappiamo nel Nord-Est ed al centro Italia, in particolare Toscana, Marche, Abruzzo), possiamo dire che, come risulta da alcune indagini effettuate al Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 15/22

18 Nord ed al Sud (Università di Padova e Ordine degli Ingegneri di Napoli) si evidenziano, a livello di domanda, alcune tendenze comuni: impiego ancora predominante dell ingegnere gestionale come lavoratore dipendente, in particolare come impiegato (circa il 50% del campione) e come manager (16-18%), con ancora poca richiesta verso interventi professionali focalizzati; spostamento, nel corso degli anni, delle aree di intervento/utilizzo dalle funzioni di produzione (gestione delle produzione, quality management, ecc) a quelle processive (logistica, acquisti, vendite/marketing) ed a presidio di processi interfunzionali e strategici e di controllo (produzione-logistica-amministrazione, controllo gestione); richiesta di esperienza specifica nel settore di intervento. Dipartimento di Tecnica e gestione dei Sistemi Industriali Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Università di Padova Indagine sui Laureati in Ingegneria Gestionale Linee tecnoproduttive (prodotto) Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli Commissione di Ingegneria Gestionale Linee innovazione di di processo Sistemi Sistemi Sistem i informativi informativi informativi Gestione Gestione Gestion e Produzione Produzione Produ zione Marketing/ Marketing/ Marketing/ Ve Ve Vend ndit nditit ee L Lo ogistica ogistica gistica A Amm. mm. /CoGe /CoGe Gest st R&S R&S R&S -- Pro Pro Progettazione gettazione gettazione Qua Qua Qualità lità lità A Acquisti uisti Org Org Org../Pe /Pe /Person rson rso nale ale ale altro altro altro 38 Per concludere infine questa breve analisi utilizziamo una matrice Mercato-Prodotto (caratteristica delle analisi marketing), intendendo, in questo caso, come prodotto la professionalità dell ingegnere gestionale e verifichiamo quali azioni, sul prodotto (quindi sulla professionalità e sui profili associati - ed il percorso formativo della stessa) e sul mercato si possono fare per rendere più competitivo l approccio al mercato stesso ed individuare nuove e migliori opportunità di impiego e di lavoro. Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 16/22

19 Posizionando il profilo professionale dell ingegnere gestionale, suddiviso come abbiamo fatto sinora nelle sue tre componenti, nel quadrante in alto a sinistra, corrispondente alla situazione as is (mercato attuale, prodotto attuale), possiamo ipotizzare azioni di sviluppo sia del prodotto e quindi percorsi di ampliamento e focalizzazione delle competenze, sia del mercato target e quindi approccio anuovi settori di mercato in evoluzione. Le azioni individuate e schematicamente tracciate in tabella, si possono riassumere in: 1. sviluppo della professionalità, in particolare per quanto riguarda le competenze relative all area economica /manageriale e giuridica/contrattuale; in tal modo sarà posibile competere con maggiore efficacia con professionalità percepite dal mercato come affini in tale contesto applicativo (economisti, commercialisti, legali, ecc.); 2. sviluppo e focalizzazione delle competenze processive, verso comparti di applicazione innovativi e più orientati alla ri-progettazione e gestione di nuovi business in nuovi contesti collegati alla globalizzazione (start-up nuove iniziativei, competizione internazionale, re-engineering dinamico dei processi, flessibilizzazione delle strutture organizzative,ecc.); 3. accesso tempestivo ed efficace al ercato dei servizi (del comparto privato ed ancor di più di quello Plubbico) e spostamento del focus dalla progettazione tecnologica alla progettazione e gestione della soluzione (congruente con una gestione manageriale per obiettivi). Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 17/22

20 La sistematizzazione dell offerta per prodotti/servizi Infine si vuole suggerire uno schema sintetico della possibile offerta che l ingegnere gestionale, in particolare nella sua veste di professionista, può proporre alle PMI come veri e propri prodotti/servizi di progettazione e gestione del business e dell innovazione. L Offerta Consulenza Strategica Piano strategico Piano Marketing Business Plan Business Integration Studi di fattibilità Analisi e check-up tecnico-produttivi Benchmarking competitivo Progetti di risk management (applicazione Dlgs 231/01) Change management Analisi organizzativa e Processiva (BPR) Analisi ed ottimizzazione processi Process & Project Management Analisi, controllo e gestione del sistema organizzativo ed informativo ai sensi dell applicazione del DLgs 231/01 Ottimizzazione dei Costi di Struttura Progettazione e assistenza nel cambiamento organizzativo Analisi della coerenza tra strategia e sistemi informativi Re engineering sistemi Gestione e Controllo Controllo strategico Piani M/L, funzionali e di azione BPM (Business Perfomance Management) Budget Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 18/22

21 Analisi Scostamenti Modelli di controllo, dei costi, di reporting Servizi e prodotti ICT Analisi dei requisiti Software selection Sistemi ERP Assessment sistemi Innovazione ed integrazione applicazioni Formazione Progettazione Piani formativi Formazione manageriale Formazione tecnica Gestione Processi Produttivi Progettazione/re-engineering dei processi produttivi Process integration Change management Monitoring Piano qualità Piano security Progetti di accesso al credito agevolato Gestione Brevetti e Marchi Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 19/22

22 Conclusioni Possiamo concludere questa breve analisi del profilo dell ingegnere gestionale, sottolineando un paio di aspetti già emersi in precedenza: in alcuni settori di mercato, in particolare in quelli industriali con forte connotazione processiva, la figura dell ingegnere gestionale è percepita aderente alle sue reali competenze/capacità e sussiste anche una sufficiente sovrapposizione tra le richieste del mercato e le aspettative del laureato-professionista. In questi settori però la domanda, in particolare nel comparto delle PMI al Sud, è ancora scarsa sia in termini quantitativi che di capacità di spesa. Inoltra gli imprenditori delle PMI sembrano ancora legati ad un tipo di utilizzo lavorativo tradizionale (assunzione a tempo determinato o indeterminato) con le conseguenti problematiche economiche e non sembrano ancora pronti per un utilizzo di tipo professional ; per quanto riguarda la domanda relativa a prodotti/servizi di tipo strategico-gestionale e di controllo (sviluppo di Business Plan, Controllo Strategico e di Gestione, Piani di Marketing, Assesment e riposizionamento, ecc.) si possono evidenziare due aspettii: o da un lato c è a livello di mercato una esigenza non ancora pienamente consapevole ed espressa di servizi di questo tipo, in maniera molto marcata per le PMI e ancor più per le PMI del Sud, sulle quali grava anche una inadeguatezza a sostenere spese non ritenute (in maniera errata) strettamente connesse al perseguimento del business; o dall altro che anche in caso di esigenza consapevole e propensione alla spesa adeguata, su tali argomenti e settori di applicazione, c è la percezione che siano più rispondenti profili professionali consolidati, quali commercialisti, contabili, venditori, ecc., non percependo il valore aggiunto dell ingegnere gestionale che, in quanto ingegnere, ha la capacità di progettazione ed integrazione; inoltre c è ancora una grossa fetta di mercato potenziale, che si riferisce al settore Pubblico, che lentamente, ma forse con nuova sensibilità e con tassi di crescita, in questi ultimi anni, paradossalmente più alti delle PMI, si sta orientando proprio verso competenze globali e sistemiche per i processi di governance e sviluppo dei servizi. A valle di queste ultime considerazioni, rimangono aperti alla discussione una serie di quesiti che si riferiscono alle modalità di attuazione dei percorsi di sviluppo e consolidamento del profilo e della posizione sul mercato della profesionalità dell ingegnere gestionale: Quali azioni di marketing si possono ipotizzare per promuovere e comunicare un profilo corretto? Ci sono percorsi formativi focalizzati alternativi all interno di una revisione dei corsi di laurea? Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 20/22

23 Quali possono essere i suggerimenti per percorsi post-laurea? Quali strumenti è possibile individuare come catalizzatori ed acceleratori di esperienze? Analisi e posizionamento del profilo professionale dell ingegnere gestionale - Pagina 21/22

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli