IL MARKETING IN FARMACIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MARKETING IN FARMACIA"

Transcript

1 IL MARKETING IN FARMACIA 1

2 IL MARKETING IN FARMACIA Tutte le farmacie erano imprese commerciali: che non dovevano attirare clientela in quanto la loro area di competenza era (ed è) già definita per legge; in accordo con il SSN; prive di concorrenti (non c erano altre strutture commerciali non farmacie focalizzate sulla vendita dei farmaci. 2

3 Si partiva da un assunto errato: la farmacia èuna fonte di reddito sicuro QUINDI Non c èc alcun bisogno di svolgere delle politiche di marketing! 3

4 IL BISOGNO DEL MARKETING Oggi l idea della farmacia come fonte sicura di reddito ha perso forza a seguito di diversi cambiamenti del mercato, come ad esempio : la vendita di alcune tipologie di farmaci anche all interno dei centri commerciali; il fatturato basato solo sul SSN non corrisponde ad un adeguato ritorno dell investimento iniziale; è necessaria una strategia di fidelizzazione della clientela. 4

5 IL CONCETTO DI MARKETING Il marketing non èl arte di trovare modi intelligenti per collocare ciò che produci. E l arte di creare valore autentico per il cliente. Philip Kotler 5

6 Il marketing dell impresa farmacia Il prodotto-servizio in farmacia Il marketing strategico Analisi della domanda La struttura della concorrenza L analisi interna Il marketing operativo L assortimento ed i servizi Il punto vendita La comunicazione e il personale La gestione dei prezzi 6

7 IL PRODOTTO SERVIZIO IN FARMACIA Nel processo di conquista della fiducia del cliente la farmacia parte da un punto di vantaggio: essa offre dei servizi connessi ad un aspetto estremamente sensibile della persona, la salute. 7

8 LA QUALITA PERCEPITA DELLA FARMACIA Qualità totale Offerta o sperimentata Qualità attesa del cliente Qualità tecnica il cosa IMMAGINE Qualità funzionale il come Comunicazione di mercato Comunicazione passa parola Esperienze passate Bisogni immagine 8

9 L IMMAGINE DELLA FARMACIA Èil modo in cui il negozio farmacia si definisce nella mente del cliente in funzione di : Le qualità funzionali (prezzo, layout, etc.) Gli attributi psicologici (atmosfera, cortesia, etc.) Alla sua costruzione contribuiscono la localizzazione, le dimensioni, l arredamento, l atmosfera, il livello medio dei prezzi, l assortimento, il personale di vendita, etc. 9

10 L AMBIENTE E IL CONTESTO COMPETITIVO FARMACIA Normativa Normativa Trend settoriale Variabili macro economiche Sistema competitivo AMBIENTE SETTORIALE Variabile demografica AMBIENTE GENERALE Evoluzione del cliente Variabili socio culturali tecnologia politica 10

11 IL MARKETING Èun processo integrato mediante il quale un organizzazione, dopo aver valutato gli elementi di scenario del mercato e della propria azienda, propone ai clienti la soluzione d offerta piùadeguata e congruente con le proprie risorse, alla luce delle politiche decise per il perseguimento dei propri obiettivi aziendali. 11

12 Le valutazioni da effettuare per pianificare una strategia di marketingin grado di cogliere i punti attraverso i quali la farmacia possa raggiungere gli obiettivi prefissati, è composta dalle seguenti fasi: 1. L esame delle opportunità di mercato, analizzando quanto richiesto dai consumatori e dalle organizzazioni di consumatori, 2. L analisi dei prodotti esistenti sul mercato, 3. La valutazione del prezzo, 4. Lo studio dell esposizione (il giusto posizionamento), 5. La comunicazione costantemente con i clienti, 6. L informativa costante verso i propri clienti e indurli all acquisto. 12

13 L ANALISI DELLA DOMANDA: L EVOLUZIONE DEL CONSUMATORE È notevole la crescente consapevolezzadell acquirente al momento dell acquisto In questi anni si è registrato un progressivo incremento della età media della popolazione Inoltre è aumentato il numero dei nuclei monofamiliari Si nota una variazione e varietà degli stili di vitadelle famiglie e dell individuo È cresciuta l occupazione l femminile 13

14 SVOLGERE L ANALISI L DELLA DOMANDA Attraverso lo svolgimento di indagini qualitative/psicologichee di indagini quantitativesi analizza il processo di segmentazione della domanda :ovvero la politica di suddivisione del mercato in insiemi distinti di consumatori denominati appunto segmenti che presentano caratteristiche di omogeneitàin termini di comportamento d acquisto e di reazione a specifiche politiche di marketing. 14

15 I CRITERI DI SEGMENTAZIONE Si evidenziano tre tipologie di criteri attraverso cui svolgere la segmentazione: CRITERI SOCIO DEMOGRAFICI Consentono l identificazione del potenziale di mercato ma non rilevano i segmenti caratterizzati da comportamenti di acquisto differenti RICERCHE PSICOSOCIALI Psicografia e stili di vita si focalizzano sui valori, i convincimenti e gli atteggiamenti che permettono l interpretazione dei fenomeni di consumo. STUDIO DELLA PERCEZIONE La benefits segmentation ipotizza che i segmenti si formino in relazione ad una omogeneitàdi preferenze rispetto ad un certo prodotto o servizio, il quale occupa una posizione particolare nel sistema percettivo del consumatore 15

16 LA RELAZIONE CON IL CLIENTE FASE DEL CONSUMO QUALITA PERCEPITA CLIENTE FASE DI ACQUISTO STADIO INIZIALE 16

17 IL PROCESSO DECISIONALE DELLA DOMANDA Vi sono diverse caratteristiche in grado di avvicinare un potenziale cliente alla nostra farmacia, lo schema seguente propone alcuni dei fattori principali: Dimensione/atmosfera Immagine Assortimento Casualità, passavo davanti/ cliente abituale Comodità: vicino a casa o al lavoro Prezzi convenienti Parcheggio comodo Servizio e professionalità del personale Ottima qualità dei prodotti Assortimento e disponibilità dei prodotti 17

18 L ANALISI DELLA CLIENTELA alta DIFFICOLTA DI GESTIONE DEL CLIENTE ATTIVITA E RELAZIONE CON IL CLIENTE Difficoltà di gestione bassa CHIAVE DIFFICILE CHIAVE FACILE CHIAVE NON DIFFICILE CHIAVE NON FACILE Attrazione della clientela A M B alta bassa Importanza strategica A M B Intensità della relazione 18

19 LA STRUTTURA DELLA CONCORRENZA La concorrenza allargata Il posizionamento competitivo Il benchmarking L analisi delle risorse e delle competenze 19

20 LA STRUTTURA DELLA CONCORRENZA FORNITORI ALTRE FORME DISTRIBUTIVE FARMACIA CONCORRENTI POTENZIALI Erboristerie, Supermercati, art. sanitari etc CLIENTI CONSUMATORI Internazionalizzati concentrati/non regolamentati in franchising 20

21 LE LEVE OPERATIVE IL NEGOZIO ASSORTIMENTO I SERVIZI ACCESSORI LA COMUNICAZIONE IL PREZZO IL PERSONALE 21

22 IL NEGOZIO E il luogo di lavoro in cui sono combinate le variabili del retailingmix È tra le più importanti componenti dell immagine della farmacia Il suo aspetto è tale da qualificare le varie formule di vendita svolgendo un ruolo diverso a seconda della localizzazione delle merceologie trattate e della dimensione Il merchandising consiste nell insieme delle tecniche di comunicazione, atte a suscitare un comportamento di acquisto desiderato, nei confronti di una marca o di un assortimento, al fine di massimizzare la resa della superficie espositiva all interno del punto di vendita 22

23 IL MERCHANDISING Design, musica, illuminazione Lay-out delle attrezzature Disposizione di impianti fissi all interno dell area di vendita: influisce sugli aspetti fisici del comportamento dei consumatori, individuando i corridoi e le aree da destinare ai singoli reparti; Lay-out merceologico Distribuzione dei reparti e delle linee merceologiche lungo il percorso dato dal lay-out delle attrezzature, agendo cosìsugli aspetti psicologici del comportamento del consumatore. Display e attività promozionali in shop 23

24 L ASSORTIMENTO Costituisce l elemento visibilein cui si concretizza l offerta commerciale Riassume la strategia di mercato del distributore, essendo il risultato finale di tutta l attività organizzativa Le decisioni in merito al portafoglio prodotti riguardano: L ampiezza: il numero di linee che lo compongono La profondità: il numero di prodotti da inserire in ogni linea 24

25 L OFFERTA DI SERVIZI ACCESSORI RISPONDE ALLA NECESSITA DI DIFFERENZIAZIONE ED È collegata alla strategia di marketing della farmacia ovvero all immagine del negozio È strettamente connessa al volume di fatturato realizzato dall azienda È determinata in funzione dei costi diretti e indiretti di ogni servizio sussidiario e dei ritorni in termini di vendite addizionali riscontrabili a breve, medio e lungo periodo 25

26 PROMOZIONI PUBBLICHE RELAZIONI PUBBLICITA INFORMATIVA PROPAGANDA LA COMUNICAZIONE NEGOZIO MERCHANDISING DIRECT MARKETING VENDITA PERSONALE 26

27 IL PERSONALE È parte dell offerta aziendale consentendo la differenziazione dell offerta in termini di qualità del servizio Ha il compito di far corrispondere i bisogni del cliente con l offerta del negozio farmacia, intervenendo sul processo di acquisto in tempo reale Costituisce una componente sempre più rilevante della soddisfazione della clientela Costruisce relazioni Gli aspetti quantitativi e qualitativi inerenti la dimensione del personale di vendita dipendono da: Tipologia dell assortimento Immagine del punto vendita che si intende proporre 27

28 SISTEMA DEI PREZZI E VALORE PER IL CLIENTE Definizione del prezzo rispetto agli obiettivi di : Fatturato Margine unitario Margine di contribuzione totale con riferimento a Il prodotto La categoria L intero assortimento VALORE D D USO COSTI DEL CLIENTE PREZZO DISUTILITA COSTI RICERCA RICONVERSIONE 28

29 Nello svolgimento dell analisi finalizzata all inquadramento della condizione della farmacia èfondamentale sviluppare un confronto tra quelli che sono i punti di forza e i punti di debolezza. PUNTI DI FORZA Immagine elevata Autorevolezza riconosciuta Capillarità Punto di riferimento per piccole patologie Educatore sanitario di base Alta frequentazione del punto vendita Potenziale centro di prevenzione PUNTI DI DEBOLEZZA Incapacitàdel canale di catturare nuova domanda Diminuzione progressiva del valore aggiunto dovuto alla rendita di posizione Basso grado di servizio fornito ai consumatori Carenza di specializzazione del personale Struttura del punto vendita non adeguato alle nuove esigenze di servizio Diminuzione flusso di consumatori potenziali dovuto al calo del mercato etico Mancanza di un adeguata politica di gestione dell assortimento 29

30 TRE POSSIBILI MODELLI DI FARMACIA FARMACIA- DRUGSTORE FARMACIA- FARMACIA Privilegia l eticitàdei prodotti Vuole prodotti con immagine salute Esalta il ruolo professionale FARMACIA-NEGOZIO SPECIALIZZATO Esalta le specializzazioni con un idoneo assortimento rivolto alla salute-benessere Cerca immagini di servizio qualificato Bilancia l immagine di servizio specializzato con quello strettamente professionale Esalta l ampiezza dell assortimento Privilegia i settori di libera vendita Cerca l immagine nel servizio distributivo 30

31 IL MARKETING IN FARMACIA MARKETING E MERCHANDISING 31

32 OBIETTIVI DEL MARKETING LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE L AUMENTO DEI PROFITTI 32

33 IL MERCHANDISING DEFINIZIONE 1. È la pubblicità sul punto vendita o meglio sul punto di acquisto 2. È l insieme delle tecniche per stimolare l acquisto l d impulsod 3. Riguarda tutti i problemi dell esposizione esposizione del prodotto in tutte le forme possibili Scopo del merchadising èrealizzare le condizioni per avere il prodotto giusto, nel momento giusto, nella quantità giusta,nel posto giusto 33

34 LE FUNZIONI DEL MERCHANDISING Strumento per aumentare la rotazione dei prodotti Elemento di collegamento con la pubblicitàconferisce un aspetto razionale all allestimento Incrementa gli acquisti d impulso Strumento di comunicazione con gli utenti Valorizza l insieme dei prodotti Elemento di educazione sanitaria Incrementa la circolazione della clientela Elemento di informazione Enfatizza il concetto di marca quindi garanzia 34

35 L ESPOSIZIONE DEI PRODOTTI 35

36 È necessario massimizzare la visibilità dei prodotti, rendendo facile la comparazione tra prodotti con caratteristiche simili. Nel posizionare i prodotti affini in postazioni vicine può essere sviluppato l acquisto d impulsod impulso. Una modalitàattraverso la quale si intendeva spingere il cliente a visualizzare tutte le tipologie di prodotto era il percorso obbligato. Tuttavia il risultato di questa strategia non èpiùritenuto cosìvalido, bensìsi ritiene importante dare piena libertàal cliente di visionare l area espositiva. 36

37 LA DISPOSIZIONE SCOPO EFFETTUARE VENDITE FUORI PROGRAMMA Le vendite non programmate consistono nell acquisto dei prodotti fuori ricetta ma presenti nell area per il pubblico, la richiesta e l acquisto dei quali non si basa sugli accordi predisposti dagli accordi con il SSN, bensì sull attenzione del cliente! 37

38 La disposizione in farmacia,suggerimenti : Se si possiedono più gondole cercare di dare una destinazione di prodotto o categoria univoca. Posizionare i prodotti per marca è possibile facilitarne il riconoscimento da parte del cliente e la sua valutazione. Ruotare le referenze ogni 7 o ogni 15 giorni. Non stravolgere le posizioni dei prodotti e dei comparti. Alternare sempre prodotti di marca a prodotti poco noti. Evitare gli spazi vuoti o il disordine, ma soprattutto avere particolare cura della pulizia. 38

39 IL CATEGORY MANAGEMENT Il category management èun Processo interattivo tra industria e distribuzione che punta a organizzare, pianificare e gestire gli assortimenti come un insieme di Strategic Business Unit con l obiettivo di massimizzare le vendite e i profitti attraverso la soddisfazionedei bisogni dei consumatori e la riduzione dei costi di interfaccia (Fornari 1999). PER APPROFONDIMENTI SI CONSIGLIA 39

40 LOGICA DI ACCOSTAMENTO Scala crescente dei prezzi Prezzo Colore Articolo variante TECNICA Tutti i prodotti appartenenti alla stessa famiglia merceologica a partire dal primo prezzo al prezzo più alto. Vengono riposti sulla stessa unitàespositiva i prodotti con lo stesso prezzo, nonostante appartengono a famiglie merceologiche diverse Vengono assemblati tutti i prodotti del medesimo colore Esposizione per cui sotto ogni prodotto ci sono tutte le varianti di misura e colore SCELTA STRATEGICA Quando l assortimento non ha alcun filone o tema o caratteristica degna di essere comunicata tramite l esposizione. In casi di svalorizzazioni, saldi, ribassi, esaurimenti, rimanenze. Quando l assortimento ègiàstato impostato all atto dell acquisto dal fornitore sul tema del colore sulla scia della moda. Quando non sembra conveniente la presentazione per misura (spazi carenti e assortimenti poco estesi) 40

41 LOGICA DI ACCOSTAMENTO Materia prima Coordinamento Marca TECNICA Vengono presentati assieme i prodotti della stessa materia prima Vengono riuniti tutti gli articoli caratterizzati da uno stesso tema, o disegno Sono presentati assieme i prodotti della stessa marca SCELTA STRATEGICA Quando la materia prima è riconosciuta dal consumatore, corrisponde alla qualitàe costituisce alternativa di acquisto Quando si vogliono comunicare al consumatore opportunitàdi migliore soddisfazione di un certo bisogno perchéla presentazione di un articolo èesaltata dalle possibilitàdi poter acquistare altri articoli con gli stessi decori In tutti i casi in cui ci troviamo di fronte alle marche prevendute e anche alle marche di casa, purchél offerta abbia una certa consistenza 41

42 LOGICA DI ACCOSTAMENTO Misura Formato Margine di guadagno Complementarietà TECNICA Vengono posizionati insieme tutti gli articoli della stessa misura Vengono posizionati assieme tutti gli articoli con la stessa tipologia di confezione (scatole, sacchetti etc) Nella migliore posizione il prodotto che fa guadagnare di più Vengono riuniti tutti i prodotti il cui consumo e reciprocamente legato SCELTA STRATEGICA Come scelta razionale per agevolare il libero servizio,in caso di assortimento caratterizzato da numerosi articoli Come soluzione chiarificatrice quando gli stock hanno rotto un po dappertutto e l assortimento si presenta impoverito e confuso Il formato o la confezione rispondono a precise esigenze del consumatore (formato famiglia, monouso etc) Promozione delle marche private Impiego promozionale. Trascinamento delle vendite dovuto alla presentazione abbinata di prodotti che si possono consumare insieme 42

43 I BISOGNI DEL CLIENTE 43

44 COME CAPIRE LE ESIGENZE DEL CLIENTE E ATTUARE LE STRATEGIE DI MARKETING? Oltre all aspetto percettivo (attraverso la disposizione dei prodotti) il farmacista ha la possibilitàdi trarre dal colloquio direttocon il cliente le informazioni necessarie a creare il primo stadio di fiducia necessaria a attirarne l attenzione e attuare strategie di cross selling. La strategia di cross-selling selling consiste nel consigliare al cliente, oltre al prodotto che ha acquistato ovvero che ha in ricetta una serie di prodotti complementari. 44

45 CLIENTE Intenzione di acquistare un farmaco come da prescrizione medica Intenzione di acquistare un farmaco da banco ACQUISTO DI UN FARMACO DA BANCO Sia che acquisti un prodotto da banco sia che acquisti un parafarmaco, l effettuato acquisto comporta un consiglio adeguato da parte del farmacista e una adeguata strategia comunicativa. Se il cliente richiede un farmaco da banco direttamente significa che conosce giàil marchio e/o sa a cosa serve. Il farmacista non ha fornito alcun input particolare. ACQUISTO DI UN PARAFARMACO Il cliente richiede un farmaco da banco e il suo acquisto si sposta verso tipologie di prodotti di cui non era a conoscenza : Il farmacista ha fornito degli input adeguati alla richiesta. NESSUN ACQUISTO L acquisto di un farmaco in ricetta èun esigenza da cui il cliente non può esimersi, ma se non vi è alcun acquisto significa che non èstata attuata la cross-selling. Se non viene effettuato alcun acquisto le cause possono essere riscontrate in : Scarso assortimento Scarsa informazione Scarsa visibilità Scarsa attenzione del farmacista 45

46 ATTENZIONE AL CLIENTE SODDISFAZIONE DEL CLIENTE OTTENIMENTO FIDUCIA E FEDELTA Si parta dal presupposto che il cliente ha bisogno di soddisfare le proprie esigenzeed allo stesso tempo essere guidato nell acquisto acquisto. PROFITTO 46

47 La migliore strategia di fidelizzazione del cliente è: il consiglio del farmacista. Si stabilizza un buon livello di comunicazione Il farmacista si dimostra sempre In grado di fornire le giuste risposte alle esigenze espresse e inespresse del cliente Il cliente è soddisfatto e si sviluppa il rapporto di fedeltà È possibile tracciare diverse strategie di marketing poiché si conoscono adeguatamente i bisogni della clientela 47

48 LA FEDELTA AL PUNTO VENDITA ALTO AREA DELLA FEDELTA ALLA MARCA Livello di fedeltà AREA DELLA FEDELTA AL PUNTO VENDITA BASSO Grado di unicità ALTO 48

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

QUALITÀ DEL SISTEMA CAPRI & TOURIST SATISFACTION

QUALITÀ DEL SISTEMA CAPRI & TOURIST SATISFACTION Azienda Autonoma di Cura Soggiorno e Turismo dell Isola di Capri QUALITÀ DEL SISTEMA CAPRI & TOURIST SATISFACTION Rapporto di ricerca a cura di N. Carlo Lauro e Vincenzo Esposito Vinzi, Dipartimento di

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli