IL MARKETING IN FARMACIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MARKETING IN FARMACIA"

Transcript

1 IL MARKETING IN FARMACIA 1

2 IL MARKETING IN FARMACIA Tutte le farmacie erano imprese commerciali: che non dovevano attirare clientela in quanto la loro area di competenza era (ed è) già definita per legge; in accordo con il SSN; prive di concorrenti (non c erano altre strutture commerciali non farmacie focalizzate sulla vendita dei farmaci. 2

3 Si partiva da un assunto errato: la farmacia èuna fonte di reddito sicuro QUINDI Non c èc alcun bisogno di svolgere delle politiche di marketing! 3

4 IL BISOGNO DEL MARKETING Oggi l idea della farmacia come fonte sicura di reddito ha perso forza a seguito di diversi cambiamenti del mercato, come ad esempio : la vendita di alcune tipologie di farmaci anche all interno dei centri commerciali; il fatturato basato solo sul SSN non corrisponde ad un adeguato ritorno dell investimento iniziale; è necessaria una strategia di fidelizzazione della clientela. 4

5 IL CONCETTO DI MARKETING Il marketing non èl arte di trovare modi intelligenti per collocare ciò che produci. E l arte di creare valore autentico per il cliente. Philip Kotler 5

6 Il marketing dell impresa farmacia Il prodotto-servizio in farmacia Il marketing strategico Analisi della domanda La struttura della concorrenza L analisi interna Il marketing operativo L assortimento ed i servizi Il punto vendita La comunicazione e il personale La gestione dei prezzi 6

7 IL PRODOTTO SERVIZIO IN FARMACIA Nel processo di conquista della fiducia del cliente la farmacia parte da un punto di vantaggio: essa offre dei servizi connessi ad un aspetto estremamente sensibile della persona, la salute. 7

8 LA QUALITA PERCEPITA DELLA FARMACIA Qualità totale Offerta o sperimentata Qualità attesa del cliente Qualità tecnica il cosa IMMAGINE Qualità funzionale il come Comunicazione di mercato Comunicazione passa parola Esperienze passate Bisogni immagine 8

9 L IMMAGINE DELLA FARMACIA Èil modo in cui il negozio farmacia si definisce nella mente del cliente in funzione di : Le qualità funzionali (prezzo, layout, etc.) Gli attributi psicologici (atmosfera, cortesia, etc.) Alla sua costruzione contribuiscono la localizzazione, le dimensioni, l arredamento, l atmosfera, il livello medio dei prezzi, l assortimento, il personale di vendita, etc. 9

10 L AMBIENTE E IL CONTESTO COMPETITIVO FARMACIA Normativa Normativa Trend settoriale Variabili macro economiche Sistema competitivo AMBIENTE SETTORIALE Variabile demografica AMBIENTE GENERALE Evoluzione del cliente Variabili socio culturali tecnologia politica 10

11 IL MARKETING Èun processo integrato mediante il quale un organizzazione, dopo aver valutato gli elementi di scenario del mercato e della propria azienda, propone ai clienti la soluzione d offerta piùadeguata e congruente con le proprie risorse, alla luce delle politiche decise per il perseguimento dei propri obiettivi aziendali. 11

12 Le valutazioni da effettuare per pianificare una strategia di marketingin grado di cogliere i punti attraverso i quali la farmacia possa raggiungere gli obiettivi prefissati, è composta dalle seguenti fasi: 1. L esame delle opportunità di mercato, analizzando quanto richiesto dai consumatori e dalle organizzazioni di consumatori, 2. L analisi dei prodotti esistenti sul mercato, 3. La valutazione del prezzo, 4. Lo studio dell esposizione (il giusto posizionamento), 5. La comunicazione costantemente con i clienti, 6. L informativa costante verso i propri clienti e indurli all acquisto. 12

13 L ANALISI DELLA DOMANDA: L EVOLUZIONE DEL CONSUMATORE È notevole la crescente consapevolezzadell acquirente al momento dell acquisto In questi anni si è registrato un progressivo incremento della età media della popolazione Inoltre è aumentato il numero dei nuclei monofamiliari Si nota una variazione e varietà degli stili di vitadelle famiglie e dell individuo È cresciuta l occupazione l femminile 13

14 SVOLGERE L ANALISI L DELLA DOMANDA Attraverso lo svolgimento di indagini qualitative/psicologichee di indagini quantitativesi analizza il processo di segmentazione della domanda :ovvero la politica di suddivisione del mercato in insiemi distinti di consumatori denominati appunto segmenti che presentano caratteristiche di omogeneitàin termini di comportamento d acquisto e di reazione a specifiche politiche di marketing. 14

15 I CRITERI DI SEGMENTAZIONE Si evidenziano tre tipologie di criteri attraverso cui svolgere la segmentazione: CRITERI SOCIO DEMOGRAFICI Consentono l identificazione del potenziale di mercato ma non rilevano i segmenti caratterizzati da comportamenti di acquisto differenti RICERCHE PSICOSOCIALI Psicografia e stili di vita si focalizzano sui valori, i convincimenti e gli atteggiamenti che permettono l interpretazione dei fenomeni di consumo. STUDIO DELLA PERCEZIONE La benefits segmentation ipotizza che i segmenti si formino in relazione ad una omogeneitàdi preferenze rispetto ad un certo prodotto o servizio, il quale occupa una posizione particolare nel sistema percettivo del consumatore 15

16 LA RELAZIONE CON IL CLIENTE FASE DEL CONSUMO QUALITA PERCEPITA CLIENTE FASE DI ACQUISTO STADIO INIZIALE 16

17 IL PROCESSO DECISIONALE DELLA DOMANDA Vi sono diverse caratteristiche in grado di avvicinare un potenziale cliente alla nostra farmacia, lo schema seguente propone alcuni dei fattori principali: Dimensione/atmosfera Immagine Assortimento Casualità, passavo davanti/ cliente abituale Comodità: vicino a casa o al lavoro Prezzi convenienti Parcheggio comodo Servizio e professionalità del personale Ottima qualità dei prodotti Assortimento e disponibilità dei prodotti 17

18 L ANALISI DELLA CLIENTELA alta DIFFICOLTA DI GESTIONE DEL CLIENTE ATTIVITA E RELAZIONE CON IL CLIENTE Difficoltà di gestione bassa CHIAVE DIFFICILE CHIAVE FACILE CHIAVE NON DIFFICILE CHIAVE NON FACILE Attrazione della clientela A M B alta bassa Importanza strategica A M B Intensità della relazione 18

19 LA STRUTTURA DELLA CONCORRENZA La concorrenza allargata Il posizionamento competitivo Il benchmarking L analisi delle risorse e delle competenze 19

20 LA STRUTTURA DELLA CONCORRENZA FORNITORI ALTRE FORME DISTRIBUTIVE FARMACIA CONCORRENTI POTENZIALI Erboristerie, Supermercati, art. sanitari etc CLIENTI CONSUMATORI Internazionalizzati concentrati/non regolamentati in franchising 20

21 LE LEVE OPERATIVE IL NEGOZIO ASSORTIMENTO I SERVIZI ACCESSORI LA COMUNICAZIONE IL PREZZO IL PERSONALE 21

22 IL NEGOZIO E il luogo di lavoro in cui sono combinate le variabili del retailingmix È tra le più importanti componenti dell immagine della farmacia Il suo aspetto è tale da qualificare le varie formule di vendita svolgendo un ruolo diverso a seconda della localizzazione delle merceologie trattate e della dimensione Il merchandising consiste nell insieme delle tecniche di comunicazione, atte a suscitare un comportamento di acquisto desiderato, nei confronti di una marca o di un assortimento, al fine di massimizzare la resa della superficie espositiva all interno del punto di vendita 22

23 IL MERCHANDISING Design, musica, illuminazione Lay-out delle attrezzature Disposizione di impianti fissi all interno dell area di vendita: influisce sugli aspetti fisici del comportamento dei consumatori, individuando i corridoi e le aree da destinare ai singoli reparti; Lay-out merceologico Distribuzione dei reparti e delle linee merceologiche lungo il percorso dato dal lay-out delle attrezzature, agendo cosìsugli aspetti psicologici del comportamento del consumatore. Display e attività promozionali in shop 23

24 L ASSORTIMENTO Costituisce l elemento visibilein cui si concretizza l offerta commerciale Riassume la strategia di mercato del distributore, essendo il risultato finale di tutta l attività organizzativa Le decisioni in merito al portafoglio prodotti riguardano: L ampiezza: il numero di linee che lo compongono La profondità: il numero di prodotti da inserire in ogni linea 24

25 L OFFERTA DI SERVIZI ACCESSORI RISPONDE ALLA NECESSITA DI DIFFERENZIAZIONE ED È collegata alla strategia di marketing della farmacia ovvero all immagine del negozio È strettamente connessa al volume di fatturato realizzato dall azienda È determinata in funzione dei costi diretti e indiretti di ogni servizio sussidiario e dei ritorni in termini di vendite addizionali riscontrabili a breve, medio e lungo periodo 25

26 PROMOZIONI PUBBLICHE RELAZIONI PUBBLICITA INFORMATIVA PROPAGANDA LA COMUNICAZIONE NEGOZIO MERCHANDISING DIRECT MARKETING VENDITA PERSONALE 26

27 IL PERSONALE È parte dell offerta aziendale consentendo la differenziazione dell offerta in termini di qualità del servizio Ha il compito di far corrispondere i bisogni del cliente con l offerta del negozio farmacia, intervenendo sul processo di acquisto in tempo reale Costituisce una componente sempre più rilevante della soddisfazione della clientela Costruisce relazioni Gli aspetti quantitativi e qualitativi inerenti la dimensione del personale di vendita dipendono da: Tipologia dell assortimento Immagine del punto vendita che si intende proporre 27

28 SISTEMA DEI PREZZI E VALORE PER IL CLIENTE Definizione del prezzo rispetto agli obiettivi di : Fatturato Margine unitario Margine di contribuzione totale con riferimento a Il prodotto La categoria L intero assortimento VALORE D D USO COSTI DEL CLIENTE PREZZO DISUTILITA COSTI RICERCA RICONVERSIONE 28

29 Nello svolgimento dell analisi finalizzata all inquadramento della condizione della farmacia èfondamentale sviluppare un confronto tra quelli che sono i punti di forza e i punti di debolezza. PUNTI DI FORZA Immagine elevata Autorevolezza riconosciuta Capillarità Punto di riferimento per piccole patologie Educatore sanitario di base Alta frequentazione del punto vendita Potenziale centro di prevenzione PUNTI DI DEBOLEZZA Incapacitàdel canale di catturare nuova domanda Diminuzione progressiva del valore aggiunto dovuto alla rendita di posizione Basso grado di servizio fornito ai consumatori Carenza di specializzazione del personale Struttura del punto vendita non adeguato alle nuove esigenze di servizio Diminuzione flusso di consumatori potenziali dovuto al calo del mercato etico Mancanza di un adeguata politica di gestione dell assortimento 29

30 TRE POSSIBILI MODELLI DI FARMACIA FARMACIA- DRUGSTORE FARMACIA- FARMACIA Privilegia l eticitàdei prodotti Vuole prodotti con immagine salute Esalta il ruolo professionale FARMACIA-NEGOZIO SPECIALIZZATO Esalta le specializzazioni con un idoneo assortimento rivolto alla salute-benessere Cerca immagini di servizio qualificato Bilancia l immagine di servizio specializzato con quello strettamente professionale Esalta l ampiezza dell assortimento Privilegia i settori di libera vendita Cerca l immagine nel servizio distributivo 30

31 IL MARKETING IN FARMACIA MARKETING E MERCHANDISING 31

32 OBIETTIVI DEL MARKETING LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE L AUMENTO DEI PROFITTI 32

33 IL MERCHANDISING DEFINIZIONE 1. È la pubblicità sul punto vendita o meglio sul punto di acquisto 2. È l insieme delle tecniche per stimolare l acquisto l d impulsod 3. Riguarda tutti i problemi dell esposizione esposizione del prodotto in tutte le forme possibili Scopo del merchadising èrealizzare le condizioni per avere il prodotto giusto, nel momento giusto, nella quantità giusta,nel posto giusto 33

34 LE FUNZIONI DEL MERCHANDISING Strumento per aumentare la rotazione dei prodotti Elemento di collegamento con la pubblicitàconferisce un aspetto razionale all allestimento Incrementa gli acquisti d impulso Strumento di comunicazione con gli utenti Valorizza l insieme dei prodotti Elemento di educazione sanitaria Incrementa la circolazione della clientela Elemento di informazione Enfatizza il concetto di marca quindi garanzia 34

35 L ESPOSIZIONE DEI PRODOTTI 35

36 È necessario massimizzare la visibilità dei prodotti, rendendo facile la comparazione tra prodotti con caratteristiche simili. Nel posizionare i prodotti affini in postazioni vicine può essere sviluppato l acquisto d impulsod impulso. Una modalitàattraverso la quale si intendeva spingere il cliente a visualizzare tutte le tipologie di prodotto era il percorso obbligato. Tuttavia il risultato di questa strategia non èpiùritenuto cosìvalido, bensìsi ritiene importante dare piena libertàal cliente di visionare l area espositiva. 36

37 LA DISPOSIZIONE SCOPO EFFETTUARE VENDITE FUORI PROGRAMMA Le vendite non programmate consistono nell acquisto dei prodotti fuori ricetta ma presenti nell area per il pubblico, la richiesta e l acquisto dei quali non si basa sugli accordi predisposti dagli accordi con il SSN, bensì sull attenzione del cliente! 37

38 La disposizione in farmacia,suggerimenti : Se si possiedono più gondole cercare di dare una destinazione di prodotto o categoria univoca. Posizionare i prodotti per marca è possibile facilitarne il riconoscimento da parte del cliente e la sua valutazione. Ruotare le referenze ogni 7 o ogni 15 giorni. Non stravolgere le posizioni dei prodotti e dei comparti. Alternare sempre prodotti di marca a prodotti poco noti. Evitare gli spazi vuoti o il disordine, ma soprattutto avere particolare cura della pulizia. 38

39 IL CATEGORY MANAGEMENT Il category management èun Processo interattivo tra industria e distribuzione che punta a organizzare, pianificare e gestire gli assortimenti come un insieme di Strategic Business Unit con l obiettivo di massimizzare le vendite e i profitti attraverso la soddisfazionedei bisogni dei consumatori e la riduzione dei costi di interfaccia (Fornari 1999). PER APPROFONDIMENTI SI CONSIGLIA 39

40 LOGICA DI ACCOSTAMENTO Scala crescente dei prezzi Prezzo Colore Articolo variante TECNICA Tutti i prodotti appartenenti alla stessa famiglia merceologica a partire dal primo prezzo al prezzo più alto. Vengono riposti sulla stessa unitàespositiva i prodotti con lo stesso prezzo, nonostante appartengono a famiglie merceologiche diverse Vengono assemblati tutti i prodotti del medesimo colore Esposizione per cui sotto ogni prodotto ci sono tutte le varianti di misura e colore SCELTA STRATEGICA Quando l assortimento non ha alcun filone o tema o caratteristica degna di essere comunicata tramite l esposizione. In casi di svalorizzazioni, saldi, ribassi, esaurimenti, rimanenze. Quando l assortimento ègiàstato impostato all atto dell acquisto dal fornitore sul tema del colore sulla scia della moda. Quando non sembra conveniente la presentazione per misura (spazi carenti e assortimenti poco estesi) 40

41 LOGICA DI ACCOSTAMENTO Materia prima Coordinamento Marca TECNICA Vengono presentati assieme i prodotti della stessa materia prima Vengono riuniti tutti gli articoli caratterizzati da uno stesso tema, o disegno Sono presentati assieme i prodotti della stessa marca SCELTA STRATEGICA Quando la materia prima è riconosciuta dal consumatore, corrisponde alla qualitàe costituisce alternativa di acquisto Quando si vogliono comunicare al consumatore opportunitàdi migliore soddisfazione di un certo bisogno perchéla presentazione di un articolo èesaltata dalle possibilitàdi poter acquistare altri articoli con gli stessi decori In tutti i casi in cui ci troviamo di fronte alle marche prevendute e anche alle marche di casa, purchél offerta abbia una certa consistenza 41

42 LOGICA DI ACCOSTAMENTO Misura Formato Margine di guadagno Complementarietà TECNICA Vengono posizionati insieme tutti gli articoli della stessa misura Vengono posizionati assieme tutti gli articoli con la stessa tipologia di confezione (scatole, sacchetti etc) Nella migliore posizione il prodotto che fa guadagnare di più Vengono riuniti tutti i prodotti il cui consumo e reciprocamente legato SCELTA STRATEGICA Come scelta razionale per agevolare il libero servizio,in caso di assortimento caratterizzato da numerosi articoli Come soluzione chiarificatrice quando gli stock hanno rotto un po dappertutto e l assortimento si presenta impoverito e confuso Il formato o la confezione rispondono a precise esigenze del consumatore (formato famiglia, monouso etc) Promozione delle marche private Impiego promozionale. Trascinamento delle vendite dovuto alla presentazione abbinata di prodotti che si possono consumare insieme 42

43 I BISOGNI DEL CLIENTE 43

44 COME CAPIRE LE ESIGENZE DEL CLIENTE E ATTUARE LE STRATEGIE DI MARKETING? Oltre all aspetto percettivo (attraverso la disposizione dei prodotti) il farmacista ha la possibilitàdi trarre dal colloquio direttocon il cliente le informazioni necessarie a creare il primo stadio di fiducia necessaria a attirarne l attenzione e attuare strategie di cross selling. La strategia di cross-selling selling consiste nel consigliare al cliente, oltre al prodotto che ha acquistato ovvero che ha in ricetta una serie di prodotti complementari. 44

45 CLIENTE Intenzione di acquistare un farmaco come da prescrizione medica Intenzione di acquistare un farmaco da banco ACQUISTO DI UN FARMACO DA BANCO Sia che acquisti un prodotto da banco sia che acquisti un parafarmaco, l effettuato acquisto comporta un consiglio adeguato da parte del farmacista e una adeguata strategia comunicativa. Se il cliente richiede un farmaco da banco direttamente significa che conosce giàil marchio e/o sa a cosa serve. Il farmacista non ha fornito alcun input particolare. ACQUISTO DI UN PARAFARMACO Il cliente richiede un farmaco da banco e il suo acquisto si sposta verso tipologie di prodotti di cui non era a conoscenza : Il farmacista ha fornito degli input adeguati alla richiesta. NESSUN ACQUISTO L acquisto di un farmaco in ricetta èun esigenza da cui il cliente non può esimersi, ma se non vi è alcun acquisto significa che non èstata attuata la cross-selling. Se non viene effettuato alcun acquisto le cause possono essere riscontrate in : Scarso assortimento Scarsa informazione Scarsa visibilità Scarsa attenzione del farmacista 45

46 ATTENZIONE AL CLIENTE SODDISFAZIONE DEL CLIENTE OTTENIMENTO FIDUCIA E FEDELTA Si parta dal presupposto che il cliente ha bisogno di soddisfare le proprie esigenzeed allo stesso tempo essere guidato nell acquisto acquisto. PROFITTO 46

47 La migliore strategia di fidelizzazione del cliente è: il consiglio del farmacista. Si stabilizza un buon livello di comunicazione Il farmacista si dimostra sempre In grado di fornire le giuste risposte alle esigenze espresse e inespresse del cliente Il cliente è soddisfatto e si sviluppa il rapporto di fedeltà È possibile tracciare diverse strategie di marketing poiché si conoscono adeguatamente i bisogni della clientela 47

48 LA FEDELTA AL PUNTO VENDITA ALTO AREA DELLA FEDELTA ALLA MARCA Livello di fedeltà AREA DELLA FEDELTA AL PUNTO VENDITA BASSO Grado di unicità ALTO 48

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI Comunicazione esterna Comunicazione interna I target group della comunicazione: la domanda finale il personale di vendita i fornitori i concorrenti.

Dettagli

CEREF Soc. Coop. a r.l. Viale Monza, 12 20127 Milano www.ceref.net - Catalogo corsi di Formazione per la Distribuzione Commerciale -

CEREF Soc. Coop. a r.l. Viale Monza, 12 20127 Milano www.ceref.net - Catalogo corsi di Formazione per la Distribuzione Commerciale - 3333 CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE PER LA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE INDICE AREA COMMERCIALE E GESTIONALE Lo scenario e gli sviluppi della GD in Italia e in Europa pag. 2 Le leve commerciali della distribuzione

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Strategia di marketing

Strategia di marketing Strategia di marketing La strategia di marketing è il complesso di azioni coordinate che un impresa realizza per raggiungere i propri obiettivi di marketing Elementi fondamentali della strategia di marketing

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Introduzione al Retail

Introduzione al Retail Introduzione al Retail Lezione 14.03.13 Pio Zito MARKETING RELAZIONALE FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI Il Retail etailè un sistema di vendita evoluto composto da una rete di punti caratterizzati da: SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Come sviluppare un marketing plan

Come sviluppare un marketing plan Come sviluppare un marketing plan Fasi del marketing plan 1. analisi della situazione; 2. definizione degli obiettivi; 3. individuazione del target; 4. sviluppo strategia di posizionamento 5. definizione

Dettagli

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Dicembre 2007 Introduzione La presente indagine monografica è stata condotta

Dettagli

Visual Merchandising La comunicazione del punto vendita. Karin Zaghi, Docente Senior SDA, Bocconi School of Management

Visual Merchandising La comunicazione del punto vendita. Karin Zaghi, Docente Senior SDA, Bocconi School of Management Visual Merchandising La comunicazione del punto vendita Karin Zaghi, Docente Senior SDA, Bocconi School of Management I temi trattati 1. Gli stimoli ambientali del punto vendita 2. Il punto vendita come

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

IL MARKETING. Materiale didattico di Andrea Maulini

IL MARKETING. Materiale didattico di Andrea Maulini IL MARKETING Materiale didattico di Andrea Maulini CHE COS E IL MARKETING? Non esiste una definizione univoca di marketing. In prima ipotesi, lo si può definire come STRUMENTO MEDIANTE IL QUALE SI REALIZZA

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1 Capitolo 7 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Capitolo 7- slide 1 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Obiettivi

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Segmentazione del mercato e scelta del target

Segmentazione del mercato e scelta del target Segmentazione del mercato e scelta del target 1 DEFINIZIONE DEL MERCATO: PROCESSO A PIU STADI LIVELLI DI SEGMENTAZIONE (Lambin): 1. Segmentazione strategica: identifica grandi settori di attività CORPORATE

Dettagli

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi)

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) azienda/clienti circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari

Dettagli

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21(

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( /(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( Abbiamo visto, nel paragrafo precedente, quali sono le figure e le strutture che possono costituire i canali di vendita per l impresa produttrice di olio di oliva,

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

Introduzione Azienda ed organizzazione

Introduzione Azienda ed organizzazione Introduzione Azienda ed organizzazione 1 L AZIENDA E IL SUO AMBIENTE AZIENDA: sistema aperto che instaura rapporti di input e output con l ambiente esterno, sociale e naturale Condizioni fondamentali per

Dettagli

IL VISUAL MERCHANDISING E I COLORI

IL VISUAL MERCHANDISING E I COLORI IL VISUAL MERCHANDISING E I COLORI Flavia Dagradi, f.dagradi@virgilio.it Milano, 12 marzo 2009 Retail marketing e Merchandising LOCATION: scelta dell ubicazione del punto di vendita, coerente col suo modello

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO La segmentazione Considerato l insieme dei clienti che costituiscono il mercato potenziale, occorre trovare dei tratti, omogenei a più clienti, che determinano risposte simili

Dettagli

Piano di marketing internazionale

Piano di marketing internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MARKETING INTERNAZIONALE anno accademico 2004/2005 ISSUE 6: Piano di marketing internazionale Prof. Mauro Cavallone Dott.ssa Chiara Zappella Materiale didattico

Dettagli

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Dott. Mario Liguori 1 Definizioni Comportamento di acquisto = l insieme delle

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO. a cura di Annamaria Annicchiarico

DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO. a cura di Annamaria Annicchiarico DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO a cura di Annamaria Annicchiarico Settembre 2005 Indice dei contenuti Definizioni utili Il prodotto/servizio Il rapporto col mercato Valutare le idee Il piano d azione

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 18 aprile 2007 Gli argomenti del primo corso PROPRIETA GOVERNO GESTIONE LE TEORIE

Dettagli

Analisi del mercato e stesura del piano di marketing. Dr.ssa Michela Floris

Analisi del mercato e stesura del piano di marketing. Dr.ssa Michela Floris Analisi del mercato e stesura del piano di marketing Dr.ssa Michela Floris L analisi del mercato L analisi della concorrenza L analisi della domanda Dr.ssa Michela Floris 2 L analisi della concorrenza

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Figura Professionale codice FP205 AGENTE DI COMMERCIO

Figura Professionale codice FP205 AGENTE DI COMMERCIO settore Comparto descrizione COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI E PER LA CASA COMMERCIO ALL'INGROSSO E INTERMEDIARI DEL COMMERCIO, AUTOVEICOLI

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/,

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/, */,,17(50(',$5,&200(5&,$/, /$7,32/2*,$'(,&$1$/,',0$5.(7,1*,1,7$/,$ Abbiamo avuto già modo di vedere, più o meno, quali sono le vie che può prendere la commercializzazione dell olio di oliva ed attraverso

Dettagli

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE Il canale di distribuzione di un bene è il percorso che questo segue nel suo trasferimento dal produttore (industriale o agricolo) al consumatore finale o all utilizzatore

Dettagli

Corso di Marketing Lezione 1 Concetti base di marketing

Corso di Marketing Lezione 1 Concetti base di marketing Corso di Marketing Lezione 1 Concetti base di marketing Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola Elena Cedrola - Marketing - Università degli Studi di Macerata

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

Dal marketing le soluzioni. consulenti per le farmacie

Dal marketing le soluzioni. consulenti per le farmacie Dal marketing le soluzioni consulenti per le farmacie Creiamo valore attraverso i nostri valori. La filosofia di business Phare consulting si riassume in un unica frase: vi aiutiamo a crescere Chi siamo

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Le leve del merchandising

Le leve del merchandising Le leve del merchandising il nostro percorso 0. Localizzazione del punto vendita e layout esterno ad esso 1. Layout merceologico disposizione dei reparti, flusso di traffico dei consumatori e layout delle

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo Fasi nell evoluzione del rapporto con mercato Marketing di massa Sono curate la produzione e la promozione del prodotto a livello di massa, per tutti

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

Il Marketing Analitico

Il Marketing Analitico Il Marketing Analitico Terza Lezione Bari, 19 Novembre 2007 Agenda Il mercato (follow-up) Le performance interne Esercitazione interattiva 2 Il Marketing Analitico 1 2 3 Il consumatore Il mercato Le performance

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

TRONY. Profilo dell insegna

TRONY. Profilo dell insegna TRONY Profilo dell insegna Chi è Trony La mission L offerta sul punto vendita E-Commerce e CRM Trony e i fattori di successo Il nuovo modello di vendita L importanza del personale di vendita La comunicazione

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING IL NETWORK DI CONSULENZE PER SOCIETA SPORTIVE E CENTRI FITNESS IMPRESA MODERNA OPPURE PALESTRA TRADIZIONALE? CHI

Dettagli

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Il marketing nella ristorazione

Dettagli

Marketing, vendite e servizi post-vendita

Marketing, vendite e servizi post-vendita Marketing, vendite e servizi post-vendita L attività di marketing include: a) tutte le azioni che spingono il consumatore ad acquistare un dato prodotto Marca, pubblicità, promozione (servizi di assistenza

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Concetto di marketing. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

Concetto di marketing. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa Concetto di marketing Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa Concetto di marketing Tutte le aziende si occupano di marketing perché tutte hanno un mercato con cui si rapportano

Dettagli

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione per le aziende METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION.

Dettagli

Nell attuale scenario socio-economico, saturo e caratterizzato da stili di consumo sempre più infedeli alle marche, diviene cruciale per le imprese

Nell attuale scenario socio-economico, saturo e caratterizzato da stili di consumo sempre più infedeli alle marche, diviene cruciale per le imprese Nell attuale scenario socio-economico, saturo e caratterizzato da stili di consumo sempre più infedeli alle marche, diviene cruciale per le imprese la conoscenza dello shopper. Per far sì che consumatore

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN L analisi della domanda ed il Piano di Marketing Dr.ssa Emanuela d

Dettagli

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO Settembre 2003 INDICE PRESENTAZIONE DELL'OSSERVATORIO...pag. 1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 Capitolo 1 STATO ED EVOLUZIONE DEL MERCATO...7

Dettagli

Le strategie di marketing

Le strategie di marketing Stampa Le strategie di marketing admin in Professione Consulente Con l analisi di mercato è possibile mettere a punto i prodotti o servizi corrispondenti alle esigenze di ogni segmento di mercato. Essa

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

DEFINIRE IL MERCATO DI RIFERIMENTO

DEFINIRE IL MERCATO DI RIFERIMENTO Capitolo 4 L analisi dei bisogni attraverso la segmentazione DEFINIRE IL MERCATO DI RIFERIMENTO Qual è il nostro settore di attività? In quale(i) settore(i) di attività dovremmo operare? In quale(i) settore(i)

Dettagli

Principi di marketing

Principi di marketing Principi di marketing Corso di Gestione e Marketing delle Imprese Editoriali (A Z) Prof.ssa Fabiola Sfodera Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione Anno Accademico 2013/2014 1 L utilità

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

DIP Diffusione Italiana Preziosi Spa. Company Profile

DIP Diffusione Italiana Preziosi Spa. Company Profile DIP Diffusione Italiana Preziosi Spa BLUESPIRIT Company Profile Uno sguardo d insieme Storia dell azienda e del suo successo Le tappe fondamentali I brand Il piano marketing Il format Bluespirit Scheda

Dettagli

I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione

I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione 1 Che cosa si intende con il termine? Una lettura attraverso i grandi cambiamenti sociali, economici e i cambiamenti, last but not least, tecnologici

Dettagli