MARKETING Libro, Politiche di marketing Slides, prof. Sebastiani (riassunto)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARKETING Libro, Politiche di marketing Slides, prof. Sebastiani (riassunto)"

Transcript

1 MARKETING Libro, Politiche di marketing Slides, prof. Sebastiani (riassunto) 1

2 MARKETING Definizione: insieme delle conoscenze, attività e strumenti utilizzati dall impresa, finalizzato alla comprensione e alla gestione del mercato. INTRODUZIONE. Presupposti del marketing Il primo presupposto è la domanda, che si origina dai consumatori e dai clienti. Man mano che si consolidano le esigenze più elevate, bisogni più intensi e personalizzati, diventa necessaria l esigenza per l impresa di affinare le sua capacità di lettura ed interpretazione del mercato. Il secondo presupposto è la concorrenza, in quanto esiste una relazione positiva tra intensità e dinamismo concorrenziale e fabbisogno di marketing. Il terzo si ritrova nel cambiamento, che è un fattore di maggior stimolo allo sviluppo e al fabbisogno di marketing. Focus del marketing: il valore. L obiettivo prioritario e generale del marketing, che corrisponde all obiettivo di impresa, è di creare valore per il cliente e per l impresa, valore soprattutto di natura economica, affinchè le imprese conseguano il profitto; il valore per il cliente è invece racchiuso all interno del prodotto/ servizio e viene espresso (si crea) grazie a innovazione, differenziazione, comunicazione. In particolare, nell impresa orientata al mercato vi è una continua creazione di valore economico dell impresa, attraverso degli obiettivi specifici: - Soddisfazione del consumatore: è l unica vera fonte di vantaggio sostenibile dell impresa che il concorrente non potrà mai eguagliare. Se il cliente è soddisfatto, porta PROFITTO (con il riacquisto, i margini e la fedeltà) e CRESCITA (con innovazione, preferenza e fedeltà di famiglia) - Redditività di lungo periodo: vantaggio competitivo difendibile e duraturo. In questa logica si soddisfano gli obiettivi aziendali. - Ottenimento di un vantaggio concorrenziale duraturo e difendibile. Il valore del cliente può essere di prodotto (es. illy) o di processo. Le fonti del valore (interne all azienda) sono: Conoscitive: legate ai processi cognitivi dell impresa Interpretative: dell ambiente esterno e delle capacità interne Organizzative: volte a trovare i migliori meccanismi atti a dispiegare il valore nell organizzazione e verso il mercato Imprenditoriali: dalle quali dipende in gran parte il fatto che le idee trovino una soluzione conveniente per l impresa e per il mercato Di controllo: su tutte le fonti interne citate, sui flussi provenienti dall esterno, sui costi e sugli investimenti che il presidio delle diverse fonti comporta Infine, il valore può essere dato da diverse variabili: Positive: - Immagine di marca - Prodotto - Servizi Negative: - Costo monetario - Costo temporale - Costo fisico - Costo psicologico 2

3 Diversi orientamenti e applicazione del concetto di marketing. Non può esistere un solo tipo di marketing ma la sua intensità deve adattarsi alle caratteristiche dell impresa e del mercato. Si distinguono quattro livelli di orientamento nella gestione dei rapporti con il mercato. I. Alla produzione: mercati statici, intensità conc.za limitata, le esigenze della domanda sono poco evolute. Il successo è legato a elevati livelli di efficenza tecnica ed org.va ed alla capacità II. III. di ridurre costi e prezzi. Al prodotto: gli aspetti tecnici e di performance del prodotto tendono a prevalere, il cliente è interessato alla qualità ed è in grado di comparare diversi prodotti. Il successo è dato dal miglioramento, innovazione del prodotto e dall adeguamento dei processi produttivi. Alla vendita: la rete di vendita è estesa, vi sono molte economie di dimensione, ampi volumi. Il livello di successo è dato da elevati e sempre crescenti livelli di vendita. IV. Al mercato: conc.za intensa e dinamica, domanda sofisticata ed esigente. Il successo (o vittoria conc.ziale) può essere raggiunta adeguando l offerta alle necessità mutevoli della domanda, capendo le esigenze dei clienti e personalizzando l offerta. FATTORE CRITICO DI SUCCESSO OBIETTIVI PERSEGUITI Orientamento alla produzione! Ottimizzazione dei processi produttivi! Aumentare i profitti attraverso la costante riduzione dei costi Orientamento al prodotto! Ottimizzazione delle caratteristiche del prodotto! Aumentare i profitti attraverso la costante innovazione dei propri prodotti Orientamento alla vendita! Ottimizzazione dei processi commerciali! Aumentare i profitti attraverso l aumento delle vendite e lo sviluppo della quota di mercato Orientamento al mercato! Ottimizzazione dei processi di acquisizione e interpretazione delle informazioni! Aumentare i profitti attraverso il consolidamento della quota di mercato, la rivisitazione continua delle strategie e lo sfruttamento delle nuove opportunità di business Nei primi tre casi si è concentrati sull impresa stessa, autocentrata. Nell ultimo caso si hanno anche altre opportunità. 3

4 Il processo di marketing e i processi di impresa (cap.3) Definizione: Il processo di marketing può essere definito come il percorso logico lungo il quale è opportuno procedere per prendere le decisioni di marketing sia a livello strategico, sia a livello tattico-operativo, al fine di contenere il rischio legato a qualsiasi processo decisionale e di massimizzare le opportunità di perseguimento degli obiettivi di efficacia ed efficienza. Com è composto il processo di marketing? E costituito da due fasi in sequenza e ogni processo va portato avanti parallelamente. La prima fase è detta analitica conoscitiva, nella quale il manager raccoglie info tanto sul mercato quanto sulle capacità di impresa; la seconda è decisionale o di marketing management, nelle sue dimensioni strategiche ed operative e nel particolare il mercato in cui operare, le decisioni di segmentazioni e le componenti di posizionamento delll offerta. Quindi, da un lato abbiamo rigore metodologico, numeri, strumenti che razionalizzano dati e informazioni con obiettivi quantitativi. Dall altro troviamo gli aspetti creativi e qualitativi e pensiamo a quali informazioni raccogliere e come farlo. Nel mezzo, troviamo una fase ponte, la quale si trova ad un livello intermedio tra le due. Il processo descritto si fonda su due meccanismi: - il sistema informativo - il sistema di valutazione Fase analitica/conoscitiva Analisi dell ambiente Definizione del mercato e analisi della domanda Struttura e comportamenti della distribuzione Comportamento del consumatore Analisi di settore e comportamenti concorrenziali Segmentazione del mercato e definizione dei mercati obiettivo Vantaggio competitivo e strategie concorrenziali Pianificazione di marketing Fase decisionale e marketing management Politiche di servizio al cliente Costi, prezzi e valore Canali di distribuz. Prodotto e innovazione Reti commerciali Comunicazione Pubblicità e promo vendite Brand management e brand equity Controllo di marketing 4

5 1. Fase analitica: Definizione: È volta a raccogliere, selezionare, elaborare informazioni che consentano al decisore di disporre di un quadro attuale e prospettico dell ambiente esterno rilevante per l impresa. ricognizione ambiente circostante. Quest attività deve essere condotta considerando l ambiente in una duplice accezione: ambiente generale o macroambiente: insieme di forze esterne sulle quali l impresa non può agire, ma dalla cui analisi si evincono minacce e opportunità del contesto in cui opera. Si tratta quindi di ambiente economico, fisico, demografico, politico-istituzionale, socio-culturale, tecnologico. (opportunità e minacce) ambiente competitivo o microambiente: l impresa e l insieme degli attori della sua filiera, dalla sua analisi l impresa identifica i propri punti di forza e debolezza. Gli attori sono i consumatori e utilizzatori finali, gli intermediari commerciali, l impresa e i concorrenti e i fornitori. (punti di forza e debolezza) L impresa infine ha un rapporto peculiare con l ambiente: I. l impresa vive utilizzando sistematicamente possibilità e potenzialità presenti (anche allo stato latente) nell ambiente; II. l ambiente, a sua volta, evolve diversamente a seconda di come le imprese individuano, selezionano e utilizzano le suddette potenzialità Risorse e competenze (microambiente). Parallelamente, oltre alle opportunità e minacce dell ambiente circostante (macroambiente), l azienda deve interrogarsi sulle capacità e competenze che è in grado di dispiegare (definizione). L analisi interna serve infatti a decidere quale strategia è possibile, l impresa deve guardare al proprio interno e valutare in modo oggettivo le risorse di cui dispone e che può acquisire, verificando quale strategia di successo sia possibile a partire da esse. Le risorse da sole non bastano, esse devono essere trasformate in competenze attraverso le routine organizzative dell impresa. Inoltre, le core competences, competenze distintive, competenze centrali, sono definizioni per le competenze che generano vantaggio competitivo. Le risorse si distinguono in: 1. tangibili 2. intangibili 3. umane Le prime due sono risorse finanziarie e fisiche, l ultima riguarda la tecnologia, la reputazione e la cultura. Caratteristiche delle risorse: Le R&C generano vantaggio competitivo se sono scarse e rilevanti Il vantaggio competitivo è duraturo se le R&C sono durature, non trasferibili, non replicabili La capacità di appropriarsi dei risultati delle proprie R&C dipende dai diritti di proprietà, dal potere contrattuale relativo, dall intreccio delle risorse 5

6 Modalità di sviluppo della fase di analisi da parte delle imprese: MODELLI IRREGOLARI Risposta contingente ad avvenimenti imprevisti (es. crisi). Il focus è su eventi già accaduti per identificarne l impatto sulle scelte dell impresa. È un approccio reattivo, poco strutturato, non finalizzato ad individuare le dinamiche future dell ambiente. MODELLI REGOLARI Analisi sistematica di monitoraggio, con cadenza periodica, delle dimensioni dell ambiente più significative per l impresa. La proiezione è verso il futuro, ma il focus è su singoli eventi. L obiettivo è valutare l impatto dei cambiamenti dell ambiente sulle decisioni dell impresa MODELLI CONTINUI Processo continuativo di valutazione e controllo dei diversi subsistemi ambientali. Necessita l integrazione tra i diversi supporti informativi delle varie funzioni aziendali. I tre modelli non sono necessariamente alternativi tra loro Orientamenti nella fase di analisi: APPROCCIO TIPICAMENTE ADOTTATO Osservazione indiretta e attivazione di coalizioni strategiche per il monitoraggio della filiera. Rappresentazione dell ambiente futuro. Monitoraggio discontinuo ma mirato, teso a favorire l adattamento dell impresa ai cambiamenti che essa può concorrere a generare. Osservazione condizionata, monitoraggio della concorrenza come momento più importante della fase analitico-conoscitiva. Approccio esplorativo, analisi in profondità, sistematica e formale. Esprime una logica di tipo proattivo AMBIENTE ESTERNO Complesso, discontinuo e mutevole. Difficile da interpretare e modificare. Mercati nuovi e frammentati, instabili ma influenzabili dall agire dell impresa. Mercati stabili, poche possibilità di cambiamento, settori concentrati. Mercati stabili, ma oggetto di cambiamento da parte delle imprese che vi operano 6

7 Strumenti a supporto dell analisi ambientale: 1) Analisi degli scenari Definizione: Uno scenario delinea una situazione futura possibile o verosimile, ma non è una previsione. Costruzione dello scenario: definizione delle forze (soprattutto del macroambiente) che possono creare un nuovo contesto; identificazione degli elementi caratterizzati da un elevato grado di certezza, per i quali si può definire con certezza la condizione futura; identificazione dei fattori di incertezza (triggering factors), sulla base dei quali lavorare per la costruzione degli scenari; creazione dello/degli scenari a partire dai fattori di certezza attraverso l esplorazione degli spazi di opportunità basati sulle possibili combinazioni dei fattori di incertezza. 2) Analisi e matrice swot Definizione: L analisi SWOT è uno strumento, usato nella formulazione della gestione strategica. Può aiutare ad identificare le Forze (Strengths), Debolezze (Weaknesses), Opportunità (Opportunities) e Minacce (Threats) di un'azienda. Le forze e debolezze sono fattori interni che possono creare o distruggere valore. Possono comprendere il patrimonio aziendale, le capacità, le skills o le risorse che l'azienda ha a sua disposizione e possono essere misurate usando valutazioni interne oppure indicatori interni di prestazione (benchmarks). Le opportunità e le minacce sono fattori esterni incontrollabili per l'azienda: anche questi possono contribuire nel creare o distruggere valore. Tali fattori vengono spesso riassunti con l'abbreviazione "Pest": fattori Politici e Legali, Economici, Sociali e Demografici, Culturali, Tecnologici (Innovazione). Inoltre possono emergere dinamiche competitive dell'industria o dei mercati che possono rappresentare, di volta in volta, opportunità o minacce per l'impresa. 7

8 L analisi swot Unendo e collegando le variabili tra loro, otteniamo: La matrice swot : 8

9 Esempio reale di matrice swot: 2. Fase decisionale e marketing management. Tratta di: decisioni strategiche/operative leve strategiche ed operative controllo risultati Marketing strategico: sono le decisioni il cui impatto si ripercuote nel lungo periodo e dalla cui correttezza dipende il successo o l insuccesso dell azienda. Riguardano le scelte prodottomercato, ovvero quelle che posizionano l impresa in un certo ambito economico. MARKETING STRATEGICO (approccio analitico) Analisi dei bisogni: definizione mercato di riferimento Segmentazione del mercato: macro e micro segmentazione Analisi dell attrattività: mercato potenziale, ciclo di vita Analisi della competitività: vantaggio competitivo difendibile Scelta di una strategia di sviluppo Marketing operativo: attuare le decisioni prese a livello strategico utilizzando gli strumenti e le tecniche di marketing (il marketing mix), nel modo più appropriato. MARKETING OPERATIVO (approccio attuativo) Piano di marketing (obiettivi, strategie, tattiche) Pressione di marketing integrata (4 P) (Prodotto, Prezzo, Punto vendita, Promotion) 9

10 III. Budget di marketing Esecuzione e controllo piano Il sistema informativo di marketing (cap.4) Definizione: Struttura integrata ed interagente di persone, attrezzature e procedure finalizzata a raccogliere, classificare, analizzare, valutare e distribuire informazioni pertinenti, tempestive ed accurate nella prospettiva del management impegnato nei processi decisionali. Queste informazioni sono un insieme di elementi che concorrono alla trasformazione dei dati in conoscenza di marketing finalizzata al conseguimento degli obiettivi aziendali. Il valore aggiunto consiste quindi nell integrare una serie di elementi estremamente eterogenei tra loro, sia all interno della stessa impresa, sia con gli elementi del mercato con cui deve confrontarsi. Per definire il concetto di conoscenza è necessario partire dagli elementi di base: Dato = modo di esprimere fatti e oggetti Informazione = fatti e dati organizzati per descrivere una particolare situazione o condizione L attività di marketing non può quindi prescindere dalla gestione dell informazione, in quanto espressione di presidio della conoscenza necessaria a guidare la relazione tra impresa e mercato. E necessario quindi analizzare in modo strutturato i flussi informativi che interessano il management. Nella gestione delle informazioni devono essere rispettati tre principali criteri: Correttezza: bisogna rispettare appropriate metodologie in modo da evitare errori che possano modificare il valore dell informazione. Efficacia: le informazioni devono esser eun modo per rappredentare sinteticamente le caratteristiche di un fenomeno reale senza introdurre distorsioni Efficienza: bisogna tener presente l economicità dell informazione, ovvero il costo complessivo dell informazione rappresentato dall insieme di risorse impiegate per la gestione dell informazione dev essere inferiore al valore generato dalle stesse. Vi è uno schema funzionale del complesso processo alla base del sistema informativo di marketing: 10

11 Inoltre, il cuore del sistema informativo di marketing è il sistema di creazione delle informazioni, il cosiddetto processo di produzione delle informazioni: Tipicamente, si individuano quattro sottosistemi che presidiano il processo di produzione delle informazioni: 1. Il sottosistema delle rilevazioni interne: è rappresentato dall insieme di tutte le informazioni prodotte tipicamente per finalità amministrative e contabili a cui si aggiungono le rilevazioni extra contabili sull andamento della produzione etc. 2. Il sottosistema di marketing intelligence: la capacità di comprendere, analizzare e valutare pienamente l ambiente interno ed esterno relativo ai clienti, concorrenti, mercato e industria, per migliorare i processi di decision making. 3. Il sottosistema delle ricerche di mercato: è una delle attività peculiari dell azienda orientata al mercato. Quando le informazioni non sono chiare, si verifica il contesto di riferimento con un analisi ad hoc, finalizzata alla raccolta di informazioni originali per migliorare il livello complessivo di conoscenza dell azienda. 4. Il sottosistema dei sistemi a supporto delle decisioni: è rappresentato da un insieme di regole finalizzate all interpretazione corretta e coerente di fenomeni simili in modo da garantire comportamenti omogenei all interno dell azienda (es. criteri di attribuzione degli sconti ai clienti, che devono essere simili per tutti i venditori). Le fonti informative. La qualità del sistema informativo dipende dalla qualità dei dati in ingresso (garbage in, garbage out). Una distinzione rilevante riguarda l origine dei dati (interni ed esterni) e lo scopo con cui sono stati raccolti (fonti di dati primari o secondari). I dati primari rappresentano tutti quei dati che vengono ricercati in modo specifico per risolvere una carenza informativa. Sono i risultati di ricerche di mercato. I dati secondari sono invece dati già prodotti e resi disponibili, anche se con finalità diverse da quelli che li hanno generati (es. elenco dei clienti e dei fornitori). Questi vengono raccolti sistematicamente da enti predisposti, da associazioni di categoria e vengono messi a disposizione sia a titolo oneroso, sia a titolo gratuito. Infine, questi pongono le basi per le ricerche di mercato perchè danno una serie di indicazioni sull impostazione delle ipotesi e le caratteristiche delle stesse. 11

12 Infine, è necessario considerare che le fonti interne sono di più facile ed economica gestione, anche se le vere potenzialità si possono trovare all esterno, sfruttando le molteplici banche dati esistenti. Di seguito sono indicate e poste in relazione le diverse tipologie di fonti informative appena elencate. Le ricerche di mercato. Definizione: La ricerca di marketing è la raccolta, la registrazione e l analisi sistematica dei dati riguardanti i problemi relativi al marketing di beni e servizi (AMA) La ricerca di marketing colma una serie di lacune informative a cui il sistema informativo di marketing non potrebbe supplire diversamente e sopratutto a sondare ambiti che altrimenti non verrebbero indagati. Esistono varie tipologie di ricerche (prima distinzione): I. Ad hoc: la ricerca è commissionata all istituto di ricerca da un azienda che la progetterà nei minimi dettagli per risolvere il suo problema informativo. Il costo è elevato. II. Multiclient: per ridurre l investimento necessario e poter disporre di un budget maggiore, esistono istituti specializzati che svolgono ricerche per una pluralità di clienti. Queste producono informazioni di carattere generale sulle caratteristiche specifiche di mercati o settori. III. Omnibus: è una particolare tipologia di ricerca multiclient, avviene su panel quantitativi e ogni azienda committente ha possibilità di personalizzare alcune domande nel questionario utilizzato. Le fasi fondamentali della ricerca di mercato possono essere raggruppate in uno schema (segue). Il processo di ricerca si articola in fasi al fine di minimizzare gli errori e le scelte metodologiche con cui è realizzata e la correttezza delle attività garantiscono la qualità dei risultati raccolti. La ricerca 12 Definizione del problema Definizione del modello Definizione del metodo Fase sul campo Elaborazione dei risultati Stesura del rapporto Trasmissione dei risultati

13 Nelle prime due fasi è necessario ci sia efficacia ed efficienza, nella terza e nella quarta correttezza e nella ultime tre efficienza in primis e poi efficacia. Le fasi nel dettaglio: Definizione del modello: le caratteristiche della ricerca che si vuole realizzare. Le ricerche di mercato si classificano in esplorative (finalizzate a far luce su un problema), descrittive (definire e qualificare le caratteristiche di un fenomeno nel suo contesto generale), casuali (verificano le relazioni causa/effetto tra i fenomeni analizzati). Definizione del metodo: si definiscono quali sono le fonti informative da utilizzare, i metodi di ricerca più indicati e la definizione degli strumenti per la raccolta dati. Rilevazione dei dati: si passa alla parte realizzativa. E una fase critica, sia per quanto riguarda i costi sia per la qualità del risultato finale. Elaborazione dei risultati: a seconda della tipologia di riceca, potranno essere realizzate analisi sulla base di dimensioni prevalentemente di natura qualitativa, oppure si potrà procedere a elaborazioni di natura statistica per sintetizzare i dati raccolti o ancora applicare metodi avanzati come la cluster analysis. Stesura del report: il report deve contenere gli obiettivi della ricerca, un executive summary, i principali risultati ottenuti, la presentazione puntuale di tutti i risultati in dettaglio, eventuali appendici. Presentazione dei risultati: il responsabile dell istituto di ricerca che ha seguito l intera attività di ricerca potrà presentare i risultati ai committenti dell azienda. Un altra possibile distinzione per le ricerche di mercato è tra ricerche qualitative o quantitative (seconda distinzione). Le ricerche di natura qualitativa descrivono uno o più processi in uno specifico contesto o approfondiscono la conoscenza di un fenomeno di mercato cercando di verificare le ragioni vere e nascoste che lo determinano. Affronta le problematiche di marketing da punti di vista molto eterogenei (es. sociologia, psicoanalisi, semiotica, antropologia etc.). Negli ultimi anni hanno assunto un ruolo sempre più autonomo a dimostrazione della crescente complessità dei mercati in cui operano le aziende. Infine, è importante sottolineare che i risultati non sono testati per capire se sono statisticamente significativi o dovuti a occorrenza casuali: i risultati prodotti non possono quindi essere generalizzati. Per quanto riguarda le ricerche di natura quantitativa, l obiettivo è di fornire una misurazione puntuale e precisa del fenomeno indagato e delle sue determinanti. Si producono dati quantitativi mediante il supporto di questionari. In questo caso invece, i risultati possono essere generalizzati a popolazioni più ampie del campione perchè qui viene scelto in base a inferenza statistica. 13

14 Nelle ricerche di natura qualitativa, i metodi di contatto e di indagine utilizzati sono: 1. Intervista in profondità: si basa su un rapporto Face-to-face tra intervistatore e intervistato, condotto da professionisti (la cui competenza è fondamentale.) Ha come obiettivo l approfondimento di tematiche e dinamiche legate all individuo. Le possibili tipologie sono: il colloquio clinico, l intervista proiettiva e l intervista semi-strutturata. 2. Focus group: un intervistatore professionista discute insieme a 7-10 persone per una o due ore. Rispetto all intervista in profondità offre, in più, la possibilità di osservare le dinamiche che si instaurano nel gruppo e far emergere ulteriori elementi di analisi (es. linguaggio del corpo). 3. Osservazione: è usata quando non è possibile ricreare artificialmente la situazione che si intende analizzare. Una particolare tecnica è quella del mistery shopping. Considerazioni generali: - la professionalità e la capacità dell intervistatore sono fondamentali - condizionamenti o pregiudizi possono produrre risultati alterati Nella ricerca di natura quantitativa, i metodi di contatto sono basati sempre su questionari strutturati che possono essere erogati nei seguenti modi: 1. Intervista personale 2. Telefonica 3. Postale 4. Via web. Il questionario deve avere determinate caratteristiche che riguardano: 14

15 CONTENUTO deve essere chiaro e semplice per l intervistato e, contemporaneamente, deve consentire di soddisfare gli obiettivi della ricerca. FORMULAZIONE DELLE DOMANDE il tipo di domanda deve tenere conto delle esigenze degli intervistati e dei ricercatori. Distinzione fondamentale tra domande aperte e domande chiuse. LINGUAGGIO deve consentire un immediata comprensione dei temi trattati da parte degli intervistati. STRUTTURA deve seguire una linea logica e chiara per l intervistato e metterlo il più possibile a proprio agio. Inoltre, le principali tipologie di domande chiuse previste sono: Dicotomiche: prevedono solo due risposte possibili A scelta multipla: propongono più alternative autoescludendosi A scala di likert: per un affermazione viene chiesto il livello di accordo o disaccordo mediante scala numerica. Differenziale semantico: si chiede di posizionare la propria risposta all interno di una scala che presenta agli estremi due concetti opposti tra loro Scala di importanza o di valutazione: viene proposta una classifica di importanza o di attributi. Infine, per la costruzione di un test coretto è necessario: Definire chiaramente gli obiettivi informativi Collegare ogni domanda a uno degli obiettivi informativi Controllare l'ordine delle domande in modo che le risposte alle precedenti non influenzino quelle delle successive Controllare che non vi siano palesi ripetizioni, sovrapposizioni e incoerenze Attribuire ad ogni domanda un valore in termini di informazione ottenibile Prevedere il campo delle risposte possibili Misurare il tempo necessario per la lettura e le risposte Definire una griglia di interpretazione delle risposte Effettuare un test di prima approssimazione sulla comprensibilità delle domande, la durata della compilazione e la capacità di risposta dell'intervistato Definire chiaramente le istruzioni per l'intervistatore o per il compilatore e testare la comprensibilità delle istruzioni es. ricerca quantitativa: coca cola con il prodotto new coke effettua dei blind test. Il campionamento. Un ultimo aspetto che occorre precisare per completare il quadro delle ricerche di mercato riguarda la decisione di chi deve essere intervistato e quante interviste svolgere. Per quanto riguarda il primo problema, il ricercatore dovrò identificare chi, nell ambito del fenomeno di marketing indagato, ha le informazioni ricercate e può essere direttamente coinvolto nell indagine. Per il secondo problema, la numerosità del campione, si osserva il livello di eterogeneità dei caratteri in essa presenti. 15

16 I diversi metodi di campionamento sono: - Campioni probabilistici: ogni membro della popolazione ha una probabilità nota e diversa da zero di entrare a fare parte del campione. - Campioni non probabilistici: la procedura di selezione utilizzata è soggettiva e la probabilità di selezione per ogni unità di popolazione è ignota. 16

17 Comportamento del consumatore Processi di consumo e di acquisto. Analisi qualitativa della domanda. Descrive e interpreta il comportamento di acquisto e consumo in tutte le fasi del processo di consumo. Questi sono gli atti degli individui relazionati con l ottenimento e l utilizzo di beni e servizi, non tralasciando i processi decisionali a monte che precedono e determinano tali atti. E opportuno distinguere due momenti, l acquisto ed il consumo. Definizione (acquisto): insieme di azioni esplicitate da un singolo per venire in possesso di un determinato bene. E un esperienza omnicomprensiva. Definizione (consumo): inizia quando la persona percepisce una necessità e termina quando essa ne trae un impressione, positiva o negativa, dall esperienza di consumo del bene acquistato. E opinione generale che l acquisto sia incluso nel processo di consumo. Per quanto riguarda l acquisto, vi sono due tipologie di base: convenience shopping si ricerca la convenienza sul piano dei prezzi, del tempo e dello sforzo dedicato agli acquisti recreational shopping premia i prodotti e i punti di vendita nei quali si trovano situazioni originali, coinvolgenti, divertenti e cariche di emozioni. 17

18 A) Vi sono diverse prospettive d analisi dei consumi: Economiche Consumo come momento fondante dell economia e funzione del reddito: obiettivo del consumatore la massimizzazione dell utilità totale derivante dai beni consumati. Ma il consumo non è solo l espressione del comportamento economico e razionale. Sociologiche Consumo come fenomeno che coinvolge la collettività, fenomeno sociale. L individuo viene analizzato nelle sue interazioni con i gruppi di influenza sociale. Concetti: consumo ostentativo, effetti emulativi e dimostrativi, teorie dei consumi di massa e dinamiche di consumo di moda. Psicologiche Il consumo come atto individuale, volto al soddisfacimento di un esigenza e di un piacere personale. Dipende dalle motivazioni, dalle esperienze e dalle caratteristiche personali, dagli atteggiamenti dei singoli. Sono inoltre importanti le prospettive: Culturali Cultura, subcultura, classe sociale Sociali Gruppo di riferimento, famiglia, status sociale Personali Età, occupazione, situazione economica, stile di vita,personalità, valori B) Caratteristiche del cliente di oggi. Secondo Fabris, le caratteristiche salienti del consumatore di oggi sono riconducibili alle seguenti dimensioni. Il consumatore è: AUTONOMO dotato di senso critico, richiede più dialogo e considerazione da parte dell impresa COMPETENTE grazie alle maggiori informazioni disponibili e della capacità di confronto 18

19 ESIGENTE in termini di qualità e di valore dell offerta in grado di soddisfare le sue necessità SELETTIVO si pone criticamente di fronte alla complessità dell offerta, anche in conseguenza all ipercompetizione ORIENTATO IN SENSO OLISTICO sfrutta complessivamente tutte le dimensioni tangibili e intangibili dell offerta dell impresa DISINCANTATO con un atteggiamento distaccato che lo porta ad assumere atteggiamenti più pragmatici e realistici Il cliente non è dunque un puro ricevente passivo delle proposte delle imprese e le necessità di comprensione delle sue esigenze e di continua interazione risultano molto elevate. Il marketing esperienziale Il processo di consumo è dato dal prodotto o dal servizio, dalle interazioni tra impresa, personale e cliente e l ambiente experencial marketing. E in questo caso opportuno citare le logiche di marketing esperienziale, che si basano sull assunto dell inscindibilità tra il prodotto e l esperienza vissuta dal consumatore. Secondo Schmitt esistono cinque tipi diversi di esperienza: - SENSE experiences, che coinvolgono la percezione sensoriale. - FEEL experiences, che coinvolgono i sentimenti e le emozioni. - THINK experiences, cioè esperienze creative e cognitive. - ACT experiences ovvero esperienze che coinvolgono la fisicità. - RELATE experiences, che derivano dalla relazione con gli altri. C) Risposte del cliente alle azioni di marketing. LEARN risposta cognitiva: riguarda le informazioni e la conoscenza. Le misure della risposta cognitiva sono riferibili alla notorietà, alla memorizzazione, alla rilevanza ecc. FEEL risposta affettiva: riguarda le preferenze individuali e le valutazioni soggettive. Può essere misurata considerando l insieme evocato, l immagine, le preferenze dichiarate ecc 19

20 DO risposta comportamentale: l azione compiuta dal consumatore, in primo luogo l acquisto/non acquisto del prodotto, ma anche la ricerca di ulteriori informazioni, la prova, la fedeltà ecc Si suppone che ogni individuo segua una successione predefinita di questo tipo. In realtà questa sequenza normale può essere sovvertita in relazione al livello di coinvolgimento psicologico e alle tipologie di apprendimento del consumatore. D) Comportamento di acquisto e di consumo, fasi e processo: 20

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli