Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per il triennio di scuola secondaria di 2 grado

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per il triennio di scuola secondaria di 2 grado"

Transcript

1 Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per il triennio di scuola secondaria di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno di essi partecipa ad un complesso di interazioni, sia con gli altri organismi viventi (fattori biotici) sia con gli agenti ambientali non viventi (fattori abiotici). L ecologia è la scienza che studia come gli organismi interagiscono con l ambiente e con gli altri organismi, cioè le relazioni fra i fattori biotici (viventi) e i fattori abiotici (non viventi). La parte della Terra dove esiste la vita è chiamata biosfera. Gli esseri viventi sulla terra possono essere riuniti in grandi complessi ambientali detti biomi, caratterizzati in base alle piante prevalenti. Un ecosistema è un insieme di fattori biotici e abiotici attraverso il quale passa un flusso di energia (la cui sorgente è il sole e il cui passaggio da un organismo all altro avviene lungo la catena alimentare) e nel quale le sostanze minerali vengono riciclate. La maggior parte degli studi sugli ecosistemi viene condotta però su unità naturali più piccole, come uno stagno o una palude. La porzione di un ecosistema in cui vive un particolare organismo è nota come habitat di quell organismo. Tra i fattori ambientali, l elemento che determina se un organismo può crescere o meno in un certo ambiente è chiamato fattore limitante. Concentriamo la nostra attenzione sui fattori abiotici: essi sono numerosi ed esistono diversi modi di misurarli anche nel Parco di Mirabilandia. Osserva un primo tratto di Parco... con gli occhi di un ecologo..quali fattori abiotici individui? 1

2 Oggi a Mirabilandia preleveremo alcuni campioni, misureremo e cercheremo di comprendere il significato di alcuni fattori abiotici di un ecosistema acquatico, come uno dei laghetti presenti all interno del Parco. In particolare le nostre attività riguarderanno i seguenti fattori abiotici: ph COD MATERIALI E ATTREZZATURE PER IL CAMPIONAMENTO E L ANALISI Per la misura dei parametri ambientali si possono usare tecniche diverse; nel nostro caso useremo anche sensori: asta per i prelievi bottiglie in PET per la raccolta dei campioni acqua distillata sensori per la misura della temperatura e del ph collegati ad una interfaccia CBL2 e ad una calcolatrice grafica TI84, che ci consentiranno di acquisire e leggere i dati in tempo reale cartine indicatrici per la misura del ph soluzione di violetto di metile (indicatore) soluzione di LiCl 12M termoreattore, fotometro e cuvette predosate per la determinazione del COD pipetta da ul calibrata CAMPIONAMENTO E RACCOLTA DEI DATI PRELIMINARI Cosa significa prelevare un campione? Quando si esegue un campionamento è fondamentale procedere anche alla registrazione di alcuni dati preliminari che forniscono informazioni circa le condizioni in cui il campione è stato prelevato e in cui sono state eseguite alcune misure. Questo modo di procedere è proprio del metodo sperimentale e garantisce la riproducibilità dei dati e pone le basi per una corretta valutazione dei risultati ottenuti. 2

3 CAMPIONE N DATA E ORA: NOME PRELEVATORE LOCALITA COORDINATE GEOGRAFICHE TEMPERATURA DELL ARIA NOTE SUL SITO DI PRELIEVO Confronteremo il campione prelevato con un altro campione (campione n 2) costituito da acqua distillata. Cosa significa misurare? In cosa la misura si differenzia dalla stima? ATTIVITA DI MISURA Per eseguire misure affidabili è fondamentale conoscere le caratteristiche della strumentazione utilizzata; ad esempio occorre essere sicuri che le grandezze che vogliamo determinare siano rilevabili con gli strumenti che utilizzeremo. PARAMETRO DA MISURARE STRUMENTO UNITA DI MISURA INTERVALLO SENSIBILITA TEMPERATURA ph ph COD 3

4 1 FATTORE ABIOTICO: ph Uno ione è un atomo che ha acquistato elettroni (in questo caso lo ione avrà carica negativa e sarà chiamato anione ad es. Cl - ) o perso elettroni (in questo caso lo ione avrà carica positiva e sarà chiamato catione ad es. Na + ). L acqua ha una piccola tendenza a formare ioni e nonostante sia formata da molecole nelle quali gli atomi di idrogeno e di ossigeno sono legati tra loro, una piccolissima parte di tali molecole risulta dissociata in ioni idrogeno (H + ) e ioni idrossido (OH - ), secondo questo equilibrio: H 2 O H + + OH - L equazione indica che la dissociazione dell acqua porta alla produzione di un numero di ioni H+ uguale a quello degli ioni OH-, ma non indica quanto sia spostato a destra o a sinistra l equilibrio. La costante di equilibrio di questa reazione è: K eq = + - [H ] [OH ] [H O] 2 =1, mol/litro (a 25 C) In base a tale valore l equilibrio è spostato a destra o a sinistra? Cosa significa A causa di questa debole dissociazione, la concentrazione molare dell'acqua (circa 55,56 mol/litro) può essere considerata costante e pertanto il suo valore può essere "inglobato" nella costante di equilibrio, in modo da definire una nuova costante, detta K w (costante di autoprotolisi), che vale: K w = K eq [H 2 O] = [H + ] [OH - ] = 1, ,56 = Se si aggiunge all'acqua una sostanza che fa aumentare [H + ], [OH - ] diminuisce, in misura tale da mantenere costante il prodotto [H + ] [OH - ]; accade esattamente il contrario se si aggiunge all'acqua una sostanza che fa aumentare [OH - ]. Il prodotto [H + ] [OH - ], che è noto come prodotto ionico dell acqua, ci dice anche che poiché nell'acqua "pura [H + ] è uguale alla [OH - ] e poiché il prodotto di queste due concentrazioni è 10-14, avremo che [H + ] = [OH - ] =

5 DEFINIZIONE DEL ph SOLUZIONE ACQUOSA: miscuglio omogeneo in cui le molecole di una sostanza si disperdono in modo omogeneo in tutto il liquido solvente (in questo caso l acqua). In base alla definizione di Bronsted l acidità o la basicità di una soluzione dipende dal numero di ioni H + e OH - e quindi per stabilire se e quanto una soluzione è acida o basica occorre in qualche modo misurarli. Per motivi di praticità, cioè per evitare di esprimersi con numeri molto piccoli o potenze di 10, è stato proposto l uso di una scala logaritmica ovvero: ph = -log[h + ] Infatti utilizzando questa espressione si ottengono numeri molto più pratici, ad esempio: ad una concentrazione di H + pari a 10-7 corrisponde un ph di: ad una concentrazione di H + pari a 10-3 corrisponde un ph di: ad una concentrazione di H + pari a 10-9 corrisponde un ph di: DEFINIZIONI Soluzione acida Soluzione neutra Soluzione basica Quando la concentrazione degli ioni H+ è > di quella degli ioni OH - cioè quando il ph è < 7 Quando la concentrazione degli ioni H+ è = a quella degli ioni OH - cioè quando il ph è = 7 Quando la concentrazione degli ioni H+ è < di quella degli ioni OH - cioè quando il ph è > 7 In base alle tue conoscenze sapresti dire in quale intervallo di valori può variare il ph di soluzioni acquose? PERCHE E IMPORTANTE CONOSCERE IL ph? Nei sistemi viventi molte sostanze si trovano in soluzione acquosa (l uomo è costituito per il 70% da acqua nella quale sono sciolte moltissime sostanze) e quasi tutte le reazioni chimiche che ci permettono di vivere avvengono ad un ph compreso tra 6 e 8. Anche gli organismi acquatici sono sensibili al ph dell ambiente in cui vivono e piccoli cambiamenti possono essere dannosi per la loro vita. Ad esempio la trota può sopravvivere in acque con ph compreso tra 7 e 9 e se il ph dell acqua in cui vive esce da questo intervallo, essa non può riprodursi o sopravvivere. 5

6 La misura del ph è quindi molto importante come indicatore della qualità ambientale dell acqua. Il ph può essere misurato in diversi modi, più o meno accurati e precisi. Cosa si intende per accuratezza? Cosa si intende per precisione? Assegna ad ogni figura la frase giusta: PRECISO E ACCURATO PRECISO E NON ACCURATO NON PRECISO E ACCURATO NON PRECISO E NON ACCURATO Oggi utilizzeremo tre diverse tecniche per misurare il ph. Le prime due tecniche sfruttano la capacità di particolari sostanze di cambiare colore a seconda del valore di ph della soluzione nella quale si trovano; tali sostanze sono comunemente chiamate indicatori MISURE QUALITATIVE (cartina al tornasole) MISURE SEMIQUANTITATIVE (Strip Test) CAMPIONE RISULTATO CAMPIONE RISULTATO MISURE QUANTITATIVE (phmetro) Il ph-metro è uno strumento che effettua misure di ph utilizzando il principio di funzionamento delle pile a concentrazione. Le pile a concentrazione sfruttano il fatto che se immergiamo due elettrodi in soluzioni contenenti una medesima specie chimica ma a concentrazioni diverse e li combiniamo per formare una cella, si genera una forza elettromotrice che varia linearmente con il logaritmo dell attività delle specie ioniche interessate. 6

7 L elettrodo di gran lunga più utilizzato per la misura del ph è quello a vetro che è in realtà un elettrodo combinato formato da un elettrodo di riferimento collegato ad un elettrodo di misura. L elettrodo di riferimento è costituito da un filo d argento rivestito di AgCl e immerso in una soluzione di un elettrolita (KCl) mentre l elettrodo di misura è costituito da un bulbo di vetro contenente al proprio interno una soluzione a ph noto e costante. Quando si immerge il bulbo di vetro nella soluzione della quale vogliamo conoscere il ph, tra le due superfici della sottile membrana di vetro si crea una differenza di potenziale a causa della differenza di ph esistente fra la soluzione interna (a ph noto) e quella esterna (a ph incognito). Come altri sensori anche un elettrodo a vetro combinato può essere collegato ad una calcolatrice grafica TI, ed è proprio questo accoppiamento a costituire il nostro phmetro. Il phmetro prima di essere utilizzato deve essere tarato. Cosa significa e che scopo ha tarare uno strumento? La taratura si esegue utilizzando soluzioni a valore di ph noto che vengono anche chiamate anche soluzioni tampone; normalmente nella pratica reale dei laboratori di analisi delle acque si utilizzano tamponi hanno a ph 4, 7 e 10. L intervallo di valori di ph fra le due soluzioni tampone utilizzate in una taratura deve comprendere il valore di ph che presumibilmente misureremo nel campione; inoltre la taratura sarà tanto più precisa quanto più stretto sarà l intervallo che sceglieremo. In base ai valori di ph che possiamo prevedere per il laghetto di Mirabilandia, quali tamponi utilizzeresti per la taratura del phmetro? 4 e 7 7 e 10 4 e 10 Per eseguire la taratura occorre immergere l elettrodo a vetro nelle due soluzioni tampone della quale conosciamo il valore di ph e leggere i potenziali generati: PUNTO 1: ph ; PUNTO 2: ph ; potenziale; potenziale; 7

8 Riportando i valori letti nel diagramma sottostante, è possibile tracciare una retta di taratura : ph ,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 0,9 1 1,1 1,2 1,3 1,4 1,5 1,6 1,7 1,8 1,9 2 Per valutare la taratura eseguita occorre procedere alla registrazione della pendenza e del valore dell intercetta della retta di taratura. Tali parametri sono ricavabili anche dal grafico che hai appena tracciato V Intercetta: Pendenza (slope): L elettrodo a vetro di un phmetro quando viene immerso in una soluzione incognita produce una differenza di potenziale che lo strumento, sfruttando l equazione della retta di taratura, utilizza per fornire il valore di ph della soluzione. Se lo strumento esegue queste operazioni automaticamente, che senso ha registrare l intercetta e la pendenza della retta di taratura? RISULTATI MISURE QUANTITATIVE (phmetro) CAMPIONE RISULTATO 8

9 Confronta i valori misurati con le tre tecniche utilizzate: cosa noti? DEFINIZIONE TEORICA DEL ph A rigore la formula che normalmente viene utilizzata per definire il ph non è esatta in quanto in realtà il ph è definito come dove: A H+ = attività degli ioni H + γ H+ = coefficiente di attività degli ioni H + ph = -loga H+ = -log[h + ] γ H+ Cosa sono l attività e i coefficienti di attività? Che significato hanno? L ATTIVITA è definita come la concentrazione effettiva di una specie disciolta in soluzione, intesa come la reale capacità di esplicare un azione nella situazione reale nella quale si trova; essa rappresenta l effettivo numero di molecole che prendono parte attiva a un dato fenomeno. Per comprendere il significato dell attività osserva le foto: In tutti i casi ci sono 10 giocatori in campo, ma la possibilità di fare canestro è diversa.in quale situazione i giocatori avranno più facilmente la possibilità di tirare e fare canestro (ossia saranno più attivi )? Metti in ordine di attività le foto: Sapendo che la concentrazione dei giocatori è la stessa e che in condizioni normali (soluzioni diluite) i coefficienti d attività γ tendono ad essere 1 nelle situazioni descritte dalle foto 2 e 3 ti aspetti valori di γ minori o maggiori di 1? 9

10 ALTRE DEFINIZIONI Soluzione acida Quando l attività degli ioni H+ è superiore a quella degli ioni OH - Soluzione neutra Quando le attività degli ioni H + e OH - sono esattamente le stesse Soluzione basica Quando l attività degli ioni OH - è superiore a quella degli ioni H + Nelle soluzioni diluite (come ad esempio l acqua del laghetto i coefficienti d attività γ tendono ad essere 1; in questi casi la differenza fra attività e concentrazioni è effettivamente trascurabile e quindi il ph può anche essere espresso in modo incompleto attraverso le concentrazioni; tuttavia non è sempre così.. UN ESEMPIO DELL INFLUENZA DELL ATTIVITA SUL ph Utilizzando un indicatore particolare chiamato violetto metile osserviamo i colori assunti da tre soluzioni a ph diversi: ph =0 ph =1 ph =2 Prendiamo ora una soluzione di LiCl 12M (cioè una soluzione molto concentrata) ed esaminiamola con la cartina al tornasole e con i strip test; che valore di ph misuri? A questo punto aggiungiamo alla soluzione a ph =1 un ugual volume della soluzione di LiCl; cosa ti aspetti che accada? Cosa osservi? Per confermare quanto osservato, misuriamo il valore di ph della soluzione ottenuta; quale è il valore di ph? Come possiamo spiegare i risultati ottenuti? 10

11 2 FATTORE ABIOTICO: COD DETERMINAZIONE DEL COD Per ragioni di tempo avvieremo da subito la reazione e, mentre ne attendiamo il termine, cercheremo di capire il significati di quello che stiamo facendo. Utilizzeremo cuvette (piccole provette che possono essere alloggiate all interno di fotometri) che contengono al proprio interno acido solforico, un eccesso di bicromato di potassio (agente ossidante), solfato d argento come catalizzatore e solfato di mercurio (per eliminare le interferenze dei cloruri). METODICA Accendere il termoreattore Agitare con attenzione la cuvetta di reazione per portare a sospensione il precipitato. Aggiungere un campione di 2,0 ml di acqua con attenzione all interno della cuvetta mediante la pipetta, facendo colare l acqua lungo la parete interna della cuvetta di reazione tenuta in posizione obliqua. Chiudere per bene la cuvetta con il tappo a vite. Mescolare energicamente il contenuto della cuvetta. Riscaldare la cuvetta per 15 minuti a 170 C nel termoreattore preriscaldato L inquinamento delle acque: le sostanze organiche Le acque di scarico provenienti dagli insediamenti civili (come le nostre case) sono di norma ricche di sostanze organiche (cioè formate prevalentemente da carbonio, ossigeno e idrogeno) contenenti anche fosforo e azoto che costituiscono una fonte di nutrimento per alghe già presenti nelle acque naturali. Un elevata concentrazione di sostanze organiche di per sé non rappresenta un pericolo per la sopravvivenza delle specie acquatiche vegetali e animali ma può portare alla proliferazione eccessiva di alghe (eutrofizzazione) che, quando cominciano a morire, vengono decomposte dall azione dei batteri decompositori che con la loro attività consumano l ossigeno disciolto contenuto nell acqua. Le acque di scarico industriali sono diverse da quelle degli insediamenti civili e possono contenere altre sostanze organiche e inorganiche ossidabili, cioè sostanze che possono reagire con l ossigeno disciolto consumandolo; anche in questo caso un acqua inquinata agisce negativamente sugli ecosistemi acquatici innanzitutto perché sottrae l ossigeno disciolto necessario per garantire i processi vitali di tutte le specie vegetali ed animali. In prima approssimazione possiamo affermare che maggiore è la quantità di sostanze organiche presenti in un corpo idrico (inquinamento) minore è la quantità di ossigeno disciolto presente nello stesso A causa dell inquinamento civile o industriale la quantità di ossigeno disciolto nell acqua può scendere al di sotto dei limiti di tolleranza dei pesci e degli altri organismi causandone la morte per anossia. Se il processo non viene interrotto, il corpo d acqua diventa completamente stagnante e vi possono sopravvivere solo batteri e altri microrganismi. 11

12 Osserva lo schema di seguito riportato; in base a quanto abbiamo detto sapresti indicare come varia approssimativamente il quantitativo di ossigeno disciolto nelle varie sezioni evidenziate? AFFLUENTE INQUINATO SCARICO NON TRATTATO AFFLUENTE NON INQUINATO mg/l O 2 Gli scarichi civili ed industriali normalmente non possono arrivare direttamente nei fiumi ma vengono convogliati tramite le fognature in appositi impianti chiamati impianti di depurazione che eliminano le sostanze organiche (e altri inquinanti) trasformandole in forme che non possano nuocere agli ecosistemi acquatici. SCHEMA DEL CICLO DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE 12

13 Abbiamo visto che la quantità di sostanza organica che può essere decomposta o ossidata è direttamente proporzionale al consumo di ossigeno che può verificarsi nella massa d acqua. In base a questa relazione sono stati definiti parametri e messi a punto metodi analitici che misurano la quantità di ossigeno che può essere consumata in un campione d acqua; in questo modo riescono indirettamente a dare un indicazione della quantità di sostanza organica presente e quindi dell inquinamento da attività antropiche. Nella pratica reale dei laboratori analisi che si occupano di controllare il livello di inquinamento delle acque, i parametri più diffusi per stimare la quantità complessiva di sostanze organiche presenti in un campione d acqua sono il BOD e il COD Per BOD s intende la domanda biologica di ossigeno, cioè la quantità di ossigeno (espressa in milligrammi per litro d acqua) necessaria ai microrganismi per decomporre le sostanze organiche presenti in un litro di acqua. Normalmente i batteri impiegano un certo lasso di tempo per decomporre le sostanze organiche e, convenzionalmente, le leggi prevedono di misurare la differenza fra l ossigeno iniziale e quello rimanente dopo 5 giorni di incubazione, e pertanto si parla di BOD 5 Un basso valore di BOD 5 corrisponde a: basso consumo di O 2 e quindi bassa concentrazione di sostanze organiche nessun consumo di O 2 e quindi assenza di sostanze organiche elevato consumo di O 2 e quindi elevata concentrazione di sostanze organiche Il COD misura invece la quantità di ossigeno (espressa in milligrammi per litro d acqua) necessaria per la decomposizione chimica di tutte le sostanze presenti in un campione d acqua. Per misurare questo consumo di ossigeno si utilizza una particolare miscela di reagenti chiamata miscela ossidante che in ambiente acido e a caldo riesce a reagire anche con sostanze che i batteri non riescono a demolire. Il COD include sia l ossigeno consumato dai microrganismi (cioè il BOD) sia quello consumato per decomporre e ossidare le sostanze organiche ed inorganiche presenti e che i microrganismi non riescono a attaccare. Il COD di un acqua è: > del BOD 5 = al BOD 5 < al BOD 5 Per avere un idea dei valori in gioco, occorre tenere presente che la normativa attuale prevede che un acqua di scarico in uscita da un depuratore ai acque reflue urbane non possa avere un BOD 5 > 25 mg/l O 2 e un COD > 125 mg/l O 2. Per quanto riguarda le acque reflue industriali la normativa prevede invece che per essere autorizzate a scaricare nei fiumi (caso sempre più raro) le aziende non debbano rilasciare acque 13

14 con BOD 5 > 40 mg/l O 2 e COD > 160 mg/l O 2.; per poter essere scaricate in fogna le acque reflue industriali non possono invece avere un BOD 5 > 250 mg/l O 2 e un COD > 500 mg/l O 2. Il rapporto COD/BOD è un indice che identifica la biodegradabilità di un refluo. Nelle acque reflue di origine urbana dove prevalgono le sostanze organiche biodegradabili, il valore COD/BOD è pari a 1,9/2,5 ciò vale anche per molti effluenti industriali provenienti da lavorazioni alimentari. Per l affidabilità, la semplicità pratica e la rapidità con la quale può essere misurato, il COD costituisce una determinazione fondamentale eseguita in tutti i laboratori che analizzano acque naturali e acqua di scarico. Oggi misureremo il COD dei due campioni d acqua prelevati con il metodo normalmente utilizzato in tali laboratori basato su una tecnica fondamentale dell analisi chimica chiamata FOTOMETRIA Per fotometria si intende l impiego della luce nella misura delle concentrazioni chimiche.; un fascio di luce avente intensità I 0 quando viene inviato attraverso una soluzione colorata subisce una riduzione d intensità (I), in quanto una parte della luce viene assorbita dalla soluzione La trasmittanza T è definita come la frazione di luce incidente che viene trasmessa dal campione. Una grandezza di maggiore utilità è l assorbanza, che è definita come: T = Ι Ι A = log Ι 0 Ι = - log T In base alle definizioni che abbiamo dato prova a rispondere alle seguenti domande Quando la luce che attraversa una soluzione non viene affatto assorbita, quali valori assumono T e A? T = A= Quando la luce che attraversa una soluzione viene assorbita per il 95%, quali valori assumono T e A? T = A= 14

15 La ragione per cui l assorbanza è così importante è che tale grandezza è direttamente proporzionale alla concentrazione della sostanza che assorbe la luce nel campione, secondo la Legge di Lambert-Beer: A = εbc dove: b= cammino ottico = distanza percorsa del raggio luminoso nella soluzione c = concentrazione della sostanza che assorbe la luce nel campione ε = assorbività molare L assorbività molare (ε) per ogni molecola chimica varia in funzione della lunghezza d onda; in altre parole ogni sostanza assorbe in modo diverso le radiazioni elettromagnetiche in funzione della lunghezza d onda a causa della variazione di ε. Uno spettro di assorbimento è un grafico che mostra come ε (oppure A) varia con la lunghezza d onda. Esempi di spettri di assorbimento D altra parte ogni sostanza ad una determinata lunghezza d onda è caratterizzata da un valore di ε costante e pertanto, applicando la Legge di Lambert-Beer, possiamo notare che l assorbanza A, mantenendo costante il cammino ottico b, dipende solo dalla concentrazione della sostanza c. Spettri di assorbimento di soluzioni di K 2 Cr 2 O 7 a diverse concentrazioni Da E. Aamir,; Optimal seed recipe design for crystal size distribution control for batch cooling crystallisation processes Chemical Engineering Science Volume 65, Issue 11, 1 June 2010, Pages

16 Osservando lo spettro di assorbimento cosa puoi notare? A quale lunghezza d onda misureresti la concentrazione di bicromato di potassio?.torniamo alla determinazione del COD.. Il metodo analitico che abbiamo utilizzato ha fatto reagire i campioni d acqua a caldo con la soluzione solforica di bicromato potassico e solfato d argento; la quantità di bicromato di potassio che è stata consumata viene determinata fotometricamente confrontandola con quella di una cuvetta contenente solo i reagenti (bianco). Togliere la cuvetta surriscaldata dal termoreattore e lasciarla raffreddare sul portaprovette; Dopo 10 minuti agitare la cuvetta, riporla sul portaprovette e lasciarla raffreddare completamente a temperatura ambiente; Inserire nel fotometro la cuvetta che contiene il bianco ; Inserire nel fotometro le cuvette con i campioni reagiti e leggere i risultati. Il fotometro ha un lettore ottico che riconosce il codice a barre presente su ogni cuvetta; in base al codice a barre letto il fotometro seleziona la lunghezza d onda con la quale colpire la cuvetta (in questo caso 348 nm); il fotometro registra la differenza di assorbanza fra il bianco e le cuvette contenenti i campioni e, in base alla legge di Lambert Beer, determina il quantitativo di bicromato consumato. Sapendo che 1 mole di bicromato di potassio corrisponde a 1,5 mole di O 2 il fotometro fornisce direttamente il calore di COD. DETERMINAZIONE DEL COD CAMPIONE RISULTATO In base ai limiti normativi prima citati, le acque prelevate a Mirabilandia potrebbero essere scaricate da un depuratore in un fiume? 16

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE

DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE Con il nome di indicatori di ph vengono denominate delle sostanze in grado di assumere diverse colorazioni a seconda della concentrazione

Dettagli

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it LEZIONE 12 Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA Idrolisi salina Per IDROLISI SALINA si intende il fenomeno per il quale la dissoluzione in acqua di

Dettagli

a 25 C da cui si ricava che:

a 25 C da cui si ricava che: Equilibrio di autoionizzazione dell acqua Come già osservato l acqua presenta caratteristiche anfotere, potendosi comportare tanto da acido (con una sostanza meno acida che si comporta da base) quanto

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ]

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ] Autoionizzazione dell acqua L acqua pura allo stato liquido è un debole elettrolita anfiprotico. L equilibrio di dissociazione è: 2H 2 O H 3 O + + OH - [H 3 O + ][OH ] K = [H 2 O] 2 Con K

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro.

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro. Prodotto ionico dell acqua e ph Prodotto ionico dell acqua L acqua è un elettrolita debolissimo e si dissocia secondo la reazione: H 2 O H + + OH - La costante di equilibrio dell acqua è molto piccola

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica)

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica) Acidi e basi Per capire che cosa sono un acido e una base dal punto di vista chimico, bisogna riferirsi ad alcune proprietà chimiche dell'acqua. L'acqua, sia solida (ghiaccio), liquida o gassosa (vapore

Dettagli

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione:

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione: DUREZZA DELLE ACQUE. Quando si parla di durezza di un acqua ci si riferisce fondamentalmente alla quantità di ioni calcio e di ioni magnesio disciolti in un certo volume di tale acqua. Ad eccezione delle

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14 Esercitazione 8 Misura del ph Soluzioni tampone Gli equilibri acido-base: Ka, Kb HA + H 2 O! H 3 O + + A - Ka = [H 3 O+ ][A - ] [HA] A - + H 2 O! OH - + HA Kb = [OH- ][HA] [A - ] Ka Kb = [ H 3 O + ] [

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: CHIMICA CLASSI: PRIME I II QUADRIMESTRE Competenze Abilità/Capacità Conoscenze* Attività didattica Strumenti Tipologia verifiche Osservare, descrivere

Dettagli

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda 6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda Autoionizzazione (o autoprotolisi) dell acqua. Prodotto ionico dell acqua M = mol/l AA1011 IN L6d p1! AA1011 IN L6d p2! NB: se si

Dettagli

Capitolo 7. Le soluzioni

Capitolo 7. Le soluzioni Capitolo 7 Le soluzioni Come visto prima, mescolando tra loro sostanze pure esse danno origine a miscele di sostanze o semplicemente miscele. Una miscela può essere omogenea ( detta anche soluzione) o

Dettagli

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino.

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Esperimenti per gioco Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Il progetto ha lo scopo di avvicinare i ragazzi al mondo della scienza tramite lo svolgimento di semplici esperienze di laboratorio

Dettagli

Analisi delle acque dell isola di Favignana

Analisi delle acque dell isola di Favignana Analisi delle acque dell isola di Favignana Durante le attività svolte al campo scuola nell ambito del progetto Un mare di.. risorse, il nostro gruppo si è occupato di analizzare le acque del mare in diversi

Dettagli

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Quando si lavora in laboratorio spesso si osservano dei fenomeni che sono

Dettagli

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA UNITÀ SI Il sistema di misura standard, adottato su scala mondiale, è conosciuto come Système International d Unités. Le unità fondamentali da cui derivano tutte le

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3 Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base 1 Equilibri idrolitici La soluzione acquosa di un sale ottenuto

Dettagli

EQUILIBRI SIMULTANEI

EQUILIBRI SIMULTANEI EQUILIBRI SIMULTANEI 1. Soluzioni tampone. Per soluzione tampone si intende una soluzione acquosa in grado di mantenere pressoché inalterato il proprio ph, in seguito all'aggiunta di moderate quantità

Dettagli

Le reazioni di ossidoriduzione

Le reazioni di ossidoriduzione I.S. G. TASSINARI PROGRAMMAZIONE di CHIMICA ANALITICA E STUMENTALE Classe 4L - A.S. 2015-16 Docenti: prof.ssa Stefania Comes- prof.ssa Anna Alfano ANALISI INIZIALE DELLA CLASSE: La classe risulta composta

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Liquido Biologico per le Acque.

SCHEDA TECNICA. Liquido Biologico per le Acque. SCHEDA TECNICA Liquido Biologico per le Acque. FASCICOLO TECNICO N 001 Gennaio 2014 1 R-Life E un prodotto di nuova concezione in forma liquida, costituito un pool di batteri eterotrofi, coltivati attraverso

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

Cosa misura il ph: la concentrazione di ioni H +, che si scrive [H + ]. La definizione di ph è: ph = -log 10 [H + ]

Cosa misura il ph: la concentrazione di ioni H +, che si scrive [H + ]. La definizione di ph è: ph = -log 10 [H + ] La molecola d acqua è un dipolo perché l atomo di ossigeno è molto elettronegativo ed attira più vicini a sé gli elettroni di legame. Questo, unito alla forma della molecola, produce un accumulo di carica

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

È importante quindi conoscere le proprietà chimiche dell acqua. Le reazioni acido base sono particolari esempi di equilibrio chimico in fase acquosa

È importante quindi conoscere le proprietà chimiche dell acqua. Le reazioni acido base sono particolari esempi di equilibrio chimico in fase acquosa Premessa Le nozioni di acido e di base non sono concetti assoluti ma sono relativi al mezzo in cui tale sostanze sono sciolte. L acqua è il solvente per eccellenza, scelto per studiare le caratteristiche

Dettagli

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile 1 passo:inquadriamo l argomento: ma cos è la terra? Definizione e caratteristiche del suolo Il suolo è lo strato più superficiale della crosta terrestre

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo 1 Obiettivo Capire che cosa è il ph, apprendere le leggi fondamentali che lo controllano e capire qualitativamente le applicazioni delle soluzioni tampone. Prerequisiti Il concetto di equilibrio (che comunque

Dettagli

LE ANALISI SULL ACQUA

LE ANALISI SULL ACQUA LE ANALISI SULL ACQUA L'acqua e i suoi composti naturali Chimicamente l acqua è una molecola composta da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno. Durante il suo percorso attraverso il terreno e le rocce,

Dettagli

Attivitá e cinetica enzimatica

Attivitá e cinetica enzimatica Attivitá e cinetica enzimatica PAS : Classe di insegnamento A60 Biologia e scienze A.A. 2013/2014 09/05/2014 Cinetica Enzimatica La cinetica enzimatica è misurata come velocità di conversione del substrato

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo".

Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo. LE ACQUE POTABILI Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo". I dati più significanti per la valutazione

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Biosensori Sensori Chimici nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Principali applicazioni dei Sensori chimici Ruolo fondamentale degli ioni nella maggior parte dei processi biologici Sensori elettrochimici

Dettagli

Ciao, il mio nome è Sheppy e aiuterò il professore nella sua lezione! Salve, io sono il prof KinderCovi e oggi vi accompagnerò nel mondo dellʼacqua

Ciao, il mio nome è Sheppy e aiuterò il professore nella sua lezione! Salve, io sono il prof KinderCovi e oggi vi accompagnerò nel mondo dellʼacqua L acqua è la sostanza che rende possibile la vita degli uomini, degli animali e delle piante sulla terra. Non a caso le prime forme di vita si sono sviluppate nell acqua. Anche se la terra è ricoperta

Dettagli

... corso di chimica elettrochimica 1

... corso di chimica elettrochimica 1 ... corso di chimica elettrochimica 1 CONTENUTI reazioni elettrochimiche pile e celle elettrolitiche potenziale d elettrodo e forza elettromotrice equazione di Nernst elettrolisi leggi di Faraday batterie

Dettagli

ossigeno e ne facilita la diffusione dai capillari all ambiente intracellulare.

ossigeno e ne facilita la diffusione dai capillari all ambiente intracellulare. Ricostituzione e attività pseudoenzimatica della mioglobina modificata Giulia Bertelegni e Carolina Ferrari I.I.S. A.Maserati Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Dipartimento di Chimica generale Università degli

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

TITOLAZIONI ACIDO-BASE.

TITOLAZIONI ACIDO-BASE. TITOLAZIONI ACIDO-BASE. La titolazione è una operazione di laboratorio che permette di determinare la concentrazione incognita (o titolo, da cui titolazione) di una specie chimica (chiamata analita) in

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Celle a combustibile Fuel cells (FC)

Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Sono dispositivi di conversione elettrochimica ad alto rendimento energetico. Esse trasformano in potenza elettrica l energia chimica contenuta

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra Collettori solari Nel documento Energia solare abbiamo esposto quegli aspetti della radiazione solare che riguardano l energia solare e la sua intensità. In questo documento saranno trattati gli aspetti

Dettagli

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI Sommario LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI... 1 RICERCA DELLA VITAMINA C... 2 Metodo Qualitativo... 2 Metodo Quantitativo... 2 RICERCA DEGLI ZUCCHERI... 5 Metodo Qualitativo... 5 Metodo

Dettagli

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino Mi450 - Fotometro per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino L Mi450 è un fotometro di facile utilizzo per la determinazione del colore e dei fenoli totali nel vino. La determinazione

Dettagli

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra)

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra) A.A. 2005/2006 Laurea triennale in Chimica Esercitazioni di stechiometria - Corso di Chimica Generale ed inorganica C ARGOMENTO 6: Equilibri in soluzione: equilibri acido/base, idrolisi e tamponi (6 h)

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

Perché il logaritmo è così importante?

Perché il logaritmo è così importante? Esempio 1. Perché il logaritmo è così importante? (concentrazione di ioni di idrogeno in una soluzione, il ph) Un sistema solido o liquido, costituito da due o più componenti, (sale disciolto nell'acqua),

Dettagli

CENNI DI ELETTROCHIMICA

CENNI DI ELETTROCHIMICA CENNI DI ELETTROCHIMICA Gli elettrodi a membrana sono elettrodi che permettono la determinazione rapida e selettiva, per potenziometria diretta, di numerosi cationi ed anioni. Il meccanismo di formazione

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

materia atomi miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti

materia atomi miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti Elementi e Composti materia miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti atomi Gli atomi sono, per convenzione, le unità costituenti le sostanze Le sostanze possono essere costituite da

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

Esercitazione di Laboratorio - Leve di 1-2 - 3 genere TITOLO ESERCITAZIONE: VERIFICA DELLE LEGGI DELLE LEVE

Esercitazione di Laboratorio - Leve di 1-2 - 3 genere TITOLO ESERCITAZIONE: VERIFICA DELLE LEGGI DELLE LEVE TITOLO ESERCITAZIONE: VERIFICA DELLE LEGGI DELLE LEVE PREREQUISITI RICHIESTI PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ DI LABORATORIO L alunno deve conoscere la definizione di forza, la definizione di momento.

Dettagli

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz L'acqua nei circuiti termici Dott. Michele Canauz L'acqua Viene utilizzata per la sua capacità di trasportare energia E' un ottimo solvente per sali inorganici(bicarbonati, idrossidi, fosfati, silicati

Dettagli

Equilibri di precipitazione

Equilibri di precipitazione Equilibri di precipitazione Molte sostanze solide sono caratterizzate da una scarsa solubilità in acqua (ad es. tutti i carbonati e gli idrossidi degli elementi del II gruppo) AgCl (a differenza di NaCl)

Dettagli

LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD

LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD PIANO NAZIONALE LAUREE SCIENTIFICHE (PNLS1) la scienza per una migliore qualità della vita LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD Relazione LAB PLS Chimica dei Materiali 01-07-2011 pag.

Dettagli

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione Abbiamo visto che i composti organici e le loro reazioni possono essere suddivisi in categorie omogenee. Per ottenere la massima razionalizzazione

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Anno scolastico 2014/2015

Anno scolastico 2014/2015 I."MAJORANA-MARCONI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PER LE SECONDE CLASSI AD INDIRIZZO PROFESSIONALE Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: SCIENZE INTEGRATE/CHIMICA E LABORATORIO DOCENTI: CASTAGNA ADRIANA,

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani.

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani. LA SOLUBILITÀ Per le sue caratteristiche chimiche, l acqua è uno dei migliori solventi naturali. Nei sistemi viventi molte sostanze si trovano in soluzione, si può facilmente comprendere l importanza di

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

Acqua azzurra, acqua chiara. Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao

Acqua azzurra, acqua chiara. Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao Acqua azzurra, acqua chiara Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao Proprietà fisiche Ecosistemi acquatici Origine della vita Ciclo dell acqua Acqua Scoperte Sensazioni Leggi La

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

LE BATTERIE DA AVVIAMENTO

LE BATTERIE DA AVVIAMENTO LE BATTERIE DA AVVIAMENTO 1. Principio di funzionamento 1 Le batterie da avviamento comunemente usate su moto e scooter della gamma SYM sono batterie al piombo, il cui elemento base è la cella, costituita

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

Laura Beata Classe 4 B Concorso Sperimento Anch io Silvia Valesano Classe 4 B

Laura Beata Classe 4 B Concorso Sperimento Anch io Silvia Valesano Classe 4 B Laura Beata Classe 4 B Concorso Sperimento Anch io Silvia Valesano Classe 4 B RELAZINI DI LABRATRI (Italiano) Titolo: : Cosa mangiamo veramente? Scopo: 1. Scoprire in quali alimenti ci sono o non ci sono

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Qualità dell'acqua nel tuo comune

Qualità dell'acqua nel tuo comune Qualità dell'acqua nel tuo comune Qui di seguito trovate il glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (ph) E' la misura della quantità di

Dettagli

SISTEMI ELETTROCHIMICI

SISTEMI ELETTROCHIMICI Università degli studi di Palermo SISTEMI ELETTROCHIMICI Dott. Ing. Serena Randazzo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica OUTLINE 1) Introduzione sui sistemi elettrochimici

Dettagli

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1 POTERE CALORIFICO DEI COMBUSTIBILI Il potere calorifico è la quantità di calore prodotta dalla combustione completa di 1 m³ di combustibili gassosi. Generalmente i combustibili hanno un determinato quantitativo

Dettagli

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari.

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari. Spettrofotometria. Con questo termine si intende l utilizzo della luce nella misura delle concentrazioni chimiche. Per affrontare questo argomento dovremo conoscere: Natura e proprietà della luce. Cosa

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli