Il marketing nel settore farmaceutico Farmacia (e Imprese farmaceutiche) Claudio Jommi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il marketing nel settore farmaceutico Farmacia (e Imprese farmaceutiche) Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it"

Transcript

1 Il marketing nel settore farmaceutico Farmacia (e Imprese farmaceutiche) Claudio Jommi Organizzazione dell azienda farmacia e Farmacoeconomia

2 Agenda delle prossime lezioni Introduzione al concetto di istituto, azienda, ambiente delle aziende Introduzione al marketing (strategico ed operativo), come funzione aziendale Il marketing nelle farmacie aperte al pubblico Esercizio sulle strategie di prezzo nelle farmacie La funzione commerciale nelle imprese farmaceutiche 2

3 Agenda della lezione di oggi Concetti base di bisogno, beni economici, domanda, istituto, produzione / consumo, costi/ricavi/utile, azienda, impresa La struttura dell azienda impresa ( assetto istituzionale / combinazioni economiche, ovvero funzioni e aree strategiche di affari) Ambiente di impresa e strategia di impresa 3

4 Bisogni Le persone perseguono fini Il perseguimento dei fini genera bisogni, definibili come esigenza di un bene necessario I bisogni possono essere diversamente classificati. Una delle classificazioni più note è quella proposta da Maslow (1964) Elementari Sicurezza Socialità Stima Realizzazione La gerarchia dei bisogni dipende da diverse variabili (reddito disponibile, gusti e preferenze, ecc.) I bisogni (e preferenze) sono dinamici 4

5 Beni economici Per l economia sono rilevanti solo i beni economici Beni economici: merci (prodotti) e servizi utili e scarsi Beni non economici: non sono scarsi, sono liberamente disponibili in quantità e qualità sufficienti per tutti Esistono diverse classificazioni dei beni economici Primari / voluttuari Complementari / fungibili (o sostituti) Differenziabili / Non differenziabili (commodity) Di consumo / Strumentali (o Di investimento) Ad utilizzo singolo / Durevoli Privati / pubblici I bisogni e la presenza di beni economici generano una domanda 5

6 La funzione di domanda P i Curva di domanda P 1 P 0 Q 1 Q 0 Q i Elasticità di Q su P = = [(Q 1 Q 0 )/ Q 0 ] / [(P 1 P 0 )/ P 0 ] Domanda è elastica: > 1 Domanda è inelastica: < 1 6

7 Attività economica ed istituti L attività economica comprende la produzione ed il consumo di beni economici La produzione ed il consumo di beni economici si attuano prevalentemente (anche se non esclusivamente) nell ambito di istituti, definibili come complesso di risorse personali e materiali orientate al perseguimento di un obiettivo comune Perché il raggiungimento dei fini può avvenire solo o meglio in forma associata Per soddisfare bisogno di socialità 7

8 Una rappresentazione della produzione Fattori della produzione (Input) Processo produttivo Beni e servizi prodotti (Output) Soddisfazione bisogno (Outcome) 8

9 Ricavi e costi Ricavi, dati dal prezzo unitario di vendita, detto anche prezzo/ricavo es. prezzo di una confezione di farmaci - x quantità prodotte - es. numero di confezioni Costo degli input (contributo dei fattori produttivi alla produzione valorizzato al loro prezzo unitario di acquisto, detto anche prezzo/costo) La differenza è l utile o profitto o reddito o risultato reddituale Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia 9

10 Le condizioni o fattori della produzione o input L attività economica di produzione si svolge con l impiego di condizioni di produzione (fattori di produzione) Primarie Lavoro Capitale di rischio (o proprio o di risparmio) Altre Materie prime / merci Servizi forniti da terzi Immobili, impianti e attrezzature Beni pubblici Tutti le altre condizioni che facilitano o rendono possibile la produzione (es. beni immateriali) 10

11 Istituti ed aziende Istituti hanno una dimensione economica (attività economica) e non economica (etica, culturale, sociale, ecc.). La dimensione economica dell istituto è chiamata azienda Esistono quattro principali istituti, accomunati da fine generale (soddisfacimento bisogni) rilevanza (anche se non esclusività) dell attività economica (dimensione aziendale) come mezzo per il soddisfacimento dei bisogni Istituti tipicamente (anche se non esclusivamente) economici sono le imprese (o aziende di produzione) Istituto Famiglia Impresa Pubblico Non profit Claudio Jommi Org Az Farm e Farmacoec Lezioni 14 e 15 Azienda Consumo e gestione patrimoniale Produzione Produzione e consumo (composta pubblica) Non profit 11

12 Proviamo a identificare e classificare le aziende Pfizer Azienda di produzione Comune di Milano Azienda pubblica Croce Rossa Italia Azienda non profit Università del Piemonte Orientale Azienda pubblica Ministero della Salute Azienda pubblica Farmacia privata Rossi di Novara Azienda di produzione Ospedale di Novara Azienda pubblica Fiat Azienda di produzione Altro mercato Azienda non profit 12

13 Classificazione delle imprese Produzione di merci: imprese manifatturiere, tra cui imprese chimiche, farmaceutiche, biotecnologiche, biofarmaceutiche e di dispositivi medici Produzione di servizi: ad esempio, imprese della salute o aziende sanitarie pubbliche (tra cui ospedali, centri diagnostici, laboratori, residenze sanitarie, ecc., imprese farmacie aperte al pubblico), imprese di consulenza, imprese di supporto all attività di ricerca di sviluppo svolta da imprese farmaceutiche ( contract research organisations ) Negoziazioni di beni (imprese commerciali), di capitali (banche, altri intermediari finanziari), di rischi (compagnie di assicurazione). 13

14 La struttura di un azienda L assetto istituzionale Soggetto istituzionale Struttura di governo Il patrimonio L organismo personale L assetto organizzativo L assetto tecnico Le combinazioni economiche generali 14

15 Soggetto istituzionale Portatori di interesse istituzionali Persone il cui interesse dipende massimamente dal perdurare dell istituto Persone che hanno fatto rilevanti investimenti nell istituto Persone disposte ad assumersi una quota consistente del rischio generale di istituto I portatori di interesse istituzionale hanno Diritto/dovere di governare l istituto (fondare / fissare obiettivi e strategie / progettare le strutture di governo / estinguere) Diritto di godere dei risultati positivi / Dovere di farsi carico dei risultati negativi 15

16 Soggetto istituzionale / non istituzionale nelle imprese Istituzionale Soggetto Non istituzionale Interessi Interesse economico Interesse non economico Lavoro: remunerazione adeguata e crescita professionale Capitale di rischio: remunerazione adeguata (dividendi e guadagno in conto capitale) Lavoro / Capitale di rischio: soddisfazione dei bisogno di stima, socialità e realizzazione Clienti Fornitori Finanziatori Istituti pubblici come - fornitori / clienti - finanziatori - regolatori Collettività Concorrenti 16

17 Struttura di governo Perché nelle imprese, negli istituti pubblici ed in molti istituti non profit sono necessarie delle strutture di governo? Rappresentare adeguatamente gli interessi istituzionali Dare luogo a processi decisionali efficienti Nelle imprese (di grandi dimensioni / in forma di società) Assemblea Organo rappresentativo e di indirizzo Partecipazione dei portatori di capitale proprio Nomina i membri di CdA e Collegio sindacale CdA e/o Amministratori delegato Organo decisionale Indirizza l attività degli organi direttivi (management) ed esecutivi Collegio sindacale Organo di controllo 17

18 Le combinazioni economiche Insieme complessivo delle operazioni economiche svolte dalle persone all interno di una impresa Le combinazioni economiche sono di due tipi Funzioni (dette anche coordinazioni economiche parziali) Aree di affari o Aree di business (dette anche combinazioni economiche parziali) 18

19 Esempi di funzioni Ricerca e sviluppo Produzione Logistica dei beni Commercializzazione 19

20 Le Aree di Affari (Aree di Business) Una Area di Affari è definita da una certa gamma di prodotti destinata ad un certo mercato (una combinazione prodotto-mercato) Ad esempio, una casa editrice può operare contemporaneamente nelle seguenti aree di affari quotidiani di informazione quotidiani sportivi riviste di moda libri di narrativa e saggistica libri scolastici Ad esempio, un impresa farmaceutica può operare contemporaneamente in diverse aree di affari classificate per: aree terapeutiche (cardiovascolare, oncologia, sistema nervoso centrale, ecc.) modalità di prescrizione (con obbligo / senza obbligo di prescrizione) aree geografiche 20

21 Concetto generale di ambiente di istituto Ambiente come insieme di condizioni e di fenomeni esterni allo stesso e che ne influenzano in modo significativo struttura e dinamica Ambiente generale (economico e non economico) Ambiente fisico / naturale Ambiente tecnologico Ambiente specifico (economico) (cfr. infra) Settori Mercati Ambiente culturale Infrastrutture Ambiente normativo / regolatorio Ambiente economico 21

22 Ambiente economico: settore Settore come insieme di imprese che producono e vendono una certa categoria di beni: es. settore farmaceutico, agro-alimentare, editoria, ecc. 22

23 Ambiente economico: mercato Complesso dinamico di negoziazioni aventi per oggetto una certa classe di beni che si manifestano con continuità, caratteri omogenei ed elevata interazione reciproca Mercati di sbocco di beni prodotti Mercati di acquisizione dei fattori produttivi Lavoro Tecnologie Materie prime Fonti di energia Capitali 23

24 Ambiente economico Due opposte forme di mercato Concorrenza Tante imprese Imprese vendono prodotti non differenziabili Non esistono rilevanti barriere ad entrare nel mercato (es. brevetto) / uscire dal mercato (es. costo del disinvestimento) Il prezzo è fortemente influenzato dai consumatori No regolamentazione Monopolio Una impresa Una sola impresa vende il prodotto Esistono rilevanti barriere all entrata ed all uscita dal mercato (legali, tecnologiche, ecc.) Il prezzo è determinato dall impresa, che comunque deve tener conto delle preferenze dei consumatori Regolamentazione affinchè le imprese non si approfittino della condizione di monopolio 24

25 Ambiente economico Il contesto competitivo (Modello di Porter, 1990) Concorrenti potenziali Minacce ingresso Fornitori Potere contrattuale Integrazione Concorrenti Rivalità Potere contrattuale Integrazione Clienti Minacce sostituzione Produttori beni sostitutivi 25

26 Ambiente economico La rivalità tra concorrenti, le minacce all ingresso e le minacce di sostituzione Rivalità dipende da Minacce ingresso si riducono se Minacce sostituzione dipendono da Numero aziende rivali Crescita del fatturato del settore basso Prodotti omogenei (consumatori vogliono stesso prezzo) Esistono barriere all ingresso - Legali (esempio brevetto) - - Non legali (es. grandi investimenti in tecnologie) E possibile differenziare il prodotto Propensione a sostituzione dei clienti Rapporto prezzo / qualità del bene delle aziende che producono beni sostituti 26

27 Ambiente economico Il potere contrattuale di fornitori e clienti Potere contrattuale fornitori Volumi di beni venduti dai fornitori sono bassi (l azienda non è rilevante per fornitori) Alta concentrazione settore fornitori (pochi fornitori con grandi quote di mercato) Beni forniti non sostituibili Minaccia di integrazione a valle (fornitore compra cliente) Potere contrattuale clienti Volumi di beni acquistati dai clienti alta (rilevanza clienti) Alta concentrazione settore clienti (pochi clienti con grandi quote di mercato) Beni forniti sostituibili Minaccia di integrazione a monte (cliente compra fornitore) 27

28 Discussione di classe Considerate (a) una farmacia che opera in un centro urbano con una parafarmacia a distanza non eccessiva ed un Centro Commerciale con Corner farmaceutico a 15 km dalla città e (b) un impresa farmaceutica che produce farmaci contro il colesterolo Individuare clienti e fornitori di tali imprese I clienti hanno un elevato potere contrattuale? L impresa opera in un mercato monopolistico o concorrenziale? Quali sono i potenziali concorrenti? Quali sono i produttori di beni sostitutivi? 28

29 Agenda delle prossime lezioni Introduzione al concetto di istituto, azienda, ambiente delle aziende Introduzione al marketing (strategico ed operativo), come funzione aziendale Il marketing nelle farmacie aperte al pubblico Esercizio sulle strategie di prezzo La funzione commerciale nelle imprese farmaceutiche 29

30 Il marketing Il marketing è una funzione aziendale è finalizzata a favorire l interazione tra l offerta e la domanda, con impatto rilevante su equilibrio economico-finanziario Fasi del marketing Fase analitico - conoscitiva: analisi dell ambiente di riferimento dell azienda con lo scopo di migliorare la risposta dell offerta alla domanda Marketing strategico: definizione delle linee di intervento per migliorare tale risposta (segmentazione della domanda, differenziazione dell offerta, posizionamento) Fase operativa: definizione del mix degli strumenti di marketing (Marketing Mix) 30

31 Il contesto ambientale 1. Quali sono le principali tendenze in atto in cui operano le farmacie? Aumento della concorrenza e minacce di entrata nella vendita di farmaci SOP in esercizi alternativi alla farmacia; distribuzione diretta di farmaci da parte delle strutture sanitarie) Aumento della minaccia di imprese di distribuzione di prodotti potenzialmente sostituti (prodotti omeopatici, erboristici, tonici, ecc.) Aumento del potere dei fornitori (concentrazione nel settore della distribuzione intermedia) e dei clienti (distribuzione per conto delle aziende sanitarie) Aumento della pressione competitiva nella distribuzione dei farmaci 31

32 Il contesto ambientale 2. Quali sono le principali tendenze in atto in cui operano le farmacie? (VEDI LEZIONE REGOLAZIONE) Legge 69/2009, Decreto Lgs 153 / 2009 Decreti Attuativi Individuazione di nuovi servizi a forte valenza socio-sanitaria erogati dalle farmacie pubbliche e private nell ambito del Servizio Sanitario 1. partecipazione delle farmacie al servizio di assistenza domiciliare integrata 2. collaborazione su programmi di educazione sanitaria della popolazione (servizi di primo livello) 3. realizzazione di campagne di prevenzione delle principali patologie a forte impatto sociale, anche effettuando analisi di laboratorio di prima istanza (servizi di secondo livello) 4. prenotazione in farmacia di visite ed esami specialistici presso le strutture pubbliche e private convenzionate 32

33 Il contesto ambientale 3. Quali sono le principali tendenze in atto in cui operano le farmacie? Cambiamento prospettico della remunerazione: da % su prezzo a misto 33

34 Possibili approcci per il marketing nelle farmacie Marketing come risposta alla domanda Marketing tradizionale di prodotto (Retail marketing), ovvero marketing per la distribuzione al dettaglio Marketing dei servizi: costruzione di relazioni personalizzate di lungo periodo con il cliente, in modo da aumentare la sua soddisfazione Marketing come indirizzo della domanda Marketing della salute e Marketing sociale Servizi a tutela della salute (es. prevenzione / farmacovigilanza) Azione su fasce (target) di popolazione perché adottino / abbandonino comportamenti non coerenti con la salute Trust Marketing: fiducia nella farmacia, da parte del territorio (es. aziende sanitarie locali) singolo cliente 34

35 Il processo di marketing nelle aziende farmacie 2 Fase analitico conoscitiva Macroambiente Domanda Offerta 3 Fase strategica Posizionamento Differenziazione Segmentazione Strumenti operativi del marketing mix 1 Personale Offerta Allargata di servizi Assortimento Lay out / Display / Merchandising Prezzo Promozione Comunicazione sui processi Costumer Relationship Management Servizi agli altri attori Clienti 35

36 Strumenti operativi del marketing mix Personale Offerta Allargata di servizi Assortimento / Category Management Lay out / Display / Merchandising Prezzo / Promozione Comunicazione sui processi Costumer Relationship Management Servizi agli altri attori 36

37 Personale Variabile chiave del marketing mix Front line Controllo della qualità del servizio Influisce sulla fiducia Requisiti Competenze tecniche e professionali Atteggiamento orientato alla soluzione dei problemi Affidabilità nel salvaguardare gli interessi del cliente Capacità di rimediare 37

38 Offerta allargata di servizio Interazioni Servizio essenziale Servizi ausiliari Servizi facilitazione Accessibilità Partecipazione cliente 38

39 Componenti dell offerta allargata di servizio Concetto di servizio Servizio di base: distribuzione farmaci e di prodotti parafarmaceutici Servizi di facilitazione (es. selezione di assortimento di prodotti) Servizi ausiliari (es. prestazioni diagnostiche, CUP, noleggio di presidi) Offerta di servizi allargata Accessibilità: accessibilità del luogo, facilità d uso, personale, facilitazione per la partecipazione del cittadino Interazione dell utente con l azienda Facilità di partecipazione per i cittadini Offerta dei servizi allargata ha un impatto rilevante su Percezione del canale farmacia e del punto vendita Trasformazione del posizionamento della farmacia da azienda che dispensa farmaci (commerciale) ad azienda che eroga servizi (presidio sanitario) 39

40 Category management Le categorie di prodotto come Aree Strategiche di Affari ASA (Aree di Business), ovvero come insieme di prodotti che un consumatore percepisce come interrelati e/o sostituibili Breve richiamo sul concetto di ASA Una Area di Affari è definita da una certa gamma di prodotti destinata ad un certo mercato (una combinazione prodotto-mercato) Ad esempio, un impresa farmaceutica può operare contemporaneamente in diverse aree di affari classificate per: aree terapeutiche (cardiovascolare, oncologia, sistema nervoso centrale, ecc.) modalità di prescrizione (con obbligo / senza obbligo di prescrizione) aree geografiche 40

41 Category management Livelli di costruzione delle categorie di prodotto Bisogni Macro categorie Benefici Categorie Albero categorie Processi consumo Sub categorie 41

42 Category management L Albero delle categorie dei prodotti alimentari per bambini Alimentari bambini Liofilizzati izzati Omogene Cereali Latti Olio Succhi Biscotti Infusi Farine Latte 1 Latte speciale Normali Solubili Carne Farine Semolini Crema cereali Camomille The 42

43 Assortimento Dimensioni dell assortimento Varietà: numero di categorie (benefici) coperti Ampiezza: numero di marche per categorie Profondità: numero di referenze per marca Caratteristiche essenziali per la scelta dell assortimento Coinvolgimento dell acquirente nei confronti della categoria di prodotto Elevato: meglio agire per profondità Basso: meglio agire per ampiezza (e/o varietà) Criteri alla base della decisione di acquisto / benefici Ricerca dei benefici funzionali Ricerca dei benefici psico-sociali ed esperienziali 43

44 Matrice della categorie di prodotto e assortimento BENEFICI + COINVOLGIMENTO - FUNZIONALI Categorie razionali Aerosol Presidi Categorie routinarie Automedicazione PSICO-SOCIALI Categorie affettive Dermocosmesi Categorie edonistiche Igiene della persona 44

45 Gestione fisica del punto vendita Lay Out: disposizione fisica dei reparti e delle categorie di prodotti nel punto vendita finalizzata a presentare i prodotti facilitare la circolazione nel punto vendita invitare all acquisto Alcune accortezze sul Lay out concentrazione di una categoria in un reparto / corner rafforza il principio di specializzazione mix lay out stabile / temporaneo collocazione di un prodotto in più reparti Display: quantità e modalità di disposizione dei prodotti nei reparti (essenziale per la gestione operativa della profondità dell assortimento) Merchandising: comunicazione impersonale degli oggetti in esposizione 45

46 Tipologie di layout Free flow Grid Loop Spine 46

47 Gestione fisica del punto vendita Display: quantità e modalità di disposizione dei prodotti nei reparti, con l obiettivo di Ridurre il tempo di esposizione, aumentandone la rotazione Attirare l attenzione del cliente su determinati prodotti Facilitare la scelta Favorire i consumi di impulso Forme di display Display a scaffali tradizionali Display a isole di prodotto Raggruppamento dei prodotti Per categorie Per carattere di complementarietà e di coerenza tematica 47

48 Gestione fisica del punto vendita Merchandising: comunicazione impersonale degli oggetti in esposizione, per esplicitare meglio Assortimento Criteri per la sua selezione Percorsi di fruizione della superficie espositiva 48

49 Il prezzo Prezzo dei farmaci Regolamentato per gli etici rimborsabili Libero e differenziato con sconto per gli etici non rimborsabili Libero e differenziato per prezzo di cessione per i prodotti SOP Politiche di prezzo: valenza strategica, legata all obiettivo di fidelizzare la clientela (diverse dalle politiche promozionali) Possibili criteri di determinazione del prezzo Domanda (e disponibilità a pagare) Concorrenza (sovrapposizione assortimentale / politiche di prezzo adottate dai concorrenti) Posizionamento Costi di produzione / redditività attesa 49

50 Prezzo e domanda P i Curva di domanda P 1 P 0 Q 1 Q 0 Q i Elasticità di Q su P = = [(Q 1 Q 0 )/ Q 0 ] / [(P 1 P 0 )/ P 0 ] Domanda è elastica: > 1 Domanda è inelastica: < 1 Valore segnaletico del prezzo 50

51 Prezzi e costi di produzione / redditività (offerta) Modalità di calcolo del margine di redditività del prodotti Prezzo come costo totale (pieno) + mark up: P = CT*(1+m). BE Point: Punto di pareggio: CT = RT, ROP = 0 Costi, Ricavi RT CT CF 0 Q*: ROP=0 Q 51

52 Calcolo dei prezzi nella pratica Calcolo di redditività attesa del punto vendita: es. ROI: Utile della gestione caratteristica (reddito operativo) / Capitale investito Definizione di Margine di Ricarico (Pv Pa)/Pa atteso sulla base delle caratteristiche del prodotto in termini di Return on sales (margine commerciale lordo) Tasso di rotazione delle scorte (valore ricavi / valore scorte) + Tasso di rotazione - Margine commerciale lordo - + Prodotti sottorealizzati Prodotti perdenti Prodotti vincenti Prodotti addormentati 52

53 Calcolo dei prezzi nella pratica Calcolo prezzo medio ponderato di acquisto dei singoli prodotti, reso complesso dalla variabilità dei prezzi di acquisto dei beni, collegati al fornitore (produttore / distributore intermedio) e delle politiche di sconto Applicazione al Pa del Margine di ricarico atteso, per determinare il Pv atteso Analisi della domanda (elasticità, ruolo del prezzo nelle decisioni di acquisto) e Analisi della concorrenza Aggiustamento del Pv atteso sulla base della precedente analisi 53

54 Politiche promozionali Le politiche promozionali stabiliscono un prezzo dei prodotti diverso da quello normale con l obiettivo di attrarre la clientela fidelizzare la clientela differenziarsi rispetto alla concorrenza su posizionamento di convenienza del punto vendita indirizzare all acquisto Tipologie di promozioni above the line (orientata alla fidelizzazione) / below the line (orientata alla convenienza) prodotto / nel punto vendita / del punto vendita 54

55 Il marketing mix nella farmacia La promozione PROMOZIONE Prodotto Animazione nel Punto Vendita Animazione del Punto Vendita Above the line Omaggi Concorsi a estrazione Offerte speciali Below the line Vendita straordinarie 3x2 Above the line Esposizione fuori scaffale Below the line Fidelity Card Raccolta punti Above the line Shop dimostrativo Insegna e Vetrina Below lhe line Fidelity Card 55

56 Processi Trasparenza su tutti i processi operativi Logistica Conservazione della merce Procedure amministrative ecc. Strumenti Certificazioni di qualità Carte dei servizi Comunicazione delle procedure (es. ticket) 56

57 Comunicazione: fasi e strumenti Attivazione (da cliente potenziale a cliente effettivo): pubblicazioni, notizie, eventi, sponsorizzazioni, ecc. Consolidamento della relazione: Customer Relationship Management Espansione: spinta al cross-selling ed all immagine della farmacia come presidio di tutela della salute 57

58 Fase analitico conoscitiva Macroambiente Domanda Offerta (cfr. supra: coerenza tra strumenti e macroambiente / domanda) 58

59 Analisi del macroambiente: analisi per scenari Identificazione degli eventi incerti Fattori endogeni (es. apertura del multicanale ai farmaci in Classe C) Fattori esogeni (es. apertura di uno studio medico) Determinazione del livello di incertezza Combinazione degli eventi in modo da costruire degli scenari complessi Analisi delle configurazioni di mercato come conseguenza di tali eventi 59

60 Analisi della domanda Rilevazioni interne: analisi delle vendite Per referenza Per transazione (scontrino) Per cliente (?) Per reparto / spazio espositivo dedicato Analisi della clientela Osservazione sui comportamenti di acquisto (analisi etnografica) Analisi esplorativa per tramite di strumenti qualitativi (es. focus group) Analisi campionaria (questionario chiuso) Analisi della domanda potenziale Analisi esplorativa della domanda potenziale Analisi campionaria della domanda potenziale 60

61 Fase strategica Segmentazione Differenziazione Posizionamento 61

62 Segmentazione Processo di marketing attraverso il quale l universo di riferimento viene diviso in gruppi di interlocutori con caratteristiche e profili di domanda tra loro distinti, ma al proprio interno sufficientemente omogenei, rispetto ai quali sviluppare specifici programmi allo scopo di soddisfarne necessità ed esigenze Criteri Geografico Socio-demografico Psicologico / soggettivo Comportamentale effettivo Tecniche di segmentazione Clustering Conjoint analysis 62

63 Differenziazione Il marketing è differenziato quando utilizza strumenti diversi per segmento di mercato Marketing standardizzato: riduzione potenziale dei costi Marketing differenziato: aumento potenziale dei margini unitari 63

64 Posizionamento e reputazione Posto che la farmacia occupa nelle mappe cognitive della domanda, ovvero come viene percepita rispetto alla concorrenza ed al punto di vendita ideale da un gruppo rilevante di utenti che rappresentano il target del suo mercato Identificazione del posizionamento (es. generalizzata o specialista) Coerenza tra strumenti operativi (es. professionalità incoerente con promozioni spinte) Reputazione: percezione di affidabilità che una farmacia si è creata all esterno (informazioni provenienti dalla farmacia / informazioni provenienti da altri clienti che hanno utilizzato la farmacia stessa) 64

65 Definizione del posizionamento Generalista / specializzata (es. specializzazione in omeopatia) Benefici ricercati (es. consiglio del personale) Occasione di utilità (es. per vivere meglio o quando il farmaco non da risposte) Utenti (mamme / popolazione femminile) Confronto con concorrenza diretta (es. farmacista più preparato, in quanto a conoscenza delle patologie di riferimento) Confronto con concorrenza indiretta (es. più accessibile dell ospedale per farmaci in Classe A a distribuzione diretta) Evidenziazione delle caratteristiche di impresa ( dal 1920) 65

66 Agenda delle prossime lezioni Introduzione al concetto di istituto, azienda, ambiente delle aziende Introduzione al marketing (strategico ed operativo), come funzione aziendale Il marketing nelle farmacie aperte al pubblico Esercizio sulle strategie di prezzo La funzione commerciale nelle imprese farmaceutiche 66

67 Agenda delle prossime lezioni Introduzione al concetto di istituto, azienda, ambiente delle aziende Introduzione al marketing (strategico ed operativo), come funzione aziendale Il marketing nelle farmacie aperte al pubblico Esercizio sulle strategie di prezzo La funzione commerciale nelle imprese farmaceutiche 67

68 La funzione commerciale nelle imprese farmaceutiche La funzione commerciale nelle imprese è divisa in Marketing strategico operativo (leve operative del marketing) Vendite o Field Force 68

69 Perchè la funzione commerciale è importante? Vendere è essenziale per recuperare i forti investimenti in R&S! Sales Net Present Value Market Launch Patent expiration Inflow Ouflow Research Pre clinical develop Clinical develop Supplychain Marketing & sales Source: Scrip Magazine 69

70 Strategia aziendale di prodotto Vendita diretta del proprio prodotto Licensing (di prodotto) Azienda Licenziante Licensing OUT Azienda licenziataria Licensing IN Le Strategie di Licensing Cessione del prodotto Co-marketing Co-promotion 70

71 Co-marketing e Co-promotion 2 o più aziende promuovono lo stesso principio attivo Nel Co-marketing CON NOMI COMMERCIALI DIVERSI Nella Co-Promotion CON LO STESSO NOME COMMERCIALE Es. Alendronato FOSAMAX MerckSD ALENDROS Abiogen DRONAL SigmaTau ADRONAT Neopharmed GENALEN Gentili Es. Tiotropio Bromuro SPIRIVA Boehringer-Ingelheim e Pfizer 71

72 Il processo di marketing nelle imprese Analisi di mercato (5C) Company Competitors Customers Collaborators Context Marketing strategico Posizionamento Differenziazione Segmentazione Marketing Mix (4P) (non valide per le farmacie) Product Pricing Place (Distribution) Promotion Piano operativo marketing Clienti 72

73 Le 5 C dell analisi di mercato Company (Azienda) Ptf prodotti Marchio Immagine Competitors Concorrenti Futuri entranti Produttori di beni sostituti Collaborators (Sostenitori) Key Opinion Leader Associazioni scientifiche Customers (Clienti) Pazienti Medici Ospedali Terzi pagatori Context (Ambiente) Macroeconomico Regolatorio 73

74 Tipologia delle informazioni Qualitative Identificazione degli attori principali e loro ruolo Motivazioni dei prescrittori Bisogni insoddisfatti dei prescrittori Immagine aziendale Immagine di prodotto Presenza di competitor e loro attività Quantitative Mercato potenziale Caratteristiche del mercato Vendite Market share (quota di mercato) N di prescrizioni N di prescrittori Riserva di pazienti 74

75 Fonti informative Informazioni qualitative Feed-back dal campo Dalla rete degli ISF (Informatori Scientifici del Farmaco Dai KOL (Key Opinion Leader) visitati Dai congressi Indagini specifiche Panel ad-hoc Stampa medica e scientifica Informazioni quantitative Vendite ex-factory In assoluto Rispetto agli obbiettivi Dati IMS Health Vendite Prescrizioni (SPM) Dati Federfarma / Osmed Farmaci a carico SSN 75

76 Lo strumento del Buying Process Approccio sistematico che scompone le diverse fasi del processo prescrittivo. E un articolazione delle fasi / comportamenti che avvengono prima, durante e dopo una interazione medico-paziente relativamente ad una patologia o a un prodotto. 76

77 Lo strumento del Buying Process Un applicazione all osteoporosi Donne (post-menopausa) MMG Ginecologo Diagnosi (MOC) Donne (frattura) Ortopedico Reumatologo Nota79 Donne (con dolore) MMG Raggi-X -4 mm di riduzione dell altezza > 15% 77

Organizzazione (R&S, Licensing & Business Development), Marketing & Vendite, Market Access

Organizzazione (R&S, Licensing & Business Development), Marketing & Vendite, Market Access Organizzazione delle imprese farmaceutiche Organizzazione (R&S, Licensing & Business Development), Marketing & Vendite, Market Access Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Università degli Studi

Dettagli

Introduzione al Marketing III. Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1

Introduzione al Marketing III. Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1 Introduzione al Marketing III Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1 Marketing Process Positioning Chi sono? Dove sono? TATTICA Come ci vado? STRATEGIA Orientation Dove vado? Marketing

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622 PROGRAMMA CORSO MARKETING ED INNOVAZIONE NEL MERCATO FARMACEUTICO TITOLO RAZIONALE PRINCIPALI ARGOMENTI ORE Modulo 1 Modulo 2 Marketing strategico Marketing operativo Questo modulo introduce gli aspetti

Dettagli

Sostenibilità e servizi in farmacia

Sostenibilità e servizi in farmacia Milano, 22 Aprile 2013 Università Commerciale L. Bocconi Stefano Casati Andrea Misticoni Michele Popolo Angelica Vallarino Gancia Agenda 1 2 3 4 Introduzione Analisi e Market Overview Linee di sviluppo

Dettagli

Il Marketing Analitico

Il Marketing Analitico Il Marketing Analitico Terza Lezione Bari, 19 Novembre 2007 Agenda Il mercato (follow-up) Le performance interne Esercitazione interattiva 2 Il Marketing Analitico 1 2 3 Il consumatore Il mercato Le performance

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana

Prefazione Prefazione all edizione italiana Prefazione Prefazione all edizione italiana Autori XV XVII XX Parte 1 Capire il sistema sanitario e il ruolo del marketing Capitolo 1 Il ruolo del marketing nell organizzazione sanitaria 3 Panoramica:

Dettagli

EXECUTIVE MASTER IN MANAGEMENT FARMACEUTICO Strumenti operativi per lo sviluppo di una cultura e di una gestione manageriale delle farmacie.

EXECUTIVE MASTER IN MANAGEMENT FARMACEUTICO Strumenti operativi per lo sviluppo di una cultura e di una gestione manageriale delle farmacie. MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER Strumenti operativi per lo sviluppo di una cultura e di una gestione manageriale delle farmacie. SEDI E CONTATTI Management Academy

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI Comunicazione esterna Comunicazione interna I target group della comunicazione: la domanda finale il personale di vendita i fornitori i concorrenti.

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MICHELE GRIMALDI A.A. 2010/2011 Analisi Strategica Analisi SWOT OBIETTIVI DELL ANALISI INDUSTRIALE TIPOLOGIE DI ANALISI INDUSTRIALE: IL MODELLO

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE Il canale di distribuzione di un bene è il percorso che questo segue nel suo trasferimento dal produttore (industriale o agricolo) al consumatore finale o all utilizzatore

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 06

Economia e gestione delle imprese - 06 Economia e gestione delle imprese - 06 Descrivere i concetti base del processo di gestione commerciale Delineare le principali relazioni con le altre gestioni Definire le attività principali del processo

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale Antonio Catalani Indice l innovazione di prodotto vendere l innovazione di prodotto: gli argomenti di

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

L IMPRESA NELL AMBIENTE

L IMPRESA NELL AMBIENTE L IMPRESA NELL AMBIENTE General environment P Settore e mercati del settore (task environment) D O ORGANIZZAZIONI OVUNQUE E SISTEMI OVUNQUE General environment 2 SETTORE, MERCATI E IMPRESA L ambiente viene

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino POLITICA DI PREZZO 1 Definizione: il prezzo è la somma di denaro pagata dal compratore al venditore in cambio di ciò che riceve come prestazione (corrispettivo del valore ricevuto). Le politiche di prezzo:

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Il marketing nella ristorazione

Dettagli

Impresa: sistema sociale aperto e dinamico. Impiega risorse differenziate (scarse) per

Impresa: sistema sociale aperto e dinamico. Impiega risorse differenziate (scarse) per Impresa: sistema sociale aperto e dinamico Organizzazione economica (Contenuto economico Attività e Obiettivi) Impiega risorse differenziate (scarse) per svolgere processi di acquisizione, produzione di

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia. Il mercato farmaceutico ed i suoi attori

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia. Il mercato farmaceutico ed i suoi attori Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Il mercato farmaceutico ed i suoi attori Claudio Jommi claudio.jommi@.uniupo.it Agenda: il mercato farmaceutico 1) Alcune definizioni 2) Il trend

Dettagli

Corso di Marketing. Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA

Corso di Marketing. Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA Corso di Marketing Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA Presentazione del corso Obiettivi Timing e struttura del programma Modalità

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Figura Professionale codice FP107 ADDETTO VENDITA NO FOOD

Figura Professionale codice FP107 ADDETTO VENDITA NO FOOD settore Comparto descrizione COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI E PER LA CASA COMMERCIO AL DETTAGLIO, ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI MOTOCICLI;

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Analisi di Settore Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Il settore è il luogo economico delle imprese che esercitano reciprocamente la concorrenza (Guido, 2000). Il confine settoriale è definito

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo 1 La marketing scorecard Elementi da stimare ex ante e misurare ex post (esempi) Prospettiva

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

Introduzione al Marketing II. Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1

Introduzione al Marketing II. Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1 Introduzione al Marketing II Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1 Livelli di Marketing Marketing Strategico Analisi strategica Segmentazione, Targeting, Posizionamento Marketing Tattico

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Ottimizzare gli acquisti per massimizzare la redditività della farmacia

Ottimizzare gli acquisti per massimizzare la redditività della farmacia Ottimizzare gli acquisti per massimizzare la redditività della farmacia Pisa, 14 Ottobre 2015 Utile netto medio della farmacia dal 2006 a oggi è sceso del 67,5% : il 2012 si è chiuso a 1,3% del fatturato

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali

Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali 1) Illustrare le variabili che descrivono i caratteri dell ambiente in cui operano le imprese industriali 2) Con riferimento alla

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

STRATEGIE D IMPRESA. Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza)

STRATEGIE D IMPRESA. Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza) STRATEGIE D IMPRESA Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza) Cap. 5.1 e Cap. 5.2 (da indicazioni precedenti) segue Cap. 4.2 + 6.5 Cap. 5.3 (esclusi

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA LEZIONI N. 5 e 6 L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA IDENTIFICARE E ANALIZZARE LE VARIABILI

Dettagli

c d o i d ce e e t e i t co i ra r pporti i t ra r l a l Re R gi g o i ne Pi P e i mont n e t e le l I t s it i uzio i ni i n o pro r fi f t

c d o i d ce e e t e i t co i ra r pporti i t ra r l a l Re R gi g o i ne Pi P e i mont n e t e le l I t s it i uzio i ni i n o pro r fi f t Governance delle istituzioni no profit gestione interna e adempimenti amministrativi gestionali codice etico Art. 1 Il presente Codice disciplina i rapporti tra la Regione Piemonte e le Istituzioni no

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 17 Pianificazione di marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 17 Pianificazione di marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing e Direzione d Impresa Lezione 17 Pianificazione di marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Definire le strategie e i piani di marketing Il processo di distribuzione

Dettagli

IL MARKETING IN FARMACIA

IL MARKETING IN FARMACIA IL MARKETING IN FARMACIA 1 IL MARKETING IN FARMACIA Tutte le farmacie erano imprese commerciali: che non dovevano attirare clientela in quanto la loro area di competenza era (ed è) già definita per legge;

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Contenuti del Modulo La strategia aziendale La mission La SWOTanalysis La pianificazione strategica Gli strumenti di pianificazione strategica La funzione Marketing

Dettagli

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Dicembre 2007 Introduzione La presente indagine monografica è stata condotta

Dettagli

Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011

Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011 Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011 2011 Health Business Improvement Il materiale contenuto in questo documento si considera a supporto della discussione tra

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco IL MARKETING E il processo sociale e manageriale mediante il quale una persona o un gruppo ottiene ciò che costituisce oggetto dei propri bisogni e desideri creando, offrendo e scambiando prodotti e valori

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari. Luca Petruzzellis. lu.petruzzellis@disag.uniba.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari. Luca Petruzzellis. lu.petruzzellis@disag.uniba. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Vende molteplici marche nell ambito della stessa categoria

Dettagli

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 L evoluzione del marketing Dal marketing per addetti ai lavori, al

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda Il Marketing strategico (il Piano di Marketing) scelte di lungo periodo

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE Corso di laurea in scienze e tecniche del turismo culturale

ECONOMIA AZIENDALE Corso di laurea in scienze e tecniche del turismo culturale ECONOMIA AZIENDALE Corso di laurea in scienze e tecniche del turismo culturale Dott. Gabriele Zambon Lez. 1 L attività economica e l economia aziendale Il campo dell economia aziendale L'economia èuna

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di competitività dei segmenti I Mktg-L06 SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA CONCORRENZA

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Analisi della concorrenza

Analisi della concorrenza Università degli Studi di Torino Facoltà di Economia Analisi della concorrenza Prof. GIUSEPPE TARDIVO Dott.ssa ANGELA SCILLA Impresa L impresa è un sistema costituito da risorse ed attori (interni ed esterni)

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Biosimilari: una chiave di lettura economica

Biosimilari: una chiave di lettura economica Biosimilari: una chiave di lettura economica FARMAGOOD L. Garattini (CESAV) 1 1. Il fallimento del mercato in sanità 2. Biosimilare Generico/Equivalente? 3. Le4Pdelmarketingmix Product Place Indice Promotion

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso.

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso. DOMANDE CHIUSE CORSO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (SECONDA PARTE) LA PALESTRA 1. L attività di pianificazione, gestione e controllo dei flussi fisici dei materiali (m.p., semilavorati, e prodotti

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in MANAGEMENT facsimile verifica personale preparazione

Corso di Laurea Magistrale in MANAGEMENT facsimile verifica personale preparazione Corso di Laurea Magistrale in MANAGEMENT facsimile verifica personale preparazione 1) Quando il prezzo delle automobili aumenta del 10%, la domanda diminuisce del 5%. Ne consegue che in valore assoluto

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli