IL SISTEMA DEI PROFILI PROFESSIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA DEI PROFILI PROFESSIONALI"

Transcript

1 Direzione Generale Servizio Organizzazione, Formazione e Sistema premiante IL SISTEMA DEI PROFILI PROFESSIONALI alla Provincia di Monza e della Brianza - Profili professionali - Criteri - Il sistema dei profili Tabella riepilogativa - Tabella di conversione - Le schede dei profili Approvato con deliberazione di Giunta Provinciale n. 169 del 26/11/2012

2

3 PROFILI PROFESSIONALI La Provincia di Monza e della Brianza ha attuato un processo di revisione dei profili professionali con l obiettivo di renderli coerenti con le necessità funzionali dell Ente. Superando la logica mansionistica, ha voluto delineare nuovi confini del lavoro incentrati sulla professionalità delle persone e sui risultati da raggiungere. La definizione dei profili professionali non è stata difatti effettuata in via astratta, ma basata su una concreta ed attenta analisi condivisa con le direzioni dell Ente. I principi di base in relazione ai quali sono stati individuati i profili professionali riguardano: a) l arricchimento professionale dei lavoratori mediante una pluralità di possibili alternative; b) la semplificazione della gestione del personale finalizzata al miglioramento degli obiettivi dell ente. Per la specificità del ruolo legata all iscrizione ad appositi albi, sono stati previsti i profili di esperto legale - Avvocato e specialista/esperto di comunicazione. Pertanto la costruzione dei nuovi profili professionali, definiti in modo coerente con l organizzazione del lavoro interna (con le logiche sottese al CCNL del Nuovo ordinamento professionale), costituirà la base di riferimento necessaria per poter successivamente procedere ad attivare politiche attive per una sempre migliore gestione delle risorse umane. L elemento che maggiormente caratterizza il nuovo sistema di classificazione riguarda il fatto che il modello contiene le competenze professionali proprie del profilo. La gestione per competenze focalizza l attenzione sulla persona e sulle sue capacità e conoscenze. In questo senso il lavoro è inteso in modo dinamico ed evolutivo. Il vantaggio di un approccio basato sulle competenze comporta il fatto che vi potrà essere maggiore flessibilità gestionale in virtù del bilanciamento di elementi di tipo individuale ed elementi di tipo organizzativo. MODELLO GENERALE E prevista una strutturazione dei profili in funzione della famiglia professionale che rappresenta un aggregato più ampio degli stessi. Le voci che compongono il profilo professionale sono le seguenti: ATTIVITA L attività descrive le possibili funzioni del ruolo all interno dell organizzazione. In questa parte sono illustrate le principali aree di attività che il titolare del profilo esprime o rispetto alle quali contribuisce con la sua attività lavorativa al funzionamento dell ente. RESPONSABILITA E RISULTATI In questa voce sono definite le principali responsabilità attribuite al profilo professionale e i risultati che dovrà raggiungere. RELAZIONI All interno sono descritte le principali relazioni attribuite e la tipologia delle stesse. CONOSCENZE PROFESSIONALI Si indica l insieme di conoscenze professionali e tecniche che permettono di svolgere le funzioni attribuite alla persona. COMPORTAMENTI DI CONTESTO E ORIENTAMENTI I comportamenti di contesto identificano l insieme di capacità ed atteggiamenti che si mettono in atto per realizzare la performance. Ad esempio: sono ricomprese attività come la collaborazione con i colleghi, la formazione, le capacità relazionali, tutti i comportamenti che migliorano le condizioni organizzative e favoriscono il raggiungimento dei risultati.

4

5 Provincia di Monza e della Brianza FAM. 1. AMMINISTRATIVA E DI SUPPORTO (A) SISTEMA DEI PROFILI PROFESSIONALI 2. VIGILANZA (V) 3. TECNICA E AUSILIARIA (T) A Addetto tecnico e ausiliario B1 B3 C Operatore amministrativocontabile Collaboratore amministrativocontabile Assistente amministrativocontabile Assistente informatico Assistente di Polizia Provinciale Operatore tecnico e ausiliario Collaboratore tecnico e ausiliario Assistente tecnico D1 Specialista amministrativocontabile Specialista di comunicazione Specialista di Polizia Provinciale Specialista tecnico Specialista ambientale Specialista informatico Esperto amministrativocontabile Esperto di Polizia Provinciale Esperto tecnico D3 Esperto legale - Avvocato Esperto di comunicazione Esperto ambientale Esperto informatico

6 Provincia di Monza e della Brianza TABELLA DI CONVERSIONE PROFILI ESISTENTI NEI NUOVI PROFILI MB Le Famiglie Professionali individuate : 1. AMMINISTRATIVA E DI SUPPORTO (A) 2. VIGILANZA (V) 3. TECNICA E AUSILIARIA (T) Nota: L'attribuzione del nuovo profilo professionale verrà effettuata dalla Direzione Generale, mediante atto a contenuto ricognitivo, in funzione delle competenze e del ruolo ricoperto all'interno dell'organizzazione dai dipendenti. Cat. A ADDETTI FAM. Profili da convertire Nuovi profili T Addetto ai servizi ausiliari e di supporto Addetto tecnico e ausiliario Cat. B1 - OPERATORI FAM. Profili da convertire Nuovi profili A Operatore ai servizi amministrativi Operatore amministrativo - contabile Operatore socio- assistenziale - T Operatore ai servizi ausiliari e di supporto Operatore tecnico manutentivo Operatore tecnico e ausiliario Cat. B3 - COLLABORATORI FAM. Profili da convertire Nuovi profili A Collaboratore ai servizi amministrativi Collaboratore amministrativo - contabile Collaboratore socio-educativo - T Collaboratore ai servizi ausiliari e di supporto Collaboratore tecnico manutentivo Collaboratore tecnico e ausiliario

7 Provincia di Monza e della Brianza Cat. C - ASSISTENTI FAM. Profili da convertire Nuovi profili A Assistente ai servizi amministrativi e contabili Assistente amministrativo-contabile Assistente informatico Assistente informatico Assistente socio educativo - V Assistente di polizia provinciale Assistente di Polizia Provinciale Assistente ai servizi ausiliari e di supporto Assistente tecnico-manutentivo T Assistente tecnico infrastrutture e territorio Assistente tecnico industriale Assistente tecnico-ambientale Assistente tecnico Cat. D1 - SPECIALISTI FAM. Profili da convertire Nuovi profili A Specialista sviluppo organizzazione e controllo Specialista economico-finanziario Specialista amministrativo e di supporto Specialista amministrativo-legale Specialista di comunicazione Specialista amministrativo-contabile Specialista di comunicazione Specialista analisi e progettazione di sistemi Specialista in organizzazioni di reti Specialista formazione e orientamento Specialista culturale Specialista socio-assistenziale Specialista informatico V Specialista di polizia provinciale Specialista di Polizia Provinciale Specialista dei servizi ausiliari e di supporto Specialista di pianificazione tecnica T Specialista tecnico delle infrastrutture Specialista tecnico Specialista tecnico trasporti e mobilità Specialista tecnico ambientale Specialista ambientale

8 Provincia di Monza e della Brianza Cat. D3 - ESPERTI FAM. Profili da convertire Nuovi profili Esperto sviluppo organizzazione e controllo Esperto economico-finanziario Esperto amministrativo-contabile A Esperto amministrativo e di supporto Esperto legale Esperto legale - Avvocato Esperto di comunicazione Esperto di comunicazione Esperto analisi e progettazione di sistemi Esperto in organizzazione di reti Esperto di processi formativi e di orientamento Esperto promotore culturale Esperto socio-assistenziale Esperto informatico V Esperto di polizia provinciale Esperto di Polizia Provinciale Esperto di pianificazione tecnica T Esperto tecnico delle infrastrutture Esperto tecnico Esperto tecnico trasporti e mobilità Esperto tecnico ambientale Esperto ambientale

9 LE SCHEDE DEI PROFILI PROFESSIONALI Categoria giuridica Famiglia professionale Scheda profilo Pagina A T Addetto tecnico e ausiliario 11 B1 A Operatore amministrativo-contabile 13 B1 T Operatore tecnico e ausiliario 15 B3 A Collaboratore amministrativo-contabile 17 B3 T Collaboratore tecnico e ausiliario 19 C A Assistente amministrativo-contabile 21 C A Assistente informatico 23 C V Assistente di Polizia Provinciale 25 C T Assistente tecnico 27 D1 A Specialista amministrativo-contabile 29 D1 A Specialista di comunicazione 31 D1 A Specialista informatico 33 D1 V Specialista di Polizia Provinciale 35 D1 T Specialista tecnico 37 D1 T Specialista ambientale 39 D3 A Esperto amministrativo-contabile 41 D3 A Esperto legale - Avvocato 43 D3 A Esperto di comunicazione 45 D3 A Esperto informatico 47 D3 V Esperto di Polizia Provinciale 49 D3 T Esperto tecnico 51 D3 T Esperto ambientale 53

10

11 DESCRIZIONE DEL PROFILO FAMIGLIA PROFESSIONALE: Tecnica e ausiliaria PROFILO PROFESSIONALE: Addetto tecnico e ausiliario CATEGORIA: A ATTIVITA Svolge attività di carattere ausiliario, di tipo operativo, manuale e manutentivo la cui esecuzione comporta l uso di strumenti di lavoro e la loro ordinaria manutenzione; può svolgere attività di pulizia, custodia e sorveglianza di locali e uffici, portierato e ricevimento del pubblico; movimentazione corrispondenza interna ed esterna e trasporto di materiali di diversa natura; può condurre automezzi o macchine semplici e svolge ogni attività di supporto necessaria alla corretta e celere operatività dell ente. RESPONSABILITA E RISULTATI Ambito di autonomia limitato alla esecuzione dei compiti affidati e al rapporto di dipendenza. Responsabilità sui compiti operativi attribuiti Risultati connessi alla corretta esecuzione dei compiti affidati. RELAZIONI Interne di tipo semplice, anche tra più soggetti interagenti. Relazioni esterne di tipo semplice e di natura diretta con gli utenti 11

12 COMPETENZE Conoscenze professionali Conoscenze semplici di tipo tecnico operativo riferite all ambito di lavoro. Conoscenza della logistica dell ente e dei soggetti operanti all interno Capacità di utilizzo delle apparecchiature e degli strumenti di lavoro Comportamenti di contesto e orientamenti Adeguata accuratezza nello svolgimento del lavoro Capacità relazionali di base Capacità di risolvere problemi semplici di tipo operativo Affidabilità Flessibilità operativa REQUISITI PER L ACCESSO DALL ESTERNO Scuola dell obbligo. Eventuali requisiti aggiuntivi richiesti, connessi alla posizione da ricoprire, previsti dalle norme o dai regolamenti provinciali. 12

13 DESCRIZIONE DEL PROFILO FAMIGLIA PROFESSIONALE: Amministrativa e di supporto PROFILO PROFESSIONALE: Operatore amministrativo e contabile CATEGORIA: B1 ATTIVITA Svolge compiti di carattere esecutivo a supporto delle attività amministrative, contabili e di segreteria, anche mediante l'utilizzo di strumenti informatici e attrezzature varie. A titolo esplicativo può svolgere le seguenti attività: tenuta della contabilità a livello di ordinaria gestione; gestione della posta in partenza, della protocollazione e archiviazione di atti, ricevere e trasmettere telefonate; presidiare parti specifiche di carattere operativo dei processi amministrativi all interno di direttive specifiche di indirizzo o di procedure definite; di informazione al pubblico e di front office agli utenti attraverso l utilizzo di attrezzature di vario genere; collaborare alla gestione degli archivi e degli schedari, all assistenza alle sedute degli organi, comitati, commissioni e riunioni; ogni altra attività richiesta dal ruolo rivestito. RESPONSABILITA E RISULTATI Ambito di autonomia relativo alla esecuzione dei compiti affidati e al rapporto di dipendenza. Responsabilità sulle attività operative attribuite. Responsabilità nella gestione efficiente delle risorse affidate. Risultati connessi alla corretta realizzazione di attività lavorative semplici. RELAZIONI Interne di tipo semplice anche tra più soggetti interagenti. Relazioni esterne di tipo semplice nonché di natura diretta con gli utenti 13

14 COMPETENZE Conoscenze professionali Conoscenza di base e di tipo operativo: dei processi di lavoro dell unità organizzativa di appartenenza; dei processi e delle metodologie di elaborazione, organizzazione e controllo di dati ed informazioni, mediante l'impiego di apparecchiature informatiche; di carattere economico e contabile; delle discipline specialistiche e tecniche relative alla tipologia dei servizi erogati dall unità di appartenenza; di utilizzo degli strumenti necessari al corretto svolgimento dell attività; dell 'impiego di apparecchiature informatiche. Comportamenti di contesto e orientamenti Adeguata accuratezza nello svolgimento del lavoro Capacità relazionali di base Capacità elementari di trasferire conoscenze tecniche Orientamento al lavoro di gruppo Capacità di risolvere problemi semplici di tipo operativo Spirito di osservazione Affidabilità Flessibilità operativa REQUISITI PER L ACCESSO DALL ESTERNO Scuola dell obbligo. Eventuali requisiti aggiuntivi richiesti, connessi alla posizione da ricoprire, previsti dalle norme o dai regolamenti provinciali. REQUISITI PER L ACCESSO DALL INTERNO Si demanda alle fonti normative regolamentari dell ente. 14

15 DESCRIZIONE DEL PROFILO FAMIGLIA PROFESSIONALE: Tecnica e ausiliaria PROFILO PROFESSIONALE: Operatore tecnico e ausiliario CATEGORIA: B1 ATTIVITA Svolge attività di tipo tecnico/operativo, di manutenzione e di supporto nei diversi settori di attività anche mediante l utilizzo di strumenti informatici, attrezzature/strumenti specifici e mezzi di trasporto, garantendo la loro ordinaria manutenzione. A titolo esplicativo può svolgere le seguenti attività: di manutenzione di beni e di strumenti tecnici; di custodia e sorveglianza di uffici e beni; di carico e scarico di magazzino e consegna documenti o merci; di riparazione di apparecchiature e strumenti; di tipo tecnico e operaio in ambito stradale; di tipo tecnico connesse alla gestione sistemi idraulici e corsi d acqua, discariche e impianti fognari; controllo e verifica di funzionamento di impianti, strumentazioni tecniche ed attrezzature di diverso tipo; centralinista ogni altra attività richiesta dal ruolo rivestito. RESPONSABILITA E RISULTATI Ambito di autonomia relativo alla esecuzione dei compiti affidati e al rapporto di dipendenza. Responsabilità sulle attività operative attribuite Responsabilità nella gestione efficiente delle risorse affidate. Risultati connessi alla corretta realizzazione di attività lavorative semplici. RELAZIONI Interne di tipo semplice e tecnico, anche tra più soggetti interagenti. Relazioni esterne di tipo semplice e con connotazione tecnica, nonché di natura diretta con gli utenti 15

16 COMPETENZE Conoscenze professionali Conoscenza di base e di tipo operativo: dei processi di lavoro dell unità organizzativa di appartenenza; delle discipline specialistiche e tecniche relative alla tipologia dei servizi erogati dall unità di appartenenza; della logistica dell ente e dei soggetti operanti all interno; dell impiego di apparecchiature informatiche. Deve possedere adeguate di capacità di utilizzo degli strumenti tecnici ed automezzi necessari al corretto svolgimento dell attività ed abilità manuali connesse all esecuzione di compiti di tipo operativo e manutentivo. Comportamenti di contesto e orientamenti Accuratezza adeguata nello svolgimento del lavoro Capacità relazionali di base Capacità di trasferire conoscenze tecniche Capacità di risolvere problemi semplici di tipo tecnico e operativo Affidabilità Spirito di osservazione Flessibilità operativa Orientamento al lavoro di gruppo REQUISITI PER L ACCESSO DALL ESTERNO Scuola dell obbligo. Eventuali requisiti aggiuntivi richiesti, connessi alla posizione da ricoprire, previsti dalle norme o dai regolamenti provinciali. REQUISITI PER L ACCESSO DALL INTERNO Si demanda alle fonti normative regolamentari dell ente. 16

17 DESCRIZIONE DEL PROFILO FAMIGLIA PROFESSIONALE: Amministrativa e di supporto PROFILO PROFESSIONALE: Collaboratore amministrativo e contabile CATEGORIA: B3 ATTIVITA Principali funzioni svolte all interno dell organizzazione: ogni attività di supporto relativa a processi amministrativi o processi operativi, organizzativi, e di gestione delle attività dell ente, all interno dei diversi servizi, mediante l utilizzo di apparecchiature informatiche; attività di carattere contabile, amministrativa anche di tipo istruttorio, acquisisce ed elabora elementi informativi e ricognitivi per la preparazione e redazione di atti e documenti; presidia parti specifiche di carattere operativo dei processi all interno di direttive specifiche di indirizzo o di procedure. valuta nel merito i singoli casi concreti ed applica le istruzioni operative; collabora inoltre alla gestione della posta, anche elettronica, in arrivo e partenza, alla gestione degli archivi e degli schedari, all assistenza alle sedute degli organi, organismi, comitati e commissioni della Provincia e all organizzazione di riunioni; può svolgere attività di informazione al pubblico e di front office agli utenti attraverso l utilizzo di attrezzature di vario genere; ogni altra attività richiesta dal ruolo rivestito. RESPONSABILITA E RISULTATI Ambito di autonomia operativa all interno di istruzioni e prescrizioni di massima Responsabilità per la corretta esecuzione dell'attività direttamente svolta. Responsabilità nella gestione efficiente delle risorse affidate. Risultati connessi alla corretta realizzazione di attività lavorative. RELAZIONI Interne di tipo semplice anche tra più soggetti interagenti. Relazioni esterne di tipo semplice nonché di natura diretta con gli utenti. 17

18 COMPETENZE Conoscenze professionali Conoscenza adeguata relativa a: processi di lavoro dell unità organizzativa di appartenenza; processi e delle metodologie di elaborazione, organizzazione e controllo di dati ed informazioni, mediante l'impiego di apparecchiature informatiche; utilizzo degli strumenti necessari al corretto svolgimento dell attività. Conoscenze di base: di tipo giuridico-amministrativo e contabile, con particolare riguardo agli ambiti di competenza e con riferimento a concrete situazioni di lavoro; di discipline specialistiche e tecniche relative alla tipologia dei servizi erogati dall unità di appartenenza; di tecniche di comunicazione. Comportamenti di contesto e orientamenti Accuratezza evoluta nello svolgimento del lavoro Iniziativa Capacità relazionali di base Capacità di trasferire conoscenze tecniche Orientamento al lavoro di gruppo Capacità di risolvere problemi semplici di tipo operativo Spirito di osservazione Affidabilità Flessibilità operativa REQUISITI PER L ACCESSO DALL ESTERNO Diploma di qualificazione o attestati professionali o diploma di scuola media superiore in relazione alla posizione da ricoprire. Eventuali requisiti aggiuntivi richiesti, connessi alla posizione da ricoprire, previsti dalle norme o dai regolamenti provinciali. REQUISITI PER L ACCESSO DALL INTERNO Si demanda alle fonti normative regolamentari dell ente. 18

19 DESCRIZIONE DEL PROFILO FAMIGLIA PROFESSIONALE: Tecnica e ausiliaria PROFILO PROFESSIONALE: Collaboratore tecnico e ausiliario CATEGORIA: B3 ATTIVITA Principali funzioni svolte all interno dell organizzazione: attività di collaborazione e supporto nel campo tecnico, manutentivo e progettuale nei diversi settori di attività; attività di assistenza e ausilio di tipo tecnico e operativo, nell ambito delle direttive procedurali, a supporto dell attività degli uffici; realizza l installazione, la conduzione e la riparazione di impianti anche complessi o che richiedono specifica abilitazione o patente; individua e compie gli interventi necessari per la manutenzione del patrimonio mediante l utilizzo di apparecchiature tecniche, automezzi e/o apparecchiature informatiche; esegue interventi specializzati in relazione alle proprie competenze tecniche; assicura il presidio e la sorveglianza interna dei locali, la custodia e gestione delle cose e degli oggetti affidati e la gestione delle relazioni con il pubblico; può condurre veicoli per il trasporto di persone o cose; cura la gestione del materiale e delle attrezzature secondo le procedure di magazzino previste, nonché la conduzione tecnica degli strumenti assegnati, operando secondo i piani di lavoro stabiliti; ogni altra attività richiesta dal ruolo rivestito. RESPONSABILITA E RISULTATI Ambito di autonomia operativa all interno di istruzioni e prescrizioni di massima. Responsabilità per la corretta esecuzione dell'attività direttamente svolta. Responsabilità nella gestione efficiente delle risorse affidate. Risultati connessi alla corretta realizzazione di attività lavorative. RELAZIONI Interne di tipo semplice anche tra più soggetti interagenti. Relazioni esterne di tipo semplice nonché di natura diretta con gli utenti. 19

20 COMPETENZE Conoscenze professionali Conoscenza adeguata relativa a: processi di lavoro dell unità organizzativa di appartenenza; processi e delle metodologie di elaborazione, organizzazione e controllo di dati ed informazioni, mediante l'impiego di apparecchiature informatiche. Conoscenze di base: di discipline specialistiche e tecniche relative alla tipologia dei servizi erogati dall unità di appartenenza; di logistica dell ente e dei soggetti operanti all interno; di tecniche di comunicazione. Deve possedere adeguate di capacità di utilizzo degli strumenti tecnici ed automezzi necessari al corretto svolgimento dell attività ed abilità manuali connesse all esecuzione di compiti di tipo operativo e manutentivo. Comportamenti di contesto e orientamenti Accuratezza evoluta nello svolgimento del lavoro Iniziativa Capacità relazionali di base Capacità di trasferire conoscenze tecniche Orientamento al lavoro di gruppo Capacità di risolvere problemi semplici di tipo operativo Spirito di osservazione Affidabilità Flessibilità operativa REQUISITI PER L ACCESSO DALL ESTERNO Diploma di qualificazione o attestati professionali o diploma di scuola media superiore in relazione alla posizione da ricoprire. Eventuali requisiti aggiuntivi richiesti, connessi alla posizione da ricoprire, previsti dalle norme o dai regolamenti provinciali. REQUISITI PER L ACCESSO DALL INTERNO Si demanda alle fonti normative regolamentari dell ente. 20

21 DESCRIZIONE DEL PROFILO FAMIGLIA PROFESSIONALE: Amministrativa e di supporto PROFILO PROFESSIONALE: Assistente amministrativo e contabile. CATEGORIA: C ATTIVITA Svolge attività di carattere amministrativo, contabile e di erogazione di servizi interni ed esterni all ente che comportano l uso di dati/informazioni complesse e l applicazione di norme e predisposizione di atti e provvedimenti. In particolare: predispone atti e documenti di diversa natura attraverso l utilizzo di strumenti informatici, videoscrittura e fogli elettronici; cura la gestione di archivi e banche dati; raccoglie, gestisce ed elabora dati e informazioni anche di natura complessa; svolge attività di ricerca e studio in ambito normativo e contabile; può predisporre documenti e svolgere attività connesse alle diverse fasi di istruzione, predisposizione e redazione di documenti, atti e provvedimenti amministrativi relativi ai processi amministrativi, di supporto, contabile, tecnico, economali e degli acquisti; può svolgere servizi di comunicazione e di front office con l utenza finale interna ed esterna; può svolgere attività di organizzazione, conservazione, gestione e archiviazione del patrimonio documentale dell ente; ogni altra attività richiesta dal ruolo rivestito. RESPONSABILITA E RISULTATI Autonomia gestionale e tecnico professionale e di giudizio all interno di un quadro di scelte tecniche e di indirizzo dell ente. Responsabilità e gestione dei processi e attività di competenza, dei risultati delle attività svolte direttamente o dal personale coordinato, e degli obiettivi assegnati. Responsabilità sulle risorse gestite e sull efficienza economica e sulla qualità dei processi di competenza. Garanzia della gestione dei reports complessivi dei processi di competenza. RELAZIONI Relazioni interne di media complessità; prevalentemente di tipo professionale, costanti rapporti con tutte le unità dell ente al fine di garantire servizi adeguati. Relazioni esterne di tipo professionale di media complessità, anche con l utenza finale con orientamento all assistenza e all esigenza del cliente esterno. 21

22 COMPETENZE Conoscenze professionali Conoscenze specifiche relative a: procedure di tipo giuridico-amministrativo e contabile, con particolare riguardo agli ambiti di competenza e con riferimento a concrete situazioni di lavoro; attività svolte nell'unità organizzativa di appartenenza. Conoscenze adeguate relative a: fondamenti di diritto privato, diritto pubblico, normativa degli Enti locali del settore di competenza; contabilità economica, finanza pubblica, contabilità analitica; processi e metodologie di elaborazione, organizzazione e controllo di dati e informazioni, tecniche di comunicazione, marketing; strumenti informatici e telematici necessari allo svolgimento delle attività, delle procedure dell unità organizzativa di competenza. Conoscenza di base di almeno una lingua straniera (inglese francese); Comportamenti di contesto e orientamenti Elevata capacità di iniziativa Adeguato orientamento alle esigenze dell utenza finale Orientamento al risultato dei servizi erogati in termini di efficienza, efficacia e qualità Evoluta capacità di programmazione e controllo delle attività lavorative Elevata capacità di gestione di progetti anche complessi Capacità di risolvere problemi di tipo tecnico e di prospettare soluzioni alternative Evolute capacità relazionali di tipo tecnico professionale anche negoziale Elevato orientamento al lavoro di gruppo Capacità di stabilire positivi rapporti con i colleghi / collaboratori e interlocutori funzionali e di trasferire e diffondere conoscenze Orientamento all innovazione REQUISITI PER L ACCESSO DALL ESTERNO Diploma di scuola media superiore ed eventuali requisiti aggiuntivi richiesti, connessi alla posizione da ricoprire, previsti dalle norme o dai regolamenti provinciali. REQUISITI PER L ACCESSO DALL INTERNO Si demanda alle fonti normative regolamentari dell ente. 22

23 DESCRIZIONE DEL PROFILO FAMIGLIA PROFESSIONALE: Amministrativa e di supporto PROFILO PROFESSIONALE: Assistente informatico CATEGORIA: C ATTIVITA Assicura la gestione, lo sviluppo e l implementazione di programmi e di sistemi informatici e l assistenza hardware e software agli utenti. In particolare: svolge attività tecniche nei processi relativi ai sistemi di elaborazione e di reti di telecomunicazioni attraverso la conduzione gestionale dei sistemi e la rilevazione ed eventuale rimozione di malfunzionamenti hardware e software; realizza e aggiorna i programmi, installa e personalizza prodotti e soluzioni applicative e ne gestisce le configurazioni; collabora alla gestione della rete locale, nonché dei sistemi di elaborazione e delle applicazioni informatiche in uso; gestisce l amministrazione degli utenti e delle sicurezze della rete, conservazione ripristino e mantenimento degli archivi e dati; garantisce un corretto uso di tutti i programmi; assicura l assistenza tecnica e l addestramento agli utenti. collabora allo sviluppo di nuove applicazioni informatiche utilizzando sia ambienti groupware che DB relazionali, sia linguaggi di programmazione evoluti e/o visuali; predispone gli atti amministrativi relativi ai processi di competenza; svolge ogni altra attività richiesta dal ruolo rivestito. RESPONSABILITA E RISULTATI Autonomia nella gestione delle specifiche attività di competenza. Responsabilità di risultato relative alle attività svolte, con una significativa ampiezza delle soluzioni possibili sulla base di alternative tecniche. Responsabilità nella gestione efficiente delle risorse affidate. Proposizione di soluzioni operative nella realizzazione delle attività di competenza. Garantire un flusso continuo e preciso di informazioni/dati relativi e alle attività svolte. RELAZIONI Relazioni interne di media complessità; prevalentemente di tipo tecnico professionale, costanti rapporti con tutte le unità dell ente al fine di garantire servizi tecnici adeguati. Relazioni esterne di tipo tecnico e professionale di media complessità. 23

24 COMPETENZE Conoscenze professionali Conoscenze specifiche relative a: pacchetti applicativi per l automazione d ufficio (office automation); dei prodotti per sistemi di comunicazioni su reti telematiche (Intranet e Internet); della configurazione di un sistema di personal computer; dei sistemi operativi in esercizio e tecnologie delle reti locali; attività svolte nell'unità organizzativa di appartenenza Conoscenze adeguate relative a: nozioni principali di hardware; principali sistemi operativi e di sistemi di telecomunicazioni; principali architetture di rete; linguaggi di programmazione evoluti o visuali; gestione dei dati; diagnostica di reti di comunicazione e della loro interconnessione; sicurezza di reti e applicazioni; gestione progetti nelle attività di competenza, capacità di individuare soluzioni a processi di natura organizzativa attraverso l ausilio di applicazioni informatiche e telematiche fondamenti di diritto privato, diritto pubblico, normativa degli Enti Locali del settore di competenza procedure (anche amministrative) dell unità organizzativa di competenza Conoscenza di base di almeno una lingua straniera (inglese francese) Comportamenti di contesto e orientamenti Orientamento alla qualità del lavoro Orientamento alle esigenze dell utenza finale Capacità di analisi e precisione Adeguata capacità di iniziativa Elevata flessibilità operativa Capacità di risolvere problemi di natura tecnico-specialistica Adattamento ai cambiamenti organizzativi Orientamento al lavoro di gruppo Adeguate capacità relazionali di tipo professionale REQUISITI PER L ACCESSO DALL ESTERNO Diploma di scuola media superiore ed eventuali requisiti aggiuntivi richiesti, connessi alla posizione da ricoprire, previsti dalle norme o dai regolamenti provinciali. REQUISITI PER L ACCESSO DALL INTERNO Si demanda alle fonti normative regolamentari dell ente. 24

25 DESCRIZIONE DEL PROFILO FAMIGLIA PROFESSIONALE: Vigilanza PROFILO PROFESSIONALE: Assistente di Polizia Provinciale. CATEGORIA: C ATTIVITA Svolge attività di prevenzione e vigilanza nelle materie che leggi, regolamenti e provvedimenti amministrativi attribuiscono alle competenze della polizia provinciale. In particolare: svolge ogni attività volta alla prevenzione, rilevazione e repressione di comportamenti ed atti compiuti in violazione a leggi, regolamenti e provvedimenti amministrativi, ogni altro compito di istituto e se necessario, ogni incombenza di supporto logistico amministrativo alle attività operative; quando è in servizio riveste, nell ambito territoriale della provincia, la qualità di agente di polizia giudiziaria a competenza generale, svolgendo ogni attività ad essa connessa; riveste inoltre, nell ambito territoriale dell ente, e nei limiti delle proprie attribuzioni, la qualità di agente di pubblica sicurezza, conferita da apposito decreto prefettizio e svolge ogni attività ad essa connessa; può coordinare e controllare personale nell esecuzione delle attività, fornendo istruzioni nelle aree operative di competenza e svolgendo funzioni di coordinamento della pattuglia. gestisce procedure complete e predispone atti amministrativi e/o atti di polizia giudiziaria relativamente ai processi di competenza utilizza veicoli, attrezzi, strumenti tecnici ed informatici anche complessi a disposizione dell unità organizzativa di assegnazione. svolge ogni altra attività richiesta dal ruolo rivestito. RESPONSABILITA E RISULTATI Autonomia nella gestione delle specifiche attività di competenza. Responsabilità di risultato relative alle attività svolte, con ampiezza delle soluzioni possibili sulla base di modelli predefiniti secondo l ambito di riferimento Responsabilità nella gestione efficiente delle risorse affidate. Proposizione di soluzioni operative nella realizzazione delle attività di competenza. Garanzia di un flusso continuo e preciso di informazioni/dati relativi e alle attività svolte. RELAZIONI Autonomia nella gestione delle specifiche attività di competenza. Responsabilità di risultato relative alle attività svolte, con ampiezza delle soluzioni possibili sulla base di modelli predefiniti secondo l ambito di riferimento Responsabilità nella gestione efficiente delle risorse affidate. Proposizione di soluzioni operative nella realizzazione delle attività di competenza. Garanzia di un flusso continuo e preciso di informazioni/dati relativi e alle attività svolte. 25

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto:

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto: PREMESSA La riforma del sistema di classificazione del personale civile del Ministero della difesa è stata realizzata in applicazione del CCNL 2006/2009. Nel quadro di adeguamento delle competenze e delle

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT 31 Professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione 311 Tecnici delle scienze quantitative, fisiche e chimiche 3111. Tecnici fisici e geologici Rilevatore geologico Tecnico

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli