CEPAS srl Viale di Val Fiorita, Roma Tel Fax: Sito internet:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu"

Transcript

1 Viale di Val Fiorita, Roma Tel Fax: Sito internet: PROCEDURA GESTIONALE Pag. 1 di 17 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CANDIDATI ALLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE Rev. Generale R.A. Favorito G. Colferai Pagg. 3, 8 R.A. Favorito G. Colferai Rev. Data Motivazioni Convalida Approvazione

2 Pag. 2 di 17 INDICE 1.0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI 3.0 PROCESSO DI VALUTAZIONE 4.0 ESAME DI CERTIFICAZIONE 4.1 PROFESSIONISTI DELLA AZIENDALE AI SENSI DELLA NORMA UNI 10459: SENIOR MANAGER (rif. SH40) Requisiti di ammissione all esame di certificazione Finalità esame Modalità svolgimento esame Argomenti e Criteri di valutazione dei Professionisti delle Security aziendale Ripetizione esame di certificazione 4.2 MANAGER (rif. SH240) Requisiti di ammissione all esame di certificazione Finalità esame Modalità svolgimento esame Argomenti e Criteri di valutazione dei Security Manager Ripetizione esame di certificazione 4.3 MANAGER IN AMBITO SORVEGLIANZA PRIVATA (rif. SH229) Requisiti di ammissione all esame di certificazione Finalità esame Modalità svolgimento esame Argomenti e Criteri di valutazione dei Security Manager in ambito Sorveglianza Privata Ripetizione esame di certificazione 4.4 ISMS MANAGER / SENIOR MANAGER (rif. SH139) Requisiti di ammissione all esame di certificazione Finalità esame Modalità svolgimento esame Argomenti e Criteri di valutazione degli ISMS Manager / Senior Manager Ripetizione esame di certificazione 4.5 EXPERT (rif. SH208) Requisiti di ammissione all esame di certificazione Finalità esame Modalità svolgimento esame Argomenti e Criteri di valutazione dei Security Expert Ripetizione esame di certificazione 5.0 CERTIFICAZIONE 5.1 Rilascio del certificato 5.2 Passaggio di Registro

3 Pag. 3 di SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura descrive le modalità operative adottate da CEPAS per l attività di valutazione e certificazione dei Manager della sicurezza aziendale, della vigilanza privata e dell Information Security Management System (ISMS) e dei Security Expert. La procedura si applica nei processi di certificazione delle figure professionali specificate che operano nell ambito dei Sistemi di Gestione della Security (Sicurezza aziendale e vigilanza privata) ed evidenzia le responsabilità delle diverse funzioni CEPAS coinvolte. 2.0 RIFERIMENTI Riferimenti CEPAS per la certificazione dei Professionisti della Security Aziendale ai sensi della norma UNI 10459:1995 (Senior Security Manager): - Manuale Qualità CEPAS, sez. 5 (MQ01) - Schema di Certificazione CEPAS: Regolamento Generale CEPAS (RG01), Codice Deontologico (CD01), Prescrizioni per l Uso del Marchio (MC01), Modulo richiesta ammissione esame di certificazione (MD08accr), Scheda Requisiti CEPAS SH40, Tariffario e la presente procedura PG20 Riferimenti normativi per la valutazione: - UNI 10459:1995 *** Riferimenti CEPAS per la certificazione dei Security Manager: - Manuale Qualità CEPAS, sez. 5 (MQ01) - Schema di Certificazione CEPAS: Regolamento Generale CEPAS (RG01), Codice Deontologico (CD01), Prescrizioni per l Uso del Marchio (MC01), Modulo richiesta ammissione esame di certificazione (MD08), Scheda Requisiti CEPAS SH240, Tariffario e la presente procedura PG20 *** Riferimenti CEPAS per la certificazione dei Security Manager in ambito Sorveglianza Privata: - Manuale Qualità CEPAS, sez. 5 (MQ01) - Schema di Certificazione CEPAS: Regolamento Generale CEPAS (RG01), Codice Deontologico (CD01), Prescrizioni per l Uso del Marchio (MC01), Modulo richiesta ammissione esame di certificazione (MD08), Scheda Requisiti CEPAS SH229, Tariffario e la presente procedura PG20 Riferimenti normativi per la valutazione: - Decreto n. 269/ UNI 10459: UNI 10891:2000 *** Riferimenti CEPAS per la certificazione dei ISMS Manager/Senior Manager: - Manuale Qualità CEPAS, sez. 5 (MQ01) - Schema di Certificazione CEPAS: Regolamento Generale CEPAS (RG01), Codice Deontologico (CD01), Prescrizioni per l Uso del Marchio (MC01), Modulo richiesta ammissione esame di certificazione (MD08), Scheda Requisiti CEPAS SH139, Tariffario e la presente procedura PG20 Riferimenti normativi per la valutazione: - UNI CEI ISO/IEC 27001:2006 *** Riferimenti CEPAS per la certificazione dei Security Expert: - Manuale Qualità CEPAS, sez. 5 (MQ01) - Schema di Certificazione CEPAS: Regolamento Generale CEPAS (RG01), Codice Deontologico (CD01), Prescrizioni per l Uso del Marchio (MC01), Modulo richiesta ammissione esame di certificazione (MD08), Scheda Requisiti CEPAS SH208, Tariffario e la presente procedura PG20

4 Pag. 4 di PROCESSO DI VALUTAZIONE La valutazione di idoneità del Candidato, ai fini del rilascio della certificazione CEPAS, avviene attraverso la sequenza, temporale e vincolante, di ciascuna delle seguenti fasi: valutazione della documentazione prodotta dal Candidato eseguita dal Referente CEPAS, che accerta il possesso o meno, da parte dello stesso, dei requisiti di cui alla Scheda SH40 (Professionista della Security Aziendale ai sensi della norma UNI 10459: Senior Security Manager), SH240 (Security Manager), SH229 (Security Manager in ambito Sorveglianza Privata), SH139 (ISMS Manager) o SH208 (Security Expert); nei casi dubbi, il Direttore può inoltre procedere a: - richiesta di informazioni/documenti supplementari al candidato; - accertamento, tramite invio di un Commissario appositamente incaricato, dell attività svolta presso le aziende citate nella documentazione presentata. Il Candidato dichiara espressamente di accettare le condizioni previste dall iter di certificazione CEPAS ai sensi e per gli effetti delle disposizioni di cui all art C.C. ad esito positivo segue: esame di certificazione CEPAS eseguito dalla Commissione di Esame a fronte di parametri e sulla base di strumenti prefissati, di seguito specificati; ad esito positivo segue: valutazione tecnica dei risultati, di cui ai punti sopra indicati, eseguita dal Gruppo di Approvazione Settoriale CEPAS ; ad esito positivo segue: approvazione da parte del Direttore CEPAS ed iscrizione nel Registro; ad esito positivo segue: ratifica da parte del Comitato di Certificazione / Comitato di Schema. Qualora l esito di una qualsiasi delle suddette fasi sia negativo, CEPAS interrompe il processo di valutazione e informa il Candidato. Per procedere nell iter sarà necessario prima risolvere le carenze riscontrate nella singola fase, nei tempi indicati da CEPAS. 4.0 ESAME DI CERTIFICAZIONE 4.1 Professionisti della Security Aziendale ai sensi della norma UNI 10459:1995 (Senior Security Manager) Requisiti di ammissione all esame di certificazione Sono ammessi a sostenere l esame CEPAS per Professionisti della Security Aziendale ai sensi della norma UNI 10459:1995 (Senior Security Manager) tutti coloro che, avendo presentato formale richiesta attraverso il modulo MD08accr, documentano, mediante evidenze oggettive, il possesso dei requisiti minimi previsti dalla Scheda SH40, allegandoli al suddetto modulo: diploma di Istruzione Secondaria Superiore o titolo superiore, attestato di superamento esame di un corso qualificato aggiornato alla normativa vigente (rif.to SH41), curriculum vitae aggiornato, datato e firmato, evidenze oggettive in merito agli anni di esperienza lavorativa continuativa complessiva e specifica nella Security, evidenze oggettive circa il ruolo del candidato (es. organigramma approvato oppure dichiarazione esaustiva dell azienda circa la funzione di Security Manager nel caso di consulenza), autodichiarazione relativa ai requisiti di integrità morale, regolare pagamento delle quote previste per l ammissione agli esami come da tariffario CEPAS. La documentazione completa per la richiesta di certificazione deve essere trasmessa a CEPAS entro 10 giorni lavorativi prima della data d esame.

5 Pag. 5 di Finalità esame L esame ha lo scopo di: o approfondire le informazioni presentate dal Candidato, nell ambito della sua esperienza professionale, valutando l adeguatezza della documentazione presentata e la sua congruenza con il/i settore/i di interesse indicato/i dal Candidato; o accertare il possesso da parte del Candidato della professionalità e della managerialità necessaria per assicurare la tutela del patrimonio aziendale, come definita dalla Norma UNI con particolare riferimento alle seguenti tematiche: Lo scenario di riferimento, la valutazione e la presa in carico dei rischi evoluzione dei rischi: dal rischio fisico al rischio strategico normativa nazionale cogente e volontaria: D.Lgs. 231/01, D.Lgs. 196/03, Decreto n. 269/10, UNI 10459, UNI 10891, conoscenze generali di diritto penale relativamente a reati verso la persona e il patrimonio, nozioni di diritto costituzionale e di diritto e procedura penale, con aspetti normativi relativi all intervento a fronte di reato ed all'uso legittimo delle armi (ad es. L. 397/00) cenni sulla Legge 20 maggio 1970, n. 300 (Statuto dei Lavoratori) la strutturazione della funzione di security e le sue interrelazioni interne ed esterne la collocazione organizzativa, la missione ed il ruolo della funzione di security l intelligence preliminare: analisi del territorio, analisi di azienda, analisi del contesto competitivo, analisi dei fenomeni l analisi dei rischi: individuazione e valutazione l analisi delle vulnerabilità le tipologie di rischi in un approccio integrato di tutela aziendale: ambiente, safety, security l assunzione ed il trasferimento del rischio dalla valutazione dei rischi alla politica d intervento: analisi costi/benefici. il processo decisionale per la scelta delle opzioni di security le tecnologie a supporto dell Homeland security La risposta organizzativa ai rischi di security l impresa e i Sistemi di Gestione integrati (Qualità, Ambiente, Safety, ISMS, SA 8000) le interrelazioni tra Security e Qualità: esame degli elementi d analogia e di differenza dalle scelte strategiche alla pianificazione aziendale della Security il modello di pianificazione: esempi specifici l etica aziendale come strumento per la riduzione del rischio la responsabilità dell'impresa ed il D.Lgs. 231/01 la Security nei contratti esterni - la Security e la normativa del lavoro la formalizzazione e la diffusione delle procedure di Security la Security e la sicurezza privata: la selezione, l utilizzo e la gestione dei servizi di sorveglianza in ottemperanza alla L.101/2008 ed al D.M. 1/12/10 l organizzazione della sicurezza pubblica e privata la sicurezza come sistema integrato: definizione di una Security policy la sicurezza del top management. Sicurezza delle informazioni Norma UNI CEI ISO/IEC la tutela delle informazioni aziendali Riservatezza, Integrità e Disponibilità del patrimonio informativo attacchi informatici regolamentazione prevista dal Codice Penale italiano e Comunitario in materia di Reati Informatici sicurezza dei sistemi d elaborazione isolati: tipologie di attacco, tecniche di difesa HW e SW

6 Pag. 6 di 17 crittografia e firma elettronica la sicurezza dei sistemi di telecomunicazioni la sicurezza dei sistemi di reti pubbliche di comunicazione la sicurezza nel cloud computing Applicazione del Dlgs 196/03 sulla privacy la sicurezza delle basi di dati: autorizzazioni, piani di backup, procedure di disaster recovery e business continuity, meccanismi di tracing e di auditing la sicurezza dei sistemi distribuiti: controllo dell accesso, profili utente, tecniche di tracing e di auditing, firewall e intrusion detection, per l interconnessione con la rete Internet, ecc.. Sicurezza MOBILE La tutela dei sistemi di trasmissione dati (Wireless, VoIP, fibre ottiche, satellite, Internet) Integrazione della RETE WI-FI con i sistemi aziendali di sicurezza Sicurezza dei siti internet La risposta operativa ai rischi di Security Gli strumenti della security aziendale: investigazioni, intelligence, Business Security, etica d'impresa l attuazione del sistema di gestione della Security: contenuti/ raccomandazioni/ responsabilità nella realizzazione delle azioni/ pianificazione/ revisione e aggiornamento periodico la valutazione costi/benefici e la valutazione della performance del servizio di Security il budget della Security: costi operativi/ costi di loss prevention/ costi di loss mitigation convalida delle procedure operative Le nuove tecnologie di sicurezza fisica ed elettronica: barriere elettroniche, controllo accessi, videosorveglianza, sistemi biometrici, scanner, badge, chiavi elettroniche, smart cards, trasponder, RFID, ecc. il crisis management ed il piano di emergenza - esperienze ed esercitazioni D.Lgs 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e modelli di organizzazione, gestione e controllo, in rapporto alla security aziendale I processi di Business Ethics come strumenti di riduzione del rischio l auditing: uno strumento di garanzia per la gestione della Security/ il Security auditing e la norma UNI EN ISO Backup dei dati, Disaster Recovery e Business Continuity (ISO 22301:2012) L'outsourcing delle funzioni di security le relazioni istituzionali le prospettive verso la sicurezza del sistema Paese o definire l idoneità allo svolgimento del ruolo richiesto, sulla base della documentazione prodotta L esame è condotto dai Commissari d esame CEPAS, i quali si accertano, attraverso opportune tecniche, che il Candidato possegga i requisiti e le caratteristiche personali utili allo svolgimento delle attività professionali per le quali richiede la certificazione. I Commissari sono responsabili della valutazione delle prove d esame del Candidato e per questo ne rispondono a CEPAS; per tutte le attività di valutazione i Commissari garantiscono indipendenza di giudizio, imparzialità, assenza di conflitto di interessi e riservatezza dei dati Modalità svolgimento esame L esame CEPAS si svolge nelle località e date stabilite, di volta in volta, dal Direttore il quale, con l ausilio del personale dipendente, provvede a comunicarle a ciascun Candidato. Alla sessione d esame CEPAS sono presenti i candidati, la Commissione d esame e il personale CEPAS e, quando previsto, gli ispettori ACCREDIA che possono riservarsi di intervistare i presenti, nel rispetto comunque del programma CEPAS di gestione dell esame.

7 Pag. 7 di 17 Prima dell inizio delle prove d esame, i candidati sono tenuti a: - esibire un documento di identità valido e consegnarne copia a CEPAS, - firmare il foglio presenze, - sottoscrivere copia del Codice Deontologico (CD01) e delle Prescrizioni per l'uso del Marchio (MC01), per accettazione delle procedure dell intero iter di certificazione, - presentare la ricevuta degli avvenuti pagamenti delle quote previste per la partecipazione all esame Argomenti e criteri di valutazione dei Professionisti delle security Aziendale L esame CEPAS si articola così come di seguito dettagliato, in base al punto della SH40 applicabile. Per i Candidati in possesso dei requisiti di cui al punto 1 della Scheda SH40 l esame consiste in 3 prove: 1. Prima prova scritta finalizzata ad accertare le conoscenze e le capacità di progettare e gestire sistemi di organizzazione della security integrata aziendale. Consiste in un caso in cui si richiede di rappresentare organicamente un esempio di struttura di protezione aziendale. Tempo massimo previsto: 70 minuti. 2. Seconda prova scritta consiste nel rispondere a 50 domande, a risposta chiusa, ed è finalizzata ad accertare il possesso, da parte del Candidato, delle conoscenze e delle capacità di interpretazione ed applicazione delle tematiche relative alla Security aziendale, descritte al punto Tempo massimo previsto: 80 minuti. 3. Terza prova consiste in un colloquio con i Commissari CEPAS ed è finalizzata a: - approfondire il livello di conoscenza degli elementi culturali di base di cui alle prove scritte, - approfondire, nell ambito dell esperienza professionale, le informazioni presentate dal Candidato, - valutare l adeguatezza, l estensione ed il grado di aggiornamento delle esperienze specifiche operative, - verificare il modo di gestire i rapporti interpersonali del Candidato, - valutare le caratteristiche personali previste dalla Norma di riferimento (p.to 5.3 della Norma UNI 10459) La Commissione di Esame procede alla valutazione di idoneità del Candidato a fronte dei criteri e dei parametri di seguito specificati. la votazione massima ottenibile è di 100 punti, ed è data dalla sommatoria delle votazioni conseguite dal candidato nelle tre prove d esame: - alla prima prova scritta viene attribuita una votazione massima di 20 punti. - alla seconda prova scritta viene attribuita una votazione massima di 50 punti. - alla terza prova orale viene attribuita una votazione massima di 30 punti. La soglia minima per il superamento dell esame è pari al 70% della sommatoria del massimo punteggio ottenibile nelle prove sostenute dagli stessi (70 punti), tenendo comunque presente che deve essere anche superata la soglia minima fissata per le prove scritte, pari a 48 punti. Pertanto, se il Candidato non supera la soglia minima di 48 punti nelle prove scritte non verrà ammesso alla prova orale e dovrà ripetere l intero esame (scritto e orale). ****** Per i Candidati in possesso dei requisiti di cui al punto 2 della Scheda SH40 l esame consiste in 2 prove: 1. Prima prova scritta. Tempo massimo previsto: 70 minuti 2. Prova orale La Commissione di Esame procede alla valutazione di idoneità del Candidato a fronte dei criteri e dei parametri di seguito specificati: la votazione massima ottenibile è di 50 punti, ed è data dalla sommatoria delle votazioni conseguite dal candidato nelle due prove d esame - alla prima prova scritta viene attribuita una votazione massima di 20 punti. - alla prova orale viene attribuita una votazione massima di 30 punti. La soglia minima per il superamento dell esame è pari al 70% della sommatoria del massimo punteggio ottenibile nelle prove sostenute dagli stessi (50 punti), tenendo comunque presente che deve essere anche superata la soglia minima fissata per le prove scritte, pari a 14 punti. Pertanto, se il Candidato non supera la

8 Pag. 8 di 17 soglia minima di 14 punti nelle prove scritte non verrà ammesso alla prova orale e dovrà ripetere l intero esame (scritto e orale). ****** Durante l intero svolgimento delle prove d esame, il Candidato può consultare esclusivamente la normativa volontaria e cogente di riferimento in versione ufficiale o autorizzata, sempre in maniera individuale. La consultazione di documentazione differente (es. materiale didattico di corsi, interpretazioni della Norma, ecc.) e/o lo scambio di informazioni con altri candidati è causa di interruzione dell esame stesso. Le prove, nel loro insieme, sono finalizzate a verificare le conoscenze, le capacità applicative delle tematiche pertinenti alla Security aziendale da parte dei Candidati ed i requisiti personali degli stessi come richiesto dalla norma UNI I Commissari, al termine dell esame comunicano a ciascun candidato l esito della valutazione delle prove da essi effettuate. Il Personale CEPAS quindi informa il candidato circa le fasi successive previste dallo schema di certificazione. La Commissione d esame, nei casi in cui lo ritenga opportuno, può inoltre richiedere che venga effettuato un supplemento di esame colloquio integrativo ai fini del rilascio/mantenimento della certificazione Ripetizione esame di certificazione Se non vengono superate le soglie minime previste, l esame potrà essere ripetuto trascorsi almeno 6 mesi dalla data dello stesso. Sono ammesse ulteriori ripetizioni dell esame, anche prima dei 6 mesi, previo parere favorevole del Comitato di Certificazione/Schema. Ogni ripetizione comporta il pagamento della quota ripetizione esame prevista dal tariffario vigente MANAGER Requisiti di ammissione all esame di certificazione Sono ammessi a sostenere l esame CEPAS per Security Manager tutti coloro che, avendo presentato formale richiesta attraverso il modulo MD08, documentano, mediante evidenze oggettive, il possesso dei requisiti minimi previsti dalla Scheda SH240, allegandoli al suddetto modulo: diploma di Istruzione Secondaria Superiore o titolo superiore, attestato di superamento esame di un corso qualificato aggiornato alla normativa vigente (rif.to SH41), curriculum vitae aggiornato, datato e firmato, evidenze oggettive in merito agli anni di esperienza lavorativa continuativa complessiva e specifica nella Security, evidenze oggettive circa il ruolo del candidato (es. organigramma approvato oppure dichiarazione esaustiva dell azienda circa la funzione di Security Manager nel caso di consulenza), regolare pagamento delle quote previste per l ammissione agli esami come da tariffario CEPAS. La documentazione completa per la richiesta di certificazione deve essere trasmessa a CEPAS entro 10 giorni lavorativi prima della data d esame Finalità esame L esame ha lo scopo di: o approfondire le informazioni presentate dal Candidato, nell ambito della sua esperienza professionale, valutando l adeguatezza della documentazione presentata e la sua congruenza con il/i settore/i di interesse indicato/i dal Candidato; o accertare il possesso da parte del Candidato della professionalità e della managerialità necessaria per assicurare la tutela del patrimonio aziendale, o definire l idoneità allo svolgimento del ruolo richiesto, sulla base della documentazione prodotta.

9 Pag. 9 di 17 L esame è condotto dai Commissari d esame CEPAS, i quali si accertano, attraverso opportune tecniche, che il Candidato possegga i requisiti e le caratteristiche personali utili allo svolgimento delle attività professionali per le quali richiede la certificazione. I Commissari sono responsabili della valutazione delle prove d esame del Candidato e per questo ne rispondono a CEPAS; per tutte le attività di valutazione i Commissari garantiscono indipendenza di giudizio, imparzialità, assenza di conflitto di interessi e riservatezza dei dati Modalità svolgimento esame L esame CEPAS si svolge nelle località e date stabilite, di volta in volta, dal Direttore il quale, con l ausilio del personale dipendente, provvede a comunicarle a ciascun Candidato. Alla sessione d esame CEPAS sono presenti i candidati, la Commissione d esame e il personale CEPAS. Prima dell inizio delle prove d esame, i candidati sono tenuti a: - esibire un documento di identità valido e consegnarne copia a CEPAS, - firmare il foglio presenze, - sottoscrivere copia del Codice Deontologico (CD01) e delle Prescrizioni per l'uso del Marchio (MC01), per accettazione delle procedure dell intero iter di certificazione, - presentare la ricevuta degli avvenuti pagamenti delle quote previste per la partecipazione all esame Argomenti e criteri di valutazione dei Security Manager L esame CEPAS consiste in 3 prove: 1. Prima prova scritta finalizzata ad accertare le conoscenze e le capacità di progettare e gestire sistemi di organizzazione della security integrata aziendale. Consiste in un caso in cui si richiede di rappresentare organicamente un esempio di struttura di protezione aziendale. Tempo massimo previsto: 70 minuti. 2. Seconda prova scritta consiste nel rispondere a 50 domande, a risposta chiusa, ed è finalizzata ad accertare il possesso, da parte del Candidato, delle conoscenze e delle capacità di interpretazione ed applicazione delle tematiche relative alla Security aziendale, descritte al punto Tempo massimo previsto: 80 minuti. 3. Terza prova consiste in un colloquio con i Commissari CEPAS ed è finalizzata a: - approfondire il livello di conoscenza degli elementi culturali di base di cui alle prove scritte, - approfondire, nell ambito dell esperienza professionale, le informazioni presentate dal Candidato, - valutare l adeguatezza, l estensione ed il grado di aggiornamento delle esperienze specifiche operative, - verificare il modo di gestire i rapporti interpersonali del Candidato, - valutare le caratteristiche personali previste in funzione del ruolo di Security Manager La Commissione di Esame procede alla valutazione di idoneità del Candidato a fronte dei criteri e dei parametri di seguito specificati. la votazione massima ottenibile è di 100 punti, ed è data dalla sommatoria delle votazioni conseguite dal candidato nelle tre prove d esame: - alla prima prova scritta viene attribuita una votazione massima di 20 punti. - alla seconda prova scritta viene attribuita una votazione massima di 50 punti. - alla terza prova orale viene attribuita una votazione massima di 30 punti. La soglia minima per il superamento dell esame è pari al 70% della sommatoria del massimo punteggio ottenibile nelle prove sostenute dagli stessi (70 punti), tenendo comunque presente che deve essere anche superata la soglia minima fissata per le prove scritte, pari a 48 punti. Pertanto, se il Candidato non supera la soglia minima di 48 punti nelle prove scritte non verrà ammesso alla prova orale e dovrà ripetere l intero esame (scritto e orale) Ripetizione esame di certificazione Se non vengono superate le soglie minime previste, l esame potrà essere ripetuto trascorsi almeno 6 mesi dalla data dello stesso. Sono ammesse ulteriori ripetizioni dell esame, anche prima dei 6 mesi, previo parere favorevole del Comitato di Certificazione/Schema. Ogni ripetizione comporta il pagamento della quota ripetizione esame prevista dal tariffario vigente.

10 Pag. 10 di MANAGER IN AMBITO SORVEGLIANZA PRIVATA Requisiti di ammissione esame Sono ammessi a sostenere l esame CEPAS per Security Manager in ambito Sorveglianza Privata tutti coloro che, avendo presentato formale richiesta attraverso il modulo MD08, documentano, mediante evidenze oggettive, il possesso dei requisiti minimi previsti dalla Scheda SH229, allegandoli al suddetto modulo: diploma di Istruzione Secondaria Superiore o titolo superiore, attestato di superamento esame di un corso qualificato aggiornato alla normativa vigente (rif.to SH41), curriculum vitae aggiornato, datato e firmato, evidenze oggettive in merito agli anni di esperienza lavorativa continuativa complessiva e specifica nella Security, evidenze oggettive circa il ruolo del candidato (es. organigramma approvato oppure dichiarazione esaustiva dell azienda circa la funzione di Security Manager in ambito Sorveglianza Privata nel caso di consulenza), autodichiarazione relativa ai requisiti di integrità morale, regolare pagamento delle quote previste per l ammissione agli esami come da tariffario CEPAS. La documentazione completa per la richiesta di certificazione deve essere trasmessa a CEPAS entro 10 giorni lavorativi prima della data d esame Finalità esame L esame ha lo scopo di: o approfondire le informazioni presentate dal Candidato, nell ambito della sua esperienza professionale, valutando l adeguatezza della documentazione presentata e la sua congruenza con il settore di interesse indicato dal Candidato; o accertare il possesso da parte del Candidato della professionalità e della managerialità necessaria per assicurare la Security, sia della propria azienda sia degli obiettivi affidati dal cliente all istituto di sorveglianza (rif.ti Decreto n. 269/10, UNI 10459, UNI 10891). o definire l idoneità allo svolgimento del ruolo richiesto, sulla base della documentazione prodotta. In accordo alla Scheda requisiti CEPAS SH229, verranno approfondite le seguenti tematiche: politiche generali di security e adattamento/attuazione delle stesse nell ambito delle esigenze del cliente organizzazione della security all interno dell istituto di vigilanza, descrizione delle modalità di organizzazione, tecniche operative, definizione e verifica del corretto utilizzo delle procedure e delle norme, con riferimento alla norma UNI studio delle nuove tecnologie (sistemi di rilevazione, di controllo e di segnalazione, telesorveglianza, televigilanza) gestione della situazione di allarme e di emergenza, pianificazione dei dispositivi di emergenza metodi di rilevazione degli incidenti, studi delle cause e delle modalità di evenienza studio e attuazione di procedure e di supporti di sicurezza tecnici e impiantistici, ivi compreso l'uso delle armi norme che regolano l'attività di vigilanza privata e le mansioni di guardia particolare giurata, con riferimento al D.M. 269/10. norme del T.U.L.P.S. in materia di vigilanza privata e decreti collegati prescrizioni emanate dall'autorità di P. S. conoscenze generali di diritto penale relativamente a reati verso la persona e il patrimonio; nozioni di diritto costituzionale e di diritto e procedura penale, con aspetti normativi relativi all intervento a fronte di reato ed all'uso legittimo delle armi (ad es. L. 397/00) cenni sullo statuto dei lavoratori normative in tema di privacy (D. Lgs 196/03 e provvedimenti del Garante) L esame è condotto dai Commissari d esame CEPAS, i quali si accertano, attraverso opportune tecniche, che il Candidato possegga i requisiti e le caratteristiche personali utili allo svolgimento delle attività professionali per le quali richiede la certificazione.

11 Pag. 11 di 17 I Commissari sono responsabili della valutazione delle prove d esame del Candidato e per questo ne rispondono a CEPAS; per tutte le attività di valutazione i Commissari garantiscono indipendenza di giudizio, assenza di conflitto di interessi e riservatezza dei dati Modalità svolgimento esame L esame CEPAS si svolge nelle località e date stabilite, di volta in volta, dal Direttore il quale, con l ausilio del personale dipendente, provvede a comunicarle a ciascun Candidato. Alla sessione d esame CEPAS sono presenti i candidati, la Commissione d esame e il personale CEPAS. Prima dell inizio delle prove d esame, i candidati sono tenuti a: - esibire un documento di identità valido e consegnarne copia a CEPAS, - firmare il foglio presenze, - sottoscrivere copia del Codice Deontologico (CD01) e delle Prescrizioni per l'uso del Marchio (MC01), per accettazione delle procedure dell intero iter di certificazione, - presentare la ricevuta degli avvenuti pagamenti delle quote previste per la partecipazione all esame Argomenti e Criteri di valutazione dei Security Manager in Ambito Sorveglianza Privata L esame CEPAS consiste in 3 prove: 1. La prima prova scritta è finalizzata ad accertare le conoscenze e le capacità di assicurare la Security, sia della propria azienda sia degli obiettivi affidati dal cliente all istituto di sorveglianza e consiste in un caso in cui si richiede di rappresentare organicamente un esempio di struttura di protezione aziendale. Tempo massimo previsto: 70 minuti. 2. La seconda prova scritta consiste nel rispondere a 50 domande, a risposta chiusa, ed è finalizzata ad accertare il possesso, da parte del Candidato, delle conoscenze e delle capacità di interpretazione ed applicazione delle tematiche relative alla Security aziendale, descritte al punto Tempo massimo previsto: 80 minuti. 3. La terza prova consiste in un colloquio con i Commissari CEPAS ed è finalizzata a: - approfondire il livello di conoscenza degli elementi culturali di base di cui alle prove scritte, - approfondire, nell ambito della esperienza professionale, le informazioni presentate dal Candidato, - valutare l adeguatezza, l estensione ed il grado di aggiornamento delle esperienze specifiche operative, - verificare il modo di gestire i rapporti interpersonali del Candidato, - valutare le caratteristiche personali previste dalla Norma di riferimento (p.to 5.3 della Norma UNI 10459). La Commissione di Esame procede alla valutazione di idoneità del Candidato a fronte dei criteri e dei parametri di seguito specificati. la votazione massima ottenibile è di 100 punti, ed è data dalla sommatoria delle votazioni conseguite dal candidato nelle tre prove d esame: - alla prima prova scritta viene attribuita una votazione massima di 20 punti. - alla seconda prova scritta viene attribuita una votazione massima di 50 punti. - alla terza prova orale viene attribuita una votazione massima di 30 punti. La soglia minima per il superamento dell esame è pari al 70% della sommatoria del massimo punteggio ottenibile nelle prove sostenute dagli stessi (70 punti), tenendo comunque presente che deve essere anche superata la soglia minima fissata per le prove scritte, pari a 48 punti. Pertanto, se il Candidato non supera la soglia minima di 48 punti nelle prove scritte non verrà ammesso alla prova orale e dovrà ripetere l intero esame (scritto e orale). ****** Durante l intero svolgimento delle prove d esame, il Candidato può consultare esclusivamente la normativa volontaria e cogente di riferimento in versione ufficiale o autorizzata, sempre in maniera individuale. La consultazione di documentazione differente (es. materiale didattico di corsi, interpretazioni della Norma, ecc.) e/o lo scambio di informazioni con altri candidati è causa di interruzione dell esame stesso. Le 3 prove, nel loro insieme, sono finalizzate a verificare le conoscenze, le capacità applicative delle tematiche pertinenti alla Security in ambito vigilanza privata da parte dei Candidati, ed i requisiti personali degli stessi come richiesto dalle norme.

12 Pag. 12 di 17 I Commissari, al termine dell esame comunicano a ciascun candidato l esito della valutazione delle prove da essi effettuata comprensivo dell esito circa l idoneità al ruolo. Il Personale CEPAS quindi informa il candidato circa le fasi successive previste dallo schema di certificazione. La Commissione d esame, nei casi in cui lo ritenga opportuno, può inoltre richiedere che venga effettuato un supplemento di esame colloquio integrativo ai fini del rilascio/mantenimento della certificazione Ripetizione esame di certificazione Se non vengono superate le soglie minime previste, l esame potrà essere ripetuto trascorsi almeno 6 mesi dalla data dello stesso. Sono ammesse ulteriori ripetizioni dell esame, anche prima dei 6 mesi, previo parere favorevole del Comitato di Certificazione/Schema. Ogni ripetizione comporta il pagamento della quota ripetizione esame prevista dal tariffario vigente. 4.4 ISMS MANAGER / ISMS SENIOR MANAGER Requisiti di ammissione all esame di certificazione Sono ammessi a sostenere l esame CEPAS per ISMS Manager/ Senior ISMS Manager tutti coloro che, avendo presentato formale richiesta attraverso il modulo MD08, documentano, mediante evidenze oggettive, il possesso dei requisiti minimi previsti dalla Scheda SH139, allegandoli al suddetto modulo: diploma di Istruzione Secondaria Superiore o titolo superiore, attestato di superamento esami di un corso per ISMS Manager, curriculum vitae aggiornato, datato e firmato, evidenze oggettive in merito agli anni di esperienza lavorativa continuativa complessiva e specifica nell ISMS, evidenze oggettive circa il ruolo del candidato (es. organigramma approvato), autodichiarazione relativa ai requisiti di integrità morale, regolare pagamento delle quote previste per l ammissione agli esami come da tariffario CEPAS. La documentazione completa per la richiesta di certificazione deve essere trasmessa a CEPAS entro 10 giorni lavorativi prima della data d esame Finalità esame L esame ha lo scopo di: o approfondire le informazioni presentate dal Candidato, nell ambito della sua esperienza professionale, valutando l adeguatezza della documentazione presentata e la sua congruenza con il/i settore/i di interesse indicato/i dal Candidato; o accertare il possesso da parte del Candidato della professionalità e della managerialità necessaria per assicurare la tutela del patrimonio informatico aziendale con particolare riferimento alle seguenti tematiche: Area legale L. 20 maggio 1970, n. 300 (Statuto dei Lavoratori) Aspetti legali relativi ai Decreti legislativi e modificazioni successive: - Privacy: D. Lgs. 196/03, con i vari allegati, tra cui il B sulle misure minime - Diritto di Autore: L. 633/41 - D. Lgs 518/92 - L. 248/00 - Regol. 338/01 (SIAE) - Responsabilità penali delle Persone Giuridiche (pirateria informatica, pedoporno, truffe informatiche ai danni dello stato) D. Lgs. 231/01 - Commercio elettronico, D. Lgs 70/03 - Proprietà Industriale, D. Lgs. 30/05 - Amministrazione Digitale (firma elettronica,p.es.) D. Lgs. 82/05 - Antiterrorismo (pacchetto Pisanu) L. 155/05 - Violazione reti informatiche, L. 547/93 da leggere con il D. Lgs. 196/03 Conoscenze degli aspetti normativi sulla tutela del segreto di Stato Responsabilità Civili, Penali e Amministrative Aspetti contrattuali relativi all Outsourcing connessi alla Security

13 Pag. 13 di 17 Aspetti contrattuali Fornitori, Clienti, Terze Parti Aspetti di diritto e procedura penali connessi alla Security Iniziative di tipo giuridico e assicurativo a protezione del patrimonio informativo aziendale Area tecnologica Elementi base dell ISMS, dei concetti di sistema e delle reti Fondamentali dell Information Security Principali Protocolli per il trasferimento dei dati Modalità di protezione delle informazioni ed elementi di crittografia Firma elettronica, digitale Sicurezza soluzioni Wireless Intranet, VPN, LAN Virus, I-Worms, Programmi pericolosi, Prodotti e tecniche di prevenzione e di contrasto Business Continuity, Disaster Recovery e Crisis Management Penetration tests (cenni) e relativi aspetti legali Applicazione delle soluzioni individuate delle vulnerabilità e delle minacce Applicativi, standard dei prodotti (ISO, UNI) Principali tools di selezione accessi logici utilizzati nei main frame ITSEC (cenni) ISO Parte 1-2 e 3 (cenni) UNI CEI ISO/IEC per ISMS (Information Security Management System) Elementi base dei principali rischi per l'ict Security nei: commercio elettronico, EDI (Elettronic Data Interchange), posta elettronica, operazioni bancarie o di trading remote, sistemi di gestione integrati ERP, sistemi di supporto a e decisioni (DSS), sviluppo e/o acquisto di Sistemi Informativi e di Telecomunicazione, re-ingegnerizzazione dei processi o del relativo sw, gestione della documentazione di sistema. Area management Aspetti organizzativi dell Information Technology Aspetti organizzativi dell Information Security Gestione delle problematiche complesse D. Lgs. 231/2001, sistemi di controllo ed elementi di Corporate Governance Organizzazione della struttura di ISMS Risk Assessment: Risk Analysis e Risk Evaluation Sistemi di misurazione per analisi Costi/Benefici Definizione di Company Policy Definizione delle strategie dell ISMS Modalità di supporto alle attività delle istituzioni deputate Rischi di ICT Security connessi allo sviluppo e/o acquisto di Sistemi Informativi e di Telecomunicazione. Rischi ICT Security connessi con la re-ingegnerizzazione dei processi o del relativo sw Rischi connessi alla gestione della documentazione di sistema o definire l idoneità allo svolgimento del ruolo richiesto, sulla base della documentazione prodotta (Senior ISMS Manager oppure ISMS Manager). L esame è condotto dai Commissari d esame CEPAS, i quali si accertano, attraverso opportune tecniche, che il Candidato possegga i requisiti e le caratteristiche personali utili allo svolgimento delle attività professionali per le quali richiede la certificazione. La Commissione definirà inoltre, in sede d esame, l idoneità allo svolgimento del ruolo richiesto, sulla base della documentazione prodotta (ISMS Senior Manager oppure ISMS Manager). I Commissari sono responsabili della valutazione delle prove d esame del Candidato e per questo ne rispondono a CEPAS; per tutte le attività di valutazione i Commissari garantiscono indipendenza di giudizio, assenza di conflitto di interessi e riservatezza dei dati.

14 Pag. 14 di Modalità svolgimento esame L esame CEPAS si svolge nelle località e date stabilite, di volta in volta, dal Direttore il quale, con l ausilio del personale dipendente, provvede a comunicarle a ciascun Candidato. Alla sessione d esame CEPAS sono presenti i candidati, la Commissione d esame e il personale CEPAS. Prima dell inizio delle prove d esame, i candidati sono tenuti a: - esibire un documento di identità valido e consegnarne copia a CEPAS, - firmare il foglio presenze, - sottoscrivere copia del Codice Deontologico (CD01) e delle Prescrizioni per l'uso del Marchio (MC01), per accettazione delle procedure dell intero iter di certificazione, - presentare la ricevuta degli avvenuti pagamenti delle quote previste per la partecipazione all esame Argomenti e criteri di valutazione degli ISMS Manager / ISMS Senior Manager L esame CEPAS consiste in 3 prove: 1. La prima prova scritta è finalizzata ad accertare le conoscenze e le capacità di progettare e gestire sistemi di organizzazione della ICT security integrata aziendale e consiste in un caso in cui si richiede di sviluppare un progetto di sistema di gestione della sicurezza delle informazioni che risulti in accordo alla norma UNI CEI ISO/IEC Tempo massimo previsto: 70 minuti. 2. La seconda prova scritta consiste nel rispondere a 20 domande, a risposta chiusa, ed è finalizzata ad accertare il possesso, da parte del Candidato, delle conoscenze e delle capacità di interpretazione ed applicazione degli aspetti legali, tecnologici, organizzativi e di audit dei sistemi di gestione per la sicurezza delle informazioni (ISMS), descritte al punto Tempo massimo previsto: 45 minuti. 3. La terza prova consiste in un colloquio con i Commissari CEPAS ed è finalizzata a: - approfondire il livello di conoscenza degli elementi culturali di base di cui alle prove scritte, - approfondire, nell ambito dell esperienza professionale, le informazioni presentate dal Candidato, - valutare l adeguatezza, l estensione ed il grado di aggiornamento delle esperienze specifiche operative, - verificare il modo di gestire i rapporti interpersonali del Candidato, - valutare le caratteristiche personali in funzione del ruolo di ISMS Manager o di ISMS Senior Manager, - valutare la congruenza tra la richiesta di certificazione da parte del Candidato (nel ruolo di ISMS Manager o di ISMS Senior Manager) e lo Schema di Certificazione CEPAS. La Commissione di Esame procede alla valutazione di idoneità del Candidato a fronte dei criteri e dei parametri di seguito specificati: - la votazione massima ottenibile è di 100 punti, ed è data dalla sommatoria delle votazioni conseguite dal candidato nelle tre prove d esame - alla prima prova scritta viene attribuita una votazione massima di 20 punti. - alla seconda prova scritta viene attribuita una votazione massima di 50 punti. - alla terza prova orale viene attribuita una votazione massima di 30 punti. La soglia minima per il superamento dell esame è pari al 70% della sommatoria del massimo punteggio ottenibile nelle prove sostenute dagli stessi (70 punti), tenendo comunque presente che deve essere anche superata la soglia minima fissata per le prove scritte, pari a 48 punti. Pertanto, se il Candidato non supera la soglia minima di 48 punti nelle prove scritte non verrà ammesso alla prova orale e dovrà ripetere l intero esame (scritto e orale). ****** Durante l intero svolgimento delle prove d esame, il Candidato può consultare esclusivamente la normativa volontaria e cogente di riferimento in versione ufficiale o autorizzata, sempre in maniera individuale. La consultazione di documentazione differente (es. materiale didattico di corsi, interpretazioni della Norma, ecc.) e/o lo scambio di informazioni con altri candidati è causa di interruzione dell esame stesso. Le 3 prove, nel loro insieme, sono finalizzate a verificare le conoscenze, le capacità applicative delle tematiche pertinenti alla ISMS aziendale da parte dei Candidati ed i requisiti personali degli stessi.

15 Pag. 15 di 17 I Commissari, al termine dell esame comunicano a ciascun candidato l esito della valutazione delle prove da essi effettuata comprensivo dell esito circa l idoneità al ruolo di ISMS Manager o ISMS Senior Manager. Il Personale CEPAS quindi informa il candidato circa le fasi successive previste dallo schema di certificazione. La Commissione d esame, nei casi in cui lo ritenga opportuno, può inoltre richiedere che venga effettuato un supplemento di esame colloquio integrativo ai fini del rilascio/mantenimento della certificazione Ripetizione esame di certificazione Se non vengono superate le soglie minime previste, l esame potrà essere ripetuto trascorsi almeno 6 mesi dalla data dello stesso. Sono ammesse ulteriori ripetizioni dell esame, anche prima dei 6 mesi, previo parere favorevole del Comitato di Certificazione/Schema. Ogni ripetizione comporta il pagamento della quota prevista dal tariffario vigente. 4.5 EXPERT Requisiti di ammissione all esame di certificazione Sono ammessi a sostenere l esame CEPAS per Security Expert tutti coloro che, avendo presentato formale richiesta attraverso il modulo MD08, documentano, mediante evidenze oggettive, il possesso dei requisiti minimi previsti dalla Scheda SH208, allegandoli al suddetto modulo: diploma di Istruzione Secondaria Superiore o titolo superiore attestato di superamento esame di un corso qualificato aggiornato alla normativa vigente (rif.to SH41), curriculum Vitae aggiornato, datato e firmato evidenze oggettive in merito agli anni di esperienza lavorativa continuativa complessiva e specifica nella Security (almeno 2 anni recenti) regolare pagamento delle quote previste per l ammissione agli esami come da tariffario CEPAS La documentazione completa per la richiesta di certificazione deve essere trasmessa a CEPAS entro 10 giorni lavorativi prima della data d esame Finalità esame L esame ha lo scopo di: o approfondire le informazioni presentate dal Candidato, nell ambito della sua esperienza professionale, valutando l adeguatezza della documentazione presentata e la sua congruenza con il/i settore/i di interesse indicato/i dal Candidato; o accertare il possesso da parte del Candidato della professionalità acquisita per svolgere il ruolo di Security Expert, e in particolare se svolto in ambito aziendale e/o di Istituti di Vigilanza privata; o definire l idoneità allo svolgimento del ruolo richiesto, sulla base della documentazione prodotta. L esame è condotto dai Commissari d esame CEPAS, i quali si accertano, attraverso opportune tecniche, che il Candidato possegga i requisiti e le caratteristiche personali utili allo svolgimento delle attività professionali per le quali richiede la certificazione. I Commissari sono responsabili della valutazione delle prove d esame del Candidato e per questo ne rispondono a CEPAS; per tutte le attività di valutazione i Commissari garantiscono indipendenza di giudizio, assenza di conflitto di interessi e riservatezza dei dati Modalità svolgimento esame L esame CEPAS si svolge nelle località e date stabilite, di volta in volta, dal Direttore il quale, con l ausilio del personale dipendente, provvede a comunicarle a ciascun Candidato. Alla sessione d esame CEPAS sono presenti i candidati, la Commissione d esame e il personale CEPAS. Prima dell inizio delle prove d esame, i candidati sono tenuti a: - esibire un documento di identità valido e consegnarne copia a CEPAS,

16 Pag. 16 di 17 - firmare il foglio presenze, - sottoscrivere copia del Codice Deontologico (CD01) e delle Prescrizioni per l'uso del Marchio (MC01), per accettazione delle procedure dell intero iter di certificazione, - presentare la ricevuta degli avvenuti pagamenti delle quote previste per la partecipazione all esame Argomenti e Criteri di valutazione dei Security Expert L esame CEPAS consiste in 2 prove: 1. La prima prova - scritta - consiste nel rispondere a 30 domande, a risposta chiusa, ed è finalizzata ad accertare il possesso, da parte del Candidato, delle conoscenze e delle capacità di interpretazione ed applicazione delle tematiche relative alla Security aziendale e/o di vigilanza privata, descritte al punto Tempo massimo previsto: 60 minuti. 2. La seconda prova orale - consiste in un colloquio con i Commissari CEPAS ed è finalizzata a: - approfondire il livello di conoscenza degli elementi culturali di base di cui alla prova scritta - approfondire, nell ambito dell esperienza professionale, le informazioni presentate dal Candidato - valutare l adeguatezza, l estensione ed il grado di aggiornamento delle esperienze specifiche operative - verificare il modo di gestire i rapporti interpersonali del Candidato - valutare le caratteristiche personali previste dalla Norma di riferimento - valutare la congruenza tra la richiesta di certificazione da parte del Candidato e lo Schema CEPAS La Commissione di Esame procede alla valutazione di idoneità del Candidato a fronte dei criteri e dei parametri di seguito specificati. la votazione massima ottenibile è di 50 punti, ed è data dalla sommatoria delle votazioni conseguite dal candidato nelle due prove d esame. - alla prima prova scritta viene attribuita una votazione massima di 30 punti. - alla prova orale viene attribuita una votazione massima di 20 punti. La soglia minima per il superamento dell esame è pari al 70% della sommatoria del massimo punteggio ottenibile nelle prove sostenute dagli stessi (50 punti), tenendo comunque presente che deve essere anche superata la soglia minima fissata per le prove scritte, pari a 21 punti. Pertanto, se il Candidato non supera la soglia minima di 21 punti nelle prove scritte non verrà ammesso alla prova orale e dovrà ripetere l intero esame (scritto e orale). ****** Le 2 prove, nel loro insieme, sono finalizzate a verificare le conoscenze, le capacità applicative delle tematiche pertinenti alla Security aziendale e/o di vigilanza privata da parte dei Candidati, ed i requisiti personali degli stessi. Durante l intero svolgimento delle prove d esame, il Candidato può consultare esclusivamente la normativa volontaria e cogente di riferimento in versione ufficiale o autorizzata, sempre in maniera individuale. La consultazione di documentazione differente (es. materiale didattico di corsi, interpretazioni della Norma, ecc.) e/o lo scambio di informazioni con altri candidati è causa di interruzione dell esame stesso. I Commissari, al termine dell esame comunicano a ciascun candidato l esito della valutazione delle prove da essi effettuata comprensivo dell esito. Il Personale CEPAS quindi informa il candidato circa le fasi successive previste dallo schema di certificazione. La Commissione d esame, nei casi in cui lo ritenga opportuno, può inoltre richiedere che venga effettuato un supplemento di esame colloquio integrativo ai fini del rilascio/mantenimento della certificazione Ripetizione esame di certificazione Se non vengono superate le soglie minime previste, l esame potrà essere ripetuto trascorsi almeno 6 mesi dalla data dello stesso. Sono ammesse ulteriori ripetizioni dell esame, anche prima dei 6 mesi, previo parere favorevole del Comitato di Certificazione/Schema. Ogni ripetizione comporta il pagamento della quota ripetizione esame prevista dal tariffario vigente.

17 Pag. 17 di CERTIFICAZIONE Il Candidato in possesso di tutti i requisiti richiesti viene proposto al Gruppo di Approvazione Settoriale e, ad esito positivo, da questo presentato al Direttore CEPAS per l approvazione. Il Direttore, per i candidati ritenuti idonei, rilascia il Certificato, provvede all iscrizione nell apposito Registro e propone la ratifica al Comitato di Certificazione CEPAS. 5.1 Rilascio del certificato Il Direttore, sulla base di tutta la documentazione relativa al Candidato e su eventuali indicazioni fornite dai Gruppi di Approvazione Settoriali, valuta l eventuale necessità di chiedere ulteriori informazioni ai Responsabili delle Aziende presso cui, o per conto delle quali, il Candidato ha svolto attività specifica In tal caso, il Direttore stabilisce anche quali tempi e modalità siano necessari. Ad esito positivo della valutazione e all avvenuto pagamento della tariffa di iscrizione, il Direttore approva l emissione del certificato e comunica il nominativo del Candidato ritenuto idoneo al Comitato di Certificazione/Comitato di Schema che ratifica la certificazione. La notifica dell ottenimento della certificazione, unitamente alle modalità per la consegna di certificato, vengono comunicate al Candidato dal Direttore CEPAS. 5.2 Passaggio di Registro Il personale certificato CEPAS in qualità di Security Manager oppure ISMS Manager può richiedere il rilascio del certificato come Senior Security Manager (rif. SH40) oppure ISMS Senior Manager (rif. SH139), trascorsi almeno 6 mesi dalla prima iscrizione nel Registro. Il personale certificato CEPAS in qualità di Security Expert, può richiedere il rilascio della certificazione come Security Manager (rif. SH240) oppure Security Manager in ambito Sorveglianza Privata (rif. SH229), trascorso almeno 1 anno dalla prima iscrizione nel Registro. La richiesta di passaggio richiede l integrazione della documentazione prodotta per la prima certificazione, sulla base di quanto richiesto dalla Scheda requisiti CEPAS di riferimento, ed il pagamento della quota secondo tariffario. La valutazione di idoneità del Candidato avviene attraverso la sequenza, temporale e vincolante, di ciascuna delle seguenti fasi: valutazione della documentazione prodotta dal Candidato eseguita dal Referente CEPAS, che accerta il possesso o meno, da parte dello stesso, dei requisiti per il passaggio di Registro, di cui alle suddette Schede requisiti; nei casi dubbi, il Direttore può inoltre procedere a: - richiesta di informazioni/documenti supplementari al candidato; - accertamento, tramite invio di un Commissario appositamente incaricato, dell attività svolta presso le aziende citate nella documentazione presentata, - invitare il Candidato per un colloquio di approfondimento. ad esito positivo segue: valutazione di idoneità della documentazione, di cui ai punti sopra indicati, eseguita dal Gruppo di Approvazione Settoriale CEPAS; il Gruppo di Approvazione Settoriale si riserva inoltre di valutare la congruenza tra la documentazione presentata dal Candidato e la proposta di passaggio di registro; ad esito positivo segue: approvazione da parte del Direttore CEPAS e iscrizione nel Registro ad esito positivo segue: ratifica da parte del Comitato di Certificazione / Comitato di Schema CEPAS Qualora l esito di una qualsiasi delle suddette fasi sia negativo e/o il Candidato non corrisponda la quota prevista dal tariffario, CEPAS interrompe il processo di valutazione e informa il Candidato. Per procedere nell iter sarà necessario prima risolvere le carenze riscontrate nella singola fase, nei tempi indicati da CEPAS. CEPAS infine provvederà all aggiornamento dei relativi registri e all emissione del nuovo certificato. Il passaggio di Registro non comporta la variazione della data di scadenza triennale. CEPAS valuta l eventuale opportunità di chiedere l effettuazione di un colloquio tecnico integrativo.

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Regolamento AICA per la Certificazione delle competenze digitali Codice documento Pagine Revisione Del SC 02 1 di 15 05 20/01/2015

Regolamento AICA per la Certificazione delle competenze digitali Codice documento Pagine Revisione Del SC 02 1 di 15 05 20/01/2015 SC 02 1 di 15 Il presente regolamento ha lo scopo di descrivere le modalità operative per la concessione, il mantenimento, il rinnovo e la eventuale revoca delle Certificazioni di AICA. Esso è suddiviso

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

Art. 1. (Indizione concorso)

Art. 1. (Indizione concorso) Allegato 1 al Provvedimento del Direttore dell Istituto TeCIP n. 66 del 10/02/2015 Concorso per l attribuzione di due Borse di studio per attività di ricerca della durata di 12 mesi ciascuna presso l Istituto

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Armonizzazione della documentazione dei Dipartimenti ACCREDIA Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici Adelina Leka - Funzionario

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO 1 GENERALITA L Alta Scuola nasce in Italia nel XV sec. I tra i grandi maestri, i più noti ci sono: Giambattista Pignatelli,

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Governo dei sistemi informativi

Governo dei sistemi informativi Executive Master Governo dei sistemi informativi > II edizione CONFINDUSTRIA VENEZIA CONFINDUSTRIA PADOVA CONFINDUSTRIA VENEZIA gennaio/luglio 2011 Obiettivi Un numero crescente di organizzazioni appartenenti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Polizza CyberEdge - questionario

Polizza CyberEdge - questionario Note per il proponente La compilazione e/o la sottoscrizione del presente questionario non vincola la Proponente, o ogni altro individuo o società che la rappresenti all'acquisto della polizza. Vi preghiamo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC)

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) 1 OGGETTO... 1 2 INDIRIZZI POLITICI... 2 3 GENERALITÀ... 2 4 SCHEMA DI CERTIFICAZIONE... 3 4.1 Richiesta di certificazione...

Dettagli