Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier"

Transcript

1 Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Quando si lavora in laboratorio spesso si osservano dei fenomeni che sono a prima vista sorprendenti e difficili da spiegare. Ad esempio, può succedere di aggiungere un reagente ad una miscela di reazione e ottenere un precipitato. L aggiunta di una quantità maggiore di quel reagente può portare ad una dissoluzione dello stesso precipitato. Una soluzione violetta può diventare gialla per aggiunta di un reagente. L aggiunta di un altro reagente può far diventare quella soluzione verde e di nuovo violetta. Ovviamente ciò che si osserva è il risultato di una reazione chimica, ma come e perchè queste reazioni avvengono non è sempre del tutto ovvio. In questa esperienza esamineremo e cercheremo di spiegare varie evidenze sperimentale simili a quelle discusse sopra. Il punto chiave dell esperienza è capire che i sistemi chimici tendo a portarsi in uno stato di equilibrio. Se si altera l equilibrio in una direzione o nell altra, la reazione si sposta verso destra o verso sinistra, producendo il tipo di effetti elencati sopra. Se si capiscono i principi che governano l equilibrio del sistema è possibile anche capire come alterare l equilibrio, per esempio aggiungendo un reagente o scaldando, e quindi spostare la reazione verso la direzione desiderata. Prima di discutere esempi specifici esaminiamo una situazione generale. Consideriamo la reazione: dove A, B e C sono molecole o ioni in soluzione. Quando queste specie sono in equilibrio le loro concentrazioni sono correlate e, in particolare risulta che: (1) dove K c è una costante, chiamata costante di equilibrio della reazione. Per una data reazione ad una data temperature K c ha un valore ben preciso. Ad esempio, supponiamo che per la reazione (1) quando sostituiamo i valori di equilibrio delle molarità di A, B, e C nell equazione (2) otteniamo un valore di 10 per K c. Supponiamo ora di aggiungere più specie A alla soluzione. Cosa accadrà? K c non può cambiare. Se sostituiamo la nuova molarità di A nell equazione (2) otterremo un valore di Kc più piccolo. Questo significa che il sistema non è più in equilibrio e deve cambiare in qualche modo per tornare all equilibrio. Come può il sistema tornare all equilibrio? Può farlo spostando la reazione verso destra, cioè producendo più specie C e B usando l eccesso di A. Il sistema reagirà (2)

2 fino a quando le molarità di A, B, e C raggiungeranno i valori che sostituiti nell equazione (2) daranno di nuovo 10. A quel punto il sistema sarà di nuovo all equilibrio. Nel nuovo stato di equilibrio [B] e [C] sono più grandi di quanto erano inizialmente, e [A] è più grande di quanto era inizialmente, ma più piccola di quanto non sarebbe stata se l equilibrio non si fosse spostato verso la destra. La conclusione è che di può sempre costringere una reazione a spostarsi verso destra aumentando la concentrazione di uno dei reagenti. Un aumento della concentrazione del prodotto forzerà l equilibrio verso sinistra. In altre parole una diminuzione della concentrazione di un reagente sposta l equilibrio verso sinistra, una diminuzione della concentrazione di prodotto sposta l equilibro verso destra. Se cambiamo le concentrazioni in maniera sostanziale possiamo spostare l equilibrio enormemente. Tutto ciò è vero perchè K c non cambia (a temperatura costante). Un altro modo di disturbare un sistema in equilibrio è cambiare la temperatura. Quando si cambia la temperatura il valore di K c cambia. La variazione di K c dipende dalla variazione di entalpia ΔH. Se ΔH è positivo, maggiore di zero (reazione endotermica), K c aumenta all aumentare della temperatura. Se ΔH è negativo (reazione esotermica), K c diminuisce all aumentare della temperatura. Ritorniamo alla nostra reazione (1) tra le specie A, B, e C in cui K c è uguale a 10. Ipotizziamo che il ΔH della reazione sia 40 kj. Se aumentiamo la temperatura K c diminuirà (ΔH negativo), fino al valore ipotetico 1. Questo significa che il sistema non è più in equilibrio. La sostituzione del valore iniziale di [A], [B], e [C] nell equazione (2) ci da un valore di K c troppo grande, 10 anzichè 1. Come può cambiare il sistema per tornare in equilibrio? Deve necessariamente spostarsi verso la sinistra aumentando la [A] e diminuendo la [B] e di [C]. Lo spostamento verso sinistra continuerà fino a che le concentrazioni di A, B e C saranno tali che sostituite nell equazione (2) daranno un valore di K c pari ad 1. La conclusione è che un sistema in equilibrio si sposterà verso sinistra quando viene riscaldato se la reazione è esotermica (ΔH< 0, K c diminuisce). Si sposterà verso destra se la reazione è endotermica (ΔH> 0, K c aumenta).di nuovo, potendo modificare marcatamente la temperatura di un sistema possiamo spostare di molto l equilibrio di una reazione. Una reazione endotermica che a 25 C ha un stato di equilibrio in cui esistono principalmente i reagenti, a 1000 C potrebbe avere uno stato di equilibrio in cui esistono quasi esclusivamente i prodotti. Gli effetti delle variazioni di concentrazioni e di temperatura sui sistemi in equilibrio è chiamato Principio di Le Châtelier. Il principio dice: Se si prova a modificare un sistema in equilibrio chimico, questo reagirà in modo da controbilanciare l effetto esterno. Lavorando in sistemi acquosi, l equilibrio più importante è spesso quello che coinvolge la dissociazione dell acqua in ioni H + e OH : In questa reazione la concentrazione dell acqua è molto alta ed essenzialmente costante a circa 55 M e il suo valore è compreso nel valore di K c. Il valore di K c è molto piccolo e ciò implica che in qualunque sistema acquoso il prodotto di [H + ] e [OH ] deve essere molto piccolo. In acqua pura [H + ] = [OH ] = M. (3)

3 Sebbene il prodotto [H + ] [OH ] sia piccolo non significa che entrambe le concentrazioni siano necessariamente piccole. Se, per esempio, sciogliamo HCl in acqua, l acido nella soluzione si dissocerà completamente in ioni H + e Cl ; in HCl 1M, [H + ] sarà 1 e non c è niente che il sistema rappresentato nell equazione (3) possa fare per modificare questa concentrazione in maniera apprezzabile. Invece la reazione (3) dovrà modificarsi in modo da mantenere l equilibrio e lo farà abbassando la [OH ] ovvero spostando l equilibrio verso sinistra: questo farà si che venga usato un po di ione H + e che il valore di [OH ] sia quello che dovrebbe avere quando [H + ] è 1 M, ossia M. In HCl 1M [OH ] è un fattore 10 milioni più piccolo di quanto non sia in acqua pura. Questo fa si che le proprietà di una soluzione di HCl 1 M siano piuttosto diverse rispetto a quelle di una soluzione di acqua distillata, in particolare quando sono coinvolti ioni H + e OH. Se ad una soluzione di HCl 1M aggiungiamo una soluzione di NaOH possiamo fare delle osservazioni interessanti Anche NaOH in soluzione acquosa è completamente dissociato, perciò in una soluzione 1M di NaOH, [OH ] è 1 M. Tuttavia, la reazione (3) non può essere in equilibrio se entrambi [H + ] e [OH ] sono alti; deve avvenire una reazione per ristabilire l equilibrio. Gli ioni OH aggiunti reagiscono con gli ioni H + per formare H 2 O, diminuendo la loro concentrazione fino a che non si ritorna ad una situazione di equilibrio. Se viene aggiunta solo una piccola quantità di ioni OH verranno tutti utilizzati; [H + ] resterà alta e [OH ] sarà ancora molto bassa, ma in qualche misura più alta di M. Se aggiungiamo ioni OH fino a che il loro numero di moli è uguale al numero di moli di H + presente all inizio, allora l equilibrio della reazione (3) si sposterà verso sinistra fino a che [H + ] = [OH ] = , ed entrambe le concentrazioni saranno molto basse. Un ulteriore aggiunta di ioni OH farà si che [OH ] possa raggiungere un valore di 1M. In questo caso [H + ] sarà molto bassa, M. Perciò in soluzione acquosa, a seconda dei soluti presenti, possiamo avere che [H + ] e [OH ] possono andare da circa 1M a M, cioè possono variare di 14 ordini di grandezza. Situazioni simili si possono verificare in altri sistemi in equilibrio in cui la concentrazione di un reagente o di un prodotto cambi significativamente per aggiunta di un particolare reagente. In molti sistemi in equilibrio, diversi equilibri sono presenti simultaneamente. Per esempio, in soluzione acquosa la reazione (3) deve essere sempre in equilibrio, Ci possono essere in aggiunta altri equilibri tra i soluti in soluzione acquosa. Alcuni esempi sono riportati nelle reazioni 4, 5, 7, 8, 9 e 10 della parte sperimentale. In alcune di queste reazioni appaiono anche gli ioni H + e OH, in altre no. Nella reazione (4) per esempio lo ione H + è un prodotto. La molarità di H + nella reazione (4) non è determinata dall indicatore HMV dal momento che esso è presente in quantità piccolissima. La reazione (4) avrà un equilibrio che è fissato dalla reazione (3) che come abbiamo visto dipende fortemente dalla presenza di soluti quali HCl e NaOH. In maniera simile le reazioni (8) e (9) possono essere controllate dalla reazione (3). Le reazione (5) e (7) che non coinvolgono ioni H + e OH non dipendono dalla reazione (3) per il loro equilibrio. La reazione (10) è sensibile alla concentrazione di NH 3 e il suo equilibrio può essere fortemente spostato verso la destra dall aggiunta di reagenti come NH 3 6M.

4 PARTE SPERIMENTALE USATE SEMPRE GLI OCCHIALI DI PROTEZIONE In questa esperienza lavorerete con diversi sistemi in equilibrio, ciascuno dei quali è simile al sistema A, B, e C precedentemente discusso. Altereremo l equilibrio di questi sistemi in vari modi forzandoli a spostarsi verso destra o verso sinistra cambiando concentrazioni e temperatura. Vi sarà richiesto di interpretare le vostre osservazioni sulla base dei principi spiegati. A) Indicatori acido-base. Esiste un gruppo di sostanze, chiamate indicatori acido-base che cambiano colore in soluzione quando [H + ] cambia. Un indicatore classico è il metil violetto, al quale daremo la formula HMV. In soluzione HMV si dissocia secondo l equilibrio: HMV ha un intenso colore giallo, mentre l anione MV è violetto. Il colore dell indicatore in soluzione dipende fortemente da [H + ]. Passaggio 1. Aggiungere circa 5 ml di acqua distillata ad una provetta. Aggiungere poche gocce di indicatore metil violetto. Annotare il colore della soluzione sulla pagina dei dati. Passaggio 2. Come potete forzare l equilibrio a spostarsi dall altra parte (a cambiare colore)? Scegliete un reagente che dovrebbe avere questo effetto e aggiungetelo alla soluzione, goccia a goccia, fino a che il cambiamento di colore non è completo. Se il reagente che avete scelto funziona prendete nota della sua formula sulla pagina dei dati. Se non funziona provatene un altro fino a che non trovate quello che funziona. Passaggio 3. Gli equilibri sono reversibili. Ciò significa che la reazione può essere spostata verso destra o verso sinistra varie volte cambiando le condizioni del sistema. Come potete costringere il sistema nel passaggio 2 a tornare al suo colore originario? Scegliete un reagente che dovrebbe avere questo effetto e aggiungetelo goccia a goccia fino a che il colore non ridiventa quello iniziale. Di nuovo, se la vostra prima scelta è sbagliata provate un altro reagente. Sulla pagina dei dati scrivete la formula del reagente che ha dato il giusto risultato. Rispondete a tutte le domande della parte A prima di passare alla parte B. (4) B) Equilibri di solubilità: trovare il valore della Kps. Molte sostanze ioniche hanno una solubilità limitata in acqua. Un classico esempio è il PbCl 2, che si scioglie parzialmente in acqua secondo l equilibrio La costante di equilibrio per questa reazione è: K c = [Pb 2+ ] [Cl ] 2 = K ps (6) (5)

5 Il PbCl 2 non entra nell equazione perchè un solido e quindi ha un effetto costante sul sistema, indipendentemente dalla quantità presente. La costante di equilibrio per un equilibrio di solubilità è chiamata prodotto di solubilità, K ps. Affinchè l equilibrio della reazione (5) esista è necessario che sia presente un po di PbCl 2 allo stato solido. Se non c è solido non sono verificate le condizioni dell equilibrio; l equazione (6) non è verificata e il prodotto [Pb 2+ ] [Cl ] 2 sarà minore del valore di K ps. Se è presente il solido, anche in piccolissima concentrazione allora i valori di [Pb 2+ ] e [Cl ] sono soggetti all equazione (6). Passaggio 1 Mettete a scaldare dell acqua in beaker da 400 ml pieno a metà. Passaggio 2. Ad un provetta aggiungete 5.0 ml di Pb(NO 3 ) M. In questa soluzione [Pb] 2+ è 0.3M. Misurate 5.0mL di HCl 0.3 M in un cilindro graduato. In questa soluzione [Cl] è 0.3M. Aggiungete 1mL della soluzione di HCl alla soluzione di Pb(NO 3 ) 2. Agitate e aspettate circa 15 secondi. Cosa succede? Descrivete il vostro risultato. Passaggio 3. Alla soluzione di Pb(NO 3 ) 2 aggiungete HCl, 1 ml alla volta fino a che non osservate la produzione di molto solido bianco. Annotate il volume di HCl aggiunto per arrivare a quel punto. Passaggio 4. Mettete la provetta con il precipitato di PbCl 2 nel bagno di acqua calda. Cosa succede? Descrivete il vostro risultato. Raffreddate la provetta sotto il rubinetto con acqua fredda. Cosa succede? Passaggio 5. Lavate il cilindro graduato e misurate circa 5 ml di acqua distillata. Aggiungete l acqua, 1mL alla volta alla provetta, agitando bene dopo ogni aggiunta. Prendete nota del volome di acqua necessario a sciogliere tutto il precipitato. Rispondete alle domande e fate i calcoli prima di procedere alla parte C. C) Ioni complessi in soluzione. Molti ioni metallici esistono in soluzione non come semplici ioni, ma come ioni complessi in combinazione con altri ioni o molecole, chiamate leganti. Per esempio, il Co 2+ esiste in soluzione come ione complesso rosa Co(H 2 O) 6 2+, e il Cu 2+ come ione complesso blu Cu(H 2 O) In entrambi gli esempi i leganti sono le molecole d acqua. Gli ioni complessi sono abbastanza stabili ma possono essere trasformati in altri complessi in seguito all aggiunta di leganti che formino un complesso più stabile dell originale. Tra i leganti più comuni ci sono OH, NH 3, Cl. Un interessante complesso di cobalto è il CoCl 4 2 che ha un colore blu. Questo ione è stabile in soluzione concentrata di Cl. A seconda delle concentrazioni Co(II) può esistere come Co(H 2 O) 6 2+ o come CoCl 4 2. I principi dell equilibrio chimico possono essere usati per prevedere quale ione sarà presente: Passaggio 1. Mettete una piccola quantità ( 0.1 g) di CoCl 2 6H 2 O in una provetta. Aggiungete 2 ml di HCl 12M (ATTENZIONE) e agitate per sciogliere i cristalli. Prendete nota del colore della soluzione. (7)

6 Passaggio 2. Aggiungete 2mL di acqua distillata lentamente, agitando dopo ogni aggiunta, fino a che non osservate più cambiamenti di colore. Prendete nota del nuovo colore. Passaggio 3. Mettete la provetta nell acqua calda e prendete nota delle variazioni di colore. Raffreddate sotto l acqua del rubinetto e riportate le vostre osservazioni. Rispondete a tutte le domande prima di passare alla parte D. D) Dissoluzione di solidi insolubili. Abbiamo visto nella parte B che possiamo portare in soluzione quantità maggiori di PbCl 2 scaldando la soluzione o aggiungendo acqua. Nella maggior parte dei casi queste procedure non funzionano perchè spesso i solidi sono più insolubili del PbCl 2. Esistono dei metodi molto efficaci per sciogliere dei solidi insolubili che agiscono sugli equilibri. Come esempio di solido insolubile consideriamo Zn(OH) 2. La costante di equilibrio per la reazione (8) è molto piccola e questo ci dice che la reazione non è molto spostata verso la destra, ossia che lo Zn(OH) 2 è praticamente insolubile in acqua. L aggiunta di poche gocce di OH ad una soluzione contenente Zn 2+ porta alla precipitazione di Zn(OH) 2. A prima vista sembra impossibile poter sciogliere una mole di Zn(OH) 2 in una soluzione acquosa. Ma se esaminiamo l equazione (8) dall equazione della Kps per la soluzione satura il prodotto [Zn] 2+ [OH ] 2 deve essere uguale a Se, in qualche modo riuscissimo ad abbassare il valore di quel prodotto sotto al valore allora lo Zn(OH) 2 si scioglierebbe fino a che il prodotto non ritornasse ad avere il valore della K ps e si ristabilisse l equilibrio. Per abbassare il prodotto dobbiamo abbassare la concentrazione di Zn 2+ o di OH drasticamente. Questa operazione risulta estremamente facile. Per abbassare [OH ] possiamo aggiungere ioni H + da un acido. In questo modo costringeremmo l equlibrio della reazione (3) ad andare verso destra, facendo in modo che [OH ] diventi molto piccola e costringendo lo Zn(OH) 2 a sciogliersi. Per abbassare [Zn 2+ ] possiamo sfruttare il fatto che lo Zn(II) forma complessi stabili sia con lo ione OH che con NH 3 : (8) (9) Ad elevate concentrazioni di ioni OH l equilibrio della reazione (9) è fortemente spostato verso la destra, rendendo [Zn 2+ ] molto bassa. La stessa cosa succede per soluzioni con un elevata concentrazione di NH 3. In entrambi i casi ci dobbiamo aspettare la dissoluzione dello Zn(OH) 2. Passaggio 1. Aggiungere a tre diverse provette circa 2 ml di Zn(NO 3 ) M. In questa soluzione [Zn 2+ ] è uguale a 0.1M. A ciascuna provetta aggiungere una goccia di NaOH 6M e agitare. Annotate le vostre osservazioni. (10)

7 Passaggio 2. Alla prima provetta aggiungete HCl 6M goccia a goccia e agitate dopo ogni aggiunta. Alla seconda aggiungete NaOH 6M goccia a goccia. Alla terza aggiungete NH 3 6M goccia a goccia e prendete nota in tutti e tre i casi di cosa accade. Passaggio 3. Ripetete i passaggi 1 e 2, questa volta utilizzando una soluzione di Mg(NO 3 )2 0.1 M. Prendete nota delle vostre osservazioni. Rispondete alle domande della parte D. OSSERVAZIONI, CALCOLI A) 1. Colore del metil violetto in acqua 2. Reagente che causa il cambiamento di colore 3. Reagente che ripristina il colore iniziale Spiegare, considerando come i cambiamenti di [H+] sostano l equilibrio della reazione (4) verso destra o verso sinistra, perchè i reagenti nei passaggi 2 e 3 portano ad un cambiamento di colore. Notare che entrambe le reazioni (3) e (4) devono andare all equilibrio dopo l aggiunta del reagente. B) 2. Volume Pb(NO 3 ) M = 5.0 ml n. mol Pb 2+ (M V (L)) = mol Osservazioni: 3. Volume HCl 0.3 M usato ml n. mol Cl aggiunti mol 4. Osservazioni: in acqua calda in acqua fredda 5. Volume di H 2 O per sciogliere PbCl 2 ml Volume totale della soluzione ml a. Spiegate perchè PbCl 2 non precipita immediatamente dopo l aggiunta di HCl (Quali concentrazioni devono avere [Pb 2+ ] e [Cl ] perchè si formi PbCl 2?)

8 b. Spiegate le vostre osservazioni al passaggio 4. (In quale direzione si è spostato l equlibrio della reazione (5) in seguito a riscaldamento? Cosa è successo alla K ps a caldo? Cosa ci suggerisce questo sul segno del ΔH della reazione?) c. Spiegate perchè il PbCl 2 si scioglie quando si aggiunge l acqua nel passaggio 5. (Qual è l effetto di aggiungere acqua su [Pb 2+ ] e [Cl ]? In quale direzione sposta la reazione (5) un tale cambiamento?) d. Dati il numero di moli di Pb 2+ e Cl nella soluzione finale al passaggio 5 e il volume della soluzione, calcolate [Pb 2+ ] e [Cl ] in quella soluzione. [Pb 2+ ] M [Cl ] M Considerando che le molarità appena calcolate sono essenzialmente quelle all equilibrio calcolate il prodotto [Pb 2+ ] [Cl ] 2. Questo è uguale alla K ps del PbCl 2. K ps = C) 1. Colore di CoCl 2 6H 2 O Colore nella soluzione di HCl 12M 2. Colore nella soluzione diluita

9 3. Colore nella soluzione calda Colore nella soluzione fredda Formula del complesso di Co(II) presente i soluozione in a. HCl 12 M b.soluzione diluita c. soluzione calda d. soluzione fredda Spiegate le variazioni di colore che avvengono quando a. si aggiunge acqua nel passaggio 2. (Considerate come un cambiamento in [Cl ] e [H2O] spostano l equilibrio della reazione (7)). b) la soluzione diluita viene riscaldata (Da che parte di sposta l equilibrio della reazione (7) quando K c aumenta? Come l aumento della temperatura modifica il valore della K c? Qual è il segno del ΔH nella reazione (7)?) D) 1. Osservazioni sull aggiunta di una goccia di NaOH 6M alla soluzione di Zn(NO 3 ) 2 : 2. Effetto sulla solubilità di Zn(OH) 2 : a. all aggiunta di HCl

10 b. all aggiunta di NaOH c. all aggiunta di NH 3 3. Osservazioni sull aggiunta di una goccia di NaOH 6M alla soluzione di Mg(NO 3 ) 2 : Effetto sulla solubilità del Mg(OH) 2 : a. all aggiunta di HCl b. all aggiunta di NaOH c. all aggiunta di NH 3 Spiegate le vostre osservazioni nei passaggi 1. e 2. (Qual è l effetto dell aumento di [H + ], [OH ] e [NH 3 ] sulle reazioni (8), (9) e (10) rispettivamente? Qual è l effetto sulla reazione (3)? Come tutti questi effetti influenzano la solubilità dello Zn(OH) 2?) Nel passaggio 3 avrete osservato che Mg(OH) 2 è simile allo Zn(OH) 2 per alcuni aspetti ma diverso per altri. a. In che modo era simile? Spiegare la somiglianza b. In che modo era diverso? Spiegare la differenza di comportamento. (Notate che alcuni cationi formano ioni complessi e altri no.)

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

a 25 C da cui si ricava che:

a 25 C da cui si ricava che: Equilibrio di autoionizzazione dell acqua Come già osservato l acqua presenta caratteristiche anfotere, potendosi comportare tanto da acido (con una sostanza meno acida che si comporta da base) quanto

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

DETERMINAZIONE DELL INTERVALLO DI VIRAGGIO DI ALCUNI INDICATORI ACIDO-BASE: Intervallo di viraggio ph

DETERMINAZIONE DELL INTERVALLO DI VIRAGGIO DI ALCUNI INDICATORI ACIDO-BASE: Intervallo di viraggio ph CLASSE 2 A ocb 22/11/2009 1 DETERMINAZIONE DELL INTERVALLO DI VIRAGGIO DI ALCUNI INDICATORI ACIDO-BASE: Principi Teorici: gli indicatori acido-base sono sostanze organiche complesse, che si comportano

Dettagli

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura SOLUBILIZZAZIONE Simile scioglie il simile: le molecole di sostanze diverse si mescolano intimamente nelle miscele se possiedono forze intermolecolari simili (soluzioni ideali). Anche se le forze intermolecolari

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Equilibri di precipitazione

Equilibri di precipitazione Equilibri di precipitazione Molte sostanze solide sono caratterizzate da una scarsa solubilità in acqua (ad es. tutti i carbonati e gli idrossidi degli elementi del II gruppo) AgCl (a differenza di NaCl)

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro.

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro. Prodotto ionico dell acqua e ph Prodotto ionico dell acqua L acqua è un elettrolita debolissimo e si dissocia secondo la reazione: H 2 O H + + OH - La costante di equilibrio dell acqua è molto piccola

Dettagli

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI Sommario LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI... 1 RICERCA DELLA VITAMINA C... 2 Metodo Qualitativo... 2 Metodo Quantitativo... 2 RICERCA DEGLI ZUCCHERI... 5 Metodo Qualitativo... 5 Metodo

Dettagli

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione:

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione: DUREZZA DELLE ACQUE. Quando si parla di durezza di un acqua ci si riferisce fondamentalmente alla quantità di ioni calcio e di ioni magnesio disciolti in un certo volume di tale acqua. Ad eccezione delle

Dettagli

EQUILIBRI SIMULTANEI

EQUILIBRI SIMULTANEI EQUILIBRI SIMULTANEI 1. Soluzioni tampone. Per soluzione tampone si intende una soluzione acquosa in grado di mantenere pressoché inalterato il proprio ph, in seguito all'aggiunta di moderate quantità

Dettagli

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo 1 Obiettivo Capire che cosa è il ph, apprendere le leggi fondamentali che lo controllano e capire qualitativamente le applicazioni delle soluzioni tampone. Prerequisiti Il concetto di equilibrio (che comunque

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3 Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base 1 Equilibri idrolitici La soluzione acquosa di un sale ottenuto

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi

Università telematica Guglielmo Marconi Università telematica Guglielmo Marconi GGGGG CF Chimica 1 Gli equilibri chimici Argomenti Gli argomenti che fanno parte di questa unità didattica sono: L equilibrio dinamico nelle reazioni chimiche Le

Dettagli

DEFINIZIONE ACIDO/BASE SECONDO BRONSTED-LOWRY

DEFINIZIONE ACIDO/BASE SECONDO BRONSTED-LOWRY DEFINIZIONE ACIDO/BASE SECONDO BRONSTED-LOWRY Una reazione acido/base coinvolge un trasferimento di protone: l'acido è il donatore di protone e la base è l'accettore del protone. Questa definizione spiega

Dettagli

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda 6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda Autoionizzazione (o autoprotolisi) dell acqua. Prodotto ionico dell acqua M = mol/l AA1011 IN L6d p1! AA1011 IN L6d p2! NB: se si

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ]

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ] Autoionizzazione dell acqua L acqua pura allo stato liquido è un debole elettrolita anfiprotico. L equilibrio di dissociazione è: 2H 2 O H 3 O + + OH - [H 3 O + ][OH ] K = [H 2 O] 2 Con K

Dettagli

Pb Pb 2+ + 2e 2Ag + + 2e 2Ag

Pb Pb 2+ + 2e 2Ag + + 2e 2Ag ELETTROCHIMICA OBIETTIVO DELL ESPERIENZA: conoscere i fenomeni elettrici che si basano su trasformazioni chimiche che avvengono tramite l energia elettrica. Principio teorico: l elettrochimica studia quelle

Dettagli

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it LEZIONE 12 Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA Idrolisi salina Per IDROLISI SALINA si intende il fenomeno per il quale la dissoluzione in acqua di

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica)

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica) Acidi e basi Per capire che cosa sono un acido e una base dal punto di vista chimico, bisogna riferirsi ad alcune proprietà chimiche dell'acqua. L'acqua, sia solida (ghiaccio), liquida o gassosa (vapore

Dettagli

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è EQUILIBRI - GENERALIA Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è G < 0 Quando vale questo criterio, i reagenti si trasformano in prodotti.

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

Fisiologia Renale 3. Equilibrio acido-base: Principi generali e fisico chimica

Fisiologia Renale 3. Equilibrio acido-base: Principi generali e fisico chimica Fisiologia Renale 3. Equilibrio acido-base: Principi generali e fisico chimica Fisiologia Generale e dell Esercizio Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Obiettivi Definizione

Dettagli

TITOLAZIONI ACIDO-BASE.

TITOLAZIONI ACIDO-BASE. TITOLAZIONI ACIDO-BASE. La titolazione è una operazione di laboratorio che permette di determinare la concentrazione incognita (o titolo, da cui titolazione) di una specie chimica (chiamata analita) in

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere)

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) 3) Calcolare la normalità (N) di una soluzione ottenuta sciogliendo 3,5 g di H 3 PO 4 in 900 ml di acqua [0,119 N] 4) Quanti grammi di soluto sono contenuti in

Dettagli

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Obiettivo: Fare osservare che alcune sostanze, mescolate all'acqua, danno luogo a soluzioni omogenee mentre altre danno miscele eterogenee. Dalla descrizione delle

Dettagli

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino.

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Esperimenti per gioco Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Il progetto ha lo scopo di avvicinare i ragazzi al mondo della scienza tramite lo svolgimento di semplici esperienze di laboratorio

Dettagli

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml Bari,11 gennaio 1999 Compito di analisi dei farmaci I 1) 1 ml di H 2 O 2 viene titolato con KMnO 4. Sono necessari 18.1 ml. La soluzione di KMnO 4 è 0.1023 N e la densità dell acqua ossigenata è 1.01 g/ml.

Dettagli

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione Abbiamo visto che i composti organici e le loro reazioni possono essere suddivisi in categorie omogenee. Per ottenere la massima razionalizzazione

Dettagli

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA 1 Il riconoscimento di una sostanza iscritta nella Ph. Eur. attraverso operazioni chimiche semplici,

Dettagli

L equilibrio chimico

L equilibrio chimico Equilibrio chimico L equilibrio chimico Ogni reazione, in un sistema chiuso, evolve sontaneamente ad uno stato di equilibrio Quando viene raggiunto lo stato di Equilibrio Chimico: le velocità della reazione

Dettagli

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI L obiettivo di questo studio è sperimentare una tecnica per la bonifica

Dettagli

Capitolo 7. Le soluzioni

Capitolo 7. Le soluzioni Capitolo 7 Le soluzioni Come visto prima, mescolando tra loro sostanze pure esse danno origine a miscele di sostanze o semplicemente miscele. Una miscela può essere omogenea ( detta anche soluzione) o

Dettagli

1 a e 2 esperienza di laboratorio: SEPARAZIONE DI UNA MISCELA A TRE COMPONENTI PER ESTRAZIONE

1 a e 2 esperienza di laboratorio: SEPARAZIONE DI UNA MISCELA A TRE COMPONENTI PER ESTRAZIONE 1 a e 2 esperienza di laboratorio: SEPARAZIONE DI UNA MISCELA A TRE COMPONENTI PER ESTRAZIONE 2014/2015 1 Prima di iniziare ESTRAZIONE: Tecnica utilizzata per separare il prodotto organico desiderato da

Dettagli

Estrazione del DNA. 1. Introduzione

Estrazione del DNA. 1. Introduzione Estrazione del DNA 1. Introduzione L obiettivo di questa esperienza è quello di osservare la molecola degli acidi nucleici, una volta separata dall involucro cellulare in cui è contenuta all interno della

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra)

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra) A.A. 2005/2006 Laurea triennale in Chimica Esercitazioni di stechiometria - Corso di Chimica Generale ed inorganica C ARGOMENTO 6: Equilibri in soluzione: equilibri acido/base, idrolisi e tamponi (6 h)

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1 Termodinamica 1 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe II^ D COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Disciplina : SCIENZE INTEGRATE CHIMICA E LABORATORIO PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Dettagli

... corso di chimica elettrochimica 1

... corso di chimica elettrochimica 1 ... corso di chimica elettrochimica 1 CONTENUTI reazioni elettrochimiche pile e celle elettrolitiche potenziale d elettrodo e forza elettromotrice equazione di Nernst elettrolisi leggi di Faraday batterie

Dettagli

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14 Esercitazione 8 Misura del ph Soluzioni tampone Gli equilibri acido-base: Ka, Kb HA + H 2 O! H 3 O + + A - Ka = [H 3 O+ ][A - ] [HA] A - + H 2 O! OH - + HA Kb = [OH- ][HA] [A - ] Ka Kb = [ H 3 O + ] [

Dettagli

Verifica sperimentale della legge di Proust delle proporzioni costanti

Verifica sperimentale della legge di Proust delle proporzioni costanti Verifica sperimentale della legge di Proust delle proporzioni costanti Un lavoro degli studenti della classe 4B del Liceo Scientifico Ernesto Balducci di Pontassieve Gli scienziati francesi Antoine Lavoisier

Dettagli

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative Tartrato acido di Potassio (European Pharmacopoeia IV th ) Identificazione A. GENERICA (Carattere acido). Disciogliere 15 mg di sostanza in 5 ml di acqua, scaldare se necessario. Aggiungere 0,1 ml di rosso

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

1 a esperienza: il lievito produce anidride carbonica in presenza di zucchero

1 a esperienza: il lievito produce anidride carbonica in presenza di zucchero 1 a esperienza: il lievito produce anidride carbonica in presenza di zucchero DOMANDA DESTINATARI MATERIALE OCCORRENTE DESCRIZIONE DELL ESPERIMENTO La formazione di gas avviene in assenza di zucchero?

Dettagli

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile)

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) ELETTROCHIMICA Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) Uso di forza elettromotrice (fem) esterna per forzare reazioni chimiche non spontanee (Elettrolisi) Coppia redox: Ossidazione

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085]

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085] Chimica Analitica Prova scritta del 19 Gennaio 2004 1) 375 ml di soluzione acquosa contengono 21.2 µg di un principio attivo. Esprimere la concentrazione della soluzione in parti per milione (ppm) [0.056

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani.

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani. LA SOLUBILITÀ Per le sue caratteristiche chimiche, l acqua è uno dei migliori solventi naturali. Nei sistemi viventi molte sostanze si trovano in soluzione, si può facilmente comprendere l importanza di

Dettagli

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA CAPITOLO 5 RICHIAMI DI TERMOCHIMICA ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE Una reazione di combustione risulta completa se il combustibile ha ossigeno sufficiente per ossidarsi completamente. Si ha combustione completa

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

primi passi nella chimica

primi passi nella chimica IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Parole simpatiche

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 La prova d esame completa comprende 6 domande a risposta multipla più 4 esercizi articolati

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 261 A PAG 264 1 Perché le sostanze si sciolgono? 1 Quali sono le definizioni di solvente e di soluto? 2 Gli elettroliti deboli, quando si sciolgono in acqua a) si dissociano

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 A COGNOME NOME. MATRICOLA 1 2 3 4 5 6 7 8 Indicazioni per lo svolgimento del compito. Scrivete il vostro Nome e Cognome in STAMPATELLO su ciascuno di

Dettagli

CHIMICA GENERALE MODULO

CHIMICA GENERALE MODULO Corso di Scienze Naturali CHIMICA GENERALE MODULO 6 Termodinamica Entalpia Entropia Energia libera - Spontaneità Relatore: Prof. Finelli Mario Scienza che studia i flussi energetici tra un sistema e l

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1 Scheda studente n.1 Come interagisce ciascun liquido con la polvere di marmo? Seguite le istruzioni, osservate con attenzione ciò che accade e completate la tabella. polvere di marmo e le seguenti sostanze:

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

Esperienza n 6: Determinazione della DUREZZA dell acqua di rubinetto

Esperienza n 6: Determinazione della DUREZZA dell acqua di rubinetto Obiettivo: Determinare la durezza dell acqua di rubinetto tramite titolazione complessometrica con EDTA. Durezza dell acqua: Quantità di ioni polivalenti disciolti nell acqua (principalmente Ca e Mg, ma

Dettagli

Cod. EM6U4. Prove di stabilità dei Vini

Cod. EM6U4. Prove di stabilità dei Vini Cod. EM6U4 Prove di stabilità dei Vini Test di tenuta all aria Operazione: Prelevare 1 bicchiere di vino da testare; lasciare all aria per 12 24 ore; Vino limpido, quasi invariato, senza depositi; giudizio:

Dettagli

È importante quindi conoscere le proprietà chimiche dell acqua. Le reazioni acido base sono particolari esempi di equilibrio chimico in fase acquosa

È importante quindi conoscere le proprietà chimiche dell acqua. Le reazioni acido base sono particolari esempi di equilibrio chimico in fase acquosa Premessa Le nozioni di acido e di base non sono concetti assoluti ma sono relativi al mezzo in cui tale sostanze sono sciolte. L acqua è il solvente per eccellenza, scelto per studiare le caratteristiche

Dettagli

COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12

COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12 COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12 1A) Un campione impuro di bromito di potassio, del peso di 2,19 g, viene trattato in eccesso di acido solforico con del bicromato di potassio, ottenendo bromato di potassio

Dettagli

Domanda 1 Quesiti preliminari

Domanda 1 Quesiti preliminari Domanda 1 Quesiti preliminari 1.1 A che temperatura bolle l acqua nella vostra aula di scienze? 1.2 Se in una pentola senza coperchio posta su di un fornello ho dell acqua che bolle e continuo a riscaldare,

Dettagli

POLARITÀ DELLE SOSTANZE

POLARITÀ DELLE SOSTANZE POLARITÀ DELLE SOSTANZE I liquidi si distinguono in polari e non polari. Obiettivo dell esperimento è controllare la polarità dei liquidi mediante bacchette caricate positivamente o negativamente. H2O

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Il bilanciamento delle reazioni chimiche

Il bilanciamento delle reazioni chimiche 1 Il bilanciamento delle reazioni chimiche Avete visto che gli atomi hanno diversi modi di unirsi l uno all altro. Si può anche iniziare a capire che una reazione chimica non è nient altro che un cambiamento

Dettagli

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V 1 Esercizio (tratto dal Problema 13.4 del Mazzoldi 2) Un gas ideale compie un espansione adiabatica contro la pressione atmosferica, dallo stato A di coordinate, T A, p A (tutte note, con p A > ) allo

Dettagli

Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z)

Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z) Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z) Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Facoltà di Farmacia e Medicina Anno Accademico 2013/2014 Dott. Giuseppe La Regina Tu,

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE L esperienza consiste nel misurare il grado di acidità di un aceto, acquistando i concetti di titolazione acido-base, punto di equivalenza, indicatore

Dettagli

EQUILIBRI ETEROGENEI

EQUILIBRI ETEROGENEI EQUILIBRI ETEROGENEI Finora abbiamo implicitamente considerato di aver a che fare con equilibri omogenei gassosi. I sistemi eterogenei, ovvero costituiti da più di una fase, sono coinvolti in una grande

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

VEGETALI U N S O T U R I O L O P S I T T O S U N O D. Vegetali V5 I SEMI V1 V2 V3 V8 U1

VEGETALI U N S O T U R I O L O P S I T T O S U N O D. Vegetali V5 I SEMI V1 V2 V3 V8 U1 VEGETAL L P E U R S T Vegetali SEM V1 V2 V3 V8 U1 1 VEGETAL L P E U R S T SEM Quando un seme cade nel terreno può germogliare se trova le condizioni adatte. Esperienza 1: om è fatto un seme. Materiale

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO G. Giacomo Guilizzoni Rivista: «Didattica delle Scienze» 4/1995 Gli insegnanti di chimica, durante l esposizione dei concetti fondamentali di acidità

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari

Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari Estrazione ed impiego di indicatori acido-base vegetali ACIDI E BASI NELLA VITA QUTIDIANA Acidi Sono di sapore aspro

Dettagli

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 I CODICI 1 IL CODICE BCD 1 Somma in BCD 2 Sottrazione BCD 5 IL CODICE ECCESSO 3 20 La trasmissione delle informazioni Quarta Parte I codici Il codice BCD

Dettagli

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica ) Definizione di macchina termica È sperimentalmente verificato che nel rispetto del primo principio della termodinamica (ovvero della conservazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

Tema: Acidificazione dell Oceano

Tema: Acidificazione dell Oceano Tema: Acidificazione dell Oceano Informazioni sul tema Approssimativamente il 70% della superficie della Terra è coperta dall acqua; ciò spiega perché le acque oceaniche svolgano un ruolo cruciale nei

Dettagli

R i c o n o s c i m e n t o d e i g r u p p i f u n z i o n a l i attraverso r e a z i o n i s p e c i f i c h e

R i c o n o s c i m e n t o d e i g r u p p i f u n z i o n a l i attraverso r e a z i o n i s p e c i f i c h e R i c o n o s c i m e n t o d e i g r u p p i f u n z i o n a l i attraverso r e a z i o n i s p e c i f i c h e Considerazioni preliminari: 1) Sono saggi qualitativi in cui la positività del saggio viene

Dettagli

PROGETTO. SID - Scientiam Inquirendo Discere IBSE - Inquiry Based Science. Education

PROGETTO. SID - Scientiam Inquirendo Discere IBSE - Inquiry Based Science. Education PROGETTO SID - Scientiam Inquirendo Discere IBSE - Inquiry Based Science Education 1 Anno scolastico 2013 2014 Classe I A ottici Modulo: Affonda o galleggia? Agata Conti 2 Sintesi Il modulo offre l'opportunità

Dettagli