cost compactness determinism mobility security safety

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "cost compactness determinism mobility security safety"

Transcript

1 WIRELESS: SMART, USEFUL OR NEED? Wired cost compactness determinism mobility Wireless batteries cables maintenance batteries Internet? security safety Power harvesting and new low-power devices encourage wireless solutions but not for real-time applications Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 1 EMI

2 WSN for sensors and industry Today Technologies: WWAN WMAN IEEE Wireless Regional Area Network (white spaces in TV) IEEE WiMax IEEE Mobile Broadband Wireless Access Courtesy ZigBee Alliance WLAN WPAN ZigBee Bluetooth WiFi a c UWB Data Rate (Mbps) Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 2

3 Wireless Sensor Networks (WSN) for industry WAN MAN LAN / PAN BAN Global Urban Suburban In-building Satellite Macro Cell (20-50 km) Micro Cell ( 1 km) Pico Cell (1-10 m) BAN: Body PAN: Personal LAN: Local MAN: Metropolitan WAN: Wide Area Network Wireless technologies business depends on cell phones and internet GSM (9.6kbaud) GPRS (40kbaud, Internet) UMTS (~Mbaud, video) LTE Widespread, low-cost Cost of services, power (>1W) SENSORS, INDUSTRY LAN/PAN/BAN (WiFi, Bluetooth, ZigBee,...) Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 3

4 Confronto Tecnologie wireless comuni nel campo della strumentazione IR RF / Wireless- USB UWB NFC Frequenza nm 433 MHz 868/915 MHz 2.4/5 GHz 2.4 GHz 2.4 GHz MHz, 2.4GHz GHz Connessione Induttiva (13.56MHz) Data Rate 20k-16Mbps 0.3kbps Mbps 1 Mbps 62.5 kbps kbps Mbps kbps Area 1-9m (LOS) 10m m 10m ~ 50m m <10m ~20cm Topologia di rete Punto a punto Punto a punto Stella Stella Stella Stella, albero,mesh Punto a punto Punto a punto Complessità Semplice Semplice Alta Medio/Alta Semplice Media Media Semplice Consumi Molto bassi (10mW, dipende dalla distanza) Bassi (~200mW) Alti ~1W Medi ~300mW Bassi ~200mW Bassi ~100mW Bassi ~100mW Bassi Applicazioni Remote control, trasmissione dati a corto raggio Controllo remoto Wireless LAN Cable replacing Periferiche PC Automazione e controllo Trasmissione segnali a banda larga Trasmissione dati a corto raggio Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 4

5 L offerta è vasta ma Reti molto diffuse a livello consumer non vanno generalmente bene per le applicazioni con sensori Ad esempio: Reti wireless per sensori e controllo Wi-Fi, b/g/n Rete che privilegia un alto transfer rate medio Problemi di coesistenza: difficile separare due reti che operano nella stessa zona Interfaccia dal costo/consumo medio/alto (protocollo complesso) Bluetooth, Copertura limitata Numero di nodi ridotto Protocollo complesso Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 5

6 THE IDEAL WIRELESS SENSOR NETWORK Mobile, self-powered, miniaturized and synchronized sensors Shared and real-time information localization of sensors and other nodes self-organization of the network (plug&play) self-organization of the best path for each transmission low, fixed and known transmission time High noise immunity (zero packet error rate) Coexistence with other RF sources and obviously ultra low-cost nodes Zur Anzeige wird der QuickTime Dekompressor TIFF (Unkomprimiert) benötigt. Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 6

7 WIRELESS COMMUNICATIONS: MICROWAVE WHICH WIRELESS FREQUENCY RANGE? MICROWAVE LF Low Frequency MF Medium Freq. HF High Freq. VHF Very High Freq. UHF Ultra High Freq. SHF Super High Freq. EHF Extra High Freq. UV Ultra Violet Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 7

8 WIRELESS COMMUNICATIONS: WHICH FREQUENCY? Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 8

9 WIRELESS COMMUNICATIONS: WHICH FREQUENCY? From 433/900MHz to 2.4GHz Typical ISM Band ISM (Industrial, scientific, medicine) is license free Global market Sharing the frequencies with: Laptop (WiFi) Cell phones (Bluetooth) Audio and games (Bluetooth, WiFi) Frequency MHz MHz MHz Note MHz Europe MHz USA GHz WLAN/WPAN GHz WLAN GHz Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 9

10 WIRELESS SIGNAL PROPAGATION: a lot of problems Straight line propagation Signal power decades as 1/d 2 in vacuum (in practice as 1/d c with 2 c 5) Attenuation (earth, water, walls, iron, but also frequency, antenna) Reflection Diffusion Multi-path fading Refraction Fast fading (mobile sensors modify paths) Slow fading (mobile sensors modify distance between them) Non-line-of-sight path LOS pulses Multipath pulses Line-ofsight path signal at receiver Jochen Schiller, FU Berlin Problem: the received signal is not the same that has been transmitted Distance estimation based on RSSI (Received Strength Signal Indicator) does not work Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 10

11 Propagazione radio Caratteristiche della propagazione radio Propagazione in linea retta La potenza del segnale è proporzionale a 1/d c nel vuoto (c=2..5 in pratica) Consumo di energia proporzionale a d² nel vuoto Proprietà riferite alla frequenza VLF, LF, MF: seguono la curvatura del globo, passano attraverso gli edifici HF, VHF: assorbiti dalla terra, riflessi dalla ionosfera (100/500 km) >100 MHz:non passano attraverso i muri. Possibilità di messa a fuoco >8GHz: assorbiti dalla pioggia Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 11

12 Sorgenti di distorsione Ricezione del segnale Attenuazione Riflessione rifrazione (rimbalzi sulle superfici e penetrazione) Diffrazione (fenomeni ondulatori causati da bordi netti) Scattering (riflessioni multiple su superfici rugose) Doppler (shift nelle frequenze dovuto a sorgenti in movimento) Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 12

13 Propagazione radio Interferenza tra lo stesso segnale Fading dovuto ai cammini multipli Causato dalle riflessioni, dalla diffrazione e dalla diffusione Il segnala arriva al ricevitore percorrendo cammini multipli ciascuno con una fase differente La differenza di fase causa interferenza (costruttiva o distruttiva) La diversità d antenna può essere utile: Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 13

14 Propagazione radio Interferenza tra lo stesso segnale Fading dovuto ai nodi che si muovono Fast Fading: dovuto al modificarsi dei cammini possibili tra ricevitore e trasmettitore Slow fading: è una variazione della potenza ricevuta dovuta all effetto di ombreggiamento (shadowing) degli ostacoli presenti nell ambiente Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 14

15 Ricezione del segnale Attenuazione e guadagno delle antenne L attenuazione dipende dalla frequenza Equazione di Friis nel vuoto Distance: R Wavelength: λ P r : power at receive antenna P t : power at transmit antenna G t : transmit antenna gain G r : receive antenna gain Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 15

16 Potenza al ricevitore SINR = S I + N Propagazione radio La potenza al ricevitore è pari alla potenza trasmessa moltiplicata per la perdita (path-loss) path loss ~ 1/r β β [2,5] Signal to Interference + Noise Ratio = SINR S = potenza ricevuta da un particolare trasmettitore I = potenza ricevuta da altri trasmettitori N = altri segnali interferenti (es. rumore) Affinché sia possibile riconoscere un segnale valido T hreshold Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 16

17 Ricezione del segnale Distorsione dovuta al multi path A causa della riflessione e dello scattering il segnale arriva al ricevitore anche con percorsi più lunghi rispetto alla comunicazione a vista Gli effetti dipendono fortemente dalla frequenza Non-line-of-sight path Line-ofsight path LOS pulses multipath pulses Cambia il tempo di propagazione a seconda del cammino Fast fading signal at receiver Jochen Schiller, FU Berlin Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 17

18 Ricezione del segnale Esempi di multi path Jochen Schiller, FU Berlin Non basta la formula di attenuazione quadratica Colori chiari = potenza maggiore Formula approssimata (X è variabile casuale gaussiana media 0, varianza σ 2 ) Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 18

19 Ricezione del segnale Problemi al ricevitore causati da Shift di frequenza della portante tra trasmettitore e ricevitore (temperatura invecchiamento etc.) Sincronizzazione di simbolo: quando inizia o finisce un simbolo? Sincronizzazione di frame: quando inizia o finisce un blocco di dati? Problema principale: il segnale ricevuto non è uguale al segnale trasmesso: C è incertezza sul simbolo ricevuto. Si modellizza descrivendo il wireless channel come un elemento stocastico. Esempio: modello di Gilbert-Elliot con almeno due stati del canale con valori di BER (Bit Error Rate) differenti good bad Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 19

20 Modelli del canale per reti di sensori wireless Semplificazioni per le reti di sensori Le reti di sensori hanno un range di trasmissione ridotto, quindi i ritardi di propagazione non sono molto differenti tra loro Fading indipendente dalla frequenza Esempi di misure γ path loss exponent Shadowing variance σ 2 Reference path loss at 1 m Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 20

21 Scelta dell antenna Antenna Antenna potenza irradiata P - P: max. 100mW, peak 10mW/MHz - A quale distanza d arriva il mio segnale (budget link)? -P ~ d n (2 < n < 4-5) - Antenna efficiente se la potenza al transceiver non va persa Sensore ADC μc Tx/Rx Alimentazione Osservazioni: Le dimensioni dell antenna sono proporzionali alla lunghezza d onda del segnale RF Più è elevata la f più piccola è l antenna A parità di f, antenna TX si comporta allo stesso modo in RX! I connettori per le antenne sono costosi Il design delle antenne è molto critico Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 21

22 Scelta dell antenna Un antenna si caratterizza tramite: Guadagno; l'antenna è un dispositivo passivo, che non aggiunge potenza al segnale; semplicemente reindirizza l energia che riceve dal trasmettitore; un antenna guadagna perché fornisce più energia in una direzione, e meno in tutte le altre. Direzione; forma del pattern di TX(RX); poiché il guadagno di una antenna direzionale aumenta, l'angolo di radiazione deve diminuire; il beamwidth viene misurato in gradi come ampiezza del lobo a 3dB Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 22

23 Scelta dell antenna Un antenna si caratterizza tramite: Polarizzazione; riferita alla direzione del campo elettrico; si riceve il massimo segnale quando la polarizzazione dell'antenna RX è identica a quella dell'antenna TX; se la differenza tra le due polarizzazioni è di 90 gradi si ha la massima perdita, pari a circa 20 decibel (cioè il 99% del segnale potenziale). Le antenne sono confrontate rispetto al dipolo isotropico. E un antenna ideale con un pattern di radiazione uniforme nelle 3D (simile ad una lampadina!); irradia cioè in tutte le direzioni e ha un guadagno di 1 (0 db) Attenzone: l antenna isotropica può peggiorare la coesistenza!!! Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 23

24 Scelta dell antenna Antenna Tipologie: Chip antenna: dimensioni ridotte bassa efficienza e costi elevati PCB antenna: Single ended Adattamento (Baluns transformer) PIFA, Meander,... Differenziali dipolo dimensioni maggiori Simulatori (es. ANSOFT) Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 24

25 Modulazioni a radiofrequenza Amplitude Shift Keying (ASK) Frequency Shift Keying (FSK) Phase Shift Keying (PSK) Tanenbaum, Computer Networks Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 25

26 Condivisione del mezzo Tecniche di condivisione del mezzo Multiplexing nello spazio Reti in aree separate Antenne direttive Multiplexing nelle frequenze Canali differenti ai partecipanti Multiplazione di tempo Timeslot differenti ai vari nodi time (TDMA) Channel (FDMA) Code (CDMA) Si evita interferenza Ascoltando se è libero prima di parlare (LBT, CSMA/CA) Cambiando canale di frequenza (FHSS) Recuperando informazioni corrotte (DSSS) Comunicazione spread-spectrum Direct Sequence Spread Spectrum (DSSS) Frequency Hopping Spread Spectrum (FHSS) Time Freq. Code CSMA/CA Multiplexing a divisione di codice FHSS DSSS Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 26

27 Modulazioni a spettro espanso Frequency hopping spread spectrum L idea chiave è cambiare la frequenza del segnale che si trasmette Sia trasmettitore che ricevitore devono sapere quale sarà la prossima frequenza utilizzata. La successione delle frequenze è anche chiamata sequenza (di solito pseudo casuale PN) Lo spettro utilizzato è quello occupato da tutte le frequenze toccate dalla sequenza. Slow e fast hopping: il cambiamento di canale può essere più o meno lento del segnale che viene trasmesso (per pkt o all interno del pkt!) Inventato da Hedy Lamarr, George Antheil Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 27

28 Modulazioni a spettro espanso Frequency hopping spread spectrum L idea chiave è cambiare la frequenza del segnale che si trasmette Consumo elevato durante il trigger Importanza della sincronizzazione Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 28

29 Modulazioni a spettro espanso Direct sequence spread spectrum (DSSS) Vengono definite delle N-sequenze (con elementi {-1, +1}) che codificano pochi simboli Esempio: 0 = (+1,+1,-1) e 1 = (-1, -1, +1) , , , NOTA: la sequenza è ortogonale e riconoscibile come errata La multiplazione di codice (CDMA) avviene con sequenze ortogonali DSSS è utilizzato da GPS, WLAN, UMTS, ZigBee, Wireless USB; Code IEEE , DSSS 8 bit 2 code 32 = 64 2Mchip/s = 32µs; 32kbyte/s 25 Data bit Code Symbol Chip Chip rate = Channel bandwidth Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 29

30 Code Division Multiple Access (CDMA) Code division multiple access Esempio con tre trasmettitori: Codice C A = (+1,+1,+1,+1) = 0 (-1,-1,-1,-1) = 1 Codice C B = (+1,+1,-1,-1) = 0 (-1,-1,+1,+1) = 1 Codice C C = (+1,-1,+1,-1) = 0 (-1,+1,-1,+1) = 1 A spedisce Bit 0, B spedisce Bit 1, C non trasmette -> (0,0,2,2) Ricevitore decodifica A: V C 1 = (0,0,2,2) (+1,+1,+1,+1) = 4/4 = 1 equals Bit 0 Ricevitore decodifica B: V C 2 = (0,0,2,2) (+1,+1,-1,-1) = -4/4 = -1 equals Bit 1 Ricevitore decodifica C: V C 3 = (0,0,2,2) (+1,-1,+1,-1) = 0 means: no signal. Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 30

31 Modulazioni a spettro espanso Vantaggi delle modulazioni a spettro espanso Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 31

32 Modulazioni a spettro espanso Vantaggi delle modulazioni a spettro espanso Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 32

33 Scelta del transceiver Conoscere il proprio hardware Un transceiver può essere in uno degli stati seguenti Trasmissione (transceiver ON) Ricezione (transceiver ON) Idle è pronto a entrare in ricezione ma non lo sta ancora facendo, probabilmente si possono fermare alcune sue funzionalità per risparmiare energia Sleep il transceiver è spento o per lo meno lo sono le parti che consumano di più. Non è possibile ricevere Serve del tempo e dell energia per uscire dallo stato di sleep! Il problema è la ricezione che consuma molto e non è certo quando bisogna accendere il ricevitore (CSMA e TDMA non sono ottimi) E possibile uscire dallo stato di sleep in modo comandato via radio? Sarebbe ottimo avere un ricevitore ausiliario a basso consumo che svegli il ricevitore principale nel caso ci sia un messaggio in arrivo (meccanismi di wake-up) Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 33

34 Scelta del transceiver RFM TR1000 family 916 or 868 MHz 400 khz bandwidth Up to 115,2 kbps On/off keying or ASK Dynamically tuneable output power Maximum power about 1.4 mw Low power consumption Chipcon CC1000 Range 300 to 1000 MHz, programmable in 250 Hz steps FSK modulation Provides RSSI Chipcon CC 2400 Implements GHz, DSSS modem 250 kbps Higher power consumption than above transceivers Infineon TDA 525x family E.g., 5250: 868 MHz ASK or FSK modulation RSSI, highly efficient power amplifier Intelligent power down, selfpolling mechanism Excellent blocking performance RSSI = Receive Strength Signal Indicator Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 34

35 Fonti di energia Batterie L obiettivo è fornire energia con il più piccolo ingombro/costo/longevità Non è detto che sia sempre possibile ricaricare le batterie Opzioni Batterie primarie non ricaricabili Batterie secondarie ricaricabili, ma ha senso solo se accoppiate a una qualche forma di energy harvesting (moto, calore, EM,.. In ogni caso sono richieste Bassa autoscarica Lunga durata dei componenti (elettroliti, reagenti) Capacità sotto carico (bassa Rout) Capacità di ricaricarsi a bassa corrente Buon autorilassamento (ricombinazione elettroliti dopo forte picco di assorbimento) Stabilità di tensione per evitare i convertitori DC-DC Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 35

36 Batterie Zinco Carbone Alkaline Litio Nickel - Cadmio Nickel Metallo Idrato (NiMH) Ioni di Litio Tensione nominale [V] 1,5 1,5 3 1,2 1,2 3,6 Resistenza interna Media Bassa Bassa Molto bassa Molto bassa Molto bassa Capacità (AA) [mah] Ricaricabili? (Secondarie) No (NO) No Si Si Si Scarica naturale Lenta Lenta Molto Lenta Veloce Veloce (30% /mese) Veloce (20% / mese) Costo (AA, $) Note Vecchie Diffuse Tossiche Vecchie Diffuse Leggere, tossiche Resistenza interna bassa per sopportare i transitori del transceiver Scarica naturale critica per regolatori lineari Condensatori con basso ESR (Equivalent Series Resistance) NO! SI! Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 36

37 Batterie Batterie 61mm 50 mm 50 mm 45 mm 44.5 mm 34mm φ 26mm φ (14,5mm φ) (10.5mm φ) (26.2 x 17.5 mm) D C AA AAA 9V PC Phone D C AA AAA 9V COSTO NOTE Alkaline (1.5V) 17Ah 7.8Ah 2.2.Ah 1Ah 0.6Ah Basso Non ricaricabile NiMH (1.2V) 6.5Ah 2.8Ah 2.0Ah 0.7Ah Medio Ricaricabile, non tossica Ioni Litio (3.6V) 2Ah 0.7Ah (0.8Ah) Alto Ricaricabile, leggera, tossica 2AAA -> se il consumo medio è 1mA la durata è 1000h (41gg) E difficile valutare lo stato di carica di una batteria (Vcutoff~0,8V per NiMH a 1.2V) Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 37

38 Batterie Ricaricabile 1.2V 2.3Ah NiMH NH15 by Energizer (BATR) Alcalina 1.5V 2.85Ah Zn/MnO 2 E91 by Energizer (BAT1) Alcalina 1.5V 2.85Ah Zn/MnO 2 MN1500 by Duracell (BAT2) Energizer - Vout [V] Energizer ricaricabile - Vout [V] Hours [h] Hours [h] Il profilo di scarica cambia tra batteria e batteria ricaricabile (consumo in duty cycle) Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 38

39 Batterie Ricaricabile 1.2V 2.3Ah NiMH NH15 by Energizer (BATR) Alcalina 1.5V 2.85Ah Zn/MnO 2 E91 by Energizer (BAT1) Alcalina 1.5V 2.85Ah Zn/MnO 2 MN1500 by Duracell (BAT2) Energizer - Vout [V] Duracell - Vout [V] Hours [h] Hours [h] Il profilo di scarica cambia tra batteria e batteria (consumo in duty cycle) Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 39

40 Batterie Ricaricabile 1.2V 2.3Ah NiMH NH15 by Energizer (BATR) Alcalina 1.5V 2.85Ah Zn/MnO 2 E91 by Energizer (BAT1) Alcalina 1.5V 2.85Ah Zn/MnO 2 MN1500 by Duracell (BAT2) Temp. = 23 C BAT2 BAT1 BATR Continuous disch., R=40Ω (V cut-off =0.8V) Pulsed discharge (D.c.=50%, T=1s), R=20Ω (V cut-off =0.8V) Pulsed discharge, R=20Ω (V cut-off =1.0V) Continuous disch., I=25mA (V cut-off =0.8V) Continuous disch., I=50mA (V cut-off =0.8V) 96.3 h 88.2 h 63.9 h 99.2 h 90.3 h 66.6 h 79.6 h 75.7 h 65.5 h h h 90.2 h 59.2 h 58.7 h 45.0 h Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 40

41 Circuiti di alimentazione Alimentazione a batteria Componenti utilizzati per aumentare l utilizzo delle batterie LDO: regolatori a bassa caduta di tensione (Es. TPS79433 by Texas) Pochi componenti (condensatori di bypass) Alte correnti di uscita, basso rumore Basso costo, bassa efficienza Bassa efficienza V in > V out Charge pump (Es. MCP1252 by Microchip) Necessitano di pochi componenti (inductorless) Buona efficienza, costo Medio V in > V out oppure V out < V in Rumore medio V out multiplo di V in Basse correnti di uscita (<20mA) Step up / Step down converter (Buck boost, Es. TPS61016 by Texas ) Alta efficienza, alto costo Medie correnti di uscita Criticità dell induttore (layout) Rumore elevato V in > V out oppure V out < V in Attenzione alle correnti di perdita Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 41

42 Low dropout regulator (LDO) - un FET di potenza e un amplificatore differenziale (amplificatore di errore). - VREF = riferimento stabile (bandgap) - Se Vout (monitorata attraverso ADJ) aumenta, l uscita dell amplificatore differenziale alimenta il FET che la riduce. Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 42

43 Step-up converter (boost) - Alimentatore a commutazione - Aumenta la tensione diminuisce la corrente - l elemento di accumulo è costituito da un capacitore o un induttore o una combinazione di entrambi Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 43

44 Circuiti di alimentazione I V0 Efficienza = η = I I V I I 0 =100mA, V 0 =3.3V LDO TPS76633 LDO TPS79433 STEP UP TPS61016 CHARGE P. MCP1252 V I [V] Eff. misurata 90% 90% 98% 70% Eff. attesa >90% >60% Transitorio per raggiungere il valore di corrente necessario alla trasmissione TPS76633 TPS79433 TPS61016 MCP µs 12 µs 1.2 µs 1.4 µs Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 44

45 Fonti di energia Come si possono ricaricare le batterie? Banale: usare un caricabatterie oppure recuperare energia dall ambiente Sorgenti di energia ambientali Luce celle solari tra 10 μw/cm 2 e 15 mw/cm 2 Gradienti di temperatura 80 μ W/cm 1 V da Δ=5K Vibrazioni tra 0.1 e μ W/cm 3 Variazione di pressione (piezo-elettrico) 330 μ W/cm 2 dal tacco di una scarpa Flusso di aria/liquidi (MEMS gas turbines) Nota: batteria ~1W/cm 3 Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 45

46 Fonti di energia Energia prodotta da batterie e fonti ambientali Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 46

47 Consumo di energia Dove va l energia? Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 47

48 Consumo di energia Obbiettivo numero 1: limitare i consumi Non tenere i nodi sempre attivi Se non c e niente da fare, passare subito in power save Quando bisogna farlo? E quando bisogna risvegliarsi? Modi tipici di funzionamento Microcontrollore: Active, idle, sleep Radio : Accender/spegnere il transmettitore/ricevitore Modalità di sleep multiple ( deep sleep ) Dipendono dall hardware TI MSP 430, e.g.: quattro sleep mode Atmel ATMega: sei modalità Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 48

49 Unità centrale Consumo di energia Microcontroller TI MSP MHz, 3V): Fully operation 1.2 mw Deepest sleep mode 0.3 μw svegliato solo da interrupt esterni Atmel ATMega Operational mode: 15 mw active, 6 mw idle Sleep mode: 75 μw La memoria FLASH è critica La RAM consuma quantità di energia trascurabili Scrivere e leggere nella FLASH è dispendioso esempio: FLASH on Mica motes Reading: 1.1 nah per byte Writing: 83.3 nah per byte Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 49

50 Consumo di energia Unità centrale: Microcontrollore Risparmio energetico: spegnere tutto quello che non serve! I moderni uc offrono modalità di Stop con consumi molto differenti tra di loro! Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 50

51 Consumo di energia Unità centrale: Microcontrollore Il consumo medio di corrente determina la durata delle batterie Modalità RUN solo quando necessario Attivo Modalità di sleep e meccanismi di wake up Corrente Quante istruzioni vengono eseguite in un certo tempo? Velocità, Architettura! Riposo Tempo Sistemi di clocking e tempi di start up Clock secondario Prescaler periferiche Seriali Timers ADC Clock principale Prescaler CPU CPU Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 51

52 Consumo di energia Unità centrale: Microcontrollore Funzionamento a basso duty-cycle Quello che conta è il consumo medio! Icc TX Mode Corrente Media = Σ(Ti x Icc(i))/Ttot RX Mode (Handshake) T1 1uA sleep mode between packets Idle Mode durante la stabilizzazione del clk! Time Ttot Icc sale durante settling della radio Sistemi e Strumenti per l Automazione: Sensori Intelligenti e bus di campo, Alessandra Flammini, Università di Brescia, Embedded Systems and Smart Sensors Group 52

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di parametri significativi e la rilevazione dello spostamento degli utenti

Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di parametri significativi e la rilevazione dello spostamento degli utenti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Peltor DECT-Com II. The Sound Solution. User s manual for DECT-Com II

Peltor DECT-Com II. The Sound Solution. User s manual for DECT-Com II Peltor DECT-Com II The Sound Solution User s manual for DECT-Com II DECT 1.8 GHz GUIDA RAPIDA Peltor DECT-Com II Pulsante Funzione [M] [+] [ ] [M] e [+] [M] e [ ] Accende/spegne l unità DECT-Com II Seleziona

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System

A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System A.R.I. Sezione di Reggio Emilia presenta: Introduzione al sistema A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System *APRS è un marchio depositato da Bob Bruninga, WB4APR Copyright 2002-03 Alessandro Bondavalli

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti?

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? Un convertitore DC / DC è utilizzato, generalmente, quando la tensione di alimentazione disponibile non è compatibile

Dettagli

Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+

Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+ Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+ 2010 by Orderman GmbH Bachstraße 59, 5023 Salisburgo Austria www.orderman.it Salvo errori e refusi. Non è consentita la copia - anche di estratti - senza l'autorizzazione

Dettagli

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali AmpEQ Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali GAI04 Memo Series Alessandro Scalambra Rev: Sergio Mariotti, Jader Monari I.N.A.F GAI04-FR-2.0

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

100% TECNOLOGIA SATELLITARE SPOT TRACE MANUALE UTENTE DISPOSITIVO DI RINTRACCIAMENTO CON ANTIFURTO

100% TECNOLOGIA SATELLITARE SPOT TRACE MANUALE UTENTE DISPOSITIVO DI RINTRACCIAMENTO CON ANTIFURTO 100% TECNOLOGIA SATELLITARE SPOT TRACE MANUALE UTENTE DISPOSITIVO DI RINTRACCIAMENTO CON ANTIFURTO 1 SEZIONE 2: PER COMINCIARE Per comunicare il tuo SPOT Trace richiede la sottoscrizione di un abbonamento

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

Cos è ZigBee. Specifica per un insieme di protocolli per la comunicazione wireless

Cos è ZigBee. Specifica per un insieme di protocolli per la comunicazione wireless Cos è ZigBee Specifica per un insieme di protocolli per la comunicazione wireless Basato sullo standard 802.15.4-2003 Wireless Personal Area Networks Settori d impiego: Automazione casalinga Domotica AMR

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter User Manual ULTRA-DI DI20 Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter 2 ULTRA-DI DI20 Indice Grazie...2 1. Benvenuti alla BEHRINGER!...6 2. Elementi di Comando...6 3. Possibilità Di Connessione...8 3.1

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1.

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1. DPS-Promatic Telecom Control Systems Famiglia TCS-AWS di Stazioni Metereologiche Autonome connesse alla rete GSM (www.dpspro.com) Guida rapida all'uso versione 1.0 Modelli che compongono a famiglia TCS-AWS:

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente www.ondacommunication.com CHIAVETTA INTERNET MT503HSA 7.2 MEGA UMTS/EDGE - HSDPA Manuale Utente Rev 1.0 33080, Roveredo in Piano (PN) Pagina 1 di 31 INDICE

Dettagli