Integrazione della Piattaforma Logistica Nazionale con i sistemi di security del nodo portuale di Taranto e di analisi di rischio doganali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integrazione della Piattaforma Logistica Nazionale con i sistemi di security del nodo portuale di Taranto e di analisi di rischio doganali"

Transcript

1 PON Reti e Mobilità Programmazione Intelligent Transport System Titolo del Progetto Integrazione della Piattaforma Logistica Nazionale con i sistemi di security del nodo portuale di Taranto e di analisi di rischio doganali Proponente: UIRNet S.p.A 1

2 Indice 1. Introduzione al documento Inquadramento del Progetto Obiettivi del Progetto Coerenza con l Obiettivo 6.1 del QSN Collegamenti con la programmazione nazionale/regionale Localizzazione geografica e ambito modale Descrizione delle attività progettuali Tempi di attuazione e fasi del progetto previste Budget di spesa previsto e sostenibilità economica Condivisione dell iniziativa progettuale

3 1. Introduzione al documento Il presente documento, da considerarsi allegato alla scheda di gestione Integrazione della Piattaforma Logistica Nazionale con i sistemi di security e di analisi di rischio doganali del nodo portuale di Taranto, ha la funzione di descrivere l iniziativa progettuale, ponendo particolare attenzione alla spiegazione degli obiettivi e degli aspetti gestionali e tecnici relativi alla realizzazione delle attività progettuali e di cui si richiede il finanziamento. 2. Inquadramento del Progetto UIRNet S.p.A., in qualità di soggetto attuatore del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha realizzato la Piattaforma Logistica Nazionale digitale (PLN), che rappresenta l Intelligent Transportation Systems (ITS) di riferimento per la logistica nazionale, così come così come definito dal D.M. n. 18T del 20 giugno 2005 e poi ripreso dalle Leggi n. 27 del 24 marzo 2012 all art. 61bis (Legge Cresci Italia ) e n.135 del 7 agosto 2012 all art. 23 (Legge Spending Review ) e dal D.M. n. 449 del 6 dicembre Ad oggi UIRNet ha completato l implementazione dei servizi core del sistema, collaudati dallo stesso Ministero. In particolare, il 14 febbraio 2013 si è concluso positivamente l ultimo collaudo dei sei macroservizi principali della Piattaforma Logistica Nazionale (PLN) e le attività di verifica hanno inoltre accertato la capacità della PLN di soddisfare i requisiti di sicurezza e di conseguire ed assicurare i requisiti prestazionali richiesti. In questa fase i servizi della piattaforma hanno gestito in simultanea sia veicoli che utenti. Per rafforzare il risultato tecnico è stata avviata una prima fase pilota, tuttora in corso, in cui vengono testate sul campo le funzionalità principali di tali servizi. Nella fase pilota sono state finora coinvolte circa 800 aziende di trasporto per un totale di circa mezzi, quasi tutti attraverso l interfacciamento con la PLN di soluzioni tecnologiche fornite da service provider terzi (FAI Service, Qualcomm, Viasat, ecc.) e di soluzioni proprietarie delle flotte (Autamarocchi, Spinelli, ecc.). Per quanto riguarda l estensione della base sperimentale, UIRNet sta potenziando il coinvolgimento di nodi nelle aree già oggetto della sperimentazione (Nord-Ovest in particolare) e incoraggiando il coinvolgimento di nodi e mezzi nelle altre aree del Paese, oltre ad incrementare le sinergie operative con gli operatori (come terminal interportuali e portuali), con i fornitori di servizi tecnologici per la logistica, con le società di servizi delle principali associazioni dell autotrasporto e con l Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, con la quale, tra l altro, è impegnata in un progetto congiunto per il Porto di Gioia Tauro nell ambito del PON Sicurezza. I risultati finora ottenuti sono molto positivi, ma UIRNet ha ancora necessità, da un lato, di consolidare l infrastruttura hardware-software di cui si compone la PLN e, dall altro, di allargare il bacino di utenti attuale (l obiettivo è di coinvolgere aziende di trasporto per almeno mezzi entro fine 2013 e servire utenti entro il 2014). Nello specifico per lo sviluppo e l affermazione dell ITS Nazionale è auspicabile, per non dire necessario, favorire il coinvolgimento dei nodi logistici presenti nelle Regioni Obiettivo Convergenza per la realizzazione di sistemi che consentano di migliorare la sicurezza nel trasporto e delle merci. Tali sistemi interconnessi con la PLN digitale e le sue piattaforme regionali, consentono di acquisire informazioni che potranno così essere messe in relazione, in tempo reale, a quelle già disponibili nelle basi dati del sistema informatico di sicurezza nazionale (rif. D. M. 20 Giugno 2005 n. 18T, Circolare Attuativa 4 agosto 2005). In questa ottica, il Porto di Transhipment di Taranto, con il suo retro-porto, costituisce non solo un caso applicativo tecnologico per l estensione della PLN precedentemente descritta, ma anche un 3

4 importante nodo da integrare nel sistema logistico nazionale sia per finalità di efficienza che di sicurezza. In tale contesto, UIRNet, in forza dalla legge n. 27 del 24 marzo 2012 e del D.M. 6 Dicembre 2012 n. 449, che estende il perimetro operativo del sistema di gestione della rete logistica nazionale oltre che agli interporti anche ai porti, centri merci e alle piastre logistiche, intende realizzare specifiche componenti tecnologiche di nodo, completamente integrate a scambiare dati e servizi con la PLN digitale, che mirano a rispondere alle normative sempre più stringenti in materia di sicurezza dei porti e di controlli doganali (ISPS Code - International Ship and Port Facility Security Code, Container Security Initiative, Direttiva EU 2005/65/CE, etc.). In particolare, le informazioni acquisibili ad esempio con i sistemi di videosorveglianza (codice container, targhe, ) potranno così essere messe in relazione, in tempo reale, a quelle già disponibili nelle basi dati del sistema informatico doganale relativamente in particolare ai manifesti navali, alle aree di temporanea custodia, alle operazioni di importazione ed esportazione. Tale opportunità oltre a incrementare la mole di dati/informazioni a disposizione delle Autorità, non solo quelle doganali, comporterà maggiore efficacia nei controlli in quanto consentirà di focalizzare in modo ancora più preciso le operazioni ed i soggetti ritenuti a maggiore rischio specifico. Inoltre, si evidenzia come la possibilità di conseguire semplificazioni nelle attività di sdoganamento, attraverso un evoluzione dell attuale integrazione con AIDA - Dogane, potrà contribuire ad un incremento dei volumi di merci in ingresso e in uscita dallo scalo portuale pugliese. La scelta del porto presso il quale effettuare le attività di imbarco/sbarco oltre che da valutazioni logistiche è condizionata da tempi e costi di sbarco e di introduzione delle merci nel mercato. Nello specifico, tali costi e tempi sono fortemente influenzati dal risultato dell interazione di tutti gli attori coinvolti a vario titolo nel momento doganale, ovvero l insieme dei processi di pertinenza doganale e di pertinenza di altri soggetti. Vale sottolineare che, in coerenza con le linee strategiche di indirizzo nazionale per lo sviluppo dei sistemi ITS, l unico modo per mettere effettivamente a frutto un investimento su una specifica area/nodo è quello di collegare i sistemi locali del nodo con il sistema ITS nazionale e ove i sistemi di nodo fossero assenti intervenire per fornirli. 3. Obiettivi del Progetto Il progetto consiste nella progettazione, realizzazione, implementazione, attivazione e gestione di una soluzione tecnologica che mira ad estendere il campo di azione della PLN mediante la costruzione di un modulo software di Port Community System (PCS) e per la Security del Porto - in grado di evolvere ed integrare le attuali componenti di sicurezza già operanti all interno dell area portuale in un sistema maggiormente connesso. La soluzione da realizzare dovrà essere in grado di scambiare informazioni con l Agenzia delle Dogane (AIDA) e gestire le informazioni in merito alle attività marittime e al trasporto della merce pericolosa, ricevute rispettivamente dai sistemi VTCS-PMIS della Capitanerie di Porto e dal Modulo IT Base già in uso nella realtà di Taranto. Ciò consentirà di strutturare un modulo specifico (PCS) sulla piattaforma PLN dedicato per la comunità portuale, che consentirà di agevolare la comunicazione tra i diversi stakeholders: Terminal Container Portuali, Spedizioniere Doganale, Armatore, etc. Vale sottolineare che il valore aggiunto della conduzione di tale attività da parte di UIRNet, considerando l adesione formale all iniziativa progettuale manifestata sia dall AP di Taranto sia dall Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, consiste nella possibilità di realizzare un modulo 4

5 applicativo dedicato al nodo portuale che potrà essere esteso alle altre realtà portuali, contribuendo così alla standardizzazione dei flussi comunicativi nel trasporto intermodale delle merci. La soluzione progettuale sarà calata sul Porto di Transhipment di Taranto, che costituisce un caso applicativo tecnologico per l estensione della PLN oltre che un importante nodo da integrare nel sistema logistico nazionale. Nello specifico il nuovo sistema, relazionato con la Piattaforma Logistica Nazionale sarà in grado di fornire in sede locale e nazionale tutte le informazioni necessarie alla prevenzione delle attività illegali, contribuendo così a rilanciare la competitività del porto Taranto. In particolare l iniziativa progettuale mira ad ottenere: un modello che possa costituire il riferimento per analoghe realtà portuali nazionali; una maggiore efficacia ed efficienza dell intervento dei vari enti/amministrazioni coinvolti nel processo di sdoganamento (approccio single window/on stop shop, ricorso al preclearing ); un aumento della sicurezza all interno delle aree portuali e retro portuali, mediante l efficientamento dei controlli di sicurezza, la riduzione del numero dei reati e l individuazione precoce dei tentativi di reato o di eventi indesiderati; una maggior sicurezza del trasporto e del commercio marittimo afferente ai Porti di Transhipment ed in particolare al Porto di Taranto; una tempestiva individuazione di possibili minacce criminali e/o terroristiche attraverso la collaborazione delle istituzioni competenti; un allargamento del bacino di utenti / mezzi e nodi connessi alla PLN digitale. Nello specifico il nuovo sistema dovrà essere in grado di: supportare i diversi operatori dell area portuale nello scambio delle informazioni nel corso delle attività di trasporto; permettere l analisi di eventi e correlare segnali provenienti dai diversi sistemi installati (stazioni di controllo fisse e mobili sul territorio), garantendo la possibilità di effettuare controlli mirati e in tempo simil-reale; supportare gli operatori nelle attività di analisi dello scenario e nei processi e procedure di risposta agli eventi; consentire una adeguata ed efficiente comunicazione tra i diversi enti coinvolti nelle attività di controllo e prevenzione; favorire la circolazione delle informazioni fornite dai processi doganali tra gli attori del ciclo portuale; integrare i sistemi di sicurezza portuale con i sistemi doganali per digitalizzare i controlli ai varchi: sia all ingresso per la verifica automatica della prontezza doganale, sia all uscita per l instradamento automatico in corridoi controllati verso il nodo logistico di destinazione finale Il Sistema proposto, quale estensione della PNL digitale - sistema di riferimento a livello nazionale per la gestione della rete logistica nazionale ed il miglioramento della sicurezza del trasporto delle merci oltre a garantire l'interconnessione dei nodi, dovrà interfacciare tutti i sistemi installati presso 5

6 l area portuale di Taranto in modo da consentire la visione integrata di tutti gli eventi e i dati che caratterizzano l ambiente operativo interno al porto. Inoltre, per facilitare i controlli da remoto, verrà predisposta una app, ad uso specifico degli istituti preposti al controllo, che interroga la PLN e che raccoglie tutte le informazioni. Tale funzionalità consente il controllo remoto dei mezzi che aderiscono alla piattaforma e nel contempo per differenza consente l individuazione dei mezzi non aderenti e quindi permette, ad esempio alle forze dell ordine impegnate nei controlli su strada, di concentrare i controlli sui mezzi non monitorati dalle sale di controllo. Vale sottolineare che la soluzione, calata sul Porto di Taranto, sarà di immediata estendibilità sulle altre realtà portuali del Sud. L integrazione con la PLN digitale permetterà al Porto di Taranto di entrare a far parte della rete logistica non solo nella dimensione fisica dei flussi ma anche in quella informativa. In particolare sarà possibile: - ottenere informazioni sui veicoli in arrivo al porto (tramite l integrazione con i sistemi attualmente in uso presso le Capitanerie di porto), sia che essi abbiano dichiarato il porto come punto di arrivo delle loro missioni sia per logiche di prossimità; - conseguire semplificazioni nelle attività di sdoganamento con un evoluzione dell attuale integrazione con AIDA; - interagire con gli altri nodi logistici sulla base di un sistema comune; - svolgere funzioni di controllo sui documenti legati alle pratiche portuali in anticipo rispetto all arrivo dei veicoli al porto (pre-check). 4. Coerenza con l obiettivo 6.1 del QSN L iniziativa è concepita nel rispetto degli orientamenti strategici riportati nel QSN , alla priorità 6. Reti e collegamenti per la mobilità. Il progetto è coerente con l Obiettivo strategico 6.1 Accelerare la realizzazione di un sistema di trasporto efficiente, integrato, flessibile, sicuro e sostenibile per assicurare servizi logistici e di trasporto funzionali allo sviluppo, e, in particolare, con l Obiettivo specifico Contribuire alla realizzazione di un sistema logistico nazionale, supportando la costruzione di una rete nazionale di terminali di trasporto e di logistica, integrata, sicura, interconnessa ed omogenea. Il progetto ricopre carattere di intervento prioritario in quanto: si indirizza verso modalità di gestione sostenibile e sicura della logistica multimodale, attraverso le potenzialità delle nuove tecnologie ICT (Information and Communication Technology); consente ad un insieme di nodi e di direttrici di forza di assurgere a sistema di servizi comune sia per il trasporto merci che per la logistica; concorre al potenziamento e alla riqualificazione degli scali portuali, e nello specifico di quello oggetto di intervento, migliorandone i livelli di accessibilità, sicurezza ed efficienza e favorendone le sinergie con gli operatori della logistica attivi sul territorio; 6

7 concorre all incremento dei volumi di merci in ingresso e in uscita dallo scalo portuale di transhipment di Taranto, con particolare riguardo alla movimentazione di container nei principali porti delle aree Convergenza ; rientra tra i progetti di completamento e di efficientamento della maglia delle infrastrutture di trasporto di livello nazionale ed europeo (SNIT e TEN), in particolare sviluppa sistemi informativi e telematici connessi alla logistica delle merci: sistemi di informazione integrata sull offerta di trasporto intermodale, sistemi di tracking & tracing, con particolare riferimento a quelli per le unità di trasporto intermodale (container, casse mobili), sistemi di rilevazione automatica degli incidenti stradali e di avviso all utenza, sistemi e dispositivi finalizzati a migliorare la sicurezza delle operazioni e del traffico commerciale dei porti del Corridoio 21 (ad es. collegamenti telematici continui tra terminali fissi e vettori merci in movimento); ha carattere di complementarietà della dotazione infrastrutturale esistente, ottimizzando la competitività e l efficacia complessiva del servizio logistico offerto, in particolare, implementando servizi che, attraverso l innovazione tecnologica, siano rivolti a incrementare i livelli di efficienza e sicurezza dei nodi logistici (aeroporti CARGO, porti e interporti) anche di valenza sovra regionale; pone la massima attenzione al miglioramento del servizio, operando a livello di rete infrastrutturale immateriale; fornisce una soluzione riutilizzabile presso altre realtà portuali, un investimento di cui si potrà beneficiare su scala nazionale 5. Collegamenti con la programmazione nazionale/regionale Il progetto che si intende realizzare è concepito per essere interoperabile anche con sistemi omogenei in via di realizzazione o già operativi su domini di competenza complementari, sia di portata nazionale (es. PLN Digitale, PICOGE-MP Piattaforma Integrata per Controllo e la Gestione delle Merci Pericolose, Piattaforma dell Albo degli Autotrasportatori,) sia di valenza regionale (es. SITIP - Sistema Informativo Telematico Integrato dei Porti, SI-ITS - Sicilia- Intelligent Transport System). Mentre i primi saranno resi cooperativi in modo diretto con la PLN, gli ultimi saranno integrati con le Piattaforme Logistiche Regionali attraverso il Modulo IT base previsto nel modello di riferimento. 6. Localizzazione geografica e ambito modale Il nuovo sistema sarà implementato sul Porto di Transhipment di Taranto, che costituisce sia un caso applicativo tecnologico per l estensione della PLN digitale sia un importante nodo da integrare nel sistema logistico nazionale sia per finalità di efficienza che di sicurezza. Il porto di Taranto, fra i primi in Italia per traffico di merci, riveste un ruolo importante sia da un punto di vista commerciale che strategico. Nel primo trimestre del 2013, Taranto ha registrato una forte crisi che non riguarda solamente il complesso siderurgico dell'ilva, ma anche il porto, che continua a perdere inesorabilmente traffici merci. In particolare, la prima trimestrale di quest'anno conferma la tendenza negativa, con un crollo del 30,9% del tonnellaggio complessivo rispetto allo stesso periodo del Infatti, a fronte degli tonnellate dello scorso anno, nei primi tre mesi del 2013 il porto ne ha movimentate , di cui tonnellate in imbarco e in sbarco. Scendono tutte le tipologie di merce (rinfuse liquide -22,8%, rinfuse solide -26,3%, altre merci varie -43,6%) e anche il traffico di container registra una forte contrazione: nel primo trimestre 2013 il terminal di Taranto ha movimentato teu, a fronte dei teu del 2012, ossia con un calo percentuale del 28,6% 7

8 in teu e del 26% in tonnellaggio (Elaborazione dati a cura della Sezione Promozione dell'autorità Portuale di Taranto). Già nel febbraio 2012, il Governo Monti per rispondere a questo trend negativo ha previsto la realizzazione di nuove opere per il potenziamento dello scalo, che dovrebbero risolvere alcune carenze infrastrutturali che hanno allontanato importanti compagnie marittime. Non a caso, infatti, l area portuale è stata oggetto di specifici accordi di Programma che hanno portato allo stanziamento di risorse comunitarie relative al fondo FESR, concernenti opere infrastrutturali di ammodernamento delle banchine, cassa di colmata, collegamento con la rete ferroviaria nazionale. Tali ammodernamenti trovano il loro complemento necessario attraverso la realizzazione di sistemi ITS. Nello specifico, se da un lato lo sviluppo dell area portuale dipende in modo cruciale da investimenti in infrastrutture materiali, dall altro le innovazioni legate a infrastrutture immateriali (Intelligent Transport System), che implicano inoltre investimenti molto più contenuti sia a livello di dotazione finanziaria che di cronoprogrammi di spesa, rappresentano una leva fondamentale per il recupero della competitività nel settore della logistica e dei trasporti nel brevissimo periodo. Porto di Transhipment di Taranto - attuali caratteristiche: Collegamenti Stradali L autostrada adriatica A14 Taranto-Bari-Bologna rappresenta per il Porto di Taranto il collegamento stradale strategico per il trasporto su lunga distanza garantendo un rapido inoltro terrestre verso i mercati dell Italia settentrionale e del Centro Europa. Il bacino di utenza di più corto raggio l arco ionico e la penisola salentina è connesso a Taranto da una rete di strade statali tra cui la SS7 (Taranto-Brindisi-Lecce) e la SS106 che collega Taranto a Reggio Calabria, passando per la Basilicata. 8

9 Aeroporto Collegamenti Ferroviari Collegamenti Stradali L ambito portuale si estende per mq, di cui: mq sono aree operative mq sono aree in concessione. La lunghezza complessiva delle banchine è di ml, di cui: ml ad uso pubblico ml in concessione. L operatività delle banchine è garantita per l intero anno dalle protezioni naturali e artificiali, grazie anche ad un insignificante escursione di marea. Le caratteristiche dei traffici suddivise per tipologia di cargo sono riassunte come segue: Cargo containerizzato movimentato al terminal contenitori gestito dalla Taranto Container Terminal Rinfuse solide e prodotti siderurgici relativi alle attività industriali dell ILVA Rinfuse liquide (greggio e prodotti raffinati) prodotte dalla raffineria ENI Movimentazione di cemento relativo alle attività produttive della Cementir Italia Merci varie movimentate sulle banchine libere non assentite in concessione 9

10 7. Descrizione delle attività progettuali Nel presente paragrafo sono descritte le due principali fasi del progetto e le relative attività previste per la realizzazione del nuovo sistema: 1. Selezione del fornitore tecnologico: 1.1. Integrazione della PLN UIRNet con sistemi Agenzie delle Dogane e con il sistema VTSC- PMIS, Ricognizione AS-IS 1.2. Redazione della documentazione di gara 1.3. Pareri, validazione e controllo in fase di progettazione preliminare e della documentazione di gara 1.4. Pubblicazioni 10

11 1.5. Conduzione gara e aggiudicazione 1.6. Contratto 1.7. Project management Beneficiario 2. Esecuzione dell appalto Progettazione esecutiva 2.2. Validazione e controllo esecutiva progetto esecutivo 2.3. Realizzazione del sistema 2.4. Validazione e controllo esecutivo fase di esecuzione 2.5. Addestramento 2.6. Collaudo tecnico e amministrativo 2.7. Assistenza evolutiva e gestione del sistema 2.8. Project Management - Beneficiario 1. Selezione del fornitore tecnologico 1.1. Integrazione della PLN UIRNet con sistemi Agenzie delle Dogane e con il sistema VTSC-PMIS, Ricognizione AS-IS Durante la presente fase sarà necessario procedere con l analisi funzionale di dettaglio dei sistemi utilizzati dall Agenzia delle Dogane (AIDA) e dalla Capitaneria di Porto (VTSC-PMIS) per definire la modalità di integrazione con la PLN. In particolare, sarà necessario prevedere: - L inquadramento relativo ai PCS già in esercizio a livello nazionale (con particolare riferimento a quelli già studiati e/o implementati nell ambito di programmi di finanziamento comunitari quali tra gli altri il Programma TEN-T, per es. ITS Adriatic Multiport Gateway, MOS4MOS, Mos24, Adriatic Gateway, ecc.); - L analisi del modello AS-IS dei sistemi in esame (modello operativo); - La definizione della soluzione logica e delle funzionalità previste per l implementazione del sistema integrato (architettura e interfacce); - L individuazione dei flussi e delle modalità di comunicazione adottate dai sistemi in oggetto; - La definizione delle anagrafiche degli elementi gestiti a sistema. L attività in oggetto dovrà produrre un documento di progetto da trasmettere all AdG. L interfacciamento e l integrazione con sistemi di competenza di altri Enti Pubblici (in primis Agenzia delle Dogane e Comando Generale delle Capitanerie di Porto) potranno essere conseguite tramite la stipula di accordi diretti con gli Enti stessi nel caso di raffiguri la necessità di interventi tecnici sui loro sistemi informatici. A tal proposito si evidenzia che attualmente è già in corso con il Comando (sul Modulo IT Base) un accordo di partenariato per l'integrazione dei sistemi che potrà essere esteso anche sull ambito del presente progetto. 11

12 1.2. Redazione della documentazione di gara La prima fase progettuale è finalizzata alla redazione della documentazione di gara e consiste, principalmente, nelle seguenti attività: - raccolta dei macro-requisiti funzionali e tecnologici; - realizzazione della progettazione preliminare, propedeutica alla stesura del capitolato e del bando di gara; - predisposizione e formalizzazione dei documenti di gara, tra i quali: capitolato tecnico, relazione tecnica, disciplinare, bando di gara, modello di riferimento per offerta tecnica, modello di riferimento per offerta economica, schema di contratto, etc. In tale fase si prevede di coinvolgere almeno 5 tecnici incaricati da UIRNet: - un Business Analist che interverrà nella fase di definizione della progettazione preliminare; - 4 tecnici per la progettazione preliminare e la redazione dei documenti di gara, di cui: un tecnico indicato da Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e uno indicato dall Autorità Portuale Taranto. Il ricorso a risorse esterne avverrà solo a valle di una puntuale ricognizione della mancanza di professionalità idonee all interno delle strutture organizzative o di ragioni obiettive che impongano una simile scelta, esternate attraverso una motivazione dotata di apprezzabile grado di specificità. Gli eventuali membri esterni saranno retribuiti nel rispetto delle norme contenute nel D.P.R. 207/2010. La retribuzione comprenderà il compenso, il rimborso delle spese di viaggio opportunamente giustificate, IVA e oneri previdenziali e assicurativi, se dovuti Pareri, validazione e controllo in fase di progettazione preliminare e della documentazione di gara UIRNet, in qualità di stazione appaltante, nominerà un Responsabile Unico del Procedimento, ai sensi della legge 241/90. In particolare, il Responsabile Unico del Procedimento rimarrà tale fino alla conclusione delle prestazioni contrattualizzate a seguito della gara, e si occuperà di validazione e controllo delle attività sia in fase di progettazione sia in fase di esecuzione. Il RUP si avvarrà di almeno due risorse incaricate da UIRNet, dotate del know-how adeguato, per la verifica legale della procedura di affidamento e validazione e controllo delle attività sia in fase di progettazione sia in fase di esecuzione. Inoltre, l Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e l Autorità Portuale, ciascuno per proprio conto, nomineranno un referente di progetto che seguirà sia la fase di selezione che di esecuzione Pubblicazioni 12

13 Finalizzata la documentazione di gara la risorsa responsabile di UIRNet procederà alle pubblicazioni sulla G.U.R.I., sulla G.U.C.E. e su 2 quotidiani nazionali, nel rispetto della normativa degli appalti pubblici Conduzione gara e aggiudicazione Per la valutazione delle offerte, la stazione appaltante costituirà una Commissione di gara, che sarà composta da 5 membri incaricati da UIRNet, di cui uno indicato dal MIT, uno indicato dall Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e uno indicato dall Autorità Portuale di Taranto, al fine di garantire la piena rispondenza dello sviluppo progettuale previsto con le attività sviluppate ed in corso di realizzazione nell ambito di altre realtà per mantenere uno sviluppo coordinato ed integrato del sistema PCS. Il ricorso a membri esterni avverrà solo a valle di una puntuale ricognizione della mancanza di professionalità idonee all interno delle strutture organizzative o di ragioni obiettive che impongano una simile scelta, esternate attraverso una motivazione dotata di apprezzabile grado di specificità. Gli eventuali membri esterni saranno retribuiti nel rispetto delle norme contenute nel D.P.R. 207/2010. La retribuzione comprenderà il compenso, il rimborso delle spese di viaggio opportunamente giustificate, IVA e oneri previdenziali e assicurativi, se dovuti Contratto Una volta stipulato il contratto con l aggiudicatario, UIRNet designerà un Direttore dell Esecuzione del Contratto (DEC) da affiancare al Responsabile Unico del Procedimento, ai sensi dell art. 119, comma 3, del Codice degli appalti e nel rispetto dell art. 300, comma 2, del d.p.r. n.207/2010, dato l importo dell appalto e la tipologia di prestazioni, particolarmente complesse sotto il profilo tecnologico. UIRNet potrà reperire all esterno tale figura. Il Direttore dell Esecuzione del Contratto opererà fino alla conclusione delle prestazioni contrattualizzate a seguito della gara, e si occuperà di validazione e controllo delle attività sia in fase di progettazione sia in fase di esecuzione. Ai sensi del comma 3 dell art. 300 del D.P.R. 207/2010 è prevista la nomina di uno o più assistenti del Direttore dell Esecuzione rispettivamente per UIRNet, per Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e per l Autorità Portuale di Taranto. Inoltre, a supporto dell attività del DEC, si prevede di coinvolgere almeno 6 tecnici incaricati da UIRNet: - Business Analist, dotato del know-how adeguato, che interverrà nella fase di definizione della progettazione esecutiva e per la fase di manutenzione evolutiva del sistema da parte del fornitore tecnologico aggiudicatario; - Service Manager, con il compito di sovrintendere e verificare l attività di erogazione del servizio da parte del fornitore tecnologico aggiudicatario; - 4 tecnici per l assistenza al DEC, di cui: un tecnico indicato da Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e uno indicato dall Autorità Portuale Taranto. Il ricorso a risorse esterne avverrà solo a valle di una puntuale ricognizione della mancanza di professionalità idonee all interno delle strutture organizzative o di ragioni obiettive che impongano una simile scelta, esternate attraverso una motivazione dotata di apprezzabile grado di specificità. Gli eventuali membri esterni saranno retribuiti nel rispetto delle norme contenute nel D.P.R. 207/2010. La retribuzione comprenderà il 13

14 compenso, il rimborso delle spese di viaggio opportunamente giustificate, IVA e oneri previdenziali e assicurativi, se dovuti Project management - Beneficiario In coerenza con quanto previsto dal documento di descrizione dei Sistemi di Gestione e Controllo (SiGeCo) UIRNet incaricherà le seguenti: - un Responsabile per il Coordinamento delle attività, che rappresenta l interfaccia con l Autorità di Gestione; - un Titolare della responsabilità attuativa degli interventi; - un supporto all AdG nei controlli di primo livello. Per le attività di monitoraggio e gestione amministrativa della fase di selezione del fornitore tecnologico e di esecuzione, nonché per la gestione delle relazioni con gli stakeholders, UIRNet incaricherà le seguenti figure: - una risorsa incaricata di gestire gli stakeholders; - un PMO amministrativo gestionale; - una risorsa per la gestione della contabilità e rendicontazione; - una risorsa per la gestione e trasmissione atti e documentazione. Il ricorso a risorse esterne avverrà solo a valle di una puntuale ricognizione della mancanza di professionalità idonee all interno delle strutture organizzative o di ragioni obiettive che impongano una simile scelta, esternate attraverso una motivazione dotata di apprezzabile grado di specificità. Gli eventuali membri esterni saranno retribuiti nel rispetto delle norme contenute nel D.P.R. 207/2010. La retribuzione comprenderà il compenso, il rimborso delle spese di viaggio opportunamente giustificate, IVA e oneri previdenziali e assicurativi, se dovuti. 2. Esecuzione dell appalto 2.1. Progettazione esecutiva La progettazione di dettaglio del Sistema, a carico dell aggiudicatario, scaturirà oltre che dai requisiti utente espressi nei documenti propedeutici alla procedura di evidenza pubblica, anche da un attività di ricerca ed analisi che l aggiudicatario stesso dovrà effettuare con mirate interviste a categorie di stakeholders quali: - Agenzie sicurezza / trasporti nazioni dell Unione Europea; - Agenzia sicurezza / trasporti maggiori nazioni interessate agli scambi logistici con Taranto (Cina, US, Nord Africa, Medio Oriente, Israele, ); - Principali porti collegati ai traffici di transhipment e relativi retroporti/ interporti su cui vengono terminati i traffici; - Principali operatori logistici nazionali e internazionali coinvolti nel flusso end to end delle merci che approdano su Taranto. L attività di analisi dovrà, inoltre: 14

15 - Raccogliere, strutturare, analizzare le informazioni da tracking e tracing di merci, mezzi, persone che transitano o lavorano presso il porto di transhipment di Taranto; - Valutare le opportunità per estendere le attività di tracing anche al di fuori del Porto di Taranto attraverso integrazione con UIRNet e con piattaforme di infomobilità, logistica, fleet management esistenti a livello regionale, nazionale (pubbliche e private); - Elaborare informazioni ricevute da sensori posizionati su Taranto (radar, telecamere video-sorveglianza, rilevazioni satellitari, ) La fase di analisi dei requisiti avrà, quindi, lo scopo di analizzare in dettaglio il dominio del problema rilevando le esigenze degli stakeholders per definire la soluzione di automazione che dovrà essere riportata nel documento di analisi (dei requisiti). Si procederà secondo le seguenti fasi: - analisi dei requisiti di business e dei vincoli tecnici per lo scambio di informazioni con operatori e agenzie pubbliche, attraverso interviste con gli operatori istituzionali e industriali coinvolti dal Sistema; - analisi della modalità di integrazione tecniche con UIRNet e con altre piattaforme logistiche regionali e nazionali, per favorire interoperabilità e sinergie; - definizione del modello TO BE (modello a regime) con l evidenziazione di massima dei benefici a regime e del modello TO RUN (automazione da attuare) con l evidenziazione dei benefici derivanti; - modellazione reporting, data-mining e case management derivanti dalla strutturazione, integrazione e cross-correlazione di informazioni derivanti da scambio informazioni con altri enti e operatori, tracking e tracing di mezzimerci-persone, sensori presenti a Taranto, informazioni open source, - predisposizione di prototipi (da valutare caso per caso) che consentano di predisporre prototipi software per simulare oggetti di automazione consentendo di verificare la rispondenza ai requisiti e valutare complessivamente le proposte di automazione; - predisposizione in parallelo della documentazione di supporto. Durante l analisi dei requisiti, sarà opportuno fare riferimento agli adempimenti previsti dalle norme vigenti in merito alla digitalizzazione nella Pubblica Amministrazione e in particolare al Codice dell Amministrazione Digitale (CAD). Si fa riferimento, al riguardo, a titolo esemplificativo: - Digitalizzazione completa dei procedimenti; - Modalità di acquisizione e trattamento dei documenti informatici, anche in riferimento a funzionalità specifiche per la protocollazione/gestione documentale; - Verifica del sussistere di problematiche relative al trattamento dati in materia di sicurezza e/o privacy; - Problematiche relative a forniture/estrazioni dati. 15

16 L attività individuerà gli elementi comuni tra le diverse realtà portuali per la realizzazione di un PCS riutilizzabile su scala nazionale. Le peculiarità locali e/o specialistiche saranno demandate a capacità di configurazione e di estensione del modulo in progetto Validazione e controllo esecutiva progetto esecutivo Durante la fase di progettazione esecutiva il Responsabile Unico del Procedimento e il Direttore dell Esecuzione del Contratto provvedono al coordinamento, alla direzione e al controllo tecnico-contabile delle attività del fornitore, assicurano la regolare esecuzione del contratto verificando che le prestazioni siano conformi a quanto richiesto, e accertano, in termini di quantità e qualità, le prestazioni effettivamente svolte, approvando in ultima istanza il progetto esecutivo Realizzazione del sistema La realizzazione del sistema dovrà includere le seguenti attività: - Approvvigionamento ed installazione di componenti Hardware (HW) e Licenze Software (SW) per la costituzione del centro di raccolta dati relativo alla sicurezza del porto. Si tratta dell infrastruttura necessaria per la raccolta dei dati relativi agli ingressi/uscite dal porto ed al controllo delle aree sensibili. Altresì saranno eventualmente integrati sistemi di sicurezza pubblici e privati già presenti in loco. - Sviluppi software per la realizzazione del modulo PLN dedicato agli utenti della comunità portuale (es. Terminalisti, Agenzie di navigazione, Dogana, etc). Tale modulo nasce sulle esigenze dell Autorità Portuale di Taranto e sarà progettato per essere estensibile e configurabile al fine di realizzare uno strumento standard dedicato ai nodi portuali. - Integrazione necessaria per consentire al Modulo in oggetto di avvalersi dei servizi già esistenti nell ambito della PLN e di trattare e scambiare informazioni con i sistemi HW deputati alla sicurezza. - Approvvigionamento e installazione di OBU (o altri device) per la connessione di un certo numero di mezzi e/o rimorchi (stimato in 1000 unità). Tale dotazione di apparato di bordo sicuro sarà vincolato al camion e in grado di rispondere con matricola e targa del mezzo quando interrogato da apposito device - Hosting ed esercizio vigilato per la gestione delle componenti HW e SW durante il periodo previsto a progetto. La gestione operativa al termine del progetto sarà demandata alla struttura gestionale in capo a UIRNet. Tutte le nuove installazioni inerenti la sicurezza rimarranno in possesso dell Autorità Portuale di Taranto, quanto sviluppato nell ambito del modulo PLN dedicato agli utenti della comunità portuale e quanto legato al tracciamento veicoli resterà di proprietà di UIRNet. Specifiche preliminari dell architettura di riferimento La nuova soluzione, quale modulo della PLN, dovrà essere realizzata mediante una estensione dell attuale architettura della PLN e sarà costituita da componenti specifiche per la gestione dei dati operativi e di security dell ambito portuale. 16

17 L architettura sarà web oriented e offrirà interfacce utente e interfacce machine to machine equipotenti in modo da garantire la piena disponibilità dei servizi previsti. Le performance del sistema nel complesso dovranno essere adeguate all uso e agli obiettivi del progetto. Si assicureranno adeguate misure di sicurezza per far fronte ad eventuali malfunzionamenti e garantire l operatività continua del sistema, con meccanismi automatici di salvataggio di dati. Il sistema dovrà garantire l interconnessione delle componenti software sopra elencate e già operative. Il modello di riferimento sarà quello della Cooperazione Applicativa finalizzato all'erogazione e alla fruizione di servizi, tra i sistemi informatici della Pubblica Amministrazione. Tale sistema dovrà essere in grado di realizzare sia un'architettura orientata ai servizi (Service Oriented Architecture) sia un'architettura basata sulla notifica di eventi (Event Driven Architecture). La tecnologia utilizzata per l'implementazione è quella dei Web Services e dei relativi standard/linguaggi/protocolli correlati: Schemi XML (extensible Markup Language), Protocollo SOAP (Simple Object Access Protocol), Protocollo WSDL (Web Services Description Language) e il Registry UDDI (Universal Description Discovery and Integration). Nelle more dell attuazione del sistema integrato, tutti i soggetti che a vario titolo sono autorizzati all accesso al sistema informativo anche al fine degli scambi di dati, in accordo con quanto previsto dalla legislazione vigente (art. 58 del CAD) procederanno ad utilizzare strumenti convenzionali di collaborazione istituzionale concludendo specifici protocolli d intesa finalizzati a consentire la reciproca consultazione dei dati. Allo scopo si ritiene opportuno predisporre tali protocolli d intesa sulla base di quanto previsto, ai sensi del già citato art. 58 del CAD, gli schemi di convenzioni finalizzati a favorire la fruibilità informatica dei dati Validazione e controllo in fase di attuazione Durante la fase di esecuzione il Responsabile Unico del Procedimento e il Direttore dell Esecuzione del Contratto provvedono al coordinamento, alla direzione e al controllo tecnico-contabile delle attività del fornitore, assicurano la regolare esecuzione del contratto verificando che le prestazioni siano conformi a quanto richiesto, e accertano, in termini di quantità e qualità, le prestazioni effettivamente svolte, organizzando in ultima istanza i collaudi tecnico-amministrativi Addestramento L attività di addestramento avrà l obiettivo di agevolare e supportare gli utenti nell utilizzo delle nuove funzionalità realizzate nell ambito della presente iniziativa, ovvero: Funzionalità di comunicazione e scambio delle informazioni tra i diversi attori nel corso delle attività di trasporto; Funzionalità di analisi di eventi e di monitoraggio dei segnali provenienti dai diversi sistemi installati; Funzionalità di analisi dello scenario e nei processi e procedure di risposta agli eventi; Funzionalità avanzate per la gestione del sistema. Tale attività di addestramento è rivolta agli utenti del sistema, ovvero a tutti quegli operatori che a diverso titolo sono coinvolti nell ambito della comunità portuale e che possono usufruire delle funzionalità del sistema (es. Autorità Portuale, Agenzia delle 17

18 Dogane Territoriale, Capitaneria di porto, Terminal portuali, Agenzie marittime, Spedizionieri doganali, Guardia di Finanza, Polizia di Frontiera, etc). Per quanto riguarda l addestramento UIRNet ricopre un ruolo di supervisione, coordinamento e gestione delle attività. Vale sottolineare che UIRNet per tale attività sarà supportata dall Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che curerà la predisposizione di una piattaforma e-learning per l erogazione di corsi basati sul modello SCORM (Shareable Content Object Reference Model) con scambio di contenuti digitali (testo scritto, filmati, grafici) attraverso la rete internet. Tale modalità di erogazione consente a tutti i discenti coinvolti nel processo di formazione di accedere ad un proprio percorso formativo on-line e di consultare direttamente dal proprio PC il materiale formativo disponibile sulla piattaforma. Relativamente alla formazione sull utilizzo di particolari apparecchiature hardware e/o particolari applicativi software mission-critical per il sistema di gestione della sicurezza oltre alla modalità e-learning, saranno istituiti seminari formativi ad alto contenuto multimediale. In definitiva: - Numero Partecipanti corso e-learning: stimati in Corso Base: 10 H da destinare a 50 persone - Corso Avanzato: 15 H da destinare ad altrettanti 50 persone - Seminari Informativi: 5 da 1 giorno 2.6. Collaudo tecnico e amministrativo Tutte le forniture, i beni e i servizi, realizzati ed erogati per effetto dell appalto saranno sottoposti a collaudo tecnico-amministrativo a mezzo di apposita Commissione. Tale Commissione di Collaudo sarà composta da 3 membri incaricati da UIRNet, di cui uno indicato dall Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e uno indicato dall Autorità Portuale di Taranto. Il ricorso a membri esterni avverrà solo a valle di una puntuale ricognizione della mancanza di professionalità idonee all interno della struttura organizzativa o di ragioni obiettive che impongano una simile scelta, esternate attraverso una motivazione dotata di apprezzabile grado di specificità. Gli eventuali membri esterni saranno retribuiti nel rispetto delle norme contenute nel D.P.R. 207/ Assistenza evolutiva e gestione del sistema L aggiudicatario della fornitura si impegnerà per un programma di manutenzione evolutiva dei sistemi tecnologici installati per un periodo di 6 mesi dall avvio operativo. Inoltre, l aggiudicatario della fornitura dovrà garantire, senza ulteriori costi per la Committenza, per un periodo minimo di 12 mesi le seguenti attività di gestione della piattaforma: Avviamento e piena gestione della piattaforma oggetto dello sviluppo, provvedendo a fornire tutti i servizi di esercizio e anche di supporto all avviamento; 18

19 Manutenzione e gestione della realizzazione anche per gli aspetti di tuning e stabilizzazione delle prestazioni, anche nei confronti del feedback raccolto dagli Aderenti all offerta UIRNet; Mantenimento in esercizio dell infrastruttura di sviluppo e testing per le attività di manutenzione correttiva e implementativa; Attività specifiche per l avvio della piattaforma, comprendenti: Coordinamento con il personale UIRNet incaricato della Sperimentazione, Attivazione del servizio di hosting, comprensivo di reporting servizi e SLA (Service Level Agreement), Attivazione adeguata connettività internet, comprensivo di reporting servizi e SLA, Eventuali connessioni vpn verso la PLN, comprensivo di reporting servizi e SLA, Connessione verso APN, comprensivo di reporting servizi e SLA; Proposta, definizione e sviluppo dei contenuti istituzionali, compreso look&feel (inclusi layout grafica, fogli stile CSS, testi applicativo in italiano e traduzione in inglese ecc.); Supporto all utilizzo del sistema (formazione e coaching) da parte degli utenti amministratori UIRNet; Erogazione attività continuative, comprendendo: Erogazione dei servizi secondo SLA concordati, Reporting mensile servizi inclusi uptime, traffico internet, utilizzo risorse, Supporto helpdesk di primo e secondo livello accessibile al personale UIRNet e ai responsabili di sistemi di terze parti che saranno individuati nel corso del progetto, Attività di back-office applicativo per la Sperimentazione Project Management Beneficiario In accordo a quanto definito nella sezione 1.7del presente paragrafo, UIRNet condurrà l attività di Project Management in qualità di Beneficiario del progetto, anche durante la 19

20 fase di esecuzione dell appalto. Pertanto, si rimanda alla sezione 1.7 per una descrizione dettagliata dell attività. 8. Tempi di attuazione e fasi del progetto previste Il tempo di attuazione previsto è pari a 21 mesi. L iniziativa progettuale prevede le seguenti macro-attività: 9. Budget di spesa previsto e sostenibilità economica OMISSIS Sostenibilità Per i sistemi tecnologici la documentazione propedeutica alle procedure di evidenza pubblica per l aggiudicazione, elaborata dalla Committenza ed impegnativa per il Fornitore individuato, specificherà l esigenza di un assistenza evolutiva sui sistemi tecnologici installati per un periodo di 12 mesi a partire dalla data di avvio operativo. 20

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Un approccio per la gestione delle informazioni a supporto dei nodi logistici e dei sistemi logistici integrati Gianni Vottero Program Manager Divisione Transportation

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE)

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari ROMA, 9 Aprile 2014 project partners CONTESTO Con la DIRETTIVA 2010/65/UE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Modulo DG Base per il controllo delle Merci Pericolose per le Regioni Obiettivo Convergenza Sperimentazione Calabria e Sicilia

Modulo DG Base per il controllo delle Merci Pericolose per le Regioni Obiettivo Convergenza Sperimentazione Calabria e Sicilia PON Reti e Mobilità Programmazione 2007-2013 Intelligent Transport System Titolo del Progetto Modulo DG Base per il controllo delle Merci Pericolose per le Sperimentazione Calabria e Sicilia Proponente:

Dettagli

L innovazione tecnologica dei processi portuali: le soluzioni ICT al servizio della Port Community

L innovazione tecnologica dei processi portuali: le soluzioni ICT al servizio della Port Community L innovazione tecnologica dei processi portuali: le soluzioni ICT al servizio della Port Community I NUOVI SERVIZI DEL PORTO DI VENEZIA Palazzo Giacomelli Treviso, Piazza Garibaldi n. 13 Lunedì 14 febbraio

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK P r o v i d i n g S o l u t i o n s Forum Internazionale sull innovazione e la cooperazione per lo sviluppo del cluster marittimo del Mediterraneo MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK 2015 Mercoledì 16,

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP SAX Progetto ISP REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERNET SOCIAL POINT DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI PRIVE DI FINALITA LUCRATIVE OPERANTI NELLA REGIONE BASILICATA Il presente regolamento definisce

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE Procedura aperta per fornitura chiavi in mano di una suite applicativa gestionale Web based completamente integrata e comprensiva dei relativi servizi di assistenza e manutenzione QUESITI E RISPOSTE Quesito

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

cin>>c8 s.r.l. Offerta Pagina 1 di 6 Offerta

cin>>c8 s.r.l. Offerta Pagina 1 di 6 Offerta Offerta Pagina 1 di 6 Offerta Indice 1 - INTRODUZIONE... 3 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...3 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...3 1.3 - RIFERIMENTI...3 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...3 2 - PREMESSA... 4 3 -

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione Livorno, 2 marzo 2012 0 UIRNet, come soggetto attuatore del MIT, sta realizzando l ITS nazionale di riferimento per la logistica

Dettagli

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale Scheda tecnica Progetto infrastrutturale ALLEGATO I SEZIONE I: identificazione dell intervento Patto Territoriale: DELLA CORSETTERIA Responsabile Unico/Soggetto Responsabile: PROVINCIA DI POTENZA 1. Nome

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO . IntrodDescrizione del Servizio a) Procedura di accreditamento Il Centro Servizi (CS) che richiede l accreditamento per la fornitura dell accesso fisico al Sistema

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n.

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. 90/2014) Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 08 del 17.02.2015

Dettagli

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF...

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF... AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo per le esigenze dell Agenzia Nazionale per la Sicurezza

Dettagli

CONVENZIONE 2013-2015. Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

CONVENZIONE 2013-2015. Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli CONVENZIONE 2013-2015 Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli 1 Il Piano dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per il triennio 2013 2015 PREMESSA La novità più significativa che

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

SMART PORT I corridoi europei, doganali e marittimi da e verso l Europa

SMART PORT I corridoi europei, doganali e marittimi da e verso l Europa SMART PORT I corridoi europei, doganali e marittimi da e verso l Europa Progetto ARGES: attuazione della Direttiva Comunitaria 65/2010 sulla Maritime Single Window e rapporto con i Port Community System

Dettagli

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Misura I.1.3 Innovazione e PMI F.E.S.R. 2007/2013 DISCIPLINARE per l accesso ai finanziamenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace Fondo Europeo Sviluppo Regionale a cura di: Bruno Diego Gallace 1 Gestione Amministrativa e Contabile Cosa fa una scuola che ha ricevuto un finanziamento del PON FESR Ambienti per l apprendimento? IL DIRIGENTE

Dettagli

l Ente produttore di seguito congiuntamente indicate le Parti ;

l Ente produttore di seguito congiuntamente indicate le Parti ; SCHEMA DI CONVENZIONE CON GLI ENTI DEL TERRITORIO PER I SERVIZI DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI tra la Regione Marche, rappresentata dal Dirigente della P.F. Sistemi Informativi e Telematici

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

L'UFFICIO DI PRESIDENZA

L'UFFICIO DI PRESIDENZA DELIBERAZIONE DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 71 DELL 8 OTTOBRE 2014 Protocollo d intesa tra Consiglio regionale e Comune di Venezia in materia di servizi informatici e telematici.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Committente : Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Titolo : Manutenzione e Formazione Descrizione : Implementazione del numero delle postazioni dei sistemi

Dettagli

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione Progetto E-Inclusion Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie Disciplinare di rendicontazione (Premessa) A seguito della pubblicazione dell Avviso per la presentazione di progetti e modalità

Dettagli

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia 1 LogIS: il Port Community System di Venezia LogIS è il Port Community System del Porto di Venezia. Il sistema è una piattaforma informatica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA Linee guida per LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA 1. Quadro normativo di riferimento Le azioni previste dalle presenti linee guida

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO Multiservizio tecnologico per le strutture sanitarie della Regione Lazio Il presente caso studio riguarda l affidamento,

Dettagli

Convegno Smart Port & Logistics. UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis

Convegno Smart Port & Logistics. UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis Convegno Smart Port & Logistics UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis 17 Settembre 2015 0 INTERAZIONE DI SISTEMA PCS UIRNet e la Piattaforma Logistica Nazionale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

PMIS Port Management Information System

PMIS Port Management Information System PMIS Port Management Information System Architettura VTSL 2 Il sistema VTS Nella maggior parte delle installazioni il VTS è limitato ad un area portuale o ad una ben definita area di transito Il VTS italiano

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre Servizio Gateway Confidi Claudio Mauro Direttore Centrale RA Computer Roma, 29 Novembre 2013 RA Computer In cifre Più di 300

Dettagli

Il Sud si muove. Si muove l Europa.

Il Sud si muove. Si muove l Europa. Il Sud si muove. Si muove l Europa. PON TRASPORTI 2000-2006 Programma di sviluppo infrastrutturale della rete trasporti nel Sud Italia Il Programma Nell ambito delle politiche cofinanziate dai Fondi strutturali

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ di Andrea Campagna Coordinatore tecnico-scientifico di progetto Project n 2S-MED11-29 Project co-funded by the European Regional Development Fund (ERDF) Dopo un anno dal

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL GIOCO DEL LOTTO AUTOMATIZZATO E DEGLI ALTRI GIOCHI NUMERICI A QUOTA FISSA Allegato D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA

Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... 8 D) ALLEGATI...

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Osservatorio Regionale sui Trasporti, la logistica e le infrastrutture in Molise Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Rapporto finale Gennaio 2008

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma)

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Appalto per l Affidamento del Servizio di MANUTENZIONE, MONITORAGGIO E CONDUZIONE DEI SERVIZI DI SERVER FARM dell Azienda Sanitaria Locale Roma H compresa la realizzazione di due progetti IT finalizzati

Dettagli

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001;

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001; 1 Delibera n. 08/2013 Il Comitato Centrale per l Albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto terzi, riunitosi nella seduta del 31 luglio 2013; VISTA

Dettagli

UNIONE BASSA EST PARMENSE

UNIONE BASSA EST PARMENSE UNIONE BASSA EST PARMENSE PIANO TRIENNALE DI PREVISIONE ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria per il 2008 (Legge n. 244 del 24 dicembre 2007)

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Oggetto: riepilogo circolare

Oggetto: riepilogo circolare Oggetto: riepilogo circolare Direzione Generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale. Avviso pubblico rivolto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino - Palermo Rapporto Finale Dicembre 2009 Dicembre 2009 pagina 1 Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere

Dettagli

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force.

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Sicuritalia S.p.A. Utilizzata con concessione dell autore. SAP Customer Success Story Sicurezza e servizi fiduciari Sicuritalia S.p.A Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Partner Nome

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF ALLEGATO 2 DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 MIGLIORAMENTO DELLA COMMITTENZA PUBBLICA E ADVISORING PER LO SVILUPPO DI STUDI DI FATTIBILITA PQU Regione Lazio MISE

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) N. 7071 /A22 del 11/10/2014 Determina a contrarre per l affidamento del Servizio di Assicurazione a favore del Dirigente Scolastico

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato PROTOCOLLO D INTESA TRA Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato E Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture PREMESSO CHE la legge 31

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO Dipartimento di Ingegneria dell Informazione ed Ingegneria Elettrica Università degli Studi di Salerno ESIGENZE ATTUALI Aumento delle funzioni/prestazioni

Dettagli

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Obiettivi specifici Per il generale, si individuano

Dettagli

atteso che Considerato quanto sopra,

atteso che Considerato quanto sopra, CONVENZIONE TRA L ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER LA TRASMISSIONE DEI DATI DI CUI ALL ART. 244 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Sorrento, 21 novembre 2015

Sorrento, 21 novembre 2015 Sorrento, 21 novembre 2015 «Mezzogiorni d Europa d e Mediterraneo» e mobilità delle merci Linee guida per lo sviluppo dei trasporti e della logistica nel Mezzogiorno Sergio Curi, Fabrizio Dallari, Marco

Dettagli

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A.

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Seminario sulle Convenzioni CONSIP in ambito ICT 28 Novembre 2003 Palazzo del Consiglio Regionale Sala Sinni Agenda 1. Apertura

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA 1. Premessa Il nuovo Codice dell Amministrazione Digitale, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 gennaio 2011

Dettagli

SINTEMA retail services RETAIL

SINTEMA retail services RETAIL SINTEMA retail services RETAIL Servizi in outsourcing per lo sviluppo e la gestione di una rete di punti vendita: contabilità, paghe, bilanci, adempimenti fiscali e societari, servizi di controlling, legali,

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli