Il Sistema LAP-BAND TM Trattamento chirurgico dell obesità patologica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Sistema LAP-BAND TM Trattamento chirurgico dell obesità patologica"

Transcript

1 Il Sistema LAP-BAND TM Trattamento chirurgico dell obesità patologica

2 Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità oltre 1 miliardo di persone in tutto il mondo sono in sovrappeso, di queste almeno 300 milioni sono obese. Si stima che oltre il 38% di queste ultime potranno soffrire di gravi patologie, tra cui diabete, cardiopatia, ipertensione, ictus e cancro. 1 Studi condotti dimostrano che il rischio di queste malattie, potenzialmente fatali, può essere diminuito attraverso la perdita di peso. Il bendaggio gastrico, Sistema LAP-BAND TM, è mininvasivo, regolabile, reversibile e può aiutare il paziente a migliorare la propria salute e a ridurre il rischio di sviluppare patologie correlate all obesità. La foto di copertina raffigura una paziente a cui è stato impiantato il Sistema LAP-BAND TM

3 LA DIFFUSIONE DELL OBESITA L aumento delle disponibilità alimentari e della sedentarietà hanno portato gli individui a mangiare di più e fare meno attività fisica. Conseguenza di ciò può essere quello che molti professionisti medici definiscono oggi l epidemia dell obesità. A causa di questa epidemia, molti paesi fronteggiano oggi una grave crisi sanitaria che è destinata a peggiorare nei prossimi anni. E evidente, inoltre, il collegamento fra obesità e gravi condizioni di salute, fino al decesso. Patologie come diabete, cardiopatie, ipertensione, ictus e cancro possono essere strettamente correlate all obesità e sono in aumento, causando anche un aumento della spesa pubblica nel settore sanitario. L obesità è, infatti, più dannosa del fumo e dell abuso di alcol 2 e rappresenta un importante fattore di rischio per gravi problemi di salute (comorbidità) come: Diabete di tipo 2 Ipertensione Cardiopatia Ictus Apnea da sonno Problemi respiratori Cancro Osteoartrite Valutazione del grado di obesità Il metodo più comune per misurare l obesità è l indice di massa corporea (BMI). Il BMI si ottiene dividendo il peso corporeo in chili per il quadrato dell altezza in metri. Sebbene il BMI non misuri effettivamente il grasso corporeo, tende a rispecchiare abbastanza correttamente il grado di obesità. Non va quindi usato come unico parametro per formulare una diagnosi, ma può essere utile come punto di riferimento generale. Come detto, l indice di massa corporea non distingue fra massa muscolare e grassa, pertanto una persona muscolosa potrebbe essere classificata erroneamente come obesa. Le categorie di obesità adottate nel 1998 dal National Institutes of Health (NIH) sono le seguenti: BMI <19 kg/m 2 Sottopeso BMI da 19 a 24,9 kg/m 2 Normopeso BMI da 25 a 29,9 kg/ m 2 Sovrappeso BMI da 30 a 34,9 kg/ m 2 Obeso BMI da 35 a 39,9 kg/ m 2 Gravemente obeso BMI da 40 a 49,9 kg/ m 2 Patologicamente obeso BMI di 50 kg/ m 2 e superiore Super obeso Per calcolare il BMI del paziente, si può fare riferimento alle tabelle del BMI a pagina 16. I rischi dell obesità patologica Gli obesi patologici presentano la più alta e pericolosa quantità di peso corporeo in eccesso. In altre parole, l obesità patologica viene definita con: BMI 40 peso corporeo almeno due volte superiore a quello ideale L obesità patologica aumenta drasticamente la possibilità di sviluppare patologie che possono determinare significative problematiche fisiche, mentali e sociali potenzialmente fatali. Le persone obese, con un BMI pari a 35 o superiore e con patologie legate all obesità, possono rientrare nei criteri per un trattamento chirurgico bariatrico. PERCENTUALE DI PRESENZA DI PATOLOGIE IN BASE AL BMI Patologia BMI 18,5-24,9 BMI 25-29,9 BMI 30-34,9 BMI 35-39,9 BMI 40 Uomini Donne Uomini Donne Uomini Donne Uomini Donne Uomini Donne Diabete di tipo 2 2,03% 2,38% 4,93% 7,12% 10,10% 7,24% 12,30% 13,16% 10,65% 19,98% Cardiopatie 8,84% 6,87% 9,60% 11,13% 16,01% 12,56% 10,21% 12,31% 13,97% 19,22% Ipertensione 23,47% 23,26% 34,16% 38,77% 48,95% 47,95% 65,48% 54,51% 64,53% 63,16% Osteoartrite 2,59% 5,22% 4,55% 8,51% 4,66% 9,94% 5,46% 10,39% 10,04% 17,19% Fonte: NHANES III,

4 Cause dell obesità Sono molti i fattori che possono portare a questa malattia cronica, come ad esempio: Equilibrio energetico Ingerire una maggiore quantità di calorie rispetto alle reali esigenze dell organismo e, a seconda del metabolismo individuale e del livello di esercizio fisico, determina un aumento di peso. Ereditarietà se altri componenti della famiglia sono obesi, si ha una predisposizione maggiore verso l obesità. Disturbi del metabolismo variazioni del metabolismo, ovvero nel modo in cui il corpo assimila energia dal cibo, possono influenzare l equilibrio energetico ed il peso dell individuo. Alimentazione ed abitudini una dieta non equilibrata, spuntini fra un pasto e l altro e poca attività fisica sono tutti fattori che possono contribuire all obesità. Fattori psicologici Anche mangiare per motivi sociali o emotivi è una delle cause principali del peso in eccesso. Ognuno di questi fattori o una loro qualsiasi combinazione può portare all obesità. La scienza sta cercando soluzioni per risolvere definitivamente questa problematica, intanto l obesità patologica può essere trattata con diversi approcci. OPZIONI TERAPEUTICHE Milioni di persone cercano dapprima di trattare l obesità con diete, esercizio fisico e farmaci. Gli studi indicano che i pazienti obesi non riescono a modificare il proprio regime alimentare o abitudini comportamentali 3 per ottenere un dimagrimento a lungo termine. Le persone patologicamente obese devono fare un ulteriore sforzo per mantenere il dimagrimento ottenuto e risolvere le proprie condizioni di salute. Per questi individui, la chirurgia rappresenta, forse, l opzione migliore per perdere peso e non riacquistarlo. Trattamenti non chirurgici L approccio più comune per dimagrire è quello di seguire una dieta, mangiare meno e fare più esercizio fisico. Tuttavia, molte persone che dimagriscono in questo modo riacquistano rapidamente il peso perso, il che li porta a ulteriori diete, alla sostituzione dei pasti con speciali bibite o all assunzione di farmaci per dimagrire. Il ciclo del dimagrimento e del riacquisto di peso si chiama effetto yo-yo. Sebbene un dimagrimento temporaneo possa aiutare, l effetto yo-yo può anche rendere più difficile dimagrire in futuro. Secondo il National Institutes of Health, il 90% degli individui che segue un programma di dimagrimento non perde peso in modo significativo e duraturo. Gli individui patologicamente obesi dovrebbero prendere in seria considerazione l opportunità di sottoporsi ad un intervento chirurgico per dimagrire quando altre terapie non hanno avuto gli effetti sperati. Trattamenti chirurgici Per gli individui che non sono riusciti a perdere peso o a mantenerlo con i metodi non chirurgici, esiste l opzione della chirurgia. Gli studi 3 dimostrano che la chirurgia bariatrica consente di mantenere un dimagrimento più a lungo rispetto ai trattamenti non chirurgici. Bisogna però tenere presente che un atteggiamento positivo, l autodisciplina e la pianificazione sono la chiave del successo dell intervento chirurgico. La chirurgia restrittiva può aiutare i potenziali pazienti a raggiungere obiettivi a lungo termine solo se fortemente motivati a perdere peso e non riprenderlo. Ci sono diverse categorie di chirurgia bariatrica (cioè per il trattamento dell obesità): Chirurgia restrittiva riduce la quantità di cibo che lo stomaco può contenere ma non interferisce con la normale digestione degli alimenti e delle sostanze nutritive. Chirurgia malassorbitiva riduce il tratto digestivo per limitare il numero di calorie e di sostanze nutritive che possono essere assorbite. Chirurgia mista limita la quantità di cibo che lo stomaco può contenere e riduce il numero delle calorie assorbite modificando il tratto digestivo. Gastroplastica verticale con bendaggio (VBG) La gastroplastica verticale con bendaggio (VBG) è una procedura restrittiva. Il chirurgo impiega uno strumento detto stapler che, tagliando e applicando punti metallici, crea una piccola tasca nello stomaco, limitando così la quantità di cibo che lo stomaco può contenere. Quando lo stomaco è in grado di contenere una minore quantità di cibo, si ha una più veloce sensazione di sazietà. Allo stesso tempo, lo stomaco digerisce le sostanze nutritive e le calorie in modo normale. Vantaggi Sostanze nutritive e vitamine vengono assorbite completamente Procedura chirurgicamente più semplice del bypass gastrico (GBP) o della diversione biliopancreatica (BPD) Minore rischio di perdite anastomotiche (leakage) o di occlusione intestinale rispetto al bypass gastrico o alla 2

5 diversione biliopancreatica Tasso di mortalità inferiore rispetto al GBP o alla BPD Svantaggi Non sempre eseguita con un approccio mininvasivo Implica il taglio dello stomaco e l applicazione di punti metallici Dimagrimento iniziale più lento rispetto al GBP e alla BPD Non regolabile La perdita di tenuta della fila dei punti metallici può determinare il riacquisto del peso La perdita di tenuta della fila dei punti metallici può provocare perdite, infezioni e persino il decesso Reversibilità difficile Diversione biliopancreatica (BPD) La diversione biliopancreatica (BPD) è una procedura per malassorbimento e costituisce un intervento più drastico sullo stomaco, infatti questo viene rimosso per circa tre quarti e la nuova tasca viene collegata al segmento finale dell intestino tenue. Deviando gli alimenti attraverso questo nuovo tratto, le sostanze nutritive non entrano in contatto con la bile e con gli enzimi pancreatici che ne permetterebbero l assorbimento. Di conseguenza, la BPD riduce drasticamente l assorbimento delle sostanze nutritive e l assunzione calorica. Vantaggi Il malassorbimento favorisce inizialmente una maggiore perdita di peso è possibile consumare pasti più abbondanti date le maggiori dimensioni della tasca gastrica Media totale di perdita di peso superiore rispetto alla gastroplastica verticale con bendaggio, al bypass gastrico o al LAP-BAND TM Svantaggi Richiede la sezione dello stomaco e dell intestino Maggior numero di complicanze chirurgiche rispetto al LAP-BAND TM, alla gastroplastica verticale con bendaggio o al bypass gastrico Una porzione del tratto digestivo viene deviato, riducendo l assorbimento di sostanze nutritive essenziali Richiede il monitoraggio del paziente per tutta la vita, per verificare l assenza di malnutrizione proteica, anemia ed osteopatie Maggiore rischio di irritazione intestinale ed ulcere Non regolabile Reversibilità difficile Può verificarsi la sindrome da svuotamento (dumping) Il più alto tasso di mortalità rispetto alle altre procedure Bypass gastrico Il bypass gastrico (noto anche come Roux-en-Y) è un intervento che combina sia elementi restrittivi che malassorbitivi. Durante l intervento chirurgico, lo stomaco viene dapprima sezionato per formare una tasca più piccola, poi questa stessa tasca viene collegata (di solito mediante punti metallici) ad una parte dell intestino (anastomosi), escludendo la maggior parte dello stomaco e parte dell intestino. Il risultato è che non si riescono a mangiare grandi quantità di cibo e che vengono assorbite minori sostanze nutritive e calorie. 3

6 Vantaggi Rapido dimagrimento iniziale È possibile un approccio mininvasivo Perdita media di peso superiore rispetto a LAP-BAND TM o VBG Svantaggi Implica il taglio dello stomaco e dell intestino e l applicazione di punti metallici Maggior numero di complicanze chirurgiche rispetto al sistema LAP-BAND TM Una porzione del tratto digestivo viene esclusa, riducendo l assorbimento di sostanze nutritive essenziali Complicanze mediche dovute a deficienze nutrizionali Può verificarsi la sindrome da svuotamento (dumping) Non regolabile Reversibilità estremamente difficile Tasso di mortalità superiore rispetto alle procedure LAP-BAND TM o VBG Sistema di bendaggio gastrico regolabile LAP-BAND TM Il Sistema di bendaggio gastrico regolabile LAP-BAND TM limita la quantità di cibo che lo stomaco può contenere grazie ad un bendaggio di silicone gonfiabile, posto nella parte superiore dello stomaco. La piccola tasca creatasi nella parte superiore dello stomaco limita la quantità di cibo che può essere assunta, e il ristretto passaggio attraverso il bendaggio ne aumenta il tempo di svuotamento. La conseguente riduzione dell assunzione di cibo determina il dimagrimento. Vantaggi Il minore tasso di mortalità Approccio chirurgico laparoscopico e meno invasivo Nessun taglio o applicazione di punti metallici nello stomaco, nessuna deviazione intestinale Regolabile Reversibile Il più basso tasso di complicanze chirurgiche Svantaggi Dimagrimento iniziale più lento rispetto al bypass gastrico o alla diversione biliopancreatica Programma di controlli regolari essenziale per ottenere buoni risultati Richiede il posizionamento di un dispositivo medico In alcuni casi, l efficacia può essere ridotta per la dilatazione della piccola tasca gastrica In alcuni casi, il dispositivo (port) che permette la regolazione del bendaggio potrebbe perdere e richiedere un piccolo intervento chirurgico di revisione IL SISTEMA LAP-BAND TM Il Sistema LAP-BAND TM è concepito per aiutare il paziente obeso a perdere peso, al fine di risolvere le patologie associate all obesità e migliorare la propria salute. Grazie alla collaborazione dei migliori chirurghi bariatrici di tutto il mondo, è stato sviluppato un nuovo approccio chirurgico che elimina molti dei rischi legati all intervento e offre vantaggi rispetto ad altri trattamenti chirurgici contro l obesità. Questo impegno si è tradotto nella creazione del Sistema LAP-BAND TM : un intervento chirurgico per il trattamento dell obesità, regolabile e reversibile che non richiede né l incisione dello stomaco, né l applicazione di punti metallici, né la deviazione del tratto gastrointestinale per escludere la normale digestione. I vantaggi per i pazienti comprendono minore trauma chirurgico, una più bassa incidenza di complicanze, meno dolore e cicatrici più piccole, oltre che un periodo di degenza ospedaliera e di recupero più breve rispetto agli altri interventi per il trattamento dell obesità. La parola LAP-BAND TM è la combinazione abbreviata di due parole, LAP da laparoscopico, ossia la tecnica chirurgica usata e BAND dal nome del dispositivo medico (gastric band, ovvero bendaggio gastrico). Descrizione del Sistema LAP-BAND TM La digestione del cibo, mentre questo attraversa l apparato digerente (bocca, esofago, stomaco, intestino tenue e crasso), permette al corpo di ricavare l energia necessaria al sostentamento. La digestione ha inizio nella bocca, con la masticazione e la saliva per continuare nello stomaco. Lo stomaco costituisce quindi un luogo di deposito temporaneo 4

7 ESOFAGO FEGATO STOMACO COLECISTI PANCREAS INTESTINO TENUE INTESTINO CRASSO del cibo. Gli enzimi dei succhi gastrici scindono il cibo in modo che l energia possa essere pronta per essere assimilata e trasportata in tutto il corpo dal flusso sanguigno. Il Sistema LAP-BAND TM è un anello in elastomero di silicone progettato per essere posizionato laparoscopicamente attorno alla parte superiore dello stomaco e riempito di soluzione fisiologica nella sua parte interna. Si viene così a creare una nuova tasca gastrica, separata dalla parte più grande dello stomaco che rimane sotto il bendaggio, che avrà uno spazio ridotto per il deposito del cibo e potrà quindi contenere solo una minima quantità di alimenti. Il bendaggio controlla anche il passaggio (l uscita dalla piccola tasca) fra le due parti dello stomaco. Le dimensioni del passaggio regolano il flusso del cibo dalla parte superiore a quella inferiore dello stesso. Quando il passaggio è più piccolo, il cibo transita più lentamente dalla parte superiore a quella inferiore, dando in tal modo una sensazione di sazietà che dura più a lungo e che consente di non avere fame fra un pasto e l altro. Il bendaggio è collegato tramite un tubicino ad un port di accesso che durante l intervento chirurgico viene posizionato sotto la pelle. Successivamente, il chirurgo può variare le dimensioni del passaggio aggiungendo o sottraendo soluzione fisiologica dalla parte interna attraverso il port di accesso. Questo processo di regolazione contribuisce a determinare il dimagrimento. Se il bendaggio è troppo largo e il dimagrimento è inadeguato, l aggiunta di soluzione fisiologica può ridurre le dimensioni del passaggio, limitando ulteriormente la quantità di cibo che si può assumere. Se il bendaggio è troppo stretto, invece, il chirurgo può aspirare una parte della soluzione fisiologica per allargarlo e ridurre la restrizione. Posizionamento del Sistema LAP- BAND TM Il Sistema LAP-BAND TM viene di solito posizionato mediante laparoscopia in anestesia generale. Innanzitutto il chirurgo pratica 5 piccole incisioni nella parete addominale per l inserimento di lunghi e sottili strumenti chirurgici. Attraverso una di queste viene introdotta una telecamera per consentire al chirurgo di vedere l area da operare su un monitor. All altezza della parte superiore dello stomaco viene praticato un piccolo tunnel per introdurre il bendaggio e permetterne il posizionamento attorno ad esso, come si farebbe con un orologio da polso. Il bendaggio viene quindi chiuso in modo sicuro attorno allo stomaco. Il Sistema LAP-BAND TM di solito viene lasciato vuoto o riempito solo parzialmente per le prime 4-6 settimane dopo l intervento. STOMACO SISTEMA LAP-BAND TM TUBO SISTEMA LAP-BAND TM FORO DI ACCESSO Media dell eccesso di peso perso: risultati ottenuti da studi condotti in diversi paesi del mondo Numero Anni dopo l intervento chirurgico per dimagrimento di pazienti Studio pubblicato studiati >5 Rubenstein et al, USA ,3% 46,6% 53,6% - Ren et al, USA % Belachew et al, Belgio % 50% % O Brien et al, Australia % 52% 53% 57% Favretti et al, Italia % 46% 49% 55% Dargent, Francia % 65% 64% - Fielding et al, Australia % - Nota: alcuni chirurghi riportano che a distanza di 5 anni molti pazienti sottoposti a intervento con bendaggio gastrico LAP-BAND TM e by-pass gastrico ottengono una perdita di peso comparabile (55% per LAP-BAND TM e 59% per by-pass gastrico) 11 5

8 Dimagrimento con il Sistema LAP-BAND TM Il Sistema LAP-BAND TM è uno strumento che aiuta il paziente ad ottenere un dimagrimento duraturo, limitando la quantità di cibo che può assumere, riducendo l appetito e rallentando la digestione. Il Sistema LAP-BAND TM, tuttavia, non risolve da solo il problema dell obesità patologica o del peso in eccesso, infatti è fondamentale l impegno del paziente ad adottare un nuovo stile di vita e nuove abitudini alimentari. La perdita di peso varia da paziente a paziente e, sebbene alcuni di questi potrebbero non raggiungere mai il peso ideale, è probabile che con il dimagrimento miglioreranno le condizioni di salute. Rimozione del Sistema LAP-BAND TM Se si verifica un problema con il bendaggio, se il paziente non riesce a perdere abbastanza peso o a mantenere le nuove abitudini alimentari, il chirurgo potrebbe consigliare di rimuovere il bendaggio. Dopo la rimozione del Sistema LAP-BAND TM, lo stomaco ritorna alla sua forma originaria e il tratto digestivo torna a funzionare normalmente, con la successiva possibilità di riprendere peso. Vantaggi del Sistema LAP-BAND TM Trauma minimo L opzione chirurgica meno invasiva Nessuna deviazione intestinale Nessun taglio né uso di punti metallici sullo stomaco o sull intestino Piccole incisioni e cicatrici minime Meno dolore; durata di degenza ospedaliera e periodo di recupero ridotti Meno rischi ed effetti collaterali Abbassamento significativo del rischio di decesso rispetto ad altri interventi bariatrici 12 Nessun rischio di deficienze nutrizionali Nessuna sindrome da svuotamento (dumping) dovuta all assunzione di zuccheri Regolabile Permette un grado di regolazione individuale per un dimagrimento ideale e a lungo termine Regolazioni senza la necessità di ulteriori interventi chirurgici Può essere usato anche in gravidanza, allargando il diametro del bendaggio per adeguarsi alle aumentate esigenze nutrizionali della gestante Reversibile Rimovibile in qualsiasi momento Lo stomaco e gli altri organi riprendono la loro forma e funzioni originarie Efficace dimagrimento a lungo termine Oltre bendaggi gastrici LAP-BAND TM usati in tutto il mondo Scelta preferita da centinaia di chirurghi in tutto il mondo articoli e abstract pubblicati nell'arco di 13 anni Pazienti idonei al posizionamento del sistema lap-band I candidati al posizionamento del sistema LAP-BAND TM rispondono ai seguenti requisiti: 1. Hanno almeno 18 anni 2. Pesano almeno il doppio del loro peso ideale o circa 45 chili in più 3. Sono obesi da almeno 5 anni 4. Hanno provato a dimagrire ma con un successo solo a breve termine. 5. Non hanno disfunzioni che potrebbero essere la causa dell obesità. 6. Sono disposti a modificare drasticamente le proprie abitudini alimentari e lo stile di vita 7. Sono disposti ad essere monitorati periodicamente dal proprio medico 8. Non consumano alcol o zuccheri in quantità eccessive Se il BMI (indice di massa corporea) del paziente non rientra nella classificazione di obesità patologica (quindi 40), potrebbe comunque essere preso in considerazione per l intervento se il BMI è superiore a 35 e vi è una comorbidità associata all obesità. Controindicazioni al posizionamento del Sistema LAP-BAND TM Il Sistema LAP-BAND TM è controindicato nei casi in cui il paziente: 1. Soffre di una malattia infiammatoria o di un disturbo del tratto gastrointestinale, come ulcera, esofagite grave o morbo di Crohn 2. Soffre di una grave cardiopatia o di una malattia ai polmoni che lo rende non idoneo ad essere sottoposto ad interventi chirurgici 3. Soffre di patologie che lo rendono non idoneo ad essere sottoposto ad interventi chirurgici 4. Presenta una malattia che potrebbe causare sanguinamento nell esofago o nello stomaco. Ciò potrebbe includere varici esofagee o gastriche (una vena dilatata), telangiectasia intestinale congenita o acquisita (dilatazione di un piccolo vaso sanguigno) 5. Soffre di ipertensione portale 6. Presenta condizioni anormali congenite o acquisite di esofago, stomaco o intestino 6

9 7. Durante un precedente intervento chirurgico ha subito una lesione o perforazione gastrica, in corrispondenza o in prossimità dell area dove il chirurgo intende posizionare il bendaggio 8. Soffre di cirrosi 9. Soffre di pancreatite cronica 10. E incinta al momento dell impianto del Sistema LAP-BAND TM Successivamente è possibile allargare il bendaggio se il paziente ha bisogno di maggiore nutrimento per ragioni come gravi malattie, gravidanza. In rari casi, potrebbe essere necessario rimuovere il bendaggio 11. E tossicodipendente o alcolizzato 12. Ha meno di 18 anni 13. Ha un infezione in qualsiasi parte del corpo che potrebbe contaminare l area chirurgica 14. Segue un trattamento a lungo termine con steroidi 15. Non è disposto a seguire il programma alimentare necessario per il successo di questa procedura 16. E allergico ai materiali presenti nel dispositivo 17. Non è in grado di tollerare il dolore derivante da un dispositivo impiantato 18. Il candidato o qualcuno della sua famiglia soffre di una malattia autoimmune del tessuto connettivo. Questo potrebbe essere ad esempio lupus eritematoso sistemico o sclerodermia. Lo stesso vale se presenta i sintomi delle suddette patologie Il chirurgo non dovrebbe eseguire l intervento finché il paziente non comprenda i problemi causati dal peso in eccesso e sia pronto a seguire le nuove regole di tipo alimentare e comportamentale. Se il paziente è disposto ad avere un ruolo attivo nel proprio dimagrimento, il chirurgo potrà prendere in considerazione il trattamento. Il paziente dovrebbe essere bene informato sui vantaggi, sugli svantaggi e sui rischi associati all intervento e, soprattutto, se questo è il trattamento appropriato per lui. INTERVENTO CHIRURGICO LAP-BAND TM Prima dell intervento, il chirurgo spiegherà al paziente la procedura chirurgica nel dettaglio ed, in alcuni casi, potrà richiedere al paziente di incontrare il gruppo di supporto post-intervento, fra cui: un dietologo un fisioterapista uno psicologo altri specialisti Il paziente dovrà anche sottoporsi ad un certo numero di esami prima dell intervento, volti a valutarne lo stato di salute. Il paziente sarà ricoverato il giorno o la mattina prima dell intervento. Una volta anestetizzato completamente, in assenza di problemi particolari, l intervento sarà eseguito in laparoscopia. Durante l operazione, il bendaggio del Sistema LAP-BAND TM verrà posizionato attorno alla parte superiore dello stomaco in modo da dividerlo in due parti, creando una piccola tasca gastrica. La parete anteriore dello stomaco al di sotto del bendaggio verrà suturata al di sopra dello stesso per impedirne qualunque movimento. La porzione inferiore dello stomaco resta nella sua posizione normale. Terminata l operazione, il chirurgo potrà allargare o restringere il bendaggio perforando con un ago sottile il port di accesso, posizionato sotto la pelle e collegato mediante un tubicino al bendaggio stesso. Per posizionare il port, il chirurgo allargherà leggermente una delle incisioni praticate per l esecuzione dell intervento. Terminato l effetto dell anestesia, il paziente potrebbe avvertire un certo dolore, che può essere alleviato con dei normali antidolorifici. E importante che il paziente cominci ad alzarsi e muoversi il prima possibile al fine di prevenire coaguli ematici, problemi respiratori e piaghe da decubito. Il giorno dopo l intervento il paziente dovrebbe essere sottoposto ad una radiografia per accertarsi che il Sistema LAP-BAND TM sia stato posizionato nel punto giusto e correttamente. A questo proposito, al paziente potrebbe essere richiesto di bere un mezzo di contrasto visibile ai raggi X. Per l intervento chirurgico di posizionamento del Sistema LAP-BAND TM, la degenza ospedaliera è solitamente inferiore alle 48 ore. Questa potrebbe essere più lunga nel caso di complicanze o se il chirurgo non può eseguire l intervento per via laporoscopica e deve quindi ricorrere alla chirurgia tradizionale (laparotomica). Se non ci sono complicanze, il paziente dovrebbe essere in grado di riprendere le proprie normali attività nel giro di una settimana o due dopo l intervento. DIETA E ALIMENTAZIONE DOPO L INTERVENTO Dopo l intervento chirurgico, il paziente dovrà adottare un nuovo regime alimentare illustratogli dal medico e/o 7

10 nutrizionista, aiutandolo così a modificare correttamente il proprio stile di vita e le abitudini alimentari. È molto importante seguire le istruzioni relative all assunzione di cibo e di bevande subito dopo l intervento in quanto questo permetterà allo stomaco di adattarsi alla nuova situazione e al bendaggio LAP-BAND TM di sistemarsi nella posizione corretta. È importante, specialmente nelle prime settimane, non dilatare la piccola tasca gastrica al di sopra del bendaggio. Questo potrebbe avvenire con il vomito, pertanto è importante evitare qualsiasi fattore che lo provochi. Il vomito, inoltre, può aumentare il rischio che il tessuto dello stomaco scivoli verso l alto attraverso il bendaggio. I primi giorni dopo l intervento Subito dopo l intervento, il paziente potrà bere soltanto un sorso d acqua. Nulla di più. Il giorno dopo, invece, potrà bere delle piccole quantità di acqua o iniziare gradualmente con una dieta liquida. Le quantità devono essere ridotte per prevenire nausea e vomito. Dalla 1 alla 4 settimana Per le prime quattro settimane dopo l intervento, si consiglia di assumere cibi liquidi: Brodo o minestra (senza verdure e carne, e non cremosi) Yogurt magro Latte (preferibilmente magro) Gelatine succo di frutta o purea di frutta Col tempo il paziente potrà lentamente passare agli alimenti solidi, secondo quanto indicato dal medico e/o dal dietologo. Nelle prime settimane potrebbe mangiare alimenti ad alto contenuto calorico che successivamente saranno esclusi dalla sua dieta. Questo perché all inizio è più importante permettere allo stomaco di adattarsi al LAP-BAND TM che perdere peso. In generale, il paziente dovrebbe seguire sempre i consigli del suo medico e del team di supporto. Dalla 5 settimana in poi A questo punto, il paziente potrà iniziare a mangiare minestre leggermente più cremose e dense, per poi passare gradualmente a cibi solidi. Alcuni alimenti, come ad esempio pane, carni rosse e riso, potrebbero causare dei problemi, pertanto è preferibile mangiare cibi molli, più facili da digerire, come carne bianca di pollo o maiale e pesce. È fondamentale che il paziente mastichi bene. Se porta la dentiera, deve tagliare il cibo in piccoli pezzi e masticarli accuratamente. È importante seguire queste semplici precauzioni al fine di evitare vomito, irritazione, gonfiore o eventuali ostruzioni gastriche. Se accade, comunque, che i cibi solidi provochino vomito o nausea, il paziente dovrà tornare alla dieta liquida dei primi tempi e poi ricominciare ad aggiungere cibi molli, per ritornare successivamente a quelli solidi. Il paziente dovrà consultare sempre il medico o il dietologo che conoscono il suo caso specifico. L atto di vomitare potrebbe aumentare l incidenza di scivolamento del bendaggio e dello stomaco o l allargamento della piccola tasca gastrica situata sopra il bendaggio. Il nuovo programma dietetico per il paziente Quando il paziente sarà in grado di assumere cibi solidi senza alcun problema, dovrà fare molta attenzione a ciò che mangia. I liquidi passeranno rapidamente attraverso la tasca gastrica ridotta e non gli faranno provare una sensazione di sazietà. Da questo momento il paziente dovrà evitare le bevande con molte calorie e preferire acqua, brodo, tè e caffè (senza zucchero). Un assunzione eccessiva di cibo o di pezzi grossi di cibo può bloccare il passaggio tra le due parti dello stomaco. Questo problema può essere evitato masticando molto bene e mangiando piccole quantità alla volta. E opportuno consigliare al paziente di consumare solo tre piccoli pasti al giorno, che contengano però una quantità adeguata di sostanze nutritive. Un pasto sano si compone di frutta, verdura, carne, pane e/o latticini. La guida generale, che segue, può aiutare il paziente a cucinare pasti saporiti e sani che contengono una quantità adeguata di sostanze nutrienti, pochi zuccheri e grassi. Il paziente dovrà chiedere sempre al medico e/o al dietologo quali sono gli alimenti che si possono mangiare. Scelte alimentari corrette 1. Frutta e verdure 1-2 porzioni di frutta fresca al giorno 2-3 porzioni di verdura fresca al giorno 2. Pane e cereali 1 piccola porzione di fiocchi di mais per colazione 1-2 fette sottili di pane integrale o di segale al giorno (eventualmente è 8

11 possibile spalmare un velo di margarina o burro sul pane). Nota bene: alcuni pazienti hanno difficoltà a mangiare pane. 3. Carne di manzo, pesce, pollame, uova grammi di carne di manzo, pesce o pollame, oppure un uovo al giorno.togliere dalla carne tutto il grasso visibile ed interamente la pelle dal pollo. Si consiglia di cucinare la carne alla griglia, al vapore, al microonde, o bollita, in modo da utilizzare pochi grassi per la cottura. Nota: alcuni pazienti hanno difficoltà a mangiare carne. 4. Latticini Latte e yogurt sono calorie in forma liquida. Ma contengono calcio e di conseguenza rappresentano una componente importante di una dieta sana, quindi si consiglia di consumare un massimo di 2 tazze di latte scremato o di yogurt a basso contenuto di grassi e 28 grammi di formaggio al giorno. 5. Grassi E importante limitare l uso dei grassi a 3-4 cucchiaini di margarina, burro od olio al giorno. Condimenti per insalata senza grassi sono consentiti in piccole quantità. 6. Bevande Naturalmente è consentito bere senza limiti e fuori dai pasti, le bevande che non contengono calorie, quindi: tè o caffè (nero) con dolcificanti a basso contenuto calorico acqua bevande non gassate a contenuto calorico basso o nullo minestre liquide Alcuni medici hanno indicato che le bevande gassate possono contribuire ad allargare la piccola tasca gastrica, e pertanto vanno evitate. Alimenti da evitare Alcuni alimenti contengono un numero elevato di calorie ma scarso valore nutrizionale, e vanno pertanto evitati il più possibile. Questi alimenti si dividono in: Zucchero e cibi contenenti grandi quantità di zucchero, come: bibite gassate ad alto contenuto calorico sciroppi torte biscotti dolci marmellate miele Alimenti ad elevato contenuto di grassi, tra cui cioccolata crostate patatine pasticcini Anche le bevande alcoliche vanno consumate con moderazione, al massimo un bicchiere di vino al giorno. 10 regole importanti Di seguito vengono elencate dieci regole per l alimentazione e l esercizio fisico che il chirurgo potrà suggerire al paziente al fine di ottenere risultati ottimali con il Sistema LAP-BAND TM. 1) Mangiare solo tre piccoli pasti al giorno 2) Mangiare lentamente masticando bene (masticare un boccone volte) 3) Smettere di mangiare appena si avverte il senso di sazietà 4) Non bere durante i pasti 5) Non fare spuntini tra un pasto e l altro 6) Mangiare solo alimenti di buona qualità 7) Evitare gli alimenti fibrosi 8) Bere a sufficienza durante il giorno 9) Bere solo bevande ipocaloriche 10) Fare esercizio fisico per almeno 30 minuti al giorno VIVERE CON IL LAP-BAND TM L intervento chirurgico è il primo passo sulla strada di un dimagrimento di successo e duraturo. Tuttavia, il paziente dovrà seguire per tutta la vita un programma che lo aiuterà a raggiungere gli obiettivi di dimagrimento fissati. Questo programma includerà visite di controllo con il chirurgo, calibrazioni del bendaggio, e una partecipazione regolare agli incontri con un gruppo di supporto. Collaborare con il chirurgo e con il team di gestione del peso, seguire i loro consigli e comunicare apertamente con loro è fondamentale per il paziente. 9

12 Abituarsi ad una nuova vita Il Sistema LAP-BAND TM viene ristretto o allargato senza bisogno di un intervento chirurgico, usando un ago sottile attraverso il port di accesso per iniettare o aspirare soluzione fisiologica dal bendaggio. Uno dei vantaggi più significativi del sistema LAP-BAND TM è proprio quello di potere regolare il diametro del bendaggio nel normale follow-up. Questa funzione permette al chirurgo di trovare il giusto livello di restrizione per il dimagrimento del paziente. Dopo l intervento chirurgico, il bendaggio viene solitamente lasciato vuoto o solo parzialmente riempito per un certo periodo. Le regolazioni di solito vengono fatte 4-6 settimane dopo l intervento, sebbene il momento esatto vari da un paziente all altro. Insieme al paziente, il chirurgo deciderà quando sarà il momento giusto per la prima regolazione del bendaggio, prendendo in considerazione quanto segue: Il dimagrimento del paziente fino a quel momento. La quantità di cibo che il paziente può consumare senza problemi. L attività fisica svolta. La quantità di liquido già presente nel bendaggio. Il Sistema LAP-BAND TM può rappresentare un modo per ottenere un dimagrimento continuo e sicuro e quindi il paziente dovrà capire che non serve apportare subito delle regolazioni al bendaggio. SISTEMA LAP-BAND TM VUOTO SISTEMA LAP-BAND TM RIEMPITO La motivazione è la chiave per una buona riuscita E importante e strategico per il dimagrimento con il sistema LAP- BAND TM, l impegno che il paziente metterà nel portare avanti il nuovo programma suggerito dal team medico. Il chirurgo non dovrà eseguire l intervento fino a quando il paziente non avrà compreso i problemi legati all obesità e lo sforzo che gli sarà richiesto nel modificare le proprie abitudini alimentari e comportamentali e mantenerle per tutto il resto della propria vita. DOMANDE FREQUENTI D. Il paziente se sentirà molto male dopo l intervento chirurgico? R. Se il paziente prova nausea o altri disturbi frequentemente, potrebbe essere dovuto a tre fattori principali: non mastica abbastanza bene il cibo non sta seguendo correttamente le regole di alimentazione il bendaggio non è posizionato correttamente Bisogna evitare che il paziente vomiti in quanto questo potrebbe causare un allargamento della piccola tasca gastrica o comportare lo scivolamento di parte dello stomaco attraverso il bendaggio, riducendo il grado di successo dell intervento. In alcuni casi, si potrebbe rendere necessario un nuovo intervento chirurgico. D. Quanto tempo richiede il recupero dopo l intervento chirurgico? R. Se l impianto del LAP-BAND TM viene eseguito mediante laparoscopia, i pazienti di solito restano in ospedale meno di 48 ore. Alla maggior parte dei pazienti occorre circa 1 settimana per ritornare al lavoro, e da 4 a 6 settimane per riprendere l esercizio fisico. Nel caso della chirurgia tradizionale, o se si verificano complicanze, il recupero richiede un tempo maggiore. D. Quanto peso potrà perdere il paziente? R. Il dimagrimento varia da un paziente all altro, e la quantità di peso perso dipende dal fatto che il paziente deve impegnarsi a rispettare il nuovo stile di vita e le nuove abitudini alimentari. La chirurgia per il trattamento dell obesità non è una cura miracolosa. È molto importante 10

13 definire fin dall inizio degli obiettivi di dimagrimento realistici. Nel primo anno dall intervento il paziente potrebbe perdere circa 0,5-1 chilo a settimana. Dopo mesi dall intervento, il dimagrimento settimanale diminuirà. E importante che il dimagrimento avvenga in modo graduale, in quanto si potrebbero verificare problemi di salute. L obiettivo principale è ottenere un dimagrimento che prevenga, migliori o risolva le comorbidità legate alla grave obesità. D. Come sono i risultati di dimagrimento con il LAP-BAND TM rispetto a quelli ottenuti con il bypass gastrico? R. Secondo studi medici, i pazienti sottoposti a bypass gastrico dimagriscono più rapidamente nel primo anno. A distanza di 5 anni, tuttavia, molti pazienti con il LAP-BAND TM ottengono un dimagrimento simile. 13,14 E importante sottolineare che il dimagrimento graduale a lungo termine riduce i rischi legati all obesità e migliora la salute del paziente. D. Dopo l intervento chirurgico il paziente dovrà fare visite mediche frequenti? R. Le visite di controllo dal medico sono una parte molto importante del programma post-intervento del Sistema LAP-BAND TM. Molti chirurghi visitano i pazienti tra 2 e 4 volte nel primo mese, e poi ogni 4-6 settimane per il primo anno. Nel corso di alcune di queste visite possono essere effettuate delle regolazioni al LAP-BAND TM. Le visite di controllo vengono fissate ogni 3-6 mesi durante il secondo e il terzo anno, a seconda dei casi. D. Il LAP-BAND TM limita le attività fisiche? R. Il LAP-BAND TM non impedisce le attività fisiche del paziente che potrà normalmente fare ginnastica aerobica, stretching o esercizi fisici più intensi. D. Come viene regolato il bendaggio? R. Le regolazioni vengono di solito eseguite con supporto radiologico, in modo da potere visualizzare chiaramente il port di accesso. Quando vengono usati i raggi X, gli organi riproduttivi del paziente dovranno essere schermati. Le regolazioni possono essere effettuate, allo stesso modo, in uno studio medico o in un ambulatorio, con o senza anestesia locale e supporto radiologico. Un ago sottile viene fatto passare attraverso la pelle fino al port di accesso, per poi aggiungere o sottrarre soluzione fisiologica. Questo procedimento richiede solitamente qualche minuto, e la maggior parte dei pazienti afferma che è pressoché indolore. D. Il paziente deve fare attenzione al port di accesso sottocutaneo? R. Non ci sono precauzioni particolari relative al port. Viene posizionato sotto la pelle sulla parete addominale, e una volta che le incisioni si sono rimarginate non causa alcun disagio né limitazioni all esercizio fisico. L unica sensazione che il paziente potrebbe avvertire si verifica in occasione delle regolazioni. Se, invece, prova un fastidio persistente in corrispondenza del port, deve consultare il proprio chirurgo. D. Il bendaggio può essere rimosso? R. Sebbene il Sistema LAP-BAND TM non sia stato concepito per essere rimosso, in alcuni casi, è possibile la sua rimozione per via laparoscopica. Una volta rimosso il bendaggio, lo stomaco riprende la sua forma originaria, come riportano diversi studi clinici, e di conseguenza il paziente potrebbe riprendere velocemente il peso perso. D. Il paziente dovrà ricorrere ad un intervento di chirurgia plastica per eliminare la pelle in eccesso dovuta al dimagrimento? R. Di solito non è necessario. La chirurgia plastica non deve essere presa in considerazione per almeno un anno o due dall intervento, in quanto a volte la pelle può modellarsi attorno alla nuova forma del corpo. D. Alcuni pazienti affermano che il LAP-BAND TM sembra più stretto al mattino. Come mai? R. Questa è una sensazione piuttosto comune, specialmente per le persone con bendaggi regolati o appena calibrati. Durante il giorno il contenuto di acqua del corpo cambia, e questo potrebbe far sentire il bendaggio più stretto in alcuni momenti. Alcune donne hanno anche notato che il LAP-BAND TM sembra più stretto nel periodo mestruale. D. Il paziente avrà fame con il LAP-BAND TM? R. Il LAP-BAND TM ridurrà la fame del paziente e lo farà sentire sazio in due modi, innanzitutto riducendo la capacità dello stomaco e poi aumentando il tempo che il cibo impiega ad attraversare lo stesso. Se il paziente segue le indicazioni alimentari e mastica bene, non dovrebbe avere fame tra un pasto e l altro. D. Che cosa succede se il paziente si ammala? R. Uno dei principali vantaggi del Sistema LAP-BAND TM è quello di poter essere regolato. Se la malattia richiede che il 11

14 paziente mangi di più, il bendaggio potrà essere allargato, rimuovendo la soluzione fisiologica. Quando il paziente sarà guarito e vorrà riprendere a dimagrire, il bendaggio potrà essere ristretto nuovamente, aumentando la quantità di soluzione fisiologica. In rari casi, se il bendaggio non può essere allentato a sufficienza, potrebbe essere necessario rimuoverlo. D. E che cosa succede in caso di gravidanza? R. Man mano che si dimagrisce, sarà più facile per la paziente di restare incinta. Il ciclo mestruale dovrebbe diventare più regolare. Se la paziente aurà bisogno di mangiare di più durante la gravidanza, il bendaggio potrà essere allentato per poi essere ristretto nuovamente, per consentirle di continuare a dimagrire. D. Il paziente dovrà prendere integratori vitaminici? R. È possibile che l apporto vitaminico dato da questi tre piccoli pasti al giorno non sia sufficiente. Durante le visite di controllo, il medico potrà valutare se il paziente stia assumendo abbastanza vitamina B12, acido folico e ferro ed, eventualmente, suggerire degli integratori vitaminici. D. E potrà prendere altri farmaci? R. Di norma, non ci sono controindicazioni all assunzione di altri farmaci. E consigliabile l uso di capsule o dividere a metà le compresse grandi, oppure dissolverle in acqua per evitare che rimangano bloccate nel passaggio, provocando dei disturbi. D. Come si deve comportare il paziente quando va a mangiare fuori? R. Si consiglia di ordinare solo una quantità ridotta di cibo, come un antipasto e un contorno, e di mangiare lentamente in modo da finire insieme agli altri. D. Vino ed alcolici sono consentiti? R. L alcol contiene molte calorie e distrugge alcune vitamine contenute nel cibo. Sporadicamente il paziente potrà concedersi un bicchiere di vino o una bevanda alcolica senza compromettere l esito del programma di dimagrimento. 15 D. Il paziente potrà mangiare qualsiasi cosa con moderazione? R. Una volta che lo stomaco si sarà abituato al LAP-BAND TM, il paziente potrà mangiare la maggior parte dei cibi. Tuttavia, poiché potrà mangiare poco, è importante che includa nella dieta alimenti ricchi di vitamine e sostanze nutritive (come quelli raccomandati nella sezione sulla nutrizione di questa guida) e segua i consigli del nutrizionista. Alimenti che contengono grandi quantità di zuccheri, grassi o bevande caloriche prive di sostanze nutritive (come i frappé) potrebbero ridurre enormemente, se non addirittura annullare l effetto del LAP-BAND TM. D. Il paziente soffrirà di costipazione? R. Potrebbe esserci una diminuzione del volume delle feci. Si tratta di un fatto normale, come conseguenza di una minore assunzione di cibo e di fibre. Ciò non dovrebbe provocare problemi seri. Se insorgono difficoltà, potrebbe essere consigliabile prescrivere al paziente un leggero lassativo. Si raccomanda sempre di bere molta acqua, minimo 6-8 bicchieri al giorno. Un ultima considerazione: È importante che il paziente rivolga al chirurgo tutte le domande ed i dubbi che ha sulla chirurgia per l obesità e sul Sistema LAP-BAND TM, oltre che seguire i consigli del team medico. GLOSSARIO Anestesia La perdita di sensazioni e sensibilità indotta. Si riferisce anche al processo o ai farmaci usati per produrre questo effetto. L anestesia viene di solito impiegata prima di un intervento chirurgico, in modo che il paziente non provi alcun dolore o disagio. Apnea da sonno La cessazione temporanea della respirazione durante il sonno. Di solito, chi ne soffre si sveglia cercando di prendere fiato. L apnea da sonno può verificarsi ripetutamente, provocando un sonno agitato ed una conseguente sonnolenza durante il giorno. Questa è una delle comorbidità associate all obesità patologica. Bariatrica Si riferisce al ramo della medicina che si occupa della prevenzione e del trattamento dell obesità. Bile Il liquido prodotto dal fegato e diretto nell intestino al fine di contribuire al processo digestivo. Bypass gastrico Una procedura chirurgica per il trattamento dell obesità in cui viene creata una tasca gastrica di circa 20-30cc, utilizzando tecniche che impiegano punti metallici per sezionare lo stomaco e poi collegare l uscita della tasca direttamente all intestino, escludendo la parte inferiore dello stomaco. Il flusso dei succhi digestivi viene tuttavia mantenuto. Questa procedura raggiunge l effetto desiderato limitando il volume e 12

15 l assorbimento di alcuni tipi di cibo. Gli zuccheri e i grassi possono causare il disagio noto come sindrome da svuotamento (dumping). L intervento di bypass gastrico può essere eseguito mediante chirurgia tradizionale (incisione unica) oppure in modo meno invasivo con tecniche laparoscopiche (diverse mini incisioni). Si ottiene un dimagrimento rapido e significativo, ma è associato a tassi superiori di mortalità e complicanze. E anche noto come Roux-en-Y (RNY). Bypass gastrico laparoscopico Metodo mininvasivo di eseguire l intervento di bypass gastrico (vedere la definizione completa di bypass gastrico ). I rischi chirurgici, tuttavia, sono paragonabili a quelli del normale bypass gastrico. Procedura chirurgica dalla grande difficoltà e complessità. Cancro Un termine generico che riguarda oltre 100 malattie potenzialmente fatali caratterizzate dalla crescita anormale e incontrollata di cellule maligne. Queste cellule dannose possono diffondersi localmente o attraverso il flusso sanguigno e il sistema linfatico. Questa può essere una delle comorbidità associate all obesità patologica. Cardiopatia Una delle malattie del cuore e dei vasi sanguigni. Queste malattie, considerate nella loro totalità, sono la causa primaria di mortalità negli Stati Uniti. Chirurgia laparoscopica Un approccio chirurgico mininvasivo in cui il chirurgo pratica delle piccole incisioni per accedere all interno della cavità addominale. Per eseguire l intervento si usano una telecamera lunga e sottile collegata ad una sorgente luminosa e strumenti simili a bastoncini. Rispetto alla grande incisione praticata nella chirurgia convenzionale, questo intervento provoca meno dolore, meno cicatrici e tempi di degenza e di recupero inferiori. Chirurgo bariatrico Un medico specializzato nel trattamento chirurgico dell obesità. Comorbidità Una condizione patologica esistente in aggiunta all obesità e causata o aggravata dall obesità. Con un dimagrimento sufficiente, le comorbidità legate all obesità, come il diabete di tipo 2, l ipertensione e l apnea da sonno generalmente migliorano o si risolvono completamente. Controindicazioni all intervento chirurgico Un fattore che rende sconsigliabile l esecuzione della procedura chirurgica. Diabete di tipo 2 Un disturbo endocrino cronico caratterizzato dall incapacità di utilizzare correttamente lo zucchero e specificatamente il glucosio, un carboidrato semplice. Questa patologia determina livelli eccessivamente alti di glucosio nel sangue. Il diabete comporta una mancanza relativa o assoluta di insulina, un ormone che regola la decomposizione dei carboidrati da parte dell organismo. Gli individui obesi presentano una percentuale superiore di diabete di tipo 2 rispetto alla popolazione normale. Diversione biliopancreatica (BPD) Una procedura chirurgica per il trattamento dell obesità che rimuove circa due terzi dello stomaco e riposiziona l intestino in modo che gli enzimi digestivi entrino a contatto con il flusso degli alimenti nell ultimo tratto digestivo. Questa procedura serve a impedire l assorbimento delle sostanze nutritive e quindi a ridurre drasticamente l assunzione di calorie, anche quando vengono consumati pasti di medie dimensioni. Sebbene questa procedura produca un rapido dimagrimento che è più sostanziale rispetto ad altri interventi chirurgici, comporta anche un rischio superiore di problemi nutrizionali postoperatori (compresa la malnutrizione). Viene definita anche procedura di Scopinaro, dal nome del suo inventore. Enzimi pancreatici Proteine prodotte dal pancreas che contribuiscono a decomporre il cibo durante il processo digestivo. Questo processo origina energia che può essere trasportata in tutto il corpo dal flusso sanguigno. Gastroplastica verticale con bendaggio (VBG) Una procedura chirurgica per il trattamento dell obesità patologica che, applicando punti metallici sullo stomaco, ne riduce le dimensioni ad una tasca di circa 20cc. L uscita della tasca viene rinforzata con un bendaggio a rete di materiale sintetico. Ne risulta una drastica restrizione del volume di cibo che può essere consumato, inducendo la sensazione di sazietà anche solo dopo pochi bocconi. La VBG è un operazione tecnicamente semplice, ma viene raramente eseguita con un approccio mininvasivo. La lacerazione della fila dei 13

16 punti metallici determina il riacquisto del peso perduto. Ictus Un improvvisa perdita della funzione cerebrale dovuta ad un ostruzione o ad una rottura di un vaso sanguigno che porta l ossigeno al cervello. A seconda dell area del cervello interessata, un ictus può determinare problemi di coordinazione muscolare, pronuncia indistinta delle parole, cecità, paresi (debolezza), incoscienza, paralisi, coma o decesso. Può essere associato all obesità patologica. Indice di massa corporea (BMI) Sistema impiegato comunemente per valutare l obesità. Il BMI calcola la massa corporea usando un rapporto matematico tra peso e altezza. Un BMI di 30 o superiore viene considerato come la soglia dell obesità. Un BMI di 40 o superiore generalmente si definisce conme obesità patologica. Si noti tuttavia che la misura del BMI negli atleti potrebbe non costituire un valore accurato dell obesità, in quanto il BMI non fa distinzione fra massa muscolare e grassa. Ipertensione Il termine medico che indica l alta pressione sanguigna. Di solito, significa che un paziente ha una pressione sanguigna di 90/140 o superiore. Negli anziani, questo soglia va leggermente aumentata. Il primo numero si riferisce alla pressione diastolica (ovvero quella del cuore a riposo), mentre il secondo numero rappresenta la pressione sistolica (la pressione dei vasi sanguigni quando il cuore pompa il sangue all esterno). Questa malattia è spesso associata all obesità a causa del peso eccessivo del corpo che il cuore deve sostenere. Obesità Patologia caratterizzata da un peso corporeo in eccesso a causa di un accumulo anormale di grasso. Definita oggettivamente da un indice di massa corporea (BMI) pari o superiore a 30, l obesità è associata ad un significativo aumento dei rischi per la salute. Obesità patologica Lo stadio dell obesità in cui il peso in eccesso comincia ad interferire con le funzioni fisiologiche principali, come la respirazione e la deambulazione. Un indice di massa corporea (BMI) di 40 o superiore indica la soglia dell obesità patologica. Un BMI di 35-39,9 in presenza di comorbidità significative, indica obesità patologica. Osteoartrite Una malattia degenerativa delle articolazioni che si verifica quando la cartilagine delle stesse si logora e le superfici opposte delle ossa creano attrito le une contro le altre. L osteoartrite non deriva da un infiammazione, come l artrite reumatoide. Di solito è accompagnata da dolore e rigidità. Sebbene questa malattia sia presente soprattutto nelle persone anziane, essa è anche associata all obesità, a causa dello sforzo eccessivo delle articolazioni nel sostenere il peso della persona. Passaggio (stoma) Il passaggio tra due parti dello stomaco, la piccola tasca gastrica superiore e lo stomaco inferiore, creato dalla divisione mediante punti metallici o bendaggio regolabile. Questo determina una limitazione della quantità di cibo che lo stomaco può contenere e aumenta il tempo di svuotamento dello stesso. Il LAP-BAND TM permette la regolazione di questo passaggio mediante il gonfiaggio o lo sgonfiaggio della parte interna del bendaggio al fine di modificare il grado di restrizione. Peso ideale Questo termine si riferisce al peso corretto di una persona, determinato dalla sua altezza e corporatura. In altre parole, il peso ideale per una salute e forma fisica ottimali. I calcoli del peso ideale presentano delle limitazioni: a) alcuni non tengono conto della percentuale o della distribuzione della percentuale di grasso del corpo; b) solo alcune tabelle prendono in considerazione l età o le diverse corporature; c) non c è accordo sulla formula o sulla tabella da utilizzare. Il peso ideale resta quindi soggettivo. Reflusso gastroesofageo Il flusso a ritroso degli acidi dello stomaco verso l esofago, dovuto a un malfunzionamento dello sfintere gastroesofageo che si trova tra esofago e stomaco. Può causare pirosi gastrica e bruciore. Quando si verifica ripetutamente, può trasformarsi in malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), in cui l acido dello stomaco può con il tempo provocare la cicatrizzazione dell esofago e altre malattie croniche. Sazietà Lo stato del sentirsi completamente soddisfatti o gratificati. La sazietà equivale alla pienezza completa, la condizione in cui la persona non è in grado di consumare altro cibo. Sindrome da svuotamento (Dumping syndrome) Una reazione fisiologica che può presentarsi a seguito dell intervento di bypass gastrico. Questo intervento ha lo 14

17 scopo di alterare la funzione dello stomaco e dell intestino e di interrompere la normale digestione. Quindi, ogni volta che i pazienti consumano zuccheri e dolci possono riscontrare questa sindrome, caratterizzata da sintomi di nausea, vampate di calore e sudorazione, vertigini e diarrea acquosa. Questa complicanza è stata riportata dalla maggior parte dei pazienti sottoposti a bypass gastrico; non colpisce i pazienti sottoposti ad altri interventi bariatrici. Soluzione fisiologica salina Una soluzione a base di sale (cloruro di sodio), naturalmente presente nei liquidi del corpo. Viene usata per riempire la parte interna del Sistema LAP-BAND TM per regolare il grado di restrizione e il conseguente tasso di dimagrimento. Sovrappeso Una condizione di peso corporeo superiore rispetto agli standard stabiliti. Il peso deriva da ossa, grasso, massa muscolare e/o acqua. E definito come Indice di massa corporea (BMI) tra 25-29,9. RIFERIMENTI 1. Obesity and Overweight - Factsheet - WHO, RAND Health research brief, Sturn, R. The Effects of Obesity, Smoking And Problem Drinking On Chronic Medical Problems and Health Care Costs, Health Affairs. 2002; 21(2): American Society for Bariatric Surgery. Rationale for the Surgical Treatment of Morbid Obesity. 8 April Rubenstein R. Obes Surg 2002; 12: Ren et al. Laparoscopic Adjustable Gastric Banding: Surgical Technique. J of Laparoend & Adv Surg Techniques 2003; 13 (4): Belachew et al. Long-Term Results of Laparoscopic Adjustable Gastric Banding for the Treatment of Morbid Obesity. Obes Surg 263; 8: O Brien et al. Weight loss and early and late complications the international experience. Am J Surg 2002; 184: 42S-45S. 8. Favretti et al. Laparoscopic LAP-BAND TM : A 7-year Experience Involving 830 Patients (Abstract). Obes Surg 2001; 11: Dargent J. Laparoscopic Adjustable Gastric Banding: Lessons from the First 500 Patients in a Single Institution. Obes Surg 1999; 9: Fielding G. LAP-BAND TM - Experience with 620 Cases over Forty-five Months (Abstract). Obes Surg 2000; 10: O Brien et al. LAP-BAND TM : Outcomes and results. J of Laparoend & Adv Surg Techniques 2003; 13 (4): Executive summary: Laparoscopic adjustable gastric banding for the treatment of obesity (Update and Re-appraisal). The Australian Safety and Efficacy Register of New Interventional Procedures - Surgical (ASERNIPS) 2002; 1. (Laparoscopic adjustable gastric banding surgery, like the LAP-BAND TM surgery, is associated with a mean short-term mortality rate of around 0.05% compared to 0.50% for Gastric Bypass and 0.31% for Vertical Banded Gastroplasty.) 13. Clegg A., Colquitt J., Sidhu M.K., et al. The clinical and cost effectiveness of surgery for people with morbid obesity. Health Technology Assessment 2002; 6(12): O Brien et al. LAP-BAND TM : Outcomes and results. J of Laperoend & Adv Surg Techniques 2003; 13 (4): (55% for the LAP-BAND TM vs. 59% for Gastric Bypass). 15. Dixon J., Dixon A., O Brien P. Light to Moderate Alcohol Consumption: Obesity and the Metabolic Syndrome. Am J Bariatric Medicine 2002; 17(4): RINGRAZIAMENTI Questo opuscolo è stato redatto con la collaborazione dei pazienti trattati con il Sistema LAP-BAND TM e dei pazienti in terapia per combattere l obesità grave. Il contenuto è stato tratto in parte dall opuscolo per i pazienti creato dal Professor Paul O Brien di Melbourne, Australia. Hanno contribuito anche il Dott. W. Tuinebreijer di Beverwijk, Paesi Bassi; R. Hörchner di Beverwijk, Paesi Bassi; il Dott. W.L.E.M. Hesp di Dordrecht, Paesi Bassi; il Dott. R. Weiner di Francoforte, Germania; Gabrielle Rabner di New York, Stati Uniti, e diversi dietologi e psicoterapisti. Ringraziamo per la collaborazione tutti coloro che hanno partecipato alla stesura di questo opuscolo. 15

18 TABELLA BMI (KG/M) BMI = KG/M 2 ALTEZZA (M) 1,45 1,5 1,55 1,6 1,65 1,7 1,75 1,8 1,85 1,9 PESO (KG) Indice di massa corporea (BMI) Classificazione Sottopeso Normopeso Sovrappeso Obeso Gravemente Obeso Patologicamente Obeso Super Obeso <19 19 a 24,9 25 a 29,9 30 a 34,9 35 a 39,9 40 a 49,9 50 SI NOTI CHE IL BMI NON DISTINGUE TRA GRASSO E TESSUTO MUSCOLARE. È POSSIBILE CHE UN INDIVIDUO ESTREMAMENTE MUSCOLOSO ABBIA UN VALORE BMI SUPERIORE A 25 SENZA CHE CIÒ COMPORTI ALCUN AUMENTO DEI RISCHI PER LA SALUTE. 16

19 BREVE DESCRIZIONE DELLE INDICAZIONI PER L USO, DELLE CONTROINDICAZIONI, DELLE AVVERTENZE E DEGLI EFFETTI INDESIDERATI DEL SISTEMA LAP-BAND TM Indicazioni: Il Sistema LAP-BAND TM è utilizzato nella riduzione del peso in pazienti gravemente obesi con un indice di massa corporea (BMI) pari ad almeno 40 o con un BMI di almeno 35 ed una o più comorbidità associate, oppure per coloro che sono circa 45 chili o più al di sopra del loro peso ideale. Controindicazioni: Il Sistema LAP-BAND TM non è consigliato per pazienti: con controindicazioni ad interventi chirurgici, con patologie che potrebbero diminuire l efficacia del sistema LAP-BAND TM, che non siano determinati a seguire il regime alimentare richiesto, che siano già in stato interessante. Avvertenze: Il Sistema LAP-BAND TM è un presidio medico-chirurgico a lungo termine. In alcuni casi potrebbe essere necessario procedere alla rimozione e/o sostituzione. Potrebbe rendersi necessario desufflare il bendaggio nei pazienti che dovessero ammalarsi gravemente o che avessero bisogno di una dieta meno ristretta, e nelle pazienti che dovessero restare incinte. La modalità della perdita di peso sarà meno rapida e più graduale rispetto a quella ottenibile con l intervento di bypass gastrico, e la regolazione del bendaggio dovrà procedere gradualmente. Agenti antinfiammatori, come l aspirina, vanno usati con cautela e potrebbero contribuire ad aumentare il rischio di erosione del bendaggio. Questa breve descrizione non contiene tutte le controindicazioni e le avvertenze, né tutti gli eventi indesiderati. Informazioni più dettagliate sui rischi sono disponibili sul sito Importante: Questa è solo una breve guida. Il paziente deve sempre fare riferimento ad un chirurgo bariatrico relativamente ai rischi e benefici dei trattamenti chirurgici dell obesità. ATTENZIONE: La vendita di questo dispositivo è limitata ai medici o dietro prescrizione medica. Il Sistema LAP-BAND TM non contiene né lattice né gomma naturale.

20 PER ULTERIORI INFORMAZIONI SULL OBESITÀ PATOLOGICA E SUL SISTEMA LAP-BAND TM, CHIAMARE IL: IL DISPOSITIVO MEDICO POSSIEDE MARCHIO CE ED È APPROVATO DALLA FDA IL SISTEMA DI BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE LAP-BAND TM NON CONTIENE NÈ LATTICE NÈ MATERIALI DI GOMMA NATURALE ATTENZIONE: IL SISTEMA E GLI ACCESSORI LAP-BAND TM POSSONO ESSERE VENDUTI SOLAMENTE AI MEDICI OPPURE DIETRO PRESCRIZIONE MEDICA TM MARCHIO DEPOSITATO DI PROPRIETÀ ALLERGAN, INC ALLERGAN, INC., IRVINE, CA TUTTI I DIRITTI RISERVATI MATERIALE AD USO ESCLUSIVO DEL MEDICO LB2-M944-IT 02/07

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

Sedalfam. Descrizione

Sedalfam. Descrizione L attenzione al peso corporeo e all indice glicemico e ad un corretto metabolismo non è solo oggetto di interesse estetico, ma di importanza fondamentale per la prevenzione di molte malattie quali diabete,

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH ...Sentiamo parlare sempre piú spesso di FIBRE: - Quale é il loro ruolo nell organismo? - Quale é la quantitá consigliata? - Quante bisogna mangiarne giornalmente? Vuoi aumentare energia e benessere? Prova

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

Viaggio delle sostanze nutritive

Viaggio delle sostanze nutritive Viaggio delle sostanze nutritive Il cibo che assumiamo contiene sostanze nutritive per la produzione di nuove cellule Gli alimenti però devono essere ridotti in molecole Esistono 4 fasi fondamentali 1)

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO Modulo informativo per il paziente Il posizionamento di palloncino intragastrico è indicato per l uso temporaneo nella terapia mirata

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH L evoluzione della nutrizione negli ultimi decenni accompagna effetti nutrizionali positivi ma anche negativi! Gli scienziati hanno constatato una diminuzione della DENSITÁ delle vitamine e i minerali

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE Perché rivolgersi al Medico di Famiglia? COME LO MISURIAMO? Con mezzi molto semplici, in ambulatorio 1 COME LO MISURIAMO? Uno sfingomanometro per misurare la pressione COME LO

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Questionario. Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori

Questionario. Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Questionario Alimentare (FQ) Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre" 28 Novembre 2014, Bologna

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane Al fine di perdere peso e costruire muscoli in modo efficace, sono necessari cambiamenti nella tua dieta e un adeguato esercizio fisico

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Interventi di restrizione gastrica

Interventi di restrizione gastrica CENTRO PER LA CURA DELL'OBESITA' E CHIRURGIA MINI INVASIVA Responsabile - Dott. Alessandro Giovanelli Interventi di restrizione gastrica a) Palloncino intragastrico: Il PALLONCINO POSIZIONATO NELLO STOMACO

Dettagli

Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: CRESCERE BENE

Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: CRESCERE BENE Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: CRESCERE BENE Premessa: Studi recenti hanno messo in luce come, anche in Italia, stia ormai emergendo il problema dell obesità infantile. Come è noto si

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 5 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico, Dott., per proseguire

Dettagli

Cosa è il cancro colorettale

Cosa è il cancro colorettale Cosa è il cancro colorettale La maggioranza dei cancri colorettali si sviluppa da un ingrossamento non-maligno nel grosso intestino conosciuta come adenoma. Nelle prime fasi, gli adenomi assomigliano a

Dettagli

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 2014 questionario SCHEDA PAZIENTE 1. Provincia... 2. Data... 3. Sesso... A) M B) F 4. Età...

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS

LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS 4 Semplici passi per creare il tuo stile di vita 1. Decidi cosa vuoi e cosa credi = cosa vuoi ottenere e

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO) EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 CENNI STORICI Cos è EXPO: EXPO = Esposizione Universale EXPO = esposizione a carattere INTERNAZIONALE. Ogni EXPO

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

Quanto dura l effetto. Limite di età A partire dai 12 anni A partire dai 18 anni. Dove agisce. Modalità d assunzione

Quanto dura l effetto. Limite di età A partire dai 12 anni A partire dai 18 anni. Dove agisce. Modalità d assunzione Bruciore di stomaco? La conoscete? È quella sensazione bruciante dietro lo sterno, ad es. dopo aver mangiato determinati cibi o in situazioni di stress. Oppure quel liquido dal sapore acido o salato, nella

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

La digestione degli alimenti

La digestione degli alimenti La digestione degli alimenti Le sostanze alimentari complesse (lipidi, glucidi, protidi) che vengono introdotte nell organismo, devono subire delle profonde modificazioni che le trasformano in sostanze

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9 Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 10 ASL LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI Il problema dell obesità e del sovrappeso nei bambini ha acquisito negli ultimi anni un importanza crescente, sia per

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Informazioni generali La chirurgia dell obesità non è chirurgia estetica; è destinata a Pazienti che abbiano

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA Definizione Sensazione generica di fastidio cronico o ricorrente localizzata ai quadranti addominali superiore e che insorge in assenza di patologie organiche

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

Cosa dovete sapere sulla gotta

Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno In breve gli aspetti importanti sollevare questa pagina. Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno Informazioni per i pazienti «Gotta» Informazioni per i pazienti «Gotta»

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE anno scolastico 2008 2009

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE anno scolastico 2008 2009 PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE anno scolastico 2008 2009 Educare i bambini ad acquisire e mantenere sane abitudini alimentari rappresenta un importante intervento di promozione alla salute Il progetto

Dettagli

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A.

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A. Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA Responsabile Dott. A. Paccagnella Una breve premessa Se sfogliamo un giornale femminile, viaggiamo

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON COSTELLAZIONI DI SINTOMI CHE VANNO DALLA SEMPLICE IRREGOLARITA DELL ALVO SEVERO SANGUINAMENTO SEVERA INFIAMMAZIONE ADDOMINALE LOCALIZZAZIONE Sulla parete del colon dove

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

OBESITA. 11 Aprile 2013

OBESITA. 11 Aprile 2013 OBESITA 11 Aprile 2013 L obesità è una patologia cronica caratterizzata dall eccessivo accumulo di tessuto adiposo nell organismo ed è causata da fattori ereditari e non ereditari che determinano un introito

Dettagli

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano XXXII. Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013

Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano XXXII. Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013 XXXII Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013 Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano SmartFood: progetto di ricerca e divulgazione scientifica

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA 35 Perché si diventa grassi? INTRODUZIONE DI ENERGIA DISPENDIO DI ENERGIA Cibo Bevande Esercizio fisico Metabolismo Si diventa grassi quando le calorie in entrata superano

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Aspetti scientifici del ferro cosa si sa e cosa no

Aspetti scientifici del ferro cosa si sa e cosa no L'organizzazione settoriale dell'economia svizzera della carne Proviande società cooperativa Finkenhubelweg 11 Casella postale CH-3001 Berna +41(0)31 309 41 11 +41(0)31 309 41 99 info@proviande.ch www.carnesvizzera.ch

Dettagli

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 FRIULI CENTRALE Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE Partita IVA e Codice Fiscale 02801610300 ALLEGATO

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli