Il credito di imposta per gli investimenti: alcune considerazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il credito di imposta per gli investimenti: alcune considerazioni"

Transcript

1 Il credito di imposta per gli investimenti: alcune considerazioni Raffaello Bronzini 1 POLITICHE PUBBLICHE Si discute dell efficacia che, sul piano teorico ed empirico, può essere attribuita all introduzione del credito di imposta come strumento di incentivazione degli investimenti. Si ritiene che, per l economia siciliana, interventi che operino esclusivamente sul fronte dei costi non siano sufficienti a innescare investimenti addizionali Per contrastare la negativa fase economica è stato introdotto di recente in Sicilia un credito d imposta per i nuovi investimenti effettuati nella regione. L aiuto, che diminuisce al crescere della dimensione delle imprese (per le piccole è del 40%, per le più grandi del 24%), si applica alle spese per i beni di investimento materiali e immateriali 2. Poiché il fine della policy è quello di stimolare l acquisto di beni capitali, una misura di questo tipo può ritenersi efficace solo se è in grado di attivare investimenti addizionali, quelli cioè che senza l intervento non sarebbero stati effettuati. In questo lavoro, dopo aver esaminato gli effetti degli incentivi fiscali per gli investimenti sul piano teorico ed empirico, si formuleranno alcune considerazioni sugli aiuti alle imprese di questa natura in aree economicamente svantaggiate come il Mezzogiorno. 1. Il credito d imposta nella teoria economica Il credito d imposta è un tradizionale strumento di policy utilizzato per sostenere l attività di investimento del settore privato. L incentivo consente di maturare un credito sulle imposte dovuto all erario per un ammontare pari a una certa percentuale delle spese per investimenti. La misura avrebbe un effetto espansivo sulla domanda di beni capitali perchè riduce il costo effettivo dell investimento e quindi ne aumenta la profittabilità attesa. Il credito può essere introdotto in modo permanente, come misura per innalzare il livello di capitale di equilibrio e la produttività del lavoro, o in modo temporaneo, per stimolare la domanda in una fase negativa del ciclo economico. La maggior parte degli studi teorici basati su analisi di equilibrio parziale concludono che un credito di imposta permanente riducendo il costo del capitale di lungo periodo ne accresce il livello di 1 Banca d Italia, Area Ricerca Economica e Relazioni Internazionali, Via Nazionale 191, Roma. Desidero ringraziare Luigi Cannari per gli utili suggerimenti. Le opinioni espresse in questo intervento sono personali e non riflettono quelle dell Istituto di appartenenza. 2 I settori interessati dalla misura sono: estrattivo, manifatturiero, turistico, agro-alimentare e quelli legati all information e communication technology. Cfr. la LR n.11 del 17 novembre 2009 e la Circolare n. 1 del 4 marzo 2011 dell Assessorato dell Economia della Regione Sicilia.

2 equilibrio di lungo termine 3. Questi modelli però non tengono conto dei potenziali effetti indiretti generati dalla policy che possono attenuare, a volte anche annullare, gli effetti espansivi della misura. In primo luogo quelli sul tasso d interesse e il prezzo dei beni capitali. Se il credito d imposta interessa un vasto numero di imprese e l offerta di risparmio e di beni di investimento non sono perfettamente elastiche, l aumento della domanda di risorse finanziarie e di beni capitali potrebbe favorire l aumento del tasso d interesse e del prezzo dei beni di investimento, spiazzando almeno in parte la riduzione del costo indotto dallo sgravio 4. Inoltre, se nei modelli teorici ci si allontana dall ipotesi di un perfetto accesso ai mercati di capitali e si introduce una funzione di investimento che dipende anche dall autofinanziamento, allora la risposta degli investimenti al credito d imposta potrebbe essere almeno ritardata se non ridotta 5. Appare quindi evidente che in analisi di equilibrio generale, in cui si tiene conto anche di questi, come di altri possibili effetti di retroazione, l effetto del credito d imposta sugli investimenti possa essere ridotto, in certi casi in misura sostanziale. Tuttavia, tanto più si è lontani da un economia di pieno impiego dei fattori produttivi e tanto meno diffusa è tale misura, tanto minori saranno i rischi di innescare i menzionati effetti di spiazzamento. Allo stesso tempo, se prevale l incertezza o le aspettative sono di tenore negativo, i rendimenti attesi dell investimento potrebbero essere insufficienti a coprire il costo, anche in presenza dello sgravio. In queste circostanze misure tese a migliorare le aspettative e le prospettive di crescita, come quelli rivolti all offerta, potrebbero essere più efficaci. Nel caso di un intervento temporaneo, l incentivo non cambierà il costo e il livello di equilibrio del capitale di lungo termine. L effetto espansivo si avrebbe pertanto solo nel breve periodo: per sfruttare il vantaggio fiscale quando la misura è attiva, le imprese tenderanno ad anticipare gli investimenti che comunque avrebbero effettuato in un momento successivo (o a posticiparli, se sono in grado di prevedere con sufficiente anticipo l introduzione della policy). Si avrebbe quindi un espansione degli investimenti nel breve, ma nel lungo termine l impatto sul livello di capitale sarebbe nullo. Si noti che un effetto solo nel breve termine non è necessariamente una misura di insuccesso della policy se l intervento è adottato per sostenere la domanda in una fase critica del ciclo. 2. Analogie e differenze con altri strumenti di incentivazione degli investimenti. Il credito d imposta, come i sussidi agli investimenti, riduce il costo dell investimento. Tuttavia, rispetto agli incentivi diretti presenta alcune importanti differenze. Innanzitutto premia solo le imprese profittevoli che presentano debiti nei confronti dell erario. Se l intenzione del policy maker è quello di agevolare le imprese migliori, più produttive, il credito d imposta potrebbe essere uno strumento più 3 Si veda ad esempio Hall e Jorgenson (1967) e la rassegna di Hassett e Hubbard (1996). 4 L effetto degli incentivi sul prezzo dei beni capitali è stato studiato da Goolsbee (1998). 5 Sulla relazione tra investimenti e autofinanziamento (cash flow) si veda: Fazzari et al. (1988).

3 adatto del sussidio. D altra parte, le imprese più produttive sono anche quelle potenzialmente meno bisognose degli incentivi, in quanto più in grado di ottenere le risorse finanziarie per effettuare l investimento; per questa ragione il credito d imposta potrebbe essere capace di attivare minori investimenti addizionali rispetto ai sussidi. In secondo luogo, a differenza di altre forme di agevolazioni che sono sottoposte a provvedimenti di tipo valutativo (in cui il procedimento amministrativo valuta nel merito l istanza prodotta dall impresa per il conseguimento dell agevolazione), il credito d imposta rientra tra gli strumenti di tipo automatico in cui la valutazione di merito è assente. In questo caso l accesso alle agevolazioni è subordinato solo alla verifica formale degli atti e documenti necessari per la fruizione dei benefici. Tali strumenti sono stati giudicati favorevolmente rispetto alle forme di incentivazione di tipo valutativo: l assenza di un momento valutativo implicherebbe la riduzione delle possibili distorsioni di carattere amministrativo nella gestione dell incentivo. Inoltre, l automatismo assicurerebbe vantaggi anche per l impresa utilizzatrice, come la certezza dell agevolazione, la rapidità e la snellezza delle procedure, l assenza di intermediari, la riduzione dei costi di accesso allo strumento. Queste caratteristiche porterebbero a un aumento dell efficacia dell aiuto, in quanto la misura influenzerebbe con maggiore probabilità il rendimento atteso dall imprenditore per l investimento. A questi aspetti positivi si contrappongono, d altronde, considerazioni meno fiduciose sull efficacia di tale forma di agevolazione. L assenza di un momento valutativo potrebbe ridurre la capacità di discriminare con precisione i soggetti e gli investimenti meritevoli. Inoltre, mentre il credito d imposta viene attribuito all impresa a fronte di investimenti già realizzati, per altri interventi di tipo valutativo l agevolazione viene concessa alle imprese che hanno fatto domanda, ma che ancora non hanno effettuato l investimento. Se le imprese hanno vincoli di natura finanziaria, questo aspetto implicherebbe una minore addizionalità del bonus fiscale rispetto agli incentivi diretti. 3. L evidenza empirica L efficacia degli incentivi fiscali per gli investimenti, e quindi dell introduzione di un credito d imposta, è da tempo oggetto di verifica empirica 6. Da un primo gruppo di studi, effettuati in gran parte sull esperienza degli Stati Uniti, emerge sia una relazione negativa tra il costo del capitale e l attività di investimento e sia l efficacia delle agevolazioni fiscali nel promuovere la spesa per beni capitali 7. Non c è tuttavia consenso sulla dimensione di questo effetto. Nei lavori più recenti, infatti, si mostra che se si tiene conto in modo più completo dei fattori che influenzano l attività di investimento, 6 Il lavoro pionieristico di questo filone di letteratura è quello di Hall e Jorgenson (1967). Sul credito d imposta per incentivare la ricerca e lo sviluppo, uno strumento molto utilizzato che tuttavia qui non prenderemo in esame, si veda la rassegna di Hall e Van Reenen (2000) e Bloom et al. (2002). 7 Le conclusioni raccolte in Hassett e Hubbard (1996) e quelle del lavoro di Auerbach e Hassett (1992) vanno ad esempio in questa direzione.

4 come l autofinanziamento delle imprese (cash flow), il costo del capitale diviene molto meno importante nello spiegare l attività di investimento 8. Con un elasticità dell investimento al costo del capitale ridotta in modo sostanziale, l effetto di un credito d imposta diventa marginale. Dalla letteratura più recente emergono peraltro ulteriori risultati interessanti. In primo luogo, si mette in luce che uno sgravio fiscale introdotto in alcune aree, se efficace nell espandere gli investimenti nell area in cui è in vigore, può innescare uno spiazzamento degli investimenti effettuati nelle aree limitrofe che non possono beneficiare dello sgravio 9. In secondo luogo, si dimostra come gli incentivi temporanei possano innescare fenomeni di sostituzione intertemporale degli investimenti. Nel periodo in cui l incentivo è attivo l attività di investimento si espande, ma solo a scapito del periodo successivo in cui questa si contrae rispetto al livello di partenza 10. Infine, si fa vedere che gli incentivi possono far crescere i prezzi dei beni capitali a causa di un offerta di beni d investimento inelastica nel breve periodo; in questo caso gli incentivi genererebbero limitati investimenti addizionali, ma avvantaggerebbero sostanzialmente i produttori di beni strumentali 11. Riguardo all esperienza italiana, due lavori hanno valutato l efficacia del credito d imposta per gli investimenti introdotto con la legge 388 del 2000, una delle principali misure di incentivazione degli investimenti del decennio scorso (si veda: Bronzini et al., 2008 e Caiumi, 2010). Diversamente da altri schemi il beneficio fiscale quello della legge 388 era esteso anche alle imprese che non conseguivano un utile di esercizio (e quindi con imposte sul reddito da versare); il credito d imposta poteva essere dedotto da qualunque pagamento dovuto all Erario. Il programma limitava l eleggibilità alle sole regioni del Mezzogiorno (più poche aree del Centro Nord), con un intensità di aiuto variabile tra le regioni eleggibili. Entrambe le analisi empiriche portano a conclusioni simili: gli incentivi erogati attraverso il credito d imposta sembrano siano stati efficaci nello stimolare investimenti addizionali, quelli cioè che in assenza dell incentivo non sarebbero stati effettuati. Tuttavia Caiumi (2010) mostra come, almeno in parte, l incentivo abbia innescato un effetto di sostituzione intertemporale 12. All efficacia del programma intesa come la capacità di stimolare investimenti addizionali - potrebbe aver contribuito la sua atipicità, il non essere cioè stato circoscritto alle sole imprese in utile; 8 Nel lavoro di Chiriniko et al. (1999) ad esempio, anch esso basato sui dati per gli Stati Uniti, l elasticità degli investimenti al costo d uso del capitale è pari a -0,25, un valore di gran lunga inferiore a quello stimato dai precedenti studi in cui l elasticità si avvicinava all unità. 9 Questo è il principale risultato di Chirinko e Wilson (2008) che studiano l impatto degli incentivi tramite credito di imposta introdotti nella quasi totalità degli stati degli Stati Uniti. Gli autori trovano che il credito d imposta introdotto in uno stato ha un effetto positivo sugli investimenti effettuati all interno dello stato in cui il credito d imposta è attivo, ma un effetto negativo sugli investimenti negli stati limitrofi. 10 Con riferimento agli incentivi erogati tramite la Legge 488 del 1992 in Italia questo è il risultato che emerge dal lavoro di Bronzini e de Blasio (2006). 11 Su questo punto si veda il lavoro di Goolsbee (1998). 12 Per la limitata disponibilità di dati Bronzini et al. (2008) non sono in grado di verificare compiutamente se l impatto della misura possa aver innescato effetti di sostituzione, sebbene anche da questo lavoro emergano segnali analoghi

5 queste ultime, infatti, rispetto alle imprese che conseguono profitti nulli o negativi, hanno minori probabilità di essere razionate dalle banche e dunque anche maggiori possibilità di finanziare lo stesso ammontare di investimenti anche in assenza del credito d imposta 13. In altre parole hanno potuto accedere a questo strumento le imprese più bisognose dell incentivo. La principale limitazione della misura tuttavia risiedeva nella difficoltà di tenere sotto controllo l utilizzo di risorse pubbliche. Nell esperienza concreta della legge 388 l insostenibilità fiscale è stato il motivo che ne ha determinato un drastico ridimensionamento. 4. Alcune considerazioni sull introduzione del credito d imposta in Sicilia Passiamo ora a formulare alcune considerazioni sull introduzione del credito d imposta in Sicilia. Da un lato il giudizio che può essere dedotto dall esperienza passata appare positivo. Dato poi il carattere locale dell incentivo, è poco probabile che questo intervento generi fenomeni di spiazzamento, come un aumento del costo del credito o la crescita dei prezzi dei beni capitali. Ci sono però alcune considerazioni che spingono a guardare con meno ottimismo l introduzione di incentivi di questo tipo. Innanzitutto, perché in una fase economica in cui prevale l incertezza è possibile che un intervento che opera sul costo dell investimento non sia sufficiente a innescare investimenti addizionali. Se non si cambia la cornice economica e sociale l introduzione dell incentivo fiscale potrebbe premiare principalmente le imprese che avrebbero investito anche in assenza dello sgravio, senza produrre effetti addizionali. Un ulteriore elemento che induce a non sopravvalutare tale misura è l esperienza raccolta dai precedenti studi sugli effetti degli incentivi agli investimenti nel nostro Paese. Bronzini e de Blasio (2006) trovano che il beneficio dei sussidi erogati tramite la legge 488 è stato solo temporaneo: nel lungo termine non c è stato un aumento del livello di capitale a causa di un effetto di sostituzione intertemporale. In Cannari, de Blasio e D Aurizio (2007) ci si basa sull indagine sulle imprese industriali condotta dalla Banca d Italia nel 2006 in cui, per valutare gli effetti delle agevolazioni agli investimenti, è stato chiesto alle imprese di indicare le azioni che avrebbero intrapreso in assenza delle misure di incentivazione (nell indagine ci si è riferiti a tutte le agevolazioni per gli investimenti). I risultati sono piuttosto scoraggianti: oltre due terzi delle imprese agevolate hanno risposto che in assenza di tali aiuti avrebbe effettuato lo stesso ammontare di investimenti negli stessi progetti; circa il 6% di imprese avrebbe destinato lo stesso ammontare di investimenti a progetti in parte differenti; e solo poco più di un impresa su quattro ha dichiarato che in assenza di aiuti avrebbe effettuato minori investimenti. In conclusione, dall indagine si ricava che il beneficio degli aiuti è risultato modesto in rapporto alle risorse impiegate: per le imprese del Sud gli investimenti addizionali non raggiungono il 20% delle risorse. 13 Bronzini e de Blasio (2006) argomentano come questi aspetti possano essere stati alla base della ridotta efficacia della Legge 488.

6 In terzo luogo, non è escluso che la misura possa penalizzare gli investimenti nelle altre regioni meridionali o quelle centro-settentrionali in cui tale incentivo non è attivo. Tale preoccupazione è rafforzata dal fatto che una parte importante degli investimenti nel Mezzogiorno è effettuata da imprese di grandi dimensioni che hanno sede legale nel Centro Nord e insediamenti produttivi in più aree 14. Non è da escludere che tali imprese, per beneficare dell incentivo fiscale, aumentino gli investimenti nella regione dove l incentivo è attivo ma a scapito di quelli effettuati nelle altre aree. Con il venire meno dell incentivo si tornerebbe dunque a investire altrove, se l aiuto non riesce ad avviare un circolo virtuoso duraturo di recupero della produttività e della competitività. Infine, ma non per questo meno importanti, ci sono alcune considerazioni da fare sul costoopportunità dell adozione di questi interventi. Diversi studi hanno messo in luce come nel Mezzogiorno la qualità dei servizi pubblici sia inferiore a quella che si registra nelle regioni centro settentrionali. Si tratta di servizi collettivi come i trasporti, l istruzione, la giustizia, la sanità, quelli di supporto alle famiglie; molti di questi sono gestiti a livello locale 15. Intervenire in questi settori non solo può migliorare la qualità della vita dei cittadini meridionali, ma può anche rendere il contesto socioeconomico in cui operano le imprese più efficiente. In una fase in cui esistono stringenti vincoli per la finanza pubblica è bene valutare con estrema attenzione l opportunità di utilizzare le poche risorse disponibili per agevolazioni che spesso hanno natura temporanea, il cui effetto è incerto e che possono generare una vasta gamma di effetti distorsivi, piuttosto che per migliorare la qualità di questi o altri servizi pubblici che possano accrescere la produttività e l efficienza del sistema economico locale. 14 Si veda ad esempio D Aurizio e Ilardi (2011) e Santioni (2011). 15 Si veda ad esempio Alampi et al. (2010), Bianco e Sestito (2010), Cannari et al. (2010), Carmignani e Giacomelli (2009), Cipollone et al. (2010).

7 Riferimenti bibliografici Alampi D., Iuzzolino G., Lozzi M. e Schiavone A., La sanità, in Banca d Italia (2010). Auerbach, A.J. e Hassett K. (1992), Tax policy and business fixed investment in the United States, Journal of Public Economics, 47(2), Banca d Italia (2009), Mezzogiorno e politiche regionali, Seminari e convegni n. 2. Banca d Italia (2010), Il Mezzogiorno e la politica economica dell Italia, Seminari e convegni n. 4. Banca d Italia (2011), L integrazione economica tra il Mezzogiorno e il Centro Nord, Seminari e convegni n. 9. Bianco M. e Sestito P., I servizi pubblici locali, in Banca d Italia (2010). Bloom N., Griffith R. e Van Reenen J. (2002), Do R&D tax credits work? Evidence from a panel of countries , Journal Public Economics, 85, Bronzini R. e de Blasio G. (2006), Evaluating the impact of investment incentives: The case of Italy s Law 488/1992, in Journal of Urban Economics, 60, pp Bronzini R., G. de Blasio, G. Pellegrini e A. Scognamiglio (2008), La valutazione del credito d imposta per gli investimenti, Rivista di Politica Economica, 98(7-8), Caiumi A. (2010), The evaluation of the effectiveness of tax expenditures: A novel approach, Institute for Studies and Economic Analysis (ISAE), Rome, working paper n Cannari L., de Blasio G. e D Aurizio L. (2007), The effectiveness of investment subsidies: evidence for survey data, Rivista Italiana degli Economisti, 12(3), p Cannari L., Magnani M. e Pellegrini G. (2010), Critica della ragione meridionale. Il Sud e le politiche pubbliche, Bari, Laterza. Carmignani A. e Giacomelli S., La giustizia civile in Italia: i divari territoriali, in Banca d Italia (2009). Chirinko R., Fazzari S. e Meyer A. (1999), How responsive is business capital formation to its user cost? An exploration with micro data, Journal of Public Economics, 74, Chirinko R. e Wilson D. (2008), State investment tax incentives. A zero-sum game?, Journal of Public Economics, 92, Cipollone P., Montanaro P. e Sestito P., L istruzione, in Banca d Italia (2010). D Aurizio L. e Ilardi G., Occupazione e investimenti nel Mezzogiorno: il ruolo delle imprese del Centro Nord. In Banca d'italia (2011) e in corso di pubblicazione presso QA-Rivista dell Associazione Rossi-Doria. Fazzari S., Hubbard G. e Petersen B., (1988), Financial constraints and corporate investment, Brookings Papers on Economic Activity, 1, Goolsbee, A. (1998), Investment tax incentives, prices, and the supply of capital goods, Quarterly Journal of Economics 113(1), Hall, R. E. e Jorgenson D.W. (1967), Tax policy and investment behavior American Economic Review 57, Hall B.H. e J. Van Reenen (2000), How effective are fiscal incentives for R&D? A review of the evidence, Research Policy, 29(4-5), Hassett K. e Hubbard G. (1996), Tax policy and investment, NBER, Working Papers n Santioni R., I gruppi di imprese in Italia: un analisi tra macroaree, in Banca d Italia (2011) e in corso di pubblicazione presso la Rivista di economia e statistica del territorio.

Note di stabilità finanziaria e vigilanza

Note di stabilità finanziaria e vigilanza Note di stabilità finanziaria e vigilanza N. 1 Aprile 2014 1. Il trattamento fiscale delle perdite su crediti: il vecchio regime... 2 2. Gli effetti della nuova disciplina... 4 3. Il rafforzamento dell

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

Nel 2015 minori vantaggi fiscali IRAP per le imprese del Sud, 1.192 euro contro 1.245

Nel 2015 minori vantaggi fiscali IRAP per le imprese del Sud, 1.192 euro contro 1.245 Roma, 12 maggio 2015 LAVORO, SVIMEZ: NEGLI ANNI 2011-2015 RISPARMI IMPRESE PER NEOASSUNTO 10.954 EURO AL NORD, 10.407 AL SUD Sgravi contributivi per le aziende italiane finanziati con 3,5 miliardi di fondi

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma gennaio 211 2 1 1 1 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

L entità della risorse

L entità della risorse Per l Europa: Becker et al. (2010) mostrano che i sussidi europei hanno accelerato la crescita del PIL pro capite di circa 1-1,5 punti percentuali nel corso di un periodo di programmazione di 7 anni. Busillo

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura.

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. La natura del c. ha diverse implicazioni. Due in particolare.

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Anomalie nell utilizzo del contante e riciclaggio: Un analisi econometrica a livello comunale

Anomalie nell utilizzo del contante e riciclaggio: Un analisi econometrica a livello comunale Anomalie nell utilizzo del contante e riciclaggio: Un analisi econometrica a livello comunale ESTRATTO NON TECNICO DELLO STUDIO CASH PAYMENT ANOMALIES AND MONEY LAUNDERING: AN ECONOMETRIC ANALYSIS OF ITALIAN

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE. Professore Ordinario di Economia Politica alla Seconda Università di Napoli, Dipartimento di Economia.

DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE. Professore Ordinario di Economia Politica alla Seconda Università di Napoli, Dipartimento di Economia. DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE Luogo e anno di nascita: Avellino, 1956 Residenza: Avellino, via Macchia, 25/A; Stato civile: coniugato con un figlio. Posizione attuale Professore Ordinario di Economia

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto Introduzione La Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto condivide l iniziativa

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO La politica finanziaria aziendale: definizione I benefici del ricorso al debito Gerarchia delle fonti di finanziamento

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Efficienza, equità e politica economica

Efficienza, equità e politica economica Efficienza, equità e politica economica Abbiamo ora alcuni strumenti (metodologici) che l economia ci offre per analizzare in modo consapevole alcuni effetti che possono derivare da certe misure di POLITICA

Dettagli

Le politiche di sostegno agli investimenti. Una rassegna della letteratura

Le politiche di sostegno agli investimenti. Una rassegna della letteratura Consiglio regionale del Veneto Osservatorio della spesa e delle politiche pubbliche Le politiche di sostegno agli investimenti. Una rassegna della letteratura A cura di Carlo Buratti 1 e Matteo Colombo

Dettagli

Indicatori forward-looking per la valutazione delle politiche fiscali sulle imprese

Indicatori forward-looking per la valutazione delle politiche fiscali sulle imprese Indicatori forward-looking per la valutazione delle politiche fiscali sulle imprese secondo il modello di Devereux-Griffith Lorenzo Di Biagio lorenzo.dibiagio@istat.it Forum PA 2015, 28 maggio 2015 Indice

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO. Dopo 25 anni di graduale riduzione del divario

IL QUADRO MACROECONOMICO. Dopo 25 anni di graduale riduzione del divario Il Mezzogiorno: quadro macroeconomico, servizi pubblici, finanza pubblica Nel Mezzogiorno risiede un terzo della popolazione italiana; vi si produce un quarto del PIL complessivo e un quinto del PIL del

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

LE NUOVE CONVENIENZE PER IL LAVORO STABILE NELLA MANOVRA PER IL 2015: UNA QUANTIFICAZIONE Gabriele OLINI 1

LE NUOVE CONVENIENZE PER IL LAVORO STABILE NELLA MANOVRA PER IL 2015: UNA QUANTIFICAZIONE Gabriele OLINI 1 LE NUOVE CONVENIENZE PER IL LAVORO STABILE NELLA MANOVRA PER IL 2015: UNA QUANTIFICAZIONE Gabriele OLINI 1 In sintesi La legge di bilancio, attualmente in discussione in Parlamento, presenta importanti

Dettagli

Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di

Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di servizi in una logica di sussidiarietà pubblico - privato

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Analisi Costi e Benefici. Laura Vici. laura.vici@unibo.it LEZIONE 7. Rimini, 5 maggio 2006. Derivazione del Cash Flow di Progetto

Analisi Costi e Benefici. Laura Vici. laura.vici@unibo.it LEZIONE 7. Rimini, 5 maggio 2006. Derivazione del Cash Flow di Progetto Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 7 Rimini, 5 maggio 2006 1 Derivazione del Cash Flow di Progetto L ammortamento deve essere escluso dal costo per evitare una doppia contabilizzazione

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 3 La domanda di lavoro - 1 L ipotesi che le imprese aggiustano istantaneamente la loro occupazione quando cambia la situazione economica è un ipotesi FORTE. In realtà

Dettagli

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE (sintesi DELL INTERVENTO) GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS SENZA LETTURA NON C È CRESCITA QUOTIDIANI, PERIODICI E

Dettagli

IL PACCHETTO LEGISLATIVO UE SUI SISTEMI DI PAGAMENTO

IL PACCHETTO LEGISLATIVO UE SUI SISTEMI DI PAGAMENTO IL PACCHETTO LEGISLATIVO UE SUI SISTEMI DI PAGAMENTO Roma, 21 luglio 2014 Sulla base del dibattito in corso presso le sedi europee riguardo la definizione di un regolamento sulle commissioni interbancarie

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

La diffusione settoriale dell innovazione. Titolo corso: Economia dell innovazione 1. Davide Arduini

La diffusione settoriale dell innovazione. Titolo corso: Economia dell innovazione 1. Davide Arduini La diffusione settoriale dell innovazione Titolo corso: Economia dell innovazione 1 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino Lezione n.5 Linea espositiva 1. Introduzione alla

Dettagli

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale - Valore: Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti Esame preliminare

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia

Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia Terra e Gusto Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia Crea, pesano Imu, embargo russo e mancanza liquidità Redazione ANSA ROMA 30 ottobre 201516:30 ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE - ROMA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3070. Disposizioni per lo sviluppo dell imprenditorialità femminile

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3070. Disposizioni per lo sviluppo dell imprenditorialità femminile Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3070 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BUGNANO, CARLINO e BELISARIO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 DICEMBRE 2011 Disposizioni per lo sviluppo dell

Dettagli

Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)%

Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)% EFFETTI DEL PROTEZIONISMO SULLA BILANCIA DEI PAGAMENTI (cfr. G. Mankiw, Macroeconomia, Zanichelli) Effe$%sulla%bilancia%commerciale%(cfr.%Mankiw)% Sipuòdimostrarechel a3uazionediformeprotezionis7cheproducesulla

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Elenco completo periodici in abbonamento 20 giugno 2013 Ver. 1.0 Ministero dell Economia e delle Finanze Ufficio per il coordinamento tecnico logistico Biblioteca e ufficio di documentazione del DT Sommario

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Volontariato e criminalità in Italia: un analisi sui dati provinciali

Volontariato e criminalità in Italia: un analisi sui dati provinciali Volontariato e criminalità in Italia: un analisi sui dati provinciali Andrea Lasagni 1 (Università di Parma) 1. Introduzione Un numero crescente di studi in letteratura ha considerato il contributo economico

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Gli incentivi alle imprese per l innovazione

Gli incentivi alle imprese per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Gli incentivi alle imprese per l innovazione Raffaello Bronzini Banca d Italia DPS Invitalia - Incontro su: Il ruolo degli strumenti nelle smart specializzation strategy

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Overview Agricultural Policies in OECD Countries: Monitoring and Evaluation 2003 Politiche agricole nei paesi Ocse : Monitoraggio

Dettagli

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Settore disciplinare: SECS-P09 (Finanza Aziendale) Professore Tutor: Dott.sa Barbara Petracci 1) Il

Dettagli

FIRM HETEROGENEITY AND NUMBER OF EXPORT DESTINATIONS: A POISSON REGRESSION APPROACH

FIRM HETEROGENEITY AND NUMBER OF EXPORT DESTINATIONS: A POISSON REGRESSION APPROACH Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ di ECONOMIA Sede di Forlì FIRM HETEROGENEITY AND NUMBER OF EXPORT DESTINATIONS: A POISSON REGRESSION APPROACH CANDIDATO: Marco Novelli RELATORE: Prof.

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

CONOSCERE PER COMPETERE. CAPITALE UMANO, TECNOLOGIA E SVILUPPO ECONOMICO

CONOSCERE PER COMPETERE. CAPITALE UMANO, TECNOLOGIA E SVILUPPO ECONOMICO CONOSCERE PER COMPETERE. CAPITALE UMANO, TECNOLOGIA E SVILUPPO ECONOMICO Sommario: 1. Introduzione 2. Le politiche per la competitività 3. Conoscenza e capitale: ricerca e produttività 4. Conoscenza, istruzione

Dettagli

Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014

Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014 Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014 Roma, dicembre 2014 Premessa La CONFAPI - Confederazione della Piccola e Media Industria privata, ha promosso un'indagine a campione rivolta

Dettagli

NBER Working Paper 4587. 5 Bond, S., M. Hawkins, and A. Klemm, 2004, Stamp Duty on Shares and Its Effect on Share

NBER Working Paper 4587. 5 Bond, S., M. Hawkins, and A. Klemm, 2004, Stamp Duty on Shares and Its Effect on Share exuberance, bolle e successive implosioni sono da ricondursi a eccessi nel ciclo del credito (leverage): crescita della leva nelle fasi espansive, seguita poi da implosioni della stessa (deleverage) con

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

4033 Scienza delle finanze - Clefin

4033 Scienza delle finanze - Clefin 4033 Scienza delle finanze - Clefin Effetti delle imposte sugli investimenti e sulle scelte di finanziamento delle imprese Appunti sostitutivi dei paragrafi 4 (inclusi sottoparagrafi), 5, 5.1 e 5.2 del

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Fallimenti pubblici ed incoerenza temporale

Fallimenti pubblici ed incoerenza temporale Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Fallimenti pubblici ed incoerenza temporale Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma L intervento pubblico nella realtà Nella realtà l intervento

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva

Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva Fabio Massimo Esposito (*) Direzione Energia e Industria di Base, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Convegno Annuale FIPER,

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO ALLEGATO 1 VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza Divisione Analisi macroprudenziale Settore Impatto della regolamentazione ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: MODIFICA

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

Il sistema fiscale. Teoria

Il sistema fiscale. Teoria Il sistema fiscale Teoria Il sistema fiscale: aspetti generali I fallimenti del mercato ci dicono che una serie di beni devono essere prodotti dallo Stato per ragioni di efficienza: difesa (beni pubblici);

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

RISOLUZIONE N.32/E Oggetto: Istanza di

RISOLUZIONE N.32/E Oggetto: Istanza di RISOLUZIONE N.32/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di Interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti?

Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti? Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti? Di Riccardo Faini, Jonathan Haskel, Giorgio Barba Navaretti, Carlo Scarpa, and Christian Wey Sintesi del rapporto Nel

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Un incentivo per muovere interventi di riqualificazione edilizia e energetica nei complessi edilizi attraverso lo strumento delle Esco. PREMESSA Circa 24

Dettagli

Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica

Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica Lo Stato può modificare l esito di mercato in due modi fondamentali: regolamentandone l attività (prezzi o quantità massimi o minimi) imponendo

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

Finanziamento e politiche per l innovazione

Finanziamento e politiche per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Finanziamento e politiche per l innovazione Banca d Italia, Sede di Genova 19 Novembre 2013 Le politiche per l innovazione: motivazione economica Tipologia ed effetti

Dettagli

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS 0 α Quantità prodotte CUS = cus * q Esempi di COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA costo dei prodotti:materie prime, semi-lavorati; costo delle lavorazioni esterne; costo

Dettagli

Introduzione al concetto di Istituzioni. Politica Economica Istituzioni e Efficienza. Enforcement

Introduzione al concetto di Istituzioni. Politica Economica Istituzioni e Efficienza. Enforcement Politica Economica Istituzioni e Efficienza 2 Introduzione al concetto di Istituzioni Le istituzioni riducono il tasso di incertezza creando delle regolarità nella vita di tutti i giorni. Sono una guida

Dettagli

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane Finanza per la crescita IPO Day, Borsa Italiana, Milano - 26 Settembre 2014 Silvia Magri, Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Outline

Dettagli

Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità

Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità Nota a cura di Lorenzo Lusignoli 1. Alcune considerazioni sulla ripartizione delle risorse Gli effetti

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

LETTI PER VOI: "Selezione Avversa e Polizze Sanitarie"

LETTI PER VOI: Selezione Avversa e Polizze Sanitarie LETTI PER VOI: "Selezione Avversa e Polizze Sanitarie" a cura di Cinzia Di Novi Università del Piemonte Orientale, Dipartimento di Politiche Pubbliche e Scelte Collettive Lo stato di salute individuale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe Research Report Series ISSN 2036 1785 Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe Research Report n. 10 March 2012 Studio

Dettagli