COREA : GLI INVESTIMENTI ESTERI DELLA NUOVA POTENZA ASIATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COREA : GLI INVESTIMENTI ESTERI DELLA NUOVA POTENZA ASIATICA"

Transcript

1 COREA : GLI INVESTIMENTI ESTERI DELLA NUOVA POTENZA ASIATICA Le previsioni del FMI, riportate sul settimanale britannico The Economist (27 aprile 2012), annunciano che, nel 2017, la Corea del Sud potrebbe superare il Giappone per PIL pro capite, almeno in PPP (parità dei poteri di acquisto); risultato sorprendente considerato che, nel 1980, il PIL pro capite della Corea era solamente un quinto di quello giapponese. Tuttavia, se si guardano le caratteristiche del paese, il suo dinamismo economico ed il modo in cui le stime PPP vengono elaborate, tutto questo diventa plausibile. (Fonte: CIA World Factbook 2012) Emersa negli anni 80 come una delle tigri asiatiche - insieme a Singapore, Hong Kong e Taiwan - e guidata come le altre economie dell Asia dell Est da un modello di crescita economica trainata dall export, la Corea è attualmente la dodicesima economia mondiale. Il paese, che ha attraversato un momento di grande difficoltà durante la Crisi Asiatica - si ricordi il fallimento spettacolare della conglomerata Daewoo e il tracollo della valuta coreana - è comunque riuscito in meno di dieci anni a riprendere l espansione, facendo segnare tassi positivi di crescita anche nella presente crisi finanziaria (6,1% nel 2010, 3,6% nel 2011).

2 Negli ultimi dieci anni ha cominciato ad affermarsi con maggiore decisione sulla scena internazionale, non soltanto con i prodotti sofisticati delle sue multinazionali (si pensi a Hyundai e Samsung), ma anche con gli investimenti esteri, dove compete con successo con i paesi occidentali e con le altre potenze emergenti, per l accesso alle risorse strategiche. IDE coreani e l'importanza degli investimenti in materiali strategici. Competere con i giganti asiatici. Con una economia storicamente poco globalizzata e seriamente danneggiata dalla crisi asiatica nella sua presenza internazionale, la Corea ha visto i suoi IDE in uscita (OFDI) superare i livelli pre-1990 a partire dal Tuttavia, l'inizio del processo di internazionalizzazione può essere fatto risalire al 1990 con la segyehwa 1 (Lewis & Sesay 2002). Corea - Indicatori macroeconomici (in milioni di USD, quando non indicato diversamente) PIL (USD correnti) 270, , , ,866 1,014,890 1,116,247 PIL in PPP (% del PIL mondiale) IDE in uscita (flussi) 1,052 3,552 4,999 6,359 19,230 n.a. IDE in uscita (stock) 2,301 10,231 26,833 38, ,984 n.a. IDE in uscita(stock, % del PIL) n.a. Numero di M&A internazionali (*) Export 65, , , , , ,214 Saldo dei conti correnti (% del PIL) (Fonti: UNCTAD, World Investment Report, 2011; IMF, World Economic Outlook Database 2012) (*) dati gennaio-maggio Il termine può essere tradotto approssimativamente come globalizzazione, e si riferisce alla strategia di internazionalizzazione che il governo coreano ha avviato nel 1990, aprendo il paese agli investimenti esteri e incoraggiando fortemente le conglomerate ad investire all estero.

3 Un analisi dei dati mostra che il livello degli IDE in uscita è comunque rimasto piuttosto limitato almeno fino al 2005, quando il governo ha deciso di intensificare il loro sostegno con la creazione della Korean Investment Corporation 2. Da uno sguardo alla distribuzione geografica si può notare, in primo luogo, che gli investimenti coreani sono piuttosto concentrati verso le destinazioni preferite, rimaste stabili nel corso degli ultimi vent anni; l'asia e il Nord-America rappresentano, allora come adesso, la quota più significativa. Più in dettaglio, Cina e Stati Uniti totalizzano da soli oltre la metà di tutti i beni coreani all'estero, anche se altri paesi asiatici, come l'indonesia e il Vietnam, hanno recentemente attratto una parte crescente della quota degli investimenti coreani (Yoon 2007). (Fonte: Korea Export-Import Bank, 2010) A fronte di questa stabilità nella distribuzione geografica, gli IDE coreani hanno visto dei cambiamenti significativi nella loro composizione settoriale e nelle tipologie di imprese che investono all estero. In origine, e in misura prevalente prima del 1980 (Kwak 2006), gli IDE in uscita coreani si sono concentrati nel settore primario, prevalentemente nell'acquisizione di materie prime ed energia. In seguito, si sono diversificati per includere manifatturiero e servizi, che ora rappresentano la parte principale. Materie prime ed energia continuano a rappresentare circa un quarto degli OFDIs coreani, mostrando una crescita significativa a partire dal (Fonte: Korea Export-Import Bank, 2010) 2 L indicatore generalmente utilizzato per questo tipo di analisi è il rapporto PIL/IDE che nel 2005 era ancora al 1,8%, relativamente inferiore a quello, per esempio, del Giappone (5,7%). Considerando il rapporto IDE stock verso estero/pil, nel 2005 questo indice era, nel caso della Corea, il 4,6%, rispetto all 8,5% del Giappone e al 29,2% di Taiwan.

4 In termini di dimensione aziendale, i chaebol, le conglomerate che, con i dovuti distinguo, possono essere assimilate ai keiretsu giapponesi, hanno a lungo dominato gli investimenti esteri. Tuttavia, al momento, la quota delle PMI attive all'estero è salita fino a rappresentare un terzo del totale, ed è concentrata soprattutto nel settore manifatturiero e nei servizi. Ancor più che in altri settori, i principali attori nel campo dei materiali strategici e dell energia sono rappresentati da imprese statali o da enti pubblici che godono di un forte sostegno dello Stato. Ciò è dovuto al tipo di investimento capital-intensive richiesto dalle materie prime e dall'energia. Nel caso della Corea le imprese leader del settore sono KNOC (Korean National Oil Corporation, attiva nel petrolio), POSCO (una conglomerata del ferro e dell'acciaio), KORES (società 100 per cento di proprietà del governo che si occupa di materiali strategici), KEPCO (Korea Electric Power Corporation, nel settore elettrico) e KOGAS (Korea Gas Corporation, nel settore energetico del gas naturale). Questa crescita sostenuta degli IDE in uscita in Corea è stata analoga a quella delle altre grandi economie asiatiche, prime tra tutte India, Cina e Giappone, concorrenti diretti delle imprese coreane nella corsa all acquisizione di risorse, specialmente nei mercati africani e latino-americani, dove la competizione si è fatta molto intensa negli ultimi anni 3. Un rapido sguardo al grafico mostra come, partendo da livelli molto diversi di investimenti all'estero, i quattro paesi asiatici abbiano visto una crescente convergenza. (Fonti: UNCTAD, WIR 2011, 2007,1999) Un altro punto comune tra i quattro paesi asiatici è che la crescita dei loro IDE è stata in ugual modo sostenuta nelle aree emergenti: America Latina e Africa, dove hanno investito principalmente nel settore energetico e nelle materie prime. In entrambi i settori le aziende coreane si sono trovate, pertanto, ad affrontare la forte concorrenza di aziende cinesi, giapponesi e indiane, in quella che è stata giustamente definita la nuova "guerra per le risorse" (Klare 2001, 2008). Anche se le loro motivazioni sono comuni (crescita della richiesta di materie prime ed energetiche, risorse domestiche scarse o in alcuni casi inesistenti), le modalità e le strategie poste in atto variano in modo significativo. La Corea, data anche la struttura industriale molto simile al Giappone, ha seguito sin dall inizio l approccio giapponese, mentre Cina e India, le due nuove arrivate sulla scena degli investimenti mondiali, hanno adottato strategie di penetrazione differenti. Per paesi privi di risorse naturali come la Corea o il Giappone, le strategie messe in campo nel settore energetico e minerario sono rivelatrici dell approccio nazionale agli investimenti esteri. 3 I paesi scelti per il confronto in questo articolo sono Giappone, Cina e India, in quanto paesi asiatici comparabili per dimensione e importanza economica alla Corea, nonché i suoi diretti concorrenti per l acquisizione di risorse all estero.

5 Scorrendo velocemente la lista degli investimenti, si può notare come le aziende coreane siano molto attive nei settori del gas naturale e del petrolio. La Corea, infatti, si posiziona appena dietro i cinesi in termini di capitali investiti, superando gli indiani e perfino i concorrenti giapponesi. Il paese è inoltre il decimo consumatore di petrolio del mondo e il quinto in termini di importazioni nette, dopo Stati Uniti, Cina, Giappone, Germania e prima dell India. Completamente privo di produzione nazionale, la Corea è obbligata ad acquistare all'estero l'intero importo, con 155 investimenti all estero nel settore del petrolio upstream in 36 paesi (EIA 2011; dati del ). Nel caso di altri prodotti energetici, questa percentuale è ancora maggiore e la Corea è attualmente il secondo importatore di carbone e di gas naturale liquefatto (GNL). Interessante è anche la lista dei principali fornitori di petrolio della Corea, comparata rispetto a gli altri paesi asiatici. (Fonte: Rapporto EIA, 2011) La Corea concentra oltre la metà delle sue importazioni da soli tre paesi - tutti in Medio Oriente (Arabia Saudita, Kuwait e EAU) - e con un panorama politico essenzialmente stabile, segno evidente che il paese non è disposto a correre alcun rischio. Ci sono solo altri due importanti partners, Iraq e Iran, che per il momento forniscono solo il 15 per cento delle importazioni coreane. Tale concentrazione è riscontrabile solo nel Giappone, mentre la Cina e l'india presentano entrambe una composizione più varia, importando in larga misura anche da paesi dell'africa e dell'america Latina. Questo riflette una forte concorrenza per il petrolio e il gas naturale che sta attualmente coinvolgendo i due giganti asiatici (Kumaraswamy 2007; Guenther 2008; Bustelo 2007; Hari 2005). Recentemente le aziende coreane stanno iniziando a firmare contratti per l acquisizione di quote in società petrolifere anche nei paesi in via di sviluppo. La KNOC negli ultimi anni è stata particolarmente attiva in America Latina e nel Sud-Est Asiatico, da quando le due aree sono state identificate come prioritarie dal governo: partecipazioni in compagnie petrolifere nel Golfo del Messico e, nel 2009, ha acquisito una quota di rilievo nella compagnia petrolifera Savia-Perù. In Asia, la società ha interessi in campo petrolifero (Vietnam) e ha di recente acquistato la compagnia kazaka Sumbe, entrando in quello che è stato definito il nuovo "Great Game" in Asia centrale. 4 Energy Information Administration (2011), Country Analysis Briefs, online

6 La situazione nel settore minerario e delle materie prime in genere, non è molto dissimile e vede la Corea dipendere per circa il 97 per cento dalle importazioni per soddisfare le esigenze domestiche. Il peso del settore estrattivo interno è ridotto (circa il 0,3 per cento del PIL; USGS 2004) mentre la capacità del paese in termini di lavorazione e raffinazione è enorme, analoga a quella per il petrolio. Il settore è in gran parte dominato da imprese statali sotto la diretta supervisione del Ministero del Commercio, Industria ed Energia.Una differenza significativa rispetto al settore energetico è l'offerta minerale, che obbliga le società coreane ad agire con maggiore pro attività nella ricerca di opportunità esterne 5. Come nel caso del ferro, un minerale relativamente abbondante, il vero problema non è la disponibilità, ma il costo di approvvigionamento, come dimostrato dagli eventi del 2009, con la disputa tra Cina e la compagnia australiana Rio Tinto, per il prezzo concordato annuo. Come accennato in precedenza, dopo essere stati in declino per molti anni rispetto ad altri IDE, gli investimenti nei settori primari, soprattutto da parte dei paesi asiatici, hanno ricominciato a crescere negli ultimi anni, a causa della pressione sui prezzi provocata dalla domanda dei mercati emergenti. Con i prezzi delle materie prime in aumento, e a causa dei divieti di esportazione temporanea o restrizioni da parte di alcuni produttori importanti (il divieto per il molibdeno dalla Cina nel 2007 e le quote per le terre rare nel 2010), le aziende coreane hanno iniziato a cercare all'estero fonti nuove e più sicure; in questo sono assistite da una politica nazionale molto efficiente di assistenza alle imprese.. L'approccio coreano e le radici del suo successo all'estero. Il litio boliviano. Le radici del successo economico coreano 6 risiedono nello sforzo compiuto dal paese di investire nello sviluppo tecnologico e di trasformarsi in un knowledge economy, al fine di evitare di essere schiacciato tra grandi concorrenti come il Giappone e la Cina. Nel caso degli investimenti esteri è innegabile il successo che molte compagnie coreane hanno riportato, in settori e/o paesi notoriamente difficili e contro concorrenti più forti e dotati di maggiori risorse. Questo successo è dovuto essenzialmente a due diversi tipi di fattori, interni ed esterni, da esaminare nel dettaglio. Più precisamente, "interno" si riferisce ai fattori controllati dal governo coreano, come le istituzioni governative, le politiche commerciali e altri tipi di supporto. "Esterni" sono invece quelli legati alla situazione economica generale, del paese e mondiale, alle politiche di attrazione degli investimenti messe in atto dai paesi beneficiari e alle azioni dei concorrenti. I fattori interni hanno chiaramente giocato un ruolo fondamentale negli investimenti diretti esteri. La crescita del coreano OFDI 7 non è stata sempre caratterizzata e sostenuta da una politica di governo coordinata e centralizzata, come invece è avvenuto nel caso dei settori considerati strategici, data la loro centralità nel campo della sicurezza nazionale del paese. Il governo ha generalmente incoraggiato l espansione coreana all'estero anche delle aziende private attraverso una serie di incentivi, dagli abbattimenti fiscali, al basso interesse sui crediti concessi principalmente dalla Export-Import Bank coreana. Inoltre, nel tentativo di incoraggiare le imprese straniere nel settore delle materie prime a collaborare ed entrare in forme di partnership con le società coreane, la Export-Import Bank Korea ha istituito dei crediti allo sviluppo diretti alle risorse naturali. Grazie a questi fondi anche le aziende straniere sono incoraggiate e sostenute, a condizione che esse consentano sostanziali partecipazioni coreane nelle offerte. 5 Per una trattazione più dettagliata della politica per la sicurezza energetica coreana si veda, Paladini, S. (2011) Shopping the Korean Way. A study in resource acquisition'. In Korea Politics, Economy and Socie, Leuven: BRILL 6 Come riferimento cfr. ECLAC (2006), Foreign Investment in Latin America and the Caribbean, online at e Lim, Wonhyuk (2000), The Origin and Evolution of the Korean Economic System, KDI Policy Study ,. Korea Development Institute, November Kwak, Jae Sung (2007), "Korean OFDI: investment strategies and corporate motivations for investing abroad", in: Serie: Desarrollo productivo 182, Santiago:CEPAL.

7 Un diverso tipo di aiuto rispetto a questi strumenti più propriamente finanziari è fornita da altre agenzie governative, di cui beneficiano le aziende coreane di ogni settore e dimensione. Un ruolo di primo rilievo è quello occupato dall organismo preposto al commercio e agli investimenti esteri, la KOTRA. Fondata nel 1962 e più volte ristrutturata ed ampliata, la KOTRA ha visto negli ultimi dieci anni una grande espansione ed un intensificarsi della sua attività per l'assistenza alle aziende coreane in tutto il mondo. KOTRA dispone attualmente di 111 filiali in 75 paesi, ed è stata la promotrice di iniziative come Buy Korea, Global Invest Korea ed altri eventi analoghi 8. (Fonte: Kotra website) Altro importante strumento utilizzato a livello governativo per il sostegno delle società coreane all estero è la diplomazia commerciale a livello bilaterale e regionale: tra questi gli accordi bilaterali per la cooperazione economica e i negoziati per le aree di libero scambio (FTA), impiegati dal governo coreano a partire dal Questo approccio ha mostrato i suoi effetti benefici soprattutto con lo stallo, dal 2000 in poi, del Doha Round e la conseguente paralisi della diplomazia commerciale multilaterale; ciò ha portato a decine di accordi di libero scambio firmati in tutto il mondo, l'ultimo dei quali nel 2011 con gli Stati Uniti e la Ue. I vantaggi e gli effetti economici delle FTA sono ben noti e ampiamente discussi nella letteratura specializzata in commercio estero. 9 In Corea, questo strumento specifico ha ottenuto l'appoggio incondizionato del presidente Lee Myung-bak, che nel 2008 ha deciso di continuare la politica inaugurata dal predecessore Roh Moo-hyun e di costruire una "rete globale FTA, come nucleo della sua politica di commercio estero 10. Pur non mantenendo un quadro specifico di riferimento per i suoi negoziati, la Corea si è chiaramente ispirata al NATFA (North-American Free Trade Agreement) per la struttura di base, firmando accordi abbastanza complessi e 8 Una delle funzioni principali della KOTRA alll estero è quello di individuare partner per gli investimenti coreani in uscita. Un altra agenzia, la InvestKorea, è invece responsabile di incoraggiare quelli in entrata. Il sito di riferimento è 9 Si veda, a titolo di esempio, Donnenfeld, Shabtai (2003), Regional Blocs and Foreign Direct Investment, in: Review of International Economics 11(5): Cheong Inkyo, Jungran Cho (2009), The Impact of Free Trade Agreements (FTAs) on Business in the Republic of Korea, Asian Development Bank Working Paper, p. 3, online

8 omnicomprensivi. La rete coreana comprende attualmente 11 circa 32 accordi, in vigore o in fase di negoziazione, con UE, USA, Canada, Australia, India, in tutte le economie del Sud-Est Asiatico, e sta iniziando ad affermarsi in America Latina. A fronte di questi fattori interni, gli investimenti coreani sono favoriti anche da un clima estero che li vede preferiti, in alcuni casi, a quelli dei vicini più potenti. Uno dei fattori maggiormente di rilievo è rappresentato dai sospetti che, il Giappone prima e la Cina adesso, sollevano generalmente tra i paesi destinatari dei loro investimenti, soprattutto se relativi a materiali strategici e ad alta tecnologia. Molti sono gli esempi di investimenti che non hanno superato l'approvazione del governo ricevente, come nel caso delle controverse acquisizioni da parte della Cina dell americana Unocal negli Stati Uniti nel 2004 e dell australiana Lynas Corporation nel E facile notare che la Corea non ha avuto le stesse difficoltà incontrate dai suoi concorrenti asiatici. Questo è forse il motivo per cui le aziende coreane hanno concentrato la loro attività di acquisizione su mercati normalmente meno aperti a società cinesi, con cui evitano accuratamente di competere. Un esempio tra tutti è rappresentato dall'acquisizione nel 2009, da parte della Knoc, della Harvest Energy in Canada, il più grande investimento all'estero coreano ad oggi, con 3.9 miliardi di dollari per lo sfruttamento dei depositi di sabbie petrolifere, considerato da molti il nuovo eldorado energetico (Financial Times 22 ottobre 2009). Un altra, e ancora più sorprendente success story, è rappresentata dal trattato dell agosto 2010 con il governo boliviano per lo sfruttamento dei depositi di litio, da molti considerato il capolavoro della diplomazia commerciale coreana. L'America Latina non è mai stata una priorità per le aziende coreane e, a marzo 2010, gli IDE coreani del continente erano pari solo all 8 per cento del totale. La presenza della Corea, tuttavia, non è una novità assoluta, dato che la prima azienda asiatica ad entrare in mercati latinoamericani è stata la POSCO, con un investimento in joint-venture con la azienda brasiliana Vale do Rio Doce nel 1967 per lo sfruttamento dei minerali di ferro. Più recentemente, tuttavia, l'interesse della Corea in America Latina è notevolmente aumentato, anche se la sua quota è rimasta costante. La Corea ha seguito da vicino le orme della Cina nelle sue relazioni commerciali con l'america Latina, con la firma di un accordo di libero scambio con il Cile nel 2004 ed entrando come membro nella Banca Interamericana di Sviluppo nel Il continente è stato recentemente identificato come un partner strategico per la Corea, sia come mercato di destinazione per i suoi prodotti che come fonte per vitali materiali strategici. Accordi bilaterali basati sulla cooperazione energetica sono stati firmati con Perù, Cile, Argentina, Brasile e Messico, e negoziati sono stati avviati anche con il MERCOSUR nel Mentre le conglomerate sono presenti su tutto il continente, ed in espansione anche nel settore manifatturiero e dei servizi, l'attenzione sull'acquisizione delle risorse rimane molto forte, con investimenti in rame e gas naturale (Perù), legno (Cile) e olio (Brasile). A titolo di esempio, nel settembre 2010, la SK Networks Co. ha acquisito partecipazioni per 700 milioni di dollari in Brasile, nel più grande investimento in minerale di ferro da parte di una società coreana, MMX Mineração & Metalicos SA, e fornirà circa il 17 per cento del fabbisogno di minerale di ferro complessivo coreano annuale (Bloomberg, 25 ottobre 2010). Il risultato più notevole di questa diplomazia commerciale, tuttavia, sono stati gli accordi raggiunti negli ultimi anni con il governo boliviano, un partner attraente ma notoriamente difficile. Il paese è molto ricco di risorse naturali, ma senza sbocco sul mare, ancora in via di sviluppo e con un governo di sinistra che sin dall inizio non ha fatto nulla per rassicurare gli investitori stranieri. Il presidente Morales, il primo capo di stato indigeno della Bolivia, nel 2006 ha nazionalizzato tutta l'industria del gas naturale del paese. Tuttavia la Corea, che ha recentemente riaperto l'ambasciata chiusa nel 1998 durante la crisi asiatica, ha ottenuto due importanti successi in Bolivia. 11 Il database online è disponibile sul sito della ADB 12 Per la diplomazia commerciale coreana in America latina, cfr. Kim, Won Ho (2008), Prospects of Korea-MERCOSUR FTA Negotiations: Implications from MERCOSUR's Structure and Past Negotiations. In: GUIMARÃES, Lytton F., MASIERO, Gilmar (eds), Brasil-Coréia do Sul: Relações, Estratégias, Perspectivas, Brasília

9 Il primo, nel 2007, è stata la joint-venture firmata da un consorzio coreano, guidato da Kores e dalla conglomerata S-Nikko con la società di stato Comibol, per lo sviluppo delle miniere di rame nella provincia Corocoro (Business News America, 20 giugno 2008). Questo sito è la più grande miniera di rame boliviana, con riserve stimate a 15 milioni di tonnellate e chiusa dal 1985, quando il prezzo del minerale scese drasticamente. Nell accordo, firmato dopo più di un anno di trattative lunghe e complesse, è stato concesso alla controparte coreana il 45 per cento dei diritti di proprietà per una produzione programmata di circa tonnellate l'anno. Grazie a Corororo, e alla tecnologia coreana, la Bolivia diventerà il terzo produttore mondiale di rame, dopo Cile e Perù. Il secondo exploit, se possibile ancor più notevole, è stato il recente accordo (Bloomberg, 24 agosto 2010) per l'esplorazione congiunta delle risorse boliviane di litio. ll litio è una materia prima fondamentale per prodotti ad alta tecnologia e per le batterie omonime, utilizzate da telefoni cellulari e da auto elettriche; questi segmenti crescenti hanno posto l offerta sotto pressione, con un prezzo atteso che potrebbe impennarsi molto velocemente, come già successo con le terre rare. Secondo alcune stime, la domanda di litio supererà gli attuali livelli di offerta nel 2015 (BBC News, 9 novembre 2009). La Corea, uno dei principali importatori di litio, è stato a lungo alla ricerca di nuovi fornitori per alimentare il suo consumo crescente. Come uno dei leader a livello mondiale della produzione di batteria al litio insieme a Giappone e Cina, la Corea ha visto la sua quota di produzione di batterie in costante aumento dal 2002, fino a raggiungere il 18 per cento della produzione mondiale 13. L'America Latina è attualmente il centro della produzione mondiale di litio, con il Cile e l'argentina rispettivamente primo e terzo fornitore mondiale grazie ai loro depositi andini. Eppure le loro riserve sono relativamente piccole rispetto alla Bolivia, che attualmente non ha nemmeno un impianto di estrazione in attività. Il paese è soprannominato l "Arabia Saudita del litio" e rappresenta da solo più della metà delle riserve mondiali concentrate nei depositi dei suoi altopiani immensi (come il famoso Salar de Uyuni, una popolare destinazione turistica). Quello che invece ancora manca è una tecnologia sofisticata per sfruttarle. Alcune aziende americane e giapponesi hanno a lungo corteggiato il governo boliviano al fine di costruire impianti industriali per la trasformazione e lo sfruttamento commerciale del litio, ma le comunità locali e il governo hanno regolarmente respinto tutte le offerte di acquisizione. Gli ultimi tentativi, senza successo, sono stati i negoziati con un consorzio giapponese composto da Mitsubishi, Sumitomo e Toyota (Time, 22 gennaio 2009). La ragione principale del rifiuto, in questo caso, è stata la mancanza di controllo da parte boliviana sull'intero processo; le richieste del governo andino erano invece nel senso di una jointventure per l'estrazione e la condivisione della tecnologia Nella sua ricerca di fonti alternative, la KIGAM (Istituto Coreano di Geoscienze e Risorse Minerarie) ha anche annunciato nel 2010 di aver trovato un modo per estrarre il minerale dal mare attraverso l'utilizzo di sofisticate membrane. 14 Inoltre, nel caso specifico della Sumitomo c è ancora in corso una disputa sulla miniera di zinco e di argento di San Cristobal, accusata di aumentare il livello di inquinamento della regione e quindi odiata tra le comunità locali, che di recente hanno minacciato di togliere la corrente alla centrale (Bloomberg 12 Agosto 2010).

10 (Il Salar di Uyuni, la riserva di litio boliviano) La Corea, invece, è riuscita a sopresa nell impresa. L accordo di programma, firmato a settembre 2010 durante la visita di stato del presidente Morales a Seoul (Mining Weekly 10 settembre 2010), prevede l esplorazione e la produzione congiunta delle risorse grazie alla cooperazione di Kores e Comibol. Inoltre, Kores porterà al partner boliviano, ancora inesperto nello sfruttamento del litio, l esperienza della joint-venture già operativa in Argentina per lo sfruttamento del materiale. La Bolivia sarà inoltre inclusa dal 2012 nel programma coreano di Knowledge Sharing, che mira ad aiutare i partner commerciali più arretrati per l elaborazione di strategie per lo sviluppo, la riduzione della povertà e la crescita economica. Conclusioni Le stime del Fondo Monetario del sorpasso coreano del 2017 sono state contestate come non accurate. Uno degli aspetti controversi è la modalità di valutazione delle stime della parità del potere di acquisto, che non tiene conto di molti parametri importanti e non è aggiornata con sufficiente tempismo. Tuttavia, indipendentemente dalla ricchezza relativa del paese, ed esaminando i vari scenari, i prossimi anni sembrano promettenti per la Corea e le sue imprese, che danno l'impressione di essere pronte ad affrontare le sfide future. Uno degli aspetti più problematici e che influenzeranno le politiche di acquisizioni future - estremamente importante per un paese povero di risorse - riguarderà i diritti di proprietà per lo sfruttamento di nuove risorse. In un possibile scenario di crescenti tensioni e con la concorrenza agguerrita di economie emergenti, la Corea potrebbe trovarsi in una posizione estremamente vulnerabile, e avrà bisogno di tutte le sue capacità di negoziazione e di diplomazia commerciale per continuare a garantire successi come quelli attuali.

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5.

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5. 1. Orientamento alle esportazioni Oggi il Cile detiene il primato mondiale per quanto riguarda la rete di trattati di libero scambio commerciale: oltre venti accordi sottoscritti con sessanta paesi, e

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map GEORGIA Capitale Tbilisi Popolazione (milioni) 4,48 55/100 49/100 78/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 27,3 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013.

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013. Internet of Everything (IoE) I 10 risultati principali del sondaggio IoE Value Index di Cisco, condotto su un campione di 7.500 responsabili aziendali in 12 paesi Joseph Bradley Jeff Loucks Andy Noronha

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030 IP/3/661 Bruxelles, 12 maggio 23 Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 23 Nel 23 il consumo mondiale di energia risulterà raddoppiato; tra le

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO Corso di Economia Monetaria e Regolamentazione Internazionale Prof. Andrea Filippo Presbitero Federica Catalani Anastasia Zenobi a.a 2009/2010 1 Introduzione: Questo

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones Forum d Area America Latina Dove siamo? Superficie: 756.626 km² (cui si aggiungono 1.250.000

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Ambasciatore Vincenzo Petrone Presidente

Ambasciatore Vincenzo Petrone Presidente Strumenti finanziari per l internazionalizzazione Ambasciatore Vincenzo Petrone Presidente Torino, 7 maggio 2013 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione delle imprese italiane mediante: Partecipazione

Dettagli

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI.

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. SCUOLA 21 classe 2^ OPA STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. Tra i maggiori detentori di risorse minerarie figurano i quattro più vasti paesi del mondo: Russia

Dettagli

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT IAI927 DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE di Luca Laureti DRAFT Documento preparato nell ambito del programma di ricerca

Dettagli

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Il contesto economico crescere nella nuova geografia Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Di cosa parliamo? Crescita, Competizione La nuova geografia Lo scenario cambia ancora 2 In

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo

Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo Augusto Scaglione Desk Asia Ufficio Internazionalizzazione Imprese Como, 25 marzo 2014 Le previsioni sulla crescita per

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Perché si compra nei paesi a basso costo

Perché si compra nei paesi a basso costo Perché si compra nei paesi a basso costo I grafici seguenti sono basati su una ricerca condotta da Accenture presso 3 responsabili degli acquisti in una vasta gamma di settori industriali in Europa e Stati

Dettagli

Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica

Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica Edoardo Reviglio * Capo Economista, CDP Group LUISS Guido Carli Convegno: NORD AFRICA TRA INSTABILITÀ POLITICA E OPPORTUNITÀ ECONOMICHE

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola

Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola aggiornamento al 30 gennaio 2015 Dieci punti di forza dell Italia, talvolta poco conosciuti, fotografati da Fondazione Symbola: 1) È uno dei cinque

Dettagli

L evoluzione degli investimenti esteri in uscita delle imprese italiane dal 2002 ad oggi

L evoluzione degli investimenti esteri in uscita delle imprese italiane dal 2002 ad oggi L evoluzione degli investimenti esteri in uscita delle imprese italiane dal 2002 ad oggi Prof. Marco Mutinelli Università degli Studi di Brescia e MIP-Politecnico di Milano 1 Miliardi USD Flussi mondiali

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Approfondimenti statistici

Approfondimenti statistici QUADERNO N 143 NOVEMBRE 2014 EXPO 2015: UN ASSAGGIO DEL BEL PAESE PER IL SUO RILANCIO TURISTICO NEL MONDO Figura 1 - Pernottamenti di turisti extra-ue in Italia, Spagna e Francia Approfondimenti statistici

Dettagli

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 Programmazione 2014-2020 In un mondo oramai globalizzato le PMI devono essere in grado di affrontare la sempre più crescente concorrenza

Dettagli

L OSSERVATORIO E I SUOI PARTNER

L OSSERVATORIO E I SUOI PARTNER MINI-BIOMASSE: STATO ATTUALE E SVILUPPI ATTESI Marco Carta Coordinatore Osservatorio OIR Dalle biomasse un futuro sostenibile per il territorio - Bologna, 11 dicembre 2014 ORDINE DEL GIORNO 1. L Osservatorio

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

Caratteristiche e Potenzialità

Caratteristiche e Potenzialità Le opportunità di investimento per le aziende italiane Dott. Enrico Perego Milano, 8 Marzo 2012 Caratteristiche e Potenzialità Valutazione Paese Forza lavoro giovane e a basso costo Forte stabilità politica

Dettagli

La Sfida agli Squilibri

La Sfida agli Squilibri Progetto Food for Learnig - Somalia La Sfida agli Squilibri GLI OBIETTIVI di SVILUPPO DEL MILLENNIO RAGIONI DELLO SQUILIBRIO C è cibo a sufficienza per sfamare l'intera popolazione mondiale di oltre 7

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

SETTORE LATTIERO CASEARIO

SETTORE LATTIERO CASEARIO SETTORE LATTIERO CASEARIO Post quote: importanza degli strumenti per il monitoraggio del mercato www.ismea.it www.ismeaservizi.it Cremona, 24 ottobre 2014 1 Crescita, IL MERCATO CHE SARÀ sviluppo, volatilità

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Perche investire a Hong Kong Analisi dei dati di import/export di Hong

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Rassegna delle materie prime strategiche europee

Rassegna delle materie prime strategiche europee COMMISSIONE EUROPEA NOTA Bruxelles, 26 May 2014 Rassegna delle materie prime strategiche europee Le materie prime sono di importanza fondamentale per l economia europea, e sono essenziali per mantenere

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani CONVEGNO NAZIONALE Crisi economica e mercato del credito:

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

UNA NUOVA DESTINAZIONE

UNA NUOVA DESTINAZIONE UNA NUOVA DESTINAZIONE 1) Geografia. 2) Indicatori Economici. 1) Politica e Governo. 2) Mercato. 3) Risorse Umane. - Superficie: 331.698 Km² 65esimo nel mondo (Italia 301.338 Km², 71a). Dal confine del

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 luglio 2008 1 IL SETTORE DELLA ROBOTICA NEL 2007 1.1 L andamento del settore nel 2007 Il 2007 è stato un anno positivo per

Dettagli

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Dies Academicus 2014-2015 in occasione del trentennale della sede di Cremona e della SMEA Lectio L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Prof. SMEA, Alta scuola in economia agro-alimentare

Dettagli

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere 02 Luglio 2012 Il petrolio greggio è uno dei prodotti più utilizzati e richiesti nel

Dettagli

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Paolo D Ermo - WEC Italia Energy Studies and Analysis Manager Ambiente e Società, 31 maggio 2011 World Energy Council

Dettagli

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Un leader nella CRESCITA SOSTENIBILE UN RUOLO INTERNAZIONALE Seoul ha ospitato a novembre 2010 il Summit G20 dei Capi di

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO

IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO a cura di Giorgio Trebeschi Il Brasile, una storia di successo!!! Iperinflazione vinta Accelerazione della crescita Riduzione della povertà Migliore distribuzione del

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

Il commercio internazionale (cap. 12)

Il commercio internazionale (cap. 12) Il commercio internazionale (cap. 12) Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali I vantaggi

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Eugenio Pomarici. Miilano, 15 dicembre 2014

Eugenio Pomarici. Miilano, 15 dicembre 2014 Business International Italian Excellence in Wine Mercato del vino e Expo Eugenio Pomarici Dip.to di Agraria Sezione di scienze della vite e del vino Università degli Studi di Napoli Federico II pomarici@unina.it

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

La situazione dell efficienza energetica in Italia Andamento dell efficienza energetica del Paese Italia e per settore

La situazione dell efficienza energetica in Italia Andamento dell efficienza energetica del Paese Italia e per settore Indagine condotta e formulata da Enerdata La situazione dell efficienza energetica in Italia Andamento dell efficienza energetica del Paese Italia e per settore 1 La situazione dell efficienza energetica

Dettagli