COREA : GLI INVESTIMENTI ESTERI DELLA NUOVA POTENZA ASIATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COREA : GLI INVESTIMENTI ESTERI DELLA NUOVA POTENZA ASIATICA"

Transcript

1 COREA : GLI INVESTIMENTI ESTERI DELLA NUOVA POTENZA ASIATICA Le previsioni del FMI, riportate sul settimanale britannico The Economist (27 aprile 2012), annunciano che, nel 2017, la Corea del Sud potrebbe superare il Giappone per PIL pro capite, almeno in PPP (parità dei poteri di acquisto); risultato sorprendente considerato che, nel 1980, il PIL pro capite della Corea era solamente un quinto di quello giapponese. Tuttavia, se si guardano le caratteristiche del paese, il suo dinamismo economico ed il modo in cui le stime PPP vengono elaborate, tutto questo diventa plausibile. (Fonte: CIA World Factbook 2012) Emersa negli anni 80 come una delle tigri asiatiche - insieme a Singapore, Hong Kong e Taiwan - e guidata come le altre economie dell Asia dell Est da un modello di crescita economica trainata dall export, la Corea è attualmente la dodicesima economia mondiale. Il paese, che ha attraversato un momento di grande difficoltà durante la Crisi Asiatica - si ricordi il fallimento spettacolare della conglomerata Daewoo e il tracollo della valuta coreana - è comunque riuscito in meno di dieci anni a riprendere l espansione, facendo segnare tassi positivi di crescita anche nella presente crisi finanziaria (6,1% nel 2010, 3,6% nel 2011).

2 Negli ultimi dieci anni ha cominciato ad affermarsi con maggiore decisione sulla scena internazionale, non soltanto con i prodotti sofisticati delle sue multinazionali (si pensi a Hyundai e Samsung), ma anche con gli investimenti esteri, dove compete con successo con i paesi occidentali e con le altre potenze emergenti, per l accesso alle risorse strategiche. IDE coreani e l'importanza degli investimenti in materiali strategici. Competere con i giganti asiatici. Con una economia storicamente poco globalizzata e seriamente danneggiata dalla crisi asiatica nella sua presenza internazionale, la Corea ha visto i suoi IDE in uscita (OFDI) superare i livelli pre-1990 a partire dal Tuttavia, l'inizio del processo di internazionalizzazione può essere fatto risalire al 1990 con la segyehwa 1 (Lewis & Sesay 2002). Corea - Indicatori macroeconomici (in milioni di USD, quando non indicato diversamente) PIL (USD correnti) 270, , , ,866 1,014,890 1,116,247 PIL in PPP (% del PIL mondiale) IDE in uscita (flussi) 1,052 3,552 4,999 6,359 19,230 n.a. IDE in uscita (stock) 2,301 10,231 26,833 38, ,984 n.a. IDE in uscita(stock, % del PIL) n.a. Numero di M&A internazionali (*) Export 65, , , , , ,214 Saldo dei conti correnti (% del PIL) (Fonti: UNCTAD, World Investment Report, 2011; IMF, World Economic Outlook Database 2012) (*) dati gennaio-maggio Il termine può essere tradotto approssimativamente come globalizzazione, e si riferisce alla strategia di internazionalizzazione che il governo coreano ha avviato nel 1990, aprendo il paese agli investimenti esteri e incoraggiando fortemente le conglomerate ad investire all estero.

3 Un analisi dei dati mostra che il livello degli IDE in uscita è comunque rimasto piuttosto limitato almeno fino al 2005, quando il governo ha deciso di intensificare il loro sostegno con la creazione della Korean Investment Corporation 2. Da uno sguardo alla distribuzione geografica si può notare, in primo luogo, che gli investimenti coreani sono piuttosto concentrati verso le destinazioni preferite, rimaste stabili nel corso degli ultimi vent anni; l'asia e il Nord-America rappresentano, allora come adesso, la quota più significativa. Più in dettaglio, Cina e Stati Uniti totalizzano da soli oltre la metà di tutti i beni coreani all'estero, anche se altri paesi asiatici, come l'indonesia e il Vietnam, hanno recentemente attratto una parte crescente della quota degli investimenti coreani (Yoon 2007). (Fonte: Korea Export-Import Bank, 2010) A fronte di questa stabilità nella distribuzione geografica, gli IDE coreani hanno visto dei cambiamenti significativi nella loro composizione settoriale e nelle tipologie di imprese che investono all estero. In origine, e in misura prevalente prima del 1980 (Kwak 2006), gli IDE in uscita coreani si sono concentrati nel settore primario, prevalentemente nell'acquisizione di materie prime ed energia. In seguito, si sono diversificati per includere manifatturiero e servizi, che ora rappresentano la parte principale. Materie prime ed energia continuano a rappresentare circa un quarto degli OFDIs coreani, mostrando una crescita significativa a partire dal (Fonte: Korea Export-Import Bank, 2010) 2 L indicatore generalmente utilizzato per questo tipo di analisi è il rapporto PIL/IDE che nel 2005 era ancora al 1,8%, relativamente inferiore a quello, per esempio, del Giappone (5,7%). Considerando il rapporto IDE stock verso estero/pil, nel 2005 questo indice era, nel caso della Corea, il 4,6%, rispetto all 8,5% del Giappone e al 29,2% di Taiwan.

4 In termini di dimensione aziendale, i chaebol, le conglomerate che, con i dovuti distinguo, possono essere assimilate ai keiretsu giapponesi, hanno a lungo dominato gli investimenti esteri. Tuttavia, al momento, la quota delle PMI attive all'estero è salita fino a rappresentare un terzo del totale, ed è concentrata soprattutto nel settore manifatturiero e nei servizi. Ancor più che in altri settori, i principali attori nel campo dei materiali strategici e dell energia sono rappresentati da imprese statali o da enti pubblici che godono di un forte sostegno dello Stato. Ciò è dovuto al tipo di investimento capital-intensive richiesto dalle materie prime e dall'energia. Nel caso della Corea le imprese leader del settore sono KNOC (Korean National Oil Corporation, attiva nel petrolio), POSCO (una conglomerata del ferro e dell'acciaio), KORES (società 100 per cento di proprietà del governo che si occupa di materiali strategici), KEPCO (Korea Electric Power Corporation, nel settore elettrico) e KOGAS (Korea Gas Corporation, nel settore energetico del gas naturale). Questa crescita sostenuta degli IDE in uscita in Corea è stata analoga a quella delle altre grandi economie asiatiche, prime tra tutte India, Cina e Giappone, concorrenti diretti delle imprese coreane nella corsa all acquisizione di risorse, specialmente nei mercati africani e latino-americani, dove la competizione si è fatta molto intensa negli ultimi anni 3. Un rapido sguardo al grafico mostra come, partendo da livelli molto diversi di investimenti all'estero, i quattro paesi asiatici abbiano visto una crescente convergenza. (Fonti: UNCTAD, WIR 2011, 2007,1999) Un altro punto comune tra i quattro paesi asiatici è che la crescita dei loro IDE è stata in ugual modo sostenuta nelle aree emergenti: America Latina e Africa, dove hanno investito principalmente nel settore energetico e nelle materie prime. In entrambi i settori le aziende coreane si sono trovate, pertanto, ad affrontare la forte concorrenza di aziende cinesi, giapponesi e indiane, in quella che è stata giustamente definita la nuova "guerra per le risorse" (Klare 2001, 2008). Anche se le loro motivazioni sono comuni (crescita della richiesta di materie prime ed energetiche, risorse domestiche scarse o in alcuni casi inesistenti), le modalità e le strategie poste in atto variano in modo significativo. La Corea, data anche la struttura industriale molto simile al Giappone, ha seguito sin dall inizio l approccio giapponese, mentre Cina e India, le due nuove arrivate sulla scena degli investimenti mondiali, hanno adottato strategie di penetrazione differenti. Per paesi privi di risorse naturali come la Corea o il Giappone, le strategie messe in campo nel settore energetico e minerario sono rivelatrici dell approccio nazionale agli investimenti esteri. 3 I paesi scelti per il confronto in questo articolo sono Giappone, Cina e India, in quanto paesi asiatici comparabili per dimensione e importanza economica alla Corea, nonché i suoi diretti concorrenti per l acquisizione di risorse all estero.

5 Scorrendo velocemente la lista degli investimenti, si può notare come le aziende coreane siano molto attive nei settori del gas naturale e del petrolio. La Corea, infatti, si posiziona appena dietro i cinesi in termini di capitali investiti, superando gli indiani e perfino i concorrenti giapponesi. Il paese è inoltre il decimo consumatore di petrolio del mondo e il quinto in termini di importazioni nette, dopo Stati Uniti, Cina, Giappone, Germania e prima dell India. Completamente privo di produzione nazionale, la Corea è obbligata ad acquistare all'estero l'intero importo, con 155 investimenti all estero nel settore del petrolio upstream in 36 paesi (EIA 2011; dati del ). Nel caso di altri prodotti energetici, questa percentuale è ancora maggiore e la Corea è attualmente il secondo importatore di carbone e di gas naturale liquefatto (GNL). Interessante è anche la lista dei principali fornitori di petrolio della Corea, comparata rispetto a gli altri paesi asiatici. (Fonte: Rapporto EIA, 2011) La Corea concentra oltre la metà delle sue importazioni da soli tre paesi - tutti in Medio Oriente (Arabia Saudita, Kuwait e EAU) - e con un panorama politico essenzialmente stabile, segno evidente che il paese non è disposto a correre alcun rischio. Ci sono solo altri due importanti partners, Iraq e Iran, che per il momento forniscono solo il 15 per cento delle importazioni coreane. Tale concentrazione è riscontrabile solo nel Giappone, mentre la Cina e l'india presentano entrambe una composizione più varia, importando in larga misura anche da paesi dell'africa e dell'america Latina. Questo riflette una forte concorrenza per il petrolio e il gas naturale che sta attualmente coinvolgendo i due giganti asiatici (Kumaraswamy 2007; Guenther 2008; Bustelo 2007; Hari 2005). Recentemente le aziende coreane stanno iniziando a firmare contratti per l acquisizione di quote in società petrolifere anche nei paesi in via di sviluppo. La KNOC negli ultimi anni è stata particolarmente attiva in America Latina e nel Sud-Est Asiatico, da quando le due aree sono state identificate come prioritarie dal governo: partecipazioni in compagnie petrolifere nel Golfo del Messico e, nel 2009, ha acquisito una quota di rilievo nella compagnia petrolifera Savia-Perù. In Asia, la società ha interessi in campo petrolifero (Vietnam) e ha di recente acquistato la compagnia kazaka Sumbe, entrando in quello che è stato definito il nuovo "Great Game" in Asia centrale. 4 Energy Information Administration (2011), Country Analysis Briefs, online

6 La situazione nel settore minerario e delle materie prime in genere, non è molto dissimile e vede la Corea dipendere per circa il 97 per cento dalle importazioni per soddisfare le esigenze domestiche. Il peso del settore estrattivo interno è ridotto (circa il 0,3 per cento del PIL; USGS 2004) mentre la capacità del paese in termini di lavorazione e raffinazione è enorme, analoga a quella per il petrolio. Il settore è in gran parte dominato da imprese statali sotto la diretta supervisione del Ministero del Commercio, Industria ed Energia.Una differenza significativa rispetto al settore energetico è l'offerta minerale, che obbliga le società coreane ad agire con maggiore pro attività nella ricerca di opportunità esterne 5. Come nel caso del ferro, un minerale relativamente abbondante, il vero problema non è la disponibilità, ma il costo di approvvigionamento, come dimostrato dagli eventi del 2009, con la disputa tra Cina e la compagnia australiana Rio Tinto, per il prezzo concordato annuo. Come accennato in precedenza, dopo essere stati in declino per molti anni rispetto ad altri IDE, gli investimenti nei settori primari, soprattutto da parte dei paesi asiatici, hanno ricominciato a crescere negli ultimi anni, a causa della pressione sui prezzi provocata dalla domanda dei mercati emergenti. Con i prezzi delle materie prime in aumento, e a causa dei divieti di esportazione temporanea o restrizioni da parte di alcuni produttori importanti (il divieto per il molibdeno dalla Cina nel 2007 e le quote per le terre rare nel 2010), le aziende coreane hanno iniziato a cercare all'estero fonti nuove e più sicure; in questo sono assistite da una politica nazionale molto efficiente di assistenza alle imprese.. L'approccio coreano e le radici del suo successo all'estero. Il litio boliviano. Le radici del successo economico coreano 6 risiedono nello sforzo compiuto dal paese di investire nello sviluppo tecnologico e di trasformarsi in un knowledge economy, al fine di evitare di essere schiacciato tra grandi concorrenti come il Giappone e la Cina. Nel caso degli investimenti esteri è innegabile il successo che molte compagnie coreane hanno riportato, in settori e/o paesi notoriamente difficili e contro concorrenti più forti e dotati di maggiori risorse. Questo successo è dovuto essenzialmente a due diversi tipi di fattori, interni ed esterni, da esaminare nel dettaglio. Più precisamente, "interno" si riferisce ai fattori controllati dal governo coreano, come le istituzioni governative, le politiche commerciali e altri tipi di supporto. "Esterni" sono invece quelli legati alla situazione economica generale, del paese e mondiale, alle politiche di attrazione degli investimenti messe in atto dai paesi beneficiari e alle azioni dei concorrenti. I fattori interni hanno chiaramente giocato un ruolo fondamentale negli investimenti diretti esteri. La crescita del coreano OFDI 7 non è stata sempre caratterizzata e sostenuta da una politica di governo coordinata e centralizzata, come invece è avvenuto nel caso dei settori considerati strategici, data la loro centralità nel campo della sicurezza nazionale del paese. Il governo ha generalmente incoraggiato l espansione coreana all'estero anche delle aziende private attraverso una serie di incentivi, dagli abbattimenti fiscali, al basso interesse sui crediti concessi principalmente dalla Export-Import Bank coreana. Inoltre, nel tentativo di incoraggiare le imprese straniere nel settore delle materie prime a collaborare ed entrare in forme di partnership con le società coreane, la Export-Import Bank Korea ha istituito dei crediti allo sviluppo diretti alle risorse naturali. Grazie a questi fondi anche le aziende straniere sono incoraggiate e sostenute, a condizione che esse consentano sostanziali partecipazioni coreane nelle offerte. 5 Per una trattazione più dettagliata della politica per la sicurezza energetica coreana si veda, Paladini, S. (2011) Shopping the Korean Way. A study in resource acquisition'. In Korea Politics, Economy and Socie, Leuven: BRILL 6 Come riferimento cfr. ECLAC (2006), Foreign Investment in Latin America and the Caribbean, online at e Lim, Wonhyuk (2000), The Origin and Evolution of the Korean Economic System, KDI Policy Study ,. Korea Development Institute, November Kwak, Jae Sung (2007), "Korean OFDI: investment strategies and corporate motivations for investing abroad", in: Serie: Desarrollo productivo 182, Santiago:CEPAL.

7 Un diverso tipo di aiuto rispetto a questi strumenti più propriamente finanziari è fornita da altre agenzie governative, di cui beneficiano le aziende coreane di ogni settore e dimensione. Un ruolo di primo rilievo è quello occupato dall organismo preposto al commercio e agli investimenti esteri, la KOTRA. Fondata nel 1962 e più volte ristrutturata ed ampliata, la KOTRA ha visto negli ultimi dieci anni una grande espansione ed un intensificarsi della sua attività per l'assistenza alle aziende coreane in tutto il mondo. KOTRA dispone attualmente di 111 filiali in 75 paesi, ed è stata la promotrice di iniziative come Buy Korea, Global Invest Korea ed altri eventi analoghi 8. (Fonte: Kotra website) Altro importante strumento utilizzato a livello governativo per il sostegno delle società coreane all estero è la diplomazia commerciale a livello bilaterale e regionale: tra questi gli accordi bilaterali per la cooperazione economica e i negoziati per le aree di libero scambio (FTA), impiegati dal governo coreano a partire dal Questo approccio ha mostrato i suoi effetti benefici soprattutto con lo stallo, dal 2000 in poi, del Doha Round e la conseguente paralisi della diplomazia commerciale multilaterale; ciò ha portato a decine di accordi di libero scambio firmati in tutto il mondo, l'ultimo dei quali nel 2011 con gli Stati Uniti e la Ue. I vantaggi e gli effetti economici delle FTA sono ben noti e ampiamente discussi nella letteratura specializzata in commercio estero. 9 In Corea, questo strumento specifico ha ottenuto l'appoggio incondizionato del presidente Lee Myung-bak, che nel 2008 ha deciso di continuare la politica inaugurata dal predecessore Roh Moo-hyun e di costruire una "rete globale FTA, come nucleo della sua politica di commercio estero 10. Pur non mantenendo un quadro specifico di riferimento per i suoi negoziati, la Corea si è chiaramente ispirata al NATFA (North-American Free Trade Agreement) per la struttura di base, firmando accordi abbastanza complessi e 8 Una delle funzioni principali della KOTRA alll estero è quello di individuare partner per gli investimenti coreani in uscita. Un altra agenzia, la InvestKorea, è invece responsabile di incoraggiare quelli in entrata. Il sito di riferimento è 9 Si veda, a titolo di esempio, Donnenfeld, Shabtai (2003), Regional Blocs and Foreign Direct Investment, in: Review of International Economics 11(5): Cheong Inkyo, Jungran Cho (2009), The Impact of Free Trade Agreements (FTAs) on Business in the Republic of Korea, Asian Development Bank Working Paper, p. 3, online

8 omnicomprensivi. La rete coreana comprende attualmente 11 circa 32 accordi, in vigore o in fase di negoziazione, con UE, USA, Canada, Australia, India, in tutte le economie del Sud-Est Asiatico, e sta iniziando ad affermarsi in America Latina. A fronte di questi fattori interni, gli investimenti coreani sono favoriti anche da un clima estero che li vede preferiti, in alcuni casi, a quelli dei vicini più potenti. Uno dei fattori maggiormente di rilievo è rappresentato dai sospetti che, il Giappone prima e la Cina adesso, sollevano generalmente tra i paesi destinatari dei loro investimenti, soprattutto se relativi a materiali strategici e ad alta tecnologia. Molti sono gli esempi di investimenti che non hanno superato l'approvazione del governo ricevente, come nel caso delle controverse acquisizioni da parte della Cina dell americana Unocal negli Stati Uniti nel 2004 e dell australiana Lynas Corporation nel E facile notare che la Corea non ha avuto le stesse difficoltà incontrate dai suoi concorrenti asiatici. Questo è forse il motivo per cui le aziende coreane hanno concentrato la loro attività di acquisizione su mercati normalmente meno aperti a società cinesi, con cui evitano accuratamente di competere. Un esempio tra tutti è rappresentato dall'acquisizione nel 2009, da parte della Knoc, della Harvest Energy in Canada, il più grande investimento all'estero coreano ad oggi, con 3.9 miliardi di dollari per lo sfruttamento dei depositi di sabbie petrolifere, considerato da molti il nuovo eldorado energetico (Financial Times 22 ottobre 2009). Un altra, e ancora più sorprendente success story, è rappresentata dal trattato dell agosto 2010 con il governo boliviano per lo sfruttamento dei depositi di litio, da molti considerato il capolavoro della diplomazia commerciale coreana. L'America Latina non è mai stata una priorità per le aziende coreane e, a marzo 2010, gli IDE coreani del continente erano pari solo all 8 per cento del totale. La presenza della Corea, tuttavia, non è una novità assoluta, dato che la prima azienda asiatica ad entrare in mercati latinoamericani è stata la POSCO, con un investimento in joint-venture con la azienda brasiliana Vale do Rio Doce nel 1967 per lo sfruttamento dei minerali di ferro. Più recentemente, tuttavia, l'interesse della Corea in America Latina è notevolmente aumentato, anche se la sua quota è rimasta costante. La Corea ha seguito da vicino le orme della Cina nelle sue relazioni commerciali con l'america Latina, con la firma di un accordo di libero scambio con il Cile nel 2004 ed entrando come membro nella Banca Interamericana di Sviluppo nel Il continente è stato recentemente identificato come un partner strategico per la Corea, sia come mercato di destinazione per i suoi prodotti che come fonte per vitali materiali strategici. Accordi bilaterali basati sulla cooperazione energetica sono stati firmati con Perù, Cile, Argentina, Brasile e Messico, e negoziati sono stati avviati anche con il MERCOSUR nel Mentre le conglomerate sono presenti su tutto il continente, ed in espansione anche nel settore manifatturiero e dei servizi, l'attenzione sull'acquisizione delle risorse rimane molto forte, con investimenti in rame e gas naturale (Perù), legno (Cile) e olio (Brasile). A titolo di esempio, nel settembre 2010, la SK Networks Co. ha acquisito partecipazioni per 700 milioni di dollari in Brasile, nel più grande investimento in minerale di ferro da parte di una società coreana, MMX Mineração & Metalicos SA, e fornirà circa il 17 per cento del fabbisogno di minerale di ferro complessivo coreano annuale (Bloomberg, 25 ottobre 2010). Il risultato più notevole di questa diplomazia commerciale, tuttavia, sono stati gli accordi raggiunti negli ultimi anni con il governo boliviano, un partner attraente ma notoriamente difficile. Il paese è molto ricco di risorse naturali, ma senza sbocco sul mare, ancora in via di sviluppo e con un governo di sinistra che sin dall inizio non ha fatto nulla per rassicurare gli investitori stranieri. Il presidente Morales, il primo capo di stato indigeno della Bolivia, nel 2006 ha nazionalizzato tutta l'industria del gas naturale del paese. Tuttavia la Corea, che ha recentemente riaperto l'ambasciata chiusa nel 1998 durante la crisi asiatica, ha ottenuto due importanti successi in Bolivia. 11 Il database online è disponibile sul sito della ADB 12 Per la diplomazia commerciale coreana in America latina, cfr. Kim, Won Ho (2008), Prospects of Korea-MERCOSUR FTA Negotiations: Implications from MERCOSUR's Structure and Past Negotiations. In: GUIMARÃES, Lytton F., MASIERO, Gilmar (eds), Brasil-Coréia do Sul: Relações, Estratégias, Perspectivas, Brasília

9 Il primo, nel 2007, è stata la joint-venture firmata da un consorzio coreano, guidato da Kores e dalla conglomerata S-Nikko con la società di stato Comibol, per lo sviluppo delle miniere di rame nella provincia Corocoro (Business News America, 20 giugno 2008). Questo sito è la più grande miniera di rame boliviana, con riserve stimate a 15 milioni di tonnellate e chiusa dal 1985, quando il prezzo del minerale scese drasticamente. Nell accordo, firmato dopo più di un anno di trattative lunghe e complesse, è stato concesso alla controparte coreana il 45 per cento dei diritti di proprietà per una produzione programmata di circa tonnellate l'anno. Grazie a Corororo, e alla tecnologia coreana, la Bolivia diventerà il terzo produttore mondiale di rame, dopo Cile e Perù. Il secondo exploit, se possibile ancor più notevole, è stato il recente accordo (Bloomberg, 24 agosto 2010) per l'esplorazione congiunta delle risorse boliviane di litio. ll litio è una materia prima fondamentale per prodotti ad alta tecnologia e per le batterie omonime, utilizzate da telefoni cellulari e da auto elettriche; questi segmenti crescenti hanno posto l offerta sotto pressione, con un prezzo atteso che potrebbe impennarsi molto velocemente, come già successo con le terre rare. Secondo alcune stime, la domanda di litio supererà gli attuali livelli di offerta nel 2015 (BBC News, 9 novembre 2009). La Corea, uno dei principali importatori di litio, è stato a lungo alla ricerca di nuovi fornitori per alimentare il suo consumo crescente. Come uno dei leader a livello mondiale della produzione di batteria al litio insieme a Giappone e Cina, la Corea ha visto la sua quota di produzione di batterie in costante aumento dal 2002, fino a raggiungere il 18 per cento della produzione mondiale 13. L'America Latina è attualmente il centro della produzione mondiale di litio, con il Cile e l'argentina rispettivamente primo e terzo fornitore mondiale grazie ai loro depositi andini. Eppure le loro riserve sono relativamente piccole rispetto alla Bolivia, che attualmente non ha nemmeno un impianto di estrazione in attività. Il paese è soprannominato l "Arabia Saudita del litio" e rappresenta da solo più della metà delle riserve mondiali concentrate nei depositi dei suoi altopiani immensi (come il famoso Salar de Uyuni, una popolare destinazione turistica). Quello che invece ancora manca è una tecnologia sofisticata per sfruttarle. Alcune aziende americane e giapponesi hanno a lungo corteggiato il governo boliviano al fine di costruire impianti industriali per la trasformazione e lo sfruttamento commerciale del litio, ma le comunità locali e il governo hanno regolarmente respinto tutte le offerte di acquisizione. Gli ultimi tentativi, senza successo, sono stati i negoziati con un consorzio giapponese composto da Mitsubishi, Sumitomo e Toyota (Time, 22 gennaio 2009). La ragione principale del rifiuto, in questo caso, è stata la mancanza di controllo da parte boliviana sull'intero processo; le richieste del governo andino erano invece nel senso di una jointventure per l'estrazione e la condivisione della tecnologia Nella sua ricerca di fonti alternative, la KIGAM (Istituto Coreano di Geoscienze e Risorse Minerarie) ha anche annunciato nel 2010 di aver trovato un modo per estrarre il minerale dal mare attraverso l'utilizzo di sofisticate membrane. 14 Inoltre, nel caso specifico della Sumitomo c è ancora in corso una disputa sulla miniera di zinco e di argento di San Cristobal, accusata di aumentare il livello di inquinamento della regione e quindi odiata tra le comunità locali, che di recente hanno minacciato di togliere la corrente alla centrale (Bloomberg 12 Agosto 2010).

10 (Il Salar di Uyuni, la riserva di litio boliviano) La Corea, invece, è riuscita a sopresa nell impresa. L accordo di programma, firmato a settembre 2010 durante la visita di stato del presidente Morales a Seoul (Mining Weekly 10 settembre 2010), prevede l esplorazione e la produzione congiunta delle risorse grazie alla cooperazione di Kores e Comibol. Inoltre, Kores porterà al partner boliviano, ancora inesperto nello sfruttamento del litio, l esperienza della joint-venture già operativa in Argentina per lo sfruttamento del materiale. La Bolivia sarà inoltre inclusa dal 2012 nel programma coreano di Knowledge Sharing, che mira ad aiutare i partner commerciali più arretrati per l elaborazione di strategie per lo sviluppo, la riduzione della povertà e la crescita economica. Conclusioni Le stime del Fondo Monetario del sorpasso coreano del 2017 sono state contestate come non accurate. Uno degli aspetti controversi è la modalità di valutazione delle stime della parità del potere di acquisto, che non tiene conto di molti parametri importanti e non è aggiornata con sufficiente tempismo. Tuttavia, indipendentemente dalla ricchezza relativa del paese, ed esaminando i vari scenari, i prossimi anni sembrano promettenti per la Corea e le sue imprese, che danno l'impressione di essere pronte ad affrontare le sfide future. Uno degli aspetti più problematici e che influenzeranno le politiche di acquisizioni future - estremamente importante per un paese povero di risorse - riguarderà i diritti di proprietà per lo sfruttamento di nuove risorse. In un possibile scenario di crescenti tensioni e con la concorrenza agguerrita di economie emergenti, la Corea potrebbe trovarsi in una posizione estremamente vulnerabile, e avrà bisogno di tutte le sue capacità di negoziazione e di diplomazia commerciale per continuare a garantire successi come quelli attuali.

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE COMUNICATO STAMPA Claudia Buccini +39 02 63799210 claudia.buccini@eur.cushwake.com CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE Causeway Bay a Hong Kong

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Capitolo 7 - Dall import substituion alla globalizzazione - Marco Missaglia. Introduzione

Capitolo 7 - Dall import substituion alla globalizzazione - Marco Missaglia. Introduzione Capitolo 7 - Dall import substituion alla globalizzazione - Marco Missaglia Introduzione In questa lezione cercherò di delineare le caratteristiche fondamentali delle diverse strategie attraverso le quali,

Dettagli

Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria

Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria n. 100 - settembre 2014 a cura dell'ispi (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale) TRA EUROPA E ASIA: STRUTTURE DI GOVERNANCE

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Scommettere sull Africa emergente

Scommettere sull Africa emergente Giovanni Carbone, Gian Paolo Calchi Novati, Gianpaolo Bruno, Marta Montanini Scommettere sull Africa emergente Opportunità e scenari della presenza italiana nell Africa Subsahariana Scommettere sull Africa

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

La Situazione Energetica in Cina

La Situazione Energetica in Cina Master Mea 2012 - XI Edizione Manfredi Rubino Marco De Vita Michele Angioni 1. Informazioni generali e consumi di energia elettrica 2. Investimenti Diretti Esteri (IDE) nel Settore Energetico 3. Il Carbone

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli