Sistemi di gestione per infrastrutture Cloud

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di gestione per infrastrutture Cloud"

Transcript

1 Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Reti di Calcolatori Sistemi di gestione per infrastrutture Cloud Anno Accademico 2013/2014 Candidato: Mariateresa Cotticelli matr. N

2

3 Don't sweat it. It's not real life. It's only ones and zeroes. Gene Spafford

4

5 INDICE Indice... 5 Introduzione Dalla virtualizzazione al Cloud Computing Il Cloud Computing, la definizione del NIST Caratteristiche essenziali Modelli di servizio Modelli di distribuzione Provider di infrastrutture cloud Lifecycle Service e casi d'uso Sicurezza Il ruolo dei provider di servizi Nuovi e futuri sviluppi Gestire un datacenter Com è fatto un datacenter Il DCIM, Data-Center Infrastructure Managment Il ruolo di un DCIM in un DataCenter Dai server tradizionali a quelli virtuali OpenStack: il cloud in open-source Uno sguardo alla struttura Compute (Nova) Storage Funzionalità di un Object Storage (Swift) Funzionalità di un Block Storage (Cinder) Networking (Neutron) La Dashboard (Horizon), modulo per una gestione semplificata del cloud Altri moduli di OpenStack Identity Service (Keystone) Image Service (Glance) Telemetry (Ceilometer) Orchestration (Heat)

6 4.3.5 Database (Trove) Cloud Management Puppet OpenStack & Puppet per la gestione automatizzata di un cloud Conclusioni e futuri scenari Bibliografia e Sitografia

7 INTRODUZIONE Chi si trova nella situazione di dover gestire un azienda, un organizzazione, un ente, che sia esso pubblico o privato, si imbatte inevitabilmente nella necessità di amministrarne l infrastruttura informatica. Un incremento delle esigenze di storage, ad esempio, comporta necessariamente l ampliamento dell infrastruttura e quindi un aumento dei costi di gestione e manutenzione. Se quindi volessimo un infrastruttura IT scalabile in base alle esigenze, flessibile, che segua le necessità di calcolo in real time? Un infrastruttura on demand, a consumo, cioè della quale si utilizza solo quello che realmente serve? Un infrastruttura capace di aumentare le risorse, ma anche di rilasciarle quando non ne abbiamo più bisogno? La risposta a tali domande è fornita oggi dall evoluzione dei concetti di virtualizzazione e dall integrazione di questi nei sistemi software distribuiti: il Cloud Computing. Il concetto di Cloud Computing pone le sue fondamenta nel modello del mainframe 1, quando John McCarthy, pioniere dell intelligenza artificiale, immaginava un futuro in cui l elaborazione dei calcoli sarebbe potuta essere distribuita ed organizzata su diversi sistemi pubblici d accesso. Il termine cloud all inizio degli anni novanta identificava, nel campo delle telecomunicazioni, la nuvola di circuiti elettrici per la permutazione del traffico, audio o dati, in modo che l utente finale avesse la necessità di conoscere solo i dispositivi terminali della comunicazione, i telefoni. 1 è un computer utilizzato per applicazioni critiche, soprattutto da grandi aziende e istituzioni, tipicamente per elaborare, con alte prestazioni ed alta affidabilità, grandi moli di dati. 7

8 Siamo alla fine degli anni novanta e la crescita del numero di utenti di Internet aiuta il diffondersi dei primi servizi on demand sulla rete: nasce così il Software as a Service (SaaS). Il cloud computing oggi rappresenta lo stato dell arte della tecnologia informatica ed è un importante risposta per importanti aspetti del bilancio di un azienda: il costo dell IT, la gestione della banda, costi di elettricità, cablaggi, hardware, furti, problemi di sicurezza, disaster recovery, etc. Definito il concetto di Cloud Computing, l elaborato presenterà i modelli di servizio offerti dalla tecnologia (SaaS, PaaS e Iaas) ed i modelli di deployment: privato, pubblico ed ibrido. Sarà esposto il ciclo di vita di un servizio cloud, con accenni sul ruolo del provider dei servizi nel garantire la sicurezza dei dati. A seguire, il datacenter, il software gestionale DCIM e le infrastrutture completamente virtualizzate, i Software-defined Datacenter, come evoluzione naturale di un datacenter, nella direzione del cloud. Infine sarà introdotto OpenStack, il Sistema Operativo che permette di gestire una complessa infrastruttura da un pannello web, analizzandone struttura e moduli del software ed introducendo un software di automatizzazione dei processi fondamentali della gestione del cloud, Puppet. 8

9 1 DALLA VIRTUALIZZAZIONE AL CLOUD COMPUTING Ci siamo spesso trovati di fronte all esigenza di creare una versione virtuale di una risorsa che solitamente veniva fornita fisicamente: sistemi operativi, memorie, hard disk. Pensiamo ad esempio al modello virtuale di memoria: nella CPU un programma lavora come se avesse a disposizione uno spazio di memoria pari alla totalità della memoria disponibile; in realtà, se la memoria RAM è insufficiente, le zone di memoria in uso (suddivise in pagine di dimensione prefissata) sono allocate nella RAM mentre le pagine inattive sono salvate in un file di paging. I metodi attraverso cui è possibile ottenere la virtualizzazione sono due: EMUL AZI ONE: l hardware è completamente simulato dalla macchina virtuale che utilizza un sistema operativo standard eseguito su CPU virtuale; PARAVI RTUALIZZ AZIONE: la virtual machine si occupa di fornire apposite API che richiedono modifiche al sistema operativo ma consentono prestazioni migliori dell emulazione; Il concetto di virtual machine nasce quindi per indicare la condivisione di un singolo computer tra più utenti. Grazie però al fatto che la potenza dei computer è in crescita costante, è sorta l'esigenza opposta: far percepire come unica entità un sistema composto da molti computer distinti. In questo caso si parla di Parallel Virtual Machine, soluzione che prevede la creazione di cluster di centinaia, se non migliaia, di elaboratori per sostenere carichi di lavoro massicciamente parallelizzabili. 9

10 FIGURA 1 - STRUTTURA DI UN'ARCHITETTURA VIRTUALE (VMWARE.COM) Dall idea di far apparire le Parallel Virtual Machines come un unico supercomputer virtuale, celando all utente la complessità interna, nasce l idea del Grid Computing. Il Grid computing è un infrastruttura di calcolo distribuito, utilizzata per l elaborazione di grandi quantità di dati, mediante l uso di una vasta quantità di risorse. In particolare, tali sistemi grid permettono la condivisione coordinata di risorse all interno di un organizzazione virtuale. FIGURA 2 - ESEMPIO DI SISTEMA GR ID (WIKIPEDIA.ORG) Ci troviamo nella condizione di poter considerare il Cloud Computing una sorta di evoluzione del Grid Computing. Evitando di prendere strade che portino ad una distinzione semplicistica tra le due tecnologie, affermando che il Grid Computing richiede di scrivere programmi basati su scambio di messaggi mentre il Cloud Computing supera tale complessità basandosi, ad esempio, su 10

11 MapReduce 2, si cercherà di evidenziare alcune peculiarità che da un lato avvicinano, dall altro allontanano i due concetti. I padri del Grid, Ian Foster e Carl Kesselmann, avevano lavorato nella direzione di un sistema che sfruttasse la potenza di calcolo inutilizzata delle macchine in stato idle genericamente connesse ad Internet. In questo modo si tende ad avere dei microproduttori di potenza computazionale aggregati virtualmente attraverso un middleware che dia la visione di un unico super computer virtuale in cui è lo stesso utente a condividere le proprie risorse di calcolo. Al contrario, il Cloud Computing è orientato ad un idea di macroproduttori di computing, indipendentemente dal tipo di cloud (application, platform o infrastruttura). Ora l utente utilizza la Cloud la quale è fornita da un provider (in genere un centro di calcolo, che può anche essere frutto dell aggregazione di centri sparsi per il globo, di proprietà esclusiva del provider). Analizzando adesso quello che potremmo chiamare modello di business delle due tecnologie, sarà possibile evidenziare altre disuguaglianze. Il Cloud Computing fa riferimento al modello delle utility di larga scala: un infrastruttura singola serve un numero di utenti (in costante incremento), ha un costo quasi nullo ma moltiplica i profitti e contribuisce a sostenere una politica di riduzione dei prezzi. E il modello a cui siamo abituati a riferirci per i servizi di accesso all elettricità, al gas, alla connettività. Il Cloud Computing, alle peculiarità di questi modelli, aggiunge il CPU time e il massive storage 3. Il Grid Computing è community-based. Un istituzione decide di unirsi ad una Grid e cede l uso esclusivo alle risorse condivise in cambio della possibilità di accedere ad un numero di risorse potenzialmente altissimo. In questo modo si 2 M APR E D U C E è un framework software di Google per la computazione distribuita su grandi quantità di dati in cluster di computer, ispirato alle funzioni map e reduce nella programmazione funzionale 3 Il primo consente di prenotare, configurare ed istanziare insiemi di macchine per il periodo desiderato. Con il secondo si ha accesso ad uno spazio di storage praticamente illimitato. 11

12 ottimizza l utilizzo delle risorse che non restano più inattive e si può pensare di affrontare sfide di complessità altrimenti impossibili. L obiettivo del Cloud, non è la grande sfida ma riportare il focus sulle webapplications e sul concetto di pubblica utilità. [2] 1.1 IL CLOUD COMPUTING, LA DEFINIZIONE DEL NIST Il C LOUD C OMPUT ING è una tecnologia, o meglio un insieme di tecnologie che rendono disponibili le risorse all'utilizzatore esattamente come se fossero implementate in sistemi standard pur essendo nella realtà distribuite e virtualizzate in rete in una tipica architettura client-server. L'implementazione effettiva delle risorse quindi non è definita in modo dettagliato agli occhi dell utente: l'idea infatti è proprio quella di rendere l'implementazione un insieme eterogeneo e distribuito the cloud di risorse le cui caratteristiche non siano note all'utilizzatore. È riportato nelle prossime righe un estratto con relativa traduzione di quella che è la definizione di Cloud Computing data dal NIST [1], il National Institute of Standards and Technolgy. Cloud computing is a model for enabling convenient, on-demand network access to a shared pool of configurable computing resources (e.g., networks, servers, storage, applications, and services) that can be rapidly provisioned and released with minimal management effort or service provider interaction. This cloud model is composed of five essential characteristics, three s ervice models, and four deployment models. Trad. Il cloud computing è un modello per abilitare, tramite la rete, l accesso diffuso, agevole e su richiesta, ad un insieme condiviso e configurabile di risorse di elaborazione (ad esempio reti, server, memoria, applicazioni e servizi) che possono essere acquisite e rilasciate rapidamente e con minimo sforzo di gestione o di interazione con il fornitore di servizi. Questo modello cloud è composto da cinque caratteristiche essenziali, tre modalità di servizio e quattro modelli di distribuzione. 1.2 CARATTERISTICHE ESSENZIALI SELF-SERVICE ON DEMAND Un consumatore può acquisire unilateralmente e automaticamente le necessarie capacità di calcolo, come CPU-time e memoria, senza richiedere interazione 12

13 umana con i fornitori di servizi (fase commerciale/contrattuale di attivazione del rapporto). AMPIO ACCESSO IN RETE Le risorse sono disponibili in rete e accessibili attraverso meccanismi standard che promuovono l'uso attraverso piattaforme eterogenee come thin client o pesanti (ad esempio telefoni mobili, tablet, laptops e workstations). CONDIVISIONE DELLE RISORSE Le risorse di calcolo del fornitore sono messe in comune per servire molteplici consumatori utilizzando un modello condiviso (multi-tenant), con le diverse risorse fisiche e virtuali assegnate e riassegnate dinamicamente in base alla domanda. Dato il senso di indipendenza dalla locazione fisica, l utente generalmente non ha controllo o conoscenza dell esatta ubicazione delle risorse fornite, ma può essere in grado di specificare la posizione ad un livello superiore di astrazione (ad esempio, paese, stato o datacenter). Esempi di risorse includono memoria, elaborazione e larghezza di banda della rete. ELASTICITÀ RAPIDA Le risorse possono essere acquisite e rilasciate elasticamente, in alcuni casi anche automaticamente, per scalare rapidamente verso l esterno e l interno in relazione alla domanda. Al consumatore, le risorse disponibili spesso appaiono illimitate e disponibili in qualsiasi quantità, in qualsiasi momento. SERVIZIO MISURATO I sistemi cloud controllano automaticamente e ottimizzano l'uso delle risorse, facendo leva sulla capacità di misurazione ad un livello di astrazione appropriato per il tipo di servizio (ad esempio memoria, elaborazione, larghezza di banda e utenti attivi). L utilizzo delle risorse può essere monitorato, controllato e segnalato, fornendo trasparenza sia per il fornitore che per l utilizzatore del servizio. 1.3 MODELLI DI SERVIZIO La definizione del NIST contiene anche una descrizione dei possibili modelli di servizio (SaaS, PaaS e IaaS) e dei modelli di deployment (private cloud, community cloud, public cloud ed hybrid cloud). 13

14 Infrastructure Platform Application SISTEMI DI GESTIONE PER INFRASTRUTTURE CLOUD CLOUD SOFTWARE AS A SERVICE (SAAS) La possibilità fornita al consumatore è quella di utilizzare le applicazioni del provider in esecuzione su un'infrastruttura cloud. Le applicazioni sono accessibili da vari dispositivi client attraverso un'interfaccia thin client come un browser Web (ad esempio, Web-based ), o un'interfaccia di programma. Il consumatore non gestisce né controlla l'infrastruttura cloud di base compresa la rete, i server, i sistemi operativi, lo storage, con la possibile eccezione per la configurazione di limitate specifiche per l'utente dell'applicazione. CLOUD PLATFORM AS A SERVICE (PAAS) La possibilità fornita al consumatore è quella di distribuire sul cloud infrastrutture consumer-created o applicazioni ottenute create utilizzando linguaggi e strumenti di programmazione supportati dal provider. Il consumatore non gestisce e non controlla l'infrastruttura cloud di base compresi rete, server, sistemi operativi, o storage, ma ha il controllo sulle applicazioni distribuite e sulle configurazioni dell ambiente di hosting delle applicazioni. Cloud Clients Web browser, mobile app, thin client, terminal emulator, SaaS CRM, , virtual desktop, games, communication, PaaS Execution runtime, database, web server, development tools, IaaS Virtual machines, servers, storage, load balancers, network, FIGURA 3- I DIVERSI LIVELLI DI CLOUD CLOUD INFRASTRUCTURE AS A SERVICE (IAAS) Viene fornita al consumatore l infrastruttura per l elaborazione, lo storage, reti e altre risorse fondamentali di calcolo in cui il consumatore è in grado di distribuire ed eseguire software arbitrario, inclusi sistemi operativi ed applicazioni. Il consumatore non gestisce né controlla l'infrastruttura cloud 14

15 sottostante, ma ha il controllo su sistemi operativi, storage, applicazioni distribuite ed, eventualmente, un limitato controllo di selezionate componenti di rete (ad esempio, di hosting firewall). FIGURA 4 - GRADO DI "VIRTUALIZZAZIONE PER STRUTTURE IAAS, PAAS E SAAS 1.4 MODELLI DI DISTRIBUZIONE PRIVATE CLOUD L infrastruttura cloud è strutturata per l'utilizzo esclusivo da parte di un unico ente comprendente più consumatori (ad esempio, business units). Essa può essere gestita in modo individuale, dall organizzazione, da un terzo o da una combinazione di questi. COMMUNITY CLOUD L infrastruttura cloud è prevista ad uso esclusivo di una specifica comunità di consumatori, di organizzazioni che condividono alcune caratteristiche come livelli di sicurezza, norme legali, obiettivi e così via PUBLIC CLOUD L infrastruttura cloud è caratterizzata dall utilizzo aperto al pubblico. L infrastruttura, la piattaforma, le applicazioni sono di proprietà del service provider, sono gestite dal service provider e sono condivise con più clienti. 15

16 HYBRID CLOUD L infrastruttura cloud è una composizione di due o più infrastrutture cloud distinte (privata, comunitaria o pubblica) che restano soggetti unici, ma sono legate insieme da standard o tecnologia proprietaria che permette portabilità ai dati ed all'applicazione (ad esempio, il cloud bursting 4 per il carico bilanciamento tra i cloud). 4 C L O U D B U R S T I N G è un modello di sviluppo di applicazioni in cui un applicazione è eseguita in un cloud privato o in un mainframe e sfocia in un cloud pubblico quando la richiesta di capacità computazionale giunge al culmine. Il vantaggio di questa struttura è che l organizzazione paga solo la capacità extra di cui necessita. 16

17 2 PROVIDER DI INFRASTRUTTURE CLOUD Un provider di cloud è una società che offre componenti di cloud computing - tipicamente Infrastructure as a Service (IaaS), Software as a Service (SaaS) o Platform as a Service (PaaS) - ad altre aziende o individui. I Cloud provider sono anche chiamati provider di servizi cloud o CSP. 2.1 LIFECYCLE SERVICE E CASI D'USO La figura 5 mostra i sei stati del ciclo di vita di un tipico servizio cloud con i casi d'uso più rilevanti per ogni stato. Template: Uno sviluppatore definisce il servizio in un modello che descrive il contenuto e le interfacce per un servizio. Offerta: Un provider applica vincoli, costi e politiche di un modello per creare un'offerta disponibile per la richiesta di un consumatore. Contratto: Un consumatore ed un fornitore stipulano un contratto per i servizi, compresi gli accordi sui costi, sulla SLA 5, SLO 6, e le opzioni di configurazione specifiche. 5 S E R V I C E L E V E L A G R E E M E N T è un documento redatto allo scopo di definire i parametri di riferimento per l'erogazione del servizio Cloud e per il monitoraggio del livello di qualità effettivamente erogato. 6 S E R V I C E L E V E L O B J E C T I V E è un mezzo per misurare le prestazioni del Service Provider ed evitare controversie tra le due parti sulla base di incomprensione. C è spesso confusione tra SLA e SLO. La SLA è l'intero accordo che specifica quale servizio deve essere prestato, come si è sostenuto, tempi, luoghi, costi, prestazioni, e le responsabilità delle parti coinvolte. SLO sono 17

18 Fornitura di servizi: Un provider implementa (o modifica) un servizio in base al contratto con il consumatore. Manutenzione Runtime: Un provider gestisce un servizio distribuito e tutte le sue risorse, compreso monitoraggio di risorse e notifica al consumatore di situazioni chiave. Fine del servizio: Un provider ferma un'istanza del servizio. FIGURA 5 - STATI DEL CICLO DI VITA DI UN SERVIZIO CLOUD E CASI D'USO ([5]) 2.2 SICUREZZA Cosa succede però ai dati quando sono trasferiti offsite, fuori dal controllo fisico o logico? I cloud provider non rivelano la posizione fisica dei dati. Inoltre in un cloud pubblico, ad esempio un pool condiviso, si condivide una risorsa completamente al di fuori dalla portata dell'organizzazione; potrebbe accadere, in un caso limite, che i dati di una certa organizzazione siano immagazzinati assieme ai dati di un'organizzazione concorrente. E seppure le informazioni siano criptate, chi è in controllo delle chiavi di criptazione/decrittazione, il provider del cloud o il cliente? Si aprono qui infiniti dibattiti sulla sicurezza. specifiche caratteristiche misurabili della SLA quali la disponibilità, velocità, frequenza, tempo di risposta o la qualità. 18

19 2.2.1 IL RUOLO DEI PROVIDER DI SERVIZI La diffusione del paradigma Cloud nelle architetture Enterprise 7, richiede pattern architetturali appropriati alla protezione dei dati, siano essi in transito o mantenuti nelle infrastrutture di servizio. L utilizzo di servizi di cloud computing può essere, in casi specifici, un vantaggio per la sicurezza delle informazioni: Esternalizzare i dati comuni verso il cloud, riduce l esposizione dei dati sensibili che rimangono all interno dell IT locale; L omogeneità del cloud permette auditing e testing molto semplici; Il cloud permette di automatizzare il security management su larga scala; Ridondanza e disaster recovery sono insite nelle infrastrutture cloud; [4] L'interfaccia del provider di servizi cloud (CSP Interface) fornisce l'accesso agli endpoint logici, tra cui il Security Manager (responsabile della sicurezza), il Service Manager (responsabile del servizio) ed il Service Catalog (il catalogo dei servizi). Questi endpoint forniscono i vari servizi per interagire con gli enti di servizio (come macchine virtuali, i volumi, le reti), ottenere relazioni di audit 8 ed eseguire una serie di altre attività necessarie per soddisfare e mantenere un'infrastruttura cloud. 7 L'E N T E R P R I S E A R C H I T E C T URE è la disciplina che studia come descrivere la struttura di un'organizzazione, i suoi processi operativi, i sistemi informativi a supporto, i flussi informativi, le tecnologie utilizzate, le localizzazioni geografiche, i suoi obiettivi. 8 L'A U D I T è una valutazione indipendente volta a ottenere prove, relativamente ad un determinato oggetto, e valutarle con obiettività, al fine di stabilire in quale misura i criteri prefissati siano stati soddisfatti o meno. 19

20 FIGURA 6 - IL RUOLO DEL CSP Il Service Manager si occupa del controllo, del monitoraggio e dei report, compiti per il quale l accesso può essere regolato basandosi sui ruoli (RBAC, Role-based access control). La funzione dell interfaccia del provider è quella di gestire il contenuto di questi elementi relativi alla politica gestionale; l'infrastruttura cloud (IaaS) infatti, è una "scatola nera" per l'interfaccia del provider. Le due categorie di attori che interagiscono con l'interfaccia CSP 9 sono utenti umani e programmi applicativi (quali la gestione, l approvvigionamento automatico, la fatturazione, o per applicazioni di controllo). L'utente umano potrà anche interagire tramite un'interfaccia portale, di solito utilizzando un browser web. L'interfaccia del portale sarà sviluppata utilizzando le interfacce dei provider di servizi cloud. 9 C L O U D SERV I C E PR O V I D E R 20

21 2.2.2 NUOVI E FUTURI SVILUPPI Tradizionalmente, l'utente umano utilizza uno username ed una password come credenziali per l'autenticazione; Tuttavia, andrebbero utilizzati i meccanismi più sicuri ed infatti solitamente un programma applicativo utilizza i certificati. Gli utenti potrebbero inoltre utilizzare i token di autenticazione; non a caso si sta diffondendo un modello di autenticazione con doppia verifica : la classica password e un PIN inviato via SMS su telefono cellulare o generato random da dispositivi associati ad un account. Le applicazioni potrebbero utilizzare i ticket Kerberos: un protocollo di rete per l autenticazione tramite crittografia che permette a diversi terminali di comunicare su una rete informatica insicura provando la propria identità e cifrando i dati. Kerberos previene attacchi quali l'intercettazione e i replay attack ed assicura l'integrità dei dati. I suoi progettisti mirarono soprattutto ad un modello clientserver e fornisce una mutua autenticazione cioè sia l'utente che il fornitore del servizio possono verificare l'identità dell'altro. Meccanismi appropriati possono variare in ambienti differenti e l intenzione non è quella di dichiarare un elenco esaustivo di possibili meccanismi di autenticazione. [5] 21

22 3 GESTIRE UN DATACENTER A DATACENTER IS A FACILITY USED TO HOUSE COMPUTER SYSTEMS AND ASSOCIATED COMPONENTS, SUCH AS TELECOMMUNICATIONS AND STORAGE SYSTEMS. [6] Un datacenter è un luogo fisico con tutte le infrastrutture e gli impianti di base idonei ad alloggiare i principali elaboratori elettronici delle informazioni di una o più organizzazioni, oltre ai componenti associati quali sistemi di telecomunicazione e di memorizzazione. I sistemi per l elaborazione dati, o in senso più ampio ciò che si definisce con tecnologie dell informazione (di seguito IT) da mezzo secolo si sono imposti come strumenti indispensabili allo sviluppo delle organizzazioni, indipendentemente dalla finalità delle stesse, mostrando una utilità trasversale e multidisciplinare. I datacenter vanno considerati come le fondamenta essenziali alla costruzione di un sistema informativo; e quanto più solide sono le fondamenta tanto più solido sarà l edificio informativo costruito su di esse. 3.1 COM È FATTO UN DATACENTER Un datacenter, si è detto, è un luogo. Più precisamente è un luogo in cui si raccolgono i sistemi di connessione (router, switch, cavi Ethernet, cassetti di fibra ottica), le unità computazionali (server), i sistemi di storage e quant altro sia necessario per offrire prodotti come hosting, , VPS, cloud computing e via discorrendo. Ma la semplice giustapposizione di questi elementi non forma un datacenter. Al datacenter afferiscono anche impianti e sistemi che non appartengono strettamente alla sfera del Web, ma che sono comunque necessari affinché la 22

23 porzione di Internet ospitata goda della maggiore sicurezza possibile sotto tutti i punti di vista. Un datacenter, quindi, può essere definito come un luogo dove si riuniscono tutta una serie di impianti, il cui scopo è quello di permettere il funzionamento 24 ore al giorno, tutti i giorni dell anno, dei sistemi computazionali ospitati.[7] IL DCIM, DATA-CENTER INFRASTRUCTURE MANAGMENT Il software DCIM è un applicazione di gestione progettata per l'acquisizione e l'elaborazione dei dati sugli asset del Datacenter, sull'utilizzo delle risorse e sullo stato di funzionamento nell'intero ciclo di vita del Datacenter. Queste informazioni, quindi, vengono distribuite, integrate e applicate per semplificare l'attività dei responsabili dell'ottimizzazione del rendimento del Datacenter e dell'adempimento dei requisiti informatici ed aziendali. Oltre ad aumentare l'affidabilità del datacenter, il DCIM può far risparmiare denaro ed energia. Ci sono infatti altri benefici accessori, tra cui: Riduzione delle emissioni di carbonio: in molte regioni dell'europa occidentale in particolare questo è un beneficio non trascurabile. Carbon tax e regolamenti non saranno più una preoccupazione. Approvvigionamento energetico automatico: questa funzionalità renderà più facile ridurre la possibilità di abbassamenti di tensione e blackout IL RUOLO DI UN DCIM IN UN DATACENTER Nella figura 7 è mostrato come un buon software DCIM esamini metriche e statistiche di sistemi informatici ed infrastrutture per poi eseguire le seguenti funzioni: CONTROL Molti prodotti DCIM possono inviare ordini per gestire ad esempio il raffreddamento o la potenza di un rack. PUE REPORTING Il PUE (POWER USA GE EFFECTIVENESS) è un parametro che rende l'idea di quanta potenza elettrica sia dedicata all'alimentazioni degli apparati IT rispetto 23

24 ai servizi ausiliari come il condizionamento o le perdite degli UPS 10 ; è la misura de facto dell efficienza del datacenter. DASHBOARDS I prodotti più avanzati hanno più dashboards, a seconda del profilo utente della persona loggata. INTEGRATED TOOL MANAGEMENT Per molti fornitori DCIM, unico obiettivo è quello di essere in grado di integrarsi perfettamente negli ambienti esistenti. In alcuni casi, il software DCIM non è visibile e fornisce informazioni, analisi e dati ad altri programmi per un potenziale intervento. SCENARIO ANALYSIS Questi scenari possono essere molto utili per potenziali modifiche al datacenter. Alcuni prodotti DCIM offrono suggerimenti per un miglior posizionamento di nuovi rack 11 in termini di spazio, peso sul pavimento, disponibilità di potenza e di altri fattori. Questa tipologia di modifiche può portare giù un intero datacenter; quindi prima di effettuare qualsiasi movimento o cambiamento, è utile avere alcuni dati sulla base dei quali eseguire la decisione. DATACENTER VISUALIZATION Questi pacchetti software mostrano la disposizione fisica dei il datacenter con rack, raffreddamento, potenza, sistemi informatici e le connessioni tra essi. Alcuni possono mostrare le zone Computer Room Air Conditioner (CRAC), temperatura, movimenti del flusso d'aria, pressione, umidità e molti altri fattori. Queste mappe sono utili per trovare spazio precedentemente sconosciuto o nuova capienza, prolungando la vita del datacenter. 10 U N I N T E R R U P T I B L E P O W E R SUPP L Y, gruppo di continuità 11 Letteralmente: scaffale 24

25 FIGURA 7 - I RUOLI DEL DCIM I datacenter odierni si stanno avvicinando velocemente a cloud pubblici e privati. Rischi derivanti dal non adottare queste strutture includono downtime, potenziali di risparmio perduti, nuovi datacenter inutili, aumento delle emissioni di carbonio e non conformità ai nuovi e futuri standard. Molti gestori di datacenter non sono ancora a conoscenza di software DCIM e quindi non hanno preso ancora in considerazione la migrazione delle infrastrutture verso il cloud. 3.2 DAI SERVER TRADIZIONALI A QUELLI VIRTUALI La svolta decisiva è nella natura programmabile del software. Grazie alla virtualizzazione, il consolidamento all interno delle macchine server fisiche di numerose macchine server virtuali, configurabili via software, ha consentito di ridurre l infrastruttura hardware. Ma per cogliere benefici è necessario creare un infrastruttura cloud-enabled. Abbandonare la struttura IT-centrica, la logica complessa e limitante di ottimizzazione a silos delle isole tecnologiche ed indirizzarsi verso una modalità di progettazione flessibile, che alla pianificazione degli aggiornamenti tecnologici affianchi innovative iniziative di sourcing, una nuova piattaforma capace di fornire via software tutte le risorse (CPU, memoria, storage, ecc.) in modalità di servizio. Un paradigma di progettazione del datacenter in cui i 25

26 servizi si possono acquisire in modalità ibrida, dall interno dell organizzazione come anche dall esterno. Il punto di arrivo di questo lungo percorso? È il Software-Defined Datacenter (SDDC), in cui tutta l infrastruttura IT è completamente virtualizzata: dai server fisici agli apparati di rete, dai dispositivi di storage alle applicazioni. [8] FIGURA 8 - NEL MODELLO SOFTWARE-DEFINED DATACENTER (SDDC) TUTTA L INFRASTRUTTURA IT È COMPLETAMENTE VIRTUALIZZATA. 26

27 4 OPENSTACK: IL CLOUD IN OPEN-SOURCE Per passare dalla virtualizzazione al cloud computing il passo è breve. Grazie alla virtualizzazione, infatti, possiamo possedere un unica macchina server ed implementare tante configurazioni diverse e indipendenti, virtualizzando le risorse hardware, ottenendo così un livello di scalabilità orizzontale fino a quel momento impossibile. Il moltiplicarsi degli hypervisor 12, le diverse macchine virtuali, i differenti server fisici e l avvento del cloud computing rendono però l intera infrastruttura difficile da gestire, anche per gli amministratori IT. Da questa difficoltà nasce OpenStack, un vero e proprio sistema operativo cloud che agisce come piattaforma IaaS, che permette di gestire un infrastruttura molto complessa attraverso un semplice pannello Web, con strumenti da riga di comando ed apposite API che consentono di interfacciare qualsiasi software/hardware alla piattaforma. 12 H Y P E R V I S O R, conosciuto anche come virtual machine monitor, è il componente centrale e più importante di un sistema basato sulle macchine virtuali. Svolge attività di controllo al di sopra di ogni sistema, permettendone lo sfruttamento anche come monitor e debugger delle attività dei sistemi operativi e delle applicazioni in modo da scoprire eventuali malfunzionamenti ed intervenire celermente. (da Wikipedia) 27

28 OpenStack è un software open source per creare cloud pubblici e privati rilasciato con Apache License 2.0, che nel 2010 ha preso vita a partire dalla collaborazione tra Rackspace Hosting e NASA accomunate da un obiettivo specifico: consentire a qualsiasi organizzazione, indipendentemente dalla sua dimensione e importanza, di creare e offrire servizi di cloud computing su hardware standardizzato. Ora è gestito dalla OpenStack Foundation, una corporate non-profit nata nel Settembre del Ad oggi sono più di duecento le aziende e le compagnie che hanno scelto di utilizzare questo software ed unirsi al progetto. Tra le più note si citano AT&T, AMD, Cisco, Dell, Ericsson, Hewlett-Packard, IBM, Intel, Oracle, Red Hat, SUSE Linux, VMware e Yahoo!. [9] 4.1 UNO SGUARDO ALLA STRUTTURA Il progetto OpenStack è progettato per offrire un sistema operativo cloud altamente scalabile. Per questo, ciascuno dei servizi costituenti è progettato per FIGURA 9- LA STRUTTURA DELLA RELEASE ICEHOUSE(DA OPENSTACK.ORG) 28

29 lavorare insieme agli altri e fornire una Infrastructure-as-a-Service (IaaS) completa. Questa integrazione è facilitata dalle interfacce di programmazione delle applicazioni (API) pubbliche. Lo schema concettuale in Errore. L'origine riferimento non è stata trovata. è una schematizzazione semplificata dell'architettura della release IceHouse e rappresenta una vista sulle relazioni tra i diversi moduli di OpenStack. OpenStack si pone come strato intermedio tra un hardware standard e l applicazione utente. Come un OS, si occupa principalmente delle mansioni indicate dai tre blocchi mostrati in Figura. FIGURA 10- STRUTTURA GENERALE DI OPENSTACK (DA OPENSTACK.ORG) COMPUTE (NOVA) Il sistema operativo cloud OpenStack permette alle aziende e ai service provider di offrire risorse di computing on-demand, dal provisioning 13 alla gestione di grandi reti di macchine virtuali. Le risorse di calcolo sono accessibili tramite API agli sviluppatori che creano applicazioni cloud e tramite interfacce web per amministratori e utenti. OpenStack è concepito per fornire flessibilità nella progettazione del proprio cloud, senza richiedere specifici requisiti hardware o software proprietario, avendo la capacità di integrarsi con i sistemi legacy e le tecnologie di terzi. 13 P R O V I S I O N I N G è il fornire i servizi di telecomunicazioni ad un utente. Ciò include hardware, software, cablaggio e quanto di specifico il cliente abbia chiesto. 29

30 4.1.2 STORAGE Oltre alla tradizionale tecnologia di storage di classe enterprise, molte organizzazioni oggi hanno una varietà di esigenze di storage con diversi requisiti di prestazioni e costi. OpenStack supporta Object Storage e Block Storage, con molte opzioni a seconda del caso d'uso. Object Storage gestisce i dati come oggetti a differenza del Block Storage che li gestisce come blocchi nei settori e tracce dei dischi. L Object Storage è utilizzato per scopi diversi, ad esempio per l'archiviazione di foto su Facebook, canzoni su Spotify o file in servizi di storage online, come Dropbox. FUN ZIONALITÀ DI UN OBJECT STO R AGE (SWIFT) OpenStack fornisce l'archiviazione ridondante e scalabile utilizzando cluster di server standardizzati in grado di memorizzare petabyte di dati. Object Storage non è un file system tradizionale, ma piuttosto un sistema di storage distribuito di dati statici come immagini virtuali della macchina, archiviazione foto, archiviazione , backup ed archivi. Gli oggetti ed i file vengono scritti su più dischi sparsi sui server nel datacenter, ed è il software OpenStack ad avere la responsabilità di garantire la replicazione e l'integrità dei dati nel cluster. I cluster sono scalabili orizzontalmente, quindi semplicemente aggiungendo nuovi server. Nel caso di guasti ad un server o al disco fisso, OpenStack replica il contenuto da altri nodi attivi in nuove posizioni nel cluster. FUN ZIONALITÀ DI UN B LO CK STORAGE (CINDER) OpenStack fornisce il sistema di block storage che gestisce creazione, connessione e disconnessione dei block devices 14 ai server. I volumi di storage a blocchi sono pienamente integrati nel OpenStack Compute e nella Dashboard che consente agli utenti di cloud di gestire le proprie esigenze di storage. Utilizza server Linux, ma è previsto il supporto di storage unificato per numerose piattaforme, tra cui Ceph, NetApp, Nexenta, SolidFire e Zadara. 14 B L O C K D E V I C E S nei sistemi operativi Unix e Unix-like, è un tipo speciale di file che rappresenta una periferica o un dispositivo virtuale su cui è possibile effettuare operazioni di input/output per blocchi di byte di dimensione predeterminata 30

31 4.1.3 NETWORKING (NEUTRON) Oggi le Reti dei datacenter contengono più dispositivi che mai, apparecchiature di rete, sistemi di storage e dispositivi di sicurezza, molti dei quali sono ulteriormente suddivisi in macchine e reti virtuali. Il numero di indirizzi IP, configurazioni di routing e le norme di sicurezza potrebbe crescere rapidamente diventando milioni. Per questo le tecniche di gestione di rete tradizionali non sono in grado di fornire un vero approccio automatizzato per la gestione di queste reti di nuova generazione. Allo stesso tempo, gli utenti si aspettano un maggiore controllo e flessibilità, con fornitura più rapida. OpenStack Networking è un sistema di innesto, scalabile e API-driven per la gestione delle reti e degli indirizzi IP. Come altri aspetti del sistema operativo cloud, può essere utilizzato dagli amministratori e dagli utenti per aumentare l efficienza dei datacenter esistenti. OpenStack Networking assicura che la rete non diventi il collo di bottiglia o il fattore limitante in un sistema cloud e offre agli utenti un servizio self service reale, che vada anche oltre le classiche configurazioni di rete. FUN ZION ALI TÀ DI RE TE Gestisce gli indirizzi IP, consentendo indirizzi IP statici o il DHCP. IP flottanti consentono al traffico di essere reindirizzato in modo dinamico durante la manutenzione o in caso di fallimento. Gli utenti possono creare le proprie reti, controllare il traffico e collegare server e dispositivi di una o più reti. Inoltre esiste un'estensione che consente servizi di rete aggiuntivi, come sistemi di rilevamento delle intrusioni (IDS), bilanciamento del carico, firewall e reti private virtuali (VPN). 4.2 LA DASHBOARD (HORIZON), MODULO PER UNA GESTIONE SEMPLIFICATA DEL CLOUD «Think simple - as my old master used to say - meaning reduce the whole of its parts into the simplest terms, getting back to first principles.» Frank Lloyd Wright La Dashboard di OpenStack offre agli amministratori e agli utenti l'interfaccia grafica per l'accesso, la fornitura e automatizzazione delle risorse su cloud. 31

32 Ma la Dashboard è solo uno dei modi per interagire con le risorse OpenStack: gli sviluppatori, infatti, possono automatizzare l'accesso o creare strumenti che permettano di gestire le risorse utilizzando l'api OpenStack nativa o la compatibilità con le API EC2 15. Horizon è nata come un applicazione per la gestione del progetto di calcolo di Openstack. Tutto ciò che serviva era un insieme di viste, modelli e chiamate alle funzioni delle API. Man mano si sviluppavano altri progetti OpenStack e durante il rilascio di Diablo, la quarta release di OpenStack, sono stati aggiunti plugin che consentissero la navigazione syspanel. FUN ZION ALI TÀ DELL A DASHBO ARD La Dashboard è una web app estensibile che consente agli amministratori di cloud e agli utenti di controllare le loro risorse di elaborazione, storage e rete. All amministratore del cloud, la dashboard fornisce una visione d'insieme delle dimensioni e dello stato del cloud. Consente di creare utenti e progetti, assegnare gli utenti ai progetti e impostare dei limiti sulle risorse per tali progetti. Horizon è una applicazione Django-based 16 sviluppata tramite Apache e WSGI 17, il Web Server Gateway Interface. Fornisce il supporto per CSS personalizzati e Javascript. Per aggiungere CSS e JS si può sia espandere la versione preesistente che rimpiazzarla con il proprio template personalizzato. 15 A M A Z O N ELASTIC COMPU T E CLOUD, un web service offerto da Amazon Inc.. 16 D J A N G O è un web framework open source per lo sviluppo di applicazioni web, scritto in linguaggio Python, seguendo il pattern Model-View-Controller. Il progetto è sviluppato dalla "Django Software Foundation" (DSF), un'organizzazione indipendente senza scopo di lucro. Venne concepito inizialmente per gestire diversi siti di notizie per la World Company di Lawrence (Kansas), e rilasciato con una licenza BSD a luglio2005. Alcuni siti noti che utilizzano questo framework sono attualmente Pinterest, Instagram, Mozilla, The Washington Times, e Public Broadcasting Service. (da Wikipedia) 17 W E B S E R V E R G A T E W A Y I N T E R F A C E è un protocollo di trasmissione che stabilisce e descrive comunicazioni ed interazioni tra server ed applicazioni web scritte nel linguaggio Python. È quindi l'interfaccia standard del web service per la programmazione in Python. 32

33 4.3 ALTRI MODULI DI OPENSTACK Si riportano gli altri moduli e le future principali per ognuno di essi IDENTITY SERVICE (KEYSTONE) OpenStack Identity (Keystone) è il modulo dedicato alla gestione di utenti e servizi disponibili. Supporta molte modalità di autenticazione, dal classico username & password ai sistemi basati sui token IMAGE SERVICE (GLANCE) OpenStack Image Service (Glance) è un modulo che cataloga le immagini disco. Può anche essere utilizzato per archiviare e catalogare un numero illimitato di copie di backup. Glance è l unico modulo che può aggiungere, eliminare, condividere o duplicare un immagine TELEMETRY (CEILOMETER) OpenStack Telemetry Service (Ceilometer) è un servizio utilizzato per tracciare ciò che succede nel cluster OpenStack, valutando utilizzo e le performances dei servizi forniti da OpenStack fornendo tutti i contatori necessari per stabilire la fatturazione del cliente. Lo stato dei contatori è tracciabile e verificabile ORCHESTRATION (HEAT) OpenStack Orchestration, offre un modulo agli sviluppatori di applicazioni per descrivere e automatizzare l implementazione di infrastrutture. Attraverso dei modelli si può creare la maggior parte dei tipi di risorse OpenStack come istanze, floating IP, volumi, utenti e cosi via; DATABASE (TROVE) Trove è il motore di provisioning 18 per database-as-a-service sia che essi siano relazionali che non relazionali. 18 Processo mediante il quale un amministratore di sistema assegna risorse e privilegi, non solo agli utenti di una rete ma anche a chi le utilizza da remoto (ad esempio i fornitori). (da 33

34 5 CLOUD MANAGEMENT Gli strumenti di gestione adottati con i sistemi tradizionali non sono riusciti a sopravvivere all avvento del cloud tenendo il passo con le dinamiche di mercato. Gli approcci convenzionali per la gestione di un gran numero di sistemi creano, infatti, problematiche di gestione ed errori. Del resto, oggi, anche le imprese più piccole ed i dipartimenti all'interno di grandi aziende si apprestano a dover gestire centinaia o migliaia di dispositivi. Grazie poi all uso di ambienti virtualizzati, il numero di 'macchine' da gestire può rapidamente raddoppiare o triplicare. Lo sviluppo di cloud privati e pubblici utilizzati senza adeguata tecnologia di gestione può dar luogo a problematiche che vanno oltre lo spreco di tempo e denaro per la gestione di un sistema: si parla delle interruzioni di servizio causate da errori e delle opportunità precluse da processi di change management insufficienti. 5.1 PUPPET Molte organizzazioni IT si affidano a processi manuali, script personalizzati per svolgere compiti ripetitivi. In ambienti di grandi dimensioni o con molti membri del team si possono venire a creare diversi problemi derivanti da errori di configurazione o non conformità di queste, con conseguente diminuzione della produttività e della reattività del sistema. Per questo, una gestione della configurazione automatizzata elimina buona parte del lavoro manuale regalando maggiore affidabilità. Scritto in Ruby sotto Apache 2.0 License da PuppetLabs, Puppet è un utility open-source per la gestione di sistemi sia Unix-like che 34

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Versione 2.0 del 28 giugno 2012 Sommario Premessa... 3 Contesto... 3 Obiettivi... 3 Destinatari... 3 Prossimi

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL PROPRIO PATRIMONIO INFORMATIVO E DEL PROPRIO KNOW-HOW IMPRENDITORIALE. SERVIZI CREIAMO ECCELLENZA Uno dei presupposti fondamentali

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli