Alessandro M. Lerro EQUITY CROWDFUNDING. Investire e finanziare l impresa tramite Internet. Prefazione di Alessandro Di Fiore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alessandro M. Lerro EQUITY CROWDFUNDING. Investire e finanziare l impresa tramite Internet. Prefazione di Alessandro Di Fiore"

Transcript

1

2 Alessandro M. Lerro EQUITY CROWDFUNDING Investire e finanziare l impresa tramite Internet Prefazione di Alessandro Di Fiore

3 ISBN Il Sole 24 ORE S.p.A. Sede legale e amministrazione: via Monte Rosa, Milano Redazione: via C. Pisacane, Pero (Milano) Servizio Clienti Libri Tel Fax Fotocomposizione: S.E.I. Italia S.r.l. - Rovello Porro (CO) Stampa: Rotolito Lombarda Via Sondrio, N Seggiano di Pioltello (Mi) Prima edizione: settembre 2013 Tutti i diritti sono riservati. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15 per cento di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto all art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941, n Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da EDISER Srl, Società di servizi dell Associazione Italiana Editori, attraverso il marchio CLEAREdi, Centro licenze e Autorizzazioni Riproduzioni Editoriali, Corso di Porta Romana n Milano. Informazioni:

4 Indice Prefazione (di Alessandro Di Fiore)... pag. XI Introduzione...» XIII 1. LA CAPACITÀ CREATIVA DEL PUBBLICO 1.1 Il popolo di internet...» Il crowdsourcing...» 2 2. IL CROWDFUNDING 2.1 La nascita del crowdfunding...» Le esigenze finanziarie di un impresa...» Il crowdfunding come forma alternativa ed innovativa di finanziamento...» Il network interpellato...» Lo scambio con l investitore...» Le possibilità di successo della raccolta di finanziamenti...» L utilizzazione dell investimento...» I MODELLI ECONOMICI 3.1 I quattro modelli...» Lending-based crowdfunding...» Donation-based crowdfunding...» Reward-based crowdfunding...» La donazione modale...» Il preordine...» Profit sharing o royalty-based crowdfunding.» 29

5 VI Indice 3.5 Equity-based crowdfunding... pag Modelli finalizzati...» Il crowdfunding civico e il project financing» Il crowdfunding nelle aziende energetiche...» Il crowdfunding nel settore dei beni culturali» Il crowdfunding nell industria farmaceutica.» Esempi di successo...» LA REGOLAMENTAZIONE INTERNAZIONALE DELL EQUITY CROWDFUNDING 4.1 Gli ostacoli normativi...» La normativa americana...» La normativa europea...» LA DISCIPLINA DELL EQUITY CROWDFUNDING IN ITALIA 5.1 La disciplina italiana...» Il Decreto Crescita » Il Regolamento della CONSOB...» Gli oneri amministrativi del crowdfunding...» LE START UP INNOVATIVE 6.1 Il tipo e la nazionalità...» Il tipo di società...» La nazionalità...» Le caratteristiche delle start up innovative...» Le agevolazioni concesse...» Le deroghe alla normativa societaria...» Le categorie di quote...» Le perdite...» Le operazioni su partecipazioni proprie...» La sollecitazione all investimento...» L emissione di strumenti finanziari...» La disciplina delle società di comodo e non operative...» L iscrizione al Registro delle Imprese...» Le start up a vocazione sociale...» 83

6 Indice VII 7. I GESTORI DELLE PIATTAFORME DI CROWDFUNDING E GLI INTERMEDIARI FINANZIARI 7.1 Le due categorie di gestori... pag Il Registro delle piattaforme...» Il procedimento di iscrizione...» I requisiti di iscrizione...» Nazionalità della piattaforma...» Attività esclusiva e conflitto di interessi...» Obblighi dei gestori delle piattaforme...» Investimenti gestiti da piattaforme di banche e società di investimento...» Investimenti gestiti da piattaforme web, non qualificabili come banche o società di investimento...» Investimenti minimi e regime di esenzione...» Costituzione della provvista e vincolo di indisponibilità...» La vigilanza della CONSOB...» Il procedimento sanzionatorio...» IL MODELLO DI BUSINESS DELLE PIATTAFORME 8.1 I possibili modelli di business...» Compenso a tariffa fissa...» Compenso a percentuale o a tariffa unitaria...» Condivisione dei profitti...» La disciplina degli incentivi...» Ricavi da pubblicità...» Prestazioni accessorie...» Servizi in favore dei sottoscrittori di capitale di rischio...» Il mercato secondario dell equity crowdfunding...» GLI INCUBATORI E GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI 9.1 L investitore sponsor: la riserva del 5%...» L incubatore certificato...» L iscrizione al Registro delle Imprese...» Venture Capital e Crowd Capital...» 128

7 VIII Indice 10. L OFFERTA DI SOTTOSCRIZIONE 10.1 L offerta di sottoscrizione... pag Informazioni sulla piattaforma on line...» Informazioni sullo specifico tipo di investimento...» Il rischio di perdita dell intero capitale investito...» Il divieto di distribuzione di utili...» Il rischio di illiquidità...» La descrizione degli strumenti finanziari offerti...» I requisiti dell offerta di sottoscrizione...» Gli altri contenuti dell offerta...» Il business plan...» La due diligence...» La data room...» Accuratezza dei contenuti dell offerta...» La proprietà intellettuale...» Il periodo di latenza: la finestra del recesso...» L aumento di capitale...» Le modalità pratiche dell aumento di capitale...» GLI INVESTITORI 11.1 Gli investitori non professionali: il problema...» Gli investitori non professionali: la risorsa...» Le categorie di investitori e le regole per l offerta...» I benefici fiscali...» La protezione degli investitori: il diritto di revoca e di recesso...» Il diritto di revoca dell adesione all offerta...» Il diritto di recesso dal contratto di investimento...» Il diritto di recesso dalla società e il diritto di covendita...» La normativa sui contratti a distanza...» L identificazione degli investitori e la normativa antiriciclaggio...» Gestione fiduciaria delle partecipazioni degli investitori: la holding e il nominee...» 170

8 Indice IX 12. LE VICENDE SOCIETARIE DELLE START UP DOPO IL FINANZIAMENTO 12.1 Dopo il finanziamento: preparare la strada per la exit... pag Accordi che attribuiscono ad alcuni soci diritti di gestione o controllo...» Opzioni di acquisto di quote ( call )...» Opzioni di vendita di quote ( put )...» Piani di stock option...» Fusioni, scissioni, cessioni d azienda...» Risoluzione alternativa delle dispute...» 181 Bibliografia...» 186

9 Prefazione In epoca di credit crunch, internet ha dimostrato di essere una formidabile risorsa finanziaria per le iniziative imprenditoriali: con una raccolta di 2,7 miliardi di dollari ed una proiezione di crescita per il 2013 a 5,1 miliardi di dollari la raccolta di risorse finanziarie via internet si propone concretamente come soluzione innovativa per il finanziamento dell impresa. L amministrazione Obama ha saputo cogliere l opportunità e ha introdotto con il JOBS Act la prima regolamentazione organica della raccolta via web di capitale di rischio. L Italia non è stata da meno, con il decreto Crescita 2.0 ed il grande lavoro svolto per sostenere le start up e l innovazione tecnologica. Ma il crowdfunding non è soltanto uno strumento finanziario innovativo. È anche uno strumento di marketing che consente di studiare il mercato prima del lancio di un prodotto, per valutarne il gradimento e quindi la possibilità di successo. Infatti, con il crowdfunding si riesce a promuovere un prodotto nella fase di funding, prima ancora che esso sia sul mercato, accelerandone poi l adozione e riducendo il rischio di mercato. Consente inoltre la creazione e lo sviluppo di una community che discute del prodotto, calato sin dalla sua concezione in un ambiente web 2.0. Si tratta di un fenomeno partecipativo che valorizza il desiderio della gente di sentirsi parte di un progetto, di fornire il proprio contributo non solo finanziario ad un idea in cui si crede. Nel complesso si tratta di una innovazione di processo in grado di modificare significativamente le logiche finanziarie delle piccole e medie imprese ed in particolare delle start up innovative. Alessandro Di Fiore Fondatore ed Amministratore Delegato European Centre for Strategic Innovation

10 Introduzione Nel 2012, il crowdfunding in Nord America è cresciuto più rapidamente che in Europa, ad un tasso del 105% contro il 65% del Vecchio Continente; la raccolta ammonta a 1,6 miliardi di dollari per gli americani, contro 945 milioni di dollari per le piattaforme europee. Le due aree insieme valgono il 95% del mercato. Grazie all adozione di apposite normative in USA ed Italia, il 2013 è l anno del debutto dell equity-based crowdfunding, cioè la raccolta di capitale di rischio tramite il web. I due Paesi sono i primi a dotarsi di una normativa organica per questo nuovo fenomeno finanziario, candidandosi così a modelli e mercati di riferimento. Il posizionamento è diverso: mentre gli USA puntano a sostenere la piccola impresa, l Italia si è concentrata sulle start up tecnologiche, ancorché la tendenza sia ad espandere il focus, allo scopo di sostenere la nascita di nuove imprese e la creazione di nuovi posti di lavoro. In particolare, l Italia si propone come punto di riferimento in Europa per la creazione di un mercato dell equity crowdfunding, che tenga conto tanto degli obiettivi di raccolta finanziaria, quanto delle esigenze di protezione degli investitori non professionali, in considerazione della estrema rischiosità di ogni investimento nel capitale di rischio. In questo libro, il crowdfunding viene introdotto nel contesto italiano, anche con riferimento ai modelli più diffusi nel mondo, e viene tracciata la roadmap per la raccolta del capitale di rischio via internet attraverso i recentissimi atti normativi elaborati dal Parlamento e dalla CONSOB. Le opere degli autori menzionati sono reperibili nella bibliografia in calce. I dati economici e quantitativi citati, se non specificato diversamente, sono di proprietà di Massolution, Crowdsourcing LLP. Gli atti normativi e regolamentari costantemente aggiornati, oltre ad utili documenti o notizie sono reperibili sul sito

11 Capitolo 1 La capacità creativa del pubblico 1.1 Il popolo di internet Il fenomeno sociologico degli ultimi anni è il crescente coinvolgimento delle masse (in inglese crowd ) nella partecipazione alla vita sociale, economica e civile. Si usa internet per celebrare elezioni, per votare un artista che partecipa ad un talent show televisivo, per sottoscrivere una petizione e per molteplici ulteriori forme di partecipazione attiva. Negli ultimi anni grazie ad internet e alla diffusione dei social network si è verificato un vero e proprio cambiamento delle abitudini della gente, un nuovo orientamento degli interessi, un posizionamento dell uomo nel tessuto sociale radicalmente trasformato dalla connessione con la rete. Se ciò è incontestabile in Paesi all avanguardia dal punto di vista infrastrutturale (connettività, banda larga, diffusione degli smartphone), è comunque di altrettanta evidenza in Paesi più arretrati, con maggiori difficoltà di comunicazione o con un PIL molto più basso. Si tratta di una trasformazione epocale con rilevanti conseguenze anche sulle dinamiche politiche e sulla vita economica. Yochai Benkler (9) ha evidenziato una rilevante conseguenza della crescita di ambienti di comunicazione interconnessi e fortemente automatizzati: mentre venti anni fa gli strumenti essenziali per un efficace produzione dell informazione e per la conseguente comunicazione erano in mano ad un certo numero di soggetti, oggi quel numero è esponenzialmente più grande. Il popolo della rete è divenuto al contempo obiettivo e fonte di informazione, con dinamiche difficilmente prevedibili e di grande interesse per gli studiosi della comunicazione. Si pensi all uso di Twitter in politica: fino a pochi anni fa la campagna elettorale si svolgeva dal palco, con il politico che predicava e la folla che ascoltava. Oggi il politico è costretto a confrontarsi con la gente, a rispondere a tweet scomodi, ad interloquire su temi proposti dal basso. E se non partecipa a questa nuova forma di comunicazione si pone fuori dal tessuto sociale; se non si immedesima nelle forme di comunicazione della gente, rimane ai margini della società perdendo ogni possibilità di ave-

12 2 Equity Crowdfunding re successo. Persino la Santa Sede non può evitare almeno un cinguettio quotidiano, addirittura in tutte le lingue. Nel mondo economico, l accesso a così ampi strati di popolazione, agevolmente segmentabile secondo diversi criteri (età, interessi, sesso, ecc.), ha consentito lo sviluppo di progetti in grado di valorizzare la partecipazione popolare traendone analisi statistiche, opportunità di valutazione e programmazione, e ha fornito l opportunità di capitalizzare grandi quantità di informazioni molto preziose. Ma questo enorme bacino di utenza non è solo un mercato, al quale proporre prodotti o servizi: in considerazione dell interscambio continuo originato dalle dinamiche della rete, esso è anche una inestimabile risorsa per idee e contributi. La gente vuole partecipare alla realizzazione delle tendenze sociali, vuole influenzare la definizione di modelli che fino a pochi anni fa venivano calati dall alto, da coloro che avevano l accesso agli strumenti di comunicazione. E non si tratta di un modello partecipativo rivoluzionario, distruttivo o finalizzato a stravolgere, ma in larghissima parte si tratta di un modello costruttivo, il cui obiettivo è consentire ai più di dare il proprio contributo per godere della soddisfazione di essere stati partecipi di qualcosa che ritengono importante. Cavalcando questa esigenza e soddisfacendo la crescente domanda di partecipazione attiva, si è quindi progressivamente dato spazio alla gente, incanalando la fenomenale capacità di contribuire alla generazione di idee e allo sviluppo di progetti in un percorso di valorizzazione delle idee che vengono dal basso. 1.2 Il crowdsourcing Così, nel 2006 è nato il c.d. crowdsourcing : la generazione di idee che nasce dalla partecipazione di quanti sono interessati a offrire il loro personale contributo su una miriade di progetti diversi; dalla definizione di un logo allo sviluppo di un idea di design, dalla ideazione di una campagna pubblicitaria alla creazione di un opera intellettuale. La prima definizione del fenomeno è stata fornita da Jeff Howe (52) nel celebre articolo The rise of crowdsourcing pubblicato su Wired nel 2006: a democratic twist on outsourcing. Mentre Facebook muoveva i primi passi a livello internazionale e Twitter ancora non esisteva, l autore poneva l accento sull importanza del concetto di network analizzando la relazione tra ampiezza di informazione, conoscenza ed esperienza ottenibili da una parte e funzionalità del network dall altra.

13 La capacità creativa del pubblico 3 Il lavoro di Howe (52) evidenzia un passaggio importante: la gente, connessa tramite internet, abbattute le barriere primarie, riesce ad aggregarsi in network che canalizzano interessi, passioni, cultura, affinità, consentendo alla massa di distinguersi, riconoscersi, dialogare senza perdersi, guidata da una invisibile bussola che ne indirizza l attività di comunicazione ed interazione. L intuizione di Howe è stata confermata nel tempo ed il ruolo di bussola è stato assunto dai social network, che riescono ad aggregare la popolazione a seconda delle chiavi di lettura scelte dall utente. In sociologia ed in antropologia, per social network si intende un gruppo di individui connessi tra loro da diversi legami sociali, dalla conoscenza casuale, ai rapporti di lavoro, ai vincoli familiari. Tuttavia nel linguaggio comune il significato di social network si è in realtà trasformato, fino ad accavallarsi con social media e a coincidere con lo strumento web che rende possibile l aggregazione: Facebook, Twitter, Linkedin sono comunemente definiti social network, mentre essi in realtà sono il mezzo che consente alle persone di costruire e coltivare il proprio gruppo di interesse. Invero, non è il social network ad imporre le aggregazioni: semplicemente, esso fornisce gli strumenti per scegliere; è l utente che decide se comunicare con altri utenti che parlano la sua stessa lingua e magari risiedono nella sua zona, o se mettersi in contatto con individui in altre parti del mondo, selezionati mediante ulteriori chiavi di lettura (passione per la tecnologia, interesse per la musica, desiderio di studiare determinate materie, ). Per questa ragione oggi (in seguito all esplosione dei social network, dopo il 2009) si parla sempre meno di network: si preferisce il termine community, che meglio definisce il connotato partecipativo e di condivisione che caratterizza l aggregazione sociale su internet. La community è un particolare tipo di network che si distingue per determinati attributi: interessi, lingue, fasce d età, localizzazione, aspirazioni ed innumerevoli altre caratteristiche che peraltro rendono la community tendenzialmente dinamica e propensa all evoluzione. I fruitori della rete sono la fonte primaria di ispirazione e sostentamento del crowdsourcing, in considerazione della sua recente rapida evoluzione: è estremamente persuasivo Yochai Benkler (9) quando spiega che la capacità di network fornita da internet consente di decentralizzare la produzione e quindi di superare radicalmente le due tendenze che hanno caratterizzato lo sviluppo economico del ventesimo secolo: centralizzazione e commercializzazione. Infatti, internet consente di decentralizzare e di disintermediare, tra-

14 4 Equity Crowdfunding sformando l attività di mediazione, che per secoli ha avuto un ruolo economico fondamentale, in mera infrastruttura passiva, utilizzata dal pubblico per cercare per conto proprio ciò che più interessa (non sfugge a nessuno, ad esempio, la progressiva riduzione di attività delle agenzie di viaggio, soppiantate da strumenti di ricerca e acquisto di viaggi e soggiorni, con il risparmio dei costi di agenzia per l utente). Con il crowdsourcing l enorme capacità creativa viene canalizzata a vantaggio di un progetto e conseguentemente di chi lo propone. In proposito, quindi risulta utile evidenziare come il crowdsourcing sia concettualmente molto diverso dall open-source, cioè la libera utilizzazione di un bene, spesso un codice informatico, al fine di favorirne altrettanto liberi sviluppi e miglioramenti (notissimi esempi sono il sistema operativo Linux, il browser Firefox, Wikipedia): mentre in quest ultimo caso le risorse appartengono alla comunità, nel crowdsourcing esse appartengono all azienda che le ha sollecitate ed acquisite. Il crowdsourcing si fonda quindi sulla fortissima apertura al pubblico offerta dalla rete e sul desiderio spontaneo di contribuire con le proprie capacità allo sviluppo del progetto. Tuttavia esso non ha l intrinseca democraticità dell open-source, essendo comunque finalizzato all utilizzazione di detti contributi nell esclusivo interesse di chi ha lanciato l iniziativa. Peraltro, internet azzera le barriere ed i costi della comunicazione e consente a chiunque di contribuire con la sua creatività allo sviluppo di un progetto. L azzeramento di costi, in periodo di crisi mondiale, è un fattore che ha contribuito in misura non irrilevante all esplosione del fenomeno. Il lavoro di Kleeman (59) del 2008 ha fornito un ottima definizione del crowdsourcing, come il fenomeno nel quale un impresa con finalità di profitto esternalizza specifici compiti essenziali per la produzione o la vendita dei suoi prodotti al pubblico (crowd) tramite un invito aperto su internet, con l obiettivo di indurre le persone ad elargire un contributo spontaneo al processo produttivo dell azienda, a titolo gratuito o a fronte di qualcosa che per l azienda vale significativamente meno di quel contributo. Si tratta sostanzialmente della creazione di una task force gratuita che Kleeman definisce working consumer e che ha un grande valore poiché: a) partecipa gratuitamente al processo produttivo e crea valore; b) la sua capacità può essere considerata un asset valorizzabile; c) è integrata nella struttura societaria e può essere monitorata, come se si trattasse di vera e propria forza lavoro. La community al contempo produce valore e lo consuma, in un circolo virtuoso che rappresenta il sogno di ogni imprenditore. Per questa ragione gli esperti del marketing spingono tanto gli imprenditori a sviluppare campagne di comunicazione basate sull uso dei social

15 La capacità creativa del pubblico 5 media e sull analisi delle istanze che vengono spontaneamente dalla base. Non si tratta di un altra idea per allocare una parte del budget di marketing, ma la risposta ad una precisa esigenza del mercato, che vuole partecipare al processo di creazione del prodotto oltre che consumarlo. Un interessante esempio di uso del crowdsourcing per finalità imprenditoriali è fornito da Lakhani e Kanji (63) per Harvard Business School: Threadless, un azienda di Chicago specializzata nella produzione di magliette è nata nel 2000 ma ha conosciuto un eccezionale affermazione nel 2004, dopo aver adottato una strategia di costruzione, consolidamento e sviluppo di una community, che ne è divenuta al contempo prevalente fattore della produzione e principale mercato. Il business model di Threadless consiste nel delegare ad una folta e fedele community la proposta di design di potenziali magliette e la selezione di quelli da mettere in produzione tramite un vero e proprio concorso, con cadenza estremamente frequente. L autore di ciascun design scelto e approvato riceve un premio di $2,500 (di cui $500 in buoni acquisto). Le magliette (oltre a pochi altri prodotti affini) vengono vendute on line ad un prezzo di circa $15 e la community rappresenta anche il primo eccellente target di acquirenti. Nel 2007 Threadless ha venduto oltre magliette e fatturato oltre 23 milioni di dollari, con rilevante marginalità a causa della riduzione dei costi resa possibile dal modello di business. Se l azienda dovesse stipendiare dei creativi per lavorare quotidianamente alla definizione delle grafiche, avrebbe dei costi fissi estremamente più alti che ne pregiudicherebbero la redditività, oltre ad una struttura stabile difficilmente adattabile all andamento del mercato. Inoltre, la creatività del design deve necessariamente confrontarsi con il gusto del pubblico con una insita aleatorietà che rappresenta un forte rischio per ogni azienda. Invece, delegare al pubblico la scelta dei design da produrre, consente l eliminazione di detto rischio, atteso che l approvazione del pubblico interviene ancor prima che la produzione sia avviata. Si tratta di un caso che dimostra in modo esemplare l efficienza e l economicità che possono derivare dall utilizzazione di una community a servizio dell azienda, decentralizzando e trasferendo sul pubblico importanti attività aziendali che avrebbero altrimenti costi molto rilevanti. Le esperienze di crowdsourcing a fini imprenditoriali sono molteplici ed hanno consentito alle aziende di avvantaggiarsi nei modi più diversi del contributo sostanzialmente gratuito della gente, fino alla pura monetizzazione di detto contributo, cioè la raccolta di denaro.

16

L EQUITY CROWDFUNDING PER LE RINNOVABILI

L EQUITY CROWDFUNDING PER LE RINNOVABILI L EQUITY CROWDFUNDING PER LE RINNOVABILI Dott.ssa Chiara Candelise Ecostarter s.r.l. www.ecostarter.it Milano 9 Maggio 2014 COSA E IL CROWDFUNDING? Forma innovativa di finanziamento che permette ad un

Dettagli

L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity

L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity Inserire Crowd-funding Titolo Environment Park 26 settembre 2014 Rebecca Boasso Dragotti & Associati 20121 Milano Via Nino Bixio,

Dettagli

Startup. Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014

Startup. Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014 Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014 Nell ultimo decennio, nei paesi OCSE, le imprese nate da cinque anni o meno hanno generato quasi la metà di tutti i nuovi posti di lavoro, mentre

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Stefano Firpo Ivrea, 18 novembre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Da 3 anni il Governo sta costruendo una politica

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato:

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: Definizione È: Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: società di capitali, anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero una Societas Europaea, residente in Italia le cui azioni

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

mediante l'uso di nuove tecnologie e lo sviluppo di software originali, afferenti le opere dell'ingegno di carattere creativo che appartengono alla

mediante l'uso di nuove tecnologie e lo sviluppo di software originali, afferenti le opere dell'ingegno di carattere creativo che appartengono alla Atto Camera: 2950 Proposta di legge: "Agevolazioni in favore delle start-up culturali nonché modifiche al testo unico di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, in materia di raccolta di capitali

Dettagli

hhh Crowdfunding Giancarlo Giudici Politecnico di Milano / School of Management giancarlo.giudici@polimi.it

hhh Crowdfunding Giancarlo Giudici Politecnico di Milano / School of Management giancarlo.giudici@polimi.it hhh Crowdfunding Giancarlo Giudici Politecnico di Milano / School of Management giancarlo.giudici@polimi.it Agenda Il crowdfunding: cos è, come funziona Alcuni numeri in Italia Può essere un opportunità

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO Politiche e strumenti di sostegno alle piccole e medie imprese Intervento del Presidente del CNEL On.

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015 1 La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale Bologna 1 marzo 2015 2 L'AIM Italia (Alternative Investment Market) è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole

Dettagli

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE Riferimenti: - Dl. 179/2012 Decreto Sviluppo Bis e relativa legge di conversione 221/2012 Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

L equity crowdfunding uno nuovo schema finanziario per le imprese sociali orientate a partnership innovative Ecomondo Rimini 7 novembre 2014

L equity crowdfunding uno nuovo schema finanziario per le imprese sociali orientate a partnership innovative Ecomondo Rimini 7 novembre 2014 L equity crowdfunding uno nuovo schema finanziario per le imprese sociali orientate a partnership innovative Ecomondo Rimini 7 novembre 2014 Tommaso D Onofrio CEO Definizioni Crowdfunding è un metodo di

Dettagli

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Paolo Anselmo - Presidente Roma, 28 Gennaio 2015 www.iban.it Il Network di IBAN L Associazione IBAN è l'istituzione che rappresenta

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Mattia Corbetta Ancona 12 ottobre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Le 4 colonne della politica industriale sull innovazione

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

CROWDFUNDING Opportunità di finanziamento per lo sviluppo di nuovi progetti imprenditoriali. bernardo.balboni@deams.units.

CROWDFUNDING Opportunità di finanziamento per lo sviluppo di nuovi progetti imprenditoriali. bernardo.balboni@deams.units. CROWDFUNDING Opportunità di finanziamento per lo sviluppo di nuovi progetti imprenditoriali bernardo.balboni@deams.units.it @bbalbon Chi parla Mi chiamo Bernardo Balboni, sono un ricercatore in Economia

Dettagli

We restarting CROWDFUNDING: FINANZIAMENTO PER IMPRESE INNOVATIVE

We restarting CROWDFUNDING: FINANZIAMENTO PER IMPRESE INNOVATIVE CROWDFUNDING: FINANZIAMENTO PER IMPRESE INNOVATIVE MERCATO CROWDFUNDING RICOMPENSA DIVERSA IN FUNZIONE DEL VALORE DONATO CESSIONE DI QUOTE SOCIETARIE IN CAMBIO DI FINANZIAMENTO REWARD EQUITY DONAZIONE

Dettagli

IL SISTEMA CAMERALE MILANESE

IL SISTEMA CAMERALE MILANESE IL SISTEMA CAMERALE MILANESE L impresa al centro Siamo un istituzione al servizio delle imprese. Oltre alle funzioni anagrafiche e certificative, ci occupiamo di promuovere la crescita del sistema imprenditoriale

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Crowdsourcing Il valore partecipativo come risorsa per il futuro del business

Crowdsourcing Il valore partecipativo come risorsa per il futuro del business Crowdsourcing Il valore partecipativo come risorsa per il futuro del business Open Lectures_Prof. Stefano Maffei_Piera Giordano_Marco Marzini_Maria Oggioni_Giulia Setticasi_Teresa Zabot_Gabriele Zanoni_Carmelo

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

Workshop - Equity Crowdfunding: rischi ed opportunità per le start-up innovative. Presentazione di Matteo Piras presidente di StarsUp s.r.l.

Workshop - Equity Crowdfunding: rischi ed opportunità per le start-up innovative. Presentazione di Matteo Piras presidente di StarsUp s.r.l. Workshop - Equity Crowdfunding: rischi ed opportunità per le start-up innovative Presentazione di Matteo Piras presidente di StarsUp s.r.l. Lomazzo, 12 maggio 2014 Contenuti L equity crowdfunding StarsUp

Dettagli

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito 2009 per immigrati di Milano e provincia Servizi di - Informazione e orientamento sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese - Formazione - Credito ASIIM - Associazione per lo Sviluppo dell

Dettagli

CROWDFUNDING. LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business

CROWDFUNDING. LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business CROWDFUNDING LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business - seminario completo - Milano, 26 e 27 febbraio 2014 Hotel Crowne Plaza Milan

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

CROWDFUNDING. LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business

CROWDFUNDING. LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business CROWDFUNDING LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business - seminario completo - Milano, 27 e 28 marzo 2014 Hotel Crowne Plaza Milan

Dettagli

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Incentivi Smart & Start.Iil futuro guarda alle Start-up innovative Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo ha introdotto

Dettagli

Uno sguardo sul crowdfunding. Paola Pisano pisano@di.unito.it

Uno sguardo sul crowdfunding. Paola Pisano pisano@di.unito.it Uno sguardo sul crowdfunding Paola Pisano pisano@di.unito.it Obiettivo dell incontro Approfondire il tema del crowdfunding Agenda Quadro di riferimento Il crowdfunding L equity crowdfunding Analisi delle

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

JOB MATCHPOINT Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale

JOB MATCHPOINT Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Milano, 25giugno 2013 JOB MATCHPOINT Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Roberto Calugi DIRIGENTE AREA SVILUPPO DELLE IMPRESE Camera di Commercio di Milano LE START UP

Dettagli

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE DIPERTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE Direzione Generale Lotta alla Contraffazione

Dettagli

Presentazione. www.e-development.it

Presentazione. www.e-development.it Presentazione Progetto Editoriale è un luogo d incontro e confronto tra manager e imprenditori per creare una nuova cultura d impresa. è una vetrina a disposizione delle imprese per comunicare un progetto,

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito La finanza etica Idea di sovversivi o segmento di mercato? 1. La finanza etica, per alcuni, è la strada per una obiezione finanziaria. Tutto il mondo della

Dettagli

H2Team. Anna Cherkashina. Marketing. Socio fondatore

H2Team. Anna Cherkashina. Marketing. Socio fondatore H2Team Marketing Anna Cherkashina Socio fondatore 1983 Customer Service Giovanni Boscagli Collaboratore 1987 1 Raffaele Milani Socio fondatore Marco Castelletti Amministrazione Socio fondatore 1984 Supporto

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

DECRETO SVILUPPO. La start up innovativa: novità ed adempimenti (Polo Tecnologico di Rovereto, 21/02/2013)

DECRETO SVILUPPO. La start up innovativa: novità ed adempimenti (Polo Tecnologico di Rovereto, 21/02/2013) DECRETO SVILUPPO La start up innovativa: novità ed adempimenti (Polo Tecnologico di Rovereto, 21/02/2013) L iscrizione nella sezione speciale del Registro delle imprese Luca Trentinaglia Conservatore del

Dettagli

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Lo sviluppo delle reti d'impresa nel settore turistico Gualtiero Milana Region Centro EVOLUZIONE DEI MERCATI La crisi dalla quale stiamo faticosamente uscendo

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA Economia e Gestione delle Imprese Editoriali A.A. 2012 2013 Docente: Prof. Gennaro Iasevoli La Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG), fondata nel 1950, rappresenta

Dettagli

Crowdfunding: modelli, tendenze e prospettive future

Crowdfunding: modelli, tendenze e prospettive future Seminario Crowdfunding: modelli, tendenze e prospettive future Relatore: Francesco Schiavone (Dipartimento di Studi Aziendali e Quantitativi dell Università degli Studi di Napoli Parthenope ) Giovedì 18

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015

Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015 Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015 Mercoledì 11 febbraio Dott. Matteo Farina Progetti di Sviluppo Banco Popolare Confindustria Firenze Banco Popolare e innovazione tecnologica: un

Dettagli

PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI

PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI Nel 2011, il fatturato consolidato è stato di 38 milioni di euro Eurocons S.c. a r.l. ha chiuso con un risultato netto di 838 mila euro Euroenergy

Dettagli

POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA

POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA COSTITUZIONE DI UN FONDO DI VENTURE CAPITAL (SEED CAPITAL, START UP CAPITALE E EXPANSION CAPITAL) PERL INVESTIMENTO IN IMPRESE INNOVATIVE Legge Regionale 29 maggio

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Valentina Montesarchio Vice Segretario Generale Unioncamere del Veneto Unioncamere del Veneto e Regione del Veneto stanno definendo le attività per la prosecuzione

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Andrea Ventura Direzione Rete Organizzativa/Unità Finanziamenti START UP INNOVATIVA:

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI 1 U C I I M - Torino Associazione Cattolica Insegnanti Dirigenti Formatori Sezione di Torino Ettore PEYRON Corso di ECONOMIA PUBBLICA 2007 Aggiornamento per docenti di Scienza delle Finanze della scuola

Dettagli

13/11/2013. Il crowdfunding per gli eventi: un nuovo modello di sostenibilità finanziaria

13/11/2013. Il crowdfunding per gli eventi: un nuovo modello di sostenibilità finanziaria Martedì, 12 novembre 2013 14.00-15.00 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Laura Calciolari Calciolari & Associati www.calciolari.it Roberta Zarpellon Traguardi Comunicazione

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Che cos è Smart&Start Italia? Smart&Start Italia è l incentivo che supporta le start-up innovative che operano su tutto il territorio nazionale L obiettivo

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

INDICE COSA CHI PERCHE' QUANDO COME. Che cos'è uno Spin Off. Gli attori dello Spin Off. Perché creare uno Spin Off. L'idea imprenditoriale

INDICE COSA CHI PERCHE' QUANDO COME. Che cos'è uno Spin Off. Gli attori dello Spin Off. Perché creare uno Spin Off. L'idea imprenditoriale INDICE COSA Che cos'è uno Spin Off CHI Gli attori dello Spin Off PERCHE' Perché creare uno Spin Off QUANDO L'idea imprenditoriale COME La procedura per la creazione e l'avvio di uno spin Off Come realizzare

Dettagli

Un impegno comune per la crescita

Un impegno comune per la crescita Un impegno comune per la crescita Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria proseguono la collaborazione avviata con l Accordo del luglio 2009, rinnovata nel 2010, e condividono una linea d azione

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima.

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima. RACCOLTA DI CAPITALI DI RISCHIO TRAMITE PORTALI ON-LINE: QUESTIONARIO PER L INDAGINE CONOSCITIVA 21 gennaio 2013 Le risposte al questionario dovranno pervenire entro il giorno 8 febbraio 2013: on line

Dettagli

1. Condizioni, requisiti e deroghe

1. Condizioni, requisiti e deroghe Sommario 1. Condizioni, requisiti e deroghe INQUADRAMENTO GENERALE 1 DEFINIZIONE E REQUISITI 2 1. Forma societaria 2 1.1 Società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) 3 2. Requisiti cumulativi

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione.

Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione. Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione. Come nasce il progetto? La necessita, il desiderio di cambiare le regole e di dettarne di nuove verso un modo contemporaneo di fare impresa, ha dato vita

Dettagli

L idea del Legislatore è semplice quanto geniale : sviluppare imprenditorialità facendo leva su tecnologia e attività di R&S.

L idea del Legislatore è semplice quanto geniale : sviluppare imprenditorialità facendo leva su tecnologia e attività di R&S. Start up innovative, tutte le agevolazioni fiscali Una delle colonne portanti del nuovo D.L. Sviluppo è costituita dall introduzione di una nuova figura di società, le c.d. start up innovative (e i relativi

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento MODELLI DI BUSINESS E MACCHINE UTENSILI UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE 1 Razionale Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell

Dettagli

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli

Attività dello Specialista

Attività dello Specialista Attività dello Specialista Massimo Turcato Responsabile Equity Capital Markets e Advisory Banca Akros Palermo, 15 novembre 2007 MISSIONE E PRINCIPI COSTITUTIVI DEL MAC Missione Principi costitutivi 1 Forte

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Bologna, 14 Marzo 3 Meeting Nazionale ASSORETIPMI

Bologna, 14 Marzo 3 Meeting Nazionale ASSORETIPMI Bologna, 14 Marzo 3 Meeting Nazionale ASSORETIPMI Cosa è il Crowdfunding? Crowd = folla Funding = finanziarsi Raccogliere fondi per un progetto ricorrendo a molti finanziatori e quindi via Internet Donation

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

La CAssetta degli attrezzi

La CAssetta degli attrezzi in collaborazione con Fondo Sociale Europeo Investiamo sul nostro futuro La CAssetta degli attrezzi per costruire il tuo futuro Hai un idea da realizzare? Istruzioni per l uso www.fse.basilicata.it - www.eures.europa.eu

Dettagli

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE A cura di: INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 1 - Criticità - Fabbisogni - Tendenze di sviluppo Il presente rapporto illustra

Dettagli

Imprese multinazionali e outsourcing

Imprese multinazionali e outsourcing Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 9 (a) L outsourcing di beni e servizi 1 Imprese multinazionali e outsourcing Gli investimenti diretti all estero rappresentano quegli investimenti in cui

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli