INVESTIRE E LAVORARE IN SLOVENIA. Ambiente imprenditoriale e quadro normativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INVESTIRE E LAVORARE IN SLOVENIA. Ambiente imprenditoriale e quadro normativo"

Transcript

1 INVESTIRE E LAVORARE IN SLOVENIA Ambiente imprenditoriale e quadro normativo

2 Il manuale è stato cofinanziato da JAPTI - Agenzia pubblica della Repubblica di Slovenia per l imprenditoria e gli investimenti esteri, dal Ministero dell'economia della Repubblica di Slovenia e da Finest S.p.a.

3

4 INVESTIRE E LAVORARE IN SLOVENIA Ambiente imprenditoriale e quadro normativo Realizzato da Slovensko deželno gospodarsko združenje Unione regionale economica slovena (SDGZ-URES) Via/Ul. Cicerone Trieste/Trst - Tel Servis D.o.o.-S.r.l. Via/Ul. Cicerone Trieste/Trst - Tel Servis Koper D.o.o. Staničev Trg/Piazza Stanič Koper/Capodistria - Tel Obrtno-podjetniška zbornica Slovenije (OZS) Celovška cesta Ljubljana - Tel Območna obrtno-podjetniška zbornica (OOZ) Ajdovščina Vipavska cesta Ajdovščina - Tel Območna obrtno-podjetniška zbornica (OOZ) Nova Gorica Gradnikove brigade Nova Gorica - Tel Območna obrtno-podjetniška zbornica (OOZ) Sežana Kraška ulica Sežana - Tel A cura di Andrej Šik e Davorin Devetak Prefazioni Rossella Franchini Sherifis, Igor Plestenjak, Renato Pujatti, Nicola Tenze Testi mag. Emilija Bratož, Marija Rogan Šik, Marko Rondič, Denis Salvi, Aljana Skok, mag. Katarina Železnik Logar Traduzioni Euroservis Revisione e adattamento delle traduzioni Davorin Devetak, Dionisio Gherbassi, Alfredo Oberdan, Majna Pangerc, Borut Sardoč, Boštjan Starc, Andrej Šik, Laura Valentino Il volume è stato cofinanziato da JAPTI - Javna agencija Republike Slovenije za podjetništvo in tuje investicije/agenzia pubblica della Repubblica di Slovenia per l imprenditoria e gli investimenti esteri, Ministero dell'economia della Repubblica di Slovenia e Finest S.p.a. Editore Slovensko deželno gospodarsko združenje - Unione regionale economica slovena (SDGZ-URES) Stampa Graphart Printing S.r.l. TRIESTE 2011

5 INVESTIRE E LAVORARE IN SLOVENIA Ambiente imprenditoriale e quadro normativo 3

6 Contenuti pag. 6 Ambasciata d Italia a lubiana, JAPTI, FINEST, SDGZ-URES Introduzioni pag. 14 Japti Descrizione dell ambiente economico pag. 22 pag. 30 Denis Salvi Investire e lavorare in Slovenia Problematica fiscale pag. 36 Marija Rogan ŠIK Mobilità della forza lavoro pag. 46 pag. 56 pag. 63 dott. mag. KatArina Železnik Logar Obblighi nel campo della sicurezza e della salute sul posto di lavoro La normativa in materia di tutela dell ambiente HACCP e igiene degli alimenti

7 pag. 68 dott. mag. EMILIJA BRATOŽ Condizioni per la costruzione di edifici - Normativa di cantiere pag. 72 Aljana Skok Autorizzazioni per lo svolgimento delle attività artigianali pag. 76 Marko Rondič Licenze e autorizzazioni per l autotrasporto pag. 82 pag. 84 pag. 87 Allegati - Registro delle attività e delle professioni regolamentate in Slovenia - Enti che hanno partecipato alla realizzazione del manuale - Punti E-Vem - Glossario

8 Rossella Franchini Sherifis Ambasciatore d Italia a Lubiana 6 l innalzamento dei rapporti politici fra i due Paesi sta creando condizioni sempre più interessanti per gli imprenditori Mi congratulo con l Unione Regionale Economica Slovena (URES) per l importante iniziativa di tradurre e compendiare in un comodo prontuario la normativa slovena utile agli imprenditori italiani. Sono convinta che l impostazione pragmatica, che chiarisce le procedure da rispettare e fornisce indicazioni puntuali, ne farà un sicuro punto di riferimento per chi vuole sviluppare nuove attività in Slovenia e alimentare una più intensa cooperazione fra i sistemi di produzione e distribuzione dei due Paesi. L URES è da molti anni un interlocutore primario non solo per la Camera di Commercio di Trieste, ma anche per l Ambasciata d Italia a Lubiana, che da dieci anni si avvale della collaborazione degli operatori economici italiani interessati al mercato sloveno, riuniti nel Comitato consultivo che attualmente presiedo, dove l URES è rappresentato. L Italia guarda sempre più alla Slovenia come Paese partner con molte potenzialità ancora da esprimere. In termini relativi, l interscambio tra Italia e Slovenia è già di alto livello, l Italia è il secondo mercato per le esportazioni slovene e il secondo fornitore della Slovenia. Per gli investimenti, nelle statistiche slovene risultiamo al quarto posto, ma siamo consapevoli che si tratta di una sotto-stima perché gli investimenti sono classificati non in base ad un criterio di proprietà, bensì di provenienza geografica del finanziamento. La sfida per tutti noi, imprenditori, Camera di commercio, associazioni ed Ambasciata, è quella di continuare ad accrescere gli scambi in tutti i settori, in particolare in campo

9 economico e commerciale, tenendo presente che l innalzamento dei rapporti politici fra i due Paesi sta creando condizioni sempre più interessanti per gli imprenditori. A fronte della grave crisi economica e finanziaria che ha investito l area dell Euro, sia l Italia che la Slovenia puntano sull export come componente essenziale per la crescita delle attività produttive. Vediamo nella collaborazione con la Slovenia non soltanto un opportunità di sbocco per i prodotti italiani nel mercato sloveno, ma soprattutto un rafforzamento della competitività delle imprese di entrambi i Paesi nel più ampio contesto internazionale. L Italia è conosciuta da lungo tempo in tutto il mondo per tanti prodotti tradizionali, per il suo stile di vita, per la sua cultura, ed è apprezzata per le sue capacità creative, per il design, per l innovazione sul piano scientifico e tecnologico. La Slovenia, membro dell Unione Europea, del sistema Schengen e dell OCSE, offre una forza lavoro qualificata, un sistema amministrativo solido ed evoluto, marchi che si sono affermati a livello internazionale. Desidero sottolineare anche un altro fattore particolarmente significativo per chi vuole entrare nel mercato sloveno: la presenza in Slovenia di una importante minoranza nazionale italiana, che costituisce di per sé un serbatoio di ricchezza e un incentivo di dinamismo, non solo sotto il profilo culturale, ma anche in campo economico e commerciale. A titolo di esempio, si possono elencare diverse operazioni di successo fra le forme di collaborazione già avviate, dal settore del legno alla rete energetica, dai servizi finanziari alla grande distribuzione. Lo scorso ottobre, è stato attribuito a un impianto produttivo di avanguardia di proprietà italiana, guidato da un cittadino italiano di nazionalità slovena, il prestigioso riconoscimento di migliore investimento dell anno con cui il Forum sloveno per gli investimenti diretti esteri FDI premia le operazioni più innovative sotto il profilo tecnologico e più vantaggiose sotto il profilo imprenditoriale. 7 La contiguità dei due Paesi, la presenza di un confine aperto, la lunga ed intensa conoscenza reciproca fra i due popoli, l identità delle sfide da affrontare rendono la Slovenia un partner naturale per molte imprese italiane. Rivolgo agli imprenditori che ci leggono l invito ad esaminare con interesse le potenzialità di collaborazione che si aprono, sapendo di poter contare sul sostegno che l Ambasciata d Italia e le altre istituzioni pubbliche italiane presenti in Slovenia sono in grado di offrire. A tutti, un fervido augurio di buon lavoro.

10 Igor Plestenjak Direttore di JAPTI - Agenzia pubblica della Repubblica di Slovenia per l imprenditoria e gli investimenti esteri 8 JAPTI E SDGZ-URES - IL CLUB IMPRENDITORIALE SLOVENO DI TRIESTE PER COGLIERE LE OPPORTUNITÀ DELL AMBIENTE ECONOMICO SLOVENO Cari investitori e partner italiani, l Agenzia pubblica della Repubblica di Slovenia per l imprenditoria e gli investimenti esteri (JAPTI) ha un ruolo chiave nello sviluppo delle politiche che si occupano di crescita dell imprenditorialità e della concorrenzialità in Slovenia, specificatamente per l attuazione dei programmi di investimenti esteri e per l internazionalizzazione. JAPTI è da anni impegnata a sviluppare un sistema di provvedimenti atto a migliorare le condizioni di concorrenza, a stimolare le innovazioni ed assistere le aziende slovene nell espansione sui mercati esteri. Incoraggia anche gli acquirenti esteri a stringere contatti con le aziende locali e a semplificare al massimo il quadro amministrativo e gestionale per gli investitori stranieri. Per la promozione del sistema paese e dell economia slovena rappresentano un valido aiuto i club imprenditoriali sloveni all estero, la cui attività è finanziati da JAPTI da quattro anni. Fanno parte di questi club aventi sede negli stati vicini i rappresentanti delle imprese slovene più grandi e con esperienza, che da anni operano sui mercati esteri. L esperienza e la conoscenza di questi club rappresentano per le aziende slovene che vogliono allargarsi ai mercati esteri e per le aziende straniere in cerca di nuove opportunità di business in Slovenia una fonte di informazioni molto importante. I club imprenditoriali sloveni non hanno solo un ruolo chiave per l assistenza alle aziende slove-

11 ne verso i mercati esteri, ma anche per l attrazione di investitori e partner commerciali dall estero verso la Slovenia. All Unione regionale economica slovena (URES) è riconosciuto lo status di club imprenditoriale sloveno a Trieste, in funzione del suo prezioso ruolo nella mediazione e nel collegamento tra le aziende slovene ed italiane, ovvero tra le istituzioni dei due paesi. Questo club assiste sia le imprese slovene che quelle italiane nell accesso al mercato vicino, offrendo loro le informazioni decisive per poter superare gli ostacoli con i quali si confrontano nella cooperazione economica transfrontaliera. Il manuale si rivolge all imprenditore italiano che individua in Slovenia l occasione giusta per lo sviluppo e la realizzazione delle proprie idee di business. Illustrando l ambiente lavorativo sloveno dà conto delle informazioni basilari per fare impresa su questo mercato. Oltre a rappresentare i punti forza che la Slovenia offre a investitori esteri e partner commerciali, vuol dare anche delle risposte concrete alle questioni che, secondo il club imprenditoriale sloveno di Trieste, più comunemente si pongono alle aziende italiane che operano in Slovenia. Il manuale rappresenta un corollario ideale agli elaborati informativi messi a disposizione da JAPTI per gli investitori esteri e i partner commerciali. Così realizza al meglio uno dei compiti fondamentali del Club imprenditoriale sloveno di Trieste, l URES: la divulgazione delle informazioni economiche riferite all area, tanto per le aziende slovene che per quelle italiane. Siamo convinti che la pubblicazione sarà accolta con favore sia da chi è già attivo sul mercato sloveno, sia da chi si accinge a farlo. Saremo particolarmente lieti se troverete qui la risposta ai vostri quesiti. Nel caso ciò non succedesse gli esperti di SDGZ-URES e JAPTI saranno a vostra disposizione per ogni informazione e assistenza. Ringraziando per la fiducia accordata alla qualità del sistema imprenditoriale e di business sloveno vi esprimo i più vivi auguri di successo per le vostre iniziative sul mercato sloveno. 9

12 Ing. RENATO Pujatti Presidente Finest 10 FINEST S.P.A. IN SOSTEGNO ALLE AZIENDE ITALIANE DEL TRIVENETO CHE DESIDERANO ESPANDERE IL PROPRIO BUSINESS IN SLOVENIA FINEST S.p.A. è la Società Finanziaria che promuove la cooperazione economica con i Paesi dell Europa centro-orientale e balcanica, la Russia e la Comunità degli Stati Indipendenti, il Nord Asia, i territori baltici e caucasici, ed è un punto di riferimento delle aziende per l acquisizione di strumenti finanziari. Istituita con la Legge dello Stato 19/91, opera da oltre 20 anni a sostegno delle imprese del Triveneto che hanno scelto di intraprendere un percorso di crescita del business oltre i confini nazionali, affrontando i vicini mercati ad Est: un bacino di 23,5 milioni di chilometri quadrati e di oltre 400 milioni di abitanti. FINEST S.p.A. rappresenta per le aziende un partner economico e istituzionale solido ed affidabile: è partecipata per le quote di maggioranza da Friulia S.p.A., finanziaria di sviluppo della Regione Friuli Venezia Giulia, seguita dall omologa Veneto Sviluppo, dalla Regione Veneto, dalla Provincia Autonoma di Trento, da Simest e da diversi istituti di credito del territorio. Dispone di un patrimonio di 160 milioni di euro circa e ha sviluppato ad oggi oltre 500 operazioni nei Paesi di sua competenza al fianco dei suoi partners. Dalla sua costituzione ad oggi, FINEST S.P.A. è intervenuta in Slovenia in più di 30 operazioni, per un ammontare impegnato di circa 20 milioni di euro e un volume di investimenti generato di oltre 85 milioni di euro, in settori tipici dell economia del territorio sia nordestino che sloveno come il legno/mobile, la meccanica/elettromeccanica e il tessile/abbigliamento. La collaborazione con le realtà locali istituzionali, economiche ed

13 associative costituisce uno dei pilastri dell operatività della finanziaria: forte della sua connotazione altamente istituzionale, FINEST S.P.A. interagisce con l Ambasciata d Italia in Slovenia, partecipando da diversi anni al periodico incontro del Comitato imprenditori italiani in Slovenia, con l Unione Regionale economica slovena e con l Agenzia slovena per l imprenditoria e gli investimenti esteri Japti. L attività di promozione dell internazionalizzazione, infatti, in Slovenia come in tutti i Paesi di competenza di FINEST S.P.A., viene perseguita in un ottica di sistema, attraverso operazioni sinergiche che mirano all efficacia ed efficienza, offrendo all imprenditore un panorama unico di tutti gli strumenti a sua disposizione per il perseguimento del proprio business all estero. Con proprie risorse FINEST S.p.A. è in grado di assumere partecipazioni nel capitale sociale di società di diritto estero e finanziare progetti di investimento nei quali interviene in qualità di socio. Può assumere, di norma, partecipazioni fino ad un massimo del 25% del capitale sociale della società estera per una durata massima di 8 anni, al termine dei quali il partner si impegna al riacquisto delle azioni sottoscritte da Finest nella società estera. Lo strumento partecipativo consente a Finest di configurarsi come partner operativo delle aziende, entrando nel progetto e mettendo la competenza acquisita sul campo e le proprie capacità di advisor a disposizione dell imprenditore, affinchè questi possa serenamente affrontare il percorso, non sempre facile, di internazionalizzazione all estero. Accanto allo strumento partecipativo, FINEST S.P.A. dispone anche dello strumento del finanziamento, col quale è in grado di potenziare, se necessario, il sostegno economico offerto dalla partecipazione, che rappresenta comunque il core business e lo strumento principe della finanziaria. FINEST S.P.A., inoltre, quale partner istituzionale, è in grado di favorire l accesso al credito, grazie alla fitta rete di relazioni col sistema bancario nazionale e internazionale, e consente un percorso privilegiato per il ricorso alle coperture assicurative offerte da partner consolidati come SACE. Nella sua veste di business angel partecipa alla costruzione del business plan, offre assistenza nelle pratiche legali e amministrative all estero, anche grazie agli accordi di collaborazione con qualificati organismi di consulenza ed enti locali del Paese di riferimento, guida e orienta le scelte imprenditoriali, sviluppando sensibilità manageriale e favorendo contatti tra aziende per la costruzione di reti d impresa. 11

14 NICOLA TENZE Presidente dell Unione regionale economica slovena 12 L Associazione degli imprenditori sloveni in Italia riferimento per le relazioni e LE nuove iniziative economiche in Slovenia La Slovensko deželno gospodarsko združenje Unione regionale economica slovena (SDGZ-URES) è l organizzazione di categoria degli imprenditori e liberi professionisti sloveni del Friuli Venezia Giulia. Costituita nel 1946, con la crescita delle proprie specializzazioni (vedi la presentazione a pag. 84) è divenuta punto di riferimento quasi obbligato per l assistenza agli imprenditori che vogliono investire e lavorare oltre confine. Tanto per le aziende italiane interessate alla Slovenia, quanto per le aziende slovene che intendono operare in Italia. Nell ultimo periodo è molto cresciuto l interesse per l attività transfrontaliera da parte di piccole e medie imprese. L allargamento ad Est dell Unione europea e l inclusione della Slovenia nello spazio di Schengen hanno tolto gli ostacoli per il libero esercizio delle iniziative economiche nel mercato vicino, o almeno così dovrebbe essere. Le aziende italiane che intendono fare impresa in Slovenia incontrano ancora delle difficoltà per così dire fisiologiche. Si tratta di un mercato interessante, sia per le imprese di produzione che per quelle di servizi. La Slovenia, entrando nell UE e nell Eurozona, ha adottato un sistema giuridico-normativo ed economico assimilabile del tutto a quello italiano. Naturalmente ci sono delle differenze di ordine culturale, ambientale, a livello di impianto burocratico-amministrativo, per certi versi anche molto efficiente, che devono essere messe in conto. Non si tratta di impedimenti insormontabili. L importante è affidarsi a strutture in grado di offrirci la conoscenza necessaria. Qui non si tratta solo

15 di nozioni tecniche e giuridiche, ma anche della padronanza delle diverse situazioni e modi di pensare nelle aree confinarie. Si potrebbe quasi pensare alla necessità di un mediatore culturale che assista l imprenditore il quale deve porre in relazione le diverse prassi e modelli mentali. Questa competenza specifica può essere data dall URES e dalla rete di società collegate Servis d.o.o. - s.r.l., Servis Koper d.o.o. ed Euroservis d.o.o. - s.r.l. (vedi a pp ). Qui troverete tutte le informazioni e l assistenza di cui avete bisogno da parte del personale specializzato che ha padronanza delle due lingue ed è in grado di fare sintesi delle realtà e prassi normative slovene e italiane. L Unione regionale economica slovena partecipa alle iniziative promosse dall Agenzia Pubblica della Repubblica di Slovenia per l imprenditoria e gli investimenti esteri - JAPTI (Javna agencija Republike Slovenije za podjetništvo in tuje investicije) e alle attività dei club di imprenditori sloveni all estero finanziate da JAPTI. In tale ambito ha realizzato nel 2010 il primo manuale dedicato alle imprese slovene che vogliono operare in Italia: POSLOVATI V ITALIJI, Pregled problematike in zakonodaje ( OPERARE IN ITALIA, Temi rilevanti e normativa ). I tecnici e collaboratori URES e SERVIS hanno sintetizzato un primo e accurato vademecum per le aziende slovene che si devono districare nel quadro complesso delle norme che regolano la nascita e la vita delle aziende in Italia. Si va dal quadro normativo-tributario alla gestione della forza lavoro, dalla gestione della sicurezza e degli adempimenti relativi all ambiente e alla normativa di cantiere. L ultimo aspetto è stato curato dai progettisti della sezione liberi professionisti URES, settore dell edilizia che oggi ha un ruolo rilevante nell economia di confine. Questo a testimonianza dell importanza anche di altri profili professionali, avvocati, agenti immobiliari ecc. che, conoscendo le due lingue, possono essere d aiuto agli imprenditori di qua o di la che vogliono muoversi e lavorare nell economia vicina. Ora invece, grazie alla collaborazione fattiva della Camera dell imprenditoria artigianale della Slovenia (Obrtno-podjetniška zbornica Slovenije - OZS), abbiamo potuto realizzare il manuale speculare: INVESTIRE E LAVORARE IN SLOVENIA, dedicato a soggetti italiani che vogliono aprire o svolgere un attività imprenditoriale o libera professione in Slovenia. I tecnici e collaboratori di Servis Koper e di OZS sede centrale di Lubiana e camere territoriali (OOZ) di Nova Gorica, Ajdovščina e Sežana illustrano la situazione normativo-amministrativa specifica della Slovenia. La struttura espositiva è analoga al manuale precedente: dalla costituzione d impresa al regime fiscale, dalla gestione dei lavoratori alla sicurezza e alle questioni ambientali, dall HACCP alle autorizzazioni per le attività artigianali e dell autotrasporto. Completano il compendio l elenco delle attività regolamentate, il glossario, l elenco degli indirizzi utili e dei punti E-Vem (sportello impresa) e degli enti che hanno collaborato alla realizzazione del manuale. Va segnalato anche il contributo degli esperti e tecnici SERVIS e URES che hanno revisionato e adattato le traduzioni dei contributi originali in lingua slovena, resi nella versione italiana dai traduttori di EUROSERVIS. 13 Va detto anche che qui troverete solo le informazioni base sui temi trattati, visto il formato e la funzione pratica della pubblicazione. La normativa attinente all economia, anche in Slovenia, è in continua evoluzione e ogni informazione scritta su questo argomento diventa ben presto obsoleta. Il rimedio più semplice e immediato è quello di consultare i siti web dell Unione regionale economica slovena e della società SERVIS doo-srl ovvero di contattarci ai nostri recapiti e le altre citate istituzioni e organizzazioni. Troverete le risposte, le informazioni e i servizi utili per poter intraprendere un attività al meglio anche in Slovenia.

16 JAPTI Agenzia pubblica della Repubblica di Slovenia per l imprenditoria e gli investimenti esteri 14 Descrizione dell ambiente economico La Slovenia come punto fermo per la comunità degli investitori e del business I tempi cambiano, i valori no Le solide virtù degli sloveni sono ben illustrate, in primis da un considerevole tasso di risparmio lordo sui redditi lordi disponibili (quello sloveno è il maggiore dopo Svizzera e Germania), nonché dall avversione slovena per gli eccessivi rischi e infine dal rispetto per i princìpi che abbiano superato l esame della durata nel corso del tempo. Queste virtù hanno attirato i più oculati investitori esteri sin dalla fine degli Anni Settanta, così comportando per il Paese la possibilità di integrarsi nelle più prestigiose organizzazioni europee e mondiali: l UE, l Euro Area, la NATO... fino all invito di adesione presentato alla Slovenia dall OCSE nel 2007 riguardo al quale la Slovenia ha soddisfatto tutti i criteri richiesti per divenirne membro: la trasparenza nell adozione di nuove provvedimenti legislativi, il pubblico dibattito sui cambiamenti da apportare, le procedure di appello, le procedure di appalto pubblico, la loro attuazione non discriminatoria e l uso di regolamenti che presentino il minor numero possibile di ostacoli alle attività commerciali. I progressi compiuti dalla Slovenia nell ambito del coordinamento internazionale delle legislazioni nazionali, della proprietà intellettuale e del credito alle esportazioni sono stati del tutto apprezzati, così spianando la strada al Paese verso la sua condizione di piena adesione quale Stato membro. La proverbiale prudenza slovena ha trattenuto il sistema finanziario nazionale dall alimentarsi di una rapida espansione per mezzo dell integrazione finanziaria. Di conseguenza, il colpo assestato dalla recessione economica globale non è stato aggravato dal boom creditizio nè da un super-indebitamento come avviene nei cosiddetti periodi

17 delle vacche grasse. La forte crescita economica e l integrazione finanziaria del Paese sono state ben bilanciate, al fine di frenare il rallentamento economico dato dall eccessiva dipendenza della Slovenia dalle esportazioni e cercare di creare delle basi industriali diverse. La posizione geostrategica della Slovenia, che pone il Paese all incrocio delle vie di trasporto, l ottimo sviluppo sia delle tecnologie informatiche e delle comunicazioni sia delle infrastrutture fisiche, dei network e delle piattaforme tecnologiche, dei centri d eccellenza e dei distretti industriali, come risultato di una attività di alto livello innovativo, rende la Slovenia una località privilegiata per molti tipi di attività economiche. I buoni rapporti commerciali con l Europa orientale e Sud-orientale, la presenza di un porto a fondale profondo ed una vasta rete di vie di trasporto d ogni tipo, garantiscono un facile accesso ai circa 500 milioni di consumatori europei. Gli investitori esteri possono dunque servire i Balcani Occidentali con dei costi ragionevoli grazie alla forza lavoro slovena, qualificata ed esperta dei contesti internazionali. Con la finalità di aiutare i lavoratori ad affrontare il mercato globale, lo Stato sloveno supporta oggi i datori di lavoro in maniera tale che questi possano creare posti di lavoro ed incrementare la produttività. La priorità strategica nazionale è quella di rafforzare l imprenditorialità congiuntamente all internazionalizzazione del business ed incoraggiare l innovazione delle PMI e l imprenditoria giovanile. Aziende già presenti in Slovenia: Bosch Siemens, Danfoss, Deloitte, Goodyear, GKN Driveline, Grammer Automotive, Grieshaber Logistik, Gruppo Bonazzi, Henkel, IBM, Intesa Sanpaolo, Johnson Controls, Microsoft, Mobilkom, Sandoz Group (Novartis), Oracle, Palfinger, Renault, S&T, Schefenacker, Société Générale, Wolford, Yaskawa 15 Adeguare le conoscenze alle esigenze dello sviluppo economico Le risorse umane qualificate, necessarie per incrementare ogni tipo di business ed innalzarne la competitività, non sono difficili da reperire, specialmente nelle località slovene dove esse hanno dei bassi costi. I dati numerici sulle iscrizioni dei giovani alle istituzioni educative primarie, secondarie e terziarie, confermano che le istituzioni scolastiche slovene posseggono un assoluta priorità e degli standard qualitativi d alto livello. Una solida formazione può essere acquisita con la scuola pubblica, che rilascia le certificazioni necessarie per acquisire la professionalità e l esperienza indispensabili per l assolvimento di tutto quanto sia necessario in ogni specifico campo professionale e lavorativo. In media i lavoratori sloveni, secondo i dati del Legatum Prosperity Index, acquisiscono le esperienze professionali e le conoscenze idonee a svolgere mansioni di alto valore aggiunto dopo 5,6 anni di scuola secondaria e dopo 4,7 anni di scuola terziaria. La crisi finanziaria, che si è presto trasformata in un crollo economico globale, ha rovesciato sia le tradizionalmente eccellenti cifre slovene sulla disoccupazione sia il numero degli studenti iscritti ai corsi educativi di livello più alto. A fine 2009 entrambi questi dati stanno attorno alle unità. È perciò il momento giusto per avviare degli ulteriori corsi professionali e di formazione tecnica e di dare agli impiegati sovvenzioni e tempo libero per rinfrescare le proprie esperienze linguistiche e poter intraprendere degli studi post-laurea. La bontà del capitale umano è una conquista slovena acquisita sin da quando si è potuta vedere l efficacia delle località d investimento e dei corsi di riqualificazione professionale azioni, queste, varate dallo Stato al fine di creare un ambiente dinamico capace di ricolloca-

18 re forza lavoro e capitali tra regioni e industrie. Per questo motivo, da quando le regioni slovene con maggior tasso di disoccupazione hanno cessato di affidarsi alle industrie di tipo tradizionale, tali aree posseggono una forza lavoro molto attraente. Produttività complessiva, 2010 Quota del PIL per persona impiegata (in ) Romania Polonia Rep. Ceca Ungheria Slovacchia Croazia Slovenia Italia Fonte: IMD World Competitiveness Yearbook, Lo Stato sloveno incentiva la creazione di nuovi posti di lavoro e le realtà industriali con maggior valore aggiunto che necessitino di conoscenze, esperienze e competenze, allo scopo di realizzare con successo lo sviluppo di nuove figure professionali con mansioni di alto valore aggiunto, sin da quando il totale del valore aggiunto è crollato nel 2009 trascinando con sè il volume del PIL. Nel 2008, soggetti erano impiegati nell industria, settore seguito da quello delle vendite all ingrosso e al dettaglio e delle riparazioni di veicoli a motore con complessivi addetti. Dunque le attività industriali (cioè l insieme dei comparti estrattivo e minerario, manifatturiero, elettrico, gas, vapore, impianti di condizionamento d aria, idraulico, smaltimento acque nere, rifiuti, edile) impiegano il 53% del totale degli occupati, così contando l 11% di occupati in più rispetto al totale degli impiegati del settore delle attività di servizio. La gran parte del turnover nel 2008 è stato creato dal settore commerciale (3%) e da quello delle attività manifatturiere (30%). Quando la crisi, nel 2008, ha colpito duramente i partner commerciali della Slovenia, il trend occupazionale positivo si è invertito per la prima volta dal 2006, con il settore manifatturiero che ha perso il maggior numero di posti di lavoro (fonte: SORS). Le competenze linguistiche, 2011 Ungheria (56) 3,15 Italia (49) 3,73 Paese (rango) Rep. Ceca (35) Slovacchia (34) Croazia (33) 5,16 5,36 5,37 Polonia (26) 6,21 Slovenia (24) 6, Le competenze linguistiche non soddisfanno le Punteggio Le competenze linguistiche soddisfanno le necessità delle imprese necessità delle imprese Fonte: IMD World Competitiveness Yearbook, 2011

19 Gli investimenti in infrastrutture di tecnologia informatica e delle comunicazioni (ICT) comportano grandi benefici a tutti i business incentrati sul web, pertanto mettendo in grado le aziende di aprire un attività esterna o di raggiungere i propri clienti a domicilio. Il cittadino-tipo sloveno è alfabetizzato in informatica ed è in grado di parlare due o più lingue straniere: l inglese è insegnato in tutte le scuole, il tedesco e l italiano sono largamente usati e il francese è stato sempre estremamente diffuso tra gli impiegati pubblici. Una località privilegiata per investitori pronti a cogliere le occasioni offerte dai mercati in veloce crescita dei Balcani e dell Est europeo La fila dei Paesi che attendono di unirsi alla famiglia europea delle Nazioni è molto lunga e la Croazia sarà probabilmente la prima fra le Nazioni Extra-UE ad accedere all Unione Europea. La notizia che il visto d ingresso non è più richiesto ai cittadini di Macedonia, Montenegro e Serbia è un beneficio che non allargherà l Area Schengen ma certamente faciliterà le condizioni per lavorare e vivere in quell area. Le relazioni della Slovenia con aziende e individui dei Balcani Occidentali possono essere dunque preziose in particolar modo nel momento in cui gli ordini dall UE hanno assestato un forte colpo agli esportatori sloveni durante il Una ragione, questa, in più, per contare sulle conoscenze slovene della cultura aziendale e del sistema economico giudiziario vigente in Croazia e in Serbia e così incrementare le relazioni commerciali e istituzionali con tali Paesi. Esportazioni per Paese, in milioni di EUR nel Mercato EU-27 Germania Italia Austria Francia Polonia Ungheria Regno Unito Rep. Ceca SEE Croazia Serbia Bosnia e Erzegovina Altri Totale Milioni di EUR Fonte: Ufficio di Statistica della Repubblica di Slovenia, 2011 Le relazioni commerciali slovene con le altre realtà presenti nell area sono aumentate grazie al ruolo della Slovenia che assiste questi Paesi riguardo gli aspetti amministrativi ed istituzionali, in modo tale che queste Nazioni possano accedere ai finanziamenti europei e dunque qualificarsi per l integrazione europea. Tramite la propria adesione ad organizzazioni internazionali quali la NATO, l OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione Europea) e l EAPC (Consiglio di Partenariato Euro-Atlantico), la Slovenia gioca un ruolo di alto profilo nel mantenimento della stabilità nell area, agevolando gli accordi commerciali e promuovendo investimenti dai e ai Balcani Occidentali.

20 La Slovenia possiede tutte le caratteristiche per essere un centro propulsore di servizi commerciali, centri d assistenza clienti e centri direzionali logistici e distributivi, grazie anche all alta penetrazione nel Paese delle tecnologie informatiche e delle comunicazioni, come dimostra l elevato numero dei personal computer, degli utenti di Internet, dei siti web, dei call center e degli accessi all e-government. Questo, unitamente agli ottimi collegamenti sia di tipo comunicativo che del trasporto con i centri regionali amministrativi, commerciali e industriali, significa che ogni angolo della Slovenia costituisce un ideale sito per impiantare le proprie attività di business. Le aziende slovene e i loro potenziali partner d affari possono contare su una rete di uffici di rappresentanza, creati con lo scopo di promuovere la Slovenia e diffondere presso le Nazioni ospitanti una maggiore consapevolezza delle sue qualità riguardo le opportunità commerciali e d investimento. Gli uffici di rappresentanza facilitano così le relazioni fra partner d affari e media, attivandosi professionalmente per combinare l approfondimento delle conoscenze da parte sia della Nazione di partenza che della Nazione d arrivo. IDE (Investimenti Diretti Esteri) sloveni in uscita IDE sloveni in uscita a fine anno 2010: 5.5 miliardi di EURO 18 Germania 4% Paesi Bassi 5% Federazione Russa 6% Macedonia 6% Liberia 3% Bosnia e Erzegovina 12% Polonia Montenegro 2% 3% Croazia 21% Altri 11% Serbia 27% Fonte: Banca di Slovenia, 2011 Lo sviluppo delle infrastrutture favorisce uno sviluppo sostenibile e rende la Slovenia un centro nevralgico per i servizi forniti ai mercati internazionali La posizione della Slovenia nel cuore dell Europa, le sue eccellenti infrastrutture e convenienti funzioni di supporto, si addicono alle grandi o piccole aziende internazionali che vogliano indirizzare la propria rotta verso i mercati dell Europa Orientale o Sudorientale. Il sistema dei trasporti consiste in circa km di strade moderne, km di linee ferroviarie, tre aeroporti internazionali (passeggeri e merci), un porto commerciale e molti altri porti minori. Sia i porti minori che il Porto di Koper-Capodistria assolvono la funzione di servire i paesi dell Europa Centrale, affinché essi possano ricevere ed inviare merci via mare, ma anche costituiscono i punti di partenza per il turismo da diporto o regate. Il Porto di Koper-Capodistria può vantare una vasta offerta di servizi ed attrezzature per operazioni di movimentazione alla rinfusa, smistamento container e autoveicoli ed inoltre è la

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

Architettura del paesaggio

Architettura del paesaggio Legge 84/2001 LOREM + ELEMENTUM Potenziare l export e gli investimenti in Serbia Le opportunità dell hub logistico e doganale di Novi Sad Architettura del paesaggio Il progetto Cor Log - Corridoi paneuropei

Dettagli

Un azione di sistema a sostegno del business delle imprese italiane in Serbia

Un azione di sistema a sostegno del business delle imprese italiane in Serbia Un azione di sistema a sostegno del business delle imprese italiane in Serbia Ing. Renato Pujatti Pordenone, 9 giugno 2011 Obiettivi del progetto Costituire una rete di attori economici e istituzionali

Dettagli

INFORMEST CONSULTING

INFORMEST CONSULTING Company Profile INFORMEST CONSULTING Commerciale Finanza agevolata CHI E INFORMEST CONSULTING Missione: favorire l internazionalizzazione delle aziende italiane, sostenendo la loro capacità di export in

Dettagli

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI COS È SOLVIT? Scegliere liberamente in quale paese europeo vivere, lavorare o studiare è un diritto fondamentale per i cittadini dell Unione europea. Anche le imprese hanno il diritto di stabilirsi, fornire

Dettagli

CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE. Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI

CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE. Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI La Cabina di Regia per l internazionalizzazione, nella sua prima riunione svoltasi il 18 luglio 2012 al Ministero

Dettagli

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI Traduzione non ufficiale N.B. Il testo facente fede è unicamente quello in lingua serba In base all art. 7 della Legge sul budget della Repubblica di Serbia per l anno 2012 ( Gazzetta Ufficiale della Repubblica

Dettagli

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Mentre i cugini iberici conquistano la vetta del Travel & Tourism Competitiveness Index, l Italia si accontenta di un ottava posizione, dopo Francia, Germania

Dettagli

Internazionalizzare l impresa

Internazionalizzare l impresa Internazionalizzare l impresa Identificazione e analisi di comparazione Paese/area/location Questa è la prima risorsa necessaria a strutturare un valido studio di fattibilità sulla localizzazione prescelta

Dettagli

tutto ciò premesso e considerato come parte integrante del presente accordo, tra le Parti SI CONVIENE

tutto ciò premesso e considerato come parte integrante del presente accordo, tra le Parti SI CONVIENE ACCORDO DI COLLABORAZIONE tra la Società Finanziaria di Promozione della Cooperazione Economica con i Paesi dell Est Europeo FINEST S.p.A. con sede a Pordenone, in via dei Molini, 4, codice fiscale 01234190930,

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Un valido sostegno alle imprese toscane

Un valido sostegno alle imprese toscane Un valido sostegno alle imprese toscane Toscana Promozione ha come obiettivo quello di favorire la crescita sostenibile dell economia regionale attraverso il miglioramento della competitività del sistema

Dettagli

Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014

Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014 REGIONE TOSCANA Consiglio regionale Commissione Istituzionale per le Politiche dell Unione europea e gli Affari Internazionali Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014 In questa edizione: Aiuti di Stato:

Dettagli

Come costituire una società in Croazia

Come costituire una società in Croazia Come costituire una società in Croazia di Clizia Cacciamani (*) In un mondo economico ed imprenditoriale sempre più teso verso la globalizzazione e verso mercati esteri lontani, sarebbe illogico non affrontare

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE COMUNICATO STAMPA Il Sistema Confidi al centro dello studio curato da Fondazione Rosselli, Gruppo Impresa, Unicredit in collaborazione con l Università degli Studi di Torino CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI

Dettagli

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi.

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi. Criteri per la predisposizione del bando INNOVA RETAIL 3 Premessa La DG Commercio, Turismo e Servizi ha supportato le imprese lombarde nelle nuove sfide del mercato globalizzato, sia puntando sulle sinergie

Dettagli

Consulenza strategica all impresa

Consulenza strategica all impresa Libia : la nuova frontiera industriale La Libia si estende per un area di circa 1.775.000 kmq quadrati. Ha delle ricche riserve petrolifere e depositi di acqua e gas naturali. Ha una popolazione di poco

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di politiche giovanili N. 2660 BARBIERI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di politiche giovanili N. 2660 BARBIERI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2660 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL DEPUTATO BARBIERI Disposizioni in materia di politiche giovanili Presentata il 29 luglio 2009 ONOREVOLI

Dettagli

CURRICULUM EUROSERVIS S.r.l.

CURRICULUM EUROSERVIS S.r.l. CURRICULUM EUROSERVIS S.r.l. La Euroservis Srl è una società a responsabilità limitata con sede principale a Trieste. Svolge attività di euro-progettazione, assistenza tecnica, stesura di progetti, piani

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

CONFINDUSTRIA BULGARIA

CONFINDUSTRIA BULGARIA CONFINDUSTRIA BULGARIA RISULTATI DEL RAPPORTO: GLI INVESTIMENTI ITALIANI IN BULGARIA GENNAIO 2013 CONFINDUSTRIA BULGARIA World Trade Center Interpred, Boulevard Dragan Tzankov 36, 1040 Sofia Tel. +359

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

La nuova Europa, la nuova Romania: opportunità e prospettive.

La nuova Europa, la nuova Romania: opportunità e prospettive. La nuova Europa, la nuova Romania: opportunità e prospettive. Il punto di vista italiano sull allargamento dell UE. Intervento del dr. Angelo Pollina Consigliere regionale e Presidente della Commissione

Dettagli

20 anni 500 260 mln di euro 1,75 md di euro

20 anni 500 260 mln di euro 1,75 md di euro FINEST S.p.A. 20 anni di progetti di internazionalizzazione 500 operazioni sviluppate all estero 260 mln di euro investiti 1,75 md di euro di investimenti complessivi generati 30 Paesi di competenza: CHI

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

De Vinco confermato Gaetano De Vinco

De Vinco confermato Gaetano De Vinco 52notizie Modena Economica Numero 1 gennaio-febbraio 2012 De Vinco confermato alla guida di Confcooperative Gaetano De Vinco è stato riconfermato alla presidenza di Confcooperative Modena nella 19 a Assemblea

Dettagli

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia Confronto degli oneri contributivi e fiscali e delle prestazioni sociali in Austria ed Italia di K. Schönach, G. Innerhofer, G. Auer SINTESI (a cura di Klaus Schönach e Andrea Zeppa) Bolzano / Innsbruck,

Dettagli

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La Partita IVA La procedura burocratica Dal punto di vista fiscale si definisce IVA (Imposta sul valore aggiunto disciplinata dal DPR 633/72) l'imposta

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

L esperienza di UniCredit nei Balcani. Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales

L esperienza di UniCredit nei Balcani. Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales L esperienza di UniCredit nei Balcani Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales Bari, 22 Febbraio 2012 AGENDA Le economie dei Balcani Le opportunità Il supporto di UniCredit 2 La presenza delle

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero

di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero I FONDI DI VENTURE CAPITAL di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero Per le imprese che intendono internazionalizzarsi, oltre ai due tradizionali interventi previsti dalla legge 100/90, operanti attraverso

Dettagli

I nostri professionisti, oltre all'esperienza e alle conoscenze tecniche maturate in lunghi anni di attività, pensano ed agiscono come imprenditori.

I nostri professionisti, oltre all'esperienza e alle conoscenze tecniche maturate in lunghi anni di attività, pensano ed agiscono come imprenditori. CHI SIAMO? Un network di professionisti e consulenti specializzati nell'assistenza operativa ad imprese che vogliono sviluppare progetti di internazionalizzazione nei Paesi dell'europa Centro Orientale.

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

Discorso dell Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana S.E. Andrian Yelemessov

Discorso dell Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana S.E. Andrian Yelemessov Discorso dell Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana S.E. Andrian Yelemessov Egregi partecipanti! Cari amici! (29 gennaio 2013, Venezia)

Dettagli

I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA CIRCOLAZIONE NEL TERRITORIO DELLA COMUNITÀ

I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA CIRCOLAZIONE NEL TERRITORIO DELLA COMUNITÀ Rosa Maria Morrone Coordinatore regionale Convenzioni Internazionali Direzione regionale Piemonte rosamaria.morrone@inps.it I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese Luciano Camagni Condirettore Generale Credito Valtellinese LA S PA S PA: area in cui i cittadini, le imprese e gli altri operatori economici sono in grado di eseguire e ricevere, indipendentemente dalla

Dettagli

06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese

06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese 06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese Gli obiettivi specifici per favorire lo sviluppo internazionale delle imprese sono stati: 1. assistere le piccole e medie imprese nella loro attività

Dettagli

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario 2.1 Il terziario a Roma: dimensioni e tendenze evolutive 2.2 Caratteristiche della realtà romana 2.3 Le attività del terziario nel comune di Roma:

Dettagli

Collaborazione transfrontaliera tra PMI nel settore dell efficienza energetica e delle energie rinnovabili

Collaborazione transfrontaliera tra PMI nel settore dell efficienza energetica e delle energie rinnovabili Collaborazione transfrontaliera tra PMI nel settore dell efficienza energetica e delle energie rinnovabili Euroservis SDGZ / URES 28 settembre 2011 - Udine (La presentazione è su sfondo scuro per risparmio

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

Programma 2013 della Rete Estera Camerale per la promozione all estero. Fondo InterCamerale d Intervento di Unioncamere

Programma 2013 della Rete Estera Camerale per la promozione all estero. Fondo InterCamerale d Intervento di Unioncamere Programma 2013 della Rete Estera Camerale per la promozione all estero Fondo InterCamerale d Intervento di Unioncamere Linea progettuale: World Pass collaborazione con la rete degli sportelli di informazione

Dettagli

Giovani Costruttori. Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere. rapporti di scambio commerciale

Giovani Costruttori. Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere. rapporti di scambio commerciale Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere rapporti di scambio Giovani Costruttori a Vienna commerciale Dopo la proficua esperienza dello scorso anno

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

Antonio De Vito Direttore Generale di Puglia Sviluppo S.p.A. Risorse per investire in Puglia. Le opportunità di investimento in Puglia

Antonio De Vito Direttore Generale di Puglia Sviluppo S.p.A. Risorse per investire in Puglia. Le opportunità di investimento in Puglia Antonio De Vito Direttore Generale di Puglia Sviluppo S.p.A. Risorse per investire in Puglia Le opportunità di investimento in Puglia Argomenti trattati: La Puglia in breve Comparto del legno-arredo in

Dettagli

Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online

Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online INFO ITALIA Il presente listino è valido dal Marzo 0. Le tariffe indicate si intendono al netto d IVA e inclusivi dei diritti di segreteria

Dettagli

La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo dei progetti di internazionalizzazione.

La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo dei progetti di internazionalizzazione. Investire in Francia Nuove opportunità di insediamento e incentivi messi a disposizione dal governo francese Assolombarda Milano, 6 Aprile 2011 La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia Ottobre 2009 10 buoni motivi per investire in Francia Keys to understanding the new France 2 1 Un economia di carattere mondiale 23.000 sedi di imprese estere presenti, con 2,8 milioni di dipendenti, di

Dettagli

IMPORT EXPORT IL COMMERCIO ESTERO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO. Quale importanza riveste il commercio estero per l Alto Adige?

IMPORT EXPORT IL COMMERCIO ESTERO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO. Quale importanza riveste il commercio estero per l Alto Adige? IMPORT EXPORT IL COMMERCIO ESTERO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO 5 Quale importanza riveste il commercio estero per l Alto Adige? Dove esporta e da dove importa l Alto Adige? Quali sono per l Alto Adige

Dettagli

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.)

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) dott.ssa Cinzia Bricca Direttore Centrale Accertamenti e Controlli Agenzia delle Dogane Milano 25 marzo

Dettagli

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in

Dettagli

- in quanto Agenzia a capitale pubblico, quindi con garanzia di terzietà e imparzialità verso le imprese;

- in quanto Agenzia a capitale pubblico, quindi con garanzia di terzietà e imparzialità verso le imprese; 28 dicembre 2006 Appunto sull accordo World Bank (WB) e Informest Informest, l Agenzia per lo Sviluppo e la Cooperazione economica internazionale, partecipata, tra gli altri, dalle Regioni Friuli Venezia

Dettagli

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER I contenuti del mio intervento vogliono porre l attenzione su aspetti che per molti di noi

Dettagli

CHI SIAMO LA PIÙ GRANDE RAPPRESENTANZA D IMPRESA IN ITALIA. Confcommercio-Imprese per l Italia

CHI SIAMO LA PIÙ GRANDE RAPPRESENTANZA D IMPRESA IN ITALIA. Confcommercio-Imprese per l Italia CHI SIAMO l Italia Confederazione Generale Italiana delle Imprese, delle Attività Professionali e del Lavoro Autonomo LA PIÙ GRANDE RAPPRESENTANZA D IMPRESA IN ITALIA Immaginate una voce. Ora immaginatene

Dettagli

Scadenziario Friuli Venezia Giulia

Scadenziario Friuli Venezia Giulia EU Azzano Anno 0 Numero 0 N. 1 (Gennaio Febbraio 2008) Periodico di informazione a favore dei cittadini e delle imprese sulle opportunità di finanziamento Comunitarie Nazionali Regionali L Amministrazione

Dettagli

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI Nel predisporre le linee guida del prossimo mandato della sezione Metalmeccanica ho ritenuto utile, più che trascrivere un programma

Dettagli

Guida ai fondi strutturali europei in Polonia

Guida ai fondi strutturali europei in Polonia Guida ai fondi strutturali europei in Polonia Milano - Varsavia, lì 15.02.2008 1 1. Polonia informazioni generali... 3 2. Opportunità per le imprese italiane in Polonia...... 7 3. Fondi strutturali europei

Dettagli

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia G. Allo scopo di rafforzare la competitività, la crescita e l occupazione dell UE, e nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020, il ruolo delle tecnologie digitali, dell energia

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore INCENTIVI PER LE IMPRESE N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore 1 PIA A sportello Piccole-medie imprese Da 200.000,00 a 1.000.000,00 2 Titolo II A sportello Microimprese

Dettagli

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende.

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. COMPANY PROFILE Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. La storia del Gruppo Maggioli ha inizio un secolo fa e da allora procede, attraverso quattro

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Il Gruppo SIAD SPA e l internazionalizzazione sostenibile

Il Gruppo SIAD SPA e l internazionalizzazione sostenibile Il Gruppo SIAD SPA e l internazionalizzazione sostenibile Il caso del gruppo Siad SPA riproduce una circostanza tipicamente italiana, dove il comportamento responsabile verso la comunità, l ambiente e

Dettagli

LA FRANCIA È ATTRATTIVA

LA FRANCIA È ATTRATTIVA LA FRANCIA È ATTRATTIVA 10 L ESSENZIALE IN PUNTI 1 GLI INVESTITORI FRANCESI AMANO LA FRANCIA Nel 2014, 2 investitori stranieri su 3 ritengono che la Francia sia attrattiva, a differenza del rapporto di

Dettagli

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI In base all art. 7 della Legge sul budget della Repubblica di Serbia per l anno 2011 ( Gazzetta Ufficiale della Repubblica di Serbia no 101/10) e art.42 comma 1 della Legge sul Governo ( Gazzetta ufficiale

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana.

Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana. Sicuri su ogni terreno Dicembre 2012 Avviare un attività commerciale in Svizzera Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana. La Svizzera offre agli imprenditori

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Allegato sub A Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi Div. I Affari Generali, Personale, Gestione Amministrativa PROCEDURA

Dettagli

Costituzione di società a partecipazione straniera

Costituzione di società a partecipazione straniera INVESTIMENTI IN TUNISIA Normativa riguardante gli investimenti esteri Il Codice degli Investimenti del 21 dicembre 1993 (legge n 93-120), rappresenta uno degli strumenti base su cui la Tunisia punta per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

Protocollo della Carta dell energia sull efficienza energetica e sugli aspetti ambientali correlati

Protocollo della Carta dell energia sull efficienza energetica e sugli aspetti ambientali correlati Testo originale Protocollo della Carta dell energia sull efficienza energetica e sugli aspetti ambientali correlati 0.730.01 Concluso a Lisbona il 17 dicembre 1994 Approvato dall Assemblea federale il

Dettagli

Le nuove prospettive della Previdenza Complementare

Le nuove prospettive della Previdenza Complementare Le nuove prospettive della Previdenza Complementare Andrea Lesca 1 Milano, 10 maggio 2012 Lo sviluppo delle forme pensionistiche complementari passa all interno del progressivo mutamento delle forme di

Dettagli

Programma. CCIA di Verona, Verona Innovazione 8 ottobre 2013

Programma. CCIA di Verona, Verona Innovazione 8 ottobre 2013 Programma Erasmus per Imprenditori CCIA di Verona, Verona Innovazione 8 ottobre 2013 Le attività di Eurosportello Veneto e la rete EEN Aiutare le imprese ad individuare potenziali partner commerciali Fornire

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

a trieste approda il futuro

a trieste approda il futuro company profile Una società, ma con la forza di quattro. Per un progetto di riqualificazione architettonica e urbanistica imponente come quello appena avviato nel Porto Vecchio di Trieste risultano vincenti

Dettagli

FEBBRAIO SEPA SEPA UN CAMBIAMENTO STORICO PER TUTTA EUROPA! INIZIA UFFICIALMENTE SEPA! L area unica dei pagamenti in euro.

FEBBRAIO SEPA SEPA UN CAMBIAMENTO STORICO PER TUTTA EUROPA! INIZIA UFFICIALMENTE SEPA! L area unica dei pagamenti in euro. SEPA 1 FEBBRAIO 2014 INIZIA UFFICIALMENTE SEPA! L area unica dei pagamenti in euro. SEPA UN CAMBIAMENTO STORICO PER TUTTA EUROPA! Scopri come ottenere il meglio dal tuo conto ITB con l inizio di SEPA Banca

Dettagli

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni)

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) Fisco Pratico Iva 2010 3 I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) L'Iva, Imposta sul Valore Aggiunto, si applica sulle operazioni

Dettagli

I RAPPORTI ECONOMICI ITALIA-SERBIA Facolta di Economia dell Universita di Nis, Mercoledi 2 aprile 2014

I RAPPORTI ECONOMICI ITALIA-SERBIA Facolta di Economia dell Universita di Nis, Mercoledi 2 aprile 2014 ("Fa' fede solo il testo effettivamente pronunciato") I RAPPORTI ECONOMICI ITALIA-SERBIA Facolta di Economia dell Universita di Nis, Mercoledi 2 aprile 2014 TRACCIA DELL INTERVENTO Introduzione I rapporti

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

OPPORTUNITÀ D AFFARI NELLA REGIONE DI DURAZZO

OPPORTUNITÀ D AFFARI NELLA REGIONE DI DURAZZO OPPORTUNITÀ D AFFARI NELLA REGIONE DI DURAZZO I. DURAZZO, UNA BUONA SCELTA D AFFARI La seconda regione più economicamente sviluppata d Albania Una popolazione di 400 milla abitanti Età media di 28, una

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Costituzione società in Austria

Costituzione società in Austria Costituzione società in Austria Sunday, August 03, 2014 http://www.ascheri.co.uk/costituzione-societa-in-austria/ 1. Tipi di societa' in Austria 2. Costituzione di una societa' in Austria 3. Guida alla

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Lavorare in Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 6 LAVORARE IN RUSSIA 6.1 Persone giuridiche nella Federazione Russa La normativa Russa offre alle aziende estere

Dettagli