Elementi di catalogazione. Prof. Francesco MORANTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi di catalogazione. Prof. Francesco MORANTE"

Transcript

1 Elementi di catalogazione Prof. Francesco MORANTE

2 PRINCIPI DI CATALOGAZIONE Le schede di catalogo sono modelli descrittivi che raccolgono in modo organizzato le informazioni sui beni culturali. Le schede di catalogazione dei beni culturali possono essere divise in base a: 1. tipologie di oggetti 2. finalità

3 SCHEDE PER TIPOLOGIE I beni culturali possono essere molto vari e diversi tra loro. In base alla diversa tipologia di bene culturale si deve progettare una scheda specifica. È ovvio che un quadro va catalogato in maniera diversa rispetto ad un reperto archeologico o rispetto ad un giardino.

4 SCHEDE PER TIPOLOGIE Le principali tipologie di Bene Culturale vengono raggruppate dall ICCD nelle seguenti classi: BENI ARCHEOLOGICI BENI AMBIENTALI E ARCHITETTONICI BENI ETNOANTROPOLOGICI BENI STORICI E ARTISTICI BENI NATURALISTICI

5 SCHEDE PER TIPOLOGIE L ICCD è l Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, ufficio del Ministero dei Beni Culturali, preposto alla diramazione delle direttive per la catalogazione dei beni culturali in Italia. Per ogni tipologia di bene, rientrante nelle cinque categorie sopra descritte, l ICCD ha elaborato un modello di scheda e le relative norme di compilazione.

6 BENI ARCHEOLOGICI Beni mobili Scheda NU: beni numismatici Scheda RA: reperto archeologico Scheda TMA: tabella materiali Scheda AT: reperti antropologici Beni immobili Scheda SI: sito archeologico Scheda SAS: saggio stratigrafico Scheda MA/CA: monumento archeologico/complesso archeologico

7 BENI AMBIENTALI E ARCHITETTONICI Scheda A: architettura Scheda PG: parchi e giardini

8 BENI ETNOANTROPOLOGICI Scheda BDM: beni demoetnoantropologici materiali Scheda BDI: beni demoantropologici immateriali

9 BENI STORICI E ARTISTICI Scheda OA: opera e oggetto d arte Scheda D: disegno Scheda NU: beni numismatici Scheda S: stampa Scheda MI: matrice di incisione Scheda F: fotografia Scheda OAC: opere d arte contemporanea Scheda STS: beni storico scientifici Scheda PST: patrimonio scientifico e tecnologico Scheda TPA: furto Scheda SMO: strumenti musicali, organi

10 BENI NATURALISTICI Scheda BNB: beni naturalistici, botanica Scheda BNM: beni naturalistici, mineralogia Scheda BNPE: beni naturalistici, petrologia Scheda BNPL: beni naturalistici, planetologia Scheda BNZ: beni naturalistici, zoologia Scheda BNP: beni naturalistici, paleontologia

11 SCHEDE PER FINALITÀ Le schede, oltre che per tipologia, possono essere distinte per la finalità per la quale sono redatte. Le principali finalità per le quali si può redigere una scheda sono le seguenti: TUTELA STUDIO RESTAURO VALUTAZIONE

12 SCHEDE DI TUTELA Le schede dell ICCD sono schede finalizzate alla tutela del patrimonio culturale dello Stato Queste schede devono contenere tutte le informazioni atte a riconoscere univocamente il bene schedato, anche in caso di furto o danneggiamento.

13 SCHEDE DI STUDIO Le schede di studio possono essere redatte per una mostra, un attività di ricerca o per scopi editoriali. In genere queste schede contengono prevalenti elementi di indagine storico-critica nonché di analisi formale e contenutistica.

14 SCHEDE DI RESTAURO Le schede redatte per una attività di restauro devono contenere tutte quelle informazioni necessarie a intervenire in maniera adeguata sul bene. In genere devono contenere informazioni dettagliate sullo stato di conservazione, su eventuali danni o lacune del bene.

15 SCHEDE DI VALUTAZIONE Le schede di valutazione vengono redatte per esigenze economiche, quali possono essere quelle di una casa d asta. In genere queste schede devono contenere, oltre a elementi storicocritici, elementi che consentano di ricavare il valore economico del bene schedato.

16 VOCI ESSENZIALI Indipendentemente dall uso o finalità, ogni scheda di catalogazione deve contenere alcune voci essenziali. Questa voci servono ad individuare in maniera univoca il bene oggetto di catalogazione. Le indicazioni successive sono fornite principalmente per le opere d arte, che sono solo una parte dei beni culturali che uno Stato ha l obbligo di tutelare.

17 VOCI ESSENZIALI Le principali voci sono: 1. Tipologia del bene 2. Caratteristiche fisiche 3. Autore 4. Datazione 5. Collocazione 6. Condizione giuridica 7. Stato di conservazione 8. Notizie storiche

18 1. Tipologia del bene Nella prima voce va indicato, nella maniera più chiara possibile, che tipo di bene si sta schedando. Vanno in genere utilizzate le voci che sono correntemente usate dalla letteratura artistica. L ICCD ha redatto un vocabolario controllato per la corretta redazione di questa voce.

19 2. Caratteristiche fisiche In questo campo vanno inserite le caratteristiche riguardo a: Materiali usati Tecniche di realizzazione Misure

20 3. Autore Se l opera ha un autore certo, questo va indicato secondo le seguenti indicazioni: Nome, cognome, eventuale soprannome e, tra parentesi, il periodo in cui è vissuto o è stato attivo. Esempio: Sandro di Filipepi detto il Botticelli ( ) Michelangelo Merisi detto Caravaggio ( )

21 3. Autore Se non si conoscono le date esatte possono ricorrere i seguenti casi: (morto il 1510) se si conosce solo la data di morte (attivo tra il 1490 e il 1508) se si conoscono le date della prima e ultima opera attribuibile (attivo intorno alla metà del XV secolo) se si ha una conoscenza approssimativa del periodo (vissuto nella seconda metà del XV secolo) in maniera analoga a quanto detto prima

22 3. Autore Se non si conosce il nome il campo autore va comunque compilato. In questo caso l autore viene convenzionalmente indicato facendo riferimento a: Area geografica Periodo storico Personalità artistica

23 3. Autore Le locuzioni più tipiche sono di questo genere: Pittore siciliano del XVIII secolo Scultore veneto del XIII secolo Seguace di Giotto del XIV secolo Bottega del Vivarini del XV secolo Pittore caravaggesco del XVII secolo Allievo di Simone Martini del XIV secolo

24 3. Autore Ovviamente per poter dare una definizione nel campo autore, quando manchi un riferimento certo, bisogna ricorrere alle proprie conoscenze per poter dire, in base al confronto con opere note e stilisticamente paragonabili, quale area geografica o periodo sia riferibile all ignoto autore dell opera.

25 4. Datazione Per la datazione di un opera si possono dare due casi principali: 1. Le date di esecuzione sono note, e vanno quindi riportate in cifre arabe 2. Le date di esecuzione non sono note, e in questo caso va riportato, in numeri romani, il periodo storico di probabile realizzazione dell opera.

26 4. Datazione Quando le date sono certe, perché scritte sull opera o dedotte da documenti, vanno riportate in uno dei modi seguenti: 1494 (se la data di esecuzione ricade in un solo anno) (indicano il periodo compreso tra l inizio e la fine della realizzazione) Intorno al 1535 (se si conosce un anno approssimativo, ma non le date esatte di inizio e fine dell esecuzione) Dopo il 1378 (se si conosce il termine post quem della vita dell opera) Prima del 1451 (se si conosce il termine ante quem della cita di un opera)

27 4. Datazione Quando le date non sono certe, deve essere il catalogatore a dare una datazione approssimativa dell opera in base alle sue conoscenze: Si adottano per convenzione degli intervalli che indicano un secolo o frazioni di esso. Se si dà la data XVI secolo, si vuol dire che l opera è stata realizzata in un periodo compreso tra il 1501 e il Si tratta per la verità di un intervallo eccessivamente lungo, per cui si tende ad essere più precisi indicando periodi più ristretti.

28 4. Datazione Di seguito si danno alcuni esempi di datazione: Prima [seconda] metà del XVI secolo (tra il 1501 e il 1550) Primo [secondo, terzo, quarto] quarto del XVI secolo (tra il 1501 e il 1525) Secondo [terzo, quarto, ecc.] decennio del XVI secolo (tra il 1511 e il 1520) Metà del XVI secolo (all incirca intorno al 1550) Inizi del XVI secolo (come dire primo decennio del XVI secolo) Fine del XVI secolo (come dire ultimo decennio del XVI secolo).

29 5. Collocazione La voce collocazione serve a stabilire, in maniera univoca, il luogo dove è conservato il bene oggetto di catalogazione. La collocazione va indicata in base alle normali regole toponomastiche (nome della via, numero civico, città, provincia, regione) Va sempre specificando il nome della istituzione, pubblica o privata (museo, fondazione, istituto di cultura o altro), in cui il bene è conservato.

30 6. Condizione giuridica In questa voce va indicata la proprietà del bene oggetto di catalogazione, nonché tutte le altre notizie riguardo eventuali vincoli, diritti d uso o quant altro di natura giuridica.

31 7. Stato di conservazione Bisogna indicare in questa voce in che condizione, al presente, si trova il bene. In sintesi si useranno aggettivi quali, ottimo, buono, discreto, mediocre ecc. Nel caso di parti mancanti, lacune o guasti evidenti, queste vanno sempre segnalate in maniera dettagliata.

32 8. Notizie storiche In questa voce vanno fornite tutte le notizie storiche riguardanti il bene, quali notizie sulla committenza, collocazioni originarie, successivi passaggi di proprietà, eventuali restauri precedenti, esposizioni in mostre, saggi di studio editi o inediti.

Lo stato dell arte del catalogo

Lo stato dell arte del catalogo Lo stato dell arte del catalogo Argomenti Il Catalogo nel mondo Il Catalogo in Italia Perché il Catalogo del patrimonio Quale patrimonio? Il patrimonio culturale si può suddividere in due categorie: beni

Dettagli

Affidamento di realizzazione di software per importo non superiore a 115.000 Euro con procedura di presentazione di offerte

Affidamento di realizzazione di software per importo non superiore a 115.000 Euro con procedura di presentazione di offerte FONDAZIONE CRUI PER LE UNIVERSITÀ ITALIANE Affidamento di realizzazione di software per importo non superiore a 115.000 Euro con procedura di presentazione di offerte Premesse La CRUI ha sottoscritto con

Dettagli

OPEN SIRPAC Il processo di integrazione tra SIRPAC CULTURAITALIA - EUROPEANA

OPEN SIRPAC Il processo di integrazione tra SIRPAC CULTURAITALIA - EUROPEANA OPEN SIRPAC Il processo di integrazione tra SIRPAC CULTURAITALIA - EUROPEANA Roma, 18 Marzo 2012 Carla Alfonsi P.O. Coordinamento sistema informativo ed informatico del servizio Franco Scoppolini Project

Dettagli

Il ruolo dell ICCD nella diffusione dei modelli descrittivi del patrimonio archeologico

Il ruolo dell ICCD nella diffusione dei modelli descrittivi del patrimonio archeologico Pensare in rete, pensare la rete per la ricerca, la tutela e la valorizzazione del patrimonio archeologico Roma, 14 ottobre 2015 Il ruolo dell ICCD nella diffusione dei modelli descrittivi del patrimonio

Dettagli

COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI?

COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI? COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE ESIGENZA DI CONSERVARE E VALORIZZARE LE PRESENTI

Dettagli

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante Storia della Catalogazione in Italia Prof. Francesco Morante Origini della catalogazione Le prime disposizioni legislative legate alla catalogazione dei beni culturali sorgono per la necessità di limitare

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

FOPPA IN PISTA. MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione

FOPPA IN PISTA. MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione FOPPA IN PISTA La seconda fase del progetto si è concentrata sull evoluzione dei metodi di catalogazione dei beni culturali di interesse archeologico, storico-artistico ed ambientale, che consentono la

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

OPERE D ARTE E DI ANTIQUARIATO

OPERE D ARTE E DI ANTIQUARIATO OPERE D ARTE E DI ANTIQUARIATO L Unione Europea ha disciplinato l esportazione di beni culturali con Regolamento (CE) 3911/92 del 9 dicembre 1992, già modificato con Regg.ti (CE) n. 2469/96, n. 974/2001

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

Modulo 1 - Richiesta

Modulo 1 - Richiesta Modulo 1 - Richiesta Alla Soprintendenza speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei Oggetto: Richiesta di iscrizione all elenco di (Società / Cooperative / Studi di professionisti / Collaboratori

Dettagli

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio 1 Il Sistema Informativo Territoriale della Carta del Rischio. Gisella Capponi, Direttore dell Istituto Superiore per la Conservazione ed il

Dettagli

SICAPweb. software di catalogazione partecipata Web-based. schede secondo lo standard ICCD

SICAPweb. software di catalogazione partecipata Web-based. schede secondo lo standard ICCD SICAPweb software di catalogazione partecipata Web-based schede secondo lo standard ICCD Copyright by CG Soluzioni Informatiche UDINE MOD-ST: 019-2 - Pag. 1 Caratteristiche dell applicazione software WEB

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

LOCALIZZAZIONE DELLA RACCOLTA:

LOCALIZZAZIONE DELLA RACCOLTA: MODELLO SCHEDA (da inviare o compilare sul campo) - I campi evidenziati indicano i dati fondamentali per la compilazione della scheda OAC - LOCALIZZAZIONE DELLA RACCOLTA: Denominazione della raccolta (oppure

Dettagli

Il progetto di informatizzazione dell archivio dell ICR

Il progetto di informatizzazione dell archivio dell ICR Pisa, 4 ottobre 2007 Caterina Pileggi Il progetto di informatizzazione dell archivio dell ICR Riordino, catalogazione e digitalizzazione degli archivi fotografici e per la documentazione dei restauri dell

Dettagli

Decreto Legislativo 2004 n. 42 MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Compito istituzionale TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE ITALIANO CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

MUSEOLOGIA. Prof. Francesco Morante

MUSEOLOGIA. Prof. Francesco Morante MUSEOLOGIA Prof. Francesco Morante I.C.O.M. International Council of Museum Organizzazione internazionale non governativa che ha sede presso l UNESCO. Fondata nel 1948, coordina le attività museali in

Dettagli

Estratto. Manuale Utente

Estratto. Manuale Utente Estratto Manuale Utente Versione 3.0 del 21 novembre 2013 1 INTRODUZIONE - Accesso al Portale Ares 1.1 HOMEPAGE ARES è il portale per il Sistema informativo dell Archivio fotografico e per la documentazione

Dettagli

Istituto centrale per il catalogo e la documentazione INDAGINE SULLA PRODUZIONE E SUI PREZZI DELLA CATALOGAZIONE IN ITALIA

Istituto centrale per il catalogo e la documentazione INDAGINE SULLA PRODUZIONE E SUI PREZZI DELLA CATALOGAZIONE IN ITALIA MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Istituto centrale per il catalogo e la documentazione INDAGINE SULLA PRODUZIONE E SUI PREZZI DELLA CATALOGAZIONE IN ITALIA Roma 2011 MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino

La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino Progetto Pierangelo Cavanna, Cristina Mossetti (dir. Villa della Regina), Elena

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

MuseiDItalia METS Profile

MuseiDItalia METS Profile MuseiDItaliaMETSProfile Version1.0 Title/Titolo MuseiDItaliaMETSProfile ProfiloMETSMuseiDItalia Creator/Creatore MariaEmiliaMasci(ScuolaNormaleSuperiorediPisa) Date/Data 2010 07 12 Subject/Soggetto METSProfile

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO Regione Autonoma della Sardegna Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO DIRETTIVE SCIENTIFICHE PER IL TRIENNIO 2006/2008 E PROGRAMMA ANNUALE DI ATTIVITÀ 2006 Direttive scientifiche

Dettagli

Aristos ARchivio Informatico per la Storia della Tutela e degli Oggetti Storico - artistici

Aristos ARchivio Informatico per la Storia della Tutela e degli Oggetti Storico - artistici Aristos ARchivio Informatico per la Storia della Tutela e degli Oggetti Storico - artistici Che cos è Aristos? Banca dati online per la storia del restauro Quali obiettivi si pone Aristos? raccolta e restituzione

Dettagli

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo LINEE GUIDA per la catalogazione dei beni culturali immateriali e per gli inventari del patrimonio culturale immateriale Premessa La distinzione fra catalogazione dei beni culturali immateriali e inventari

Dettagli

Incarico n. 2 - Progetto «Archivi fotografici e sito istituzionale»

Incarico n. 2 - Progetto «Archivi fotografici e sito istituzionale» Allegato al decreto n. 1815/CULT. del 25 giugno 2014 Avviso di selezione tramite procedura comparativa per l affidamento di n. 4 incarichi professionali nel settore della catalogazione e della documentazione

Dettagli

Lucio COLIZZI. Interoperabilità tra applicazioni software: proposta di uno standard

Lucio COLIZZI. Interoperabilità tra applicazioni software: proposta di uno standard Lucio COLIZZI Interoperabilità tra applicazioni software: proposta di uno standard Il gruppo di lavoro Standard ed Interoperabilità BBCC: Standard di Catalogazione VS Standard per l interoperabilità BBCC:

Dettagli

CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI

CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5.

Dettagli

WORKSHOP QUALE VIAPER UNA MIGLIORE QUALITA DELLE ANALISI E DELLE VALUTAZIONI AMBIENTALI? CRITICITA, METODI, STRUMENTI

WORKSHOP QUALE VIAPER UNA MIGLIORE QUALITA DELLE ANALISI E DELLE VALUTAZIONI AMBIENTALI? CRITICITA, METODI, STRUMENTI QUALE VIAPER UNA MIGLIORE QUALITA DELLE ANALISI E DELLE VALUTAZIONI AMBIENTALI? QUALE VIAPER UNA MIGLIORE QUALITA DELLE ANALISI E DELLE VALUTAZIONI AMBIENTALI? Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Dettagli

SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE

SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO

ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO 1. Immagine di pura inventiva creata per l occasione. Un immagine nuova può essere utilizzata dall autore salvo che l opera

Dettagli

Beni culturali: conservazione, valorizzazione e fruizione. Adriana Chirco

Beni culturali: conservazione, valorizzazione e fruizione. Adriana Chirco Progetto nazionale 2014-15 Scuola, cittadinanza, sostenibilità Le pietre e i cittadini Corso di aggiornamento per docenti sezione di Palermo Territorio e Museo - il caso Favorita Beni culturali: conservazione,

Dettagli

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI Il Direttore dei Musei Vaticani in cantiere L ufficio di Sovrintendenza ai Beni Architettonici, istituito con il regolamento promulgato dal Cardinale Governatore

Dettagli

parte terza corsi di laurea

parte terza corsi di laurea parte terza corsi di laurea CORSO DI LAUREA IN CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (CLASSE 13) Presidente: Sergio Marinelli Dipartimento di Storia delle arti e conservazione dei beni artistici G. Mazzariol

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO. Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO. Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO Via Libertà, 17 Osio Sotto e-mail icosiosotto@alice.it Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO APPROVATO NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO DEL 20/6/2008

Dettagli

Guida per l inserimento dei dati delle collezioni museali nel portale ANMS-Coll Map.

Guida per l inserimento dei dati delle collezioni museali nel portale ANMS-Coll Map. Guida per l inserimento dei dati delle collezioni museali nel portale ANMS-Coll Map. A cura di Vincenzo Vomero e Stefano Martellos Questa guida ha lo scopo di fornire un primo aiuto per una più rapida

Dettagli

8.4.2004 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 104/59 Note esplicative 1. Regole generali 1.1. Il regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio, del 9 dicembre 1992, contempla il rilascio dell'autorizzazione

Dettagli

Disposizioni tecniche sulla installazione di camini, canne fumarie, comignoli e sistemi di evacuazione fumi e vapori

Disposizioni tecniche sulla installazione di camini, canne fumarie, comignoli e sistemi di evacuazione fumi e vapori Disposizioni tecniche sulla installazione di camini, canne fumarie, comignoli e sistemi di evacuazione fumi e vapori Definizioni: Ai fini delle presenti disposizioni tecniche ed in conformità a quanto

Dettagli

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici Appalti Pubblici La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici L articolo analizza nel dettaglio, per gli appalti di lavori pubblici stipulati a corpo, le modalità per la contabilizzazione

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

ANALISI DEI PROFILI PROFESSIONALI DEI RESTAURATORI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE

ANALISI DEI PROFILI PROFESSIONALI DEI RESTAURATORI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE ANALISI DEI PROFILI PROFESSIONALI DEI RESTAURATORI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE PREMESSO che - l art.29 del codice dei beni culturali recita: nel comma 6 6. Fermo quanto disposto dalla normativa in materia

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. simona_8618@hotmail.it. Nome e indirizzo del datore di lavoro. Nome e indirizzo del datore di lavoro

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. simona_8618@hotmail.it. Nome e indirizzo del datore di lavoro. Nome e indirizzo del datore di lavoro F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FUSCÀ SIMONA Indirizzo VIA VITTORIO PUGLIESE, 12 Telefono 0961 72 26 96 389 166 28 35 E-mail simona_8618@hotmail.it Nazionalità

Dettagli

Appunti di restauro. Francesco Morante

Appunti di restauro. Francesco Morante Appunti di restauro Francesco Morante Definizioni Nel passato il termine RESTAURO indicava le operazioni necessarie a riportare un opera alle sue condizioni iniziali, se queste erano state compromesse

Dettagli

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI TELEFONO 0744/710119-710723 - FAX 0744/710159 - E-MAIL: COMUNECALVI@TISCALINET.IT ART. 1 Il Comune di Calvi dell Umbria, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Salerno e Avellino Via Trotula de Ruggiero, 6/7-84121 Salerno tel. +39 089 5647201/2/3 - fax +39 089

Dettagli

IpsiaRenzoFrauSarnano

IpsiaRenzoFrauSarnano IpsiaRenzoFrauSarnano sede di SanGinesio ProgettoRestauro di Altare ligneo dorato Museo Pinacoteca Scipione Gentili San Ginesio (MC) Altare ligneo dorato XXVII secolo Intervento di restauro classe V IPSIA

Dettagli

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI Protocollo d intesa con il Comune di Milano SUMMER SCHOOL 2015 CORSI SETTIMANALI 1-27 giugno 6-18 luglio 24 agosto-5 settembre 9.00-12.00 / 13.00-17.00 TOcCARE CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO

Dettagli

TECNICO DELLA CATALOGAZIONE, VALORIZZAZIONE, MONITORAGGIO E CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE

TECNICO DELLA CATALOGAZIONE, VALORIZZAZIONE, MONITORAGGIO E CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE TECNICO DELLA CATALOGAZIONE, VALORIZZAZIONE, MONITORAGGIO E CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DESCRIZIONE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CON QUALIFICA REGIONALE RICONOSCIUTA A LIVELLO EUROPEO L

Dettagli

REGOLAMENTO N. 5 DEL 18 dicembre 2006 IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

REGOLAMENTO N. 5 DEL 18 dicembre 2006 IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 5 DEL 18 dicembre 2006 IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l art. 121, 4 comma della Costituzione; Visto lo Statuto della Regione Campania; Vista l approvazione del regolamento da

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Nome: Fissore Christiana

CURRICULUM VITAE. Nome: Fissore Christiana CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Nome: Fissore Christiana Data di nascita: 14/05/1970 Incarico attuale: Direttore,conservatore,responsabile per la progettazione e organizzazione delle attività didattiche

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) ASL CN2 Alba-Bra Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre Pre.S.A.L.) TITOLO IV D.L.gs 81/08

Dettagli

www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni

www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni il progetto La città di Mantova custodisce nei suoi

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico. Decreta:

IL DIRETTORE GENERALE per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico. Decreta: Decreto del Ministero per i beni e le attività culturali 27 settembre 2006 Criteri e modalità per la verifica dell interesse culturale dei beni mobili appartenenti allo Stato, alle regioni, agli altri

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

All. A. Regolamento della Classe Unificata L 1 Classe delle lauree in Beni culturali e LM 89 Classe delle lauree magistrali in Storia dell arte

All. A. Regolamento della Classe Unificata L 1 Classe delle lauree in Beni culturali e LM 89 Classe delle lauree magistrali in Storia dell arte All. A Regolamento della Classe Unificata L 1 Classe delle lauree in Beni culturali e LM 89 Classe delle lauree magistrali in Storia dell arte CLASSE L 1 BENI CULTURALI Corso di laurea triennale in: Conservazione

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI ALLEGATO A

DIPARTIMENTO PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI ALLEGATO A ALLEGATO A al decreto ministeriale recante Criteri e modalità per la verifica dell interesse culturale dei beni immobili di proprietà delle persone giuridiche private senza fine di lucro, ai sensi dell

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore Premessa Il Museo Palazzo Corte Metto (ex Museo della Flora, Fauna e Mineralogia) farà parte della costituenda rete museale

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI CATALOGRAFICI E INFORMATICI RELATIVI AL SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DEL PATRIMONIO CULTURALE

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI CATALOGRAFICI E INFORMATICI RELATIVI AL SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DEL PATRIMONIO CULTURALE ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI CATALOGRAFICI E INFORMATICI RELATIVI AL SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO ASSISTENTE DI SCAVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

INDIRIZZO: AREA SCIENZE NATURALI

INDIRIZZO: AREA SCIENZE NATURALI INDIRIZZO: AREA SCIENZE NATURALI Classe di abilitazione: 13A Chimica e tecnologie chimiche - STORIA ED EPISTEMOLOGIA DELLA CHIMICA I - STORIA ED EPISTEMOLOGIA DELLA CHIMICA II - DIDATTICA DELLA CHIMICA

Dettagli

PRIMO SIMPOSIO DI ARTE CONTEMPORANEA E LABORATORIO CEFALU CITTA' DEGLI ARTISTI' REGOLAMENTO

PRIMO SIMPOSIO DI ARTE CONTEMPORANEA E LABORATORIO CEFALU CITTA' DEGLI ARTISTI' REGOLAMENTO COMUNE di CEFALÙ PRIMO SIMPOSIO DI ARTE CONTEMPORANEA E LABORATORIO CEFALU CITTA' DEGLI ARTISTI' DESCRIZIONE REGOLAMENTO Il Comune di Cefalù indice il primo Simposio di arte (pittura, scultura, fotografia,

Dettagli

SUAP DEL COMUNE DI SALICE SALENTINO FAC - SIMILE

SUAP DEL COMUNE DI SALICE SALENTINO FAC - SIMILE Pratica N SUAP DEL COMUNE DI SALICE SALENTINO SEGNALA Subingresso in attività di vendita di cose usate, antiche o oggetti d'arte di pregio o preziose Procedimento SCIA per subingresso in attività di vendita

Dettagli

INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI

INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI QUESTIONARIO Nell'ambito del Dottorato in Scienze e Tecnologie per l'archeologia e i Beni Culturali dell Università

Dettagli

La sperimentazione della scheda BDI (Beni demoetnoantropologici immateriali)

La sperimentazione della scheda BDI (Beni demoetnoantropologici immateriali) Corsi formativi per catalogatori di beni culturali L.R. 2/1986. Anno 2007. Assegnazione di contributo ex DGR n.3555 del 13 novembre 2007 La sperimentazione della scheda BDI (Beni demoetnoantropologici

Dettagli

Luglio 2010 ( in corso di svolgimento) Regione Siciliana-Dipartimento dei Beni Culturali e dell I.S.-Palermo

Luglio 2010 ( in corso di svolgimento) Regione Siciliana-Dipartimento dei Beni Culturali e dell I.S.-Palermo FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Indirizzo Telefono E-mail Nazionalità Data di nascita Sesso Biondo Stefano italiana maschile ESPERIENZA LAVORATIVA Incarico attuale:

Dettagli

Ordinamento didattico del Corso di Laurea in Scienze dei beni culturali

Ordinamento didattico del Corso di Laurea in Scienze dei beni culturali Ordinamento didattico del Corso di Laurea in Scienze dei beni culturali Approvato nel Consiglio di Facoltà del 4 aprile 01 Il Corso di Laurea in Scienze dei beni culturali appartiene alla classe delle

Dettagli

PROGETTO MICHELANGELO

PROGETTO MICHELANGELO PROGETTO MICHELANGELO Premessa Il progetto nasce dall esigenza di ridefinire, in termini didatticamente e culturalmente innovativi, l intera esperienza formativa degli istituti secondari di istruzione

Dettagli

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Convegno Standard per i musei della Regione Piemonte GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Adriano Da Re Torino, 3 Dicembre 2007 Agenda La Fondazione Torino Musei

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

1 Esemplificazioni estratte dal documento di lavoro di mappatura tra metadati, formati bibliografici e standard

1 Esemplificazioni estratte dal documento di lavoro di mappatura tra metadati, formati bibliografici e standard Metadati Descrittivi Verso un modello di mappatura tra metadati, formati bibliografici e standard catalografici nei settori dei beni culturali Elementi title e type 1 1 Esemplificazioni estratte dal documento

Dettagli

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO PROPOSTA DI PROGETTO DIDATTICO Anno scolastico 2014/2015 VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO (PROPOSTA INTERATTIVA SCUOLA-TERRITORIO ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DIRETTA DEI MONUMENTI ) Discipline: Storia/Arte

Dettagli

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa Lezioni d'autore Raffaello, Autoritratto, olio su tavola, 1504-06,

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

L ANATOMIA NELL ARTE

L ANATOMIA NELL ARTE ERSU di Palermo Università degli Studi di Palermo L Istituto Euro- Mediterraneo di Scienza e Tecnologia (IEMEST), il Dipartimento di Biomedicina Sperimentale e Neuroscienze Cliniche (BIONEC) dell Università

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

Settore SCUOLA Tipo di impiego Docente di sostegno scuola secondaria di primo grado Nome e indirizzo del Istituto Comprensivo di Canegrate (MI).

Settore SCUOLA Tipo di impiego Docente di sostegno scuola secondaria di primo grado Nome e indirizzo del Istituto Comprensivo di Canegrate (MI). F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo VALERIA DI MARTINO VIA DISCEDE N 10, 84010 - Maiori (SA) Telefono 089 852501 Cellulare 349 3720349 E-mail valeriadimartino@hotmail.it

Dettagli

PROGRAMMA ASSOCIAZIONE AMICI

PROGRAMMA ASSOCIAZIONE AMICI PROGRAMMA ASSOCIAZIONE AMICI (In collegamento con il programma culturale dell'accademia Incontri in Accademia Visite a studi di noti Artisti, Architetti e Scultori Passeggiate Romane Gite Culturali 10

Dettagli

DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO Ufficio Beni Culturali

DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO Ufficio Beni Culturali DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO Ufficio Beni Culturali INDICAZIONI E DISPOSIZIONI SULLE PROCEDURE DA SEGUIRE PER INTERVENTI DI QUALSIASI NATURA SUI BENI CULTURALI IMMOBILI E MOBILI DI PROPRIETÀ

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 e-learning PER LA CATALOGAZIONE 1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 1.1 GLI OBIETTIVI 2 1.2 I PERCORSI DIDATTICI 2 1.3 I CONTENUTI: LA CATALOGAZIONE 3 1.4 I CONTENUTI: GLI STANDARD CATALOGRAFICI 3 1.5 I CONTENUTI:

Dettagli

EC0.3 BANDO DI PARTECIPAZIONE

EC0.3 BANDO DI PARTECIPAZIONE CARAVAGGIO CONTEMPORANEA CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI CARAVAGGIO EC0.3 BANDO DI PARTECIPAZIONE PRESENTAZIONE Il Gruppo Caravaggio Contemporanea, si fa nuovamente promotore di EC0.3, evento culturale

Dettagli

La tutela delle stampe e della grafica tra multipli di tipo librario, documentario artistico. Ornella Foglieni

La tutela delle stampe e della grafica tra multipli di tipo librario, documentario artistico. Ornella Foglieni Le stampe antiche e la grafica moderna:tra valori di prodotti culturali e il valore di mercato Milano 4 ottobre 2012 Biblioteca Trivulziana - Raccolta Stampe A. Bertarelli La tutela delle stampe e della

Dettagli

4 CONCORSO NAZIONALE CITTA di MARSALA IMMAGINARE IL PASSATO ATTRAVERSO I MONUMENTI ARCHEOLOGICI

4 CONCORSO NAZIONALE CITTA di MARSALA IMMAGINARE IL PASSATO ATTRAVERSO I MONUMENTI ARCHEOLOGICI Città di Marsala A.N.D.O.S Comitato di Marsala 4 CONCORSO NAZIONALE CITTA di MARSALA IMMAGINARE IL PASSATO ATTRAVERSO I MONUMENTI ARCHEOLOGICI - - DECUMANO MASSIMO LILIBEO Il Comune di Marsala, l A.N.D.O.S.

Dettagli

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n.

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. 42/1997) 1) le domande di iscrizione all Albo degli Istituti culturali della

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 10 MARZO 2014

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 10 MARZO 2014 LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 10 MARZO 2014 VALORIZZAZIONE DEI LOCALI, DEI NEGOZI, DELLE BOTTEGHE D ARTE E DEGLI ANTICHI MESTIERI A RILEVANZA STORICA E DELLE IMPRESE STORICHE ULTRACENTENARIE IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi PREMESSA La Biblioteca del museo del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali si configura

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI N. 5 BORSE DI STUDIO PER STUDENTI UNIVERSITARI FINALIZZATE ALL ACQUISIZIONE DI ELEMENTI E DI TECNICHE UTILI PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DI BENI CULTURALI

Dettagli

CURRICULUM VITAE. STEFANO MEO Architetto. A. DATI PERSONALI A.1 dati anagrafici A.2 titolo di studio A.3 formazione accademica

CURRICULUM VITAE. STEFANO MEO Architetto. A. DATI PERSONALI A.1 dati anagrafici A.2 titolo di studio A.3 formazione accademica STEFANO MEO Architetto CURRICULUM VITAE A. DATI PERSONALI A.1 dati anagrafici A.2 titolo di studio A.3 formazione accademica B. TITOLI SPECIFICI B.1 formazione professionale B.2 profilo professionale A.

Dettagli

Primo Festival Internazionale del Mosaico Contemporaneo RavennaMosaico TERZA EDIZIONE Ravenna, 12 ottobre 23 novembre 2013

Primo Festival Internazionale del Mosaico Contemporaneo RavennaMosaico TERZA EDIZIONE Ravenna, 12 ottobre 23 novembre 2013 Primo Festival Internazionale del Mosaico Contemporaneo RavennaMosaico TERZA EDIZIONE Ravenna, 12 ottobre 23 novembre 2013 Ravenna, 13 novembre 2012 Ai soci in indirizzo Il Comune di Ravenna e l Associazione

Dettagli

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO PER STUDENTI UNIVERSITARI FINALIZZATE ALL ACQUISIZIONE DI ELEMENTI E DI TECNICHE UTILI PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DI BENI CULTURALI (E PER

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato. ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA PASUBIO Via Pasubio 171 36078 Valdagno (VI) Tel. 0445-410428 Fax 0445-426014 Codice Fiacale: 94006060241 Codice Ministeriale: VIIC82800V Indirizzi e-mail: viic82800v@istruzione.it;

Dettagli

IMMAGINI DIGITALI 2D-3D E ICT

IMMAGINI DIGITALI 2D-3D E ICT IMMAGINI DIGITALI 2D-3D E ICT Prof. Vito Cappellini Presidente Centro di Eccellenza per la Comunicazione e l Integrazione dei Media vito.cappellini@unifi.it Le tecnologie ICT sono già fondamentali ed ancor

Dettagli