Più accessibilità, organizzazione ed efficienza nell agenda del Porto dei prossimi anni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Più accessibilità, organizzazione ed efficienza nell agenda del Porto dei prossimi anni"

Transcript

1 Più investimenti infra/info strutturali: la strategia - Venezia Più accessibilità, organizzazione ed efficienza nell agenda del Porto dei prossimi anni Sommario pag. 3 Tutti i lavori del Porto: un nuovo Osservatorio su imprese e occupati pag. 5 Legge di stabilità: l Italia crede nell Alto Adriatico pag. 6 / 7 Offshore e MoSE1-2: crescita e salvaguardia economica e ambientale Newsletter mensile online dell Autorità Portuale di Venezia e di APV Investimenti S.p.A. Autorità Portuale di Venezia Fabbricato 13 Santa Marta, Venezia Tel Fax di Paolo Costa* Una strategia di sviluppo di un porto dalle prospettive e dalle funzioni internazionali - qual è il Porto di Venezia - deve essere obbligatoriamente ambiziosa. Deve esserlo se vuole mantenere fede alla sua tradizione e fare ancora una volta delle attività marittime e portuali una risorsa indispensabile per lo sviluppo del Veneto, del Nordest, dell Italia e dell Europa. Ma una strategia di sviluppo deve poter contare su basi solide su cui poggiare per potersi reggere. Da qui l impegno Direttore editoriale PAOLO COSTA Direttore responsabile FABIO TAMBURINI Redazione Gruppo Il Sole 24 Ore Via Monte Rosa 91, Milano Tel Fax profuso negli scorsi anni e che dovremo continuare a profondere per consolidare la portualità veneziana quale asset strategico a servizio del Veneto e del Nordest. Un impegno che ha consentito al porto di Venezia, sotto il profilo dei traffici e sotto il profilo occupazionale, di resistere alla pressione della crisi. Nel 2012 i traffici merci complessivi del porto di Venezia hanno fatto registrare una sostanziale tenuta con una flessione moderata pari al solo 3.7% e, nell ambito più strettamente portuale, le ricompo- continua a pagina 2 Consulente editoriale: Antonio Quaglio Progetto Grafico Davide Mazzucchi - Immagini: Archivio Autorità Portuale di Venezia, G. Arici, C.A. Campione/ Develon, M. Rizzo Raccolta pubblicitaria: Direzione Pubblicità APV Investimenti S.p.A., Fabbricato 16 Santa Marta, Venezia

2 2 segue da pagina 1 Editoriale sizioni occupazionali hanno comportato difficoltà temporanee per poche decine di unità lavorative, Un risultato ottenuto anche in virtù degli investimenti effettuati in questi anni che hanno favorito la tenuta dei traffici commerciali e delle attivita industriali. Il raggiungimento di fondali a 12 metri e la raggiunta accessibilità notturna al porto di Venezia anche per navi fino a 300 metri di lunghezza; l adeguamento funzionale di via dell Azoto, che permettera a breve l uso di sei corsie e, soprattutto, consentirà l installazione del nuovo varco doganale informatizzato del porto commerciale di Marghera, dal quale ci si aspetta un aumento della sicurezza della circolazione stradale ed un abbattimento dei tempi d attesa in ingresso; l ampliamento e l ammodernamento del parco ferroviario di Marghera che porterà la capacità ferroviaria del porto ad oltre 50 treni/giorno; il potenziamento della portata delle banchine Piemonte e Veneto sono tutti esempi - non esaustivi - di un lavoro molto più rilevante condotto per migliorare l accessibilità nautica, stradale e ferroviaria, per efficientare le operazioni portuali e per fornire banchine, piazzali, terminal/magazzini adeguati alle esigenze di un porto competitivo a livello nazionale ed internazionale. In questo senso, nei prossimi anni, l Autorità Portuale porterà avanti almeno 4 interventi strategici. Il primo è certamente la messa in esercizio, a partire dal 2014, del Terminal delle Autostrade del mare in località Fusina. Il progetto prevede 2 darsene con 4 banchine capaci di ospitare contemporaneamente 4 traghetti per il trasporto di camion o i loro rimorchi (Ro-Ro) ed anche di auto e passeggeri (Ro-Pax). Alle spalle delle darsene troverà spazio una piattaforma logistica dotata di infrastrutture viarie e ferroviarie e di nuovi fabbricati, magazzini, piazzali portuali e parcheggi per un area complessiva di 36 ettari. Il secondo riguarda lo spostamento della Zona Franca del Porto di Venezia. Previsto al principio a San Basilio, e spostato negli anni 90 presso l isola portuale di Marghera, il punto franco si colloca oggi all interno di un Terminal Portuale in area Molo Sali e quindi in una zona non utilizzabile per i traffici degli altri Terminal portuali, oltre ad insistere, in termini di delimitazione geografica, su un area in cui oggi è presente un magazzino dedicato a prodotti cerealicoli. All impraticabilità dell accesso al punto franco si porrà rimedio spostandolo in un area facilmente raggiungibile da tutti adiacente al Varco di Via del Commercio e ricompresa nella cinta doganale: e questo potra favorire i traffici con i Paesi extraeuropei del Mediterraneo. Il terzo punta all evoluzione dei corridoi logistici in corridoi doganali. Oggi le merci devono essere sdoganate in porto per poi proseguire verso i punti di destinazione o smistamento, come gli interporti. Una integrazione dei sistemi informatici e tecnologici con lo sviluppo dell interoperabilità e dello scambio di dati tra il sistema delle Dogane e i sistemi informativi della Capitaneria di Porto nonché degli altri operatori logistici permetterà di velocizzare i processi anche attraverso l espletamento in loco delle pratiche di esportazione ed importazione per i contenitori provenienti/destinati al porto di Venezia. In sostanziale tenuta il traffico 2012: nel nuovo anno attesi risultati dagli sforzi strategici a Porto Marghera, nelle strutture di grande accesso nelle migliorie a Banchine e parco ferroviario La quarta, strettamente correlata con la terza, è fare del Porto di Venezia un Venice smart port con l introduzione a Porto Marghera della banda larga e ultra larga. Favorire investimenti per aumentare la diffusione della banda larga in area portuale significa infatti non solo agevolare insediamenti di nuovi soggetti economici ma anche e soprattutto, implementare la competitività del porto. La maggiore disponibilità di connessioni a banda larga consentirà una raccolta di dati in tempo reale e la loro comunicazione immediata agli utenti, con effetti positivi sulla capacità di controllare i flussi di traffico. In particolare, in una realtà come il porto commerciale, la diffusione della banda larga andrebbe ad alleggerire la viabilità e, in previsione dell aumento dei traffici, migliorare la qualità dei servizi offerti. Inoltre consentirebbe una maggior facilità nell eseguire i controlli di safety, security ed ambientali, parametri essenziali sui quali viene misurato oggi un porto moderno. Quattro azioni da portare avanti in continuità con un necessario recupero della rilevanza nazionale ed internazionale del porto di Venezia possibile solo con il supporto delle istituzioni nazionali e locali oltre che degli operatori. *Presidente Autorità Portuale di Venezia

3 3 Focus Tutti i lavori del porto non solo in banchina Un Osservatorio analizzerà i trend occupazionali: si parte da addetti e imprese Sono le imprese e gli occupati connessi al Porto di Venezia. È quanto emerge dall incontro con la stampa tenuto da Paolo Costa, Presidente dell Autorità Portuale e Antonio Paruzzolo, Assessore alle attività Produttive del Comune. La rilevazione dei dati, conclusa il 31 ottobre 2012, intende misurare la dimensione del porto all interno del sistema economico locale, attraverso la definizione del parametro occupazionale. L elaborazione dei dati si basa su due criteri: uno geografico ed uno funzionale. Il primo individua tutte le imprese che si situano in ambito portuale Marghera e Marittima mentre il secondo le classifica in base alle attività svolte e al loro rapporto con la funzione portuale. Dai dati risulta evidente l evoluzione occupazionale che ha interessato l area di Porto Marghera in cui si assiste ad una progressiva diminuzione delle lavorazioni industriali, compensata in parte da un aumento dei traffici commerciali. continua a pagina 4

4 4 Focus DUE CRITERI PER UNA MATRICE La classificazione delle imprese e degli occupati è stata fatta sulla base di due criteri simultanei. Il primo criterio della matrice ha inserito imprese e istituzioni che sono operativamente o funzionalmente collegate al porto. La prima suddivisione fatta è stata tra imprese strettamente collegate al porto e alle attività portuali e imprese operanti in altre attività produttive e istituzioni. Le prime sono le imprese che svolgono attività e servizi che dipendono dall esistenza del porto e dalla sua operatività, e che quindi forniscono i loro servizi nelle varie fasi in cui la nave e la merce si trovano all interno del porto. Le seconde sono imprese che, a vario titolo, sono collegate ad attività portuali o che lo sono state nel passato e quelle che non sono invece legate alle attività dello scalo, oltre alle istituzioni. Il secondo criterio adottato per definire l ambito d indagine è stato quello geografico/territoriale. La prima suddivisione è stata tra imprese operanti all interno dell ambito portuale (Marghera o Marittima), o fuoti da esso (Centro Storico, Venezia - terraferma, provincia di Venezia, Veneto, Italia, estero) segue da pagina 3 A porto Marghera infatti ci sono occupati in attività portuali, in attività industriali che fanno uso delle banchine, occupati in attività industriali senza uso di banchine e occupati in attività non esclusivamente collegate alla portualità. A questi si aggiungono occupati in attività portuali che lavorano in sedi al di fuori dell ambito portuale (Comune e Provincia di Venezia, Regione Veneto ed Italia). In Marittima si contano occupati in attività portuali, frutto della specializzazione funzionale dei traffici che ha eliminato da quest area tutte le attività industriali. L impronta occupazionale del porto di Venezia verrà aggiornata ogni tre mesi. I prossimi passi riguarderanno una valutazione dell impatto economico delle attività portuali nell economia veneziana. Un lavoro che è il frutto della stretta collaborazione con il Comune di Venezia ma anche con l Ente Zona, Veneto Lavoro e Cfli.

5 5 Strategie Se i nuovi obiettivi infrastrutturali non cancellano quelli vecchi è evidente che tutti gli obiettivi di oggi e di ieri vanno messi sulla stessa linea di partenza e prioritarizzati secondo le nuove esigenze. E se, come sembra evidente, la crescita è una priorità, e le esportazioni la prima via per sostenerla in Italia, è altrettanto evidente che oggi dovremmo puntare per tempo su ciò che ci può mettere meglio in contatto con i ricchi mercati di domani. Non è un dettaglio il fatto che molto, molto, si giochi a Nord Est. La sproporzione tra gli obiettivi prioritari che dovrebbero essere soddisfatti a Nord Est per il bene dell Italia (la Verona-Brennero sul Corridoio Helsinki-Valletta, la Verona-Venezia-Trieste- Divaccia e il canale Milano-Venezia sul Corridoio Mediterraneo, la Tarvisio-Udine-Trieste e Udine-Venezia-Bologna-Ravenna sul Corridoio Baltico-Adriatico; più i porti della rete essenziale: Trieste, Venezia e Ravenna) e l ipotesi di raggiungere solo Venezia con la TAV nel 2019 misura tutto il ritardo della nostra risposta alle priorità TEN-T europee. Eppur qualcosa si muove. Con l assegnazione di 100 milioni di euro assicurata a fine dicembre 2012 dalla Legge di stabilità per l avvio dei lavori di realizzazione della piattaforma d altura di Venezia lo Stato si impegna a mitigare gli effetti negativi per la portualità veneziana derivanti dall entrata in funzione del sistema MoSE. Il finanziamento contenuto nella Legge di Stabilità testimonia la maturità e la bontà del progetto. Dopo i euro di cofinanziamento erogati dalla Commissione europea per completare gli studi propedeutici alla strategia di sviluppo del Porto di Venezia, i 100 milioni di euro sanciscono infatti la piena volontà dell Italia di potenziare adeguatamente, secondo le indicazioni europee fornite dalla revisione della rete TEN-T, il sistema multi portuale alto alto Adriatico (Ravenna, Trieste e Venezia). La realizzazione del progetto prevede l impiego di risorse private tramite schemi di PPP. La legge di stabilità: l Italia crede a forti dinamiche di sviluppo nel quadrante dell Alto Adriatico Il finanziamento della piattaforma d altura nuova tappa fondamentale del forte impegno italiano

6 6 Strategie Offshore e MoSE-1: la lunga marcia della salvaguardia economica e ambientale Offshore e MoSE mirano entrambi alla salvaguardia (economica per il primo ed ambientale per il secondo) della città di Venezia. L operatività del sistema MoSE tuttavia rischia di pregiudicare l attività portuale limitando l accessibilità nautica. Per questo nel 2003 approvando il progetto definitivo del MoSE si è data una prescrizione vincolante di realizzare una struttura permanente di accesso al porto così da non far pagare al porto costi evitabili. La soluzione era stata trovata in un adeguamento delle dimensioni della conca di navigazione alla bocca di Malamocco. Un intervento da almeno 700 milioni di euro e con il solo risultato di consentire di raggiungere il Porto di San Leonardo, molto a sud rispetto all attuale porto commerciale. Valutazioni circa l evitabile sbilancio costi/ benefici dell adeguamento della conca, anche alla luce del progredire del gigantismo navale (dal 2003 al 2009 le portacontainer passano da a teu), faceva accettare all Autorità Portuale una diversa soluzione: affiancare un terminale container al terminale petrolifero d altura previsto dalla l. 798/84 sulla salvaguardia di Venezia e della sua laguna e il cui procedimento Occorre allineare la funzionalità della struttura protettiva della città nel 2016 con la strategia dello scalo verso la crescita dimensionale dei portacontainer giaceva presso il Ministero dell Ambiente. Da qui un protocollo d Intesa fra APV e Magistrato alle Acque, sempre autorizzato dal Ministero delle infrastrutture e trasporti (MIT) e firmato il 4 agosto 2010, in cui si subordinava la rinuncia all adeguamento della conca alla realizzazione del terminal. MIT si impegnava ad approvare il progetto del Terminal d altura entro il 30 giugno Dell Accordo di Programma e della necessità di procedere alla realizzazione del Terminal d altura prendeva atto il CIPE il 5 maggio Il progetto è stato quindi inserito nell atto aggiuntivo all intesa generale quadro Stato-Regione per l integrazione dell VIII programma delle infrastrutture strategiche firmata il 16 giugno Il progetto preliminare del Terminal portuale d altura comprensivo del molo container è stato redatto dal Magistrato delle Acque di Venezia ed approvato dal Ministero delle infarstrutture e trasporti. A maggio 2012, il Magistrato alle Acque di Venezia ha trasmesso al Ministero dell Ambiente lo Studio di Impatto ambientale per una valutazione oggi in corso. L Autorità Portuale si è in questi mesi adoperata per strutturare la realizzazione dell intero progetto, sia quello sotto la responsabilità dello Stato sia quello sotto la responsabilità dell Autorità Portuale, in finanza di progetto. Il contributo stabilito in Legge di Stabilità (100 milioni contro i 700 necessari ad adeguare la conca di navigazione) dallo Stato è previsto al fine di: corrispondere all obbligazione di mitigazione del Mose assunta con gli Accordi di Programma. dare il segnale necessario agli investitori internazionali che dovrebbero contribuire con cifre non inferiori ai 2 miliardi di euro al completamento del progetto entro il mettere Venezia e l Alto Adriatico nelle condizioni di competere a livello internazionale intercettando l evoluzione dello shipping mondiale che prevede già oggi navi da teu e, nei prossimi anni, navi da 20/ teu.

7 7 Strategie L IDENTIKIT: 13 PUNTI DI FORZA Offshore e MoSE-2: verso il porto regolato Sistema ad Alta Automazione, con sovrastruttura dedicata; Trasferimento senza ritardi seguendo le velocità delle gru di banchina; Trasferimento piazzale di terra - nave oceanica in ore; Gestione dei picchi tramite laminazione su apposita buffer area. Accessibilità all`ormeggio ottimale per le navi oceaniche; Minimo impiego di servizi tecnico nautici; Disponibilità operativa degli ormeggi assicurata per 24 ore/7 giorni; Approdi esclusivi per le navi oceaniche e nessuna interferenza con altri traffici; Rate di imbarco/sbarco nave pari a quelle garantite dai migliori terminal in esercizio nel mondo Tempi sosta in banchina minimizzati Almeno 15% del carico della nave deve essere disponibile ad essere prelevato 24 ore dopo che lo scarico è stato completato. Arrivi in ritardo (tra le 12 e le 24 ore prima della partenza della nave) sono ammessi solo per il 25% del carico. I box devono essere movimentati dal terminal offshore a terra ed essere disponibili per il carico su camion/treno in un tempo compreso tra le 4,5 e 10,5 ore. IIl funzionamento del MoSE pone anche la questione di organizzare al meglio le diverse competenze connesse all operatività del sistema. Una questione duplice relativa sia al funzionamento del MoSE, sia alla conca di navigazione. Funzionamento. L avvio del sistema MOSE pone almeno 3 vincoli: la protezione dalle acque alte (competenza del Magistrato alle Acque), la sicurezza della navigazione (competenza della Capitaneria di Porto) e la massimizzazione del rendimento del traffico marittimo (competenza dell Autorità Portuale). Ma chi deve decidere cosa? A tal proposito, nell autunno 2012 è stato istituito un gruppo di lavoro per formulare proposte relative alla soluzione delle problematiche di regolamentazione e per mitigare gli effetti della realizzazione e del funzionamento del sistema MoSE sulle attività portuali. Il gruppo di lavoro si prefigge di individuare tutti gli accorgimenti di natura infrastrutturale, gestionale e regolatoria necessari per massimizzate le dimensioni della nave e la velocità di ogni fase di passaggio nella conca di navigazione. Tale necessità comporta l individuazione di opportuni punti di attesa ed interscambio lungo il canale Malamocco-Marghera e la definizione congiunta di nuovi regolamenti per le precedenze e gli accessi. Un sistema complesso che impone idonei strumenti di previsione, pianificazione in tempo reale degli accessi e comunicazione ai comandi nave per consentire una gestione ottimale dei traffici con l obiettivo di avitare costi agli operatori. A tal fine si rende necessaria l integrazione degli strumenti informatici in via di sviluppo da parte delle Capitanerie di Porto, del Magistrato alle Acque e dall Autorità Portuale. Conca di navigazione. In caso di chiusura delle paratoie (prevista 5 volte l anno), l accesso al porto di Venezia avverrà attraverso una conca di navigazione. La conca è una camera interna di 370m X 48,4m con una profondità di 13,50 m. In una prima fase il gruppo effettuerà con l ausilio dei piloti apposite simulazioni per verificare l accesso in sicurezza della nave. In una seconda fase verranno ricercate le necessarie misure gestionali e strutturali per garantire il passaggio in conca di navigazione di navi con dimensioni pari a quelle oggi in ingresso a Porto Marghera e andranno definiti gli interventi tecnico/operativi che si renderanno eventualmente necessari, con lo scopo di non aggravare i costi di accesso in porto. Salvaguardia, produttività qualità e connessione obiettivi a tutto campo II primo obiettivo di interesse nazionale è quello previsto dalla legge 29 novembre 1984 n.798 Nuovi interventi per la salvaguardia di Venezia che prescrive all`art. 3 lettera t) di provvedere all`estromissione dalla Laguna di Venezia del traffico petrolifero che oggi vede le petroliere attraccare al terminal lagunare di San Leonardo. Il secondo obiettivo è quello, sempre legato al tema della salvaguardia fisica, ambientale ed economica di Venezia e della sua laguna. Il terzo obiettivo è quello di garantire al sistema italiano una macchina portuale della più alta efficienza, capace di rese quantitative e qualitative confrontabili coni migliori porti del mar del Nord. Il quarto obiettivo è quello di offrire con i terminal onshore dí Chioggia, Porto Levante e del porto interno di Mantova porte di entrata e di destinazione al sistema di navigazione interna lungo il Po e i canali connessi. l quinto obiettivo di interesse nazionale è quello di contribuire, assieme agli altri porti dell`alto Adriatico italiano (Ravenna e Trieste) che con Venezia offrono lo sbocco mediterraneo dei corridoi europei essenziali della rete TEN-T Adriatico Baltico, Mediterraneo e Helsinki - Lavalletta, all`abbattimento della tassa logistica impropria che oggi grava sulle imprese manifatturiere italiane.

8 8 Outlook Commercio globale, l Europa rincorre la riscossa 2013 Le ultime stime del Wto non spengono le attesedi una forte ripresa degli scambi internazionali sulla scia di politiche fiscali e monetarie in Usa e Ue Il 2013 porterà con sè una ripresa dell economia globale. Ma la crescita sarà ancora incerta, esitante e fragile, soprattutto in Europa e negli Stati Uniti. Le stime dei principali enti internazionali concordano: perchè il Pil globale e i commerci internazionali tornino ad accelerare sensibilmente, bisognerà attendere il secondo semestre dell anno o, meglio ancora, il La World Bank prevede, nel suo global outlook per il 2013, che il Pil globale cresca del 3% nel corso dell anno. I Paesi aderenti all Ocse, secondo stime dell Organizzazione stessa, vedranno le proprie economie svilupparsi a un ritmo dell 1,4%, in linea con il 2012, per poi raggiungere il 2,3% nel Il mercato del lavoro, in particolare, resterà debole anche nei mesi a venire, con 50 milioni di disoccupati in tutta l area Ocse. Negli Stati Uniti la crescita del Pil è stimata nell ordine del 2%, anche grazie all accordo tra democratici e repubblicani per scongiurare il tanto temuto fiscal cliff. Sarà però necessario attendere i prossimi mesi per valutare il reale impatto delle politiche di Obama sulla pressione fiscale e le ricadute per l economia statunitense. L area euro risentirà ancora della recessione per tutto il primo semestre del Le decisioni della Bce e le azioni dei governi nazionali hanno allentato la pressione sulla crisi del debito, almeno nel breve periodo. Ma per garantire una stabilità di lungo termine, giudicano gli analisti Ocse, serviranno riforme strutturali diffuse in quasi tutti i Paesi dell Unione Europea, e non soltanto negli Stati periferici. La ripresa, prevista per la seconda metà dell anno, non sarà sufficiente a impedire una seppur lieve contrazione del Pil dell eurozona, stimata al -0,1% nell arco complessivo dei 12 mesi. I mercati emergenti sembrano aver superato il rischio di stagnazione che si era palesato nel Nel corso del 2013, le politiche fiscali e monetarie adottate dai singoli Stati forniranno un sostegno alle economie locali anche in presenza di una domanda debole di esportazioni dovuta alla crisi nei Paesi sviluppati. Stando alle previsioni dell Ocse, la crescita del Pil potrebbe raggiungere l 8,4% in Cina e attestarsi in media al 6,4% prendendo in considerazione l insieme dei Paesi emergenti. Anche se il contesto economico sembra destinato a migliorare, le ultime stime della World Trade Organization (Wto) hanno rivisto al ribasso le previsioni di crescita del commercio internazionale per il 2013, dal +5,6% al +4,5 per cento. Siamo comunque ben lontani dallo 0,9% del 2008 e dal -15,2% dell anno nero Le esportazioni e le importazioni effettuate dalle economie mature aumenteranno rispettivamente, nel 2013, del 3,3% e del 3,4% a fronte del +1,5% e del +0,4% registrati nel Per quanto riguarda i Paesi emergenti, l import totale crescerà del 6,1% e l export del 5,7 per cento. Non tutti i dati, però, sono positivi: il sintomo più evidente della crisi in Europa è dato dalla riduzione del tasso di commercio interno tra i Paesi UE. Il primo semestre 2012 si è chiuso con un -3,5% e il trend negativo potrebbe estendersi anche alla seconda metà dell anno e successivamente al di Andrea Curiat

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia POTENZIALE INFRASTRUTTURALE DI PORTO MARGHERA 12 km di banchine attive; 163 accosti operativi; 135 km di

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Liguria Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Lombardia Federazione Regionale Gruppi Giovani Imprenditori Confindustria Piemonte Una

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

Venice Port Authority. Porto di Venezia

Venice Port Authority. Porto di Venezia Porto di Venezia Localizzazione e aree di riferimento: Il valore socio economico: 1. Addetti Impiegati presso l Autorità Portuale 96 Addetti diretti presso aziende portuali e terminals 5.247 Addetti indotto

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

Realizzazione di un sistema telematico sperimentale per l accesso ed il monitoraggio dei veicoli merci - Trasporti Ro-Ro - nel porto d Catania

Realizzazione di un sistema telematico sperimentale per l accesso ed il monitoraggio dei veicoli merci - Trasporti Ro-Ro - nel porto d Catania Realizzazione di un sistema telematico sperimentale per l accesso ed il monitoraggio dei veicoli merci - Trasporti Ro-Ro - nel porto d Catania RELAZIONE GENERALE Tecnico Progettista Incaricato Studio Tecnico

Dettagli

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Dott. Francescalberto De Bari Direzione Sviluppo e Innovazione 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Il Progetto Globale Livorno

Dettagli

PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012

PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012 AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012 Titolo elaborato: STIMA TECNICO ECONOMICA DEGLI INTERVENTI PIANIFICATI Scala: Committente: AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO

Dettagli

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia 1 LogIS: il Port Community System di Venezia LogIS è il Port Community System del Porto di Venezia. Il sistema è una piattaforma informatica

Dettagli

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia G. Allo scopo di rafforzare la competitività, la crescita e l occupazione dell UE, e nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020, il ruolo delle tecnologie digitali, dell energia

Dettagli

SVILUPPO DELL INTERMODALITA

SVILUPPO DELL INTERMODALITA SVILUPPO DELL INTERMODALITA Autostrade del mare 2.0 e combinato marittimo ANDREA APPETECCHIA Roma, 21 luglio 20151 I PUNTI DEL RAGIONAMENTO Commercio estero nazionale: orientamenti e modalità di trasporto

Dettagli

1. Premessa e sintesi generale

1. Premessa e sintesi generale Osservazioni al PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITA E DELLA LOGISTICA (TESTO VERSIONE APRILE 2015) in relazione alla rete ed alla navigazione interna e fluviomarittima. 1. Premessa e sintesi generale

Dettagli

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo di Sergio Rossato D.G. Interporto di Padova S.p.A. A.D. di NET Nord Est Terminal S.p.A. Il traffico intermodale COMPLESSIVO dell Interporto di Padova

Dettagli

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia Direttore Generale Massimo DEANDREIS Università Bocconi Milano, 25 Maggio 2015 L incremento del traffico nel Mediterraneo Sta crescendo

Dettagli

L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna

L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna La Nuova Venezia mercoledì 6 novembre 2013 L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna di ENRICO TANTUCCI 06 Novembre 2013 20 Grandi navi, stop dal governo di Enrico Tantucci Incontro

Dettagli

Relazione del Presidente Paolo Costa Inaugurazione Anno Portuale 2011 Venezia, 26 aprile 2011 (BOZZA)

Relazione del Presidente Paolo Costa Inaugurazione Anno Portuale 2011 Venezia, 26 aprile 2011 (BOZZA) Relazione del Presidente (BOZZA) Pag. 1 Relazione del Presidente Paolo Costa Inaugurazione Anno Portuale 2011 Venezia, 26 aprile 2011 (BOZZA) Relazione del Presidente (BOZZA) Pag. 2 Introduzione La crisi

Dettagli

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Antonio Revedin Direttore Pianificazione Strategica e Sviluppo

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

Architettura del paesaggio

Architettura del paesaggio Legge 84/2001 LOREM + ELEMENTUM Potenziare l export e gli investimenti in Serbia Le opportunità dell hub logistico e doganale di Novi Sad Architettura del paesaggio Il progetto Cor Log - Corridoi paneuropei

Dettagli

Trasporti al passo, economia ferma

Trasporti al passo, economia ferma Infrastrutture Trasporti Logistica e Mobilità Trasporti al passo, economia ferma Accessibilità, trasporti e mobilità al tempo della crisi Analisi a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia Roma, 15 maggio

Dettagli

Auto TEU's Gen. Cargo

Auto TEU's Gen. Cargo Esigenze dell Armamento Dr.Ing. Giancarlo Coletta Direttore acquisti Direttore R&D Grimaldi Group AGENDA Il Gruppo Grimaldi Napoli Le esigenze per sviluppo & competitività Il ruolo degli utenti e dei fornitori

Dettagli

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto)

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) NOTA: Il presente documento è un estratto di uno studio effettuato dalla sede piacentina di ITL.

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA PORTUALE LIGURE

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA PORTUALE LIGURE ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA PORTUALE LIGURE Dicembre 2012 1. Inquadramento territoriale e programmatico I tre porti liguri di Genova, Savona-Vado e La Spezia

Dettagli

CHIATTE NEL PORTO CLODIENSE MANOVRATE DAGLI ORMEGGIATORI

CHIATTE NEL PORTO CLODIENSE MANOVRATE DAGLI ORMEGGIATORI CHIATTE NEL PORTO CLODIENSE MANOVRATE DAGLI ORMEGGIATORI Chioggia regina dei trasbordi eccezionali I ncastro posizionato al millimetro: quasi un intervento chirurgico di grande precisione, eseguito da

Dettagli

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta.

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta. Il porto è il futuro di Trieste Il ritorno della cultura marinara per i traffici di Nordest ed Europa centrale. Intervento introduttivo di Mario Goliani Innanzitutto rivolgo un ringraziamento agli Ordini

Dettagli

Una CARTA per una strategia per Trieste

Una CARTA per una strategia per Trieste Una CARTA per una strategia per Trieste Anzitutto un ringraziamento all Ing. Gregori ed al Tavolo delle Professioni di Trieste per l invito a partecipare a questo convegno. L oggetto del convegno è certamente

Dettagli

provincia di mantova ROVIGO

provincia di mantova ROVIGO provincia di mantova ROVIGO provincia di mantova CONESSIONE VENEZIA MILANIO NAVIGAZIONE INTERNA PROPOSTA ED INSERITA NELLE CORE provincia di mantova Fiera di Rimini ECOMONDO Giovedì 4 novembre 2010 CLAUDIO

Dettagli

MinisterodelleI nfrastruttureedei Trasporti Capitaneria di Portodi Napoli

MinisterodelleI nfrastruttureedei Trasporti Capitaneria di Portodi Napoli Ordinanza CP n. 124 /2004 Ordinanza AP n. 23/2004 Il Presidente dell'autorità Portuale di Napoli e il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Napoli 9LVWR la legge 28.1.1994 n. 84 e il

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Infrastrutture ritardo incolmabile. Presentato il primo Rapporto Uniontrasporti sulle grandi opere Roma, 14 aprile 2011 Quarant anni fa, l Italia aveva una dotazione complessiva

Dettagli

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO. RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets)

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO. RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets) Source: Matthias Wagner SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets) RISULTATI IN LOMBARDIA Una crescita economica

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Genova, 23 novembre 2010 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione

Dettagli

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Comune: Lugo Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 9-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r.

Dettagli

ALLEGATO RELAZIONE TECNICA ISTRUTTORIA

ALLEGATO RELAZIONE TECNICA ISTRUTTORIA ALLEGATO RELAZIONE TECNICA ISTRUTTORIA ENI SpA Divisione Refining and Marketing. Riqualificazione area industriale di Porto Marghera: conversione da Ammoniaca a Gas di Petrolio Liquefatto dell'impianto

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra PROTOCOLLO D INTESA Tra Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Regione Toscana, Provincia di Livorno, Comune di Piombino, Autorità

Dettagli

PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012)

PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012) PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012) ATTUAZIONE DELLE MISURE DI SECURITY NEL PORTO DI ANCONA La misure di security intese come le attività preventive

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CICU

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CICU Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1618 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CICU Disposizioni per l attuazione e l operatività delle zone franche previste dal decreto

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015 Prospettiva europea L attenzione europea - anche grazie ad iniziative che ConferenzaGNL stessa potrà promuovere nel Semestre di Presidenza italiana dell UE - si sposterà da Nord a Sud per le nuove opportunità

Dettagli

VIII PIANO DI COMUNICAZIONE

VIII PIANO DI COMUNICAZIONE VIII PIANO DI COMUNICAZIONE 1. ATTIVITÀ SVOLTE Nel corso del semestre luglio-dicembre 2005 sono state realizzate importanti attività inserite nel Piano Operativo di Comunicazione del PON Trasporti 2000/2006.

Dettagli

LA LOGISTICA DELLE AUTO

LA LOGISTICA DELLE AUTO CORRIERI ZÜST AMBROSETTI LA LOGISTICA DELLE AUTO Il trasporto degli autoveicoli, analizzato attraverso il caso della Züst Ambrosetti, rappresenta uno dei primi esempi di specializzazione, nei mezzi e nelle

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ di Andrea Campagna Coordinatore tecnico-scientifico di progetto Project n 2S-MED11-29 Project co-funded by the European Regional Development Fund (ERDF) Dopo un anno dal

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere 42 Legge Obiettivo Rapporto grandi opere Primo bilancio, a 10 anni dall entrata in vigore delle Legge Obiettivo, sullo stato di attuazione delle opere strategiche in Italia: a cura della Fondazione Fastigi,

Dettagli

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015)

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Grandi opere Le Autostrade. Proseguono i lavori di progettazione e realizzazione delle terze corsie dell Autostrada del

Dettagli

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est 1 Contenuti Cos è HUB-LOG A. Hub logistico multimodale del sistema portuale

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO Il Nodo di San Benigno è uno dei punti chiave della viabilità genovese, sia per la presenza del più importante casello autostradale della città, Genova Ovest,

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Un approccio per la gestione delle informazioni a supporto dei nodi logistici e dei sistemi logistici integrati Gianni Vottero Program Manager Divisione Transportation

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

Progettazione terminali

Progettazione terminali Terminale Progettazione terminali Differenti tipologie di terminali: Rinfuse liquide o solide Merci varie Container Traffico Ro-Ro Crociere 1) Definizione layout 2) Profondità fondali 3) Lunghezza banchine

Dettagli

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics La società Interporto Bologna Spa gestisce dal 1971 l Interporto di Bologna, una delle piattaforme logistiche ed intermodali più grandi in Europa. L Interporto

Dettagli

AUTORITÀ PORTUALE DEL LEVANTE

AUTORITÀ PORTUALE DEL LEVANTE LETTERA APERTA AI CANDIDATI ALLE PROSSIME ELEZIONI POLITICHE: I PORTI DEL LEVANTE ( BARI, BARLETTA, MONOPOLI) INFRASTRUTTURE STRATEGICHE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Premessa Il Porto di Bari, diventato

Dettagli

AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie

AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: Questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto Dall

Dettagli

L impiego del LNG nel Porto di Venezia

L impiego del LNG nel Porto di Venezia L impiego del LNG nel Porto di Venezia Paolo Menegazzo Pianificazione Strategica e Sviluppo Autorità Portuale di Venezia Green Shipping Summit 2015 Genova, 17 settembre 2015 DIRETTIVA 2014/94/UE del 22

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e Ionio

Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e Ionio Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e Ionio OSSERVATORIO TRAFFICI MARITTIMI RELAZIONE 2012 PORTI DELL ADRIATICO E IONIO. DIECI ANNI DI TRAFFICI MARITTIMI E POLITICHE EUROPEE Ida Simonella Brindisi,

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

6. I TRASPORTI E LA LOGISTICA*

6. I TRASPORTI E LA LOGISTICA* 6. I TRASPORTI E LA LOGISTICA* 6.1 I flussi di traffico nel Veneto Nel 2014 i flussi di traffico e la movimentazione di merci sulla rete infrastrutturale regionale hanno evidenziato un incremento generalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Accesso, circolazione e sosta in porto dei veicoli e dei

Dettagli

Trasporto marittimo. Veicoli di trasporto marittimo. Vie e terminali di trasporto marittimo

Trasporto marittimo. Veicoli di trasporto marittimo. Vie e terminali di trasporto marittimo Trasporto marittimo Veicoli di trasporto marittimo Vie e terminali di trasporto marittimo 1 Trasporto marittimo Natanti (Veicoli) 2 natanti - classificazione per trasporto merci o passeggeri lenti o mezzi

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

AMBURGO IL PORTO DI AMBURGO

AMBURGO IL PORTO DI AMBURGO ESTERO AMBURGO IL PORTO DI AMBURGO Uno dei più importanti scali del nord Europa vede la progressiva crescita del traffico contenitori, che con 2 milioni di teu per anno e la previsione di un sostanziale

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

SMART PORT I corridoi europei, doganali e marittimi da e verso l Europa

SMART PORT I corridoi europei, doganali e marittimi da e verso l Europa SMART PORT I corridoi europei, doganali e marittimi da e verso l Europa Progetto ARGES: attuazione della Direttiva Comunitaria 65/2010 sulla Maritime Single Window e rapporto con i Port Community System

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Guido Porta LOGISTICA SOSTENIBILE: Pubblico e Privato possono vincere insieme Genova, 30 novembre 2007 I.Log è una società nata per

Dettagli

COMBUSTIBILI ALTERNATIVI

COMBUSTIBILI ALTERNATIVI Attuazione del Piano di Efficienza Energetica del Porto di Venezia Linea d azione 3, Task 3.1.d Workshop 2 - Tecnologie per l efficienza energetica COMBUSTIBILI ALTERNATIVI Martedì 16 Dicembre 2014 Agenda

Dettagli

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 3 area logistica 1.165.000 m 2 Futura espansione 1 area logistica 1.380.000 m 2 Corrieri e magazzini

Dettagli

Benvenuti in Port of Venice Digital Edition.

Benvenuti in Port of Venice Digital Edition. Ro-Ro & Ro-Pax Porto di Venezia / break bulk Benvenuti in Port of Venice Digital Edition. In questo spazio, unico nel suo genere, sarà possibile scaricare periodicamente le pubblicazioni che l Autorità

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI. CFLI Consorzio Formazione Logistica Intermodale. Zona portuale S. Marta Fabb. 16. Tel 041 5334155-56 Fax 041 5334157

LA CARTA DEI SERVIZI. CFLI Consorzio Formazione Logistica Intermodale. Zona portuale S. Marta Fabb. 16. Tel 041 5334155-56 Fax 041 5334157 LA CARTA DEI SERVIZI CFLI Consorzio Formazione Logistica Intermodale Zona portuale S. Marta Fabb. 16 venezia@cfli.it www.cfli.it Sommario CFLI presentazione dell Ente 3 Finalità e campo di applicazione

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità Malpensa Collegamento tra la S.S. n. 11 "Padana Superiore" a Magenta e la Tangenziale Ovest di Milano, con variante di Abbiategrasso e adeguamento in sede del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ROSATO, VELO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ROSATO, VELO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ROSATO, VELO Agevolazioni in materia di tariffe doganali in favore delle esportazioni operate

Dettagli

Automazione e tracciabilità nella catena logistica intermodale: sistemi e procedure

Automazione e tracciabilità nella catena logistica intermodale: sistemi e procedure Automazione e tracciabilità nella catena logistica intermodale: sistemi e procedure 2009 CAP SpA Port & Shipping Tech Genova, 22 Novembre 2010 Agenda Nella prima edizione di P&ST abbiamo condiviso alcune

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

MASTER PLAN LA RETE DEI PORTI TOSCANI

MASTER PLAN LA RETE DEI PORTI TOSCANI ALLEGATO A - elaborato 5 MASTER PLAN LA RETE DEI PORTI TOSCANI DOCUMENTO DI PIANO 216 La rete dei porti toscani tra piattaforma logistica costiera e autostrade del mare Il Programma di Sviluppo Regionale

Dettagli

INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE

INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE PROGETTI PADOVA INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE L'interporto di Padova mostra un modo diverso di intendere questo tipo di strutture, collocandosi al centro del comprensorio industriale

Dettagli

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Gregorio De Felice Chief economist Milano, 25 settembre 2014 Agenda 1 Economia mondiale in moderata ripresa 2

Dettagli

VANTAGGI OPERATIVI, COMMERCIALI E FISCALI DEL REGIME DI PUNTO FRANCO DEL PORTO DI TRIESTE AUTORITA PORTUALE DI TRIESTE

VANTAGGI OPERATIVI, COMMERCIALI E FISCALI DEL REGIME DI PUNTO FRANCO DEL PORTO DI TRIESTE AUTORITA PORTUALE DI TRIESTE VANTAGGI OPERATIVI, COMMERCIALI E FISCALI DEL REGIME DI PUNTO FRANCO DEL PORTO DI TRIESTE PREMESSA_1 Il particolare regime dei punti franchi del porto internazionale di Trieste si basa su due semplici

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana TEN-T Italian Transport Programme La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana CORRIDOI VERDI NELLA RETE TEN 6-7 Settembre 2011 TRENTO Ministero delleinfrastrututre

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture PRIORITÀ INFRASTRUTTURALI NELLE REGIONI REGIONE CALABRIA SISTEMI STRADALI E AUTOSTRADALI A3 Salerno-Reggio Calabria Il progetto di generale ammodernamento dell Autostrada Salerno-Reggio Calabria, da sempre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO European Academy Bolzano (Mathias Wagner) RVDI Regional Association Donau-Iller Obiettivi del progetto TRANSITECTS Soluzioni comuni per i nodi del

Dettagli