Più accessibilità, organizzazione ed efficienza nell agenda del Porto dei prossimi anni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Più accessibilità, organizzazione ed efficienza nell agenda del Porto dei prossimi anni"

Transcript

1 Più investimenti infra/info strutturali: la strategia - Venezia Più accessibilità, organizzazione ed efficienza nell agenda del Porto dei prossimi anni Sommario pag. 3 Tutti i lavori del Porto: un nuovo Osservatorio su imprese e occupati pag. 5 Legge di stabilità: l Italia crede nell Alto Adriatico pag. 6 / 7 Offshore e MoSE1-2: crescita e salvaguardia economica e ambientale Newsletter mensile online dell Autorità Portuale di Venezia e di APV Investimenti S.p.A. Autorità Portuale di Venezia Fabbricato 13 Santa Marta, Venezia Tel Fax di Paolo Costa* Una strategia di sviluppo di un porto dalle prospettive e dalle funzioni internazionali - qual è il Porto di Venezia - deve essere obbligatoriamente ambiziosa. Deve esserlo se vuole mantenere fede alla sua tradizione e fare ancora una volta delle attività marittime e portuali una risorsa indispensabile per lo sviluppo del Veneto, del Nordest, dell Italia e dell Europa. Ma una strategia di sviluppo deve poter contare su basi solide su cui poggiare per potersi reggere. Da qui l impegno Direttore editoriale PAOLO COSTA Direttore responsabile FABIO TAMBURINI Redazione Gruppo Il Sole 24 Ore Via Monte Rosa 91, Milano Tel Fax profuso negli scorsi anni e che dovremo continuare a profondere per consolidare la portualità veneziana quale asset strategico a servizio del Veneto e del Nordest. Un impegno che ha consentito al porto di Venezia, sotto il profilo dei traffici e sotto il profilo occupazionale, di resistere alla pressione della crisi. Nel 2012 i traffici merci complessivi del porto di Venezia hanno fatto registrare una sostanziale tenuta con una flessione moderata pari al solo 3.7% e, nell ambito più strettamente portuale, le ricompo- continua a pagina 2 Consulente editoriale: Antonio Quaglio Progetto Grafico Davide Mazzucchi - Immagini: Archivio Autorità Portuale di Venezia, G. Arici, C.A. Campione/ Develon, M. Rizzo Raccolta pubblicitaria: Direzione Pubblicità APV Investimenti S.p.A., Fabbricato 16 Santa Marta, Venezia

2 2 segue da pagina 1 Editoriale sizioni occupazionali hanno comportato difficoltà temporanee per poche decine di unità lavorative, Un risultato ottenuto anche in virtù degli investimenti effettuati in questi anni che hanno favorito la tenuta dei traffici commerciali e delle attivita industriali. Il raggiungimento di fondali a 12 metri e la raggiunta accessibilità notturna al porto di Venezia anche per navi fino a 300 metri di lunghezza; l adeguamento funzionale di via dell Azoto, che permettera a breve l uso di sei corsie e, soprattutto, consentirà l installazione del nuovo varco doganale informatizzato del porto commerciale di Marghera, dal quale ci si aspetta un aumento della sicurezza della circolazione stradale ed un abbattimento dei tempi d attesa in ingresso; l ampliamento e l ammodernamento del parco ferroviario di Marghera che porterà la capacità ferroviaria del porto ad oltre 50 treni/giorno; il potenziamento della portata delle banchine Piemonte e Veneto sono tutti esempi - non esaustivi - di un lavoro molto più rilevante condotto per migliorare l accessibilità nautica, stradale e ferroviaria, per efficientare le operazioni portuali e per fornire banchine, piazzali, terminal/magazzini adeguati alle esigenze di un porto competitivo a livello nazionale ed internazionale. In questo senso, nei prossimi anni, l Autorità Portuale porterà avanti almeno 4 interventi strategici. Il primo è certamente la messa in esercizio, a partire dal 2014, del Terminal delle Autostrade del mare in località Fusina. Il progetto prevede 2 darsene con 4 banchine capaci di ospitare contemporaneamente 4 traghetti per il trasporto di camion o i loro rimorchi (Ro-Ro) ed anche di auto e passeggeri (Ro-Pax). Alle spalle delle darsene troverà spazio una piattaforma logistica dotata di infrastrutture viarie e ferroviarie e di nuovi fabbricati, magazzini, piazzali portuali e parcheggi per un area complessiva di 36 ettari. Il secondo riguarda lo spostamento della Zona Franca del Porto di Venezia. Previsto al principio a San Basilio, e spostato negli anni 90 presso l isola portuale di Marghera, il punto franco si colloca oggi all interno di un Terminal Portuale in area Molo Sali e quindi in una zona non utilizzabile per i traffici degli altri Terminal portuali, oltre ad insistere, in termini di delimitazione geografica, su un area in cui oggi è presente un magazzino dedicato a prodotti cerealicoli. All impraticabilità dell accesso al punto franco si porrà rimedio spostandolo in un area facilmente raggiungibile da tutti adiacente al Varco di Via del Commercio e ricompresa nella cinta doganale: e questo potra favorire i traffici con i Paesi extraeuropei del Mediterraneo. Il terzo punta all evoluzione dei corridoi logistici in corridoi doganali. Oggi le merci devono essere sdoganate in porto per poi proseguire verso i punti di destinazione o smistamento, come gli interporti. Una integrazione dei sistemi informatici e tecnologici con lo sviluppo dell interoperabilità e dello scambio di dati tra il sistema delle Dogane e i sistemi informativi della Capitaneria di Porto nonché degli altri operatori logistici permetterà di velocizzare i processi anche attraverso l espletamento in loco delle pratiche di esportazione ed importazione per i contenitori provenienti/destinati al porto di Venezia. In sostanziale tenuta il traffico 2012: nel nuovo anno attesi risultati dagli sforzi strategici a Porto Marghera, nelle strutture di grande accesso nelle migliorie a Banchine e parco ferroviario La quarta, strettamente correlata con la terza, è fare del Porto di Venezia un Venice smart port con l introduzione a Porto Marghera della banda larga e ultra larga. Favorire investimenti per aumentare la diffusione della banda larga in area portuale significa infatti non solo agevolare insediamenti di nuovi soggetti economici ma anche e soprattutto, implementare la competitività del porto. La maggiore disponibilità di connessioni a banda larga consentirà una raccolta di dati in tempo reale e la loro comunicazione immediata agli utenti, con effetti positivi sulla capacità di controllare i flussi di traffico. In particolare, in una realtà come il porto commerciale, la diffusione della banda larga andrebbe ad alleggerire la viabilità e, in previsione dell aumento dei traffici, migliorare la qualità dei servizi offerti. Inoltre consentirebbe una maggior facilità nell eseguire i controlli di safety, security ed ambientali, parametri essenziali sui quali viene misurato oggi un porto moderno. Quattro azioni da portare avanti in continuità con un necessario recupero della rilevanza nazionale ed internazionale del porto di Venezia possibile solo con il supporto delle istituzioni nazionali e locali oltre che degli operatori. *Presidente Autorità Portuale di Venezia

3 3 Focus Tutti i lavori del porto non solo in banchina Un Osservatorio analizzerà i trend occupazionali: si parte da addetti e imprese Sono le imprese e gli occupati connessi al Porto di Venezia. È quanto emerge dall incontro con la stampa tenuto da Paolo Costa, Presidente dell Autorità Portuale e Antonio Paruzzolo, Assessore alle attività Produttive del Comune. La rilevazione dei dati, conclusa il 31 ottobre 2012, intende misurare la dimensione del porto all interno del sistema economico locale, attraverso la definizione del parametro occupazionale. L elaborazione dei dati si basa su due criteri: uno geografico ed uno funzionale. Il primo individua tutte le imprese che si situano in ambito portuale Marghera e Marittima mentre il secondo le classifica in base alle attività svolte e al loro rapporto con la funzione portuale. Dai dati risulta evidente l evoluzione occupazionale che ha interessato l area di Porto Marghera in cui si assiste ad una progressiva diminuzione delle lavorazioni industriali, compensata in parte da un aumento dei traffici commerciali. continua a pagina 4

4 4 Focus DUE CRITERI PER UNA MATRICE La classificazione delle imprese e degli occupati è stata fatta sulla base di due criteri simultanei. Il primo criterio della matrice ha inserito imprese e istituzioni che sono operativamente o funzionalmente collegate al porto. La prima suddivisione fatta è stata tra imprese strettamente collegate al porto e alle attività portuali e imprese operanti in altre attività produttive e istituzioni. Le prime sono le imprese che svolgono attività e servizi che dipendono dall esistenza del porto e dalla sua operatività, e che quindi forniscono i loro servizi nelle varie fasi in cui la nave e la merce si trovano all interno del porto. Le seconde sono imprese che, a vario titolo, sono collegate ad attività portuali o che lo sono state nel passato e quelle che non sono invece legate alle attività dello scalo, oltre alle istituzioni. Il secondo criterio adottato per definire l ambito d indagine è stato quello geografico/territoriale. La prima suddivisione è stata tra imprese operanti all interno dell ambito portuale (Marghera o Marittima), o fuoti da esso (Centro Storico, Venezia - terraferma, provincia di Venezia, Veneto, Italia, estero) segue da pagina 3 A porto Marghera infatti ci sono occupati in attività portuali, in attività industriali che fanno uso delle banchine, occupati in attività industriali senza uso di banchine e occupati in attività non esclusivamente collegate alla portualità. A questi si aggiungono occupati in attività portuali che lavorano in sedi al di fuori dell ambito portuale (Comune e Provincia di Venezia, Regione Veneto ed Italia). In Marittima si contano occupati in attività portuali, frutto della specializzazione funzionale dei traffici che ha eliminato da quest area tutte le attività industriali. L impronta occupazionale del porto di Venezia verrà aggiornata ogni tre mesi. I prossimi passi riguarderanno una valutazione dell impatto economico delle attività portuali nell economia veneziana. Un lavoro che è il frutto della stretta collaborazione con il Comune di Venezia ma anche con l Ente Zona, Veneto Lavoro e Cfli.

5 5 Strategie Se i nuovi obiettivi infrastrutturali non cancellano quelli vecchi è evidente che tutti gli obiettivi di oggi e di ieri vanno messi sulla stessa linea di partenza e prioritarizzati secondo le nuove esigenze. E se, come sembra evidente, la crescita è una priorità, e le esportazioni la prima via per sostenerla in Italia, è altrettanto evidente che oggi dovremmo puntare per tempo su ciò che ci può mettere meglio in contatto con i ricchi mercati di domani. Non è un dettaglio il fatto che molto, molto, si giochi a Nord Est. La sproporzione tra gli obiettivi prioritari che dovrebbero essere soddisfatti a Nord Est per il bene dell Italia (la Verona-Brennero sul Corridoio Helsinki-Valletta, la Verona-Venezia-Trieste- Divaccia e il canale Milano-Venezia sul Corridoio Mediterraneo, la Tarvisio-Udine-Trieste e Udine-Venezia-Bologna-Ravenna sul Corridoio Baltico-Adriatico; più i porti della rete essenziale: Trieste, Venezia e Ravenna) e l ipotesi di raggiungere solo Venezia con la TAV nel 2019 misura tutto il ritardo della nostra risposta alle priorità TEN-T europee. Eppur qualcosa si muove. Con l assegnazione di 100 milioni di euro assicurata a fine dicembre 2012 dalla Legge di stabilità per l avvio dei lavori di realizzazione della piattaforma d altura di Venezia lo Stato si impegna a mitigare gli effetti negativi per la portualità veneziana derivanti dall entrata in funzione del sistema MoSE. Il finanziamento contenuto nella Legge di Stabilità testimonia la maturità e la bontà del progetto. Dopo i euro di cofinanziamento erogati dalla Commissione europea per completare gli studi propedeutici alla strategia di sviluppo del Porto di Venezia, i 100 milioni di euro sanciscono infatti la piena volontà dell Italia di potenziare adeguatamente, secondo le indicazioni europee fornite dalla revisione della rete TEN-T, il sistema multi portuale alto alto Adriatico (Ravenna, Trieste e Venezia). La realizzazione del progetto prevede l impiego di risorse private tramite schemi di PPP. La legge di stabilità: l Italia crede a forti dinamiche di sviluppo nel quadrante dell Alto Adriatico Il finanziamento della piattaforma d altura nuova tappa fondamentale del forte impegno italiano

6 6 Strategie Offshore e MoSE-1: la lunga marcia della salvaguardia economica e ambientale Offshore e MoSE mirano entrambi alla salvaguardia (economica per il primo ed ambientale per il secondo) della città di Venezia. L operatività del sistema MoSE tuttavia rischia di pregiudicare l attività portuale limitando l accessibilità nautica. Per questo nel 2003 approvando il progetto definitivo del MoSE si è data una prescrizione vincolante di realizzare una struttura permanente di accesso al porto così da non far pagare al porto costi evitabili. La soluzione era stata trovata in un adeguamento delle dimensioni della conca di navigazione alla bocca di Malamocco. Un intervento da almeno 700 milioni di euro e con il solo risultato di consentire di raggiungere il Porto di San Leonardo, molto a sud rispetto all attuale porto commerciale. Valutazioni circa l evitabile sbilancio costi/ benefici dell adeguamento della conca, anche alla luce del progredire del gigantismo navale (dal 2003 al 2009 le portacontainer passano da a teu), faceva accettare all Autorità Portuale una diversa soluzione: affiancare un terminale container al terminale petrolifero d altura previsto dalla l. 798/84 sulla salvaguardia di Venezia e della sua laguna e il cui procedimento Occorre allineare la funzionalità della struttura protettiva della città nel 2016 con la strategia dello scalo verso la crescita dimensionale dei portacontainer giaceva presso il Ministero dell Ambiente. Da qui un protocollo d Intesa fra APV e Magistrato alle Acque, sempre autorizzato dal Ministero delle infrastrutture e trasporti (MIT) e firmato il 4 agosto 2010, in cui si subordinava la rinuncia all adeguamento della conca alla realizzazione del terminal. MIT si impegnava ad approvare il progetto del Terminal d altura entro il 30 giugno Dell Accordo di Programma e della necessità di procedere alla realizzazione del Terminal d altura prendeva atto il CIPE il 5 maggio Il progetto è stato quindi inserito nell atto aggiuntivo all intesa generale quadro Stato-Regione per l integrazione dell VIII programma delle infrastrutture strategiche firmata il 16 giugno Il progetto preliminare del Terminal portuale d altura comprensivo del molo container è stato redatto dal Magistrato delle Acque di Venezia ed approvato dal Ministero delle infarstrutture e trasporti. A maggio 2012, il Magistrato alle Acque di Venezia ha trasmesso al Ministero dell Ambiente lo Studio di Impatto ambientale per una valutazione oggi in corso. L Autorità Portuale si è in questi mesi adoperata per strutturare la realizzazione dell intero progetto, sia quello sotto la responsabilità dello Stato sia quello sotto la responsabilità dell Autorità Portuale, in finanza di progetto. Il contributo stabilito in Legge di Stabilità (100 milioni contro i 700 necessari ad adeguare la conca di navigazione) dallo Stato è previsto al fine di: corrispondere all obbligazione di mitigazione del Mose assunta con gli Accordi di Programma. dare il segnale necessario agli investitori internazionali che dovrebbero contribuire con cifre non inferiori ai 2 miliardi di euro al completamento del progetto entro il mettere Venezia e l Alto Adriatico nelle condizioni di competere a livello internazionale intercettando l evoluzione dello shipping mondiale che prevede già oggi navi da teu e, nei prossimi anni, navi da 20/ teu.

7 7 Strategie L IDENTIKIT: 13 PUNTI DI FORZA Offshore e MoSE-2: verso il porto regolato Sistema ad Alta Automazione, con sovrastruttura dedicata; Trasferimento senza ritardi seguendo le velocità delle gru di banchina; Trasferimento piazzale di terra - nave oceanica in ore; Gestione dei picchi tramite laminazione su apposita buffer area. Accessibilità all`ormeggio ottimale per le navi oceaniche; Minimo impiego di servizi tecnico nautici; Disponibilità operativa degli ormeggi assicurata per 24 ore/7 giorni; Approdi esclusivi per le navi oceaniche e nessuna interferenza con altri traffici; Rate di imbarco/sbarco nave pari a quelle garantite dai migliori terminal in esercizio nel mondo Tempi sosta in banchina minimizzati Almeno 15% del carico della nave deve essere disponibile ad essere prelevato 24 ore dopo che lo scarico è stato completato. Arrivi in ritardo (tra le 12 e le 24 ore prima della partenza della nave) sono ammessi solo per il 25% del carico. I box devono essere movimentati dal terminal offshore a terra ed essere disponibili per il carico su camion/treno in un tempo compreso tra le 4,5 e 10,5 ore. IIl funzionamento del MoSE pone anche la questione di organizzare al meglio le diverse competenze connesse all operatività del sistema. Una questione duplice relativa sia al funzionamento del MoSE, sia alla conca di navigazione. Funzionamento. L avvio del sistema MOSE pone almeno 3 vincoli: la protezione dalle acque alte (competenza del Magistrato alle Acque), la sicurezza della navigazione (competenza della Capitaneria di Porto) e la massimizzazione del rendimento del traffico marittimo (competenza dell Autorità Portuale). Ma chi deve decidere cosa? A tal proposito, nell autunno 2012 è stato istituito un gruppo di lavoro per formulare proposte relative alla soluzione delle problematiche di regolamentazione e per mitigare gli effetti della realizzazione e del funzionamento del sistema MoSE sulle attività portuali. Il gruppo di lavoro si prefigge di individuare tutti gli accorgimenti di natura infrastrutturale, gestionale e regolatoria necessari per massimizzate le dimensioni della nave e la velocità di ogni fase di passaggio nella conca di navigazione. Tale necessità comporta l individuazione di opportuni punti di attesa ed interscambio lungo il canale Malamocco-Marghera e la definizione congiunta di nuovi regolamenti per le precedenze e gli accessi. Un sistema complesso che impone idonei strumenti di previsione, pianificazione in tempo reale degli accessi e comunicazione ai comandi nave per consentire una gestione ottimale dei traffici con l obiettivo di avitare costi agli operatori. A tal fine si rende necessaria l integrazione degli strumenti informatici in via di sviluppo da parte delle Capitanerie di Porto, del Magistrato alle Acque e dall Autorità Portuale. Conca di navigazione. In caso di chiusura delle paratoie (prevista 5 volte l anno), l accesso al porto di Venezia avverrà attraverso una conca di navigazione. La conca è una camera interna di 370m X 48,4m con una profondità di 13,50 m. In una prima fase il gruppo effettuerà con l ausilio dei piloti apposite simulazioni per verificare l accesso in sicurezza della nave. In una seconda fase verranno ricercate le necessarie misure gestionali e strutturali per garantire il passaggio in conca di navigazione di navi con dimensioni pari a quelle oggi in ingresso a Porto Marghera e andranno definiti gli interventi tecnico/operativi che si renderanno eventualmente necessari, con lo scopo di non aggravare i costi di accesso in porto. Salvaguardia, produttività qualità e connessione obiettivi a tutto campo II primo obiettivo di interesse nazionale è quello previsto dalla legge 29 novembre 1984 n.798 Nuovi interventi per la salvaguardia di Venezia che prescrive all`art. 3 lettera t) di provvedere all`estromissione dalla Laguna di Venezia del traffico petrolifero che oggi vede le petroliere attraccare al terminal lagunare di San Leonardo. Il secondo obiettivo è quello, sempre legato al tema della salvaguardia fisica, ambientale ed economica di Venezia e della sua laguna. Il terzo obiettivo è quello di garantire al sistema italiano una macchina portuale della più alta efficienza, capace di rese quantitative e qualitative confrontabili coni migliori porti del mar del Nord. Il quarto obiettivo è quello di offrire con i terminal onshore dí Chioggia, Porto Levante e del porto interno di Mantova porte di entrata e di destinazione al sistema di navigazione interna lungo il Po e i canali connessi. l quinto obiettivo di interesse nazionale è quello di contribuire, assieme agli altri porti dell`alto Adriatico italiano (Ravenna e Trieste) che con Venezia offrono lo sbocco mediterraneo dei corridoi europei essenziali della rete TEN-T Adriatico Baltico, Mediterraneo e Helsinki - Lavalletta, all`abbattimento della tassa logistica impropria che oggi grava sulle imprese manifatturiere italiane.

8 8 Outlook Commercio globale, l Europa rincorre la riscossa 2013 Le ultime stime del Wto non spengono le attesedi una forte ripresa degli scambi internazionali sulla scia di politiche fiscali e monetarie in Usa e Ue Il 2013 porterà con sè una ripresa dell economia globale. Ma la crescita sarà ancora incerta, esitante e fragile, soprattutto in Europa e negli Stati Uniti. Le stime dei principali enti internazionali concordano: perchè il Pil globale e i commerci internazionali tornino ad accelerare sensibilmente, bisognerà attendere il secondo semestre dell anno o, meglio ancora, il La World Bank prevede, nel suo global outlook per il 2013, che il Pil globale cresca del 3% nel corso dell anno. I Paesi aderenti all Ocse, secondo stime dell Organizzazione stessa, vedranno le proprie economie svilupparsi a un ritmo dell 1,4%, in linea con il 2012, per poi raggiungere il 2,3% nel Il mercato del lavoro, in particolare, resterà debole anche nei mesi a venire, con 50 milioni di disoccupati in tutta l area Ocse. Negli Stati Uniti la crescita del Pil è stimata nell ordine del 2%, anche grazie all accordo tra democratici e repubblicani per scongiurare il tanto temuto fiscal cliff. Sarà però necessario attendere i prossimi mesi per valutare il reale impatto delle politiche di Obama sulla pressione fiscale e le ricadute per l economia statunitense. L area euro risentirà ancora della recessione per tutto il primo semestre del Le decisioni della Bce e le azioni dei governi nazionali hanno allentato la pressione sulla crisi del debito, almeno nel breve periodo. Ma per garantire una stabilità di lungo termine, giudicano gli analisti Ocse, serviranno riforme strutturali diffuse in quasi tutti i Paesi dell Unione Europea, e non soltanto negli Stati periferici. La ripresa, prevista per la seconda metà dell anno, non sarà sufficiente a impedire una seppur lieve contrazione del Pil dell eurozona, stimata al -0,1% nell arco complessivo dei 12 mesi. I mercati emergenti sembrano aver superato il rischio di stagnazione che si era palesato nel Nel corso del 2013, le politiche fiscali e monetarie adottate dai singoli Stati forniranno un sostegno alle economie locali anche in presenza di una domanda debole di esportazioni dovuta alla crisi nei Paesi sviluppati. Stando alle previsioni dell Ocse, la crescita del Pil potrebbe raggiungere l 8,4% in Cina e attestarsi in media al 6,4% prendendo in considerazione l insieme dei Paesi emergenti. Anche se il contesto economico sembra destinato a migliorare, le ultime stime della World Trade Organization (Wto) hanno rivisto al ribasso le previsioni di crescita del commercio internazionale per il 2013, dal +5,6% al +4,5 per cento. Siamo comunque ben lontani dallo 0,9% del 2008 e dal -15,2% dell anno nero Le esportazioni e le importazioni effettuate dalle economie mature aumenteranno rispettivamente, nel 2013, del 3,3% e del 3,4% a fronte del +1,5% e del +0,4% registrati nel Per quanto riguarda i Paesi emergenti, l import totale crescerà del 6,1% e l export del 5,7 per cento. Non tutti i dati, però, sono positivi: il sintomo più evidente della crisi in Europa è dato dalla riduzione del tasso di commercio interno tra i Paesi UE. Il primo semestre 2012 si è chiuso con un -3,5% e il trend negativo potrebbe estendersi anche alla seconda metà dell anno e successivamente al di Andrea Curiat

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

I porti marittimi e la logistica in Italia

I porti marittimi e la logistica in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. I porti marittimi e la logistica in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 - I PORTI MARITTIMI E LA LOGISTICA: IL CONTESTO NAZIONALE 2009-2010...

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

INIZIATIVA DI STUDIO SULLA PORTUALITA ITALIANA

INIZIATIVA DI STUDIO SULLA PORTUALITA ITALIANA Ufficio per gli investimenti di rete e i servizi di pubblica utilità Servizio per le Infrastrutture e la regolazione dei servizi di pubblica utilità Presidenza del Consiglio dei Minis INIZIATIVA DI STUDIO

Dettagli

PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA

PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Indice generale Indice generale... II Introduzione...- 5 - Perché un Piano Strategico Nazionale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA

PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Indice generale Indice generale... II Introduzione... - 6 - Perché un Piano Strategico Nazionale

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Arianna Buonfanti 1 1 SRM Riassunto Scopo di questo paper è delineare l andamento e i possibili futuri scenari logistici nel

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Autostrade del Mare 2.0. Risultati, criticità, proposte per il rilancio

Autostrade del Mare 2.0. Risultati, criticità, proposte per il rilancio Autostrade del Mare 2.0 Risultati, criticità, proposte per il rilancio 2 APRILE 2014 Il presente rapporto è stato redatto da Andrea Appetecchia (Isfort) al termine di un itinerario di approfondimento sul

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

SEZIONE VENEZIA E LA SUA LAGUNA PATRIMONIO MONDIALE UNESCO PIANO DI GESTIONE 2012-2018 DOCUMENTO DI SINTESI

SEZIONE VENEZIA E LA SUA LAGUNA PATRIMONIO MONDIALE UNESCO PIANO DI GESTIONE 2012-2018 DOCUMENTO DI SINTESI SEZIONE VENEZIA E LA SUA LAGUNA PATRIMONIO MONDIALE UNESCO PIANO DI GESTIONE 2012-2018 DOCUMENTO DI SINTESI I VENEZIA E LA SUA LAGUNA PATRIMONIO MONDIALE UNESCO PIANO DI GESTIONE 2012-2018 DOCUMENTO DI

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA GESTIONE DELLA PROCEDURA DOMICILIATA DI ACCERTAMENTO DOGANALE (IMPORTAZIONE-ESPORTAZIONE) PRESSO IL SITO DELL OPERATORE ECONOMICO. VANTAGGI OPERATIVI EXPORT

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli