BILANCIO ECONOMICO. duemiladodici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO ECONOMICO. duemiladodici"

Transcript

1 BILANCIO ECONOMICO duemiladodici

2

3 Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell avere nuovi occhi. (Marcel Proust) ACANTHO duemiladodici 3

4 4 ACANTHO duemiladodici

5 Crescere è cambiare L azienda, nata nel 2010 dalla fusione tra Acantho e Satcom, ha tutte le caratteristiche della giovane età: energia, dinamismo, entusiasmo e potenziale inespresso. Abbiamo cercato di integrare queste peculiarità con quelle derivanti dalle storie precedenti di Acantho e Satcom, operando con esperienza priva di pregiudizi. Ed è proprio quest ultima che fornisce il coraggio e la determinazione per cercare il miglioramento continuo: attraverso i cambiamenti dell organizzazione interna, l aggiornamento dell offerta dei servizi e le strategie di relazione con partners e competitors. Abbiamo chiuso la nota che accompagnava il Bilancio 2011 dichiarando che la soddisfazione per i risultati positivi non ci impediva, ma piuttosto ci incoraggiava, a cambiare ancora la nostra struttura organizzativa, alla continua ricerca della massima efficienza. Ed è quello che abbiamo puntualmente fatto all inizio del 2012 creando un area di Controllo Direzionale e Acquisti, unificando le aree Commerciali e rivedendo le responsabilità della Direzione Tecnica. E certamente anche grazie ai cambiamenti operati che i risultati ci hanno premiato ancora una volta: il consuntivo 2012 è infatti di piena soddisfazione, sia in valore assoluto che in termini di conferma del trend positivo. Se pensiamo poi, e come non farlo, al periodo di crisi generale in cui questi risultati si collocano, non possiamo che ricavarne ulteriore gratificazione: per gli stakeholders, per i clienti, per noi e le nostre famiglie e, perché no, per il Paese alla ripresa del quale crediamo e cui, senza presunzione, vogliamo contribuire. Ci sembra opportuno anche sottolineare, a proposito di cambiamenti e di crescita, che all inizio di quest anno abbiamo fatto, di nuovo, un intervento di regolazione in ambito Direzione Tecnica per meglio assicurare che tutti i comportamenti mantengano il cliente sempre più al centro dell attenzione. In passato abbiamo detto di noi che vogliamo continuare a guardare avanti ed è quello che stiamo facendo senza però trascurare uno sguardo allo specchietto retrovisore: la consapevolezza dei risultati raggiunti, infatti, serve a prendere coscienza nei propri mezzi e a fornire ulteriori stimoli per gli impegni futuri. I numeri ci ricordano che stiamo sul mercato ormai da tempo, e che ci stiamo perché siamo stati capaci di leggere le esigenze dei clienti e di offrire loro servizi in linea con le attese. I numeri ci confermano che costituiamo una solida realtà di questo territorio. I numeri dicono che non è stata un illusione e che questi risultati li abbiamo davvero ottenuti: ne siamo orgogliosi e vogliamo continuare ad esserlo, vogliamo continuare a coltivare il nostro sogno. Perché, mentre le illusioni, si sa, non si trasformano in realtà, i sogni invece, lavorandoci con intelligenza e passione Il Presidente Loris Lorenzi Il Direttore Generale Roberto Vancini ACANTHO duemiladodici 5

6 B I L A N C I O Indice Cariche sociali pag. 7 Relazione sulla gestione pag. 9 Bilancio pag. 47 Stato patrimoniale pag. 48 Conto economico pag. 50 Nota integrativa al bilancio pag. 53 d Esercizio al 31 dicembre 2012 Allegati pag. 77 Relazione pag. 109 del collegio sindacale Relazione pag. 115 della società di revisione sul bilancio 6 ACANTHO duemiladodici

7 S O C I A L E Cariche sociali Consiglio di Amministrazione Loris Lorenzi Ferruccio Giovannelli Daniele Montroni Roberto Vancini Stefano Venier Presidente Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Collegio Sindacale Antonio Venturini Lauro Coronati Sergio Santi Fernando Lolli Elis Dall Oglio Presidente Sindaco Effettivo Sindaco Effettivo Sindaco Supplente Sindaco Supplente Direttore Generale Roberto Vancini Società di Revisione RIA Grant Thorton S.p.A. Società di Certificazione Qualità Det Norske Veritas DNV Italia S.r.l. ACANTHO duemiladodici 7

8 BILANCIO ECONOMICO

9 RELAZIONE SULLA GESTIONE PER L ESERCIZIO duemiladodici

10 R E L A Z I O N E S U L Signori Azionisti, il progetto di bilancio che presentiamo alla Vostra approvazione presenta un valore della produzione pari a e ,73, che ha consentito al Margine Operativo Lordo di attestarsi al valore di ,70 generando un Risultato Netto, prima delle imposte, di ,94. 0e/ EBITDA EBIT EBT NETTO Dal momento che le imposte per IRAP ammontano, per il 2012, a ,00 mentre la componente IRES si riflette negativamente sul valore delle imposte anticipate iscritte a bilancio per un importo di ,00, il bilancio 2012 presenta un utile netto pari a ,94. Se poi si tiene conto che sono stati accantonati ,00 per svalutazioni di crediti (K 275, portando a K 740 la disponibilità totale del fondo) compresi nell attivo circolante e per partecipazioni finanziarie (K 350 per WIMAXER), il risultato appare ancora più significativo, per altro di un ordine di grandezza superiore a quanto preventivato. 42,50 37,50 32,50 27,50 22,50 17,50 25,30 27,92 28, BUDGET 36,10 28,35 31,83 36,98 40,00 35,58 38,55 38,30 VALORE PRODUZIONE 40,47 L anno si è quindi chiuso con un incremento di 1,921mln del Valore della Produzione rispetto allo scorso anno (+5%), mentre si è verificata una diminuzione di K 300 del Margine Operativo Lordo (-3,5%), derivanti dall incremento di costo dell energia elettrica, dai costi di manutenzione emergenti per apparati usciti dal periodo di garanzia (in totale K 260) e dalla crescita dei costi per il personale (K 450), legati essenzialmente alla normalizzazione delle retribuzioni e a ferie non godute nel periodo. 10

11 L A G E S T I O N E Infine, come si può osservare dal grafico riguardante le vendite e le prestazioni, i ricavi per servizi si sono incrementati, dal 2007, di oltre il 70%, con una crescita composita annuale (CAGR) che si attesta sul 11,5%, un rimarchevole risultato sia per il settore che per gli anni di congiuntura economica. La società, in conclusione, ha saputo insomma esprimere il suo potenziale commerciale e tecnologico, valorizzando le proprie risorse e i propri asset, riducendo ulteriormente i costi ricorrenti e, dall altra parte, incrementando i ricavi caratteristici, soprattutto nel competitivo segmento di mercato dei grandi clienti VENDITE E PRESTAZIONI TOTALE VALORE DELLA PRODUZIONE RICAVI PTR IMMOB. LAVORI INTERNI ALTRI RICAVI TOTALE Già nel 2011, infatti, in un pur recessivo contesto economico di mercato mondiale e nazionale, si erano visti i primi segnali di un nuovo posizionamento sul territorio di riferimento, e la nostra proposizione commerciale è via via diventata sempre più competitiva e apprezzata, non solo per i contenuti tecnici ma anche per il posizionamento del prezzo. Tutto questo, ancora una volta, inserito in un anno che è stato molto complesso per l economia e per il settore dell ICT in particolare, portandoci a operare per il terzo anno consecutivo in un contesto praticamente di recessione, che ha ulteriormente compresso i prezzi di vendita e, di conseguenza, i margini. In questo periodo, peraltro, l industria delle telecomunicazioni del nostro Paese sta attraversando un periodo di profondi cambiamenti, dovuti sia allo scenario mondiale, che a situazioni specifiche del mercato italiano. Lo scenario mondiale evidenzia quanto l ICT e più in generale il mercato digitale sia diventato fondamentale per l economia e lo sviluppo dell intero globo: Facebook è il primo paese digitale secondo solo alla popolazione di Cina e India, mentre Apple è la prima società per capitalizzazione e, nelle prime sette, aziende ben quattro appartengono al mondo digitale. Dal punto puramente gestionale quindi, ovvero al lordo degli accantonamenti finanziari e di ulteriori, prudenziali, poste operative, il bilancio 2012 avrebbe raggiunto i risultati eccellenti, portando il risultato netto a oltre un milione di euro. L ultimo meeting del World Economic Forum ha posto l accento su come quella digitale sia divenuta un economia reale che nessuna azienda, come nessun Governo, può trascurare per l entità e la velocità del cambiamento che sta inducendo. 11

12 R E L A Z I O N E S U L Lo scenario nazionale, d altra parte, dopo un permanere di periodi di inazione, o di scarsi risultati dai programmi di sviluppo, da parte del Governo e delle Istituzioni, ha ora varato un AGENDA DIGITALE, che dovrebbe dare impulso, non solo agli investimenti, ma anche al sorgere di una serie di applicazioni informatiche, nel pubblico e nel privato, che potrebbero finalmente determinare una spinta verso l innovazione digitale e, a seguire, dell economia nazionale. Senza mai dimenticarci che, spesso, la realtà supera ogni nostra più grande e fervida immaginazione. Circa due secoli fa, l inventore del telegrafo Samuel Morse ( ) pronunciò questa frase visionaria, suscitando scetticismo e, forse, ironia: Se la presenza di elettricità può essere resa visibile in ogni parte del circuito, non vedo alcuna ragione per la quale l intelligenza non può essere trasmessa immediatamente dall elettricità. E invece di soli pochi giorni fa la notizia che un topo è riuscito, per ben otto volte su dieci, a far compiere a un altro suo simile le medesime manovre, che lui stesso eseguiva, per ottenere in cambio del cibo. Il primo stava in un laboratorio in California, il secondo in Brasile. I loro cervelli, collegati a sensori, hanno comunicato attraverso Internet. 12

13 L A G E S T I O N E Scenario di mercato I punti rilevanti sono sintetizzabili nelle seguenti considerazioni generali: l evoluzione ICT è totalmente guidata dal modello Internet ma è anche il mondo consumer a guidare le evoluzioni; lo sviluppo del mercato TLC mondo è guidato dai paesi BRIC che ormai vanno considerati emersi e driver di questo sviluppo; la larga banda mobile non potrà essere un sostituto o la soluzione per la banda larga in quanto l accesso (lo spettro del wireless) è condiviso; inoltre, le stazioni base del mobile hanno bisogno di fibra per la connessione alle dorsali; la banda larga, per crescere, ha bisogno della fibra ottica (+ 6,9% Y09/10 mentre + 1,1% Y10/11 accessi banda larga xdsl/fo) anche se il mercato si sta orientando sul mobile, trasferendo quindi il problema dalla rete di accesso a quella di raccolta; (g) dal 2007 al 2012 si è duplicato il numero di linee banda larga fissa a famiglie e imprese, mentre di sedici volte è superiore il numero di utenti che accedono a Internet in mobilità; (g) le infrastrutture a banda larga servono per la crescita del PIL e il ritardo nello sviluppo della banda larga costa all Italia tra l 1-1,5% del PIL; (g) lo sviluppo (fatturato, esportazioni, redditività) delle PMI riceve un forte impulso attraverso l ecosistema digitale (Indagine McKinsey su 415 PMI italiane, 2012) (d) con: - 2% di impatto diretto dell economia digitale sul PIL italiano; - 14% di contributo al PIL negli ultimi 4 anni; posti di lavoro creati tramite Internet; % di margine operativo per le PMI che operano su web; % espansione internazionale per le PMI che operano su web. Mondo Nel mercato ICT la componente TLC continua la sua crescita, rispetto al , nel periodo pari a +5,7% con Mld$ 2011, mentre la componente IT subisce una contrazione del +2,2% pari a Mld$, rispetto al + 4,2% del Questa crescita delle TLC nel mondo, dovuta anche ai paesi emergenti, si concretizza in quasi 6 miliardi di linee di telefonia mobile (+13% ), più di 2 miliardi gli utenti Internet (+10% ) e 600 milioni i collegamenti a banda larga (+12,5% ). (a) Nel 2011 nel mondo gli abbonati broadband in larga banda mobile sono due volte quelli attivi su banda larga fissa, mentre erano allineati nel 2010 (+129% in un anno), questo accompagnato anche dal sorpasso in quest anno delle vendite di smartphone sui PC, in termini di unità. (a) Europa Il mercato europeo TLC si caratterizza per una crescita negativa del -1,9%, e il valore tende a spostarsi verso il traffico Internet generato da non PC, fra cui gli smartphone/tablet, le connected TV e i dispositivi M2M. (g) Ricavi TLC 2011 EU 301 mld e Variazione % ricavi ARPU / mese 2011 Fisso 23% -7,6% e 22,2 Internet / dati 24% +2,6% e 27,9 Mobile 53% +0,9% e 13,0 La banda larga in Europa - Italia Var % (a) % Popolazione (g) % DSL (a) Accessi (mil) (g) Media UE 27 +4,6% 27,8% 76,3% 139,5 Italia +1,1% 22,5% 97,5% 13,4 I contributi in questa sezione provengono da queste fonti: Agcom - Relazione annuale 2012 (g) [1] Rapporto Assinform 2012 (a) [2] Sviluppare l economia digitale in Italia Digital Advisory Group con il contributo scientifico di McKinsey (d) [3] Per gli specifici contributi analitici nel testo viene riportata la sigla (g), (a) e (d) per evidenziare la fonte e analogamente, dove vi sia presente una risorsa web, il simbolo [1] indica un link riportato nella sezione Link in fondo alla presente Relazione. 13

14 R E L A Z I O N E S U L I ricavi tendono sempre più a spostarsi sulla componente mobile e Internet, e la sola componente mobile supera ormai il 50% del mercato (g), mentre la crescita della banda larga in Italia segna il passo, e la sua qualità (% DSL) è il segnale peggiore. Economia italiana e TLC L incidenza del sistema economico delle TLC nell economia italiana risente anch esso della crisi con un valore che oscilla fra il 4 e 5% sugli indicatori macroeconomici italiani. (g) Incidenza delle telecomunicazioni nell economia italiana ( in %) Var. % 10/11 Ricavi (servizi complessivi TLC/PIL) 2,71 2,57-5,2% Investimenti (TLC/Investimenti complessivi) 4,16 3,98-4,3% Spesa famiglie (TLC/spesa complessiva) 2,31 2,21-4,3% D altronde il settore delle telecomunicazioni, si conferma come l unico, tra i principali mercati di servizi regolamentati, a registrare una riduzione dei prezzi rispetto al (g) più realtà significativa per alcuni operatori di TLC, ed è in sinergia con la domanda broadband, ed entrambe queste offerte si sviluppano più rapidamente per il mercato mobile. Mercato TLC fisso / mobile Il mercato TLC denota la difficoltà del momento con un calo complessivo -3,4% pari a 40,39 Mlde 2011, dove però si evidenziano due nuove tendenze: - il mercato TLC fisso sta riducendo la sua contrazione anno su anno, prospettando una nuova base di equilibrio in attesa dello sviluppo NGN, con -2,2% pari 18,16 Mlde; - il mercato del TLC mobile non è più il motore del sistema complessivo, dovuto alla saturazione del mercato voce e al cambiamento di paradigma dell Internet mobile; il risultato 2011 è -4,4% con 22,23 Mlde. (a) ,0% ,4% Dinamiche delle principali tariffe pubbliche (2005=100) ,2% -4,4% Fornitura acqua Trasporti ferroviari Raccolta rifiuti ,6% ,2% Gas Energia elettrica Canone TV Servizi telefonici TLC MOBILI TLC FISSE Fonte: Assinform/NetConsulting Lo scenario delle telecomunicazioni italiano Continua la forte evoluzione verso l Internet mobile, e continua l attesa per lo sviluppo della NGN (primi segnali dal 2013), il fenomeno del cloud diviene sempre Voce Il traffico voce totale rimane inalterato (+0,4%) ma continua a trasferirsi dal fisso al mobile, con ormai oltre il 60% dei minuti sul mobile, con un trend di crescita di circa il 10% dal (g) 14

15 L A G E S T I O N E Traffico voce fisso e mobile (miliardi di minuti) La decrescita del settore mobile è dovuta a vari fattori: mercato maturo e quindi competizione spinta di fidelizzazione, crescita delle offerte bundle e traffico mobile che cresce nella componente on net. Il mercato del fisso, quindi, seppur minore come fatturato e utenza, mantiene una sua competitività. Difficile è la stima per i ricavi unitari per la componente dati (non comparabilità offerta/pricing), una stima è di una decrescita del 30% 2011, con un valore di ricavo e 2,1/GB/mese. (g) Mercato apparati/ infrastrutture TLC Var. % 10/11 Fisso 95,2 84,1-11,7% Mobile 124,0 135,9 9,6% Totale (fisso + mobile) 219,2 220,0 0,4% % Fisso su totale 43,4% 38,2% % Mobile su totale 56,6% 61,8% Ricavi unitari/cliente - variazione % 2010/11 Totale Residenziale Affari Rete fissa +2,7% +1,4% +4,6% Rete mobile -15% -16,4% -9,4% Il mercato apparati ha sofferto meno del mercato complessivo, registrando solo -0,9% con un valore di 8,65 Mlde 2011, vi è da osservare che il mercato delle infrastrutture segna un -2,4% e questo dovuto essenzialmente a due cause: le attese per lo sviluppo banda larga dell agenda digitale e le risorse utilizzate dagli operatori per l asta frequenze 4G. (a) 2011 (mil e) Var 11/10 Rete Fissa ,0% Accesso / MAN % Rete mobile ,6% Trasmissione fisso mobile ,0% Totale infrastrutture ,4% Su quest ultimo aspetto è bene porre un approfondimento: - l accesso continua a crescere per la riduzione del digital divide e l aggiornamento delle centrali a fronte della richiesta banda larga (+22%); - la domanda di banda Internet (mobile e fissa) fa continuare a crescere gli aspetti di efficienza trasmissiva delle infrastrutture (+4,0%). (a) Mercato dei servizi TLC/ rete fissa Vi è un segnale di rallentamento nell erosione di valore di questo mercato, - 3,2% per 14,36 Mlde 2011, con la voce che continua a decrescere, sia per la competizione sulle tariffe che per il drenaggio di traffico verso le reti mobili e VoIP, mentre i servizi VAS mantengono una discreta crescita; ma vi è un segnale simbolico interessante: la componente Internet ha un lieve segnale di decrescita (-0,6%). Le ragioni sono varie: dal mercato competitivo con le tariffe, ai nuovi clienti non ancora raggiunti in quanto in digital divide e alla scelta/necessità per gli utenti di passare alle connessioni Internet mobile. Comunque gli accessi in banda larga in Italia continuano a crescere nel 2011, anche se in modo meno significativo rispetto al 2010, con +1,1% pari accessi 2011, di cui in fibra ottica con una crescita del 2,3%. (a) Rete fissa banda larga I ricavi nel 2011 per le reti fisse sono scesi del 3,9%, ma una delle voci in controtendenza sono i ricavi del comparto reti larga banda, che registrano +3,0%, anche se la crescita degli accessi broadband su rete fissa continua ma con intensità sempre minore (crescite del 2,5% per trimestre nel 2010, 0,5% nel 2011). (g) 15

16 R E L A Z I O N E S U L Accessi a larga banda per classe di velocità nominale (%) OLO OLO+TI OLO OLO+TI >144Kbps 2 Mbps 10,3 19,2 7,6 13,5 >2Mbps <10 Mbps 80,9 72,4 82,0 78,2 10 Mbps 8,8 8,4 10,4 8,3 Decrescono gli accessi <2 Mbps (da 19,2% a 13,5%), crescono i broadband <10 Mbps (da 72,4% a 78,2%), mentre la crescita dell ultrabroadband è portata avanti essenzialmente dagli OLO. (g) Per le quote di mercato di Telecom Italia, nei servizi a larga banda retail, continua l erosione con le linee DSL passate dal 59,4% di YE09 al 53,7% del 1 Q/12, e le linee broadband dal 58,0% YE09 al 52,6% del 1 Q12 (accessi in migliaia). Accessi alla rete fissa rame TI e OLO (e loro tecnologie d accesso) dic 2010 dic 2011 Accessi Telecom Italia % % Accessi OLO % % Full unbundling % % Virtual ULL 79 1% 63 1% Fibra 279 4% 278 4% DSL Naked % % WLR % % Accessi complessivi Cresce la quota OLO di accessi alla rete rame (da 31% a 33%), ma non varia la tecnologia di accesso alla rete, rimanendo immutata come proporzioni fra dicembre 2010 e dicembre 2011, e gli accessi OLO (31/12/2011) sono ripartiti in: Wind 12,6%, Vodafone 9,3%, Fastweb 7,2%, Tiscali 2,1%, BT Italia 0,5%. Mercato TLC Mobile I ricavi dai dati sono pari al 50% dei ricavi voce, con una tendenza in costante aumento; la crescita dei ricavi dati è dovuta sia ai terminali 3G ma anche alle SIM dati, ma la crescita del traffico è soprattutto veicolata dal sempre più crescente utilizzo delle app per il mobile. (g) (I dati dei ricavi non sono direttamente comparabili con gli altri, in quanto AGCOM utilizza una diversa misurazione). Macro indicatori TLC telefonia mobile Italia Var % 10/11 Ricavi voce (Mlde) 10,47 9,69-7,4% Ricavi dati (Mlde) 4,53 4,93 +8,9% Cellulari 3G (mil) 34,5 38,6 +12% SIM dati (mil) 17, % Traffico dati (PB) % I servizi di rete mobile risentono della maggiore contrazione, -4,7% pari a 17,38 Mlde nel 2011, in cui la voce è la sezione a subire la maggiore decrescita -9,2%, mentre i servizi VAS continuano la loro crescita +5,5% anche se questo mercato è insidiato dagli OTT (Over The Top) con gli app store e quindi la possibilità di fruire di servizi indipendenti dal fornitore di connettività. Un ulteriore segnale di attenzione per questo mercato è la decrescita dell ARPU (Ricavi Medi per Utente), che nel 2011 è stato di -5,3%. (a) 16

17 L A G E S T I O N E Le telecomunicazioni su rete fissa, Internet, l integrazione con servizi IT e il cloud computing Sempre più gli operatori di TLC su rete fissa offrono servizi ICT business, soprattutto per perseguire questi risultati: - ampliare l offerta; - sfruttare la rete fissa come canale per veicolare i servizi da data center; - cogliere l occasione di transizione del mercato verso il modello cloud, con il passaggio di modello dal data center tradizionale; - integrare nei servizi di data center i centralini IP virtuali e le più generali soluzioni di unified communication e videoconferenza. Questo comporta sempre più un maggiore confronto fra i carrier TLC ed i player IT e questa evoluzione dell offerta, di conseguenza, presuppone per le TLC anche cambiamenti di competenze tecnologiche e commerciali, che possono essere attivate anche attraverso partnership tecnologiche. Mercato italiano Cloud Computing Il mercato del public cloud è cresciuto nel 2011 del +34% per un valore di 175 mile, con una forte focalizzazione sulla componente IaaS (Infrastructure as a Service): i servizi di data center, anch essi connessi con il fenomeno di private cloud, registrano un +6,8% per un valore di mile, in quanto l offerta si evolve dal modello di puro affitto spazio rack a modelli di servizio più evoluti. I benefici percepiti sono principalmente la scalabilità, l infrastruttura agile, ed i costi flessibili, mentre i fattori che ne frenano l adozione sono legati alla sicurezzaprivacy dei dati, alla disponibilità del servizio e a un modello di licensing del software, sia di base che applicativo, non ancora maturo: trainato da questa evoluzione sta iniziando a svilupparsi anche il Desktop as a Service (DaaS). (a) L Agenda Digitale L Agenda Digitale Europea (DAE) si prefigge di indicare la strada per sfruttare il potenziale sociale ed economico dell ICT, in particolare di Internet. Nel marzo 2012 è stata istituita l Agenda Digitale Italiana (ADI), che riceve le indicazioni della DAE, poi attraverso l operato dell Agenzia per l Italia Digitale ne permette il conseguimento degli obiettivi supportata anche dal Decreto Crescita 2.0 dell ottobre Nel dicembre 2012 sono state indicate le priorità per il biennio [5] Infine le regioni e le grandi città riproducono le proprie agende digitali regionali/cittadine, sforzandosi di mettere all attenzione le priorità a questi temi nell ambito del governo locale. Nuove convergenze multiple play L integrazione fra operatori di telecomunicazioni ed energetici si è avviata con vari casi nel mondo, creando offerte che dalla triple-play arrivano con i servizi di multi-utility a sixfold-play : energia elettrica, gas, acqua, telefono, internet e video. Questi aspetti comportano nuovi scenari di regolamentazione e sono già presi in considerazione dal dipartimento energia e FCC USA per la regolamentazione dei mercati. (g) Vi è quindi una nuova convergenza fra i mercati delle utility e delle TLC, dovuti ai servizi di smart metering, IoT e più in generale dal modello di smart cities. 17

18 R E L A Z I O N E S U L Mercato wholesale L azione di lungo periodo dell AGCOM ha portato a una sensibile riduzione delle tariffe di terminazione degli operatori: (g) [9] terminazione fissa: dal 2005 (da Fastweb 2,01 a Telecom IT 0,83 ce/min) al 2011 con tariffa unica di 0,57 ce/min; terminazione mobile: dal 2005 (da H3G 18,76 a TIM 12,60 ce/min) al 2013 con tariffa unica di 0,98 ce/ min. Per i servizi di accesso Telecom Italia, non si è invece avuto un analoga dinamica di riduzione, in quanto si è dovuto ponderare il rischio impresa per sostenere gli investimenti in reti NGN senza pregiudicare la redditività delle reti fondate sull accesso disaggregato, e questo ha portato al seguente quadro: DSL Naked: ,01 e/mese ,24 e/mese, in riduzione; WLR (Wholesale Line Rental): ,68 e/mese ,50 e/mese; Full/Virtual ULL: ,30 e/mese ,02 e/ mese Andamento della gestione Le TLC hanno definitivamente cambiato la loro natura, da servizi per far comunicare con la voce i clienti, a sistemi per interconnettere i clienti con molteplici servizi fra cui, anche, la voce. Questo cambiamento sposta il baricentro delle telco verso la banda larga e ultra larga, ed è sempre in crescita la necessità di capacità trasmissiva, per ora parzialmente soddisfatte anche dalla banda mobile (3G), in attesa dei piani di cablatura in fibra ottica per l Italia e, parallelamente, dello sviluppo del mobile 4G. In questo scenario, lo sviluppo è stato condizionato, e continuerà ad esserlo in futuro, da tre eventi nazionali: 1. l Agenda Digitale con il suo ruolo di sviluppo e indirizzo legislativo, governance normativa e organica coerenza degli investimenti, sia pubblici che privati; 2. lo sviluppo conseguente di offerte di connettività in fibra ottica verso un mercato sempre più esteso, e non solo da parte dell incumbent Telecom Italia; 3. i nuovi servizi 4G che vedranno la luce nel corso del 2013, creando un contesto di sviluppo della banda larga in senso molto più diffuso. D altronde, è chiaro che le TLC sono driver abilitatori per il mercato IT, di cui l espressione principale è l attuale mercato cloud e il prossimo mercato degli IoT, l Internet degli oggetti: ma, in questo contesto, lo sviluppo della larga banda è paradossalmente sia driver che follower dello sviluppo sul mercato cloud, a seconda del livello di maturità delle offerte. La reale insidia per questo sviluppo, è la mancata regolamentazione del rapporto fra operatori TLC, fornitori di trasporto, e gli OTT, fornitori di contenuti. Acantho nel corso del 2012 ha coerentemente portato avanti il proprio sviluppo in sintonia con questa visione: crescere sulla rete in fibra ottica, con attenzione alle MAN e conseguente incremento dei clienti connessi in tale modalità, ed espandere le reti wireless, con l integrazione della rete Geosat e la realizzazione di infrastrutture e impianti per il contrasto al digital divide. La rete, che rappresenta l asset fondamentale, è interessata da un piano di costante ammodernamento e adeguamento tecnologico, con particolare attenzione all accrescerne il livello di affidabilità in tutte le sue componenti. Analogamente, il data center ha beneficiato di un rinnovo tecnologico e potenziamento della piattaforma IT, intensificando anche in questo ambito le azioni mirate a contenere i rischi fisici negli ambienti, attraverso l utilizzo di apposite divisioni degli spazi, e logici nei servizi, mediante sistemi antifrode centralizzati. 18

19 L A G E S T I O N E A questo proposito, per consentire una sempre maggiore capacità di competizione derivante dalla stabilità dei nostri asset e dalla loro completa integrazione, si è ritenuto strategico procedere con la completa acquisizione della rete in fibra ottica di proprietà HERA S.p.A. Queste azioni hanno permesso, e permetteranno, ad Acantho di giocare il ruolo di Next Generation TelCo con il suo forte radicamento nel territorio, ma anche con capacità di sviluppo ed espansione sempre più ampie. Attività commerciali Come indicato nel prospetto di dettaglio, i ricavi complessivi delle Vendite e Prestazioni, tipici delle cinque aree di business, ammontano a Ke , con un incremento del 5,6% rispetto ai dati In realtà il fatturato caratteristico, ovvero comprensivo della voce Altri Ricavi al netto delle operazioni straordinarie poste in essere nel corso del 2011, è aumentato del +6,6% (Ke 1.445), mentre infine il Valore della Produzione è aumentato del 5% (Ke 1.921). Acantho (Valori in /1.000) Mercato Corporate Mercato Istituzionale Mercato Business Mercato Retail Mercato Wholesale TOTALE RICAVI 2011 Quota % 2012 Quota % Variazione assoluta Variazione % 2011/ , , , , , , , , , , , , , , , ,6% Il bilancio 2011 ha beneficiato di alcune operazioni straordinarie: in particolare il Mercato Corporate (una tantum di overall charge, per Ke 650) e il segmento Wholesale (IRU verso vari OLO per un controvalore di Ke 963). Nel corso dell esercizio 2012 le attività, commerciali sono state indirizzate sia nell ottica di un integrazione ed efficientamento delle strutture della Business Unit Top Corporate e della Direzione Marketing e Vendite, confluite nella Direzione Commerciale a fronte della riorganizzazione attuata a febbraio 2012, sia al conseguimento degli obiettivi commerciali dei singoli segmenti di mercato: 1. Corporate. Nel corso del 2012 le attività nei confronti delle società del Gruppo si sono focalizzate non solo sul consolidamento dei servizi esistenti, ma anche sullo sviluppo di nuovi servizi. Le principali forniture, eseguite nel corso dell anno, sono individuabili nei seguenti interventi: Rinnovo tecnologico dei Sistemi di fatturazione del Gruppo. Proseguendo il progetto per lo sviluppo delle attività d innovazione tecnologica della piattaforma ICT del Gruppo, avviato nel 2011 con l obiettivo di conseguire un progressivo miglioramento del livello di affidabilità della piattaforma medesima, il perfezionamento del processo di capacity planning e un ottimizzazione in termini di flessibilità ed efficienza in termini di costo, è stata svolta anche un importante parte del progetto relativamente, tra l altro, ai principali servizi di fatturazione del Gruppo. Potenziamento della server farm per mantenere le prestazioni della piattaforma tecnologica adeguate alla crescita dei servizi nell ambito del perimetro di riferimento, nonché per garantire la disponibilità degli ambienti di elaborazione e di storage necessari per l attivazione di nuovi servizi applicativi per il Gruppo HERA, gestiti da Famula-on-Line. Studio di fattibilità e progettazione esecutiva dei servizi di Disaster Recovery del Gruppo. Nel 2012 Acantho ha ricevuto mandato dal Gruppo HERA di studiare e progettare il servizio di Disaster Recovery nell ambito dei servizi tecnologici infrastrutturali informatici del Gruppo. A tal fine, e sulla base delle linee guida di riferimento, 19

20 R E L A Z I O N E S U L Acantho ha proceduto, tramite un processo di confronto competitivo, nell individuazione di un soggetto terzo i cui servizi - Data Center secondario e i servizi di trasmissione dei dati dal Data Center secondario alle sedi del Gruppo - saranno oggetto di integrazione con i servizi infrastrutturali propri del Gruppo. Nuove realizzazioni dell infrastruttura di comunicazione del Gruppo. Il 2012 ha visto Acantho impegnata in importanti progetti di infrastruttura LAN e WAN del Gruppo, tra cui la nuova sede di HERA Bologna e la ristrutturazione del campus della sede della Holding. Evoluzione della piattaforma di Call Center per il servizio di Pronto Intervento del Gruppo. Nel corso dell anno Acantho ha realizzato il progetto di evoluzione tecnologica e applicativa del servizio di Call Center Tecnico di Gruppo, che si è concluso con l approvazione da parte di HERA per il passaggio alla fase attuativa prevista nel Estensione e integrazione del servizio di FLEET MANAGEMENT alle postazioni mobili di Work Force Management che prevede un utilizzo di particolari terminali, le cui caratteristiche sono state individuate per l utilizzo operativo sul campo in condizioni particolarmente critiche. Consolidamento dei servizi di gestione dei servizi informatici territoriali con la progettazione dell integrazione dei servizi logistici (CED territoriali). Attivazione di due progetti pilota per la tracciabilità dei rifiuti. Mediante nuove tecnologie a bordo degli automezzi e sui contenitori per la raccolta rifiuti, Acantho ha realizzato l infrastruttura tecnologica per la raccolta dati dal campo, e la relativa trasmissione al centro servizi, in due progetti sperimentali previsti dal Gruppo in due comuni pilota, nelle province di Modena e Forlì- Cesena. 2. TOP Business. L esercizio ha visto una progressiva focalizzazione delle attività sul mercato TOP Business, sia dal punto di vista organizzativo sia dal punto di vista del posizionamento dell offerta. Nell ambito del customer set individuato, sono state sviluppate le attività commerciali mantenendo la focalizzazione sul progressivo trasferimento verso questo segmento di mercato delle competenze e delle esperienze maturate nell ambito del Gruppo. Di particolare rilievo la contrattualizzazione e la realizzazione della nuova rete dati per un importante Gruppo multinazionale, operante nel settore biomedicale, con le sedi principali nei comuni di Medolla e di Mirandola, fornendo quindi anche un importante supporto alla ripresa delle attività dopo il terribile sisma di fine maggio. 3. Istituzionale. In un contesto sempre più competitivo, reso più complesso anche dalle ristrettezze di bilancio in cui si trova in generale a operare la Pubblica Amministrazione, l azione sul mercato istituzionale si è sviluppata secondo tre direttrici principali: sviluppo delle relazioni e delle sinergie vs i competitor di riferimento; sviluppo delle relazioni e delle sinergie vs gli enti di riferimento; sviluppo di iniziative commerciali. I competitor di riferimento del Mercato Istituzionale sono individuati soprattutto in Telecom Italia S.p.A. e, per determinate tipologie di servizio, anche in Lepida S.p.A.: quest ultima, infatti, è un operatore TLC in house degli EE.LL. dell Emilia-Romagna, che ha consolidato ulteriormente la propria posizione. L attività sviluppata da Lepida ha un impatto sempre più significativo sui processi decisionali degli Enti, i quali possono appaltare direttamente a Lepida medesima servizi che spesso sono equivalenti a quelli erogati da Acantho. Inoltre, Telecom Italia - operatore incumbent - mantiene 20

SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER COMUNICARE

SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER COMUNICARE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER COMUNICARE NEL TERRITORIO, IN RETE. CHI SIAMO - Il partner tecnologico MISSION - La struttura che avvicina VALORI - Le basi per il futuro COSA FACCIAMO - Progetti per comunicare

Dettagli

www.100x100fibra.acantho.net

www.100x100fibra.acantho.net ........................................................................................................................ www.100x100fibra.acantho.net Acantho, con una rete di oltre 3.500 Km in fibra ottica,

Dettagli

TELECOM ITALIA@ICT TRADE. Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014

TELECOM ITALIA@ICT TRADE. Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014 TELECOM ITALIA@ICT TRADE Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014 Il Gruppo Telecom Italia oggi Ricavi 23.407 M.ni di Dipendenti 65.623 Unità Investimenti Industriali 4.400

Dettagli

POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ

POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ MC-linkoggi è un operatore di Telecomunicazioni la cui mission è quella di fornire servizi dati, telefonia, internet e data center di eccellenza. INTERNET La sua attività è

Dettagli

BILANCIO ECONOMICO. duemilaundici

BILANCIO ECONOMICO. duemilaundici BILANCIO ECONOMICO duemilaundici Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell avere nuovi occhi. (Marcel Proust) Credere nel cambiamento Le aziende, per crescere, devono

Dettagli

Andamento economico finanziario del Gruppo Telecom Italia - Risultati al 30 settembre 2010

Andamento economico finanziario del Gruppo Telecom Italia - Risultati al 30 settembre 2010 Andamento economico finanziario del Gruppo Telecom Italia - Risultati al 30 settembre 2010 I risultati raggiunti nei primi nove mesi del 2010 permettono di porre l accento su alcuni importanti traguardi

Dettagli

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera EasyCloud400 Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna Società del Gruppo Hera L opportunità Aumentare la flessibilità dell azienda in risposta ai cambiamenti dei mercati.

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Società del Gruppo Hera BILANCIO ECONOMICO. duemilatredici

Società del Gruppo Hera BILANCIO ECONOMICO. duemilatredici Società del Gruppo Hera BILANCIO ECONOMICO duemilatredici Bilancio Sociale Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell avere nuovi occhi. (Marcel Proust) 2 duemilatredici

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA: APPROVATI I RISULTATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA: APPROVATI I RISULTATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA: APPROVATI I RISULTATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014 GRUPPO TELECOM ITALIA RISULTATI PRELIMINARI RICAVI CONSOLIDATI: 21,573 MILIARDI DI EURO (-5,4% IN TERMINI ORGANICI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 TELECOM ITALIA TORNA ALL UTILE DOPO 3 ANNI UTILE NETTO CONSOLIDATO: PARI A

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA. Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere.

SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA. Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere. Allegato A SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere. Gestione Infrastruttura Sistema Informativo

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Cagliari, 14 maggio 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 31 marzo 2013. Ricavi consolidati

Dettagli

MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile

MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile 1 gen-10 feb-10 mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 set-10 ott-10 nov-10 dic-10

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) -Aggiornamento al 31 marzo 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Banda larga e ultralarga: lo scenario

Banda larga e ultralarga: lo scenario Banda larga e ultralarga: lo scenario Il digitale per lo sviluppo della mia impresa Ancona, 4 luglio 2013 L importanza della banda larga per lo sviluppo economico L Agenda Digitale Europea: obiettivi e

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 30 giugno 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

PaaS per utenti IBM AS/400

PaaS per utenti IBM AS/400 PaaS per utenti IBM AS/400 In collaborazione con Emilio Galavotti Direttore Strategie ACANTHO: SOLIDITÀ AL SERVIZIO DEI CLIENTI ACANTHO Acantho è la società di telecomunicazioni dell Emilia-Romagna attenta

Dettagli

1 Settembre 2015. Settembre 2015

1 Settembre 2015. Settembre 2015 1 Settembre 2015 Settembre 2015 L impegno di Hera nelle TLC HERA S.p.A. è proprietaria di quasi metà delle immobilizzazioni del Gruppo nelle TLC, la maggiore parte degli asset sono invece di proprietà

Dettagli

Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio

Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio Alberto Calcagno Roma, 12 giugno 2013 Il mondo always on e la broadband equation

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Cagliari, 14 novembre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato

Dettagli

Zerouno IBM IT Maintenance

Zerouno IBM IT Maintenance Zerouno IBM IT Maintenance Affidabilità e flessibilità dei servizi per supportare l innovazione d impresa Riccardo Zanchi Partner NetConsulting Roma, 30 novembre 2010 Il mercato dell ICT in Italia (2008-2010P)

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) - Aggiornamento al 30 settembre 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano Industriale 2014-2016 Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 - 1 - Piano IT 2014-2016 Digital Telco: perché ora I paradigmi di mercato stabile

Dettagli

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Valore della produzione di Primi sui Motori SpA 2013 pari a Euro 11,5 milioni, +9,4% rispetto al 2012 (Euro 10,5 milioni)

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Cagliari, 27 agosto 2010 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 30 giugno 2010. Risultato

Dettagli

CARTELLA STAMPA INDICE

CARTELLA STAMPA INDICE CARTELLA STAMPA INDICE Profilo Strategia Cloud Computing Fattori di successo Risultati economico-finanziari Compagine azionaria Scheda di sintesi Contatti IR TOP S.r.l. Via C. Cantù, 1 20123 Milano Tel:

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Resta inteso che il seguente studio rimane di esclusiva proprietà della SIRMI, che si riserva tutti i diritti relativi all utilizzazione.

Resta inteso che il seguente studio rimane di esclusiva proprietà della SIRMI, che si riserva tutti i diritti relativi all utilizzazione. L evoluzione delle società di Servizi IT Il fenomeno MSP SIRMI SPA per IBM ITALIA SPA Settembre 2013 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta la professionalità

Dettagli

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 1 Gli obiettivi della L.R. n. 11 del 2004 Promuovere l Information Communication Technology (ICT) Intervento integrato per pubbliche

Dettagli

La trasformazione in atto nei Data center

La trasformazione in atto nei Data center La trasformazione in atto nei Data center Data Center Hands On Milano, 13 marzo 2012 Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it I nuovi dispositivi Videocamera Console & Player Tablet Smart TV Dual screen

Dettagli

Newsletter Retail LA LETTERA DEL PRESIDENTE INDICE. NEWSLETTER RETAIL 07 Aprile 2006 http://company.fastweb.it

Newsletter Retail LA LETTERA DEL PRESIDENTE INDICE. NEWSLETTER RETAIL 07 Aprile 2006 http://company.fastweb.it Newsletter Retail La lettera del Presidente L evoluzione del mercato Il posizionamento di FASTWEB nel mercato tlc italiano L espansione geografica Risultati economico-finanziari 2005 FASTWEB in borsa L

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001 Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco 19 Novembre 2001 Valutare la trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto, misurando lo stato attuale di maturità

Dettagli

Memorandum Of Understanding. Italia Digitale. Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga

Memorandum Of Understanding. Italia Digitale. Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga Memorandum Of Understanding Italia Digitale Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga 1 Oggetto Il presente Memorandum of Understanding (nel seguito MOU ) ha come oggetto la definizione

Dettagli

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna La Regione Emilia-Romagna, nella persona dell Assessore alla Programmazione territoriale, urbanistica,

Dettagli

ll Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2005

ll Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2005 ll Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2005 Crescita dei ricavi: 736,2 milioni di Euro, +12% su base annua: accelerazione in Regno Unito, Olanda e Italia

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) -Aggiornamento al 30 giugno 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977.

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. L Azienda È una azienda specializzata nella vendita e assistenza di hardware, software e servizi informatici composta da un organico di circa settanta

Dettagli

Guadagnare con il Cloud. Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti.

Guadagnare con il Cloud. Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti. Guida al Cloud Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti. La situazione del mercato Le esigenze delle Piccole e Medie Imprese I vantaggi per dealer, ISV e integratori I vantaggi per

Dettagli

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Telematic Service Communication s.r.l. (TSC), viene fondata a Torino nel 1984 ed è un System Integrator, già

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Telecom Italia: esaminato e approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2015

COMUNICATO STAMPA. Telecom Italia: esaminato e approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2015 COMUNICATO STAMPA Telecom Italia: esaminato e approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2015 RICAVI: 5,1 MILIARDI DI EURO, -2,6% RISPETTO AL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa

CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa da CIO Survey 2013 NetConsulting 2013 1 CIO Survey 2013: Executive Summary Tanti gli spunti che emergono dall edizione 2013 della CIO Survey, realizzata

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 30 settembre 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 0 La metodologia Rilevanza per l impresal Innovatività Benefici di business Candidature 81 Imprese e PA finaliste 16 Imprese e PA vincitrici 6 1 Le categorie

Dettagli

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK P r o v i d i n g S o l u t i o n s Forum Internazionale sull innovazione e la cooperazione per lo sviluppo del cluster marittimo del Mediterraneo MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK 2015 Mercoledì 16,

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Tornare a crescere con il digitale

Tornare a crescere con il digitale Tornare a crescere con il digitale Trasformazione digitale a portata di PMI Cosa dicono le aziende modenesi? Giancarlo Capitani Il mercato ICT e digitale nel 2014-2015 Le anticipazioni del rapporto Assinform

Dettagli

La rivoluzione digitale: Una grande opportunità. Stefano Nocentini Maggio 2014

La rivoluzione digitale: Una grande opportunità. Stefano Nocentini Maggio 2014 La rivoluzione digitale: Una grande opportunità Stefano Nocentini Maggio 2014 Indice 2 1 ASPETTI GENERALI DELLA RIVOLUZIONE DIGITALE 2 COSA E IL CLOUD 3 POSSIBILI SERVIZI AGGIUNTIVI PER IL CLOUD DI FIEG

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 30 2014 18,3 (+0,1%) EBITDA:

COMUNICATO STAMPA 30 2014 18,3 (+0,1%) EBITDA: COMUNICATO STAMPA MC-link: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 giugno 2014 Valore della produzione: 18,3 milioni di euro (+0,1%) EBITDA: 3,7 milioni di euro (+3,6%) Risultato Ante

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 Wireline: continua la crescita dei ricavi, +2,1% rispetto al primo semestre 2004 (+2,3% crescita

Dettagli

SMART WORKING Il nuovo modo di lavorare secondo Telecom Italia TIM.

SMART WORKING Il nuovo modo di lavorare secondo Telecom Italia TIM. SMART WORKING Il nuovo modo di lavorare secondo Telecom Italia TIM. LO SMART WORKING CON TELECOM ITALIA E TIM Grazie anche alle soluzioni ICT e gli avanzati servizi abilitanti rappresentati da connettività,

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 31 marzo 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

AIM INVESTOR DAY. I Edizione Palazzo Mezzanotte 3 aprile 2014

AIM INVESTOR DAY. I Edizione Palazzo Mezzanotte 3 aprile 2014 AIM INVESTOR DAY I Edizione Palazzo Mezzanotte 3 aprile 2014 POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ MC-linkoggi èun operatore di Telecomunicazionila cui mission èquella di fornire servizi dati, telefonia, internet

Dettagli

Vi offriamo il futuro, oggi. Esigenze diverse, un unica risposta. SIDIN S.r.l.

Vi offriamo il futuro, oggi. Esigenze diverse, un unica risposta. SIDIN S.r.l. Company Profile SIDIN S.r.l. sede: Via Umbria, 27/A - 10099 San Mauro Torinese - TO - Italy Cod. Fisc. e Registro Imprese di Torino 02592380105 Part. IVA 11038340011 Capitale Sociale Euro 100.000 i.v.

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento Ricavi nel trimestre a 202,7 milioni di Euro, in crescita del 17% su base annua EBITDA nel

Dettagli

ACCORDO COMMERCIALE FASTWEB-VODAFONE

ACCORDO COMMERCIALE FASTWEB-VODAFONE Newsletter Retail Accordo commerciale FASTWEB-Vodafone Intesa commerciale FASTWEB-Sky Accordo tra FASTWEB e BBC per contenuti in Alta Definizione I risultati consolidati: III trimestre 2006 News FASTWEB

Dettagli

Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale

Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale ing. Mauro Draoli C O N F E R E N Z A TA L 2 0 1 4 Europa 2020 e Agenda Digitale Strategia Europa 2020 per superare l'impatto della crisi finanziaria

Dettagli

Risultati economici e finanziari in miglioramento

Risultati economici e finanziari in miglioramento COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015 Risultati economici e finanziari in miglioramento RICAVI pari a 9,6 milioni in crescita

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far

Dettagli

Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 -

Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 - Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 - La crescente attenzione delle Direzione Aziendali verso lo sviluppo dell Attività

Dettagli

Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008

Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008 Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008 L anno 2008 si è concluso con un totale di 1.580 iscritti contro 1.614 dell esercizio precedente. I soci in fase attiva di contribuzione al 31 dicembre 2008

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) - Aggiornamento al 31 Dicembre 2011 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

company profile struttura operativa 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE

company profile struttura operativa 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE DARIO TECCHIO partner - direttore area customer MASSIMO TECCHIO partner - direttore area delivery LUCA GIUMAN direttore generale STEFANO RAGNO direttore commerciale Infonet NW company profile Infonet Solutions

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015

COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015 Il Consiglio di Amministrazione ha esaminato e approvato il Piano Strategico 2015-2019 del Gruppo A2A *** Importante rilancio degli investimenti 2,1 miliardi di euro di

Dettagli

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag.

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. 4 Scheda di sintesi Pag. 6 Milano, ottobre 2004 1 La società e le sue attività Presente

Dettagli

TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI

TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI LA TUA GUIDA NELLE TELECOMUNICAZIONI TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI IL GRUPPO Costruire il successo

Dettagli

Newsletter Retail LE NOVITA DELL OFFERTA RESIDENZIALE DI FASTWEB INDICE. NEWSLETTER RETAIL 08 Settembre 2006 http://company.fastweb.

Newsletter Retail LE NOVITA DELL OFFERTA RESIDENZIALE DI FASTWEB INDICE. NEWSLETTER RETAIL 08 Settembre 2006 http://company.fastweb. Newsletter Retail Le novità dell offerta residenziale di FASTWEB I risultati consolidati: 1 semestre 2006 News FASTWEB in borsa L angolo dell azionista INDICE ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER RETAIL FASTWEB La

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

STRUTTURA OPERATIVA 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE DARIO TECCHIO LUCA GIUMAN MASSIMO TECCHIO

STRUTTURA OPERATIVA 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE DARIO TECCHIO LUCA GIUMAN MASSIMO TECCHIO DARIO TECCHIO partner - direttore area customer LUCA GIUMAN direttore generale MASSIMO TECCHIO partner - direttore area delivery ROBERTO TECCHIO partner -direttore area support amministratore unico STRUTTURA

Dettagli

INTERATTIVA PARTNER'S MEETING. Rimini, 29 30 Marzo 2012

INTERATTIVA PARTNER'S MEETING. Rimini, 29 30 Marzo 2012 INTERATTIVA PARTNER'S MEETING Rimini, 29 30 Marzo 2012 Rimini, 29-30 Marzo 2012 Telecom Italia Canale VAR ITIS 1 !!! tutto gira intorno a questa parola. Perche abbinandola al concetto di nasce un'idea.

Dettagli

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Il termine cloud computing è oggi largamente diffuso e utilizzato spesso impropriamente

Dettagli

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio Banda larga Asset strategico per la competitività del territorio La strategia digitale di Confindustria Verona Iniziative volte a promuovere la riduzione del digital divide culturale e infrastrutturale:

Dettagli

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Milano, 7 Giugno 2012 Cloud Computing: una naturale evoluzione delle ICT Trend n. 1 - ICT Industrialization

Dettagli

Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter

Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter Elena Vaciago Senior Associate Consultant IDC Italia ICT4Green Conference Nhow Hotel, Milano 17 Febbraio 2009

Dettagli

La Nuvola Italiana di Telecom Italia. Simone Battiferri Direttore Top Clients Domestic Market Operation

La Nuvola Italiana di Telecom Italia. Simone Battiferri Direttore Top Clients Domestic Market Operation La Nuvola Italiana di Telecom Italia Simone Battiferri Direttore Top Clients Domestic Market Operation Spesa ICT delle Imprese Italiane Incidenza Imprese su Mercato ICT Italia 2009 Caratteristiche Chiave

Dettagli

Stefano Perboni. CEO Gruppo Opengate. Road Show Nuovo Mercato. Palazzo Mezzanotte. 20 Novembre 2002

Stefano Perboni. CEO Gruppo Opengate. Road Show Nuovo Mercato. Palazzo Mezzanotte. 20 Novembre 2002 Road Show Nuovo Mercato Stefano Perboni CEO Gruppo Opengate Palazzo Mezzanotte 20 Novembre 2002 1 Crescita e consolidamento 3 anni di quotazione Presenza in piu settori 3 anni di quotazione 989 (+92%)

Dettagli