La gestione dei Fornitori Dominanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione dei Fornitori Dominanti"

Transcript

1 Vespertino La gestione dei Fornitori Dominanti Lunedì 30 settembre ore ASSOLOMBARDA SALA ERBA Via Pantano, 9 - Milano Sintesi degli Interventi Autori: Guido Albertini, Italo De Feo, Cosimo Delfino, Emanuela Grandi, Carlo Guastone, Giovanni Hoz, Franco Marconcini, Paolo Marnoni, Claudio Tancini, Marco Tosi, Marco Trevisan, Paolo Zaza

2 INDICE INDICE INTRODUZIONE ITALO DE FEO COSIMO DELFINO EMANUELA GRANDI CARLO GUASTONE MARCO TOSI GIOVANNI HOZ FRANCO MARCONCINI PAOLO MARNONI CLAUDIO TANCINI MARCO TREVISAN GUIDO ALBERTINI DIBATTITO CON IL PUBBLICO /09/2013 P2/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

3 1. Introduzione PAOLO ZAZA - CEO di SC, PM del CPO Club di Adaci e Coordinatore GdL Outsourcing del ClubTI Milano Il tema de rapporto tra clienti e fornitori sui contratti di servizi IT pluriennali è molto rilevante anche in Italia: l innovazione dei processi produttivi e la delocalizzazione hanno cambiato la fisionomia delle nostre aziende e trasformato il modo di lavorare. I clienti hanno timore di sviluppare relazioni di lungo periodo con i propri fornitori IT per il pericolo di perdere il controllo e per la difficoltà di mantenere un business case solido. Spesso l obiettivo del cliente è ridurre i costi e la complessità di gestione e in questa direzione si orientano le promesse dei fornitori. Ma questi fornitori, se non sono gestiti con attenzione, possono abusare della propria posizione dominante nei contratti pluriennali e diventare elementi di rischio per il cliente. In questo caso da fornitori strategici diventano fornitori dominanti. Il perdurare di questa situazione può trasformare una relazione strategica in una relazione conflittuale che distrugge valore per tutto l ecosistema. Per gestire situazioni di questo tipo sarebbe necessario creare e formare un team interfunzionale che si occupi della selezione e della gestione di questi fornitori, mentre troppo spesso tali responsabilità vengono affidate alla sola linea tecnica (IT) interna. Quali sarebbero dunque le competenze necessarie per gestire al meglio questo tipo di relazioni? Come si può trasformare un rischio di questo tipo in opportunità? In continuità con l evento del 2012, il Gruppo di Lavoro Outsourcing e Insourcing di Adaci e del ClubTi Milano, ha organizzato un incontro per raccogliere le esperienze più significative e trarne indicazioni utili per l intera community of practice. PROGRAMMA 18:15 Esperienze a confronto Italo De Feo Cosimo Delfino Emanuela Grandi Carlo Guastone Marco Tosi Giovanni Hoz Franco Marconcini Paolo Marnoni Claudio Tancini Marco Trevisan Partner di CMS e Chairman European Outsourcing Association Italian Chapter GM Enterprise IT del gruppo BT Purchasing Manager di Egidio Galbani Spa VP di Sernet e Consigliere Club TI Milano CPO di Fujtsu e Consigliere ADACI Lombardia Consulente IT Partner di SC CPO di Sia Spa e VP Adaci Lombardia IT Operation e Technology Manager di Zurich CEO di VPS (Value Purchasing Solutions) 19:00 Testimonianze: un caso di successo Guido Albertini Direttore Centrale Sistemi Informativi e Agenda Digitale del Comune di Milano 19:30 Dibattito con il pubblico coordinamento Paolo Zaza CEO di SC, PM del CPO Club di Adaci e Coordinatore GdL Outsourcing del ClubTI Milano. 30/09/2013 P3/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

4 ADACI: ASSOCIAZIONE ITALIANA ACQUISTI E SUPPLY MANAGEMENT. E l'associazione Italiana di Management degli Approvvigionamenti fondata nel 1968, riferimento culturale e professionale per chi opera negli acquisti. Il ClubTI, Club per le Tecnologie dell'informazione, fondato nel 1987, è una libera e spontanea associazione senza fini di lucro di professionisti dell'ict. Di seguito il dettaglio degli interventi. 2. Italo De Feo ITALO DE FEO - Partner di CMS Adonnino Ascoli & Cavasola Scamoni, Chairman of the European Outsourcing Association - Italian Chapter. Precedentemente Partner di DLA Piper e prima ancora avvocato presso gli uffici di Londra e Roma di Simmons & Simmons. D: Italo, come gestire al meglio i conflitti dal punto di vista legale? Gli strumenti per gestire al meglio dal punto di vista contrattuale eventuali situazioni di conflitto innanzitutto dovrebbero essere presenti nel contratto di outsourcing. Un buon contratto dovrebbe prevedere adeguate procedure di governance con reportistica ed incontri periodici tra le persone coinvolte ai vari livelli del progetto che consentano di far emergere l eventuale problema all inizio quando ancora lo si può affrontare e si può evitare che diventi sempre più grave. Allo stesso modo dovrebbero essere previste nel contratto le clausole per l escalation cioè per imporre alle persone che lo gestiscono di sedersi ad un tavolo e di cercare di risolvere il problema e, se non ci riescono, di coinvolgere immediatamente il management che sta sopra di loro fino al top management se è un contratto molto importante. Ovviamente è poi molto importante la flessibilità: questo è nell interesse di tutte e due le parti per consentire che il rapporto continui nel tempo. Così, per esempio, nel contratto ci possono essere delle clausole che consentono al cliente di modificare i servizi, nonché eventualmente anche il prezzo con delle procedure di benchmarking dei servizi i cui prezzi cambiano nel tempo e tendono a diminuire, e di parametrizzare il prezzo a quello di mercato. Inoltre nel contratto bisogna porsi dall inizio il problema della exit strategy. Il contratto di outsourcing è un po come un matrimonio per cui occorre fare degli accordi prematrimoniali - come in America quando ci sono tanti soldi in ballo. Occorre quindi stabilire e descrivere le situazioni in presenza delle quali su parametri obiettivi il cliente può decidere immediatamente di uscire dal contratto. Non ci si deve limitare a prevedere che il cliente possa risolvere il contratto nei casi di gravi inadempimenti, ma occorre specificare le circostanze obiettive in presenza delle quali la risoluzione è possibile. Per esempio stabilendo, attraverso la previsione di parametri obiettivi e verificabili, che se un servizio è bloccato per un certo periodo, oppure ci sono degli errori ripetuti o una violazione di servizio di una certa entità, il cliente deve poter risolvere il contratto ed il fornitore deve essere obbligato a fare l assistenza per la migrazione. Il miglior modo per essere in grado di gestire le controversie è avere il framework contrattuale adeguato, con rapporti contrattuali equi sotto tutti i punti di vista. Contrariamente a quanto normalmente si pensa, nella negoziazione non conviene a nessuno (neanche alla parte negozialmente più forte) cercare di strozzare la controparte per avere sulla carta un contratto fortemente sbilanciato a proprio favore. Ciò inevitabilmente genererà situazioni di conflitto ed incomprensioni 30/09/2013 P4/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

5 che si ritorcono contro ambedue le parti. Un rapporto di outsourcing è invece una relazione strategica win win e deve essere gestito come tale. Se non si riesce ad evitare il conflitto, ci sono alcuni accorgimenti da prendere per tutelare i propri interessi: verbalizzare quanto più possibile l esito delle riunioni, non inviare sconsiderate che possono essere usate come prove, fare attenzione anche nelle interne se il contratto è soggetto alla giurisdizione inglese o americana, perché lì c è l obbligo della discovery (ma anche in un contenzioso italiano è il giudice può richiedere le prove su richiesta di una delle parti), ricorrere alla mediazione facoltativa prima di andare in tribunale (per alcune materie la mediazione è obbligatoria, ma non nel caso di controversie relative a contratti di appalto / outsourcing). D: Se poi si finisce lo stesso in Tribunale, cosa succede? A mio parere il nostro sistema giudiziario riesce con difficoltà a gestire in maniera appropriata contenziosi di questo tipo. Alla fine spesso la decisione dipende dal Consulente Tecnico di Ufficio. I tempi sono lunghissimi e nel frattempo ambedue le parti ne subiscono le conseguenze (eventualmente anche il blocco dell operatività per il cliente che ha già subito il danno e l inadempimento contrattuale). A Roma e Milano i tempi medi di questo tipo di controversie sono in genere dell ordine di 3 anni per il primo grado e fino a 7-8 anni per la decisione definitiva se il contenzioso prosegue sino in Cassazione. L arbitrato è l alternativa più ragionevole in molti casi. Aggiungo che nei progetti multi giurisdizionali ci capita spesso che ci venga inviato dagli studi internazionali il contratto già completo da implementare a livello locale in Italia. La standardizzazione dei contratti è necessaria ma in questi casi l errore che si fa è di non coinvolgere in una fase iniziale della negoziazione le varie country per avere un parere sulla struttura del contratto che è stata individuata. Ci sono stati casi in cui in Italia non era possibile applicare il contratto per il ruolo dell incumbent e quindi il contratto andava modificato. 3. Cosimo Delfino COSIMO DELFINO - General Manager Information Technology for non-uk Countries, British Telecom. Precedentemente: IT Manager Unisource / Netscalibur D: Cosimo, quale è stato un progetto di outsourcing che ti sei trovato a gestire? Come hai gestito la fase di transition iniziale? Uno dei più grossi progetti è stato quello in cui come BT abbiamo affidato all esterno l application maintenance di 300 applicazioni in più di 40 paesi. Questo è avvenuto più di 5 anni fa ed in questo momento stiamo rivedendo il contratto utilizzando Tech Mahindra, uno dei più grandi outsourcers indiani, e trasferendo il knowledge delle nostre applicazioni per poter acquistare l application maintenance in modalità servizio. E stato ed è tuttora un progetto complesso non soltanto per la geografia ma anche perché, entrando nei dettagli, ci sono delle particolarità anche legislative diverse che ci vincolano nelle varie country pensate al tema della protezione dei dati, a tutte le procedure di sicurezza nel senso più ampio del termine che debbono essere gestite e garantite nelle varie nazioni. Quindi questa è un esperienza sicuramente interessante ed intensa. D: Quali sono le attenzioni da usare per cercare di mitigare i rischi? Innanzitutto lasciatemi dire che l outsourcing non è un discorso che va affrontato con un azione distruttiva magari sotto la pura spinta della riduzione dei costi o perché magari i nostri competitor hanno fatto un azione di questo tipo. Ma andrebbe affrontato come un azione di ridefinizione del modello operativo e di creazione di un servizio che sia al tempo stesso più flessibile, più efficiente e più controllato. Nella mia esperienza il così detto periodo di transition che è il periodo contrattuale iniziale di N mesi (mediamente 6 mesi, ma può anche estendersi a un anno per transition più complesse), è fondamentale per vari motivi. 30/09/2013 P5/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

6 Ecco alcuni suggerimenti per il periodo di transition: 1) definire chiaramente la metrica di controllo della transition: indicatori che permettono di evitare sia ritardi nella presa in carico del servizio da parte dell outsourcer sia degradi del servizio as is. La metrica è la bussola che permette di prendere decisioni ai vari livelli di governance (operativa, steering committee, ecc.); 2) approccio selettivo per applicazione (no big bang). Le applicazioni vanno selezionate sulla base di alcuni indicatori come numero di incidenti e service requests, complessità (tecnologia e customizzazioni), criticità per il business, ecc.; 3) garantirsi il supporto dell incumbent ed in particolare dei key people per la transizione del knowledge (gestire per tempo anche possibili problemi di IPR); 4) metodologia rigorosa di transition, di solita composta da alcune fasi, valide per ogni applicazione complessa, come: a. pre-transition (comprende la due diligence, il piano di dettaglio e la creazione del knowledge repository ) b. knowledge transfer (con il coinvolgimento anche dei key users/stakeholders per la conoscenza dei processi e del contesto di business) c. shadowing (l outsourcer osserva le attività BaU - Business as Usual - gestite da altre terze parti e dal personale IT interno) d. reverse shadowing (l outsourcer gestisce le attività sotto il controllo del personale IT interno e con il supporto delle altre terze parti) e. steady state (l outsourcer gestisce i sistemi in autonomia garantendo gli SLA/KPI richiesti) Il passaggio da una fase all altra è regolata da appositi Quality Gates formali e da un adeguata documentazione a supporto. 5) definire ed implementare durante la transition il nuovo service model (coinvolgendo anche le figure chiave del business), incluso il modello di governance e performance management, il controllo e la gestione del servizio. I service managers (dell outsourcer e quelli interni) devono partecipare alla transition e non entrare in campo in seguito. D: Da Italiano che si trova a gestire country diverse con autorevolezza, come gioca la geografia in termini di accettazione di un approccio strutturato? Ad esempio i Tedeschi dedicano più tempo a formalizzare la relazione, ma poi i loro progetti vanno avanti; gli Italiani vogliono partire subito, ma poi rimangono spesso inviluppati nei problemi non previsti. Ci sono delle barriere culturali notevoli. Secondo me è importante che in questi progetti la flessibilità ci sia da entrambe le parti. Una delle mitigation del diverso approccio è quello di avere una forte presenza locale o meno. In alcuni paesi in cui si ha l attitudine ad un approccio più soft a questo tipo di progetti, l avere una presenza fisica molto forte dell outsourcer che agisca da pungolo può aiutare rispetto ad altre situazioni dove una buona metodologia di per sé è invece sufficiente. Comunque è importante avere un controllo molto stretto ai vari livelli, dagli steering committee in giù. Questi progetti vanno controllati con frequenza settimanale a livello più basso, quindicennale o mensile ai livelli più alti. Ci deve essere un controllo che rende evidente anche l attenzione del management sui progetti. 30/09/2013 P6/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

7 4. Emanuela Grandi EMANUELA GRANDI - Purchasing Manager di Egidio Galbani SpA (Gruppo Lactalis) D: Emanuela, quale è un progetto di outsourcing che hai coordinato in Galbani e consideri più rilevante? Il mio team si occupa di acquisti diretti che sono prevalentemente imballi. E una macro categoria che a livello mondo in Lactalis vale oltre 600 M ed in Italia circa 60 M. Il progetto consisteva nel dare all esterno l attività di applicazione delle etichette su un certo tipo d imballi. Cioè invece di applicare etichette in Stabilimento Galbani farle applicare al fornitore d imballo. Il beneficio prevalente atteso dal PROGETTO era ottimizzare il Time to market e ridurre il TCO del prodotto finito (ad esempio una confezioni di mozzarella). D: Quali sono stati i motivi principali che hanno facilitato e ostacolato la partenza del PROGETTO? 1. Facilitato: CEO spingeva all innovazione dell imballo. L R&D spingeva di conseguenza. 2. Ostacolato: il direttore industriale (produzione) considerava questa innovazione troppo costosa e un forte cambiamento D: Chi ha scritto le specifiche tecniche del PROGETTO e quale è stata la funzione che aveva la responsabilità di gestire il transitorio del PROGETTO? Le specifiche sono state redatte dall R&D, mentre la responsabilità di gestire il transitorio è stato degli Acquisti. D: Quali criticità avete riscontrato nella implementazione? Per semplificare possiamo dividere le criticità incontrate in due gruppi: Difficoltà tecniche: essendo la cosa nuova anche le specifiche si sono dovute modificare in corso d opera Difficoltà dal punto di vista relazionale, ovvero il collegamento tra MKT, R&D e Fornitori. La produzione che era la più restia a far partire il progetto, è poi stata la meno critica durante questa fase. Completato il transitorio la produzione è stata quella che ha espresso maggiore soddisfazione sull esito del progetto. D: Potresti fare un esempio di gestione di fornitore strategico diventato dominate? E opportuno definire brevemente il contesto: la categoria era quella dei contenitori primari (tipo di imballo che è in contatto con il cibo). In precedenza vi erano due fornitori importanti: A leader e B secondo fornitore ma vicino al leader. Entrambi i fornitori erano di tipo Leverage, cioè erano fornitori che investivano molto nella relazione con Galbani. Vi era quindi un contesto di fornitura in forte concorrenza molto favorevole per Galbani. Ad un certo punto però il fornitore B viene venduto ad una azienda C molto più grande e controllata da un Fondo di Investimenti. Le relazioni di C con Galbani sono peggiorate perché C ha smesso di investire in innovazione per Galbani con il risultato che Galbani ha dovuto ridurre le quote di mercato di C passando gli ordini ad A e aumentando di molto la dipendenza di Galbani dal fornitore A. Il fornitore A sentendosi più forte grazie dell aumento di dipendenza di Galbani ha cercato di portare la relazione in termini di organizzazione, di obiettivi di breve e di gestione del contratto, verso una tipica relazione dominante inaccettabile per Galbani. E stato quindi lanciato un progetto di trasformazione che aveva l obiettivo di far crescere di nuovo il fornitore C per ridurre il potere del fornitore A. La difficoltà riscontrata immediatamente è stata che il CEO di 30/09/2013 P7/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

8 C ha comunicato di non essere interessato e si è chiamato fuori. Nonostante la proposta di Galbani fosse interessante il CEO non era disposto ad investire nuove risorse sul cliente Galbani e un tentativo di raggiungere una accordo negoziale si era concluso con uno scontro diretto tra il CEO di C ed il Purchasing Manager di Galbani, con la conseguente interruzione di ogni comunicazione. D: Quali azioni avete messo in atto per riportare la situazione nella vostra area di comfort? Galbani ha analizzato la situazione e deciso di giocare di sponda contattando in modo riservato il Presidente del Fondo che controllava il fornitore C. Il team di Galbani ha convinto il Presidente del fondo che la proposta di Galbani valeva al pena di essere considerata con maggiore attenzione perché i benefici erano rilevanti anche per il fornitore. Il Presidente del fondo ha quindi convocato urgentemente il CEO di C che ha riconsiderato positivamente l opportunità di Galbani. Il risultato del progetto è stato un accordo interessante per tutti. 5. Carlo Guastone CARLO GUASTONE - VP Business Development di Sernet. Precedentemente Direttore Operativo Datamont, Direttore Sistemi Montedison, Direttore Sistemi Standa, Direttore Organizzazione Fininvest, Direttore Sistemi e Servizi Mediaset D: Carlo ci potresti parlare di una tua esperienza su una categoria nella quale ti trovavi a discutere con un fornitore strategico diventato dominate? Quali rischi e quali opportunità hai individuato? Che vincoli hai avuto? Quali leve hai usato per assicurare nuovamente un corretto rapporto fra azienda-fornitore? Illustrerò un esperienza che descrive una situazione di alcuni anni fa che potrebbe ancora essere attuale. In quel periodo una società del Gruppo in cui operavo ha affidato ad un fornitore dominante, leader di mercato dei servizi IT infrastrutturali e di outsourcing, un rilevante progetto applicativo, scelta motivata dalle forti relazioni direzionali che il Fornitore dominante aveva attivato. Il risultato del progetto non è stato positivo, non solo per responsabilità del fornitore dominante, ma per le difficoltà intrinseche del progetto (specifiche funzionali e tecnologiche estremamente complesse e altamente innovative). In questo caso il fornitore dominante, uscendo dal suo core business ed entrando nel mondo applicativo non ha certamente migliorato la sua posizione verso il Gruppo. Una seconda esperienza è molto datata e fa riferimento ad una scelta alternativa per un grande mainframe, operata da una società del Gruppo in cui operavo come Direttore dei Servizi ICT. La scelta si era orientata verso l acquisto di un mainframe plug-compatible (si diceva così allora) che ci ha consentito di rompere la situazione di dominanza da un grande fornitore di hardware comprando una macchina da un nuovo fornitore che aveva raggiunto la leadership attraverso un prodotto innovativo molto performante. In questo caso si è costituito un team costituito dal Responsabile Servizi IT di Gruppo e dalle Direzioni Centrali, ma è stato il Responsabile Servizi IT a prendersi i maggiori rischi. Il ritorno poi è stato molto buono. D: In questo secondo caso quali erano le relazioni e il sistema di interessi esistente tra azienda (funzioni IT, Acquisti, Business Lines, Staff) ed il Fornitore dominante? Dato che il nuovo prodotto era molto innovativo e si è dimostrato essere molto performante l azienda ha premiato il procurement team per aver dimostrato un attitudine fortemente innovativa. D: Come ti sei garantito per evitare l insorgenza di problemi a valle di un ridimensionamento del Fornitore dominante? Le partite aperte con quel fornitore dominante erano molte e una volta dimostrata la capacità e l indipendenza del team nel ricercare alternative, le relazioni sono migliorate di molto su tutti i tavoli aperti, favoriti dal fatto che con il fornitore dominante si sono promossi importanti progetti di innovazione 30/09/2013 P8/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

9 tecnologica nell area networking, system management e automazione delle operazioni del centro di Calcolo. In pochi anni il fornitore dominante ha accresciuto la leadership passando di fatto da fornitore dominante a fornitore strategico. 6. Marco Tosi MARCO TOSI - CPO di Fujitsu Italia. Consigliere ADACI Lombardia. Precedentemente Purchasing Manager AstraZeneca D: Marco, mi permetto con te di introdurre un tema che mi sta a cuore, cioè la gestione della sostenibilità nel mondo degli acquisti. Come vengono gestiti i temi ambientali (ecologia) in un progetto di outsourcing? In particolare quali azioni vengono effettuate nel controllo e monitoraggio su questo tema nel caso di Fornitori strategici o di Fornitori dominanti? Il primo aspetto è che se ne deve tenere conto. Lo smaltimento in termini economici incide poco (1-2%) ma ha impatto a livello penale e a volte viene poco considerato. In generale l outsourcer si rivolge a subcontractor. Se il cliente non è attento questo è pericoloso. Dal punto di vista del processo vanno ben definite le attività. Dal punto di vista delle responsabilità si deve chiarire chi fa che cosa. D: Passiamo alle persone. In un progetto di outsourcing, quali sono i rischi e le conseguenti azioni di mitigazione dei rischi nel caso in cui il Fornitore abbia preso in carico un certo numero di risorse del Cliente Finale? In generale il progetto di outsourcing viene confuso con la terziarizzazione. In realtà se l obiettivo è quello di ridurre risorse, allora esistono strumenti migliori dal punto di vista giuslavoristico. Se in un contratto di outsourcing si prevede il passaggio di persone è fondamentale che il cliente abbia visibilità su come queste persone verranno impiegate. La durata di un contratto è in genere inferiore alla vita professionale di una persona. Si deve quindi fare in modo che quelle risorse siano condivise anche da altri clienti per evitare di non aver problemi quando il contratto di outsourcing andrà in scadenza. Capisco la preoccupazione di alcuni clienti che il lavoro non venga svolto come prima se le risorse vengono condivise con altri clienti, ma è preferibile consentirlo. E importante che le persone che sono passate al fornitore non siano vincolate al contratto con noi che prima o poi finirà. Se questo non è possibile si deve capire che cosa fare quando il contratto finirà. Non vi è una soluzione unica, ma ogni soluzione deve essere discussa nelle fasi di RFP per capire che cosa succederà nel lungo termine. D: Un progetto di outsourcing è generalmente costituito da: End Users > Outsourcer > Sub- Contractors. Come è definita la governance del progetto e quali sono le modalità di controllo nei confronti di un fornitore dominante? La governance è uno degli elementi chiave. Il controllo a volte richiede un tale dispendio di energie che ci si pente di aver terziarizzato le attività. Si deve controllare il fornitore ed i sub-contractors con riunioni periodiche e metriche utili con tutti gli stakeholders. Tutti gli attori importanti devono partecipare anche per favorire il miglioramento continuo del servizio. Vi può essere anche un profit sharing se la governance è fatta bene. Non esiste una ricetta unica. 30/09/2013 P9/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

10 7. Giovanni Hoz GIOVANNI HOZ - Consulente IT. Precedentemente Direttore Sistemi Informativi e Telecomunicazioni di grandi aziende sanitarie come il Policlinico Gemelli di Roma e l Azienda Ospedaliera San Gerardo di Monza D: Giovanni, dopo aver sentito interessanti esperienze nel mondo manifatturiero e dei Media vorrei passare al mondo della sanità. Ci potresti parlare di come si presenta il mercato IT per la sanità, dal punto di vista dei fornitori dominanti? La domanda è estremamente frammentata. I sistemi IT sono diversi da Regione a Regione (per esempio, il SISS c è solo in Lombardia), addirittura da Azienda Ospedaliera (AO) ad AO nella stessa ASL. Le regioni sono organizzate diversamente tra loro: in alcuni casi, AO e ASL si identificano (1:1), in altri un ASL ha più AO (ad es. nella ASL Monza e Brianza, vi sono due AO principali - Monza e Vimercate - che hanno 2 sistemi diversi!). Quindi non ci sono fornitori dominanti a livello nazionale, mentre ci sono fornitori prevalenti (ma non monopolisti) a livello di AO. Ci sono poi dei dominanti in sistemi di nicchia : ADT (Accettazioni Dimissioni Trasferimenti), CUP, laboratori, radiodiagnostica, rianimazione, ecc. D: Quindi sembrerebbe più facile, smontare delle singole applicazioni e andare verso pochi grandi fornitori? Perché non viene fatto? Teoricamente è vero, ma consideriamo che, a grandi linee, un ospedale ha 2 sistemi, totalmente diversi tra loro: uno alberghiero (prenotazioni, accettazione, dimissioni, posti letto, pasti, parte amministrativa, rapporti con l ASL, rimborsi, DRG, ecc.) e uno di campo (interfacciamento e gestione degli strumenti di laboratorio, RMN, TAC, letti di rianimazione, trattamenti oncologici, parti, ecc.). Mentre il primo è teoricamente fungibile (anche se con possibili ricadute sul funzionamento dell ospedale) ed è composto da 2-3 sistemi di 2-3 fornitori diversi, il secondo deve essere pienamente operativo 24/24 e 365/365. Il secondo tratta aree spesso molto diverse tra loro ed estremamente complesse (che richiedono una forte comprensione del processo ), e normalmente è composto da N sistemi di N fornitori diversi. L assurdo è che tutti gli ospedali, in Italia, fanno quasi le stesse cose, ma tutti le fanno con prodotti diversi, organizzazioni diverse, ecc., e quindi ognuno ha una sua propria specifica e spesso inutile complessità. D: Ma quindi la logica dell outsourcing, o ancora più del cloud, è da scartare? Assolutamente no! Perché questa innovazione, specie in periodo di spending review e crisi economica, è l unica strada per razionalizzare il settore. Ci sono però delle forti complessità da risolvere perché bisogna considerare che: deve essere garantito un uptime del 99,99% (come detto sopra), e questo viene sicuramente assicurato meglio dal sistema del fornitore esterno; ogni ospedale fa quasi le stesse cose di altri ospedali, ma in modo diverso dagli altri; il cloud affronta la complessa gestionale interna (spesso seguita da poche persone), ma si deve tenere presente che, otre al problema dell uptime, i dati di un ospedale sono al 99% sensibili e spesso molto critici. La soluzione in cloud deve permettere la rintracciabilità ed il controllo dei dati, deve stoccarli solo all interno della EU (meglio se in Italia), richiede reti ridondate ad alta affidabilità, ecc. L esigenza di soluzioni di questo tipo è in aumento, perché il problema che la cosiddetta medicina difensiva (cioè quella attività che l ospedale deve fare per contrastare eventuali azioni legali da parte dei Pazienti insoddisfatti) impone ed imporrà sempre di più di fare miriadi di RMN, TAC, esami di laboratorio in gran parte non essenziali dal punto di vista strettamente medico, e quindi la mole di dati da stoccare e trasportare è in aumento esponenziale. Pertanto il cloud, se ben applicato, sarà una soluzione utilissima. 30/09/2013 P10/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

11 8. Franco Marconcini FRANCO MARCONCINI - Partner di SC. Precedentemente IT Operations Manager, Siemens IT Solutions and Services SpA D: Franco, i progressi della tecnologia permettono spesso l adozione di processi sempre più efficienti a costi inferiori. Questo è specialmente vero nei settori dell informatica e delle Telecomunicazioni. E possibile per le aziende abbassare i propri costi interni e al tempo stesso innovare se fanno uso di outsourcer? Abbassare i costi interni e al tempo stesso innovare è certamente un risultato possibile anche con l utilizzo di outsourcer, ma è necessario, perché ciò avvenga con un effetto duraturo nel tempo, che la relazione Cliente/Fornitore che si crea sia una relazione di tipo strategico stabile. Quando invece l azienda Cliente si trova in una relazione con un Fornitore che diventa dominante, spesso scopre che l obiettivo di ridurre i costi o quello di introdurre innovazioni è difficilmente raggiungibile. Ci sono dei Fornitori che per un lungo tempo sono dominanti sull intero Mercato perché le loro soluzioni o i loro prodotti sono vincenti e unici (basti pensare all incremento di valore della Apple a seguito del lancio del primo iphone). In questo caso ai Clienti non rimane che subire questa situazione di asimmetria di potere, ma ciò non porta ad uno svantaggio competitivo quando tutti i clienti sono nella stessa situazione. E invece molto diverso il caso in cui un Cliente decida di affidarsi a un Fornitore con un contratto pluriennale per creare una relazione strategica e averne quindi un vantaggio competitivo, e si ritrovi dopo poco tempo con un Fornitore dominante. Nel Mercato ci sono moltissimi esempi di relazioni strategiche Cliente/Fornitore stabili e di successo che creano valore per tutto l ecosistema di business, ma vi sono anche casi di relazioni che divengono conflittuali. Il tema della gestione dei Fornitori strategici che diventano Fornitori dominati è quindi uno dei temi più caldi per molte aziende e la categoria di acquisto del settore informatico non è l unica in cui ciò accade. Per capire come gestire al meglio un Fornitore dominante e farlo ritornare ad essere un Fornitore strategico è necessario sempre analizzare le motivazioni che hanno portato in primo luogo alla stipula del contratto di lungo termine e quali sono i vincoli sottesi. Le motivazioni più comuni sono in genere riconducibili a due tipologie: innovazione di servizio tramite la selezione di un fornitore forte perché capace di fornire soluzioni innovative e sempre aggiornate; riduzione dei costi tramite: o la selezione delle soluzioni più economiche disponibili sul mercato per ridurre il TCO e rinegoziare al ribasso costi in essere su ambiti no-core; o la riduzione degli asset in carico (macchinari, persone, ecc.). I vincoli della scelta sono invece spesso legati alle alternative di fornitura disponibili, ai tempi della negoziazione, ai valori in gioco, alle competenze specifiche del team del Cliente, specialmente se raffrontate alle competenze del team del Fornitore. Inoltre, molto rilevante per il risultato finale è anche la capacità negoziale del team del Cliente ed il fatto che l approccio adottato per la stipula del contratto sia coerente con la cultura degli interlocutori. Il tipo di approccio si traduce nel tipo di contratto: un contratto formalizzato fino ai più piccoli dettagli (approccio anglosassone) 30/09/2013 P11/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

12 un contratto definito solo nelle linee essenziali (approccio più comune nella cultura latina che privilegia le relazioni alla gestione strutturata). E chiaro che, a volte, in mancanza di tali capacità e competenze è difficile per il Cliente ottenere un contratto ben fatto che favorisca una buona governance, che è la condizione necessaria per ottenere un rapporto strategico col Fornitore e per prevenire la trasformazione di tale rapporto da strategico a dominante. Così accade che, per esempio, terminato il periodo iniziale del rapporto contrattuale, spesso i Fornitori assegnino una priorità più bassa alla risoluzione dei problemi dei Clienti vincolati, considerandoli a minor rischio di abbandono. Se inoltre il referente interno del Cliente tarda a denunciare questi comportamenti dominanti per paura di essere ritenuto incapace di gestire con polso la relazione, il Cliente si ritrova con uno svantaggio competitivo durevole nel tempo. D: Come cambia la possibilità di adottare soluzioni innovative se gli outsourcer utilizzati diventano fornitori dominanti nel corso del rapporto contrattuale? I tradizionali servizi di ICT infrastrutturali hanno bisogno di un investimento iniziale con lunghi tempi di ammortamento. Ciò implica che normalmente c è un tempo di latenza prima che le tecnologie possano essere aggiornate, a meno che il Cliente non sia disposto a pagare importi aggiuntivi per le innovazioni tecnologiche stesse. Quando un outsourcer si trova ad essere in una posizione di Fornitore dominante non avrà alcun interesse ad investire risorse in una relazione che sente già protetta e quindi rallenterà l adozione di innovazioni per massimizzare il proprio ritorno economico di breve termine. Fin dall inizio è quindi necessario definire dei punti di flessibilità contrattuali per poter rispondere alle nuove esigenze che potranno insorgere nel tempo di durata del contratto (tra queste anche l inserimento di innovazioni). Un contratto dettagliato è un buon punto di partenza nella relazione Cliente/Fornitore, ma non è comunque sufficiente per il successo della relazione stessa. Per avere una buona gestione del rapporto contrattuale e prevenire il deterioramento della relazione Cliente/Fornitore occorre tener presente che anche altri elementi hanno grande influenza. Tra questi i più importanti sono: la chiarezza delle comunicazioni tra le parti ai vari livelli, la convergenza di intenti per far funzionare i servizi nel lungo periodo, la disponibilità per la gestione del contratto di risorse appropriate sia lato cliente sia lato fornitore. In considerazione di questi elementi la relazione Cliente/Fornitore può essere mantenuta al livello di relazione strategica solo se il cliente ed il fornitore assicurano entrambi l allineamento delle tipiche leve operative del sourcing: competenze, metriche, processi, organizzazione e sistemi informativi di supporto. 9. Paolo Marnoni PAOLO MARNONI - Head of Purchasing&Suppliers Management, SIA S.p.A. e Vice Presidente ADACI Lombardia. Precedentemente: ITC Purchasing Manager, Deutsche Bank Italia D: Paolo, quale è lo stato dell outsourcing, visto dall osservatorio di Adaci? Adaci è l associazione italiana dei professionisti degli acquisti. Ha 25 anni di storia e circa 1500 soci tra le principale aziende le Paese. E parte di IFPSM il network internazionale delle associazioni acquisti che raccoglie nei principali Paesi industrializzati oltre professionisti di supply management. 30/09/2013 P12/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

13 Adaci ADACI - ASSOCIAZIONE ITALIANA ACQUISTI E SUPPLY MANAGEMENT fondata nel 1968, principale punto di riferimento culturale e professionale per chi opera negli nel supply chain management. Nel 1998 è stata creata ADACI Formanagement (S.r.l. con ADACI socio unico) che segue tutte le attività di formazione. E parte di IFPSM (International Federation of Purchasing and Supply Management) che è la federazione mondiale delle 48 Associazioni Nazionali e raggruppa oltre professionisti del Supply Chain Management. IFPSM è una federazione apolitica, indipendente e non profit. La missione di IFPSM è quella di facilitare lo sviluppo e la diffusione delle competenze e delle best practices nella professione degli Supply Chain Management (SCM). 2 Il mercato dell outsourcing è in forte evoluzione e si sente sempre più spesso parlare di insourcing, in particolare nel mondo anglosassone. Il tema dell offshoring che in passato ha spesso accompagnato contratti di outsourcing è in controtendenza. Il presidente Obama ha dato segnali fiscali forti per favorire l inshoring (riportare in USA attività per favorire l occupazione) e le prime risposte non hanno tardato: Apple riporterà in USA la produzione di linee di PC WallMart ha riportato in USA contratti pluriennali per un valore complessivo di 50 BIL $! Procter and Gamble ha rimesso in discussione e ridotto, in occasione della scadenza decennale, il contratto di outsourcing informatico sottoscritto nel 2003 con EDS, dichiarando di volerne ridurre lo scope. American Express e General Motors hanno annunciato intenzioni similari. In questo contesto l Italia sembra essere un po in ritardo ed in controtendenza: Unicredit nel 2013 ha esternalizzato la gestione delle infrastrutture tecnologiche in una Joint Venture con IBM, ed aveva realizzato un analoga iniziativa con HP nel 2012 per le attività di gestione amministrativa delle risorse umane. E anche vero però che anche in Italia i problemi nella gestione di alcun fornitori classificati strategici stanno venendo alla luce solo ora ed il tema della gestione di questi fornitori divenuti dominanti è attuale su molti tavoli. 30/09/2013 P13/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

14 10. Claudio Tancini CLAUDIO TANCINI - IT Infrastructure & Operations Manager, Zurich corporate. Partner Informatica Plus, Founder and President, Informatica Solidale Onlus. Vice President, ClubTi Milano. Precedentemente IT Operation e Technology Manager Zurich Italia D: Claudio puoi parlarci di una recente esperienza di successo nella gestione di un Fornitore dominante? Da Luglio 2013 mi occupo, in diretto riporto da Zurigo, di un complesso progetto di ottimizzazione infrastrutturale a livello europeo dato che tre anni fa si è deciso di fare un outsourcing infrastrutturale importante. Zurich ha negli ultimi 10 anni scelto di usare a livello mondo due leve strategiche di competitività: maggiore centralizzazione geografica; focus sul core business delle assicurazioni e outsourcing delle funzioni no-core. Nei vari Paesi la combinazione di queste due leve ha portato a implementare localmente grandi contratti di outsourcing definiti centralmente, generando le condizioni per una potenziale dominanza al quadrato. Chi voleva mettere in challenge il fornitore di outsourcing aveva due interlocutori: il fornitore e casa madre che spesso difendeva il fornitore stesso. Abbiamo lavorato sulle relazioni e sulla governance. Sulle relazioni per capire chi erano gli stakeholders: business centrale, business locale, il fornitore locale, fornitori off-shore. Poi si è cercato di allineare le aspettative di IT di casa madre, fornitore e business locale. Il business locale inizialmente era in una condizione di debolezza perché il fornitore dominante aveva fatto crescere i costi. Il team italiano ha affrontato la questione nel 2012 analizzando, con il supporto di uno specialista esterno, i problemi creati dai due principali fornitori IT diventati dominanti, capendo le cause, e mappando tutti gli stakeholders interni e del fornitore. Si è quindi elaborato un piano di trasformazione. Tale piano è poi stato attuato con il supporto degli stakeholders interni. In particolare per due dei tre dei fornitori oggetto del progetto i risultati non hanno tardato ad arrivare e oggi la relazione è nuovamente classificabile come strategica ed in grado di produrre gran parte del valore atteso centralmente anche su base locale. Si sono ridotti i costi e si è fatto capire a chi si lamentava dei costi comunque più elevati rispetto al passato, il perché questi costi erano saliti, abbassando quindi l aggressività del business locale. Si è lavorato molto sulla relazione. D: Claudio puoi parlarci della tua esperienza di outsourcing degli acquisti? Avendo scelto di fare outsourcing come strategia, in Italia sono state spostate circa 10 persone dall ambito acquisti ad altri incarichi interni. Un errore fatto spesso nell outsourcing IT è stato quello di non avere sufficiente attenzione per il perimetro dell outsourcing. C è un nocciolo duro che è molto chiaro, e poi c è una fascia che si avvicina al business che è molto più pericolosa. In questo caso inizialmente si è esternalizzato troppo (ad esempio area incident management). L uscita di persone che conoscevano bene i processi ha creato non pochi problemi. Ho visto a volte un approccio un po americano : prima si fa e poi si capisce. L approccio tedesco, più prudente, sarebbe stato più utile. E peraltro vero che in alcuni casi se non si segue un approccio americano non si riesce a superare il distacco e a realizzare l outsourcing. 30/09/2013 P14/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

15 11. Marco Trevisan MARCO TREVISAN - Chief Executive Officer and Partner, Value Purchasing Solutions (V.P.S.) Srl. Precedentemente Head of Technology Supply Chain Management Vodafone Italia D: Marco quali sono le tue esperienze nell outsourcing della funzione acquisti come fornitore? VPS ha ormai 8 anni di esperienza nell outsourcing dei servizi di acquisto e supporta le aziende nella negoziazione e nell implementazione di contratti di outsourcing per i propri clienti. Si è trattato di esperienze di successo malgrado quasi sempre ci sia stata una fase iniziale complicata. La complicazione nelle fasi iniziali è stata quasi sempre imputabile alle resistenze al cambiamento da parte delle risorse che vedevano il rischio di perdere il lavoro. Il governo del processo ed il commitment delle due parti sono elementi fondamentali per la buona riuscita del progetto. Negli ultimi anni l outsourcing degli acquisti sta cambiando e oggi risulta spesso mirato a categorie no-core, almeno per quanto riguarda le imprese già consolidate. Ho notato che le aziende, in particolare le aziende manifatturiere, stanno ricominciando a fare insourcing delle categorie core (anche in termini produttivi) per mantenere e valorizzare la competenza. Si stanno invece giustamente liberando di attività non a valore aggiunto, dove professionisti esterni possono fare meglio e a costi inferiori, dando l opportunità alle risorse interne (spesso in numero limitato) di concentrarsi sulle attività di acquisto core e di portare risultati importanti in tale aree. Per quanto riguarda il tema dei fornitori dominanti, personalmente penso che in relazione a determinati servizi, non esistono fornitori dominanti, se non quando l azienda ha paura di affrontare il cambiamento. Conosco e abbiamo gestito direttamente vari casi di successo di sostituzione del fornitore, avvenuti senza perdite economiche per il cliente anche grazie ai compensi sulle eventuali penali da parte del fornitore entrante. In relazione alla gestione dell eventuale contenzioso, ricordo a tutti che, prima di arrivare in giudizio (dove i tempi italiani sono troppo lunghi), esiste la possibilità della mediazione civile e commerciale (molto utilizzata all estero). La mediazione può avere ottime probabilità di successo perché, quando effettuata da professionisti esperti, riesce a coniugare le esigenze e le necessità delle due parti. D: Nella tua decennale esperienza in Vodafone, quali sono state le tue esperienze sull outsourcing come cliente? In qualità di responsabile acquisti tecnologici di Vodafone Italia, ho promosso e supportato l outsourcing in varie aree aziendali e ho dovuto gestire anche momenti complicati. Anche in questo contesto ho visto molti casi di successo e pochi casi in cui lo sforzo di gestione è stato importante e non solo in fase iniziale. Quando abbiamo scelto di implementare l outsourcing per servizi più semplici, ben perimetrati e regolati opportunamente sin da subito, grazie all esperienza delle risorse che lo erogavano già prima dall interno dell azienda, i casi sono stati di successo e sostanzialmente indolori. Quando invece i perimetri non erano perfettamente definiti, o erano su processi core o adiacenti al corebusiness, i problemi non sono mancati. In tali casi lo sforzo per la gestione è stato pesante e ha richiesto un impegno continuo, anche dal punto di vista negoziale. 30/09/2013 P15/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

16 12. Guido Albertini GUIDO ALBERTINI - Direttore Centrale Sistemi Informativi e Agenda Digitale del Comune di Milano D: Guido, ci potresti parlare della tua esperienza nella gestione di fornitori strategici e dominanti come CIO del Comune di Milano? Sono Direttore Centrale Sistemi Informativi e Agenda Digitale del Comune di Milano da 1 anno e 8 mesi. Quando sono arrivato mi sono trovato nella condizione di gestire un importante contratto di outsourcing che era stato firmato circa un anno prima. In considerazione della importanza economica del contratto che aveva come oggetto il PC fleet management dei dipendenti del comune (circa postazioni di lavoro; un valore di vari milioni di e una durata di tre anni) la realizzazione della gara era stata data in outsourcing a Consip (centrale acquisti della PA a Roma). Al mio arrivo la situazione era difficile, i clienti interni erano poco soddisfatti. Alcuni collaboratori, essendo poco presente internamente un cultura adatta a gestire fornitori di dimensioni rilevanti, operavano in modo artigianale. Il fornitore stesso sembrava essere un po in difficoltà e spaesato perché il Comune di Milano rappresentava in questo ambito una delle sue referenze più importanti e la situazione non era di soddisfazione per nessuno. Utilizzando la matrice dei vendor (Figura 1) l evoluzione della relazione potrebbe essere semplificata in due fasi: Nel dicembre 2011 vincendo la gara Consip il fornitore era passato da essere fornitore tattico e fornitore strategico. Nel febbraio 2012 si avvia il transitorio di presa in carico del servizio ed il fornitore non riesce ad esprimere al meglio il suo potenziale ed il livello di attenzione percepito dal cliente scende portando il fornitore a muoversi verso il quadrante dei fornitori dominanti. 30/09/2013 P16/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

17 Contesto Alta Forn. Emergente Forn.Strategico Feb 2011 Attenzione al Cliente da parte del Vendor Dic 2010 Lug 2012 Source: Method P1 2 Bassa Forn. Tattico Bassa Dipendenza del Cliente dal Vendor Forn. Dominante Alta 2 Figura 1 Nel luglio 2012 la situazione richiedeva una svolta perché il tipo di relazione presentava in termini di organizzazione, di obiettivi e di uso del contratto la tipica situazione di fornitore dominante (Figura 2) Tipo di Relazioni per ogni quadrante Luglio 2012 Tipo di Relazione For. Tattico (Relazione Tecnica) For. Emergente (Relaz. Funzionale) For. Strategico (Relazione Strategica) For. Dominante (Relazione in conflitto) Organizzazione Interfaccia di relazione sia tecnica che acquisti Knowledge exchange taskforces Vendor strategic report e Management committees I comitati di Governance non funzionano più Obiettivi Savings con negoziazioni tattiche Savings del cliente con collaborazione Saving di ecosistema Il vendor cerca di massimizzare solo i suoi margini Contratti Contratti con Service-Level Agreements e penali Contratti con benchmarking Condivisione rischi e benefici I contratti sono poco usati. Gli SLA non sono rispettati o sono rispettati, ma con bassa soddisfazione 5 5 Figura 2 In un incontro con il fornitore sono analizzate le possibili alternative: 30/09/2013 P17/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

18 1. Portare la relazione verso il conflitto, chiedendo il pagamento delle penali per il mancato rispetto degli SLA contrattuali 2. Cercare di riportare la relazione verso il quadrante dei fornitori strategici con un progetto svolto in collaborazione con il fornitore stesso ed il supporto di uno specialista esterno. Si decide con il fornitore di intraprendere la seconda strada. Mi riservo la possibilità di ritornare alla prima alternativa qualora avessi riscontrato poca collaborazione da parte del fornitore. Concordo quindi con il service manager del fornitore di iniziare un progetto congiunto secondo l approccio riportato in Figura 3. Approccio Con tre workshop si è arrivati ad elaborare un PIANO DI TRASFORMAZIONE condiviso dal Core Team Misto Orecchio Testa Megafono W1 W2 W3 Condividere le Decisioni IDENTIFICAZION E DEI PROBLEMI RICERCA DELLE CAUSE ELABORAZIONE PIANO DI TRASFORMAZIO NE IMPLEMENTAZIONE DEL PIANO 6 6 Figura 3 Il progetto si è svolto con il supporto di una società specializzata e ha permesso in un workshop di due giornate con le risorse operative delle due aziende di identificare i problemi sul campo e darne una priorità. Le evidenze del workshop sono state quindi condivise con il management. E stata evidenziata la diversa percezione della stessa situazione tra gli operativi ed il management. Si è poi passati a un secondo workshop con gli operativi per ricercare le cause e poi ci si è confrontati nuovamente con il management per documentare anche il loro punto di vista. Un terzo workshop ha portato alla definizione bottom-up di un PIANO DI TRASFORMAZIONE che prevedeva l allineamento alla strategia delle cinque leve operative del vendor management: Processi, Competenze, Organizzazione, Metriche e Sistemi Informativi di supporto. Il risultato è stata l approvazione da parte del management delle due aziende del PIANO DI TRASFORMAZIONE DELLA RELAZIONE che era stato suggerito bottom up dagli operativi. Si è quindi passati all implementazione del piano stesso. Il forte appoggio da parte degli operativi nella implementazione è stato facilitato dal fatto che PIANO DI TRASFORMAZIONE non era stato calato top down, ma era nato nel corso dei vari workshop proprio dal team operativo. Ci si è mossi all interno dello stesso contratto facendo funzionare i comitati di governance. E stato stabilito che doveva esserci una certa disciplina e un ricambio delle persone non adeguate al ruolo. Si è partiti con una nuova modalità che inizialmente è stata vissuta con un certo scetticismo perché la resistenza al cambiamento è sempre alta. Mettendo attorno al tavolo le persone interessate e rimuovendo le principali cause si è potuto ricreare una relazione strategica. Nel momento conflittuale era stato perso anche una parte del controllo del budget di progetto e si è scopeto che vi erano delle risorse economiche che non erano state utilizzate. Utilizzando tali risorse è stato possibile 30/09/2013 P18/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

19 create delle squadre operative aggiuntive per velocizzare l esecuzione del piano di trasformazione. Si è quindi creato un circolo virtuoso che ha facilitato la collaborazione, ed il livello di servizio è migliorato. Si sono rotti degli schemi gerarchici troppo rigidi e questo ha consentito di accorciare la distanza tra le due parti. I risultati del nuovo modus operandi non hanno tardato ad arrivare, e distanza di nove mesi possiamo dire che l organizzazione della relazione ha ripreso a funzionare (Figura 4). Organizzazione Luglio 2012 Set 2013 I comitati di Management non funzionavano più e si ricorreva con troppa frequenza all escalation. Si è rivitalizzato il comitato operativo e il comitato di governance. 7 7 Figura 4 Gli obiettivi sono tornati ad essere coerenti con una relazione di tipo strategico (Figura 5). 30/09/2013 P19/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

20 Obiettivi Luglio 2012 Set 2013 Il vendor veniva percepito orientato a massimizzare i suoi margini di breve periodo. Il vendor è percepito come sponsor di una attività collaborativa volta ad ottimizzare i saving di TCO dell ecosistema fornitore+cliente. 8 Figura 5 E anche l uso del contratto è cambiato radicalmente passando da una gestione artigianale ad una gestione più industriale. Contratti Luglio 2012 Set 2013 Il contratto veniva poco usato. Solo alcuni SLA erano rispettati e si percepiva una bassa soddisfazione del cliente Finale. La relazione contrattuale è focalizzata sul vero livello di soddisfazione del cliente e il fornitore viene percepito pronto a condividere rischi e benefici. 9 Figura 6 La ricerca dell eccellenza è un percorso continuo perché il contesto cambia e le sfide si rinnovano, ma devo dire che a Settembre 2013 la relazione è tornata ad essere di tipo strategico (Figura 7). 30/09/2013 P20/23 La gestione dei Fornitori Dominanti

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli