I FOCUS TEMATICI dell Osservatorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I FOCUS TEMATICI dell Osservatorio"

Transcript

1 Anno IV - N 9 1 I FOCUS TEMATICI dell Osservatorio Luglio La violenza contro le donne nella provincia di Grosseto attraverso le statistiche del Centro Antiviolenza A cura di: Immagine tratta dalla campagna Mai più sola promossa da Regione Toscana (http://www.regione.toscana.it/maipiusola)

2 2 Violenza contro le donne nella provincia di Grosseto Un fenomeno complesso e ancora sommerso Focus tematico n 9 Luglio 2009 Qualunque atto di violenza sessista che produca, o possa produrre, danni o sofferenze fisiche, sessuali o psicologiche, ivi compresa la minaccia di tali atti, la coercizione o privazione arbitraria della libertà, sia nella vita pubblica che nella vita privata : questo è ciò che si intende per violenza contro le donne o violenza di genere. La violenza contro le donne costituisce ad oggi un fenomeno ancora largamente sommerso; è ormai noto, infatti, che la parte conosciuta, ossia quella che emerge dalle situazioni conclamate (accessi al pronto soccorso, denunce, accessi ai vari centri di ascolto), rappresenta soltanto una sottodimensione del fenomeno. Un fenomeno che è stato per molto tempo trascurato e che negli ultimi anni è stato oggetto di attenzione e approfondimenti. In questo senso, è da segnalare il forte impegno della Regione Toscana che ha attualmente in corso un progetto (http://www.regione. toscana.it/maipiusola), volto alla sensibilizzazione sul tema e alla costruzione di azioni di contrasto alla violenza sulle donne, che prevede la costruzione di un sistema informativo della violenza di genere con l anagrafe delle strutture a livello regionale e i dati sugli accessi a tali strutture (con l intento di cominciare a studiare il fenomeno su dati concreti e monitorare il suo andamento nel tempo). Il presente lavoro, dunque, rappresenta il tentativo di tratteggiare la presenza della violenza di genere sul territorio grossetano attraverso i dati del Centro Antiviolenza di Grosseto. Nella consapevolezza che ciò di cui si dà conoscenza costituisce soltanto una misura parziale, la classica punta dell iceberg. Alcune doverose premesse, anche per sfatare qualche luogo comune, prima di presentare la rete provinciale dei centri di ascolto e di accoglienza e passare all analisi dei dati: quando si parla di violenza contro le donne si parla di un fenomeno complesso e sfaccettato che comprende differenti tipologie di maltrattamento: il maltrattamento fisico, il maltrattamento economico (inteso come privazione o controllo), il comportamento persecutorio o stalking (spesso nei casi in cui la donna cerca di allontanarsi da una relazione violenta), la violenza sessuale, il maltrattamento psicologico (pressione, svalorizzazione, minacce, strategia della paura, etc.); la situazione di violenza è una condizione che spesso si protrae e si ripete per anni; la violenza contro le donne è molto spesso violenza domestica, ossia perpetrata nell ambito di una relazione coniugale o di convivenza (in corso o interrotta che sia). Il clima di violenza si sviluppa nel tempo in modo graduale, con episodi violenti seguiti da pentimenti; gli uomini che maltrattano tendono ad isolare, svalorizzare, umiliare e rendere dipendenti (economicamente e psicologicamente) le donne vittime della loro violenza; i maltrattamenti sulle donne rappresentano un fenomeno trasversale: la violenza domestica non è confinata in ambienti sociali e culturali degradati, né si tratta di tipizzazioni ben definite. Nella maggior parte dei casi i maltrattanti sono definiti dalle vittime come insospettabili.

3 Violenza contro le donne nella provincia di Grosseto 3 Il Centro Antiviolenza e i punti d ascolto Il Centro Antiviolenza è nato a Grosseto nel 1999 per iniziativa dell Amministrazione Provinciale, del Comune, della ASL n 9 e con il contributo della Regione Toscana. Grosseto rappresenta da questo punto di vista un eccezione: la maggior parte dei centri esistenti sul territorio nazionale infatti è nata ad opera del volontariato e solo in un secondo tempo ha avuto il riconoscimento delle istituzioni. Dal 2004 la Provincia si fa carico con il proprio bilancio di sostenere il Centro Antiviolenza Partita inizialmente con il Centro Antiviolenza di Grosseto, la rete di sportelli e punti di ascolto conta oggi 5 accessi: oltre a quello originario sono infatti attivi i punti di Orbetello, Manciano, Follonica e Castel del Piano. La gestione del Centro è stata affidata all associazione Olympia De Gouges di Grosseto, costituita da donne formate al ruolo specifico di Operatrici di Centri Antiviolenza per donne. L associazione, nata nel 1998 e iscritta all Albo regionale delle Associazioni di volontariato, attraverso il lavoro di questi anni ha costruito una rete fra le strutture di riferimento (magistratura, forze di polizia, enti locali, strutture socio sanitarie) per dare alle donne in temporanea difficoltà accoglienza, protezione e assistenza. Ad oggi, oltre alla crescente opera di sensibilizzazione sul territorio, la rete offre le seguenti attività e tipologie di supporto: accoglienza telefonica, prima accoglienza personale, consulenza legale, consulenza psicologica, accompagnamento nel rapporto con enti e istituzioni. Quanti e quali maltrattamenti? I dati degli ultimi anni evidenziano un aumento del numero di donne che si rivolgono al Centro Antiviolenza: quanto questa misura è indice di una crescita della violenza sulle donne e quanto invece riflette l accresciuta capacità/possibilità/coraggio delle maltrattate di uscire allo scoperto? In altre parole: è in aumento il fenomeno violenza o soltanto la parte emersa, e quindi visibile, di esso? Forse è il caso di dire che sono certamente cresciute volontà e possibilità di far emergere una condizione di violenza, ma che il fenomeno non è certo in via di esaurimento e anzi fa sentire ancora forte la sua presenza. Focus tematico n 9 Luglio 2009 Dal 1999 al 2008 si sono rivolte al Centro Antiviolenza 349 donne. Nel periodo , se si esclude il picco del 2003, si sono avuti dai 20 ai 30 casi annui, mentre i numeri sono saliti negli ultimi due anni con 58 casi nel 2007 e 59 nel Gli ultimi dati al 30/06/2009 danno riscontro di ulteriori 32 casi nel primo semestre dell anno, che fanno salire a 381 i casi totali e che sembrano mantenere il fenomeno sui livelli dell ultimo biennio Andamento del numero di casi trattati al Centro Antiviolenza. Anni

4 4 Violenza contro le donne nella provincia di Grosseto Focus tematico n 9 6 Luglio Settembre Il tipo di violenza subita è in massima parte di tipo fisico/psicologico (42%) ma una quota rilevante è rappresentata da maltrattamenti di tipo economico (19%) e psicologico (17,7%). Significativi anche i casi di violenza sui figli (9%) e di violenza sessuale (6,1%); più contenuti gli episodi di stalking (persecuzione), abuso sessuale in età infantile (10 casi totali) e molestia sessuale (6 casi totali). Generalmente il maltrattamento è una condotta non episodica. E spesso il coraggio di uscire dalla situazione arriva dopo un percorso pluriennale di violenze. Oltre il 40% dei maltrattamenti segnalati ha avuto una durata da 1 a 5 anni, oltre ¼ durava da oltre 10 anni e l 11,6% da oltre 20 anni. Distribuzione % dei maltrattamenti per tipologia. Anni Fisico/psicologico Economico Psicologico Violenze sui figli Violenza sessuale Stalking Incesto abuso sessuale in età infantile Molestia sessuale 3,1% 1,9% 1,2% 6,1% 9,0% 19,0% 17,7% 42,0% 0% 9% 18% 27% 36% 45% Distribuzione % dei maltrattamenti per durata. Anni % 40% 30% 20% 10% 0% 2,8% Unico episodio 10,8% Meno di un anno 42,2% Da 1 a 5 anni 17,5% Da 6 a 10 anni 5,6% Da 11 a 15 anni 9,6% Da 16 a 20 anni 4,4% 7,2% Da 21 a 25 anni + di 25 anni Oltre la metà delle donne che si sono rivolte al centro ha un età compresa tra 26 e 41 anni e la classe di età più numerosa è quella delle 34 41enni con oltre il 28% dei casi. Consistenti anche le fasce di età e anni. Le fasce giovanili rappresentano un non trascurabile 10% dei casi, con le minorenni che si attestano al 2%. Chi sono le maltrattate? 35% 28% 21% 14% 7% 0% Antiviolenza per classe di età. Anni ,1% 7,9% 23,3% 28,4% 15,4% 13,7% 5,1% 4,1% < > 65

5 Violenza contro le donne nella provincia di Grosseto 5 Antiviolenza per stato civile. Anni Si tratta in massima parte di donne che vivono una convivenza (complessivamente sposate e conviventi sono quasi il 70%). Il 18% sono separate o divorziate, il 12% nubili e il restante 2% vedove. Oltre la metà delle donne che hanno contattato il centro ha un titolo di studio basso (il 46% ha la licenza media inferiore o un percorso formativo post media inferiore) o molto basso (il 10% ha la licenza elementare o nessun titolo). Il 29% ha un diploma di scuola media superiore mentre il 15% è costituito da laureate. Seprata/ Divorziata 18% Convivente 16% Vedova 2% Nubile 12% Sposata 52% Antiviolenza per titolo di studio. Anni Media superiore 29% Formazione professionale 7% Laurea 15% Nessun titolo 1% Media inferiore 39% Elementare 9% Focus tematico n 9 Luglio 2009 Il 75% dei casi è rappresentato da donne italiane. Il 25% di straniere è costituito per la gran parte da extracomunitarie, principalmente senza permesso di soggiorno. Antiviolenza per nazionalità. Anni Italiana 75% Straniera 25% UE 5% Extra UE (senza PdS) 17% Extra UE (con PdS) 3%

6 6 Violenza contro le donne nella provincia di Grosseto Focus tematico n 9 6 Luglio Settembre Una parte del fenomeno violenza è legato alla condizione di dipendenza della donna dal marito/convivente. L analisi della situazione lavorativa mette in evidenza la cospicua parte di donne in situazione di dipendenza economica: complessivamente il 40% sono casalinghe (22,3%), disoccupate (15,6%) o studentesse (2,5%). Di contro, non è trascurabile l entità di casi in cui la donna sembra avere una certa indipendenza economica Antiviolenza per professione. Anni Casalinga Disoccupata Operaia Collaboratrice domestica Impiegata Insegnante Altro lavoro autonomo Pensionata Studentessa Commerciante Libera/professionista Artigiana Dirigente Altro 3,5% 3,5% 2,8% 2,5% 2,5% 1,8% 1,8% 0,7% 11,0% 10,3% 9,9% 11,7% 15,6% 22,3% 0% 5% 10% 15% 20% 25% Antiviolenza per presenza di figli. Anni In quasi il 90% dei casi le donne vittime di violenza hanno dei figli. Senza figli 11% Con figli 89% Il rapporto con il Centro antiviolenza: dal primo contatto al percorso Soggetto che ha preso il primo contatto con il Centro Antiviolenza. Anni (valori %) Nella maggior parte dei casi (75%) è la donna stessa che prende il primo contatto con il Centro, mentre il restante 25% è quasi equamente suddiviso tra le altre opzioni. Servizi sociosanitari 6% Altra donna 5% Forze dell ordine 2% Parente donna 7% Donna stessa 75% Altro 5%

7 Violenza contro le donne nella provincia di Grosseto 7 L esito del primo contatto rivela da una parte la determinazione di chi si rivolge alla struttura di dare seguito al contatto iniziale; dall altra la capacità del Centro di incanalare l impulso iniziale in un percorso di approfondimento della situazione. Nel 77% dei casi, infatti, è stato fissato un colloquio, mentre nel 16% si è trattato di una richiesta di informazioni. La rete dei servizi e delle istituzioni (servizi socio sanitari, forze dell ordine, istituzioni, scuola e pronto soccorso) è il principale canale informativo (quasi il 40% dei casi), ma anche le reti primarie e secondarie (altre donne, amiche/i, parenti/conoscenti) sembrano significative in tal senso (32%). Rilevante anche il ruolo dei mass media, così come quello dell associazionismo (centri antiviolenza e altre associazioni) Esito del primo contatto con il Centro Antiviolenza. Anni (valori %) Richiamerà 7% Solo informazioni 16% Fissato colloquio 77% Canale informativo per il contatto con il Centro Antiviolenza. Anni (valori %) Servizi socio sanitari Altre donne Amiche/i Forze dell ordine Mass media Parenti/conoscenti Avvocati Giornali Centri/antiviolenza Istituzioni Altre ass.ni donne Scuola Altre ass.ni Pronto soccorso Altro 4,1% 4,1% 4,1% 3,7% 3,4% 3,4% 2,6% 2,2% 0,4% 3,0% 8,2% 15,3% 12,7% 12,7% 20,1% 0% 5% 10% 15% 20% 25% Focus tematico n 9 Luglio 2009 La motivazione che porta a contattare il Centro è nel 20% dei casi legata al bisogno di essere ascoltate e sfogarsi. A seguire la richiesta di informazioni generiche e legali, la paura o la percezione di una situazione di emergenza, la richiesta di informazioni e assistenza per la separazione. Da segnalare che nel 4% dei casi vi è stata una richiesta di ospitalità. Motivazione per il contatto con il Centro Antiviolenza. Anni (valori %) Ascolto sfogo Informazioni generiche Informazioni legali Paura/emergenza Separazione Problemi economici Ricerca solidarietà Figli Richiesta ospitalità Info consulenza psicologica Lavoro Tradimento 1,7% 1,2% 4,0% 3,4% 5,2% 4,6% 6,4% 8,9% 10,7% 16,7% 16,6% 20,9% 0% 5% 10% 15% 20% 25%

8 8 Violenza contro le donne nella provincia di Grosseto Focus tematico n 9 6 Luglio Settembre Dopo il primo contatto, l 83% delle donne che si sono rivolte al centro è stata presa in carico e il 2% è stata inviata altrove (presso altri enti o organismi), mentre il 15% non sono andate oltre il solo contatto. Così come già evidenziato in occasione del primo contatto, si conferma la capacità del Centro Antiviolenza di strutturare un percorso di uscita dalla violenza. L esito di tale percorso non è tuttavia univoco. Il 27% lo ha portato a conclusione, uscendo dalla situazione di violenza, l8% è ancora in trattamento e il 17% non ha attivato alcun percorso. Fa riflettere il 48% che interrompe il percorso, aggregato che racchiude senza dubbio anche persone che hanno raggiunto il loro obiettivo, ma che evidenzia come in molti casi le donne non si sentano ancora pronte ad uscire allo scoperto Tipologia di percorso effettuato con il Centro Antiviolenza. Anni (valori %) Solo contatto 15% Inviata altrove 2% Presa in carico 83% Nessun percorso 17% Concluso 27% Esito del percorso effettuato con il Centro Antiviolenza. Anni (valori %) In trattamento 8% Interrotto 48% A conferma di quanto sopra, si può notare che nel 61% dei casi le donne hanno scelto di non sporgere denuncia, sintomo anche della difficoltà nel prendere coscienza della violenza subita ed a riconoscerla come reato. Antiviolenza che hanno sporto denuncia. Anni Si 39% No 61%

9 Violenza contro le donne nella provincia di Grosseto 9 Tra le reti ed i servizi attivati dal Centro in questi anni predominano i colloqui di accoglienza (28%), ma è presente una vasta rete di professionalità (legale, assistente sociale, psicologa), servizi ed enti pubblici (servizi socio sanitari, tribunale, pronto soccorso) e forze dell ordine che ha contribuito e contribuisce a combattere il fenomeno. La violenza sulle donne è quasi sempre sinonimo di violenza domestica che matura nell ambito del rapporto di coppia. Nel 70% dei casi l autore dei maltrattamenti è il marito (52%) o il convivente (17,7%); se a ciò si aggiungono le percentuali degli ex si arriva quasi all 85%. Reti e servizi attivati dal Centro Antiviolenza. Anni (valori %) Colloqui di accoglienza Legale Forze dell ordine Assistente sociale Psicologa Tribunale Pronto soccorso Servizi socio sanitari Carabinieri Altri centri antiviolenza Altro 3,1% 2,2% 5,5% 4,9% 4,7% 4,5% 10,6% 9,4% 12,2% 14,9% 28,0% 0% 8% 16% 24% 32% Chi sono i maltrattanti? Autori dei maltrattamenti. Anni (valori %) Marito Convivente Ex marito Ex convivente Figlio Altro parente Padre Conoscente Altro 3,3% 3,0% 2,7% 2,7% 2,4% 5,7% 10,5% 17,7% 52,1% 0% 9% 18% 27% 36% 45% 54% Focus tematico n 9 Luglio 2009 Distribuzione % degli autori dei maltrattamenti per classe di età. Anni Il 55% degli autori dei maltrattamenti appartiene alla fascia di età anni con una prevalenza della classe anni. Gli ultra 50enni sono quasi 1/3 dei maltrattanti mentre i giovani non arrivano al 4%. 35% 28% 21% 14% 7% 0% 29,5% 25,8% 16,6% 8,8% 10,1% 5,5% 3,2% 0,5% < > 65

10 10 Violenza contro le donne nella provincia di Grosseto Distribuzione % degli autori dei maltrattamenti per titolo di studio. Anni Focus tematico n 9 6 Luglio Settembre Il titolo di studio ricalca a grandi linee quanto visto per le vittime dei maltrattamenti: oltre la metà ha un titolo di studio medio basso, il 30% ha il diploma di scuola superiore ed il 12% è laureato. Quasi ¼ degli autori dei maltrattamenti è operaio, poco più del 20% è lavoratore autonomo (libero professionista o altro), il 12,8% è pensionato e il 10% impiegato. A differenza di quanto evidenziato per le donne vittime di violenza, solo l 8% si trova in una ipotetica condizione di dipendenza economica (disoccupato o studente) Media superiore 30% Formazione professionale 6% Laurea 12% Nessun titolo 2% Elementare 10% Media inferiore 40% Distribuzione % degli autori dei maltrattamenti per professione. Anni Operaio Altro lavoro autonomo Pensionato Impiegato Libero professionista Disoccupato Artigiano Commerciante Dirigente Studente Collaboratore domestico Altro 13,6% 12,8% 10,0% 8,0% 7,2% 6,4% 5,6% 3,2% 0,8% 0,4% 7,2% 24,8% 0% 7% 14% 21% 28% Oltre la metà dei maltrattanti viene definito come insospettabile da parte delle vittime di violenza. Si tratta quindi di persone che non sono affette da problemi o patologie specifiche, o almeno non vengono percepite come tali. Rilevante comunque anche il ruolo giocato in questi contesti dai problemi di dipendenza, dal disagio psichico e dalle esperienze con la giustizia penale. Problemi speciali degli autori dei maltrattamenti. Anni (valori %) Insospettabile Alcoolista Disagio psichico Pregiudicato Tossicodipendente Giocatore Maltrattam. età infantile Handicap fisico Ex alcolista/tossico In trattamento 3,2% 2,2% 1,4% 1,1% 1,1% 4,0% 7,9% 14,7% 51,8% 12,6% 0% 9% 18% 27% 36% 45% 54%

11 Violenza contro le donne nella provincia di Grosseto 11 Per saperne di più Siti web La Rete Antiviolenza nella provincia di Grosseto Centro Antiviolenza Olympia De Gouges di Grosseto Via Trieste, 5 1 piano Lunedì e mercoledì ore 9,30 12, (segreteria telefonica attiva 24 ore su 24) Punto di ascolto di Orbetello Vìa Guerrazzi, 2 Mercoledì ore 16,30 18, (attivo dal lunedì al venerdì ore 9 21) Focus tematico n 9 Luglio 2009 Punto di ascolto di Manciano Via G. Campolmi Centro di Riabilitazione Funzionale c/0 Centro di Raccolta AVIS sala 8 Ricevimento su appuntamento (attivo dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 19) Punto di ascolto per donne maltrattate di Follonica Via Roma 88 tel fax o Punto di ascolto di Castel del Piano Via Dante Alighieri c/o Ospedale, Primo piano Sala 8, Reparto di Ostetricia Mercoledì mattina solo su appuntamento Mercoledì pomeriggio ore 14,30 17, (Segreteria telefonica attiva 24h su 24h)

12 Via Ansedonia, 6 Grosseto Dirigente responsabile: dr.ssa Roberta Giulietti opsgrosseto.wordpress.com

Progetto. Donna in libertà

Progetto. Donna in libertà Progetto Donna in libertà finanziato dal Ministero nell ambito di interventi finalizzati a Rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza I numeri che parlano della violenza

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne

Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne 24 novembre 2008 Indice ===================================================================================== PREMESSA... 5 1.

Dettagli

La violenza di genere in provincia di Pisa

La violenza di genere in provincia di Pisa La violenza di genere in provincia di Pisa V REPORT DI MONITORAGGIO sulle schede di primo accesso delle donne vittime di violenza Novembre 2012 PROVINCIA DI PISA Servizio sistemi informativi, studi e statistica

Dettagli

DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012

DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012 Centro Antiviolenza DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012 L Associazione Demetra Donne in aiuto è stata fondata il 25 luglio del 2005 per aprire anche nel territorio lughese un

Dettagli

I NUMERI DELLE DONNE

I NUMERI DELLE DONNE 1. Donne accolte nelle strutture lombarde Anni 2002-2007-2009 2. Donne accolte nelle strutture lombarde per classi di età - Anno 2009 3. Donne accolte nelle strutture lombarde per nazionalità - Anno 2009

Dettagli

Violenza di genere in provincia di Siena Le domande di aiuto ai Centri Antiviolenza. Evoluzione del fenomeno e dinamiche recenti

Violenza di genere in provincia di Siena Le domande di aiuto ai Centri Antiviolenza. Evoluzione del fenomeno e dinamiche recenti Provincia di Siena Osservatorio Sociale Provinciale Violenza di genere in provincia di Siena Le domande di aiuto ai Centri Antiviolenza. Evoluzione del fenomeno e dinamiche recenti Moreno Toigo (OPS Siena)

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini La violenza e i maltrattamenti contro le donne I maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia Direttore Centrale ISTAT Perché un indagine sulla violenza sulle donne? Le denunce sono solo la

Dettagli

Vivere Donna Onlus. Centro d ascolto antiviolenza - Carpi. 9 Aprile 2013

Vivere Donna Onlus. Centro d ascolto antiviolenza - Carpi. 9 Aprile 2013 Vivere Donna Onlus Centro d ascolto antiviolenza - Carpi 9 Aprile 2013 Numero donne che si sono rivolte al Centro al 31 Dicembre 2012: 113 Età e stato civile Da 18 a 25 anni Da 26 a 40 anni 21% 4 Nubile

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE A distanza di ormai 5 anni, era infatti il mese di marzo 2009 quando ha iniziato i suoi lavori, è attiva sul territorio cittadino la

Dettagli

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne t1 COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne Roberta Barletta Ricercatrice ISTAT Diapositiva 1 t1 dimensioni altezza 0,7 larghezza 2,41 posizione 0,93-1,16 tabanell; 19/04/2006

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato alle Pari opportunità

Comune di Rovigo Assessorato alle Pari opportunità Comune di Rovigo Assessorato alle Pari opportunità 8 marzo tutto l anno: bilancio di un anno di attività per le pari opportunità. Relazione dei progetti e delle attività svolte durante il 2008 dall amministrazione

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

Dati statistici su accoglienza e consulenza alle donne

Dati statistici su accoglienza e consulenza alle donne Dati statistici su accoglienza e consulenza alle donne Dr.ssa Vanna Tori Vice Presidente Associazione Gruppo Donne e Giustizia Modena CONVEGNO: LA VIOLENZA SULLE DONNE. ASPETTI GIURIDICI, CRIMINOLOGICI,

Dettagli

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 RILEVAZIONE DATI D.i.Re I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 A cura del Gruppo Ricerca rilevazione dati Novembre 2014 Premessa L associazione nazionale D.i.Re Donne in

Dettagli

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno Rete Antiviolenza Città di Livorno Comune di Livorno Questura di Livorno Arma dei Carabinieri Livorno Azienda USL 6 Livorno Ippogrifo Associazione PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI LIVORNO/ASSESSORATO

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015 L anno duemila (201 ), il giorno del mese di in Siziano (Pv) presso la sede municipale in piazza G. Negri n.

Dettagli

LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA

LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA Relatrice dott.ssa M.Milano Vicepresidente Me.Dea Associazione di Promozione Sociale di Contrasto alla Violenza Contro la Donna ME.DEA UN TASSELLO DELLA RETE Ogni

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

IL CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE. Dott.ssa Mariagrazia Rossi

IL CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE. Dott.ssa Mariagrazia Rossi IL CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE Dott.ssa Mariagrazia Rossi CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS ATTIVO SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DAL 1989 REFERENTE PER IL NUMERO VERDE

Dettagli

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI Patrizia Romito Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti Centro donna CGIL Cagliari - Ascolto e accoglienza per le donne in stato di disagio o con difficoltà di vario genere (personali, familiari, relative ad abusi, maltrattamenti e violenza fisica e psicologica)

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PREMESSO che il Servizio Associato Pari Opportunità dell Unione dei Comuni Valdichiana Senese

Dettagli

LA VIOLENZA SULLE DONNE E LE STRADE PER LA PREVENZIONE. Assessorato alle Politiche attive di Cittadinanza, Diritti Sociali e Parità

LA VIOLENZA SULLE DONNE E LE STRADE PER LA PREVENZIONE. Assessorato alle Politiche attive di Cittadinanza, Diritti Sociali e Parità LA VIOLENZA SULLE DONNE E LE STRADE PER LA PREVENZIONE Assessorato alle Politiche attive di Cittadinanza, Diritti Sociali e Parità 1 I numeri della violenza nei confronti delle donne in Italia ancora non

Dettagli

LA VIOLENZA DI GENERE NELLA PROVINCIA DI LUCCA: dalle statistiche alla proposta di procedure nella gestione delle emergenza dei casi di Codice Rosa

LA VIOLENZA DI GENERE NELLA PROVINCIA DI LUCCA: dalle statistiche alla proposta di procedure nella gestione delle emergenza dei casi di Codice Rosa LA VIOLENZA DI GENERE NELLA PROVINCIA DI LUCCA: dalle statistiche alla proposta di procedure nella gestione delle emergenza dei casi di Codice Rosa nella Az USL 2 Piana di Lucca Premessa La violenza contro

Dettagli

ALLEGATOC alla Dgr n. 901 del 04 giugno 2013 pag. 1/15

ALLEGATOC alla Dgr n. 901 del 04 giugno 2013 pag. 1/15 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOC alla Dgr n. 901 del 04 giugno 2013 pag. 1/15 INDICAZIONI OPERATIVE REGIONALI A FAVORE DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI MINORENNI CHE HANNO VISSUTO SITUAZIONI DI ABUSO

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

I Centri Antiviolenza metodologia di intervento a sostegno delle donne vittime di violenza di genere

I Centri Antiviolenza metodologia di intervento a sostegno delle donne vittime di violenza di genere I Centri Antiviolenza metodologia di intervento a sostegno delle donne vittime di violenza di genere Avv. Luigia Barone Responsabile del Centro Maree per donne in difficoltà e vittime di violenza Solidea

Dettagli

L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI L ITALIA E IL CONTESTO INTERNAZIONALE

L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI L ITALIA E IL CONTESTO INTERNAZIONALE L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI Meno omicidi in Italia. Ma non al Sud Il rischio più alto nei grandi centri urbani Gli uomini principali vittime degli omicidi, ma in famiglia

Dettagli

LA RETE Prevenire e Contrastare la Violenza e il Maltrattamento del Comune di Milano

LA RETE Prevenire e Contrastare la Violenza e il Maltrattamento del Comune di Milano LA RETE Prevenire e Contrastare la Violenza e il Maltrattamento del Comune di Milano SOCCORSO VIOLENZA SESSUALE E DOMESTICA (SVSeD) E un servizio d emergenza che offre assistenza sanitaria, medico-legale,

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) LEGGE REGIONE MARCHE 11 NOVEMBRE 2008, N. 32 Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) Art. 3 (Istituzione del Forum permanente) Art. 4 (Iniziative di prevenzione) Art. 5 (Informazione) Art. 6

Dettagli

Quinto Rapporto sulla violenza di genere in Toscana

Quinto Rapporto sulla violenza di genere in Toscana Quinto Rapporto sulla violenza di genere in Toscana Daniela Bagattini e Valentina Pedani (Asel srl/ Osservatorio Sociale Provincia di Prato) Pisa, Auditorium Centro Polifunzionale Maccarrone 26 novembre

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Che cos è, quanto è diffusa, come si manifesta Che fare? Prevenzione e contrasto della violenza: le azioni realizzate e gli strumenti disponibili in Piemonte La violenza contro

Dettagli

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING Dott.ssa Claudia Cazzaniga, Psicologa Psicoterapeuta C.A.DO.M. 25 novembre 2010 Palazzo delle Stelline, Milano IL CADOM www.cadom.it Un associazione

Dettagli

Ricerche sulle violenze contro le donne in ambito internazionale: Australia: WSS (1996) Canada: VAWS (1993) Regno Unito: BCS (1996) USA: NVAWS (1995)

Ricerche sulle violenze contro le donne in ambito internazionale: Australia: WSS (1996) Canada: VAWS (1993) Regno Unito: BCS (1996) USA: NVAWS (1995) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'eliminazione della violenza contro le donne: qualsiasi atto di violenza per motivi di genere che provochi o possa verosimilmente provocare danno fisico, sessuale

Dettagli

RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DEL DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI GELA

RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DEL DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI GELA BOZZA DI PROTOCOLLO DI INTESA SOTTOPOSTO AI DECISORI RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DEL DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI GELA Comune di Gela Comune di Mazzarino Comune di Niscemi Comune di

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE DR.SSA COVIZZI RITA MORENA MMG DR.SSA DI PIETRO MARGHERITA MMG Medolla

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE LA CASA RIFUGIO Finalità La Casa Rifugio è una struttura nella

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1173 PROGETTO DI LEGGE N. 0035. di iniziativa dei Consiglieri :

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1173 PROGETTO DI LEGGE N. 0035. di iniziativa dei Consiglieri : REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1173 PROGETTO DI LEGGE N. 0035 di iniziativa dei Consiglieri : Valmaggi, Gaffuri, Penati, Alfieri, Alloni, Barboni, Borghetti, Brambilla, Cavicchioli,

Dettagli

VIOLENZA SULLE DONNE

VIOLENZA SULLE DONNE VIOLENZA SULLE DONNE Un silenzio assordante La violenza sulle donne è la forma più odiosa di negazione del progresso, della libertà, della cittadinanza che esiste in tutti i tempi, luoghi, culture. Ciò

Dettagli

Pisa 26/11/2012. Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio. Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa

Pisa 26/11/2012. Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio. Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa Pisa 26/11/2012 Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa Nel 2002 l OMS, nel suo rapporto mondiale su violenza e salute, considera

Dettagli

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future a cura di Pina Ferraro Consigliera di Parità Effettiva per la Provincia di Ancona Dati Progetto Rete

Dettagli

MGA: METODO GLOBALE AUTODIFESA. La Fijlkam contro la violenza sulle donne

MGA: METODO GLOBALE AUTODIFESA. La Fijlkam contro la violenza sulle donne MGA: METODO GLOBALE AUTODIFESA La Fijlkam contro la violenza sulle donne I VALORI DELLE ARTI MARZIALI: CONTRO LA VIOLENZA Il fenomeno della violenza sulle donne è più che mai attuale e tutte le realtà

Dettagli

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di PROGRAMMA DEGLI INCONTRI: I Presentazione del corso Inquadramento storico-sociologico del fenomeno Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di violenza sulle donne: -

Dettagli

RAVENNA, 20 Marzo 2014 ANCHE GLI UOMINI POSSONO CAMBIARE L ESPERIENZA DEL CENTRO LDV- AZIENDA USL DI MODENA 2 ANNI DOPO Monica Dotti-

RAVENNA, 20 Marzo 2014 ANCHE GLI UOMINI POSSONO CAMBIARE L ESPERIENZA DEL CENTRO LDV- AZIENDA USL DI MODENA 2 ANNI DOPO Monica Dotti- RAVENNA, 20 Marzo 2014 ANCHE GLI UOMINI POSSONO CAMBIARE L ESPERIENZA DEL CENTRO LDV- AZIENDA USL DI MODENA 2 ANNI DOPO Monica Dotti- m.dotti@ausl.mo.it La violenza domestica è un fenomeno che riguarda

Dettagli

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA PROVINCIA DI ROMA -ASSESSORATO POLITICHE

Dettagli

Milano. Vittime % 1.019 27,0 I CASI. < 2009 2010 2011 2012 2013 (I Semestre) Totale 172 4,6 898 23,8 1.015 26,9 675 17,9 3.

Milano. Vittime % 1.019 27,0 I CASI. < 2009 2010 2011 2012 2013 (I Semestre) Totale 172 4,6 898 23,8 1.015 26,9 675 17,9 3. < 2009 2010 2011 2012 2013 (I Semestre) Totale I CASI Vittime % 172 4,6 898 23,8 1.015 26,9 1.019 27,0 675 17,9 3.779 100,0 Il bisogno è differenziato per provenienza (italiane o straniere) e per generazione.

Dettagli

LEGGE SUL FEMMINICIDIO

LEGGE SUL FEMMINICIDIO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia 375 LEGGE SUL FEMMINICIDIO 11 Ottobre 2013 Decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93 in materia

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA ANNO 2009 DISEGNO DI LEGGE 12 maggio 2009, n. 42 Tutela e prevenzione delle situazioni di violenza nei confronti delle donne e dei minori D'iniziativa

Dettagli

dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Ginestra, Valmontone

dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Ginestra, Valmontone Corso di formazione: VIOLENZA ALLE DONNE E PROFESSIONI DI AIUTO Associazione Ponte Donna dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Panoramica generale sui Centri Antiviolenza e per donne

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO

PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO La Giunta Regionale della Campania indirizza il seguente Riparto agli Ambiti territoriali del territorio campano, che

Dettagli

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat Maria Giuseppina Muratore Pisa, 26 novembre 2013 Gli omicidi di donne: un quadro costante nel tempo Gli omicidi risultano in forte

Dettagli

CONVENZIONE PER L'EROGAZIONE DI SERVIZIDI OSPITALITA E TUTELA PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA

CONVENZIONE PER L'EROGAZIONE DI SERVIZIDI OSPITALITA E TUTELA PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA CONVENZIONE PER L'EROGAZIONE DI SERVIZIDI OSPITALITA E TUTELA PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA TRA la Provincia di Siena, C.F. n. 80001130527 con sede legale a Siena, Piazza Duomo, 9, rappresentata dal Dott.

Dettagli

25 NOVENBRE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

25 NOVENBRE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE 25 NOVENBRE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Parliamo di violenza fisica, psicologica, sessuale, economica e stalking. A cura della Dott.ssa Valeria Bombino 1 Il 25 Novembre è stato scelta

Dettagli

Assessorato alla Salute ed Equità Sociale. Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine

Assessorato alla Salute ed Equità Sociale. Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine Assessorato alla Salute ed Equità Sociale Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine violenza sulle donne Riconosci e combatti la violenza di genere La violenza domestica, quella che avviene quotidianamente

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1012 PROGETTO DI LEGGE N. 0028. di iniziativa del Consigliere regionale. Cremonesi

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1012 PROGETTO DI LEGGE N. 0028. di iniziativa del Consigliere regionale. Cremonesi REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1012 PROGETTO DI LEGGE N. 0028 di iniziativa del Consigliere regionale Cremonesi Interventi di prevenzione e di contrasto della violenza di genere

Dettagli

La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne

La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne a cura di Rosa Piscopo - Donne & Futuro onlus e Ufficio Accogliere le Donne Settore Pari Opportunità e Politiche di Genere Città di Torino

Dettagli

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING 2011-2013: linee d indirizzo Premessa 1. la Violenza La Regione Lazio stigmatizza e condanna ogni forma di Violenza. Tra le varie definizioni

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia VIII LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 23 Presentata dai consiglieri Zorzini, Fontanelli, Petris

Dettagli

Presentazione Progetto

Presentazione Progetto Presentazione Progetto Coordinatore Scientifico: Massimo Annicchiarico Premessa La Violenza contro le Donne è qualunque atto di violenza in base al sesso, o la minaccia di tali atti, che produca o possa

Dettagli

Telefono Donna. Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI

Telefono Donna. Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI Telefono Donna Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI Chi siamo Telefono Donna oltre 91.000 i casi seguiti Ispirato ai principi di solidarietà, responsabilità

Dettagli

I numeri della VIOLENZA DI GENERE

I numeri della VIOLENZA DI GENERE Provincia autonoma di Trento I numeri della VIOLENZA DI GENERE 25 novembre 2014 Giornata internazionale per l eliminazione della violenza contro le donne Osservatorio provinciale sulla violenza di genere

Dettagli

PROPOSTA Di legge n. 492/9^Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALi minasi, ALBANO recante: NORME PER CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE.

PROPOSTA Di legge n. 492/9^Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALi minasi, ALBANO recante: NORME PER CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE. PROPOSTA Di legge n. 492/9^Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALi minasi, ALBANO recante: NORME PER CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE. Il dirigente F.to Avv. Lucia caccamo Il presidente f.to On. Salvatore

Dettagli

La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro

La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro Intervista a Gabriella Sberviglieri, socia fondatrice di EOS onlus, Centro Ascolto e accompagnamento

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Definizione e Forme Di Violenza

Definizione e Forme Di Violenza Definizione e Forme Di Violenza La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani, La violenza contro la donna (dentro

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

Curriculum Associazione Belluno-DONNA

Curriculum Associazione Belluno-DONNA Curriculum Associazione Belluno-DONNA 1. L Origine dell Associazione L Associazione Belluno-DONNA onlus è nata nel 2003 dal Gruppo di lavoro sulla violenza alle donne che nel 2001, insieme ai Medici di

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

C O M U N E D I LOIANO

C O M U N E D I LOIANO Violenza nelle relazioni di intimità e Servizio Sociale Minori Il Servizio Sociale Minori è uno dei servizi a cui ci si può rivolgere in caso di violenza in famiglia. Il Servizio tratta principalmente

Dettagli

Allegato A PREMESSO RICHIAMATI

Allegato A PREMESSO RICHIAMATI Allegato A PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO DELLE VIOLENZE NEI CONFRONTI DEI SOGGETTI DEBOLI, DELLE DONNE E DELLA VIOLENZA DOMESTICA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 235 236 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

Ordine dei Medici di Parma Corso di Formazione

Ordine dei Medici di Parma Corso di Formazione Ordine dei Medici di Parma Corso di Formazione Medici, Odontoiatri, Farmacisti sentinelle della Violenza di Genere: Riconoscimento e Prevenzione primaria Rivolto a: Medici di Famiglia, Pediatri, Odontoiatri,

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Lavorare in rete con le forze dell ordine. Bologna Mercoledì 12 settembre 2007 Dott.ssa Alessandra Bagnara

Lavorare in rete con le forze dell ordine. Bologna Mercoledì 12 settembre 2007 Dott.ssa Alessandra Bagnara Lavorare in rete con le forze dell ordine Bologna Mercoledì 12 settembre 2007 Dott.ssa Alessandra Bagnara Carmine Ventimiglia Sapevo e so che la formazione è la condizione di base di ogni progetto innovativo

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Conferenza stampa LA SIMG: SIAMO LE SENTINELLE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE PARTE VÌOLA, IL PROGETTO PER ABBATTERE IL MURO DEL SILENZIO Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Dettagli

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza D.ssa Donatella Galloni Assistente Sociale Specialista Violenza Sessuale e Domestica (SVSeD) Fondazione IRCCS

Dettagli

Anno 2009 "Rapporto sull'assistenza legale in Italia a favore delle persone senza dimora"

Anno 2009 Rapporto sull'assistenza legale in Italia a favore delle persone senza dimora 1 Anno 2009 "Rapporto sull'assistenza legale in Italia a favore delle persone senza dimora" Analisi globale degli stati d arte degli sportelli di: Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Ferrara, Foggia, Jesi,

Dettagli

La Nuova App per la sicurezza delle donne oltre al 112 dovunque ti trovi, c è qualcuno che può aiutarti sia nella tua città sia nel resto d Italia

La Nuova App per la sicurezza delle donne oltre al 112 dovunque ti trovi, c è qualcuno che può aiutarti sia nella tua città sia nel resto d Italia SOROPTIMIST INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI PORDENONE La Nuova App per la sicurezza delle donne oltre al 112 dovunque ti trovi, c è qualcuno che può aiutarti sia nella tua città sia nel resto d Italia La

Dettagli

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE DENTRO E FUORI LA FAMIGLIA Anno 2014

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE DENTRO E FUORI LA FAMIGLIA Anno 2014 5 giugno 2015 LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE DENTRO E FUORI LA FAMIGLIA Anno 2014 La violenza contro le donne è fenomeno ampio e diffuso. 6 milioni 788 mila donne hanno subìto nel corso della propria vita

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

La rappresentazione delle giovani generazioni in Toscana: dati e indicatori. Anna Maria Bertazzoni Direttore generale, Istituto degli Innocenti

La rappresentazione delle giovani generazioni in Toscana: dati e indicatori. Anna Maria Bertazzoni Direttore generale, Istituto degli Innocenti La rappresentazione delle giovani generazioni in Toscana: dati e indicatori Anna Maria Bertazzoni Direttore generale, Istituto degli Innocenti Dati e indicatori sulla condizione dell infanzia e dell adolescenza

Dettagli

La violenza e i maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia

La violenza e i maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia 21 febbraio 2007 La violenza e i maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia Anno 2006 Unione europea Fondo sociale europeo L Istat presenta i risultati di una nuova indagine per la prima

Dettagli