n.09 Anno XXXXII Settembre 2014 Sommario PER USCIRE DALLA PALUDE Serve un nuovo modo di pensare e di agire da parte di tutta la comunità trentina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "n.09 Anno XXXXII Settembre 2014 Sommario PER USCIRE DALLA PALUDE Serve un nuovo modo di pensare e di agire da parte di tutta la comunità trentina"

Transcript

1

2

3 Sommario Tema del Mese RIFORMA DELLA PROMOZIONE pag. 2 Vita Associativa Non ci resta che settembre pag. 6 La cultura fa Trento turisticissima pag. 8 Incontro tra l HGV e ASAT pag. 12 è legge il decreto turismo pag. 14 Partnership Asat - Brennercom pag. 16 Insieme per spendere meno pag. 18 Gianni Bort presidente CCIAA pag. 20 Corsi Doc Calendario autunnale dei corsi pag. 21 Giovani Minimaster super in Svizzera pag. 30 Laghi Il lago si aggancia allo sci pag. 32 Dolomiti Gino Bartali conquista Passo Rolle pag. 34 Trentino Turismo e Promozione Al via la XV a Bitm pag. 36 «I rifugi del gusto» pag. 38 ADAC classic ponte familiare pag. 41 Speciale Hotel 2014 HOTEL 2014: immancabile appuntamento pag. 42 Turismo a misura di ospite pag. 44 Il web per tenersi giovani pag. 45 Normative Contributi per il risparmio energetico pag. 46 Dubbi pag. 48 Chiusura Editoriale 28/8/2014 n.09 Anno XXXXII Settembre 2014 In Copertina: Dolomiti - Turisti sotto la pioggia Registrazione Tribunale di Trento n 163 R.S. del 17/11/1971 Direzione, Redazione, Amministrazione: Via Degasperi, TRENTO - Tel Direttore Responsabile: Roberto Pallanch Comitato di Redazione: Coordinatore Alberto Frioli Davide Cardella, Andrea Rudari, Francesca Maffei, Monica Basile, Laura Licati Abbonamento annuo: 40,00 Editore: Associazione Albergatori ed Imprese Turistiche della Provincia di Trento Realizzazione: OGP srl - Agenzia di Pubblicità - TRENTO Stampa: Tipografia Esperia - LAVIS Pubblicità: OGP Media - Via dell Ora del Garda, 61 Tel Fax Info: - PER USCIRE DALLA PALUDE Serve un nuovo modo di pensare e di agire da parte di tutta la comunità trentina Un estate disastrosa per un tempo meteorologico che ha condizionato pesantemente l andamento della stagione turistica. Non sono solo gli alberghi che hanno sofferto per il calo delle presenze dei turisti e dei minori consumi, bilanci in crisi per il mondo della ristorazione, dei rifugi, degli agriturismi, dei campeggi e del commercio. Attendere la chiusura della stagione per un commento supportato da dati: così si è spesso detto in altri anni. Ma Roberto Pallanch oggi non si può certo ragionevolmente pensare ad un possibile ribaltamento di un dato negativo che è rilevato da tutti, anche da coloro che spesso guardano al turismo con occhi poco benevoli ed agli albergatori come a coloro che tendono a lamentarsi. Anche nelle zone e località più blasonate e dove i turisti sono arrivati, i dati sono insoddisfacenti, poche aziende dichiarano di essere in linea con i risultati attesi o con il passato. Come una rondine non fa primavera, i dati positivi di alcuni non incidono sul dato complessivo del settore. Questo vale per le singole aziende e per i territori. Ma più ed oltre l andamento metereologico sono ben altre le situazioni che preoccupano: la perdurante stagnazione dell economia italiana con una domanda interna che retrocede e, per quanto ci riguarda, con il calo della domanda turistica interna; le crisi internazionali come quella russoucraina che rischia di allontanare una clientela importante dal mercato turistico trentino; la vecchia Europa che arranca, anche nelle economie forti e trainanti come quella tedesca, con possibili ripercussioni sull economia italiana e, sempre per quanto ci riguarda, sul turismo trentino. Si ha difficoltà ad intravedere adeguate politiche che consentano alle aziende italiane di crescere, con una tassazione pesante e un sistema di regole che ingessa e ostacola un cambio di passo e la ripresa. I poteri conservatori bloccano la volontà riformatrice del governo, tanto che perfino i vescovi intervengono a stigmatizzare chi ostacola il necessario cambiamento. Il nostro piccolo Trentino è stretto tra un bilancio già pesantemente intaccato dai prelievi dello Stato e l insofferenza nei confronti della nostra Autonomia, rispetto alla quale tuttavia si potranno pensare e dire molte cose, ma non che le risorse a disposizione siano state mal impegnate. Almeno nella stragrande maggioranza delle situazioni. A questo si aggiunga che in molti pensano che nulla è cambiato o pensano che cambi solo per gli altri e non per se stessi. Da qui una certa resistenza anche da noi rispetto ai necessari cambiamenti. Quali? La necessità di una maggiore consapevolezza di dover contare sul proprio senso di intrapresa personale e di impresa rispetto al fatto che si sia stati in questi anni abituati ad essere accompagnati in modo eccessivo dalle istituzioni provinciali. Non si può pensare di continuare ad alimentare in misura abnorme la rete di protezione nei confronti dei cittadini trentini, perché questo riduce la capacità di adattamento e di risposta ai problemi posti dalla crisi economica ed ancora risulterà insostenibile da un punto di vista finanziario. (Segue a pag. 4) Il Direttore Roberto Pallanch

4 Anno XXXXII - n.9 Settembre 2014 Foto Ralf Brunel Una montagna serena quest estate è rimasta un sogno TEMA DEL MESE RIFORMA DELLA PROMOZIONE Fissati i temi, partiti i gruppi di lavoro Con un disegno di legge molto sintetico l assessore Michele Dallapiccola ha messo mano al sistema della promozione turistica trentina. Già una prima decisione aveva portato alla costituzione della nuova new.co. che scorpora da Trentino Sviluppo Spa il soggetto chiamato a gestire centralmente la promozione. Di fatto è un ritorno all autonomia, il recupero di una Trentino Marketing come l avevamo conosciuta prima della riforma voluta da Lorenzo Dellai e mal digerita dalle categorie e da numerosi attori del turismo trentino, compresi coloro che in quella società lavoravano. Il nuovo disegno di legge è molto leggero, mentre si aspettava una riforma sostanziale per il rilancio del turismo. Da tali considerazioni non si è fatto prendere in contropiede l assessore, facendo presente che molte delle questioni e delle proposte avanzate da Asat ma anche da parte di altri verranno gestite a livello regolamentare da parte della Giunta provinciale e nel confronto operativo tra Assessorato, Apt, Trentino Marketing, Asat, Confcommercio, Pro Loco. Il confronto è già partito su alcuni temi importanti come il nuovo piano strategico per il turismo trentino per la società di promozione provinciale, per l analisi dei costi del sistema della promozione e per altri temi di minore rilevanza. Le riunioni non si sono fermate nemmeno in agosto, mese solitamente feriale. Asat ritiene positivo, ad oggi, questo lavoro finalizzato a rendere più competitivo il turismo trentino sui mercati, ribadendo alcune linee fondamentali come l attenzione al mercato, l internazionalizzazione, la chiarezza dei rapporti tra gli attori del sistema il recupero di risorse finanziarie attraverso l analisi della spesa e la ridefinizione delle priorità. La tassa di soggiorno Il presidente Ugo Rossi ha recentemente dichiarato che prima di introdurre nuovi elementi di tassazione serve la riforma completa del settore. Asat registra positivamente questa presa di posizione del resto più volte espressa. L Associazione Albergatori, infatti, si è sempre dichiarata contraria all introduzione della nuova tassa ove si prescindesse da una revisione generale dell impianto promozionale e non si tenesse conto di una attenta verifica dei possibili e doverosi interventi a contenimenti della spesa. Va detto che se è vero che per la Giunta sembra non esserci alternativa all imposta di soggiorno per sopperire ai cali del bilancio pubblico, è stata data anche la disponibilità ad ascoltare ed accogliere proposte alternative da parte delle categorie economiche. Tuttavia la Giunta provinciale rimane comunque intenzionata a voler introdurre per legge l istituzione della tassa di soggiorno. A voler ben vedere si potrebbe pensare che l introduzione in legge non comporta necessariamente la sua attivazione. Come non ricordare, infatti, che il tributo di scopo è già presente da diversi anni nella legislazione provinciale ma ad oggi è inapplicato. In ogni caso su questo spinosissimo tema è garantito un confronto serrato tra 2

5 TEMA DEL MESE TURISMO e OSPITALITÀ nel Asat, categorie, associazioni e la Giunta provinciale. Sugli altri temi le intenzioni con cui parte l assessore Michele Dallapiccola sono condivisibili: coordinamento, semplificazione, innovazione del sistema sono le sue condivisibili parole d ordine. Foto Archivio Provincia Gli obiettivi visti dalla Giunta: 1. Promozione e commercializzazione In merito alla promozione ci si richiama ad una logica di programmazione strategica integrata fra Trentino Marketing e le APT di ambito, con una particolare attenzione al fatto che il prodotto turistico sia funzionale alla sua successiva commercializzazione sui mercati. La nuova normativa interviene quindi definendo con chiarezza il ruolo della società di marketing territoriale (Trentino Marketing), che avrà funzioni ben definite su strategia pluriennale, comunicazione di marca, innovazione di prodotti, progetti trasversali, rapporti con il mercato e piattaforma ICT multimediale. Anche compiti e funzioni delle ApT e dei Consorzi devono essere maggiormente coordinati, operando secondo una strategia condivisa a livello Trentino e dunque occupandosi in modo specifico della valorizzazione delle risorse turistiche del proprio ambito. Per la Giunta è importante altresì avere maggiore condivisione nelle decisioni Michele Dallapiccola relative all utilizzo delle risorse per la promozione, adottando criteri che possano premiare chi fa buoni risultati. Quindi all atto pratico Trentino Marketing approverà un piano pluriennale e i finanziamenti provinciali agli enti della promozione d ambito saranno concessi solo a fronte di attività inserite in strategie pluriennali coerenti con la programmazione provinciale: Alle Apt soldi solo per progetti condivisi così Dallapiccola. 2. Innovazione ICT La proposta normativa prevede il passaggio dal portale web del Trentino ad uno strumento multi-piattaforma interattivo con il turista, utilizzando tutte le nuove tecnologie oggi disponibili. 3. Marketing è confermata la necessità di orientare il marketing verso progetti strategici su scala provinciale, tra i quali verrà rafforzato il ruolo della Trentino Guest Card, che arricchirà la vacanza moltiplicando le opportunità per il turista ed indurrà gli operatori a fare sistema. La Card sarà unica quanto a piattaforma tecnologica ed organizzativa, ma declinabile per ambito quanto ai contenuti di servizi. Pochi turisti coraggiosi sui sentieri nel bosco 4. Impianti a fune e motoslitte Nel disegno di legge si interviene poi anche su altri settori, ad esempio sugli impianti a fune, per i quali si modificano aspetti tecnici sulle procedure di approvazione dei progetti di realizzazione e costruzione degli stessi. 3

6 Anno XXXXII - n.9 Settembre 2014 Accogliendo una proposta avanzata a suo tempo da Asat, si propone di consentire l accesso in motoslitta ai rifugi ed ai pubblici esercizi sulle piste da sci quando le piste sono chiuse, in accordo con il gestore degli impianti. Foto Pisoni 5. Agenzie viaggio Interessanti anche le modifiche per la normativa provinciale delle agenzie di viaggio, dove pure Asat aveva fatto delle proposte oggi recepite: se un albergatore vorrà proporre un pacchetto turistico, aggiungendo valore alla propria offerta, il consumatore sarà garantito dall onorabilità dell imprenditore e da una copertura assicurativa, mentre non si richiederanno più i requisisti di capacità finanziaria (cioè, la fideiussione di 50 mila euro). 6. Rifugi e sentieri alpini. Infine, modifiche anche alla legge provinciale su rifugi e sentieri. Sono escursionistici quelli attrezzati con tutte le comodità dell ospitalità alberghiera. Quando sono isolati però svolgono una funzione di presidio del territorio e vanno aiutati negli investimenti, come i rifugi alpini. 7. Segnaletica in montagna. La Giunta propone di mettere ordine nella segnaletica sui sentieri alpini: le regole ci sono, sono chiare e vanno fatte rispettare. Foto Archivio Apt Valsugana A passeggio sui sentieri del Tesino PER USCIRE DALLA PALUDE Luca Libardi (Continua da pag. 1) Le stesse imprese devono accrescere la propria capacità competitiva di stare sui mercati, poiché questo e non i contributi consentono loro di essere vincenti. Anche il dibattito politico deve essere meno autoreferenziale, meno centrato sulle polemiche volte ad una partita di risiko elettorale, partitico quando non personale, più che al confronto su temi reali. La pubblica amministrazione deve nei fatti tornare ad essere luogo di elaborazione, di competenze e di innovazione per contribuire allo sviluppo della Comunità, e per far questo deve avere il coraggio di arretrare nella produzione di procedimenti e prassi amministrative, di vincoli assurdi alla attività delle imprese e dei cittadini. In questo contesto il sindacato può e deve esercitare una azione riformista e non essere un fattore che troppo spesso si muove per lo status quo economico e sociale. Le categorie economiche, infine, devono realmente farsi carico dello sviluppo del Trentino e non dei piccoli tornaconti che sono passeggeri per loro natura. è la concretezza coniugata alla necessità di innovare modi di pensare e comportamentali che ci può tirar fuori dalla palude. R. P. 4

7 TEMA DEL MESE TURISMO e OSPITALITÀ nel 5

8 Anno XXXXII - n.9 Settembre 2014 Caccia a qualsiasi riparo anti pioggia VITA ASSOCIATIVA NON CI RESTA CHE SETTEMBRE Luglio e agosto meteo-terrorizzanti Che l estate di quest anno sia una di quelle da dimenticare, o meglio che ci ricorderemo con i brividi, non ci sono dubbi. A far cocktail micidiale con la crisi economica paneuropea e alla acuta instabilità politica in alcuni Paesi si sono mescolati con impegno nel frenare flussi di ospiti e disponibilità di spesa (italiani in testa!) il meteo e i meteorologi. Questo secondo aspetto era il meno atteso. Come qualcuno scriveva sui social network, l ultima volta che è stato un luglio così, era a novembre, una frase simpatica per sdrammatizzare un mese risultato il più piovoso degli ultimi 54 anni. All insegna di acquazzoni amazzonici e grandinate (tanti anche i danni in agricoltura), vento, temporali, temperature decisamente autunnali, neve in quota. Ma anche agosto, Ferragosto compreso, ha proseguito quasi dappertutto sulla medesima falsariga tra il fioccare di disdette e partenze anticipate. Se da parte degli imprenditori turistici i dati più recenti su fine agosto e settembre non sono stati ancora elaborati, è tuttavia chiaro che il bilancio complessivo risulterà pesantemente negativo. Il presidente di Asat Luca Libardi commenta: Già possiamo dire che il segno meno è generalizzato e sale a due cifre, chi parla del 20 e chi del 30 per cento. Abbiamo perso soprattutto sulle settimane di prenotazione e, in più, sono stati colpiti anche i weekend. è stato un vero e proprio flagello per il turismo la cui produttività, come noto, è molto legata al meteo quasi al pari di quella agricola. Fanno eccezione alcune situazioni di Trento città, come musei e ristoranti, che hanno beneficiato di un afflusso più sostenuto del solito proprio grazie al maltempo. Da sottolineare invece - conclude il presidente - la estrema difficoltà in cui si sono trovati i rifugi, specialmente quelli alpinistici dove, dopo i problemi causati dalla neve invernale, è continuata a causa del maltempo la difficoltà di chi voleva raggiungerli. Il presidente dell Associazione rifugisti del Trentino Ezio Alimonta, parla infatti di una perdita di circa il 50% in presenze e fatturati rispetto agli anni precedenti: un estate disgraziata. Gli fa eco Angelo Iellici, il vice presidente: Ormai anche i turisti stranieri, specialmente i nordici, sono condizionati dal meteo come gli italiani. E lo stesso vale per i campeggi e le strutture ricettive minori: una stangata davvero trasversale sull intero sistema turistico trentino. Per gli albergatori il momento è complicato. Stiamo passando anni difficili dal punto di vista economico, non solo per l Italia. Anche paesi che parevano finora impermeabili alla crisi come in parte la Germania decisiva sul Garda o l Olanda importante per tutta la ricettività lacuale, accusano un contesto economico che influisce sulla capacità di spesa del turista e que- Troppi ombrelli sui turisti 6

9 VITA ASSOCIATIVA TURISMO e OSPITALITÀ nel sto, come ovvio, si ripercuote immediatamente sulla redditività aziendale. Come del resto le ultime settimane di agosto o quelle di settembre non sono mai riuscite ad aggiustare in extremis stagioni fin lì sfortunate. Parzialmente può succedere per il mare o, in montagna, per i rifugi. Non è un caso che proprio qui si riscontrino richieste o si prendano decisioni di prolungare la stagione. Da noi, ad esempio, i rifugi hanno spostato la classica data di chiusura dal 20 settembre al 5 di ottobre e meriterebbero proprio di trovare un periodo fortunato, commenta Libardi ed estende riconoscimento a tutti coloro che nelle Aziende di promozione, nelle Pro loco, nelle varie associazioni locali di volontariato avevano lavorato per preparare un estate ricca come non mai di manifestazioni e appuntamenti culturali di ogni tipo, letterari, musicali, teatrali, storici e commemorativi, folkloristici, sportivi ed enogastronomici, un ampio e generoso impegno che merita il grazie di tutti a prescindere dalla scarsa gratificazione. E come sempre avviene, quando il tempo meteorologico non aiuta, monta puntuale la polemica contro chi vuol prevederlo con satelliti e barometri. Così, sulle anticipazioni meteo fuorvianti è intervenuto anche il nostro presidente nazionale Bernabò Bocca: La consultazione del meteo anche via internet è diventata la base di qualsiasi partenza programmata. Se di fronte a un quadro non del tutto chiaro e al dubbio di possibili precipitazioni di varia portata subito si sceglie l ipotesi più funesta e si usano toni allarmistici, a pagarne il prezzo sono prima di tutto i cittadini, poi l intero comparto delle imprese ricettive e infine il sistema economico generale del Paese, ha dichiarato. Anche Libardi in passato aveva più volte sollevato il problema e ricordando come l 80% di chi si sposta nel week-end consulti prima il meteo, e torna a chiedere maggior attendibilità dal punto di vista scientifico da parte dei previsori (nazionali). Questa esigenza di maggior precisione e prudenza può aver pesato meno su un estate fatta di cieli quotidianamente plumbei e carichi di pioggia. Certo nessuno ignora che i barometri e le previsioni lasciano sempre qualche margine di indeterminatezza così come gli operatori di un settore meteodipendente come il turismo sanno che il tempo favorevole è un aiuto sul quale sperare più che una strategia su cui basarsi. Lo ha ricordato in questi giorni Bruno Felicetti, direttore dell Apt di Fiemme, a commento di un estate difficile anche nelle Dolomiti dove il quadro generale, seppur riferito al solo mese di luglio, sembra presentare un andamento sì difficile ma meno drammatico che altrove. E che l orrenda estate non pesi troppo sull inverno Intanto, pur rispettosi degli storici adagio della tradizione turistica secondo la quale i conti si fanno a stagione chiusa, appare ben difficile ipotizzare che gli ultimi scampoli settembrini riescano a riscattare un bilancio generale di stagione fin qui appesantito da troppe settimane difficili e con il timore che l insoddisfazione del turista per questa montagna estiva possa mettere in forse l appeal anche della montagna invernale. Foto Archivio Pat 7

10 Anno XXXXII - n.9 Settembre 2014 LA CULTURA FA TRENTO TURISTICISSIMA Il Muse corona lo storico sogno della città capoluogo All appello manca PERò sempre LA FUNIVIA VERSO IL Bondone Un sogno l ha visto realizzato Natale Rigotti, una vita nel turismo come operatore sul campo e come dirigente ai massimi livelli categoriali, nove anni di presidenza in Asat, tanto per dire. Il traguardo di una Trento riconosciuta ufficialmente città turistica come tale già era sebbene la si considerasse soprattutto città di uffici pubblici, di affari, commercio e servizi. Già nelle epoche lontane dei viaggi mercantili o dei Grand Tour d istruzione per una élite nobiliar - borghese precorritrice dei moderni viaggi di vacanza, Trento rappresentava la porta più affollata per un Nord europeo affamato di Italia. Nei secoli post-conciliari il nord cattolico la vedeva anche come caposaldo religioso, culturale e politico del vecchio e nuovo mondo. Al nord protestante che vi transitava forse con un certo qual fastidio controriformista, rappresentava l accesso, il primo approdo all Italia della romanità classica erede delle più antiche civiltà greco-orientali e di quel Rinascimento che aveva acceso le prime luci della cultura umanistica, scientifica laica in tutto l orizzonte europeo e, per quei tempi, mondiale. Rigotti è da sempre fautore di una Trento da dichiarare ufficialmente turistica. Ma il Duomo, il castello del Buon Consiglio, il Bondone, la vicinanza del Garda, delle Dolomiti e della Rovereto illuministica parevano non bastare. Fino a quando il Muse ha spazzato via le ultime remore, ha evidenziato Trento turisticamente, come polo in grado di attirare per energia propria il tempo libero di tanti visitatori. Ad un già forte richiamo storico-culturale si è aggiunta la straordinaria apertura alla modernità costituita dal Muse, dice Rigotti, che segue con partecipazione il crescente numero di chi, arrivando dall Italia e dall estero, cerca la zona delle Albere, il Muse finora straordinario nel suo primo anno di apertura. Qualche perplessità in proiezione futura? Io guardo con ottimismo, e non solo per carattere, anche al futuro del Muse. Secondo me ha un punto di forza che non hanno altri analoghi forti investimenti finanziari fatti nel campo della cultura. Allude al MART? Il MART non è riuscito a decollare perché troppo grande in un contesto troppo piccolo. Se a Rovereto arrivassero due o tre mila persone non si saprebbe dove metterle, e questo lo si doveva capire fin dall inizio. Il Muse, facendo tesoro di quell esperienza, è collocato in quella che voglio definire la Foto Paolo Zanella Nel nuovissimo Muse momenti di riflessione sull emozioni suscitate 8

11 VITA ASSOCIATIVA TURISMO e OSPITALITÀ nel Altri punti di forza turistici sul variegato territorio della sezione Asat? capitale del Trentino, dove il sistema ricettivo e di ospitalità è adeguato, sebbene oggi soffra maledettamente anch esso della crisi economica in atto. Facile a trasformarsi in fiume in piena quando parla di turismo, Rigotti devia verso temi più generali del settore: i costi eccessivi, le imprese costrette a lavorare fino a novembre solo per reggere il peso insopportabile del fisco, ma se si vogliono creare posti di lavoro è necessario partire dal salvataggio delle imprese, e troppi sembrano non capirlo. Tornando al successo del Muse? Persegue una visione museale diversa, è meno tradizionale, unisce alla storia dei musei uno spiccato senso di modernità, è più internazional popolare. E, senza volersi inoltrare in più specifiche considerazioni museologiche, Rigotti tiene a sottolineare le buone ricadute sul tessuto economico cittadino, dalla ricettività alla gastronomia. Il sogno irrealizzato? Natale Rigotti Ha un nome preciso: il grande impianto di collegamento funiviario tra la città e il Bondone. Vedo Trento come salotto e modello di servizi per quella che è la sua montagna, la quale a sua volta ne sarebbe consolidata. I turisti potrebbero usufruire della città, non servirebbe investire tanti soldi in quota. Questa prospettiva che tutti gli imprenditori del Bondone sostengono, ogni tanto si avvicina e poi si allontana. Non vorrei che anche questa volta, complice una crisi che sembra senza capo né coda, non si facesse nulla. Non mancano e, restando ancora sulla città, si muovono sulla linea del turismo culturale e della destagionalizzazione, quindi una carta in più, riprende l analisi del presidente. Molto importante, è l Università, porta presenze di insegnanti e studenti per lunghi periodi all anno e promuove anche un calendario interessante di convegni e congressi. Ne è esempio appariscente in primavera il Festival dell Economia, ancora più di eccellenza culturale che di attrazione, tuttavia si sta progressivamente popolarizzando. Analogo impegno richiederebbe Rigotti al Festival internazionale della montagna, anch esso specialistico, ma che attorno ai grandissimi nomi dell alpinismo mondiale, potrebbe attrarre probabilmente di più il popolo della montagna. Popolarità che, invece, non manca certo ai Mercatini natalizi: In parte sono stati ben copiati e ancor meglio sviluppati con intelligenza, partendo da Trento, verso altre aree turistiche provinciali altrimenti ai margini del grande circuito invernale dello sci. Portano un buon contributo soprattutto alla ristorazione mentre - tocca un nervo vivo del problema il presidente - qualche difficoltà rimane nel creare attorno ad essi la proposta per un ulteriore giorno di permanenza. Il verde sentiero verso il Garda La sezione Asat che Natale Rigotti presiede, comprende anche la Valle dei Laghi, un lungo sentiero verde che corre ai piedi del Bondone verso il Garda. Nel suo tratto meridionale (la laterale di Cavedine, ndr.) era considerato da Aldo Gorfer la più bella valle del Trentino. Si sta lavorando molto - prosegue Rigotti - per confermare e rafforzare un turismo forse di tono minore ma già con una sua certa qual tradizione alimentata dal passaggio soprattutto straniero verso il lago di Garda. Nonostante abbia subito qualche sfasatura (ad es. la perduta balneabilità dei laghi di S. Massenza, Toblino e Cavedine o il cementificio alle Sarche, n.d.r.), si sta costruendo una articolata proposta di vacanza: relax per famiglie e persone non più giovanissime ma anche di activity, dalle passeggiate a percorsi ciclabili ora morbidamente collinari e a volte emozionanti come quello recentissimo aperto a balcone sul Sarca nella forra del Limarò. Il tutto - conclude - con sontuoso contorno di buona cucina, prodotti locali di avanguardia verso il bio, vini e distillati già celebri e... prezzi ragionevoli. 9

12 Anno XXXXII - n.9 Settembre 2014 Foto Marco Miori Vista sul lago di Toblino Quante Apt sull asta dell Adige? Tema di attualità nel dibattito sulla riorganizzazione territoriale del sistema turistico trentino è un ridisegno delle Apt cui tende spesso a corrispondere quello delle sezioni Asat. Si parla di unire Trento a Rovereto e la Rotaliana. La proposta è ragionevole e si tratta di trovare la formula giusta. è evidente che oggi su un mercato mondiale il piccolo non è più in grado di reggersi e lo stesso Trentino sembra a me troppo piccolo. Su una carta geografica tra Trento e Rovereto e Mezzolombardo c è un dito di distanza e l area offre quasi le stesse cose: montagna, cultura, enogastronomia con piccole differenze che possono valorizzare il pacchetto d offerta. Ben venga, quindi, un ragionamento per trovare apparentamenti fuori dai campanilismi, senza guardare esclusivamente alla propria azienda o partire dagli organigrammi verso i quali c è già chi ha preso la rincorsa. Mi pare che come albergatori possiamo dare il nostro contributo, certo ricordando il ruolo centrale dell impresa ricettiva in qualsiasi sistema turistico, è la vision di Natale Rigotti. Il direttivo della sezione Asat Trento - M.Bondone - Valle dei Laghi Natale Rigotti Casa vacanze Lago di Cavedine Cavedine Alberto Barbieri Hotel Montana Trento loc. Vason Stefano Bertoni Ristorante Castel Toblino Calavino Mauro Bonetti Hotel Lillà Terlago Yuri Degasperi Pizzorante Groff Trento Manuel Girardi Antica Trattoria Ponte Oliveti Calavino M.Teresa Lanzinger Hotel America Trento Omero Levantini Sporting Hotel Trento Romano Rosa Best Western Quid Hotel Trento Germano Verones Ristorante Cà dei Giosi Terlago L ANNO DEI 500 MILA VISITATORI code di turisti italiani e stranieri forti ricadute sull economia turistica cittadina Maria Teresa Lanzinger Il Muse è stato aperto il 27 luglio 2013 e da quel giorno gli ingressi hanno largamente superato il mezzo milione, collocando il museo trentino tra i primi dieci in Italia in termini di visitatori. Positive anche le ricadute sotto il profilo economico. Risulta da un indagine condotta su oltre 130 esercizi (alberghi, ristoranti, bar, negozi) e lo conferma Maria Teresa Lanzinger, vicepresidente della sezione Asat e titolare dell Hotel America, uno degli alberghi di maggior tradizione in città: Tutte le attività economiche legate più o meno al turismo hanno tratto, ognuna per il suo campo, sensibili benefici. Numerose aziende hanno cercato con il museo forme di reciproco collegamento, non ultima la promozione verso i clienti, spesso per altro già informati di una istituzione grazie alla quale tutta la città fa bella figura. E non sono rari i casi di ospiti che dicono di voler ritornare perché il Muse presenta stimoli che non si esauriscono in una visita soltanto. Unico neo le code: Sono un segno per sé positivo ma obbligano a troppa attesa. Come operatori stiamo ragionando sulla possibilità di corsie preferenziali. 10

13 VITA ASSOCIATIVA TURISMO e OSPITALITÀ nel 11

14 Anno XXXXII - n.9 Settembre 2014 Le delegazioni Asat e HGV a confronto per rafforzare la montagna VITA ASSOCIATIVA Incontro tra l HGV e ASAT A COMUNE tutela del turismo di montagna I vertici dell Unione Albergatori e Pubblici Esercenti della Provincia di Bolzano (HGV), guidati dal presidente Manfred Pinzger e quelli dell Associazione Albergatori di Trento (ASAT) con il presidente Luca Libardi hanno ribadito in un recente incontro a Bolzano il comune impegno di proseguire e consolidare l ottima collaborazione tra le due associazioni e di mettere in campo un intervento specifico a sostegno del turismo di montagna all interno degli organi decisionali di Federalberghi: Come regione di montagna e di confine dobbiamo tener conto di operare in condizioni specifiche e reagire velocemente alle iniziative dei nostri concorrenti nell area alpina, è la motivazione. Entrando più nel merito, è stata sottolineata la necessità di rivalutare il turismo in montagna. Ciò sarà possibile attraverso strategie comuni capaci di valorizzare lo sci alpino. Ma anche il turismo estivo necessita di nuove attrazioni - hanno concordato le due delegazioni - e per questo motivo occorre riflettere su possibili nuove offerte future. Si è inoltre affrontato il tema dei collegamenti, che dovranno essere non solo in auto o in treno, ma anche in aereo: Soltanto così Alto Adige e Trentino potranno conquistare e consolidarsi in mercati più lontani, suona il comune impegno. ASAT PARTNER DEL PROGETTO OPEN Per un ospitalità trentina aperta ai disabili Asat aderisce come partner di Accademia della Montagna e di Anffass al Progetto Open per aprire (da qui Open) ulteriormente il sistema della ricettività turistica trentina all accoglienza di ospiti diversamente abili. In una prima fase Anffass inserirà nel portale web Trentino per Tutti la mappatura dei servizi che attualmente effettua con il sostegno della PAT per facilitare la permanenza di disabili in albergo. Inoltre si mette a disposizione per iniziative di formazione e informazione degli operatori turistici aderenti sulle varie forme di disabilità. Il progetto Open è coordinato da Maria Emanuela Felicetti, componente della Giunta esecutiva di Asat e del consiglio direttivo di Accademia della Montagna. L Accademia si relazionerà operando in accordo con Trentino Marketing nella stesura di testi di comunicazione e nella promozione di pacchetti turistici con hotel trentini presso i 30 mila utenti nazionali (per un potenziale bacino di 90 mila persone) a cui Anffass presta assistenza. A sua volta Asat è impegnata a divulgare il Progetto presso i propri associati, informandoli sugli aspetti tecnici del disciplinare previsto ed eventualmente seguendoli nei primi passi Open. Referente: - tel. 0462/ Il comitato che coordina il progetto Open 12

15 VITA ASSOCIATIVA TURISMO e OSPITALITÀ nel 13

16 Anno XXXXII - n.9 Settembre 2014 Una Pompei da salvare dal degrado vita associativa è LEGGE IL DECRETO TURISMO Le novità del testo licenziato dal Parlamento Dopo l approvazione delle due Camere, è definitivamente entrato in vigore il c.d. Decreto turismo proposto dal ministro Dario Franceschini. Oltre agli interventi legati al patrimonio culturale italiano ed alla sua salvaguardia (come il Grande Progetto Pompei), la nuova legge contiene interessanti novità anche sul fronte degli aiuti al sistema alberghiero nazionale, che sicuramente possono riguardare anche le nostre aziende. Vediamole di seguito: TAX CREDIT PER DIGITALIZZAZIONE Per favorire la digitalizzazione del settore turistico, agli esercizi ricettivi singoli o aggregati con servizi extra-ricettivi, è riconosciuto un credito d imposta del trenta per cento dei costi sostenuti per investimenti fino all importo massimo complessivo di euro. Il credito di imposta è riconosciuto esclusivamente per spese relative all acquisto: di siti e portali web, inclusa l ottimizzazione per i sistemi di comunicazione mobile; di programmi informatici integrabili all interno di siti web e dei social media per automatizzare il processo di prenotazione e vendita diretta online e per potenziarne la distribuzione sui canali digitali; di servizi di comunicazione e marketing per generare visibilità e opportunità commerciali sul web e su social media e comunità virtuali; di applicazioni per la promozione delle strutture, dei servizi e del territorio e per la relativa commercializzazione; di spazi e pubblicità per la promozione e commercializzazione di servizi, pernottamenti e pacchetti turistici sui siti e piattaforme web specializzate, anche gestite da tour operator e agenzie di viaggio; per le spese per la progettazione, la realizzazione e la promozione digitale di proposte di offerta innovativa in tema di inclusione e di ospitalità per persone con disabilità; per impianti wi-fi. TAX CREDIT PER RIQUALIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Al fine di migliorare la qualità dell offerta ricettiva, a decorrere dal periodo d imposta in corso e per i due anni successivi, alle strutture ricettive esistenti alla data del 1 gennaio 2012, è riconosciuto un credito d imposta del trenta per cento delle spese sostenute per interventi di ristrutturazione edilizia ed eliminazione delle barriere architettoniche. 14

17 VITA ASSOCIATIVA TURISMO e OSPITALITÀ nel Una quota del credito d imposta per la ristrutturazione degli alberghi potrà andare a favore delle spese sostenute per l ammodernamento degli arredi. NUOVI CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI Entro tre mesi dall entrata in vigore della legge di conversione del decreto, il Mibact (Ministero Beni e Attività culturali e Turismo) rivedrà le classificazioni delle strutture alberghiere per adeguarle a quelle adottate a livello europeo ed internazionale. La nuova classificazione premierà sia l accessibilità sia l efficienza energetica delle strutture. Infine, il Governo ha messo mano anche all ENIT. Ed infatti, al fine di assicurare risparmi della spesa pubblica, di migliorare la promozione dell immagine unitaria turistica nazionale e favorirne la commercializzazione, esso viene trasformato in ente pubblico economico, sottoposto alla vigilanza del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo. L ENIT, nel perseguimento della missione di promozione nazionale del turismo, interviene per individuare, organizzare, promuovere e favorire la commercializzazione dei servizi turistici, culturali e dei prodotti enogastronomici, tipici e artigianali in Italia e all estero, con particolare riferimento agli investimenti nei mezzi digitali. Viene inoltre istituita la carta del turista, finalizzata ad ottenere sconti e promozioni per la fruizione integrata dei servizi pubblici di trasporto e i biglietti d ingresso nei musei e nei luoghi della cultura. (A.R.) Venezia Il Ministro Dario Franceschini 15

18 Anno XXXXII - n.9 Settembre 2014 PARTNERSHIP ASAT - BRENNERCOM Telecomunicazione più veloce ed economica FATTURAZIONE ELETTRONICA Siglata la Partnership con Brennercom Sempre a fianco delle imprese turistico-alberghiere su un fronte strategico della gestione aziendale: questo il significato dell accordo stipulato da Asat con la società bolzanina Brennercom che opera nel cuore della telecomunicazione aziendale. L accordo è stato sottoscritto ad inizio agosto presso la sede Asat dal presidente dell Associazione degli albergatori Luca Libardi e dal manager di Brennercom Christian Weithaler. Si tratta - ha detto Libardi - di accompagnare le nostre imprese verso l obiettivo di dotarsi di strumenti e modalità gestionali sempre più moderne in termini di precisione, rapidità ed economicità. A questo corrisponde l offerta Brennercom che Asat ha esaminato con i propri esperti. Il pacchetto va a comprendere l ampio settore della telecomunicazione: dal centralino telefonico alla voce, dal cloud alla gestione dati, dal sistema wi fi interno alla videosorveglianza, dal risto-cassa al software dei gestionali. Con un risparmio - ha aggiunto - quantificabile, guardando all insieme dei servizi, attorno all 8 per cento rispetto ai costi attualmente di mercato. Dal canto suo Christian Weithaler s è detto fiducioso di poter dare ottimi servizi, un effettivo valore aggiunto, alle aziende alberghiere che, sempre in accordo con Asat, andremo a contattare a breve per una esposizione dei nostri servizi. Referente per la convenzione e a disposizione per ulteriori dettagli è il vicedirettore Asat dott. Davide Cardella. Più facile grazie ad InfoCert s.p.a Dal giugno 2014 Ministeri, Agenzie Fiscali ed Enti Previdenziali non accettano più fatture in forma cartacea, ma solo in formato elettronico. L obbligo riguarda i fornitori di beni e servizi (come gli albergatori) e nei prossimi mesi verrà esteso anche a tutte le altre Pubbliche Amministrazioni. ASAT ha sottoscritto una convenzione con InfoCert s.p.a. per l accesso al servizio web Legalinvoice PA, soluzione destinata alle piccole imprese per gestire tutte le fasi della fatturazione elettronica, secondo le specifiche dettate dalla normativa. Legalinvoice PA permette infatti: La composizione da interfaccia web delle fatture elettroniche come previsto; La firma delle fatture in modo automatico; L invio delle fatture alla P.A. attraverso il Sistema di Interscambio - SdI; Lo stato di avanzamento della singola fattura nel processo di fatturazione; La conservazione presso InfoCert delle fatture e delle ricevute del Sistema; Il monitoraggio dei messaggi di notifica provenienti dal Sistema. Legalinvoice PA, nella sua versione base, include: la gestione di una realtà che deve inviare fatture alle PA; l invio delle prime 50 fatture elettroniche alle PA; la conservazione a norma delle fatture garantita per 10 anni. Dopo l invio delle prime 50 fatture (ricomprese nell attivazione) è possibile aggiungere nuovi blocchi da 50 fatture. Condizioni riservate agli associati (IVA esclusa): Attivazione entro il 31 ottobre 2014 => 65,00 Dal 1 novembre 2014 e rinnovo a validità 1 anno 130,00 Blocco aggiuntivo da 50 fatture 25,00 Richiedi in Associazione il codice promozionale e le istruzioni per l attivazione. 16

19 VITA ASSOCIATIVA TURISMO e OSPITALITÀ nel 17

20 Anno XXXXII - n.9 Settembre 2014 INSIEME PER SPENDERE MENO La vacanza condivisa UNA SFIDA PER l albergo Il futuro dell economia turistica passa anche dalla messa in comune di energie, beni e servizi. Questo modello non risponde più solo a risparmio economico e miglior sfruttamento delle risorse, bensì a un nuovo status di condivisione tra clienti interconnessi. Informazioni e prenotazioni vanno oltre sito ufficiale, portali, siti di recensione e social network, per approdare alla comunità virtuale. L economia della condivisione ha dischiuso un universo di possibilità accessibili a chiunque: condividere la propria casa, il viaggio e perfino il pasto. La tendenza si sta affermando anche nell hotellerie, dove sorge spontaneo chiedersi quali vantaggi, in termini di business, riservi la condivisione. Ne parliamo con Miriam Bertoli, consulente e formatrice in marketing digitale: La componente di esperienza è fondamentale per i clienti che abbracciano forme di viaggio cosiddette sharing (messa in comune, ndr.). La leva economica è senz altro molto forte, soprattutto oggi che la crisi alimenta la ricerca di soluzioni di viaggio a basso costo, ma altrettanto lo è quella della ricerca di autenticità. Ad esempio, soggiornando a casa di qualcuno del luogo e conoscendone così usi e consuetudini, oppure viaggiando con lo scambio casa per entrare nella dimensione quotidiana di una cultura attraverso arredamento, libri, vicini. Miriam Bertoli esperta di web marketing Secondo la formatrice le opportunità a disposizione dell industria alberghiera per cavalcare l onda e non farsi travolgere, sono due e su due dimensioni: Da un lato, porsi come piattaforma che agevola queste dinamiche, dall altro contaminare le modalità di viaggio tradizionali con elementi esperienziali propri dello sharing. In pratica, una soluzione per gli hotel potrebbe essere quella di mettere in condivisione servizi complementari: un automobile per i transfer, lezioni sportive in gruppo fino a un lusso più rilassato dove, al posto del ristorante, si propone agli ospiti un informale cucina comune in cui lo chef prepara e serve direttamente i suoi piatti. Questa è, in effetti, una delle vie d integrazione del modello alberghiero convenzionale con quello sharing, conferma Bertoli, ma penso anche a promuovere le relazioni sia tra i propri ospiti, come ad esempio, fornire spazi gratuiti di lavoro, sia con gli abitanti del luogo. Se quindi gli hotel non devono temere la sharing economy in ambito turistico, è utile sapere come beneficiarne. Viaggiare in condivisione non va bene per tutte le tipologie di viaggiatore. C è indubbiamente chi continuerà a preferire il rassicurante contesto di una struttura ricettiva tradizionale, continua la consulente web. Quindi segmentare la clientela è il primo parametro per capire se e quanto le nuove forme di turismo possono rappresentare un concorrente temibile. I numeri comunque parlano chiaro: l Italia è il terzo Paese al mondo per numero di prenotazioni su Airbnb il portale più importante per lo scambio-casa o per un turismo fai da te anche al di fuori dei circuiti classici di ricettività (cfr. T&0, n.10 ottobre 2013, p. 8 sgg.) mette a disposizione 60 mila alloggi per circa un milione di viaggiatori che dal 2008 hanno soggiornato nel nostro Paese, ma altri siti stanno guardando a questi nuovi stili di vacanza diffusi in particolare tra turisti americani e inglesi. In controtendenza rispetto a una privacy che si era assestata come criterio di selezione di qualità elevata, con questi strumenti si punta a dividere i costi di una camera d albergo che sarebbe altrimenti fuori portata, concedendosi sistemazioni di categoria superiore e facendo nuove conoscenze. L idea è nata dalla constatazione che gli alberghi applicano tariffe basate su un occupazione doppia dell unità abitativa, come spiega l imprenditore Nicolas Reille, uno dei fondatori di Easynest: L obiettivo è ottimizzare la camera d hotel: anziché spendere 40 ciascuna per una singola in un bed & breakfast, due persone possono dividersi la tariffa di 80 a doppia in un hotel a 3 stelle, godendosi qualche confort in più. E con un budget di 100 a notte, si può soggiornare addirittura in un 4 o 5 stelle, se si condivide la stanza con un altro viaggiatore. Le statistiche dicono che il numero di viaggiatori singoli è in costante aumento: il nostro target sono uomini e donne 30/40enni, che possono selezionare e contattare i loro futuri coinquilini prima di procedere con la prenotazione. Su Easynest è sufficiente registrarsi, crearsi un profilo e indicare l hotel in cui si desidera soggiornare per poi attendere le richieste, oppure cercare tra le strutture inserite da altri utenti e richiedere di condividere la camera con loro. Una semplicità che attrae e che caratterizza anche le politiche del sito, ma con cui occorre fare attenzione: non esiste infatti alcun obbligo o responsabilità, né da parte dell hotel, né da parte del portale. Secondo lo stesso Reille, d altronde, il sito necessita di tempo e marketing adeguato: Sulla base delle criticità rilevate dai nostri utenti, stiamo studiando l implementazione 18

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE

COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE COSA E QUANDO SERVE PERCHE USARLO E un servizio di Cloud Computing dedicato

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli