L evoluzione del manifesto artistico Stili, Tecniche, Messaggi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L evoluzione del manifesto artistico Stili, Tecniche, Messaggi"

Transcript

1 Università Ca Foscari Venezia Facoltà di Economia Corso di Laurea specialistica in EGArt L evoluzione del manifesto artistico Stili, Tecniche, Messaggi Corso di Storia dei Mercati dei Beni Artistici e Culturali Prof. Piero Bolchini Saggio di Alessandro Zilio Matr

2 Università Ca Foscari Venezia Facoltà di Economia Corso di Laurea specialistica in EGArt L evoluzione del manifesto artistico Stili, Tecniche, Messaggi Corso di Storia dei Mercati dei Beni Artistici e Culturali Prof. Piero Bolchini Saggio di Alessandro Zilio Matr In copertina: A. Hohenstein, Cartellone per Butterfly,

3 Indice Introduzione 3 Le origini del manifesto artistico 5 Il manifesto francese del Da Jules Chéret alla grafica di fine secolo 12 Henri de Toulouse Lautrec 16 Il Novecento 19 I manifesti dell Art Nouveau 20 Il manifesto Liberty italiano 22 Le ripercussioni dello Jugendstil a Monaco e Berlino 25 Il manifesto durante la prima guerra mondiale 27 Il manifesto del Bauhaus 28 Il manifesto déco 30 Il manifesto durante la seconda guerra mondiale 31 Il manifesto dal secondo dopoguerra ad oggi 32 Conclusione 35 Appendice Il manifesto d arte nella strategia pubblicitaria Campari 36 Bibliografia 39 2

4 Introduzione L origine del manifesto pubblicitario moderno, inteso come pannello rimovibile adibito alla reclamizzazione di un prodotto, di una marca, ma anche di un evento o di un'istituzione, mediante l utilizzo di immagini e testo gradevoli ed esteticamente attraenti, risale senza dubbio alla seconda metà del XIX secolo. Le precedenti forme di comunicazione pubblicitaria, indubbiamente, anticipano alcune delle caratteristiche del manifesto moderno, ma solo nel fermento artistico della Francia cosmopolita dell 800 si fisseranno alcuni caratteri che caratterizzeranno il cartellone pubblicitario e la comunicazione commerciale fino ai giorni nostri. Questo breve saggio intende, dopo un breve excursus sui media pubblicitari ante litteram, analizzare l evoluzione del manifesto pubblicitario, confrontandola costantemente con la parallela evoluzione della cultura, della società, della tecnica e della committenza. A conclusione del lavoro si intende dimostrare come, dai primi anni 60 del secolo scorso, il manifesto sia stato affiancato e, in molti casi, soppiantato, da mezzi di comunicazione moderna. Si constaterà, in particolare, come la grafica, protagonista delle prime affiches 1 ceda definitivamente il passo alla fotografia, ma si concluderà dimostrando come, grazie a figure d artista complesse e complete come Armando Testa, il manifesto abbia la possibilità di rivivere una nuova stimolante giovinezza. 1 Affiche è il termine francese indicante il manifesto. Si vedrà, nel corso del lavoro, il significato del termine.

5 Conclude il lavoro un appendice dedicata ad una breve analisi dell evoluzione del manifesto nella strategia di comunicazione della Campari, una delle prime aziende italiane ad intuire le potenzialità della comunicazione pubblicitaria e del manifesto in particolare, testimoniata dall eccezionale successo a livello internazionale. 4

6 Le origini del manifesto artistico L etimologia della parola italiana manifesto è facilmente riconducibile al verbo manifestare, ovvero far conoscere, rendere noto. Nella nostra lingua, quindi, viene immediatamente riconosciuta l efficacia del manifesto come mezzo di comunicazione pubblicitaria, di lettura immediata e di grande diffusione. Lo stesso non avviene nella lingua francese ed in quella inglese, dove tale strumento di comunicazione assume, rispettivamente il nome di affiche e di poster, vocaboli che si riferiscono entrambi, più semplicemente, alla modalità d esposizione del manifesto, l affissione 2. Tale preliminare considerazione sull etimologia dei vocaboli riferibili a questo strumento di comunicazione permette, quindi, di gettare le basi per l effettuazione di alcune considerazione fondamentali sulle caratteristiche peculiari dell affissione pubblicitaria moderna. Il termine italiano manifesto, infatti, focalizzando l attenzione sull atto di manifestare, comunicare, rendere palese, pone la locandina pubblicitaria moderna in posizione di continuità con una serie di strumenti pubblicitari che l hanno preceduto. Ragionando in tali termini appare non solo legittimo, ma anche opportuno, ricondurre le origini del manifesto moderno all epoca classica e soprattutto romana. Se manifesto è lo strumento che porta a conoscenza di un numero ampio di persone, 2 Anche nella lingua tedesca i termini plakat e anschlag, con cui si definiscono i manifesti pubblicitari, si riferiscono all atto di affiggere ed esporre. Manifest, invece è il termine utilizzato, analogamente all italiano, per definire il manifesto come dichiarazione programmatica politica, culturale, artistica. 5

7 mediante la pubblica esposizione, un avvenimento, un attività commerciale, una legge, allora, a ragione, possono già essere considerati manifesti i graffiti presenti nei muri delle città romane e testimoniati dai ritrovamenti effettuati a Pompei. Graffiti a cui mani spesso anonime affidano la comunicazione delle leggi e delle disposizioni pubbliche più importanti, ma anche la pubblicità di eventi come spettacoli circensi e gladiatorii e di piccole attività come locande, mescite e, perfino, lupanari. In questa accezione sono manifesti anche le comunicazioni orali affidate, durante il medioevo, ai banditori, i quali, nelle vie o nelle pubbliche piazze, portavano a una popolazione ampiamente analfabeta non solo le comunicazioni delle diverse autorità politiche, ma anche notizie sulle date delle fiere e dei mercati venturi o sull arrivo, in città, di nuove merci condotte da mercanti stranieri. In un certo senso sia il vocabolo francese affiche che quello inglese poster, invece, escludono tali mezzi di comunicazione. Ciò è particolarmente evidente per quanto riguarda i bandi medievali, in cui l oralità esclude il gesto dell affissione, ma vale, a parere di chi scrive, anche per i graffiti dell età classica, in cui, a differenza di quanto avviene per il manifesto moderno, non vi è affissione di una comunicazione affidata a uno specifico supporto, bensì l azione diretta sul supporto murale. Solo con la diffusione della stampa a caratteri mobili, messa a punto da Gutenberg nel XV secolo, appaiono le prime affissioni prodotte in più esemplari identici. Si tratta, 6

8 prevalentemente, di documenti privi di illustrazioni 3, che annunciavano proclami reali, decreti municipali, fiere, mercati e, talvolta, libri. Il passaggio, tuttavia, è importante, in quanto l innovazione tecnica permette la realizzazione in serie di un messaggio uniforme da diffondere con maggior diffusione. In questa occasione il processo di evoluzione che condurrà al manifesto pubblicitario moderno segna un altro passo. Nel proclama o nell annuncio stampato si coniugano per la prima volta quel carattere di manifestazione e diffusione testimoniato dal termine italiano manifesto e l azione di affiggere, di apporre, propria dei vocaboli francesi, inglesi e tedeschi. L efficacia comunicativa di queste affissioni e, di conseguenza, la loro diffusione, tuttavia, risultano ancora fortemente limitate per evidenti ragioni. La motivazione di fondo è che l alfabetizzazione e, quindi, la capacità di comprendere il significato di tali comunicazioni, è riservata ad un élite estremamente ridotta di uomini di cultura, di chiesa e di stato, mentre la maggior parte delle persone ne è esclusa. Fino all avvento della prima rivoluzione industriale, inoltre, la produzione delle merci riveste un carattere prettamente artigianale, lontana dalla moderna produzione di massa e contraddistinta, fatta eccezione per alcuni beni di lusso, da un mercato estremamente ristretto, a carattere prevalentemente locale e regionale. In mancanza di un pubblico in grado di ricevere un messaggio sufficientemente vasto, è chiaro, pertanto, come il 3 In alcuni rari casi, considerato l elevato costo della stampa delle illustrazioni, nei manifesti dell epoca veniva inserito il simbolo dell autorità che emanava l editto. 7

9 manifesto, nella sua veste di strumento di comunicazione commerciale, non possieda particolare appeal prima dell 800. Se si considera il manifesto come strumento di diffusione di leggi, proclami, sentenze, invece, appare chiaro come la sua diffusione fosse limitata, ancora nel 700, in alcuni paese europei 4, dall estrema frammentazione del potere politico che, spesso, rendeva pleonastico il ricorso a pubbliche affissioni per comunicare con una popolazione estremamente ristretta ed analfabeta. Sono le due rivoluzioni industriali, da un lato, e i coevi processi di riunificazione politica dall altro, che determinano l acquisizione sempre più rapida, da parte dei manifesti dell epoca, degli elementi caratterizzanti il manifesto moderno. L intensificarsi della produzione industriale, con i notevoli volumi di merce prodotta, cui sottendono altrettanto notevoli investimenti, rendono non solo possibile, ma anche necessario, l aumento delle vendite e l ampliamento geografico del mercato. Parallelamente i territori nazionali si ampliano e, in alcuni casi si consolidano. Le Costituzioni degli stati post rivoluzionari che, mano a mano, vengono a formarsi, promettono e, in qualche caso, mantengono, la promessa di ridurre l analfabetismo e di diffondere un grado, anche minimo, di scolarizzazione. Il manifesto allora inizia ad assumere un valore maggiore, tanto a livello politico, quanto commerciale e culturale. Inizia nei primi anni dell 800 un ricorso più consapevole all affissione come strumento di comunicazione pubblicitaria e quindi di aumento delle vendite e diffusione del marchio. Parallelamente, seppur gradualmente, inizia ad 4 E il caso, ad esempio, dell Italia preunitaria o degli stati tedeschi. 8

10 affacciarsi nell affiche una dimensione creativa che troverà la propria maturità artistica durante la seconda metà del secolo. Già agli inizi del XIX secolo manifesti in bianco e nero e caratteri a stampa iniziano a tappezzare i muri delle maggiori città europee ed americane 5. Reclamizzano i primissimi prodotti industriali e sono caratterizzati da una scrittura tipografica compatta, indifferenziata e lineare. Tuttavia qualche titolo inizia già a movimentarne la veste grafica, mentre i primi semplici slogan cercano di catturare l attenzione del lettore. Intanto la presenza del colore, che sarà fondamentale nei manifesti dell ultimo 800 e del secolo successivo, viene introdotta a livello prototipico dalle locandine teatrali, le quali, stampate da ciascun teatro su fogli di diverso colore, permettono al potenziale pubblico di individuare, ancor prima di leggere il manifesto, il teatro presso il quale si sarebbe tenuto lo spettacolo. Intanto ulteriori elementi indispensabili alla nascita e al successo del manifesto moderno sono ormai alle porte. La mostra del 1874 presso lo studio parigino del fotografo Nadar ufficializza l esplosione di un movimento artistico, che già da alcuni anni iniziava a minare, con le sue proposte innovative, la pittura accademica. L impressionismo e il crescente interesse per l arte giapponese 6 portava alla 5 Altrettanto frequente è, all epoca, l installazione dei manifesti su pali di legno o il ricorso a uomini sandwich al fine di esporli a una platea più vasta. 6 L ottocento vede, tanto nell ambito delle arti figurative, quanto in quelle applicate, come l arredamento o la moda, l esplodere dell interesse per l arte giapponese, scoperta recentemente grazie alle esposizioni universali e all apertura di rapporti commerciali regolari con il Paese del Sol Levante. 9

11 ribalta un nuovo uso del colore e soprattutto della forma che avrebbe trovato nell invenzione della cromolitografia lo strumento ideale per condurre l arte nella comunicazione pubblicitaria. In precedenza si è cercato di illustrare i tratti peculiari delle forme di comunicazioni pubblicitarie che anticipano le caratteristiche e le funzioni del moderno manifesto pubblicitario, attraverso alcune, seppur necessariamente limitate, variabili storiche, politiche, sociali ed economiche. E convinzione della critica specialistica e posizione condivisa da chi scrive, infatti, che la storia del manifesto pubblicitario sia strettamente legata alla storia del paese che l'ha creato, una sorta di specchio, a volte deformante, ma sempre valido strumento per lo studio della nostra società 7. In questo specchio, nell ultimo decennio dell ottocento, possiamo osservare, come è già stato accennato, l importanza crescente dell impressionismo e del giapponismo nell estetica del manifesto moderno e, soprattutto, dell affermarsi della cromolitografia 8 che ne rende tecnicamente possibile la realizzazione. Questo specchio inoltre riflette il contesto in cui il manifesto trova la propria inscindibile patria d elezione. E la metropoli: la 7 Si confronti, a proposito, la fondamentale opera di Max Gallo, I manifesti nella storia e nel costume, nella quale l autore, dimostra come il manifesto sia stato un reale "specchio dei tempi". 8 Il processo litografico, inventato da Senefelder nel 1796, era stato messo a punto da Brisset con l'invenzione del torchio litografico a stella nel 1833, mentre la messa a punto della cromolitografia risale al 1836, per opera di Engelmann. Nella cromolitografia le figure sono disegnate con una particolare matita grassa su una matrice di pietra. Successivamente la lastra viene intaccata con un acido creando microporosità atte a trattenere l umidità. In tal modo l inchiostro applicato alla lastra aderisce esclusivamente alle parti grasse. Per la realizzazione di una cromolitografia è necessario predisporre una differente matrice per ogni colore. 10

12 metropoli come luogo d offerta e di domanda, luogo di cultura e di produzione, luogo d arte e d affari 9. E soprattutto la Parigi dell ultima metà dell 800 dove il manifesto moderno nasce dalle mani dei primi grandi affichiste come Jules Chéret, Henri de Toulouse Lautrec, Pierre Bonnard, Théophile Alexandre Steinlen. A Parigi nasce, quindi, il manifesto moderno, mezzo di informazione, di comunicazione culturale o di propaganda pubblicitaria in cui i fini comunicativi, sostenuti per oltre un secolo dalla stampa cromolitografica, diventeranno indissolubili dagli esiti estetici, tanto alti ed innovativi da permettere l inserimento di alcune opere e dei loro autori tra i capolavori della storia dell arte. In tale contesto è inizialmente lo stesso mondo dell arte ad utilizzare questo strumento di comunicazione pubblicitaria. Sono gli editori, infatti, tra i primi a usare i manifesti per pubblicizzare i loro romanzi, presto seguiti da circhi, cabaret, resi immortali dalle affiches di Toulouse Lautrec e teatri. Sono soprattutto questi ultimi a favorire la diffusione del manifesto nella seconda metà dell 800, con la comparsa di locandine di spettacoli, spesso illustrati con realistiche illustrazioni di scene degli spettacoli che promuovevano. 9 Cfr. Jürgen Döring, il quale afferma: "Il manifesto è un prodotto della metropoli". 11

13 Il manifesto francese del 1800 Le figure più importanti nella nascita del manifesto moderno sono per ragioni parzialmente differenti, Jules Chéret e Henri de Toulouse Lautrec. Il primo, dedicando tutta la sua opera alla produzione di affiches pubblicitarie, sarà fondamentale per l evoluzione tecnica del manifesto moderno. Il secondo, con i suoi soggetti, la sua tecnica e i suoi contatti con la cultura e la società parigina del secolo, sarà fondamentale, invece, non solo nella formazione di quel legame indissolubile tra arte e creazione pubblicitaria, ma anche tra quest ultima e la società che rappresenta. Da Jules Chéret alla grafica di fine secolo L impegno di Jules Chéret nel campo della grafica e del manifesto, in particolare, ha origini lontane. Figlio di un tipografo, inizia la sua attività come apprendista presso un litografo parigino e nel 1858 realizza già un notevole manifesto per l'orfeo all'inferno di Offenbach. Tra il 1859 e il 1866 compie un viaggio di studio e poi un lungo soggiorno a Londra per approfondire la conoscenza dei procedimenti tecnici di stampa litografica a colori. Qui conosce Eugène Rimmel, un produttore di profumi, che diventa suo mecenate e gli consente di visitare l'italia e gli altri Paesi del Mediterraneo. E in questo rapporto di mecenatismo tra l imprenditore e il grafico, che va a sostituirsi a quello classico tra uomo di stato e pittore di corte, un altro segno dei tempi che stanno maturando: l arte e l economia si avvicinano e ne traggono reciproco vantaggio. 12

14 Nel 1866, Chéret torna definitivamente a Parigi. Utilizzando macchinari di fabbricazione inglese, vi apre un proprio stabilimento da cui avrà il via una produzione sterminata di manifesti di grande formato. Nel suo lavoro la tecnica delle macchine di stampa inglesi, figlie della rivoluzione industriale, sposa la creatività della pittura francese e soprattutto le istanze rivoluzionarie dell impressionismo. Negli anni a venire, una clientela vastissima, composta da cabaret, teatri d'opera, caffè concerto, circhi e parchi di divertimento, gallerie d'arte, ma anche giornali, grandi magazzini, e ditte commerciali, affiderà al pioniere del manifesto pubblicitario moderno una produzione di affiches che al termine della carriera comporrà un catalogo di 1069 opere. 10 Nel 1881 cede lo stabilimento alla tipografia Chaix, rimanendone però il direttore artistico e continuando a produrre manifesti a un ritmo impressionante, circondandosi anche di collaboratori allievi che si ispirano al suo stile. Naturalmente l importanza di Chéret non risiede esclusivamente nel suo carattere di precursore della grafica pubblicitaria a colori e nella sua elevata produzione, che configura una vera e propria industria dell arte. A lui va ascritta, infatti, anche l invenzione e la realizzazione di cartelloni di grande formato e soprattutto l utilizzo di uno stile basato su un nuovo rapporto tra immagine e testo. 10 Jules Chéret nasce nel 1836 e muore nel Molto vasta è anche la sua produzione grafica minore, composta da copertine per libri, programmi teatrali, spartiti e riviste. Si cimenta anche nella pittura decorativa con cicli eseguiti nell'hotel de Ville di Parigi, nella "Taverne de Paris" e nella villa La Sapinière a Evian. 13

15 Nelle sue opere, la scritta, considerata sinora come elemento estraneo all'immagine, viene ora ripensata in funzione di quest'ultima, che nel frattempo ha abbandonato la monocromia e il rigore delle illustrazioni precedenti, per assumere uno straordinario dinamismo e un fortissimo impatto, grazie a un utilizzo spregiudicato del colore e del movimento. Il testo perde in parte il proprio valore didascalico e descrittivo per assumere un maggior rilievo decorativo ed estetico. La descrizione del prodotto o dell evento reclamizzato si riduce, fino a scomparire, in molti casi, mentre viene amplificato l effetto di attrazione dell illustrazione, mediante scritte dinamiche e colorate. Un altra, fondamentale intuizione di Chéret consiste nell'associazione del prodotto da pubblicizzare con la rappresentazione della donna, che ben presto caratterizzerà la maggior parte della sua produzione. La figura femminile, dai tratti post impressionisti e spesso rappresentata in movimento, ha lo scopo di far convergere l'attenzione dell'osservatore, attratto anche dalla vivace scelta cromatica. E interessante notare, in relazione all utilizzo della figura femminile nell opera di Chéret, come l attenzione verso la donna nella comunicazione pubblicitaria, oggi sicuramente abusata forse per scarsità di idee non sia affatto cosa recente, ma, anzi, risalga agli albori della réclame moderna. Naturalmente la lezione di Chéret non rimase lettera morta, ma fu imitata, assimilata e perfezionata da numerosi artisti, tanto in Francia quanto nel resto d Europa e in America, i quali contribuirono all affermarsi di una cartellonistica Fig. 1 Jules Chéret, Aux Folies Bergere, 1875 Fig. 2 Jules Chéret, Saxolèine,

16 accattivante e comprensibile a tutti. In Francia, come si è già avuto occasione di accennare, gli sviluppi più importanti dell'arte del manifesto si verificarono, nell'ultimo decennio dell'ottocento, con le innovazioni introdotte, sia nella forma che nel contenuto, dai pittori francesi Pierre Bonnard, Théophile Alexandre Steinlen e, soprattutto, Henri de Toulouse Lautrec. Pierre Bonnard 11, in particolare, perfezionò la lezione di Chéret, utilizzando il testo come parte integrante dell'illustrazione, intrecciando lettere e immagini. L opera di Théophile Alexandre Steinlen 12, invece, pittore e grafico di origine svizzera, risulta particolarmente importante per i successivi sviluppi della grafica pubblicitaria, la quale risentirà, come gran parte dell arte visiva francese del periodo, del crescente influsso dell arte giapponese. Ne è un esempio fin troppo smaccato il manifesto del 1891 per l opera Le Rêve dove il japonisme assume il lato più esteriore di una replica estetizzante e acritica di esotiche icone orientali. L influsso orientale, assieme ad una passione quasi maniacale per i gatti, si ritroverà in quella che è probabilmente la sua immagine più famosa, ovvero quella creata per la serie pubblicitaria della compagnia teatrale Le Chat Noir. 11 pittore francese (Fontenay aux Roses 1867 Le Cannet 1947). Dopo aver frequentato l'accademia J, si dedicò alla litografia, giungendo alla notorietà con l'affiche per France Champagne. Nel 1892 si legò al gruppo dei nabis. Collaborò con disegni e litografie alla Revue Blanche e pubblicò una serie di litografie su aspetti della vita parigina. Contemporaneamente cominciò a dedicarsi alla pittura ed espose con successo al Salon d'automne del disegnatore, incisore, pittore e scultore svizzero naturalizzato francese (Losanna 1859 Parigi 1923). Trasferitosi a Parigi nel 1880, entrò a far parte dell'ambiente artistico di Montmartre, diventando famoso come disegnatore della vita dei proletari e dei sobborghi parigini..illustrò anche numerose opere letterarie. Celebri le sue raffigurazioni di animali, specialmente di gatti. Fig. 3 T. A. Steinlen, Le Rêve, 1891 Fig. 4 T. A. Steinlen, Le chat noir.. 15

17 In questi manifesti, caratterizzati dalla figura stilizzata e bidimensionale di un gatto e realizzata in soli tre colori, però, il modello orientale, anche grazie all insegnamento di maestri del calibro di Toulouse Lautrec, rinuncia finalmente a citare i soggetti propri delle stampe giapponesi, limitandosi a riprenderne chiaramente le modalità compositive. Henri de Toulouse Lautrec Come già accennato in precedenza, la figura di Toulouse Lautrec riveste un carattere fondamentale nella storia del manifesto pubblicitario moderno. Innanzitutto a livello tecnico. Egli, abbandonate le tecniche impressioniste, ampiamente utilizzate nella sua pittura, per la realizzazione dei suoi manifesti attinge a piene mani dallo stile grafico giapponese, pur rimanendone costantemente lontano dai soggetti tipici. I suoi cartelloni, come quello, celeberrimo, raffigurante l amico cantante Aristide Bruant, sono composti da larghe campiture di colore piatto e contrastante che pongono in straordinario rilievo la figura massiccia del soggetto, mentre i volitivi tratti del volto sono appena accennati. E questa un opera in cui è presente un secondo elemento fondamentale della cartellonistica di Toulouse Lautrec, ovvero l uso spregiudicato dell inquadratura, che deriva, attraverso la mediazione dell amico Degas, dalla fotografia. In questo manifesto, in particolare, Bruant non appare ritratto in studio, bensì sorpreso, sull uscio dell Ambassadeurs, il locale in cui si esibiva. Sullo sfondo un anonima silhouette, anch essa figura derivata dalla Fig. 5 Henri de Toulouse Lautrec, Aristide Bruant,

18 figurazione orientale, in particolare da quelle ombre cinesi che tanto successo riscuotevano nei locali di Montmartre, osserva l artista, in una posa informale e dinamica. Quella del rifiuto del punto di vista statico, dell adozione, in sua vece, del taglio fotografico che riprende momenti comuni, della cattura del movimento che anche la fotografia aveva solo di recentemente conquistato 13, sarà una costante della produzione pubblicitaria di Toulouse Lautrec e testimonia la sua capacità di tradurre nelle sue opere non solo l evoluzione della società, ma anche di rifletterne, implicitamente, le evoluzioni tecniche. La ritroviamo, ad esempio, in Moulin Rouge: la Goulue 14, manifesto realizzato nel 1891, con il doppio intento di celebrare le ballerine del locale e di fungere da manifesto pubblicitario. L opera,di straordinaria modernità, è costruita su tre piani paralleli. In primo piano il profilo monocromo, enfatizzato fino ad apparire caricaturale 15 del proprietario del locale, Charles Zidler, il quale sembra presentare compiaciuto la sua vedette. Questa in secondo piano, ma al centro dell immagine, risalta grazie al dinamismo della sua danza e al colore che le è riservato. In terzo piano, a fare da cornice, la nera silhouette del pubblico, ennesima citazione delle ombre cinesi. Fig. 6 Henri de Toulouse Lautrec, Moulin Rouge: La Goulue, Alla fine del XIX secolo, in realtà, il reportage come viene oggi comunemente inteso, ovvero uno stile che privilegia l istantanea, lo scatto rubato, era agli albori. In precedenza i lunghi tempi d esposizione necessarie per impressionare le prima lastre e l ingombro degli apparecchi fotografici imponevano immagini fotografiche posate e non permettevano di catturare il movimento. 14 La Goulue era una ballerina del Moulin Rouge. Amica, come Jane Avril, dello stesso Tolulouse Lautrec, era, come quest ultima, una vera e propria star tra i frequentatori dei locali notturni parigini a cavallo dei due secoli. 15 Il ricorso all enfatizzazione caricaturale, tanto nella pittura, quanto nella grafica, costituisce un ulteriore importante cifra stilistica di Toulouse Lautrec. 17

19 Gli esempi potrebbero essere innumerevoli, ma l analisi esula certamente dalle finalità di questo saggio. Un ultimo riferimento va, tuttavia, rigorosamente fatto al manifesto, creato per l inaugurazione del Divan Japonais 16 solo due anni dopo. E questa un opera che ben sintetizza quanto è già stato detto riguardo alla tecnica dell artista nella realizzazione dei suoi manifesti. Si riconosce l influsso dell arte giapponese nelle figure piatte e stilizzate, definite attraverso il colore e i contorni fortemente marcati. Si rileva l influenza dell inquadratura fotografica, la quale non solo coglie di tre quarti le figure in primo piano 17, ma, addirittura, subordina sullo fondo quella che dovrebbe essere la vera protagonista, la cantante Yvette Guilbert, il cui riconoscimento è affidato esclusivamente ai lunghi guanti neri, essendo la testa, per esplicita scelta creativa dell artista, estromessa dall immagine. Si tratta di una scelta ardita, che, ponendo in risalto l ospite d onore e nascondendo la cantante, anticipa caratteristiche fondamentali della successiva tecnica pubblicitaria. Toulouse Lautrec, con questo artificio e, contemporaneamente, con l eliminazione di didascalie illustrative, introduce un principio che trova massima espressione nella comunicazione pubblicitaria contemporanea: comunicare il marchio e, contemporaneamente, un sentimento di appartenenza a un élite elegante e raffinata, piuttosto che mostrare ed e evidenziare il prodotto offerto. 18 Fig. 7 Henri de Toulouse Lautrec, Le Divan Japonais, Si tratta, ancora una volta, di un locale notturno, precisamente un caffè concerto. 17 Si tratta della famosa Jane Avril (cfr. n.n. 14) e del proprietario del locale, Edouard Dujardin. 18

20 Il novecento Già a partire dagli ultimi anni dell 800 la strada si trasforma nel principale luogo d elezione della pubblicità. Nascono manifesti pubblicitari di grandi dimensioni, realizzati anche abbandonando il tradizionale formato verticale per privilegiare quello orizzontale, più facile da collocare, ben visibile, in posizioni strategiche. La tecnica, invece, registra la diffusione della stampa offset 19, che rende più semplice e veloce stampare grosse tirature di manifesti rispetto alla cromolitografia. All inizio del secolo, sotto il profilo delle tecniche di comunicazione pubblicitaria, invece, si assiste, in Francia alla diffusione dello slogan, frase memorabile, usata in un contesto commerciale, come espressione facilmente memorizzabile e associabile al prodotto. 20 L affermazione dello slogan, che, in Italia approda solo attorno agli anni 30, è una diretta conseguenza dell abbandono del testo in funzione referenziale e descrittiva nei manifesti pubblicitari. Come si è visto nelle opere di Toulouse Lautrec, l immagine del cartellone pubblicitario era divenuta talmente forte e facilmente identificabile con il prodotto o il servizio reclamizzato, da rendere superflua ogni descrizione e da poter essere facilmente compresa anche da un pubblico 19 Nella stampa offset la matrice, consistente in una lastra metallica, viene applicata ad un cilindro. Un secondo cilindro, rivestito in gomma, riceve l inchiostro dalla matrice e la trasferisce sulla carta. Il vantaggio evidente, oltre a quello di una maggiore aderenza del supporto di stampa con la superficie da stampare è la possibilità di stampare su un supporto continuo ad un ritmo estremamente più veloce. I macchinari per la stampa offset sono comunemente denominati rotative. 20 Il termine "Slogan" deriva dal gaelico scozzese sluagh ghairm (pronunciato slogorm), che significa "grido di battaglia". 19

21 analfabeta. La parola, ora, piuttosto che essere completamente bandita dal manifesto, poteva essere proficuamente utilizzata a sostegno della riconoscibilità del marchio, in una frase ad effetto da ricordare. I manifesti dell'art Nouveau Nel frattempo, anche in Inghilterra il manifesto aveva assunto importanza e valore artistico sempre maggiori. Nel Paese britannico raggiunge risultati artisticamente apprezzabili soprattutto Aubrey Beardsley 21. Egli fu tra i più importanti e originali disegnatori nell'ambito del decadentismo fin de siècle ed anticipatore dell Art Nouveau. La sua opera è influenzata dal linearismo dei preraffaelliti, ampiamente contrastante con il vivace cromatismo di molti manifesti pubblicitari francesi contemporanei. Comuni sono, invece, le suggestioni derivate dalle stampe giapponesi, che egli tuttavia declina secondo toni intimistici, malinconici e decadenti. La diffusione dell'art Nouveau, 22 inizia ben presto ad influenzare la grafica dei manifesti, soprattutto il rapporto Fig. 8 Aubrey Beardsley, Girl and bookshop 21 disegnatore, illustratore e scrittore inglese (Brighton 1872 Mentone 1898). Anche se più attivo in campo editoriale, fu una figura indispensabile per lo sviluppo dell'affiche nel periodo dell'art Nouveau. 22 L art nouveau, più di qualsiasi altro stile o corrente artistica, ha assunto diverse denominazioni nei diversi Paese. Liberty o Stile floreale in Italia, Jugendstil in Germania, essa assume il nome di Modern Style in Gran Bretagna e di Arte Modernista in Spagna. Nella stessa Francia, in cui si origina, viene anche denominata Style Guimard, Style 1900 o Scuola di Nancy. 20

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di:

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di: Con il patrocinio e il contributo di: PROVINCIA DI COMO COMUNE DI PONTE LAMBRO in collaborazione con il Comitato Organizzatore per il 140 ANNIVERSARIO della nascita di Leopoldo Metlicovitz Leopoldo Metlicovitz

Dettagli

Progettazione Multimediale STORIA DEI LINGUAGGI. Parte 4. Prof. Gianfranco Ciaschetti

Progettazione Multimediale STORIA DEI LINGUAGGI. Parte 4. Prof. Gianfranco Ciaschetti Progettazione Multimediale STORIA DEI LINGUAGGI Parte 4 Prof. Gianfranco Ciaschetti Con la nascita del manifesto e della rivista, nel XVIII secolo, si sviluppa un nuovo ambito artistico che coniuga insieme

Dettagli

Progettazione Multimediale STORIA DEI LINGUAGGI. Parte 3. Prof. Gianfranco Ciaschetti

Progettazione Multimediale STORIA DEI LINGUAGGI. Parte 3. Prof. Gianfranco Ciaschetti Progettazione Multimediale STORIA DEI LINGUAGGI Parte 3 Prof. Gianfranco Ciaschetti Evoluzione della stampa e dei caratteri Con l invenzione della stampa a caratteri mobili di Gutenberg, inizia la possibilità

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA L ARTE CONTEMPORANEA E LA DISINTEGRAZIONE DEL RAPPORTO TRA LINGUAGGIO E REALTA Relatore Prof.ssa

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

GRAPHIC DESIGN. 1. Cenni storici

GRAPHIC DESIGN. 1. Cenni storici GRAPHIC DESIGN 1. Cenni storici GRAPHIC DESIGN - È quell ambito artistico che sviluppa messaggi di tipo visivo utilizzando elementi grafici come caratteri, immagini, simboli, e colori; - nella storia si

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE ARTISTICA FINALITA La disciplina mira nelle sue varie articolazioni, alla maturazione delle capacità di esprimersi e di comunicare

Dettagli

Picasso. Capolavori dal Museo Nazionale di Parigi

Picasso. Capolavori dal Museo Nazionale di Parigi 12 Picasso. Capolavori dal Museo Nazionale di Parigi 10 8 6 4 Colonna 1 Colonna 2 Colonna 3 2 0 Riga 1 Riga 2 Riga 3 Riga 4 Picasso Reale: Milano come Parigi Il Musée National Picasso di Parigi, attualmente

Dettagli

IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO

IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO Il linguaggio iconico, ancor più di quello verbale, utilizza figure retoriche. Anche il linguaggio del marchio contiene queste figure. METAFORA La caratteristica fondamentale

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

Anche se oggi non svolge più il ruolo da protagonista nella comunicazione, conserva immutato il suo valore e si rinnova costantemente con la scoperta

Anche se oggi non svolge più il ruolo da protagonista nella comunicazione, conserva immutato il suo valore e si rinnova costantemente con la scoperta Manifesto Uno dei più antichi artefatti comunicativi, una sorta di supporto materiale, non verbale, alla componente verbale. Collocato nell'ambito delle cosi dette arti figurative e collegato alla pittura:

Dettagli

Gustav Klimt. il bacio. Der Kuss

Gustav Klimt. il bacio. Der Kuss Gustav Klimt il bacio Der Kuss SAPER OSSERVARE E CAPIRE UN OPERA D ARTE In questo percorso presentiamo e analizziamo l opera il bacio, che il pittore iniziò a dipingere nel 1907 e terminò nell anno successivo.

Dettagli

LEOPOLDO METLICOVITZ Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale

LEOPOLDO METLICOVITZ Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale Comune di Ponte Lambro LEOPOLDO METLICOVITZ Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale CHI E Leopoldo Metlicovitz (Trieste 1868 / Ponte Lambro - Como 1944) Pittore, cartellonista, illustratore

Dettagli

Tavolino per il trucco

Tavolino per il trucco L Art Déco Mentre in Inghilterra ed in Germania si è visto come nello sviluppo del design si sia cercata la continuità con il discorso, aperto nell Ottocento, del recupero e dello sviluppo delle arti applicate

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE NOVITA SCUOLE MATERNE FINESTRA O SPECCHIO? Scuola materna ed elementare Il percorso prevede la visita della collezione della Pinacoteca Agnelli, con un approfondimento sulle opere di Henri Matisse. La

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

SIMBOLISMO Paul Gauguin (1848-1903)

SIMBOLISMO Paul Gauguin (1848-1903) Scuola Secondaria di I grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine Prof. Fortunato Rao La pittura deve suggerire più che descrivere, come invero fa la musica. (Paul Gauguin) SIMBOLISMO Paul Gauguin

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE Il workshop di make up base ed effetto speciale è tenuto da Darioloris Cerfolli, make up artist che lavora per cinema, moda, pubblicità e per tutte le donne che concepiscono

Dettagli

Busto Arsizio. Corso di formazione TIC. relatore Prof. Roberto Tirelli

Busto Arsizio. Corso di formazione TIC. relatore Prof. Roberto Tirelli Busto Arsizio Corso di formazione TIC MULTIMEDIALITA relatore Prof. Roberto Tirelli 1 CREARE UN DOCUMENTO Quale struttura utilizzare per il documento multimediale? Modello lineare sequenziale Struttura

Dettagli

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola A.S 2012 2013 OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola Obiettivi didattici del 1 anno 1. Capacità di vedere osservare e comprensione

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine AL TERMINE DEL PRIMO BIENNIO COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE L alunno è in grado di L alunno conosce Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA Kazimir Malevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Tra manifesti e volantini, la pubblicità è sempre più pubblica

Tra manifesti e volantini, la pubblicità è sempre più pubblica LA FIERA DELLE VANITA Tra manifesti e volantini, la pubblicità è sempre più pubblica Fra tutti i mezzi di cui si avvale la tecnica pubblicitaria per comunicare i propri messaggi, il manifesto murale ci

Dettagli

MicheleModafferi Essenziale Bellezza

MicheleModafferi Essenziale Bellezza MicheleModafferi Essenziale Bellezza Michele Modafferi Essenziale Bellezza Essenziale Bellezza di Caterina Pellitta Stilizzare, sfoltire, affinare, arrivare all essenza. Questi i principi della ricerca

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria. PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria. Competenze Abilità Conoscenze

ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria. PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria. Competenze Abilità Conoscenze ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria Competenze Abilità Conoscenze Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE Il Dipartimento, nell'ambito della discussione preliminare relativa alla Programmazione, ed in considerazione del riordino dei cicli scolastici previsti dalla

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli

VERONIKA VAN EYCK 1936-2001. Sculture

VERONIKA VAN EYCK 1936-2001. Sculture VERONIKA VAN EYCK 1936-2001 Sculture Veronika van Eyck Sculture Nel vasto panorama della scultura italiana del Novecento, una posizione di rilievo è occupata da Veronika van Eyck, nativa di Monaco ma milanese

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

- HENRY VAN DE VELDE (1863-1957).

- HENRY VAN DE VELDE (1863-1957). IL BELGIO Il Belgio rappresenta il paese con i più intensi rapporti di carattere culturale con l Inghilterra. I due maggiori maestri del movimento Art Nouveau Belga furono gli architetti: - VICTOR HORTA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE FINALITA' Sviluppare e potenziare la capacità di leggere e comprendere immagini e creazioni artistiche. Sapersi esprimere e comunicare in modo personale e creativo.

Dettagli

Kinkaleri Hit Parade Conferenza/Spettacolo

Kinkaleri Hit Parade Conferenza/Spettacolo Kinkaleri Hit Parade Conferenza/Spettacolo Che anno era? 1917? Ad un certo punto il pubblico di Parigi riesce a scaldarsi e a smontare le sedie in platea per tirarle addosso agli autori di uno spettacolo.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

2007 Brocca (una delle immagini in mostra)

2007 Brocca (una delle immagini in mostra) MOSTRA D ARTE AUTORE: Alberto Galmozzi TITOLO DELLA MOSTRA: UNDICI DATA: dal 25 Aprile al 3 Maggio 2009 LUOGO: Salone ex-ateneo Piazza Duomo Bergamo INAUGURAZIONE: Venerdì 24 Aprile, ore 18 INTRODUZIONE

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA DISCIPLINA ARTE E IMMAGINE CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esprimere sensazioni, emozioni, pensieri in modo spontaneo tecniche personali sia grafiche che manipolative. OSSERVARE E LEGGERE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE. Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE. Classi Prime PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE Classi Prime Progettazione annuale 1. Rilevazione dei livelli di partenza della classe ed individuazione delle competenze precedentemente acquisite. Profilo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

Discipline di indirizzo: progettazione esecutiva e illustrazione

Discipline di indirizzo: progettazione esecutiva e illustrazione CORSO DI FOTOGRAFIA PROF.SSA DIRCE IERVOLINO Obbiettivi del corso Il corso ha l obiettivo di introdurre gli allievi ai principi, alle tecniche e alla produzione e post-produzione delle immagini fotografiche

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

c o n t e m p o r a n e i

c o n t e m p o r a n e i P e r c o r s i c o n t e m p o r a n e i PROGETTO SCUOLE CHI SIAMO Rovescio è un associazione culturale non profit e una comunità con l obiettivo di coinvolgere chiunque desideri intraprendere a Roma

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

WRITING AND STREET ART EXPERIENCE

WRITING AND STREET ART EXPERIENCE WRITING AND STREET ART EXPERIENCE WRITING AND STREET ART EXPERIENCE una produzione in collaborazione con EXPOARTE CITTÀ DI MONTICHIARI 1-2-7-8-9 Novembre 2008 Centro Fiera del Garda - Montichiari (BS)

Dettagli

Pittorialismo/Modernismo La scena della fotografia americana Samantha Marenzi

Pittorialismo/Modernismo La scena della fotografia americana Samantha Marenzi Pittorialismo/Modernismo La scena della fotografia americana Samantha Marenzi Pittorialismo europeo, a cui danno vita gli amatori. Creazione dei primi Camera Clubs e dei Salons espositivi la cui giuria,

Dettagli

Proposta laboratorio creativo

Proposta laboratorio creativo Tino Vaglieri Vaglieri, fantasie di mutamento Opere 1958-1963 Studio d Arte del Lauro Via Mosè Bianchi 60, Milano dal 18 Ottobre al 21 Dicembre Proposta laboratorio creativo La mostra Lo Studio d Arte

Dettagli

Laboratorio 1 Giammarco Arestia Giulia Epiro Giovanna Di Rosa Giulia Laneri Omar Jebari Claudia Iacobacci Gaetano Consiglio

Laboratorio 1 Giammarco Arestia Giulia Epiro Giovanna Di Rosa Giulia Laneri Omar Jebari Claudia Iacobacci Gaetano Consiglio Laboratorio 1 Giammarco Arestia Giulia Epiro Giovanna Di Rosa Giulia Laneri Omar Jebari Claudia Iacobacci Gaetano Consiglio CENNI SULLA SUA BIOGRAFIA Nasce in Ungheria nel 1895; Intraprende gli studi giuridici;

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO ARTE E IMMAGINE Competenze finali AMBITO ARTISTICO [Dal Profilo educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del primo ciclo di istruzione (6-11 anni)] per l'espressione di sé e per la

Dettagli

Il primo Novecento La L scuol o a l di i Pa P rig i i

Il primo Novecento La L scuol o a l di i Pa P rig i i Il primo Novecento La scuola di Parigi Il terminescuola di Parigi viene utilizzato per indicare il gruppo di artisti non francesi che visse e lavorò apariginel periodo seguente allo scoppio dellaprima

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

WWW.MUMAC.IT/EDUCATION

WWW.MUMAC.IT/EDUCATION MUMAC Il museo della macchina per caffè espresso, viene inaugurato nel 2012 in occasione del centenario dalla nascita del La Cimbali al fine di diffondere la conoscenza della storia e dell evoluzione delle

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 COPYWRITER

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 COPYWRITER COPYWRITER 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Con il trasferimento a Roma degli Archivi Legali Amedeo Modigliani de oltre 69 anni a Parigi, si

Con il trasferimento a Roma degli Archivi Legali Amedeo Modigliani de oltre 69 anni a Parigi, si Il Modigliani Institut Paris - Rome Obiettivo del Modigliani Institut, quello di fare apprezzare la storia e le opere del grande artista Livornese che ha caratterizzato la pittura e la storia dell Arte

Dettagli

un mercato ormai saturo di concorrenza, di pubblicità: di migliaia di prodotti che lottano per

un mercato ormai saturo di concorrenza, di pubblicità: di migliaia di prodotti che lottano per Introduzione L importanza dell'immagine aziendale. Nella società moderna, soprattutto dagli ultimi trent'anni a questa parte, le imprese lavorano in un mercato ormai saturo di concorrenza, di pubblicità:

Dettagli

Cos e un disegno o un modello?

Cos e un disegno o un modello? Disegni e modelli La forte propensione all innovazione ed i repentini mutamenti di scenario, che caratterizzano il contesto economico attuale, rendono gli interventi di tutela e valorizzazione della Proprietà

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

Quelli erano anni in cui si scrivevano molti manifesti artistici in Europa. E in questo contesto che Le Corbusier inizia il suo cammino.

Quelli erano anni in cui si scrivevano molti manifesti artistici in Europa. E in questo contesto che Le Corbusier inizia il suo cammino. Nico Bolla Libri: 3.2.Le Corbusier pag 1 3.2. Verso una Architettura - di Le Corbusier Autore figura 00 Le Corbusier, principale Maestro del Novecento, nato a La Chaux- de- Fonds nel 1887 (il 06 ottobre)

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche?

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? {oziogallery 463} 01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? Da sempre! Fin da piccola ho avuto una grande passione per l arte, mi soffermavo spesso a contemplare

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE 1

ARTE E IMMAGINE CLASSE 1 ARTE E IMMAGINE OB. FORMATIVI COMPETENZE CLASSE 1 1. UTILIZZARE IL DISEGNO IN MODO SIGNIFICATIVO. 1.1 Individuare i colori primari e secondari. 1.2 Riconoscere i colori nella realtà. 1.3 Rappresentare

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

--- il Surrealismo ---

--- il Surrealismo --- --- il Surrealismo --- Nascita del movimento Il termine surrealista fu inventato nel 1917 dallo scrittore Guillaume Apollinaire, ma il Surrealismo come movimento artistico, in realtà, nacque solo nel 1924

Dettagli

Meraviglie. Mostra Alice nel Paese delle. Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585

Meraviglie. Mostra Alice nel Paese delle. Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585 Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585 Mostra Alice nel Paese delle Meraviglie Luogo: sala espositiva collocata all interno di un edificio

Dettagli

Piano di lavoro annuale di Arte e Immagine

Piano di lavoro annuale di Arte e Immagine 3 Istituto Comprensivo E. De Cillis Rosolini Piano di lavoro annuale di Arte e Immagine a.s. 2014-2015 Classi Terze Prof. Santo Valvo Settembre PRIMO QUADRIMESTRE (settembre/gennaio) Attività introduttive

Dettagli

La seduzione della pubblicità (3)

La seduzione della pubblicità (3) La seduzione della pubblicità (3) Il messaggio pubblicitario La pubblicità fa leva sui desideri del consumatore. Lo scopo di un messaggio pubblicitario è quello di spingere il pubblico a comportarsi in

Dettagli

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A..

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A.. ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA DI CORTE DE FRATI Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO Anno Scolastico 2015/2016 2013/2014 POF 2015-16 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO 65016 MONTESILVANO (PE) Via Olona n. 9 - Distretto Scolastico N. 12 Il futuro del mondo è nelle nostre mani! PIANO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE

Dettagli

Attività opzionali a completamento del curricolo a.s. 2012/2013

Attività opzionali a completamento del curricolo a.s. 2012/2013 Attività opzionali a completamento del curricolo a.s. 2012/2013 Denominazione dell attività di laboratorio Finalità Laboratorio di recupero che consenta di colmare le lacune di base esistenti e di raggiungere

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

Questa non è una pipa: l'assurdo e il sogno di René Magritte?

Questa non è una pipa: l'assurdo e il sogno di René Magritte? Questa non è una pipa: l'assurdo e il sogno di René Magritte? René Magritte (1898-1967) Nasce in Belgio da una famiglia piccolo borghese e perde la madre (in circostanze misteriose) all'età di soli 13

Dettagli

Santi medievali in guerra.

Santi medievali in guerra. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO Dipartimento di Scienze della Comunicazione e Discipline Umanistiche Corso di Laurea in Storia dell Arte Santi medievali in guerra. Giovanna, Giorgio e Francesco

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE E VALORIZZAZIONE Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico DEL PATRIMONIO ARTISTICO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Discipline della Valorizzazione

Dettagli

PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA

PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA OLTRE LA MOSTRA Testi, immagini, brani critici e letterari e filmati raccontano opere e artisti. a cura di Fabiana Mendia, presidente dell Associazione

Dettagli

FRANCA SOZZANI IL BLOG DEL DIRETTORE BOMPIANI

FRANCA SOZZANI IL BLOG DEL DIRETTORE BOMPIANI FRANCA SOZZANI IL BLOG DEL DIRETTORE BOMPIANI ISBN 978-88-452-6630-0 2010 RCS Libri S.p.A. Via Mecenate 91-20138 Milano Prima edizione Bompiani dicembre 2010 La moda non ha leggi, non ha regole, ma senza

Dettagli

Visualizzazione e Composizione

Visualizzazione e Composizione Visualizzazione e Composizione Elementi Base di Visualizzazione Contenuti, Mezzi di Comunicazione e Modalità di Visualizzazione Dopo aver creato un design concept, un graphic designer deve prendere delle

Dettagli

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori Toni Benetton Treviso, Italia 1910-1996, è considerato uno dei maggiori scultori contemporanei, particolarmente autorevole nel campo delle Macrosculture. Nel 1938 frequenta il corso di scultura all Accademia

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Osservare e descrivere immagini statiche ed in movimento, cogliendo emozioni e stati d animo prodotti dalla combinazione degli elementi strutturali. Produrre e rielaborare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA LINGUAGGI, CREATIVITA' ESPRESSIONE Gestualità, arte, musica, multimedialità Il bambino/la

Dettagli

Il design nel tessuto per arredamento

Il design nel tessuto per arredamento Il design nel tessuto per arredamento Nello specifico progettare tessile per arredo significa creare un prodotto portatore di significati simbolici, che ci comunica per immagini e colori; per questo il

Dettagli

Fondazione d arte Erich Lindenberg, Villa Pia, 6948 Porza (Ticino CH) 24 marzo 29 settembre 2013

Fondazione d arte Erich Lindenberg, Villa Pia, 6948 Porza (Ticino CH) 24 marzo 29 settembre 2013 Comunicato stampa, marzo 2013 Dialogo tra generazioni Robert B. e Robertson Käppeli Erich Lindenberg disegni e acquerelli un dialogo tra l uomo e lo spazio Fondazione d arte Erich Lindenberg, Villa Pia,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli