L evoluzione del manifesto artistico Stili, Tecniche, Messaggi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L evoluzione del manifesto artistico Stili, Tecniche, Messaggi"

Transcript

1 Università Ca Foscari Venezia Facoltà di Economia Corso di Laurea specialistica in EGArt L evoluzione del manifesto artistico Stili, Tecniche, Messaggi Corso di Storia dei Mercati dei Beni Artistici e Culturali Prof. Piero Bolchini Saggio di Alessandro Zilio Matr

2 Università Ca Foscari Venezia Facoltà di Economia Corso di Laurea specialistica in EGArt L evoluzione del manifesto artistico Stili, Tecniche, Messaggi Corso di Storia dei Mercati dei Beni Artistici e Culturali Prof. Piero Bolchini Saggio di Alessandro Zilio Matr In copertina: A. Hohenstein, Cartellone per Butterfly,

3 Indice Introduzione 3 Le origini del manifesto artistico 5 Il manifesto francese del Da Jules Chéret alla grafica di fine secolo 12 Henri de Toulouse Lautrec 16 Il Novecento 19 I manifesti dell Art Nouveau 20 Il manifesto Liberty italiano 22 Le ripercussioni dello Jugendstil a Monaco e Berlino 25 Il manifesto durante la prima guerra mondiale 27 Il manifesto del Bauhaus 28 Il manifesto déco 30 Il manifesto durante la seconda guerra mondiale 31 Il manifesto dal secondo dopoguerra ad oggi 32 Conclusione 35 Appendice Il manifesto d arte nella strategia pubblicitaria Campari 36 Bibliografia 39 2

4 Introduzione L origine del manifesto pubblicitario moderno, inteso come pannello rimovibile adibito alla reclamizzazione di un prodotto, di una marca, ma anche di un evento o di un'istituzione, mediante l utilizzo di immagini e testo gradevoli ed esteticamente attraenti, risale senza dubbio alla seconda metà del XIX secolo. Le precedenti forme di comunicazione pubblicitaria, indubbiamente, anticipano alcune delle caratteristiche del manifesto moderno, ma solo nel fermento artistico della Francia cosmopolita dell 800 si fisseranno alcuni caratteri che caratterizzeranno il cartellone pubblicitario e la comunicazione commerciale fino ai giorni nostri. Questo breve saggio intende, dopo un breve excursus sui media pubblicitari ante litteram, analizzare l evoluzione del manifesto pubblicitario, confrontandola costantemente con la parallela evoluzione della cultura, della società, della tecnica e della committenza. A conclusione del lavoro si intende dimostrare come, dai primi anni 60 del secolo scorso, il manifesto sia stato affiancato e, in molti casi, soppiantato, da mezzi di comunicazione moderna. Si constaterà, in particolare, come la grafica, protagonista delle prime affiches 1 ceda definitivamente il passo alla fotografia, ma si concluderà dimostrando come, grazie a figure d artista complesse e complete come Armando Testa, il manifesto abbia la possibilità di rivivere una nuova stimolante giovinezza. 1 Affiche è il termine francese indicante il manifesto. Si vedrà, nel corso del lavoro, il significato del termine.

5 Conclude il lavoro un appendice dedicata ad una breve analisi dell evoluzione del manifesto nella strategia di comunicazione della Campari, una delle prime aziende italiane ad intuire le potenzialità della comunicazione pubblicitaria e del manifesto in particolare, testimoniata dall eccezionale successo a livello internazionale. 4

6 Le origini del manifesto artistico L etimologia della parola italiana manifesto è facilmente riconducibile al verbo manifestare, ovvero far conoscere, rendere noto. Nella nostra lingua, quindi, viene immediatamente riconosciuta l efficacia del manifesto come mezzo di comunicazione pubblicitaria, di lettura immediata e di grande diffusione. Lo stesso non avviene nella lingua francese ed in quella inglese, dove tale strumento di comunicazione assume, rispettivamente il nome di affiche e di poster, vocaboli che si riferiscono entrambi, più semplicemente, alla modalità d esposizione del manifesto, l affissione 2. Tale preliminare considerazione sull etimologia dei vocaboli riferibili a questo strumento di comunicazione permette, quindi, di gettare le basi per l effettuazione di alcune considerazione fondamentali sulle caratteristiche peculiari dell affissione pubblicitaria moderna. Il termine italiano manifesto, infatti, focalizzando l attenzione sull atto di manifestare, comunicare, rendere palese, pone la locandina pubblicitaria moderna in posizione di continuità con una serie di strumenti pubblicitari che l hanno preceduto. Ragionando in tali termini appare non solo legittimo, ma anche opportuno, ricondurre le origini del manifesto moderno all epoca classica e soprattutto romana. Se manifesto è lo strumento che porta a conoscenza di un numero ampio di persone, 2 Anche nella lingua tedesca i termini plakat e anschlag, con cui si definiscono i manifesti pubblicitari, si riferiscono all atto di affiggere ed esporre. Manifest, invece è il termine utilizzato, analogamente all italiano, per definire il manifesto come dichiarazione programmatica politica, culturale, artistica. 5

7 mediante la pubblica esposizione, un avvenimento, un attività commerciale, una legge, allora, a ragione, possono già essere considerati manifesti i graffiti presenti nei muri delle città romane e testimoniati dai ritrovamenti effettuati a Pompei. Graffiti a cui mani spesso anonime affidano la comunicazione delle leggi e delle disposizioni pubbliche più importanti, ma anche la pubblicità di eventi come spettacoli circensi e gladiatorii e di piccole attività come locande, mescite e, perfino, lupanari. In questa accezione sono manifesti anche le comunicazioni orali affidate, durante il medioevo, ai banditori, i quali, nelle vie o nelle pubbliche piazze, portavano a una popolazione ampiamente analfabeta non solo le comunicazioni delle diverse autorità politiche, ma anche notizie sulle date delle fiere e dei mercati venturi o sull arrivo, in città, di nuove merci condotte da mercanti stranieri. In un certo senso sia il vocabolo francese affiche che quello inglese poster, invece, escludono tali mezzi di comunicazione. Ciò è particolarmente evidente per quanto riguarda i bandi medievali, in cui l oralità esclude il gesto dell affissione, ma vale, a parere di chi scrive, anche per i graffiti dell età classica, in cui, a differenza di quanto avviene per il manifesto moderno, non vi è affissione di una comunicazione affidata a uno specifico supporto, bensì l azione diretta sul supporto murale. Solo con la diffusione della stampa a caratteri mobili, messa a punto da Gutenberg nel XV secolo, appaiono le prime affissioni prodotte in più esemplari identici. Si tratta, 6

8 prevalentemente, di documenti privi di illustrazioni 3, che annunciavano proclami reali, decreti municipali, fiere, mercati e, talvolta, libri. Il passaggio, tuttavia, è importante, in quanto l innovazione tecnica permette la realizzazione in serie di un messaggio uniforme da diffondere con maggior diffusione. In questa occasione il processo di evoluzione che condurrà al manifesto pubblicitario moderno segna un altro passo. Nel proclama o nell annuncio stampato si coniugano per la prima volta quel carattere di manifestazione e diffusione testimoniato dal termine italiano manifesto e l azione di affiggere, di apporre, propria dei vocaboli francesi, inglesi e tedeschi. L efficacia comunicativa di queste affissioni e, di conseguenza, la loro diffusione, tuttavia, risultano ancora fortemente limitate per evidenti ragioni. La motivazione di fondo è che l alfabetizzazione e, quindi, la capacità di comprendere il significato di tali comunicazioni, è riservata ad un élite estremamente ridotta di uomini di cultura, di chiesa e di stato, mentre la maggior parte delle persone ne è esclusa. Fino all avvento della prima rivoluzione industriale, inoltre, la produzione delle merci riveste un carattere prettamente artigianale, lontana dalla moderna produzione di massa e contraddistinta, fatta eccezione per alcuni beni di lusso, da un mercato estremamente ristretto, a carattere prevalentemente locale e regionale. In mancanza di un pubblico in grado di ricevere un messaggio sufficientemente vasto, è chiaro, pertanto, come il 3 In alcuni rari casi, considerato l elevato costo della stampa delle illustrazioni, nei manifesti dell epoca veniva inserito il simbolo dell autorità che emanava l editto. 7

9 manifesto, nella sua veste di strumento di comunicazione commerciale, non possieda particolare appeal prima dell 800. Se si considera il manifesto come strumento di diffusione di leggi, proclami, sentenze, invece, appare chiaro come la sua diffusione fosse limitata, ancora nel 700, in alcuni paese europei 4, dall estrema frammentazione del potere politico che, spesso, rendeva pleonastico il ricorso a pubbliche affissioni per comunicare con una popolazione estremamente ristretta ed analfabeta. Sono le due rivoluzioni industriali, da un lato, e i coevi processi di riunificazione politica dall altro, che determinano l acquisizione sempre più rapida, da parte dei manifesti dell epoca, degli elementi caratterizzanti il manifesto moderno. L intensificarsi della produzione industriale, con i notevoli volumi di merce prodotta, cui sottendono altrettanto notevoli investimenti, rendono non solo possibile, ma anche necessario, l aumento delle vendite e l ampliamento geografico del mercato. Parallelamente i territori nazionali si ampliano e, in alcuni casi si consolidano. Le Costituzioni degli stati post rivoluzionari che, mano a mano, vengono a formarsi, promettono e, in qualche caso, mantengono, la promessa di ridurre l analfabetismo e di diffondere un grado, anche minimo, di scolarizzazione. Il manifesto allora inizia ad assumere un valore maggiore, tanto a livello politico, quanto commerciale e culturale. Inizia nei primi anni dell 800 un ricorso più consapevole all affissione come strumento di comunicazione pubblicitaria e quindi di aumento delle vendite e diffusione del marchio. Parallelamente, seppur gradualmente, inizia ad 4 E il caso, ad esempio, dell Italia preunitaria o degli stati tedeschi. 8

10 affacciarsi nell affiche una dimensione creativa che troverà la propria maturità artistica durante la seconda metà del secolo. Già agli inizi del XIX secolo manifesti in bianco e nero e caratteri a stampa iniziano a tappezzare i muri delle maggiori città europee ed americane 5. Reclamizzano i primissimi prodotti industriali e sono caratterizzati da una scrittura tipografica compatta, indifferenziata e lineare. Tuttavia qualche titolo inizia già a movimentarne la veste grafica, mentre i primi semplici slogan cercano di catturare l attenzione del lettore. Intanto la presenza del colore, che sarà fondamentale nei manifesti dell ultimo 800 e del secolo successivo, viene introdotta a livello prototipico dalle locandine teatrali, le quali, stampate da ciascun teatro su fogli di diverso colore, permettono al potenziale pubblico di individuare, ancor prima di leggere il manifesto, il teatro presso il quale si sarebbe tenuto lo spettacolo. Intanto ulteriori elementi indispensabili alla nascita e al successo del manifesto moderno sono ormai alle porte. La mostra del 1874 presso lo studio parigino del fotografo Nadar ufficializza l esplosione di un movimento artistico, che già da alcuni anni iniziava a minare, con le sue proposte innovative, la pittura accademica. L impressionismo e il crescente interesse per l arte giapponese 6 portava alla 5 Altrettanto frequente è, all epoca, l installazione dei manifesti su pali di legno o il ricorso a uomini sandwich al fine di esporli a una platea più vasta. 6 L ottocento vede, tanto nell ambito delle arti figurative, quanto in quelle applicate, come l arredamento o la moda, l esplodere dell interesse per l arte giapponese, scoperta recentemente grazie alle esposizioni universali e all apertura di rapporti commerciali regolari con il Paese del Sol Levante. 9

11 ribalta un nuovo uso del colore e soprattutto della forma che avrebbe trovato nell invenzione della cromolitografia lo strumento ideale per condurre l arte nella comunicazione pubblicitaria. In precedenza si è cercato di illustrare i tratti peculiari delle forme di comunicazioni pubblicitarie che anticipano le caratteristiche e le funzioni del moderno manifesto pubblicitario, attraverso alcune, seppur necessariamente limitate, variabili storiche, politiche, sociali ed economiche. E convinzione della critica specialistica e posizione condivisa da chi scrive, infatti, che la storia del manifesto pubblicitario sia strettamente legata alla storia del paese che l'ha creato, una sorta di specchio, a volte deformante, ma sempre valido strumento per lo studio della nostra società 7. In questo specchio, nell ultimo decennio dell ottocento, possiamo osservare, come è già stato accennato, l importanza crescente dell impressionismo e del giapponismo nell estetica del manifesto moderno e, soprattutto, dell affermarsi della cromolitografia 8 che ne rende tecnicamente possibile la realizzazione. Questo specchio inoltre riflette il contesto in cui il manifesto trova la propria inscindibile patria d elezione. E la metropoli: la 7 Si confronti, a proposito, la fondamentale opera di Max Gallo, I manifesti nella storia e nel costume, nella quale l autore, dimostra come il manifesto sia stato un reale "specchio dei tempi". 8 Il processo litografico, inventato da Senefelder nel 1796, era stato messo a punto da Brisset con l'invenzione del torchio litografico a stella nel 1833, mentre la messa a punto della cromolitografia risale al 1836, per opera di Engelmann. Nella cromolitografia le figure sono disegnate con una particolare matita grassa su una matrice di pietra. Successivamente la lastra viene intaccata con un acido creando microporosità atte a trattenere l umidità. In tal modo l inchiostro applicato alla lastra aderisce esclusivamente alle parti grasse. Per la realizzazione di una cromolitografia è necessario predisporre una differente matrice per ogni colore. 10

12 metropoli come luogo d offerta e di domanda, luogo di cultura e di produzione, luogo d arte e d affari 9. E soprattutto la Parigi dell ultima metà dell 800 dove il manifesto moderno nasce dalle mani dei primi grandi affichiste come Jules Chéret, Henri de Toulouse Lautrec, Pierre Bonnard, Théophile Alexandre Steinlen. A Parigi nasce, quindi, il manifesto moderno, mezzo di informazione, di comunicazione culturale o di propaganda pubblicitaria in cui i fini comunicativi, sostenuti per oltre un secolo dalla stampa cromolitografica, diventeranno indissolubili dagli esiti estetici, tanto alti ed innovativi da permettere l inserimento di alcune opere e dei loro autori tra i capolavori della storia dell arte. In tale contesto è inizialmente lo stesso mondo dell arte ad utilizzare questo strumento di comunicazione pubblicitaria. Sono gli editori, infatti, tra i primi a usare i manifesti per pubblicizzare i loro romanzi, presto seguiti da circhi, cabaret, resi immortali dalle affiches di Toulouse Lautrec e teatri. Sono soprattutto questi ultimi a favorire la diffusione del manifesto nella seconda metà dell 800, con la comparsa di locandine di spettacoli, spesso illustrati con realistiche illustrazioni di scene degli spettacoli che promuovevano. 9 Cfr. Jürgen Döring, il quale afferma: "Il manifesto è un prodotto della metropoli". 11

13 Il manifesto francese del 1800 Le figure più importanti nella nascita del manifesto moderno sono per ragioni parzialmente differenti, Jules Chéret e Henri de Toulouse Lautrec. Il primo, dedicando tutta la sua opera alla produzione di affiches pubblicitarie, sarà fondamentale per l evoluzione tecnica del manifesto moderno. Il secondo, con i suoi soggetti, la sua tecnica e i suoi contatti con la cultura e la società parigina del secolo, sarà fondamentale, invece, non solo nella formazione di quel legame indissolubile tra arte e creazione pubblicitaria, ma anche tra quest ultima e la società che rappresenta. Da Jules Chéret alla grafica di fine secolo L impegno di Jules Chéret nel campo della grafica e del manifesto, in particolare, ha origini lontane. Figlio di un tipografo, inizia la sua attività come apprendista presso un litografo parigino e nel 1858 realizza già un notevole manifesto per l'orfeo all'inferno di Offenbach. Tra il 1859 e il 1866 compie un viaggio di studio e poi un lungo soggiorno a Londra per approfondire la conoscenza dei procedimenti tecnici di stampa litografica a colori. Qui conosce Eugène Rimmel, un produttore di profumi, che diventa suo mecenate e gli consente di visitare l'italia e gli altri Paesi del Mediterraneo. E in questo rapporto di mecenatismo tra l imprenditore e il grafico, che va a sostituirsi a quello classico tra uomo di stato e pittore di corte, un altro segno dei tempi che stanno maturando: l arte e l economia si avvicinano e ne traggono reciproco vantaggio. 12

14 Nel 1866, Chéret torna definitivamente a Parigi. Utilizzando macchinari di fabbricazione inglese, vi apre un proprio stabilimento da cui avrà il via una produzione sterminata di manifesti di grande formato. Nel suo lavoro la tecnica delle macchine di stampa inglesi, figlie della rivoluzione industriale, sposa la creatività della pittura francese e soprattutto le istanze rivoluzionarie dell impressionismo. Negli anni a venire, una clientela vastissima, composta da cabaret, teatri d'opera, caffè concerto, circhi e parchi di divertimento, gallerie d'arte, ma anche giornali, grandi magazzini, e ditte commerciali, affiderà al pioniere del manifesto pubblicitario moderno una produzione di affiches che al termine della carriera comporrà un catalogo di 1069 opere. 10 Nel 1881 cede lo stabilimento alla tipografia Chaix, rimanendone però il direttore artistico e continuando a produrre manifesti a un ritmo impressionante, circondandosi anche di collaboratori allievi che si ispirano al suo stile. Naturalmente l importanza di Chéret non risiede esclusivamente nel suo carattere di precursore della grafica pubblicitaria a colori e nella sua elevata produzione, che configura una vera e propria industria dell arte. A lui va ascritta, infatti, anche l invenzione e la realizzazione di cartelloni di grande formato e soprattutto l utilizzo di uno stile basato su un nuovo rapporto tra immagine e testo. 10 Jules Chéret nasce nel 1836 e muore nel Molto vasta è anche la sua produzione grafica minore, composta da copertine per libri, programmi teatrali, spartiti e riviste. Si cimenta anche nella pittura decorativa con cicli eseguiti nell'hotel de Ville di Parigi, nella "Taverne de Paris" e nella villa La Sapinière a Evian. 13

15 Nelle sue opere, la scritta, considerata sinora come elemento estraneo all'immagine, viene ora ripensata in funzione di quest'ultima, che nel frattempo ha abbandonato la monocromia e il rigore delle illustrazioni precedenti, per assumere uno straordinario dinamismo e un fortissimo impatto, grazie a un utilizzo spregiudicato del colore e del movimento. Il testo perde in parte il proprio valore didascalico e descrittivo per assumere un maggior rilievo decorativo ed estetico. La descrizione del prodotto o dell evento reclamizzato si riduce, fino a scomparire, in molti casi, mentre viene amplificato l effetto di attrazione dell illustrazione, mediante scritte dinamiche e colorate. Un altra, fondamentale intuizione di Chéret consiste nell'associazione del prodotto da pubblicizzare con la rappresentazione della donna, che ben presto caratterizzerà la maggior parte della sua produzione. La figura femminile, dai tratti post impressionisti e spesso rappresentata in movimento, ha lo scopo di far convergere l'attenzione dell'osservatore, attratto anche dalla vivace scelta cromatica. E interessante notare, in relazione all utilizzo della figura femminile nell opera di Chéret, come l attenzione verso la donna nella comunicazione pubblicitaria, oggi sicuramente abusata forse per scarsità di idee non sia affatto cosa recente, ma, anzi, risalga agli albori della réclame moderna. Naturalmente la lezione di Chéret non rimase lettera morta, ma fu imitata, assimilata e perfezionata da numerosi artisti, tanto in Francia quanto nel resto d Europa e in America, i quali contribuirono all affermarsi di una cartellonistica Fig. 1 Jules Chéret, Aux Folies Bergere, 1875 Fig. 2 Jules Chéret, Saxolèine,

16 accattivante e comprensibile a tutti. In Francia, come si è già avuto occasione di accennare, gli sviluppi più importanti dell'arte del manifesto si verificarono, nell'ultimo decennio dell'ottocento, con le innovazioni introdotte, sia nella forma che nel contenuto, dai pittori francesi Pierre Bonnard, Théophile Alexandre Steinlen e, soprattutto, Henri de Toulouse Lautrec. Pierre Bonnard 11, in particolare, perfezionò la lezione di Chéret, utilizzando il testo come parte integrante dell'illustrazione, intrecciando lettere e immagini. L opera di Théophile Alexandre Steinlen 12, invece, pittore e grafico di origine svizzera, risulta particolarmente importante per i successivi sviluppi della grafica pubblicitaria, la quale risentirà, come gran parte dell arte visiva francese del periodo, del crescente influsso dell arte giapponese. Ne è un esempio fin troppo smaccato il manifesto del 1891 per l opera Le Rêve dove il japonisme assume il lato più esteriore di una replica estetizzante e acritica di esotiche icone orientali. L influsso orientale, assieme ad una passione quasi maniacale per i gatti, si ritroverà in quella che è probabilmente la sua immagine più famosa, ovvero quella creata per la serie pubblicitaria della compagnia teatrale Le Chat Noir. 11 pittore francese (Fontenay aux Roses 1867 Le Cannet 1947). Dopo aver frequentato l'accademia J, si dedicò alla litografia, giungendo alla notorietà con l'affiche per France Champagne. Nel 1892 si legò al gruppo dei nabis. Collaborò con disegni e litografie alla Revue Blanche e pubblicò una serie di litografie su aspetti della vita parigina. Contemporaneamente cominciò a dedicarsi alla pittura ed espose con successo al Salon d'automne del disegnatore, incisore, pittore e scultore svizzero naturalizzato francese (Losanna 1859 Parigi 1923). Trasferitosi a Parigi nel 1880, entrò a far parte dell'ambiente artistico di Montmartre, diventando famoso come disegnatore della vita dei proletari e dei sobborghi parigini..illustrò anche numerose opere letterarie. Celebri le sue raffigurazioni di animali, specialmente di gatti. Fig. 3 T. A. Steinlen, Le Rêve, 1891 Fig. 4 T. A. Steinlen, Le chat noir.. 15

17 In questi manifesti, caratterizzati dalla figura stilizzata e bidimensionale di un gatto e realizzata in soli tre colori, però, il modello orientale, anche grazie all insegnamento di maestri del calibro di Toulouse Lautrec, rinuncia finalmente a citare i soggetti propri delle stampe giapponesi, limitandosi a riprenderne chiaramente le modalità compositive. Henri de Toulouse Lautrec Come già accennato in precedenza, la figura di Toulouse Lautrec riveste un carattere fondamentale nella storia del manifesto pubblicitario moderno. Innanzitutto a livello tecnico. Egli, abbandonate le tecniche impressioniste, ampiamente utilizzate nella sua pittura, per la realizzazione dei suoi manifesti attinge a piene mani dallo stile grafico giapponese, pur rimanendone costantemente lontano dai soggetti tipici. I suoi cartelloni, come quello, celeberrimo, raffigurante l amico cantante Aristide Bruant, sono composti da larghe campiture di colore piatto e contrastante che pongono in straordinario rilievo la figura massiccia del soggetto, mentre i volitivi tratti del volto sono appena accennati. E questa un opera in cui è presente un secondo elemento fondamentale della cartellonistica di Toulouse Lautrec, ovvero l uso spregiudicato dell inquadratura, che deriva, attraverso la mediazione dell amico Degas, dalla fotografia. In questo manifesto, in particolare, Bruant non appare ritratto in studio, bensì sorpreso, sull uscio dell Ambassadeurs, il locale in cui si esibiva. Sullo sfondo un anonima silhouette, anch essa figura derivata dalla Fig. 5 Henri de Toulouse Lautrec, Aristide Bruant,

18 figurazione orientale, in particolare da quelle ombre cinesi che tanto successo riscuotevano nei locali di Montmartre, osserva l artista, in una posa informale e dinamica. Quella del rifiuto del punto di vista statico, dell adozione, in sua vece, del taglio fotografico che riprende momenti comuni, della cattura del movimento che anche la fotografia aveva solo di recentemente conquistato 13, sarà una costante della produzione pubblicitaria di Toulouse Lautrec e testimonia la sua capacità di tradurre nelle sue opere non solo l evoluzione della società, ma anche di rifletterne, implicitamente, le evoluzioni tecniche. La ritroviamo, ad esempio, in Moulin Rouge: la Goulue 14, manifesto realizzato nel 1891, con il doppio intento di celebrare le ballerine del locale e di fungere da manifesto pubblicitario. L opera,di straordinaria modernità, è costruita su tre piani paralleli. In primo piano il profilo monocromo, enfatizzato fino ad apparire caricaturale 15 del proprietario del locale, Charles Zidler, il quale sembra presentare compiaciuto la sua vedette. Questa in secondo piano, ma al centro dell immagine, risalta grazie al dinamismo della sua danza e al colore che le è riservato. In terzo piano, a fare da cornice, la nera silhouette del pubblico, ennesima citazione delle ombre cinesi. Fig. 6 Henri de Toulouse Lautrec, Moulin Rouge: La Goulue, Alla fine del XIX secolo, in realtà, il reportage come viene oggi comunemente inteso, ovvero uno stile che privilegia l istantanea, lo scatto rubato, era agli albori. In precedenza i lunghi tempi d esposizione necessarie per impressionare le prima lastre e l ingombro degli apparecchi fotografici imponevano immagini fotografiche posate e non permettevano di catturare il movimento. 14 La Goulue era una ballerina del Moulin Rouge. Amica, come Jane Avril, dello stesso Tolulouse Lautrec, era, come quest ultima, una vera e propria star tra i frequentatori dei locali notturni parigini a cavallo dei due secoli. 15 Il ricorso all enfatizzazione caricaturale, tanto nella pittura, quanto nella grafica, costituisce un ulteriore importante cifra stilistica di Toulouse Lautrec. 17

19 Gli esempi potrebbero essere innumerevoli, ma l analisi esula certamente dalle finalità di questo saggio. Un ultimo riferimento va, tuttavia, rigorosamente fatto al manifesto, creato per l inaugurazione del Divan Japonais 16 solo due anni dopo. E questa un opera che ben sintetizza quanto è già stato detto riguardo alla tecnica dell artista nella realizzazione dei suoi manifesti. Si riconosce l influsso dell arte giapponese nelle figure piatte e stilizzate, definite attraverso il colore e i contorni fortemente marcati. Si rileva l influenza dell inquadratura fotografica, la quale non solo coglie di tre quarti le figure in primo piano 17, ma, addirittura, subordina sullo fondo quella che dovrebbe essere la vera protagonista, la cantante Yvette Guilbert, il cui riconoscimento è affidato esclusivamente ai lunghi guanti neri, essendo la testa, per esplicita scelta creativa dell artista, estromessa dall immagine. Si tratta di una scelta ardita, che, ponendo in risalto l ospite d onore e nascondendo la cantante, anticipa caratteristiche fondamentali della successiva tecnica pubblicitaria. Toulouse Lautrec, con questo artificio e, contemporaneamente, con l eliminazione di didascalie illustrative, introduce un principio che trova massima espressione nella comunicazione pubblicitaria contemporanea: comunicare il marchio e, contemporaneamente, un sentimento di appartenenza a un élite elegante e raffinata, piuttosto che mostrare ed e evidenziare il prodotto offerto. 18 Fig. 7 Henri de Toulouse Lautrec, Le Divan Japonais, Si tratta, ancora una volta, di un locale notturno, precisamente un caffè concerto. 17 Si tratta della famosa Jane Avril (cfr. n.n. 14) e del proprietario del locale, Edouard Dujardin. 18

20 Il novecento Già a partire dagli ultimi anni dell 800 la strada si trasforma nel principale luogo d elezione della pubblicità. Nascono manifesti pubblicitari di grandi dimensioni, realizzati anche abbandonando il tradizionale formato verticale per privilegiare quello orizzontale, più facile da collocare, ben visibile, in posizioni strategiche. La tecnica, invece, registra la diffusione della stampa offset 19, che rende più semplice e veloce stampare grosse tirature di manifesti rispetto alla cromolitografia. All inizio del secolo, sotto il profilo delle tecniche di comunicazione pubblicitaria, invece, si assiste, in Francia alla diffusione dello slogan, frase memorabile, usata in un contesto commerciale, come espressione facilmente memorizzabile e associabile al prodotto. 20 L affermazione dello slogan, che, in Italia approda solo attorno agli anni 30, è una diretta conseguenza dell abbandono del testo in funzione referenziale e descrittiva nei manifesti pubblicitari. Come si è visto nelle opere di Toulouse Lautrec, l immagine del cartellone pubblicitario era divenuta talmente forte e facilmente identificabile con il prodotto o il servizio reclamizzato, da rendere superflua ogni descrizione e da poter essere facilmente compresa anche da un pubblico 19 Nella stampa offset la matrice, consistente in una lastra metallica, viene applicata ad un cilindro. Un secondo cilindro, rivestito in gomma, riceve l inchiostro dalla matrice e la trasferisce sulla carta. Il vantaggio evidente, oltre a quello di una maggiore aderenza del supporto di stampa con la superficie da stampare è la possibilità di stampare su un supporto continuo ad un ritmo estremamente più veloce. I macchinari per la stampa offset sono comunemente denominati rotative. 20 Il termine "Slogan" deriva dal gaelico scozzese sluagh ghairm (pronunciato slogorm), che significa "grido di battaglia". 19

21 analfabeta. La parola, ora, piuttosto che essere completamente bandita dal manifesto, poteva essere proficuamente utilizzata a sostegno della riconoscibilità del marchio, in una frase ad effetto da ricordare. I manifesti dell'art Nouveau Nel frattempo, anche in Inghilterra il manifesto aveva assunto importanza e valore artistico sempre maggiori. Nel Paese britannico raggiunge risultati artisticamente apprezzabili soprattutto Aubrey Beardsley 21. Egli fu tra i più importanti e originali disegnatori nell'ambito del decadentismo fin de siècle ed anticipatore dell Art Nouveau. La sua opera è influenzata dal linearismo dei preraffaelliti, ampiamente contrastante con il vivace cromatismo di molti manifesti pubblicitari francesi contemporanei. Comuni sono, invece, le suggestioni derivate dalle stampe giapponesi, che egli tuttavia declina secondo toni intimistici, malinconici e decadenti. La diffusione dell'art Nouveau, 22 inizia ben presto ad influenzare la grafica dei manifesti, soprattutto il rapporto Fig. 8 Aubrey Beardsley, Girl and bookshop 21 disegnatore, illustratore e scrittore inglese (Brighton 1872 Mentone 1898). Anche se più attivo in campo editoriale, fu una figura indispensabile per lo sviluppo dell'affiche nel periodo dell'art Nouveau. 22 L art nouveau, più di qualsiasi altro stile o corrente artistica, ha assunto diverse denominazioni nei diversi Paese. Liberty o Stile floreale in Italia, Jugendstil in Germania, essa assume il nome di Modern Style in Gran Bretagna e di Arte Modernista in Spagna. Nella stessa Francia, in cui si origina, viene anche denominata Style Guimard, Style 1900 o Scuola di Nancy. 20

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

un cartello pubblicitario non è dopo tutto

un cartello pubblicitario non è dopo tutto ROBERTO Quell arte dei muri che lavora nel tempo nell ambito del filone comunicativo dell affissione, storicamente radicato fin dal Cinquecento soppiantava definitivamente l avviso non figurato, quello

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1 Progettazione didattica e individualizzazione Idee e proposte operative di Luca Torti e Gianni Ghisla Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola Media, no. 4, marzo 1989, pag. 26-32 1. Premesse

Dettagli

di: Francesco Zanardi

di: Francesco Zanardi LE PISTOLE A RAFFICA di: Francesco Zanardi Tra i tanti argomenti di cui si parla nei poligoni di tiro non mancano mai le pistole a raffica. Queste armi un po particolari hanno sempre affascinato gli appassionati

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé.

Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé. Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé. Situato nel cuore della capitale italiana della moda e del design, lo showroom si affaccia sulla strada con due

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli