L ARTE EFFIMERA DELLA PUBBLICITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ARTE EFFIMERA DELLA PUBBLICITA"

Transcript

1 L ARTE EFFIMERA DELLA PUBBLICITA Ci diverte, ci fa sognare, a volte ci irrita. E bella, è volgare. Ma più di ogni altra cosa è dappertutto. Ha investito i muri delle nostre città, le pagine dei giornali, le sale dei cinema. E entrata nelle nostre case, la troviamo nella cassetta delle lettere, alla fermata dell autobus. Fa parte della nostra vita e della nostra storia, ha marcato la nostra epoca. Non c è disciplina che non si sia confrontata con l universo della pubblicità. La semiologia affronta la storia della comunicazione pubblicitaria nell ipotesi generale che essa abbia rappresentato e rappresenti tuttora uno straordinario laboratorio di produzione di discorsi e di linguaggi. La sociologia ne prende in considerazione la rilevanza nella creazione della realtà sociale e nella formazione dell identità nazionale, perché in grado di definire risorse cognitive e culturali utilizzate dagli individui. L economia pensa al fenomeno pubblicitario come fattore determinante nella crescita del mercato e degli investimenti nel mondo della comunicazione. Sono tante le campagne entrate nel costume e nella cultura popolare, qualunque luogo geografico o periodo storico si prenda in considerazione. La pubblicità la si odia o la sia ama, tanto per fare il verso all ultimo claim di successo della Superga. Mai come oggi sembrano saltati i criteri di giudizio unitari, la percezione condivisa che una cosa è bella o brutta, giusta o ingiusta, utile o dannosa. Per una crociata dei fondamentalisti dell istituto americano Family and Culture che denunciano l accenno ad una relazione gay tra Popeye e Bruto nell ultimo spot del succo d arancia Minute Maid, c è la catena di grandi magazzini Marks&Spencer che ingaggia consulenti spirituali cinesi, chiamati a combinare l antica filosofia del feng shui con i criteri di esposizione della merce per far sorridere il reparto. Pare che i pomodori siano più felici vicino al sedano che ai peperoni rossi. C è chi continua a sostenere che la pubblicità non serve, ma quando la Grecia ha deciso di bandire la promozione di giocattoli nelle fasce a rischio per tutelare i bambini, il risultato è stato un crollo delle vendite del 40%, che ha costretto l Unione Europea a imporre il ritiro del divieto. D altra parte se nel 1999 la crescita degli investimenti pubblicitari in U.S.A. ha superato quella del prodotto interno lordo un motivo ci sarà. Nel 1896 un articolo della rivista Printer s Ink chiudeva con queste profetiche parole: forse, quando l umanità sarà un po più illuminata, lo scrittore di testi pubblicitari si metterà, come l insegnante, a studiare psicologia. Forse non possiamo affermare con sicurezza che oggi l umanità sia più illuminata di un secolo fa, ma è un dato di fatto che il 1

2 pubblicitario si è messo a studiare psicologia, e di questa si è servita per comunicare e arrivare al consumatore. Oggi la pubblicità non ha più bisogno di essere legittimata come forma di comunicazione. Nessuno pensa più che sia composta da un manipolo di persuasori occulti, il cui unico scopo è quello di ingannare la gente. Certo, a volte il sua carattere intrinsecamente intrusivo può infastidire, ma capita anche che l interruzione pubblicitaria sia più interessante ed esteticamente rilevante del programma, e che gli spot radiofonici facciano sorridere di più delle trasmissioni entro le quali sono inseriti. Perché succede? Perché la pubblicità fa uso di tecniche che un tempo erano patrimonio esclusivo del mondo artistico, e la sua abbondante offerta vive in nome di un forte principio: lo straniamento. La consuetudine ci vieta di vedere, di sentire gli oggetti; bisogna in qualche modo deformarli se si vuole che possano catturare ancora la nostra attenzione. E il fine del linguaggio creativo dell arte, della comunicazione in generale e della comunicazione pubblicitaria sta proprio in questo: sconfiggere l abitudine. Sorprendendo. La spettacolarizzazione della pubblicità è innocente perché dichiarata, talmente dichiarata che i suoi adepti possono ironizzarci sopra: sono un pubblicitario, inquino l universo. Nel mio mestiere nessuno desidera la vostra felicità, perché la gente felice non consuma ( )farvi sbavare è la mia missione (F.Beigbeder ). Come metafora della nostra vita costruisce e decostruisce l immaginario collettivo attraverso una comunicazione persuasiva intrinsecamente scenografica. In queste pagine l intenzione è di ripercorrere la storia della pubblicità e contemporaneamente considerarla un osservatorio privilegiato per cogliere andamenti culturali e sociali più complessivi. Perché? Perchè viviamo in un mondo in cui la pubblicità non è l ultima a provocare emozioni e frustrazioni, a farci trasportare dall immaginazione. E come ha sottolineato Mc Luhan gli storici e gli archeologi scopriranno un giorno che gli annunci pubblicitari della nostra epoca costituiscono il riflesso quotidiano più ricco e più fedele che una società possa mai dare tra tutta la sua gamma di attività (in Gli strumenti del comunicare ). La dialettica tra la dimensione storico-sociale e quella tecnica ha consentito di identificare, con alcune forzature, quattro epoche fondamentali nell' evoluzione della Pubblicità. 2

3 1. dall Ottocento fino agli anni 30; si riferisce all avvento della così detta società dei consumi, ovvero al momento in cui la nascente società di massa incontra la tecnica pubblicitaria; se all inizio fu l ingegno dei grandi cartellonisti a dominare la scena, nei primi anni del 900 si comincia a diffondere un uso più consapevole e scientifico di questa tecnica di comunicazione. 2. dal 1930 al 1950; durante gli anni 30, gli Stati Uniti prima e l Europa poi, entrano nell in quella che si può definire l età del progresso : il dopoguerra e la crisi di Wall Street risulteranno determinanti per l avvento del marketing moderno. 3. dal 1950 agli anni 80; il terzo grande cambiamento nello scenario sociale ed economico vede entrare in scena un nuovo determinante attore, la televisione. E per la prima volta la pubblicità dovrà imparare a difendersi dal pubblico oltre che a conquistarlo. 4. dagli anni 90 ai giorni nostri; la quarta epoca comincia negli anni 90, con l avvento delle nuove tecnologie informatiche e prosegue tra critiche e lodi fino ai giorni nostri. L ORIGINE DEL TERMINE Le definizioni tecniche di ciò che oggi il marketing e le moderne teorie della comunicazione fanno rientrare sotto il concetto di pubblicità sono innumerevoli. Al contrario ben poco è stato scritto sulla nascita stessa del termine. La parola pubblicità assume sfumature di significato diverse in italiano, inglese e francese nel momento in cui si va a ricercare l etimologia della parola e delle rispettive traduzioni nei termini della comune lingua madre, il latino. I motivi di queste differenze? Sono rintracciabili nei diversi modi in cui gli operatori culturali ed economici dei Paesi presi in considerazione reagirono all avvento della comunicazione pubblicitaria. Il termine francese réclame (richiamo)è il primo di cui si abbia testimonianza. Esso trova le sue radici in clamare e mette in evidenza l aspetto di richiamo ad un azione insito nel messaggio. E infatti il neologismo nasce per definire un 3

4 piccolo articolo inserito dentro il corpo di un giornale, contenente l elogio di un libro, di un oggetto d arte o di un prodotto su cui appunto il lettore doveva orientare la sua attenzione. Viceversa il corrispondente inglese advertising (da to advertise: avvertire) deriva dalla parola latina advertoe pertanto privilegia il processo di natura commerciale finalizzato al raggiungimento del destinatario del messaggio. Il motivo è che il pensiero che si sviluppò nei paesi anglosassoni si concentrò sugli aspetti microeconomici e operativi della promozione commerciale, e del suo impatto sui mercati e sui prodotti. Infine il termine pubblicità in italiano deriva da publico, ed assume quindi il semplice significato di rendere noto ciò che prima non lo era. Questo perché i primi studiosi furono giuristi e storici dell arte, che inquadrarono la pubblicità come fenomeno culturale più che economico. Sarà proprio un giurisperito, Eugenio Borsanti, nel 1899, che riflettendo sulla funzione dell allora richiamo (molto vicino all inglese advertising), arriverà a coniare il termine che ancora oggi usiamo, in linea con l attività di diffusione di un atto o di una sentenza presso il pubblico. MA QUANDO E NATA LA PUBBLICITA? Gianluigi Falabrino ironicamente ha detto: la pubblicità è vecchia come il mondo: cominciò il serpente a decantare ad Eva le virtù della mela ( Pubblicità serva e padrona ). Lo stesso Umberto Eco si è fatto tentare dall ipotesi che il peccato originale sia da attribuire allo spot pubblicitario, senza il quale Eva non avrebbe convinto Adamo a mangiare una mela, quando aveva kiwi, caviale e pernici a disposizione Ad ogni modo i suoi primordi si possono rintracciare sin dall antichità: cos altro erano le monete coniate con l immagine dell imperatore se non una prima forma di promozione d immagine dello stesso? Nell antica Grecia filosofi come Socrate e Aristotele, analizzando l arte dell oratoria, notarono la sua capacità di persuasione, la sua influenza sugli animi. La stessa mitologia nascondeva un insito primordio di pubblicità: lo spettatore, ascoltando le narrazioni, finiva con l immedesimarsi nei protagonisti e a viverne gli eventi. Cicerone, nella vita politica, seppe ponderare ogni 4

5 intervento a suo favore, ammansendo con la ars dicendi gli avversari fino ad ottenere un accordo o il loro tacito consenso. Già da tempo inoltre in politica esistevano vere campagne elettorali (si servivano di comizi e slogan disseminati un po ovunque su mura e pietre) e i grandi imperi diffondevano il proprio potere e la propria influenza sponsorizzando opere di pubblica utilità e monumenti. Oggi sono cambiati i modi e i mezzi di fare pubblicità, ma le fondamenta che la comunicazione pubblicitaria ha cominciato a mettere in atto duemila anni fa non sono poi così totalmente superate, come ci dimostra questo esempio: Era in gioco la sopravvivenza di una grande multinazionale. Il problema era apparentemente insormontabile: il prodotto in questione, distribuito un po dovunque, era oggetto di dispute, perché il pubblico, giunto sul punto di vendita non lo trovava. L alone di sfiducia nei confronti della multinazionale cresceva a dismisura e la prospettiva che si apriva era (un po come sta accadendo oggi) la creazione di mercati paralleli con prodotti a bassa performance, se non addirittura la distruzione del mercato. Nella soluzione di questo grave problema volle cimentarsi un giovane copy-writer. La tecnica utilizzata fu sorprendente. Non potendo fare una campagna pubblicitaria perché il prodotto esisteva praticamente da sempre, cambiò strategia. Definì il prodotto perfetto in quanto basato sulla qualità totale, mentre gli altri prodotti da questo derivati potevano definirsi solo parzialmente perfetti. La gente si accontentò di queste spiegazioni e continuò a credere nell esistenza del prodotto pur non avendolo mai visto. Il risultato? Da allora ad oggi la multinazionale non ha mai più perso quote di mercato. Chi era il copy-writer?tommaso d Aquino. Il cliente? La Chiesa Cattolica. E quale diavolo poteva essere il prodotto? Ma Dio, naturalmente! (Ballardini, La morte della pubblicità ) 5

6 A. dall Ottocento al 1930: LA SOCIETA DEI CONSUMI La prima epoca vede nascere la pubblicità nel senso contemporaneo del termine; i protagonisti del periodo sono gli autori pubblicitari (artisti e letterati) che affiancarono le nascenti organizzazioni produttive nella pubblicizzazione e diffusione delle merci. DA GUTENBERG ALLA RADIO, PASSANDO PER LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Possiamo restringere il nostro campo individuando gli albori della pubblicità nel momento in cui nasce la carta stampata. Prima della rivoluzione apportata da Gutenberg, la funzione di pubblicizzare merci ed eventi era svolta essenzialmente dalla comunicazione orale (banditori, imbonitori e strilloni) Il primo annuncio pubblicitario a mezzo stampa di cui si abbia traccia risale al 1479 e viene fatto dall editore inglese W.Caxton per promuovere i propri libri. William Craxton Théophraste Renaudot Si deve però attendere il 1631 per assistere alla nascita di un vero e proprio servizio pubblicitario: l idea è del parigino Théophraste Renaudot che apre un ufficio e fonda la Gazette Hebdomadaire per raccogliere e pubblicare annunci pubblicitari a pagamento. L esempio viene seguito vent anni dopo in Inghilterra, dove esce, con finalità analoghe, il Mercurius Politicus. Da allora i fogli contenenti le inserzioni pubblicitarie si sono diffuse in tutto il mondo, andando di pari passo con la produzione massificata di merci industriali e lo sviluppo delle attività artigianali. Sarà però, solo nel 1836, Emile de Girardin, editore di La Presse il primo ad intuire che l apporto sistematico degli introiti pubblicitari può consentire la parziale copertura dei costi e la riduzione del prezzo di vendita. In nome del principio C est aux annonces de payer le journal. 1 1 è compito degli annunci pubblicitari pagare i giornali 6

7 I meriti storici di questi pionieri della comunicazione pubblicitaria e il loro contributo alla modernizzazione della nascente classe borghese sono indiscutibili. Bisogna comunque ricordare che trovavano un grosso limite nella loro dimensione artigianale e nel fatto che raggiungevano un audience strettamente limitata. Per questo si può affermare che la pubblicità come la intendiamo noi oggi nasce con la rivoluzione industriale, nasce con l aumento della produzione, della varietà dei prodotti e della concorrenza fra imprenditori. Le ragioni si possono rintracciare parallelamente a livello sociologico e tecnico. La pubblicità cerca il suo pubblico I principi primi della comunicazione pubblicitaria trovano, infatti, le fondamenta del loro sviluppo in concomitanza e in funzione di quel concetto chiave che è la massa. Gli autori e i filosofi hanno dato definizioni molteplici di questo concetto, ma rimane per tutti il dato storico della sua nascita: la grande transizione socioculturale del mondo occidentale tra la fine del 700 e l inizio dell 800. Il modello del consumismo e della conseguente comunicazione di massa si sviluppano quando l individuo comincia ad esprimere la propria libertà, al di là della sfera politica produttiva e religiosa e trova nell area del consumo il soddisfacimento dei piaceri e bisogni personali. Ma al tempo stesso questi erano globalizzati, perché trasmessi dai mezzi di comunicazione ormai accessibili a tutti. Il manifesto: prove tecniche della comunicazione di massa Per raggiungere un pubblico ampio ci voleva però un mezzo universale, generato contemporaneamente al fenomeno dell inurbamento del periodo: erano necessarie la litografia e la fotoincisione. Avvisi e fotografie divennero interscambiabili, e resero possibili i grandi aumenti di tiratura dei giornali e delle riviste, che fecero a loro volta aumentare quantità e redditività delle inserzioni. E la seconda metà del 1800 a vedere la nascita di due importanti canali di comunicazione (l affissione e i primordi del packaging) e l evoluzione delle prime regie pubblicitarie. Se per oltre la metà del XIX secolo i prodotti alimentari e di uso domestico a largo consumo venivano venduti a peso prelevandoli da ampi recipienti, nel1880 i produttori americani introdussero sul mercato prodotti confezioni in 7

8 pacchetti e con un proprio marchio, ampliando così il campo di visibilità dello stesso. I manifesti, attraverso l uso del colore e di una superficie più ampia permettono agli illustratori e agli artisti più affermati di realizzare dei capolavori. Nel 1866 Jules Cheret disegna la prima affiche per il profumiere Rimmel, seguito da Toulouse-Lautrec e Edouard Manet. Edouard Manet, Les Chats, 1869 La body copy del tempo seguiva la logica di un modello comunicativo di tipo informativo : non si prescinderà mai non solo dalle funzioni d uso del prodotto, ma anche dall origine industriale del produttore. In questo stesso periodo (siamo alla fine dell Ottocento) prendono vita i primi dibattiti sulla rivalutazione delle arti applicate e si considera il riscatto sociale dell artigiano e dell operaio, diventati soggetti attivi e consapevoli della rifondazione del gusto. E il valore sociologico del manifesto sta proprio nelle sue ambizioni universali di persuasione. Nei lavori di Cheret si legge una celebrazione del progresso della moderna società industriale, che può e deve dimostrarsi raggiungibile anche dall ultimo dei passanti. 8

9 Jules Cheret, «Roger&Gallet», 1853 Walter Benjamin, osservatore partecipante e sedotto dell avvento della pubblicità e dell estetica delle merci, coglierà proprio nell affissione quell inno alla serialità che sancisce il passaggio definitivo dalla tradizione borghese alla cultura di massa, quella scintillante e sapiente democratizzazione delle aspirazioni che con le proprie implicazioni persuasive aprirà il più importante e attuale dibattito sociologico nel mondo contemporaneo. L onda del cambiamento: agenzie, consumi e tecnologia Nascono negli Stati Uniti le prime forme moderne di agenzie di pubblicità: Volney Palmer nel 1840 apre una semplice concessionaria, che acquistava in blocco spazi pubblicitari sui maggiori quotidiani per rivenderli ai suoi clienti. Dal 1860 le concessionarie iniziano ad offrire, per favorire l acquisto degli spazi, anche la creazione del testo, l impaginazione dell annuncio e le illustrazioni. All inizio del ventesimo secolo le agenzie possiedono già una struttura ben precisa, con regole e ruoli che si vanno definendo sempre più distintamente. Il motivo per cui gli Stati Uniti sono il terreno più fertile per l evoluzione delle agenzie di pubblicità si deve ricercare nelle veloci trasformazioni economiche che avvengono nel paese. E qui che si sviluppa la prima serie di concentrazioni aziendali che la storia ricordi, e insieme ad esse i primi problemi di comunicazione aziendale. Gli addetti delle agenzie furono impegnati, almeno fino ai primissimi anni del 1900, nell organizzazione della Corporate aziendale: prendono forma così i primi studi del marchio e dell immagine di un azienda. Dalla Belle Epoque dell 800 fino ai ruggenti anni 20 si era diffusa la convinzione che si fosse ormai entrati in un età di costante e automatico aumento della prosperità generale, determinata dai miracoli della libera impresa. Il consumo viene identificato non più come un aspirazione individuale, bensì come uno strumento di 9

10 relazione e di comunicazione attraverso il quale gli uomini si sforzano di rendere visibile il loro livello di vita e assicurarsi una posizione di vantaggio nel contesto sociale in cui vivono (T.Veblen, La teoria della classe agiata ).E se durante il 900 storia ed economia seguiranno lo sviluppo imprevedibile della tecnologia, con l avvento di cinema e radio il loisir si trasforma in una cultura universale di realizzazione. Nel 1904, a Parigi, fece scalpore la proiezione del primo film pubblicitario. Fu realizzato per lo champagne Moet et Chandon dai fratelli Lumiere, gli inventori del cinematografo. E il caso di dire che il primo spot della storia fu spumeggiante? manifesto pubblicitario del primo cinematografo Nell agosto del 1922 una stazione della AT&T trasmise il primo comunicato commerciale all interno di un programma radiofonico per un immobiliare newyorkese. La durata dell annuncio? 10 minuti! Il cinema trasferì sugli schermi lo schema della vita americana come un inserzione pubblicitaria ininterrotta (M.Mc Luhan, Gli strumenti del comunicare ), ed insieme allo starsystem, contribuì ad ampliare l immaginario collettivo e i suoi traguardi di consumo. E l immaterialità del testo radiofonico non impediva allo stesso di manifestarsi con forza ed evidenza attraverso una voce fuori campo che guidava la conversazione verso l audience. Negli anni 30 l idea stappa e versa basata sul principio della collaborazione del consumatore e della coscienza dell illusione pubblicitaria farà decuplicare le vendite di una bibita. Quale? La Coca-cola. 10

11 Con cinema e radio inoltre la pubblicità si espresse in forma di canzoni, con l intento di imprimere più facilmente nell ascoltatore marche e prodotti: tecnica in uso ancora ai giorni nostri. Qualche anno fa Marshal Mc Luhan disse: allevata a suon di canzoncine pubblicitarie la moderna Cappuccetto Rosso non ha nulla in contrario a farsi mangiare dal lupo. Nel frattempo il mondo dell industria e del commercio cominciano a credere sempre di più nella pubblicità: c è quindi la necessità di affidare i primi budget importanti a dei veri professionisti della comunicazione, che devono seguire certi schemi, e non basarsi sull improvvisazione. Negli Stati Uniti nascono riviste specializzate, come Printers Ink, e contemporaneamente escono i primi manuali di tecnica pubblicitaria: The Theory of Advertising di William Scott (1903) e Modern Advertising di Mark Golden (1905). Nel 1925 Daniel Stach pubblica un trattato in cui vengono fissate le cinque regole fondamentali di ogni messaggio pubblicitario: esso deve essere visto, letto, creduto, ricordato e spingere il consumatore all acquisto. Nel 1915 T. Mac Manus crea il claim per la Cadillac The penalty of leadership. L immagine di un lettore modello, assolutamente fiducioso nei progressi dell industria, portò a produrre l archetipo dell annuncio descrittivo, non descrivendo nessun prodotto e nessuna azienda. Ma si stabilisce per la prima volta un modello di conversazione testuale con il lettore. manifesto pubblicitario di Mc Manus per la Cadillac,

12 B. dal 1930 al 1950 : L ETA DEL PROGRESSO La seconda epoca è caratterizzata dalla nascita del marketing in senso moderno. I mercati si sono allargati, e così pure i pubblici di riferimento: il problema non è più solo quello di farsi conoscere, diventa indispensabile battere la concorrenza, imporre il proprio marchio e invogliare all acquisto di prodotti nuovi, mai offerti prima sul mercato. CROLLO DI WALL STREET E NASCITA DELLA TV: DUE DATE DA RICORDARE Le risposte alla crisi: marketing e pubblicità scientifica La rivoluzione industriale e le sue conseguenze sugli aspetti economici e sociali di tutto il mondo continuava ancora alla vigilia degli anni 30. Non era riuscito a fermarla nemmeno il più grande conflitto che l uomo potesse ricordare, la prima guerra mondiale. Poteva essere fermata solo da se stessa; e nel 29 il mondo deve affrontare la più grande crisi economica dell epoca contemporanea. Le cause furono innumerevoli e complesse e credo sia il caso di rivolgere l attenzione solo al mio ambito di interesse. L incredibile crescita di produzione e produttività da una parte, e il non proporzionale aumento del potere d acquisto e dei redditi della popolazione dall altra, portarono ad una forte propensione al risparmio sia delle imprese che dei consumatori. Ed è questo il nemico che gli operatori della comunicazione pubblicitaria dovettero affrontare. L arma? Conoscere il consumatore per soddisfarne i bisogni o addirittura crearglieli: questa è la filosofia del new-marketing degli anni 30. Di fatto il marketing esisteva già negli anni 20, ma consisteva unicamente nel supportare le vendite con attività pubblicitarie e promozionali, presupponendo che qualsiasi prodotto avesse un mercato. Dopo la crisi del 29 ci si rese conto che era la domanda, e non più la capacità produttiva degli impianti, a dover dettare legge sulle scelte commerciali della aziende. E i primi a capirlo furono proprio i pubblicitari. M. Gallup, professore di economia a Princeton, nel 1935 fondò l istituto di ricerche quantitative di mercato che porta tuttora il suo nome. Egli inventò due strumenti che sono attualmente i più diffusi: gli exit-pool per le elezioni politiche e le ricerche multi-client per le aziende, che potevano così capire attraverso le quote di mercato e la classificazione sociodemografica dei loro consumatori, il proprio posizionamento rispetto alla concorrenza e agli spazi del mercato. Negli stessi anni l agenzia Ted Bates inaugurò il Reaserch Lab: questo laboratorio fu il prototipo degli oggi numerosi istituti specializzati in ricerche qualitative. E qui che si misero a punto tutti quegli strumenti che servono a 12

13 scoprire i bisogni latenti dei consumatori, a verificare la qualità percepita di un prodotto, e testare l efficacia di una campagna prima della sua immissione nel mercato (all interno della sede era stato ricavato un piccolo cinema per mostrare gli spot in anteprima a campioni di consumatori!) In questo contesto la pubblicità doveva perdere quell istinto creativo che l aveva accompagnata fino agli anni 20. Le agenzie divennero fornitrici di "pubblicità e marketing" e tutti i pubblicitari del periodo si caratterizzarono per una fiducia incrollabile, e a volte cieca, nella ricerca. In questo senso dunque i progetti di comunicazione delle campagne del periodo non lasciavano nulla al caso; erano scientificamente costruiti per un enunciatario (modello scientifico): il consumatore proiettato nell' annuncio. Negli anni 40 Rosser Reeves, dopo aver fondato proprio il Research Department di Ted Bates, introdusse in Reality in advertising uno dei pilastri della comunicazione pubblicitaria: la Unique Selling Proposition, che mirava ad evidenziare i benefici che il prodotto offriva al consumatore, e la sua esclusività rispetto alla concorrenza. Promessa (cio che fa il prodotto), reason-why (perché lo fa) e atmosfera (come/per-chi lo fa) sono le 3 componenti della famosa copy-strategy seguita da tutte le campagne del periodo. Una volta Henry Ford avrebbe detto so bene che metà della mia spesa pubblicitaria è inutile, solo che non so quale metà. Rosser Reeves è il primo che tenta di dare una risposta. celebre slogan ideato da R. Reeves per la campagna elettorale di Eisenhower La situazione europea Durante quegli stessi anni non si generò nelle agenzie europee quella classe di copy writer che fu motore dell evoluzione del sistema pubblicitario in America. Ci rimangono così della pubblicità europea degli anni 30 e 50 solo meravigliose testimonianze illustrate; manifesti che ancora non chiedevano al pubblico alcuno sforzo di partecipazione e di scambio simbolico, ma si limitavano ad enunciare nella maniera più spettacolare un testo. 13

14 Nel 1935 Cassandre disegna il personaggio Necton per i vini Nicolas, con le bottiglie al centro di un labirinto di vini in movimento che anticipa le ricerche della Pop Art. Cassandre, stampa pubblicitaria per i vini Nicolas Armando Testa, con la sua incredibile capacità di sintesi grafica, crea uno stile così personale da essere riconoscibile al di là del prodotto Armando Testa, manifesti pubblicitari C. dal 1950 agli anni 80: TV, CRITICHE E GRANDI CREATIVI La televisione, con il suo potere unico di abbattere distinzioni tra qui e là, tra diretto e mediato, tra personale e pubblico, cambierà il senso del luogo al punto che le disgregazioni e i movimenti culturali iniziati alla fine degli anni 60 troveranno il loro fondamento nella collisione di sfere sociali precedentemente distinte (Meyrovitz, Oltre il senso del luogo ). E i pubblicitari dovranno adattarsi a questo nuovo mezzo di comunicazione, piegandolo al loro 14

15 . gioco. E ci riusciranno al punto che la pubblicità verrà attaccata e criticata come non era mai accaduto fino a questo momento Se Edison non avesse inventato la lampadina guarderemo ancora la tv a lume di candela.. 2 Gli anni 50 assisteranno all irruzione nella scena di un nuovo attore che influenzerà in modo determinante società, mass media e pubblicità: la televisione. E contemporaneamente cominciano le prime critiche sull influenza della pubblicità nella costruzione del palinsesto televisivo o nella redazione degli articoli di giornale. Pubblicità serva o padrona? Quando negli States nascono le prime stazioni televisive commerciali senza canone di abbonamento, gli introiti pubblicitari diventarono fondamentali per la sopravvivenza degli stessi network. Il primo spot televisivo è del 1953 e andò in onda nella NBC, su proposta dello stesso presidente della rete, Pat Weaver: pubblicizzava un detersivo (soap) e venne inserito all interno di un telefilm per casalinghe. Il 3 febbraio 1957 fa il suo esordio in Italia un programma che avrebbe fatto storia: Carosello. Ogni sera faceva riunire tutte le famiglie italiane, che assistevano alla messa in onda di ministorie, con disegni animati e la partecipazione dei più noti personaggi del mondo dello spettacolo: vi presero parte attori come Totò, Vittorio Gassman e Ugo Tognazzi, e registi del calibro di Mauro Bolognini e dei fratelli Taviani. Una selezione di Carosello venne presentata nel 1971 al Museo d Arte Moderna di New York. Carosello viene sospeso dalla commissione parlamentare di vigilanza della Rai nel 1976: l ultima puntata è seguita da 19 milioni di telespettatori. La seconda metà del secolo fu dunque l epoca della ripresa economica, e anche l epoca della crescita esponenziale del settore pubblicitario, che si trovò di fronte un fenomeno del tutto nuovo: l intera società che diventa ricevente di messaggi. Oggi assistiamo ad un linguaggio disincantato, ad un approccio informale della pubblicità verso il consumatore, e i metodi degli anni 50 possono sembrare troppo argomentati, informativi e parlati, ma siamo in presenza di una società che ha appena superato una guerra e le ristrettezza coinvolgono la maggior parte della popolazione. Ecco perché non si poteva scherzare con il prodotto : lavatrici, lavastoviglie, automobili e detersivi rappresentano un passo avanti verso il benessere. E' il pubblicitario che si assume il ruolo di principale mediatore tra una civiltà tradizionale, soprattutto in Europa ancora rurale, e il mondo della tecnologia e del 2 Milton Bearle 15

16 comfort. Ed è il pubblicitario che vive in prima persona lo scontro tra l etica del sacrificio, che connotava la società tradizionale, e l edonismo della società dei consumi. pubblicità a stampa per gli elettrodomestici Zoppas, 1958 ORGOGLIO E PREGIUDIZIO Così nell atmosfera post-bellica della ripresa economica e dell esplosiva diffusione dei mass media, la tv generalista degli anni 50 propone un modello di presunta uguaglianza e soddisfa i bisogni di aggregazione e consenso, diventando garante di stabilità sociale. E i messaggi pubblicitari trasformano la fisionomia delle città e modificano i comportamenti quotidiani, facendo nascere fenomeni di imitazione, nuove mode...e nuove critiche. Dagli ambienti del femminismo arriva la protesta contro l immagine della donna oggetto, sfruttata per lanciare prodotti di ogni tipo e contro l uso di stereotipi offensivi a certe categorie. Si organizzano le prime associazioni in difesa del consumatore, che chiedono regole e leggi per tutelare il pubblico da una pubblicità ingannevole Nel 1958 Vance Packard scrive The hidden persueders, una ricerca sui sistemi subdoli con cui si cerca di conquistare il favore dei compratori, dove si parla anche dei messaggi subliminali, destinati a lasciare una traccia nella memoria delle persone che li percepiscono inconsciamente. Si è dimostrato che questa teoria non ha nessun fondamento scientifico, ma nonostante questo il libro ha lasciato un segno indelebile nell opinione pubblica, diventando un autentico leitmotiv contro la pubblicità e contro i pubblicitari. Durante il decennio successivo un altra critica feroce alla società dei consumi arrivò da Marcuse con One dimension man. Egli vide nella pubblicità non più solo una tecnica di persuasione, ma uno dei luoghi centrali in cui veniva forgiata l ideologia capitalista. La pubblicità infatti, oscurando il vero valore delle merci (valore di scambio), finiva per mascherare la natura della società capitalistica fondata sullo sfruttamento degli operai. 16

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014

LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014 LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014 A CHE CI SERVE LA PUBBLICITÀ? Oltre a interrompere un film, la pubblicità

Dettagli

COS' E' LA PUBBLICITA'?

COS' E' LA PUBBLICITA'? COS' E' LA PUBBLICITA'? è una forma di comunicazione, diffusa dai mass media, che tende a influenzare il comportamento del consumatore nei confronti dell'oggetto che viene pubblicizzato L' oggetto può

Dettagli

IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA

IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA 1. Leggi l articolo e scegli la parola giusta tra quelle fornite per riempire gli spazi. Tutti i giorni i messaggi pubblicitari ci prendono d assalto. Ovunque guardiamo,

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI CdL Scienze del Comportamento e delle Relazioni Sociali Facoltà di Psicologia Elem. SOCIOLOGIA della COMUNICAZIONE FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI di Greta Brardinoni PREMESSA (pregiudizi) FORMAT = minori

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Nel terzo settore la comunicazione è essenziale tanto e forse

Nel terzo settore la comunicazione è essenziale tanto e forse UNCONVENTIONAL. LE NUOVE FRONTIERE DELLE CAMPAGNE SOCIALI Interessano anche al volontariato, perché possono aprire nuove prospettive Nel terzo settore la comunicazione è essenziale tanto e forse più di

Dettagli

Edward Louis Bernays Le Tecniche di Manipolazione dell Opinione Pubblica e la Propaganda. A cura di Ilenia Colonna e Laura Ribezzo

Edward Louis Bernays Le Tecniche di Manipolazione dell Opinione Pubblica e la Propaganda. A cura di Ilenia Colonna e Laura Ribezzo Edward Louis Bernays Le Tecniche di Manipolazione dell Opinione Pubblica e la Propaganda A cura di Ilenia Colonna e Laura Ribezzo Pubblicista e pubblicitario statunitense di origine austriaca, Edward L.

Dettagli

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING COMMENTO FRASI LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING Il management deve convincersi non di fabbricare prodotti, ma di fornire soddisfazioni che creano valore per i clienti (Levitt) - mission del mkt è

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA

ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine I.C. di Balsorano (AQ) - Scuola Secondaria di I Grado La pubblicità è l arte di convincere i consumatori La pubblicità

Dettagli

marketing a costo zero www.giovannimatera.it

marketing a costo zero www.giovannimatera.it marketing a costo zero Cosa è il Marketing? Promozione: l azione di far conoscere. Campagna: Una serie di azioni programmate. Strategia: Costruzione e gestione di una rete commerciale. Target: Gruppo omogeneo

Dettagli

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi Analisi dei media Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Ottocento rivoluzione industriale; globalizzazione delle comunicazioni; penny press; telefono; cinema. Telefono

Dettagli

Etica della comunicazione pubblicitaria

Etica della comunicazione pubblicitaria La pubblicità Mira a influenzare pensieri e comportamenti L etimologia deriva dal latino pubblicare = far conoscere E diretta a informare e persuadere anche attraverso l esibizione di contenuti simbolici

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3. Gaia Vicenzi - Laboratorio di psicologia cognitiva - a.a. 2004-05

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3. Gaia Vicenzi - Laboratorio di psicologia cognitiva - a.a. 2004-05 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3 1 LA FONTE 2 LA FONTE Fabris (1992) identifica tre principali tipi di fonte che possono interferire sul messaggio che comunicano: 1) l impresa 2) il

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Prof. Bruno Buzzo Docente di Tecnica della Comunicazione Facoltà di Economia - Università di Genova Amministratore Delegato e Condirettore Generale PBCOM S.p.A.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 COPYWRITER

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 COPYWRITER COPYWRITER 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Scuola Comunale dell Infanzia

Scuola Comunale dell Infanzia Direzione Municipalità Venezia Murano Burano Servizi Educativi Territoriali Scuola Comunale dell Infanzia Progetto (lavoro di intersezione). Anno scolastico 2014.15 PROGETTO: STORIE DI OGGETTI SCUOLA DELL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student LA PUBBLICITA NEL MARKETING A cura di Francesco Paolone, PhD student Indice Cenni sulla pubblicità Aspetti legali Modello promozionale Pubblicità come parte integrante del marketing mix Componenti di una

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

CAMPAGNA ANIA 2012/2013 RASSEGNA STAMPA 13 DICEMBRE 2012

CAMPAGNA ANIA 2012/2013 RASSEGNA STAMPA 13 DICEMBRE 2012 CAMPAGNA ANIA 2012/2013 RASSEGNA STAMPA 13 DICEMBRE 2012 SICUREZZA STRADALE: TOSCANI FIRMA CAMPAGNA ANIA = (AGI) - Roma, 13 dic. - Un clown invita con occhi penetranti a riflettere sul significato del

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

ESPOSIZIONE CORPORATE ART. L azienda come oggetto d arte. Invito a presentare collaborazioni arte-azienda

ESPOSIZIONE CORPORATE ART. L azienda come oggetto d arte. Invito a presentare collaborazioni arte-azienda ESPOSIZIONE CORPORATE ART L azienda come oggetto d arte Invito a presentare collaborazioni arte-azienda INVITO Esposizione Corporate Art Il buon business è l arte migliore - Andy Warhol La Galleria Nazionale

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici.

Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici. Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici... Come il design interno è parte dell esperienza in un negozio, la musica è diventata un importante strumento competitivo

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4 Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 PUBBLICITA MARCA Gaia Vicenzi - Laboratorio di 2 LA PUBBLICITA Parlare di comunicazione persuasiva oggi significa evocare

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste).

Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste). Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste). campagna pubblicitaria Serie di messaggi pubblicitari che, attraverso uno o più media, mirano

Dettagli

Sono come i fiammiferi

Sono come i fiammiferi Questo testo sviluppa un aspetto particolare di alcune osservazioni nell edizione italiana di How to Lie with Statistics di Darrell Huff. Sono come i fiammiferi (ricerche di mercato e di opinione) Giancarlo

Dettagli

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione 1 Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione di Erika Barbato Andrea Carnevali CEO di Republic+Queen e Co-Founder di Wannabe, Agenzia specializzata in Strategia e Advertising

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

IMPRESA E COMUNICAZIONE

IMPRESA E COMUNICAZIONE IMPRESA E COMUNICAZIONE Da tutto quanto detto risulta molto chiaro che farci conoscere dal pubblico e comunicare un immagine positiva della nostra azienda è fondamentale! Il successo della nostra impresa

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA a. Introduzione BAMBINI NON COMMERCIALI Il diritto a pensieri e spazi senza condizionamenti pubblicitari Le relazioni educative, all interno di una famiglia, per essere significative

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

L evoluzione del gioco del calcio in Italia

L evoluzione del gioco del calcio in Italia S E T T O R E T E C N I C O F. I. G. C. C o r s o M a s t e r per allenatori professionisti di 1 categoria UEFA - PRO Licence TESI L evoluzione del gioco del calcio in Italia Studio sui modelli sociali

Dettagli

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Self- Marketing Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Quando ci si mette alla ricerca di una nuova occupazione, la prima cosa da fare è quella che potremmo definire un azione di marketing su se

Dettagli

Social media marketing. Spunti per un discorso con i Giornalisti nell Erba #nonsolochat

Social media marketing. Spunti per un discorso con i Giornalisti nell Erba #nonsolochat Social media marketing Spunti per un discorso con i Giornalisti nell Erba #nonsolochat Il marketing [Wikipedia] Il marketing viene definito come quel processo sociale e manageriale diretto a soddisfare

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

Piano di comunicazione

Piano di comunicazione Turismo sostenibile: un caso di Comunicazione e Marketing ambientale (Cap. IX : il Piano di comunicazione) Paolo Cagnoli pcagnoli@tiscali.it 3/10/2003 1 Piano di comunicazione La comunicazione è una leva

Dettagli

Fine anni 70 e inizio anni 80 : inizia l era dell automazione, si producono macchine con tecnologie avanzate

Fine anni 70 e inizio anni 80 : inizia l era dell automazione, si producono macchine con tecnologie avanzate GLI SVILUPPI DELLA MANUALISTICA L esigenza di realizzare la Manualistica emerge per la prima volta in America Sono proprio i fabbricanti Americani i primi, tra la fine dell 800 e l inizio del 900, insieme

Dettagli

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE E-book HRP 1_2013 LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE Questo e-book è stato realizzato per esaudire la richiesta di molti partecipanti all evento V.I.P. Very Important Person. Ridiamo valore alle Persone

Dettagli

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss.

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss. Presentazione Proprio quarant anni fa, dopo un periodo di tempo dedicato allo studio specifico della pubblicità 1 allora, a livello internazionale e non solo italiano, di gran lunga il più importante strumento

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di:

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di: Con il patrocinio e il contributo di: PROVINCIA DI COMO COMUNE DI PONTE LAMBRO in collaborazione con il Comitato Organizzatore per il 140 ANNIVERSARIO della nascita di Leopoldo Metlicovitz Leopoldo Metlicovitz

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE. Parte 1. Le figure professionali. Prof. Gianfranco Ciaschetti

Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE. Parte 1. Le figure professionali. Prof. Gianfranco Ciaschetti Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE Parte 1 Le figure professionali Prof. Gianfranco Ciaschetti Prima della multimedialità Prima dell avvento dell era

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

PUBBLICITÀ E MEDIA PLANNING

PUBBLICITÀ E MEDIA PLANNING PUBBLICITÀ E MEDIA PLANNING Prof.ssa Paola Panarese 4 ottobre 2012 La pubblicità moderna Nasce con la rivoluzione industriale Usa giornali di massa e affissioni, prima, radio e tv poi 1 La pubblicità moderna

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

presenta SORSI DI MARKETING in collaborazione con WEARElab MARKETING DELLA RISTORAZIONE Pescara, 29 Maggio 2012 WEARElab

presenta SORSI DI MARKETING in collaborazione con WEARElab MARKETING DELLA RISTORAZIONE Pescara, 29 Maggio 2012 WEARElab SORSI DI MARKETING MARKETING DELLA RISTORAZIONE presenta Pescara, 29 Maggio 2012 in collaborazione con Controintuitivo Affronta la dura realtà Esci dall area di conforto Il concetto del riccio Marketing

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management ASCOLTARE LA VOCE DEL PROCESSO di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management LA VARIABILITÀ ESISTE La comprensione della variabilità da cui sono affetti i processi costitutivi di un sistema

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Comprendente: UDA PIANO DI LAVORO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Comprendente: UDA PIANO DI LAVORO UNITÀ DI APPRENDIMENTO In cammino verso il sole promozione di sani e corretti stili di vita Comprendente: UDA PIANO DI LAVORO Pagina 1 di 8 + UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Competenze mirate

Dettagli

Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Primaria Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Dimmi cosa mangi.

Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Primaria Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Dimmi cosa mangi. Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Primaria Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Dimmi cosa mangi. Premessa: L importanza della prevenzione come tappa fondamentale

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins di Anthony Robbins Ti sei mai accorto che nella vita esistono cose che, non appena diventano rilevanti per noi, iniziano ad apparirci sempre più spesso? Pensa, ad esempio, all ultima volta che hai desiderato

Dettagli

Premessa. Il consumo come racconto

Premessa. Il consumo come racconto Premessa Il consumo come racconto Cosa succede quando un individuo ha il coraggio di mettersi a nudo? Quando un brand decide di diventare tanto reale da rinunciare alla retorica manageriale celebrativa?

Dettagli

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare 1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare LA GABBIANELLA E IL GATTO Messaggio: -importanza della diversità -diversità come ricchezza -rispetto dell altro -sostegno del gruppo nella

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Corpo femminile e pubblicità. Questionario

Corpo femminile e pubblicità. Questionario Campione: 49 maschi Corpo femminile e pubblicità Questionario Il presente questionario intende raccogliere, presso un campione di giovani che seguono gli studi attinenti le arti figurative, opinioni e

Dettagli

2 lezione 22 settembre 2011. Comunicazione Pubblica e Sociale Rossella Sobrero

2 lezione 22 settembre 2011. Comunicazione Pubblica e Sociale Rossella Sobrero La pubblicità: informazioni, storia, personaggi Definizione di pubblicità Le principali tappe e date storiche Alcuni personaggi celebri Alcuni creativi famosi in Europa e in Italia 2 lezione 22 settembre

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

Lancia protagonista al cinema con Microsoft Advertising

Lancia protagonista al cinema con Microsoft Advertising Siamo orgogliosi di essere stati i primi a lanciare un progetto del genere nel settore automotive e siamo conviti che questa soluzione si presti molto bene anche in caso di lancio di nuovi modelli di auto

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI Marco Deriu Direttore responsabile de Il Resegone docente di Etica della comunicazione all Università Cattolica Milano 20 gennaio 2007 Media e bambini I media si inseriscono

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Indice. Concetti chiave PARTE I. Introduzione

Indice. Concetti chiave PARTE I. Introduzione Introduzione XI PARTE I Concetti chiave I I significati e i media Gli approcci semiotici 3 Lo strutturalismo 6 Esempio: Titanic 7 La denotazione e la connotazione 8 Tipi diversi di segni 11 I codici e

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1

ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1 ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1 Chi è in grado di criticare la televisione, non guarda più la televisione, o la guarda distrattamente.

Dettagli

LUCIO GARBO editore e presidente

LUCIO GARBO editore e presidente LUCIO GARBO editore e presidente Il mio orientamento di fondo nasce da un progetto ambizioso che rispecchi gli ideali, i valori, le aspirazioni di chi ha fissato gli obiettivi, con azioni concrete: LA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli