PUBBLICITÀ REGRESSO. Una campagna di comunicazione sociale. col trucco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PUBBLICITÀ REGRESSO. Una campagna di comunicazione sociale. col trucco"

Transcript

1 PUBBLICITÀ REGRESSO Una campagna di comunicazione sociale col trucco Pubblicità regresso è una campagna di comunicazione sociale promossa e coordinata da Aesse, il giornale delle Acli, Scrittura.org e con Aesse Comunicazione srl. TESTI Lanfranco Norcini Pala, Simone Sereni (Aesse) Alfonso Cannavacciuolo, Roberta Pennarola (Scrittura.org) PROGETTO GRAFICO E IMPAGINAZIONE Stefano Orfei (Aesse Comunicazione srl) STAMPA La Cromografica srl SI RINGRAZIANO PER LA COLLABORAZIONE i corsisti di Scrittura.org Lucia Ritrovato (Aesse) Antonio Rossi (Aesse comunicazione srl) La cartellina completa della campagna è disponibile anche in formato cartaceo. Per richiedere il materiale e per informazioni: Aesse Comunicazione srl Via G. Marcora, 18/ Roma tel

2 PUBBLICITÀ REGRESSO Una campagna di comunicazione sociale col trucco Sembra vera, ma non lo è. Compare all improvviso sfogliando la pagina, e l istinto è andare oltre: ma qualcosa incuriosisce. È Pubblicità regresso, la campagna di comunicazione lanciata da Aesse, il mensile delle Acli, i copywriter dell agenzia Scrittura.org e lo staff grafico di Aesse comunicazione. Pubblicità regresso è una raccolta di dieci annunci stampa, pubblicati nel corso del 2008, sulle pagine di Aesse (www.acli.it/aesse). Ogni mese, tra gli articoli del giornale ha fatto capolino un annuncio, la parodia di una pubblicità o di un marchio famosi, per denunciare temi importanti come povertà, crisi economica, denutrizione, violenza sulle donne, abbandono degli anziani. Gli annunci di Pubblicità regresso sono creati nel rispetto degli elementi classici della pubblicità su stampa: titolo d impatto, visual, body copy, payoff che accompagna il prodotto. Si tratta di annunci verosimili, che a prima vista possono trarre in inganno proprio per la loro somiglianza con le pubblicità vere. Pubblicità che rispetta le regole, e che rappresenta un ottimo esempio di creatività al servizio della denuncia sociale. Ecco allora una famiglia felice a colazione, con un senzatetto alla loro finestra; le scarpe con i buchi, compagne inseparabili di chi non arriva a fine mese; un anziano nel cassonetto, protagonista di un improbabile e cinica campagna di rottamazione. Pubblicità regresso si prende gioco dei luoghi comuni e sfrutta i meccanismi della pubblicità: ironia e inventiva, per una comunicazione efficace che si serve degli stereotipi commerciali per incuriosire e divertire, ma soprattutto per far riflettere su temi scottanti e attuali.

3 GLI ELEMENTI DI UN ANNUNCIO STAMPA Gli annunci stampa sono le inserzioni pubblicitarie che incontriamo ogni giorno sfogliando giornali e riviste. Un annuncio stampa completo è composto di quattro elementi: headline (il titolo), visual (l immagine), body copy (testo descrittivo, più lungo) e pay off (la frase che accompagna il logo). Questi quattro elementi non sono sempre presenti in un annuncio. Ci sono annunci senza titolo, annunci senza bodycopy, loghi senza pay off e annunci senza immagine e con solo testo ( copy ad ). Ci sono anche annunci composti solo di immagine e logo, come accade spesso nelle riviste di moda. Un annuncio da manuale, però, comprende tutti questi elementi; ciascuno svolge una funzione specifica. Headline (il titolo) Dopo l immagine, la prima cosa che il lettore guarda è il titolo. Solitamente il titolo, o headline, compare in alto sull annuncio, ma spesso si trovano annunci con il titolo al centro della pagina, o a destra. Il titolo dell annuncio pubblicitario ha una funzione simile ai titoli degli articoli giornalistici: informa e attira l attenzione del lettore. Spesso il titolo è seguito da un sottotitolo, una subheadline, in carattere più piccolo, che aggiunge altre informazioni sul prodotto. L annuncio raggiunge la sua massima efficacia quando immagine e testo si accordano e il titolo racconta l altra parte della storia che il lettore ha iniziato guardando l immagine. In un annuncio che funziona, titolo e immagine vanno d accordo. HEADLINE VISUAL Visual (l immagine) L immagine dell annuncio pubblicitario è l elemento più importante del messaggio e il primo che attira l attenzione del lettore. Il visual è la parte visiva dell annuncio: l immagine principale, quella che di solito compare a tutta pagina, ma anche le immagini secondarie, come foto del prodotto, riquadri più piccoli. Il visual ha il compito di attirare il lettore e di invitarlo alla lettura del testo. Body copy La body copy è il testo più lungo che compare nell annuncio pubblicitario. Questo testo ha una lunghezza variabile: da un paio di righe a una colonna di testo, e la sua funzione principale è quella di offrire dati e informazioni sul prodotto o servizio. Se l immagine e il titolo hanno il compito di attirare l attenzione quindi, la body copy presenta le caratteristiche e i vantaggi del prodotto. BODYCOPY Corpo del testo corpo del testo corpo del testo corpo testo corpo del testo corpo del corpo del testo corpo testo corpo del testo corpo del LOGO E PAYOFF Pay off Il pay off è la frase che accompagna il logo di un azienda. Quasi sempre si trova in fondo alla pagina a destra, spesso accompagnato dal nome e da una piccola immagine del prodotto ( packshot ). Il pay off è un segno costante della comunicazione aziendale che accompagna il logo aziendale o quello di prodotto, in qualsiasi contesto venga usato.

4 HEADLINE VISUAL BODY COPY LOGO E PAY OFF

5 Chi è quell uomo che si affaccia dalla finestra della casa di un allegra famiglia riunita per una ricca e nutriente colazione? Un invisibile senza fissa dimora.. HOMELESS SUPPLICE I senza fissa dimora in Italia Secondo la Fiopsd (Federazione italiana organismi persone senza dimora) è possibile definire una persona senza dimora come un soggetto in stato di povertà materiale ed immateriale portatore di un disagio complesso, dinamico e multiforme. Tale condizione è associata a 4 presupposti: 1. presenza contemporanea di bisogni e problemi diversi; 2. progressività del percorso nel tempo che determina il consolidamento dei fattori di disagio; 3. difficoltà nel trovare accoglienza e risposte appropriate nei servizi istituzionali; 4. difficoltà per la persona a strutturare e mantenere relazioni significative. La condizione dei senza fissa dimora è più visibile nelle aree più povere delle grandi città e in quelle suburbane, anche se i barboni spesso coesistono più o meno visibilmente dentro comunità dove i residenti non sono affatto poveri. Un censimento vero e proprio sui senza fissa dimora in Italia non c è. Mancano dati ufficiali che fotografino il fenomeno, se escludiamo una ricerca della Fondazione Zancan del 2002 che stimava in circa 17 mila le persone in questa situazione. D altra parte, secondo la Federazione europea delle associazioni nazionali che lavorano con i senza fissa dimora (Feantsa) in Italia sarebbero invece circa 200 mila i senza tetto, dei quali ben 90 mila privi di qualsiasi sistemazione. Tra le cause che portano a finire in strada spesso ci sono lutti improvvisi, perdita del lavoro, reti familiari che hanno ceduto, debolezza umana. C è anche l aumento del costo della vita che ha visto crescere il numero delle famiglie italiane povere (ossia in grado di sostenere una spesa massima di 719 euro mensili) passate, secondo dati Istat 2008, dall 10,6% all 11,7%. Per chi vive in queste condizioni, basta poco, un evento a volte anche banale, per ritrovarsi a non poter più pagare un affitto. n. 1/2, gennaio/febbraio 2008, p. 35 LE CITTÀ SONO INVISIBILI, NON PERCHÉ NON CI SIANO, MA PERCHÉ NASCONDONO SEMPRE UN QUALCOSA CHE AI NOSTRI OCCHI SFUGGE SEMPRE Italo Calvino Gli sprechi alimentari A fronte del grave disagio di questi residenti invisibili, l indagine dell Adoc (2008), un organizzazione di consumatori, sui consumi alimentari delle famiglie, mette in luce il dato sugli sprechi alimentari realizzati dagli italiani. Ogni anno vengono letteralmente buttati nel cassonetto in media 561 euro, pari al 10% della spesa totale effettuata. I motivi per i quali si spreca rimandano alle abitudini di spesa e alla presenza di offerte che inducono ad acquisti non necessari: per il 39% si tratta di un eccesso di acquisto generico, per il 24% di prodotti scaduti, per il 21% di un eccesso di acquisti per offerte speciali, per il 9% di novità non gradite e per il 7% di prodotti non necessari. D altro canto, negli ultimi anni si sono moltiplicate in Italia le associazioni che portano avanti esperienze di salvaguardia dello spreco alimentare in accordo con i supermercati.

6 Una scarpa un po vissuta, quasi sbattuta in faccia al lettore. È il simbolo della crisi economica che sta attanagliando il Paese e delle famiglie che ormai camminano al verde, costrette a una corsa a ostacoli tra spese, bollette da pagare, mutuo e debiti. Si chiama Solax, la scarpa che lascia respirare almeno i piedi. SOLAX Crisi della seconda settimana in Italia Un tempo c era la crisi della terza settimana, alludendo alla difficoltà di arrivare alla fine del mese. Ora, la crisi economica rende gli italiani poveri già alla seconda settimana: il portafogli di tanti è vuoto dopo nemmeno quindici giorni dall accredito dello stipendio. Dati aggiornati al 2008 attestano che sono 2 milioni le famiglie che non superano la seconda settimana e oltre 6 milioni quelle che arrivano a fatica alla terza. Secondo la medesima ricerca Confesercenti-Swg, per il 35% degli italiani tirare avanti è un angoscia, un pensiero fisso. Una quota superiore al 40% degli italiani nell ultimo anno secondo l Osservatorio sul capitale sociale realizzato da Demos & Pi in collaborazione con Coop ha visto diminuire il valore dei propri risparmi e, per questo motivo (oppure per prevenire tempi più difficili), ha già messo in atto strategie quotidiane per difendere il portafoglio domestico. Il 41% ha adottato soluzioni per risparmiare su elettricità, riscaldamento e benzina. Altrettanti hanno dovuto rinunciare a importanti acquisti programmati, mentre la corsa ai saldi e alle offerte speciali diventano pratiche di sopravvivenza sempre più diffuse e necessarie: nell ultimo anno si è aggiunto un 35% a quel 50% che lo faceva già da prima. Ci sono persone che spesso, per paura di spendere, fuggono perfino dalle tentazioni, evitando di entrare nei negozi (28%). I nuovi poveri italiani n. 3, marzo 2008, p. 35 SOLO I POVERI CONOSCONO IL SIGNIFICATO DELLA VITA, CHI HA SOLDI E SICUREZZA PUÒ SOLO TIRARE A INDOVINARE Charles Bukowski La chiamano povertà relativa (che si realizza quando la differenza tra le fasce più alte di reddito e quelle più basse impedisce a queste ultime di avere accesso alle risorse necessarie per una vita realizzata) e in Italia colpisce 2 milioni e 653 mila famiglie. Si tratta dell 11,1% del totale delle famiglie residenti che, presto, potrebbero crescere di un ulteriore 8% fatto di nuclei a rischio, con consumi, cioè, prossimi o superiori di appena il 10% alla soglia standard di povertà. Che per una famiglia di 2 persone equivale a 986,35 euro di spesa media mensile (in aumento dell 1,6% rispetto alla linea del 2006). Complessivamente, nel nostro Paese, ci sono 7 milioni e 542 mila italiani poveri, il 12,8% dell intera popolazione. Situazione peggiore nel Sud, dove l incidenza della povertà relativa è 4 volte superiore alla media nazionale e tra le famiglie più numerose, in particolare, con 3 o più figli, soprattutto, minorenni. A rivelarlo è l annuale indagine dell Istat sulla povertà relativa in Italia, condotta su un campione di 28 mila famiglie, che evidenzia una sostanziale stabilità, tra il 2006 e il 2007, dell incidenza della povertà relativa delle famiglie italiane, ancora fortemente associata a scarsi livelli d istruzione e all assenza del posto di lavoro.

7 Si chiama Nerissima ed è l acqua che sgorga dalle fonti contaminate dei paesi più poveri del mondo: berla significa ammalarsi di dissenteria, non berla significa morire di sete. NERISSIMA L acqua, da bene comune a merce L accesso all acqua nel mondo è un diritto umano che per una vasta parte dell umanità viene sistematicamente violato. Oggi, secondo dati forniti dal Comitato delle Nazioni Unite per i diritti economici, sociali e culturali, circa 700 milioni di persone in 43 paesi vivono al di sotto della soglia di stress idrico (che significa disporre di meno di metri cubi di acqua all anno) e 1,7 miliardi non possono accedere regolarmente ad acqua pulita, né a infrastrutture sanitarie. 1,8 milioni di bambini muoiono ogni anno di dissenterie dovute alla penuria d acqua e alla carenza di igiene. Il settimo Obiettivo di sviluppo del Millennio mira, entro il 2015, a dimezzare il numero di persone senza accesso all acqua potabile. Gli scienziati avvertono che, intorno al 2020, quando ad abitare la Terra saranno circa 8 miliardi di persone, il numero delle persone senza accesso all acqua potabile sarà di 3 miliardi circa. Si ritiene che il problema dell accesso e della proprietà del cosiddetto oro blu, abbia scatenato nel mondo circa cinquanta guerre tra Stati. Tra le cause principali dei conflitti, c è il divario sempre più ampio tra domanda e offerta, che interessa soprattutto i paesi del sud del mondo, dall America Latina all Africa. Per l acqua, dal punto di vista economico/commerciale, è in corso parallelamente una guerra che non si combatte con gli eserciti: dal controllo sulle acque minerali alla battaglia per la gestione degli acquedotti, dalla costruzioni di dighe alla privatizzazione dei bacini idrici. n. 4, aprile 2008, p. 35 ACQUA, ACQUA DAPPERTUTTO, NEANCHE UNA GOCCIA DA BERE Samuel T. Coleridge La situazione in Italia L articolo 23bis della legge numero 133/2008, la cosiddetta Finanziaria triennale del ministro Tremonti, ha affidato il conferimento della gestione dei servizi pubblici locali, in via ordinaria, a favore di imprenditori o di società in qualunque forma costituite. Ciò al fine, di favorire la più ampia diffusione dei principi di concorrenza, di libertà di stabilimento e di libera prestazione dei servizi. In altre parole, si è spalancata la via alla privatizzazione dell acqua pubblica. Tutto ciò dovrà avvenire entro il Il nostro Paese, dagli anni Novanta, inoltre è tra i primi al mondo nella produzione e nella consumazione di acqua minerale. Secondo l Istat, vengono imbottigliati annualmente miliardi di litri, di cui in Italia si bevono circa miliardi, ovvero 194 litri all anno per abitante. Il resto viene esportato. A prediligere l acqua che sgorga dal rubinetto è, ormai, rimasto un misero 2% della popolazione. Un business che, come specificato nel Rapporto sullo stato dell acqua in Italia a cura di Riccardo Petrella, fa leva su una credenza ingiustificata indotta dalla pubblicità. L acqua minerale non sarebbe infatti né per definizione né in pratica necessariamente più pura e più sana dell acqua potabile comune.

8 Un viso curato e truccato di donna mette in risalto il nuovo ombretto effetto bicolore Neropesto, cinico prodotto della casa cosmetica Violenz. Per essere davvero come piace a lui dice il claim di questa Pubblicità regresso usa il nuovissimo ombretto che dona ai tuoi occhi il glamour del nero e un viola modaiolo. Ma quello è, semplicemente e drammaticamente, un occhio nero. Perché tu non vali, come recita la Pubblicità regresso. NEROPESTO La violenza sulle donne La violenza sulle donne afferma l Onu nella Dichiarazione sull eliminazione della violenza contro le donne è da intendersi come qualsiasi atto di violenza per motivi di genere che provochi o possa verosimilmente provocare danno fisico, comprese le minacce di violenza, la coercizione o privazione arbitraria della libertà personale, sia nella vita pubblica che privata. Nel mondo purtroppo una donna su tre, secondo le Nazioni Unite, subisce violenza. n. 6, giugno 2008, p. 15 La violenza di genere si esprime su donne e minori in vari modi. A livello domestico, è esercitata soprattutto nell ambito familiare o nella cerchia di conoscenti; a lavoro, dove le donne subiscono molestie sessuali e ricatti; con matrimoni coatti o con la prostituzione forzata; e, in casi più eclatanti, con le mutilazioni genitali femminili o lo stupro di guerra ed etnico. Secondo l Organizzazione mondiale della sanità, almeno una donna su cinque ha subito abusi fisici o sessuali da parte di un uomo nel corso della sua vita. E il rischio maggiore viene dai familiari, mariti e padri, seguiti dagli amici, dai vicini di casa, da conoscenti stretti e da colleghi di lavoro o di studio. Le ricerche compiute negli ultimi dieci anni dimostrano che la violenza contro le donne è endemica, nei paesi industrializzati come in quelli in via di sviluppo. Le vittime e i loro aggressori appartengono a tutte le classi sociali o culturali, e a tutti i ceti economici. LA VIOLENZA È L ULTIMA RISORSA DEGLI INCAPACI Isaac Asimov La situazione in Italia Sono 6 milioni e 743 mila le donne, tra i 16 e i 60 anni, che sono state oggetto di violenza fisica o sessuale almeno una volta nella loro vita, mentre oltre 7 milioni hanno subito una violenza psicologica. L ultima (2008) impietosa fotografia dell Istat rivela che nella maggior parte dei casi la violenza arriva dai partner o dall ex e non si ferma neppure davanti a una gravidanza tanto che l 11% delle future mamme ha subito violenza durante l attesa. Cinque milioni di donne hanno subito violenze sessuali (23,7%), tre milioni 961 mila violenze fisiche (18,8%), più di 7 milioni violenze psicologiche. Il 70% delle violenze viene commesso in famiglia, ma solo l 1% di chi le commette, padri, mariti, conviventi, viene condannato perché appena sette donne su cento hanno il coraggio di presentare una denuncia e in molto casi la ritirano di fronte alle minacce e alla paura di perdere il sostegno economico o la casa. Il 25 novembre di ogni anno si celebra la Giornata internazionale per l eliminazione della violenza contro le donne, istituita ufficialmente dall Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999.

9 Cornett è un vecchio telefono, di quelli a disco come il classico bigrigio della Sip. Ci ricorda che questo strumento, ideato da Antonio Meucci, nacque con uno scopo principale e rivoluzionario : mettere in comunicazione immediata persone distanti. Nella Pubblicità regresso è chiamato appunto il giradito. CORNETT Il boom del High-tech Se si pensa a quello che è il telefono oggi, è chiaro che esso ha subito una trasformazione. Messa in soffitta l antica cornetta col filo, superato anche il cordless, si è arrivati al cellulare: un mezzo che non serve più solo a far parlare due persone, ma funge ormai anche da videocamera, macchina fotografica, piccolo personal computer tascabile, navigatore satellitare e via così. Il semplice piacere del chiacchierare è stato travolto dall ondata del progresso tecnologico che, con le sue continue proposte, occupa ormai in vari modi uno spazio sempre più ampio nella quotidianità della gente, determinando profondamente l evoluzione della società contemporanea e i processi di comunicazione tra gli individui. È il mondo high-tech che comprende tutti quegli strumenti che oggi facilitano senza dubbio il lavoro, i collegamenti, le relazioni e in cui annoveriamo il cellulare, l i-pod, i videogames, il Pc, le chiavette usb, per restare ai prodotti più popolari. Lo sviluppo tecnologico pone una questione per certi versi paradossale: da una parte, si ha ormai una fortissima dipendenza dalla tecnologia; dall altra, si tende a credere che questa sia una realtà dalla quale bisogna difendersi, che sta ledendo i rapporti umani rendendoli sempre più scarni, virtuali e dipendenti da uno schermo o da un telefono. La tecnoetica giunge in aiuto per rispondere all annosa questione, tentando di mediare gli opposti e superare questo apparente paradosso, non nascondendo la dipendenza della persona dalla tecnica, ma non dimenticando che la tecnica è un elaborato dell uomo e, quindi, un suo strumento. sociale n. 7, giugno 2008, p. 15 L EVOLUZIONE DEL PENSIERO NON RIESCE A STARE AL PASSO CON LA TECNICA, CON LA CONSEGUENZA CHE LE CAPACITÀ AUMENTANO, MA LA SAGGEZZA SVANISCE Bertrand Russell I giovani italiani e la tecnologia La dipendenza dei giovani dai nuovi mezzi di comunicazione è il nuovo problema che genitori da una parte e sociologi dall altra stanno tentando di affrontare. Una ricerca del 2008 del Censis e dell Ucsi (Unione cattolica stampa italiana) dimostra infatti che l attaccamento dei ragazzi italiani verso tv e cellulare è notevole e problematico. Il 94% di loro, dai 14 ai 18 anni non riesce a stare lontano da questi strumenti. Il cellulare piace praticamente a tutti (90,4% dei giovani di tutte le età, 93,4% per quelli sotto i 18 anni) e se ne apprezzano i vantaggi pratici: il cellulare è per gli utenti un utile strumento che non sottrae tempo, risorse cognitive ed emotive. Altra inevitabile attrazione è internet, usato principalmente dal 58,7% dei giovani per fare amicizia e divertirsi. I nuovi strumenti a disposizione dei teenager fanno subire però un forte calo della lettura di quotidiani e libri: solo il 31,7% legge i quotidiani e ancor meno i periodici (13,2%), mentre i libri sono letti, salendo nelle tre fasce di età, dal 48,4%, dal 54,4% e dal 50,2% dei giovani.

10 Un percorso a ostacoli tra laurea, corsi di formazione, stage, master per arrivare, a 30 anni, al primo contratto a progetto e forse a 36 all agognato posto fisso. Il cammino di un giovane oggi, dal diploma al lavoro stabile si compie in un dedalo di possibili strade: da via dell impegno a corso del sacrifico. Ci vorrebbe un navigatore satellitare di nuova generazione che faciliti la carriera, magari a suon di raccomandazioni. SPINTARELLA La raccomandazione e il precariato La cosiddetta spintarella si rivela il più mezzo veloce per non perdersi nel precariato dilagante. Con questo termine si individua generalmente l insieme di coloro che, per un tempo più o meno lungo, e a prescindere da formazione e competenza professionale, galleggiano tra il cosiddetto lavoro nero e le varie forme di contratto flessibile (part-time, contratti a termine, lavoro parasubordinato) che vengono ripetutamente e patologicamente rinnovate nel tempo. Una precarietà lavorativa che si traduce normalmente in una precarietà esistenziale, come ormai osservato da più parti. In Italia, i precari costituiscono circa il 23% degli occupati totali. È una delle fotografie dell occupazione italiana scattate dal Censis nel settembre del Stando agli ultimi dati, relativi al 2007, quasi 2 milioni 760 mila italiani, vale a dire l 11,9% degli occupati, si trova in condizione di lavoro a termine, mentre quasi 3 milioni sono i lavoratori sommersi, che incidono per il 12% sul totale dell occupazione nel nostro Paese. Tra i lavoratori precari il 9,8% sono stagionali, interinali o apprendisti, o a tempo determinato, il 2,1% hanno invece incarichi a progetto o occasionali. Un paese di figli di : meritocrazia e clientelismo Nonostante l articolo 3 della Costituzione italiana, la meritocrazia (ovvero il criterio secondo il quale si trova lavoro non per appartenenza lobbistica o familiare ma per meriti) in Italia è ignorata. Le percentuali indicano che nel Paese la maggioranza delle persone trova lavoro grazie a segnalazioni e raccomandazioni. Il fenomeno prevale al Sud dove il fenomeno tocca punte del 50%, ma è diffuso anche al Centro (42,4%) e al Nord (39%) e circa il 60% degli italiani crede che la meritocrazia non serva per trovare lavoro (fonte: indagine Unioncamere su dati Excelsior, 2006). n. 8/9, agosto/settembre 2008, p.15 IL SUCCESSO OTTENUTO COL MERITO E PAGATO CON L INDIFFERENZA ANNOIA IL GROSSO PUBBLICO E, DA QUALCHE TEMPO IN QUA, ANCHE GLI ALTRI Ennio Flaiano Il 66 per cento dei neolaureati e laureandi, secondo una ricerca di Confcommercio, crede che l azione di governo non avrà effetti positivi sui propri orizzonti di vita. Troppe barriere alla meritocrazia e poche agevolazioni per accedere al credito, farsi una famiglia e avere dei figli. I giovani, sanno già che dovranno rinunciare a molte cose pur di avere un percorso professionale dignitoso. Molti sono pronti a lasciare il posto dove sono cresciuti, a rinviare il compimento delle relazioni affettive e posporre l età in cui diventare padri e madri. Ma anche questo non sempre può bastare. Anche perché davanti a loro si apre lo scenario di responsabili d azienda che si dichiarano meritocratici e pronti ad assumere i più bravi ma poi, alla resa dei conti, non lo fanno.

11 Beve, si diverte e sballa. Il ragazzo è felice e spensierato con la sua bottiglia in mano, ignaro, probabilmente, degli effetti correlati all assunzione acuta o cronica di alcol. CRETINI Una questione di vita o di morte L alcolismo, problema sottovalutato dai giovani, si piazza al terzo posto, secondo il ministero della Salute, per mortalità dopo le malattie cardiache e il cancro ed è riconosciuto come uno dei più gravi problemi di salute pubblica. Può portare alla morte per emorragie interne, malattie del fegato o incidenti stradali Non solo. L alcol comporta danni nella sfera lavorativa e in molti altri campi della vita di una comunità. Secondo l Osservatorio permanente sui giovani e l alcool, bere costituisce un fattore importante negli infortuni sui luoghi di lavoro ed è causa, inoltre, di assenteismo e riduzione delle prestazioni professionali. È inoltre responsabile di una parte consistente di problemi di ordine pubblico inclusi crimini, omicidi e atti violenti. Le malattie alcol-correlate sono legate agli effetti tossici della sostanza nel tempo. Questa non è dannosa solo per il fegato ma i suoi effetti negativi possono manifestarsi, in modi diversi, in tutti gli organi del nostro corpo. Studi del ministero della Salute dimostrano che l alcolismo interessa anche e profondamente i membri delle famiglie di chi beve. I bambini possono esserne influenzati anche da grandi quella che comunemente è definita sindrome dei figli adulti degli alcolisti e anche prima della nascita, generando la cosiddetta sindrome fetale da alcol nei bimbi nati da madri alcoliste. Giovani e alcol n. 10, ottobre 2008, p. 15 OGNI TIPO DI DIPENDENZA È CATTIVA, NON IMPORTA SE IL NARCOTICO È L ALCOL O LA MORFINA O L IDEALISMO Carl Gustav Jung Sono sempre di più gli adolescenti che a partire dalle scuole medie, hanno i loro primi approcci con lo sballo, cominciando banalmente da una birra per finire ai superalcolici. Circa minori in Italia sono a rischio e un ragazzino su cinque inizia a bere già tra gli 11 e i 15 anni. Questo l allarme lanciato nel 2008 dalla Consulta nazionale sull alcol e sui problemi a esso correlati, assieme al ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali. Ben il 19,5% dei minori nella fascia anni dichiara di aver bevuto alcolici nel corso del 2005 nonostante sia in vigore il divieto di somministrazione di bevande alcoliche ai minori di 16 anni. Anche tra i ragazzi di anni, il consumo di alcolici è diffuso: uno su due beve e l 8% dei maschi di quella fascia di età lo fa tutti i giorni. Secondo i dati dell indagine Eurobarometro 2002, l Italia presenta l età più bassa in Europa per quanto riguarda il primo contatto con le bevande alcoliche: la media è 12,2 anni, contro i 14,6 della media europea. Per spiegare il fenomeno, la Consulta ha sottolineato che in Italia il consumo di bevande alcoliche e, in particolare, di vino fa parte di una radicata tradizione culturale e l assunzione moderata di alcol è una consuetudine alimentare molto diffusa, oltre che socialmente accettata. Negli ultimi anni si stanno diffondendo però nuovi modelli di consumo che prevedono un uso occasionale, intenso e spesso intossicante di aperitivi, birra e superalcolici.

12 Come puoi liberarti del tuo vecchio? Rottamandolo propone questa improbabile e cinica campagna istituzionale, rigorosamente finta e superando così tutti i problemi e i fastidi che comporta averne cura. Il vecchietto settantenne parcheggiato nel secchio dell immondizia rappresenta uno dei tanti anziani che in Italia sono un intralcio per le famiglie. LIBERARTI DEL VECCHIO? Una risorsa sociale Purtroppo il sistema di welfare tutela poco chi, pensionato e/o non-autosufficiente, deve affrontare gli imprevisti che la vecchiaia comporta. Eppure, nel Mezzogiorno, le pensioni degli anziani consentono la sopravvivenza di interi nuclei familiari e nel 50% dei casi gli anziani si occupano dei nipotini, soprattutto in estate quando i bambini non vanno a scuola per risparmiare su baby-sitter o centri estivi. Poi, però, gli anziani diventano un peso o un ulteriore spesa per i figli che, non potendosi occupare di loro, devono affidarli alle case di cura o alle colf. Secondo la Fnp (Federazione nazionale pensionati) della Cisl sono in forte aumento le famiglie povere anziane (nel 2006 erano il 13% della popolazione), sia per un reddito che non consente loro di vivere dignitosamente, sia perché non hanno risorse sufficienti per lasciarsi aiutare. La condizione di impoverimento interessa però anche i familiari: secondo il rapporto 2008 dell Istat sulla povertà, le famiglie povere con due o più anziani sono l 11,9 per cento. Gli anziani in Italia L Italia risulta il Paese più investito dal fenomeno dell invecchiamento. Ormai un italiano su cinque, secondo l annuario 2008 dell Istat, ha più di 65 anni e i grandi vecchi (da ottanta anni in su) sono il 5,3% della popolazione. Circa , sempre secondo Fnp Cisl, non sono autosufficienti con particolare incidenza al Nord (18,4% in Lombardia) e meno al Sud (11% in Molise) e solo il 3,5% sono assistiti dallo Stato domiciliarmene, a fronte del 20% di Norvegia, Svezia e Danimarca. Infine, il 33% fa fatica a sostenere le spese mediche. n. 11, novembre 2008, p. 15 IN FONDO LA VECCHIAIA È UNA QUESTIONE DI PROSPETTIVA Mario Tobino Fino a qualche anno fa, sul piano delle politiche, la risposta tradizionale alla sfida della non autosufficienza è stata quella di tipo residenziale. Oggi però la misura dell accoglienza residenziale non è certo la più frequente, né la più diffusa sull intero territorio nazionale, mostrando una spiccata localizzazione nel nord Italia. Si diffonde così la pratica dell assistenza domiciliare, con il duplice intento di evitare (o ritardare) l istituzionalizzazione degli anziani e di coinvolgere e valorizzare la rete di cura informale intorno a essi. Una ricerca dell Inca, il patronato della Cgil, conferma che gran parte dell assistenza agli anziani non autosufficienti infatti (soprattutto al Sud) ricade ancora sui nuclei familiari: circa il 50% su familiari conviventi, il 30% e un altro 20% su familiari non conviventi, mentre il 20% si avvale di servizi esterni, tanto pubblici quanto privati.

13 Il grande Suv rosso fiammante del crudele e superbo re dei Vangeli, Erode, sorpassa i Magi con i loro lenti cammelli e riesce ad arrivare per primo alla grotta di Gesù Bambino. È così che cambia, grazie a questo nuovo potente mezzo, il corso della storia. RANGE ERODE Suv: prepotenti e sicuri? Il Suv (Sport utility vehicle) è un veicolo simile a un fuoristrada con elevate prestazioni e con finiture da vettura di lusso. Ha un costo che va dai euro in su e può avere anche sette posti. Nel 2007 è stata una delle macchine più vendute, anche se nel 2008 le vendite hanno subito un calo del 28%. I dieci Suv più venduti in Italia hanno consumi urbani del 60-70% superiori rispetto a quelli delle dieci auto più vendute tout court. Oltre ai consumi, è accusato di inquinare più di una macchina normale, di ledere alla sicurezza stradale e di essere come una grande astronave catapultata in città: la lunghezza dei Suv va tra i 4,80 e i 5 metri, la larghezza attorno a 2 metri. La stazza è un problema per gli altri automobilisti, per non parlare di pedoni e ciclisti, ma anche per gli stessi guidatori, accusati spesso di uno strafottente senso di sicurezza. Numerosi studi negli Usa smentiscono anche l affidabilità del veicolo. La National highway traffic safety administration, l ente governativo che si occupa di sicurezza stradale più famoso nel mondo, ha bocciato il 30% dei modelli testati. Anche secondo la rivista di settore italiana Quattroruote, in certe manovre di emergenza, le fuoristrada risultano più impacciate, meno agili e disinvolte e quindi per costituzione più inclini all incidente. Il problema maggiore, nel traffico, è la scarsa visibilità, dall alto dell abitacolo, di pedoni e soprattutto ciclisti, costretti a viaggiare tenendo la destra. Automobili e inquinamento in Italia n. 12, dicembre 2008, p. 15 L AUTOMOBILE È DIVENUTA IL CARAPACE, IL GUSCIO PROTETTIVO E AGGRESSIVO, DELL UOMO URBANO E SUBURBANO Marshall McLuhan L Unione Europea ha avviato all inizio del 2009 una procedura d infrazione nei confronti dell Italia per gli alti livelli d inquinamento. In gran parte delle nostre città, secondo uno studio di Legambiente, l inquinamento da polveri sottili e più in generale quello atmosferico rimane strettamente collegato al traffico veicolare, che si conferma come la principale causa del peggioramento della qualità dell aria. Il trasporto stradale è anche uno dei settori che producono più gas serra in Italia e ancora oggi, rivela l Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, le emissioni di CO2 derivanti dalle auto, tendono ad aumentare anziché diminuire. L Italia, stando ai dati di Ecosistema urbano 2009, in Europa è seconda solo al Lussemburgo per il numero di automobili in circolazione, con una media di 62 auto ogni 100 abitanti, che salgono a oltre 70 in città come Roma. Anche nel confronto con gli Stati Uniti, come riportano i dati della Us metropolitan trasport commission, le città italiane detengono il primato poco invidiabile del numero di auto in circolazione. Ad esempio, mentre New York registra circa 20 auto ogni 100 abitanti, Madrid e Berlino 30 e Parigi 45, a Milano se ne registrano 63.

www.acli.it/pubbregresso PUBBLICITÀ REGRESSO Una campagna di comunicazione sociale col trucco Azione Sociale in collaborazione con

www.acli.it/pubbregresso PUBBLICITÀ REGRESSO Una campagna di comunicazione sociale col trucco Azione Sociale in collaborazione con PUBBLICITÀ REGRESSO Una campagna di comunicazione sociale col trucco PUBBLICITÀ REGRESSO Una campagna di comunicazione sociale col trucco Sembra vera, ma non lo è. Compare all improvviso sfogliando la

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3205 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore SCALERA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 NOVEMBRE 2004 Delega al Governo per la limitazione ed il controllo del

Dettagli

25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne

25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne 25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne In Italia una donna su tre, tra i 16 e i 70 anni, nella sua vita è stata vittima della violenza di un uomo. Secondo i dati dell'istat, sono

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

Giornata dei diritti dei bambini

Giornata dei diritti dei bambini Giornata dei diritti dei bambini Il 20 novembre del 1989 è stata approvata dall Assemblea delle Nazioni Unite la Convezione dei Diritti dell Infanzia. In Italia, la convenzione è stata approvata nel 1991

Dettagli

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE VIOLENZA Si intende un azione che reca un danno fisico o psicologico ad uno o più soggetti. Essa, quindi, non implica necessariamente ed esclusivamente un atto fisico (indurre un certo comportamento attraverso

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 L Italia negli anni della crisi

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

Il vino con moderazione

Il vino con moderazione Il vino con moderazione Il vino: la cultura della moderazione Da millenni la produzione e il consumo di vino fanno parte del retaggio europeo. L UE è il principale produttore di vino al mondo, come anche

Dettagli

Opuscolo. Soltanto sorseggiandolo piano e assaporandolo lentamente, si può apprezzare e godere appieno del gusto composito di un vino.

Opuscolo. Soltanto sorseggiandolo piano e assaporandolo lentamente, si può apprezzare e godere appieno del gusto composito di un vino. Opuscolo Il vino con moderazione Il vino: la cultura della moderazione Da millenni la produzione e il consumo di vino fanno parte del retaggio europeo. L UE è il principale produttore di vino al mondo,

Dettagli

per una legge regionale sul reddito minimo garantito

per una legge regionale sul reddito minimo garantito per una legge regionale sul reddito minimo garantito YES WE CASH! PER UNA LEGGE REGIONALE SUL REDDITO MINIMO GARANTITO Gli effetti della crisi, sempre più devastanti, sono ormai una realtà per tutti noi;

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

Definizione di abuso sessuale

Definizione di abuso sessuale Definizione di abuso sessuale Il coinvolgimento di un minore, da parte di un partner preminente, in attività sessuali anche non caratterizzate da violenza esplicita Dichiarazione di Consenso del CISMAI

Dettagli

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future a cura di Pina Ferraro Consigliera di Parità Effettiva per la Provincia di Ancona Dati Progetto Rete

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

Definizione e Forme Di Violenza

Definizione e Forme Di Violenza Definizione e Forme Di Violenza La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani, La violenza contro la donna (dentro

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI COMUNICATO STAMPA LA FAMIGLIA COME SPECCHIO DELLA REALTA PRIMI RISULTATI DELL INDAGINE RISORSA FAMIGLIA. INDAGINE SULLE FAMIGLIE PISTOIESI: CASA, LAVORO, BILANCIO DELL OSSERVATORIO SOCIALE PROVINCIALE

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI? Federazione CONVEGNO NAZIONALE 2006 San Giovanni Rotondo 18-19 novembre 2006 Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE in collaborazione I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 GENNAIO 2016 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 LA SPESA DELLE FAMIGLIE E INFERIORE DEL 6,3% RISPETTO AL 2008 Nonostante un

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste La violenza sui minori Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste DEFINIZIONE OMS 1999 L abuso o il maltrattamento sull infanzia è rappresentato da

Dettagli

È possibile risolvere il problema delle povertà senza aumentare la spesa sociale?

È possibile risolvere il problema delle povertà senza aumentare la spesa sociale? È possibile risolvere il problema delle povertà senza aumentare la spesa sociale? Il rapporto 2008 di Caritas Italiana e Fondazione Zancan su povertà ed esclusione sociale in Italia onsiderando le grandi

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Donne e violenza, le parole non bastano più

Donne e violenza, le parole non bastano più DISCUSSIONI Donne e violenza, le parole non bastano più Anna Maria Fellegara È un aberrazione dal costo individuale e sociale inaccettabile, come tutti gli studi dimostrano: il contrasto al fenomeno non

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine 1 La crisi colpisce più le valli L indagine realizzata dall Osservatorio delle Acli trentine ci dà modo di riflettere sulle condizioni

Dettagli

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un Diritti bambini L assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1959 ha stilato la Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo ampliata e integrata nel 1989 con la Dichiarazione dei Diritti del Bambino

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

La situazione attuale

La situazione attuale La situazione attuale L Europa si sta impoverendo. I poteri forti stanno trascinando le classi lavoratrici verso la rovina. Sono gli agenti di un sistema definito dai principi del massimo profitto e della

Dettagli

La violenza sulle donne Storia-Irc A.S. 2012-2013 Etiche della responsabilità. Francesca Coppolecchia Federica Dominoni Marta Franzino Rodolfo Ravano

La violenza sulle donne Storia-Irc A.S. 2012-2013 Etiche della responsabilità. Francesca Coppolecchia Federica Dominoni Marta Franzino Rodolfo Ravano La violenza sulle donne Storia-Irc A.S. 2012-2013 Etiche della responsabilità Francesca Coppolecchia Federica Dominoni Marta Franzino Rodolfo Ravano LA VIOLENZA E un'azione molto intensa che ha come fine

Dettagli

La povertà soggettiva in Italia

La povertà soggettiva in Italia ISTITUTO DI STUDI E ANALISI ECONOMICA Piazza dell Indipendenza, 4 Luglio 2005 00185 Roma tel. 06/444821 - fax 06/44482229 www.isae.it Stampato presso la sede dell Istituto La povertà soggettiva in Italia

Dettagli

SOTTO LA LENTE Italiani, risparmiatori disorientati?

SOTTO LA LENTE Italiani, risparmiatori disorientati? SOTTO LA LENTE Italiani, risparmiatori disorientati? Nonostante la crisi, gli italiani sembrano dimostrare di saper ancora risparmiare. Per il secondo anno consecutivo infatti, è aumentata la quota di

Dettagli

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 Premessa 1/2 Il titolo del Convegno recita: «Siamo indebitati perché non siamo

Dettagli

I.P. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura.

I.P. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura. Iniziativa di comunicazione istituzionale Direzione tutela e risanamento ambientale programmazione e gestione rifiuti Direzione

Dettagli

Acqua: bene comune dell umanità

Acqua: bene comune dell umanità Acqua: bene comune dell umanità Carenza d acqua Quante persone colpisce? Nel mondo 1.680 milioni di persone non hanno accesso all acqua potabile. Con l attuale crescita dei modelli di consumo, nel 2.020

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Come vedono i new media i bambini? E quanto i genitori sono in grado di capire e normare il rapporto, spesso caldissimo dei loro figli

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

Aiutali a costruire il loro futuro

Aiutali a costruire il loro futuro Aiutali a costruire il loro futuro Programma di adozioni a distanza Mani Unite per il Mozambico Via Cividale, 133 33100 UDINE (UD) Tel. +39 04321845007 Fax +39 04321845008 info@maniunite.org - www.maniunite.org

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di Primo Grado "Carlo Vicari" Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010

Scuola Secondaria Statale di Primo Grado Carlo Vicari Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010 Scuola Secondaria Statale di Primo Grado "Carlo Vicari" Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010 Unità didattica di apprendimento sul problema della fame nel mondo. Sottosezione di Geografia a

Dettagli

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese 17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese ! Che cosa significa violenza di genere?! Quali sono le azioni che la qualificano come violenza di genere? La violenza di genere! La Conferenza

Dettagli

I Meeting nazionale. Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329.

I Meeting nazionale. Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329. I Meeting nazionale Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329.9191710 La Famiglia gruppo di persone affiliate da legami consanguinei o legali,

Dettagli

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA REALIZZATO DA Comune di Padova Settore Ambiente Informambiente CAPO SETTORE Patrizio Mazzetto A CURA DI Antonella

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

1 - FORME DI VIOLENZA

1 - FORME DI VIOLENZA 1 - FORME DI VIOLENZA! Violenza Fisica. Tale forma di violenza è graduata dalle forme più lievi a quelle più gravi: la minaccia di essere colpita fisicamente, l essere spinta, afferrata o strattonata,

Dettagli

Definizione e Forme Di Violenza

Definizione e Forme Di Violenza Definizione e Forme Di Violenza La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani, La violenza contro la donna (dentro

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 23 aprile 2009 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2008 L abuso di alcol, i comportamenti ad esso associati e le conseguenze in termini di costi sociali e sanitari sono oggetto di specifiche strategie

Dettagli

Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica. Progetto Grafi co federico grazzini

Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica. Progetto Grafi co federico grazzini Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica Progetto Grafi co federico grazzini BERE... tira su? Volevi passare una serata da latin lover e credevi

Dettagli

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Consumo di bevande alcoliche Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Presentazione del lavoro Nel corso dell anno scolastico 2014/15,

Dettagli

Francesca della Ratta-Rinaldi Istat, Indagine sulle Forze di lavoro

Francesca della Ratta-Rinaldi Istat, Indagine sulle Forze di lavoro Francesca della Ratta-Rinaldi Istat, Indagine sulle Forze di lavoro La ricerca Richiesta Cgil e Internazionale di condurre uno studio che illustrasse la condizione dei lavoratori precari Ampio spazio alla

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

La Sicurezza dei lavoratori domestici

La Sicurezza dei lavoratori domestici La Sicurezza dei lavoratori domestici CENSIS - PRESENTAZIONE DEL LAVORO DI RICERCA Dare casa alla sicurezza Rischi e prevenzione per i lavoratori domestici Biblioteca del CNEL Il Segretario Confederale

Dettagli

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE A distanza di ormai 5 anni, era infatti il mese di marzo 2009 quando ha iniziato i suoi lavori, è attiva sul territorio cittadino la

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

Kit. anti-ballismo. Dieci consigli su. come difendersi dalle balle che si dicono sulla scuola. PRESENTA:

Kit. anti-ballismo. Dieci consigli su. come difendersi dalle balle che si dicono sulla scuola. PRESENTA: Kit PRESENTA: anti-ballismo Dieci consigli su come difendersi dalle balle che si dicono sulla scuola. Dieci balle sulla scuola: 1. Meno ore di scuola = più qualità 2. Voto in condotta = rigore 3. Grembiule

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni:

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: Esercizio n. 1 Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: INFORMAZIONI STRATEGICHE NON STRATEGICHE La responsabile dell ufficio acquisti segnala la necessità di sostituire

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale nel contrasto e nello sforzo finalizzato all eliminazione della violenza domestica.

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia HelpedGal Classi: IV B Mattei e IV C Fermi 1. DESCRIZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE I pedoni sono tutti coloro che interagiscono con la circolazione, scegliendo di muoversi

Dettagli

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 RILEVAZIONE DATI D.i.Re I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 A cura del Gruppo Ricerca rilevazione dati Novembre 2014 Premessa L associazione nazionale D.i.Re Donne in

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Formatore Multimediale

Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Formatore Multimediale Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Formatore Multimediale Da di Charlie Chaplin alle tematiche pedagogiche dell abbandono Elaborato di: Daniela Messina

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE A) Andamento della domanda di lavoro straniero in differenti

Dettagli

IL PRIMO SORSO DI BIRRA Giovani e Alcool

IL PRIMO SORSO DI BIRRA Giovani e Alcool IL PRIMO SORSO DI BIRRA Giovani e Alcool ricerche, riflessioni, spunti elaborati su una iniziativa del Gruppo Giovani di Castions di Strada sul tema dell'alcool Gruppo Giovani di Flumignano e S.Andrat

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE Analisi e mappatura del disagio economico delle famiglie in Italia suddivise tra famiglie straniere, miste e italiane GENNAIO 2011 FINALITA DELLO STUDIO Lo studio

Dettagli