D S E Dipartimento Scienze Economiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D S E Dipartimento Scienze Economiche"

Transcript

1 D S E Dipartimento Scienze Economiche Studi sull Economia Veneta Università Ca Foscari Venezia Dipartimento di Scienze Economiche Giovanni Favero Le stagioni di Benetton: una storia per immagini No. 02/EV/2006

2 Studi sull Economia Veneta Dipartimento di Scienze Economiche Università Ca Foscari di Venezia No. 02/EV/2006 Le stagioni di Benetton: una storia per immagini Giovanni Favero Università di Venezia Abstract Questo intervento concerne i cambiamenti nella politica d immagine della Benetton dalla sua fondazione nel 1965 a oggi. I nessi tra l evoluzione parallela delle strategie promozionali, di distribuzione e di produzione sono ampiamente discussi. Il testo costituisce la versione italiana di un intervento presentato al convegno della European Business History Association, Francoforte, 1-3 settembre 2005, ed è stato pubblicato su «Blu: la rivista del territorio», 23, Parole Chiave Benetton, strategia d immagine, franchising : Giovanni Favero Dipartimento di Scienze Economiche Università Ca Foscari di Venezia Cannaregio 873, Fondamenta S.Giobbe Venezia - Italia Telefono: (++39) Fax: (++39) Gli Studi sull Economia Veneta sono pubblicati a cura del Dipartimento di Scienze Economiche dell Università di Venezia. I lavori riflettono esclusivamente le opinioni degli autori e non impegnano la responsabilità del Dipartimento. Gli studi sull economia veneta vogliono promuovere la circolazione di studi ancora preliminari e incompleti, per suscitare commenti critici e suggerimenti. Si richiede di tener conto della natura provvisoria dei lavori per eventuali citazioni o per ogni altro uso. Gli Studi sull Economia Veneta del Dipartimento di Scienze Economiche sono scaricabili all indirizzo: Per contatti: Dipartimento di Scienze Economiche Università Ca Foscari di Venezia Cannaregio 873, Fondamenta San Giobbe Venezia Italia Fax:

3 Le stagioni di Benetton: una storia per immagini * 1. Sulla Benetton è stato scritto molto, in tempi recenti e meno recenti, e da molteplici punti di vista (Nardin 1987, Brunetti-Bortoluzzi 2004, Favero 2005). I tratti salienti di questa storia sono in buona parte noti. Nata nel 1965 a Ponzano Veneto, in provincia di Treviso, da un piccolo laboratorio artigianale gestito dai fratelli Benetton, l azienda negli anni 70 si è rapidamente affermata sul mercato italiano della maglieria e ben presto di tutto l abbigliamento casual. La distribuzione si è estesa in seguito al mercato europeo, e progressivamente a quello statunitense e giapponese. Negli anni 80 l internazionalizzazione ha fatto da incentivo per una ristrutturazione interna dal punto di vista manageriale e logistico che ha visto contemporaneamente l azienda accedere alla quotazione in borsa e investire in maniera massiccia nella telematica e nell automazione. A tentativi non riusciti di ulteriore ampliamento della gamma dei prodotti nel settore dell equipaggiamento sportivo si è peraltro affiancato, a partire dagli anni 90, l impegno finanziario della famiglia in acquisizioni di imprese attive in settori completamente diversi. Ma nella memoria collettiva il nome Benetton è anche associato all immagine dell azienda, ai piccoli negozi colorati degli anni 80 e alle pubblicità shock di Toscani degli anni 90. Mi è parso interessante concentrare qui l attenzione appunto sugli aspetti legati all immagine, rinviando alla bibliografia la curiosità di chi volesse sapere di più sulla storia di un impresa che ha saputo innovare radicalmente un settore, quello del tessile e dell abbigliamento, ritenuto maturo già quarant anni fa. * Laddove non è indicato uno specifico riferimento bibliografico, vedi Favero (2005), da cui questo intervento è in buona parte ripreso. 2

4 2. Negli anni 60 e 70, la strategia promozionale della Benetton era concentrata sui negozi, dal momento che gli ingenti investimenti richiesti dalle campagne pubblicitarie apparivano proibitivi per quella che era ancora una piccola azienda. Il formato dei primi negozi, chiamati My Market, fu disegnato da Tobia Scarpa, il figlio del famoso architetto Carlo Scarpa. Sua l idea di eliminare il bancone che separava il cliente dalla merce, di disporre i maglioni sugli scaffali, di permettere che dalla vetrina fosse visibile l interno del negozio. La maggior parte di questi punti vendita non erano di proprietà della Benetton, ma di commercianti affiliati che, al contrario di quanto avveniva normalmente nelle grandi catene in franchising, non pagavano alcunché per l utilizzo dell immagine ma dovevano vendere solo prodotti Benetton, non godevano di alcuna esclusiva territoriale e non potevano restituire l invenduto. I rappresentanti dell azienda reclutavano i negozianti e ne raccoglievano gli ordini, che di fatto erano l unico tipo di contratto formale che li legava all azienda. Spesso i Benetton anticipavano ai negozianti i capitali necessari per avviare l attività, riducendo in questo modo il rischio di eventuali comportamenti opportunistici, sempre possibili in una situazione in cui i rapporti tra produttore e distributori erano garantiti da accordi informali. Il successo iniziale della formula Benetton si deve proprio alla creazione di questa rete di negozi, che vendevano maglioni colorati ma dal taglio classico, tessuti in serie, rifiniti da lavoranti a domicilio e tinti solo all ultimo momento con i colori alla moda (Heskett-Signorelli 1985). Negli anni 70, la Benetton iniziò a produrre anche jeans e pantaloni in velluto, camicie e magliette in cotone, per permettere agli acquirenti di combinare i maglioni con altri capi coordinati. La diversificazione del prodotto implicava anche una differenziazione della clientela, e una moltiplicazione delle tipologie di negozi: nacquero così 012 per bambini e ragazzi, Merceria per le madri dei clienti Benetton, Jean s West per i jeans e Tomato per i clienti giovani meno disposti a spendere. È importante sottolineare che, in questo periodo, il nome della Benetton e il 3

5 logo, il fiocco di lana stilizzato che diventerà famoso negli anni 80, non compariva mai sull insegna dei negozi, ma soltanto sull etichetta dei capi. Una scarsa visibilità permetteva di non mettere in allarme i concorrenti, e di prendere le distanze rispetto alle politiche commerciali dei singoli negozianti. Ma c erano anche altre motivazioni. Negli anni 70 la Benetton cercava in tutti i modi di nascondere il proprio successo, per sfuggire alle tensioni sociali e politiche che caratterizzavano quel decennio continuando a muoversi come una piccola impresa artigiana, ed evitando che i sindacati, il fisco e la politica fossero tentati di andare a mettere il naso nella sua rete informale di subfornitori e di commercianti indipendenti. Luciano Benetton (Benetton-Lee 1990, 110) sintetizza efficacemente le ragioni di quella scelta: Le pressioni esercitate dagli anni Settanta fecero della Benetton un camaleonte. ( ) Un azienda tanto fortunata da realizzare dei profitti in anni così agitati doveva mantenere deliberatamente una linea di basso profilo e mimetizzarsi con l ambiente circostante. Di conseguenza facemmo poche campagne pubblicitarie, evitammo accuratamente di metterci in mostra e ci sottraemmo a qualsiasi legame con la politica. ( ) Mettevamo gran cura nel rimanere invisibili. Niente interviste, nessuna diffusione nel rispetto della legge, naturalmente di dati finanziari. ( ) La nostra effettiva dimensione e diffusione, sia nel campo industriale che in quello commerciale, non era immediatamente percepibile al pubblico. 3. Sul finire degli anni 70, la Benetton incontrò per la prima volta alcune difficoltà nelle vendite. Questa crisi rese la famiglia cosciente di aver davvero raggiunto una soglia oltre la quale era possibile continuare a crescere soltanto cambiando radicalmente atteggiamento. Questa consapevolezza emerse in realtà a poco a poco, dopo aver tentato diverse strategie commerciali e industriali, in seguito al successo dell espansione internazionale delle vendite in Europa, resasi necessaria per ovviare all evidente saturazione del mercato italiano. Questa fase fu importante per meglio definire l identità dell impresa e individuare le risorse specifiche che stavano all origine del successo degli anni precedenti. Soltanto nel tentativo di allargare all estero la rete di vendita, infatti, i Benetton si resero conto che la peculiare strategia di affiliazione commerciale utilizzata in Italia e riproposta nei paesi del Mercato Comune Europeo costituiva un potente 4

6 strumento per introdursi in nuovi mercati e il possibile motore di una nuova fase di crescita (Belussi 1989; Benetton 1994). Quel che più colpisce, nel passaggio dagli anni 70 agli anni 80, è il mutamento radicale nella politica di immagine. Dall atteggiamento di basso profilo tenuto del decennio precedente, la Benetton passò infatti a una esplicita politica di promozione del marchio e di crescente trasparenza finanziaria, in vista anche della progettata quotazione in borsa. L espansione delle vendite all estero era giocata in buona parte sul richiamo alla moda e allo stile italiani contenuto nel marchio di fabbrica; di conseguenza, fu ritenuto opportuno unificare sotto il nome Benetton le diverse insegne esistenti, a eccezione dei negozi 012 e Jean s West (in seguito convertiti in Sisley ), che per motivi diversi mantenevano una loro peculiarità. Un eccessiva diversificazione minacciava infatti di vanificare i crescenti investimenti pubblicitari. L aumentata visibilità era anche un effetto della scelta di dismettere i panni della piccola ditta a gestione familiare, per trasformare la Benetton in una azienda internazionale, gestita da un management competente che godeva della fiducia della famiglia, e che poteva contare su solidi legami con la politica e con la finanza. Grazie alla sua capacità di mimetizzarsi, nel corso degli anni 70 la Benetton era riuscita a godere delle agevolazioni e degli incentivi offerti dallo Stato senza subire le limitazioni e i costi sopportati dalle grandi imprese. Nel mutato contesto politico degli anni 80, si presentava invece come un rispettabile interlocutore per le istituzioni nazionali, i politici e le grandi banche. 4. Nella seconda metà del decennio, peraltro, il crescente successo a livello continentale costrinse l azienda a modificare la propria strategia di espansione. L Europa Occidentale nel suo complesso era ormai diventata il vero mercato di riferimento per la Benetton: nella relazione di bilancio del 1987, Gilberto Benetton sottolineava i vantaggi dell unificazione economica europea ma affermava anche, per la prima volta, che solo la globalità del prodotto poteva costituire il punto di partenza per una ulteriore espansione (Benetton Group 1988). 5

7 L idea stessa di globalità doveva quindi diventare un valore proprio del management aziendale e un concetto ispiratore dei comportamenti di tutti i protagonisti che collaborano con il gruppo Benetton. In Asia e nelle Americhe, a causa delle restrizioni doganali e degli alti costi di trasporto, la Benetton non poteva semplicemente esportare i capi prodotti in Italia continuando a giocare d anticipo sui colori alla moda come aveva fatto in Europa. Doveva quindi adottare un nuovo approccio più graduale, dapprima consentendo a fabbricanti locali l utilizzo del proprio marchio su licenza, quindi entrando in joint venture con loro, e stabilendo infine una filiale produttiva in loco solo nel caso in cui il mercato si fosse mostrato ricettivo (Pinson-Tibrewala 1996). In questo progetto, gli aspetti promozionali giocavano un ruolo cruciale: le spese per pubblicità crebbero quindi in maniera esponenziale, puntando su un immagine colorata, multietnica e soprattutto globale dell azienda. Sin dal 1983 la progettazione delle campagne pubblicitarie era stata affidata all agenzia parigina Eldorado, per la quale lavoravano i fotografi Bruno Sutter e Oliviero Toscani. Nella campagna per il 1984, Toscani utilizzò un gruppo di ragazze e ragazzi bianchi e neri che indossavano vestiti colorati. Sotto la foto campeggiava la scritta All the Colours of the World. Negli anni successivi, venne adottato lo slogan United Colors of Benetton, che nel 1989 divenne il nuovo marchio, utilizzato sui capi e sulle insegne dei negozi. In tal modo, la strategia di globalizzazione dell azienda veniva identificata con l ideale di un mondo pacifico e multietnico, che negli anni della perestrojka e della caduta del Muro di Berlino sembrava a portata di mano. Ancora nel 1989, Toscani rompeva il contratto che lo legava a Eldorado e veniva assunto direttamente dalla Benetton (Falcinelli 1999). 5. Nelle successive campagne, scomparve rapidamente ogni riferimento ai capi venduti, che d altra parte presentavano caratteristiche differenziate per area geografica: l attenzione del fotografo si concentrava piuttosto su argomenti di attualità e di ampio interesse sociale. Le campagne shock di Toscani suscitarono sconcerto per il soggetto dell immagine, come nel caso del bacio tra un prete e una suora, o della foto di un neonato ancora attaccato al cordone ombelicale. In altri casi l operazione era 6

8 totalmente giocata sui tempi molto stretti degli avvenimenti politici internazionali, come nel caso della foto di un cimitero di guerra, pubblicata il giorno stesso in cui scoppiò la Guerra del Golfo. Toscani e Benetton rivendicavano per la pubblicità e per il fotografo il diritto di affrontare questioni controverse, in contrapposizione con la pubblicità dei buoni sentimenti, che rappresentava un mondo finto e irreale. Allo stesso tempo, le furiose polemiche suscitate dalle fotografie di Toscani e dal loro uso pubblicitario avevano l effetto di enfatizzare la visibilità dell impresa e il suo preteso impegno sociale (Barela 2003). La crescente notorietà del marchio nei primi anni 90 doveva molto anche ai successi della scuderia di Formula 1 acquistata nel 1984, che dieci anni dopo vinceva il Campionato Mondiale costruttori tra le polemiche per sospette irregolarità, mentre Michael Schumacher trionfava nel campionato piloti 1994 e 1995 con i colori di Benetton. L azienda era anche proprietaria di squadre di pallacanestro, pallavolo, pallanuoto e rugby (Mantle 1998). Nel 1992, per di più, Luciano Benetton si era candidato ed era stato eletto alla Camera per il Partito Repubblicano. La discesa nel campo della politica dell imprenditore era in questo caso probabilmente motivata dalla necessità di seguire dall interno la formazione delle scelte di politica economica e monetaria nel quadro delle crescenti difficoltà internazionali che portarono nel 1993 la lira a uscire dal Sistema Monetario Europeo e a svalutarsi notevolmente. In ogni caso, anche questa mossa contribuì a mettere la Benetton sotto la luce dei riflettori. 6. Certo la svalutazione contribuì a favorire la competitività di prezzo dei prodotti Benetton all estero, in una fase in cui la posizione di mercato dell azienda iniziava a essere minacciata dalla presenza sempre più aggressiva delle grandi catene internazionali di negozi, come Gap e Zara. Di fronte alla nuova minaccia, la Benetton reagì su diversi fronti (Camuffo- Romano-Vinelli 2001). La rete di negozi fu radicalmente trasformata nel giro di pochi anni con l ampliamento della superficie dei punti vendita e l apertura dei megastore. 7

9 Venne avviato il graduale trasferimento di buona parte delle lavorazioni verso paesi europei e mediterranei che offrivano migliori condizioni fiscali e salariali. In questo caso, tuttavia, forti resistenze venivano dall ampia rete di subfornitura locale e dalla difficoltà di riprodurre altrove il modello. L impresa si impegnò contemporaneamente in un tentativo di diversificazione produttiva nel campo dell equipaggiamento sportivo, con le acquisizioni di Nordica (scarponi da sci), Kastle (sci), Killerloop (occhiali da sole e da sci), Asolo (scarpe da montagna), Rollerblade (pattini in linea), Prince (racchette da tennis), Langert (mazze da golf). L operazione tuttavia non diede i risultati sperati in termini di possibili sinergie tra abbigliamento e attrezzatura sportiva, che di fatto erano mercati molto diversi dal punto di vista delle caratteristiche della domanda, e nel 2003 il tentativo venne abbandonato (Brunetti-Bortoluzzi 2004). Nel settore dell abbigliamento, la formula dell affiliazione commerciale mostrava la corda di fronte alla maggiore efficienza dei concorrenti, che controllavano direttamente la rete di distribuzione ed erano quindi in grado di reagire in maniera più veloce alle sempre più imprevedibili variazioni delle mode nel mercato dell abbigliamento (Edmonson 2003). La rete di negozi affiliati consentiva però alla Benetton di scaricare sui commercianti indipendenti buona parte dei rischi derivanti dalla turbolenza del mercato, dal momento che costoro non potevano restituire le giacenze di magazzino. L azienda continuava così a generare profitti, sia pure a prezzo di un graduale ridimensionamento della sua quota di mercato. 7. Il particolare rapporto che legava la Benetton ai suoi partner commerciali garantiva loro una sia pur minima capacità di resistenza. La strenua difesa da parte dei negozianti e dei rappresentanti dei margini di autonomia di cui godevano aveva infatti impedito negli anni 80 l introduzione di un nuovo sistema di collegamento telematico che avrebbe consentito alla casa madre di seguire direttamente l andamento delle vendite nei singoli negozi (Rullani-Zanfei 1988). L impossibilità di conoscere in tempo reale la risposta del mercato creava ora oggettive difficoltà all azienda. 8

10 D altra parte, l aggressiva politica promozionale degli anni 90 non aveva certo incontrato il favore dei dettaglianti, che attribuivano alle campagne di Toscani la colpa del calo delle vendite, in alcuni casi arrivando a rifiutarsi di pagare la merce rimasta invenduta. In tutte le occasioni, i tribunali diedero ragione alla Benetton, dal momento che i negozianti avevano liberamente accettato le condizioni proposte dall azienda (Barela 2003). È però interessante confrontare l esito di questo conflitto con gli effetti completamente diversi della polemica scoppiata nell inverno 2000 in seguito alla nuova campagna lanciata negli Stati Uniti, che ritraeva alcuni condannati nel braccio della morte. In questo caso, l azienda fu infine condannata per non aver reso noto ai carcerati lo scopo pubblicitario delle fotografie. Tuttavia, le critiche all operazione avevano spinto fin da subito alcune grandi catene di distribuzione americana, con le quali la Benetton aveva stipulato da poco un accordo, a troncare ogni rapporto con l impresa di Treviso. Toscani se ne andava l anno dopo. L episodio aveva messo in luce alcuni aspetti della politica commerciale e promozionale che gli imprenditori non sembravano aver compreso. Nella sua relazione con partner commerciali diversi dai negozianti affiliati, l azienda non godeva della medesima posizione di forza che le aveva consentito fino ad allora di imporre loro le proprie scelte pubblicitarie. Non solo considerazioni legate al mantenimento dei livelli di redditività, ma anche preoccupazioni per la propria autonomia strategica hanno spinto quindi la Benetton a non cambiare il proprio approccio alla distribuzione, anche se la formula flessibile si sta rivelando sempre più rigida di fronte alle sfide del mercato. Per di più, nella gestione dei rapporti con partner indipendenti continuano a giocare un ruolo centrale le relazioni personali dei Benetton, nonostante la decisione annunciata della famiglia nel 2003 di fare un passo indietro dalla gestione diretta dell impresa lasciando maggior spazio ai manager. Il caso Benetton dimostra quindi quanto possa essere difficile, per una impresa che ha costruito il proprio successo su una rete di relazioni personali, liberarsi dai 9

11 condizionamenti legati alla sua stessa natura di impresa famigliare, di distributore in franchising, di centro di un sistema di subfornitura. Riferimenti bibliografici M.J. Barela, Executive insights: United Colors of Benetton. From sweaters to success: an examination of the triumphs and controversies of a multinational clothing company, Journal of International Marketing, 11 (4), 2003, F. Belussi, Benetton: a case study of corporate strategy for innovation in traditional sectors, in M. Dogson (ed.), Technology strategy and the firm: management and public policy, London: Longman Benetton Group, Relazione al bilancio consolidato 1987, L. Benetton, A. Lee, Io e i miei fratelli: la storia del nostro successo, Milano: Sperling & Kupfer L. Benetton, Franchising: how brain power works, in P. Stobart (ed), Brand Power, London: MacMillan G. Brunetti, P. Bortoluzzi, Benetton: da United Colors a Edizione Holding, Milano: Isedi A. Camuffo, P. Romano, A. Vinelli, Back to the future: Benetton transforms its global network, MIT Sloan Management Review, 43 (1), 2001, G. Edmondson, Has Benetton stopped unraveling?, Business Week, 3839, June 30, 2003, 76. L. Falcinelli, Pubblicità paradiso: la company image del Gruppo Benetton, Milano - Perugia: Lupetti - Università per stranieri di Perugia G. Favero, Benetton: i colori del successo, Milano: Egea J. Heskett, S. Signorelli, Benetton, Harvard Business School Case n , Cambridge, MA: Harvard Business School J. Mantle, Benetton: the Family, the Business, and the Brand, London:

12 G. Nardin, La Benetton: strategia e struttura di un impresa di successo, Roma: Edizioni Lavoro C. Pinson, V. Tibrewala, United Colors of Benetton, in J.K. Johansson (ed.), Global marketing: foreign entry, local marketing, and global management, New York: McGraw-Hill/Irwin 1996, E. Rullani, A. Zanfei, Networks between manufacturing and demand: cases from textile and clothing (Benetton, Miroglio, GFT), in C. Antonelli (ed.), New information technology and industrial change: the Italian case, Dordrecht: Kluwer Academic 1988,

D S E Dipartimento Scienze Economiche

D S E Dipartimento Scienze Economiche D S E Dipartimento Scienze Economiche Note di Lavoro Università Ca Foscari Venezia Dipartimento di Scienze Economiche Giovanni Favero L impresa a rete fra tradizione e innovazione: il caso Benetton No.

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

Virgin: un impresa diversificata. Fonte: Grant (2005)

Virgin: un impresa diversificata. Fonte: Grant (2005) Virgin: un impresa diversificata Fonte: Grant (2005) 1 Le motivazioni alla base della diversificazione Mancanza di opportunità nel settore di origine Sfruttamento di attuali risorse e competenze eccellenti

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85 La rincorsa frenata 1 Anni di piombo e solitudini europee Inizio anni Settanta: profonda crisi. Fine della produzione di massa, della domanda pubblica

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Commento ai grafici: l analisi viene condotta su un totale di 215 imprenditori e manager d azienda.

Commento ai grafici: l analisi viene condotta su un totale di 215 imprenditori e manager d azienda. RISULTATI SURVEY INTERNATIONAL MANAGEMENT Luglio 2013 Premessa: l Area Executive Education della Fondazione CUOA ha lanciato un indagine per analizzare i fabbisogni formativi di imprenditori, manager e

Dettagli

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione APAT Ing. Rocco Ielasi Responsabile Servizio Interdip. Certificazioni Ambientali Le motivazioni del cambiamento L esigenza di introdurre

Dettagli

Le strategie di internazionalizzazione

Le strategie di internazionalizzazione Le strategie di internazionalizzazione Elisabetta Marafioti Il processo di internazionalizzazione delle imprese Brescia, mercoledì 3 marzo 2010 Cos è una strategia di internazionalizzazione? Stiramento

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Caratteristiche del mercato dell abbigliamento giapponese

Caratteristiche del mercato dell abbigliamento giapponese Caratteristiche del mercato dell abbigliamento giapponese Alta competitività, sia per qualità che per numero di concorrenti Alta diversificazione di prodotti Forte attenzione dei consumatori per tendenze

Dettagli

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione www.puntolegno.it La soluzione ideale per chi vuole affrontare il mercato con la forza di un grande internazionale, senza perdere la propria identità

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING CREARE OPPORTUNITÀ PER COMPETERE Oggi le imprese di qualsiasi settore e dimensione devono saper affrontare, singolarmente o in rete, sfide impegnative sia

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO FotoDigitalDiscount è la più grande catena di negozi di fotografia in franchising in Italia. Un marchio nato solo nel 2005 che già conta oltre 250 punti vendita distribuiti su tutto il territorio italiano

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Ricerchiamo sempre l' atteggiamento mentale positivo, perché noi crediamo che solo con la fiducia in se stessi e negli altri, oltre che con la

Ricerchiamo sempre l' atteggiamento mentale positivo, perché noi crediamo che solo con la fiducia in se stessi e negli altri, oltre che con la Ricerchiamo sempre l' atteggiamento mentale positivo, perché noi crediamo che solo con la fiducia in se stessi e negli altri, oltre che con la determinazione giusta, si possono raggiungere gli obiettivi

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO

SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO Maggio 2011 Premessa L importazione in Siria è in espansione, ma e ancora contenuta a causa dei dazi doganali elevati e le importazioni di prodotti tessili

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

SCG 01 Appunti slides

SCG 01 Appunti slides SCG 01 Appunti slides il successo o l insuccesso del CdG è conseguenza dell adeguatezza o meno al grado di complessità dei problemi di governo d impresa 4 Le carenze nel controllo di gestione. 2 domande:

Dettagli

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM L obiettivo dell overview è quello di fornire agli operatori un quadro d insieme sui principali cambiamenti avvenuti nel settore dei viaggi d

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

Il Franchising Bricofer. Corporate Profile. Tra il dire e il fare.

Il Franchising Bricofer. Corporate Profile. Tra il dire e il fare. Il Franchising Bricofer Corporate Profile Tra il dire e il fare. IL FRANCHISING DI BRICOFER Un fenomeno in crescita. Una solida realtà. Combinazioni vincenti. Protagonisti del mercato. La struttura. I

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

PROGRAMMA ORIGINI ITALIA

PROGRAMMA ORIGINI ITALIA [Bozza] PROGRAMMA ORIGINI ITALIA MARZO 2014 PROGRAMMA ORIGINI ITALIA [BOZZA] Premessa L emigrazione italiana nel mondo ha radici lontane nel tempo ed ha rappresentato un fenomeno di straordinaria importanza

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per Acri da Abacus in occasione della 78ª Giornata Mondiale del Risparmio GLI ITALIANI E IL RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2002. Gli Italiani sono sempre meno soddisfatti

Dettagli

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO CHECK-IN RAPPORTO EXPORT ONLINE SU SACE.IT/RAPPORTOEXPORT QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO 12 SACEMAG ANDARE OLTRE I BRIC E PUNTARE SUI NEXT GENERATION MARKET PER LE MIGLIORI OPPORTUNITÀ GEOGRAFICO-SETTORIALI,

Dettagli

Indice. Prefazione Gli autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XVII XXIII XXV XXVI

Indice. Prefazione Gli autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XVII XXIII XXV XXVI I Prefazione Gli autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XVII XXIII XXV XXVI Parte I Scenari e strategie di entrata sui mercati internazionali 1 Capitolo 1 Globalizzazione, apertura dei mercati

Dettagli

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company 1. Perchè crescere all estero: lo scenario internazionale Integrazione

Dettagli

Moda e tendenze nel retail online. Una nuova passerella per i marchi della moda. tradedoubler.com

Moda e tendenze nel retail online. Una nuova passerella per i marchi della moda. tradedoubler.com Moda e tendenze nel retail online Una nuova passerella per i marchi della moda tradedoubler.com I consumatori stanno reinventando il modo in cui vivono e acquistano articoli di moda; i marchi che si rifiutano

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE Per rispondere in modo mirato ed efficace alle esigenze ed agli interrogativi delle imprese interessate ad intraprendere iniziative di varia natura sui mercati esteri,

Dettagli

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA ABSTRACT LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA Per poter comprendere a fondo cosa si intende per lusso e per moda e individuare punti di forza e di debolezza di queste realtà durante la recente crisi

Dettagli

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti corso di Storia economica lezione 7.03.2014 L impresa tradizionale e la sua specializzazione Nel mondo preindustriale, conviene ricordarlo, gli affari

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

CASO INDITEX - ZARA. Fatturato 12.527 11.084 13% Utile Netto 1.732 1.314 32% Numero di Negozi 5.044 4.607 437. Numero di Paesi 77 74 3

CASO INDITEX - ZARA. Fatturato 12.527 11.084 13% Utile Netto 1.732 1.314 32% Numero di Negozi 5.044 4.607 437. Numero di Paesi 77 74 3 Barbara Francioni CASO INDITEX - ZARA Inditex, uno dei più grandi gruppi di distribuzione di moda a livello internazionale, conta più di 5.000 punti vendita in 78 Paesi Il primo negozio Zara aprì nel 1975

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

Progetto SAP Gefran Cina e Singapore

Progetto SAP Gefran Cina e Singapore Picture Credit Gefran SAP. Used with permission. Progetto SAP Gefran Cina e Singapore Partner Nome dell azienda Gefran SpA Settore Industria-Elettronica Servizi e/o prodotti forniti Progettazione e produzione

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

IL MARKETING NEI FATTI

IL MARKETING NEI FATTI IL MARKETING NEI FATTI - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile, 40 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre Profilo aziendale Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre competenze e aiutarvi ad ottenere di

Dettagli

Brochure per fornitori e partner

Brochure per fornitori e partner La grande catena di negozi per tutta la famiglia Brochure per fornitori e partner SOMMARIO Sommario... 3 Il Gruppo CIA Diffusione Abbigliamento... 4 La Rete dei Punti Vendita... 4 I motivi di un successo...

Dettagli

Missione Imprenditoriale in Giappone

Missione Imprenditoriale in Giappone Missione Imprenditoriale in Giappone SCHEDA DI INTERESSE SETTORI PRIORITARI Sistema Persona, Sistema casa e complemento di arredo, Contract, Moda design. PROGRAMMA 22/11 Partenza dall'italia 24/11 seminario

Dettagli

FARE FRANCHISING, ORA PUOI. sorprendentemente comoda

FARE FRANCHISING, ORA PUOI. sorprendentemente comoda FARE FRANCHISING, ORA PUOI sorprendentemente comoda IL NOSTRO PRODOTTO È FRUTTO DI SCELTE OCULATE, DI STUDIO E DI RICERCA ATTENTA Il made in Italy come valore aggiunto. Le caratteristiche del nostro prodotto

Dettagli

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA ESPANSIONE INTERNAZIONALE, MAGGIORE INTEGRAZIONE NELLA GESTIONE DEI DATI E MIGLIORAMENTO DELLA STANDARDIZZAZIONE DELLE PROCEDURE,

Dettagli

1. UNA BREVE PRESENTAZIONE DI FIORITO

1. UNA BREVE PRESENTAZIONE DI FIORITO 1. UNA BREVE PRESENTAZIONE DI FIORITO Primo in Italia, con la sua formula del libero servizio, Fiorito nasce nel 2009. È frutto di un progetto innovativo e rivoluzionario che ha saputo, attraverso metodi

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio?

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? La metamorfosi del «modello emiliano»: c è ancora un futuro per i distretti industriali? Una prospettiva economica Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? Cristina

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

CONVEGNO ASSORETIPMI FONDAZIONE MARCO BIAGI MODENA 20 Novembre 2014

CONVEGNO ASSORETIPMI FONDAZIONE MARCO BIAGI MODENA 20 Novembre 2014 CONVEGNO ASSORETIPMI FONDAZIONE MARCO BIAGI MODENA 20 Novembre 2014 INTERNAZIONALIZZAZIONE: IMPRESE IN RETE PER SVILUPPARE CON SUCCESSO IL PROPRIO BUSINESS Marco Palazzi - International Business Partners

Dettagli

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student LA PUBBLICITA NEL MARKETING A cura di Francesco Paolone, PhD student Indice Cenni sulla pubblicità Aspetti legali Modello promozionale Pubblicità come parte integrante del marketing mix Componenti di una

Dettagli

Corso di Strategie d impresa

Corso di Strategie d impresa Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani CASO J- BasicNet strategy Un sistema innovativo basato su tecnologia e stile A cura di: Sara Barone e Alessandra

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

CO.E.S. Compagnia Edil Sanitaria S.p.a.

CO.E.S. Compagnia Edil Sanitaria S.p.a. CO.E.S. COMPAGNIA EDIL SANITARIA S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ È stata costituita nel 1965. La filosofia che da sempre anima le strategie di CO.E.S. è la proposta al mercato idrotermosanitario di soluzioni

Dettagli

Ognuno di voi è unico.

Ognuno di voi è unico. www.unicospa.it Ognuno di voi è unico. Sede centrale: Lainate (Mi) - Via per Garbagnate 63 - tel. 02.93793500 - fax 02.93793218 Ognuno di noi è unico. È il maggiore distributore farmaceutico italiano interamente

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo Cina: il dare e l avere con il resto del mondo ECONOMIA di Stefano Chiarlone e Francesco Giordano Circolano troppi luoghi comuni sulla potente locomotiva asiatica. Ci sono Paesi ad alta specializzazione

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Praxis Intelligence Network

Praxis Intelligence Network Praxis Intelligence Network In un contesto di mercato sempre più saturo, che mette i consumatori in una condizione di overchoice, ogni prodotto viene ripetutamente e costantemente sottoposto ad un severo

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE Prof. Massimo Saita Direttore Istituto Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Università degli Studi di Milano Bicocca Professore ordinario

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

L etica come investimento:

L etica come investimento: L etica come investimento: il coinvolgimento in cause sociali ragione sociale: Monti Ascensori S.p.a. provincia: Bologna addetti: 140 settore: installazione, manutenzione e riparazione di ascensori sito

Dettagli

1994 Boscolo Group fonda Liberty, società specializzata nell organizzazione di tour in Italia.

1994 Boscolo Group fonda Liberty, società specializzata nell organizzazione di tour in Italia. In breve Boscolo Group opera nel settore turistico da oltre vent anni. Fondato a Venezia nel 1978, Boscolo Group è cresciuto fino a diventare operatore di livello internazionale senza però perdere la propria

Dettagli

Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959

Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959 Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959 : L UFFICIO CAMBIO E IL SERVIZIO ESTERO Il Veneto è tra le regioni italiane che più contribuirono ad alimentare un rilevante flusso migratorio

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE ATTIVITÀ SVOLTE NEL 2009

RELAZIONE ANNUALE ATTIVITÀ SVOLTE NEL 2009 Osservatorio regionale per gli studi di settore Cagliari, aprile 2010 RELAZIONE ANNUALE ATTIVITÀ SVOLTE NEL 2009 In relazione a quanto previsto dalla circolare n. 58/E del 2007, si illustrano le attività

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Essere Digital Frontrunners: suggerimenti e sfide da affrontare per diventare una grande impresa digitale

Essere Digital Frontrunners: suggerimenti e sfide da affrontare per diventare una grande impresa digitale Essere Digital Frontrunners: suggerimenti e sfide da affrontare per diventare una Federico Marchetti Fondatore e Amministratore Delegato Assolombarda, 26 febbraio 2013 Il Partner Globale di Internet Retail

Dettagli

L analisi dell integrazione verticale

L analisi dell integrazione verticale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO L analisi dell integrazione verticale ( CAP 13 GRANT ) A cura di: Luca Fraternali Indice Definizione di integrazione verticale Fattori da considerare per effettuare

Dettagli

Uzbekistan: Un fiorente mercato per l Italia

Uzbekistan: Un fiorente mercato per l Italia Uzbekistan: Un fiorente mercato per l Italia Programma di training, finanziato dall UNIONE EUROPEA, per le PMI dell Uzbekistan. Giovedì 11 giugno 2015, h 14,00 SALA CONSIGLIO, Palazzo Turati (Milano, via

Dettagli

SixPrint è... SEMPLICE. Facile da usare. Pensato per te. SICURO. Nei pagamenti, nei prodotti.

SixPrint è... SEMPLICE. Facile da usare. Pensato per te. SICURO. Nei pagamenti, nei prodotti. SixPrint è SixPrint è... SEMPLICE. Facile da usare. Pensato per te. SICURO. Nei pagamenti, nei prodotti. SOCIALE. La tua community, per partecipare e divertirsi. SOSTENIBILE. Km0, prodotti green. Il pianeta

Dettagli

INSPIRE- D 2013-14. life expertise. ma in che modo? Come trasmettere il proprio patrimonio elettronico

INSPIRE- D 2013-14. life expertise. ma in che modo? Come trasmettere il proprio patrimonio elettronico INSPIRE- D 2013-14 life expertise Come trasmettere il proprio patrimonio elettronico Vivere più a lungo, ma in che modo? Trasferirsi all estero senza timori per la successione La pensione, il primo giorno

Dettagli