LA PUBBLICITÀ Un prodotto culturale nell industria della moda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PUBBLICITÀ Un prodotto culturale nell industria della moda"

Transcript

1 LA PUBBLICITÀ Un prodotto culturale nell industria della moda di SEBASTIANO DISTEFANO In questo scritto si vuole considerare la pubblicità non come artificio che persuade un generico e anonimo consumatore passivo attraverso meccanismi inconsci, manipolatori o subliminali, a dispetto di teorie che vorrebbero il consumatore come inerme recettore di messaggi, ma piuttosto come una pubblicità creativa in cui il professionista estrinseca pubblicamente le sue istanze soggettive, il suo modo interiore di essere. Il prodotto pubblicitario così creato è caratterizzato dal suo stesso stile, improntato alla sua soggettività e alla rispondenza a specifiche esigenze ambientali esterne e di mercato. Il consumo dei prodotti segue un calendario preciso; spesso certi prodotti sono proibiti ad alcune classi d età, a certi gruppi sessuali, a taluni aggregati sociali. La pubblicità è fruita in maniera diretta dal consumatore, il quale seleziona le proposte che lo coinvolgono maggiormente: oggigiorno promotion e communication sono fondamentali per la diffusione dell articolo. La logica seguita dall azienda di moda deve considerare ciò che il consumatore può e non può percepire. Nella moda la differenziazione ha un senso solo se viene percepita, trattandosi, nella sostanza, di vendere emozioni più che il prodotto in sé. Se in passato il posizionamento è stato basato sul prodotto, senza distinguerlo dalla marca, oggi il marchio rappresenta il nodo focale delle strategie aziendali della moda. Esso svolge sia una funzione identificativa, in quanto si ricollega a un certo logo, nome, colore, assieme a una responsabilità di garanzia delle qualità-prestazioni dei prodotti offerti, sia una funzione emozionale, perché ogni marca è una rappresentazione mentale che sintetizza aspetti materiali ed emotivi. A questo proposito, la storia del gruppo Benetton, su cui ci soffermeremo, è un caso esemplificativo 27

2 di innovazione intesa come ricerca costante del nuovo, come fattore rilevante di sviluppo. Nei prodotti di moda gli aspetti evocativi e simbolici prevalgono su quelli tecnico-funzionali: in quest ottica la marca diventa una leva importantissima nel marketing. Pubblicità e moda rappresentano un connubio affascinante in cui la pubblicità assume dignità artistica e presenta le caratteristiche di prodotto culturale. Pubblicità che può essere considerata come espressione del genio creativo, dove elementi di marketing ed estrosa fantasia confluiscono influenzandosi a vicenda. È vero che la campagna pubblicitaria si propone di comunicare con il mercato perché vuole attirare la sua attenzione e convincerlo, conquistarlo, fargli conoscere e apprezzare la collezione, mantenere un costante rapporto di contatto, ma è altrettanto vero che si vuole entrare in sintonia con l interiorità dell individuo, attraverso idee singolari: idee preponderanti che costituiscono il fulcro della campagna pubblicitaria dando vita al tema comunicazionale. Quel che conta è la capacità umanistica di registrare, attraverso la pubblicità, le sensazioni provenienti dall esterno, reagendo con proposte e prodotti in grado di anticipare e incubare le tendenze. 1 La prospettiva del consumatore-produttore Con le sue continue bizze e con i suoi frenetici capricci, la moda è costantemente visibile, e noi stessi, in ogni istante, sfiliamo in una mutevole passerella quotidiana. «Laddove non esiste sentimento del tempo è la moda a trionfare. La moda che taglia il tempo e non ha più paura della morte, che è anzi la sua più fedele alleata» 1. Barile descrive la moda come quella signora che attraversa trasversalmente il tempo, senza temere che il suo inesorabile fluire sia causa di decadimento. Ai nostri giorni la moda non è solo un fenomeno frivolo, epidermico, salottiero, ma è lo specchio del co- 1 A. ABRUZZESE, N. BARILE (a cura di), Communifashion, Sossella, Roma

3 stume, dell atteggiamento psicologico dell individuo e contribuisce costantemente all evoluzione delle idee e degli atteggiamenti collettivi. In questo senso possiamo considerare il sistema moda come il luogo in cui cultura ed economia si intersecano, dove si forgiano oggetti materiali con un alto contenuto di cultura. Il mercato della moda ha progressivamente allargato il suo raggio d azione come offerta, come vendita, come domanda. La moda c è, si vede, si sente, si parla di moda. Siamo completamente circondati da mode e viviamo di mode che rappresentano e interpretano il nostro tempo. Il settore dell abbigliamento indica come siano sempre meno individuabili mode che abbiano la diffusione e la celerità di contagio del passato. Sempre più, seguire la moda significa reinterpretarla in termini personali. Si tratta, dunque, di un gusto più soggettivo che entra in gioco sia nel momento della scelta che in quello della metabolizzaizone personale, nella mescolanza e nell assemblaggio di stili differenti, con una conseguente negoziazione di significato. Inizialmente questa funzione è stata assolta dagli accessori d abbigliamento, ma l orientamento preponderante ci porta verso una maggiore autonomia della persona: si è giunti a un interpretazione dialettica che consente di attingere singoli tasselli dall universo moda, combinandoli in modo assolutamente personalizzato, valorizzando la singolarità individuale. Il nuovo consumatore vuole riconoscere la materia e dialogarvi, sentirla parte di sé, appropriarsi della sua struttura intrinseca. Riconoscere la materia significa essere più vicino all oggetto, vivere quasi in simbiosi con esso, comprendere la cultura che esprime e della quale è intriso, in definitiva poter dialogare con la sua identità profonda. Identità e riconoscibilità sono i presupposti attraverso i quali il prodotto può appropriarsi del suo nuovo ruolo maieutico 2. L aspetto dream del vestito stabilisce delle solide connessioni tra l universo delle idee del mondo della produzione e la sfera dei significati trasferiti dal consumatore sul prodotto acquistato. Sogno e divertimento sono i termini chiave della cosiddetta dream society i cui prodotti devono ri- 2 F. MORACE, Controtendenze, Domus Academy, Milano

4 spondere a necessità emotive-immateriali 3. L individuo lascia trasparire sentimenti, umori e, più in generale, il proprio mondo psicologico. Il suo modo di vestirsi sarà sempre più connesso ai cambiamenti che si sono verificati nel suo profondo, nella sua intimità, cercando di proporre all esterno una raffigurazione del suo mondo interiore. Moda e pubblicità di moda avranno come punto di riferimento l individuo con tutte le sue caratteristiche peculiari, che non rispecchiano caratterizzazioni generiche, bensì valori personali e psicologici, rendendo il consumatore più individuo e meno consumatore, dato che il fashion system deve rispondere sia a esigenze comportamentali che a bisogni consumistici 4. La crescente ricerca di affettività da parte del consumatore conduce a sentimenti di attesa del possesso, alla presenza di forti desideri che si connotano come sogni, come elaborazioni interiori che non sono definite e precise come i bisogni, ma rinviano a una ricerca, a una realtà onirica, a una scoperta dell offerta più confacente attraverso un universo magico. Incidendo sull emotività del suo pubblico, la marca potrà aumentare la possibilità di essere scelta 5. L azienda deve porsi nell ottica di immaginare desideri prima di produrre beni e servizi; l ambito dei bisogni appare saturo ed è necessario creare nuove aree immaginarie, nuovi ancoraggi collettivi su cui intervenire. Una marca dotata di forte carica affettiva sarà ricompensata da una maggiore fedeltà dei consumatori. Bisogna proporre ai consumatori ciò che essi potrebbero desiderare se solo sapessero immaginarlo, richiamando la loro attenzione attraverso una comunicazione efficace che può aumentare il livello di simpatia e affettività, unita a una continua rigenerazione dell identità di marca, intesa in divenire. Il problema della personalità del brand è per certi versi simile a quello della personalità umana. Ci sono aziende con una forte 3 T.G. CORRÊA, Moda, Arte, Corpo. Moda e costruzione, in A. ABRUZZESE, N. BARILE (a cura di), Communifashion, cit. 4 P.M. HIRSH, Processing Fads and Fashions, in «American Journal of Sociology» 1972 (77). 5 A. BUCCI, L impresa guidata dalle idee, Domus Academy, Milano

5 personalità, altre invece poco interessanti. Un azienda con prodotti tendenzialmente imitativi, con politiche aziendali banali, con una pubblicità di rimessa costruita senza creatività non sarà in grado di proporre una sua individualità forte e decisa 6. Il brand vive della valutazione del tutto soggettiva che il consumatore ha formulato riguardo all operato dell azienda. Quest ultima dovrà tener conto del suo posizionamento, di quello dei suoi prodotti, e interrogarsi su quali coordinate vuole posizionarsi all interno del mapping semiotico dei valori del consumo, entro quali termini e secondo quali prospettive 7. Il prodotto deve avere una collocazione precisa sul mercato, sia in base alle sue qualità concrete, come la consistenza del materiale utilizzato, la fattura, l estetica, sia in base al suo valore intrinseco, cioè rispetto a quello che comunica. L elemento passionale può essere considerato, secondo Semprini, come l impulso che spinge all azione e può essere analizzato attraverso il mapping semiotico dei valori del consumo, in contrasto con altri esponenti del marketing della moda, fra i quali A. Foglio, che si basano su ricerche di mercato di tipo più tradizionale, affermando che ciò che conta, nella sostanza, risiede nell andamento delle scelte individuali e nella loro successiva aggregazione. Il mapping semiotico distingue, invece, differenti settori all interno dei quali ciascuna marca reale può essere posizionata: l emisfero della missione, il quale considera la tolleranza e il rispetto delle differenze come sostrato della nuova socialità; l area del progetto, ovvero una sorta di cultura dell individualismo fondata sulla valorizzazione del corpo, l estetizzazione e la ricerca della bellezza; il quadrante dell euforia, un universo emozionalmente ricco dove l evasione e il sogno infondono un clima di serenità e armonia e in cui le dinamiche passionali accolgono l imprevisto e l inatteso solo se non assumono una forma destabilizzante; infine l area dell informazione, che ingloba i valori di onestà, moralità e rispetto. Ne deriva che la credibilità risulta strettamente connessa alla coerenza, ovvero al legame naturale che in- 6 D. ROMANO, Immagine, marketing e comunicazione, Il Mulino, Bologna A. SEMPRINI, Marche e mondi possibili, Franco Angeli, Milano

6 tercorre tra la marca, il prodotto e la categoria all interno della quale il prodotto stesso è inserito. Il cliente è il perno attorno al quale ruotano le fasi di creazione del prodotto, che deve essere a lui confacente e basarsi sulla sua personalità: il mercato si mostra, utilizzando un efficace metafora, come una struttura a scacchiera le cui caselle corrispondono ai diversi stili e gusti, in cui il ruolo del cavallo che salta da una casella all altra spetta al consumatore 8, in pieno accordo con quanto rilevato da Volontè riguardo ai desideri degli individui nell ambito dei consumi di moda. Considerando gli aggregati sociali come fulcro di interesse, emerge che è presente una doppia aspirazione che da un lato porta alla condivisione dei codici vestimentari del proprio gruppo sociale di appartenenza, dall altro alla volontà di differenziarsi sia a livello out-group che in-group 9. Il consumatore di oggi aspira ad appropriarsi del ruolo di produttore trasformandosi in prosumer, secondo l espressione di Morace: quando si parla di prospettiva del consumatore-produttore ci si riferisce proprio alla figura del prosumer, sintesi efficace e veritiera dei due soggetti. L impresa deve calibrare attentamente le leve del marketing mix al fine di ottenere dal prodotto il massimo dei risultati economici: il ruolo della pubblicità è quello di insinuare nel consumatore un desiderio che sfoci nell atto dell acquisto, con la conseguente disillusione dovuta al possesso e all uso del bene che prima rappresentava un consumo al quale si aspirava, fino a introdurre un altro desiderio che apre nuovamente il ciclo. 2. Attribuzione di senso Consumare o respingere la pubblicità di moda, vestirsi o non vestirsi alla moda sono maniere differenti di costruire la propria identità sociale. Ci troviamo in una fase in cui l individuo 8 F. MORACE, Fashion Subway, Editoriale Modo, Milano L. RUGGERONE, Aldilà della moda, Franco Angeli, Milano

7 prende in prestito idee dall immaginario della marca, deformandole e ricomponendole in modo imprevedibile. Il consumer esige trasparenza etica, vuole comprendere come i prodotti vengono realizzati, gradisce che l impresa apra le proprie porte per far vedere al mondo esterno quali sono i suoi processi produttivi. Anche le piccole e medie imprese sono fortemente consapevoli del mutamento degli scenari. Oggigiorno la moda proietta i consumi di massa nel mondo dei sensi: vista, udito, tatto e olfatto sono fortemente coinvolti. L estetica postmoderna si riverbera sulla pubblicità di moda rendendosi manifesta nella contemporaneità di tendenze, nella non appartenenza a nessuna tendenza specifica, nell intreccio di storico e non storico, presente e passato, nella polverizzazione delle distanze geografiche in un tempo senza tempo. Il ruolo della pubblicità creativa è di evidenziare nuovi rapporti, legami prima inesplorati tra gli oggetti e la sfera del consumatore, anche a costo di violare norme comunicative consolidate. Il pensiero creativo si articola in un processo di cui è spesso manifesta solo la parte finale, il prodotto finito, ovvero, nel nostro caso, la campagna pubblicitaria ultimata; non è individuabile né l inizio, né l iter che si segue per giungere alla sua organizzazione finale: è un processo che non procede sinteticamente e per tappe, ma si evolve in un continuum difficile da prevedere. La pubblicità creativa con cui sovente si identifica l intero processo pubblicitario spesso ottiene vistosi riconoscimenti e riesce a promuovere chi la esprime a star del firmamento pubblicitario, una star che è però il più probabile capro espiatorio quando il risultato finale non corrisponde alle a- spettative. Il creativo, dato che ha la responsabilità di partorire pubblicità, che è un bene di consumo individuale, ha il dovere di guardarsi attorno in continuazione, deve avere il costante contatto con l attualità e con la gente, deve partecipare alle tendenze e alle mode, deve essere perennemente informato, conoscere quello che c è di più aggiornato e innovativo nel mondo del cinema, della musica, della narrativa G. SANNA, A. BIASI, Professione creativo, Bridge, Milano

8 La comunicazione è la corrente sotterranea che irriga e alimenta il corpo di moda. Nel rapporto tra il mondo degli oggetti e i soggetti, questi ultimi sono in grado di riorganizzare l insieme degli oggetti distinguendoli per categorie di gusto in base alle loro preferenze culturali. Molti abiti vengono considerati delle creazioni artistiche alla stregua di un dipinto, di qualsiasi altra opera d arte. Spesso si acquista un intera collezione perché possa conservare il carattere di opera d arte nella sua interezza. Così la pubblicità, appropriandosi degli oggetti di moda e stringendoli a sé, può esser considerata anch essa come emanazione artistica e di conseguenza come prodotto culturale. Ne deriva che sia gli oggetti di moda sia la pubblicità che li riguarda hanno una forte valenza culturale. In questo attraente scenario, la pubblicità come prodotto culturale è un luogo di sedimentazione di conoscenze, credenze, atteggiamenti, tradizioni ed usi, valori, norme e costumi di una società che confermano la cultura dominante o elaborano elementi culturali innovativi; questi ultimi potranno essere incorporati nella cultura dominante, qualora esistano le condizioni adatte. D altra parte il consumatore può reagire al messaggio pubblicitario con un orientamento critico, con un consumo culturale come resistenza creativa, smontandone l originaria struttura semantica. Questi processi di incorporazione o resistenza ci portano a definire i criteri di compatibilità ed estraneità della pubblicità, considerando ovviamente il consumatore come termine di paragone. A tal proposito, la griglia elaborata da F. Colombo per distinguere i flussi comunicativi interni ed esterni all industria culturale, può essere utilizzata nel contesto della pubblicità di moda che verrà classificata in comunicazione che confluisce nel mantenimento, nell assorbimento, nell espulsione e nell interdizione 11. In questo caso non è rilevante discernere fra origine interna o esterna di ciascun elemento della promotion, quanto piuttosto differenziare la pubblicità in 11 F. COLOMBO, Marginalità e circolarità nell industria culturale, in L. BOVONE, L. RUGGERONE (a cura di), Intorno a produzione e consumo. Percorsi nell industria culturale, Franco Angeli, Milano

9 compatibile (mantenimento, assorbimento) ed estranea (espulsione, interdizione). In un contesto di mantenimento, il frame istituzionale non subisce alcuna variazione. Si tratta di pubblicità che ha l intento di informare della presenza, nei vari punti vendita, di un determinato capo, dell uscita di una certa collezione, dell organizzazione di una sfilata-evento, del lancio di una campagna di fidelizzazione, dell attuazione di una acquisizione o incorporazione fra aziende diverse, del cambio di ragione sociale e così via; in altri termini ci si focalizza sulla diffusione di un contenutonotizia che non impatta l universo valoriale del pubblico, un pubblico non generalizzato ma selezionato secondo criteri prefissati. La pubblicità che sfocia nell assorbimento rappresenta la condizione di stabilità ideale verso la quale ciascuna agenzia di comunicazione tende, al fine di evitare un flop di mercato: si propone un certo stile che viene accolto da quegli individui che si rivedono in maniera più o meno soddisfacente in quella tendenza, senza travisare i significati veicolati, pur ammettendo funzioni d uso e abbinamenti non previsti in partenza. Quando ci si rivolge a tribe cultures caratterizzate da inclinazioni di nicchia, più facilmente circoscrivibili, è più probabile che l assorbimento si realizzi. Quando il messaggio pubblicitario viene espulso, con molta probabilità non si sono seguite oculatamente le regole del time to market. Può accadere che un segmento considerato significativo in una certa fase diventi poco profittevole in una successiva. In questo caso i contenuti scivolano via, vengono allontanati, quasi ignorati, perché non rispondono a esigenze reali. L espulsione avviene naturalmente anche quando la comunicazione continua ad appoggiarsi su unità semantiche appartenenti a una moda ormai in fase di tramonto, percepita come obsoleta. Il contenuto della campagna pubblicitaria può essere addirittura interdetto da una sorta di spirale del silenzio derivante dall attivazione di stili post-moderni fra i quali quello dei punk che sono il segnale lampante di una reazione creativa portata alle e- streme conseguenze: se da un lato non esprimono nulla, dall altro la loro estetica capovolta mette in scena significati profondi e prove tangibili di critica sociale. In definitiva, la compatibilità-estraneità 35

10 della pubblicità al sistema socio-culturale indica ancora una volta che lo spot, di qualsiasi natura esso sia, viene consumato e i suoi contenuti accettati o rifiutati. Il successo storico delle aziende del settore moda ha il suo punto di forza nella creatività degli stilisti, dei direttori artistici, degli stylist della comunicazione, dei fotografi, degli altri creativi dell immagine. Lo stilista tende sempre più verso la figura dello Fig. 1. Maglierie Benetton, Lady Godiva, 1966 stilista-imprenditore che coordina, spinto da evidenti interessi artistici, il lavoro di diversi team operativi, cercando di prevedere la profittabilità di nuovi prodotti e di catturare le tendenze più recenti del gusto. Le sue creazioni e più in generale la sua attività professionale, non sono più autolegittimate dalla mitologia del creativo, ma sono costrette a ricercare sostegno nel marketing e nella cultura sociale. Uno stilista di successo raccoglierà i frutti del suo operato che si concretizzeranno nella scelta del suo marchio da parte dei buyer, dei grandi magazzini, nell acquisto da parte del cliente 12. Design pubblicitario e styling sono componenti basilari dell offerta in genere e del prodotto in particolare. Quelle dello stilista e del pubblicitario possono esser considerate come professioni cucite su misura, poiché il grado di standardizzazione dei processi all interno dei quali questi soggetti operano è scarso, e di conseguenza essi si 12 E. MORA, Culture e mestieri dell abbigliamento, in P. VOLONTÈ (a cura di), La Creatività Diffusa, Franco Angeli, Milano

11 trovano a fare i conti con un evoluzione frammentata del loro lavoro che si sviluppa a bolle, attraversando i diversi ambiti di tutta la filiera produttiva. 3. Immagine d impresa: il caso Benetton Riteniamo opportuno considerare le campagne pubblicitarie del gruppo Benetton a partire dalla metà degli anni 60 fino ad arrivare ai giorni nostri, perché soltanto in questo modo è possibile individuare le vie del cambiamento e, di conseguenza, i punti che evidenziano il passaggio da una strategia a un altra. Cerchiamo allora di notare gli elementi che meglio rappresentano l ideologia alla base di ciascuna campagna, partendo dal 1966, anno in cui Benetton affida l esecuzione delle sue prime campagne pubblicitarie allo Studio Formica, che ha optato per una campagna basata su immagini in bianco e nero su carta stampata, in linea con gli orientamenti di quel periodo (Fig. 1). Il 1972 è l anno in cui subentra Fig. 2. Benetton Maglieria internazionale, 1972 l agenzia Planad che curerà la pubblicità di Benetton per quasi dieci anni, nella figura del publisher Carlo Mazzaro (Fig. 2). Nel 1981 le campagne del gruppo attuano un cambiamento radicale, un punto di rottura rispetto alle precedenti. L agenzia El- 37

12 dorado propone un impronta allo stesso tempo innovativa, anticonformista e provocatoria. Il 1982 vede l emergere, con il photographer Oliviero Toscani, del tema multirazziale associato alla nozione di colore. Benetton significa colore: quest idea viene abbozzata sui manifesti che mostrano gruppi di bambini, prima bianchi, poi di colore (Fig. 3), e, nel 1984, con la campagna Tutti i colori del mondo (Fig. 4), il messaggio si carica di allegria, spensieratezza, semplicità; i cartelloni sono ricchi di capi variopinti, inseriti in un ambiente pacato. Fig. 3. Benetton 012,

13 Le rappresentazioni del 1985 United colors of Benetton mostrano già un cambiamento sostanziale: dai gruppi di bambini si passa alle coppie, ponendo i prodotti in una posizione più eccentrica con maglioni e pullover sovrapposti. L anno successivo, due ragazzi uno arabo, l altro israeliano appaiono abbracciati e assieme stringono tra le mani un mappamondo, che assurge a simbolo di unificazione fra i popoli, in un immagine che fa parte della campagna Globi. Questo passaggio evidenzia una connotazione ideologico-filosofica dei messaggi che accantona il prodotto, prima posto in primo piano, facendolo in alcuni casi sparire. Gli animali, vestiti da Benetton, hanno fatto da pubblicità alla collezione 012 di quell anno: scelta grafica alquanto rivoluzionaria e in contrasto con quelle degli anni immediatamente precedenti. Benetton. Mondo dei jeans è diventato, invece, lo slogan del jeans wear dell azienda nel Il 1988 è l anno del lancio dell eau de toilette Colori con la campagna Profumo del mondo, presentato da due mani femminili, una bianca e l altra nera, che si uniscono attorno a una bottiglia rettangolare, autografata da Bruno Suter, presidente di Eldorado, stratagemma messo a punto per rafforzare il legame tra il brand name e l agenzia di comunicazione. La nuova campagna Superstars del settore abbigliamento mescola culture e leggende con gli accoppiamenti più bizzarri: Giovanna d Arco e Marilyn Monroe, Giulio Cesare e Leonardo da Vinci in posizione speculare; mentre l etichetta 012 sostituisce gli animali con graziosi bimbi mascherati nelle coppie lupo e agnello, cane e gatto in una versione più soft rispetto a quella che mostrava gli animali in primo piano. Le fotografie del 1989 esprimono una forte vocazione per la comunicazione e un diffuso desiderio di fratellanza, uniti alla formulazione di una visione critica ora sottesa, ora del tutto manifesta. Il logo aziendale su sfondo verde con caratteri di colore bianco è riportato in piccolo e in posizione limitrofa: la scelta di porre la griglia grafica del logo e dei caratteri istituzionali con il nome dell azienda in secondo piano è abbastanza inconsueta per quegli anni. 39

14 Fig. 4. Benetton, Campagna Tutti i colori del mondo, 1984 Nel 1990 si gioca sul confronto fra nero e bianco ma i vestiti non sono presentati affatto. Un lupo bianco e una pecora nera; una mano nera, minuta, su una mano bianca di dimensione spropositata; coppie di giovani spazzacamino, minatori e panettieri, uniti dal nero della fuliggine o delle miniere di carbone e il bianco della farina: sono questi i temi ricorrenti. Ci si sposta da un atmosfera serena, dal senso estetico positivo caratterizzato dalla vivacità dei colori, alla cupa oscurità che rinvia alle vittime di guerra, alle traverse tutte uguali di un cimitero americano, o alla caduta di olio altamente inquinante sulla superficie del quale galleggiano delle foglie secche multi-colored. Oggettivamente si trattano argomenti che hanno una forte capacità di penetrazione: alcune rappresentazioni possono urtare la sensibilità individuale, in contrasto con l art. 1 del Codice di Autodisciplina Pubblicitaria, sulla cui base è stata motivata la condanna dell immagine che ritrae una bambina appena nata sporca di sangue e muco. Le immagini, poi, appartenendo per loro statuto all universo simbolico, giungono come una precipitazione di significati fluidi, per dirlo alla Griswold, che rimangono aperti a tutta una serie di letture differenti: in questo caso specifico non si assiste però a una solidificazione dei significati stessi, ma ci si trova di fronte a elementi fortemente disturbanti che potenzialmente pos- 40

15 sono mettere in crisi un universo di valori cristallizzato, comunemente accettato fino a quel momento. Toscani ha giocato più che mai sulla nota contradittoria della dualità, quella che divide la linea fra due acque: guerra/pace, integrità ambientale/inquinamento. Fig. 5. United Colors of Benetton, Campagna Superstars, 1988 In risposta alle innumerevoli critiche, Benetton ha risposto con la creazione di una collezione internazionale di vestiti per la croce rossa e per la Caritas nel David Kirby, morente, con la sua famiglia al capezzale; un guerrigliero africano che tiene in mano un kalachnikov e un osso umano, creando il solito contrasto nerobiaco 13. La bottiglia del profumo Tribù del 1993, con il relativo disegno futuristico che punta sul mercato giovanile, è firmata da Tamotsu Yagi: lo spot che la pubblicizza è decisamente di natura più commerciale; ha veste grafica inconsueta e una struttura davvero innovativa in quanto è ospitato all interno di una tv e di un video-clip. È in questo stesso anno che si mostrano i primi piani di varie parti del corpo (stomaco, braccia, pube) con su bollato 13 A. YAGI, Global vision, Robundo Publishing Inc., Tokyo

16 HIV, evocando l inchiostro viola usato dai veterinari o i numeri tatuati sui corpi dei prigionieri nei campi di sterminio. Nel 1994 la campagna pubblicitaria viene differenziata in un mosaico di numerose fotografie di gente comune, ma ancora con una nota di profonda amarezza, come dimostra l accoppiamento di pantaloni e camicia sporchi di sangue di un soldato bosniaco che muore appunto dissanguato, ferito durante un combattimento; o come rivela il passaggio del relè collegato alla sedia elettrica da una mano bianca a una nera, che infine, preme il pulsante fatale. Fig. 6. United Colors of Benetton, Campagna Bianco, Nero, Giallo, 1996 La campagna Bianco, nero, giallo del 96, che considera i gruppi etnici come nodo focale del discorso, sfocia in immagini provocatorie di dubbio gusto (Fig. 6). Ma la strategia cambia subito direzione con il manifesto Matti da legare in cui viene ritratto l intero gruppo dirigente Benetton con Luciano, fondatore e leader dell azienda, in posizione chiave, vestito con una camicia di forza che gli impedisce braccia e gambe (il capo più matto di tutti), mentre tutti gli altri indossano solo camice di forza su pantaloni colorati. I colori che rompono la glacialità delle camicie bianche fanno tutt uno con i sorrisi che illuminano i volti di questi matti da legare, connotando di una valenza positiva e creativa la rappresentazione della follia aziendale. Creatività contro conformismo, follia creativa dei pochi contro il sonno della ragione ; viene ripresa, con indiscussa abilità comunicativa, la tecnica retorica del mondo alla rovescia, ampiamente utilizzata nel mondo della rappresenta- 42

17 zione iconografica 14. Si rivolgono poi le proprie forze all organizzazione delle campagna stampa in occasione del World Summit Conference of Food, in collaborazione con le Nazioni Unite e la FAO, con un poster che mostra un singolo cucchiaio di legno e nient altro. Spesso punti di vista originali o estremi riescono ad attirare l attenzione e a far parlare di sé. È il caso del discorso sociale che si è sviluppato su Benetton, alimentando un animato dibattito e un confronto di opinioni al quale hanno preso parte giornalisti, scrittori, storici dell arte e studiosi di comunicazione di massa. Le campagne shock inaugurate nel 1989 raggiungono il loro massimo potere disturbante con la campagna primavera-estate del 1992 che affronta problemi sociali rilevanti e di scottante attualità, innescando dibattiti e reazioni critiche all interno dell opinione pubblica. Se da un lato la fotografia di moda tende a dividersi in due filoni, uno più commerciale e uno più artistico, dall altro si allentano sempre più i confini tra moda, pubblicità e arte, come dimostra la tendenza di molti fotografi a estendere la loro ricerca al digitale e alla Visual Art. Questo prodotto culturale si pone all attenzione del pubblico calamitando l interesse nei confronti delle proprie iniziative e delle idee trasmesse, insinuando l onda del dubbio, minando gli schemi mentali di chi riceve la comunicazione, mostrando nel contempo una certa flessibilità lontana dal presentarsi come un sapere dogmatico. Vorremmo ora analizzare alcune immagini relative alla campagna autunno-inverno perché è qui presente una forte tensione strutturale all interno del prodotto culturale: se, da un lato, si può ritenere moralmente accettabile il sistema degli annunci diffusi, incentrati su problemi sociali rilevanti, dall altro non si può affermare che sia lecito utilizzare queste stesse tematiche per fini prettamente economici e commerciali. Pur riconoscendo alla Benetton la capacità di stimolare una riflessione e una accesa discussione su tematiche 14 A.H. SMITH, A.S. DE ROSA, Tecnica e retorica pubblicitaria: il caso Benetton, Università La Sapienza, Roma

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro di Cittadella Il manifesto degli studenti sul dialogo interculturale: scriviamolo insieme! INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ Il diverso che provoca il pregiudizio:

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas Uso del Manuale Il nuovo Manuale fornisce ai vari settori le indicazioni riguardanti le applicazioni per un uso corretto

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive.

che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive. Crediamo... che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive. Collaborazione di ampi gruppi, problem-solving e progettazione di soluzioni Conferenze,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli