...~v ENAVs,p.A. (IN FASE PRELIMINARE ALLA GARA)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "...~v ENAVs,p.A. (IN FASE PRELIMINARE ALLA GARA)"

Transcript

1 ,, " \~...~v ENAVs,p.A. Untà Produttva - l'sed d Roma)' \~ f~ \ ' Roma - Va d Settebagn ,,l, "1 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE, INFORMAZIONI SUI RISCHI SPECIFICI E MISURE DI PREVENZIONE E DI EMERGENZA ADOTTATE a sens dell'art. 26 comma 1 b) e comma 3 del D.Lgs 81/08 e s.m.. (IN FASE PRELIMINARE ALLA GARA) OI~'~IV"" all'attvtà d: Opere e lavor Programma "Sala ntegrazone e testng U SITI ENAV S.p.A. oggetto delle attvtà: 2/A ROMA Pagna 1 d 24

2 ._... _... "'"" o ",._,,,... ~ '\... " Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 h) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m..) - (n fase prelmnare alla gara) Indce 1. Premessa Informazon general Dat dentfcatv del commttente Specfctà de luogh d lavoro - Centro smulazone e spermentazone - Va Agr 2/A 3.1. Dat dentfcatv della struttura Prncpal fgure d rfermento Descrzone de luogh d lavoro oggetto dell'appalto Descrzone attvtà oggetto dell'appalto Presenza abtuale d altre mprese Informazon su rsch specfc Spaz d lavoro e strutture Stoccaggo materal Mcroclma e qualtà dell'ara Rscho elettrco Impant d sollevamento Radazon non onzzant Agent chmc Rscho ncendo Fattor d rscho present ne local del sto Informazon su rsch specfc da nterferenza present ne luogh Comportamento da adottare n caso d emergenza Procedure general d emergenza del sto Procedure specfche d emergenza per Soggett Terz Valutazone de rsch da nterferenze Anals delle msure per l'elmnazone o rduzone de rsch da nterferenze Indvduazone delle msure per l'elmnazone o rduzone de rsch da nterferenze e relatva stma de cost Programma d cooperazone e coordnamento Msure d prevenzone e protezone general Approvazone e formalzzazone...23 ALLEGATO A -Indvduazone delle msure per l'elmnazone o rduzone de rsch da nterferenze e relatva stma de cost Pagna 2 d 24

3 ", _ _ '" _"._"...",_._._.,,._ _w., _ n _ '..._.... _ _ _ ~_ _._ _""",_,_","_...._.~ ~., Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m..) (n fase prelmnare alla gara) 1. Premessa " presente documento denomnato "DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA, INFORMAZIONI SUI RISCHI SPECIFICI, MISURE DI PREVENZIONE E DI EMERGENZA ADOTTATE" è redatto a sens dell'art. 26 comma l.b e comma 3 del D.Lgs 81/08. In adempmento agl obblgh d cu all'art. 26 del D.Lgs 81/08 a carco del commttente, vengono rportate d seguto tutte le nformazon ed rferment att a documentare: la forntura, a soggett partecpant alla gara, d dettaglate nformazon su rsch specfc esstent nell'ambente n cu sono destnat ad operare e sulle msure d prevenzone e d emergenza adottate n relazone alla propra attvtà, l'attvtà d cooperazone e coordnamento degl ntervent d prevenzone e protezone da rsch e la forntura d nformazon necessare ad elmnare rsch dovut alle nterferenze tra lavor dell'azenda commttente e quell del soggetto partecpante alla gara. I contenut del presente documento potranno, n qualsas momento, essere ntegrat con le eventual ulteror prescrzon o procedure d scurezza ndvduate per elmnare o rdurre rsch da nterferenza determnat dalla presenza d altre mprese o lavorator autonom presso medesm luogh d lavoro oggetto dell'appalto. Dette procedure e prescrzon potranno essere contenute n uno o pù "Verbal d runon per l coordnamento e la cooperazone" (VCC) predspost n coordnamento con l'addetto al Servzo d Prevenzone e Protezone (ASPP) e sottoscrtt da tutt rappresentant delle mprese o lavorator autonom convolt partecpant alle ctate runon. Anche tutt Delegat d funzon del datore d lavoro dell'enav e del soggetto partecpante alla gara, qualora non present alle dette runon, dovranno frmare per "presa vsone e condvsone de contenut" relatv VCC, pena la nulltà degl stess VCC. 2. Informazon general 2.1. Dat dentfcatv del commttente _._---~..._-_..._..~ I! RAGIONE SOCIALE! ENAV S.p.A.,.. -~I lsede LEGALE Va Salara, Roma l! DATORE DI LAVORO (Ammnstratore Unco) IMassmo GARBINI I RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E I Domenco Petrucc I PROTEZIONE : I -'I Pagna 3 d 24

4 Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81;08 e s.m..) - (n fase prelmnare a/la gara) -_._"--".~_._-"..._ _ ". "_. _ _ _--".- _ _._.".-...._ _." "-." _---_._ _-"~ _-~ - _ _ _..._., -,.._ _..." _.,...,,--- - o, 3. Specfctà de luogh d lavoro - Centro smulazone e spermentazone - Va Agr 2/A 3.1. Dat dentfcatv della struttura ENAV S.pA - Centro d Smulazone e Spermentazone INDIRIZZO TELEFONO 2/a FAX A.S.L. DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO ASL RM/A Sede Ammnstratva Va Arosto, , Roma S.PRESAL. ASL RM/A Va Daro Nccodem, 105 Roma I.S.P.ES.L. Isttuto Superore Prevenzone e Scurezza del Lavoro Va Cesare de Lolls n. 6 ROMA 3.2. Prncpal fgure d rfermento DELEGATO DI FUNZIONI DEL DATORE DI MATACOTTI ADDETTO AL PROTEZIONE PREPOSTO MEDICO COMPETENTE ",,,,,,r,,,,,,,, PALATI ELLO RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA 3.3. Descrzone de luogh d lavoro oggetto dell'appalto Attualmente l Centro d Smulazone e Spermentazone è ubcato n un unco edfco sto n Roma, Va Agr,2/a. Edfco d Va Agr, 2/a: Pano nterrato (S-2): settore costtuto da un pano posto sotto l lvello del terreno comprendente l garage, la cabna elettrca, la centrale termca, l gruppo d raffreddamento, ambent d servzo e gruppo servz var (ascensore, cavedo, scala); Pano semnterrato (5-1): settore costtuto da un pano posto sotto l lvello del terreno, osptante le sale montor e dvers apparat del Centro d Smulazone e Spermentazone; Pano terra: comprendente la recepton, l'uffco protocollo, uffc del Centro d Smulazone e Spermentazone; Pagna 4 d 24

5 , Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m..) - {n fase prelmnare alla gara}._...~".....".,....,.,....._.,_ _. "_._,_. _._._.._.... _ _._._."'"_.._ Pano prmo/secondo/terzo: comprendente uffc del Centro d Smulazone e Spermentazone; Pano quarto: terrazzo e macchne condzonamento. I collegament vertcal sono garantt tramte un gruppo d tre ascensor, uno solo de qual sene anche l pano secondo nterrato. L'edfco è servto da un vano scala nterno che dal pano semnterrato arrva al pano terzo. Il terrazzo d copertura, accessble solo al personale ncarcato della manutenzone, è servto da una scala d servzo. Il pano secondo nterrato è raggungble, per le esgenze della manutenzone, anche medante scaletta esterna d servzo. Una scala esterna collega nvece tutt pan dell'edfco attestandos ad ogn pano al termne del corrdoo n corrspondenza delle uscte d emergenza, stuate n poszone opposta al vano scala nterno. I servz genc sono ubcat su ogn pano dove s svolgono attvtà lavoratve. L'mpanto d allarme antncendo serve tutt pan ad eccezone degl ambent attgu al terrazzo d copertura. Il condzonamento è garantto da apposto mpanto d adduzone ara prmara tramte fan-col e recupero medante sstema d condotte d aerazone attraverso bagn. Gl ambent operatv e le sale smulazone sono arrccht da sstem d trattamento ara ndpendent collegat alla stessa torre d raffreddamento, Centrale termca, cabna d trasformazone e locale grupp frgo sono raggungbl dall'area esterna al garage, allvello secondo nterrato. D seguto, per l sto Enav S.p.A. - Centro d Smulazone e Spermentazone appartenente all'untà produttva Sed d Roma, sono ndcate le tpologe de luogh d lavoro e le rspettve macro aree.,!! 1. garage r- LOC TEC--r-- --,,-,-';.""-".,-,----,-,--'',''...-,---.'' ",..,"" -,-, _, :----'-'-' lcabna elettrca I LOC TEC I r- '-- --' ' ,-,1 jsala GElA LOC TEC: 1 :--''''-'-'1...o.r.tral.:> termca LOC TEC l ---'-----, ,--."..--,---'-----''''-- l''----!gruppo d LOC TEC! l o c:: 1raffreddamento. l! (Il --,-,--",,--,,-,,----,---,--- "" '"-,,- 1"-----' '-'-'-- '- -"'-- I : Cabna ascensore. LOC TEC!!.-" ;-'-'-'---.,,""- _ --'--'-.._------'-1--" r ".8! SIM -! ~ Isale montor CENTR.: ~ TEL..~!Sal;~ppar;rt-- -,,,.., ~-T"--'-' fj), , c --''''--'--j-''''-'-- o SIM- c:: ISmulatore CENTR. I (Il I I :, TEL. I :'---.".,,--- r--- -~ ~ ,_ -~~-_ --'--- - " ~--f------'-i! o o~! E (/,)! ~~ I a. o IUffc UFFICI 0-0 I c:: c::.!! 8! a.(/,) Cf) --- ~_.,,'~~_ _-~-~~ _...,,-- " _-"'~_._, ~. ~_ _., ----_._. ----_.._.! Pagna 5 d 24

6 , Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m..) - (n fase prelmnare alla gara) 3.4. Descrzone attvtà oggetto dell'appalto Il presente documento s rfersce all'attvtà denomnata "Sala ntegrazone e testng" Presenza abtuale d altre mprese I l ORARIOPREVlSTQ NÙMEROADDETTI I AREE DI LAVORO Ecocleanng Tutto l sedme DITTA -_....,...,:,.._--_..._..~.. r NATUNA S.p.A Tutto l sedme r ,-.. S.e.r..t. S.r.l Tutto l sedme _.- 4. Informazon su rsch specfc In ottemperanza al dsposto del comma 1 lettera b dell'art. 26 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.., s rportano d seguto le nformazon su rsch specfc esstent negl ambent d lavoro n cu verranno svolte le specfche attvtà dell'impresa/lavoratore autonomo partecpante alla gara, con le connesse possbl sorgent d percolo e le relatve msure d prevenzone e protezone adottate da ENAV SpA, applcate da ENAVe applcate dal soggetto partecpante alla gara. S evdenza che lvell d rscho present sono compatbl con le attvtà lavoratve normalmente svolte (basso rscho) e che, laddove valutabl, valor d azone rsultano nferor a lmt d legge, con le eventual eccezon rportate nelle relatve schede. Per ragon d securty de st, le planmetre non vengono fornte e l'ubcazone e la presenza effettva de percol d seguto rportat saranno approfondt, secondo necesstà, n sede d prmo accesso al sto della Socetà esecutrce dell'ntervento n coordnamento con l preposto ENAV o, qualora non presente, con l personale all'uopo ncarcato (altro soggetto ENAV o Technosky, n partcolare per st non presdat). Fattore d rscho 4.1. Spaz d lavoro e strutture Sorgent d percolo Caratterstche degl spaz d lavoro con possbltà d scvola ment, ncamp, cadute su pavment, ostacol d vara natura (ad esempo torrette d almentazone elettrca negl uffc), rampe nclnate e scale (fsse e portatl); cadute dall'alto; llumnazone naturale, artfcale e d emergenza; superfc vetrate non d scurezza; possbltà d abbaglamento, rfless lumnos; ve d crcolazone, movmentazone, d esodo, porte, uscte e uscte d emergenza; segnaletca d scurezza; barrere archtettonche; spoglato e servz genc; stanze d rposo e forestera, con arred anness; manutenzone della struttura degl edfc; condzon genco-sa"tare de luogh d lavoro e d rposo. Possbltà d cadute d oggett d vara natura dall'alto, sa all'nterno che all'esterno degl edfc. Msure d prevenzone e protezone adottate Applcate da ENAV Manutenzone perodca degl spaz d lavoro e delle strutture, con applcazone d donee segnalazon e protezon sugl ostacol. Pagna 6 d 24

7 _... ~..._ Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d, emergenza adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m';.) - (n fase prelmnare alla gara) -..._...~.." ~."-_ _-...--_..... _.,.,, _..._._.- _... Applcate dal' Appaltatore Dveto d adbre, anche temporaneamente, un locale ad una lavorazone non conforme alle caratterstch e del locale stesso, n accordo con l preposto ENAV o, qualora non presente, con l personale all'uopo ncarcato (altro soggetto ENAV); Rspetto d tutta la segnaletca d scurezza. Fattore d rscho 4.2. Stoccaggo materal Sorgent d percolo Caratterstche struttural delle scaffalature; ntegrtà e resstenza de rpan e de montant e delle scaffalature nella loro nterezza; altezza max d stoccaggo; nstabltà. de rpan; deteroramento dell'ancoraggo a parete e/o solao e/o ad altra struttura stable non rbaltable. Msure d prevenzone e protezone adottate Applcate da ENAV Applcate dal' Appaltatore Stoccaggo de materal n scaffalature adeguatamente ancorate e perodcamente controllate, rspettando carch massm prevst e generalmente ndcat con apposta segnaletca. Dveto d stoccaggo temporaneo d materale ed attrezzature, senza un'adeguata delmtazone e segnalazone n scaffal d ENAV e senza un accordo con l preposto ENAV o, qualora non presente, con l personale all'uopo ncarcato (altro soggetto ENAV); Rspetto d tutta la segnaletca d scurezza. Fattore d rscho 4.3. Mcroclma e qualtà dell'ara Sorgent d percolo Possbltà d polverostà, d scarsa qualtà dell'ara (prolferazone d formazon mcrobche, fungh, batter od altro ne fltr, nelle condutture e n ogn altra stuazone), d presenza d acqua d condensa, d resdu de prodott utlzzat per le pulze degl ambent d lavoro, delle canalzzazone dell'ara e d ogn fltro. Temperatura de local. Msure d prevenzone e protezone adottate Applcate da ENAV Applcate dal' Appaltatore Manutenzone perodca degl mpant d condzonamento, d rscaldamento e d clmatzzazone, centralzzat e local. Verfca perodca de parametr ambental. - Dveto d aprre fnestre, ad esclusone d oggettve necesstà; - Dveto d utlzzo d strument generant polverostà, senza un'donea delmtazone e segnalazone dell'area n accordo con l preposto ENAV o, qualora non presente, con l personale all'uopo ncarcato (altro soggetto ENAV); - Rspetto d tutta la segnaletca d scurezza. Fattore d rscho 4.4. Rscho elettrco Sorgent d percolo Utlzzo mpropro d tutt gl mpant e le attrezzature d lavoro present almentate tramte corrente elettrca. A ttolo esemplfcatvo non esaustvo: cabna d trasformazone, gruppo elettrogeno, quadr elettrc, grupp d contnutà assoluta (UPS); attrezzature d vara natura (computer, stampant, fax, fotocopatrc, ecc.). Possbltà d Pagna 7 d 24

8 ",a..._,_..."... H _"..." _ _..._ _n_..._._... _..._. _ Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m).) - {n fa5e prelmnare... alla gara} a elettrocuzone (attraversamento del corpo da parte della corrente n caso d contatto tra. H corpo ed un elemento n tensone) per contatto dretto e/o ndretto, d ncendo/esplosone; ntenstà e durata della corrente che attraversa l'organsmo, tpologa d organ convolt nel percorso e condzon del soggetto. Possble presenza d acqua. Sstem d almentazone delle attrezzature elettrche, draulche e pneumatche; possbl condzon a rscho d folgorazone/ elettrocuzone; possbltà d scarche atmosferche. Msure d prevenzone e protezone adottate Applcate da ENAV Manutenzone e verfca perodca d tutt gl mpant elettrc, realzzat conform alla normatva vgente. Applcate dal' Appaltatore Rspetto d tutta la segnaletca d scurezza. Dveto d'ntervenre su mpant e/o component elettrc se non n accordo con l preposto ENAV o, qualora non presente, con l personale all'uopo ncarcato (altro soggetto ENAV); Dveto d effettuare collegament elettrc non conform, toccare prese o spne o lavorare con le man bagnate. Fattore d rscho 4.5. Impant d sollevamento Sorgent d percolo Sstem d almentazone delle attrezzature elettrche, draulche e pneumatche; condzon a rscho d folgorazone/elettrocuzone; requst degl mpant elettrc. Presenza d ascensor: L'edfco è dotato d n. 3 ascensor per trasporto persone e cose. Msure d prevenzone e protezone adottate Applcate da ENAV Manutenzone e verfca perodca d tutt gl mpant d sollevamento, realzzat conform alta normatva vgente. I Applcate dal' Appaltatore Rspetto d tutta la segnaletca d scurezza. Rspetto della portata e del numero max d persone. Dveto d'ntervenre, anche n caso d emergenza, se non adeguatamente format per l'ntervento su mpant d sollevamento e comunque n accordo con l preposto ENAV o, qualora non presente, con l personale all'uopo ncarcato (altro soggetto ENAV). IFattore d rscho 4.6. Radazon non onzzant Sorgent d percolo Tpologa degl apparat: central elettrche (quadr elettrc, trasformator, grupp elettrogen, UPS, ecc.), ecc.; strumentazon nformatche d varo genere ed apparat elettr c/elettronc n generale (computer, stampant, fotocopatrc, ecc.). Caratterstche degl mpant: potenza emessa o d apparato (massma, meda temporale), spettro d emssone (ELF, radofrequenza), etc; TIpo d'esposzone: temp e modaltà. Pagna 8 d 24

9 ~"'T_"'" ~._.,_.~.~"' " Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m..) (n fase prelmnare alla gara) ',," ~ _..., _._. _, "." _.. '_ _... o _., _ _.~,._ _,._ _ '.,.. Msure d prevenzone e protezone adottate Applcate da ENAV Adeguata segnaletca d scurezza. Msurazone del lvello d radazon non onzzant. Applcate dal' Appaltatore Rspetto d tutta la segnaletca d scurezza. Dveto d accesso alle aree crcostant l'apparato emttente NDB, esclus cas d oggettva necesstà e n accordo con l preposto ENAV o, qualora non presente, con l personale all'uopo ncarcato (altro soggetto ENAV): n tal cas, n funzone del modello d NDB, potrà essere necessaro dsattvare l'mpanto emttente. Fattore d rscho 4.7. Agent chmc Rscho basso per la scurezza ed rrlevante per la salute Sorgent d percolo lqud, gas, fum, polver, fbre, nebbe e aerosol dervant da prodott o compost chmc present sul luogo d lavoro. Percolostà ntrnseca de prodott utlzzat (tossctà, nocvtà, corrosone, ecc.); possbltà d nalazone, ngestone e/o contatto con la cute; modaltà d stoccaggo, d manpolazone e d'mpego; ncompatbltà tra prodott; quanttà d mpego; organzzazone del lavoro; fum da mpant fss; compost o prodott chmc present sul luogo d lavoro, come ad esempo negl arred e nelle battere de grupp d contnutà assoluta e n quelle d avvamento de grupp elettrogen oppure utlzzat per le operazon d pulza; n partcolare l pombo; Neutrte S7 (prodotto basco, n polvere, utlzzato n presenza d battere d accumulator al pombo per neutralzzare eventual fuoruscte d acd, n partcolare quello solforco); ozono; toner per stampant e fotocopatrc; colle; correttor lqud (banchett). Msure d prevenzone e protezone adottate Applcate da ENAV Applcate dal' Appaltatore Adeguata segnaletca d scurezza. Idonea aerazone de local; Schede d scurezza per tutt prodott chmc eventualmente. utlzzat. Rspetto d tutta la segnaletca d scurezza. Utlzzare esclusvamente prodott chmc dotat d scheda d scurezza dsponble sul luogo d lavoro. Fattore d rscho 4.8. Rscho ncendo Rscho medo Sorgent d percolo Msure d prevenzone e protezone adottate Caratterstche e tpologa dell'attvtà e degl ambent d lavoro (caratterstche e dmensonamento delle ve d esodo e delle uscte d emergenza); Presenza d materal combustbl e/o nfammabl (gas nfammabl, carta e materal da mballaggo, nebbe, aerosol, esalazon da battere anche se ermetche, ecc.); sorgent d nnesco (mpant elettrc; presenza d famme e scntlle, lavorazon a caldo, ecc.). Applcate da ENAV Dspostv antncendo (fss e portatl) nstallat e perodcamente controllat e verfcat. Adeguata segnaletca d scurezza e squadra d addett alla Pagna 9 d 24

10 Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m..) - (n fase prelmnare alla gara) \.H...,..."._.,_<... _,..."_...,_ _.a...,,,...,...,... "... "..._"... "...,... _._..._._._... _...H"_... ' ~.".._"'"'._"_,,_._., gestone delle emergenze. I Applcate dal' Appaltatore Rspetto d tutta la segnaletca d scurezza. Dveto d spostare presd antncendo. Dveto d fumare e utlzzare famme lbere. Dveto d esegure lavorazon a caldo, non autorzzate dal preposto ENAV o, qualora non presente, dal personale all'uopo ncarcato (altro soggetto ENAV). (es. saldature). Mantenere tutte le aree d lavorazone pulte, rmuovendo, al termne d ogn gornata, gl scart d lavorazone prodott. Dveto d ntrodurre ed usare bombole d gas G.P.L. o metano Fattor d rscho present ne local del sto D seguto s rporta, per ogn area e locale del sto n oggetto, la presenza o meno de rsch specfc descrtt ne precedent paragraf da 1 a 8 del presente captolo. n. Fattore d rscho 1 d lavoro e strutture Ka4JI3ZIOn non onzzant Rscho ncendo Fattor d rscho present SITI Luogh d lavoro :8= Uffc X X X X X X X X!Il l - È c.. 't Corrdo X X X X X X X X ~.[ Aree Esterne Parcheggo e ve d crcolazone nterne X X X X X X X Pagna 10 d 24

11 ~ Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d, emergenza adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m..) (n fase prelmnare alla gara) -.-,.._.._...._.._._....._---_..._--_..~--_..~. _..._..._._ ,-,.,_._ _ _ _.. _..--_._".._---.. _... _~-..._--~_.-..._... _----_.. -'.. '....,..._."'~ Informazon su rsch specfc da nterferenza present ne luogh Qualora sgnfcatvo per la gestone de rsch, specfcare percors per raggungere la poszone d lavoro dall'ngresso della struttura: Non sgnfcatvo Tpologa d lavoro svolta nelle zone oggetto de lavor appaltat: Parcheggo. Area uffc (denomnata UFFICI): attvtà d uffco Presenza d addett del commttente nella zona de lavor, e/o lungo percors per accederv e relatv orar per turn d lavoro, presenza d terz e/o vstator: o no; no; o s, ma senza nterferenza con le attvtà d contratto: prendere accord con responsable del reparto; O s, con nterferenza con le attvtà d contratto: uffc h ; TWR h o lavorator dpendent del commttente che collaborano con la dtta appaltatrce/lavoratore autonomo; presenza d terz e/o vstator; O altro:... Dsponbltà d servz genc, mensa, spoglato per la dtta appaltatrce/lavoratore autonomo: servz genc, ubcazone: servz genc, ubcazone: spoglato: 0 NO; O SI mensa: 0 NO; O SI Pronto soccorso Sono dsponbìl cassette d pronto soccorso ubcate ne seguent luogh: -"0< l'.'...",., ".-..._.... Nr. 1 cassetta d pronto soccorso I Nr. 1 cassetta d pronto soccorso : Nr. 1 cassetta d pronto soccorso ~ c._...._...". I. Nr. 1 cassetta d pronto soccorso : Terzo ; Nr. 1 cassetta d pronto soccorso Attrezzature d lavoro d propretà del commttente messe a dsposzone della dtta appaltatrce/ lavoratore autonomo ed ndcazone dell'eventualtà d uso promscuo: Nessuna Attrezzature d lavoro d propretà della dtta appaltatrce/lavoratore autonomo ed ndcazone dell'eventualtà d uso promscuo: VEDERE ALLEGATO "C.4" Pagna 11 d 24

12 Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m..) (n fase prelmnare alla gara), "".,," _...".... Elenco sostanze chmche utlzzate dalla dtta appaltatrce/lavoratore autonomo e relatve schede d scurezza VEDERE ALLEGATO IIC.5/1 Local o aree d propretà del commttente messe a dsposzone della dtta appaltatrce/lavoratore autonomo ed ndcazone dell'eventualtà d uso promscuo: Nessuno Impant/macchne percolos d propretà del commttente che devono restare n funzone durante lavor affdat, n prossmtà degl stess: Nessuno Luogh presso qual è data la possbltà d organzzare un deposto de materal della dtta affdatara: Nessuno Informazon sugl mpant a rete e almentazone elettrca: Gl mpant n argomento costtuscono oggetto del contratto, per cu tutte le necessare nformazon sono I state gà fornte.. Pagna 12 d 24

13 " Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d adottate 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m..) - {n fase prelmnare alla gara} 5. Comportamento da adottare n caso d emergenza In ottemperanza al dsposto del comma 1 lettera b dell'art. 26 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.., s rportano d seguto le msure d emergenza adottate n relazone alla attvtà svolta: 5.1. Procedure general d emergenza del sto stuazone d emergenza chamare mmedatamente almeno uno de seguent numer: Responsable Pano emergenza (RPE) (06/ ) Vce Responsable Pano emergenza (VRPE) (06/ ) Addetto alle comuncazon (Vglanza) (06/ ) Per tutto l personale: - Evtare la manomssone degl mpant antncendo e degl altr dspostv d scurezza (punta a sens dell'art. 451 C.P.) Evtare l'ngombro degl spaz antstant gl estntor, gl drant e le uscte d emergenza - Consultare le apposte planmetre a fn della gestone dell'emergenze - Evtare d prendere nzatve personal n caso d emergenza Comuncare mmedatamente qualsas stuazone e/o comportamento nscur, ovunque ess s presentno, ad un Responsable In caso d evacuazone: Segure attentamente tutte le struzon fornte dagl addett alle emergenze - Evtare comportament che possano generare stuazon d panco (urla, corsa sregolata, spnton, etc) e mantenere la calma; Evtare,'utlzzo d ascensor o montacarch- usare esclusvamente le scale - Percorrere le ve d esodo senza correre fno al punto d raccolta esterno - Evtare assolutamente d tornare ndetro al fne d non ntralcare l'esodo Evtare d portare con se oggett ngombrant - AI punto d raccolta unrs al gruppo per verfcare l'eventuale assenza d personale - Segnalare al personale addetto alle emergenze la presenza d persone n dffcoltà In caso d ncendo: - Evtare assolutamente d recars sul luogo dell'emergenza. - Evtare l'utlzzo d ascensor o montacarch - usare esclusvamente le scale _ In caso d presenza d molto fumo svluppato dall'ncendo è opportuno cammnare bass e coprrs la bocca con un fazzoletto, possblmente bagnato Nel caso d ndsponbltà delle uscte d emergenza, è opportuno rfugars nel locale rtenuto pù doneo, chudendo la porta, aprendo la fnestra e manfestando la propra presenza all'esterno Pagna 13 d 24

14 ""_ _... _, ~...,. _ _,.~ _.._. _"._ ".,<... _*".* _._ _.,_ _, "' H. _..._. '.,,,."_, Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 h) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m..) - (n fase prelmnare alla gara) 5.2. Procedure specfche d emergenza per Soggett Terz Stato d emergenza Comuncazon Norme comportamental ):> Se s awerte una stuazone d percolo (fumo, odore d brucato, ecc), chamare mmedatamente l Responsable del Pano d Emergenza (RPE) o l Vce Responsable del Pano d Emergenza (VRPE) o l'addetto alle comuncazon Evento Telefono o la vglanza. ):> Allontanars dal luogo dell'evento ):> Mantenere la calma e asteners da nzatve personal ):> Atteners alle dsposzon che vengono mpartte dalle persone ncarcate d gestre l'emergenza (ndvduabl tramte gubbett ad alta vsbltà d colore gallo o arancone). Allarme ):> Abbandonare l posto d lavoro seguendo le ndcazon de percors d'esodo ):> Atteners alle dsposzon che vengono mpartte dalle Allarme acustco persone ncarcate d gestre l'emergenza e/o ):> non correre (n partcolar modo lungo le scale) o tentare lumnoso convenuto d sopravanzare ch sta attuando l'esodo; ):> non awcnars alla zona n cu s è verfcata l'emergenza, ):> non portare effett personal pesant elo volumnos ):> Raggungere l punto d raccolta convenuto ):> Rprendere le normal attvtà lavoratve segnalando Cessato allarme A voce eventual anomale oppure s attengono a dverse ndcazon loro mpartte dal personale preposto Pagna 14 d 24

15 Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d,.. m...:.(/'je..c~~r:z~.~cj9.ttc:t~(/j.~~: ~!:. c~.'?le~!:.~~~s.~yq~:~: (/'J. L=H'!!f!5e.e~et.;'11JflCl'.~.Cl~/r:lf!.',!!..al..._ Valutazone de rsch da nterferenze la sgnfcatvtà de rsch da nterferenze (R) è valutata secondo la formula: R=MxP R M da Interferenza Gravtà del rscho ntrodotto da uno o pù soggett convolt nella nterferenza e/o nella sovrapposzone Probabltà che s verfch una nterferenza e/o sovrapposzone tra uno o pù soggett Gl ndc sono quantfcat utlzzando crter descrtt nelle seguent tabelle: Un'mpresa o un sngolo lavoratore autonomo utlzzano uncamente manuale operando a lvello del pano d calpesto. Un'mpresa o un sngolo lavoratore autonomo utlzzano uncamente utenslera manuale operando n quota (modeste opere provvsonal, tra battell, scale a pol, ecc.). Un'mpresa o un sngolo lavoratore autonomo ntroducono rsch tal da obblgare terz a utlzzare OPI. Un'mpresa o un sngolo lavoratore autonomo ntroducono rsch tal da obblgare terz a predsporre msure d protezone collettva. Le lavorazon s svolgono n un'area confnata o transennata dove opera una sola mpresa o un sngolo lavoratore autonomo. In quell'area non sono prevste altre attvtà oltre a quelle n corso. Poco probable Un'unca mpresa o un sngolo lavoratore autonomo sta lavorando n una propra area osservando una dstanza d scurezza da un'altra area occupata da terz. Pù mprese o lavorator autonom devono ntervenre sequenzalmente (qund n temp dvers) nella stessa area per portare a termne un'opera nel suo complesso. Pù mprese o lavorator autonom operano nella stessa area per portare a termne un'opera nel suo complesso. Pagna 15 d 24

16 ", Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d pm,propn2'o adottate (Art 26 c,le 3 81;08 e s.m..) - (n fase prelmnare alla gara) ~--.---_..," la sgnfcatvtà del rscho da nterferenza R dovrà essere classfcata: Rsch potenzal suffcentemente sotto controllo. Possbl azon mgloratve da utare n fase d programmazone Verfcare che rsch potenzal sano sotto controllo. Promuovere azon mgloratve e/o correttve da programmare nel tempo. Effettuare mglorament su M o su P. Promuovere azon mgloratve e/o correttve da programmare nel medo termne n funzone della durata delle attvtà. Effettuare mglorament mmedat su M o su P. Promuovere azon correttve mmedate. Analzzando le attvtà da espletare, s consderano un ndce d gravtà del rscho par a 1 (leve) e un ndce d probabltà d nterferenza par a 2 (poco probable) che, rportat nella matrce d rscho, rlevano un valore d R par a 2 (trascurable). Poco probable Pagna 16 d 24

17 Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.Lgs. 81/08 e s.m..) (n fase prelmnare alla gara) \. ". _ _....._""._. H'.«,.._ _._. ' _.,," "_"'_" H.._.. _H W""_.,,. ~ _~ _~ "~,,._~ 6.1. Anals delle msure per l'elmnazone o rduzone de rsch da nterferenze I! Attvtà Valutazone rsch nterferenze Possbl nterferenze Evento Idanno Msure d prevenzone e protezone adottate da ENAV S.p.A. Crcolazone e - Presenza d Impatt tra Presso le sed ENAV SpA: manovre con altr vecol n automezz, - procedere nelle aree esterne a passo automezz nelle aree crcolazone e nvestment, urt d'uomo seguendo la segnaletca esterne manovra; presente; - presenza d - Impegnare le aree d carco e scarco pedon merc solo quando queste non sono utlzzate da altr soggett; - In caso d manovre n retromarca o quando la manovra rsult partcolarmente dffcle (spaz rdott, scarsa vsbltà, ecc.), fars coaduvare da un collega a terra; - In mancanza d sstema d segnalazone acustca d retromarca (ccalno) sul mezzo, preawsare la manovra utlzzando l clacson; - non ngombrare le ve d fuga con materal, attrezzature, vecol. Spostament a ped - Presenza d Investment, urt, Nelle aree esterne d pertnenza: all'esterno e vecol n caduta materal, - cammnare su marcaped o lungo all'nterno crcolazone e schaccamento percors pedonal ndcat medante dell'edfco manovra; segnaletca orzzontale, ove present e - presenza d comunque lungo l margne delle ve personale che carrabl; movmenta - non sostare detro gl automezz n carch sosta e manovra. ngombrant All'nterno: - non utlzzare montacarch contemporaneamente ad altr soggett quando quest trasportano materal ngombrant; - non sostare nelle aree d deposto materal. Carco /scarco - Presenza d Investment, urt, Presso le sed ENAV SpA: materal e vecol n caduta materal, - parcheggare l mezzo n modo da attrezzature crcolazone e schacca mento rdurre al mnmo l'ngombro della va manovra; d transto vecolare; - presenza d - durante tutta la fase d carco/scarco personale n azonare segnal vsv d sosta del transto o che mezzo (quattro frecce); svolge la - prma d procedere allo scarco/carco propra merc dal mezzo verfcare che questo attvtà sa stato asscurato contro sposta ment ntempestv (motore spento e freno a mano e marca nsert); - non ngombrare le ve d fuga con materal, attrezzature, vecol. Attvtà alfnterno - Presenza d Urt a persone o - In caso d rtro d apparecchature non. degl uffc, rtro altro cose, funzonant, asscurars che le stesse I materal e personale elettrocuzone, sano scollegate dall'mpanto elettrco Pagna 17 d 24

18 Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure dì prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81/08 e s.m..) - (In fase prelmnare alla gara) attrezzature sollevamento d prma d effettuare movmentazon; polvere - concordare sempre con l referente Attvtà manutentve d mpant o apparat Uso, manpolazone e stoccaggo d prodott chmc I Utlzzo d attrezzature d lavoro (elettrche e non) portatl e fss I - Presenza d altro personale - Presenza d altro personale - Presenza d altro personale Urt a persone o cose, elettrocuzone, sollevamento d polvere, ncampo, caduta d oggett dall'alto, rumore Esposzone ad agent chmc, ntosscazone, awelenamento, nalazone d sostanze percolose. colp, punture, tagl e abrason dovut alla proezone d schegge/materal. Elettrocuzone, rumore. locale le modaltà d effettuazone delle attvtà - Effettuare le lavorazon possblmente nelle aree o local destnat a tal attvtà o assegnate all'mpresa a tale scopo; ove cò non fosse possble, segregare l'area con transenne e/o altro tpo d protezon, n relazone alla natura delle attvtà; - concordare sempre con l referente locale le modaltà d effettuazone delle attvtà - In assenza d local adbt ad uso deposto o magazzno appostamente attrezzat, prodott chmc o dervat che dovranno essere utlzzat saranno conservat n appost contentor, adeguatamente etchettat e n armadett chus a chave e solo nella quanttà necessara per l'utlzzo a breve termne; - non mescolare prodott tra d loro; - maneggare sempre prodott evtando d produrre schzz; - le operazon con prodott chmc devono essere effettuate n aree ben ventlate; - consegnare al preposto d ENAV SpA tutte le schede d scurezza de prodott utlzzat. - le attrezzature devono essere correttamente mantenute; - effettuare sempre operazon d manutenzone e pulza a macchna spenta; - prma dell'uso, controllare tutte le attrezzature, al fne d constatarne lo stato d manutenzone, ed n partcolare controllare: poszona mento e serraggo de dspostv d protezone fss; poszonamento e funzonamento de dspostv d protezone mobl; condzon delle punte, delle lame o de dsch; ntegrtà de cav d almentazone e delle spne; funzonamento corretto del pulsante d azonamento e d'arresto; assenza d dfett; che la tensone d rete sa quella d almentazone rportata sulla targhetta dell'utensle; che cav d almentazone sano dspost n modo da non poter subre danneggament (tagl, abrason, contatt con solvent...) e che non ntralcno l I Pagna 18 d 24

19 Documento Unco d Valutazone de Rsch do Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d etl1~!2.:~z.a ade/trote (Art. 26 c. 1~) e.~p:l'f!s. ~~!9~~~ "! ) ~~~n t"-s.:j'..~!~"!~il.'!!..e!l3jja garal. \ Lavorazon a caldo Lavorazon n altezza (con uso d trabattell, pontegg mobl, scale,pont su cavallett,pattaforme aeree...) o n copertura. - Presenza d altro personale - Presenza d altro personale caduta materal o utensl dall'alto; caduta persone dall'alto passaggo d altr lavorator - non utlzzare utensl dfettos o usurat; - delmtare o, qualora necessaro, transennare l'area d lavoro, segnalando l rscho; - non ndrzzare l getto d materale eroso verso altre persone o cose; - mantenere la dstanza d scurezza dalle aree n cu sono n esecuzone altr lavor. - Per lmtare l rumore prodotto è necessaro: - prvlegare process lavoratv e le attrezzature meno rumoros; - allontanare/separare quanto pù possble le sorgent rumorose dagl altr lavorator; - segnalare le zone caratterzzate da elevat lvell d rumorostà. - All'nterno degl ambent ENAV, ntern ed estern, sono ammesse solo pccole operazon/lavorazon a caldo (es. saldatura), solo se preventva m ente autorzzate dal preposto ENAV o, qualora non presente, dal personale all'uopo ncarcato (altro soggetto ENAV); - Durante le operazon d saldatura è necessaro predsporre donee schermature per mpedre che altr - lavorator n transto possano subre dann alla vsta; Dveto d passaggo nelle aree prossme alla lavorazone n quota eseguta con trabattell, pontegg mobl, scale, pont su cavallett,pattaforme aeree, ecc...; - delmtare dette aree con nastr colorat e, qualora necessaro, con barrere fsse; - rspetto totale d tutta la normatva n relazone al rscho specfco; - asscurars della stabltà dell'attrezzatura e che l suo appoggo sa pano; - dveto d permanenza contemporanea d pù lavorator su una scala; - utlzzare scale a norma, dotate d dspostv antscvolo, dando l gusto angolo d nclnazone (l pede deve essere uguale a crca un quarto della lunghezza della scala); - dveto d spostare pont quando su d ess s trovano lavorator o sovraccarch; - utlzzare pont esclusvamente per Pagna 19 d 24

20 ~ Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 e 3 81;08 e s.m..) - (n fase prelmnare alla gara) I I l'altezza per cu sono costrut, senza aggunte d sovrastrutture; - rspettare lmt d portata; - nelle fas d montaggo/smontaggo, utlzzare obblgatoramente: mbracature d scurezza con dspostvo d trattenuta contro le cadute nel vuoto, guant antscvolo, elmetto protettvo Indvduazone delle msure per l'elmnazone o rduzone de rsch da nterferenze e relatva stma de cost VEDERE ALLEGATO ln' Pagna 20 d 24

21 .. Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81;08 e s.m..} -(nfase prelmnare al/a gara)._ _ ",_ _ _ _, _...._. - - _. - 0' _... _ _ _ _._"~._. ~ 7. Programma d cooperazone e coordnamento L'espletamento degl obblgh d cooperazone e coordnamento degl ntervent d prevenzone (art. 26 comm 2 e 3 del D. Lgs. 81/08 e s.m..), vene attuata con seguent provvedment: al Attuazone mmedata delle msure d prevenzone/protezone e d emergenza rportate nel presente documento; b) Attuazone mmedata del flusso d nformazon specfche medante l presente documento; cl Recproca nformazone con Responsabl d altre Dtte eventualmente operant nella stessa zona d lavoro per elmnare rsch dovut ad nterferenze tra rspettv lavor; d} Perodche runon d cooperazone e coordnamento da verbalzzare con appost document, denomnat VCC; e} Il soggetto partecpante alla gara deve dare mmedata nformazone al commttente d ogn stuazone d rscho anche dpendente dal commttente stesso o da altre dtte present, della quale venga a conoscenza durante la propra attvtà. Queste nformazon devono essere date a prepost, o alla persona referente per l presente appalto/lavoro. f} Ulteror osservazon: Il soggetto partecpante alla gara, anche per conto degl eventual subappaltatorjflavorator autonom, ha l'obblgo, preventva mente all'avvo dell'attvtà, d: fornre l'elenco del personale che accederà/sarà mpegnato presso l sto, qualora non sa gà stato consegnato ad altro uffco d ENAV SpA, nel formato rchesto; - attuare la formazone ed nformazone al propro personale che accederà presso st d ENAV SpA n merto alle msure d prevenzone e controllo general e specfche contenute nella documentazone rcevuta da ENAV SpA ed a quanto rchamato ne verbal delle runon d coordnamento della scurezza ex art. 26 D.Lgs 81/08 e s.m.. comma 2, dandone formale rscontro; dotare l propro personale d tesserno d rconoscmento corredata d fotografa, contenente le generaltà del lavoratore e l'ndcazone del datore d lavoro; - fornre l'elenco aggornato d tutte le attrezzature d lavoro e prodott/preparat chmc utlzzat, comprensv d tutte le relatve schede d scurezza. Pagna 21 d 24

22 Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art 26 c. 1 b) e 3 D.Lgs. 81;08 e s.m..) - (n fase prelmnare alla gara) 8. Msure d prevenzone e protezone general. Tutt lavorator del soggetto partecpante alla gara che operano nelle aree ndvduate nel presente documento sono tenut al rspetto d tutte le msure d prevenzone e protezone adottate da ENAV S.p.A. ed applcate dal soggetto partecpante alla gara nonché al rspetto delle seguent msure general d prevenzone e protezone. 1. Prma d accedere alle aree nteressate dall'ntervento, concordare con l referente locale le modaltà d effettuazone delle attvtà (preposto ENAV o, qualora non presente, con l personale all'uopo Incarcato (altro soggetto ENAV) effettuando, secondo necesstà, un sopralluogo per una mglore defnzone de percol present sul sto e rportat nel documento art. 26 D.L.gs. 81/08 e s.m.. (c. 1 lett. be 3). 2. Esporre la tessera d rconoscmento corredata d fotografa contenente le generaltà del lavoratore e l'ndcazone del datore d lavoro per tutto l tempo d permanenza nell'azenda (art. 26, com. 8, D.Lgs. 81/08 e s.m..). 3. Localzzare percors d'esodo, le uscte d emergenza ed punt d raccolta. Rspettare le procedure prevste dal commttente n caso d emergenza e d evacuazone. 4. Indossare Dspostv d Protezone Indvduale ove prescrtt. 5. Non ngombrare le ve e uscte d emergenza con materal e attrezzature. 6. Non occultare presd e la segnaletca d scurezza con materal e attrezzature. 7. Evtare l'uso d cuffe o aurcolar per l'ascolto della musca durante l'attvtà perché potrebbero mpedre la corretta percezone de segnal acustc d allarme n caso d emergenza (allarme ncendo, allarme evacuazone, ccaln de mezz e delle macchne, ecc.). Pagna 22 d 24

23 Documento Unco d Valutazone de Rsch do Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d ~~:.'2..e!!!o.~~~!tc:1t~l~rt. 2~ c,~..b!!~p.~l.gs:.~~tp.b e s.m.:l:~'!l!'.~!!!..':!i'!!.~'!.are ~J!l!.!l!I'l!l Approvazone e formalzzazone Il soggetto partecpante alla gara dchara d essere a conoscenza del contenuto del presente Documento a sens del D.l.gs. 81/08 e s.m.. e d accettarlo ntegralmente, dvenendone responsable per l'attuazone della parte d competenza. Il Delegato d Funzon ENAV e l soggetto partecpante alla gara accettano d rspettare Il presente documento e s mpegnano a cooperare all'attuazone delle msure d prevenzone e protezone da rsch sullavo.ro cos1 come stablte nel presente documento, a coordnare gl ntervent d protezone e prevenzone da rsch cu sono espost lavorator, Informandos recprocamente e ad adeguare l documento n funzone dell'evoluzone de lavor, tramte le ctate apposte runon d cooperazone e coordnamento da verbalzzare con appost document, denomnat vee. npresente documento, con I relatv VCC tempo per tempo ntercorrentl,costtulrè parte ntegrante della documentazone relatva al contratto d appalto seguente alla cara n essere. ENAV S.p.A. ASPP "Sed d ROMA" ENAV S.p.A.~ Sed d ROMA Delegato d Funzon Ing. Umberto MATACOTTI -.'./f<,aj;:-~~' ~' Pagna 23 d 24

24 Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenze, nformazon su rsch specfc, msure d prevenzone e d emergenza adottate (Art. 26 c. 1 b) e 3 D.L.gs. 81;08 e s.m..) - (n fase prelmnare alla gara) 'H'"""'._ ".,.,_..._._ _..~._~_.....".._. _.._....,._._._.._._...._....,.. ~ 0.0 _"' "'... _"...._._,._..... _.,_ ALLEGATO A - Indvduazone delle msure per l'elmnazone o rduzone de rsch da nterferenze e relatva stma de cost L'elmnazone o la rduzone de rsch da nterferenze è ottenuta con la sola applcazone delle msure organzzatve ed operatve ndvduate nel presente documento. Pertanto non s rawedono partcolar esgenze d mpego d apprestament per l'elmnazone de rsch da nterferenza oltre quell eventualmente gà dsponbl, d propretà ENAV, su sngol st. Conseguentemente l costo rsulta par a ZERO. Eventual ulteror oner conness a msure d tutela da rsch d'nterferenza che venssero ndvduate successvamente, n fase d nzo de lavor o n corso d'opera, saranno a carco della Stazone Appaltante. Pagna 24 d 24

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart Kt d conversone gas CELSIUS/Hydrosmart IT (04.06) SM Indce 2 Indcazon per la scurezza 3 Legenda de smbol 3 1 Regolazone del gas - Celsus/Hydrosmart 4 1.1 Trasformazone gas 4 1.2 Impostazon d fabbrca 4

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

Distributore di comando della motrice. Istruzione di controllo. Informazioni sulla sicurezza 1/5. con pedale / 3 Interruttori 1/2

Distributore di comando della motrice. Istruzione di controllo. Informazioni sulla sicurezza 1/5. con pedale / 3 Interruttori 1/2 Dstrbutore d comando della motrce con pedale / 3 Interruttor Istruzone d controllo Prma d nzare l controllo s raccomanda d leggere attentamente le nformazon d scurezza. Informazon sulla scurezza Il controllo

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato I COMUNE DI VAIANO Provnca d Prato DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI d local Appalto del Servzo pulza e sanfcazone ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio 2 Servz Urbanstca > Panfcazone Generale Pano Regolatore Generale, Strutturale e Operatvo Programma d Fabbrcazone Regolamento Edlzo > Panfcazone Settorale Pano Paesaggstco Pano Infrastrutturale Pano del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari Rlevatore d fumo rado fumonc 3 rado net Infomazon per locatar e propretar Congratulazon! Nella vostra abtazone sono stat nstallat rlevator d fumo ntellgent fumonc 3 rado net. In questo modo l locatore

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo Appendce B (nformatva) Esemp d documentazone tecnca completa sottoposta ad accertamento documentale con esto postvo B.1 Generaltà La presente appendce fornsce alcun esemp d documentazone tecnca, relatv

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

impianti di prima pioggia

impianti di prima pioggia SHUNT ITALIANA TECHNOLOGY S.r.l. dvsone depurazone acque mpant d prma pogga un futuro per l acqua... 0867 CAPONAGO (MB) - Va G. Galle, - Tel. 0.95.96.6 - Fax 0.95.74..54 - dvacque@shunt.t - www.shunt.t

Dettagli

Lista delle spese oneri accessori riscaldamento dal 01-01-2013 al 31-12-2013 Roma - Via di S. Costanza13

Lista delle spese oneri accessori riscaldamento dal 01-01-2013 al 31-12-2013 Roma - Via di S. Costanza13 Lsta delle spese oner accessor rscaldamento 01-01-2013 al 31-12-2013 Roma - Va d S. Costanza13 Forntore Fatture Descrzone Imputazone Rf. Rpartzone Imp. Rpartto TELECOM ITALIA SPA N. 8W01014038 del 06-12-2012

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Relazone Verfca d effcaca d un Sstema d Gestone d Scurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Gl nfortun sul lavoro e le malatte professonal sono ad ogg uno de prncpal problem che afflggono l Itala e

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE COMUNE DI SEREGNO PROVINCIA DI MONZA BRIANZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE ATTIVITÀ NORMATA (D.M. 18.03.1996

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

Invio fascicolo di Bilancio

Invio fascicolo di Bilancio HELP DESK Nota Salvatempo 0052 TUTTOBILANCIO Invo fasccolo d Blanco Quando serve D seguto sono elencat passagg da segure per predsporre, frmare e scarcare una pratca d Blanco (Modello B) per la presentazone

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

La gestione della sicurezza nei cantieri edili: novità e criticità introdotte dal Titolo IV del Decreto Legislativo n. 81/2008

La gestione della sicurezza nei cantieri edili: novità e criticità introdotte dal Titolo IV del Decreto Legislativo n. 81/2008 REGONE SCLA REGONE LAZO REGONE PEMONTE CONVEGNO NAZONALE SCUREZZA NE CONTRATT PUBBLC Problematiche e prospettive applicative Gestione della sicurezza nei lavori pubblici Palermo - 28 ottobre 2008 Palazzo

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

8.2 CORSO DI FORMAZIONE

8.2 CORSO DI FORMAZIONE SRVeSS Sstema d Rfermento Veneto per la Scurezza nelle Scuole La runone perodca 8.2 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 LA RIUNIONE PERIODICA DI SICUREZZA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) SERVIZIO DI MANUTENZIONE HARDWARE E SOFTWARE DEL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I.

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO Azlendll... USl9 Grosseto AZENDA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109-58100 GROSSETO - Tel. 0564/485111-485551 - C. Fsc. P. va 00315940536 DELBERAZONE DEL DRETTORE GENERALE DOT. DANELE TEST 290 ~ DEL 2 9

Dettagli

TECNICA DELLA SICUREZZA ELETTRICA

TECNICA DELLA SICUREZZA ELETTRICA UNVERST DEGL STUD D PLERMO FCOLT D NGEGNER DSPENS DEL CORSO D TECNC DELL SCUREZZ ELETTRC (ntegratva del lbro d testo) Prof. Stefano Mangone RFERMENT LEGSLTV E NORMTV 1.1 RFERMENT LEGSLTV Legge 1/3/68 n.

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica COMUNE DI CAFASSE Servzo Edlza/Urbanstca PERMESSO DI COSTRUIRE N. DEL INTESTATARIO: METODO OPERATIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE a sens degl artt. 6 e 10 della L.R. 28/01/1977 n. 10;

Dettagli

Soluzione esercizio Mountbatten

Soluzione esercizio Mountbatten Soluzone eserczo Mountbatten I dat fornt nel testo fanno desumere che la Mountbatten utlzz un sstema d Actvty Based Costng. 1. Calcolo del costo peno ndustrale de tre prodott Per calcolare l costo peno

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

AZIENDA PROFILO AZIENDALE. UFFICIO TECNICO ED UNITÀ PRODUTTIVE.

AZIENDA PROFILO AZIENDALE. UFFICIO TECNICO ED UNITÀ PRODUTTIVE. AZIENDA PROFILO AZIENDALE. 3S Saldature Specal Segrate Srl vene costtuta nel 1970. Sn dalle sue orgn, la Socetà s dedca alla progettazone e produzone d component ed apparecchature che trovano larga applcazone

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai ScI1%i dewarticolo 26. decreto legislativo 9 aprijc 2008. q,81

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai ScI1%i dewarticolo 26. decreto legislativo 9 aprijc 2008. q,81 Ù7VR TRSIT4 DEGLI STUDI DI CA TA twa Allegato 3.ARL4..DELLA PREVENZONE E DEL.LA SICUREZZA L:ftìbwTecnìcn Lhovtot Documento unco d valutazone de rsch nterferent (a ScI1% dewartcolo 26. decreto legslatvo

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO PANNELLO IN LECAMIX (REI 120 spessore 8 cm)

RESISTENZA AL FUOCO PANNELLO IN LECAMIX (REI 120 spessore 8 cm) SpA con sede Legale e Ammnstratva Solgnano (PR) - 43045 Rubbano d Fornovo va Vttoro Veneto, 30 Tel. 0525 4198 - Fax 0525 419988 Part. VA e Cod. Fsc. 02193140346 Captale Socale euro 25.000.000,00 nt.vers.

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE, L UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DEL REGOLATORE GENIUS POWER SIN VERSIONE PRELIMINARE

MANUALE DI ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE, L UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DEL REGOLATORE GENIUS POWER SIN VERSIONE PRELIMINARE MANUALE D STRUZON PER L NSTALLAZONE, L UTLZZO E LA MANUTENZONE DEL REGOLATORE GENUS POWER SN VERSONE PRELMNARE CONDZON D GARANZA L appareccho è garantto per 24 mes dalla data d acqusto contro dfett d fabbrcazone

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI RECUPERO INERTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA COSTRUZIONI E DEMOLIZIONI IN LOCALITA VAL DI MERSE D C B A EMISSIONE ITALCAVE s.r.l.

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 Art.1 OGGETTO L'appalto ha per oggetto la forntura d n. 2 autocarr massa q.l 35 cascuno completo

Dettagli

PROGETTO SCUOLA POPOLARE

PROGETTO SCUOLA POPOLARE SPIN TIME LABS & ICBIE Europa Onlus PROGETTO SCUOLA POPOLARE 1 P a g e 1. Introduzone 2. Obettv e fnaltà 3. I tutor del progetto 4. Modulo I. Sostegno scolastco. 5. Modulo II.- Corso d lngua talana 6.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale AMPLIFICAZIONI manuale AMPLIFICAZIONI ATTENZIONE! rferment del manuale Possono essere provocate stuazon potenzalmente percolose che possono arrecare leson personal. Possono essere provocate stuazon potenzalmente

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c.

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c. Srl Proflo della Socetà 2008 ago-08 1 Vson e msson d La vsone della nostra Azenda: Dventare l Azenda d rfermento sul mercato de servz d faclty management utlzzando la leva dstntva della qualtà nel tempo

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Circuiti di ingresso differenziali

Circuiti di ingresso differenziali rcut d ngresso dfferenzal - rcut d ngresso dfferenzal - Il rfermento per potenzal Gl stad sngle-ended e dfferenzal I segnal elettrc prodott da trasduttor, oppure preleat da un crcuto o da un apparato elettrco,

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE 15833 13/12/2007 Identfcatvo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE AGGIORNAMENTO DELLA PROCEDURA DI CALCOLO PER PREDISPORRE L'ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

DECRETA. Articolo 1. Articolo 2

DECRETA. Articolo 1. Articolo 2 e VSTO VSTO VSTO il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, recante: "Attuazione dell'articolo l della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro",

Dettagli

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE Assoc az one A N G E LI CENTROANTI VI OLENZA, ANTI STALKI NG EANTI STUPRO Pr oget t o:rete ANGELI BandoPer c or s nret e2013 A N G E LI Cent r oant v ol enz a, Ant s t al k ngeant s t upr o Gu da al l

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

TIS. Linee vita e sistemi di protezione collettivi M'",'"~ '"c- t! ou

TIS. Linee vita e sistemi di protezione collettivi M','~ 'c- t! ou TS l. CORRR.TRMO DRO SANTARO Pagna Foglo 1 17 d Marco Traano Lnee vta e sstem d protezone collettv L'anals del perodo 2002-2009 consente d osservare una dmnuzone costante degl nfortun sul lavoro, con l

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

VIP X1600 Server video di rete. Manuale d installazione e operativo

VIP X1600 Server video di rete. Manuale d installazione e operativo VIP X1600 Server vdeo d rete t Manuale d nstallazone e operatvo VIP X1600 Sommaro t 3 Sommaro 1 Prefazone 7 1.1 Informazon sul manuale 7 1.2 Convenzon utlzzate nel manuale 7 1.3 Uso prevsto 7 1.4 Drettve

Dettagli

Istruzioni di montaggio Montaggio su tetto piano e su facciata Collettore piano FKT-1 per impianti solari Junkers

Istruzioni di montaggio Montaggio su tetto piano e su facciata Collettore piano FKT-1 per impianti solari Junkers Istruzon d montaggo Montaggo su tetto pano e su faccata Collettore pano FKT- per mpant solar Junkers 63043970.0-.SD 6 70 6 595 (006/04) SD Indce Note general...............................................

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I ARGOMENTI 1. Defnzon 2. La classfcazone 3. Competenze e compt 4. I rfut assmlat 5. La raccolta dfferenzata 6. Il trattamento 7. La stablzzazone 8. Il codce CER 191212 9. La FOS 10. Il percolato INDICE

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana ARPAT Agenza regonaie per a proezone ambentae deia Toscana Decreto del Drettore Ammnstratvo N. del ) M 13 Proponente: Dott. ssa Danela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone

Dettagli

ALLEGATO 5. Atlante degli stabilimenti art. 6 D.L.gs 334/99 Carta degli elementi esposti a rischio

ALLEGATO 5. Atlante degli stabilimenti art. 6 D.L.gs 334/99 Carta degli elementi esposti a rischio ALLEGATO 5 Atlante degl stablment art. 6 D.L.gs 334/99 Carta degl element espost a rscho Agenza d Protezone Cvle Provnca d Forlì-Cesena Servzo Ambente e Scurezza del Terrtoro Pano d Emergenza Provncale

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

RICOGNIZIONE GENERALE DEI RISCHI E DEI RELATIVI INTERVENTI DI PREVENZIONE NELLE STRUTTURE DELLA ASL DI RIE-TI

RICOGNIZIONE GENERALE DEI RISCHI E DEI RELATIVI INTERVENTI DI PREVENZIONE NELLE STRUTTURE DELLA ASL DI RIE-TI REGONE A.4210 AZLENDA UNTA' SANTT.4R-4 LOCALE RET Vae Manwm n. 9-02100 MET - Te. 0746 2781 Codce Fscae e Panta VA 00821 80577 ALLEGATO AL DUVR RCOGNZONE GENERALE DE RSCH E DE RELATV NTERVENT D PREVENZONE

Dettagli

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 240 DEL 29 LUGLIO 2014 ALL. A) COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 VOLUME 2 SEGRETERIA GENERALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICI

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N. 147 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI Centro essle Cotonero e bbglamento p L nnovazone nella gestone della Qualtà nelle PM La certfcazone come strumento d busness per le PM e le mcromprese 8 Novembre 2002 - ng. oberto Vannucc lcune notze recent

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Opere provvisionali della chiesa di Santa Maria Ad Nives nella frazione di Motta del Comune di Cavezzo (Mo)

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Opere provvisionali della chiesa di Santa Maria Ad Nives nella frazione di Motta del Comune di Cavezzo (Mo) A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Opere provvsonal della chesa d Santa Mara Ad Nves nella frazone d Motta del Comune d Cavezzo (Mo) PRIMA FASE. La prma fase d messa n scurezza rguarda materal dsgregat, le rmozone

Dettagli