Capitolo Contabilità. nazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo Contabilità. nazionale"

Transcript

1 12 Capitolo Contabilità nazionale

2

3 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. Istat. Pil e indebitamento AP. Roma: (Comunicato stampa, 1 marzo). Il sistema dei conti nazionali descrive in termini quantitativi, all interno di uno schema contabile coerente, l attività economica e finanziaria di un paese o delle sue ripartizioni territoriali, svolta nel corso di un anno o di un trimestre. Come avviene per ogni unità economicamente organizzata, sia essa una grande impresa o una singola famiglia, anche per il paese considerato nel suo complesso si possono costituire periodicamente dei consuntivi che registrano, in forma aggregata e in modo sistematico, le molteplici operazioni economiche e finanziarie svolte dai vari soggetti che operano nell ambito dei processi di formazione, distribuzione e impiego delle risorse. Le stime dei conti nazionali sono prodotte in conformità a quanto stabilito dal Sistema europeo dei conti nazionali e regionali (Sec95), che rappresenta l applicazione a livello europeo del System of national accounts (Sna93) delle Nazioni unite. Esso pertanto, ne assume i concetti, le definizioni, le classificazioni, le nomenclature e la logica interna, presentandosi, però, in veste più adatta al suo utilizzo in seno all Unione europea. Data la grande rilevanza delle metodologie da esso stabilite, esse sono tradotte in regole stringenti per i paesi dell Unione europea, al fine di assicurare la comparabilità delle stime. Il Sec95 è stato adottato con un regolamento del Consiglio dell Unione europea 1 che prevede un programma di trasmissione obbligatoria dei dati. Il metodo di registrazione dei flussi economico-finanziari adottato dalla contabilità nazionale è basato sulle regole della partita doppia. Il sistema è organizzato in una serie ordinata di conti che descrivono le attività e i circuiti che compongono l economia, mettendo in evidenza come si forma, si distribuisce e si utilizza il reddito, come si accumula il risparmio, quali sono le forme di finanziamento delle attività e qual è la posizione del paese rispetto al resto del mondo, considerando le interdipendenze e le relazioni di comportamento tra i vari settori. Per costruire le stime di contabilità nazionale si utilizzano i dati che derivano da numerosissime rilevazioni Istat, da indagini di fonte esterna, pubblica e privata e in misura sempre maggiore da archivi di dati amministrativi. Le serie dei conti nazionali qui presentate sono elaborate in base alla classificazione delle attività economiche Ateco 2007 (la versione nazionale della classificazione europea Nace Rev. 2) e a quella dei prodotti associata alle attività (CPA ). Le serie in valori concatenati sono espresse con anno di riferimento Conto risorse e impieghi I principali aggregati stimati nell ambito dei conti nazionali sono riassunti nel Conto delle risorse e degli impieghi che presenta, fra le entrate, il prodotto interno lordo e le importazioni di beni e servizi e, fra le uscite, la spesa per consumi finali, gli investimenti lordi e le esportazioni di beni e servizi. Esso pone in evidenza l equilibrio esistente tra le diverse componenti dell offerta e della domanda finale di beni e servizi, così come deriva dalla stima simultanea delle tavole delle risorse e degli impieghi (o SUT tables: supply and use tables). Il prodotto interno lordo (Pil) rappresenta il risultato finale dell attività di produzione delle diverse tipologie di unità produttrici residenti (definite 1 Regolamento (EC) n. 2223/96 del 25 giugno

4 Annuario statistico italiano 2013 settori istituzionali ): Società finanziarie e non finanziarie, Amministrazioni pubbliche, Istituzioni sociali private senza scopo di lucro al servizio delle famiglie (Isp) e Famiglie. Nel 2012 il valore del Pil (Tavola 12.1) è risultato pari a milioni di euro correnti, in calo dello 0,8 per cento rispetto all anno precedente. La quota del prodotto interno lordo sul totale delle risorse, a prezzi correnti, nel 2012 è stata del 77,5 per cento, contro il 76,7 per cento dell anno precedente. Quanto alle importazioni di beni e servizi, esse hanno segnato nel 2012 una diminuzione pari al 4,9 per cento. Nel complesso le risorse disponibili, valutate a prezzi correnti, hanno registrato nel 2012 un calo dell 1,8 per cento (+3,1 per cento nel ). La variazione del Pil in volume (ovvero al netto della dinamica dei prezzi) è stata pari a -2,4 per cento, -7,7 per cento quella delle importazioni. Figura 12.1 Prodotto interno lordo a valori concatenati anno di riferimento Anni (in milioni di euro e variazioni percentuali) 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0-0,5-1,0-1,5-2,0-2,5-3,0-3,5-4,0-4,5-5,0-5,5-6, Variazioni % Pil concatenato Fonte: Calcolo della variazione delle scorte (E); Consumi delle famiglie (E); Conti e aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche (E); Conto economico del resto del mondo (E); Investimenti fissi lordi (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi non destinabili alla vendita (E) Per saperne di più... Istat. Conti economici trimestrali: II trimestre Roma: (Comunicato stampa, 10 settembre). Dal lato degli impieghi, si evidenzia una marcata flessione (-3,9 per cento) dei consumi nazionali in volume (-0,2 per cento nel ). Nel dettaglio, la spesa delle famiglie residenti, effettuata sia in Italia sia all estero, è scesa del 4,3 per cento (+0,1 per cento nel ); in particolare, la componente costituita dagli acquisti all estero dei residenti è diminuita del 4,1 per cento (-2,4 per cento nel ). La spesa effettuata da italiani e stranieri all interno del Paese si è contratta del 4,1 per cento (+0,2 per cento nel ), ma gli acquisti sul territorio dei non residenti sono aumentati dell 1,4 per cento (+2,7 per cento nel ). La spesa delle Amministrazioni pubbliche è scesa del 2,9 per cento. Anche gli investimenti fissi lordi hanno segnato, in volume, una forte caduta, pari all 8,0 per cento (-1,8 per cento nel ). Una parte molto consistente di tale aggregato sono gli ammortamenti (98,7 per cento degli investimenti fissi lordi a prezzi correnti), che rappresentano la perdita di valore subita dal capitale fisso nel corso dell anno a causa dell usura fisica e dell obsolescenza. Ne consegue che nel 2012, gli investimenti in volume al netto degli ammortamenti sono scesi a milioni di euro, a fronte di un valore di milioni nel. Nel 2012, il 53,9 per cento degli investimenti fissi lordi a prezzi correnti è costituito dalle costruzioni, il 31,9 per cento da altri impianti e macchinari, 318

5 12. Contabilità nazionale l 8,3 per cento dai mezzi di trasporto e il 5,7 per cento dai beni immateriali. In termini reali, le esportazioni di beni e servizi sono aumentate nel 2012 del 2,3 per cento, in rallentamento rispetto al 5,9 per cento del. Figura 12.2 Distribuzione delle risorse nel conto risorse e impieghi - Anno ,5% Pil ai prezzi di mercato 22,5% Importazioni di beni e servizi Fonte: Calcolo della variazione delle scorte (E); Consumi delle famiglie (E); Conti e aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche (E); Conto economico del resto del mondo (E); Investimenti fissi lordi (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi non destinabili alla vendita (E) Figura 12.3 Distribuzione degli impieghi nel conto risorse e impieghi - Anno % 47,0% 40% 30% 23,5% 20% 15,9% 14,1% 10% 0% -10% Spesa per Amministrazioni pubbliche e Isp Spesa delle famiglie residenti Investimenti fissi lordi -0,4% Variazione delle scorte e oggetti di valore Esportazioni di beni e servizi Fonte: Calcolo della variazione delle scorte (E); Consumi delle famiglie (E); Conti e aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche (E); Conto economico del resto del mondo (E); Investimenti fissi lordi (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi non destinabili alla vendita (E) Valore aggiunto La misura dell incremento di valore realizzato dall insieme delle unità residenti che esercitano un attività produttiva è il valore aggiunto. Tale aggregato è la risultante della differenza tra il valore della produzione di beni e servizi realizzata dalle singole branche produttive e il valore dei beni e servizi intermedi (materie prime e ausiliarie impiegate e servizi forniti da altre unità produttive) che esse stesse hanno utilizzato per effettuare tale produzione; esso, d altra parte, corrisponde alla somma delle remunerazioni dei fattori produttivi. Il valore aggiunto può essere valutato ai prezzi base e ai prezzi al produttore. La produzione ai prezzi base è stimata al netto delle imposte sui prodotti e al lordo dei contributi ai prodotti. Il valore aggiunto ai prezzi base si ottiene sottraendo i consumi intermedi alla produzione, valutata ai prezzi base. Dalla valutazione ai prezzi base è possibile passare alla valutazione ai prezzi al produttore aggiungendo le imposte sui prodotti al netto dei contributi ai prodotti; per ottenere il Pil, infine, occorre aggiungere l Iva e le imposte sulle importazioni. 319

6 Annuario statistico italiano 2013 Il valore aggiunto ai prezzi base (Tavola 12.11) prodotto nel 2012 è pari a milioni di euro correnti, in calo dello 0,8 per cento rispetto al ; esso è costituito per l 85,2 per cento da beni e servizi per i quali il prezzo è definito sul mercato (attività market) e per il 14,8 per cento dai servizi non market, prodotti dalle Amministrazioni pubbliche e dalle Isp. I beni prodotti dall agricoltura e dall industria rappresentano, in termini di valore aggiunto, rispettivamente il 2,0 e il 24,2 per cento mentre i servizi contribuiscono per il 73,8 per cento. Prospetto 12.1 Valore aggiunto ai prezzi base per attività economica Valori a prezzi correnti Valori concatenati anno di riferimento 2005 ATTIVITA ECONOMICA Valori assoluti Valori assoluti (milioni di euro) Comp% (milioni di euro) anno Var.% Agricoltura, silvicoltura e pesca , ,4 Industria in senso stretto , ,5 Costruzioni , ,3 Servizi , ,2 VALORE AGGIUNTO AI PREZZI BASE , ,0 di cui: Attività non market , ,8 Fonte: Conti e aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche (E); Contributi alla produzione e imposte sulla produzione, sulle importazioni, Iva (E); Investimenti produzione e valore aggiunto delle costruzioni (E); Produzione e valore aggiunto agricoltura, silvicoltura e pesca (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi destinabili alla vendita (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi di intermediazione finanziaria (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi non destinabili all vendita (E); Produzione e valore aggiunto del settore energetico (E); Produzione e valore aggiunto della trasformazione industriale (E) Attribuzione redditi primari Il valore aggiunto viene ripartito tra i fattori produttivi che hanno contribuito a realizzarlo, ossia il lavoro e il capitale. L insieme dei risultati economici conseguiti dai fattori produttivi residenti nel Paese costituisce il reddito nazionale netto. Nel 2012, tale aggregato è stato pari a milioni di euro (Tavola 12.5) ed equivale al prodotto interno lordo al netto degli ammortamenti (che ammontano a milioni di euro, Tavola 12.3) a cui si aggiungono i redditi da lavoro dipendente, i redditi da capitale e impresa, la tassazione indiretta e i contributi alla produzione ricevuti dal Resto del mondo e si sottraggono i flussi corrispondenti versati al Resto del mondo. Reddito disponibile Aggiungendo al reddito nazionale netto il saldo dei trasferimenti correnti con il resto del mondo si ottiene il reddito nazionale disponibile netto ( milioni di euro, Tavola 12.6) che rappresenta il reddito di cui dispone il Paese per i consumi finali ( milioni di euro, Tavola 12.7) e per il risparmio (negativo nel 2012 per milioni di euro). Transazioni internazionali Per saperne di più... Istat. Euro-zone economic outlook: IV trimestre Roma: (Comunicato stampa, 4 luglio). Gli scambi tra l Italia e il resto del mondo sono presentati nel conto delle transazioni internazionali (Tavola 12.10). Il saldo di tale conto rappresenta l accreditamento o l indebitamento dell Italia; il 2012 si è chiuso con un indebitamento del nostro Paese pari a milioni di euro. Le rimanenti tavole del capitolo presentano una dettagliata analisi dei diversi aggregati e sono arricchite da elaborazioni (variazioni e composizioni percentuali, numeri indice e valori medi pro capite) che aiutano a meglio comprendere la struttura e l evoluzione dell economia italiana degli anni più recenti. 320

7 12. Contabilità nazionale Tavola Conto economico delle risorse e degli impieghi - Anni (in milioni di euro) AGGREGATI Valori assoluti 2012 / Variazioni percentuali / VALORI A PREZZI CORRENTI RISORSE Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato ,5 2,1 1,7-0,8 Importazioni di beni e servizi fob ,0 20,0 8,1-4,9 Importazioni di beni fob ,6 23,1 9,8-5,7 Importazioni di servizi fob ,5 8,3 0,7-1,1 di cui: Acquisti all estero dei residenti ,8 2,5 0,6-0,2 Totale ,3 5,6 3,1-1,8 IMPIEGHI Consumi nazionali ,5 2,4 1,8-1,8 Spesa delle famiglie residenti ,7 3,0 3,0-1,6 - Spesa sul territorio economico ,8 2,9 3,1-1,4 - Acquisti all estero dei residenti (+) ,8 2,5 0,6-0,2 - Acquisti sul territorio dei non residenti (-) ,2 1,4 5,6 4,4 Spesa delle Amministrazioni pubbliche e delle Istituzioni sociali private senza scopo di lucro al servizio delle famiglie ,9 0,7-1,3-2,5 - Spesa delle Amministrazioni pubbliche ,9 0,7-1,4-2,6 - Spesa delle Istituzioni sociali private senza scopo di lucro al servizio delle famiglie ,3 2,2 2,5 1,5 Investimenti fissi lordi ,9 2,3 1,5-6,8 Investimenti fissi netti ,2 0,4-18,7-86,8 Ammortamenti ,8 2,5 4,2 1,6 Variazione delle scorte ,7 173,5-109, ,1 Oggetti di valore ,8 43,8 4,6-4,1 Esportazioni di beni e servizi fob ,5 14,3 10,2 4,3 Esportazioni di beni fob ,9 15,6 11,5 3,6 Esportazioni di servizi fob ,8 8,7 4,8 7,2 di cui: Acquisti sul territorio dei non residenti ,2 1,4 5,6 4,4 Totale ,3 5,6 3,1-1,8 Fonte: Calcolo della variazione delle scorte (E); Consumi delle famiglie (E); Conti e aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche (E); Conto economico del resto del mondo (E); Investimenti fissi lordi (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi non destinabili alla vendita (E) 321

8 Annuario statistico italiano 2013 Tavola 12.1 segue - Conto economico delle risorse e degli impieghi - Anni (in milioni di euro) AGGREGATI Valori assoluti 2012 VALORI CONCATENATI - ANNO DI RIFERIMENTO 2005 (a) RISORSE Variazioni percentuali / / Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato ,5 1,7 0,4-2,4 Importazioni di beni e servizi fob ,4 12,6 0,5-7,7 Importazioni di beni fob ,2 15,0 1,0-8,3 Importazioni di servizi fob ,2 3,3-1,9-5,0 di cui: Acquisti all estero dei residenti ,5-3,3-2,4-4,1 Totale ,3 3,8 0,4-3,6 IMPIEGHI Consumi nazionali ,0 1,0-0,2-3,9 Spesa delle famiglie residenti ,6 1,5 0,1-4,3 - Spesa sul territorio economico ,8 1,5 0,2-4,1 - Acquisti all estero dei residenti (+) ,5-3,3-2,4-4,1 - Acquisti sul territorio dei non residenti (-) ,0-0,2 2,7 1,4 Spesa delle Amministrazioni pubbliche e delle Istituzioni sociali private senza scopo di lucro al servizio delle famiglie ,8-0,4-1,2-2,9 - Spesa delle Amministrazioni pubbliche ,8-0,4-1,2-2,9 - Spesa delle Istituzioni sociali private senza scopo di lucro al servizio delle famiglie ,3-0,5 0,6-1,0 Investimenti fissi lordi ,7 0,6-1,8-8,0 Investimenti fissi netti ,7-1,7-21,6-87,4 Ammortamenti ,8 0,9 0,8 0,3 Variazione delle scorte (b) Oggetti di valore ,3 16,9 1,7-3,8 Esportazioni di beni e servizi fob ,5 11,4 5,9 2,3 Esportazioni di beni fob ,4 12,4 6,8 1,9 Esportazioni di servizi fob ,2 7,1 2,0 4,4 di cui: Acquisti sul territorio dei non residenti ,0-0,2 2,7 1,4 Totale ,3 3,8 0,4-3,6 Fonte: Calcolo della variazione delle scorte (E); Consumi delle famiglie (E); Conti e aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche (E); Conto economico del resto del mondo (E); Investimenti fissi lordi (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi non destinabili alla vendita (E) (a) L utilizzo degli indici a catena comporta la perdita di additività delle componenti concatenate espresse in termini monetari. Infatti la somma dei valori concatenati delle componenti di un aggregato non è uguale al valore concatenato dell aggregato stesso. Il concatenamento attraverso gli indici di tipo Laspeyres garantisce tuttavia la proprietà di additività per l anno di riferimento e per l anno seguente. (b) Il calcolo dei valori concatenati per grandezze che contengono valori nulli o negativi può condurre a risultati fuorvianti e privi di significato economico. Per tale motivo la tabella non presenta i valori concatenati della variazione delle scorte. 322

9 12. Contabilità nazionale Tavola Conto economico delle risorse e degli impieghi. Indice dei prezzi impliciti - Anni AGGREGATI Indice - Anno 2005 =100 Variazioni percentuali 2012 / / RISORSE Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato 106,8 109,0 109,4 110,9 112,7 2,1 0,4 1,3 1,6 Importazioni di beni e servizi fob 112,4 103,8 110,6 119,0 122,6-7,7 6,6 7,6 3,1 Importazioni di beni fob 114,6 103,5 110,8 120,4 123,8-9,7 7,0 8,7 2,8 Importazioni di servizi fob 103,8 104,7 109,7 112,6 117,2 0,8 4,8 2,7 4,1 di cui: Acquisti all estero dei residenti 104,8 104,5 110,7 114,1 118,7-0,3 5,9 3,1 4,0 Totale 108,0 108,0 109,8 112,8 115,0 0,0 1,7 2,7 1,9 IMPIEGHI Consumi nazionali 107,8 108,3 109,8 112,1 114,5 0,5 1,4 2,1 2,2 Spesa delle famiglie residenti 108,1 108,0 109,6 112,7 115,9-0,1 1,5 2,9 2,8 - Spesa sul territorio economico 108,2 108,1 109,6 112,7 115,9-0,1 1,4 2,9 2,8 - Acquisti all estero dei residenti (+) 104,8 104,5 110,7 114,1 118,7-0,3 5,9 3,1 4,0 - Acquisti sul territorio dei non residenti (-) 107,5 108,3 110,0 113,1 116,5 0,8 1,5 2,8 3,0 Spesa delle Amministrazioni pubbliche e delle Istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie 106,7 109,0 110,2 110,1 110,6 2,1 1,1-0,1 0,4 - Spesa delle Amministrazioni pubbliche 106,8 109,0 110,2 110,1 110,5 2,1 1,1-0,2 0,4 - Spesa delle Istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie 105,7 106,7 109,6 111,7 114,5 0,9 2,8 1,9 2,5 Investimenti fissi lordi 108,5 109,6 111,4 115,1 116,6 1,0 1,7 3,3 1,3 Investimenti fissi netti 109,7 110,9 113,3 117,4 122,8 1,1 2,2 3,6 4,6 Ammortamenti 108,1 109,1 110,8 114,5 115,9 1,0 1,6 3,3 1,2 Variazione delle scorte (a) Oggetti di valore 157,6 174,0 214,2 220,3 219,7 10,5 23,1 2,9-0,3 Esportazioni di beni e servizi fob 107,7 105,2 107,9 112,4 114,5-2,4 2,6 4,1 1,9 Esportazioni di beni fob 108,0 104,7 107,7 112,5 114,4-3,1 2,9 4,4 1,7 Esportazioni di servizi fob 106,7 107,2 108,8 111,9 114,9 0,4 1,5 2,8 2,7 di cui: Acquisti sul territorio dei non residenti 107,5 108,3 110,0 113,1 116,5 0,8 1,5 2,8 3,0 Totale 108,0 108,0 109,8 112,8 115,0 0,0 1,7 2,7 1,9 Fonte: Calcolo della variazione delle scorte (E); Consumi delle famiglie (E); Conti e aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche (E); Conto economico del resto del mondo (E); Investimenti fissi lordi (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi non destinabili alla vendita (E) (a) Il calcolo dell indice dei prezzi impliciti per grandezze che contengono valori nulli o negativi può condurre a risultati fuorvianti e privi di significato economico. Per tale motivo la tabella non presenta l indice dei prezzi impliciti della variazione delle scorte. 323

10 Annuario statistico italiano 2013 Tavola Conto della produzione. Valori a prezzi correnti - Anni (in milioni di euro) AGGREGATI 2012 RISORSE / / Produzione (a prezzi base) ,0 4,9 3,1-1,9 di cui: Altra produzione di beni e servizi non destinabili alla vendita ,7 0,6-1,0-2,0 Imposte al netto dei contributi ai prodotti ,1 6,9 2,6-1,0 IMPIEGHI Consumi intermedi ,5 7,8 4,4-2,9 Prodotto interno lordo ,5 2,1 1,7-0,8 Ammortamenti ,8 2,5 4,2 1,6 Prodotto interno netto ,5 2,0 1,2-1,3 Fonte: Contributi alla produzione e imposte sulla produzione, sulle importazioni, Iva (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi non destinabili alla vendita (E) Tavola Conto della generazione dei redditi primari. Valori a prezzi correnti - Anni (in milioni di euro) AGGREGATI 2012 RISORSE / / Prodotto interno netto ,5 2,0 1,2-1,3 IMPIEGHI Redditi da lavoro dipendente (interni) ,1 1,2 1,8-0,2 Retribuzioni lorde ,0 1,2 1,7-0,1 Contributi sociali a carico dei datori di lavoro ,5 1,2 1,8-0,3 Imposte sulla produzione e sulle importazioni ,8 5,5 2,0 5,2 Imposte sui prodotti (compresa Iva e imposte sulle importazioni) ,6 6,7 1,8-1,2 Altre imposte sulla produzione ,1 1,1 2,8 28,8 Contributi ,1-5,8-3,0-4,2 Contributi ai prodotti ,8 4,8-7,6-4,0 Altri contributi alla produzione ,1-18,7 4,2-4,5 Risultato di gestione + reddito misto (netto) ,5 1,1-0,3-6,7 Fonte: Contributi alla produzione e imposte sulla produzione, sulle importazioni, Iva (E); Redditi da lavoro dipendente, retribuzioni e contributi sociali (E) 324

11 12. Contabilità nazionale Tavola Conto della attribuzione dei redditi primari. Valori a prezzi correnti - Anni (in milioni di euro) AGGREGATI 2012 RISORSE / / Risultato di gestione + reddito misto (netto) ,5 1,1-0,3-6,7 Redditi da lavoro dipendente (nazionali) ,1 1,5 1,8 0,0 Da datori di lavoro residenti (interni) ,1 1,2 1,8-0,2 Redditi da lavoro netti dall estero ,9 190,4 4,3 30,8 Imposte indirette nette versate al resto del mondo ,3-70,8 9,0-56,7 Imposte sulla produzione e sulle importazioni ,8 5,5 2,0 5,2 Imposte sui prodotti (compresa Iva e imposte sulle importazioni) ,6 6,7 1,8-1,2 Altre imposte sulla produzione ,1 1,1 2,8 28,8 Contributi ,1-5,8-3,0-4,2 Contributi ai prodotti ,8 4,8-7,6-4,0 Altri contributi alla produzione ,1-18,7 4,2-4,5 Redditi da capitale netti dall estero ,3 1,2-16,9-21,8 IMPIEGHI Reddito nazionale (netto) ,8 2,0 1,1-1,5 Fonte: Contributi alla produzione e imposte sulla produzione, sulle importazioni, Iva (E); Redditi da lavoro dipendente, retribuzioni e contributi sociali (E) Tavola Conto della distribuzione secondaria del reddito. Valori a prezzi correnti - Anni (in milioni di euro) AGGREGATI 2012 / / Reddito nazionale (netto) ,8 2,0 1,1-1,5 Saldo delle imposte correnti sul reddito, sul patrmonio, eccetera (pagate meno ricevute) con il resto del mondo ,0-47,7-31,9 141,0 Saldo dei contributi sociali (pagati meno ricevuti) con il resto del mondo ,1-210,6 90,2-480,1 Saldo delle prestazioni sociali diverse dai trasferimenti sociali in natura (pagate meno ricevute) con il resto del mondo ,3-0,3 40,9-24,3 Saldo degli altri trasferimenti correnti (pagati meno ricevuti) con il resto del mondo ,0-6,5-3,9 6,6 Reddito nazionale disponibile (netto) ,9 1,9 1,1-1,5 Fonte: Conto economico del resto del mondo (E); Contributi alla produzione e imposte sulla produzione, sulle importazioni, Iva (E) 325

12 Annuario statistico italiano 2013 Tavola Conto di utilizzazione del reddito disponibile. Valori a prezzi correnti - Anni (in milioni di euro) AGGREGATI 2012 / / RISORSE Reddito nazionale disponibile (netto) ,9 1,9 1,1-1,5 Rettifica per variazione dei diritti netti delle famiglie sulle riserve dei fondi pensione ,8-6,0-17,7 11,3 IMPIEGHI Spesa per consumi finali nazionali ,5 2,4 1,8-1,8 Rettifica per variazione dei diritti netti delle famiglie sulle riserve dei fondi pensione ,8-6,0-17,7 11,3 Risparmio (netto) ,7-224,9-103,3 27,4 Fonte: Consumi delle famiglie (E) Tavola Conto del capitale. Valori a prezzi correnti - Anni (in milioni di euro) AGGREGATI 2012 / / VARIAZIONI DELLE PASSIVITÀ Risparmio (netto) ,7-224,9-103,3 27,4 Saldo dei trasferimenti in conto capitale con il resto del mondo ,0-69,4 603,6 108,1 VARIAZIONI DELLE ATTIVITÀ Investimenti fissi lordi ,9 2,3 1,5-6,8 Ammortamenti (-) ,8 2,5 4,2 1,6 Variazione delle scorte e acquisizioni meno cessioni di oggetti di valore ,5 218,8-80,6-577,6 Acquisizioni meno cessioni di attività non finanziarie non prodotte ,5 22,0-42,4-69,0 Accreditamento (+) / Indebitamento (-) ,9-82,0 11,6 87,5 Fonte: Calcolo della variazione delle scorte (E); Investimenti fissi lordi (E) 326

13 12. Contabilità nazionale Tavola Conto economico consolidato delle Amministrazioni pubbliche. Valori a prezzi correnti (a) - Anni (in milioni di euro) VOCI ECONOMICHE Valori assoluti 2012 Variazioni percentuali / / USCITE Spesa per consumi finali ,9 0,7-1,4-2,6 Redditi da lavoro dipendente ,8 0,6-1,6-2,3 Consumi intermedi ,4 0,6 1,2-2,4 "Acquisto di beni e servizi prodotti da produttori market (prestazioni sociali in natura)" ,5 1,9-2,0-3,2 Ammortamenti ,3 4,1-0,4 0,5 Imposte indirette ,3-1,5 2,7-9,3 Risultato netto di gestione ,9-10,3-24,4-12,9 Produzione di servizi vendibili, produzione di beni e servizi per uso proprio e vendite residuali (-) ,3-3,5-5,0 0,7 Contributi alla produzione ,9 4,0-5,5-3,8 Imposte dirette ,9 4,5-3,3 1,9 Prestazioni sociali in denaro ,2 2,4 2,0 2,4 Trasferimenti a enti pubblici Trasferimenti a istituzioni sociali private ,5 4,8-2,6-7,0 Aiuti internazionali (compresa IV risorsa) ,9-0,7 10,2-4,9 Trasferimenti diversi a famiglie e imprese ,6-10,0-26,4-5,5 Altre uscite correnti ,6 3,5 3,2-0,7 Uscite correnti al netto interessi ,2 1,4-0,1-0,5 Interessi passivi ,9 0,4 10,1 10,7 Totale uscite correnti ,3 1,3 0,9 0,7 "Investimenti fissi lordi e acquisizioni nette di attività non finanziarie non prodotte" ,4-15,5-15,8 7,5 Contributi agli investimenti ,8-26,6 3,7-5,5 di cui: A enti pubblici Altri trasferimenti in c/capitale ,0-65,7 56,7-60,0 Totale uscite in conto capitale ,0-22,6-7,1-0,6 Totale uscite al netto interessi ,9-0,8-0,6-0,5 TOTALE USCITE COMPLESSIVE ,1-0,7 0,4 0,6 ENTRATE Risultato lordo di gestione ,7 3,8-1,6-0,3 Interessi attivi ,4-18,7 22,8-13,6 Imposte indirette ,4 5,6 1,9 5,2 Imposte dirette ,4 1,8-0,1 5,0 Contributi sociali effettivi ,7 0,4 1,6-0,1 Contributi sociali figurativi ,8-1,1 3,1-0,4 Trasferimenti da enti pubblici Aiuti internazionali ,4-56,0 89,7 55,1 Trasferimenti diversi da famiglie e imprese ,2 4,1-7,4 2,3 Altre entrate correnti ,8 9,9 22,1-10,5 Totale entrate correnti ,9 2,5 1,2 3,1 Contributi agli investimenti ,7-4,5 82,0 1,4 Imposte in conto capitale ,5-71,5 99,6-80,3 Altri trasferimenti in c/capitale ,1 15,4-13,0 28,0 Totale entrate in conto capitale ,6-54,4 58,9-44,0 TOTALE ENTRATE COMPLESSIVE ,3 1,2 1,7 2,4 Saldo corrente al netto interessi (b) Risparmio (+) o disavanzo (-) (b) Saldo generale al netto interessi (b) Indebitamento (-) o Accreditamento (+) (b) Fonte: Conti ed aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche (E); Contributi alla produzione e imposte sulla produzione, sulle importazioni, Iva (E); Investimenti fissi lordi (E); Redditi da lavoro dipendente, retribuzioni e contributi sociali (E) (a) Conto elaborato secondo il Sistema dei conti nazionali Sec95. (b) Il calcolo delle variazioni percentuali nei saldi può condurre a risultati fuorvianti e privi di significato economico. Per tale motivo la tabella non presenta i valori della variazione percentuale nei saldi. 327

14 Annuario statistico italiano 2013 Tavola Transazioni internazionali. Valori a prezzi correnti - Anni (in milioni di euro) AGGREGATI 2012 / / ENTRATE DELL ITALIA Esportazioni di beni e servizi ,5 14,3 10,2 4,3 Esportazioni di beni ,9 15,6 11,5 3,6 Esportazioni di servizi (a) ,8 8,7 4,8 7,2 Redditi da lavoro dipendente ,3 41,3-2,5 16,3 Contributi alla produzione ricevuti dall'ue ,8-29,9 6,1-5,7 Redditi da capitale ,9-6,6 8,9-19,1 Imposte correnti sul reddito, sul patrimonio, ecc ,7-8,2 2,9 11,2 Contributi e prestazioni sociali ,6-3,6 17,7-13,4 Altri trasferimenti correnti ,5-21,7 16,6 3,3 Trasferimenti in conto capitale (da ricevere) ,8-8,7 84,3 15,6 Acquisizioni meno cessioni di attività non finanziarie non prodotte (saldo) ,5-22,0 42,4 69,0 Totale ,5 10,2 10,4 1,8 USCITE DELL ITALIA Importazioni di beni e servizi ,0 20,0 8,1-4,9 Importazioni di beni ,6 23,1 9,8-5,7 Importazioni di servizi (b) ,5 8,3 0,7-1,1 Redditi da lavoro dipendente ,4-11,3-10,2-3,0 Imposte sulla produzione e sulle importazioni versate all'ue ,1 1,0 5,4 5,9 Redditi da capitale ,7-5,7 10,3-11,6 Imposte correnti sul reddito, sul patrimonio, ecc ,3 9,8 10,5-6,2 Contributi e prestazioni sociali ,3 11,2-9,9 4,7 Altri trasferimenti correnti ,4-2,8 7,3-3,7 Trasferimenti in conto capitale (da effettuare) ,5 17,4 26,1-42,2 Totale ,6 14,8 8,1-5,6 SALDI (c) Beni e servizi Redditi da lavoro dipendente Imposte indirette nette Redditi da capitale Imposte correnti sul reddito, sul patrimonio, ecc Contributi e prestazioni sociali Altri trasferimenti correnti Trasferimenti in conto capitale (da ricevere) Acquisizioni meno cessioni di attività non finanziarie non prodotte (saldo) Accreditamento (+) / Indebitamento (-) Fonte: Conto economico del resto del mondo (E); Contributi alla produzione e imposte sulla produzione, sulle importazioni, Iva (E) (a) Compresa la spesa per consumi finali nel territorio economico delle famiglie non residenti. (b) Compresa la spesa per consumi finali nel Resto del Mondo delle famiglie residenti. (c) Il calcolo delle variazioni percentuali nei saldi può condurre a risultati fuorvianti e privi di significato economico. Per tale motivo la tabella non presenta i valori della variazione percentuale nei saldi. 328

15 12. Contabilità nazionale Tavola Valore aggiunto a prezzi base per attività economica e prodotto interno lordo - Anni (in milioni di euro) ATTIVITÀ ECONOMICHE 2012 VALORI A PREZZI CORRENTI / / Agricoltura, silvicoltura e pesca ,8 0,1 6,7 0,1 Industria ,7 1,8 0,5-3,0 industriali ,5 3,7 0,0-3,1 - di cui: attività manifatturiera ,3 6,0 0,4-5,5 Costruzioni ,9-3,6 1,9-2,6 Servizi ,0 1,5 1,9-0,1 magazzinaggio, servizi di alloggio e ristorazione ,2 1,4 2,8-0,0 Servizi di informazione e comunicazione ,7-0,3-3,6-3,9 Attività finanziarie e assicurative ,8 5,4 1,9-3,5 Attività immobiliari ,3 0,3 4,3 2,7 amministrazione e servizi di supporto ,7 3,2 2,8 1,3 Amministrazione pubblica, difesa, istruzione,salute e servizi sociali ,0 1,1-0,6-1,5 servizi per le famiglie e altre attività di servizi ,2 2,6 4,0 2,6 VALORE AGGIUNTO A PREZZI BASE ,5 1,6 1,6-0,8 di cui: Attività non market ,3 1,0-1,4-1,8 Iva, imposte indirette nette sui prodotti e imposte sulle importazioni ,1 6,9 2,6-1,0 Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato ,5 2,1 1,7-0,8 VALORI CONCATENATI - ANNO DI RIFERIMENTO 2005 (a) Agricoltura, silvicoltura e pesca ,5-0,2 0,2-4,4 Industria ,5 3,7 0,1-4,2 industriali ,1 6,0 1,2-3,5 - di cui: attività manifatturiera ,6 7,7 1,0-3,9 Costruzioni ,4-3,1-3,4-6,3 Servizi ,7 1,1 0,7-1,2 magazzinaggio, servizi di alloggio e ristorazione ,1 3,3 1,1-2,0 Servizi di informazione e comunicazione ,8 0,4-1,8-1,9 Attività finanziarie e assicurative ,0 4,3 0,5 0,3 Attività immobiliari ,8-1,6 1,1-0,1 amministrazione e servizi di supporto ,2 1,2 1,3-1,7 Amministrazione pubblica, difesa, istruzione,salute e servizi sociali ,5-0,3-0,1-1,7 servizi per le famiglie e altre attività di servizi ,6 1,7 2,5 1,2 VALORE AGGIUNTO A PREZZI BASE ,6 1,7 0,5-2,0 di cui: Attività non market ,2-0,4-0,6-1,8 Iva, imposte indirette nette sui prodotti e imposte sulle importazioni ,6 1,6-0,8-5,4 Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato ,5 1,7 0,4-2,4 Fonte: Conti e aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche (E); Contributi alla produzione e imposte sulla produzione, sulle importazioni, Iva (E); Investimenti produzione e valore aggiunto delle costruzioni (E); Produzione e valore aggiunto agricoltura, silvicoltura e pesca (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi destinabili alla vendita (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi di intermediazione finanziaria (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi non destinabili alla vendita (E); Produzione e valore aggiunto del settore energetico (E); Produzione e valore aggiunto della trasformazione industriale (E) (a) L utilizzo degli indici a catena comporta la perdita di additività delle componenti concatenate espresse in termini monetari. Infatti la somma dei valori concatenati delle componenti di un aggregato non è uguale al valore concatenato dell aggregato stesso. Il concatenamento attraverso gli indici di tipo Laspeyres garantisce tuttavia la proprietà di additività per l anno di riferimento e per l anno seguente. 329

16 Annuario statistico italiano 2013 Tavola Valore aggiunto ai prezzi al produttore per attività economica e prodotto interno lordo - Anni (in milioni di euro) ATTIVITÀ ECONOMICHE 2012 / / VALORI A PREZZI CORRENTI Agricoltura, silvicoltura e pesca ,2 0,5 7,1 0,5 Industria ,4 1,6 0,8-1,7 industriali ,6 3,2 0,6-1,3 - di cui: attività manifatturiera ,8 5,3 0,8-3,1 Costruzioni ,4-3,7 1,8-3,1 Servizi ,0 1,4 2,0-0,2 magazzinaggio, servizi di alloggio e ristorazione ,5 1,1 3,4-0,1 Servizi di informazione e comunicazione ,7-0,3-3,5-3,7 Attività finanziarie e assicurative ,8 4,7 1,9-3,1 Attività immobiliari ,3 0,3 4,2 2,6 amministrazione e servizi di supporto ,0 3,1 2,7 0,4 Amministrazione pubblica, difesa, istruzione,salute e servizi sociali ,0 1,1-0,6-1,5 servizi per le famiglie e altre attività di servizi ,2 2,2 3,6 1,0 VALORE AGGIUNTO AI PREZZI AL PRODUTTORE ,3 1,5 1,8-0,6 di cui: Attività non market ,3 1,0-1,4-1,8 Iva, imposte indirette sulle importazioni ,6 12,7 1,0-3,3 Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato ,5 2,1 1,7-0,8 VALORI CONCATENATI - ANNO DI RIFERIMENTO 2005 (a) Agricoltura, silvicoltura e pesca ,5-0,2 0,2-4,5 Industria ,7 3,5-0,1-4,1 industriali ,9 5,5 0,8-3,5 - di cui: attività manifatturiera ,2 6,9 0,7-4,0 Costruzioni ,5-3,4-3,4-6,3 Servizi ,6 1,1 0,7-1,2 magazzinaggio, servizi di alloggio e ristorazione ,3 3,4 1,1-1,9 Servizi di informazione e comunicazione ,9 0,4-1,8-1,9 Attività finanziarie e assicurative ,7 3,7 0,2 0,4 Attività immobiliari ,8-1,6 1,1-0,1 amministrazione e servizi di supporto ,9 1,2 1,3-1,8 Amministrazione pubblica, difesa, istruzione,salute e servizi sociali ,5-0,3-0,1-1,7 servizi per le famiglie e altre attività di servizi ,2 2,4 2,4-0,3 VALORE AGGIUNTO AI PREZZI AL PRODUTTORE ,5 1,7 0,5-2,1 di cui: Attività non market ,2-0,4-0,6-1,8 Iva, imposte indirette sulle importazioni ,8 1,6-0,8-6,6 Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato ,5 1,7 0,4-2,4 Fonte: Conti e aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche (E); Contributi alla produzione e imposte sulla produzione, sulle importazioni, Iva (E); Investimenti, produzione e valore aggiunto delle costruzioni (E); Produzione e valore aggiunto agricoltura, silvicoltura e pesca (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi destinabili alla vendita (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi di intermediazione finanziaria (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi non destinabili alla vendita (E); Produzione e valore aggiunto del settore energetico (E); Produzione e valore aggiunto della trasformazione industriale (E) (a) L utilizzo degli indici a catena comporta la perdita di additività delle componenti concatenate espresse in termini monetari. Infatti la somma dei valori concatenati delle componenti di un aggregato non è uguale al valore concatenato dell aggregato stesso. Il concatenamento attraverso gli indici di tipo Laspeyres garantisce tuttavia la proprietà di additività per l anno di riferimento e per l anno seguente. 330

17 12. Contabilità nazionale Tavola Valore aggiunto ai prezzi al produttore per attività economica e prodotto interno lordo. Indice dei prezzi impliciti - Anni ATTIVITÀ ECONOMICHE Indice - Base 2005= / Variazioni percentuali / Agricoltura, silvicoltura e pesca 104,9 97,7 98,4 105,2 110,6-6,9 0,7 6,9 5,2 Industria 107,2 112,5 110,4 111,5 114,3 4,9-1,8 1,0 2,5 industriali 105,8 111,1 108,7 108,4 110,9 5,0-2,2-0,2 2,3 - di cui: attività manifatturiera 105,2 109,4 107,8 107,9 108,9 4,1-1,5 0,1 1,0 Costruzioni 112,4 117,6 117,1 123,4 127,7 4,6-0,4 5,4 3,5 Servizi 106,4 108,1 108,4 109,9 111,0 1,7 0,3 1,3 1,0 magazzinaggio, servizi di alloggio e ristorazione 104,6 110,1 107,6 110,0 112,0 5,3-2,3 2,3 1,8 Servizi di informazione e comunicazione 95,9 93,5 92,8 91,2 89,5-2,5-0,7-1,7-1,8 Attività finanziarie e assicurative 103,4 95,8 96,7 98,4 94,9-7,3 0,9 1,7-3,5 Attività immobiliari 112,4 114,8 117,0 120,5 123,8 2,1 1,9 3,0 2,7 amministrazione e servizi di supporto 106,6 108,6 110,7 112,2 114,7 1,9 1,9 1,3 2,3 Amministrazione pubblica, difesa, istruzione,salute e servizi sociali 107,4 109,0 110,6 110,0 110,2 1,5 1,4-0,5 0,2 servizi per le famiglie e altre attività di servizi 108,6 110,8 110,6 111,9 113,3 2,0-0,2 1,2 1,2 VALORE AGGIUNTO AI PREZZI AL PRODUTTORE 106,6 109,1 108,8 110,2 111,8 2,3-0,3 1,3 1,5 di cui: Attività non market 108,2 109,4 111,0 110,1 110,1 1,1 1,4-0,8 0,0 Iva e imposte indirette sulle importazioni 109,7 107,6 119,4 121,4 125,7-1,9 10,9 1,7 3,5 Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato 106,8 109,0 109,4 110,9 112,7 2,1 0,4 1,3 1,6 Fonte: Conti e aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche (E); Contributi alla produzione e imposte sulla produzione, sulle importazioni, Iva (E); Investimenti produzione e valore aggiunto delle costruzioni (E); Produzione e valore aggiunto agricoltura, silvicoltura e pesca (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi destinabili alla vendita (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi di intermediazione finanziaria (E); Produzione e valore aggiunto dei servizi non destinabili alla vendita (E); Produzione e valore aggiunto del settore energetico (E); Produzione e valore aggiunto della trasformazione industriale (E) 331

18 Annuario statistico italiano 2013 Tavola Imposte indirette e contributi per attività economica. Valori a prezzi correnti - Anni (in milioni di euro) ATTIVITÀ ECONOMICHE 2012 / / IMPOSTE INDIRETTE Agricoltura, silvicoltura e pesca ,8-5,3 4,2 46,5 Industria ,8-0,9 3,6 5,2 industriali ,4-0,4 3,8 6,6 - di cui: Attività manifatturiera ,2 0,3 3,0 9,4 Costruzioni ,8-6,6 1,3-10,0 Servizi ,5 1,4 2,1 18,0 magazzinaggio, servizi di alloggio e ristorazione ,0 4,2 9,3-6,6 Servizi di informazione e comunicazione ,1-8,4 3,9 12,9 Attività finanziarie e assicurative ,9 1,5 2,9 0,5 Attività immobiliari ,7 0,7-4,8 368,8 amministrazione e servizi di supporto ,5 2,4 1,6-7,3 Amministrazione pubblica, difesa, istruzione,salute e servizi sociali ,2 1,1-1,3-1,7 servizi per le famiglie e altre attività di servizi ,0 0,6 1,4-8,2 Totale al netto Iva e imposte indirette sulle importazioni ,7 0,2 2,8 12,0 Iva e imposte indirette sulle importazioni ,6 12,7 1,0-3,3 Totale ,8 5,5 2,0 5,2 CONTRIBUTI (a) Agricoltura, silvicoltura e pesca ,3-26,3 13,6-12,4 Industria ,3 9,8-17,1 6,3 industriali ,4 9,8-17,8 6,1 - di cui: attività manifatturiera ,1 9,8-19,2 7,3 Costruzioni ,2 7,2 94,1 17,4 Servizi ,7 0,9-6,2-2,4 magazzinaggio, servizi di alloggio e ristorazione ,5 1,3-3,1-2,0 Servizi di informazione e comunicazione ,6 2,2-20,1-7,1 Attività finanziarie e assicurative Attività immobiliari ,1 100,6-54,1-13,6 amministrazione e servizi di supporto ,7-8,3-5,0-5,9 Amministrazione pubblica, difesa, istruzione,salute e servizi sociali ,2-12,3-18,0-1,2 servizi per le famiglie e altre attività di servizi ,6 12,5-41,1-8,5 Totale ,1-5,8-3,0-4,2 IMPOSTE INDIRETTE NETTE (b) Agricoltura, silvicoltura e pesca ,2 29,3-15,4 22,6 Industria ,4-1,3 4,3 5,2 industriali ,0-0,7 4,6 6,6 - di cui: attività manifatturiera ,9-0,1 3,9 9,5 Costruzioni ,8-6,6 1,0-10,1 Servizi ,0 1,6 4,8 24,1 magazzinaggio, servizi di alloggio e ristorazione ,4 4,6 31,4-14,6 Servizi di informazione e comunicazione ,5-10,7 9,9 16,5 Attività finanziarie e assicurative ,9 1,5 2,9 0,5 Attività immobiliari ,8-3,9 0,0 385,9 amministrazione e servizi di supporto ,1 2,8 1,8-7,4 servizi per le famiglie e altre attività di servizi ,4 3,0 0,8-1,8 Amministrazione pubblica, difesa, istruzione,salute e servizi sociali ,0 0,5 1,8-8,2 Totale ,7 1,7 4,1 15,3 Fonte: Contributi alla produzione e imposte sulla produzione, sulle importazioni, Iva (E) (a) Contributi ai prodotti e alla produzione. (b) Imposte indirette nette sui prodotti e sulla produzione (escluse le imposte sulle importazioni e sul valore aggiunto). 332

CONTABILITÀ NAZIONALE

CONTABILITÀ NAZIONALE 12 CONTABILITÀ NAZIONALE Nel 2013, il Pil ai prezzi di mercato è stato pari a 1.618.904 milioni di euro correnti, con una riduzione dello 0,6 per cento rispetto all anno precedente. In volume il Pil è

Dettagli

CONTABILITÀ NAZIONALE

CONTABILITÀ NAZIONALE 12 CONTABILITÀ NAZIONALE Nel 2014, il Pil ai prezzi di mercato è stato pari a 1.616.254 milioni di euro correnti (+0,4 per cento rispetto al 2013). In termini di volume, il Pil è diminuito dello 0,4 per

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1. Nota metodologica

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1. Nota metodologica LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1 Nota metodologica I flussi monetari registrati nei Conti nazionali possono essere presentati in forma matriciale a vari livelli di dettaglio. Tale rappresentazione,

Dettagli

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1. Nota metodologica

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1. Nota metodologica LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1 Nota metodologica I flussi monetari registrati nei Conti nazionali possono essere presentati in forma matriciale a vari livelli di dettaglio. Tale rappresentazione,

Dettagli

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI 9 settembre 2011 II trimestre 2011 CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI Prodotto interno lordo, valore aggiunto, consumi, investimenti, domanda estera Nel secondo trimestre del 2011 il prodotto interno lordo (PIL),

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche Indice delle tavole statistiche Pagina Tavola 1 - Conto economico delle risorse e degli impieghi - Valori assoluti... 19 Tavola 1.1 - Conto economico delle risorse e degli impieghi - Variazioni percentuali...

Dettagli

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 8 aprile 2011 Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 9 aprile 2013 IV trimestre 2012 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Con la pubblicazione dei dati del quarto trimestre del 2012, l Istat diffonde le serie storiche coerenti con

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

Conti economici trimestrali II trimestre 2009

Conti economici trimestrali II trimestre 2009 10 settembre 2009 Conti economici trimestrali II trimestre 2009 In conformità con i requisiti del programma SDDS del Fondo monetario internazionale, l Istat diffonde un calendario annuale dei comunicati

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 1 ottobre 2015 II trimestre 2015 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti è aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre

Dettagli

Conti economici trimestrali III trimestre 2007

Conti economici trimestrali III trimestre 2007 Conti economici trimestrali III trimestre 2007 7 dicembre 2007 Nel terzo trimestre del 2007 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2000, corretto per gli

Dettagli

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 29.08.2013, 9:15 4 Economia N. 0352-1309-30 Conti economici nazionali della Svizzera nel 2012 Nel 2012

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 1 luglio 2015 I trimestre 2015 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Il reddito disponibile delle famiglie conmatrici in valori correnti nel primo trimestre del 2015 è aumentato dello

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Nel terzo trimestre del 2013 il reddito disponibile delle famiglie conmatrici in valori correnti è aumentato

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009 1 luglio 2010 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970- L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria per gli

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI a cura di Claudio Picozza 1 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

Le statistiche economiche e i metodi d indagine

Le statistiche economiche e i metodi d indagine Le statistiche economiche e i metodi d indagine Carmine Pappalardo Istat (Studi econometrici e previsioni economiche) 23 marzo 2015 Schema della presentazione Il sistema economico La Contabilità Nazionale

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 9 gennaio 2015 III trimestre 2014 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Nel terzo trimestre del 2014 il reddito disponibile delle famiglie conmatrici in valori correnti è aumentato

Dettagli

Corso di Macroeconomia. La contabilità nazionale

Corso di Macroeconomia. La contabilità nazionale Corso di Macroeconomia La contabilità nazionale 1 La produzione TremetodidicalcolodelPIL 1. Il metodo della spesa 1. Il consumo, la spesa per beni di consumo effettuata dalle famiglie, sia per beni non

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia La Produzione Aggregata: metodi di misurazione del livello di attività e della congiuntura In questa lezione: studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 IVA In questo paragrafo vengono esposti i dati sintetici che riguardano le dichiarazioni Iva presentate con il modello Unico 2010 e quelle inviate in forma autonoma

Dettagli

ALLEGATO A. della proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

ALLEGATO A. della proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.12.2010 COM(2010) 774 definitivo Allegato A/Capitolo 14 ALLEGATO A della proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Sistema europeo

Dettagli

NOTA INFORMATIVA I settori istituzionali

NOTA INFORMATIVA I settori istituzionali NOTA INFORMATIVA I settori istituzionali Le unità istituzionali sono classificate nei diversi settori istituzionali in relazione al loro comportamento economico, alla loro funzione principale e al tipo

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

Sistema di contabilità nazionale

Sistema di contabilità nazionale Sistema di contabilità nazionale Registra il valore del reddito nazionale che risulta dalla produzione e dalla spesa I produttori percepiscono reddito dagli acquirenti, che spendono per l acquisto di beni

Dettagli

Schede di settore. Commercio all'ingrosso, al dettaglio e riparazioni di beni

Schede di settore. Commercio all'ingrosso, al dettaglio e riparazioni di beni Aggiornamento ennaio 2008 Codice AtEco 2002 Istat: A+B Agricoltura, silvicoltura e pesca C Estrazione di minerali C + D + E Industria in senso stretto D Attività Manifatturiere Sistema Sardegna C+D+E+F

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea ORIENTAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea ORIENTAMENTI 6.9.2014 L 267/9 ORIENTAMENTI INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 3 giugno 2014 che modifica l'indirizzo BCE/2013/23 sulle statistiche di finanza pubblica (BCE/2014/21) (2014/647/UE) IL COMATO ESECUTIVO

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

Analisi del residuo fiscale e studio comparativo Regione Lombardia, Nord, Centro, Sud Italia

Analisi del residuo fiscale e studio comparativo Regione Lombardia, Nord, Centro, Sud Italia Analisi del residuo fiscale e studio comparativo Regione Lombardia, Nord, Centro, Sud Italia Antonio Dal Bianco - Éupolis Lombardia 5 novembre 2014 Palazzo Pirelli Seduta congiunta delle Commissioni I

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Concetti, definizioni e classificazioni fondamentali Con processo economico ci si riferisce alle attività

Dettagli

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI Mezzi di trasporto (-43,4 per cento), opere pubbliche (-38,6 per cento) e casa (-31,6 per cento) sono stati i settori più colpiti. ========================================

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Capitolo 12. Contabilità nazionale

Capitolo 12. Contabilità nazionale Capitolo 12 Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... f ISTAT. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.i f ISTAT. Contabilità nazionale.

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 09, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Settembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

CONTI ECONOMICI NAZIONALI ANNI 2001-2007

CONTI ECONOMICI NAZIONALI ANNI 2001-2007 CONTI ECONOMICI NAZIONALI ANNI 2001-2007 29 febbraio 2008 In conformità con i requisiti del programma SDDS del Fondo monetario internazionale, l Istat diffonde un calendario annuale dei Comunicati stampa

Dettagli

I CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI Principali elementi informativi

I CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI Principali elementi informativi 2 settembre 2015 I CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI Principali elementi informativi L Istat pubblica le stime dei conti economici trimestrali (CET) dal 1983. Dall edizione di ottobre 2014 metodi e fonti utilizzate

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 7 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Le risorse pubbliche e il modello per tornare a crescere

Le risorse pubbliche e il modello per tornare a crescere Il bilancio delle risorse in Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere Non consiste tanto la prudenza della economia nel sapersi guardare dalle spese, perché sono molte volte necessarie,

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 31 - Novembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

III.5 L Indebitamento 2001-2004 e le Revisioni Eurostat

III.5 L Indebitamento 2001-2004 e le Revisioni Eurostat La presenza del sommerso comporta l evasione fiscale, sottrae risorse al bilancio pubblico e distorce la concorrenza: per modificare la struttura del bilancio e ridurre il disavanzo senza aumentare le

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia IL SISTEMA PRODUTTIVO LOMBARDO NEL 2006 SECONDO IL REGISTRO STATISTICO ASIA (giugno 2009) Secondo il registro statistico delle imprese attive e delle loro unità locali (ASIA Imprese e Unità locali) sono

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ;

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ; RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONTO ANNUALE RELATIVA AGLI ANDAMENTI DELLA SPESA PENSIONISTICA E DELLE RELATIVE ENTRATE CONTRIBUTIVE PER I DIPENDENTI PUBBLICI 1 1. L articolo 65 del decreto legislativo n. 29/1993,

Dettagli

Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht

Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht 23 aprile 2007 Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht Aprile 2007 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Glossario. Descrizione

Glossario. Descrizione Glossario Clima di fiducia Indicatore elaborato come media aritmetica dei saldi relativi alle frequenze rilevate da domande riguardanti il giudizio sul livello degli ordini totali, il giudizio sul livello

Dettagli

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ;

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ; RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONTO ANNUALE RELATIVA AGLI ANDAMENTI DELLA SPESA PENSIONISTICA E DELLE RELATIVE ENTRATE CONTRIBUTIVE PER I DIPENDENTI PUBBLICI 1 1. L articolo 65 del decreto legislativo n. 29/1993,

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

La spesa pubblica in Europa. anni 2000-2013

La spesa pubblica in Europa. anni 2000-2013 La spesa pubblica in Europa anni 2000-2013 Roma, giugno 2014 INDICE Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I metodi... 3 1.1. - Il quadro di riferimento per le statistiche di finanza pubblica... 3 1.2. - Le categorie

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2001 IV trimestre 2004 27 aprile 2005 Ufficio della comunicazione tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro

Dettagli

Investimenti lordi = 2.000 Investimenti netti = 800

Investimenti lordi = 2.000 Investimenti netti = 800 Macroeconomia, Esercitazione 1. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 PIL/1 Si consideri un sistema economico che produce solo pane. Questo è costituito da tre imprese: una agricola,

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI SULLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL PAESE. (Anno 2005)

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI SULLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL PAESE. (Anno 2005) ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XI n. 1 RELAZIONE GENERALE SULLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL PAESE (Anno 2005) (Articolo 2, comma 1, lettera b, della legge 27 febbraio 1967, n. 48)

Dettagli

Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni

Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lot_20112011 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni Introduzione Si deve all economista Wassily Leontief

Dettagli

Glossario 21. FINANZA LOCALE. Accertamento

Glossario 21. FINANZA LOCALE. Accertamento 21. FINANZA LOCALE Glossario Accertamento L operazione giuridico-contabile con cui l Amministrazione appura la ragione del credito, il soggetto debitore ed il relativo ammontare da iscrivere come competenza

Dettagli

ISTAT Servizio prezzi

ISTAT Servizio prezzi ISTAT Servizio prezzi Gli indici dei prezzi al consumo: aspetti relativi al sistema dei pesi e alla costruzione del paniere La determinazione del paniere dei prodotti e la metodologia di costruzione dei

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna PREZZI Indici dei prezzi al consumo Gli indici dei prezzi al consumo misurano le variazioni nel tempo dei prezzi che si formano nelle transazioni relative a beni e servizi

Dettagli

Valutazione dell impatto economico dell evento Gran Premio di Formula 1 a Roma

Valutazione dell impatto economico dell evento Gran Premio di Formula 1 a Roma ISAE Istituto di Studi e Analisi Economica Piazza dell Indipendenza, 4 00185 - Roma Valutazione dell impatto economico dell evento Gran Premio di Formula 1 a Roma Gruppo di studio Economia Territoriale

Dettagli

Rapporto Annuale 2007

Rapporto Annuale 2007 Rapporto Annuale 007 del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione sugli interventi nelle aree sottoutilizzate Appendice Tavole statistiche territoriali, cartine e note metodologiche Presentato

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

Macroeconomia. Lezione n. 6 Modello di economia aperta nel lungo periodo, Parte I: Definizioni e struttura del modello.

Macroeconomia. Lezione n. 6 Modello di economia aperta nel lungo periodo, Parte I: Definizioni e struttura del modello. Macroeconomia Lezione n. 6 Modello di economia aperta nel lungo periodo, Parte I: Definizioni e struttura del modello Luca Deidda UNISS, CRENoS, DiSEA Luca Deidda (UNISS, CRENoS, DiSEA) 1 / 16 Scaletta

Dettagli

Lezione dodicesima. Un quadro della finanza pubblica in Italia

Lezione dodicesima. Un quadro della finanza pubblica in Italia Lezione dodicesima Un quadro della finanza pubblica in Italia 1 Sommario I. Definire i soggetti della finanza pubblica II. Tracciare una quadro quantitativo della finanza pubblica in Italia e dei suoi

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Dinamica dei flussi finanziari

Dinamica dei flussi finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Dinamica dei flussi finanziari Capitolo 4 Indice degli argomenti 1. Il modello a quattro aree 2. Flusso di cassa della gestione corrente

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

Economie regionali. Bologna aprile 2010

Economie regionali. Bologna aprile 2010 Economie regionali Bologna aprile 21 L'andamento del credito in Emilia-Romagna nel quarto trimestre del 29 2 1 3 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti

Dettagli

Rapporto sulle entrate Dicembre 2014

Rapporto sulle entrate Dicembre 2014 Rapporto sulle entrate Dicembre 2014 Le entrate tributarie e contributive nel periodo gennaio-dicembre 2014 mostrano, nel complesso, una diminuzione di 1.471 milioni di euro (-0,2 per cento) rispetto all

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli