Due ondate di globalizzazione: somiglianze superficiali, differenze fondamentali *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Due ondate di globalizzazione: somiglianze superficiali, differenze fondamentali *"

Transcript

1 Due ondate di globalizzazione: somiglianze superficiali, differenze fondamentali * di Richard E. Baldwin e Philippe Martin 1. Introduzione La globalizzazione sta creando un nuovo mondo coraggioso, secondo il titolo del best-seller di William Greider One World, Ready or Not. Pagina dopo pagina questo libro rivela le novità sorprendenti della nuova era, ma il primo capitolo esemplifica al meglio il tono e la prospettiva del volume: «La logica del commercio e del capitale ha sopraffatto l inerzia della politica e ha iniziato un epoca di grandi trasformazioni sociali; infatti, commercio e finanza internazionale hanno superato ogni ordine e consapevolezza esistente di popoli e società». Questa è chiaramente una esagerazione. Il mondo ha visto due ondate di globalizzazione negli ultimi 150 anni e, per alcuni aspetti, il mondo del 1914 era integrato più strettamente di quanto non sia quello odierno. Nel 1919 Keynes scriveva infatti: «Che straordinaria stagione nel progresso dell uomo fu quella che terminò bruscamente nell agosto del 1914! ( ) L abitante di Londra poteva ordinare per telefono, mentre sorseggiava il suo tè del mattino a letto, una quantità di prodotti provenienti dall intero globo e nello stesso modo poteva investire la sua ricchezza nelle risorse naturali e nelle nuove imprese di ogni angolo del globo ( ) poteva inoltre utilizzare mezzi di trasporto rapidi e a buon mercato per recarsi in ogni nazione e clima senza bisogno di passaporto o di altre formalità.» (Keynes, 1919, p.6, citato in Sachs e Warner, 1995). La globalizzazione dunque, a differenza di quanto sostengono alcuni, non appare come un fenomeno completamente nuovo. Effettivamente, molti studi recenti sulla globalizzazione sono tanto poco originali quanto i fatti che esaminano, dato che le loro analisi riecheggiano quelle condotte negli anni * Questo saggio si basa su una traduzione parziale del saggio Two Waves of Globalisation: Superficial Similarities, Fundamental Differences e sulla relazione tenuta da R. E. Baldwin alla XXI Conferenza AISRe di Palermo. La redazione del presente testo è stata curata da Mario A. Maggioni. 1

2 Sessanta sotto il titolo di analisi del processo di interdipendenza e internazionalizzazione 1. Tuttavia, l affermazione che non ci sia nulla di nuovo è altrettanto sbagliata quanto quella che sostiene che il processo di globalizzazione sia senza precedenti. La prima ondata di globalizzazione (dal 1870 al 1914) e la seconda (dal 1960 fino ad ora) sono infatti superficialmente simili ma tuttavia differiscono per alcuni aspetti molto importanti. Questo lavoro raccoglie alcune evidenze empiriche sulle due ondate concentrandosi in particolare su due 2 aspetti chiave del processo di globalizzazione: 1) industrializzazione e convergenza/divergenza del reddito; 2) commercio internazionale, investimenti, migrazioni e prezzo dei fattori. La conclusione principale che deriviamo da questo esercizio è che le due ondate di globalizzazione, pur avendo molte somiglianze superficiali, sono fondamentalmente due fenomeni diversi. Le somiglianze principali riguardano l aumento del rapporto commercio internazionale/pil e flussi di capitale/pil. Questi due rapporti registrano oggi un livello simile a quello che avevano già raggiunto alla fine del XIX secolo. Inoltre, entrambe le ondate di globalizzazione furono generate da forti riduzioni delle barriere sia tecnologiche che politiche alle transazioni internazionali 3. Ad un livello molto alto di astrazione, e facendo un po di violenza sulla realtà, noi crediamo che una differenza fondamentale consista nell impatto che queste riduzioni hanno avuto sul commercio di beni rispetto al commercio di idee. Mentre entrambe le ondate videro riduzioni di entrambi i costi, l ondata più recente è determinata pesantemente dalla drammatica riduzione nei costi di comunicazione, talvolta definita anche come morte della distanza. Una seconda differenza fondamentale riguarda le condizioni iniziali. All inizio della prima ondata il mondo era equamente ed omogeneamente povero ed agrario. All inizio della seconda ondata, il mondo era diviso radicalmente in due gruppi: nazioni industriali ricche e paesi poveri produttori di materie prime. 1 Si veda Cooper (1968) e Lindbeck (1973, 1975 e 1978); un tema importante di questa letteratura è la gestione dei cambi fissi in presenza di una crescita del commercio internazionale e della mobilità dei capitali. Da notare che Cooper negli anni Sessanta così come Greider negli anni Novanta sostennero che l internazionalizzazione superò le capacità di tenuta del sistema. Inoltre Cooper (1968, p. 273), così come Rodrick (1996, p. 63 e 1997, p. 78) e Goldsmith (1994), raccomanda il protezionismo come estremo rimedio, in alcuni casi. 2 Per ragioni di spazio e di coerenza tematica, la sezione dedicata all analisi dei flussi e dei mercati dei capitali, presente nel paper originale, è stata omessa. 3 Le ondate furono separate da periodi caratterizzati dalla ricostruzione di barriere protezionistiche al commercio internazionale e dall imposizione di vincoli e controlli sui movimenti di capitale e sull emigrazione. 2

3 2. Industrializzazione e diseguaglianze di reddito 2.1 Industrializzazione e de-industrializzazione La Rivoluzione industriale L ondata di globalizzazione della fine del XX secolo ebbe inizio quando la divergenza di reddito Nord-Sud era molto grande e de-industrializzò il Nord mentre industrializzò il Sud (o almeno una buona parte di esso). L ondata di globalizzazione della fine del XIX secolo industrializzò il Nord, deindustrializzò il Sud, e produsse un enorme divergenza di reddito tra gruppi di nazioni che inizialmente non erano molto dissimili. Questa sezione documenta questi fatti, analizzando dapprima la Rivoluzione industriale (che guidò la prima ondata della globalizzazione), studiando poi la de-industrializzazione del Terzo Mondo e soffermandosi infine sul problema della convergenza/divergenza del reddito. Il paragrafo si conclude con un accenno ad una struttura analitica che suggerisce una possibile spiegazione di questi curiosi contrasti empirici. La conseguenza della Rivoluzione industriale fu rivoluzionaria ma il processo fu evolutivo. Quella che cominciò in Gran Bretagna fu una sequenza di cento anni di cambiamenti incrementali di tipo organizzativo, sociale ed istituzionale. Questi cambiamenti gradualmente si amalgamarono in una grandiosa trasformazione dell intera economia britannica. La data iniziale di questo processo può essere fissata nel decennio intorno al 1720 ma raggiunse la massima velocità mentre il XVIII secolo stava per finire ed il XIX secolo stava per iniziare. Fissare un anno preciso per la Rivoluzione industriale è fuorviante; l accelerazione della crescita fu il frutto di molte piccole trasformazioni, non il risultato di una politica economica decisa o di un singolo cambiamento tecnologico. Ciò nonostante il 1776 sembra essere una buona data di demarcazione dato che Crafts (1995) trova un cambiamento strutturale nella crescita della produzione industriale britannica in quell anno che, convenientemente, coincide anche con la data di pubblicazione de La Ricchezza delle Nazioni di Adam Smith. I settori tessile e siderurgico ebbero ruoli decisivi nella Rivoluzione industriale, con invenzioni fondamentali nel tessile che vennero introdotte nel periodo Gli anni successivi al 1780 videro anche avanzamenti notevoli nella tecnologia della macchina a vapore. Avanzamenti importanti nella siderurgia divennero molto estesi nel periodo Tra il 1770 ed il 1840, vi furono anche progressi significativi nell industria britannica delle macchine utensili, che migliorarono di molto la precisione e abbassarono il 3

4 costo di trasformazione del ferro in beni strumentali come macchine a vapore, binari e telai. Il miglioramento del sistema di trasporti fu importante per la Rivoluzione industriale. Miglioramenti memorabili nelle reti di trasporto fluviale e stradale apparvero negli ultimi decenni del XVIII secolo. Questi espansero il mercato interno per i beni manufatti ed abbassarono il costo di reperimento delle materie prime. Per esempio, il viaggio Londra-Birmingham, che durava due giorni nel 1740, sarebbe durato solamente diciannove ore negli anni successivi al Gli avanzamenti chiave nei mezzi di trasporto generarono la prima ondata di globalizzazione intorno al Le innovazioni più importanti furono l espansione rapida delle reti ferroviarie nel periodo , e l uso esteso di navi a vapore sia sulla rete fluviale interna che nei percorsi oceanici nel periodo , secondo quanto riportato da Hugill (1993). Le ferrovie rinnovarono radicalmente il trasporto via terra esponendo al commercio mondiale numerose aree geografiche, prima isolate (le prime forme di trasporto via terra erano così costose da essere economiche soltanto per beni con un rapporto valore/peso molto elevato). Allo stesso modo, l uso del piroscafo rinnovò radicalmente il viaggio trans-oceanico. Sul finire degli anni Trenta del XIX secolo, una nave a vela di prima classe impiegava 48 giorni per giungere a New York da Liverpool e 36 giorni per ritornarvi. Dieci anni più tardi, i piroscafi avevano ridotto il viaggio normale a 14 giorni in entrambe le direzioni. Gli anni Settanta del XIX secolo videro ulteriori miglioramenti della navigazione con l intro-duzione di scafi in acciaio che erano più leggeri, più resistenti e richiedevano meno combustibile. Infine, l intero processo fu supportato dal rapido sviluppo del settore dell intermediazione finanziaria (concentrata a Londra) durante l ultima metà del XVIII secolo. Questi cambiamenti trasformarono radicalmente l economia britannica. La quota della forza lavoro occupata nel manifatturiero crebbe dal 19% (1700) al 24% (1760) e successivamente al 30% (1800) e al 47% (1840), per raggiungere un massimo del 49% nel 1870 (Crafts, 1989, p. 417). L Inghilterra si trasformò da una società prevalentemente rurale ad una urbana, con circa due terzi della popolazione residente in aree urbane. Anche se la crescita della produttività totale dei fattori non fu straordinaria, secondo Nick Crafts, la produttività del lavoro crebbe rapidamente in alcuni settori. Dal 1830 al 1860, la produzione oraria crebbe del 270% nella filature e del 708% nella tessitura del cotone (Crafts, 1989, p. 426). Durante lo stesso periodo, la Gran Bretagna divenne un paese grande importatore di beni alimentari e grande esportatore di beni industriali. 4

5 Gli effetti della Rivoluzione industriale in termini di tassi di crescita sembrano modesti rispetto ai tassi a due cifre che possono essere osservati oggi in paesi che attraversano un periodo di rapida industrializzazione. Il tasso di crescita del reddito pro-capite crebbe dalla cifra vicina allo zero della prima metà del XVIII secolo a qualcosa meno del 2-3% all anno negli anni centrali del XIX secolo. Nondimeno queste basse percentuali erano rivoluzionarie per l epoca. La crescita continua aprì la porta a miglioramenti stabili nelle condizioni di benessere materiali dell umanità. In misura ancor più rilevante, l industrializzazione alterò il carattere fondamentale dei rapporti internazionali. Dall inizio della storia fino alla Rivoluzione industriale, il reddito fu derivato principalmente dalla terra. La ricchezza basata sulla terra è un gioco a somma zero. Perciò, violenti conflitti territoriali erano inevitabili. La ricchezza basata sull industria, è invece un gioco a somma positiva, nonostante il fatto che le nozioni mercantiliste e marxiste sulla concorrenza di mercato abbiano offuscato questo messaggio per oltre un secolo. Furono necessarie due guerre mondiali per insegnare la lezione ma il concetto che più territorio uguale più potere è stato fermamente demandato alla storia intellettuale, almeno nelle nazioni industrializzate La diffusione e la penetrazione dell industrializzazione La Rivoluzione francese (1789) e le Guerre Napoleoniche ( ) dominarono gli eventi sul continente europeo durante il ventennio a cavallo della fine del XVIII secolo. Questi due eventi rimandarono anche l espansione dell industrializzazione a causa della «distruzione di capitale e perdite di manodopera; dell instabilità politica e di una diffusa ansia sociale; della decimazione dei gruppi imprenditoriali più ricchi, della presenza di ogni tipo di interruzione al commercio; di inflazioni violente e di crisi valutarie» (trad. da Landes 1969, p. 142). Il Belgio fu il primo a seguire la Gran Bretagna nella nuova era, sviluppandosi rapidamente tra il 1820 ed il Francia, Svizzera, Prussia e Stati Uniti seguirono negli anni 1830 e L industrializzazione si estese fino alla Russia, all Impero Austro-ungarico, all Italia, alla Svezia, al Canada e a gran parte dell Europa prima della fine del Rostow (1960), coraggiosamente, e controversamente, osa fissare alcune date per i decolli dei vari paesi (Tab. 1). Verso la seconda metà del XIX secolo, nuove industrie e nuovi metodi di produzione cominciarono ad emergere. In questo modo si originò quella che fu poi definita la seconda rivoluzione industriale. In settori come il siderurgico, il 5

6 chimico, le macchine elettriche ed i mezzi di trasporto, la Germania e gli Stati Uniti scavalcarono il Regno Unito. Tab. 1 Periodi dei decolli secondo Rostow Periodi dei decolli Regno Unito Francia Belgio Stati Uniti Germania Svezia Giappone Russia Canada Fonte: Rostow (1960) Il costo del trasporto via mare e via terra continuò a precipitare con ulteriori avanzamenti nelle costruzioni navali e nelle ferrovie. Entro il 1860 la maggior parte delle grandi città era connessa dalla rete telegrafica. Il primo cavo telegrafico transatlantico (1866) ed il susseguente cablaggio di tutti gli oceani rinnovò radicalmente le comunicazioni, abbassando il tempo della comunicazione intercontinentale da alcune settimane a pochi minuti. Comunicazioni più veloci e più affidabili spronarono commercio ed investimenti. Tali mutamenti furono anche fondamentali per lo sviluppo delle imprese multinazionali (Dunning 1983) La de-industrializazione del Terzo Mondo nel XIX secolo È spesso dimenticato che le ricchezze dell Oriente comprendevano molto più delle spezie. «Prima del XIX secolo, e forse non molto prima, alcuni paesi attualmente sottosviluppati, come la Cina ed alcuni parti dell India, erano ritenuti dagli europei estremamente più sviluppati dell Europa» (trad. da Kuznets 1965, p. 20). Braudel (1984) e Chaudhuri (1966) mostrano che, 6

7 durante il XVIII secolo, l industria tessile cotoniera indiana era leader globale in termini di qualità, produzione ed esportazioni. L India e la Cina del XVIII secolo producevano anche la seta e la porcellana di qualità più elevata del mondo. Prima del XVIII secolo, questi beni manufatti venivano esportati in Europa in cambio di argento perché i prodotti europei non erano considerati all altezza del mercato orientale (Barraclough, 1978). Appare evidente, dunque, che le civiltà che hanno inventato la polvere da sparo, la carta e gli strumenti di navigazione oceanici non erano, sotto nessun punto di vista, società primitive che aspettavano l Europa per potersi sviluppare. Alla fine del XIX secolo, invece, più del 70% del consumo tessile indiano viene importato (principalmente dalla Gran Bretagna) mentre l India era diventata, invece, un paese esportatore netto di cotone (Braudel, 1984). Una storia simile, anche se meno drammatica, può essere raccontata per il settore della cantieristica navale e della siderurgia indiana. Altri casi simili possono essere ritrovati in tutta l America Latina ed il Medio Oriente (Batou, 1990). Alcuni autori, come Bairoch (1993), Braudel (1984) e Bairoch e Kozul- Wright (1996) mostrano che l industrializzazione settentrionale causò la deindustrializzazione meridionale e questo amplificò la divergenza di reddito. «Sembrano esserci pochi dubbi circa il fatto che la deindustrializzazione del Sud è stata il risultato di un afflusso massiccio di importazioni manifatturiere europee. Questo fu particolarmente vero nei settore tessile e abbigliamento, dove il libero scambio internazionale espose gli artigiani ed i piccoli produttori locali al forte vento competitivo e distruttivo dei produttori settentrionali che possedevano una più elevata intensità di capitale e produttività» (trad. da Kozul-Wright e Bairoch, 1996, p. 16). La tab. 2 mostra l evoluzione dei livelli di industrializzazione e deindustrializzazione pro-capite. Si noti che tutte le nazioni ed aree sovranazionali hanno livelli iniziali molto simili. Nel 1750, tutte le nazioni europee possedevano un livello di industrializzazione compreso tra 6 ed 10 (fatto pari a 100 il livello del Regno Unito nel 1900); tutte le nazioni non-europee registravano un livello di industrializzazione compreso tra 7 e 8, fatta eccezione per gli Stati Uniti, che registravano soltanto 4. Cina e India, le principali nazioni del Terzo Mondo, seguono percorsi molto simili con una riduzione da un livello di 8 ad uno di circa 3. In tab. 2 è anche facile seguire la spettacolare performance del Regno Unito e la successiva rincorsa degli Stati Uniti. L industrializzazione del Giappone segue invece l andamento della media mondiale. Chiaramente, l uguaglianza iniziale del livello di industrializzazione procapite unito alla ridotta popolazione dell Europa significa che l industria del Terzo Mondo dominò la produzione mondiale nel XVIII secolo (Bairoch, 1982, Tavola 10). Nel 1750 il Terzo Mondo deteneva il 73% della produzione 7

8 manifatturiera mondiale e continuò a detenere una percentuale superiore al 50% fino al Entro il 1913, tuttavia, la quota del Terzo Mondo era crollata ad un mero 7,5%. Tab. 2 Livelli di industrializzazione pro-capite ( ) (valore del Regno Unito nel 1900 = 100) Paesi industrializzati Europa Europa (senza il Regno Unito) Austria-Ungheria Belgio Francia Germania Italia Russia Spagna Svezia Svizzera Regno Unito Paesi extraeuropei Canada Stati Uniti Giappone Paesi del Terzo Mondo Cina India-Pakistan Brasile Messico Media mondiale Fonte: Table 9, Bairoch (1982). Questa deindustrializzazione dell era coloniale aiuta a spiegare perché molti paesi del Terzo Mondo sono stati molto diffidenti riguardo al libero commercio internazionale fino ad un periodo recente. 8

9 2.1.4 L industrializzazione/deindustrializzazione del XX secolo Mentre la crescita del reddito dei precursori nella prima ondata di globalizzazione fu chiaramente basata sull industrializzazione, l opposto sembra invece succedere per la seconda ondata. Effettivamente, se si esclude una manciata di nazioni di recente industrializzazione (NICs), la convergenza fra i paesi ad alto reddito è stata accompagnata da una marcata deindustrializzazione. La tab. 3 presenta, su questo tema, alcuni dati. Come si può notare, la quota di forza lavoro occupata nell industria si è ridotta per la maggior parte delle nazioni OCSE tra il 1950 ed il Infatti, il tasso annuo di de-industrializzazione si è accresciuto bruscamente mentre la globalizzazione è aumentata negli anni Ottanta. Tab. 3 Quota di occupazione nel settore industriale (Nazioni OCSE, % di forza lavoro Australia Stati Uniti Canada Austria Belgio Danimarca Finlandia Francia Germania Italia Olanda Norvegia Svezia n.d. Svizzera Regno Unito Giappone Fonte: Maddison (1989), Tabella C-10; World Bank (1997). 2.2 Divergenza del reddito mondiale nella prima e nella seconda ondata 9

10 2.2.1 La globalizzazione del XX secolo Nel contesto dell intera storia dell umanità, l attuale vasta disparità di reddito tra Paesi ricchi e poveri è un fenomeno abbastanza recente. Fino alla Rivoluzione industriale, il mondo intero era povero e la logica di Malthus lo tenne in quello stato. Le globalizzazioni dei secoli XIX e XX produssero divergenza di reddito a livello del mondo intero così come convergenza fra un piccolo gruppo di nazioni ricche. In altre parole, l andamento twin peaks della convergenza che molto è stato discusso negli anni recenti (si veda Quah, 1996), si verificò anche durante la prima ondata di globalizzazione. La letteratura sulla convergenza di club e sugli andamenti twin peaks, è talmente sviluppata e nota che noi possiamo solo riprendere alcuni fatti di base ed offrire alcune referenze bibliografiche. Secondo Jones (1997) e Pritchett (1997), il livello del reddito delle nazioni capitaliste ed avanzate converge sostanzialmente verso quello degli Stati Uniti mentre il reddito degli Stati Uniti avanza ad un tasso annuo di circa il 2%. Inoltre, il reddito di alcuni paesi di nuova industrializzazione (NIC) è cresciuto ad un ritmo veramente straordinario, permettendo loro di raggiungere le nazioni più ricche del mondo. Al contrario, il reddito di molte nazioni africane, latino-americane e asiatiche - tra gli anni Sessanta e gli anni Novanta - è cresciuto ad un tasso molto più basso di quello degli Stati Uniti. Fig. 1 Distribuzione dei Paesi secondo il PIL per occupato Densità di paesi PIL per occupato in rapporto agli Stati Uniti (Scala logaritmica) La fig. 1 illustra questa storia di convergenza e divergenza. La distribuzione approssimativamente campanulare del 1960 diventa una distribuzione bimodale ( twin peaks ), con le nazioni ricche che diventano più ricche (relativamente 10

11 agli Stati Uniti) e le nazioni povere che diventano più povere (sempre relativamente agli Stati Uniti). Jones (1997) mostra che le cose sembrano leggermente più rosee quando i redditi nazionali vengono ponderati per la popolazione (principalmente perché India e Cina sono cresciute più velocemente degli Stati Uniti) La globalizzazione del XIX secolo L insufficienza di dati rende più difficile documentare i cambiamenti nella distribuzione del reddito mondiale durante la prima ondata di globalizzazione. Ciononostante, molti autori - Braudel, Kuznets, Baumol, Pritchett e Maddison fra gli altri - sostengono che una grande divergenza di reddito Nord-Sud è apparsa con la prima Rivoluzione industriale. La tab. 4, sulla base dei dati sul reddito pro-capite, presenta alcune informazioni sull allargamento della distribuzione del reddito in Europa durante la prima ondata di globalizzazione. Le prime due colonne mostrano, per ogni nazione, il reddito pro-capite a confronto con quello della Gran Bretagna, rispettivamente nel 1860 e Poco meno della metà dei paesi ridusse le distanze con il Regno Unito. Per alcune nazioni - Canada, Germania, Belgio, Danimarca, Francia, Svezia, Svizzera, e Argentina - questa ondata marcò una fase di rincorsa veramente straordinaria e addirittura gli Stati Uniti superarono la propria precedente dominatrice coloniale. Ma undici delle venti nazioni europee, nel campione di Bairoch, e tutte le nazioni asiatiche, nel campione di Maddison, persero terreno. Per alcuni paesi, come il Portogallo, la caduta fu drammatica. Le ultime due colonne mostrano calcoli simili effettuati utilizzando i dati di Maddison (1995). Se la tab. 4 venisse rappresentata graficamente si potrebbe notare che la distribuzione del reddito nel 1910 è qualcosa di simile ad una espansione che preserva la media della distribuzione del Lo spostamento verso sinistra dei paesi con redditi più bassi è particolarmente marcato. I dati di Maddison producono conclusioni simili 4. In breve, le due ondate di globalizzazione diedero luogo, nello stesso momento, ad una divergenza di reddito complessiva con una convergenza tra paesi più ricchi. Le forze della storia aiutano a plasmare questi sviluppi dei redditi procapite, e noi ora accenneremo ad una semplice struttura analitica che permette lo studio di queste forze. Tuttavia, è importante riconoscere che questi cambiamenti furono anche pesantemente influenzati dalle scelte dei policymakers. 4 Il declino relativo della Russia e delle nazioni popolose dell Asia, insieme con la rincorsa di Stati Uniti, Germania, Benelux e delle nazioni scandinave, assicura un andamento bi-modale. 11

12 Tab. 4 Convergenza/divergenza del reddito ( ) - numeri indice del PIL procapite, Regno Unito = 100 Dati di Bairoch Dati di Maddison Danimarca Canada Germania Stati Uniti Svizzera Argentina (b) Svezia Irlanda (b) Belgio Germania Finlandia Finlandia (a) Francia Svezia Olanda Belgio Regno Unito Italia (a) Norvegia Danimarca Romania Messico Russia Regno Unito Italia Norvegia Austro-Ungheria Austria Bulgaria Olanda Grecia Francia Spagna Russia (a) Serbia Giappone (a) Portogallo Cecoslovacchia Spagna Pakistan (a) Svizzera Cina (a) Indonesia India Bangladesh (a) Ungheria (b) Brasile Thailandia (b) Portogallo Australia

13 Nota: (a) dato del 1820; (b) dato del 1870 Fonte: Maddison (1995), Tabella C16 e D1, Bairoch (1989), Tabelle 1 e Una formulazione analitica Le evidenze empiriche sulla convergenza/divergenza e quelle sull industrializzazione/deindustrializzazione sono di interpretazione difficile 5. Riassumendo, si è visto in precedenza che la prima ondata di globalizzazione industrializzò il Nord e de-industrializzò il Sud. Questo, a sua volta, generò una vasta divergenza di reddito tra gruppi di paesi che, inizialmente, non erano molto distanti. La seconda ondata cominciò da una differenza di reddito molto grande e de-industrializzò il Nord mentre industrializzò il Sud (o almeno una buona parte di esso). Perché mai dunque la globalizzazione dovrebbe prima aumentare e poi ridurre le differenze di reddito? E perché mai questa convergenza ad U dovrebbe essere associata con le de-industrializzazione delle nazioni ricche? Sembrerebbe che le intuizioni della teoria della crescita endogena di Romer e quelle della nuova geografia economica di Krugman possano fornire un rigoroso, anche se estremamente astratto, contesto per organizzare le nostre riflessioni circa le spiegazioni economiche di questi eventi 6. La struttura è quella di un modello di stadi di crescita con quattro fasi e due regioni (Nord e Sud) che sono inizialmente identiche. Nel primo stadio, quello della pre-globalizzazione, i costi di trasporto sono alti. C è poco commercio internazionale e l industria è primitiva, poco diffusa e stagnante. A causa degli alti costi di trasporto, l industria è dispersa tra il Nord e il Sud. Questa stessa dispersione geografica contribuisce alla stagnazione industriale nel modo seguente. La dispersione impedisce le interazioni fra imprenditori. Ciò ostacola la diffusione dell innovazione che potrebbe sorgere dal cambiamento tecnologico generato in un luogo o in un altro. La riduzione degli spillover ostacola l innovazione e il progresso tecnologico ed, in questo modo, la crescita dell economia mondiale viene ritardata. 5 I primi contributi accademici su questo argomento, come quello di Barro e Sala-i-Martin (1995) suggerivano che la convergenza del reddito fosse dimostrazione delle validità dei modelli neo-classici di crescita e la divergenza dei modelli di crescita endogena. La nitidezza di questa predizione è diventata molto più sfumata più recentemente con esempi di modelli di nuova teoria della crescita che producono convergenza (Leung e Quah, 1996) e di modelli neo-classici che producono divergenza (Baldwin, 1998). Questa letteratura, tuttavia, è di poca utilità nello spiegare l inversione della convergenza che si osserva nei dati storici. 6 Si veda Baldwin, Martin e Ottaviano (1997) per una rigorosa presentazione analitica. 13

14 Nel secondo stadio, quando i costi di trasporto sono sufficientemente diminuiti, le forze agglomerative (del tipo accennato in Krugman, 1991) rendono la distribuzione equanime dell industria un equilibrio instabile. In questo mondo estremamente stilizzato, le regioni sono inizialmente identiche, così sono le circostanze a determinare la regione che si sviluppa. Qualsiasi regione (ad esempio il Nord) che abbia un vantaggio pur piccolo, viene a trovarsi in un circolo virtuoso. Il reddito più elevato produce un più vasto mercato locale nel Nord e questo a sua volta attira relativamente più investimento al Nord. Chiaramente, i tassi di investimento più elevati conducono ad una crescente divergenza nelle dimensioni del mercato ed il ciclo ricomincia. La spirale è anche favorita dalla natura localizzata degli spillovers tecnologici. In altre parole, l industria e gli innovatori settentrionali beneficiano proporzionalmente più di quelli del Sud della crescente industrializzazione del Nord. Mentre il Nord sperimenta questa stilizzata Rivoluzione industriale, l industria meridionale scompare rapidamente di fronte alla concorrenza delle esportazioni settentrionali. In un processo che si autosostiene, il Nord si specializza nei beni manufatti ed il Sud in beni primari. In breve, la prima ondata di globalizzazione, che è provocata da costi più bassi di trasporto dei beni, genera un processo di netta specializzazione che nello stesso tempo promuove ed è promosso dal crescente commercio internazionale. La divergenza di reddito Nord-Sud, l industrializzazione settentrionale e la de-industrializzazione del Sud appaiono tutti come risultati spontanei del modello. Durante questa prima ondata di globalizzazione (secondo stadio del modello), il costo del commercio internazionale di beni cala più velocemente del costo del commercio di idee e di innovazioni. Dal 1910 a tutti gli anni 60 la struttura Nord-ricco / Sud-povero rimase immutata. Durante questo stadio, che riflette alcuni importanti elementi della seconda ondata di globalizzazione, il costo di trasporto di beni raggiunse lentamente il limite naturale più basso possibile, mentre il costo di scambio delle idee continuò a crollare a causa del calo nel costo delle telecomunicazioni. Questo fatto stilizzato, che chiaramente è mostrato nella sezione 3.2.2, introduce il quarto stadio in cui si assistette al decollo di una serie di nazioni in via di sviluppo. Quando il costo di trasporto delle idee si riduce sufficientemente, la configurazione alla centro-periferia diviene instabile, questa volta a causa delle forze centrifughe alla Krugman. Innovatori e industriali meridionali che ora hanno accesso facile alla tecnologia del Nord e costo del lavoro ridotto, cominciano a ridurre la divergenza del reddito. Quando gli investimenti industriali crescono nel Sud, cresce anche il reddito, stimolando l investimento locale, l industrializzazione meridionale e l ulteriore crescita del reddito. Ora sono i paesi meridionali a porsi sulla spirale virtuosa crescita- 14

15 industrializzazione-crescita. L industria settentrionale soffre a causa della nuova concorrenza. Il Nord sperimenta la de-industrializzazione e tende a specializzarsi maggiormente nei servizi. In quest ultimo stadio, le due regioni convergono verso livelli di reddito e di industrializzazione simili. A prima vista, questa struttura analitica sembra sostenere le tesi strutturaliste del commercio internazionale come creatore di diseguaglianze. In questo mondo astratto, la grande divergenza tra paesi ricchi e poveri è invece un implicazione necessaria della Rivoluzione industriale dell Europa e l espansione del commercio internazionale è la causa di entrambe le dinamiche. Il modello si differenzia dalle posizioni strutturaliste su un punto chiave. Mentre la globalizzazione genera dapprima la divergenza massiccia di redditi reali, esso diviene poi la forza trainante dell industrializzazione e dello sviluppo del Sud, generando la convergenza del reddito. 3. Commercio internazionale, investimenti esteri, migrazione e prezzi dei fattori 3.1 Premessa Fino alle recenti crisi finanziarie asiatiche, la crescita rapida del commercio internazionale e degli investimenti esteri era il sintomo di globalizzazione più citato e temuto. In molti ambienti (specialmente negli Stati Uniti) vi è ancora la convinzione che il livello attuale di apertura internazionale sia senza precedenti e che questa apertura conduca i policy-makers in acque sconosciute. È facile capire questo atteggiamento: il commercio estero degli Stati Uniti incideva meno del 5% del PIL nel 1960 ed ora tale livello è più che raddoppiato. La crescita del rapporto commercio/pil per la media OCSE è di circa il 50%, ma anche questo dato è molto rilevante. Per gli esperti, la convinzione popolare che questa ondata di globalizzazione sia senza precedenti ed abbia cambiato completamente la scena internazionale è del tutto sbagliata, o quantomeno esagerata. Come sostiene Krugman (1995, p.327) «l economia americana odierna non è, e non potrà mai essere, dipendente dalle esportazioni come lo era quella della Gran Bretagna durante il regno della Regina Victoria». La citazione storica di Krugman è corretta ma non dice tutto. In termini di flussi commerciali, la prima e la seconda ondata di globalizzazione sono superficialmente simili ma fondamentalmente diverse. Questa sezione confronta le due ondate in termini di commercio internazionale, investimenti diretti all estero, migrazioni e movimenti dei prezzi dei fattori di produzione. 15

16 3.2 Commercio internazionale Evoluzione Il commercio internazionale su larga scala nacque nel XIX secolo. Tra la sconfitta di Napoleone e la prima guerra mondiale, il commercio europeo era cresciuto di quasi quaranta volte, mentre nei cento anni precedenti era solamente raddoppiato (Bairoch, 1989). Dalla fine del XIX secolo, un complesso ma sbilanciato sistema di commercio internazionale aveva preso forma. Harley lo descrive in questi termini. «Gli Stati Uniti esportavano in misura considerevole verso l Europa ed importavano, dalle economie meno sviluppate della periferia, materie prime tropicali, come iuta, zucchero e caffè. Le nazioni europee continentali, considerate come gruppo, equilibravano le importazioni di generi alimentari dei climi temperati e tropicali e di materie prime esportando beni manufatti verso la Gran Bretagna. La Gran Bretagna, a sua volta, ricavava dei surplus vendendo beni manufatti alla periferia, gestendo servizi finanziari e di trasporto navale, e promuovendo vasti investimenti esteri» (Harley, 1996, p.xii). Il Regno Unito esportava beni manufatti agli Stati Uniti ed all Europa continentale, ma questi beni erano diversi dai beni industriali che la stessa nazione importava da quelle regioni. In parole povere, secondo Harley (1996), il Regno Unito esportò vecchi beni industriali (tessili, abbigliamento, ferro, materiale navale e ferroviario) mentre gli Stati Uniti e i paesi continentali si concentrarono sui nuovi beni industriali (chimica, acciaio e meccanica). Il contrasto con l odierna struttura del commercio internazionale è straordinario. Le nazioni in via di sviluppo sono molto meno importanti nel sistema di oggi e la composizione merceologica delle esportazioni fra le nazioni sviluppate è molto più simmetrica. In particolare, la maggior parte del commercio internazionale del mondo (circa i due terzi) si genera fra nazioni ricche, che hanno simili dotazioni di fattori. Inoltre, la maggior parte di questo commercio (circa i tre quarti) è commercio bilaterale di beni manufatti. Anche quando si scenda ad un livello più fine di disaggregazione settoriale e ci si concentri su nazioni molto simili, si può notare come il commercio mondiale sia dominato da commercio intra-industriale di prodotti simili. 16

17 Diamo ora un occhiata da vicino agli sviluppi sopra descritti. Iniziamo l analisi dai costi di trasporto e dalle barriere commerciali, per poi soffermarci sul rapporto commercio internazionale-pil, ed esaminare infine la direzione geografica e la composizione settoriale del commercio internazionale Barriere commerciali I costi di trasporto nella prima ondata L innovazione tecnologica e gli investimenti in infrastrutture abbassarono radicalmente i costi di trasporto alla fine del XIX secolo. Trasporti oceanici più veloci e più convenienti facilitarono il commercio fra città costiere come Londra, Calcutta e New York. Per esempio, Harley (1980) stima che il costo di trasporto di uno staio di grano da New York a Liverpool si dimezzò (da 0,25 dollari) tra il 1870 ed il 1880, e si dimezzò di nuovo tra il 1880 ed il Ma ciò è solamente un aspetto del problema. Secondo le sue stime, trasportare grano da Chicago a New York nel 1880 costava tanto quanto trasportarlo da New York a Liverpool. Harley mostra anche che i costi di trasporto via terra si dimezzarono nei periodi tra il 1870 e il 1880 e tra il 1880 e il Siccome il grano era venduto a Chicago per circa un dollaro allo staio in tutto il periodo fra il 1870 e il 1914, la riduzione dei costi di trasporto ebbe un impatto enorme sul commercio mondiale di grano. Storie simili possono essere raccontate per altri prodotti di base come ferro e carbone. Treni e navi, evidentemente, fanno viaggi di andata e ritorno, così i miglioramenti nei trasporti facilitarono la globalizzazione espandendo mercati per i centri urbani industriali e per le località che producevano beni alimentari. Tutto questo produsse dei cambiamenti quantitativi per le economie atlantiche, ma per nazioni con vasti territori interni - come il Nord America, l America Latina, e l Europa Centrale - i miglioramenti nel trasporto costituirono una vera e propria rivoluzione, aprendo nuove frontiere all insediamento della popolazione. Questo, a sua volta, facilitò la migrazione massiccia di persone e capitale nel tardo XIX secolo 7. La tab. 5, basata su Bairoch (1989), illustra l impatto radicale di queste innovazioni sui costi di trasporto. Essa mostra anche chiaramente come le riduzioni dei costi di trasporto furono sistematicamente più importanti per il commercio di materie prime e per le commodities. 7 A questo specifico argomento è dedicata la sezione

18 Tab. 5 Costi di trasporto per un ipotetica spedizione di km (beni diversi, in % del costo di produzione) Grano 79,0 76,0 41,0 27,5 Ferro (lingotti) 91,5 71,0 33,0 19,0 Prodotti in ferro 27,0 21,0 10,0 6,0 Cotone (in filiali) 11,0 8,5 3,5 2,5 Cotone (tessuti) 9,5 8,0 4,5 2,0 Fonte: Bairoch (1989) Il primo cavo di telegrafo transatlantico fu posato nel 1866 e già all inizio del XX secolo, il mondo intero era cablato. Questo fu un cambiamento radicale che ridusse il tempo di comunicazione da mesi a minuti I costi di trasporto e di comunicazione nella seconda ondata Nel secondo dopoguerra, i costi di spedizione oceanici continuarono a declinare notevolmente fino al Anche i costi del trasporto aereo si ridussero drammaticamente, ma l andamento si appiattì negli anni Ottanta. Nello stesso periodo i costi di comunicazione continuarono invece a calare, come mostra la fig. 2. Fig.2 Costi di trasporto e di comunicazione ( ) 18

19 Frances Cairncross documenta ulterioriormente il ribasso straordinario nel costo di commercio delle idee nel suo libro La morte della distanza. I costi di una telefonata di 3 minuti da New York a Londra calano approssimativamente da 250 dollari nel 1930 ad alcuni penny oggi. Tale riduzione è molto recente: anche nel 1960, questa chiamata sarebbe costata circa 50 dollari. L espansione molto recente di capacità telefonica è ugualmente impressionante, come mostra la tab. 6. L ultima colonna nella tabella presenta anche cifre sulla crescita esponenziale della più recente forma di comunicazione e cioè Internet. Tab. 6 Capacità telefonica e internet host Transatlantico Transpacifico Internet host ,0 41,0 5, ,0 141,2 517, ,6 1098, ,0 2000* 2048,3 1889, ,0 Nota: *proiezione della capacità minima Fonte: Cairncross (1997) Comunicazioni così convenienti hanno modificato la natura del commercio internazionale e dell investimento. Cairncross (1997) è ricco di aneddoti del tipo seguente. Usando Internet, una ditta di contabilità (Dyer Partnership) dell Inghilterra meridionale gestisce il reparto contabilità, bilancio e finanza di un produttore ucraino di turbine. Dyer si occupa della redazione del bilancio e dello stato patrimoniale dell impresa ucraina. Oltre a cambiamenti nei costi di trasporto e di comunicazione, le due ondate hanno causato anche importanti modifiche nelle politiche commerciali. Nonostante sia difficile da documentare, l aumentata facilità ed affidabilità ed il più basso costo delle telecomunicazioni hanno promosso indubbiamente l esplosione degli investimenti diretto all estero (IDE). Questo è specialmente vero per gli IDE nel settore dei servizi nel quale filiali estere straniere vendono spesso informazioni o expertise Le tariffe di allora e di adesso Il XIX secolo vide sia la crescita della liberalizzazione del commercio internazionale sia lo sviluppo del protezionismo moderno. Bairoch (1989) e Harley (1996) distinguono quattro periodi: l ascesa del liberalismo britannico ( ), la diffusione del libero scambio europeo ( ), il periodo liberale ( ), ed il ritorno del protezionismo nel continente mentre la Gran Bretagna rimaneva aperta ( ). Nonostante alcuni brevi periodi di 19

20 libero scambio, le nazioni avanzate non-europee, specialmente gli Stati Uniti, rimasero protezionisti fino a dopo la seconda guerra mondiale. Le nazioni coloniali, che non godevano di autonomia politica, avevano politiche liberali di scambio (almeno con le rispettive madri patria) per la maggior parte di questo periodo (Bairoch, 1989). Il periodo dal 1815 al 1846 vide l affermazione della supremazia economica della Gran Bretagna ed il suo abbraccio con il libero scambio; la liberalizzazione delle importazioni di grano (abrogazione delle Corn Laws ) fu l evento principale nel Anche le altre potenze europee si mossero verso il libero scambio durante questo periodo. Questo tuttavia comportò uno spostamento da un rigido mercantilismo e da mercati interni frammentati al protezionismo moderno. La Germania stabilì il libero commercio al proprio interno nello Zollverein ma elevò le tariffe esterne. L Austria-Ungheria, la Francia, la Russia ed altri paesi abbassarono i dazi doganali e le tasse dell esportazione all interno e passarono dalla proibizione all importazione di beni manufatti esteri all imposizione di tariffe molto alte. Tab. 7 Tariffe sui beni manufatti 1820, 1875 e 1913 (in percentuale) circa Austria-Ungheria proibizione Belgio (a) Danimarca Francia proibizione Germania (b) n.d Italia n.d Portogallo n.d na Russia proibizione Spagna proibizione Svezia (Norvegia) proibizione Svizzera Paesi Bassi (a) Regno Unito USA Argentina n.d. n.d. 28 Brasile n.d. n.d Colombia n.d. n.d Messico n.d. n.d Cina n.d. n.d. 4-5 Iran n.d. n.d. 3-4 Siam n.d. n.d

21 Turchia n.d. n.d Note: (a) il Belgio era parte dei Paesi Bassi nel 1820; (b) dati prussiani per al Germania nel Fonte: Bairoch (1989); Bairoch e Wright-Kozul (1996). La tab. 7 mostra come anche se le barriere commerciali del tardo XIX secolo erano più basse di quelle della prima parte del secolo, il periodo tra il 1875 e il 1914 fu segnato dappertutto ad eccezione del Regno Unito e dei paesi del Benelux da barriere doganali elevate o crescenti. La più recente ondata di globalizzazione è contrassegnata anche dalla liberalizzazione delle tariffe. Fin dalla firma del GATT alla fine degli anni 40, tutte le nazioni sviluppate hanno liberalizzato progressivamente le tariffe e le altre misure sull importazione di beni industriali. La tab. 8 mostra che, a parte il caso dell abbigliamento e di altri pochi settori in cui vi sono importanti protezioni specifiche (principalmente misure anti-dumping su chimica ed acciaio), le nazioni ricche odierne sono tanto aperte oggi quanto lo erano le nazioni europee più liberali negli anni La tabella mostra anche che le protezioni al commercio nel mondo (almeno le forme più facilmente quantificabili di protezione) sono limitate a due categorie: beni industriali nelle nazioni in via di sviluppo e beni agricoli nelle nazioni sviluppate. Tab. 8 Protezione del commercio di beni dopo l Uruguay Round (in percentuale di equivalenti tariffari). NAFTA EU15 Giappone 21 Mediterraneo e Medio Oriente Africa sub saharia America na del Sud Asia granaglie altri prodotti agricoli cibo trasformato legname pesca minerali tesssile abbigliamento cellulosa, carta beni petroliferi chimica, plastica, gomma acciaio metalli non ferrosi prodotti in metallo

22 mezzi di trasporto macchine utensili altri beni manufatti Fonte: Global Trade Analysis Project dataset, versione 3,1996. Le politiche di libero scambio si diffusero lentamente e sporadicamente nelle economie continentali dal 1846 al Dopo il 1860, le politiche commerciali liberali si diffusero rapidamente in Europa attraverso un sistema di trattati bilaterali (i cosiddetti trattati di Cobden-Chevalier). Siccome questi trattati includevano generalmente la clausola della nazione più favorita, essi stabilirono di fatto il libero scambio multilaterale in Europa. Queste politiche liberali - che durarono fino alla fine del furono amplificate dalla liberalizzazione naturale, cioè dalla forte riduzione dei costi di trasporto (vedi sopra). Il protezionismo ritornò nell Europa continentale dopo il Per gli agricoltori, la rinnovata protezione riuscì appena a compensare la brusca caduta del prezzo del grano dovuta alle riduzioni nei costi di trasporto (Bairoch, 1989). Per i beni manufatti, al contrario, le nuove tariffe ridussero bruscamente o prevennero aumenti nelle importazioni industriali, specialmente dalla Gran Bretagna. La tab. 9 offre una prospettiva di lungo periodo sulle politiche tariffarie degli Stati Uniti. Essa mostra chiaramente come la posizione libero-scambista degli Stati Uniti sia un evento molto recente (se si eccettuano alcuni brevi episodi del liberalismo intorno al 1850 e negli anni Venti). Le cifre mostrano anche chiaramente l aumento del protezionismo negli Stati Uniti nel periodo interbellico. Tab 9 Tariffe U.S.A. ( ) % delle importazioni totali 22 % delle esportazioni tassabili ,4 45, ,8 54, ,3 31, ,3 20, ,3 46, ,9 48, ,1 41,3

23 3.2.3 Flussi commerciali ,9 37, ,1 37, , ,4 39, ,5 28, ,5 10, ,5 5, ,6 5,4 Fonte: Bairoch (1993) Il rapporto commercio internazionale-pil La tab. 10 mostra i rapporti fra commercio internazionale totale (importazioni più esportazioni) e PIL per 11 nazioni sviluppate negli anni 1870, 1910, 1950 e 1995 (le date esatte per le prime tre colonne variano leggermente a seconda delle nazioni a causa della disponibilità di dati). Le prime due colonne mostrano che la maggior parte delle nazioni sperimentò un aumentata apertura durante la prima ondata di globalizzazione. Gli aumenti di Giappone, Svezia e Danimarca furono piuttosto sostenuti, mentre quelli di altre nazioni furono più modesti. Il Regno Unito e la Germania, per esempio, avevano già sperimentato la maggior parte della loro apertura entro il Le quote di Stati Uniti, Australia e Canada al contrario, si ridussero durante questo periodo. Una parte di questo andamento deriva dai cambiamenti nei prezzi relativi tra le esportazioni tipiche di questi paesi (principalmente beni agricoli, e specialmente grano) e la produzione interna; ma una gran parte è dovuta al fatto che essi non liberalizzarono interamente le loro tariffe. Queste nazioni furono cambiate profondamente dalla prima ondata di globalizzazione e per loro i flussi internazionali di persone, capitale e tecnologia furono di gran lunga più rilevanti del commercio internazionale. Tab. 10 Rapporto commercio internazionale/pil in diversi anni (%) Regno Unito Francia Germania Italia Danimarca

24 Norvegia Svezia U.S.A Canada Australia Giappone Note: Le date esatte variano per ogni nazione, Fonte: Kuznets (1967), World Bank (1997). Tutti i paesi tranne il Canada videro calare significativamente i propri tassi di apertura tra il 1910 ed il Tutti inoltre, ad eccezione del Giappone, hanno oggi raggiunto o superato i precedenti livelli di apertura. A questo livello di disaggregazione e ad un livello superficiale vi è poco di nuovo nella seconda ondata di globalizzazione. Tuttavia, come ha notato Lindbeck (1973), i denominatori di questi rapporti nel XIX secolo consistevano principalmente di attività economica privata. Nelle moderne economie, invece, il settore pubblico incide per una quota che varia tra il 30% e il 50% del PIL. Per questo motivo, la quota dell attività economica privata esposta alla concorrenza internazionale è ora molto più grande di quanto non lo fosse nell ondata di globalizzazione dell epoca vittoriana. La fig. 3 presenta una serie temporale più dettagliata per Stati Uniti e Regno Unito. Essa mostra che gli Stati Uniti non sono ancora più aperti di quanto fosse il Regno Unito nel 1850; la figura mostra anche che il picco di apertura nel Regno Unito precedette la prima ondata di globalizzazione e che gli Stati Uniti contrastarono il trend di apertura divenendo progressivamente più chiusi durante il periodo Dalla seconda guerra mondiale, tuttavia, gli Stati Uniti si sono aperti notevolmente. Questo può forse aiutare a spiegare perché la scuola di pensiero la globalizzazione è senza precedenti è così forte negli Stati Uniti. Fig. 3 Rapporto tra commercio internazionale e reddito nazionale lordo (Stati Uniti e Regno Unito, ) 24

25 La direzione del commercio internazionale Come mostra la tab. 11, la direzione del commercio internazionale per i paesi continentali è straordinariamente stabile da circa 150 anni. Nonostante l integrazione profonda dell Europa Occidentale, tra il 1910 ed il 1996, abbia aumentato la regionalizzazione del commercio in Europa, il suo impatto non è stato poi così rilevante. Le esportazioni dell Europa verso l Europa crebbero da circa due terzi nel 1860 a circa tre quarti nel Le esportazioni europee verso l Asia si sono allontanate di poco dalla cifra del 10% e le esportazioni europee verso il Nord America sono rimaste immutate tra il 1910 ed il La regionalizzazione è cresciuta maggiormente dal lato delle importazioni tra il 1910 ed oggi, ma molto di questo ha a che fare con l aumentata importanza dei prodotti manifatturieri nel paniere delle importazione europee. Tab. 11 Direzione del commercio internazionale, (Regno Unito ed Europa , 1910, 1996) % del totale Esportazioni Europa Nord America Sud America Asia Africa Altri 8 Si veda Anderson e Norheim (1933) per un analisi di lungo periodo della regionalizzazione del commercio mondiale. 25

26 1860 Regno Unito 46,7 25,5 11,5 12,8 2,5 1 Europa 67,5 9,1 7,7 10 3,2 2, Regno Unito 35,2 11,6 12,6 24,5 7,4 8,6 Europa 67,9 7,6 4,2 9,8 4,8 2, Regno Unito 59,7 13,3 1,8 11,2 2,6 11,4 Europa 76,2 7,2 2,1 10,7 2,5 1,3 Importazioni 1860 Regno Unito 31 26,7 10,1 23,2 4,5 4,5 Europa 61 14,3 7,8 12,1 3,2 1, Regno Unito 45,1 23,8 9,1 10,3 4,8 6,9 Europa ,2 10 4,5 3, Regno Unito ,9 16,9 1,9 8,1 Europa 70,7 8,5 2,9 10,5 2,7 4,7 Nota: L' Europa diventa UE 15 nel 1996 Fonte: Bairoch (1974); IMF (1997). Il messaggio di fondo delle quote di commercio immutate non vale per il Regno Unito. Mentre si affermava la prima ondata di globalizzazione, le esportazioni del Regno Unito si dirigevano in modo crescente verso le proprie colonie (ed in particolare verso l India). La quota di esportazioni britanniche verso il continente calò da metà a circa un terzo. Questo è dovuto, in parte, alle crescenti barriere tariffarie continentali, ma anche alla rapida industrializzazione dell Europa occidentale. L aumentata importanza dei mercati asiatici e africani è ben visibile: le esportazioni verso l Asia raddoppiano e quelle verso l Africa crescono di una volta e mezza La composizione del commercio internazionale I beni manufatti dominano oggi il commercio mondiale. Nel 1996, per esempio, tali prodotti contavano per il 73% del commercio mondiale (WTO, 1997). Sebbene i bassi prezzi di combustibile e beni alimentari abbiano accresciuto ulteriormente la quota dei beni manufatti negli anni recenti, l importanza del settore manifatturiero è cresciuta stabilmente dal Inoltre, il dominio dei prodotti manifatturieri è confermato sia dalle importazioni che dalle esportazioni nelle nazioni sviluppate, che incidono per due terzi sul commercio mondiale. Per esempio, secondo il WTO (1997), i prodotti manufatti costituiscono il 77,6% delle esportazioni europee e il 72,7% delle importazioni europee. Per il Nord America, le cifre sono del 73,8% per le esportazioni e del 78,2% per le importazioni. Il Giappone, le cui cifre corrispondenti sono il 94,9% e il 54,3%, rappresenta una eccezione, ma questo paese incide appena il 10% sul commercio mondiale. 26

27 Nel tardo XIX secolo, i prodotti industriali erano molto importanti nelle esportazioni delle nazioni sviluppate ma non molto nelle loro importazioni. La tab. 12 presenta alcune cifre che illustrano questo fenomeno. Per le nazioni più industrializzate, come Regno Unito, Germania e Francia, i prodotti manifatturieri erano due o tre volte più importanti nelle esportazioni che nelle importazioni. Per gli Stati Uniti e l Italia le cifre sono all incirca bilanciate ma ad un livello molto basso secondo gli standard moderni. A quel tempo, le economie di Danimarca, Svezia e Canada erano ancora basate sui beni primari e questo è riflesso nello squilibrio dei prodotti manufatti tra le loro importazioni ed esportazioni. Tab. 12 Quota percentuale di beni manufatti sul totale di esportazioni e importazioni (1910 e 1993) Regno Unito esportazioni importazioni esportazioni importazioni Francia 75,4 24, ,2 Germania 59,2 25, ,6 Italia 74,5 24, ,6 Danimarca 38,3 38, ,9 Svezia 9,10 28,1 66 n.d. USA 33,6 56,0 85 n.d. Canada 47,5 40, ,1 Giappone 19,9 62, ,9 80,8 38, ,3 Fonte: Kuznets (1967); World Bank (1997); WTO (1994) Commercio con i paesi emergenti Alcuni studiosi, ed in particolare Ed Leamer, vedono la globalizzazione del secondo dopoguerra suddivisa in due fasi distinte. Durante la prima fase, che va dal 1950 al 1979 circa, l espansione commerciale e rapida consistette primariamente nel commercio Nord-Nord in beni manifatturieri. Le nazioni in via di sviluppo svolsero solamente un ruolo minore (in termini di volume) nel commercio internazionale e molto di questo commercio era dominato dalle 27

28 esportazioni di beni primari. Durante la seconda fase, invece, la liberalizzazione commerciale e la rapida industrializzazione cambiarono la natura della partecipazione del Terzo Mondo nel sistema del commercio mondiale. In breve, queste nazioni divennero esportatori di beni industriali, specialmente di quelli ad alta intensità di lavoro. Questo è molto importante, secondo Leamer e Wood, perché questi beni competono direttamente con quelli prodotti nelle economie sviluppate. Il collegamento tra questo fenomeno ed il mercato del lavoro è considerato più avanti. Qui ci concentriamo invece sul commercio internazionale. Le importazioni dalle economie emergenti (il sottoinsieme di nazioni in via di sviluppo che sono cresciute rapidamente dal 1970 o 1980) ancora è una piccola quota del PIL: circa il 2% per gli Stati Uniti e l 1,5% per il totale OCSE (OCSE 1997). Questo dato è comunque più elevato dello 0,25% del Le esportazioni OCSE verso queste nazioni sono cresciute dello stesso ammontare, ma la rapida crescita delle importazioni dalle economie emergenti è stata concentrata in beni manufatti, specialmente ad alta intensità di lavoro. Per esempio, le importazioni di beni manufatti dalle economie emergenti incidono per il 22% sul totale delle importazioni degli Stati Uniti, mentre erano soltanto il 10% nel Le cifre corrispondenti per l OCSE nel suo insieme sono rispettivamente 13% e 6%. Tab. 13 Composizione settoriale del commercio Nord-Sud ( ) (% del totale) Esportazioni dal Nord al Sud Beni manufatti Esportazioni dal Sud al Nord Petrolio Altre materie prime Beni Manufatti Fonte: Woods (1994) La tab. 13 mostra l evoluzione della composizione settoriale delle esportazioni per le nazioni sviluppate e per quelle in via di sviluppo nel loro insieme. Le esportazioni del primo gruppo di paesi sono rimaste primariamente dominate dai beni manufatti e questo è vero sia per le loro esportazioni verso le nazioni in via di sviluppo come per le esportazioni verso le nazioni sviluppate. La composizione delle esportazioni dei paesi in via di sviluppo invece si è 28

29 spostata rapidamente dai beni del settore primario a quelli del settore secondario. Mentre la caduta dei prezzi del petrolio (le cifre sono basate su dati a prezzi correnti) ha reso più evidente la svolta, vi è stato chiaramente uno spostamento significativo nel mix delle esportazioni del Terzo Mondo. Ciò è specialmente evidente dopo il 1980; ma i dati più recenti confermano questo trend. 3.3 Multinazionali ed investimento diretti all estero Le imprese multinazionali e l investimento diretto all estero (IDE) sono due componenti essenziali della globalizzazione del XX secolo sia in termini di volume che di impatto. Da una prospettiva microeconomica, i flussi di IDE sono effettivamente l unica cosa che è cambiata rapidamente negli ultimi venti anni. Come mostra la fig. 4, i flussi di IDE sono cresciuti esponenzialmente verso la metà degli anni 80. L UNCTAD (1997), per esempio, stima che le vendite globali delle filiali estere delle multinazionali eccedono del 30% il volume del commercio mondiale. La caratteristica di non specificità territoriale della produzione è una componente essenziale del sentimento di vaga ma profonda paura dell integrazione internazionale, che Bob Lawrence ha denominato globafobia. Le multinazionali, come la Società delle Indie Orientali, e gli investimenti diretti all estero (IDE) sono stati una parte essenziale della prima ondata della globalizzazione. Per molte ragioni gli IDE erano effettivamente più importanti nella prima ondata che nella seconda. Dunning (1983) scrive: «Non c è dubbio che gli IDE giocarono un ruolo non meno importante, nel periodo , di quello svolto dagli anni 50, dal punto di vista di alcune nazioni origine e destinazione degli IDE, sia come canale per il trasferimento di risorse tra paesi, sia come un mezzo per controllare l uso di queste e di risorse locali e complementari». Dunning stima che il 35% dei flussi netti di capitali in uscita nella prima ondata era formata da IDE. Le cifre corrispondenti della seconda ondata sono più difficili da calcolare (dato che la dimensione e la fonte dei flussi di capitali in uscita sono notevolmente variate nel periodo). Ciononostante, mentre è probabile che si trovino cifre simili al 35% per particolari nazioni in via di sviluppo, qualsiasi stima ragionevole della misura globale sarebbe probabilmente meno di un decimo del valore della prima ondata (cioè meno del 3,5%). Fig. 4 Crescita dell investimento interno ed estero 29

30 Anche la direzione e le fonti degli IDE si sono spostate significativamente tra le due ondate. Il periodo vide gli IDE fluire principalmente dai paesi industrializzati ai paesi in via di sviluppo (PVS). Anche nella recente ondata, la maggior parte degli IDE ha origine nei paesi industrializzati ma essa è destinata principalmente verso altre nazioni sviluppate. La tab. 14 offre alcune cifre su questo fenomeno. Per esempio, nel 1996, quattro nazioni soltanto (Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia) danno origine a metà dello stock mondiale di IDE. Sorprendentemente, i quattro decimi dello stock mondiale di IDE sono localizzati in queste stesse quattro nazioni. In un studio più completo, Hummels e Stern (1994) mostrano che le nazioni ricche contano per il 97% dei flussi di investimento diretti in uscita e per il 75% dei flussi totali in entrata. Anche la composizione degli IDE è cambiata significativamente. Nel 1914, il 55% dello stock di IDE era collocato nel settore primario, il 20% nelle ferrovie, il 15% nel settore manifatturiero, e solamente il 10% nei servizi (commercio e distribuzione, servizi pubblici, banche etc.) (Dunning, 1983, p. 89). Negli ultimi anni, le cifre appaiono alquanto differenti. Nell Unione Europea, il 63% degli IDE riguarda il settore dei servizi, il 31% il settore manifatturiero e solamente il 6% il settore primario (Commissione Europea, 1996, p. 90). L UNCTAD (1997, p. 35) mostra che solamente il 20% circa di attività delle prime 100 multinazionali è investito nel settore petrolifero ed estrattivo. Tab. 14 Distribuzione geografica degli IDE ( ) 30

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte telefono Telegrafo senza fili automobile invenzionii i 1800 Sviluppo Industriale elettricità aereo cinema La 2^ Rivoluzione industriale Italia e altri paesi medicina ferro scoperte progressi petrolio coloranti

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti corso di Storia economica lezione 7.03.2014 L impresa tradizionale e la sua specializzazione Nel mondo preindustriale, conviene ricordarlo, gli affari

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 Crescita in economia aperta Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 1 Globalizzazione= riduzione della rilevanza economica dei confini nazionali (in contrapposizione

Dettagli

STORIA PAESI IN VIA DI SVILUPPO. OTTOCENTO E NOVECENTO Di Francesco Balletta

STORIA PAESI IN VIA DI SVILUPPO. OTTOCENTO E NOVECENTO Di Francesco Balletta STORIA PAESI IN VIA DI SVILUPPO OTTOCENTO E NOVECENTO Di Francesco Balletta 1 SIGNIFICATO DI PAESI IN VIA DI SVILUPPO SI TRATTA DEI PAESI CH E PUR AVENDO DELLE POTENZIALITA ECONOMICHE NON SONO VALORIZZATE

Dettagli

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO.

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. Il problema amianto a livello globale è particolarmente rilevante, soprattutto per l'esigenza, per noi improrogabile, di bandirlo immediatamente da

Dettagli

Si veda il contributo pionieristico di Solow (1956).

Si veda il contributo pionieristico di Solow (1956). Introduzione di Alberto Brugnoli Tornare alla crescita. Questo è il monito lanciato dal governatore della Banca d Italia nelle sue prime Considerazioni finali e poi ribadito con decisione in quelle successive

Dettagli

Programma di Geografia classe 1^ Tecnico Turistico

Programma di Geografia classe 1^ Tecnico Turistico Programma di Geografia classe 1^ Tecnico Turistico Strumenti della Geografia L orientamento Longitudine e Latitudine La cartografia Le proiezioni cartografiche Le rappresentazioni di dati (Areogrammi,

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero (in gestione transitoria - ex Legge 214 del ) Gli imballaggi nel commercio estero Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 3 I centri dell economia mondiale: una prospettiva storica La Globalizzazione: una prospettiva storica Benefici e canali di trasmissione della Globalizzazione

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2 La Russia e il modello standard «modificato» 1/2 La Russia era una delle regioni più arretrate d Europa ancora a metà del Ottocento Lo Zar Alessandro II per modernizzare il paese e stimolare la crescita

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA 1 INDICE 3) Che cosa è la rivoluzione industriale? 4) La fabbrica: cambia la qualità del lavoro 5) I dati

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Il mondo prima della crisi. Francesco Daveri

Il mondo prima della crisi. Francesco Daveri Il mondo prima della crisi Francesco Daveri 1 Il Pil mondiale nei 30 anni prima della crisi 6 5 4 3 2 1 0 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 00 01 02 03 04 05 06 07 Crescita

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

Schema. 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona

Schema. 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona Schema 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona 3. Perché la globalizzazione può essere cattiva 4. Quali politiche per renderla migliore? 1 1. Commercio

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari)

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari) IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO Intervento a Urbanpromo 2012 di Mario Breglia (Presidente di Scenari Immobiliari) OTTOBRE 2012 1 1. Introduzione Il termine social housing è difficile

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Lezione 12 (BAG cap. 11) Crescita: i fatti principali

Lezione 12 (BAG cap. 11) Crescita: i fatti principali Lezione 12 (BAG cap. 11) Crescita: i fatti principali Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Ci spostiamo dallo studio delle determinanti della produzione nel breve e nel medio

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete Il modello di internazionalizzazione del Veneto Gli argomenti trattati Il commercio estero le esportazioni e le importazioni Gli investimenti diretti esteri le partecipazioni delle imprese venete all estero

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

Il modello standard di Allen

Il modello standard di Allen Il modello standard di Allen Secondo Allen il catching up di alcuni paesi dell Europa occidentale e degli Stati Uniti verso l Inghilterra avvenne grazie al funzionamento di quattro politiche economiche

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Scuola Secondaria Palmariggi IC Muro Leccese (LE)

Scuola Secondaria Palmariggi IC Muro Leccese (LE) Disponibilità di acqua sulla terra Del 2,5% di acqua disponibile, l 1,5% è imprigionata in ghiacciai, nevi perenni o è sotterranea Possiamo utilizzare solo l 1% dell acqua presente sulla terra L'UTILIZZO

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Il capitale umano per il XXI secolo

Il capitale umano per il XXI secolo Il capitale umano per il XXI secolo Ignazio Visco Vice Direttore Generale Banca d Italia Bari, 8 aprile 2011 Le forze della demografia In Italia forte invecchiamento della popolazione, riflesso di calo

Dettagli

Lo scenario economico internazionale

Lo scenario economico internazionale Il recente andamento del commercio internazionale e la posizione dell Italia La marcata espansione del commercio internazionale è un aspetto decisivo dell attuale fase dell economia mondiale. Nell ultimo

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE Dipartimento di Discipline storiche Università di Bologna IRRE Emilia Romagna Insegnare storia mondiale: risorse storiografiche e risorse didattiche Seminario di studio UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE

Dettagli

Rapporto Export SACE 2014-2017 / Executive Summary

Rapporto Export SACE 2014-2017 / Executive Summary executive summary Il Rapporto Export di quest anno si compone di due sezioni. Nella prima si analizzano le evoluzioni nella struttura dell export italiano tra il 2007 e il 2012, per valutare l impatto

Dettagli

Approfondimento Diritto e attività agricola europea

Approfondimento Diritto e attività agricola europea Approfondimento Diritto e attività agricola europea La globalizzazione Il termine globalizzazione indica, in primo luogo, il processo economico, sociale, politico e culturale attraverso il quale i mercati

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a)

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a) Quote di mercato Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una graduale erosione delle quote di mercato sulle esportazioni mondiali dell Unione europea, principalmente a vantaggio dei paesi dell Asia

Dettagli

III I CONFRONTI INTERNAZIONALI

III I CONFRONTI INTERNAZIONALI III I CONFRONTI INTERNAZIONALI Nei precedenti paragrafi si sono esaminate modalità e dimensioni dell attività predatoria così come questa si manifesta in Italia. Si sono, altresì, analizzate le differenze

Dettagli

Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2006

Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2006 Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2006 a cura di Paolo Malanima 1 Rapporto sulle economie del Mediterraneo Edizione 2006 a cura di Paolo Malanima 2 Indice Introduzione, di Paolo Malanima

Dettagli

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali «Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 8 settembre 2015 Agenda 1 Importanza e specificità

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 31 maggio 2010 Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 L Istat rende disponibili per la prima volta i principali risultati dell indagine sulla struttura e le attività delle affiliate

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani CONVEGNO NAZIONALE Crisi economica e mercato del credito:

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

IL VALORE DELLE 2 RUOTE

IL VALORE DELLE 2 RUOTE Lo scenario dell industria, del mercato e della mobilità EXECUTIVE SUMMARY Aprile 2014 Partner Il futuro oggi Scenario dell industria, del mercato e della mobilità EXECUTIVE SUMMARY 1. Lo scenario internazionale

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli