INTERVENTI PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO: LA ESPERIENZA VENETA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERVENTI PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO: LA ESPERIENZA VENETA"

Transcript

1 Regione Veneto Piano per la prevenzione della malattie fumo-correlate INTENTI PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO: LA ESPERIENZA VENETA Stefano Nardini Coordinatore del Piano Regionale Veneto per la prevenzione delle malattie fumo-correlate

2 SOMMARIO GLI STANDARD INTERNAZIONALI E NAZIONALI PER LA DISASSUEFAZIONE I DATI DALLA REGIONE VENETO: FORMAZIONE ACCREDITAMENTO/ IMPLEMENTAZIONE DI SERVIZI SPECIALISTICI: IL MODELLO SCELTO RICERCA: IL FUMO TRA I GIOVANI IL CONTROLLO DEL FUMO NELLE ASL LA CERTIFICAZIONE U.O. SENZA FUMO PROGRAMMA

3 DISASSUEFAZIONE: GLI STANDARD 3

4 Aumento dei prezzi al di sopra della inflazione Divieto di qualsiasi forma di pubblicità Norme per il divieto di fumo negli ambienti di lavoro Normative sul prodotto PROMUOVONO IL TENTATIVO DI DISASSUEFAZIONE Attività progettate per aiutare i fumatori dipendenti che sono già motivati a smettere Le linee telefoniche di aiuto Il Trattamento della dipendenza da fumo AIUTANO I FUMATORI A SMETTERE DEFINITIVAMENTE 4

5 COME. INTENTI PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO - Formare il personale sanitario all intervento - Rendere accessibili i farmaci. - Creare servizi specialistici - Offrire linee telefoniche di aiuto (telefono verde) - Organizzare concorsi Quit & Win - Rendere disponibile a tutti la formazione del personale e basarla sulle prove di efficacia - Supportare la ricerca - Inserire il trattamento della dipendenza nicotinica nel SSN 5

6 IN ITALIA: DIVIETO DI PUBBLICITA DAGLI ANNI 60 DIVIETO DI FUMO NEGLI OSPEDALI, SCUOLE, TRASPORTI E CINEMA/TEATRI DAL 1975 DIVIETO DI FUMO IN TUTTI GLI UFFICI PUBBLICI DAL 1995 CAMPAGNE TELEVISIVE DI EDUCAZIONE SANITARIA NEGLI ULTIMI DUE ANNI DIVIETO TOTALE DI FUMO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO DA GENNAIO 2005 NORME SUL PRODOTTO CONFORMI AGLI STANDARD DELL UNIONE EUROPEA PROMUOVONO IL TENTATIVO DI DISASSUEFAZIONE? 6

7 IN ITALIA: 7

8 COME. INTENTI PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO - Formare il personale sanitario all intervento - Rendere disponibile a tutti la formazione del personale e basarla sulle prove di efficacia - Creare servizi specialistici - Supportare la ricerca - Organizzare concorsi Quit & Win - Offrire linee telefoniche di aiuto (OSSFAD-ISS telefono verde) - Rendere accessibili i farmaci. - Inserire il trattamento della dipendenza nicotinica nel SSN 8

9 FORMAZIONE DEL PERSONALE SANITARIO 1 CORSO REGIONALE PER MMG (ToT) SEGUITO DA CORSI LOCALI (Settembre marzo 2005): tutti i 3600 MMG formati (4 h x ½ g) all intervento breve. Basato sulle linee guida dell OSSFAD-ISS. 1 CORSO REGIONALE PER SPECIALISTI IN DISASSUEFAZIONE (Settembre- ottobre 2003): formati 46 operatori in 24 ore (4h x 6 gg); lezioni frontali (18 h); lavoro di gruppo (6 h). Basato sui riferimenti internazionali (Crofton-1997; Richmond ; WHO-2000; Ferry-2000; AIPO-2000) 2 CORSI REGIONALI PER GLI INCARICATI DEL CONTROLLO DEL FUMO (ToT) IN OSPEDALE: formati circa 100 operatori con 12 ore (6 h x 2 gg) basate sul codice ENSH: lezioni frontali (4 h); Lavoro di gruppo (8 h). Fino a metà 2004 fatti 10/17 corsi locali (4 h). 9

10 COME. INTENTI PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO - Formare il personale sanitario all intervento - Rendere disponibile a tutti la formazione del personale e basarla sulle prove di efficacia - Creare servizi specialistici - Supportare la ricerca - Organizzare concorsi Quit & Win - Offrire linee telefoniche di aiuto (OSSFAD-ISS telefono verde) - Rendere accessibili i farmaci. - Inserire il trattamento della dipendenza nicotinica nel SSN 10

11 DISASSUEFAZIONE COME: POSSIBILI INTENTI 4. UN BREVE INTENTO SULLA DIPENDENZA DA FUMO E EFFICACE E DOVREBBE ESSERE IL MINIMO OFFERTO A OGNI FUMATORE. 5. C E UNA CORRELAZIONE DIRETTA DOSE-RISPOSTA TRA L INTENSITA DELL INTENTO (MINUTI DI CONTATTO) E L EFFICACIA Fiore et al., AHRQ Publ,,

12 DISASSUEFAZIONE: DUE LIVELLI DI INTENTO PRIMO LIVELLO: INTENTO MINIMO (INTENTO BREVE) SU TUTTI I FUMATORI MEDICO DI MEDICINA GENERALE ALTRI OPERATORI DI CURE PRIMARIE (DENTISTI, FARMACISTI) MEDICI, INFERMIERI E ALTRI SANITARI SECONDO LIVELLO: INTENTO STRUTTURATO, INTENSIVO SPECIALISTI FORMATI AMBULATORIO DEDICATO ATTREZZATURA SPECIFICA 12

13 Delibera Regione Veneto N 3231 del 15/11/02 DISASSUEFAZIONE: ARTICOLAZIONE DISASSUEFAZIONE PRIMO LIVELLO SECONDO LIVELLO MEDICO. MED. GEN. OPERATORI SANITARI AMBULATORIO SPECIALISTICO OSPEDALI E SERVIZI SANITARI SENZA FUMO 13

14 DISASSUEFAZIONE: CHI FA COSA A CHI PAZIENTI INTENTO OPERATORI SANI MALATI BREVE INTENSIVO DI CURE PRIMARIE AMBULATORI DI II LIVELLO 14

15 15

16 L INTENTO DI PRIMO LIVELLO PER TUTTI I FUMATORI QUALSIASI CONTATTO CON PAZIENTI ASK Chiedere se fuma II^ livello ADVISE Raccomandare di smettere Motivato ASSESS Identificare i fumatori motivati a smettere Non motivato ASSIST Aiutare a smettere Fornire consigli per promuovere motivazione Ricaduta ARRANGE Pianificare follow up Prevenire ricadute 16

17 Nessun problema PAZIENTE IN AMBULATORIO MMG NO NO FUMATORE? SI HA MAI FUMATO? NO Vuole smettere SI SI SMETTERE E PRIORITARIO? Trattamento assistito per smettere di fumare NO SI NO? MMG CON RISORSE? SI Prevenire le recidive 5R AMBULATORIO SPECIALISTICO 5A 17

18 CENSIMENTO DI 24 CENTRI DENOMINAZIONE: AMBULATORIO PER SMETTERE DI FUMARE DEL FUMO PER IL CONTROLLO DEL FUMO CONTRO IL FUMO ANTIFUMO DISASSUEFAZIONE DI II LIVELLO DI II LIVELLO PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO UNITA TABAGISMO 18

19 CENSIMENTO- COLLOCAZIONE N^ 19 DIP. PREVENZIONE SERT U.O PNEUMO U.O. MEDICINA ALTRO

20 CENSIMENTO ISTITUZIONE CON ATTO FORMALE FINANZIAMENTO SI NO = SI; = NO; = NON SO SI NO NS/NR 20

21 CENSIMENTO- FIGURA PROFESS. RESPONSABILE MEDICO PSICOLOGO ALTRO N^ 21

22 ACCREDITAMENTO GRUPPO FORMATO DA TUTTI I REFERENTI DEGLI AMBULATORI ESAMINATI I DATI DEL CENSIMENTO CON UNA GRIGLIA (E.B.) DECISI REQUISITI MINIMI (TERAPIA FARMACOLOGICA E COMPORTAMENTALE) ACCREDITATI 14 CENTRI LISTA DI ATTESA PER GLI ALTRI 22

23 ACCREDITAMENTO Ambulatori per smettere di fumare. L ambulatorio non dovrà essere nei SERT Il personale dei SERT potrà essere utilizzato secondo le proprie competenze. 23

24 ACCREDITAMENTO L ambulatorio sarà accreditato in quanto fornisce delle prestazioni Queste saranno assicurate da una squadra di professionisti composta Obbligatoriamente: da personale con qualifica di medico e di psicologo Facoltativamente: da personale con qualifica di infermiere professionale e/o di educatore e/o di assistente sanitario Tutti formati in modo specifico alla disassuefazione, attraverso la propria esperienza e una preparazione teorica dedicata 24

25 COME. INTENTI PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO - Formare il personale sanitario all intervento - Rendere disponibile a tutti la formazione del personale e basarla sulle prove di efficacia - Creare servizi specialistici - Supportare la ricerca - Organizzare concorsi Quit & Win - Offrire linee telefoniche di aiuto (OSSFAD-ISS telefono verde) - Rendere accessibili i farmaci. - Inserire il trattamento della dipendenza nicotinica nel SSN 25

26 SUPPORTARE LA RICERCA 1. CARATTERISTICHE DEL FUMO TRA I GIOVANI 2. ENSH SELF AUDIT QUESTIONNAIRE 3. CERTIFICAZIONE U.O. SENZA FUMO 26

27 RICERCA- 1 IL FUMO E GLI STUDENTI Campione rappresentativo (395 studenti di Medie Superiori di V.V.) Hanno provato il fumo: < 14 anni= oltre la metà dei maschi ed il 42% delle femmine tra i giovani di 19 anni, almeno 6 su 7 ragazze hanno provato la sigaretta al confronto di soli 2/3 tra i ragazzi. Fuma abitualmente oltre il 33% (+4% le femmine) 27

28 RICERCA- 1 Il fumo e gli studenti: atteggiamenti Il coetaneo fumatore è femmine maschi indiffere nte piu' attraente meno attraente Anche nei confronti degli adulti fumatori maschi e femmine prevalgono le attitudini negative (37 e 44% rispettivamente) mentre solo il 2 e 3% considera favorevolmente questo stile di vita 28

29 RICERCA- 1 IL FUMO E GLI STUDENTI: DISASSUEFAZIONE Oltre 1/3 degli studenti fumatori desidera smettere. Il 44% degli studenti ha già tentato. i tentativi di cessazione riguardano molto precocemente la carriera dei fumatori come tra gli adulti, i successi sono difficili da raggiungere. Fiducia nella propria capacità di smettere (86% dei maschi e 91% delle femmine) 29

30 2. 30

31 2. PUNTEGGIO DELLE SINGOLE AULS- MEDIA E SCOSTAMENTO 50,00 40,00 30,00 20,00 10,00 0,00-10,00-20,00-30,00-40,00-50,00 C068 C171 C276 C092 C174 C094 C291 C272 C265 C067 C169 Scostamento 43,91 34,91 29,91 18,91 17,91 14,91 10,91 10,91 10,91 7,91 1,91 0,91-0,09-2,09-5,09-6,09-6,09-16,0-23,0-32,0-33,0-36,0-44,0 C173 C095 C079 C197 C098 C077 C075 C278 C199 C166 C293 C291 31

32 PUNTEGGI RELATIVI ALLE 9 SEZIONI (0=min; 4=max) 3,5 4 2,5 3 1, , Impegno delle Direzioni nominato gruppo di l... elaborato programma... organizzata la disassu... delimitate aree per fu... adottata cartellonistica eliminati incentivi aggiornamento prog... follow up pianificato 2. DATI AGGREGATI PER REGIONE VENETO

33 3. Overall PM 2.5 during a 10 hour continuous monitoring in different places of two hospital 33

34 2005: AZIONI PREVISTE INTENTO MINIMO Fornitura di opuscoli educazionali ai pazienti Implementazione negli ospedali (ENSH)/ protocollo con IPASVI AMBULATORI DI II LIVELLO Riconoscimento formale dei 14 scelti Implementazione dei restanti Linee guida per l Accreditamento Conferenza di consenso RICERCA Disassuefazione degli studenti Ricerca formativa per MMG (I II livello) 34

35 RINGRAZIAMENTI Gina Barbano (Pneumologia- Vittorio V.to) Rita Cagnin (SEPS- Asolo) Roberto Gnesotto (SER- Castelfranco V.to) Stefano Vianello (Distretto 1- Chioggia) Massimo Melloni (SEPS Asolo) Pierguido Nardi (SERT- Venezia) 35

36 BACK-UP SLIDES

37 Il fumo e gli studenti: la famiglia Appartenere a classi sociali diverse, non influenza la sperimentazione del fumo tra i giovani L abitudine al fumo dei genitori invece influenza l assunzione dell abitudine al fumo (fumano ogni giorno il 25% degli studenti con entrambi i genitori fumatori; solo l 8% tra gli alunni i cui genitori sono entrambi non fumatori. I danni del fumo sulla salute sono discussi dal 57% nelle famiglie dove entrambi i genitori non fumano, dal 16% dove uno fumo e dall 11% dove tutti e due fumano. 37

38 Il fumo e gli studenti: il gruppo Tra gli studenti che fumano ogni giorno, il 59% ha tutti i 4 migliori amici fumatori, mentre chi non fuma ha solo il 9% di probabilità di avere tutti i 4 amici più stretti fumatori. 38

39 Il fumo e gli studenti: le conoscenze Le conoscenze degli studenti riguardo il fumo sono, in generale, precise ed approfondite. Quasi 9/10 sanno che la durata della vita di un fumatore è più breve di quella dei non fumatori Il 98% dei non fumatori e il 96% dei fumatori è correttamente convinto che il fumo passivo è dannoso per la salute. 39

40 CENSIMENTO- TEMPO/SETT MEDICO PSICOLOGO INFERMIERE ALTRO N^ 40

41 CENSIMENTO- ACCERTAMENTI DIAGNOSTICI (CLINICO-PSICOLOGICI) N^ SI NO 41

42 CENSIMENTO- TERAPIA FARMACOLOGICA SI NO N^ 42

43 CENSIMENTO- TERAPIA COMPORTAMENTALE N^ 2 0 INDIVIDUALE DI GRUPPO ENTRAMBI 43

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche DALLE LINEE GUIDA BORGOMANERO, 20.10.2012 ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche Dr.ssa Gorizia Ariana ESPOSITO Psicologa,

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

per l attivazione di un percorso di disassuefazione e di gestione dell astinenza da nicotina 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE...

per l attivazione di un percorso di disassuefazione e di gestione dell astinenza da nicotina 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... Sommario 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3 MODALITÀ OPERATIVE... 2 3.1 INTERVENTI DI PRIMO LIVELLO (SVOLTI DAGLI OPERATORI NEI REPARTI DI AFFERENZA DEL PAZIENTE FUMATORE)... 2 3.2 INTERVENTI

Dettagli

Il progetto regionale sostanze legali

Il progetto regionale sostanze legali Lavori preparatori alla II Conferenza regionale sulla salute mentale Il Sistema Dipendenze patologiche si presenta Il progetto regionale sostanze legali Maurizio Laezza Bologna,27 febbraio 2007 Fumo di

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE PASSI 2009 I dati sul tabagismo in Valle d Aosta Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Che cos è PASSI? Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Sistema di sorveglianza della popolazione

Dettagli

LA COSTRUZIONE DELLA RETE CON I MMG

LA COSTRUZIONE DELLA RETE CON I MMG LA COSTRUZIONE DELLA RETE CON I MMG Esperienze di collaborazione fra operatori negli interventi di prevenzione e cura del tabagismo Dr. Pedroni Massimo MMG Scandiano IL PROBLEMA DI SALUTE AFFRONTARE il

Dettagli

PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA FUMO LA FABBRICA PRODUTTRICE DI SALUTE IO NON FUMO

PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA FUMO LA FABBRICA PRODUTTRICE DI SALUTE IO NON FUMO PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA FUMO LA FABBRICA PRODUTTRICE DI SALUTE IO NON FUMO Guglielmo Nicola Bauleo 1, Riccardo Conti 2, Paola Scatolini 1 1 U. F. PISLL - Zona Valtiberina 2 U. F. SPIAN- Zona Valtiberina

Dettagli

Epidemiologia del tabagismo

Epidemiologia del tabagismo Ministero della Salute LOGO REGIONALE LOGO AZIENDALE Progetto CCM Definizione e implementazione di un sistema di monitoraggio del rispetto della normativa sul fumo in Italia : monitoraggio negli ambienti

Dettagli

policy aziendale Dr Pasquale Valente

policy aziendale Dr Pasquale Valente La no-smoking policy aziendale Dr Pasquale Valente European Network Smoking Prevention (2001) Il fumo di tabacco negli ambienti di lavoro è tossico. Esso dovrebbe venir classificato tale, in base alla

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN TRATTAMENTO DEL TABAGISMO A.A.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN TRATTAMENTO DEL TABAGISMO A.A. CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN TRATTAMENTO DEL TABAGISMO A.A. 2012/13 CFU 10 Lingua Italiano ANAGRAFICA DEL CORSO - A Percentuale di frequenza obbligatoria 85% del monte ore di didattica frontale Periodo

Dettagli

CORSI PER SMETTERE DI FUMARE IN GRUPPO

CORSI PER SMETTERE DI FUMARE IN GRUPPO CORSI PER SMETTERE DI FUMARE IN GRUPPO DIPARTIMENTO DIPENDENZE AMBULATORIO ANTIFUMO Responsabile: dott. ssa Laura Bini MODALITA DI ACCESSO E INFORMAZIONI TELEFONICA ACCESSO DIRETTO SITO WEB ASL SITO WEB

Dettagli

TABAGISMO E PREVENZIONE

TABAGISMO E PREVENZIONE TABAGISMO E PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE IN ITALIA Carlo La Vecchia Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 2 Prevalenza di fumo in Italia, 2010 3 Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 Nel 2010 diceva

Dettagli

Il ruolo del Medico di Base nella lotta al tabagismo

Il ruolo del Medico di Base nella lotta al tabagismo Documento Linea di indirizzo Guida Il ruolo del Medico di Base nella lotta al tabagismo IL COUNSELING DELLE 5 A e l ANELLO di PROCHASKA Edizione 2012 Dipartimento di Prevenzione Medico USS : Prevenzione,

Dettagli

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa Dott. Mario Berardi SIMG Perugia OBIETTIVI E INDICATORI Analisi del processo assistenziale al paziente

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

INIZIATIVA DI AGGIORNAMENTO SUL TEMA: IL PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE, CURA E CONTROLLO DEL TABAGISMO. l importanza della rete Aziendale nella

INIZIATIVA DI AGGIORNAMENTO SUL TEMA: IL PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE, CURA E CONTROLLO DEL TABAGISMO. l importanza della rete Aziendale nella INIZIATIVA DI AGGIORNAMENTO SUL TEMA: IL PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE, CURA E CONTROLLO DEL TABAGISMO l importanza della rete Aziendale nella PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE FUMO CORRELATE PROGRAMMA DI MASSIMA

Dettagli

L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO

L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO Lorenzo Spizzichino Roma, 5 Novembre 2009 OBIETTIVI: 1.FOTOGRAFARE LA SITUAZIONE NEL LUOGO DI LAVORO Quanti sono i dipendenti fumatori? quanti i non

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

FRIULI-VENEZIA GIULIA

FRIULI-VENEZIA GIULIA FRIULI-VENEZIA GIULIA 4 SSN Udine Udine Pordenone Pordenone 1 SSN Gorizia 1 SSN 1 LILT Trieste 2 SSN 1 LILT Distribuzione dei Centri Antifumo per provincia GORIZIA E PROVINCIA ASS 2 Isontina Dipartimento

Dettagli

L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi

L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi 31 Maggio 2010 GIORNATA MONDIALE CONTRO IL TABACCO G.Klimt 4 Giugno 2010 16 GIORNATA DEL RESPIRO L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi e con la collaborazione

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

I programmi della regione Friuli Venezia Giulia

I programmi della regione Friuli Venezia Giulia Roma 12 ottobre 2010 Workshop interregionale: Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive I programmi della regione Friuli Venezia Giulia Silvana Widmann CCM 2: Area interventi

Dettagli

Percorso d intervento clinico sul paziente tabagista

Percorso d intervento clinico sul paziente tabagista 6L Percorso d intervento clinico sul paziente tabagista 6L 1 Percorso d intervento clinico sul paziente tabagista A cura di: Francesco Pistelli 1, Laura Carrozzi 1, Salvatore Cardellicchio 2, Cristina

Dettagli

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SALERNO 27 GIUGNO 2006. PRESENTAZIONE DI UNA ESPERIENZA IN EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PROGETTO ASMA: PERCORSI EDUCATIVI IN ETA PEDIATRICA SVOLTO NEL TRIENNIO SCOLASTICO

Dettagli

Equipe territoriali: Il Servizio Infermieristico nel processo di presa in carico

Equipe territoriali: Il Servizio Infermieristico nel processo di presa in carico Il Distretto Socio Sanitario: una identità incompiuta? Esperienze a confronto Equipe territoriali: Il Servizio Infermieristico nel processo di presa in carico Bari 28 ottobre 2011 Dott. Giuseppe Chiodo

Dettagli

Contraddizioni fumose?

Contraddizioni fumose? Impatto del tabagismo in Toscana e politiche regionali evidence-based Contraddizioni fumose? Giuseppe Gorini Fabio Voller, ARS Toscana g.gorini@ispo.toscana.it Prevalenza di fumo in Toscana La Toscana:

Dettagli

LIGURIA GENOVA E PROVINCIA

LIGURIA GENOVA E PROVINCIA LIGURIA 7 SSN Genova Savona La La Spezia Imperia Distribuzione dei Centri Antifumo per provincia GENOVA E PROVINCIA Azienda Ospedaliera Regionale Villa Scassi Ambulatorio Tabagismo Corso Scassi, 1 16149

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE ATTIVITÀ PER LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO RAPPORTO ANNO 2011 10 gennaio 2012 La prevenzione e la cura del tabagismo sono essenziali

Dettagli

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo OSPEDALI SENZA FUMO Una proposta operativa per lavorare in rete a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo Introduzione Il sottogruppo regionale, nel definire le proprie

Dettagli

Pilot project in Cosenza Regional Hospital on webnet actions aiming to prevent and treat tobacco-related illnesses in workplaces

Pilot project in Cosenza Regional Hospital on webnet actions aiming to prevent and treat tobacco-related illnesses in workplaces Project Article Romano F et al, Tabaccologia 2011; 4: 28-32 Progetto sperimentale dell A.O. di Cosenza sull attività in rete per la prevenzione e la cura del tabagismo nei luoghi di lavoro Pilot project

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

CONFERENZA DI CONSENSO IN MEDICINA RESPIRATORIA

CONFERENZA DI CONSENSO IN MEDICINA RESPIRATORIA Congresso Nazionale CONFERENZA DI CONSENSO IN MEDICINA RESPIRATORIA Conoscere i bisogni dei pazienti in ossigenoterapia L esperienza della ASL RM A Dr. ssa Teresa CALAMIA Le diverse tipologie di ossigenoterapia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Sede Telefono Fax Mail Ospedale di Noale

CARTA DEI SERVIZI. Sede Telefono Fax Mail Ospedale di Noale Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.13 Unità Operativa Complessa di MEDICINA dello SPORT e dell ESERCIZIO FISICO Presidio Ospedaliero di Noale (VE) Direttore:

Dettagli

L'infermiere specialista in area critica dalla teoria alla realtà: indagine sul ruolo dello specialista nel contesto operativo

L'infermiere specialista in area critica dalla teoria alla realtà: indagine sul ruolo dello specialista nel contesto operativo Gli infermieri di area critica e la questione civile 32 Congresso Nazionale ANIARTI, 6-8 novembre 2013, Napoli L'infermiere specialista in area critica dalla teoria alla realtà: indagine sul ruolo dello

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO Perché un sistema di qualità in Nefrologia? aiutare a valorizzare quello che di logico, valido

Dettagli

La Legge 16 gennaio 2003, n.3, sull applicazione del divieto di fumo nei locali aperti al pubblico: primi riscontri

La Legge 16 gennaio 2003, n.3, sull applicazione del divieto di fumo nei locali aperti al pubblico: primi riscontri La Legge 16 gennaio 2003, n.3, sull applicazione del divieto di fumo nei locali aperti al pubblico: primi riscontri Marina Bonfanti Luigi Macchi U.O Prevenzione - Direzione Generale Sanità - Regione Lombardia

Dettagli

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Dott. Marco Gaietta Specializzando in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano Obiettivo dello studio Valutare la corrispondenza

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE Renzo Marsili, nato a Treviso il 23-07-1952 e-mail: r.marsili@ausl.fe.it CURRICULUM PROFESSIONALE Titoli di studio Diploma di Maturità classica 1971 Diploma di laurea in Psicologia, Padova 1979. Counselor

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Introduzione Il lavoro è proseguito con l indicazione di una Esistono diverse Linee Guida che prendono serie di premesse che preludono alle

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del sistema sanitario Le Linee nazionali di indirizzo per la Telemedicina Sergio Pillon

Dettagli

Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Puglia

Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Puglia Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Puglia Premessa Articolazione del Report 2 Capitolo I. La ricognizione Oggetto e metodologia 3 Realizzazione 4 Valore

Dettagli

La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG

La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG Dott. Francesco AVITTO Specialista Medicina Interna Convenzionato MMG La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG L a f o r m a z i o n e n e l l a m b i t o d e l l e m a l a t

Dettagli

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 La Medicina di iniziativa L esperienza fiorentina Alessandro Del Re CHRONIC CARE MODEL SANITA D INIZIATIVA Dalla medicina di attesa Alla sanità

Dettagli

Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti. Ovidio Brignoli Mmg Brescia

Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti. Ovidio Brignoli Mmg Brescia Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti Ovidio Brignoli Mmg Brescia Se andiamo a vedere il dato anagrafico della popolazione assistita a domicilio nell ASL

Dettagli

Indagine DOXA effe1uata per conto dell IsGtuto Superiore di Sanità, in collaborazione con: L IsGtuto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

Indagine DOXA effe1uata per conto dell IsGtuto Superiore di Sanità, in collaborazione con: L IsGtuto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Indagine DOXA effe1uata per conto dell IsGtuto Superiore di Sanità, in collaborazione con: L IsGtuto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Distribuzione percentuale del campione in base all abitudine

Dettagli

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tumiati Marina Data di nascita 31 gennaio 1964 Qualifica Infermiera Amministrazione Azienda U.L.S.S. 19 Incarico attuale Infermiera con incarico di tutor degli

Dettagli

Le linee guida dell AHCPR/AHRQ

Le linee guida dell AHCPR/AHRQ Le linee guida dell AHCPR/AHRQ Sergio Pede, Massimo Uguccioni* U.O. di Cardiologia, Ospedale N. Melli, S. Pietro Vernotico, AUSL BR/1, Brindisi, *U.O.C. Cardiologia II, Ospedale CTO Andrea Alesini, ASL

Dettagli

Self- Management e Adherence nella persona con Asma

Self- Management e Adherence nella persona con Asma 1 Self- Management e Adherence nella persona con Asma (E. Semprini, P. Di Giacomo, CdL in Infermieristica; G.Gardini, Ambulatorio Asma; K. Falcone, L. Lazzari Agli, UO Pneumologia - AUSL Romagna, Rimini)

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Piemonte libero dal fumo

Piemonte libero dal fumo Piemonte libero dal fumo Piano Regionale Antitabacco 2008-2012 1 INDICE PARTE PRIMA pag. 3 pag. 4 A - PREMESSA B - DIMENSIONI DEL FENOMENO D - MODALITA' d'intervento pag. 6 pag. 7 pag. 8 C- PERCORSI IN

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE E LA ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 per il miglioramento delle cure primarie ed il governo clinico ANNO 2013 Premessa Il Comitato Aziendale,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI DEO SILVANA Indirizzo 15/I, via S.Paolo, 66023, Francavilla al mare(ch) Telefono 328/0088830 Fax E-mail dideosilvana@gmail.com Nazionalità

Dettagli

Medico Specialista di Pneumologia

Medico Specialista di Pneumologia F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Cinti, Cristina, Indirizzo via Nazionale Toscana 8b, 40068 San Lazzaro di Savena, Bologna Telefono 051 477771;

Dettagli

HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104

HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104 Workshop «Crescere insieme con What s up?» 7-8 settembre 2015 Fondazione Carigo Gorizia HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104 HEALTH PROMOTING HOSPITALS & HEALTH SERVICES

Dettagli

La promozione della salute nei luoghi di lavoro: valutazione di evidenze di efficacia e raccomandazioni metodologiche

La promozione della salute nei luoghi di lavoro: valutazione di evidenze di efficacia e raccomandazioni metodologiche La promozione della salute nei luoghi di lavoro: valutazione di evidenze di efficacia e raccomandazioni metodologiche Anna Pavan, Maria Elena Pirola, Marina Bonfanti, Liliana Coppola, Luigi Macchi Direzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. C al bando di ammissione pubblicato in data 18/10/2013 Art. 1 - Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2013/2014, presso il Dipartimento di Medicina Interna e terapia Medica,

Dettagli

Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine

Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine Seminario : percorso di educazione alimentare, rivolto a soggetti affetti da celiachia Bologna - 5 dicembre 2011 Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine Emilia Guberti direttore Servizio

Dettagli

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE L ambulatorio infermieristico: un nuovo modello organizzativo volto a rispondere alle nuove e crescenti necessità sanitarie della cittadinanza. Indagine conoscitiva condotta presso la ASL di Lecce 1 OMS,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Busa Francesca Data di nascita 08/04/1958. Coordinatore dei Direttori di Distretto - Direttore di Distretto

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Busa Francesca Data di nascita 08/04/1958. Coordinatore dei Direttori di Distretto - Direttore di Distretto INFORMAZIONI PERSONALI Nome Busa Francesca Data di nascita 08/04/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Coordinatore dei Direttori di Distretto - Direttore di Distretto

Dettagli

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in «Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in settori diversi da quello sanitario. Pertanto, gli interventi

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Affanni Paola ESPERIENZA LAVORATIVA Date Settembre ad oggi: Responsabile del Servizio Infermieristico e Tecnico

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA AUSLRE Protocollo n 2015/0068531 del 31/07/2015 (Allegato) Pagina 1 di 7 FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA A cura di Manuela Predieri e Benedetta Riboldi - Comitato

Dettagli

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro Edilizia/tecnologia Logistica ( intensità di cura) Percorsi dei Pazienti Le nuove professioni sanitarie Responsabilità

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica. Stati Generali della Salute. Roma Proposta della CAO Nazionale

Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica. Stati Generali della Salute. Roma Proposta della CAO Nazionale Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica Stati Generali della Salute Roma Proposta della CAO Nazionale Roma, 09 /04/2014 Premessa La società in cui viviamo sta attraversando un momento di crisi e la

Dettagli

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI TERZA SEZIONE VACCINAZIONI Obiettivi generali di Piano: - Realizzazione della gestione informatizzata delle vaccinazioni - Miglioramento della qualità dell offerta vaccinale - Aumento delle coperture nelle

Dettagli

ASL DI BERGAMO AZIENDA LIBERA DAL FUMO

ASL DI BERGAMO AZIENDA LIBERA DAL FUMO CENTRO BERGAMASCO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE ASL DI BERGAMO AZIENDA LIBERA DAL FUMO Documento di Policy 24 novembre 2010 ASL DI BERGAMO: AZIENDA LIBERA DAL FUMO La nostra Policy Perché un ASL libera dal

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA PROGETTO MATTONI SSN OSPEDALI DI RIFERIMENTO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE ATTIVITA PER LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO

Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE ATTIVITA PER LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE ATTIVITA PER LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO RAPPORTO 2009 INDICE PREMESSA 1. I NUMERI DEL TABAGISMO 1.1 Prevalenza e mortalità

Dettagli

IØ SMETTO. Ecco quello che devi fare. quando decidi di smettere di fumare.

IØ SMETTO. Ecco quello che devi fare. quando decidi di smettere di fumare. Ecco quello che devi fare quando decidi di smettere di fumare. SE SEI STUFO DI: Buttare via i tuoi soldi per le sigarette Puzzare come un portacenere Rovinarti la salute Allora sei pronto per smettere

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Carta dei servizi Istituto Dosso Verde Sede di Milano

Carta dei servizi Istituto Dosso Verde Sede di Milano Carta dei servizi Istituto Dosso Verde Sede di Milano SERVIZI... 2... 2... 3 AMBULATORIO... 4... 4 DEGENZA... 6... 6... 8... 9 EQUIPE... 11 1 Accreditato dal S.S.N. nel 1991 Autorizzato dalla Regione Lombardia

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Rita Cataudella. Italiana ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Nome. Nazionalità. Data di nascita 13/03/1954

INFORMAZIONI PERSONALI. Rita Cataudella. Italiana ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Nome. Nazionalità. Data di nascita 13/03/1954 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità Italiana Data di nascita 13/03/1954 ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date (da a) 1980 -- 1992 Nome e tipo

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

nella trasversalità delle proposte didattiche

nella trasversalità delle proposte didattiche 3. Problem posing e problem solving: CRSEM Dipartimento di matematica e informatica Cagliari Corso di Formazione L apprendimento intelligente: problem solving a scuola Istituto Comprensivo Fluminimaggiore

Dettagli

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di 1. Il monitoraggio del rapporto degli italiani con la salute ed i servizi sanitari I risultati del Monitor

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA

NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA ASP COSENZA L AZIENDA

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE

REGOLAMENTO DI GESTIONE Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pagina 1 di 5 REDAZIONE RQ APPROVAZIONE DG Dott.ssa Gavioli Roberta Dott. Luca Secchi. Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pag.2 di 5 1. FINALITA DELLA STRUTTURA 1.1.

Dettagli

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail.

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail. FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com

Dettagli

1SPP13 Corso di 4 ore 6 ed. Antincendio 1 semestre Esine 110 operatori Squadra antincendio D.Lgs 81/2008 e successive integrazioni

1SPP13 Corso di 4 ore 6 ed. Antincendio 1 semestre Esine 110 operatori Squadra antincendio D.Lgs 81/2008 e successive integrazioni Pag. 1 di 7 1.BREVE PREMESSA Il Piano di Formazione è lo strumento per la programmazione delle attività formative e pertanto definisce tutte le attività di formazione che verranno attuate nel 201 3 sia

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Monica Parmeggiani Via Don Maestrini 117/B Flero Telefono 030-2548589 Cellulare 3924843408 E-mail

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

LA CARTA D ISEO INDIRIZZI METODOLOGICI DELLA RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE. Febbraio 2013

LA CARTA D ISEO INDIRIZZI METODOLOGICI DELLA RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE. Febbraio 2013 Nei giorni 19, 20 e 21 Novembre 2012, a Iseo (BS), si è tenuto il Laboratorio Costruire la rete, prima iniziativa di formazione dei Dirigenti delle Scuole lombarde capofila provinciali della Rete delle

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI DOTT.SSA MARIA TERESA MENZANO Corso di formazione e aggiornamento per referenti ed operatori Diamoci una mossa e Pronti, partenza, via

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dati epidemiologici In Emilia-Romagna i tumori del colon-retto costituiscono la seconda causa

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BOSATTA ROSA ANGELA Indirizzo VIA FAMIGLIA CASANOVA, 15 23823 COLICO (LC) ITALIA Telefono e-mail 3397560019

Dettagli

Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo

Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo Premessa Il PSR 2008-2010 prevede lo sviluppo della sanità d iniziativa, intesa come nuovo approccio organizzativo

Dettagli

Comunicato stampa Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Campobasso Campagna NASTRO ROSA 2013

Comunicato stampa Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Campobasso Campagna NASTRO ROSA 2013 Regione Molise Comunicato stampa Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Campobasso Campagna NASTRO ROSA 2013 A OTTOBRE PARTE LA XXI EDIZIONE INTERNAZIONALE DELLA CAMPAGNA NASTRO

Dettagli