Anni del 900: il primo approdo a una Padova manifatturiera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anni 20-30 del 900: il primo approdo a una Padova manifatturiera"

Transcript

1 Anni del 900: il primo approdo a una Padova manifatturiera Difficile quantificare quale fu il contributo dell Unione Industriale voluta da Silvio Barbieri all approdo manifatturiero del padovano. Da un lato perché essa era sostanzialmente cittadina, con scarse adesioni tra gli imprenditori della provincia, e dall altro perché delle sue carte non permane traccia. Di qualche sua attività si trova però qualche riscontro nel fondo Gabinetto di Prefettura dell epoca, conservato presso l Archivio di Stato, dal quale emergono soprattutto i rapporti con l autorità prefettizia nei momenti di conflitto sindacale, che vale la pena ricordarlo non scomparvero con il fascismo, stante che nelle imprese maggiori il sindacato di regime giocò, peraltro d intesa con le autorità, un ruolo di stanza di compensazione delle tensioni, non annullandole ma indirizzandole a qualche opportuna mediazione. Da quello che è dato di capire, o almeno a me appare, l influenza del ceto imprenditoriale fu più sul versante dell amministrazione cittadina, e di quelle dei principali centri della provincia, ma più per iniziativa e prestigio di singoli imprenditori che non per peso della categoria in quanto tale. Anche perché Confindustria e la sua ancora informe struttura periferica divennero presto, ne abbiamo accennato, organismi parastatali al servizio di quell apparato corporativo che mai realmente decollò, e che tuttavia tutto cristallizzò, distruggendo ogni autonomia. Talché solo con il traumatico crollo del regime mussoliniano, e più ancora con l aprirsi della stagione post-liberazione, le organizzazioni di classe, e quindi anche le organizzazioni imprenditoriali, poterono tornare a svolgere in dialettica contrapposizione un loro autonomo ruolo. Ma su questo ritorneremo più avanti. Un reparto della Bonàiti nella vecchia sede di via N. Tommaseo a Padova

2 Un particolare della sede della INGAP, Industria Nazionale Giocattoli Automatici Padova (CCIAA). È comunque certo che gli imprenditori, più come individui che come categoria del locale Consiglio provinciale dell Economia, parteciparono alle grandi trasformazioni urbane: che coinvolsero anche alcuni centri della provincia, lì pure innestando una qualche febbre edilizia, e quindi favorendo il comparto delle costruzioni, probabilmente il vero volano della crescita provinciale. I cui esiti positivi si ripartirono, a cascata, per mille rivoli. Gli anni Venti e Trenta del Novecento segnarono infatti profondi cambiamenti nell assetto manifatturiero della città e della provincia. E furono probabilmente le trasformazioni intervenute nel capoluogo a indurre nel 1940 l Unione Industriale giusto una delle poche documentazioni a noi pervenute a commissionare la redazione di un progetto di massima, poi proposto al Comune, per la realizzazione sulla direttrice per Venezia di una Zona industriale dove allocare gran parte delle attività produttive cittadine. Ci torneremo più avanti. Basti qui l annotazione che tale iniziativa segnava un salto di qualità nell agire di una associazione economica settoriale, dato che sollecitava una azione urbanistica tesa a ridisegnare l assetto stesso della città ponendosi, ancorché in modo non definito, il problema del governo del territorio, e quindi un tema che investiva il futuro di tutta la comunità. Al di là degli aggregati statistici, quali emergono dai Censimenti industriali del 1927 e del di cui alle successive tabb. 4 e 5, non vi è dubbio che la presenza industriale andò allargandosi, con l imporsi di aziende che rimasero poi a lungo nella storia economica della provincia, segnandone sia l aspetto più propriamente produttivo sia, grazie alla professionalità e combattività della loro classe lavoratrice, quello sociale. Tra le quali, oltre alle già citate ITALA PILSEN, OMS, UTITA e ZEDAPA, conviene ricordare almeno la OBLACH (poi G.B. BREDA) di Cadoneghe, la CISA VISCOSA (poi SGIV, e infine SNIA), l INGAP, la MOLINI GOLFETTO. Si trattò di un robusto nucleo di imprese, sia in termini di fatturato che di occupati, destinato ad irradiarsi presto nel mercato nazionale. Dove del resto erano approdate anche imprese non industriali, che qui si citano solo per significare la cresciuta importanza dell imprenditoria padovana complessivamente intesa: la PAOLO MORASSUTTI, attiva nella intermediazione grossista e al dettaglio di ferramenta e casalinghi, ed i VIVAI SGARAVATTI di Saonara, i quali vendevano in vaste parti d Italia, su catalogo, già nella seconda metà dell Ottocento. Citazione estemporanea, e se si vuole eccentrica, ma utile a inquadrare una vivacità economica che contraddiceva l apparente provincialismo del territorio. Reparto meccanico della fabbrica INGAP (CCIAA)

3 I lavoratori della UTITA di Este nel cortile della fabbrica (ProvPd)

4 Tab. 4. L industria in provincia di Padova secondo il Censimento 1927 (*) Ditte Addetti Alimentari e affini Tessili Vestiario e abbigliamento Pelli, cuoio, calzature Mobilio e legno Siderurgico-metallurgiche Meccaniche Lav. min. non metalliferi Chimiche e affini Carta e cartotecnica Poligrafiche-editoriali Diverse Estrattive Costruzioni Totale Fonte: elaboraz. da ISTAT, Censimento Industriale 1927, vol. VIII, Roma, 1931 (*) ditte con dimensione superiore a 10 addetti Ma veniamo a quella che emerse negli anni Venti come la più rilevante impresa industriale padovana, tale rimanendo fino alla metà degli anni Cinquanta, vale a dire la CISA-Cines Seta Artificiale. Nata nel 1912 a Pontevigodarzere con l intervento anche di capitali franco-tedeschi, essa si sostituì ereditandone anche il nome ad un piccolo impianto per la fabbricazione di pellicole cinematografiche, anch esso utilizzante come materia prima di base la pasta di cellulosa. Il trattamento chimico per la produzione della seta artificiale, più tardi chiamata viscosa e infine rayon, era comunque più sofisticato e necessitava di ambienti più ampi del piccolo stabilimento iniziale, che vennero realizzati in via Venezia, in prossimità della Stanga, nella vasta area dove ora sorge il complesso direzionale La Cittadella. Inaugurato nel 1917, il nuovo complesso industriale, imponente per l epoca, dovette però fermare presto la produzione, a causa della rotta di Caporetto che anche a Padova causò la evacuazione di molte attività produttive soprattutto meccaniche, e il blocco di tutte quelle in prossimità dello snodo ferroviario cittadino, oggetto di numerose e devastanti incursioni da parte dell aviazione nemica. L impianto tornò a funzionare solo nel : dapprima lentamente per il difficile ritorno alla normalità nell approvvigionamento di cellulosa, e poi in modo più stabile arrivando ad occupare nei primi mesi del 1921 ben 500 addetti. La fabbrica, al pari di tutte le altre del genere che andavano nascendo in quegli anni in Italia (SNIA VISCOSA, Châtillon, Viscosa di Pavia ecc.), era formata da una parte chimica che trasformava la cellulosa in una specie di pasta filosa, e di una parte tessile dove questa veniva ridotta in fibra, e successivamente filata e ritorta in un modo non dissimile da quanto accadeva per la seta naturale. Il processo con cui veniva ottenuto il prodotto, e che implicava l utilizzazione di quantità rilevanti di acido solforico e di acido azotico prima, di alcool e di etere poi, venne sostituito nel 1923 con uno meno invasivo e a più elevata produttività, frutto dell inglobamento dell impianto padovano in un gruppo con sede nella capitale, che comportò anche il mutamento della ragione sociale in SGIV-Società Generale della Viscosa. La produzione di rayon, per la forte capitalizzazione ad essa connessa, fu del resto caratterizzata da rapidi processi concentrativi che portarono negli anni Quaranta all emergere di un pressoché unico grande produttore italiano, la SNIA VISCOSA, in cui finì incorporata anche la fabbrica euganea. La quale, peraltro, conobbe negli anni Venti una crescita notevole, testimoniata dal considerevole incremento nel numero di addetti: che passarono dai 500 del 1921 ai di fine 1925, raggiungendo le quasi duemila unità nel biennio Si era per la prima volta nel padovano di fronte ad uno stabilimento di grandi dimensioni, che riusciva - con la concentrazione operaia che determinava - a indurre nella città tutti i fenomeni tipici dell industrializzazione: grossa presenza impiantistica a ridosso dei quartieri abitativi, un certo Lo storico Caffè Pedrocchi nel 1935 (MCP)

5 Un altra produzione tessile che aveva concorso, pur in misura meno spettacolare, alla espansione del settore e a togliere ad esso le caratteristiche di industria legata all agricoltura, come era il caso del setificio e della lavorazione del lino e della canapa era stato quella della filatura e tessitura della juta, concentrata nel ricordato stabilimento di Piazzola. Nell intervallo tra i due censimenti, le attrezzature erano state più che raddoppiate, con una forza motrice sviluppata di circa HP (un quarto circa di quella disponibile per tutto il settore), e i lavoratori occupati stabilmente Spazio espositivo della CEDAM in occasione della Mostra del Libro del 1931 (BCP). fenomeno di immigrazione dalla campagna al centro urbano, l accorpamento della popolazione operaia in un area omogenea in prossimità della fabbrica (le zone del Portello, del Pescarotto e della Stanga), l evidenziarsi di malattie professionali e della nocività di taluni processi produttivi. La presenza della grande fabbrica implicava anche un grande flusso di merci in entrata ed in uscita dalla città: si pensi ad esempio alla materia prima impiegata nella produzione del rayon, la cellulosa, che proveniva prevalentemente dall estero via porto di Venezia. Il filato prodotto veniva diffuso nell Italia del nord, in Svizzera, in Francia, nell area danubianobalcanica, nell estremo oriente. Annesso a questo stabilimento si era altresì sviluppato un importante reparto di tessitura, il cui prodotto veniva poi inoltrato ad altri stabilimenti, ad esempio a Ferrara, per il finissaggio. L esistenza di questo impianto aveva creato una sorta di indotto nell industria locale dell abbigliamento, che - pur frazionata in un gran numero di laboratori più o meno piccoli - attendeva a primitive forme dì fabbricazione in serie di vestiti, biancheria, maglie. Il rayon entrava ancora in misura ridotta in tali lavorazioni, ma di lì a poco la disponibilità in loco di una materia prima nuova e sempre più apprezzata per il suo basso costo dal consumatore, avrebbe portato a importanti spostamenti nel contenuto merceologico dei prodotti lavorati. risultavano oltre Anche la produzione di questo impianto era destinata, oltre che al consumo nazionale, ad una cospicua esportazione (Stati Uniti ed estremo oriente). Si può affermare che proprio a partire da questi due impianti industriali venne crescendo, pur con le difficoltà e le contraddizioni derivanti da una prevalenza occupazionale femminile, una classe operaia stabile, professionalizzata, e nella quale tendevano ad emergere consapevolezza del proprio ruolo e coscienza di classe. Anche se a Piazzola ciò era in parte attenuato dalla riuscita del paternalismo dei Camerini (che tendeva a far rivivere il mito di una manodopera felice perché non strappata alla terra, ma ad essa legata ancor più se possibile dai nuovi insediamenti manifatturieri), la presenza accanto allo Jutificio di una importante fornace, di una fabbrica di fertilizzanti chimici e di una officina meccanica per la costruzione e riparazione di macchinari agricoli, determinava la crescita di alcune professionalità operaie che esercitarono per qualche decennio non poco influenza nello sviluppo anche di altre iniziative manifatturiere, e in quel centro come più a ridosso del capoluogo provinciale. L importanza dell economia industriale sviluppatasi attorno alle proprietà cameriniane era anche testimoniata dalla ferrovia privata che quel grup- La ciminiera dello jutificio Camerini a Piazzola sul Brenta. A destra: la fornace Morandi all Arcella

6 Operai al lavoro nel Cotonificio Berto di Bovolenta (ProvPd). Un reparto del Cotonificio Berto, anni Trenta. Sotto: operaie tessili in una filanda di Fontaniva (ProvPd)

7 Un motoveicolo delle Officine Bertoli davanti a Villa Contarini di Piazzola sul Brenta, po finanziario aveva costruito tra Padova-Piazzola-Carmignano di Brenta, il cui traffico locale di merci in arrivo da e per lo scalo padovano delle Ferrovie dello Stato aumentò di cinque volte tra il 1913 e il L espansione dell industria meccanica era invece avvenuta con caratteristiche di forte frazionamento degli addetti in imprese medio-piccole, con l eccezione dei sei stabilimenti maggiori, che però assorbivano ben delle persone occupate nelle 57 officine con più di 10 addetti. Quattro di questi erano localizzati a Padova: due (tra i quali la ZEDAPA) erano specializzati nella trafilatura del ferro per la fabbricazione di fili, reti, molle e minuterie varie ad uso industriale; uno (la INGAP) produceva giocattoli di latta, meccanici o meno; il quarto infine erano invece le ricordate OMS-Officine Meccaniche della Stanga, che continuava con più grandi attrezzature ed un aumentato numero di addetti la riparazione e costruzione di materiale ferrotranviario. La particolare localizzazione di questo stabilimento, alla Stanga appunto, accentuava la concentrazione operaia attorno alla già citata Viscosa (come veniva comunemente chiamata la fabbrica di seta artificiale), e contribuiva a dare a quella zona della città una configurazione di tipica periferia industriale, altrimenti sconosciuta nel panorama di piccoli impianti disseminati all interno del centro urbano, a ridosso delle civili abitazioni e delle mura cinquecentesche, o sparse per il territorio provinciale, magari in aperta campagna. Gli altri due stabilimenti si trovavano ad Este e a Battaglia: il primo era specializzato in costruzioni di macchine agricole (trebbiatrici, pressaforaggi ecc.), mentre il secondo aveva decisamente orientato - grazie alla ricapitalizzazione SADE - la tipologia delle sue produzioni al campo della elettromeccanica. Pochi anni più tardi le Officine di Battaglia si dovevano fondere con le Officine Galileo di Firenze, impresa leader del settore ed appartenente allo stesso gruppo elettro-finanziario di Volpi. Erano queste le imprese, soprattutto le Officine della Stanga e quelle di Battaglia, che assieme alla Viscosa e allo Jutificio costituivano il punto di riferimento della manodopera industriale della provincia, già essendo lo zuccherificio di Pontelongo che pure aveva aumentato il numero degli occupati troppo decentrato rispetto al capoluogo ed essendo la sua manodopera caratterizzata da parziale stagionalità e da un legame ancora troppo forte con l ambiente rurale. Anche se la vasta presenza di salariati agricoli nelle campagne della zona, rendeva meno difficile che a ridosso dei centri urbani la coesione di classe tra i ceti subalterni. Le fabbriche indicate erano anche quelle che apparivano meno legate al contesto economico provinciale, essendo la loro produzione diretta al più vasto mercato nazionale e in parte all esportazione. Il maggior numero delle altre imprese produceva invece per il mercato provinciale, Interno dello stabilimento ZEDAPA

8 Manifesti pubblicitari delle ditte Kofler e Pessi, anni Trenta (MCT). non mancando tuttavia quelle che riuscivano a irradiarsi su un mercato pluriregionale, triveneto soprattutto, come ad esempio la PESSI, che produceva creme per calzature e inchiostri, la KOFLER attiva nei prodotti per l igiene personale, o la GALTAROSSA nel comparto della carpenteria metallica. Un panorama che stava a significare il sopraggiunto superamento della dimensione locale/provinciale da parte di un non irrilevante numero di imprese, peraltro rafforzato da una progressiva crescita, anche culturale, dell operaio di mestiere, ovvero di figure tecnicamente preparate e al tempo stesso orgogliose della propria specifica professionalità. Una annotazione particolare merita per le caratteristiche tecnicamente leggere dei suoi prodotti destinati all infanzia, e per il successo che arrise all impresa l INGAP-Industria Nazionale Giocattoli Automatici Padova, con stabilimento alla Guizza. Fondata da Tullio Anselmi nel 1919, la sua produzione si estese rapidamente dagli iniziali giocattoli in latta a una varietà di articoli, tra i quali, negli anni Cinquanta, i telefoni intercomunicanti per bambini e le automobiline radiocomandate, riuscendo a competere, dati i minori costi di produzione, con i più agguerriti concorrenti tedeschi. L azienda raggiunse la sua massima espansione nel 1938, quando gli addetti in essa occupati raggiunsero le 600 unità. Il de- clino arrivò negli anni 60, nonostante le innovazioni introdotte, stante la maggior capacità tedesca di stare al passo con i mutati gusti dei piccoli consumatori e, soprattutto, con l arrivo in Europa dei giocattoli giapponesi. Essa cessò la sua attività nel 1972, ma i suoi prodotti sono ancor oggi ricercati tra gli appassionati di modernariato ludico. Tab. 5. L industria in provincia di Padova secondo il Censimento (*) Ditte Addetti Alimentari e affini Tessili Vestiario e abbigliamento Pelli, cuoio, calzature Mobilio e legno Siderurgico-metallurgiche Meccaniche Lav. min. non metalliferi Chimiche e affini Carta e cartotecnica Poligrafiche-editoriali Diverse Estrattive Costruzioni Totale Fonte: elaboraz. da ISTAT, Censimento Industriale , vol. I, Roma, 1941 (*) ditte con dimensione superiore a 10 addetti Lo zuccherificio di Pontelongo (ProvPd)

Le aspirazioni delle élites economiche padovane nella rinascita del Veneto dopo la 1 a guerra mondiale

Le aspirazioni delle élites economiche padovane nella rinascita del Veneto dopo la 1 a guerra mondiale Le aspirazioni delle élites economiche padovane nella rinascita del Veneto dopo la 1 a guerra mondiale Il periodo postbellico fu per l economia padovana denso di trasformazioni, a partire dal progetto

Dettagli

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti corso di Storia economica lezione 7.03.2014 L impresa tradizionale e la sua specializzazione Nel mondo preindustriale, conviene ricordarlo, gli affari

Dettagli

IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA

IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA Aggiornamento al 31 dicembre 2011 30 ottobre 2012 Sistema informativo SMAIL Emilia Romagna

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

IL CASO TEDESCO. Un caso di veloce modernizzazione. INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA...e tuttavia rapida (1830-1870)

IL CASO TEDESCO. Un caso di veloce modernizzazione. INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA...e tuttavia rapida (1830-1870) Un caso di veloce modernizzazione gli altri casi nazionali IL CASO TEDESCO slides Lezione 21.05.2010 INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA...e tuttavia rapida (1830-1870) Essa si innestò su un antico (e ricco)

Dettagli

Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle

Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle agglomerazioni industriali italiane Giovanni Iuzzolino e Marcello Pagnini (Banca d Italia) Giovedì 21 marzo 2013, Unioncamere - Roma Il lavoro

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

Comune di Giavera del Montello (TV) Dati economici

Comune di Giavera del Montello (TV) Dati economici Comune di Giavera del Montello (TV) Dati economici A cura di Pietro Zanatta L economia del comune di Giavera del Montello (sup. Kmq 19.91; ab. 4.339) ha subito una profonda trasformazione nell ultimo trentennio.

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

L organizzazione scientifica del lavoro

L organizzazione scientifica del lavoro L organizzazione scientifica del lavoro Con la seconda rivoluzione industriale, le macchine divennero più veloci e più grandi, come tutto l insieme degli impianti di manifattura. La tendenza all ingrandimento,

Dettagli

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico CONGIUNTURA Centro Studi Approfondimenti Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico Premessa Il commercio al dettaglio di articoli

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

GRANDE IMPRESA. . slides lezione 04.04.2012. piccola manifattura

GRANDE IMPRESA. . slides lezione 04.04.2012. piccola manifattura GRANDE IMPRESA e piccola manifattura. slides lezione 04.04.2012 Il Veneto si caratterizza, nella sua lenta evoluzione industriale, per una precoce presenza di imprese di grandi dimensioni nell Alto Vicentino.

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento al 30 giugno 2011 10 maggio 2012 Sistema informativosmail Emilia-Romagna Aggiornamento

Dettagli

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza LA GRANDE CRISI RACCONTATA DAI NUMERI di Maurizio Gambuzza Saldi delle posizioni lavorative dal 3 giugno 28 per genere e cittadinanza 5-5 -1-15 -2-25 Uomini italiani Donne italiane Uomini stranieri Donne

Dettagli

La sostenibilità economica dei grandi eventi e i rischi di speculazione immobiliare Roberto Camagni Politecnico di Milano

La sostenibilità economica dei grandi eventi e i rischi di speculazione immobiliare Roberto Camagni Politecnico di Milano Grandi eventi e legacy: Rischi e opportunità per la competizione urbana nel mercato mondiale prima e dopo la crisi globale Politecnico di Milano, 18-20 novembre 2010 La sostenibilità economica dei grandi

Dettagli

Territorio e servizi sociali Ferrero Giancarlo Subbrero

Territorio e servizi sociali Ferrero Giancarlo Subbrero Giancarlo Subbrero 2009 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Nonostante sia diventata molto presto impresa multinazionale, la Ferrero è stata ed è tuttora

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008 APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 28 PROMOSSO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BERGAMO E DALLA PROVINCIA DI BERGAMO EDIZIONE A CURA DELLA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI Premessa Presso l Inail è attivo un sistema informativo per la raccolta e l archiviazione di informazioni relative all esposizione professionale

Dettagli

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino La situazione economica in Provincia di Treviso (sintesi del Rapporto Annuale 2010 della CCIAA) e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino 1. STRUTTURA DEMOGRAFICA DELLA POVINCIA: Al 01.01.2010,

Dettagli

Nascita e sviluppo. negli Stati Uniti. dell impresa

Nascita e sviluppo. negli Stati Uniti. dell impresa Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti. slides Lezioni 16 e 21.04.2010 L impresa tradizionale e la sua specializzazione ------ Nel mondo preindustriale, conviene ricordarlo, gli affari costituivano

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA 1 INDICE 3) Che cosa è la rivoluzione industriale? 4) La fabbrica: cambia la qualità del lavoro 5) I dati

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria. Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Le prime

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

1. IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

1. IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA Il commercio nella provincia di Bologna - anno 2010 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna IL COMMERCIO NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA - anno 2010 - Consistenza 1. IL COMMERCIO

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011

Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011 Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011 Collana Rapporti N. 631 INDICE 3 - Presentazione e sintesi 4 Parte 1^ Insediamenti produttivi a pag. 1.1- Totale provincia di Padova

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE A REGGIO EMILIA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 REGGIO EMILIA

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE A REGGIO EMILIA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 REGGIO EMILIA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro REGGIO EMILIA IMPRESE E OCCUPAZIONE A REGGIO EMILIA Aggiornamento al 30 giugno 2011 10 maggio 2012 Sistema informativo SMAIL Emilia-Romagna.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

L'ECONOMIA INDUSTRIALE

L'ECONOMIA INDUSTRIALE L'ECONOMIA INDUSTRIALE estratto da a cura di Andrea Caracausi Mestrino-Padova, Peruzzo Editoriale & BCC di Piove di Sacco, 2011 L'ECONOMIA INDUSTRIALE 121 La zona industriale di Piove di Sacco, collocata

Dettagli

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area Impruneta, 20 ottobre 2012 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Indice dei contenuti 1. Una

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Nell ambito dei Paesi industrializzati, e della loro tendenza a promuovere stili di sempre più orientati a comportamenti di consumo energivori, l Italia e ovviamente Roma

Dettagli

2. I modelli di internazionalizzazione delle imprese italiane

2. I modelli di internazionalizzazione delle imprese italiane Internazionalizzazione delle imprese e performance 19 2. I modelli di internazionalizzazione delle imprese italiane Una nuova base dati integrata realizzata dall Istat permette la costruzione di una tassonomia

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PAROLE CHIAVE Inghilterra Incremento demografico Macchina a vapore Lavoro a domicilio Carbone Mezzi di trasporto Campagne Cambiamenti sociali nel mondo lavorativo Associazioni

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

Alcuni Dati. Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) Settore agroalimentare locale

Alcuni Dati. Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) Settore agroalimentare locale Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) La valorizzazione dei prodotti agroalimentari locali nella Grande Distribuzione Imprese agroalimentari sul totale delle imprese censite Addetti

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Sistema Informativo Excelsior

Sistema Informativo Excelsior Sistema Informativo Excelsior Sintesi dei principali risultati - 2011 SOMMARIO TAVOLE STATISTICHE Appendice 1 Corrispondenza tra la classificazione di attività economica ATECO 2007 e i settori EXCELSIOR

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh).

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). AGRICOLTURA 16,3 17,4 17,0 17,5 18,2 20,2 20,8 22,9 23,2 22,8 23,4

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD20U ATTIVITÀ 01.62.01 ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 24.33.01 FABBRICAZIONE DI PANNELLI STRATIFICATI IN ACCIAIO ATTIVITÀ 25.11.00 FABBRICAZIONE DI STRUTTURE METALLICHE E PARTI ASSEMBLATE

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 22 Luglio 2015 Maggio 2015 COMMERCIO AL DETTAGLIO A maggio 2015 l indice destagionalizzato del valore delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi)

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

INDUSTRIE TECNICHE NEL SEGNO DELLA TELEVISIONE. Intervista a Giulio Mezzanotte Segretario Generale UNITEC (Unione Nazionale Industrie Tecniche

INDUSTRIE TECNICHE NEL SEGNO DELLA TELEVISIONE. Intervista a Giulio Mezzanotte Segretario Generale UNITEC (Unione Nazionale Industrie Tecniche INDUSTRIE TECNICHE NEL SEGNO DELLA TELEVISIONE Intervista a Giulio Mezzanotte Segretario Generale UNITEC (Unione Nazionale Industrie Tecniche Cinematografiche ed Audiovisive) Come si è articolata in questi

Dettagli

ATTIVITA PRE-DIAGNOSI ENERGETICA PER 10 IMPRESE DELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

ATTIVITA PRE-DIAGNOSI ENERGETICA PER 10 IMPRESE DELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA REPORT FINALE ATTIVITA PRE-DIAGNOSI ENERGETICA PER 10 IMPRESE DELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Per Assoege, gli Esperti in Gestione dell Energia Dott. Michele Santovito Ing. Raffaele Scialdoni Ing. Dolf

Dettagli

a cura di Raffaella Massaro e Sandro Sanseverinati

a cura di Raffaella Massaro e Sandro Sanseverinati Elaborazione promossa dalla Sezione Servizi Innovativi e Tecnologici di CONFINDUSTRIA PADOVA IL RUOLO DEI SERVIZI INNOVATIVI E TECNOLOGICI NELLA STRUTTURA ECONOMICA DI PADOVA E DEL VENETO Settembre 2010

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR

SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR MONITORAGGIO TRIMESTRALE DEI FABBISOGNI PROFESSIONALI DELLE IMPRESE ITALIANE A LIVELLO PROVINCIALE Sintesi dei principali risultati SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR La domanda di lavoro delle imprese nel

Dettagli

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942 Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica

Dettagli

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario 2.1 Il terziario a Roma: dimensioni e tendenze evolutive 2.2 Caratteristiche della realtà romana 2.3 Le attività del terziario nel comune di Roma:

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI IN EMILIA- ROMAGNA

IL SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI IN EMILIA- ROMAGNA IL SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI IN EMILIA- ROMAGNA I Rifiuti Speciali Il quadro conoscitivo sulla produzione e sulle modalità di gestione dei rifiuti speciali si basa sulle dichiarazioni MUD

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2 La Russia e il modello standard «modificato» 1/2 La Russia era una delle regioni più arretrate d Europa ancora a metà del Ottocento Lo Zar Alessandro II per modernizzare il paese e stimolare la crescita

Dettagli

Unità locali delle imprese, delle istituzioni pubbliche e delle istituzioni non profit Imprese

Unità locali delle imprese, delle istituzioni pubbliche e delle istituzioni non profit Imprese La nuova mappa territoriale del sistema istituzionale e produttivo cremonese al Censimento del 2011 - I dati sulle unità locali - L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale

La seconda rivoluzione industriale La seconda rivoluzione industriale L Inghilterra, che si era industrializzata per prima, rimase per tutto il XIX secolo il principale paese nel commercio internazionale. Dal 1870 in poi, però, l industria

Dettagli

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Novembre 2006 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Presentazione del lavoro...

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca

Università degli Studi di Milano Bicocca Il fenomeno migratorio in Lombardia con particolare riferimento al comparto artigiano Gian Carlo Blangiardo e Alessio Menonna Università degli Studi di Milano Bicocca Milano, 6 novembre 2008 Numero di

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD07B ATTIVITÀ 14.12.00 CONFEZIONE DI CAMICI, DIVISE ED ALTRI INDUMENTI DA LAVORO ATTIVITÀ 14.13.10 CONFEZIONE IN SERIE DI ABBIGLIAMENTO ESTERNO ATTIVITÀ 14.14.00 CONFEZIONE DI CAMICIE,

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD46U ATTIVITÀ 19.10.01 ATTIVITÀ 20.17.00 ATTIVITÀ 20.14.09 ATTIVITÀ 20.20.00 FABBRICAZIONE DI PECE E COKE DI PECE

STUDIO DI SETTORE UD46U ATTIVITÀ 19.10.01 ATTIVITÀ 20.17.00 ATTIVITÀ 20.14.09 ATTIVITÀ 20.20.00 FABBRICAZIONE DI PECE E COKE DI PECE STUDIO DI SETTORE UD46U ATTIVITÀ 19.10.01 FABBRICAZIONE DI PECE E COKE DI PECE ATTIVITÀ 20.11.00 FABBRICAZIONE DI GAS INDUSTRIALI ATTIVITÀ 20.13.09 FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI CHIMICI DI BASE INORGANICI

Dettagli

ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA

ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA SETTORE GOMMA E PLASTICA Documento redatto e concepito da: Michele Sabatino - 1 - ANALISI OPPORTUNITA PAESE ROMANIA - SETTORE GOMMA E PLASTICA Premessa Il presente elaborato

Dettagli

TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana

TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa CNA Toscana RAPPORTO CONGIUNTURALE CONSUNTIVO 2014 TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana PROVINCIA

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

INDUSTRIA CERAMICA VICENTINA

INDUSTRIA CERAMICA VICENTINA INDUSTRIA CERAMICA VICENTINA Vicenza, 1914-2009 Una storia lunga quasi un secolo. L' Industria Ceramica Vicentina venne fondata dalle famiglie Boschieri, Carta e Vaccari nel 1924 in Viale della Pace a

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Nel corso del 2005 è proseguita la crescita sostenuta dei consumi di energia elettrica a Roma, a cui si contrappone una certa stabilità nella congiuntura economica provinciale

Dettagli